Il lavoro: garanzia del futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il lavoro: garanzia del futuro"

Transcript

1 Pubblicazione semestrale a cura della UIL-SGK - Unione Italiana del Lavoro Südtiroler Gewerkschaftskammer Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, NE/BZ. Direttore Responsabile: THOMAS LACONI. Grafica e stampa-graphik und Druck: Tezzele by Esperia - Bolzano-Bozen. Jahr-Anno Sechsmonatliche Zeitung der SGK-UIL Versand in P.A. D.L. 353/2003 (con. in L. 27/02/2004 Nr. 46) Art. 1 PT-Fil. BZ - e 3,00 INFORMATIONSBLATT DER SÜDTIROLER GEWERKSCHAFTSKAMMER PERIODICO DI INFORMAZIONE DELLA CAMERA SINDACALE ALTO ADIGE 3/2011 1/2014 Il lavoro: garanzia del futuro Die Arbeit: Garantie für eine friedliche Zukunft

2 Sommario - Inhaltsverzeichnis 2014 anno congressuale per la Uil e la Uil-Sgk Toni Serafini Impressum Roc: 23240/21/02/2013 Direttore responsabile: Thomas Laconi Coordinatore - Koordinator Gianni Frezzato Comitato di Redazione Inform - Redaktionskomitee: Oriana Ballista Alfred Delmonego Gianni Frezzato Cristina Girardi Toni Serafini Remigio Servadio Christian Troger Hanno inoltre collaborato - MitarbeiterInnen dieser Nummer: Salvatore Falcomatà Gigi Mongelli Devid Olivotto Daniele Oscar Petra Segato Editore - Verlag Redazione Redaktion: Bolzano, Bozen Via Ada Buffulini Strasse, 4 Tel. 0471/ fax 0471/ Tiratura Auflage: copie Kopien Marzo-März 2014 Neue Landesregierung Südtirols: Demokratiepolitischer Frühling!? Landessteuerpolitik zu wenig gerecht Christian Troger Per un futuro possibile Gianni Frezzato Giunta provinciale: bene il metodo e bene il lavoro come priorità Toni Serafini Nein zu TAFTA Christian Troger Auf der Seite der Frauen Chanchengleichheit und Genderpolitik Petra Segato dalle categorie aus den Fachgewerkschaften Mpreis Italien: Neues Betriebsabkommen Christian Troger Il pericolo n. 1: la crisi Uiltucs - Remigio Servadio Memc Sunedison una crisi al capolinea Uiltec Daniele Oscar Rifiuti e raccolta a Bolzano Salvatore Falcomatà In ricordo di Angelo Pannetta Inserti Beilagen Speciale Beilage Mod. 730/2014 Gigi Mongelli Tipografia Tezzele by Esperia 2

3 Editoriale 2014 ANNO CONGRESSUALE PER LA UIL E LA UIL-SGK Il 2014 sarà per la UIL l anno del Congresso e quindi anche per la Camera Sindacale UIL-SGK Alto Adige Südtirol. Infatti il Consiglio Nazionale della UIL ha deliberato di convocare il Congresso Nazionale della UIL per il 19, 20 e 21 novembre. Il Consiglio Confederale UIL-SGK ha quindi deliberato di convocare il Congresso della Camera Sindacale Alto Adige Südtirol per venerdì 23 maggio. Una stagione congressuale che deve essere pieno di confronti di idee e di proposte per fornire risposte adeguate al nostro futuro e al movimento sindacale. E inoltre nostra convinzione che, in questa fase di grosso sbandamento della società, sia fondamentale definire bene il profilo del Sindacato del Futuro. Un Sindacato che deve sempre avere al centro della sua iniziativa il LAVORO. Le parole chiave della UIL e della UIL- SGK si possono così riassumere: noi vogliamo un SINDACATO. Europeo: per fornire un apporto decisivo alla costruzione di una cittadinanza europea, ma soprattutto l Europa va realizzata in campo sociale. Riformatore: perché serve una vera politica di cambiamento, per una società aperta e inclusiva, con riforme che migliorino la qualità della vita dei cittadini, con un processo di miglioramento costante e condiviso. Libero: autonomo dai partiti e dal potere politico, che tiene sempre come punto di riferimento della sua azione gli interessi, le speranze e le aspettative dei lavoratori, delle lavoratrici, dei pensionati e delle pensionate. Laico e Pluralista: per riaffermare la cultura laica e pluralista del rispetto delle differenze, indipendente e con libertà di giudizio, capace di leggere, analizzare e decidere senza pregiudizi e con la mente aperta. Democratico: impegnato ad affermare e garantire la democrazia in tutte le sue forme e a tutti i livelli. Inclusivo: fare della promozione dell inclusione sociale e della coesione sociale uno dei suoi connotati fondamentali. Innovativo: operare uno sforzo di profondo rinnovamento degli strumenti con i quali attuare la propria cultura politica, sociale ed economica. Partecipativo: la concezione partecipativa della UIL si è fondata sul rifiuto di un conflittualismo esasperato, fine se stesso, ma anche intolleranza verso ogni forma di parassitismo. Partecipazione è responsabilità. Per l economia civile: nodo fondamentale da affrontare oggi su scala globale è la costruzione di un nuovo equilibrio tra capitalismo globale e democrazia, con un obiettivo chiaro: globalizzare i diritti! Autonomista: nel riconfermare la nostra scelta per l Autonomia, rivendichiamo e lavoriamo per una autonomia che CALENDARIO CONGRESSI - KALENDER KONGRESSE CATEGORIE - FACHGEWERKSCHAFTEN UIL-SGK 2014 UILA 3.5. FeNEAL/BAU UILTEC UILM 8.5. UILCOM UILPOST/E UILTuCS UILCA UILTRASPORTI UILFPL/LKG 9.5. UILSCUOLA UILPA UILPensionati/Rentner 7.5. sappia mettere al centro la politica sociale e la convivenza, che quindi sappia far sentire ognuno a casa propria. Toni Serafini Segretario Generale UIL-SGK XVI CONGRESSO CAMERA SINDACALE UIL-SGK ALTO ADIGE SÜDTIROL 23 MAGGIO 2014 Il Consiglio Confederale UIL-SGK Alto Adige Südtirol ha deciso di convocare, il XVI Congresso della Camera Sindacale UIL - SGK Alto Adige Südtirol presso la Sala Civica Angela Nikoletti di Oltrisarco - Bolzano, nel giorno 23 maggio Il Consiglio Confederale ha quindi approvato, all unanimità, il Regolamento congressuale, che prevede la partecipazione al Congresso di 120 delegati e delegate, suddivisi tra le 13 categorie aderenti alla UIL- SGK. XVI. LANDESKONGRESS GEWERKSCHAFT UIL-SGK SÜDTIROL ALTO ADIGE AM 23. MAI 2014 Der Landes-Generalrat UIL-SGK Südtirols Alto Adige hat beschlossen, unseren XVI. Landeskongress des Gewerkschaftsbundes UIL- SGK in Bozen, Oberau im Angela Nikoletti Saal am Freitag, 23. Mai 2014 abzuhalten. Es werden dort, laut einstimmig beschlossenem Kongress-Reglement, 120 Delegierte aus allen unseren 13 Fachgewerkschaften teilnehmen. 3

4 Leitartikel NEUE, DEUTLICH VERJÜNGTE LANDESREGIERUNG SÜDTIROLS BIS 2018 IM AMT NEUE ARBEITSWEISE DEMOKRATIEPOLITISCH VIELVERSPRECHEND, ABER EINE NICHT GENÜGEND GERECHTE AUTONOME STEUERPOLITIK WIRD FORTGESCHRIEBEN!! Der neue Landeshauptmann Arno Kompatscher hat, dem WählerInnenwillen entsprechend, Ende Jänner 2014 die neue stark verjüngte Landesregierung (L.R.) Südtirols vorgestellt. Und eine aus nur zwei Parteien SVP und PD bestehende Regierung von 8 Mitgliedern, darunter zwei Frauen zusammengestellt. Christian Tommasini, Richard Theiner, Martha Stocker und Florian Mussner sind neue Landesräte/Innen mit bereits Regierungserfahrung, während Arnold Schuler, Philipp Achammer und Waltraud Deeg neu sind. Da wir vier Gewerkschaftsbünde Uil-Sgk, SgbCisl, Agb-Cgil und Asgb im September 2013 einen sozialpolitischen Forderungskatalog für die neue Legislaturperiode allen wahlwerbenden Parteien vorgestellt haben (siehe Uil-Sgk Inform Nr ), haben wir nach der neuen Landes-Regierungsbildung gleich ein Treffen mit dieser beantragt. Dies wurde nun in einem großen Sozialpartnertreffen anfangs Februar 2014 zur lokalen Steuerfrage umgesetzt. Drei aktuelle Themen für den nächstens zu verabschiedenden Landes-Haushalt 2014 im Steuerbereich wurden diskutiert: 1) Befreiung vom regionalen Irpef- Steuerzuschlag ab 2014 (1,23%) in Südtirol 2) Neue, nun lokal festlegbare Gemeindeimmobiliensteuer (IMU) mit von den Gewerkschaften eingeforderter Befreiung von nicht Luxus Erstwohnungen 3) Regionale Steuer auf produktive Aktivitäten (IRAP) 1) Unserer Forderung einer Befreiung aller bis zu uro reichenden besteuerbaren Jahreseinkommen wurde nicht vollkommen entsprochen. Die L.R. hat hingegen eine sogenannte lokale No Tax Area von bis zu uro für alle, auch sehr reichen SteuerzahlerInnen festgeschrieben. Damit wird nicht ausreichend soziale Gerechtigkeit angestrebt, weil gerade die kleinen EinkommensbezieherÍnnen einer deutlich ausgeprägteren kaufkraftstärkenden Steuerentlastung bedürften. Zudem soll dazu noch die bisher schon bestehende, und von uns kritisierte ergänzende Steuerbefreiung bei zu lasten lebenden Kindern weiter aufrecht bleiben. Auch dies gewährt den höheren Einkommensklassen mit einem und mehreren Kindern bis zu uro um so grössere Steuerbefreiungen, je höher die Einkommen sind. 2) Die Gemeindeimmobiliensteuer (IMU), welche nun nach dem Stabilitätsgesetz und Staatshaushalt 2014 im Sinne des Steuerföderalismus in Südtirol selbst regelbar ist, sollte für nicht Luxus Erstwohnungen ab 2014 eine allgemeine Steuerbefreiung gewährleisten. Dieser Forderung will die neue Landesregierung Südtirols mittels eines relativ hohen, bisher jedoch noch nicht definierten Freibetrages in etwa entsprechen. Diese Steuerausfälle könnten durch eine höhere Umlage auf alle Zweit- Dritt- und Mehrfachwohnungseigentümer, bzw. ungenutztes, nicht vermietetes Wohnungseigentum wettgemacht werden. 3 Die Regionale Steuer auf produktive Aktivitäten (IRAP) sollte unserer Meinung nach nur bei Anwendung qualitativer Kriterien (Schaffung neuer Beschäftigung, Investitionen in Forschung und nachhaltiger Entwicklung) weiter gesenkt werden. Denn wir hatten schon in den letzten Jahren von der vorigen Landesregierung festgeschriebene, und von der Gewerkschaftsbewegung heftig kritisierte Wirtschaftssteuersenkungen (von 4,92% auf 2,98%), welche ca. 85 Millionen uro/jahr oder ca. ein Viertel an Entlastung für diese brachten, und welche bisher völlig ohne Kriterien verschenkt wurden. Leider beabsichtigt hierin auch die neue Landesregierung bisher keine Änderung, sondern will dazu noch einen weiteren ca. 10%igen Steuerabschlag (weitere ca. 10 Millionen uro Steuergeschenke an die Wirtschaft Südtirols) festschreiben. Beschäftigungskrise und Arbeitsplatzverluste gehen auch in Südtirol (siehe ZH Konkurs, Hoppe-Werkschliessung Passeier, Memc bzw. Sunedison in Meran-Sinich Arbeitsplatz- und Lohnkürzungen, Würth Neumarkt Entlassungen, Leitner Solar Personalkürzungen usw.) nach wie vor weiter und weiter..ohne daß bisher im teuren und reichen Land Südtirol von uns geforderte bessere soziale Abfederungsmassnahmen festgeschrieben worden wären. Werden wir eine nach gerechteren Kriterien praktizierte Sozial-, Wirtschaftsund Steuerpolitik des Landes Südtirol noch erleben???? Christian Troger Vize-Landessekretär UIL-SGK 4

5 LAVORARE PER UN FUTURO POSSIBILE Tre notizie: la riorganizzazione delle imprese, l aumento della disoccupazione e un nuovo governo, ma con la sola opzione di credere ed agire per un futuro possibile. Perché il nostro presente è il frutto di politiche discutibili, messe in atto dai vari Reagan e Tatcher, nel contesto internazionale, a Berlusconi, in quello nazionale, tutti convinti, in questi ultimi venti anni, che la mano invisibile del mercato agisse per il benessere dei cittadini. Un mercato in realtà regolato da mani interessate ai loro affari e che ci hanno condotti al crack finanziario del Poi politiche ancora rigoriste, che guardando al contenimento della sola inflazione, hanno favorito il crescere della disoccupazione e la riduzione degli investimenti, alimentando un clima di incertezze e paure. Ecco allora che la notizia del Censis sulla riorganizzazione delle aziende è particolarmente importante, perché forse le imprese hanno capito che senza innovazione non ci sarà più futuro. Per nessuno. Anche a livello locale. Serve poi una politica economica espansiva (maggiori investimenti sia Censis: con nuove competenze si rimette in moto il lavoro Il 37% delle aziende a caccia di nuove professionalità: soprattutto export manager, agenti di commercio, esperti di comunicazione e nuovi media, sistemisti e programmatori Roma, 27 febbraio Imprese: è ancora emergenza. La condizione di molte imprese è ancora critica: il 31,5% si trova in una fase di ridimensionamento, il 52,1% di stazionarietà, il 16,4% è in crescita. E il saldo occupazionale degli ultimi anni è stato certamente negativo: il 33,6% delle aziende ha diminuito i livelli occupazionali, il 20,2% li ha aumentati e il 46,2% li ha mantenuti invariati. Ma il dato più rilevante è che una buona parte del tessuto produttivo ha avviato processi di riorganizzazione che hanno messo al centro la valorizzazione delle competenze dei lavoratori. È la fotografia che emerge dall indagine del Censis realizzata per il Ministero del lavoro e delle politiche sociali per individuare le reazioni delle imprese italiane alla crisi. La ristrutturazione nascosta. Solo il 21,4% delle aziende con oltre 20 addetti è rimasto inerte, ma la maggioranza, pari al 78,6%, ha cercato di intervenire con iniziative di innovazione strutturale, con la creazione di nuovi prodotti e servizi (49,1%) o l introduzione di nuove tecnologie funzionali al miglioramento dei processi di lavoro (45,1%). Il 38,9% si è concentrato sul miglioramento dei canali di vendita e di comunicazione, il 34,3% sull ingresso in nuovi mercati territoriali, il 32,4% sul miglioramento della funzione finanziaria. ISTAT: Occupati e disoccupati (dati provvisori) A gennaio 2014 gli occupati sono 22 milioni 259 mila, sostanzialmente invariati rispetto al mese precedente e in diminuzione dell 1,5% su base annua (-330 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,3%, diminuisce di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,7 punti rispetto a dodici mesi prima. Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 293 mila, aumenta dell 1,9% rispetto al mese precedente (+60 mila) e dell 8,6% su base annua (+260 mila). Il tasso di disoccupazione è pari al 12,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,1 punti nei dodici mesi. I disoccupati tra i 15 e i 24 anni sono 690 mila. L incidenza dei disoccupati di anni sulla popolazione in questa fascia di età è pari all 11,5%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,8 punti su base annua. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero la quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 42,4%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,0 punti nel confronto tendenziale. Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente (-45 mila unità) e dello 0,1% rispetto a dodici mesi prima (-9 mila). Il tasso di inattività si attesta al 36,4%, in calo di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali ma in aumento di 0,1 punti su base annua. pubblici che privati, maggiore spesa pubblica per un maggiore Pil e quindi reddito) con interventi strategici in Italia, ma definita e coordinata a livello di Europa: e il nuovo governo su questo deve essere determinato. Una politica espansiva per rilanciare l economia europea, una politica che non può essere solo fiscal compact, perché se è vero che la crescita non si fa con nuovo debito, è anche vero che urge una ripresa dei consumi e questa passa attraverso una redistribuzione del reddito a favore delle classi più deboli. Serve un agenda chiara anche a livello di governo nazionale con una chiara visione di cosa si deve fare, perché non basta dire: scuola, lavoro, riforma pubblica amministrazione, fisco, debiti P.A., pensioni, accesso al credito, ius soli, cultura, legge elettorale Per combattere la disoccupazione e rilanciare i consumi non basta parlare Gianni Frezzato Segretario Confederale 5

6 ORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS D GORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS LLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGO - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FA CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE DALLE - AUS CATEGORIE DEN FACHGEWERKSCHAFTEN - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - WERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFT LLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGOR GORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS UIL SGK UILTuCS IL PERICOLO NUMERO 1: LA CRISI Il morso della crisi ha colpito in maniera pesante anche il comparto del commercio, negli ultimi mesi vi è stato un esplodere di situazioni aziendali che mai avremmo potuto pensare che si verificassero. Aziende che sino ad ora hanno dimostrato solidità e capacità di penetrazione di mercato hanno iniziato a vacillare sotto i colpi del calo dei consumi per la presenza di un futuro incerto che non da sicurezza ai consumatori sempre più spogliati tra salari che mancano all appello e tasse. Alcune multinazionali hanno iniziato a tirare i remi in barca, come si suol dire, ed ora ci troviamo a gestire 23 esuberi, comunicatoci a dicembre 2013, del colosso mondiale della distribuzione all ingrosso Metro ove il tempo di una cassa integrazione di un anno ci permette di gestire la fuoriuscita dei lavoratori che l Azienda ritiene di troppo, mettendo in atto anche un progetto di ristrutturazione del punto vendita; più difficile la vertenza che si è aperta alla Würth Italia di Egna, azienda leader nella vendita di viteria, minuteria, utensili elettrici e pneumatici, che occupa sul territorio nazionale dipendenti, la difficoltà dell Azienda, manifestatasi già dal 2008, è andata via via aumentando con l avanzare della crisi, aziende artigiane in difficoltà, edilizia, crediti da recuperare; il sindacato ha fatto di tutto per salvare posti di lavoro, da contratti di solidarietà, alla riduzione del salario e fuoriuscite incentivate, ma nonostante tutto oltre 200 sono i dipendenti fuoriusciti negli ultimi mesi ed ora siamo in presenza di 96 licenziamenti che l Azienda ci ha posto sul tavolo a gennaio. Per continuare possiamo aggiungere il fallimento dell Azienda Schönhber & Franchi storica Azienda altoatesina nella fornitura di posateria e arredamento alberghiero, potremmo continuare citando altre piccole e medie aziende del settore commerciale che hanno aumentato l ormai continuo stillicidio di lavoratrici e lavoratori. E urgente quindi che tutte le forze politiche prendano a sé il problema occupazionale e non a parole perché con le parole si fanno solo i comizi, le famiglie altoatesine anche loro coinvolte in una vorticosa crisi economica, devono avere risposte concrete per non trovarci di fronte ad un populismo che un domani non riusciremo più ad affrontare. Remigio Servadio Segretario Provinciale UILTuCS RIFIUTI E RACCOLTA A BOLZANO. BRAVI GLI OPERATORI ECOLOGICI DELLA SEAB. UILTEC Avete visto!!!! La questione rifiuti a Bolzano si è sgonfiata, nonostante la stampa e i più pessimisti facevano foto bruttissime e dell allarmismo inutile, ne siamo venuti fuori. Ci voleva un po di tempo, una certa abitudine dei cittadini e anche la novità dei cassonetti di condominio è stata digerita. Ho sempre pensato che le persone prima di essere cittadini sono persone e con l educazione e l insegnamento e un po di pazienza avremmo superato anche questo ostacolo insormontabile che sembrava catastrofico. Alcune avvoltoi prevedevano montagne di rifiuti, ma girando per la città ho notato la capacità degli operatori ecologici e la loro praticità e simpatia hanno insegnato e costretto col sorriso, i cittadini a mantenere più possibile la pulizia nelle strade, quando serviva e cioè quasi tutti i giorni, per i primi tre mesi hanno svolto un lavoro doppio e faticosissimo, così facendo hanno costretto tutti a vedere pulito attorno ai cassonetti e al sciare quindi pulito. Infine i lavoratori interessati mi hanno detto che il lavoro serale notturno funziona anche se è pesante però i risultati si vedono a questo punto dico evviva gli operatori ecologici della Seab di Bolzano. Grazie Salvatore Falcomatà 6

7 EGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS TEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AU DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEG IE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN LE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE DALLE - AUS CATEGORIE DEN FACHGEWERKSCHAFTEN - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE GEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHA DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEG TEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AU UIL SGK MEMC SUNEDISON UNA CRISI AL CAPOLINEA. UILTEC A Merano, nel 2007 Memc, comincia la produzione di silicio policristallino per i pannelli solari fotovoltaici oltre alla produzione di silicio per l industria elettronica, quest ultima iniziata nel lontano Poiché la richiesta è forte, nel 2008 viene decisa la costruzione di un nuovo impianto per produrre silicio per il fotovoltaico dal costo totale di circa 270 milioni di dollari, 2 anni di lavoro per la sua realizzazione e l assunzione di oltre 100 lavoratori. Contemporaneamente Evonik costruisce, vicino a Memc, un impianto per la produzione della materia prima, il triclorosilano. Nel 2010 l impianto entra in funzione. Lavora al 100% producendo tonnellate di silicio e lauti profitti Questo trend prosegue fino al novembre Improvvisamente, come un fulmine a ciel sereno, arriva la comunicazione della Corporate americana: fermare tutto il reparto policristallo fino a data da destinarsi. Stessa sorte anche per l impianto di Evonik. Motivazione: il calo drastico del prezzo di mercato del policristallo per fotovoltaico, l aumento del costo dell energia e della materia prima, il rapporto di cambio euro/dollaro troppo alto. Ai 100 lavoratori a tempo determinato, il contratto non viene rinnovato, 100 vengono messi in cassa integrazione a zero ore e 100 in cassa integrazione a rotazione. Con l interessamento e coinvolgimento di Provincia di Bolzano, Confindustria, Sindacati nazionali e territoriali, inizia una lunga trattativa presso il Ministero dello sviluppo economico per permettere a Memc di costruire insieme a Sel, Terna e Tiwag (per la parte austriaca) una linea elettrica ad alta tensione transfrontaliera con l Austria per importare e utilizzare energia a costo europeo (circa 70 euro al Mw/h anziché 130). Inoltre Memc acquista da Evonik l impianto di Merano (spesa di circa 70 milioni di euro). Questo per ridurre sensibilmente il costo di produzione del silicio, come richiesto dagli americani. Purtroppo tutto inutile: il 10 febbraio 2014 la Corporate americana, contraddicendo quanto aveva dichiarato al Ministero dello sviluppo economico un anno prima, annuncia con un comunicato la chiusura definitiva dell impianto policristallo di Merano e nello stesso tempo dell impianto produttivo di St. Peters Missouri (USA). In America vengono licenziati 100 lavoratori. A Merano iniziano le procedure per la messa in mobilità di 200 persone. Rimarrà produttivo solo il reparto monocristallo con 230 lavoratori. In 3 anni, a Merano, sono stati persi 330 posti di lavoro. Quasi tre anni di speranze e aspettative vanno in fumo. Cosa ci riserverà ora il futuro è difficile immaginarlo perché troppa è ancora la rabbia e la delusione dei lavoratori. Per quanto mi riguarda, 32 anni di lavoro in questo impianto si chiudono con molta amarezza. Ora per la RSU e per i sindacati territoriali inizia l accompagnamento alla mobilità di 200 colleghi e amici. Daniele Oscar Delegato RSU UILTEC UIL-SGK Il Patronato della UIL-SGK I servizi che ti offre Das Patronat der UIL-SGK Die angebotenen Dienste Pensioni (NISF-INPS/INPDAP) Infortuni e malattie professionali Malattia-Maternità-Invalidità Trattamenti di famiglia-immigrazione Previdenza integrativa Renten (NISF-INPS/INPDAP) Unfälle und Berufs krank heiten (INAIL) Krankheit-Mutterschaft-Invalidität Familiengeld-Einwanderung Ergänzungsvorsorge 7

8 ORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS D GORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS LLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGO - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FA CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE DALLE - AUS CATEGORIE DEN FACHGEWERKSCHAFTEN - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - WERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFT LLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGOR GORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS DEN FACHGEWERKSCHAFTEN DALLE CATEGORIE - AUS UIL SGK MPREIS ITALIEN ZWEITES BETRIEBSABKOMMEN FÜR 450 BESCHÄFTIGTE IN DEN NUN 16 FILIALEN IN SÜDTIROL DES ÖSTERREICHISCHEN HANDELSHAUSES MPREIS UNTERZEICHNET! Nach etwas mehr als sechs Monaten und insgesamt 6 Verhandlungsrunden im Jahr 2013 haben wir, die vier Fachgewerkschaften des Handels, Gastgewerbes und Dienstleistungssektors Südtirols, darunter auch die UilTuCS/Uil-Sgk nun am 20. Dezember 2013 das zweite Betriebsabkommen für die derzeit ca. 450 Beschäftigten der inzwischen 16 Filialen von MPREIS Italien G.m.b.H. in Bruneck (Verwaltungssitz des Unternehmens in Südtirol), Meran-Sinich, Algund, Naturns, Schlanders, Prad, Riffian, Lana, Neumarkt, Brixen, Brenner, Kastelruth, Vahrn und Percha am 20. Dezember 2013 in Bruneck unterzeichnet. Die wichtigsten Inhalte dieses neuen Abkommens sind eine erhöhte betriebliche Produktionsprämie für alle Beschäftigten, welche geringe Fehlzeiten aufweisen, von mindestens 175 uro bis zu 450 uro brutto (höchstens +100 uro im Vergleich des ersten Betribsabkommens) pro Jahr reichen. Ebenso konnten die gewerkschaftlichen Informationsrechte ausgedehnt, das betriebliche Versammlungsrecht verbessert und die Arbeitszeitregelung im Interesse aller abhängig Beschäftigten angepasst werden. Dies gilt auch mit der festgeschriebenen Vorgabe des Abbaues von Mehrstunden im betrieblichen Zeitausgleichskonto, und mit der Definition der eventuellen vorweihnachtlichen Sonn- und Feiertagsarbeitszuschläge (+95%) und Ersatzruhetage. Samstags- und Sonntagsarbeit sind weiterhin nur ausnahmsweise, bzw. alternierend vorgesehen, und diese Regelung garantiert für die Beschäftigten eine deutlich bessere Vereinbarkeit zwischen Beruf und Familie, im Vergleich zu den Handelsketten Despar und Poli in Südtirol. Das schon bisher, seit dem ersten Betriebsabkommen von 2010 gültige, klarere Urlaubsvormerksystem mit farbigen Karten (rot, grün, gelb) wurde bestätigt bzw. etwas präzisiert. Der zwei tägige bezahlte Vaterschaftsurlaub auf Antrag für gewordene Väter mit Vorlage eines Geburtsscheines ist ebenso bestätigt geworden, wie das Recht auf eine unbezahlte Freistellung von bis zu 5 Tagen pro Jahr für Eltern, und zwar für alle kranken Kinder mit einem Lebensalter von 3 bis 12 Lebensjahren. Die pauschale Fahrtspesenvergütung bei zeitweiligen Versetzungen des Arbeitsortes von Beschäftigten konnte verbessert werden. Die Vollzeitarbeit wird mit 38 Wochenstunden bei 40 bezahlten Stunden festgelegt und mit den kollektivvertraglichen bezahlten Freistellungen verrechnet. Dieses gewerkschaftliche Abkommen ist ein weiterer, positiver Schritt zur Kaufkraftstärkung der Löhne in dieser anhaltenden schweren Krisenzeit, aber auch eine Verbesserung der betrieblichen Arbeitsrechte der ca. 450 abhängig Beschäftigten von MPreis Italien. Wir erwarten uns nun, daß sich der gewerkschaftliche Organisationsgrad der abhängig Beschäftigten im MPreis erweitert, da dieses Abkommen ein deutlicher, fruchtbringender Beweis für die Ergebnisse gewerkschaftlichen Einsatzes ist. Alle Beschäftigten bekommen in den ersten Monaten des laufenden Jahres 2014 eine Kopie des vollinhaltlichen Textes in Broschürenform (entweder in deutscher oder italienischer Sprache) dieses zweiten vereinbarten Betriebsabkommens zum nachschlagen und lesen. Christian Troger Vize-Landessekretär UIL-SGK ARBEITSFÖRDERUNGSINSTITUT ISTITUTO PROMOZIONE LAVORATORI Palazzo Provinciale 12 - Landhaus 12 Via Canonico Michael Gamper 1 Kanikus-Michael-Gamper-Straße Bolzano - Bozen Tel Fax

9 1/2014 UIL SGK MODELLO 730/2014 REDDITI 2013: NOVITÀ IN MATERIA DI IRPEF dal 17 marzo al 31 maggio Vi illustriamo, qui di seguito, alcune tra le principali novità di natura fiscale che avranno riflessi già a partire dall anno d imposta 2013 e che, in parte, sono state oggetto di intervento anche per opera della recente Legge di Stabilità per il Familiari a carico La Legge di Stabilità 2013, intervenendo sull art. 12 del TUIR ha elevato, a partire dal periodo d imposta 2013, l importo delle detrazioni per familiari a carico da: 800 a 950 per ciascun figlio; 900 a per ciascun figlio di età inferiore a tre anni; 220 a 400 l importo aggiuntivo per ogni figlio portatore di handicap. 2. Ulteriore rivalutazione per il reddito dei terreni La Legge di Stabilità 2013 ha previsto, a partire dal periodo d imposta 2013, un ulteriore rivalutazione per i redditi dominicale e agrario del: 15%; 5% per i terreni agricoli e per quelli non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella previdenza agricola. Tale incremento, già considerato per la determinazione dell acconto IRPEF 2013, va applicato sui redditi dei terreni già rivalutati dell 80% (per il reddito dominicale) e del 70% (per il reddito agrario). Redditi dei fabbricati - riduzione aliquota cedolare secca in relazione a contratti a canone concordato L articolo 4, D.L. n. 102/2013 ha previsto la riduzione dal 19% al 15% dell aliquota della cedolare secca per i contratti di locazione a canone concordato sulla base di appositi accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, relativi ad abitazioni site nei Comuni con carenze di disponibilità abitative e negli altri Comuni ad alta tensione abitativa individuati dal CIPE con apposite delibere (codice 8 o 12 nella colonna Utilizzo della sezione I del quadro B) 3. Riduzione forfetaria del canone di locazione La Legge di Stabilità 2013 ha diminuito, a decorrere dall anno 2013, la riduzione forfetaria dei canoni di locazione dal 15% al 5%, prevista in assenza dell opzione per il regime della cedolare secca. 4. Immobili abitativi non locati situati nello stesso comune dell abitazione principale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto che il reddito degli immobili: ad uso abitativo, non locati; situati nello stesso Comune nel quale si trova l immobile adibito ad abitazione principale; Orario ufficio per assistenza compilazione con appuntamento da richiedere presso le sedi UIL-SGK BOLZANO Via A. Buffulini 4 } LAIVES Via dei Vigneti EGNA Via Largo Municipio / MERANO Via Wolkenstein 32 BRESSANONE Via Stazione Prenotazione telefonica dal da lunedì a venerdì

10 1/2014 concorrano alla formazione del reddito imponibile ai fini IRPEF/addizionali nella misura del 50%, nonostante detti immobili siano assoggettati all imposta municipale propria (colonna 12 Casi particolari IMU del Quadro B Sezione I, codice 2). 5. Redditi di lavoro dipendente e assimilati - proroga agevolazione IRPEF per lavoratori frontalieri La Legge di Stabilità 2013 ha prorogato l agevolazione IRPEF per i soggetti residenti in Italia che svolgono attività di lavoro dipendente all Estero, in zone di frontiera e in altri paesi limitrofi. Tali redditi concorrono a formare il reddito complessivo per l importo eccedente E opportuno precisare che, nel calcolo degli acconti per il 2014, il reddito considerato sarà al lordo della franchigia di Assegni corrisposti ai ministri del culto Le Leggi n. 245 e 246 del 2012 hanno equiparato ai redditi di lavoro dipendente, gli assegni corrisposti ai ministri del culto: dell Unione Buddhista italiana; dell Unione Induista italiana. E stato previsto, inoltre, che tali Unioni concorrono alla ripartizione della quota dell 8 per mille dell Irpef ed, inoltre, è possibile dedurre dal proprio reddito complessivo, fino all importo di 1.032,91, le erogazioni liberali in denaro a loro favore. 7. Premi di produttività La Legge di Stabilità 2013 ha prorogato la detassazione di straordinari e premi di produttività. Con D.P.C.M. 22/01/2013 sono stati, inoltre, fissati i requisiti reddituali e, in particolare: l imponibile assoggettabile ad imposta sostitutiva: pari a 2.500; il reddito da lavoro dipendente relativo all anno 2012, dovrà essere stato al massimo pari ad Detrazione per personale comparto sicurezza, difesa e soccorso Non risulta prorogata la detrazione prevista dal D.L. n. 185/2008 per il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso. Tale agevolazione: spettava ai soggetti che nell anno avevano percepito un reddito di lavoro dipendente non superiore a ; prevedeva una riduzione d imposta non superiore a 145, Associazioni sportive dilettantistiche La Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 106/E/2012 aveva stabilito che i compensi, eccedenti la soglia di 7.500, derivanti dall esercizio di attività sportive dilettantistiche, sono da assoggettare, oltre che a IRPEF ed all addizionale regionale, anche all addizionale comunale. 10. Quadro E: erogazione liberali a favore degli istituti scolastici Il D.L. 12 settembre 2013, n. 104 ha disposto che, a partire dal periodo d imposta 2013, la detraibilità al 19% delle erogazioni liberali a istituti scolastici di ogni ordine e grado, statali e paritari senza scopo di lucro, finalizzate all innovazione tecnologica, all edilizia scolastica e all ampliamento dell offerta formativa sia estesa anche alle erogazioni effettuate in favore: delle istituzioni dell alta formazione artistica, musicale e coreutica e delle università; dell innovazione universitaria. 11. Quadro E: detrazioni d imposta al 24% La Legge n. 96 del 6/07/2012, ha disposto che, per il periodo d imposta 2013, le erogazioni liberali in favore di: ONLUS, per importo non superiore a 2.065,00 annui; partiti e movimenti politici, per importi compresi fra 50 (non è possibile portare in detrazione versamenti di importo inferiore) e annui. siano detraibili nella misura del 24% dal precedente 19% a condizione che siano effettuate mediante versamento bancario o postale. Non sarà, quindi, ammesso il versamento in contanti, anche se attestato da apposita ricevuta. Non è ammessa la detrazione per le erogazioni liberali effettuate per conto di familiari fiscalmente a carico. Per il periodo d imposta 2013, in base al sopra riportato articolo 15, comma 1-bis, TUIR, il contribuente potrà, quindi, fruire della detrazione sulle erogazioni liberali in denaro effettuate a favore di movimenti e partiti politici che abbiano: presentato liste o candidature elettorali alle elezioni per il rinnovo della Camera dei Deputati o del Senato della Repubblica o dei membri del Parlamento Europeo spettanti all Italia;

11 1/2014 UIL SGK almeno un rappresentante eletto a un consiglio regionale o ai consigli delle province autonome di Trento e di Bolzano. Rispetto alla disciplina previgente, è stato ampliato l ambito politico di riferimento: fino al 2012 infatti, la detrazione interessava esclusivamente le erogazioni rivolte all ambito politico nazionale ed era ammessa solamente se il partito politico aveva almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato; dal 2013, invece, il riferimento è stato esteso anche all ambito politico regionale ed europeo. Con Circolare n. 24/E del 10 giugno 2004, l Agenzia delle Entrate ha affermato che non rientra tra le erogazioni liberali che danno diritto alla detrazione il versamento effettuato per il tesseramento o la quota associativa. Secondo l Amministrazione Finanziaria per erogazioni liberali si intendono quelle donazioni effettuate senza controprestazione. Il versamento per il tesseramento o la quota associativa, invece, è eseguito per avere il diritto a partecipare alle attività del partito. A decorrere dal periodo d imposta 2014, l art. 11, commi 1 e 2 del D.L. n. 149/2013 ha stabilito che le erogazioni liberali in denaro effettuate dalle persone fisiche in favore dei partiti politici iscritti nella prima sezione del Registro previsto dal succitato decreto sono ammesse in detrazione dall imposta lorda IRPEF in misura pari: al 37%, per importi compresi tra 30 e annui; al 26%, per importi compresi tra e annui. 12. Quadro E: detrazioni per il recupero del patrimonio edilizio Il D.L. n. 63/2013, c.d. Decreto Energia, ha prorogato fino al 31/12/2013 la detrazione IRPEF per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (ex art. 16-bis, TUIR) nella misura del 50%, con il tetto massimo agevolabile pari ad Quadro E: bonus arredo Unitamente al beneficio fiscale previsto per gli interventi per il recupero del patrimonio edilizio (spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013), il D.L. n. 63/2013 ha disposto la possibilità di detrarre al 50%, nel limite di , le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 relative: all acquisto di mobili; all acquisto di grandi elettrodomestici (classe energetica A+ ed A o superiore per i forni), destinati all arredo delle unità immobiliari oggetto di ristrutturazione. La detrazione andrà ripartita in 10 rate di pari importo tra loro. Quadro E: detrazioni per misure antisismiche In sede di conversione del D.L. n. 63/2013 è stata introdotta la possibilità di detrarre al 65% le spese per interventi finalizzati all adozione di misure antisismiche, ex art. 16 bis, comma 1, lett. i), TUIR, su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) ex OPCM , n. 3274, riferite a costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive. La detrazione spetta per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2013, con un ammontare complessivo agevolabile pari a per unità immobiliare. 14. Quadro E: interventi per la riqualificazione energetica Il D.L. n. 63/2013 ha prorogato fino al 31/12/2013 la detrazione per i lavori di riqualificazione energetica degli edifici, aumentando la stessa dal 55% al 65%. Tale ultima misura è riservata alle spese sostenute nel periodo 6/06/2013 al 31/12/2013. La proroga è fino al 30/06/2014 per gli interventi riguardanti parti comuni degli edifici condominiali o tutte le unità immobiliari del condominio. 15. Ampliamento dell assistenza fiscale In base a quanto previsto dall art. 51-bis del D.L. n. 69/2013, a decorrere dall anno 2014, anche i soggetti titolari dei redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente privi di un sostituto d imposta che possa effettuare il conguaglio che presentano una dichiarazione a debito, possono presentare il Mod. 730/2014 ad un Caf o a un professionista abilitato nel riquadro Dati del sostituto d imposta che effettuerà il conguaglio va barrata la casella 730 dipendenti senza sostituto. In relazione ai redditi 2012, tale possibilità era ammessa unicamente per coloro che presentavano un modello 730 a credito. 16. Controlli sui rimborsi superiori a Con il comma 586, art. 1 della Legge di Stabilità 2014 è stato previsto l introduzione di una specifica attività di controllo, allo scopo di evitare l erogazione di rimborsi IRPEF non spettanti. Infatti, a decorrere dal 2014, detti

12 1/2014 controlli verranno effettuati sull effettiva spettanza delle detrazioni per carichi familiari e/o in presenza di eventuali eccedenze d imposta riportate da dichiarazioni precedenti in relazione alla presenza di Modelli 730/2014 che prevedono rimborsi superiori ad In particolare, il comma in esame ha disposto che al fine di contrastare l erogazione di indebiti rimborsi dell imposta sul reddito delle persone fisiche l Agenzia delle Entrate, entro sei mesi dalla scadenza dei termini previsti per la trasmissione della dichiarazione, ovvero dalla data della trasmissione, ove questa sia successiva alla scadenza di detti termini, effettua controlli preventivi, anche documentali, sulla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia in caso di rimborso complessivamente superiore a euro, anche determinato da eccedenze d imposta derivanti da precedenti dichiarazioni. Pertanto, i controlli saranno effettuati su Modd. 730/2014 di contribuenti con saldo contabile a credito complessivamente superiore ad 4.000, in presenza di: detrazioni per carichi di famiglia; eventuali eccedenze d imposta riportate da dichiarazioni precedenti. Potranno, pertanto, verificarsi le seguenti casistiche: Presenza di rimborsi superiori ad Caso n Detrazioni per carichi di famiglia Eccedenze derivanti da dichiarazioni precedenti Controlli preventivi Erogazione del rimborso da parte di: 1 Sì No Sì Agenzia delle Entrate 2 Sì Sì Sì Agenzia delle Entrate 3 No Sì Sì Agenzia delle Entrate Dalla lettura della norma ed in attesa di opportuni chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate, i controlli preventivi non dovrebbero, quindi, essere effettuati in caso di rimborsi superiori ad in assenza di detrazioni per carichi di famiglia ed eccedenze d imposta riportate da dichiarazioni precedenti. Con saldo contabile complessivo si dovrà intendere la somma tra i tributi a credito e quelli a debito relativi ad IR- PEF, addizionali regionale e comunale, imposte sostitutive, acconto 20% sui redditi a tassazione separata, ecc. I controlli saranno effettuati entro 6 mesi dalla scadenza dei termini per la trasmissione telematica della dichiarazione, ossia 6 mesi decorrenti dal 30 giugno: il termine ultimo per effettuare le verifiche scadrà, quindi, il 30 dicembre Pertanto, considerando che i rimborsi verranno erogati solamente al termine delle suddette verifiche, si presume che l Agenzia delle Entrate provvederà ad erogare la maggior parte dei rimborsi spettanti solo a partire dal Se la dichiarazione è stata inviata successivamente alla scadenza dei sopradetti termini, i controlli preventivi saranno effettuati entro 6 mesi dalla data di trasmissione della stessa. Si ritiene che, in caso di dichiarazione congiunta, potrà essere più frequente il raggiungimento del limite di 4.000, poiché l importo limite cui occorrerà fare riferimento sarà determinato dalla sommatoria dei crediti di ciascun coniuge. 17. I rimborsi superiori a erogati dall Agenzia delle Entrate La Legge di Stabilità 2014 prevede, altresì, che l erogazione dei rimborsi superiori ad di cui al paragrafo che precede saranno effettuati dall Agenzia delle Entrate, anziché dal sostituto d imposta. Il successivo comma 587 dispone, infatti, che Il rimborso che risulta spettante al termine delle operazioni di controllo preventivo di cui al comma 586 è erogato dall Agenzia delle entrate. Restano fermi i controlli previsti in materia di imposte sui redditi Il CAF (o professionista abilitato) provvederà ad indicare nel Prospetto di liquidazione (Mod ) che il rimborso, in quanto superiore ad 4.000, sarà erogato direttamente dall Agenzia delle Entrate. In tale casistica l importo sarà indicato al nuovo rigo 164 Importo che sarà rimborsato dall Agenzia delle Entrate (dipendenti senza sostituto e casi particolari) del Mod (anziché al nuovo rigo 163) con barratura dell apposita casella. Infine, è opportuno precisare che il controllo preventivo non pregiudicherà in alcun modo gli altri controlli previsti dalla disciplina in materia di imposte sui redditi.

13 1/2014 UIL SGK PER IL 730/2014 REDDITI 2012 ELENCO INDICATIVO DEI DOCUMENTI NECESSARI. TESSERA UIL/SGK 2014 PER USUFRUIRE DELLE TARIFFE RIDOTTE COPIA DICHIARAZIONE ANNO PRECEDENTE Modello 730/2013 o Unico/2013 relativo ai redditi DATI DEL CONTRIBUENTE Codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico. Nel dubbio in caso di separazione e bene presentare sentenza di affidamento dei figli per l attribuzione delle detrazioni. Per i cittadini extracomunitari occorre anche lo stato di famiglia o documentazione equivalente rilasciata dal Paese di origine Documento d identità possibilmente in fotocopia, nr telefono, cellulare, eventuale indirizzo DATI del datore di lavoro che erogherà la busta paga nel mese di luglio 2014 (compreso nr di telefono, fax ed dell azienda) REDDITI TERRENI E FABBRICATI Terreni e Fabbricati: visura catastale aggiornata e/o rogito in caso di acquisto o vendita nell anno Dichiarazioni di successione e volture catastali. Contratto di locazione. Documentazione relativa all avvenuta opzione alla cedolare secca (ad es.mod.siria, Mod. 69, attestati F24 acconti cedolare secca di giugno e/o dicembre) copia R.A.R. per la comunicazione all inquilino dell adesione alla cedolare secca. Bollettini IMU pagata nel REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE ASSIMILATI Modello Cud 2014 per certificazione redditi di lavoro dipendente, pensioni, collaborazioni coordinate, indennità di disoccupazione, maternità, mobilità, cassa integrazione, borse di studio, indennità temporanea infortuni pagata direttamente dall Inail, ecc. Certificazione per pensioni e redditi prodotti all estero. Assegni periodici percepiti dal coniuge separato o divorziato per sentenza di separazione. ALTRI REDDITI Redditi di lavoro autonomo (per es.diritti di autore, associazione in partecipazione, ecc.). Redditi diversi (per es. collaborazioni occasionali).

14 1/2014 ONERI DETRAIBILI Spese mediche: visite specialistiche, esami di laboratorio, ticket, terapie fisiche e cure termali con relativa prescrizione medica, acquisto di farmaci (lo scontrino deve menzionare natura, quantità e riportare il codice alfanumerico oltre al codice fiscale del destinatario del farmaco). Spese per acquisto veicolo per portatori handicap (certificato di invalidità). Spese veterinarie. Interessi passivi mutuo ipotecario per acquisto 1 casa (abitazione principale): contratto di mutuo e contratto di compravendita relativo all immobile oggetto di mutuo (anche per acquisti relativi ad anni precedenti). Interessi passivi per mutuo costruzione abitazione principale: contratto di mutuo e fatture delle spese sostenute ed abilitazioni amministrative (Dia o Concessione edilizia). Assicurazioni vita e/o infortuni: contratto di assicurazione e quietanze di pagamento. (Dichiarazione dell assicurazione attestante la detraibilità del premio) Spese funebri. Tassa di iscrizione alle scuole superiori e università sostenute nel Rette pagate nel 2013 per l asilo nido. Erogazioni liberali a favore di Onlus. (Attestato rilasciato dall Onlus e/o bonifico bancario o postale) Erogazioni liberali a favore di istituti scolastici (solo con bonifico,c/c postale, assegni, carta di credito e/o debito, assegni). Spese per addetti all assistenza personale (non autosufficienza), certificato medico del medico curante che attesti la non autosufficienza. Spese per l attività sportiva di ragazzi (dai 5 ai 18 anni). Spese per intermediazione immobiliare. (solo se acquisto andato a buon fine e unicamente per la casa principale) Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuate dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013, la misura della detrazione (50%, invece di quella ordinaria del 36%) e l importo massimo di spesa ammessa al beneficio ( euro per unità immobiliare, invece che euro) vanno indicati in dichiarazione i dati identificativi dell immobile oggetto della ristrutturazione) fatture/ricevute dei lavori eseguiti, bonifici bancari dei pagamenti, certificazioni amministratore di condominio. Spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio (55%), (65%) se la spesa è sostenuta dal 6 giugno 2013 entro il 30 giugno 2015, fatture, bonifici, ricevuta telematica Enea e/o copia raccomandata inviata all Enea, attestati di qualificazione energetica, modello di comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate per lavori che proseguono oltre il periodo d imposta. Detrazione per l acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. La detrazione spettante, da ripartire tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, deve essere calcolata sull importo massimo di euro (riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici). La detrazione spetta per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre Per usufruire della detrazione per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, è inoltre indispensabile che siano iniziati lavori di ristrutturazione per cui è prevista da detrazione del 50% e che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese Detrazione d imposta agli studenti universitari fuori sede per canoni relativi a contratti di ospitalità (Copia Contratto e attestazione versamento canone locazione). Detrazione d imposta agli inquilini di immobili locati come abitazione principale (L. 431/98): Contratto d affitto registrato, F23 tassa registro per l anno 2013 o copia raccomandata del proprietario per adesione a cedolare secca, documentazione dalla quale si evince l avvenuto pagamento dell affitto.

15 1/2014 UIL SGK ONERI DEDUCIBILI Contributi previdenziali ed assistenziali. SSN pagato nell anno 2013 nel premio dell assicurazione veicoli solo se superiore a 40,00. Contributi previdenziali pagati per riscatto laurea, ricongiunzione di periodi assicurativi ecc. Contributi per addetti ai servizi domestici (colf, baby-sitter, badanti) max 1.549,37. Assicurazioni Inail contro gli infortuni domestici (assicurazione casalinghe). Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose. Max 1.032,91 per istituzione. Assegno periodico corrisposto al coniuge in conseguenza di sentenza di separazione o divorzio (sentenza di separazione o divorzio, bonifici/assegni, codice fiscale dell ex coniuge). Contributo per organizzazioni non governative a favore di paesi in via di sviluppo (ONG) e Onlus per le quali è prevista la deducibilità del contributo. Contributi consorzi di bonifica (solo se presenza di immobili e/o terreni soggetti a IMU). Contributi e premi per forme pensionistiche complementari e individuali (contratto di stipula più ricevute di pagamento). Spese relative all adozione di minori stranieri (certificazione dell ente che cura la procedura dell adozione). Dichiarazione dell azienda relativa al mancato conguaglio del mod. 730/2013 (mancato rimborso). Mod. F24: versamenti in acconto IRPEF (pagati nel mese di giugno e novembre) ed eventuali rateizzazioni. Si ricorda che è responsabilità del contribuente conservare con cura la documentazione, pertanto si raccomanda ai contribuenti di fotocopiare la documentazione in particolare gli scontrini relativi ai farmaci da banco. 5 SOSTEGNO AL Per garantire un miglior servizio, quest anno provvederemo all archiviazione ottica della documentazione. È importante che la documentazione sia in buono stato senza graffette, inoltre per gli scontrini della farmacia invitiamo tutti gli utenti a provvedere alla fotocopia degli stessi su fogli formato A4 e a fotocopiare ogni altra documentazione non in buono stato. VOLONTARIATO 5 PER MILLE PER ADA VRS Anche per il 2014 è prevista la destinazione, in base alla scelta del contribuente, di una quota pari al 5 per mille dell imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità di sostegno del volontariato, onlus, associazioni di promozione sociale. E quindi possibile attraverso questo strumento contribuire a soste-nere concretamente il volontariato senza costi aggiuntivi. La scelta può essere effettuata da tutti, apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione. ADA - VRS (Associazione Diritti degli Anziani) da anni realizza interventi di volontariato, in particolare a Bolzano, Merano e Laives. Vi invitiamo, pertanto, ad indicare nella propria dichiarazione dei redditi l organizzazione di volontariato onlus: ADA VRS Codice Fiscale

16 1/2014 MODELL 730/2014 EINKOMMEN 2013: NEUHEITEN EINKOMMENSSTEUER NATÜRLICHE PERSONEN (IRPEF) vom 17. März bis 31. Mai Hier erklären wir Euch die wichtigsten steuerlichen Neuheiten, welche wir für die kommenden Jahressteuererklärungen (Mod.730 oder Unico 2014) für die 2013 erzielten abhängigen oder Renten- Einkommen berücksichtigen müssen. Sie rühren von den eingeführten Neuerungen her, welche mit dem Stabilitätsgesetz (Staatshaushalt 2014) eingeführt wurden, und die teils auch für das Jahr 2013 gelten. 1. Zu Lasten lebende Familienmitglieder Das gesamtstaatliche Stabilitätsgesetz 2013 hat den Art. 12 des Einheitstextes der Einkommenssteuern (TUIR) abgeändert, und beginnend ab dem Steuerjahr 2013, die Steuerfreibeträge für zu Lasten lebende Familienmitglieder erhöht: von 800 auf 950 für jedes Kind; von 900 auf für jedes Kind mit einem Alter von bis zu drei Jahren; von 220 auf 400 Zusatzfreibetrag für jedes Kind mit Handicap. 2. Weitere Aufwertung für Grunderträge Das Stabilitätsgesetz 2013 hat auch bestimmt, daß beginnend mit dem Steuerjahr 2013 eine weitere Aufwertung der Boden- und Landwirtschaftserträge anzuwenden ist: 15%; 5% für die landwirtschaftlichen und jene nicht genützten Gründe, welche im Eigentum von Bauern oder professionellen Landwirtschaftsunternehmern (IAP) sind und die in der Landwirtschaftsversicherung eingetragen sind. Diese zusätzliche Aufwertung, welche schon in der Anzahlungsberechnung der Einkommenssteuern (IRPEF) 2013 berücksichtigt wurde, muß auf die um 80% aufgewerteten Boden- und 70% aufgewerteten landwirtschaftlichen Grunderträge berechnet werden. Sitze der UIL-SGK und Sammelstellen für Steuererklärungen (Modelle 730/2014) und ihre Vormerkungen sind: BOZEN A. Buffulini Str. 4 } LEIFERS Weingartenstr NEUMARKT Rathausring / MERAN Wolkensteinstr. 32 BRIXEN Bahnhofstr P.S.: telefonische Vormerkungen werden ab entgegen genommen!

17 1/2014 UIL SGK 3. Gebäude-Einkommen - Verminderung des Steuersatzes bei Pauschalbesteuerung von Mieteinnahmen aufgrund von Verträgen mit vereinbartem Mietzins. Der Artikel 4, G.D. Nr. 102/2013 hat eine Verminderung des Pauschalsteuersatzes von 19% auf 15% bei Mieteinnahmen und Verträgen mit vereinbartem Mietzins vorgesehen, und zwar bei bestehenden Abkommen zwischen den Mietergewerkschaften und den Verbänden der Gebäudeinhaber, bezüglich von vermieteten Wohnungen in den Gemeinden mit ungenügendem Wohnungsangebot und in anderen Gemeinden mit hohen Spannungen im Wohnungsbereich, wie dies vom CIPE mit eigenen Beschlüssen festgelegt wurde. (Kodex 8 oder 12 in Spalte Verwendung der Sektion I des Abschnittes B) 4. Pauschale Verminderung des Mietzinses Das Stabilitätsgesetz 2014 hat beginnend vom Jahr 2013, eine pauschale Verminderung der Mietzinse von 15% auf 5% in Ermangelung einer Entscheidung für die Pauschalbesteuerung vorgesehen. 5. Nicht vermietete Immobilien in der selben Gemeinde, wo sich die Haupterstwohung befindet. Das Stabilitätsgesetz 2014 hat für Einkommen aus folgenden Immobilien: nicht vermietete Wohnungen; welche sich in der selben Gemeinde befinden, wo die Hauptwohnung ist; festgelegt, daß diese bei der Besteuerung und Zusatzbesteuerung im Ausmaß von 50% mit berechnet werden, auch wenn diese der Gemeindeimmobiliensteuer (IMU) unterliegen (Spalte 12 besondere Fälle IMU des Abschnittes B Sektion I, Kodex 2). 6. Einkommen aus abhängiger und ihr gleichgestellter Arbeit, - Verlängerung der Einkommenssteuervorteile für ArbeitsgrenzpendlerInnen Das Stabilitätsgesetz 2014 hat die Einkommenssteuerbegünstigung für Arbeitsgrenzpendler- Innen aus Italien im Ausland verlängert. Diese Einkommen werden unter Berücksichtigung eines Freibetrages von uro berechnet. Es ist hier wichtig zu erklären, daß bei der Berechnung der Steueranzahlungen (Acconti IRPEF) für das Jahr 2014 der zu berechnende Einkommensbetrag ohne den zu letzt einrechenbaren Freibetrag, also der Bruttobetrag, anzugeben ist. 7. Produktionsprämien Das Stabilitätsgesetz 2014 hat die Pauschalbesteuerung von Überstunden- und Produktivitätslohnanteilen verlängert. Mit dem Dekret des Ministerpräsidenten (D.P.C.M.) vom 22/01/2013 sind übrigens die Einkommensvoraussetzungen wie folgt festgelegt worden: Die Gesamtjahressumme an Produktivitätslohnanteilen kann den Betrag von uro nicht überschreiten; Die besteuerbare Entlohnung aus abhängiger Arbeit im Jahr 2013 darf den Betrag von uro nicht überschreiten. 8. Steuerfreibetrag für das Sicherheits-, Verteidigungs- und Hilfspersonal abgeschafft Der besondere Freibetrag laut L.D. Nr.185/2008 für das Personal der Sicherheit, Verteidigung und von Hilfe ist nicht bestätigt worden.

18 1/ Abschnitt E: freiwillige Spenden an schulische Einrichtungen Das L.D. 12.September 2013, Nr.104 hat verfügt, daß beginnend vom Steuerjahr 2013 ein Absetzbetrag von 19% der freiwilligen Spenden an öffentliche oder gleichgestellte schulische Einrichtungen jeden Grades ohne Gewinnabsichten möglich ist, welche für technologische Innovation, Schulbau oder die Erweiterung des Bildungsangebotes gemacht werden: an Institutionen hoher bildender Kunst, Musik, oder der Universitäten; der universitären Innovation. 10. Abschnitt E: Steuerfreibeträge von 24% Für das Steuerjahr 2013 sind folgende freiwillige Zahlungen zugunsten der aufgelisteten Vereine und Verbände mit entsprechender steuerlicher Teil-Abschreibung möglich: ONLUS, nicht Lukrative Organisationen Sozialer Nützlichkeit für einen Betrag von bis 2.065,00 uro pro Jahr; Parteien und politische Bewegungen, für Beträge von mindestens 50 uro bis zu höchstens uro jährlich. Dieser Steuerfreibetrag im Ausmaß von 24% (vorher 19%) ist nur dann vorgesehen, wenn diese freiwilligen Zahlungen mittels Bank- oder Postüberweisungen erfolgt sind. Für freiwillige Zahlungen an steuerlich zu Lasten lebende Familienmitglieder kann keine Abschreibung erfolgen. 11. Abschnitt E: Abschreibungen für die Wiedergewinnung von alter Bausubstanz Das G.D. Nr. 63/2013, das sogenannte Energie-Dekret, hat die Einkommenssteuerabschreibungen (Irpef) bis zum 31/12/2013 laut (ex Art.16-bis des Einheitstextes der Einkommenssteuer TUIR) im Ausmaß von 50% fortgeschrieben, mit einer Ausgabenobergrenze von uro. 12. Abschnitt E: Einrichtungs-Bonus Gemeinsam mit dem Steuervorteil für Wohnungssanierungen von 50% für alle Ausgaben ab dem 26. Juni 2012 bis zum 31. Dezember 2013 wurden zudem 50% an Spesen für folgende Einrichtungsgegenstände mit dem Höchstmaß von uro, mit dem G.D. Nr. 63/2013 ab dem bis zum neu festgeschrieben: Ankauf von Möbeln; Ankauf von großen Elektrohaushaltsgeräten der Energieklassen A+ und A oder höheren für Backöfen, welche als Einrichtungsteile der wiederzugewinnenden Immobilie verwendet werden. Die Abschreibung erfolgt in 10 gleichen Jahres-Raten. Abschnitt E: Eingriffe für energetische Sanierungen Das G.D. Nr. 63/2013 hat die Abschreibungen für energetische Sanierungen von Gebäuden bis zum verlängert, indem diese sogar von bisher 55% auf 65% erhöht wurden. Dies gilt für diesbezügliche Investitionen ab bis zum Für energetische Sanierungen von Kondominien, bei Einbeziehung aller Wohneinheiten gilt der Endtermin dieser Abschreibungen bis zum

19 1/2014 UIL SGK 13. Erweiterung des Steuerbeistandes Wie vom Art. 51-bis des G.D. Nr. 69/2013 vorgesehen, werden nun ab dem Jahr 2014 neben den Lohnabhängigen und RentnerInnen auch jene Beschäftigten ohne Steuersubstitut (Betrieb oder Amt) ein Mod. 730 ausarbeiten lassen können, welche eine Lohnsteuerschuld zu begleichen haben. Bisher, bis 2012, war dies nur für jene abhängigen SteuerzahlerInnen ohne Steuersubstitut möglich, welche ein Steuerguthaben hatten. Dort in der Steuererklärung, wo normalerweise das Steuersubstitut verpflichtend anzuführen ist, muß erklärt werden, daß es sich um ein Mod. 730 ohne Steuersubstitut handelt. 14. Kontrollen bei Steuerguthaben über uro Mit dem Stabilitätsgesetz 2014 wurde die Einführung einer spezifischen steuerlichen Kontrolltätigkeit beschlossen. Damit sollen nicht zustehende Steuerguthaben möglichst nicht zur Auszahlung gelangen. Ab 2014 werden diese Kontrollen bei den Ansprüchen von Steuerfreibeträgen für zu Lasten lebende Familienmitglieder oder bei eventuellen Steuerguthaben der Vorjahre vorgenommen, und zwar bei Guthaben an Steuern im Mod. 730/2014 von über uro. 15. Die Rückvergütungen über uro von Seiten der Agentur der Einnahmen Das Stabilitätsgesetz 2014 sieht vor, daß die Steuerguthaben über uro laut vorherigem Absatz von der Agentur der Einnahmen anstatt des Steuersubstitutes, dem Betrieb oder der Verwaltung, ausbezahlt wird. Zum Schluss ist es nötig, anzumerken, daß die preventiven Kontrollen nicht andere eventuelle Einkommenssteuer-Kontrollen ersetzen werden.

20 1/2014 STEUERBEISTANDSZENTRUM CAF UIL-SGK STEUERERKLÄRUNG 2014 Für das MODELL 730/2014, EINKOMMEN 2013 sind folgende Unterlagen mitzubringen: MITGLIEDSKARTE UIL-SGK 2013 für die Anwendung von starker Kostenermäßigung STEUERERKLÄRUNG des VORJAHRES: Modell 730/2013 oder Unico 2013 mit den Einkommen 2012 DATEN des/r STEUERPFLICHTIGEN, wie: Steuernummer des/r Steuerpflichtigen, seines/r Ehegatten/In und eventueller zu Lasten lebender Familienmitglieder. Für Nicht-EU BürgerInnen bedarf es auch des Familienstandbogens oder einer vom Herkunftsland ausgestellten gleichwertigen Bescheinigung und einer Fotokopie eines Personalausweises. DATEN des/r ARBEITGEBER/IN, welche/r den Steuerausgleich laut den Berechnungsergebnissen des Mod. 730/2014 vornehmen wird, mit Telefon- und Faxnummer, nummer des Betriebes oder der Verwaltung. EINKOMMEN AUS GRUND-BODEN UND GEBÄUDEN Grund und Boden: aktuellen Katasterauszug und/oder Kauf- oder Verkaufsvertrag im Falle von Kauf/Verkauf im Jahr 2013 Gebäude: aktuellen Katasterauszug und/oder Kauf- oder Verkaufsvertrag im Falle von Kauf/Verkauf im Jahr 2013 Erbschaftserklärung/en und ev. Katasterauszüge Mietverträge: Dokumentation der erfolgten Entscheidung für die pauschale Besteuerung (z.b. Mod. Siria, Mod. 69, ev. Steuervorausszahlungen mittels Mod. F24 vom Juni und/oder Dezember, Kopie R.A.R. für die Mitteilung an den Mieter zur entschiedenen Anwendung der Pauschalbesteuerung). Eingezahlte Einheitliche Gemeinde-Immobiliensteuerbelege (EGI-IMU) 2013 EINKOMMEN AUS ABHÄNGIGER oder GLEICHGESTELLTER ARBEIT Mod. CUD 2014 aller abhängigen Arbeits- oder Renteneinkommen, Einkommen aus koordinierter Mitarbeit, Arbeitslosen-, Mobilitäts- oder Mutterschaftsgelder, Stipendium, direkt vom Unfallversicherungsträger INAIL ausgezahlte Unfallgelder im Jahr 2013 usw. Bescheinigung von Auslandsrenten oder einkommen im Jahr 2013 Vom ex Ehegatten erhaltene Unterhaltszahlungen 2013 nach erfolgter gerichtlicher Trennung oder Scheidung ANDERE EINKOMMEN Einkommen aus selbständiger Arbeit (z.b. Autorenrechte, aus Beteiligungsgesellschaften usw.) Andere Einkommen (wie gelegentliche selbständige Mitarbeit)

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli