CATALOGO GENERALE Corsi e percorsi formativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO GENERALE 2014. Corsi e percorsi formativi"

Transcript

1 CATALOGO GENERALE 2014 Corsi e percorsi formativi

2 2 INDICE AMBIENTE CA01 Sistemi di gestione ambientale ISO e EMAS 9 CA02 Auditor interni di sistemi di gestione ambientale ISO CA03 Normativa ambientale 11 CA04 Gestione dei rifiuti: SISTRI, MUD e gestione operativa 12 CA05 Seminario sul SISTRI: modalità operative per la registrazione 13 QUALITA CQ01 Sistemi di gestione della qualità 14 CQ02 Auditor interni di sistemi di gestione della qualità 15

3 3 CQ03 Preparazione documentazione del sistema di gestione della qualità 1 CQ04 Casi di successo dell applicazione della qualità 17 CQ05 Cruscotto per misure e indicatori delle prestazioni aziendali 18 CQ0 Controllo di gestione: strumenti e metodologie 19 CQ07 Tracciabilità alimentare 20 SICUREZZA CS01 Sistemi di gestione per la sicurezza 21 CS02 Auditor interni di sistemi di gestione della sicurezza 22 CS03 Introduzione al D.Lgs. 81/08 T.U. salute e sicurezza lavoro 23 CS04 Addetti antincendio in attività a rischio basso 24 CS05 Addetti antincendio in attività a rischio medio 25 CS0 Conducente di carrelli elevatori 2

4 4 CS07 Aggiornamento conducente di carrelli elevatori 27 CS08 Redazione del piano di emergenza ed evacuazione 28 CS09 Gestione dei lavori in appalto 29 CS10 Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo A 30 CS11 Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo B e C 31 CS12 Procedure semplificate per la redazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) 32 CS13 Aggiornamento addetti al primo soccorso per aziende dei gruppo B e C 33 CS14 Corso di formazione generale sui lavori in quota 34 CS15 Corso di formazione aggiuntiva per preposti 35 CS1 Corso di formazione specifica per dirigenti 3 CS17 Corso di formazione generale per lavoratori 38 CS18 Corso di formazione specifica per lavoratori 39

5 5 SICUREZZA DEI DATI E DELLE INFORMAZIONI CIS01 Sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (ISMS) ISO CIS02 Standard ISO e la normativa nazionale sulla privacy 41 CIS03 Protezione dei dati personali e il cloud computing 42 MODELLO ORGANIZZATIVO D.Lgs. 231/2001 CL01 Integrare ISO 9001 e modello D.Lgs. 231/2001 sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche 43 CL02 Modello 231 nelle PMI 44 CL03 Organismo di vigilanza (ODV) corso base 45 CL04 Organismo di vigilanza (ODV) corso avanzato 4

6 MARKETING E COMUNICAZIONE CM01 Misurazione delle attività di marketing 47 CM02 Tecniche di sviluppo del portafoglio clienti e contenimento dei costi commerciali 48 CM03 Digital marketing e social media communication 49 CM04 Sviluppare un piano di marketing e vendite 50 CM05 Come Google cambia la comunicazione aziendale: dall indicizzazione alla reputazione 51 CM0 Comunicazione aziendale ai tempi dei social network 52 PSICOLOGIA DEL LAVORO CPL01 Comunicazione efficace 53 CPL02 Problem solving e processi decisionali 54 CPL03 Public speaking 55

7 7 CPL04 CPL05 CPL0 CPL07 Negoziazione e gestione dei conflitti Tecniche di leadership per la creazione e la gestione del team Tecniche di leadership per la gestione e lo sviluppo dei collaboratori Stress lavoro correlato: aspetti normativi e di valutazione del rischio CPL08 Dallo stress lavoro correlato al benessere organizzativo 0 FASHION CF01 Nuove atmosfere d immagine: come il punto vendita può diventare strumento di comunicazione 1 CF02 Visual merchandiser nel franchising 2 CF03 Visual merchandiser nel franchising: gestione del punto vendita con utilizzo dei book vetrina e merchandising 3 CF04 Visual merchandiser: la vetrina come strumento di comunicazione 4

8 8 ALTRE PROPOSTE A CATALOGO CF01 Sistemi di gestione integrati qualità, sicurezza e ambiente 5 CF02 Auditor interni di sistemi di gestioneiintegrati, qualità, sicurezza e ambiente CF03 Gestione strategica dei rischi 7 CF04 Negoziazione consapevole per una vendita sicura 8

9 9 Sistemi di gestione ambientale ISO e EMAS CA01 L'obiettivo del corso Sistemi di gestione ambientale ISO e EMAS è quello di fornire una panoramica sui temi della gestione ambientale per imprese e Pubbliche Amministrazioni e fornire ai discenti gli strumenti operativi per attuare in azienda un sistema di gestione ambientale e ottenerne la certificazione. Responsabili ambientali, consulenti, dipendenti di P.A. 8 ore introduzione ai sistemi di gestione ambientale regolamento emas confronto tra i sistemi norma ISO requisiti la documentazione del sistema certificazione del SGA Esame di casi aziendali 300,00 + IVA sopralluogo del sito individuazione dei principali aspetti ambientali impostazione dell'analisi ambientale iniziale

10 10 Auditor interni di sistemi di gestione ambientale ISO CA02 Il corso Auditor interni di sistemi di gestione ambientale ISO si propone di fornire ai partecipanti l'addestramento specialistico sugli audit legali e di sistema, sulle tecniche di pianificazione e di conduzione delle verifiche ispettive, nel rispetto delle linee guida della ISO L obiettivo è quello di fornire le competenze necessarie per verificare l'applicazione dei principi e dei requisiti delle norme UNI-EN-ISO Responsabili ambientali, consulenti, dipendenti di P.A. 1 ore analisi dei sistemi di gestione ambientale regolamento emas confronto tra i sistemi norma ISO requisiti documentazione del sistema certificazione del SGA Esame di casi aziendali 500,00 + IVA Simulazione di un audit interno

11 11 Normativa ambientale CA03 Il corso Normativa ambientale si propone di fornire le nozioni di base per garantire una corretta gestione delle problematiche ambientali nelle aziende e nella Pubblica Amministrazione. Responsabili ambientali, consulenti, dipendenti di P.A. 8 ore normativa ambientale europea e nazionale settori di interesse: acqua, aria, suolo, rifiuti, rumore, sostanze pericolose N.A. 300,00 + IVA Analisi della documentazione ambientale presente in azienda (autorizzazioni, permessi, registri, etc.) e valutazione della sua conformità alla legge

12 12 Gestione dei rifiuti: SISTRI, MUD e gestione operativa CA04 Il corso Gestione dei rifiuti: SISTRI, MUD e gestione operativa si propone di fornire le nozioni per garantire una corretta gestione degli aspetti tecnici e documentali inerenti i rifiuti nel complesso quadro normativo in vigore. Responsabili ambientali, consulenti 8 ore normativa nel settore rifiuti Decreto Ronchi e i principali adempimenti obblighi documentali: registri, formulari, MUD, SISTRI Compilazione documenti 225,00 + IVA 8 Analisi della documentazione ambientale presente in azienda (autorizzazioni, permessi, registri, etc.) e valutazione della sua conformità alla legge

13 13 Seminario sul SISTRI: modalità operative per la registrazione CA05 Il seminario SISTRI: modalità operative per la registrazione si propone di chiarire il quadro delle novità, definire l iter di applicazione e individuare le azioni da compiere in accordo al nuovo sistema SISTRI. Responsabili ambiente, responsabili della gestione rifiuti, consulenti 4 ore concetti preliminari relativi alla gestione dei rifiuti speciali gestione dei rifiuti speciali alla luce del sistema di tracciabilità rifiuti (SISTRI) introduzione flusso di registrazione nel portale SISTRI modalità operative di registrazione rifiuti nel portale Simulazioni in aula 100,00 + IVA 8 Nessuno

14 14 Sistemi di gestione della qualità CQ01 L'obiettivo del corso Sistemi di gestione della qualità è quello di fornire le nozioni necessarie allo sviluppo e alla gestione dei sistemi per la qualità secondo le logiche indicate dalle norme della serie ISO 9001:2008. Responsabili qualità e/o responsabili di funzione 8 ore introduzione ai sistemi qualità normativa di riferimento gestione per processi: responsabilità della direzione, gestione delle risorse, formazione, addestramento e qualifica, gestione dei documenti, gestione della progettazione, gestione commessa e ordini clienti, gestione degli approvvigionamenti, gestione della produzione, tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio e misurazione, gestione del miglioramento Lavori di gruppo 250,00 + IVA sopralluogo del sito individuazione dei principali aspetti qualificanti impostazione dell'analisi per processi iniziale

15 15 Auditor interni di sistemi di gestione della qualità CQ02 Il corso Auditor interni di sistemi di gestione della qualità si propone di fornire le competenze necessarie per eseguire gli audit interni, associando all'insegnamento dei principi e delle tecniche, anche numerose esercitazioni ed alcuni casi di studio. La partecipazione al corso è riconosciuta valida, dagli organismi di certificazione, per dimostrare l'addestramento sulle verifiche ispettive. Il corso è basato sulla norma ISO Responsabili qualità e/o responsabili di funzione 1 ore requisiti della norma ISO 9001:2008 norma ISO sugli audit qualità-ambiente tecniche di audit: verifica documentale, interviste, osservazione documentazione dell'audit tecniche di comportamento e comunicazione presentazione dei risultati dell'audit lavori di gruppo casi di studio 500,00 + IVA Simulazione di un audit interno

16 1 Preparazione documentazione del sistema di gestione della qualità CQ03 Il corso Preparazione documentazione del sistema di gestione della qualità si propone di fornire gli elementi di base per la progettazione e documentazione del sistema di gestione della qualità di una organizzazione partendo dal suo modello di business e dai relativi processi gestionali, di business e di supporto. Responsabili qualità e/o responsabili di funzione 8 ore gestione dei documenti secondo la ISO 9001:2008 come predisporre un piano della qualità struttura documentale e la gestione informatica della stessa Lavori di gruppo e individuali 250,00 + IVA Redazione della procedura di gestione e controllo del sistema qualità

17 17 Casi di successo dell applicazione della qualità CQ04 Il corso Casi di successo dell applicazione della qualità si propone di evidenziare attraverso lo studio di casi aziendali reali come la qualità possa migliorare l organizzazione aziendale, aumentando prestazioni e competitività. Responsabili qualità e/o responsabili di processo 4 ore Esame di casi di aziende che hanno migliorato le loro produttività grazie ad un efficace ed efficiente sistema di gestione della qualità Lavori di gruppo e individuali 135,00 + IVA Nessuno

18 18 Cruscotto per misure e indicatori delle prestazioni aziendali CQ05 Lo scopo del corso Cruscotto per misure e indicatori delle prestazioni aziendali è quello di individuare all interno dei processi aziendali tutti gli indicatori utili alla determinazione della strategia aziendale. Responsabili qualità e/o responsabili di processo 8 ore Richiesto utilizzo sistemi informatici (excel) e background economico individuazione dei processi caratteristici aziendali individuazioni dei punti critici di ciascun processo determinazione degli indicatori per il controllo delle prestazioni individuazione ed assegnazione degli obiettivi controllo del raggiungimento della strategia aziendale Lavori di gruppo e individuali 250,00 + IVA Nessuno

19 19 Controllo di gestione: strumenti e metodologie CQ0 L'obiettivo del corso Controllo di gestione: strumenti e metodologie è quello di fornire gli elementi base per impostare un controllo di gestione che si integri con il sistema di gestione per la qualità aziendale, così da poter fornire quegli elementi/dati necessari per le scelte aziendali. Responsabili qualità e/o responsabili di funzione 1 ore Conoscenza delle ISO 9001:2008 e amministrazione analisi della contabilità generale suddivisione dei costi per tipologia raccolta delle informazioni necessarie centri di costo aziendali determinazione e calcolo di indici/parametri rappresentativi dell'andamento aziendale determinazione del sistema di reporting Casi pratici di contabilità analitica industriale 500,00 + IVA Nessuno

20 20 Tracciabilità alimentare CQ07 L'obiettivo del corso Tracciabilità alimentare è quello di fornire le conoscenze e gli strumenti necessari a ricostruire il percorso di un alimento, mangime, animale destinato alla produzione alimentare o di una sostanza/mangime destinata ad entrare a far parte di un alimento. Responsabili di funzione 8 ore Conoscenza dei processi di produzione e trasformazione nel settore alimentare individuazione delle fasi della produzione, trasformazione e distribuzione rintracciabilità degli alimenti, dei mangimi, degli animali destinati alla produzione alimentare e di altre sostanze destinate a far parte di un alimento/mangime gestione dei fornitori del settore alimentare sistemi e procedure a garanzia della rintracciabilità etichettatura e identificazione di alimenti, mangimi e altre sostanze destinate a far parte di un alimento/mangime Lavori di gruppo ed individuali Casi di studio 250,00 + IVA Nessuno

21 21 Sistemi di gestione per la sicurezza CS01 L obiettivo del corso Sistemi di gestione per la sicurezza è quello di fornire una panoramica sui sistemi di gestione per la salute e sicurezza (SGS) dare gli strumenti operativi per attuare in azienda un SGS e ottenerne la certificazione. Responsabili sicurezza e/o responsabili di funzione 8 ore introduzione ai sistemi di gestione per la salute e sicurezza standard OHSAS requisiti confronto con la normativa cogente (D.lgs. 81/2008, etc.) la documentazione del sistema certificazione del SGS Esame di casi aziendali 300,00 + IVA sopralluogo del sito individuazione dei principali aspetti qualificanti impostazione della valutazione del rischio aziendale

22 22 Auditor interni di sistemi di gestione della sicurezza CS02 Il corso Auditor interni di sistemi di gestione della sicurezza si propone di fornire ai partecipanti l'addestramento specialistico sugli audit legali e di sistema, sulle tecniche di pianificazione e di conduzione delle verifiche ispettive, nel rispetto delle linee guida della ISO L obiettivo è quello di fornire le competenze necessarie per verificare l'applicazione dei principi e dei requisiti dello standard OHSAS Responsabili sicurezza e/o responsabili di funzione 1 ore requisiti dello standard OHSAS nozioni di base sulla legislazione in materia di salute e sicurezza norma ISO sugli audit tecniche di audit: verifica documentale, interviste, osservazione documentazione dell'audit Lavori di gruppo simulazioni di audit 500,00 + IVA Simulazione di un audit interno

23 23 Introduzione al D.Lgs. 81/08 T.U. salute e sicurezza lavoro CS03 L'obiettivo del corso Introduzione al D.Lgs. 81/08 T.U. salute e sicurezza lavoro è quello di fornire le nozioni di base per la gestione delle problematiche della salute e sicurezza sul lavoro nelle aziende e nelle organizzazioni in genere. Datore di lavoro e responsabili di funzione 8 ore la normativa in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro il documento di valutazione dei rischi e le figure di riferimento in azienda analisi dei rischi presenti nel luogo di lavoro (in relazione alla tipologia di attività svolta) e del fenomeno infortunistico misure preventive e protettive dispositivi di protezione individuale segnaletica di sicurezza N.A. 250,00 + IVA Analisi della documentazione sulla sicurezza sul lavoro presente in azienda (autorizzazioni, permessi, registri, etc.) e valutazione della sua conformità alla legge

24 24 Addetti antincendio in attività a rischio basso CS04 Il corso Addetti antincendio in attività a rischio basso ha l'obiettivo di formare i lavoratori incaricati come addetti alla prevenzione incendi. Addetti alla prevenzione incendi in attività classificate a rischio basso secondo il DM 10/03/98 4 ore (come da DM 10/03/98) incendio e prevenzione incendi protezione antincendio e misure per prevenire gli incendi piani di emergenza Presa visione del funzionamento degli estintori 135,00 + IVA sopralluogo del sito identificazione dei principali rischi incendio individuazione dei dispositivi di protezione individuale appropriati

25 25 Addetti antincendio in attività a rischio medio CS05 Il corso Addetti antincendio in attività a rischio medio ha l'obiettivo di formare i lavoratori incaricati come addetti alla prevenzione incendi. Addetti alla prevenzione incendi in attività classificate a rischio medio secondo il DM 10/03/98 8 ore (come da DM 10/03/98) incendio e prevenzione incendi protezione antincendio e misure per prevenire gli incendi mezzi di estinzione e loro utilizzo piani di emergenza esercitazioni pratiche: uso di estintori, utilizzo di naspi e idranti Esercitazione pratica di spegnimento incendio 300,00 + IVA sopralluogo del sito identificazione dei principali rischi incendio individuazione dei dispositivi di protezione individuale appropriati

26 2 Conducente di carrelli elevatori CS0 Il corso Conducenti di carrelli elevatori ha l'obiettivo di formare i lavoratori addetti alla conduzione di carrelli elevatori ad un utilizzo corretto del mezzo, nel rispetto delle normative di sicurezza vigenti. Conducenti di carrelli elevatori 12-1 ore I contenuti sono quelli disciplinati dall'accordo stato-regioni n 53 del 22/02/2012: modulo giuridico - normativo (1 ora) modulo tecnico (7 ore) modulo pratico carrelli: - carrelli industriali semoventi (4 ore) - carrelli semoventi a braccio telescopico (4 ore) - carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (4 ore) - carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (8 ore) Prove di giuda del carrello elevatore/sollevatore C/O la sede del Cliente 450,00 + IVA - 00,00 + IVA Messa a disposizione dei macchinari

27 27 Aggiornamento conducente di carrelli elevatori CS07 Il corso Aggiornamento conducenti di carrelli elevatori ha l'obiettovo di aggiornare i lavoratori addetti alla conduzione di carrelli elevatori ad un utilizzo corretto del mezzo, nel rispetto delle normative di sicurezza vigenti. Conducenti di carrelli elevatori 4 ore Attestato di addetto alla guida dei carrelli/sollevatori/elevatori I contenuti sono quelli disciplinati dall'accordo Stato-Regioni n 53 del 22/02/2012: aggiornamento giuridico - normativo (1 ora) modulo pratico carrelli: - carrelli industriali semoventi (3 ore) - carrelli semoventi a braccio telescopico (3 ore) - carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (3 ore) - carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (3 ore) Prove di giuda del carrello elevatore/sollevatore C/O la sede del Cliente 15,00 + IVA Messa a disposizione dei macchinari

28 28 Redazione del piano di emergenza ed evacuazione CS08 L'obiettivo del corso Redazione del piano di emergenza ed evacuazione è fornire conoscenze di base e strumenti operativi per la stesura e l'aggiornamento del piano di emergenza ed evacuazione, in conformità a quanto richiesto dal D.Lgs. 81/2008 e DM 10/03/1998. Datori di lavoro, responsabili della sicurezza, consulenti 4 ore D.Lgs. 81/2008 e DM 10/03/1998 redazione e verifica del piano di emergenza casi aziendali presa visione di piani di emergenza vari 135,00 + IVA sopralluogo del sito identificazione dei principali rischi per gestire l emergenza

29 29 Gestione dei lavori in appalto CS09 Il corso Gestione dei lavori in appalto ha l'obiettivo di assistere i discenti di aziende ed enti nella gestione dei lavori in appalto secondo la vigente normativa (D.Lgs. 81/08). Datori di lavoro, responsabili della sicurezza, consulenti 4 ore Conoscenza base del D Lgs 81/08 definizione di appalto appalto nel D.Lgs. 81/08 obblighi del committente e dell'appaltatore cenni sulla normativa nel settore edili casi aziendali presa visione di modulistica per i vari adempimenti 135,00 + IVA Presa visione dei contratti d appalto in essere

30 30 Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo A CS10 Il corso di Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo A si propone di addestrare i partecipanti a svolgere i compiti richiesti agli addetti al primo soccorso: allertare il sistema di soccorso, riconoscere un'emergenza sanitaria, attuare gli interventi di primo soccorso, conoscere i rischi specifici dell'attività, acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro, acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro, acquisire capacità di intervento pratico. Addetti al primo soccorso di aziende appartenenti al gruppo A (Art.1 D. 388/2003). 1 ore comunicazione ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza riguardo alle cause e alle circostanze dell'infortunio nozioni di anatomia e fisiologia tecniche di auto protezione tecniche di intervento di primo soccorso in varie situazioni di emergenza Esercitazione pratica di simulazione di soccorso 500,00 + IVA Presa visione dei dispositivi medicali presenti in azienda (cassetta primo soccorso, lettino, defibrillatore, etc.) e valutazione loro conformità alla legge

31 31 Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo B e C CS11 Il corso di Addetti al primo soccorso aziendale per aziende del gruppo B e C si propone di addestrare i partecipanti a svolgere i compiti richiesti agli addetti al primo soccorso: allertare il sistema di soccorso, riconoscere un'emergenza sanitaria, attuare gli interventi di primo soccorso, conoscere i rischi specifici dell'attività, acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro, acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro, acquisire capacità di intervento pratico. Addetti al primo soccorso di aziende appartenenti al gruppo B e C (Art.1 D. 388/2003) 12 ore comunicazione ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza riguardo alle cause e alle circostanze dell'infortunio nozioni di anatomia e fisiologia tecniche di auto protezione tecniche di intervento di primo soccorso in varie situazioni di emergenza Esercitazione pratica di simulazione di soccorso 450,00 + IVA Presa visione dei dispositivi medicali presenti in azienda (cassetta primo soccorso, lettino, defibrillatore, etc.) e valutazione loro conformità alla legge

32 32 Procedure semplificate per la redazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) CS12 Il corso di Procedure semplificate per la redazione del documento di valutazione dei rischi ha l'obiettivo di supportare il datore di lavoro nella redazione del modello semplificato, destinato alle aziende con numero ridotto di lavoratori, a quei datori di lavoro che fino al 31/05/2013 erano comunque obbligati a valutare e gestire i rischi del proprio ambienti di lavoro, ma potevano evitare di produrre un documento di valutazione dei rischi (DVR) scritto o comunque registrato su un supporto trasferibile. Datori di lavoro, responsabili della sicurezza, consulenti 8 ore linee guida tecniche e normative DVR-PS uffici e studi tecnici e/o amministrativi DVR-PS negozi abbigliamento e boutique Compilazione di un documento di valutazione dei rischi (DVR) semplificato 250,00 + IVA Nessuno

33 33 Aggiornamento addetti al primo soccorso per aziende dei gruppo B e C CS13 Il corso di Aggiornamento addetti al primo soccorso per aziende dei gruppo B e C si propone di migliorare le competenze pratiche per permettere a chi è incaricato di attuare gli interventi di primo soccorso in un ruolo di attesa attiva dei soccorsi specializzati, limitandosi ad evitare l aggravarsi dei danni. Addetti al primo soccorso di aziende appartenenti al gruppo B e C, che hanno già ricevuto la formazione di base (Art.1 D. 388/2003) 4 ore Attestato di formazione addetti al primo soccorso per aziende dei gruppi B e C capacità di intervento pratico e principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del ssn tecniche di primo soccorso nelle sindromi celebrali acute; di rianimazione cardiopolmonare; di tamponamento emorragico; di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato e di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici Esercitazione pratica di simulazione di soccorso 15,00 + IVA Presa visione dei dispositivi medicali presenti in azienda (cassetta primo soccorso, lettino, defibrillatore, etc.) e valutazione loro conformità alla legge

34 34 Corso di formazione generale sui lavori in quota CS14 Il Corso di formazione generale sui lavori in quota ha l'obiettivo di informare i lavoratori riguardo agli obblighi di utilizzare le attrezzature secondo le indicazioni; fornire ai partecipanti elementi di conoscenza relativi alla scelta, l'uso e la manutenzione dei dispositivi di protezione individuale; fornire ogni informazione e ogni istruzione d uso necessaria in rapporto alla sicurezza e relativa alle condizioni di impiego. Lavoratori sottoposti a lavoro in altezza, quindi esposti al rischio di caduta da una quota superiore a 2 metri (esclusi lavoratori con funi) 8 ore normativa e definizioni dei lavori in quota analisi, valutazione e riduzione dei rischi nei lavori in quota scale fisse e portatili: definizioni e tipi di scale, leggi e norme, pericoli nell utilizzo, metodi di utilizzo, verifiche trabattelli e piattaforme aeree: definizioni, leggi e norme, pericoli nell utilizzo, metodi di utilizzo, istruzioni d uso, verifiche DPI (dispositivi di protezione individuale): definizioni, leggi e norme, conservazione e manutenzione DPI: formazione sull uso dei dpi, pericoli nell utilizzo, metodi di utilizzo, istruzioni d uso, verifica periodica dei dpi procedure di soccorso nei lavori in quota esame di casi aziendali verifica finale di apprendimento 300,00 + IVA descrizione e informazione sull uso dei dispositivi di protezione individuale presenti in azienda descrizione e informazione sulle manovre da fare con i dispositivi di protezione individuale aziendali effettuazione di eventuali prove pratiche in re

35 35 Corso di formazione aggiuntiva per preposti CS15 Il Corso di formazione aggiuntiva per preposti si propone di fornire ai partecipanti conoscenze riguardanti argomenti legali, comportamentali e comunicativi legati al ruolo del preposto per la sicurezza del lavoro. Tutti i preposti (soggetti aziendali che, in ragione dell'incarico conferitogli, sovrintendono alla attività lavorativa e garantiscono l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori) 8 ore I contenuti sono quelli disciplinati dall'accordo Stato-Regioni n. 221 del 21/12/2011, ovvero: principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità; relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione definizione ed individuazione dei fattori di rischio incidenti e infortuni mancati; tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri; valutazione dei rischi dell'azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera; individuazione delle misure tecniche organizzative e procedurali di prevenzione e protezione; modalità di esercizio della funzione di controllo dell'osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione Lavori di gruppo, esame di casi aziendali e verifica finale di apprendimento 300,00 + IVA Presentazione del documento di valutazione dei rischi aziendale, procedure e piano di emergenza ed evacuazione, utilizzo dei DPI aziendali

36 3 Corso di formazione specifica per dirigenti CS1 Il Corso di formazione specifica per dirigenti si propone di fornire ai partecipanti conoscenze riguardanti argomenti legali, comportamentali e comunicativi legati al ruolo del dirigente per la sicurezza del lavoro. Tutti i dirigenti (coloro che sono tenuti ad attuare le direttive del datore di lavoro organizzando l'attività lavorativa e vigilando su di essa) 1 ore I contenuti sono conformi a quanto riportato nell'accordo stato-regioni n. 221 del 21/12/2011, ovvero: sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori soggetti del sistema di prevenzione aziendale ruolo del responsabile e degli addetti spp delega di funzioni nomina, elezione, consultazione e partecipazione dei rls criteri e strumenti per la valutazione dei rischi rischio da stress lavoro-correlato dispositivi di protezione individuale sorveglianza sanitaria modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (articolo 30, d.lgs. 81/08) competenze relazionali e consapevolezza del ruolo informazione, della formazione e dell'addestramento tecniche di comunicazione lavoro di gruppo e gestione dei conflitti organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa organi di vigilanza e le procedure ispettive responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i. esame di casi aziendali lavori di gruppo

37 37 Verifica finale di apprendimento 500,00 + IVA Presentazione del documento di valutazione dei rischi aziendale, procedure e piano di emergenza ed evacuazione, utilizzo dei dispositivi di protezione individuale aziendali

38 38 Corso di formazione generale per lavoratori CS17 Il Corso di formazione generale per lavoratori si propone di fornire le competenze di base legate ai diversi aspetti della sicurezza sui luoghi di lavoro, secondo l'accordo Stato Regioni n 221 del 21 dicembre Lavoratori aziendali 4 ore I contenuti sono conformi a quanto riportato nell'accordo Stato-Regioni n 221 del 21/12/2011, ovvero: concetto di rischio danno prevenzione protezione organizzazione della prevenzione aziendale diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali organi di vigilanza, controllo e assistenza esame di casi aziendali lavori di gruppo verifica finale di apprendimento 500,00 + IVA Nessuno

39 39 Corso di formazione specifica per lavoratori CS18 Il Corso di formazione specifica per lavoratori ha l'obiettivo di fornire le competenze specifiche legate ai diversi aspetti della sicurezza sui luoghi di lavoro, secondo l'accordo Stato Regioni n 221 del 21 dicembre Lavoratori aziendali 4 ore I contenuti sono conformi a quanto riportato nell'accordo stato-regioni n 221 del 21/12/2011, ovvero: rischi infortuni rischi chimici, biologici, batteriologici, fisici rumore, microclima e illuminazione videoterminali dpi ambienti di lavoro, stress lavoro correlato movimentazione manuale dei carichi segnaletica emergenze, procedure di sicurezza, di esodo/incendi, organizzative primo soccorso esame di casi aziendali lavori di gruppo verifica finale di apprendimento 135,00 + IVA Presentazione del documento di valutazione dei rischi aziendali, procedure e piano di emergenza ed evacuazione, utilizzo dei dispositivi di pretezione individuale aziendali

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli