8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?"

Transcript

1 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati a intervenire nell esecuzione e i requisiti di cui devono essere in possesso ai fini dell intervento. Caratteristiche: individuare le possibili forme e le modalità procedurali dell intervento nella procedura esecutiva. Articolazione della risposta Nel processo esecutivo è ammesso l intervento di altri creditori. Nel caso di più creditori che intendano soddisfarsi nel corso di una stessa procedura, il creditore che ha preso l iniziativa è detto comunemente creditore procedente. Il codice di rito accoglie, a riguardo, i seguenti principi: sullo stesso bene è ammesso un solo processo di esecuzione («pignoratio super pignorationem non admittitur»); i creditori intervenuti, se muniti di titolo esecutivo, possono provocare i singoli atti espropriativi nell inerzia del creditore procedente; in sede di distribuzione del prezzo tutti i creditori sono, per il principio della «par condicio creditorum», in condizioni di parità salvo coloro che godono di cause di prelazione (privilegi ed ipoteche: art c.c.), anche processuale (art. 499, comma 4, c.p.c.). 8 bis. In quali forme può avvenire l intervento dei creditori nella procedura esecutiva? L intervento può avvenire in due forme: a) partecipazione all atto di pignoramento In tal caso, i creditori che diventano compignoranti assumono la qualità di litisconsorti. In particolare: nel caso di pignoramenti contemporanei sullo stesso bene: si procede all unione degli stessi in un pignoramento unico (art. 523 c.p.c.); nel caso di pignoramenti successivi sullo stesso bene: si procede alla ricognizione dei beni già pignorati (artt e 561), ma anche in questo caso tutti i pignoramenti successivi trovano luogo in un unico pro-

2 Il processo di esecuzione 253 cesso, mediante l inserzione dei verbali di pignoramento in un solo fascicolo; nel caso di pignoramento successivo tardivo (cioè dopo la udienza fissata per l autorizzazione della vendita o per l assegnazione) ovvero dopo la presentazione del ricorso per l assegnazione o la vendita qualora il valore dei beni pignorati non superi euro): la posizione di «compignorante» ha il solo effetto di fare partecipare il creditore alla distribuzione della somma ricavata (art ), previa soddisfazione delle ragioni del creditore procedente (salvi i diritti di prelazione). b) partecipazione alla distribuzione della somma ricavata In base all art. 499, comma 1, così come novellato dal D.L. 32/2005, possono intervenire nell esecuzione anche i creditori non divenuti compignoranti e precisamente: i creditori muniti di titolo esecutivo (tra i quali sono ricompresi anche coloro che abbiano ottenuto provvedimenti d urgenza che prevedono la condanna al pagamento di somme di denaro, i quali, pur avendo natura cautelare, ricevono attuazione nelle forme del libro terzo del codice di procedura civile), e ciò anche se il loro credito sia sorto dopo il pignoramento; i predetti partecipano alla distribuzione del ricavato secondo le cause di prelazione stabilite dal diritto sostanziale e, se chirografari, a seconda che il loro intervento sia tempestivo o meno; i creditori privi di titolo esecutivo che vantino un credito sorto prima del pignoramento, i quali, al momento del pignoramento, avevano eseguito un sequestro sui beni pignorati ovvero avevano un diritto di pegno o un diritto di prelazione risultante da pubblici registri, ovvero erano titolari di un diritto di credito di somma di denaro risultante dalle scritture contabili di cui all art c.c. A norma dell art. 499, comma 2, come modificato dal D.L. 35/2005, l intervento si attua mediante il deposito di un ricorso contenente l indicazione del credito e del suo titolo, nonché la richiesta di partecipazione alla somma ricavata e la dichiarazione di residenza o l elezione di domicilio in cui ha sede il giudice competente per l esecuzione. Se l intervento ha luogo per un credito di somma di denaro risultante dalle scritture contabili di cui al comma 1, al ricorso deve essere allegato, a pena di inammissibilità, l estratto autentico notarile delle medesime scritture rilasciato a norma delle disposizioni vigenti. Se ne ricava che, per quanto concerne i creditori sforniti di titolo esecutivo, l onere di produzione documentale sussiste soltanto per i creditori che intervengano avvalendosi delle scritture contabili obbligatorie.

3 254 Parte Sesta I creditori privi di titolo esecutivo devono notificare al debitore, entro i 10 giorni successivi al deposito dell intervento copia del ricorso (e dell estratto autentico delle scritture contabili se tale è il titolo dell intervento). La copia notificata deve essere poi depositata in cancelleria. Il termine di 10 giorni per la notifica del ricorso per intervento al debitore non è perentorio, ma condiziona in ogni caso il diritto dell interventore di partecipare alla distribuzione. La mancata notificazione del ricorso, in tempo utile per l udienza di verifica, comporta infatti la decadenza del creditore, non dall intervento nel processo esecutivo, ma dal diritto di partecipare senza titolo esecutivo alla distribuzione, per effetto della mancata comparizione di questo in udienza; se, invece, il debitore compare e riconosce espressamente il credito, l omessa notificazione del ricorso deve, evidentemente, considerarsi sanata (SEN- SALE). La ratio di tale disposizione è quella di consentire all esecutato di avere notizia della pretesa creditoria avanzata dall interventore prima della celebrazione dell udienza di comparizione di cui all art. 499, commi 5 e 6, per l appunto finalizzata all eventuale riconoscimento del credito. 8 ter. Per quale motivo, se nella procedura esecutiva intervengono creditori privi di titolo esecutivo, il debitore esecutato ha l onere di comparire all udienza che il giudice dell esecuzione fissa ai sensi dell art. 499 c.p.c.? L art. 499, comma 6, c.p.c. prevede che il debitore debba dichiarare all udienza di comparizione quale dei crediti, per i quali hanno avuto luogo gli interventi, egli intenda riconoscere in tutto o in parte, specificando in quest ultimo caso la relativa misura. Se il debitore non compare, si intendono riconosciuti tutti i crediti per i quali hanno avuto luogo interventi in assenza di titolo esecutivo: dal comportamento negativo del debitore consegue quindi un implicita ammissione dell esistenza del credito, sia pure ai soli fini esecutivi, disposizione in qualche modo paragonabile, quanto agli effetti, alla mancata comparizione dell intimato alla udienza di convalida di sfratto. Il riconoscimento del credito da parte del debitore ha peraltro efficacia solo all interno del processo esecutivo (l art. 499, comma 6, precisa che il riconoscimento rileva comunque ai soli effetti dell esecuzione), con la conseguenza che esso è ammesso alla distribuzione per l importo indicato dal creditore nel ricorso per intervento (fatto salvo il potere del giudice dell esecuzione di quantificare il credito, sulla base degli elementi probatori forniti dal creditore, in misura diversa da quella indicata dallo stesso creditore).

4 Il processo di esecuzione 255 In caso di disconoscimento del credito, invece, il creditore ha l onere di munirsi di titolo esecutivo e, prima di tutto, deve proporre istanza di accantonamento delle somme eventualmente spettanti in sede di distribuzione (secondo il grado del credito) e dimostrare di avere proposto nei 30 giorni successivi all udienza in cui il disconoscimento è avvenuto l azione necessaria per conseguire il titolo; se, invece, il creditore sine titulo non si attiva con le modalità appena descritte, non può partecipare alla procedura e l intervento deve essere dichiarato inammissibile. L accantonamento non può durare oltre tre anni (termine massimo stabilito dall art. 510 c.p.c., potendo il giudice dell esecuzione disporlo per il minore tempo ritenuto necessario), trascorso il quale il giudice dell esecuzione, d ufficio o su istanza di una delle parti, deve fissare una nuova udienza per la distribuzione della somma accantonata, in favore di coloro che nel frattempo si siano muniti del titolo esecutivo. 8 quater. A quali effetti rileva la tempestività dell intervento nella procedura esecutiva? Anche nel processo esecutivo novellato dal D.L. 35/2005 (conv. in L. 80/ 2005) permane la distinzione tra intervento tempestivo e intervento tardivo e ciò sia con riguardo ai creditori muniti di titolo esecutivo, sia a quelli sforniti di titolo, sia con riferimento alla categoria dei creditori chirografari rispetto a quella dei privilegiati. Per l espropriazione mobiliare la disciplina è dettata dagli artt. 525 e 528, mentre per quella immobiliare la stessa è contenuta negli artt. 563, 565 e 566. La tempestività o meno dell intervento rileva ai fini della collocazione dei creditori in sede di distribuzione della somma o dei beni; difatti, il creditore intervenuto tempestivamente è soddisfatto prima di quello chirografario intervenuto tardivamente se residua alcunché. Questa regola, tuttavia, non si applica per i creditori privilegiati, i quali, in qualunque momento del processo esecutivo siano intervenuti, fanno valere le loro ragioni a preferenza dei creditori chirografari (artt. 528, 565 e 566 c.p.c.). Qualora poi l intervento del creditore privo di titolo esecutivo avvenga dopo l udienza di verifica e, comunque dopo l udienza di autorizzazione alla vendita, l interventore ha diritto solo all accantonamento (CAPPONI; SENSALE). Altra ragione di prelazione di natura processuale (LUISO) è quella derivante dalla norma (art. 499, comma 4) per cui il creditore procedente può indicare al creditore intervenuto altri beni del debitore su cui estendere il pignoramento.

5 256 Parte Sesta Nel caso in cui tale invito non sia stato raccolto, questi ultimi si vedono postergati al creditore procedente al momento della distribuzione. 9. Attraverso quali strumenti il creditore procedente ottiene la «liquidazione» del bene oggetto di espropriazione? Riferimenti normativi: artt e segg. c.p.c. Definizione e caratteristiche: elaborare i concetti di «liquidazione», «vendita» e «assegnazione», evidenziando la differenza tra la vendita e l assegnazione e rispettivi effetti giuridici. Articolazione della risposta Per la realizzazione concreta del credito, il creditore procedente (o qualunque altro creditore intervenuto, munito di titolo esecutivo) deve ottenere la liquidazione dei beni oggetto di espropriazione, ossia la trasformazione dei beni in denaro. Egli ha due possibilità: fare istanza per la vendita dei beni pignorati; fare istanza per la loro assegnazione in pagamento. Tale alternativa è possibile: in via preventiva, solo nell espropriazione mobiliare di titoli di credito o di quelle cose aventi un valore determinato o determinabile da listini di borsa o mercato (mercuriali) etc.; in via successiva, dopo che siano falliti gli esperimenti di vendita. L istanza non può essere proposta prima di 10 giorni dal pignoramento (tranne che si tratti di cose deteriorabili) e non oltre 90 giorni dal pignoramento stesso. Nel caso di cose date in pegno o di mobili registrati soggetti ad ipoteca, il termine decorre dal giorno del precetto, mancando la fase del pignoramento. Il giudice competente fissa l udienza per l autorizzazione della vendita o per l assegnazione, secondo i modi e le forme prescritte dal codice di rito (tranne nell espropriazione presso terzi, ove l udienza è indicata nell atto di citazione notificato al terzo e al debitore a cura del creditore).

6 Il processo di esecuzione 257 Quest udienza segna per i creditori il momento preclusivo per l intervento tempestivo e costituisce inoltre il termine ultimo entro il quale, a pena di decadenza, devono essere fatte valere le opposizioni agli atti esecutivi (artt e c.p.c.). Nell udienza fissata il giudice competente dispone, con ordinanza, la vendita o l assegnazione. 9 bis. Che differenza c è tra la vendita forzata e l assegnazione? Che cos è che al di là delle differenze strutturali accomuna i due istituti? La vendita forzata che può avvenire all incanto (ossia con offerte successive in aumento) o senza incanto (a mezzo di commissionario) ha la funzione di trasformare i beni pignorati in denaro liquido (per cui, qualora il pignoramento abbia colpito una somma di denaro, questa fase non avviene, ed il creditore procedente può chiedere senz altro la distribuzione). L assegnazione, invece, consiste nella attribuzione diretta del bene pignorato al creditore sulla base di un determinato valore, al fine di soddisfare il suo credito. Il bene viene trasferito al creditore, per un valore che non può essere inferiore alle spese di esecuzione e ai crediti aventi diritto a prelazione anteriori al credito dell offerente (art. 506 c.p.c.); se nella procedura sono intervenuti altri creditori, l assegnazione può essere chiesta a vantaggio di uno solo o di più, d accordo fra tutti (art. 505 c.p.c.). Ciò che tuttavia accomuna i due strumenti è il fatto che entrambi sono atti processuali condizionati e, precisamente, sottoposti a condizione sospensiva: nel caso della vendita: condizione è l effettivo versamento del prezzo nel modo e nel tempo fissato; nel caso dell assegnazione: condizione è il deposito della parte di prezzo eccedente il credito dell assegnatario (art. 162 disp. att.) o del versamento della somma non inferiore al valore minimo del bene, o del prezzo determinato dal valore dell immobile. Il trasferimento definitivo del bene è collegato ad un provvedimento del giudice dal quale derivano effetti sostanziali e processuali. Dal punto di vista sostanziale, si osservi che: l effetto traslativo (ossia il passaggio del bene nella proprietà dell aggiudicatario o dell assegnatario) si verifica, nell espropriazione mobiliare, al momento dell aggiudicazione e del pagamento del prezzo; in quella immobiliare, nonché nell assegnazione, al momento del decreto di trasferimento;

7 258 Parte Sesta l effetto estintivo (o purgativo) consiste nell ordine del giudice che si cancellino le trascrizioni dei pignoramenti e le iscrizioni ipotecarie (il bene si trasferisce libero da pesi e vincoli). Dal punto di vista processuale, si verifica che l oggetto del processo esecutivo, una volta trasferito il bene, non è più la cosa, ma il prezzo sul quale dovrà soddisfarsi il creditore: «pretium succedit in locum rei». 9 ter. Entro quali limiti i creditori possono domandare l assegnazione in pagamento in alternativa alla vendita? L assegnazione in pagamento è un atto concorrente con la vendita, rimesso alla discrezione dei creditori, entro i seguenti limiti: a) espropriazione mobiliare: l assegnazione può essere chiesta sin dall inizio per i titoli di credito o per quei beni il cui valore risulti da listino di borsa o di mercato (art. 529 c.p.c.); per gli altri beni (ad eccezione degli oggetti d oro e d argento che, se restano invenduti, sono assegnati per il loro valore intrinseco ai creditori) per le procedure esecutive instaurate dal 1 marzo 2006 non può più essere avanzata istanza di assegnazione all esito negativo del primo incanto, dovendo essere fissato un nuovo incanto ad un prezzo inferiore di un quinto rispetto a quello precedente (art. 538 novellato); b) espropriazione immobiliare: l assegnazione può essere chiesta soltanto 10 giorni prima della data dell incanto per il caso in cui la vendita non abbia luogo per mancanza di offerte (art. 588 novellato), nel qual caso concorre con l amministrazione giudiziale o con un nuovo incanto (art. 591 c.p.c.); c) espropriazione mobiliare presso terzi: l assegnazione è l unica forma satisfattoria prevista, quando il terzo si dichiara o è dichiarato debitore di somme esigibili immediatamente o in termine non maggiore di 90 giorni. Tali crediti sono assegnati dal giudice dell esecuzione in pagamento, salvo buon fine, ai creditori concorrenti (art. 553 c.p.c.). L opinione prevalente ritiene che l assegnazione in pagamento abbia natura giuridica di datio in solutum o di datio pro solvendo, a seconda che abbia per oggetto una cosa o un credito.

8 Il processo di esecuzione quater. Che cosa si verifica se l aggiudicatario o l assegnatario non versano il prezzo oppure se le cose pignorate risultano invendute? Nel caso di mancato versamento del prezzo da parte dell aggiudicatario o dell assegnatario: a) nella vendita mobiliare all incanto l organo esecutivo incaricato della vendita, dopo aver preso atto dell inefficacia della prima vendita, procede a nuovo incanto (art. 540 c.p.c.). L art. 48 della L , n. 69 ha introdotto nel codice di procedura civile, l art. 540bis, rubricato «Integrazione del pignoramento», il quale prevede che, quando le cose pignorate risultano invendute in seguito al secondo o al successivo esperimento, ovvero quando la somma assegnata non è sufficiente a soddisfare le ragioni dei creditori, il giudice, ad istanza di uno di questi, provvede all integrazione del pignoramento, sicché l ufficiale giudiziario riprende senza indugio le operazioni di ricerca dei beni. Se sono pignorate nuove cose, il giudice ne dispone la vendita senza che vi sia necessità di nuova istanza. In caso contrario, dichiara l estinzione del procedimento, salvo che non siano da completare le operazioni di vendita; b) nella vendita immobiliare con incanto il giudice, se il prezzo non è depositato nel termine, con decreto (art. 587): dichiara la decadenza dell aggiudicatario; pronuncia la perdita della cauzione a titolo di multa; dispone un nuovo incanto. In seguito all inadempimento dell aggiudicatario sono poste a suo carico: le spese del nuovo incanto; la perdita della cauzione; l obbligo di pagare, come risarcimento dei danni, l eventuale differenza in meno tra il prezzo ricavato dalla seconda vendita rispetto alla prima. 10. Che cosa s intende per «massa attiva»? Quali regole governano la distribuzione della somma ricavata dalla vendita forzata? Riferimenti normativi: artt c.p.c. Definizione e caratteristiche: elaborare il concetto di «massa attiva», specificandone la composizione, e poi passare in rassegna le norme che ne disciplina-

9 260 Parte Sesta no la ripartizione tra i creditori. Distinguere l ipotesi di pluralità di creditori (compignoranti o intervenienti) dall ipotesi in cui ad agire è un solo creditore. Altri aspetti rilevanti: le controversie in sede di distribuzione. Articolazione della risposta La massa attiva (art. 509 c.p.c.), che deve essere distribuita tra i creditori intervenuti all espropriazione, è composta da: a) prezzo dei beni venduti; b) conguaglio per le cose assegnate, ossia la differenza fra il valore attribuito al bene e il credito dell assegnatario; c) rendite e proventi, cioè i frutti civili naturali (es. interessi) dei beni pignorati; d) multe o somme eventualmente dovute per risarcimento del danno dall aggiudicatario inadempiente. La distribuzione di tale somma tra i creditori, al fine di realizzare il soddisfacimento dei loro crediti, è l ultima fase del processo di esecuzione. La ripartizione avviene secondo le seguenti regole: a) se vi è un solo creditore pignorante senza intervento di altri creditori, il giudice sentito il debitore dispone in favore del creditore stesso il pagamento di quanto gli spetta imputandolo a capitale, interessi e spese (spetta infatti al giudice dell esecuzione davanti al quale il processo si è svolto disporre, ai sensi dell art. art. 95 c.p.c., con il provvedimento di distribuzione del ricavato che lo chiude, in ordine al rimborso delle spese sopportate dal creditore pignorante e dagli intervenuti); se la somma ricavata non è sufficiente e il creditore vanta più crediti, l imputazione dei pagamenti si fa in base alla norma generale dettata dall art c.c.; b) se vi sono più creditori, compignoranti o intervenienti, il giudice procede ad un riparto dei vari crediti, secondo le norme previste nelle singole espropriazioni e che si possono così sintetizzare: dopo aver sentito tutti i creditori viene formato un piano di riparto; se tale piano viene formato in via amichevole dagli stessi creditori (cd. contratto plurilaterale di accertamento) il giudice si limita ad approvarlo;

10 Il processo di esecuzione 261 se manca l accordo o l approvazione del giudice, il piano è formato dallo stesso giudice. Naturalmente in ambedue le ipotesi devono essere rispettate le cause legittime di prelazione. Va inoltre evidenziato che, dal 1 marzo 2006, il giudice effettua la distribuzione tra i creditori del ricavato previo accantonamento (per una durata non superiore ad un triennio) delle somme che spetterebbero ai creditori privi di titolo esecutivo i cui crediti non siano stati in tutto o in parte riconosciuti dal debitore (art. 510 novellato). La somma residua è consegnata al debitore o al terzo che ha subìto l esproprio. 10 bis. Che cosa deve fare il giudice dell esecuzione se, in sede di distribuzione della somma ricavata, sorgono controversie? L art. 512 c.p.c. come modificato dal D.L. D.L. 35/2005, conv. in L. 80/ 2005 attribuisce al giudice dell esecuzione il potere di definire con ordinanza, sentite le parti e compiuti i necessari accertamenti, le controversie, qualunque valore esse abbiano, che dovessero insorgere tra creditori concorrenti o tra creditori e debitore circa la sussistenza o l ammontare di uno o più crediti ovvero sulla sussistenza dei diritti di prelazione. L ordinanza è impugnabile mediante opposizione agli atti esecutivi (a sua volta definita con sentenza inappellabile, ma ricorribile in Cassazione per violazione di legge ai sensi dell art. 111 Cost.). Con la stessa ordinanza, con cui definisce la controversia, il giudice dell esecuzione può sospendere in tutto o in parte la distribuzione del ricavato: quindi con lo stesso provvedimento con cui vengono risolte le controversie distributive, il giudice può decidere di sospendere la concreta distribuzione delle somme in vista dell eventuale impugnativa. Prima della riforma del 2005 tali controversie (o contestazioni) davano luogo ad un vero e proprio giudizio di cognizione, inserito come una parentesi nel processo di esecuzione, ed erano istruite dallo stesso giudice dell esecuzione se competente, o rimesse al giudice competente in base al valore del maggiore dei crediti contestati. Resta del giudice dell esecuzione il potere di sospendere totalmente o parzialmente il procedimento. In tale ultima ipotesi il giudice provvede alla distribuzione di quella parte della somma ricavata che non risulta controversa (art. 512, comma 2, c.p.c.). Terminata la fase della distribuzione il giudice emette ordini di pagamento agli aventi diritto: solo in seguito ai quali il danaro passa a ciascun creditore.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La conversione del pignoramento. di Filippo D Aquino

La conversione del pignoramento. di Filippo D Aquino La conversione del pignoramento di Filippo D Aquino Sommario 1. Natura... 1 2. Evoluzione normativa... 3 3. Operatività... 7 4. Legittimazione... 8 5. Istanza della parte... 9 6. Procedimento... 11 7.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

D.L. 83/2015 Le disposizioni in tema di procedure esecutive e processo civile telematico (2.0)

D.L. 83/2015 Le disposizioni in tema di procedure esecutive e processo civile telematico (2.0) Art. 480. (Forma del precetto) Il precetto consiste nell'intimazione di adempiere l'obbligo risultante dal titolo esecutivo entro un termine non minore di dieci giorni, salva l'autorizzazione di cui all'articolo

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo è finalizzato all identificazione dei creditori (aventi titolo anteriore alla procedura)

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Studio n. 283-2015/C Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 28 maggio 2015 Lo studio

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420.

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420. QUESTIONI CONTROVERSIE IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI ANTICIPATORI Relatore: dott. Franco DE STEFANO pretore della Pretura circondariale di Salerno SOMMARIO: I cosiddetti provvedimenti anticipatori. Il testo

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli