Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design CH.MO PROF. ING. Federico Massimo MAZZOLANI CORRELATORE: Dr. ING. Antonio FORMISANO CANDIDATO: Federico GAMARDELLA MATR. 520/647

2 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

3 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA:I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

4 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA:I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

5 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

6 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

7 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

8 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

9 DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA Dal dizionario della lingua italiana Lo Zingarelli : robustezza = caratteristica di chi (o di ciò che) è robusto robusto = che possiede forza, energia resistente, vigoroso (di persona o di cosa) (anche fig.). Non è raro incontrare la parola robusto con riferimento ad un ecosistema, ad una procedura statistica, ad oggetti comuni, etc

10 DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA Nel campo dell ingegneria strutturale, però, è ormai da qualche anno che la robustezza viene identificata con: la capacità di una struttura di subire un danno proporzionato all evento. ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA

11 DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA DM (2.1 Principi Fondamentali) le opere e le varie tipologie strutturali devono possedere i seguenti requisiti: - sicurezza nei confronti degli stati limite ultimi (SLU): capacità di evitare crolli, perdite di equilibrio e dissesti gravi, totali o parziali, che possano compromettere l incolumità delle persone ovvero comportare la perdita di beni, ovvero provocare gravi danni ambientali e sociali, ovvero mettere fuori servizio l opera; - sicurezza nei confronti degli stati limite di esercizio (SLE): capacità di garantire le prestazioni previste per le condizioni di esercizio; - robustezza nei confronti delle azioni eccezionali: capacità di evitare danni sproporzionati rispetto all entità delle cause innescanti quali incendio, esplosione, urti.

12 DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA Commissione Congiunta sulla Sicurezza Strutturale (JCSS) La robustezza di un sistema è definita come il rapporto tra i rischi diretti e i rischi totali, (per rischi totali si intende la somma di rischi diretti e indiretti), per uno specifico periodo di tempo e considerando tutti gli eventi rilevanti cui la struttura è esposta e tutti gli stati di danno rilevanti per i singoli costituenti del sistema. Una robustezza condizionale può essere definita come la robustezza per una data azione cui la struttura è esposta e o un dato stato del danno.

13 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA:I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

14 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO Definizione di collasso progressivo (NIST 7396) Diffusione di un danno locale, derivato da un evento iniziale, da un elemento ad un altro che porta, alla fine al collasso dell intera struttura o ad una sproporzionata parte di esso; noto anche come collasso sproporzionato

15 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO Casistica di collassi progressivi emblematici RONAN POINT MURRAH FEDERAL BUILDING WORLD TRADE CENTER 1 E 2

16 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO Casistica di collassi progressivi emblematici RONAN POINT MURRAH FEDERAL BUILDING WORLD TRADE CENTER 1 E 2

17 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO RONAN POINT (Londra, 16 maggio 1968)

18 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO Casistica di collassi progressivi emblematici RONAN POINT MURRAH FEDERAL BUILDING WORLD TRADE CENTER 1 E 2

19 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO MURRAH FEDERAL BUILDING (Oklahoma City, 19 aprile 1995)

20 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO Casistica di collassi progressivi emblematici RONAN POINT MURRAH FEDERAL BUILDING WORLD TRADE CENTER 1 E 2

21 ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO WORLD TRADE CENTER 1 E 2 (New York City, 11 settembre 2001)

22 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

23 APPROCCI NORMATIVI NORME NORD-AMERICANE - ASCE ACI GSA PBS Facilities Standards GSA PBS Facilities Standards GSA Progressive Collapse Guidelines NISTIR 7396 NORME EUROPEE - Joint Committee of Structural Safety, Risk Assessment in Engineering (JCSS 08) - CEN Eurocode 1- Actions on Structures Part Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/08)

24 APPROCCI NORMATIVI Azioni Eccezionali Classificazione - Naturali, cioè originate da forze della natura quali terremoti, uragani, tifoni, tempeste di neve, valanghe e altri; - Artificiali, cioè frutto dell opera dell uomo, sia di tipo intenzionale che non, quali impatti veicolari, collisioni di aeromobili, esplosioni di ordigni, attacchi terroristici e così via. Si può definire eccezionale per una struttura una qualunque azione non espressamente prevista in fase di progetto (nel calcolo delle sollecitazioni)

25 APPROCCI NORMATIVI STRATEGIE DI PROGETTO Controllo dell evento Interconnessione e continuità (approccio indiretto) Resistenza locale specifica (approccio diretto) Percorsi di carico alternativi (approccio diretto)6

26 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

27 METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA METODI PROBABILISTICI (JCSS) Valutazione del rischio per una esposizione (azione eccezionale) R E = P E. C E Esposizione Valutazione della vulnerabilità Vulnerabilità R D = p (C l /EX k )c D (C l )p(ex k ) Valutazione della robustezza Robustezza R ID = c ID (S m, c D (C l ))p(s m /C l, EX)p (C l /EX k )p(ex k )

28 METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA METODI DETERMINISTICI (CURVE DI CAPACITA ) Indice di Robustezza

29 METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA METODI DETERMINISTICI (CURVE DI CAPACITA )

30 METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA METODI DETERMINISTICI (CURVE DI CAPACITA )

31 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

32 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE SCELTA CASI DI ANALISI Progettate con DM 08 CNR e DM 96

33 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE DEFINIZIONE CASI DI ANALISI Caso di analisi c.o.v. materiale c.o.v. azioni 1 7% 10% 2 5% 10% 3 3% 10% 4 7% 20% 5 5% 20% 6 3% 20% 7 7% 30% 8 5% 30% 9 3% 30%

34 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE MODELLI AGLI ELEMENTI FINITI (SAP 2000)

35 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE CURVE DI CAPACITA PER IL CASO 1 DM 08 CNR e DM 96

36 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE CURVE DI CAPACITA PER IL CASO 1 DM 08 CNR e DM 96

37 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE MECCANISMI DI COLLASSO b) DM 08 CNR e DM 96

38 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE MECCANISMI DI COLLASSO a) b) DM 08 CNR e DM 96

39 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE TRASFORMAZIONE CURVE E CALCOLO INDICI a) b)

40 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE a) CALCOLO INDICI MEDI E CARATTERISTICI b) Telaio 2 livelli 1 campata DM 2008 DM 1996 Caso di analisi c.o.v. materiale c.o.v. azioni cost triang cost triang 1 7% 10% % 10% % 10% % 20% % 20% % 20% % 30% % 30% % 30% Valori medi Valori caratteristici Telaio 3 livelli 3 campate DM 2008 DM 1996 casi analisi c.o.v. mat c.o.v. car cost triang cost triang 1 7% 10% % 10% % 10% % 20% % 20% % 20% % 30% % 30% % 30% Valori medi Valori caratteristici Incremento di Robustezza = 15 volte Incremento di costo = 40% Incremento di Robustezza = 19volte Incremento di costo = 20%

41 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE TRASFORMAZIONE CURVE E CALCOLO INDICI a) b)

42 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE VALUTAZIONE CURVE E CARATTERISTICHE E LIVELLI DI PRESTAZIONE a) b)

43 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE VALUTAZIONE CURVE E CARATTERISTICHE E LIVELLI DI PRESTAZIONE a) b)

44 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE a) COMPILAZIONE MATRICI DI PRESTAZIONE b) Indice robustezza DM 08 FO O LS R1 R2 CP SLO SLD SLV SLC SLEx Indice robustezza DM 08 FO O LS R1 R2 CP SLO SLD SLV SLC SLEx Indice robustezza DM 96 FO O LS R1 R2 CP SLO SLD SLV SLC SLEx Indice robustezza DM 96 FO O LS R1 R2 CP SLO SLD SLV SLC SLEx

45 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

46 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI SCELTA STRUTTURA: EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK IN NAPOLI b)

47 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI SCELTA STRUTTURA: EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK IN NAPOLI b)

48 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK b) IN NAPOLI: INTERVENTI DEGLI ANNI 90

49 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK: MODELLO AGLI ELEMENTI FINITI b)

50 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK: VALUTAZIONE CAPACITA SISMICA b)

51 VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI EDIFICIO DELLA DEUTSCHE BANK: VALUTAZIONE CAPACITA SISMICA b) Matrice di prestazione in termini di robustezza direzione x FO O LS R1 R2 CP SLO SLD SLV SLC SLEx

52 INDICE DEFINIZIONE DI ROBUSTEZZA ASSENZA DI ROBUSTEZZA: I FENOMENI DI COLLASSO PROGRESSIVO APPROCCI NORMATIVI METODOLOGIE DI ANALISI DELLA ROBUSTEZZA VALUTAZIONE DELLA ROBUSTEZZA MEDIANTE IL METODO DELLE CURVE DI CAPACITA IMPIEGO IN OTTICA PROBABILISTICA PER STRUTTURE NUOVE IMPIEGO IN OTTICA DETERMINISTICA PER STRUTTURE ESISTENTI CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI

53 CONCLUSIONI STATO DELL ARTE SU CONOSCENZE E METODI MESSA A PUNTO DI UNA METODOLOGIA AGEVOLE E ACCURATA VARIAZIONE DELL INDICE DI ROBUSTEZZA (c.o.v 30%) PASSARE DAL DM 96 AL DM 08 INCREMENTA LA ROBUSTAZZA AL SISMA ANCHE STRUTTURE ESISTENTI DA MOLTI ANNI, SE SOGGETTE A MIRATI INTERVENTI, POSSONO RIVELARSI ROBUSTE SPESSO LE STRUTTURE IN ACCIAIO RISULTANO SOVRA-RESISTENTI NEI RIGUARDI DEL SISMA, A CAUSA DELLE VERIFICHE DI DEFORMABILITA

54 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L'ANALISI DI NORME

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Fabio Mazza Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria, 87036, Rende (Cosenza).

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La progettazione strutturale in zona sismica Il nuovo quadro normativo Comune di Castellammare di Stabia - Scuola Media Statale Luigi Denza - dal 27/02/2007 al 10/05/2007-

Dettagli

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici NORMA EUROPEA Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici UNI EN 1998-1 MARZO 2005 Eurocode 8 Design of structures

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

COMBINAZIONI DI VERIFICA AGLI STATI LIMITE: IL NON DETTO DELLE NORMATIVE

COMBINAZIONI DI VERIFICA AGLI STATI LIMITE: IL NON DETTO DELLE NORMATIVE 1 COMBINAZIONI DI VERIFICA AGLI STATI LIMITE: IL NON DETTO DELLE NORMATIVE Paolo Rugarli 1 Ingegneria Sismica, n 2 2004 Sommario Questo articolo si riferisce alla determinazione delle combinazioni di verifica

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI ATTIVITA DI RICERCA DEL LABORATORIO DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Anno 2001 Progetto di ricerca n.5 LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI Dirigente proponente:dott.ing.

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice)

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) All Università degli Studi di Udine Ripartizione del personale Ufficio Concorsi Via Palladio 8 33100 UDINE Il sottoscritto...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli FACOLTA' DI LETTERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN STORIA DELL ARTE TESI DI LAUREA IN STORIA DELL ARTE CONTEMPORANEA IL LUOGO DEL PARADOSSO: IL GIARDINO

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici Stefano Aversa e Rosa Maria Stefania Maiorano Università di Napoli Parthenope, Napoli, Italy Alessandro Mandolini Seconda Università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli