Da quando abbiamo. L arte in movimento. Arte e quotidianità si uniscono per un progetto unico. Arte in movimento. Un mondo di bamboccioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da quando abbiamo. L arte in movimento. Arte e quotidianità si uniscono per un progetto unico. Arte in movimento. Un mondo di bamboccioni"

Transcript

1 ISIS E. DE NICOLA Numero 1 anno 2008 Periodico a cura della redazione dell Istituto Statale Istruzione Superiore E. De Nicola. Via E. A. Mario Napoli. Autorizzazione Tribunale di Napoli n 17/2005. Elaborazione grafica a cura di Raffaele Nicodemo per la Studio L arte in movimento Arte e quotidianità si uniscono per un progetto unico Da quando abbiamo dato vita al nostro giornale, abbiamo sempre pubblicato in prima pagina un intervista ad un personaggio di prestigio: un autorità cittadina, un personaggio politico o istituzionale, un campione sportivo, un artista famoso, ecc Questa volta, come avete potuto notare, la tradizione è stata infranta. Abbiamo discusso molto, tra di noi, prima di decidere a chi o a che cosa dedicare questa prima pagina in un momento così difficile per noi e per la nostra città. Ci siamo domandati: Chi, o che cosa, può avere il merito di aprire il nostro giornale di giovani studenti, proprio ora che tutti i giornali, (locali, nazionali, e internazionali ) sembrano sparare a zero sulla nostra città, una città d arte ricordata quasi sempre per l arte di campare dei suoi abitanti, una città da sempre malata di pizzo e di camorra, di disoccupazione e di contrabbando, di monnezza, di corruzione e di scippi? Una città in cui si passa da un emergenza all altra, senza respiro? (Non è ancora finita quella dei rifiuti che già è salita all onore della cronaca la mozzarella alla diossina, bloccando il mercato di uno dei più famosi prodotti tipici della nostra terra, e dando un altro scossone alla nostra già disastrata economia). Alla fine abbiamo deciso di ribellarci in qualche modo a questo cliché, ai luoghi comuni, alla condanna di finire in prima pagina solo per cattive notizie, e abbiamo concordato di dedicare questa nostra prima pagina ad una delle più belle cose che si possono ammirare nella nostra città: il museo itinerante di arte moderna che arricchisce e impreziosisce un infrastruttura nuovissima, la metropolitana collinare, detta così perché collega le colline di Napoli: Vomero, Colli Aminei, Capodimonte, col resto della città. La Redazione pagina 2 Arte in movimento pagina 4 Noi e la politica foto Un opera di Mario Merz, uno dei maggiori artisti contemporanei Italiani pagina 6 Un mondo di bamboccioni pagina 8 S.O.S. Anoressia pagina 10 Simmo è Napule paisà pagina 11 Speciale Campania

2 zoomps conoscere la città L arte corre sui binari Il circuito delle metropolitane napoletane: videoarte, pittura, fotografia, scultura, arte digitale, disegno, musica, performance, installazioni e molto altro. di Stallone Luigi IIIC Frascogna Gaetano IIIC Marzano Claudio IIIC Napoli finisce sempre in prima pagina per motivi negativi che mettono in risalto solo l immagine degradata, ma almeno per una volta può vantarsi di un suo pregio, quello di incentivare la diffusione dell arte contemporanea. La definizione arte contemporanea si riferisce generalmente all arte del presente. L arte dei giorni nostri non linea 1 della metropolitana, una ferrovia sotterranea tra le più straordinarie del mondo e unica in Italia. Essa è un grande museo pubblico lungo venticinque chilometri. Il progetto di Alessandro Mendini, architetto-designer è nato dalla brillante idea di far risorgere Napoli attraverso una infrastruttura utile non solo alla mobilità cittadina, ma anche alla rivalutazioni di posti degradati della città. Hanno partecipato al progetto artisti come Enzo Cucchi, Un esempio unico al mondo di associazione di arte e urbanistica La linea 1 della Metropolitana di Napoli, è relativamente giovane e si distingue per l elevato contenuto tecnologico, la modernità, l efficienza. Gli ambienti ampi, luminosi ed eleganti già di per sé contribuiscono a rendere più piacevole l utilizzo del trasporto pubblico. In più, l introduzione, sia all interno, sia all esterno, di elementi artistici, (sculture, materiali innovativi, opere di arte moderna rendono la Metrò collinare un esempio unico al mondo di associazione di arte e urbanistica: qualcosa da inserire nelle guide turistiche e che andrebbe utilizzata non solo per muoversi all interno della città in maniera rapida, comoda e ecologica, ma anche per comunicare al mondo che l immagine di Napoli non può essere associata solo alla spazzatura. Le stazioni più originali sono quelle di Salvator Rosa, Museo, Dante, Vanvitelli, Quattro Giornate, Materdei, Rione Alto, dove si possono ammirare, sia nelle aree circostanti alle stazioni, sia in quelle sotterranee, gli arredi e gli elementi architettonici dei più famosi esponenti dell arte moderna italiana e internazionale. Lungi da noi la pretesa di voler fare in questa sede un discorso esaustivo, sia per mancanza di spazio, sia per la contenuta competenza artistica di chi scrive, vogliamo cercare di stimolare l attenzione e la curiosità di tutti coloro che, finora, attraversando i percorsi sotterranei che portano ai treni, non hanno preso coscienza del patrimonio artistico che rende più prezioso un mezzo di comunicazione veloce e moderno. vanta la presenza di una scuola artistica dominante, e l espressione tende ad includere tutta la produzione artistica dalla fine degli anni sessanta del XX secolo, ad oggi. L arte contemporanea si manifesta in varie modalità tutte interdipendenti: videoarte, pittura, fotografia, scultura, arte digitale, disegno, musica, performance, installazioni ecc Essa vive all interno delle grandi metropoli come mezzo alternativo di comunicazione. Napoli è una di queste grandi metropoli.. Questa stupenda città, culla di grandi artisti oggi riscopre le meraviglie messe in risalto dal genio di artisti postmoderni. Una delle infrastrutture partenopee che racchiude numerose opere di alcuni artisti di rilievo internazionale è la Mimmo Paladino, Gae Aulenti e altri di livello internazionale. Il fine era di consentire alla gente comune di entrare in sintonia con l arte contemporanea per abbattere la barriera psicologica di molta gente abituata a pensare che l architettura contemporanea sia riservata ai soli addetti ai lavori foto le 500, provocatoria installazione di Perivo e Vele. foto Un ampia spirale luminosa, opera di Mario Merz 2

3 Viaggiando con l arte Tappa dopo tappa, stazione dopo stazione, in viaggio tra le opere d arte e le installazioni che impreziosiscono le diverse fermate della metropolitana di Napoli Sicuramente una delle più belle è la stazione Materdei, disegnata dall Atelier Mendini, che qualcuno ha definito un trionfo di colori e di temi marini. Vi si accede da piazza Scipione Ammirato, dove è stata eretta una guglia di acciaio e vetri colorati. L entrata della stazione è ampia e luminosa, e ha le pareti coperte da mosaici verdi. La parte interna della guglia è rivestita da mosaici di Sandro Chia che rappresentano immagini marine. Andando verso il piano dei binari, le pareti che affiancano le scale mobili sono decorate da altorilievi di Luigi Ontani con temi tipici della cultura napoletana. Splendida è poi l esplosione di colori dei pannelli policromi di Sol Lewitt, che si trovano al piano dei binari. Sulle banchine sono state collocate serigrafie di artisti di fama internazionale come Mathelda Balatresi, Anna Gili, Stefano Giovannoni, Robert Gliglorov, Denis Santachiara, Innocente e George Sowden. La stazione Museo è stata progettata dall architetto Gae Aulenti, che, per richiamare i colori e la struttura del vicinissimo Museo Nazionale, ha voluto tinteggiare di rosso anche l edificio di ingresso della stazione. L interno è semplice, ma luminoso ed elegante; nell atrio si possono ammirare una riproduzione dell Ercole Farnese e l originale della testa Carafa. Nel lungo corridoio sotterraneo che collega alla linea 2 e in quello che conduce al Museo Nazionale, sono esposte foto artistiche di famosi fotografi napoletani, che illustrano momenti importanti della storia recente della nostra città, come il terremoto del conoscere la città zoomps foto Una serie di installazioni artistiche distribuite lungo le linee della Metropolitana di Napoli. Anche la stazione Dante è stata progettata dall architetto Gae Aulenti, che ha voluto rinnovare anche la piazza che la ospita, creando un ampia area pedonale con qualche panchina e qualche pianta, e dove poi è stata risistemata la statua del ghibellin fuggiasco, padre della lingua italiana. Alla stazione, la cui direzione artistica è stata affidata a Achille Bonito Oliva, si accede attraverso ampie vetrate. All interno sono esposte pitture ad olio di Carlo Alfano, un mosaico a colori di Nicola de Maria, un installazione metaforica di Jannis Kounellis, alcuni disegni su specchio di Michelangelo Pistoletto, e l estratto della Divina Commedia scritto, con luce a neon, da Joseph Kosuth. La stazione Quattro Giornate, nell area antistante lo stadio Collana, rievoca i giorni che resero Napoli libera durante la Seconda Guerra Mondiale. La piazza è stata modificata, creando ampi spazi verdi, con piante e prati che separano dalla strada e dal traffico, e un area con tavoli e panche di legno. Nell interno della stazione domina il colore verde.il ballatoio d ingresso, ampio e luminoso, è rivestito di marmi e impreziosito da sculture e pannelli;il piano mezzanino ospita opere di Nino Longobardi, mentre alle pareti prospicienti le scale mobili si susseguono numerosi pannelli di artisti come Umberto Manzo, Anna Sargenti, Baldo Diodato, Maurizio Cannavacciuolo, Betty Bee. foto Una serie di installazioni artistiche distribuite lungo le linee della Metropolitana di Napoli. La stazione Vanvitelli, al Vomero, fu aperta nel marzo 1993, ma solo all inizio del 2005 è stata arricchita di opere d arte, pannelli e mosaici. Sulla volta dello scalone di accesso ai binari è stata collocata un ampia spirale luminosa di Mario Merz, che rappresenta le geometrie legate alla sequenza di Fibonacci; sulla parete frontale del ballatoio del piano dove si dividono le strade dei viaggiatori diretti verso Dante o Piscinola campeggia un opera di Vettor Pisani che rappresenta immagini di animali preistorici e, nella stessa area, le bocche di luce di Gregorio Botta si affiancano ai pilastri di sostegno della struttura, mentre due grandi mosaici colorati di Isabelle Ducroit decorano le scale per raggiungere i treni. Uscendo dalla stazione, sulle pareti lungo le scale mobili che dal piano binari portano all atrio, si trovano due grandi stelle di acciaio di Gilberto Zorio e, nell atrio, le foto di Gabriele Basilico e di Olivio Barbieri, raffiguranti caratteristiche architetture della città, mentre un grande masso che rompe il vetro, realizzato da Giulio Paolini domina l area dietro le scale. In questa breve rassegna non possiamo non dedicare un po di attenzione alla stazione del Rione Alto, la quale, quando andò in funzione, nel 1993, era priva di scale mobili e aveva un unica uscita, con un sistema di ascensori. Dal 14 dicembre 2002 sono state aggiunte altre tre uscite pedonali supplementari, che rendono più sicuro il servizio, prima condizionato dal funzionamento degli ascensori. Le tre uscite si trovano in via Mariano Semmola (ingresso dell Istituto Pascale), in via D Antona e in via Domenico Fontana. Il nuovo corridoio di uscita, lungo 120 m, con 4 tapis-roulant in lieve pendenza e 10 scale mobili, è stato allestito da artisti di fama internazionale e giovani esordienti napoletani con pannelli policromi, e immagini evocative, sotto la direzione artistica del noto critico d arte Achille Bonito Oliva. All esterno, davanti all Istituto Pascale, era stata collocata una statua di bronzo che rappresentava il dolore e la sofferenza e che ha suscitato tante polemiche, al punto tale che dopo qualche anno è stata rimossa. Diverse espressioni artistiche, una città unica 3

4 zoomps sociale Noi e la politica... La politica non è solo teoria: idee, opinioni, punti di vista devono essere trasformate in azioni concrete a beneficio dei cittadini foto di Ilaria Tranfici III A La politica, per definizione, è l arte di governare e amministrare lo Stato. Chi si occupa di politica si distingue da chi non se ne occupa, partecipando in qualche modo attivamente alla vita pubblica. La politica giovanile è inesistente poiché è vissuta come qualcosa di lontano, in quanto nessuno prende l iniziativa di incentivare la partecipazione dei giovani alla vita pubblica La politica è teoria: idee, opinioni, punti di vista, ma è anche pratica, perché le idee, per essere utili, devono tramutarsi in fatti, in azioni. L insieme delle idee professate da gruppi di individui e che influiscono sul modo di porsi nell affrontare e risolvere le problematiche della società, prende il nome di ideologia. I cittadini che perseguono finalità comuni, ispirandosi a una particolare ideologia o ad uno stesso orientamento politico-istituzionale, si associano in organizzazioni a cui si dà il nome di partiti. Fondamentalmente le ideologie si dividono in due grandi partiti: quello di coloro che tendono a conservare, a lasciare le cose come stanno, opponendosi ai cambiamenti, alle innovazioni e alle riforme, e quello di coloro i quali mirano ad una trasformazione della società. I primi vengono denominati conservatori, i secondi progressisti. I leader dei due principali schieramenti politici: Walter Veltroni e Silvio Berlusconi Queste due grandi compagini vengono comunemente denominate : destra e sinistra. Ma poiché il pensiero umano non è drasticamente e nettamente diverso da individuo ad individuo, ma si presenta con molteplici sfumature, in ognuno delle due compagini si possono individuare dei gruppi che, pur essendo accomunati da una stessa ideologia, non condividono i metodi per perseguire le finalità comuni. Ecco dunque la distinzione, all interno di ciascuno dei due grandi partiti, del gruppo dei moderati e del gruppo degli estremisti. Questi ultimi, molto spesso, propongono l uso della forza per raggiungere i loro obiettivi. L aula del Parlamento ha la forma di un emiciclo e, per tradizione, a destra del Presidente prendono posto i partiti conservatori, al centro i moderati, a sinistra i progressisti. Ma le cose non sono così schematiche come descritto. Le suddette sfumature che distinguono i vari modi di pensare, giudicare e, di conseguenza agire, inducono ad una ulteriore capillare suddivisione all interno delle grandi ideologie che hanno portato alla nascita di una miriadi di partiti. Partiamo dal presupposto che i partiti politici in Italia sono organizzati in quattro grandi coalizioni dominanti: destra, centro-destra, centro-sinistra e sinistra radicale. Implicitamente in esse esistono ulteriori distinzioni; iniziamo con la destra che dovrebbe essere presente in tutti quegli Stati democratici e Costituzionali: i Liberali. I valori della destra liberale stanno alla base della nostra civiltà più evoluta e sono appunto la democrazia, anche in forma rappresentativa, la laicità dello Stato, la libera circolazione di merci e idee, la libertà di commercio e azione. Subito dopo abbiamo la destra dei Conservatori; partono dal ragionamento che se un organizzazione, o società, ha uno status sociale elevato e domina, è perchè se l è meritato, non importa perché. Quindi tale status va difeso e, appunto, conservato. Infine abbiamo la destra estrema che spinge a esercitare il potere dispotico con forme politiche di stampo medievale. Per quanto riguarda la sinistra, talvolta è facile rimanere abbagliati dai suoi valori, ma non sempre vengono messi al servizio dei più deboli. Altro discorso poi sono gli ecologisti o verdi, i quali sono per la difesa dello status naturale del pianeta. La danza delle alleanze tra partiti in vista delle elezioni del 13 aprile, ha disorientato molto il comune cittadinoelettore, perché è evidente che vengono fatte in funzione della futura distribuzione delle poltrone in Parlamento, e non in funzione del pubblico interesse. Al di là di quale schieramento abbia vinto queste ultime elezioni, rimane il fatto che il disinteresse per la politica da parte dei giovani sia dovuto alla politica stessa. Le alleanze di compromesso, gli accordi sottobanco, l inevitabile clientelismo provano nei giovani un senso di sfiducia che come logica conseguenza provoca il loro allontanamento dalla vita politica. La classe politica dirigente, di qualsiasi colore sia, dà un immagine di sé inaffidabile; le istituzioni appaiono distanti ed incapaci di risolvere i problemi del paese, e quindi i problemi dei cittadini. Spesso gli adulti considerano i giovani privi di valori e di ideali; ma la verità è che i grandi questi ideali non glieli hanno mai trasmessi. L atteggiamento che contraddistingue le nuove generazioni è di assoluto pessimismo: sono scomparse le prospettive di trovare un impiego stabile, e con esse, sfuma anche la speranza di raggiungere la tanto desiderata indipendenza. Un po di storia delle parole Le denominazioni : destra e sinistra, dei due opposti schieramenti politici, nacquero in Francia poco prima della Rivoluzione francese. Nel maggio 1789 il Re di Francia convocò gli Stati Generali, un assemblea che doveva rappresentare le tre classi sociali allora istituite: il clero, la nobiltà e il terzo Stato. Quest ultimo, all interno dell emiciclo, si schierò con gli esponenti conservatori che presero i posti alla destra del Presidente, mentre i radicali presero i posti alla sinistra del Presidente. Questa divisione si ripresentò anche in seguito, quando si formò l Assemblea Nazionale. A destra prevaleva una corrente volta a mantenere i poteri monarchici, a sinistra stava la componente più rivoluzionaria. Quando, a fine agosto, si discusse l articolo della Dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino riguardante la libertà religiosa, coloro che parteggiavano per la religione e per il re si misero alla destra del presidente, per stare lontani dalle urla che avevano luogo nella parte opposta, dove stava la componente più rivoluzionaria. La denominazione si consolidò durante l Assemblea legislativa e la Convenzione Nazionale. Successivamente, con la Restaurazione la distinzione si confermò come una caratteristica costante del sistema parlamentare, destinata a durare e dalla Francia si estese rapidamente a tutta l Europa. Nel periodo della Restaurazione, la destra era occupata dai monarchici. Nel corso del Novecento, la destra raccolse esponenti di posizioni ideologiche come il conservatorismo, il nazionalismo, il liberismo, il cristianesimo democratico e il liberalismo. Mentre in Italia ha prevalso a lungo l uso del termine destra per le posizioni più estreme dello schieramento politico, in altri Paesi, come la Francia o il Regno Unito, tale espressione è stata utilizzata per definire partiti di destra moderata o di centro-destra. 4

5 Il mondo che cambia Silvia, la concorrente del grande fratello 8, ha raccontato che sin dalla prima infanzia non si sentiva a suo agio nel suo corpo da uomo. sociale zoomps Nell edizione del Grande Fratello n 8, è entrato a far parte un trans. Oggi il suo nome è Silvia Burgio. Ha raccontato che, sin dalla prima infanzia, non si sentiva a suo agio nel suo corpo da uomo. La sua partecipazione ad un Reality Show ha rappresentato un passo importante verso la grande visibilità di chi come lei fa fatica ad essere accettata nella nostra società ancora ancorata a falsi pudori e insormontabili tabù, anche se la finalità della sua presenza nel programma è stata quella di aumentare l audience. Infatti, questa cosa ha suscitato una forte curiosità, anche se, essere omosessuali o transessuali, ancora oggi porta ad essere oggetto di discriminazione e, a volte, di emarginazione. Chi veramente è riuscita con il suo lavoro in Parlamento ad attirare su di sè l attenzione, puntando veramente sull aspetto politico e sociale è l onorevole Vladimir Luxuria, che combatte da anni per i diritti civili di questa categoria di persone. Nascere maschi o femmine e sentirsi tali è la cosa più naturale del mondo. Per alcune persone, tuttavia, non è così. Il loro corpo maschile o femminile è perfettamente normale, ma sentono di appartenere al sesso opposto del quale possiedono anche le caratteristiche psicologiche. Ma come vengono accettati dalle persone che li circondano? Per molti è segno dei tempi, per qualcuno rappresenta decadimento dei costumi, ma in realtà, pur non conoscendo la causa di questo fenomeno di Martina Morabello III F ci sono forti sospetti che è congenito, non dovuto cioè a scelte di vita, a cause sociali o psicologiche. Quello che è certo è che queste persone, dal momento in cui prendono coscienza del loro problema, vivono un forte disagio e un profondo malessere che provoca gravi problemi in famiglia, nel lavoro e negli affetti. È molto difficile stabilire il numero dei transessuali e degli omosessuali, in quanto ancora oggi molti si vergognano della loro diversità e fanno fatica a dichiararla, anche nei questionari anonimi. In molte città della nostra penisola essi hanno creato delle associazioni per combattere per i loro diritti e per ottenere il riconoscimento giuridico della loro convivenza. Ne è scaturito un dibattito molto forte che finora non ha approdato a nulla di concreto. C è ancora gente che affronta l argomento con ironia, sottovalutando o, addirittura, ignorando le problematiche di chi vive una situazione psicologica molto drammatica. Alcuni Paesi occidentali come l Olanda, la Spagna, il Belgio, e, oltre oceano, il Canada e lo stato del Massachusetts, negli U.S.A. hanno riconosciuto ai gay il diritto di vivere senza problemi la loro condizione sessuale consentendone anche il matrimonio, ma sono ancora molti quelli in cui chi è sessualmente diverso viene emarginato o preso in giro, se non addirittura disprezzato. Un esempio del mondo che cambia? Una storia che ha dell incredibile. Thomas Beatie è un transessuale, ormai uomo, e aspetta una bambina al quinto mese di gravidanza. Un commento? No comment! La verginità: un valore da conservare o una vergogna? Ragazzi, vogliamo toccare un argomento che secondo noi oggi non è preso molto in considerazione: LA VERGINITA. Fino a qualche decennio fa le ragazze dovevano conservare la loro verginità fino al giorno del matrimonio e addirittura, ci è stato raccontato dalle nostre nonne, in alcuni paesi c era l usanza che dopo la prima notte di nozze la sposa stendeva al balcone il lenzuolo per poter mostrare la sua purezza. Se ciò non accadeva era una grande vergogna per la famiglia. Oggi, al contrario, le adolescenti fanno a gara a chi la perde prima, comunicandolo con orgoglio e considerando bambine chi ancora vuole mantenerla. La verginità è vista come una specie di malattia da cui si deve assolutamente guarire per poter essere uguali agli altri. Negli adolescenti, l autostima e il primo rapporto sessuale sono strettamente collegati. Ma i due sessi lo vivono in modo diverso: spesso le ragazze tendono a ritardarlo, perché la perdita della verginità viene considerata una riduzione dell autorispetto, mentre per i maschi è proprio La verginità è stata da sempre considerata una virtù capace di fronteggiare le tentazioni di Ilaria Camillo III F Agostina De Stasio III F C. Sara Melucci IIIF l opposto. Di solito, gli adolescenti di sesso maschile tra i 15 e i 18 anni che non hanno ancora fatto sesso si sentono sminuiti agli occhi dei loro coetanei. La scelta del momento in cui avere il primo rapporto sessuale varia da individuo a individuo, in base a ragioni interiori e personali. Molti sono i ragazzi e le ragazze che vorrebbero sapere quale sia l età giusta, ma la risposta di esperti sessuologi e psicologi è in genere la stessa: non esiste un età prestabilita per vivere la prima esperienza sessuale. Ognuno di noi deve seguire il proprio percorso interiore di maturazione e decidere di avere il primo rapporto quando sente di volerlo e desiderarlo. Quello che, secondo noi, è invece molto importante, è che sia giusta la persona con cui si decide di fare questa prima esperienza. Tutto inizia con la scoperta del piacere di stare insieme. Nella scelta della prima volta è importante non farsi condizionare dall esterno 5

6 zoomps sociale Lavoro precario per bamboccioni a tempo indeterminato La precarietà nel mondo del lavoro è un cancro da estirpare alla radice. Non dà la possibilità di porre le basi per costruirsi un futuro. La disoccupazione non è la sola piaga che affligge l economia italiana, strettamente legato ad essa, è il lavoro nero. Questi due fenomeni concorrono, ovviamente insieme anche ad altri di natura non propriamente economica, all accentuarsi della crisi dell economia italiana, in quanto, non essendo possibile farne una stima più o meno precisa, non permettono l attuazione delle politiche economiche efficaci a risolvere la situazione attuale La tesi più accreditata è che la crisi presente sia di natura strutturale e non congiunturale, vale a dire che dipende da una mancata politica di sviluppo che affonda le radici nel secolo scorso e che adesso si è particolarmente aggravata. In un simile contesto, caratterizzato da un incremento della disoccupazione, s innesta anche la questione del lavoro minorile, da sempre utilizzato come robusto supporto a buon mercato per le principali attività produttive, soprattutto per quelle che rappresentano la cosiddetta economia sommersa, cioè quel mondo produttivo che sfugge ai censimenti e ai controlli ufficiali e che pur rappresenta, soprattutto nell Italia Meridionale, la fonte di sopravvivenza per decine di migliaia di famiglie. Per spiegare questo fenomeno occorre considerare che, praticamente da sempre, il livello di disoccupazione nel nostro paese è fra i più alti dell Europa. Una simile situazione incrementa quindi il fenomeno cosiddetto Lavoro nero, cioè di quelle attività lavorative di mediocre livello, svolte clandestinamente, retribuite con bassi salari e non garantite col versamento dei dovuti contributi previdenziali ed assistenziali. Ecco perché, i primi a cadere nella rete del lavoro nero sono i minori, per i quali anche un misero guadagno rappresenta per le loro famiglie una boccata d ossigeno per sostenere la loro disastrosa economia. Il numero più elevato di ragazzi sottratti alla scuola dell obbligo, si registra nelle regioni del sud, infatti fin dalla più tenera età sono costretti a inumane forme di sfruttamento in luoghi di lavoro non di rado malsani e pericolosi. La scuola combatte una dura battaglia contro queste gravi forme di evasione scolastica, ma molto di frequente è costretta ad operare da sola, avvalendosi di strumenti inadeguati rispetto alla complessità del problema. In questi ultimi anni il Parlamento ita- di Stallone Luigi IIIC Frascogna Gaetano IIIC Marzano Claudio IIIC liano ha varato numerose leggi in aiuto della disoccupazione con particolare riguardo a quella giovanile. La Legge 30 del 2003 (Legge Maroni o come molti volevano, Legge Biagi) doveva nelle intenzioni realizzare un sistema efficace e coerente di strumenti intesi a garantire trasparenza ed efficienza al mercato del lavoro e a migliorare le capacità di inserimento professionale dei disoccupati e di quanti sono in cerca di una prima occupazione, con particolare riguardo alle donne e ai giovani. I risultati sono stati ben altri, rispetto a quelli attesi: mai come in questi anni si è acuito il numero di lavoratori precari, legati alle aziende da svariate e fantasiose tipologie contrattuali. Quelle che sulla carta si presentano come semplici collaborazioni, in realtà nascondono veri e propri lavori sottopagati e subordinati (cioè con orari, postazioni non regolamentati, e il monitoraggio continuo dei superiori). Pur di ottenere il primo agognato lavoro, molti giovani accettano stages e tirocini non retribuiti, oppure contratti a tempo determinato che quasi mai si tramutano in lavoro stabile In questo modo il lavoratore è in condizione di costante precarietà, e il licenziamento formale è sostituito di fatto dal mancato rinnovo del contratto. La precarietà è un cancro da estirpare alla radice. Come si fa a realizzare un progetto di vita come sposarsi o più semplicemente andare via da casa con un lavoro precario? Qualcuno si è permesso di dire semplicemente che i giovani sono irresponsabili o, peggio ancora, dei bamboccioni. Come si può sopportare, oltre il danno, anche la beffa? O, peggio ancora l insulto? Le diverse tipologie per i contratti di assunzione Un tempo, indipendentemente dall attività svolta, quasi tutti ottenevano un contratto a tempo indeterminato, che prevedeva ogni tutela e garanzia per il lavoratore. Ora le leggi in vigore prevedono un florilegio di soluzioni differenti, con nomi fantasiosi e significati spesso simili: - Contratto d inserimento : l azienda può assumere il lavoratore a 2 livelli retributivi più bassi rispetto a quello che spetterebbe per le mansioni assegnate. La a durata può raggiungere il massimo di 18 mesi, dopo i quali non c è nessun obbligo per l azienda di assumere a tempo indeterminato il lavoratore. -Contratto a progetto: la prestazione oggetto del contratto deve essere finalizzata alla realizzazione di una specifica opera o servizio, ed esaurirsi con esso. - Apprendistato: La durata minima di due anni e massima di sei. Il compenso può essere di 2 livelli inferiori rispetto a quello previsto dal contratto aziendale per i lavoratori che svolgono la stessa mansione e il datore di lavoro può chiudere il rapporto di lavoro e non assumere al termine del periodo di apprendistato. - Somministrazione di lavoro (ex-interinale): La somministrazione di manodopera permette ad un soggetto (utilizzatore) di rivolgersi ad un altro soggetto appositamente autorizzato (somministratore), per utilizzare il lavoro di personale non assunto direttamente, ma dipendente del somministratore. Le forme contrattuali maggiormente utilizzate per i neo diplomati e/o neolaureati. 1) Stage/tirocinio 26% 2) Contratto di assunzione a tempo determinato 21% 3) Contratto di inserimento 18% 4) Contratto di assunzione a tempo indeterminato 16% 5) Contratto a progetto 6% 6) Apprendistato 5% 7) Somministrazione di lavoro (ex-interinale) 4% 8) Apprendistato 3% 9) Altro 1% 6

7 Uomini e donne Pieper sosteneva che l amicizia è la base dell amore... di Luisa Cardito III F Nel rapporto uomodonna, la distinzione del ruolo maschile cacciatore e quello femminile preda, si perde nella notte dei tempi, e quindi impedisce ancora oggi un rapporto alla pari, condizionando l amicizia tra uomo e donna. Ma può esistere l amicizia tra uomo e donna? Esiste una risposta sicura a tale interrogativo? Molti rispondono che l amicizia tra un uomo e una donna non è mai sincera perché c è sempre un fondo di attrazione tra persone di sesso opposto, altri invece affermano che tra persone di sesso opposto si possa costruire un amicizia solida e disinteressata Nella sua essenza, l amicizia è un sentimento puro, una relazione fatta di reciprocità, fiducia, complicità, sincerità, rispetto, stima, ammirazione e lealtà. Può nascere per caso oppure no, per simpatia, quando ci sono interessi comuni, quando si condividono delle esperienze, quando si hanno gli stessi gusti. Di solito questo è il punto di partenza, poi da lì si può arrivare a qualcosa di più profondo. Un importante filosofo di nome Pieper sosteneva che l amicizia è la base dell amore. E da qui che nasce il dilemma: Un rapporto di amicizia tra uomo e donna può essere duraturo e non sfociare in qualcos altro?. L amicizia vera non ammette cedimenti da un punto di vista sessuale. Nel momento in cui compare un attrazione fisica, o addirittura un amore, viene messo in discussione tutto il rapporto tra due persone di sesso opposto e certamente non si potrà più parlare di amicizia. I rapporti amicali tra uomini e donne spesso sono amori mancati. Importante è la capacità e la volontà di analizzare bene i propri sentimenti e accettarne i limiti. Le amicizie eterosessuali hanno qualcosa in più rispetto all amicizia tra persone dello stesso sesso. Per natura gli esseri umani tendono alla competizione (in amore, nel lavoro, nei rapporti), hanno un costante desiderio di superare l altro. Ciò è più facile che si manifesti tra le persone dello stesso sesso,. L amicizia è un relazione che mette in gioco un io e un tu, che decidono di entrare in sintonia. Soprattutto non è un sentimento uguale per tutti, ci sono amicizie più o meno profonde, più o meno intense, ma alla loro base devono essere la sincerità, il rispetto, la disponibilità. In una relazione di amicizia tra un uomo e una donna, se si vuole che il rapporto resti tale, senza che interferisca la variabile sesso, viene stabilito un compromesso, ma l imprevedibilità dei sentimenti non può assicurare che uno dei due, o entrambi, col tempo, possano andare oltre. Tu chiamale emozioni sociale zoomps disara Melucci III F Domandarsi perché quando cade la tristezza in fondo al cuore come la neve non fa rumore Emozioni, il titolo di una bellissima canzone di Lucio Battisti che non smette mai di toccare il cuore di uomini e donne di tutte le età. Emozioni una parola che da quando sono entrata nella fase dell adolescenza mi ha incuriosito sempre di più. Tutto ciò che tocca l animo può essere definito emozione. Il cuore che pulsa, le mani sudate, il respiro affannato, il tremore, l arrossire, l impallidire, non sono che alcune delle manifestazioni esterne delle nostre EMOZIONI. A differenza dei sentimenti, che dipendono dai nostri interessi, dai nostri valori, dalle influenze del nostro contesto culturale, e che persistono nel tempo, indipendentemente dalla vicinanza, di ciò che ci attira, le emozioni sono brevi, ma intense, e si attenuano quando la causa che le scatenano si allontana. (Ad esempio; è emozione l attrazione che proviamo alla vista di un bel ragazzo o di una bella ragazza, ma, appena la persona si allontana da noi, la nostra reazione emotiva si attenua). L emozione si trasforma in sentimento nel momento in cui iniziamo a pensare a qualcuno anche quando non è vicino a noi, desideriamo incontrarlo, trascorrere del tempo insieme, ecc Ognuno di noi prova in maniera personale le sue emozioni. Ognuno di noi reagisce diversamente di fronte a un avvenimento che lo coinvolge direttamente o indirettamente. Ognuno di noi si fa, o non si fa, coinvolgere da ciò che gli accade intorno. Gestire bene le proprie emozioni non è sempre facile, spesso il nostro cuore non dice la stessa cosa della testa e a volte si scatena, tra ragione e sentimento, un contrasto, una lotta, capace di condizionare le nostre scelte. Saranno più forti i battiti del cuore o la razionalità? Chi vincerà? Chissà. E pure penso che non c è cosa più bella di provarle, queste emozioni. La rabbia, ad esempio, ti induce a maltrattare gli altri, per cui per un po è meglio che nessuno ti si accosti Ma dopo una sfuriata, ti lascia una sensazione di soddisfazione, di totale liberazione. E ancora, la tristezza che sfocia in un lungo pianto di liberazione... chi dice che fa male piangere? La gioia, la sorpresa, la soddisfazione, sono emozioni che spesso non si vivono intensamente, altrimenti capiremmo che un sorriso al giorno sarebbe la medicina ideale per iniziare una bella giornata. La paura voi dovete dirmi chi non ha mai avuto paura almeno una sola volta nella vita. Quello sgomento che a volte si prova quando si è soli in casa, la fobia del buio, sono attimi di vita, emozioni che ti fanno rendere conto che stai VIVENDO, anche se provi sensazioni spiacevoli, irrazionali, incoerenti, insulse. Sono emozioni che poi, una volta passate, ti fanno sentire vivo. E allora, perché nascondere le proprie emozioni, se è naturale provarle? Esse non sono degli ostacoli alla nostra vita, al contrario, sono la ragione della nostra vita, le danno un senso, perché ci forniscono degli stimoli per procedere nel nostro cammino, ci invogliano a mettere a punto delle strategie più adeguate per raggiungere degli obiettivi. Le più belle emozioni sono quelle che scaturiscono dall AMORE, responsabile, spesso, di scelte incoerenti e incongruenti, se valutate dal punto di vista razionale. Ma, se è vero che agire ascoltando sempre e soltanto la ragione, ci porta a far più bella figura, inducendoci a fare la scelta più giusta, a non rischiare, è pure vero che ci impedisce di provare quel brivido in più, che ti dà la carica, ti spinge ad affrontare con maggiore grinta il tuo percorso Le principale emozioni secondo gli studiosi Secondo Robert Plutchik le emozioni primarie sono otto, divise in quattro coppie: la rabbia e la paura la tristezza e la gioia la sorpresa e l attesa il disgusto e l accettazione Dalla combinazione delle emozioni primarie derivano le altre (secondarie o complesse): l allegria la vergogna l ansia la rassegnazione la gelosia la speranza il perdono l offesa la nostalgia il rimorso La delusione 7

8 zoomps pianeta giovani S.O.S Anoressia Le sofferenze fisiche e psicologiche che ho subito hanno un senso solo se possono essere d aiuto, spiega la ragazza francese a chi è caduto nella trappola da cui io sto cercando di uscire. Su giornali e cartelloni pubblicitari la foto di una ragazza anoressica: è l ultima provocazione del fotografo milanese Oliviero Toscani L anoressia ha l immagine drammaticamente scheletrica di Isabelle Caro: in tutto 31 chili di ossa, accompagnata dallo slogan No anoressia, della casa di moda Nolita. Sotto accusa è il mondo della moda, accusato da tempo di diffondere falsi miti di bellezza. Le modelle, per essere al TOP devono avere dei requisiti ben precisi: altezza minima di m 1,70 e taglia max 40. Ma chi può dimenticare un altra giovanissima e bellissima modella, Ana Carolina Reston che con la sua morte, accompagnata da grandi sofferenze fisiche, è la testimonianza drammatica e sconvolgente della triste sorte di chi si ammala di questa grave, sottile e subdola malattia? A soli 21 anni era diventata il fantasma di se stessa. Certi modelli di bellezza femminile, infatti, imposti ossessivamente dai mass media, inducono tantissime adolescenti a sottoporsi a diete drastiche per perdere peso ed assumere forzatamente una silhouette che, il più delle volte, non è rispondente alle proprie caratteristiche morfologiche; così, senza accorgersene precipitano progressivamente nel baratro dell anoressia. Ma si può puntare il dito solo contro solo la società? È troppo facile scaricare così le responsabilità. Chi l anoressia l ha vissuta e la vive tutt ora, sa bene che non è così. Le cause sicuramente sono molto più complesse L adolescenza, come si sa, è il periodo della vita decisivo per la formazione della personalità e i disturbi dello sviluppo possono manifestarsi anche attraverso tipiche alterazioni del comportamento alimentare. Alla base dell insorgere di queste alterazioni alimentari vi sono le varie problematiche che affliggono i giovani e che sono collegate alle varie fasi di maturazione dell identità personale e sociale in cui, però, intervengono in maniera massiccia conflitti e frustrazioni derivanti dalla non accettazione di certi modelli comportamentali imposti dai genitori o dal mondo degli adulti più in generale e non percepiti come propri dall adolescente o dal giovane o addirittura fortemente contrastanti con i suoi sentimenti e i suoi ideali. L anoressia è la protesta silenziosa di un cuore che ha paura di parlare, così il corpo esprime quello che la bocca non riesce a dire. di Iacone Roberta VC Esposito Federica VC Si tratta di una malattia in netta crescita, la fascia d età più interessata va dai 10 fino ai 30 anni; ad ammalarsi non sono solo le donne, ma, secondo le più recenti statistiche, sta contagiando sempre più anche gli uomini. È difficilissimo fare statistiche, ma secondo recenti stime dell ABA (Associazione per lo studio e la ricerca e la ricerca sull anoressia, la bulimia, e i disordini alimentari) sembrerebbe che tale fenomeno coinvolgerebbe circa tre milioni di persone. Ma quello che più sconvolge è che ad ammalarsi di anoressia, oggi, sono anche i bambini, già a partire dagli otto anni, Di solito inizia con una dieta dimagrante senza controllo medico, oppure con una iniziale perdita di fame legata a un evento doloroso (la perdita di una persona cara, la conflittualità con i genitori, la separazione dei genitori, un fallimento amoroso, una bocciatura a scuola, la voglia di diventare un/a professionista nel mondo della danza o nel mondo della moda, un licenziamento dal lavoro, e altro ancora) È evidente che ciascun caso rappresenta una storia a sé stante, che va accuratamente ricostruita non soltanto con l aiuto degli specialisti (psichiatri, psicologi, psicoterapeuti, nutrizionisti) ma anche, chiamando direttamente in causa il soggetto sofferente, visto che il suo problema è riconducibile ad una di quelle malattie che un tempo, in modo molto significativo, erano ricondotte tra quelle dello spirito. L anoressia e il suo opposto, la bulimia, sono le due facce di una stessa medaglia, due patologie che nel nostro paese mietono ogni anno migliaia di vittime e non solo tra le ragazze, in quanto il fenomeno è diffuso anche nel campo maschile. Classificate come malattie mentali tipiche dei Paesi occidentali, l anoressia oggi è diffusa anche in Sud Africa, Giappone, Australia, Nuova Zelanda,. Prima di entrare in questo tunnel da incubo leggete quali sono le conseguenze fisiche e psichiche di chi si ammala di anoressia 1) iperattività 2) gonfiore e forti dolori addominali;3) sensazione di freddo, 4) brachicardia, 5) ipotensione, ovvero pressione sanguigna bassa, 6) crescita di una peluria diffusa, il cosiddetto lanugo; 7) grave stipsi, 8) la formazione di petecchie, ossia di piccole emorragie esterne; 9) mancanza di mestruazioni nelle donne 10) caduta dei capelli 11) pelle secca e squamosa, gialle 12) osteoporosi (irreversibile), 13) insonnia, 14) anemia, 15)ipersensibilità al rumore e alla luce,16) disidratazione, 17) diminuzione dell interesse sessuale, 18) danni renali, 19)mancanza di concentrazione, 20) diminuzione della memoria e di giudizio critico, 21) apatia, 22) depressione, 23 )ansia, 24) irritabilità e rabbia, 25) labilità, 26) episodi psicotici, 27) MORTE. A chi rivolgersi: II Università degli Studi di Napoli Clinica Psichiatrica Tel Ai compagni denicoliani in difficoltà, ricordiamo che nella nostra scuola funziona il CIC, uno sportello di ascolto e di consulenza a cui potete rivolgervi se avete problemi che non riuscite a risolvere. Il dott. Vittorio Lamberti, sociologo, vi aspetta per aiutarvi, vi sarà garantita privacy e anonimato. Inserite la vostra richiesta nella cassetta delle lettere appositamente collocata presso la biblioteca dell Istituto, al secondo piano, oppure contattate direttamente il dott.lamberti che è presente a scuola il lunedì dalle ore

9 La droga è moda? La prevenzione resta l arma più efficace per combattere il fenomeno. Una prevenzione fatta d informazione corretta di Esposito Andrea III C Ciccarelli Guido III C La droga e la conseguente tossicodipendenza, sono un problema sociale assai diffuso, drammatico e di difficile soluzione, ormai si è propagato a tutte le categorie ed i ceti sociali, anche se in prevalenza tra i giovani. Questo problema riguarda tutti, anche coloro che non ne sono personalmente toccati, infatti, la tossicodipendenza ha degli alti costi per la società, a cominciare dal denaro pubblico che viene adoperato per la lotta contro la droga e per l assistenza sanitaria alle persone che ne sono vittime; non è da trascurare nemmeno il fenomeno della delinquenza incrementata da chi compie scippi e rapine per pagarsi le dosi o dalle stragi causate da chi dopo aver assunto sostanze stupefacenti si mette alla guida di un mezzo. Da sempre si cerca in ogni modo di capire perché molti cadono vittime della droga; si dice che sono persone che fuggono da se stesse e dalla vita, individui con un disagio profondo dentro di sé, senza punti di riferimento, senza sicurezze, in preda alle angosce causate dalla vita di tutti i giorni, che finiscono per cercare conforto e coraggio in una sostanza stupefacente; noi crediamo che sia anche colpa del nostro mondo del benessere, dove si ha tutto e si arriva al punto di non saper più che cosa desiderare, allora si cercano paradisi artificiali, che ci facciano provare sensazioni ed emozioni diverse, senza rendersi conto di iniziare così la discesa verso l inferno. La prevenzione resta l arma più efficace per combattere il fenomeno, una prevenzione fatta d informazione corretta, cercando di far capire che gli stupefacenti sono tutti pericolosi, poiché alterano il nostro rapporto con la realtà; anche lo spinello è rischioso, è da lì che può iniziare la rovina di se stessi; prevenzione è anche dialogo, un confronto costruttivo con gli altri per prendere coscienza di ciò che si può dare e di quello che ci viene offerto dalla vita e dalla società. Io credo che la droga e la tossicodipendenza non siano il frutto di una generazione fallita e senza principi o valori ma, di una cattiva educazione od addirittura della mancanza di essa. Alcool, fumo e... voglia di appartenere al gruppo Tutto incomincia per gioco un sabato sera tra amici così per gioco, per passare il tempo Oggi, bere e fumare è di tendenza, tra i ragazzi. Sono sempre più numerosi quelli che, spinti dal fascino dello spinello e dall ebbrezza che crea l alcool, entrano in questo tunnel che sembra non abbia via d uscita. Tutto incomincia per gioco, un sabato sera tra amici, per passare il tempo, per vantarsi di avere la bottiglia in mano o di fare un tiro offerto da qualcuno Ma col passar del tempo diventa una brutta abitudine che porta alla dipendenza. Se ne sente sempre di più l esigenza, per integrarsi nel gruppo e per dimenticare i problemi comuni a tutti gli adolescenti. Spesso si comincia solo per curiosità; quella stessa curiosità che da piccoli fa fare tante domande, a mamma e papà, in attesa di risposte appaganti e soddisfacenti. Quella stessa curiosità, che da adolescenti non riesce ad esprimersi con le parole, e le risposte di mamma e papà non bastano più. C è bisogno di contatto, di esperienze dirette, di provare. Tutto sulla propria pelle. Quindi si passa alla pratica. Ci sono così ragazzi con in mano sigarette, bottiglie di vodka o spinelli. E non si tratta dello sporadico incontro di De Mattia Francesca III F con la novità, essi scelgono queste sostanze come abituali compagne di gioco. È ignoranza? No, perché i ragazzi sanno bene quali sono i rischi che corrono, sanno quanto siano nocive queste sostanze. Allora è solo leggerezza, superficialità? Io credo di si. Tutti dicono Smetto quando voglio, provo ancora una volta, tanto sono giovane e posso farlo. Non è vero, molto spesso, anzi, quasi sempre, non si è capaci di tornare indietro; e comunque queste non sono buone motivazioni per fumare, bere, sballare, trasgredire. I ragazzi si bendano gli occhi perché non vogliono vedere se stessi, non vogliono vedere come diventeranno. Sono sicuri che non si drogheranno più, che non si ubriacheranno più, limitandosi a qualche goccetto, e si scandalizzano per l adulto che fa uso di droghe. Vorrei ricordare ai miei coetanei, se lo avessero dimenticato, che gli incontri con gli amici devono essere occasioni per stare insieme spensieratamente, momenti di libertà e di divertimento, non di sballo. Il ministro della Salute ON. Livia Turco ha alzato a 40 il numero di spinelli per uso personale. Un aiuto concreto agli spacciatori con grave danno alla Salute dei giovani La redazione di zoomps Direttore Editoriale Dirigente scolastico prof.ssa Francesca Brizio Direttore Responsabile Vincenzo Cirillo Docenti prof.ssa Laura D Eliseo (responsabile del progetto) prof.ssa Carla Crescenzi prof.ssa Franca Vacca Progetto Grafico Raffaele Nicodemo Alunni Redattori Esposito Andrea III C Ciccarelli Guido III C Stallone Luigi III C Frascogna Gaetano III C Marzano Claudio III C Cardito Luisa III F De Stasio Agostina III F Camillo Ilaria III F De Mattia Francesca III F Melucci Sara III F Maraucci Angela III F Bonanno Giulia IV D Morra Carmen IV D Liccardo Anna IV D Esposito Sara IV D Iazzetti Alessandra IV D Icone Roberta VC Esposito Federica VC Leone Ilenia III A Chianese Daniela IIIA Bagnaro Roberta VD pianeta giovani zoomps 9

10 zoomps speciale Campania Simmo è napule paisá!... Basta ca ce sta o sole, ca c è rimasto o mare, na nenna a core a core, na canzone pe cantá... Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto... chi ha dato, ha dato, ha dato... L emergenza rifiuti in Campania è uno dei problemi che ormai da mesi e mesi desta più preoccupazione e che fa rimanere col fiato sospeso la popolazione e le autorità del Comune, della Regione, dello Stato. Tale catastrofe è il risultato di tanti anni di un incorretta applicazione delle leggi e delle regole, ma soprattutto dell incapacità gestionale di chi ci ha governato. Mancate pianificazioni e costruzioni di inceneritori, ostruzionismo da parte della camorra, la quale, stipulando accordi con le industrie del nord, ha permesso l abusivo arrivo e smaltimento di rifiuti altamente tossici nella nostra regione, livelli scarsissimi della raccolta differenziata, ritardi di progettazione di apertura di discariche idonee. Ovviamente non manca la colpa di quella parte della popolazione campana che, pur consapevole dell illecito ripetutamente commesso dalla camorra, ha continuato a vivere nell omertà, non pensando che il problema riguardava e avrebbe riguardato anche loro. I primi segnali risalgono al 1973, anno in cui, Napoli fu colpita da un epidemia di colera che causò la morte di molta gente e che recò danni irreversibili all immagine della nostra città. Inizialmente vennero incriminati gli allevatori di cozze, che svolgevano la loro attività nelle acque inquinate dai veleni della città; in seguito questa ipotesi passò in secondo piano perché le inchieste permisero di constatare l effettivo deterioramento delle condizioni igieniche dovute soprattutto al mancato smaltimento dei rifiuti. In più di trent anni le cose sono gravemente peggiorate. L emergenza è diventata cronica. Da qualche mese, nell ennesimo tentativo di affrontarla, è stato eletto commissario straordinario Giovanni De Gennaro. L apice della tolleranza da parte dei napoletani si è raggiunto nel momento in cui sono state rese note alcune scelte del Governo per provare a tamponare la situazione diventata ormai critica ed insostenibile. Una tra queste la riapertura della discarica dei Pisani, a Pianura, chiusa 11 anni fa poiché satura. Questa decisione ha scatenato l esasperata ribellione degli abitanti di Pianura che temono, giustamente, che l inalazione dei bio-gas prodotti dalle discariche costituisca una delle tante primarie cause di tumori e leucemie. La protesta è stata molto forte : sono di di Federica Esposito V C Roberta Icone V C state bloccate le vie di accesso al quartiere, che per tre giorni è rimasto completamente isolato; sono stati organizzati numerosi cortei, ma sono serviti a ben poco. In quel periodo, paura, disperazione, terrore, erano le uniche emozioni che si respiravano non solo in città, ma anche (e soprattutto) in provincia. Nelle strade sommerse dai rifiuti si respirava un aria maleodorante che minacciava gravemente la salute della popolazione. Non potrò mai dimenticare la mattina del ritorno a scuola dopo le vacanze natalizie. I media ci avevano informato della situazione, ma ne ho compreso la drammaticità solo quando ho visto avanzare verso di me un gruppo compatto di circa 50 uomini armati di manganelli e scudi che si preparavano ad una vera e propria guerriglia. Mi sono spaventata tantissimo, perché non avevo mai assistito ad una scena del genere e pensando al disordine che si sarebbe creato nell arco della giornata, temevo per la mia incolumità. Nei giorni successivi qualcosa è stato fatto: qualche strada è stata sgombrata dai rifiuti, salvo poi ritrovarsi nelle stesse condizione nel giro di qualche giorno. L emergenza rifiuti non è ancora finita e non sappiamo se e quando finirà. La soluzione del problema è ancora molto lontana, perché i rimedi radicali e duraturi sono stati individuati, ma non sono stati avviati. Siamo convinte che occorre organizzare un sistema di raccolta differenziata capillare, porta a porta, come è avvenuto in alcuni Comuni della nostra Regione. Affinché i rifiuti non siano più un problema, ma una risorsa, occorre accelerare la costruzione di termovalorizzatori intelligenti, capaci di selezionare e riutilizzare separatamente le diverse sostanze che compongono alcuni tipi di rifiuti. Ci sono, esistono, perché non costruirli? Speriamo di uscire nel più breve tempo possibile dall emergenza, perché purtroppo il costo, in immagine, che tutto il Paese sta pagando è alto ed incide nell economia nel turismo e nella bellezza che negli anni ha fatto la fortuna della nostra Italia. Sinceramente non so se chi ci governa è in grado di farlo. Non cessa di destare scalpore l emergenza rifiuti che attanaglia la Campania Rifiuti, rifiuti e ancora... P er risolvere il problema dei rifiuti basterebbe applicare la legge quadro sui rifiuti (il decreto Ronchi ). Esso indica infatti che il problema dei rifiuti solidi deve essere affrontato con i seguenti principali interventi: 1) riduzione della produzione, 2) riuso, 3) riciclaggio, 4) altre forme di recupero di materia prima dai rifiuti. Tale legge dà un posto del tutto marginale all incenerimento. Infatti viene precisato che il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero di materia prima devono essere considerati preferibili rispetto all incenerimento con recupero di energia. Questa strategia è stata effettivamente seguita in altri Paesi europei: in Austria, ad esempio, il 64% dei rifiuti è riciclato, il 23% va in discarica e solo il 13% viene bruciato (si sta anche pensando di chiudere il famoso inceneritore di Vienna); in Germania il 71% è riciclato, il 14% va in discarica e il 16% è incenerito (fonte: European Topic Centre on Resource and Waste Management 2005). Anche alcune regioni del Nord e centro Italia si sono incamminate su questa strada: il Veneto incenerisce solo l 8% dei rifiuti, l Umbria il 5%, la Toscana il 6%, il Piemonte il 4%, la raccolta differenziata in Veneto è intorno al 50%, nel Piemonte vicino al 40%. Vi sono poi città che riciclano la grande maggioranza dei rifiuti, perfino nella nostra Regione (per esempio a Montecrorvino, abitanti, si ricicla quasi l 80% dei rifiuti). E necessario però che amministratori e cittadini si impegnno entrambi per raggiungere questo obiettivo. Cosa può fare ciascuno di noi? diffondere queste informazioni e discuterne con amici, parenti, colleghi; sostenere le organizzazioni che si battono per una gestione dei rifiuti basata su riduzione, riuso e riciclaggio; fare pressione su Comune, Provincia e Regione perché incentivi la riduzione, il riuso e il riciclaggio dei rifiuti; fare pressione sui supermercati e altri esercizi commerciali perché riducano gli imballaggi e adottino sistemi di vendita alla spina (almeno per detersivi, saponi, shampo ecc.); fare pressione sul proprio datore di lavoro perché siano riciclati i rifiuti e perché nella mensa si utilizzino bevande alla spina, come avviene in molte aziende europee e del Nord Italia; fare scrupolosamente la raccolta differenziata; non comprare o comprare il meno possibile prodotti usa e getta o confezionati in imballaggi e contenitori di difficile smaltimento (polistirolo, propilene, tetrapack in accoppiata carta/plastica, carta/alluminio, ecc.); preferire i contenitori col vuoto a rendere e i prodotti sfusi; non bere acqua in bottiglia ma solo acqua di rubinetto, che è anche più controllata dal punto di vista sanitario e molto più economica; comprare e preparare solo la quantità di cibo che sarà effettivamente mangiata (così si risparmiano anche centinaia di euro ogni anno); utilizzare batterie ricaricabili comprare prodotti di migliore qualità, che durino più a lungo (il costo finisce per essere ripagato dalla maggiore durata) non farsi prendere dalla malattia del comprare : prima di ogni acquisto chiedersi Ne ho proprio bisogno? Ne posso fare a meno? Quante volte lo utilizzerò? e ricordarsi che non solo le merci che ci rendono felici ma avere amici, tempo libero, fare una passeggiata ecc.: tutte cose che non costano niente e che non producono rifiuti. 10

11 Perché esiste un problema rifiuti in Campania - Mentre in molte regioni la raccolta differenziata è iniziata negli anni 70 e 80, da noi è partita dalla metà degli anni 90 e, a tutt oggi, è sotto il 10% (la legge stabilisce che per il 2003 si doveva riciclare almeno il 35% e alcune regioni italiane sono ormai su140-50%); - la quantità di rifiuti prodotta è aumentata sempre più: nel 1998 era di 424 Kg per abitante all anno, oggi è di 485 Kg (fonte APAT); - la Giunta Regionale di destra, presieduta da Rastrelli, ha varato nel 1997 un Piano che prevedeva 7 impianti CDR (gli Impianti che separano la parte bruciabile dei rifiuti da quella non bruciabile) e 2 enormi inceneritori capaci di bruciare tutta la spazzatura prodotta in Campania, non rispettando cosi le indicazioni della legge nazionale che indica che bisogna privilegiare la riduzione dei rifiuti, la raccolta differenziata, il recupero, il riciclaggio, il compostaggio; - la Giunta Regionale, presieduta da Losco (1979); aveva affidato la costruzione degli inceneritori e degli impianti CDR alla FIBE (del gruppo FIAT), preferendo la sua proposta perché il costo era più vantaggioso e i tempi di realizzazione brevi (1 anno), anche se il termovalorizzatore progettato era di vecchio tipo e particolarmente inquinante e la legge nazionale impone che bisogna scegliere innanzitutto la tecnologia meno inquinante; - Bassolino ha utilizzato le ingenti risorse economiche date alla Campania per costruire i 7 impianti CDR e il termovalorizzatore di Acerra, per pagare profumatamente consulenze e per assumere centinaia di lavoratori per la raccolta differenziata senza farla poi partire e senza costruire impianti di compostaggio dove trasformare i rifiuti organici in concime; - I cittadini di Acerra hanno cercato di bloccare la costruzione del termovalorizzatore che, essendo di vecchio tipo e 5 volte più grande dei normali Inceneritori, non li rassicurava sulla tutela della loro salute; - gli impianti CDR, entrati in funzione, invece di produne cdr (combustibile da rifiuti) e fos (frazione organica stabilizzata) hanno prootto da una parte milioni di ecoballe, che non sono bruciabili perché contengono rifiuti putrescibili, dall altra migliaia di tonnellate di materiale organico non stabilizzato e quindi anch esso putrescibile. Tale materiale si è andato quindi accumulando presso gli impianti e siti di stoccaggio provvisorio ; la magistratura ha aperto inchieste su tutta questa situazione ponendo varie volte sotto sequestro il cantiere di Acerra e gli impianti cdr, determinando cosi ogni volta l accumulo di rifiuti per strada. Sulla base di tali inchieste si è dovuto modificare il progetto del termovalorizzatore di Acerra per cercare di renderlo meno inquinante e conforme agli standard europei; -i Commissari straordinari di governo succeduti a Bassolino, per risolvere 1 emergenza, hanno aperto vecchie discariche (spesso sequestrate dalla magistratura perché contenevano rifiuti tossici smaltiti illegalmente dalla camorra) senza fare niente per risolvere il problema alla radice. L apertura di discariche dichiarate definitivamente chiuse o la proroga delle date di chiusura. stabilite, ha fatto perdere la fiducia dei cittadini nelle promesse dello Stato; - in questa situazione di sfascio 1a camorra ha potuto continuare a smaltire illega1mente rifiuti tossici e nocivi provenienti da tutt Italia, sia in discariche che avrebbero dovuto contenere solo rifiuti non tossici, sia in discariche abusive, aiutata in questo anche dal testo unico delle leggi su1l Ambiente varato dal Governo Ber1usconi che, declassando una serie di reati, ha reso più difficile l azione della magistratura (riduzione dei controlli sulla filiera dei rifiuti, intercettazioni telefoniche ecc.). Cosa si dovrebbe fare per risolvere il problema rifiuti? - ridurre la produzione di rifiuti con norme nazionali e regionali che penalizzino l eccesso di imballaggi, i prodotti a perdere, i materiali difficilmente smaltibili (la UE ha fissato- come obiettivo per l anno 2010 una riduzione del 20% rispetto alla produzione dell anno 2000); - organizzare un efficace sistema di raccolta differenziata non solo di carta, plastica e vetro, ma soprattutto della frazione umida (cioè la parte putrescibile) e dei rifiuti tossici (vernici, solventi ecc.). La raccolta differenziata è il presupposto non solo del riciclaggio, ma anche della possibilità di smaltire i rifiuti negli inceneritori o in discarica, perché la frazione umida non è bruciabile ed è pericoloso smaltirla in discarica. Inoltre, più è completa e selettiva la raccolta differenziata, più i rifiuti diventano una risorsa che può fare guadagnare e, quindi, ridurre la tassa sui rifiuti. L unico sistema capace di raggiungere le percentuali stabilite dalla legge (45% entro il 2008, 65% entro il 2012) è la raccolta porta a porta e le isole ecologiche. Un tale sistema può andare a regime in un anno con costi inferiori alla raccolta con cassonetti e raggiungendo percentuali di oltre il 55% (si veda l esperienza dalla.municipalità Colli Aniene a Roma, lapigia a Bari e delle città di Asti, Novara, Trento ecc.) Per il nodo di Napoli della Rete di Lillipu, prof. ssa Annamaria Zaza -costruire un sufficiente numero di impianti di compostaggio dove trasformare la frazione umida in concime (la Campania ne è quasi priva: mentre altre regioni ne hanno decine e decine: per esempio la Lombardia ne ha 79 (fonti: Commissanato Straordinario per i Rifiuti: Piano Rifiuti 2007; APAT:2006) - attrezzare alcune discariche ex novo in luoghi idonei (es. quelli segnalati dai geologi dell Università di Napoli) per superare l emergenza senza avvantaggiare la camorra e avere il tempo di trasformare gli attuali impianti (dr in efficienti impianti per il trattamento meccanico biologico (che producono cioè frazione organica stabilizzata, materiali da riciclare e inerti da utilizzare per bonificare cave o produrre materiali per edilizia). I termovalorizzatori non sono la soluzione perché non possono bruciare la frazione umida dei rifiuti (pari al 40%) né l inerte (sabbia, meta11i, vetro ecc. che ammonta al 10-15%) e non è conveniente che brucino carta e plastica, il cui ricic1aggio è molto meno inquinante e più conveniente dal punto di vista energetico (riciclare plastica fa risparmiare il doppio dell energia che si ricava bruciandola) ed economico. Infatti il costo dell energia elettrica prodotta è superiore a quella prodotta da petrolio, metano, eolico, idroelettrico e solare a concentrazione (fonte: ANEA) e la convenienza è solo degli imprenditori che possono intascare anche i 55 euro per ogni tonnellata bruciata, perché la legge italiana considera l incenerimento dei rifiuti un energia rinnovabile da sostenere economicamente (nel 2006 lo Stato ha cosi distribuito i fondi raccolti tramite la tassa per la promozione delle energie rinnovabili che paghiamo sulla bolletta elettrica: 0,004% energia solare, 3% energia eolica, 4% geotermica, 3% idroelettrica, 19% incenerimento rifiuti urbani, 35% residui e recupero di energia, 36% combustibili fossili). Con i fondi avuti dall inceneritore di Brescia si potevano installare pannelli fotovoltaici per un terzo degli abitanti di Brescia. Si deve ricordare inoltre che i termovalorizzatori producono ceneri e fanghi (pari al 30% del peso dei rifiuti bruciati) da smaltire poi in discariche e quindi non sono un sistema per eliminare i1 ricorso alle discariche. Inoltre, se si raggiungono gli obiettivi stabiliti dalla legge (65% di differenziata e riduzione del 20% dei rifiuti) si avranno al massimo tonnellate da bruciare, mentre il solo inceneritore di Acerra ha una capacità di t. La strategia che abbiamo indicato è perfettamente in linea con le direttive europee e con quanto si va facendo in molti paesi europei: in Austria il 64% dei rifiuti è riciclato, il 23% va in discarica e solo il 13% è bruciato; in Germania il 71% è ricic1ato, il 14% va in discarica e il 15% è incenerito (fonte: European Topic Centre on Resource and Waste Manaqement 2005). apeciale Campania zoomps 11

12 zoomps interni Le nostre recensioni Musica, libri, spettacoli... parliamo e raccontiamo cosa ci ha appasionato Harry Potter e i doni della morte L ultimo capitolo della saga del mago più famoso della letteratura contemporanea di Ilenia Leone III A L ultimo libro della saga del maghetto che ha stregato i lettori di tutto il mondo è uscito in Italia il 5 gennaio 2008 in tutte le librerie, dove già dalla mezzanotte del 4 tutti facevano il conto alla rovescia per accaparrarsene una propria copia. Degno finale della saga, racconta dell ultima grande battaglia di Harry Potter contro il suo antagonista, l innominabile Lord Voldemort. Avvincente e pieno di colpi di scena, l ultimo capitolo del romanzo Rowlinghiano lascia nei cuori del lettore che, come dice l epigrafe, è rimasto con Harry fino alla fine, un vuoto incolmabile. Il libro chiarisce i tanti enigmi lasciati irrisolti nei precedenti, svelando anche la storia di alcuni personaggi secondari che accompagnano Harry nella disperata corsa al confronto con il suo acerrimo nemico ritornato alla ribalta più potente che mai. La conclusione invoglia il lettore a una rilettura di tutta la saga che, alla luce dell ultimo capitolo, riconferma Harry Potter un futuro grande classico del millennio grazie anche alla grande presenza di analogie mitologiche. Mi è piaciuto perché: è un libro che fa piangere, ridere e ti cattura dall ottavo capitolo in poi. Forse un po lento, ma comunque pieno di colpi di scena... come sempre. Continua a stupire. Si legge in un soffio. Penso che sia il libro più bello che ha fatto la Rowling. Sarà veramente l ultimo? Un difetto: Concentra l attenzione del lettore tutta nel finale, che sembra un po forzato in alcuni casi; il lettore rimane comunque con tanti interrogativi irrisolti. foto La copertina dell ultimo libro Harry Potter e i doni della morte Autore: J.K. Rowling 697 pagg. Editore: Salani Prezzo euro 23,00 I passi dell amore L amore è come il vento, anche se non lo vedo, so che esiste perché lo sento. Scopri chi sei e segui te stesso. Al liceo di Beaufort, Landon Carter è molto popolare e passa il tempo con i suoi amici prendendo in giro i più deboli facendo scherzi terribili, mentre Jamie Sullivan, la figlia del pastore locale, si occupa di volontariato e non ha molti amici, anche se partecipa alle attività di gruppo della scuola. I due non avrebbero nessun motivo di frequentarsi se non fosse che Landon, messo in punizione dal preside della scuola, è costretto a partecipare ai programmi di recupero e ad una rappresentazione teatrale scolastica. Mano mano che scorrono i giorni, Landon e Jamie imparano a conoscersi e iniziano a frequentarsi sempre più spesso, scoprendo che forse l uno può riempire i vuoti dell altro. Lui, conoscendo lei, si innamora, e finisce per abbandonare tutte le sue cattive abitudini. Fin quando un giorno lei gli rivela il suo segreto: ha una brutta malattia, la leucemia. Lui, disperato, chiede aiuto al padre, che non vedeva da tempo. Ma per Jamie non ci sono speranze. Egli cerca di soddisfare tutti i suoi desideri, tra cui anche quello di sposarsi nella chiesa dove si erano sposati i suoi. Dopo il matrimonio e il viaggio di nozze lei muore e lui terrà sempre in mente una frase da lei le pronunciata prima di morire l amore di Angela Maraucci III F è come il vento, non lo vedi ma lo percepisci. Mi è piaciuto perché: È un film pieno di buoni sentimenti, che ci mette in contatto con la malattia, col dolore di una separazione e, soprattutto, col valore del sacrificio per un persona che si ama. Ci mette di fronte a sentimenti e sacrifici che al giorno d oggi è raro trovare, ci fa capire che un amore, se è vero, non si può spezzare con un tragico evento. Io trovo che questo film dà degli insegnamenti di vita, perché fa capire quanto possono essere straordinarie le persone che abbiamo accanto; che le persone davvero speciali, che le cose più belle a volte sono proprio lì, davanti a noi, e non ce ne accorgiamo; che i sentimenti veri non si piegano; che all amore non si deve rinunciare perché può aiutarci a tirare fuori il meglio di noi e degli altri. Un difetto: A qualcuno può risultare un film mieloso e strappalacrime, specialmente per persone che, come me, puntualmente piangono tutte le volte che si trovano di fronte a storie che ci toccano dentro e lasciano delle tracce nei nostri cuori. I passi dell amore Titolo originale: A walk to remember Regia: Adam Shankman Genere: drammatico/romantico 12

13 Le nostre recensioni Musica, libri, spettacoli... parliamo e raccontiamo cosa ci ha appasionato interni zoomps Reality show & Grande Fratello The Big Brother e le sue svariate versioni in giro per il mondo, non smette mai di destare scalpore di Ilenia Leone III A Le origini del grande fratello ci rimandano al 1786, quando il giurista e filosofo inglese Jeremy Bentham scrisse un singolare opuscolo dal titolo greco Panopticon, che significa letteralmente veditutto. In pratica, Bentham immaginò una prigione così organizzata:una costruzione a forma di anello con al centro una torre provvista di un adeguato punto di osservazione. Questo ingegnoso sistema di sorveglianza consentiva ad una sola persona di vigilare. Bentham può essere considerato l antesignano dell idea di Grande Fratello. Nel secolo scorso, poi, lo storico inglese George Orwell, nato in India nel 1903, profetizzò una società governata e denominata da un Grande Fratello (Big Brother) onnipotente e immortale. Il grande fratello dei giorni nostri è un programma televisivo trasmesso per la prima volta da Canale 5 nell anno 2000, quando fu presentato come primo reality show. Lo passarono come un esperimento scientifico e vinse addirittura il telegatto nella categoria costume e cultura, suscitando non poche polemiche. Alcuni suggeriscono che grande fratello e figli post moderni rendono una visione alterata della nostra società, che peggiora di anno in anno (basta guardare le edizioni del grande fratello che ormai ci propongono). Altri dicono semplicemente che i reality show sono una moderna evoluzione della televisione, stanca ormai dei soliti talk show. Sta di fatto che piacciono, e, dopo ben otto edizioni, continuano a fare ascolti record, il che significa che nonostante le critiche qualcuno incollato davanti al televisore c è. Il segreto del successo sta nella similitudine alla realtà quotidiana. Noi spettatori ci riteniamo soddisfatti di questa somiglianza, perché ci unisce con la tv, diventata ormai un dio da venerare, mentre i reality rimangono ricostruzioni approssimative dei nostri spaccati di vita, smontati e riadattati, per la tv moderna sempre più lontana dai valori morali sempre più vicina alla sfrenata corsa al consumismo. La fruizione di certi programmi non è facile, devono essere guardati con un occhio critico e distaccato, perché ci fanno credere di controllare la vita altrui, mentre i veri controllati e preanalizzati siamo noi. Il punto è capire chi è più succube del Grande Fratello, essi, rinchiusi tra quattro mura, o noi che, per vedere loro e per aspettare la nomination del lunedì sera, ci finiamo dentro triturati e senza accorgercene. A tutti un semplice avvertimento, che lo stesso Orwell lanciò nel 1948 Big Brother is watching you! chissà che oggi nell era dell informazione e della immagine è meglio tenerlo sempre presente... non si sa mai! foto Pietro Taricone Scusa se ti chiamo amore Non c è niente di più bello di quell errore che si chiama amore L autore ha visitato più di 25 fari lungo tutta la costa d Italia. All ultimo, quando ormai non ci sperava più, ha preso un traghetto per l isola del Giglio. Qui ha trovato il faro di questa storia d amore. Il romanzo, uscito dalla penna di Federico Moccia, racconta della vita di Niki e di Alex rispettivamente 17 e 37 anni, che, come ormai consuetudine nei libri dell autore, s incontrano, o meglio, si scontrano, per una casualità del destino, che li vede protagonisti di una turbolenta storia d amore. Moccia affronta tematiche rilevanti e attuali quali:la differenza d età tra i due protagonisti, lo scontro generazionale tra madre e figlia, e il modo sempre più sconclusionato degli adolescenti che in questo libro sembra che vivono in una sorta di paese dei balocchi dove tutto è concesso. L autore prende spunto dai luoghi comuni del mondo adolescenziale e degli adulti con la fobia dei valori indissolubili, fatti di amiche inseparabili, ex fidanzati gelosi, coniugi poco fedeli e amori falsi e bugiardi. Amalgamando così sogno e realtà, ottiene come risultato una storia d amore che colpisce e fa sognare. La storia, sulla scia dei precedenti romanzi dell autore, è stato tramutato in foto L attore Raoul Bova pellicola dallo stesso autore, con Raoul Bova e Michela Quattrociocche, che ne ha fatto un manuale del perfetto adulto o aspiranti tali, con la mania delle griffe e dell apparire. Mi è piaciuto perché: l autore è riuscito a introdurre il lettore nella storia e ha toccato argomenti delicati come il problema dell età in amore, la vita adolescenziale, il rapporto con i genitori ecc. Credo che le descrizioni siano belle e a volte addirittura meravigliose e magiche. Un difetto: Temo che abbia potuto trasmettere valori inadatti al target al quale è destinato. Scusa, ma ti chiamo amore Autore: F. Moccia Editore:Rizzoli Genere: romanzo Prezzo: 18,00 Dati: 663 pagg. di Ilenia Leone III A 13

14 zoomps sport La violenza nello sport Teppisti che vanno allo stadio solo per sfogare la propria rabbia sotto le mentite spoglie di tifosi di Esposito Andrea III C Ciccarelli Guido III C La diffusione della violenza nella nostra società è un fenomeno sempre più inquietante. Si può dire che non vi sia momento o aspetto della vita che ne sia toccato. Da troppo tempo anche lo sport è diventato occasione di violenza e scontri e non solo tra i tifosi. È difficile capire i meccanismi che stanno alla base di manifestazioni di violenza che coinvolgono gli spettatori di gare sportive, in quanto è una violenza che appare più che mai inutile e gratuita. Mi domando come possa accadere che ragazzi solitamente tranquilli, in un pomeriggio domenicale, assistendo ad una partita di calcio, che dovrebbe essere fonte di divertimento e di istruzione, si trasformino improvvisamente in individui aggressivi e violenti, capaci di atti vandalici e distruttivi, talvolta persino omicidi. Una delle spiegazioni che si possono azzardare è che questi giovani, che di solito si comportano civilmente, quando si trovano in certe situazioni cessano di essere se stessi e acquistano la psicologia di massa: quanto più la massa è numerosa, tanto più si sentono forti. Nonostante le misure preventive adottate dalle autorità per la sicurezza negli stadi, come l aumento delle forze dell ordine e, quando necessario, lo svolgimento della partita a porte chiuse, non si è ancora riusciti ad arginare questo fenomeno. Non raramente infatti, le cronache del calcio parlano, oltre che di goal, gesti atletici, e risultati finali, anche di violenti contrasti tra gruppi di tifosi rivali durante il prepartita, di strade bloccate in prossimità dello stadio, e di lancio, durante la gara, di oggetti, monete, e fumogeni dai settori dove sono posizionati i rispettivi tifosi. Spesso questi scontri cominciano per le strade, durante il viaggio verso lo stadio, e continuano dopo la partita, per le strade di ritorno. E non è raro che ci scappi il morto. Non possiamo non ricordare il giovane tifoso di 28 anni, Gabriele Sandri, morto qualche mese fa per un colpo di pistola sparato da un poliziotto in un gesto d impeto durante uno scontro tra tifosi avversari, in un area di servizio dell A1 nei pressi di Arezzo. Bravi ragazzi! La squadra di calcio a 5 del De Nicola, vincendo tutte le partite del proprio girone, è approdata alla fase provinciale. L Istituto tutto, ed io in particolare, vi siamo grati. Tutta la rosa dei partecipanti: Chianese Dario 3A Corsini Claudio 2A Longobardi Salvatore 2A Amendola Salvatore 2E Vinci Alessio IG Di Guida Michele IG Fierro Luigi la liceo Priante Vincenzo 2F Marenghi Francesco 2G Flaminio Simone 2B liceo Belardo Claudio 2D Frascione Luigi 2D Liccardo Paolo IA liceo Il Prof. detto mister I partecipanti, comunque vada, saranno premiati nella giornata dedicata al DE NICOLA DAY SPORT Avanti tutti! La squadra di calcio a 5 dell ISIS De Nicola, dopo avere battuto:il G. Fortunato ( 5-2 ), è approdata ai quarti di finale del torneo studentesco (fase provinciale) ed ha sconfitto l alberghiero CAVALCANTI PER 5-4 Siamo in: SEMIFINALE Un bravo a tutto il gruppo sportivo per questa prestazione ECCELLENTE 1) Chianese Dario 3A,2) Amendola Salvatore 2E 3) Longobardi Salvatore 2A 4) Corsini Claudio 2A 5) Vinci Alessio IG 6) Priante Vincenzo 2F 7) Fierro Luigi IAL 8) Marengbi Francesco 2G 14

15 A fine stagione Roberto Carlos Sosa lascerà il Napoli e tornerà in Argentina. Era una decisione presa da un po, aspettavamo il raggiungimento della quota salvezza per annunciarla - ha detto l attaccante argentino intervenendo a Notte Azzurra su Radio Marte - Non è stata una decisione facile, ma credo che dopo dieci anni, di cui 4 meravigliosi a Napoli, sia arrivato il momento di tornare nel mio paese. E una scelta di vita che va accettata. Sono un giocatore operaio, ho sempre lavorato dietro le quinte cercando di compattare il gruppo, di dare una mano nell inserimento dei giovani. Sono contento di aver partecipato alla rinascita, alla risalita dalla serie C. Ho 33 anni e penso che per tutto ci sia un limite. E giusto che Napoli pensi ad altri giocatori. Il mio comunque non è un addio ma è un arrivederci. Chi è El Pampa?: Roberto Carlos Sosa (Santa Rosa, 24 gennaio 1975) è un calciatore argentino che gioca nel ruolo di attaccante nel Napoli. È soprannominato El Pampa. Attaccante possente (189 cm per 86 kg), prevalentemente destro, è dotato di un ottima elevazione e bravo nel colpire di testa e sempre molto temibile sui calci piazzati; i suoi punti deboli sono la velocità e il tiro. Gli inizi di carriera A 14 anni entra nella squadra argentina del Gimnasia y Esgrima, dove, dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili, arriva in prima squadra nel Con i biancoblu disputa 83 partite in campionato siglando ben 37 gol, di cui 28 tra Clausura e Apertura del 2002 giocando poco a causa di un infortunio, riuscendo però a siglare 2 importanti gol a fini della permanenza in serie A della squadra bianconera. I ritorni: Argentina e nuovamente Italia A malincuore poco prima dell inizio della stagione , per incomprensioni col nuovo allenatore dell Udinese, Luciano Spalletti, che non lo ritiene indispensabile alla causa della squadra, Sosa decide di tornare in patria, seppur in prestito, dividendosi fra Boca Juniors e Gimnasia La Plata (il club in cui è cresciuto). Tornato in Italia nell estate del 2003, l Udinese lo cede sempre in prestito, questa volta in Serie B: prima ad Ascoli, poi a metà campionato al Messina dove diventa il protagonista della bella rimonta della squadra siciliana che conquista una storica promozione in Serie A. Una scelta di vita e di cuore: Napoli Proprio quando sembra ormai imminente l acquisto a titolo definitivo da parte del Messina, che ha contribuito a portare in serie A, nel settembre 2004 accetta clamorosamente, con una scelta di vita, l offerta Roberto Carlos Sosa Un affettuoso saluto ad una bandiera del Napoli. Ariete nella vita e sul campo Il 2 settembre 2007, all esordio in serie A con il Napoli, nella gara contro l ex squadra dell Udinese, ha raggiunto la 100esima presenza con la maglia azzurra siglando anche il gol del definitivo 0-5 per i partenopei, rinunciando ad esultare per rispetto ai suoi ex tifosi friulani. Famosa la sua esultanza che si caratterizza nell esporre una maglietta con l immagine di Maradona e la scritta Chi ama non dimentica ; tale t-shirt è diventata ormai un cult per i tifosi napoletani. Sosa diventa un vero e proprio emblema del Napoli. Nella conferenza stampa successiva alla partita casalinga contro il Palermo del 30 marzo 2008 il d.g. del Napoli Marino ha annunciato l intenzione del calciatore di tornare a fine anno in Argentina provocando l istantanea reazione dei tifosi partenopei che hanno indetto una petizione per convincere Sosa a restare a Napoli. Tratto da: Wikipedia & calcionapolinews.it sociale zoomps fedele alla maglia e alla storia che porta con sè: buon ritorno a casa Pampa! , diventando quell anno pezzo pregiato per i grandi club europei. Lo sbarco ad Udine Nell estate del 1998, dopo vari giorni di trattativa viene acquistato dall Udinese, e nonostante le difficoltà della serie A e l eredità di sostituire un certo Oliver Bierhoff (appena ceduto dai friuliani al Milan), Sosa si ambienta subito siglando ben 11 gol e numerosi assist al primo anno, formando uno straordinario tridente con il brasiliano Marcio Amoroso e Paolo Poggi (che proprio quell anno, grazie ad un assist impossibile dal fondo di Sosa sigla il gol-qualificazione-uefa nello spareggio a Torino contro la Juventus). Grazie a queste prestazioni, ai suoi gol e alla sua voglia di non arrendersi mai, Sosa entra nel cuore dei tifosi friuliani, e lui li ripaga con 14 gol nella stagione , dopo i 6 dell anno prima. Ormai idolo incontrastato, Sosa non riesce a dare il massimo nel del nuovo Napoli, costretto a ripartire dalla serie C1, che lo acquista dall Udinese a titolo definitivo. Passerà alla storia come il primo calciatore tesserato dalla nuova società azzurra, ed anche per questo Sosa entra subito nelle grazie dei tifosi napoletani, che vedono in lui l uomo della rinascita. Realizzerà il suo primo gol in maglia azzurra, su rigore, nella gara Napoli-Chieti 1-2 del 31 ottobre 2004 ma non riuscirà a riportare subito in serie B la squadra azzurra nonostante i suoi 10 gol (fra cui quello inutile nella finalissima playoff contro l Avellino). Ci riesce l anno dopo, togliendosi la soddisfazione di essere l ultimo calciatore nella storia del Napoli, a segnare un gol con la maglia numero 10, quella che fu del suo idolo Maradona. Nella stagione successiva in serie B, partito come riserva, conquista il posto da titolare a suon di gol decisivi (come contro il Piacenza, il Cesena e l AlbinoLeffe) che contribuiranno alla promozione degli azzurri in Serie A. Dati biografici Nome Roberto Carlos Sosa Nato 24 gennaio 1975 a Santa Rosa Paese Argentina Altezza 189 cm Peso 86 kg Dati agonistici Disciplina Calcio Ruolo Attaccante Squadra Napoli Carriera Gimnasia La Plata Udinese 2002 Boca Juniors 2003 Gimnasia La Plata Ascoli gen 2004 Messina Napoli 15

16 Special Page SCUOLE APERTE Imparare giocando con il computer per i docenti e gli allievi della scuola elementare Conseguimento Certificazione informatica di base (ECDL ) per gli allievi della scuola media Cercare Comunicare Apprendere per gli adulti e gli anziani italiani e stranieri Corso di Chitarra Corso di Attivita Teatrale Discipline artistiche Attività motorie IL QUOTIDIANO IN CLASSE prof.ssa M.L. Pazzanese adesione ai Progetti Nazionali Sole 24 ore e La Repubblica EDUCAZIONE STRADALE prof.ssa V. Nappi favorisce nei giovani una formazione di coscienza civile sensibilizzandoli verso comportamenti corretti e responsabili in materia di sicurezza stradale. CIC dott. V.. Lamberti sportello di ascolto delle problematiche giovanili per consulenza e supporto psicologico aperto anche ai genitori. IFS Napolyamm prof.ssa V. Nappi Sviluppa la creatività permet-tendo di prendere parte virtual-mente alla simulazione di un impresa. I NOSTRI P.O.N. Impara a contare Esprimiti con la matematica sulle competenze di matematica Comunica in lingua e France en direct sulle competenze della lingua Inglese e Francese Vivere nella legalità e Impara ad esprimerti con altri linguaggi sulle competenze trasversali APPROFONDIMENTO LINGUA SPAGNOLA prof.ssa C.Crescenzi Gli alunni della classe VD hanno soste-nuto gli esami D.E.L.E (Diploma di spagnolo lingua straniera livelli B1 e B2) riportando risultati molto soddisfacenti. Complimenti a : Roberta Bagnaro, Saul De Vincenzo, Erhard Luigi, Alessandra Filo,Gianluca Furlan, Maria Pipicelli, Francesca Giacometti, Luigi Della Corte,Valerio Borriello, Roberto Tommasiello, Luigia Eposito, Marghe-rita Liccardo, Susanna Morra APPROFONDIMENTO DELLA LINGUA TEDESCA prof.ssa D. Romano Gli alunni di IIIC, IV C, VC, sosterranno gli esami di lingua tedesca presso l Istituto Goethe nel mese di maggio Auguri ragazzi! PATENTINO A SCUOLA prof.ssa V. Nappi corso tenuto da scuole guida convenzionate per gli studenti che intendono conseguire il patentino per la guida dei motocicli. ZOOMPS - Giornale d Istituto prof.ssa L.D Eliseo La realizzazione di un giornale rappresenta un esperienza di alto valore formativo, poiché stimola la curiosità, il senso critico, la riflessione, la capacità organizzativa, e riesce a coinvolgere tutti gli studenti della scuola. La testata, registrata presso il Registro del Tribunale di Napoli nell a.s. 2004/05, ha una diffusione non solo nell ambito scolastico, ma anche nel territorio, prevalentemente nell area collinare. ECDL prof. G. Sambri diffonde la cultura informatica e tende ad integrare la formazione di base con competenze tecniche spendibili nel mondo del lavoro o per l accesso all università. La certificazione è un documento riconosciuto a livello europeo. EDUCAZIONE ALIMENTARE prof.ssa C. Mundo aiuta i giovani ad affrontare e risolvere i problemi legati all età evolutiva e a conoscere i rischi e le patologie correlati ad una non corretta alimentazione o ad abuso, come obesità ed alcolismo FORMAZIONE MOTORIA E AVVIAMENTO ALLA PRATICA SPORTIVA Tornei sportivi interni e incontri con altri Istituti AFFETTIVITÀ E SESSUALITÀ dott. Lamberti-dott.ssa Segati Educazione alla sessualità e prevenzione e lotta alle dipendenze: taba-gismo, alcolismo, le nuove droghe e i comportamenti a rischio 16

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI

I DIRITTI DEI BAMBINI Ma tu sai cosa è un DIRITTO? I DIRITTI DEI BAMBINI I diritti sono dei bisogni a cui non è possibile rinunciare, essi sono fondamentali, ci consentono di crescere nella pace e nell armonia e di vivere serenamente.

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Kiwanis Distretto Italia-San Marino http://www.kiwanis.it/news.php?item.525

Kiwanis Distretto Italia-San Marino http://www.kiwanis.it/news.php?item.525 Pagina 1/8 Il KC Chieti-Pescara parla agli studenti di prevenzione uso e abuso di fumo e droga con eccellenti relatori MFPellegrino, 22 apr 2016, 00:30 IL KC CHIETI-PESCARA CON ECCELLENTI ESPERTI PARLA

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Linee guida per l ACCOGLIENZA

Linee guida per l ACCOGLIENZA Associazione Progetto Cernobyl Carugate O.N.L.U.S. Linee guida per l ACCOGLIENZA La Associazione Progetto Cernobyl Carugate O.N.L.U.S. è un associazione di volontariato non lucrativa, di utilità sociale,

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 Anche quest anno AstraRicerche ha elaborato tutte le informazioni riferite alle ben 106.556

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli