Giocare con la pressione dell aria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giocare con la pressione dell aria"

Transcript

1 Scienze 4 - SCHEDA 1 Giocare con la pressione dell aria La pressione atmosferica, come sai, è maggiore al livello del mare e minore in montagna. Man mano che si sale, infatti, lo spessore della fascia atmosferica sopra di noi diminuisce, quindi si riduce il suo «peso». Ogni giorno noi utilizziamo l aria, aumentandone artificialmente la pressione, per sostenere pesi e far muovere macchine; pensa, per esempio, a quanto peso sostiene l aria compressa (cioè sottoposta a una forte pressione, che è in grado di restituire) nei pneumatici di un autotreno; oppure a quanta potenza essa sviluppa facendo funzionare un martello pneumatico. Per renderti conto della forza dell aria, sperimenta gli effetti della sua pressione con questo gioco-esperimento. Procurati una bottiglia di plastica con tappo a vite; una piccola cannuccia (come quella dei succhi di frutta); una cannuccia normale; un pezzetto di plastilina; pezzetti di carta colorata, forbici e nastro adesivo. a. Svita il tappo della bottiglia, appoggialo sul banco e, con l aiuto di un adulto, usando la punta delle forbici, pratica nel suo centro un foro che permetta il passaggio della cannuccia piccola. cannuccia piccola b. Riavvita il tappo sulla bottiglia, infilaci la cannuccia piccola fino a metà e, con parte della plastilina, tappa ermeticamente l innesto tra tappo e cannuccia: la pompa di lancio per i missili è pronta. plastilina alette di carta plastilina cannuccia grande c. Ora costruisci un «razzo pneumatico»: taglia la cannuccia più grande in pezzi lunghi non più di 8 centimetri, tappane una estremità con la plastilina e, con pezzetti di carta colorata e nastro adesivo, applica all altra estremità le alette stabilizzatrici. Il missile pneumatico è pronto. d. Infila il razzo nella cannuccia della pompa e premi con forza sulla «pancia» della bottiglia: l aria contenuta nella bottiglia sarà compressa e uscirà dalla cannuccia esercitando una pressione forte e concentrata (il foro di uscita è piccolo), così il tuo missile pneumatico partirà a razzo! 104

2 Scienze 4 - SCHEDA 2 L acqua e il nostro corpo 1. Leggi la scheda che segue, poi svolgi le attività richieste. Perché l acqua è così importante? Siamo talmente abituati alla sua presenza da non accorgerci che essa ci circonda e che fa parte di noi! Pensa al sangue, alla saliva, alle lacrime, al sudore, all urina. Tutti gli organismi possono funzionare grazie all acqua! Il corpo di una persona adulta, per funzionare bene, ha bisogno, in media, di 2,5 litri di acqua al giorno: per fare che cosa? L acqua regola il buon funzionamento dell organismo, è un materiale costruttivo, che serve per costruire le cellule e i tessuti del nostro corpo, e inoltre: 0,4 litri d acqua escono dal nostro corpo con l espirazione, sotto forma di vapore acqueo; 0, 5 litri sono espulsi attraverso il sudore; 1,3 litri d acqua sono espulsi attraverso l urina; 0,2 litri sono espulsi attraverso le feci. Per questo, un individuo che cresce deve bere molto, ma deve bere bene! Naturalmente si devono evitare le bevande alcoliche (vino, birra ) quelle eccitanti (caffè, tè ) e quelle gassate. Meglio l acqua naturale e i succhi di frutta! A proposito: l acqua s ingerisce anche con gli alimenti; ne contengono molta la frutta e la verdura. Per introdurre nel tuo corpo l acqua necessaria, che cosa consumi? Rispondi con X. acqua naturale molta abbastanza poca acqua gassata molta abbastanza poca bibite gassate molte abbastanza poche tè, latte molto abbastanza poco succhi di frutta molti abbastanza pochi frutta e verdura molta abbastanza poca minestra molta abbastanza poca Pensi che gli alimenti che consumi siano quelli più adatti? Sì No Perché? Sul retro della scheda, prendi nota della quantità di liquidi che consumi in un giorno: ti sembra sufficiente? Se no, scrivi che cosa pensi di fare. 105

3 Ed. al ambiente - SCHEDA 3 Come ci si comporta con l acqua? 1. Osserva le immagini di alcuni comportamenti legati all uso dell acqua e scrivi sotto a ciascuna se il comportamento è corretto o scorretto (in questo caso scrivi il perché sul retro della scheda). Io adoro fare il bagno, ma per consumare meno acqua faccio la doccia. Stavo giocando con lo sciacquone del water: in un ora ho fatto scorrere l acqua 15 volte! Comportamento:... Comportamento:... Quest estate c è poca acqua, è meglio non annaffiare ogni sera le piante del giardino! Mentre m insapono le mani o mi lavo i denti, l acqua non mi serve; la apro solo per risciacquarmi! Comportamento:... Comportamento:... Con un estate così secca ti sembra il caso di consumare acqua in questo modo? Che me ne importa! Comportamento:

4 Scienze 4 - SCHEDA 4 Il calore: misura e conduzione 1. Osserva l immagine e rispondi alle domande. Come si chiama questo strumento?... A che cosa serve?... Che cosa indicano i numeri che compaiono sulla scala graduata?... Qual è l unità di misura della temperatura?... Quale sostanza è contenuta nel bulbo posto sulla punta di questo strumento? Spiega brevemente come funziona questo strumento e in base a quale fenomeno. Osserva ora il disegno qui a fianco e spiega brevemente che cosa rappresenta e qual è il suo significato Le molecole di alcuni materiali, se sottoposte al calore, aumentano la loro agitazione e si trasmettono rapidamente il calore dall una all altra. Quelle di altri materiali, invece, ostacolano il passaggio del calore. Rispondi. Come sono definiti i materiali che si lasciano attraversare facilmente dal calore? Come sono detti, invece, quelli che ne ostacolano il passaggio? Colora di rosso i nomi dei materiali che si lasciano attraversare facilmente dal calore. rame cotone legno argento seta cemento ferro oro sughero alluminio gomma acciaio ceramica zinco terracotta polistirolo vetro cartone cuoio lana Osserva i nomi dei materiali che hai colorato: la maggior parte di essi appartiene alla famiglia dei 107

5 Scienze 4 - SCHEDA 5 Viventi e ciclo vitale 1. L ambiente è formato da elementi non viventi e da esseri viventi. Scrivi i nomi di almeno quattro elementi non viventi e di almeno dieci organismi. Elementi non viventi Organismi (esseri viventi) Osserva i disegni e rispondi: chi nasce, si nutre, si riproduce, cresce, muore? 3. Svolgi le seguenti attività. Individua nell elenco le cinque fasi del ciclo vitale di un organismo e riscrivile nello schema ordinandole in modo logico. crescita movimento nascita adattamento metamorfosi morte nutrizione e respirazione riproduzione I disegni che seguono riproducono il ciclo vitale di una pianta. Ricostruisci il ciclo vitale numerando le immagini da uno a cinque. 108

6 Scienze 4 - SCHEDA 6 La prima forma di vita sulla Terra 1. Leggi il testo, poi svolgi le operazioni richieste. Lungo una barriera rocciosa dell Australia nord-occidentale 3,4 miliardi di anni fa viveva una colonia di microbi composta da miliardi di esemplari. Questi microbi, quindici volte più antichi dei dinosauri, hanno lasciato la più antica traccia fossile della vita sulla Terra. Le onde e le increspature sulla roccia di Pilbara Craton, nell oceano Indiano, erano state considerate uno scherzo della geologia. Oggi una équipe australiana dimostra che quelle strutture sono le più antiche immagini della vita sulla Terra, prodotte da batteri che prosperavano grazie alla fotosintesi clorofilliana, su un fondale roccioso poco profondo, lasciato libero dalle acque durante la bassa marea. Condizioni molto miti se paragonate a quell inferno che doveva essere la Terra mezzo miliardo di anni prima. Le prime forme di vita furono archeobatteri molto semplici, ma con una grande capacità di adattamento. Erano capaci di sopravvivere a temperature di oltre 100 gradi o in ambienti molto acidi. Gli eredi di questi organismi estremofili si ritrovano oggi nelle solfatare di Pozzuoli o in alcune fumarole sui fondali degli oceani». (adatt. da «La Repubblica», 8 giugno 2006) a. Deduci il significato dei termini «archeobatteri» e «organismi estremofili» riflettendo sul contenuto del testo, poi spiega il loro significato sul retro della scheda. b. Rispondi alle domande sul retro della scheda. In quale periodo sarebbero comparse le prime forme di vita secondo l autore? In quale ambiente? In quale parte del mondo? c. Segna solo le affermazioni contenute nel testo. Le prime forme di vita avevano una grande capacità di adattamento. Vivevano sia in ambienti molto caldi sia in ambienti molto freddi. Gli eredi dei primi esseri viventi si trovano oggi nella solfatare di Pozzuoli o in alcune fumarole. Non esistono oggi esseri in alcun modo simili alle prime forme di vita. Batteri visti al microscopio. 109

7 Scienze 4 - SCHEDA 7 Le strutture dei viventi: i vegetali 1. Collega ogni organo o apparato vegetale alle funzioni che esso svolge. Fissano la pianta al suolo e assorbono nutrimento. Sostengono le foglie e le espongono al sole. Trasportano nei loro canali interni le sostanze nutritive. Trasforma le sostanze nutritive grezze in linfa elaborata. Permette alla pianta di respirare e di traspirare. Contiene gli organi per la riproduzione della pianta. 2. Per riprodursi, le piante devono ricevere il polline da altre piante della stessa specie. Chi trasporta il polline? Segna con X le risposte esatte (sono più di una) e completa. la pioggia il vento i mammiferi erbivori gli uccelli gli insetti la linfa Il processo di trasmissione del polline si chiama Anche per diffondere i loro semi, le piante ricevono un aiuto: da chi? Segna con X le risposte esatte e completa. dalla pioggia dal vento dagli animali che mangiano i semi e poi li disperdono con le feci dagli animali che trasportano i semi impigliati nel loro pelo 110 Il processo di diffusione dei semi si chiama...

8 Scienze 4 - SCHEDA 8 L utilità delle piante 1. Leggi con attenzione il testo seguente, poi esegui le attività richieste. Le piante svolgono funzioni fondamentali per la vita: purificano l aria, producono nutrimento, migliorano il clima, proteggono il territorio, offrono riparo e sostanze per curare le malattie L uomo, però, ricava dalle piante anche altri vantaggi, sotto forma di materiali e sostanze utili: legno per costruire case, mobili, strumenti musicali, attrezzi e carta; fibre tessili, come cotone, canapa, iuta, per fabbricare tessuti e corde; sostanze chimiche per produrre medicinali, profumi, insetticidi, coloranti Vediamo alcuni degli importantissimi doni che le piante ci offrono. Energia: fin dalla Preistoria, l uomo ha bruciato il legno per riscaldarsi, cuocere, difendersi e per illuminare la notte. In seguito ha usato il calore per fondere i metalli, per far funzionare le macchine a vapore che a loro volta facevano funzionare macchinari e mezzi di trasporto. Oggi si usano altre fonti di energia, ma in alcune aree della Terra il legno resta ancora una fonte importante. Medicinali: sappiamo che le sostanze vegetali sono usate da millenni, ma molti non sanno che medicinali famosi, come il chinino e l aspirina, sono ricavati dai vegetali. Grazie al chinino, estratto dall albero sudamericano della china, è stato possibile combattere la terribile malaria; la sostanza attiva presente nell aspirina, l acido salicilico si ricava dalla corteccia del salice bianco. Prodotti «particolari»: dal limone e dal piretro si ottengono insettifughi come la citronella e gli zampironi, mentre da sostanze estratte dal pino si ricava l acquaragia, un solvente per smalti e vernici. Dall albero del caucciù si estrae un lattice che, opportunamente lavorato, diventa gomma elastica (pneumatici, guanti e altri oggetti medici ); da una pianta dell America centrale si estrae il chicle, la gomma usata per fabbricare i chicle s, ovvero le gomme da masticare. Sottolinea in rosso nel testo le funzioni vitali svolte dalle piante; sottolinea in blu materiali, oggetti e prodotti che l uomo ottiene da esse. Guardati attorno e anche addosso, poi pensa alla tua casa, ai luoghi che frequenti e cerca di scoprire almeno venti oggetti o prodotti ricavati direttamente o indirettamente dalle piante. Scrivili in un elenco sul retro della scheda. Confronta il tuo elenco con quello fatto dai tuoi compagni e, insieme, elaborate uno o più cartelloni sul tema: «I doni che riceviamo dalle piante», che potrete arricchire con disegni e altre immagini. 111

9 Scienze 4 - SCHEDA 9/a Una mostra (o un album) sugli alberi Insieme con i tuoi compagni, puoi preparare una mostra didattica o un album sugli alberi, che può essere di grande utilità, oltre che a voi, anche alle altre classi della tua scuola. Per predisporne gli elementi necessari svolgi le operazioni che seguono. Procurati fogli di cartoncino di cm 35 x 50; fogli di carta «spolvero» di cm 25 x 35; pastelli a cera; colori a tempera; alcuni vecchi giornali; un flacone di glicerina (in farmacia o colorificio); una vaschetta di vetro; un paio di forbici; acqua. a. Il rilievo della corteccia. Ciascun tipo di albero può essere riconosciuto osservandone la corteccia. Ogni corteccia, infatti, possiede un suo particolare «disegno», e uno specifico colore, che la rende inconfondibile. Appoggia un foglio di carta «spolvero» sul tronco dell albero poi, mentre un tuo compagno lo tiene ben fermo, ricalca con i pastelli a cera l impronta della corteccia. Per ricalcare usa i pastelli del colore della corteccia, sfregandone sulla carta il fianco e non la punta. Quando il calco apparirà ben definito, ritaglia dal foglio la parte migliore facendo in modo che misuri cm 15 x 25. b. Trattamento delle foglie. Raccogli una bella foglia dell albero di cui ti occupi. Se intendi inserire la foglia stessa nel pannello della mostra (o nell album) allora devi fare in modo che si conservi integra; altrimenti puoi ottenere un impronta e utilizzarla al posto della foglia. Procedi nel modo che segue. Se vuoi utilizzare la foglia devi farla seccare o conservarla con l aiuto della glicerina. Per farla seccare mettila ben distesa tra le pagine di un giornale e pressala con alcuni libri; dopo circa un mese potrai incollare la foglia sul pannello della mostra. Se intendi conservarla in modo che sembri «fresca» (anche se prenderà un colore autunnale), mettila nella vaschetta di vetro, dove avrai preparato una soluzione composta da due bicchieri d acqua e uno di glicerina, nella quale dovrà restare per venti giorni. Trascorso questo tempo la dovrai appendere ad asciugare. 112

10 Scienze 4 - SCHEDA 9/b c. Impronta delle foglie. Se scegli, invece, di usare le impronte, spalma, con un pennello morbido, uno strato di tempera poco diluita sulla pagina superiore della foglia, quindi capovolgila su un foglio da disegno pressandovela contro. Oppure metti la foglia sulla carta bianca e, tenendola ferma con una mano, usa l altra per stendere, con il pennello, uno strato di colore che ricopra il margine della foglia sbordando sulla carta. Nei due casi, tolta la foglia, avrai ottenuto l impronta. La prima mostrerà sommariamente forma e nervature, la seconda mostrerà la forma delineandone con precisione il margine. d. Preparazione dei pannelli. Con i calchi delle cortecce, le foglie, le loro impronte e con altri elementi che avrai deciso di utilizzare (fiori o semi trattati come le foglie, disegni di frutti, bacche, ecc.) prepara per ciascun albero un pannello, disponendo e incollando sul cartoncino le varie parti come illustrato nel disegno qui sotto. Completa il tutto con una scheda che fornisca le informazioni essenziali sull albero di cui tratta. Ecco un possibile schema da seguire, anche scegliendo solo alcuni punti. Nome dell albero, classificazione (puoi essere preciso e indicare divisione, classe, ordine, famiglia, ecc., oppure usare altre categorie, come aghifoglie o latifoglie, oppure piante da frutto, da fiore, da legno, o ancora conifere, palme, felci), luogo d origine, descrizione di foglie e frutti, che cosa se ne ricava, luoghi, del tuo quartiere o della tua città, nei quali si può trovare, altre caratteristiche particolari. Foglia o impronta Calco corteccia Fiori, semi o disegni di frutti Scheda informativa 113

11 Scienze 4 - SCHEDA 10 Le strutture dei viventi: gli animali 1. Completa le frasi che seguono con i termini elencati. scheletro interno (2 volte) guscio esoscheletro Gli animali invertebrati non posseggono uno..., alcuni di essi, come le chiocciole, sono protetti da un... o, come i granchi, da un.... Gli animali vertebrati posseggono uno..., che sorregge il loro corpo, protegge i loro organi interni e consente il movimento. vivipari branchie allattano polmoni uova zampe (4 volte) pinne (3 volte) ali I mammiferi, gli anfibi adulti, i rettili e gli uccelli respirano per mezzo dei..., mentre i pesci lo fanno per mezzo delle.... Gli anfibi, gli uccelli, i pesci e la maggior parte dei rettili si riproducono per mezzo di..., mentre i mammiferi, salvo alcune eccezioni, sono..., partoriscono cuccioli vivi e li.... Per muoversi, i mammiferi terrestri sono dotati di... e quelli acquatici di...; i pesci usano le..., gli uccelli hanno... e..., gli anfibi hanno..., i rettili hanno...,... oppure muscoli che consentono loro di strisciare. 2. Osserva il disegno: come si chiama il processo di trasformazione illustrato? Descrivilo brevemente. 114

12 Scienze 4 - SCHEDA 11 Osservazioni di piccoli animali del terreno Un pezzetto di prato o un aiuola, in primavera, possono essere ricchi di sorprese e rivelarsi interessanti, per chi sa osservare, quasi quanto la savana africana. Se vuoi osservare alcuni piccoli animali, le loro abitudini, il loro comportamento, ti proponiamo una serie di divertenti attività. Una raccomandazione: durante l osservazione e gli esperimenti, tratta con molta cura gli animali, spostali utilizzando una foglia come fosse un cucchiaio, non trattenerli per più di un giorno e liberali nel luogo in cui li hai trovati. Procurati due tegole; due vaschette di vetro, alluminio o plastica; un po d acqua; un vecchio giornale; del cartoncino nero; cibo a pezzetti. a. Come trovare gli animaletti. Per prima cosa devi preparare un trabocchetto nel quale far cadere gli animaletti che dovrai osservare. Fai un buco nel terreno e sistemaci dentro una vaschetta, in modo che i bordi siano a filo del terreno stesso. Metti dentro la vaschetta un sottile strato di terra, qualche foglia di insalata, qualche pezzetto di frutta e verdura, briciole di pane o formaggio. Copri con la tegola, lasciando un bordo un po sollevato e aspetta. Dopo qualche ora togli la tegola, estrai la vaschetta con gli animaletti catturati e coprila con il cartoncino. Ripeti l operazione alla sera, con la seconda vaschetta: il mattino successivo avrai a disposizione altri animaletti che, abitualmente, preferiscono muoversi di notte. b. Osserva, descrivi e classifica gli animaletti. Con l aiuto di una lente di ingrandimento, osserva e descrivi ciascuno dei tuoi ospiti utilizzando lo schema che ti proponiamo. Corpo: che forma ha? Quale colore? È diviso in parti? Quante? Ha segmenti? Ha un guscio? Ha una «corazza»? Cambia forma mentre si muove? Testa: che dimensioni ha? Possiede antenne? Dove sono posizionati e come sono fatti gli occhi? Zampe: ci sono? Quante sono? Come sono fatte? Se non ci sono, con che cosa si muove l animale? Ali: l animale ne possiede? Quante sono? Sono ricoperte dalla «corazza»? In base alle osservazioni e alla descrizione che hai fatto, stabilisci se si tratta di vermi, molluschi, insetti o ragni e cerca di stabilirne il nome. 115

13 Scienze 4 - SCHEDA 12 Animali e adattamento La Terra è popolata da organismi animali e vegetali che hanno elaborato strategie per essere adatti al tipo di ambiente in cui vivono. Un esempio particolare di adattamento è quello dell orso polare che deve vivere tra i ghiacci a temperature molto basse. La forma arrotondata del loro corpo rende minima la dispersione di calore; lo strato di grasso sottocutaneo, spesso una decina di centimetri, isola efficacemente, aiutato dalla folta pelliccia. Il naso, molto complesso, funziona come un vero e proprio condizionatore. La gelida aria del polo è secca e va «corretta»: così il naso scalda e umidifica l aria che entra nei polmoni e recupera acqua e calore prima dell espirazione. Le tane, poi, sono piccoli capolavori di ingegneria: l apertura è a sud nella direzione opposta in cui soffiano i venti prevalenti e la «camera» è posta leggermente più in alto rispetto all ingresso, in modo che l aria calda, più leggera, vi resti intrappolata. Stratagemmi geniali, fin troppo efficaci: al punto che, spesso, gli orsi devono rinfrescarsi. Così ansimano come fanno i cani, per disperdere il calore in eccesso attraverso la lingua. Quando il caldo è insopportabile si rotolano nella neve o si tuffano in mare. Barbara Galli in «La macchina del tempo» Orso polare che si rinfresca rotolandosi nella neve. Rispondi alle domande sul retro della scheda. In quale ambiente vive l orso polare? Quali sono le caratteristiche principali di questo ambiente? Quali sono le caratteristiche del corpo dell orso polare che gli permettono di proteggersi dal freddo? Come fanno gli orsi polari a rinfrescarsi quando hanno troppo caldo? 116

14 Scienze 4 - SCHEDA 13 Gli ecosistemi 1. Completa le definizioni usando i termini racchiusi nei riquadri. rete alimentare ecosistema catena alimentare L insieme degli elementi viventi e non viventi in relazione tra loro e con l ambiente in cui vivono è detto... I vari organismi di ogni ambiente sono collegati tra loro da legami alimentari, come gli anelli di una catena; ciascuno si nutre del precedente ed è mangiato dal successivo. Questo legame è detto... I rapporti alimentari che esistono fra le varie specie che vivono in un ambiente viene detto 2. Completa le seguenti definizioni con parole tue. Un animale è carnivoro quando si nutre di... Un animale è erbivoro quando si nutre di... Un animale è onnivoro quando si nutre di... Un animale è decompositore quando si nutre di Osserva l ambiente disegnato e distingui i produttori, i consumatori e i decompositori colorando il quadretto rispettivamente di verde, rosso, giallo. 117

15 Ed. alla salute - SCHEDA 14 Catene alimentari e pericoli per la salute 1. Leggi il brano che segue, poi svolgi le attività richieste. Per coltivare piante alimentari si fa largo uso di insetticidi e diserbanti; questi veleni, se il loro uso è poco controllato, possono depositarsi negli alimenti e raggiungere il nostro stomaco. Frutta e verdura, quindi, devono sempre essere accuratamente lavate e, in alcuni casi, è meglio sbucciare la frutta. Le sostanze nocive, però, possono raggiungere il nostro organismo anche per un altra via, più lunga ma meno controllabile. Se, per esempio, tali sostanze sono depositate su piante usate come mangimi per animali, i veleni possono essere assorbiti dai tessuti animali e raggiungerci attraverso la carne, il latte, le uova e i loro derivati. Ciò accade anche per il pesce di allevamento e perfino per quello non allevato che vive in acque inquinate, per esempio da scarichi industriali o urbani, oppure dagli stessi veleni agricoli «lavati via» dai campi ad opera della pioggia e trasportati nei fiumi. Attraverso le catene alimentari (ricordi che cosa sono?) possono giungere fino a noi veleni pericolosissimi come il mercurio, un metallo pesante che certe industrie scaricano nei corsi d acqua, e perfino la radioattività prodotta da alcune sostanze disperse nell ambiente da impianti che usano o trattano materiali radioattivi. Sottolinea in rosso, nel testo, i nomi delle sostanze nocive di cui si parla. Sottolinea in blu che cosa si può fare per evitare il pericolo legato a frutta e verdura. Sottolinea in nero le parti di testo che spiegano per quale strada le sostanze velenose possono raggiungere il nostro organismo. Scrivi almeno due esempi di catene alimentari attraverso le quali una sostanza nociva può raggiungere il nostro organismo. 118

16 Ed. all ambiente- SCHEDA 15 Attività umane e salvaguardia delle specie viventi 1. Leggi con attenzione il seguente brano. Poi rispondi alle domande. Oggi, sulla Terra, una specie su cinque rischia l estinzione. Da sempre, alcune specie sono nate e altre sono scomparse a causa della selezione naturale, ma l uomo, con la sua presenza sempre più invadente, le sue attività produttive e la sua folle e colpevole aggressione all ambiente, ha accelerato e incrementato la distruzione del mondo vegetale e animale. Diboscamento, deforestazione, scarichi minerari e industriali hanno annientato, avvelenato, modificato buona parte degli ecosistemi, facendo scomparire, insieme ai vegetali, cibo e riparo per molte specie animali già minacciate dalla caccia forsennata e illegale. Negli ultimi anni, scienziati e associazioni ecologiste hanno ottenuto che i governi emanassero leggi per la protezione di alcune specie e di alcuni ambienti e avviassero progetti che prevedono la riproduzione di animali in cattività (chiusi negli zoo), per tentare la ripopolazione. La caccia dei bracconieri, l inquinamento e la distruzione dell ambiente, però, non lasciano molte speranze. Quali sono le specie più a rischio? Ecco alcuni esempi. La deforestazione, che rende sempre più ridotto lo spazio vitale per gli animali, minaccia l orango, lo scimpanzé, il tapiro indiano e il gorilla equatoriale africano. Tra i variopinti uccelli dell America latina rischiano moltissimo il pappagallo Ara Spix e l allocco della California. L inquinamento delle acque dei laghi ha ridotto a meno di 50 individui gli svassi del Perù (uccelli); quello delle acque marine minaccia gravemente la foca monaca e i pinguini sudafricani. La caccia spietata dei bracconieri sta estinguendo il rinoceronte corazzato indiano, la tigre siberiana e la zebra di Grevy. La caccia in mare minaccia, invece, la sopravvivenza delle balene. E che dire dei bisonti? A partire dal 1870, per ridurre alla fame i Pellerossa, i bianchi sterminarono questi colossi della prateria: dei quasi 70 milioni di capi presenti all inizio del secolo, nel 1889 ne restavano solo 800. Il «famoso» Buffalo Bill si vantava di averne uccisi circa 4300 in un anno e mezzo! Conosci qualche associazione ambientalista che si occupa della salvaguardia di animali e piante a rischio di estinzione? Se sì, quali? Riflettendo su quanto hai letto, quali pensi che potrebbero essere le soluzioni più efficaci per rimediare a questo problema? (Puoi scrivere anche sul retro della scheda)

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti SCIENZE La Vita Ti sarà capitato di trovare un po di muffa in un vasetto di marmellata o su un limone in frigorifero, o di considerare, con golosità o perplessità a seconda che ti piaccia o no, le chiazze

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

La catena alimentare. Sommario

La catena alimentare. Sommario La catena alimentare classe Istituto Comprensivo anno scolastico 2009/10 Sommario Che cos è la catena alimentare Il ciclo alimentare I produttori I consumatori primari I consumatori secondari I consumatori

Dettagli

Il mondo dei materiali

Il mondo dei materiali Il mondo dei materiali Tutti i giorni usiamo moltissimi oggetti che sono fatti di materiali diversi come il legno, la plastica, il ferro, la stoffa. Alcuni materiali si trovano in natura, altri sono stati

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2005 2006 PROVA DI SCIENZE. Scuola Secondaria di I grado. Classe Prima. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2005 2006 PROVA DI SCIENZE. Scuola Secondaria di I grado. Classe Prima. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2005

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

Quanti animali! Mettiamo ordine

Quanti animali! Mettiamo ordine Quanti animali! Mettiamo ordine Quando... Classe III mangia, è mangiato Quanto... 3 mesi CON... Italiano Educazione all immagine Matematica COME... Immagini chiare e dettagliate Filmati :EARTH,OCEANI,LIFE

Dettagli

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule piccolissime e visibili solo al microscopio.

Dettagli

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia Laboratorio di scienze La luce e le ombre Questo laboratorio ti farà sperimentare che cosa è l energia radiante (quella dei raggi solari, la luce). Inoltre scoprirai come si possa anche giocare con i raggi

Dettagli

Origine ed evoluzione della vita

Origine ed evoluzione della vita Origine ed evoluzione della vita Nasce la vita 4,5 miliardi di anni fa - la Terra è un oceano di lava - l atmosfera è formata da: vapore acqueo azoto anidride carbonica metano ammoniaca 3,5 miliardi di

Dettagli

L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA

L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA L ORIGINE DELLA VITA SULLA TERRA Scavando nei siti dove sono stati trovati dei reperti, geologi e paleontologi sono riusciti a ricostruire le tappe dell evoluzione (= lento ma continuo cambiamento degli

Dettagli

Il frullato rosa pag. 1

Il frullato rosa pag. 1 COSTRUIRE: elenco comandi Il frullato rosa pag. 1 Occorrente - 4 cestini di fragole - 2 banane - 2 tazze di latte - 2 vasetti di yogurt naturale - 3 cucchiai di zucchero - mezzo limone - il frullatore

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base Albedo Foglio delle informazioni di base Quando la radiazione solare raggiunge la Terra, parte dell energia è assorbita dalla sua superficie, mentre la restante parte è riflessa e ritorna indietro nell

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

La varietà della natura

La varietà della natura La varietà della natura Compiti: 1. Leggi il testo 2. Risolvi il quiz sulla biodiversità Cosa centra la biodiversità con me? Dai uno sguardo alla tua classe. Ci sono compagni con i capelli biondi, compagne

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L ARIA Brevi indicazioni didattiche

L ARIA Brevi indicazioni didattiche L ARIA Brevi indicazioni didattiche Il percorso didattico è incentrato sulla sperimentazione e l osservazione, pertanto procuriamoci tutto il materiale necessario: contenitori in vetro, bicchiere, cartolina,

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

guida all idratazione

guida all idratazione guida all idratazione Idratazione senza mani dal 1989 2 > Contenuto La nostra storia.................................... 03 Prestazioni al limite............................. 04-07 Studi riguardanti gli

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

Orso polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch

Orso polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Orso polare Dossier di presentazione Michel Terrettaz / WWF-Canon Scheda Dimensioni:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA 2. L alunno riconosce e descrive i fenomeni fondamentali del mondo fisico, biologico e tecnologico. 1a. Osservare con attenzione il mondo circostante

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH Nei mesi invernali freddo, vento e umidità sono i peggior nemici della pelle soprattutto delle zone delicate e sensibili del viso e del collo. Con alcune precauzioni è possibile mantenere la pelle in ottime

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Diffusione del video Non siamo irrecuperabili Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Direzione Ambiente Governo e Tutela del territorio Ciclo Integrato dei Rifiuti e Servizio Idrico Integrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Disciplina:Scienze Livello:A2-B1 COME SI NUTRE UNA PIANTA? Gruppo 6 Autori:Albanello Aida, Peretti Chiara, Pontara Susanna, Pignataro Stefania. Destinatari:Percorso

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO Le attività e i percorsi proposti per la scuola primaria e secondaria di I grado tendono, con metodologie e strumenti differenti per i due livelli, a esercitare e

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Il forno solare. Un forno solare deve

Il forno solare. Un forno solare deve Il forno solare Anche con il più semplice fra i forni solari possiamo cuocere molti cibi, senza fatica, senza consumare combustibile e acquistando consapevolezza di una interazione efficace con l'ambiente.

Dettagli

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI.

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ogni giorno delle tue vacanze farai un pezzetto di viaggio e scoprirai cose nuove

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi.

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi. Area Comunicazione CARTA E CARTONE COS' E' COmE SI RACCOGLIE COSA DIVENTA LA CARTA Nata come strumento per comunicare, oggi circa la metà della carta utilizzata nella nostra società è destinata agli imballaggi.

Dettagli

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi.

Analizziamo in tabella le peculiarità dei mammiferi. IL CENOZOICO Brevi suggerimenti didattici. La vita recente Iniziamo il percorso visualizzando la linea del tempo delle ere studiate aggiungendo l era cenozoica. Il nome Cenozoico viene dalla lingua greca.

Dettagli

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub. WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Volpe polare Dossier di presentazione Klein & Hubert / WWF Scheda Dimensioni:

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI In sopravvivenza occorre conoscere i bisogni nutritivi del corpo e come farvi fronte. Un corpo sano può sopravvivere con

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

Progetto Green Schools

Progetto Green Schools SCUOLA DELL INFANZIA FONDAZIONE MARIA SERBELLONI TAINO Progetto Green Schools EDUCAZIONE AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO A.s. 2013-2014 1 INTRODUZIONE Il progetto greeen schools in questo anno scolastico

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI SCIENZE. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI SCIENZE. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

IL REGNO DEGLI ANIMALI

IL REGNO DEGLI ANIMALI STITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE DI MALEO SCUOLA PRIMARIA DI MALEO CLASSE 5^B DOCENTE: RAFFAELLA CECCONI IL REGNO DEGLI ANIMALI l regno animale è costituito da circa 1 milione e mezzo di specie viventi,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di

Dettagli

CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI

CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI Nella biologia, lo studio degli esseri viventi, è molto importante sapere chi mangia che cosa. Questa informazione serve per capire che tutti gli esseri viventi sono

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Pulire il Rame. Pulire Ottone

Pulire il Rame. Pulire Ottone Pulire il Rame La pulizia del rame viene effettuata come facevano i vecchi.si scioglie del sale con dell aceto o con del succo di limone e si strofina con uno straccio o una spugnetta non abrasiva tutta

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

Temperatura uguale calore?

Temperatura uguale calore? SCIENZE La Materia Ti sarà capitato qualche volta di toccare un oggetto e di sentirlo caldo. Che cosa hai pensato della sua temperatura? Se ci pensi, nel linguaggio comune temperatura e calore sono termini

Dettagli

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 BIODIVERSITA Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 Biodiversità 1 Significato del termine 2 Dal punto di vista dell uomo 3 Dal punto di vista biologico 4 I numeri

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Laboratori didattici per bambini

Laboratori didattici per bambini Laboratori didattici per bambini 1. Dimmi dove abiti e ti dirò chi sei. Alla scoperta delle tane e delle abitazioni del mondo animale. Dove dormono le chiocciole? Le lumache? E i ricci e i ghiri? Dove

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

DIDATTICA DELLA FISICA E DELLA BIOLOGIA PROGRAMMA PER STUDENTI NON FREQUENTANTI. A.A. 2010-2011

DIDATTICA DELLA FISICA E DELLA BIOLOGIA PROGRAMMA PER STUDENTI NON FREQUENTANTI. A.A. 2010-2011 Svolgi le attività Osservazioni in un ambiente naturale, Confronto tra rappresentazione e animale vero, Esperienza dall ipertesto, Analisi di percorsi di biologia nella scuola dell infanzia seguendo le

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE ELENCO MATERIALE DI SCIENZE Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze L acqua (ed. De Agostini Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze Il pianeta Terra (ed. De Disney - Esplora: tutto il mondo

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N 4 A BAROLINI VIA R PALEMONE, 20 CAP 36100-0444 500094-0444 504659 - segdidattica@ic4baroliniit CODICE FISCALE 80016410245

Dettagli

Catene alimentari. Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado

Catene alimentari. Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado Catene alimentari Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado Processi vitali Tutti gli animali sono caratterizzati da sette processi vitali: 1. Movimento - riescono a muovere il corpo 2. Respirazione

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

L acqua è un bene prezioso!

L acqua è un bene prezioso! Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Istituto Onnicomprensivo A. Argoli Scuola Primaria D. Bevilacqua - Tagliacozzo L acqua è un bene prezioso! Il ciclo dell acqua raccontato ai genitori dai bambini

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

STORIA IO HO BISOGNO DI...

STORIA IO HO BISOGNO DI... STORIA Martina è una bambina che frequenta la classe terza. La sua giornata trascorre in modo simile alla tua. Martina ha, come te, dei bisogni: mangiare, riposarsi, ripararsi dal freddo... Come li soddisfa?

Dettagli

Deserti I CLIMI DESERTICI

Deserti I CLIMI DESERTICI Deserti Dune di sabbia, palmizi e dromedari. È così che ci si immagina un deserto, di solito. In realtà, nella maggior parte dei deserti, la sabbia non c è e non c è mai stata! Enormi aree desertiche sono

Dettagli

SCIENZE - CLASSE PRIMA

SCIENZE - CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 SCIENZE - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Utilizza i

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO Proposte didattiche ed educative del di Bormio SO Il costituisce un punto di riferimento per la riproduzione di specie rare, una fonte di divulgazione scientifica, un richiamo per gli appassionati della

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli