PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale"

Transcript

1 PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996 a elevato rischio di crisi ambientale, (legge n.349), come pure quella del Po di Volano, in gran parte corrispondente alla provincia di Ferrara. Il Centro Europeo Ambiente e Salute dell OMS ha pubblicato nel 1997 (1) il primo studio di mortalità che esamina i territori dei Comuni elencati nei decreti istitutivi delle aree a rischio e, nel marzo 2001, ha aggiornato i dati della precedente indagine (2). Il fattore di nocività ambientale individuato per la zona del Delta è di tipo chimico, petrolchimico e derivante da rifiuti tossici industriali, portati dal fiume Po; il territorio è depresso rispetto al livello del mare, con clima caldo umido d estate e nebbioso d inverno (1). Per il Comune di Porto Tolle, in particolare, esiste il problema della centrale ENEL, che ha cominciato a funzionare nel giugno 1982; l impianto brucia olio combustibile fossile solforato e scarica in atmosfera ossidi di carbonio, di azoto e di zolfo, attraverso un camino alto 250 metri. Sono disponibili sia dati di mortalità che di incidenza dei tumori. Dati di mortalità L analisi della mortalità permette di valutare se esistono differenze nello stato di salute delle popolazioni in esame rispetto ad una popolazione presa come riferimento, misurando l impatto complessivo di esposizioni diverse (ambientali, occupazionali, comportamentali, etc.). Il profilo della mortalità della Regione Veneto, quale si può trarre dall Atlante della mortalità per tumori nelle Regioni e Province del Nord-Est e in Italia, (3), è simile a quello delle altre regioni del Nord Italia che presentano, per i maschi, i valori di mortalità totale più alti, mentre nelle donne accade il contrario, verificandosi al Sud la più alta mortalità complessiva. La mortalità per tumore mostra un gradiente Nord-Sud in entrambi i sessi: nelle province del Nord l eccesso nel rispetto all intero Paese è del 16% nei maschi e del 2% nelle donne. La mortalità per cause circolatorie e respiratorie è più bassa che a livello medio nazionale nei maschi, ma non nelle donne. Esiste una discreta variabilità interprovinciale: confrontando la mortalità del Nord-Est, cioè delle 12 province che costituiscono Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino, la Provincia di Rovigo per il sesso maschile, nel periodo , presenta un eccesso della mortalità totale del 3% (SMR 1,03), eguale eccesso per i tumori (SMR 1,03) e per le malattie cardiocircolatorie (SMR 1,06) e un deficit per le malattie respiratorie (SMR 0,92). Nelle donne la mortalità totale, quella per cause circolatorie e respiratorie hanno lo stesso andamento che nei maschi, mentre si osserva anche per il totale dei tumori un modesto deficit (SMR 0,97). La Provincia di Rovigo ha la mortalità più alta del Nord-Est per tumore del polmone nei maschi (SMR 1,25) e la più bassa nelle donne (SMR 0,76); la mortalità per tumore dell esofago (SMR 0,7 nei maschi, SMR 0,8 nelle donne) e del fegato (SMR 0,7 nei maschi, SMR 0,5 nelle donne) è molto bassa. Il secondo studio OMS (2) analizza anch esso il quinquennio e la zona esaminata, Po di Polesine, corrisponde ad un territorio pressoché coincidente con i confini provinciali. Anche nel confronto con la mortalità regionale, anziché del Nord-Est, le stime di rischio non cambiano e si conferma in particolare il deficit per le malattie respiratorie in entrambi i sessi e l eccesso nei maschi per il tumore del polmone. L analisi di eterogeneità spaziale, riportata nello stesso studio, non mostra differenze significative tra i comuni per la mortalità totale, le neoplasie e il tumore del polmone. L andamento temporale, in questo stesso studio, è stato esaminato nell arco di tempo , suddiviso in tre periodi: per i maschi viene segnalata una crescita statisticamente significativa della mortalità generale, per neoplasie e per malattie respiratorie; nelle donne sono in crescita le malattie dell apparato circolatorio e le respiratorie; quest ultime, in entrambi i sessi, restano comunque al di sotto della media regionale.

2 Nel 2003 il Registro Tumori ha svolto uno studio di mortalità: Analisi geografica e temporale della mortalità nella Provincia di Rovigo :periodo e i risultati del nostro studio confermano il profilo di mortalità rilevato nei precedenti studi, ma non evidenziano variazioni temporali significative, a parte un decremento della mortalità totale nelle donne. L eccesso di mortalità totale è, nei maschi, costante nell arco dei venti anni esaminati, variando dal 3% al 5% in più; nelle donne varia dal 8% al 3% in più, ma, come detto sopra, tende a scendere. La mortalità per malattie dell apparato cardiocircolatorio è stabilmente superiore a quella regionale, dal 7% al 10% in più, in entrambi i sessi. Le malattie respiratorie mostrano, nel nostro studio, un incremento modesto e non significativo e restano al di sotto della media regionale. In entrambi i sessi la mortalità per Traumatismi ed Avvelenamenti è nell arco dei venti anni superiore a quella della Regione e l eccesso aumenta soprattutto nell ultimo quinquennio. Per tutti i tumori, il nostro studio non evidenzia un incremento significativo nei maschi, ma rileva un eccesso, intorno al 4%, anche negli anni Ottanta, non presente nello studio dell OMS. La neoplasia polmonare nel sesso maschile ha un peso assai rilevante; è da sottolineare che, se in Italia il tumore del polmone rappresenta nei maschi il 28.9% dei decessi per neoplasia e nel Nord Est il 30% (3), nella Provincia di Rovigo raggiunge il 37%. Dai dati di letteratura risulta che Rovigo ha il tasso più alto di mortalità nei maschi per questa malattia e il più basso nelle donne. La situazione così diversa, anzi opposta, nei due sessi, indica che verosimilmente esistono per i maschi esposizioni cancerogene, che possono essere legate, per esempio, all attività lavorativa e all abitudine al fumo. Queste esposizioni non sono però indagabili con questo tipo di studi perché non vengono utilizzati dati a livello individuale, ma solo a livello di popolazione; viene valutata cioè l esposizione definita come residenza in un dato luogo alla data della morte. Dati di incidenza La registrazione dei tumori è attiva dal nell ASL di Rovigo e dal anche nell ASL di Adria, interessando quindi tutta la provincia di Rovigo. Per quanto riguarda la zona del Po di Volano, anche nella provincia di Ferrara è attivo un Registro Tumori. I dati di incidenza del Registro Tumori del Veneto relativi all Alto e al Medio Polesine, pari al 71% della popolazione della provincia, confermavano, per il tumore del polmone, l eccesso nei maschi (SIR 1.08; 95% IC ) e il deficit nelle donne (SIR 0.72; 95% IC ). I dati di incidenza più recenti, , relativi anche all ASL 19 e, quindi, all intero territorio provinciale confermano questi rilievi, anche per quanto riguarda il tumore della vescica, sempre nei maschi, eccesso già segnalato dagli studi di mortalità. L analisi dell incidenza nell ASL 19 è disponibile nel sito web del Registro ed è stata anche presentata al convegno organizzato dalla Provincia di Rovigo e di Ferrara il 9 novembre 2007 ( La salute dei bambini e l ambiente ). Ogni anno si verificano mediamente nei maschi 273 casi di tumore maligno e 189 nelle donne. L incidenza per tutti i tumori nei maschi non è significativamente superiore a quella media delle RTV, ma per tre sedi, polmone, laringe e vescica, si osservano i tassi più alti del Registro. L eccesso di tumore del polmone nei maschi è statisticamente significativo. Nel sesso femminile, l incidenza della malattia neoplastica è leggermente inferiore a quella media rilevata dal Registro e si osserva il più basso tasso di incidenza di tumore maligno del polmone. Nella Tabella 1 sono confrontati i tassi di incidenza standardizzati delle due ASL rodigine, il dato medio del Registro, della provincia di Ferrara e il dato medio dei registri italiani: la popolazione considerata è quella maschile. Nelle due ASL della provincia di Rovigo il tasso è più alto di quello della provincia di Ferrara, a sua volta identico a quello medio dell RTV. L incidenza del tumore della vescica è invece simile, ed è più alta della media del RTV.

3 Tabella 1 - Tassi di incidenza standardizzati per (popolazione standard europea. Periodo ). Maschi Sede ASL 19 ASL 18 RTV Ferrara Stomaco 25.8 ( ) Colon retto 69.7 ( ) Fegato 20.8 ( ) Pancreas 15.2 ( ) Laringe 23.7 ( ) Polmone ( ) Prostata 52.8 ( ) Vescica 57.4 ( ) Linfomi non HD 20.4 ( ) Leucemie 12.8 ( ) Totale escluso pelle ( ) 22.5 ( ) 78.9 ( ) 15.2 ( ) 12.6 ( ) 16.9 ( ) ( ) 68.2 ( ) 54.1 ( ) 19.2 ( ) 14.1 ( ) ( ) Pool Registri Italiani

4 Nella Tabella 2 il confronto riguarda la popolazione femminile. Il tasso di incidenza di tutti i tumori e del tumore maligno del polmone nell ASL 19 è il più basso, con una importante differenza da quello riportato a Ferrara. Tabella 2 - Tassi di incidenza standardizzati per (popolazione standard europea. Periodo ). Femmine Pool Registri Italiani Sede ASL 19 ASL 18 RTV Ferrara Stomaco 11.5 ( ) Colon retto 39.1 ( ) Fegato 8.5 ( ) Pancreas 9.8 ( ) Polmone 13.8 ( ) Mammella ( ) Corpo utero 22.9 ( ) Vescica 7.3 ( ) Tiroide 14.8 ( ) Linfomi non HD 10.5 ( ) Leucemie 7.3 ( ) Totale escluso pelle ( ) 10.8 ( ) 42.9 ( ) 4.4 ( ) 10.9 ( ) 14.9 ( ) ( ) 14.4 ( ) 8.1 ( ) 10.6 ( ) 13.5 ( ) 9.3 ( ) ( ) L eccesso di rischio per sedi come polmone, laringe e vescica, limitato al solo sesso maschile, fa ipotizzare l intervento di fattori occupazionali e/o voluttuari, il cui ruolo può essere indagato solo con studio che utilizzano dati individuali di esposizione. La disponibilità dei dati di incidenza permette di svolgere in tempi brevi uno studio caso controllo di popolazione utilizzando la metodologia OCCAM, (ISPESL - Istituto Tumori di Milano) che consente di stimare i rischi oncogeni per sede di tumore e comparto produttivo e di individuare i casi di possibile origine professionale. Ciò si realizza mediante un approccio di tipo caso-controllo, in cui vengono utilizzate le storie professionali ottenute mediante collegamento automatico con gli archivi INPS Si può produrre una stima dei rischi di tumore per comparto produttivo, disaggregata a livello di ASL, per le sedi per le quali è nota una etiologia professionale: Fegato, Cavità Nasali, Laringe, Polmone, Pleura, Vescica, Rene, Leucemie e produrre ipotesi di etiologia professionale per altre sedi per le quali è stato ipotizzato un possibile ruolo delle esposizioni in ambito lavorativo. Lo studio caso-controllo verrà realizzato, utilizzando come fonte per la individuazione dei casi incidenti nel periodo il data base del RTV. Si tratta di una metodologia utilizzata per il progetto OCCAM (ISPESL), già stato attuato in Veneto, utilizzando i casi incidenti relativi al periodo (4, 5) Ha inoltre fornito buoni risultati anche in altre regioni, riuscendo ad individuare i rischi di tumore noti in letteratura per molti comparti produttivi. Verranno considerati i

5 tumori delle seguenti sedi: Fegato, Cavità Nasali, Laringe, Polmone, Pleura, Vescica, Rene, Leucemie. Si tratta di sedi tumorali che riconoscono una etiologia professionale. Verranno inoltre considerate altre sedi al fine di generazioni di ipotesi etiologiche: Pancreas, Ovaio, Linfomi di Hodgkin e Non Hodgkin ecc. I controlli verranno campionati dalle anagrafi sanitarie. L esposizione sarà rappresentata dal settore di attività economica (es. gomma, tessile) dove hanno lavorato i soggetti, ottenuta mediante il collegamento automatico con gli archivi INPS. Come gruppo di non esposti verrà utilizzato un insieme di lavoratori del terziario. La base dello studio sarà costituita dai soli soggetti, casi e controlli, che abbiano una storia professionale reperibile in INPS. L accesso ai dati occupazionali INPS è garantito dal d.lgs 66/2000 che affida ad ISPESL il compito di sviluppare questo sistema informativo. 1 Casi Verranno estratti i casi incidenti per l intervallo di età tra 35 e 69 anni per il periodo : maschi di cui nell ASL di Adria 696, femmine di cui nell ASL di Adria Campionamento dei controlli e preparazione del file per l estrazione delle storie professionali Dopo aver tabulato i casi per sesso e fasce quinquennali di età, verrà stabilità la dimensione del campione, con un rapporto di appaiamento variabile tra 4:1 a 2:1 tra casi e controlli. Mediante i programmi forniti dalla U.O. di Epid. e Statistica dell Istituto Tumori Milano, verrà estratto dalla anagrafe sanitaria un campione stratificato per sesso ed età della popolazione da cui provengono i casi delle dimensioni stabilite. 3 Estrazione delle storie professionali Anche questa fase di lavoro è a carico dell U.O. di Epidemiologia e Statistica dell Istituto Tumori di Milano - ISPESL. Verrà preparato un file che conterrà i dati anagrafici di casi e controlli, senza l indicazione dello stato di malattia e mescolati in modo tale che non sia possibile dedurne lo stato di caso o controllo. In questo modo il dato sensibile relativo allo stato di malattia rimarrà presso il Registro che è la sorgente di tale dato. Mediante la procedura utilizzata dal progetto OCCAM verranno estratte le storie professionali dei soggetti dalla base di dati dell INPS. Questa riporta, per tutti i lavoratori del settore privato, anno per anno a partire dal 1974, la denominazione dell azienda ed il ramo di attività economica della stessa. In questo modo è possibile conoscere in quali comparti produttivi del settore privato, un soggetto abbia esercitato la propria attività lavorativa. 4 Stima dei rischi Al Registro verranno restituite le storie professionali dei soggetti estratte da INPS. Sempre presso il Registro verrà effettuato l accoppiamento tra le storie professionali ed i dati sanitari e realizzata l analisi statistica mediante le procedure SAS rese disponibili dalla U.O. dell INT Milano. L analisi sarà sia comprensiva su tutto il territorio regionale, sia disaggregata per ambiti territoriali omogenei od amministrativi (ASL). Il prodotto sarà costituito dalle stime per ciascuna sede e comparto dei rischi relativi, dei relativi limiti di confidenza valutati mediante regressione logistica, e le numerosità (casi, controlli, esposti, non esposti) dei soggetti che hanno contribuito all analisi di ciascun comparto. Stima dei costi per le attività esterne al Registro Tumori del Veneto Per l utilizzo delle procedure SAS relative alle fasi di campionamento dei controlli, ricostruzione della storie lavorative e calcolo dei rischi: ,00.

6 Bibliografia 1. Bertollini R, Faberi M, Di Tanno N. Ambiente e salute in Italia. Organizzazioni Mondiale della Sanità, Centro Europeo Ambiente e Salute. Il Pensiero Scientifico Editore. Luglio Biggeri A, Terracini B, Bertollini R, Faberi M, Martuzzi M, Mitis F, Giannuzzo D. Progetto PR25 Ambiente e stato di salute nella popolazione delle aree ad elevato rischio di crisi ambientale. Marzo Bidoli E, Franceschi S, Redivo A, Simon G, Piffer S, Zanier L, Simonato L. Atlante della mortalità per tumori nelle regioni e province del Nord-Est e in Italia, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, Italia, Crosignani P, Nesti M, Audisio R, Amendola P, Cavuto S, Scaburri A, Zambon P, Nedoclan G, Stracci F, Pannelli F, Miligi L, Vercelli M. Un sistema di monitoraggio per i tumori di origine professionale. Medicina del Lavoro, 2005, 96, Crosignani P, Massari S, Audisio R, Amendola P, Cavuto S, Scaburri A, Zambon P., Nedoclan G, Stracci F, Pannelli F, Vercelli M, Miligi L, Imbriani M, Berrino F. (2006). The Italian surveillance system for occupational cancers: Characteristics, initial results, and future prospects. American Journal of Industrial Medicine, 2006, 49,

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P. giugno 2009 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi dell'incidenza dei tumori nell'asl 8 di Asolo: periodo 1999-2003 e andamenti temporali dal

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto RTP Puglia S.C. Statistica Epidemiologia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 2010 2013 21 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto S.C. Statistica Epidemiologia RTP Puglia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 1 13 1 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro Tumori

Dettagli

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard)

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Valutazione di fattibilità di studi caso-controllo e di studi

Dettagli

Epidemiologia dei tumori professionali

Epidemiologia dei tumori professionali Epidemiologia dei tumori professionali L. Miligi U.O. di Epidemiologia Ambientale Occupazionale, ISPO, Istituto per lo studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze La sorveglianza sanitaria in esposti ad

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata 4.2 IL CANCRO NELLE MARCHE (Pannelli F) Fonti informative: ISTAT (Osservatorio della mortalità per tumori maligni nelle Marche dal 1980 al 2001); Registro tumori di popolazione della provincia di Macerata

Dettagli

Il cancro nelle Marche

Il cancro nelle Marche Il cancro nelle Marche La mortalità per tumori nella regione Marche Nelle Marche (1.443.000 abitanti nel periodo 1992-95), secondo i dati ISTAT, ogni anno, muoiono per cancro circa 4.000 persone (2.413

Dettagli

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Osservatorio Epidemiologico Regionale Registro Tumori Jonico-Salentino RT J-S Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Prof.

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica Verbania 22 febbraio 2003 Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico Ennio Cadum Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Valutazione epidemiologica È È stata condotta un analisi descrittiva

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Franco Sarto, Michela Veronese, Sara Roberti COREO Armando Olivieri, Luca Benacchio, Spisal ULSS 15 Le fonti

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

PREMESSA. Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione Regione Campania c/o ASL NA4

PREMESSA. Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione Regione Campania c/o ASL NA4 Il Contributo del Registro Tumori Campano alla conoscenza epidemiologica del territorio: analisi dei dati di incidenza oncologica per il periodo 1997 / Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Catena di montaggio Recupero delle informazioni Medici

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Dimmi come muori e ti dirò chi sei anonimo SMR (rapporto

Dettagli

Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori

Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori Dr. Mario Fusco Registro Tumori di Popolazione Regione

Dettagli

Registro tumori della Basilicata

Registro tumori della Basilicata Registro tumori della Basilicata I dati dell incidenza tumorale del triennio 2005-2007 4 dicembre 2012 Tassi specifici per età da 0 a 84 anni Nota: dati triennio 2005-2007. Rappresentazione grafica basata

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE Premessa La consapevolezza della compromissione ambientale che caratterizza Taranto, e del suo potenziale impatto sulla salute, ha

Dettagli

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori 6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori L'analisi per il totale dei ricoveri oncologici, condotta separatamente per i residenti nell ASL 13 (NO)

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA Dr Carmelo Scarcella DG Dr Annamaria Indelicato DS Prof. Francesco Donato Dr Rosa Maria Limina Sig. Stefano Brunelli Sig.ra Assunta Omassi Sig. Giuseppe Zani Sig.

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ Relazione finale LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Regione Puglia. Atlante. delle cause di morte della Regione Puglia

Regione Puglia. Atlante. delle cause di morte della Regione Puglia Regione Puglia Atlante delle cause di morte della Regione Puglia Anni 2000-2005 Regione Puglia Atlante delle cause di morte della Regione Puglia Anni 2000-2005 A CURA DI: Gruppo di Lavoro sulla Mortalità

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it TREND DI EVENTI SANITARI

Dettagli

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo

Stato di salute della popolazione del comune di Bergamo Azienda Sanitaria Locale della Direttore Generale dr.ssa Mara Azzi Direttore Sanitario dr. Giorgio Barbaglio Osservatorio Epidemiologico Dipartimento di Prevenzione Medico Atlante di Epidemiologia Geografica

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico. Registro Tumori

Osservatorio Epidemiologico. Registro Tumori Registro Tumori ANALISI SOPRAVVIVENZA AL 2006 TUMORI INCIDENTI 1999-2001 Mantova, Palazzo Te, Sala dei Giganti Mantova, 18 dicembre 2009 Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Agenzia Regionale Sanitaria Osservatorio Epidemiologico Regionale Osservatorio Epidemiologico Ambientale delle Marche Analisi dei dati di morbosità

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli?

Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli? Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli? A queste condizioni ostative di pura logica, si aggiunge il fatto che fosse vietato aprire discariche

Dettagli

Registro Tumori Regione Campania c/o Azienda Sanitaria Napoli 3 sud 2

Registro Tumori Regione Campania c/o Azienda Sanitaria Napoli 3 sud 2 IL CONTRIBUTO DEI REGISTRI TUMORI AGLI STUDI DI EPIDEMIOLOGIA IN AREE INQUINATE: LO STUDIO CONDOTTO NEL TERRITORIO DI RIFERIMENTO DELLA EX AZIENDA SANITARIA NAPOLI 4 M. Fusco 1, L. Fazzo 2, M. Benedetti

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014

I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014 I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014 A cura di Emanuele Crocetti - Epidemiologia clinica e descrittiva, ISPO Hanno collaborato: Carlotta Buzzoni, Adele Caldarella, Gianfranco Manneschi,

Dettagli

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni

Dettagli

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Via Marconi 66 80059 Torre del Greco (NA) ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Oltre alle tabelle e dati consultabili sul sito, riteniamo opportuno fornire alcune tabelle

Dettagli

Regione Calabria ASP Catanzaro

Regione Calabria ASP Catanzaro Regione Calabria ASP Catanzaro La Registrazione dei Tumori in Regione Calabria Cosenza, 25-26 febbraio - Teatro Rendano COPERTURA: NORD=42,5% CENTRO=25,5% SUD E ISOLE=16,5% Aree coperte dai Registri di

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

STATO di FATTO AL 31/12/2014

STATO di FATTO AL 31/12/2014 STATO di FATTO AL 31/12/2014 Studio Epidemiologico Retrospettivo Permanente sulla Malattia Neoplastica ASL VCO GENNAIO 2015 (Registro Tumori) www.registrotumorivco.org Giulio Barigelletti 1/21 Premesse

Dettagli

I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA

I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA Ragusa, Camera di Commercio 6/12/2011 Rosario Tumino, Dirigente Medico di Anatomia Patologica Distretto Ospedaliero 1 OMPA,

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

Rapporto sullo stato di salute delle popolazioni residenti nell area della valle del Serchio

Rapporto sullo stato di salute delle popolazioni residenti nell area della valle del Serchio Rapporto sullo stato di salute delle popolazioni residenti nell area della valle del Serchio Annibale Biggeri, Gabriele Accetta, Dolores Catelan Dipartimento di Statistica G. Parenti Università di Firenze

Dettagli

Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers

Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers Consonni D, Straif K, Symons JM, et al. American Journal of Epidemiology - 2013 Elena Farina Journal Club 6 maggio 2014 Contesto

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Proposta di referto Epidemiologico

Proposta di referto Epidemiologico Proposta di referto Epidemiologico presentata dall Osservatorio Ambientale Comunale di Tortona e mail: oac.tortona@gmail.com Tortona, 29.01.2016 1 INTRODUZIONE Cancerogenesi ambientale le più recenti acquisizioni

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Registro Tumori del Friuli Venezia Giulia dati di incidenza, 1999-2003

Registro Tumori del Friuli Venezia Giulia dati di incidenza, 1999-2003 Centro di Riferimento Oncologico Aviano Registro Tumori del Friuli Venezia Giulia dati di incidenza, 1999-2003 Giugno 2007 A cura di: Ettore Bidoli 1 Margherita De Dottori 2 Diego Serraino 1 Gianni Vicario

Dettagli

XIII riunione nazionale AIRTum Siracusa 6-7-8 Maggio 2009. G. Candela- Registro Tumori Trapani

XIII riunione nazionale AIRTum Siracusa 6-7-8 Maggio 2009. G. Candela- Registro Tumori Trapani Registro tumori, strumento autorevole per la gestione di un allarme e per la comunicazione del dato: risultati di un esperienza Giuseppina Candela Registro Tumori ASL9 TRAPANI XIII riunione nazionale AIRTum

Dettagli

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano Dipartimento Governance Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati Data ultima revisione 8//

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

Con il patrocinio del Comune della Spezia

Con il patrocinio del Comune della Spezia Servizio Sanitario azionale Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DIPARTIMETO DI PREVEZIOE S.S.D. Epidemiologia IRCCS AOU San Martino IST Istituto azionale per la Ricerca sul Cancro SC

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

ATLANTE D INCIDENZA E DI MORTALITA ONCOLOGICA NELLA CITTA DI VERCELLI PERIODO 2000-2009

ATLANTE D INCIDENZA E DI MORTALITA ONCOLOGICA NELLA CITTA DI VERCELLI PERIODO 2000-2009 ATLANTE D INCIDENZA E DI MORTALITA ONCOLOGICA NELLA CITTA DI VERCELLI PERIODO 2000-2009 Studio eseguito dal Prof. Lucio Antonio Palin e dal Dr. Christian Salerno, Dipartimento di Medicina Traslazionale,

Dettagli

PRIMI DATI EPIDEMIOLOGI DI UN QUARTIERE DI TRINO LIMITROFO AD UN EX FONDERIA-ANNI 1970-2013

PRIMI DATI EPIDEMIOLOGI DI UN QUARTIERE DI TRINO LIMITROFO AD UN EX FONDERIA-ANNI 1970-2013 PRIMI DATI EPIDEMIOLOGI DI UN QUARTIERE DI TRINO LIMITROFO AD UN EX FONDERIA-ANNI 1970-2013 D.ri Christian Salerno e Lucio A.Palin Ricercatori in Epidemiologia Ambientale e Statistica Medica AREA IN STUDIO

Dettagli

I PROBLEMI DI SALUTE

I PROBLEMI DI SALUTE I PROBLEMI DI SALUTE ASPETTI GENERALI Questo capitolo presenta alcuni dati generali utili a descrivere lo stato di salute della popolazione della provincia di Torino e fornisce la cornice entro cui interpretare

Dettagli

Ministero della Salute DOCUMENTO TECNICO DI INDIRIZZO PER RIDURRE IL CARICO DI MALATTIA DEL CANCRO. Anni 2011-2013

Ministero della Salute DOCUMENTO TECNICO DI INDIRIZZO PER RIDURRE IL CARICO DI MALATTIA DEL CANCRO. Anni 2011-2013 Ministero della Salute DOCUMENTO TECNICO DI INDIRIZZO PER RIDURRE IL CARICO DI MALATTIA DEL CANCRO Anni 2011-2013 1 Indice 1.0 Il cancro in Italia pag. 4 1.1 Quadro epidemiologico nazionale pag. 4 1.1.1

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Silvia Candela, S.Epidemiologia Dipartimento

Dettagli

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Le sostanze inquinanti emesse da una ciminiera si allontanano fino a migliaia di chilometri dal punto di emissione mandando in fumo il concetto

Dettagli

Le previsioni demografiche ISTAT

Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche riportate nel capitolo 1 sono elaborate dall ISTAT sulla base di diversi scenari di dinamica demografica. Sono di seguito esplicitate le ipotesi

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA Analisi dei dati epidemiologici Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA La metodologia epidemiologica che si utilizza per indagare sui rapporti tra fattori

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole:

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: integrazione alle considerazioni conclusive riportate nella versione Ottobre 2013 AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT SANITÀ NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.4/2015 La rilevazione sui decessi e le cause

Dettagli

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 DIREZIONE SANITA PUBBLICA LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 Osservatorio Epidemiologico Regionale Autori del volume: M. Dalmasso(1), S. Bellini(1), M. Gulino(2), D. Sarasino(3), P.C. Vercellino(4),

Dettagli

Dalla ricerca dei casi di tumore professionale agli interventi di prevenzione: l utilizzo del metodo OCCAM nell ASL di Como

Dalla ricerca dei casi di tumore professionale agli interventi di prevenzione: l utilizzo del metodo OCCAM nell ASL di Como G Ital Med Lav Erg 2011; 33:4, 381-386 PI-ME, Pavia 2011 ISSN 1592-7830 Maria Rita Aiani 1, Edoardo Bai 2, Enrico Oddone 3, Lamberto Settimi 1, Giovanni Genna 1, Paola Maternini 1, Alessandra Scaburri

Dettagli

Tumori, 2.000 morti in meno l anno in Italia Progressi terapeutici, prevenzione, e stili di vita dettano il trend della mortalità

Tumori, 2.000 morti in meno l anno in Italia Progressi terapeutici, prevenzione, e stili di vita dettano il trend della mortalità Tumori, 2.000 morti in meno l anno in Italia Progressi terapeutici, prevenzione, e stili di vita dettano il trend della mortalità Presentato oggi, 26 settembre 2005, al Ministero della Salute l ultimo

Dettagli

Risultati. Speranza di vita. Mortalità proporzionale

Risultati. Speranza di vita. Mortalità proporzionale Risultati Dal 1 gennaio 1997 al 31 dicembre 2002 è stato registrato, per l intera regione, un numero totale di decessi pari a 274.869. Di questi, 3.461 sono stati eliminati perché mancanti del codice ISTAT

Dettagli

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 07.02.2011, 9:15 14 Salute N. 0352-1101-20 I tumori in Svizzera dal 1983 al Quattro persone su dieci

Dettagli

Foto in copertina di proprietà del Comune di Reggio Emilia

Foto in copertina di proprietà del Comune di Reggio Emilia I TUMORI IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ANNO 28 Lucia Mangone Paola Ballotari Stefania Caroli Enza Di Felice Stefania D Angelo Carlotta Pellegri Annamaria Pezzarossi Massimo Vicentini Silvia Candela 1 Foto

Dettagli

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova Marina VERCELLI Dipartimento Scienze della Salute, Università di Genova S.S. Epidemiologia Descrittiva, IST Genova I NUMERI DEL CANCRO

Dettagli

Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio. Dr. Giuseppe Falliti

Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio. Dr. Giuseppe Falliti Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio Dr. Giuseppe Falliti Risanamento = IP 2 Un Progetto di RISANAMENTO si deve proporre di: a) Informare, in maniera

Dettagli

Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì)

Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì) Valutazione dello stato di salute della popolazione residente nell area di Coriano (Forlì) Studio condotto nell ambito del progetto Environmental health surveillance system in urban areas near incinerators

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S e Zambon P. REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Registro Tumori del Veneto ANALISI DELL INCIDENZA DEI TUMORI NELL ASL 19 DI PERIODO 1999-2003 Registro Tumori

Dettagli