UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Sabato, 25 ottobre 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Sabato, 25 ottobre 2014"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Sabato, 25 ottobre 2014

2 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Sabato, 25 ottobre 2014 Prime Pagine 25/10/2014 Prima Pagina Il Sole 24 Ore 1 25/10/2014 Prima Pagina Italia Oggi 2 25/10/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) 3 25/10/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna 4 Enti locali 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 GIOVANNI MINOLI «Maastricht mai applicato, va rinegoziato» 5 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 BEDA ROMANO Katainen: «Eviteremo lo scenario peggiore» Lente Ue sulle /10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 GERARDO PELOSI Renzi: con la Ue intesa vicina 9 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 5 DAVIDE COLOMBO, MARCO MOBILI Manovra a deficit per 10,4 miliardi 11 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 5 GIORGIO SANTILLI Proroga bonus lavori, al Tesoro 939 milioni nel /10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 GIORGIO SANTILLI Fondi Ue, prime mosse (troppo timide) per accelerare 15 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 Sforbiciata per Ice, Consob, Istat, Enit 16 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 DAVIDE COLOMBO Spending sui ministeri ferma a 2,3 miliardi 18 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 7 MARCO MOBILI Ecobonus, Tfr, giochi: i prelievi in arrivo 20 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 7 Operazione Tfr, a vincere sarà l' Erario 22 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 8 NICOLETTA PICCHIO «Italia da ricostruire insieme» 23 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 12 CLAUDIO TUCCI Oltre 100 milioni di ore di Cig 25 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 13 ANNA MARIA CAPPARELLI Terre ai giovani, partenza lenta 26 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 ALESSANDRO SACRESTANO Tattica difensiva differenziata a seconda della fase del giudizio 28 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 17 GIOVANNI NEGRI Sì al concorso fra due sequestri 30 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 18 Ombre sulle terre ai giovani agricoltori 32 25/10/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 24 Juventus: l' aumento è escluso 33 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 4 ALESSANDRA RICCIARDI Renzi Cameron, è asse anti Ue 35 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 6 DOMENICO CACOPARDO Non c' è nulla da nascondere 38 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 8 GIORGIO PONZIANO Le Regioni vanno dimezzate subito 40 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 9 GOFFREDO PISTELLI Debito esatto da feroci kosovari 43 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 14 GOFFREDO PISTELLI Tosi querela la Fed Gioco calcio 46 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 16 DA BERLINO ROBERTO GIARDINA Burocrati sì, ma col cronometro 48 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 24 FABRIZIO G. POGGIANI Il taglio dell' Irap pesa meno 50 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 24 VALERIO STROPPA L' aumento dell' Iva porterà 53 mld 52 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 25 FRANCESCO CERISANO Commissariati i c/c della p.a /10/2014 Italia Oggi Pagina 25 MATTEO BARBERO Il fondo crediti rileva ai fini del Patto 56 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 29 ANTONIO CICCIA E GIOVANNI GALLI I comunicati post alluvione spiazzano i sostituti genovesi 58 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 29 ANDREA BONGI Uno stop ai rimborsi dell' Irap 59

3 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 30 DEBORA ALBERICI L' outsourcing non dribbla l' Irap 61 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 31 PAGINA A CURA DI BEATRICE MIGLIORINI Edilizia, norme uguali per tutti 62 25/10/2014 Italia Oggi Pagina 35 Nessun aumento in busta paga 63 Web 25/10/2014 Lugonotizie.it Alfonsine / InSerra BBQ: quanto il barbecue si fa nelle le serre dei fiori 64 25/10/2014 Lugonotizie.it Letture per bambini alla biblioteca Orioli di Alfonsine 65 25/10/2014 Lugonotizie.it Autunno a Casa Monti: il calendario delle iniziative di ottobre e novembre /10/2014 Lugonotizie.it Lugo ricorda i martiri del Senio nel 70 anniversario dell'eccidio /10/2014 Lugonotizie.it "Volare Sicuri": oggi e domani un seminario all'aeroporto Villa San /10/2014 Lugonotizie.it A Passogatto di Lugo una domenica con Il paniere dei sapori 70 25/10/2014 Lugonotizie.it Lo spettacolo della fioritura dello zafferano a Bagnara di Romagna 71 25/10/2014 Lugonotizie.it 101 candeline per Bianca Cortesi alla casa Giovannardi e Vecchi di /10/2014 Lugonotizie.it Dall'Australia a Fusignano per visitare il museo dell'associazione Romagna /10/2014 Lugonotizie.it Teatro Goldoni di Bagnacavallo, al via domani la campagna per i nuovi /10/2014 Lugonotizie.it "L'università in Bottega", a Bagnacavallo in Bottega Matteotti la /10/2014 Lugonotizie.it LA POSTA DEI LETTORI / Due pesi e due misure? 77 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Infrastrutture logistica trasporti 78 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Trasferta negli USA per il Consorzio Vini di Romagna 79 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Allo studio la dematerializzaione delle pratiche urbanistiche 81 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Lugo ricorda i Martiri del Senio 82 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Si interrompe la crescita dell'export provinciale 83 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Un novembre che si annuncia ricco di novità e appuntamenti 85 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Esperti al servizio delle imprese 86 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Legambiente regala i semi dell'ultimo albero originario del "Bosco del /10/2014 PavaglioneLugo.net Alessandro Quaranta 88 25/10/2014 PavaglioneLugo.net 101 anni di Bianca Cortesi 89 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Ad Alfonsine il barbecue si fa nelle le serre dei fiori 90 25/10/2014 PavaglioneLugo.net "In Vitro»: azioni /10/2014 PavaglioneLugo.net Dall'Australia a Fusignano 92 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Un paniere di sapori 93 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Lo spettacolo della fioritura dello zafferano 94 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Due anni di Don Gabriele Ghinassi a san Giacomo 95 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Letture per bambini alla biblioteca Orioli di Alfonsine 96 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Alfonsine : autunno a Casa Monti 97 25/10/2014 PavaglioneLugo.net La storia d'italia secondo i cantautori 98 25/10/2014 PavaglioneLugo.net Nuova stagione del Teatro Moderno di Fusignano 99 24/10/2014 Ravenna Today Redazione Lugo ricorda i martiri del Senio nel 70esimo dell' eccidio nazifascista 102

4 24/10/2014 Ravenna Today Redazione Legambiente regala i semi dell' ultimo albero originario del "Bosco del /10/2014 Ravenna Today Redazione ConfartigianatoDay, i sindaci nelle aziende: oltre 11mila le imprese /10/2014 Ravenna Today Redazione II Guerra Mondiale, dall' Australia per visitare il Museo della Romagna /10/2014 Ravenna Today Redazione Con "Open musica", ecco 15 giorni di lezioni gratuite per tutta un' /10/2014 Ravenna Today Redazione Maltratta la sorella e l' anziana madre, poi aggredisce i carabinieri: in /10/2014 Ravenna24Ore.it Alfonsine, un autunno 'green' a Casa Monti /10/2014 Ravenna24Ore.it Una vita da partigiana, regista e imprenditrice: oggi festeggia 101 anni /10/2014 Settesere.it Morti sospette, la Procura utilizza la statistica per gli altri 10 casi /10/2014 Settesere.it Sabato 25 ripartono i concerti al Caffè Centrale di Villanova di Il Resto del Carlino Ravenna 25/10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 7 Piccole medie imprese, voglia di ripartire /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 15 Nuovo centrodestra, Udc e Forza Italia presentano i loro candidati /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 A SAN LORENZO UNO SPETTACOLO SULLA GRANDE /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 Aveva in casa hashish, marijuana e funghi allucinogeni: 53enne nei guai /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 SCARDOVI LUIGI Madre e sorella al freddo, carabinieri aggrediti /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 Corteo in bici per ricordare l' eccidio nazifascista di 70 anni fa /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 SAVIOLI MONIA Ecco lo 'spettacolo' dello zafferano /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 29 Nasce Festival del benessere tra sport, mercatini e incontri /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 31 FILIPPI DANIELE Rivive l' aereo di Vassura /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 31 E il Nieuport 17' di Francesco Baracca conquista l'accademia militare di /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 34 Alla Bottega Matteotti 'La storia d' Italia secondo i cantautori' /10/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 34 Per la rassegna Live & more il sassofonista James Thompson 127 Corriere di Romagna Ravenna 25/10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 10 Confartigianato day, imprese in vetrina /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Aggredisce i carabinieri dopo lite familiare /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Convegno con Peri e i sindaci /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Convegno sull' istruzione tecnica e professionale /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Dall' Australia per visitare il museo della Raf Ricevuti i parenti di un /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Due giorni di festeggiamenti /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Mercato di prodotti naturali e danze /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Picchiato davanti ai figli, moglie a processo /10/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 Ricordo dei Martiri del Senio nel 70 anniversario 136 La Voce di Romagna Ravenna 25/10/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Dal litigio con la sorella alle manette /10/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Domani si ricordano i Martiri del Senio. Uccisi dai nazifascisti /10/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Guerra Dall' Australia per onorare la memoria dello zio caduto /10/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Lo spettacolo della fioritura dello zafferano 140

5 25/10/2014 La Voce di Romagna Pagina 34 Si fa festa per i 101 anni della signora Bianca Cortesi 141

6 Il Sole 24 Ore Prima Pagina 1

7 Italia Oggi Prima Pagina 2

8 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Prima Pagina 3

9 La Voce di Romagna Prima Pagina 4

10 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali INTERVISTAGiuseppe GuarinoGiurista. «Maastricht mai applicato, va rinegoziato» Giovanni Minoli In Italia c' è un "grande vecchio", il Professor Giuseppe Guarino, che da tempo porta avanti la sua battaglia sull' Europa. Secondo il professore, il trattato fondativo dell' Europa, cioè il Trattato di Maastricht, firmato nel '92, non è mai stato applicato, ma in realtà è stato sostituito dal Patto di Stabilità, che è successivo alla nascita dell' euro, patto che in realtà il professore considera un vero e proprio colpo di Stato. Professore, perché? La disciplina approvata da Kohl, Delors, da Carli, ed approvata da tutti gli Stati, con la procedura di approvazione dei trattati, era fondata su due poteri: perché non si può dire "la crescita", bisogna conferire i poteri per realizzare la crescita. E questi poteri erano esattamente individuati: ciascuno Stato poteva e doveva elaborare la propria politica economica in funzione della crescita, e nell' elaborare questa politica avrebbe potuto indebitarsi. La cosa importante è che sono stati sostituiti da due doveri: il primo dovere di realizzare il pareggio di bilancio a medio tempo; il secondo dovere, di realizzare questo pareggio seguendo un programma prestabilito dalla Commissione. Dunque due doveri hanno sostituito due poteri, ma questo obbligo non era assolutamente previsto dal trattato. Ma allora in realtà cosa diceva il trattato? Puoi superare il valore di riferimento, riguardo all' indebitamento, se esistono condizioni eccezionali e temporanee. Se ci sono, puoi superarlo. Ma intanto il problema dell' Europa è qui e non lo si vuol capire: la eccezionalità e la temporaneità esistono in Europa per tutti gli Stati a partire dal 1 gennaio Da allora, invece di applicare l' articolo 104 del Trattato all' epoca in vigore, che peraltro è identico a quello attuale; hanno fatto applicare qualcosa che è assolutamente contrario. Cioè non l' indebitamento al 3% come valore di riferimento che puoi superare, ma l' indebitamento zero. Cosa significa? Che non ci si può indebitare neanche per un euro. È stata introdotta senza che nessuno se ne accorgesse una norma diversa dal trattato. Ma chi l' ha introdotta? Purtroppo devo dirlo con dolore, specialmente da parte mia, è stato per l' Italia Carlo Azeglio Ciampi, e per la Germania è stato Waigel. Anzi, è stato Waigel che ha trascinato Ciampi. Ha ragione Renzi quando fa riferimento alla flessibilità e alla temporaneità come elementi per superare questo 3%? Continua > 5

11 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali Certo, ma la temporaneità e la flessibilità sono partite dal Quindi non è più nemmeno eccezionale e temporaneo, è definitivo. È temporanea se e fino a quando si applica quella norma. bisogna non applicare più quelle norme... Cioè, applicando quelle norme non si va da nessuna parte, detto in maniera semplice. Si va sempre più giù. Si va verso un disastro garantito. Si va sempre più giù, come in effetti siamo andati sempre più giù. E non solo l' Italia ma tutti i paesi. Perché qui c' è un' anomalia che generalmente sfugge. I paesi che avevano il bilancio non in pareggio, al 1 gennaio 1999 erano noti con nome e cognome. Cioè quali erano? Erano quasi tutti tranne forse la Germania e l' Olanda. E allora conoscendo già le condizioni dei paesi hanno imposto una norma uguale per tutti. Era una norma retroattiva, la massima ipotesi di retroattività. E quindi oggi cosa bisogna fare? Oggi bisogna rinegoziare politicamente il Trattato. Bisogna avere il coraggio di dire: è questo il problema. RIPRODUZIONE RISERVATA. GIOVANNI MINOLI 6

12 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali La Commissione. Le posizioni si avvicinano. Katainen: «Eviteremo lo scenario peggiore» Lente Ue sulle riforme Beda Romano BRUXELLES. Dal nostro corrispondente Dopo la drammatizzazione dei giorni scorsi, ieri è emersa l' ipotesi di un accordo tra l' Italia e la Commissione sul futuro del bilancio italiano per il 2015, ritenuto in violazione delle regole europee. Anche a Bruxelles corre voce di un impegno a ridurre il deficit strutturale di circa lo 0,3% Pil. Molti dirigenti a margine di un impegnativo vertice europeo hanno messo l' accento ieri sulla necessità di puntare più sulle riforme economiche che sul risanamento finanziario. «È semplicemente scorretto affermare che la Commissione vuole soltanto austerità. Nessuno vuole modificare il Patto di Stabilità e di Crescita. Tutti vogliono che sia applicato in modo più flessibile ha detto il presidente dell' esecutivo comunitario José Manuel Barroso durante una conferenza stampa alla fine di un Consiglio europeo di due giorni, seguito di una riunione dei capi di stato e di governo della zona euro. È il momento ora di adottare le necessarie riforme economiche». L' Italia ha presentato un bilancio previsionale che prevede una riduzione del deficit strutturale dello 0,1% del Pil, rispetto a una richiesta europea di almeno lo 0,5%. In una lettera inviata a Roma mercoledì sera, la Commissione ha chiesto sforzi aggiuntivi, ma senza precisarne l' ammontare. Una scelta diversa avrebbe legato le mani di Bruxelles e Roma. La trattativa continua, e sembra prevalere l' idea di dare maggiore importanza alle riforme che al risanamento. Sempre ieri a Bruxelles, il commissario agli affari economici Jyrki Katainen ha spiegato che quella di «evitare lo scenario peggiore», vale a dire la bocciatura del bilancio d' emblée entro fine mese come previsto dalle regole europee, è la volontà di tutti. «Niente è inevitabile», ha aggiunto l' ex premier finlandese, precisando che la Commissione sta ancora valutando il bilancio italiano. «Le posizioni delle parti si stanno avvicinando», ammetteva ieri sera un alto responsabile europeo. Aggiungeva un altro responsabile comunitario: «L' aggiustamento del deficit strutturale che verrà effettivamente richiesto all' Italia dipenderà da un pacchetto di politica economica, che comprende misure di risanamento del bilancio così come riforme economiche». Correva voce qui a Bruxelles che possa situarsi intorno allo 0,3% del Pil. Una scelta da parte della Commissione verrà presa nei prossimi giorni, in tempo per prendere una decisione finale sulla Finanziaria italiana. La partita non potrà dirsi conclusa fin tanto che il negoziato non sarà terminato. Sul tavolo ci sono Continua > 7

13 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali numerosi fattori: sforzi di finanza pubblica che siano credibili e riforme economiche che siano realistiche, ma anche la presa in considerazione di una situazione politica molto delicata e di una condizione economica particolarmente debole. Molti paesi non ritengono che questa sia una «circostanza eccezionale» la quale secondo il Patto potrebbe concedere particolari attenuanti al paese in questione. RIPRODUZIONE RISERVATA. BEDA ROMANO 8

14 Pagina 3 Il Sole 24 Ore Enti locali Legge di stabilità. Renzi: con la Ue intesa vicina Ma Roma e Londra all' attacco del budget europeo Cameron: 2 miliardi in più? Non paghiamo. Gerardo Pelosi BRUXELLES. Dal nostro inviato Solo a fine giornata, a Firenze, sul palco allestito come il garage delle "invenzioni" di Steve Jobs, Matteo Renzi tira un respiro di sollievo e annuncia: «La finanziaria, quella che riduce le tasse, è andata, va bene anche all' Europa ma ora, per essere credibili, la vera sfida è il percorso di riforme in Italia». Pare che i toni accesi degli ultimi giorni siano serviti a qualcosa almeno a raggiungere un compromesso sulla legge di stabilità. A Bruxelles, insomma, «iniziano un po' a prenderci le misure perché hanno capito che non stiamo scherzando, facciamo sul serio». Ma la battaglia è stata dura, soprattutto nella discussione sullo stato dell' economia nell' Euorozona con il numero uno di Bce, Mario Draghi che denuncia la totale assenza di "vision" e ricorda che la «speranza che non è una strategia» avendo la Merkel alleata («grazie a Draghi ci guardiamo tutti allo specchio»). Discussione a tratti «tosta e accesa» come conferma uscendo dal palazzo del Consiglio Ue lo stesso premier italiano. Renzi usa parole talmente dure (anche se poi le ridimensiona) nei confronti della burocrazia di Bruxelles come quelle sui contributi aggiuntivi per il ricalcolo del Pil «arma letale» che vengono fatte proprie perfino da un euroscettico come il premier inglese, David Cameron. Che va all' attacco in sintonia con il premier italiano contro la richiesta di rafforzare il contributo inglese al budget europeo: «2 miliardi in più? Non paghiamo». In altre parole una vera corsa ad ostacoli per arrivare al risultato finale di un compromesso i cui dettagli si conosceranno solo nei prossimi giorni ma che sostanzialmente vede un correzione al deficit strutturale allo 0,3% (più dello 0,1% previsto dalla legge di Stabilità ma meno dello 0,5% chiesto inizialmente dalla Ue). Tuttavia il premier si sente ormai sicuro del risultato e davanti alle telecamere de La7 alla Leopolda afferma di non temere «sorprese» o «scherzetti» neppure nel passaggio di consegne tra la Barroso e Juncker alla guida della Commissione. Un Renzi orgoglioso del risultato raggiunto che auspica «una presenza più forte dell' Italia, più determinata: ogni anno l' Italia dà 20 miliardi all' Europa e ne prende indietro una decina, è un Paese che ha una forza e un' autorevolezza fuori discussione, quindi non viene a prendere lezioni o Continua > 9

15 Pagina 3 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali reprimende». Poi le solite staffilate contro la burocrazia di Bruxelles che non avrebbe nulla da invidiare a quella italiana. «Quando a questi tavoli dico: occhio che la burocrazia rischia di distruggere la Ue si sfoga Renzi penso che sia il rischio più grande che abbiamo nei confronti dei nostri concittadini. In certi momenti rincara la dose il premier penso che Adenauer e De Gasperi sarebbero diventati euroscettici». Si tratta invece di fare dell' Europa «un' istituzione più attenta a crescita e lavoro, che si occupi un po' più delle famiglie, delle persone, e meno del rigore, dei vincoli». E soprattutto «non possiamo avere un' Europa priva di cuore, che sia solo un incrocio di banche dati: abbiamo bisogno di un' Europa che restituisca passione». Ma istituzioni europee nelle quali la presenza italiana si deve fare sentire di più (tra pensionamenti e dimissioni l' Italia rischia di non avere più posti di direttore generale entro l' anno). Ed invece il nostro Paese contribuisce alla Ue per 20 miliardi l' anno. Nulla in confronto ai 300 milioni che ora ci verrebbero chiesti in base al ricalcolo del Pil effettuato da Eurostat. Un aggiustamento contabile che obbligherebbe alcuni Paesi, tra cui Regno Unito, Olanda e Italia (ma anche Grecia e Malta) a versare, entro il primo dicembre, diversi milioni di euro nelle casse di Bruxelles. «Faranno una riunione i ministri competenti per gestire tutto questo che pare sia una regola di Eurostat», spiega Renzi. Nella colazione con i 18 Paesi dell' Eurozona i toni sullo stato dell' economia sono preoccupati. L' allarme viene da Draghi ma gli schieramenti sono quelli di sempre con la Germania nelle vesti di custode del Patto di stabilità e Italia e Francia a favore di misure per stimolare la crescita. Renzi però avverte: «L' austerità blocca la crescita». Quanto all' talia, aggiunge, «dobbiamo fare la nostra parte, fare le riforme perché è giusto farle, non perché ce lo chiede l' Europa». RIPRODUZIONE RISERVATA. GERARDO PELOSI 10

16 Pagina 5 Il Sole 24 Ore Enti locali Legge di stabilità. Manovra a deficit per 10,4 miliardi Nel testo definitivo 1,1 miliardi in meno di indebitamento rispetto a quanto annunciato dal governo. Davide Colombo Marco Mobili ROMA Di sicuro, a nove giorni dal varo della manovra economica , c' è che l' insieme di misure espansive messe in campo dal Governo avranno un impatto, in termini di maggiore indebitamento sull' anno venturo, di 10,4 miliardi. Un miliardo e cento milioni in meno di quanto raccontato fino a ieri sulla base delle slides di Palazzo Chigi. Il dato è confermato sia nelle tabelle allegate al testo del ddl "bollinato" inviato alla Camera dei Deputati con tanto di Relazione tecnica e allegati vari, sia nella tabella di sintesi che il ministero dell' Economia ha pubblicato ieri sera sul sito, riferendo di una manovra che comprende interventi complessivi per 36,1 miliardi. Eppure nella tabella sulle coperture della legge di stabilità allegata al ddl depositato a Montecitorio il totale degli oneri da coprire si ferma a 30,9 miliardi, con 24,3 miliardi di nuove e maggiori spese correnti e minori entrate per 6,2 miliardi. Numeri che appaiono ben distanti da quelli annunciati dal Governo una settimana fa. Per farvi fronte la stessa tabella indica maggiori entrate per 14,7 miliardi e riduzioni di spese correnti per soli 5,7 miliardi di euro. La somma si ferma a 20,5 miliardi confermando di fatto i 10,4 miliardi di manovra a deficit. Ma è proprio sull' impatto in termini di indebitamento netto della Pa, peraltro il solo parametro di riferimento per la verifica sulla compatibilità della stabilità con i vincoli dei trattati europei, che la prima manovra economica targata Renzi sembra riavvicinarsi al programma dichiarato dall' Esecutivo di tagliare le spese e ridurre le tasse. Sul fronte della spending review l' impatto del solo articolato sul deficit si ferma complessivamente a 4,8 miliardi per il 2014, 3,7 per il 2016 e 3 miliardi per il Mentre in termini di riduzione delle entrate il saldo finale sul 2015 si attesta a 1,9 miliardi. Se a questi si volessero aggiungere i 3 miliardi di taglio delle agevolazioni fiscali previsti dal Governo Letta come clausola di salvaguardia, dunque a legislazione vigente e ad ora scongiurata, si arriverebbe ai 5 miliardi di minori entrate indicate ieri sera dal Mef. Sulle nuove clausole di salvaguardia per 12,8 miliardi su Iva e accise, poi, il ministero dell' Economia con un messaggio via twitter ha confermato l' impegno politico a non farle scattare dal Per fare un esempio puntuale di impatto sull' indebitamento della manovra prendiamo il taglio dei contributi per i nuovi assunti a tempo indeterminato nell' anno 2015 e a valere sul triennio successivo. Si Continua > 11

17 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali tratta indiscutibilmente di una riduzione di 1,8 miliardi del carico contributivo per le imprese e come tale classificato per lo Stato in termini di minori entrate. Ma se la stessa misura la si guarda in termini di saldo netto da finanziare questa rappresenta una maggiore spesa che, nella tabella delle coperture, andrebbe a far parte di 24 miliardi di spese correnti. Stesso discorso si potrebbe fare per i quattro miliardi di mancati trasferimenti alle regioni: in termini di saldo netto da finanziare e dunque di coperture da reperire per sostenere la crescita o il taglio delle tasse, la posta è cifrata come una maggiore entrata, mentre in termini di deficit si trasforma oggettivamente in una minore spesa. Su questi numeri, in serata, è arrivata la nuova tabella "provvisoria" del ministero dell' Economia. In questo modo il Mef ha provato a rimettere in fila gli aggregati fondamentali della manovra ora al vaglio delle autorità europee. Gli interventi sono cifrati, come detto, in 36,2 miliardi e le coperture in 25,4 miliardi. Per arrivare al saldo negativo di 10,4 miliardi (in termini di indebitamento netto) si passa per 9,6 miliardi di minori entrate e 16,1 miliardi di minori spese (13,3 correnti e 2,8 in conto capitale). Si tratta, spiega il ministero di Via XX Settembre, di una tabella provvisoria, appunto, estratta dalla nota tecnico illustrativa al Ddl Stabilità 2015 «in via di completamento», e si promette che «questi dati approssimati verranno pubblicati e corredati del dettaglio che contribuisce a comporre i saldi». Il ministero si congeda, per il momento, con un "nota bene" metodologico che consente di confermare i saldi del primo annuncio di mercoledì 15 ottobre: il bonus da 80 euro destinato ai lavoratori dipendenti viene conteggiato, per ragioni di classificazione Eurostat, come maggiore spesa anziché minori entrate. Se fosse classificato come sgravio fiscale le minori entrate diventerebbero 24,2 miliardi e le maggiori spese diventerebbero 12,0 miliardi. Ora la parola passa al Parlamento dove il confronto si annuncia incisivo su più di una misura a partire dal Tfr. «Mi auguro che il dibattito parlamentare possa portare miglioramenti, ma non ci deve essere uno stravolgimento», si è augurato il ministro dell' Economia Pier Carlo Padoan. RIPRODUZIONE RISERVATA. DAVIDE COLOMBO, MARCO MOBILI 12

18 Pagina 5 Il Sole 24 Ore Enti locali Casa. La riconferma dei crediti di imposta per ristrutturazioni e risparmio energetico ai massimi livelli del 50 e 65% penalizza le imprese realizzatrici. Proroga bonus lavori, al Tesoro 939 milioni nel 2015 Giorgio Santilli ROMA La proroga dei due bonus fiscali per i lavori in casa, quello del 50% per il recupero edilizio semplice e quello del 65% per il risparmio energetico? A sorpresa, un affare per il Tesoro. Dalle tabelle della relazione tecnica alla legge di stabilità (in possesso del Sole 24 Ore ma non ancora pubblicate ufficialmente né nel sito del Mef né in quello di Palazzo Chigi che si limitano ad esporre l' articolato del Ddl di stabilità e la relazione illustrativa) viene fuori infatti come sconti fiscali divenuti popolarissimi e riduzioni di tasse largamente utilizzate dalle famiglie possono trasformarsi in un beneficio per le casse dello Stato. Il Tesoro potrà incamerare un beneficio complessivo di 684,5 milioni per il biennio dall' operazione di rinnovo dei due crediti di imposta Irpef che è stata accompagnata, come misura collaterale e compensativa, dall' aumento della ritenuta praticata dalle banche per conto del fisco sul bonifico per il pagamento dei lavori dal 4 all' 8 per cento. Dalla misura "compensativa" che diventa la vera chiave di volta per capire questa manovra arriveranno alle casse del Tesoro nel 2015 ben 920 milioni. A pagare il conto saranno le imprese realizzatrici dei lavori: il committente paga in banca 100, la banca preleva 8 (e non più 4), lo gira al fisco e trasmette al beneficiario del bonifico 92. Una tassa occulta, una gabella che consente al fisco di mettere a frutto neanche fosse un campione del marketing lo strumento del bonus fiscale lanciato in passato, fatto crescere nel tempo e poi diventato, appunto, popolarissimo. Ma anche l' operazione "core" sulla riconferma delle detrazioni in senso stretto, pur presentando ovviamente un conto in rosso per il Tesoro, è meno drammatica di come era stata rappresentata nelle settimane scorse da esponenti di governo. Il minor gettito derivante dall' aumento delle detrazioni rispetto alla legislazione vigente (dal 40 al 50% per le ristrutturazioni semplici e dal 50 al 65% per l' ecobonus) ammonterà a 63,8 miliardi nel 2014 e 679,8 miliardi nel Volendoci limitare al biennio , si tratta di 743,6 miliardi di entrate in meno per lo Stato. Per avere un saldo netto, però, bisogna scomputare il maggior gettito per tre imposte, come evidenziano le tabelle contenute nel Ddl di stabilità: 313,4 per l' Irpef nel 2016, 48,2 milioni per l' Irap nel 2016 e 82,7 milioni per l' Iva nel Saldo per il biennio: minor gettito per il Tesoro di 235,5 milioni. Se però contiamo il beneficio di 920 milioni indotto dall' aumento della ritenuta sul bonifico ecco che l' operazione per il Tesoro volge in positivo per 684,5 milioni nel biennio e di 938,9 milioni per il solo 2015 quando si cumulano l' aumento della ritenuta e il beneficio sull' Continua > 13

19 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali Iva. RIPRODUZIONE RISERVATA. GIORGIO SANTILLI 14

20 Pagina 6 Il Sole 24 Ore Enti locali L' ANALISI. Fondi Ue, prime mosse (troppo timide) per accelerare Giorgio Santilli Evitare la perdita di fondi strutturali Ue alla fine del 2015, quando scadrà il termine per la contabilizzazione delle risorse del ciclo Questo dovrebbe essere un assillo per il governo, nella consapevolezza che perdere anche un centesimo dei quasi 20 miliardi di euro che restano da spendere sarebbe immorale in un momento di durissima crisi economica come questo. L' assillo non emerge dai testi della legge di stabilità che fa un paio di mosse nella direzione giusta ma appare ancora molto timida rispetto alla situazione: tre miliardi vengono riprogrammati da risorse rimaste incagliate del Piano azione coesione (che a sua volta aveva tentato di ridestinare fondi prelevandoli da progetti fermi) per finanziare la decontribuzione in favore dei nuovi assunti a tempo indeterminato; vengono inoltre svincolati dal patto di stabilità interno 500 milioni di cofinanziamenti nazionali ai fondi europei. Sulla prima mossa nulla da dire: destinare le risorse a forme di agevolazione automatica è l' unico modo per spenderli oggi davvero in pochi mesi. Anche la seconda è una mossa corretta, ma davvero troppo blanda sul piano quantitativo. È una misura insufficiente a innescare un processo di accelerazione della spesa. Non c' è traccia invece della riforma del Fondo sviluppo coesione e del suo trasferimento a Palazzo Chigi. La proposta era stata presentata da Delrio e bocciata seccamente dal parere della Ragioneria generale che avrebbe perso il potere di controllo sulla programmazione di quei fondi. Il problema è noto da tempo. Quei fondi 54 miliardi fino al 2020 dovrebbero finanziare infrastrutture e rispondere a una programmazione trasparente e condivisa. Ci provò la legge di stabilità 2014 a riformarli, portando al Cipe un piano, ma l' attuazione è finita in un vicolo cieco. Eppure, senza una programmazione unitaria delle risorse (fondi Ue, cofinanziamento, Fondo sviluppo coesione) il salto di qualità non si potrà fare. RIPRODUZIONE RISERVATA. GIORGIO SANTILLI 15

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2015

LA LEGGE DI STABILITA 2015 LA LEGGE DI STABILITA 2015 Ecco le principali novità della Manovra varata dal Governo SLIDE ILLUSTRATIVE salvo modifiche al testo finale. La manovra quest anno vale 29,6 miliardi di euro. LE RISORSE -14,6

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti

TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti Sebbene la pressione fiscale rimanga ancora molto elevata (43,3 per cento), nel 2014 i contribuenti italiani

Dettagli

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo tra meno di due mesi la prossima manovra finanziaria,

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA ANCHE UNA LEGGE DI STABILITÀ CHE PROPONE MENO TASSE SULLA CASA MENO RISORSE PER LA SANITÀ MENO CONTROLLI SULL USO DEL

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Nel 2015 minori vantaggi fiscali IRAP per le imprese del Sud, 1.192 euro contro 1.245

Nel 2015 minori vantaggi fiscali IRAP per le imprese del Sud, 1.192 euro contro 1.245 Roma, 12 maggio 2015 LAVORO, SVIMEZ: NEGLI ANNI 2011-2015 RISPARMI IMPRESE PER NEOASSUNTO 10.954 EURO AL NORD, 10.407 AL SUD Sgravi contributivi per le aziende italiane finanziati con 3,5 miliardi di fondi

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze.

Finanziaria 2008. www.governo.it. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO. Ministero dell Economia e delle Finanze. Consiglio dei Ministri del 28.09.2007 FISCO Fisco semplice per i piccoli imprenditori Addio libri contabili, Iva e Irap. Per le piccole imprese solo un forfait. Un milione di imprenditori minimi e marginali,

Dettagli

Il disegno di legge di Stabilità 2014

Il disegno di legge di Stabilità 2014 Bari, 25 Ottobre 2013 Largo Sorrentino, 6 70126 Tel. 080/5565371 Fax 080/5565322 E-mail: bari@confagricoltura.it Il disegno di legge di Stabilità 2014 Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Legge di Stabilità 2013: in Gazzetta Ufficiale ecco le novità Leggioggi.it

Legge di Stabilità 2013: in Gazzetta Ufficiale ecco le novità Leggioggi.it Legge di Stabilità 2013: in Gazzetta Ufficiale ecco le novità Leggioggi.it Accise carburanti,contratti produttività,cartelle pazze i primi al via Dal 1 gennaio saranno in vigore tutti i provvedimenti che

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO)

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) II SEZIONE 1 LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) 2 Le liquidazioni dei dipendenti pubblici Pensare alla pensione richiama quella che è chiamata comunemente

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009

2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 I CONTI DEL SETTORE PUBBLICO 2.2 Gli Enti previdenziali: risultati dei primi nove mesi del triennio 2007 2009 Il conto degli Enti previdenziali (Tabella 2.2-1) a tutto il terzo trimestre 2009 evidenzia

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 166 i dossier www.freefoundation.com Primo approfondimento TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 10 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La Legge di Stabilità 2013 in 10 punti

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI 17 ottobre 2014 A cura di : sen. Magda Zanoni QUADRO NORMATIVO COMPLESSO MOLTA BUONA VOLONTA, MOLTA VOGLIA DI FARE MOLTE NORME BUONE

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU

SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU SUGLI IMMOBILI PESA UN CARICO FISCALE DI OLTRE 52 MILIARDI DI EURO. RISPETTO AL 2013, QUEST ANNO PAGHEREMO 2,6 MILIARDI IN PIU La Tasi ci costerà almeno 4 miliardi ===========================================

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata)

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 994 ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 11 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà

Dettagli

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA Guida alla LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA MA COSA STA FACENDO?! NON SI PREOCCUPI E SOLO L ANTICIPO DEL TFR Con la legge di Stabilità 2014 [a] è stata istituita la possibilità per i lavoratori dipendenti

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro) TASSE RECORD: PER LE MICRO-IMPRESE PRESSIONE FISCALE FINO AL 63% Per le aziende con meno di 10 addetti, nel le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese ===============================================================

Dettagli

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari all articolo 12 del Disegno di Legge di Stabilità Nota a cura di Lorenzo Lusignoli 1. Alcune considerazioni sulla ripartizione delle risorse Gli effetti

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2010. 4.2 SETTORE STATALE 4.2.1 I risultati del triennio 2007-2009 Il fabbisogno non include gli eventuali finanziamenti che saranno erogati su richiesta del Governo greco, in seguito all accordo dell 11 aprile 2010 con il quale è stato definito un programma triennale

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 09 aprile 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 09 aprile 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 aprile 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 aprile 2015 09/04/2015 Gazzetta di Modena Pagina 11 Confesercenti, oggi lezione di Marchi sull' innovazione 1 09/04/2015 Il Resto del Carlino

Dettagli

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli di Ercole P. Pellicanò L'alto

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Contrattazione risorse MOF 2013/2014

Contrattazione risorse MOF 2013/2014 Contrattazione risorse MOF 2013/2014 Verona 16 dicembre 2013 Raffaele Ciuffreda Coordinamento nazionale dirigenti scolastici FLC Il contesto Innovazioni vecchie e nuove DPR Regolamento (Congelamento salari

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006 SCHEDA FINANZIARIA 2007 ( Prima bozza ) PORTATA DELLA MANOVRA FINANZIARIA 33,4 MILIARDI DI EURO ENTRATE ATTESE 13.0 TAGLI ALLA SPESA 20.4 Effetti revisione IRPEF 2.0 Patto di stabilità interno 4.3 Misure

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli