La revisione dell accertamento doganale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La revisione dell accertamento doganale"

Transcript

1 Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da e verso Paesi extra-ue viene definito, secondo la procedura ordinaria, con la liquidazione e il pagamento dei diritti doganali dovuti, con il conseguente svincolo delle merci e la consegna al dichiarante di un esemplare della bolletta doganale o DAU - Documento Amministrativo Unico. Per le importazioni la dogana rilascia l esemplare 8, mentre per le esportazioni l esemplare 3 o il DAE - Documento di Accompagnamento all Esportazione, previsto dalla nuova procedura con visto uscire informatizzato. Scopo Tipologie Revisione su istanza di parte: vantaggi La revisione: caratteristiche e finalità La revisione dell accertamento è lo strumento che consente, entro il termine di tre anni, di riesaminare la dichiarazione doganale ad accertamento concluso, allo scopo di controllare la correttezza e completezza degli elementi dichiarati, sulla base della documentazione già presentata o di altri documenti, acquisiti anche successivamente alla definizione dell accertamento stesso. In caso di riscontro di errori, si procede alla rettifica della dichiarazione doganale e all eventuale riliquidazione dei diritti doganali, con conseguente recupero o rimborso. La revisione può essere effettuata d ufficio, da parte della dogana, oppure su istanza di parte, nel caso in cui l operatore stesso abbia rilevato degli errori formali o sostanziali o nuovi elementi a suo tempo omessi e voglia richiederne la correzione. La revisione su istanza di parte può essere richiesta direttamente dall operatore o dal soggetto che ha dichiarato le merci in dogana. I vantaggi della revisione dell accertamento su istanza di parte sono i seguenti: regolarizzazione tempestiva di errori già riscontrati dall operatore, anche ai fini fiscali; esenzione dall applicazione delle eventuali sanzioni amministrative previste dal Testo Unico delle Leggi Doganali - TULD (D.P.R. n. 43/1973), da richiedere nell istanza, in particolare (art. 303), la sanzione prevista in misura fissa da E 103 a E 516 per differenze relative a quantità, qualità, valore e origine delle merci e in misura proporzionale, da una a dieci volte i maggiori diritti dovuti, se la differenza per singolo tributo tra dichiarato in bolletta e accertato in sede di revisione supera il 5%; esenzione dal pagamento degli interessi, in caso di riliquidazione che comporti un recupero di diritti, solo se ne è fatta specifica richiesta e se l istanza viene presentata entro 90 giorni dalla definizione dell accertamento. 36

2 Controllo dell esattezza degli elementi dell accertamento È sempre consigliabile, all atto del ricevimento del DAU vistato dalla dogana, verificare la correttezza e completezza di tutti gli elementi dichiarati e la loro concordanza con la documentazione presentata, anche al fine di verificare la liquidazione dei diritti doganali (dazio, IVA, accise e altri tributi). Il controllo sarà effettuato prima di procedere, per le importazioni, alla registrazione della bolletta doganale ai fini fiscali e, per le esportazioni, alla sua archiviazione unitamente alla fattura emessa, ai fini della convalida dell uscita delle merci dalla UE. Esportatori abituali Per gli esportatori abituali questi controlli rivestono particolare importanza in relazione al plafond IVA, visti i riflessi che eventuali errori nella liquidazione dei tributi possono avere sulla sua determinazione o sul suo utilizzo. Bolletta doganale: elementi per l accertamento La bolletta doganale contiene tutti gli elementi necessari per l accertamento in dogana delle merci ed in particolare: elementi soggettivi, riferiti all intestatario della dichiarazione, quali la partita IVA e la denominazione e sede dell operatore, o riferiti al dichiarante delle merci in dogana. Rientra tra gli elementi soggettivi anche lo status di esportatore abituale, che consente di importare merci con dichiarazione di intento ai fini IVA; elementi oggettivi, riferiti alle merci oggetto della dichiarazione, quali la qualità (classificazione tariffaria e descrizione commerciale delle merci), la quantità, il valore e l origine, la richiesta di trattamenti preferenziali o di aliquote agevolate. Vi rientrano tutti gli altri elementi dichiarati che incidono sull applicazione di disposizioni tributarie, quali trattamenti tariffari preferenziali, ed extratributarie la cui applicazione è demandata alle dogane, quali norme sanitarie e fitosanitarie, di tutela di marchi e brevetti e del made in, di politica commerciale, ecc.. In caso di ritardo nella ricezione della bolletta doganale o della fattura vistata, è consigliabile effettuare opportune ricerche presso il dichiarante al fine di acquisire il documento per quanto possibile in tempi brevi. Visto uscire informatizzato Per procedere al controllo degli elementi dell accertamento delle esportazioni effettuate con il nuovo sistema del visto uscire informatizzato, in vigore dal 1º luglio 2007, sarà opportuno richiedere al dichiarante delle merci una stampa ad uso interno del formulario DAU presentato in dogana. Infatti, la nuova procedura prevede l emissione del Documento di Accompagnamento all Esportazione DAE, che riporta solo alcuni elementi identificativi della spedizione. Non appena ricevuta la dichiarazione doganale, l operatore procederà al riesame degli elementi principali, confrontandoli con la documentazione commerciale, di trasporto e con tutte le ulteriori certificazioni presentate ai fini dell accertamento, elencati nella casella 44 del DAU (cfr. C.M. n. 45/D, 2006, che riunisce in un unico manuale le istruzioni e i codici da utilizzare per la compilazione del nuovo DAU). Nella tabella seguente vengono elencati gli elementi principali da controllare nella bolletta doganale. 37

3 Elementi da verificare nella bolletta Elemento N. Tipo di casella DAU Contenuto della casella Soggettivo 2 Esportatore/Importatore Denominazione, sede e P.IVA Oggettivo (qualità) Oggettivo (quantità) Oggettivo (valore) 33 Codice delle merci Codice TARIC della Tariffa doganale d Uso Integrata, corrispondente alla designazione della merce, come indicata nella casella 31, consultabile online (www.agenziadogane.it), all indirizzo Massa lorda e netta (Kg) Indicazione del peso della merce e 41 Unità supplementari delle unità supplementari (esempio: volume, paia, n., pezzi), particolarmente importante per i prodotti agricoli e le merci soggette ad accisa, per i quali l aliquota daziaria è in parte rapportata al peso o volume della merce Importo fatturato Tasso di cambio Dati correlati alla determinazione del valore in dogana e alla base imponibile per liquidazione dei tributi nella bolletta 42 Prezzo dell articolo doganale. Il controllo di questi elementi è della massima importanza 20 Condizioni di consegna in quanto determina l importo dei tributi doganali. 12 Elementi del valore 45 Aggiustamento 46 Valore statistico 47 Calcolo delle imposizioni Oggettivo (origine) Paese d origine Codice Paese d origine Elementi relativi all origine delle merci. L origine ha riflesso sulla liquidazione dei tributi nella bolletta doganale in 36 Preferenze caso di presentazione di prove d origine preferenziali, quali certificati EUR1, EUR-MED, FormA o dichiarazioni d origine su fattura rilasciati dai Paesi terzi, menzionate nel riquadro 44. In caso di applicazione di trattamento preferenziale o accordi doganali, questo sarà riscontrabile dalla prima cifra della casella 36 (codici 2, 3 o 4). Si rammenta che è prevista anche la presentazione a posteriori di tali prove, con conseguente revisione d accertamento e rimborso dei diritti pagati in più. 38

4 Quando richiedere la revisione Se dal controllo emergono errori o variazioni di elementi formali e/o sostanziali o se sono intervenuti nuovi elementi che modificano l accertamento, è possibile richiedere la revisione per regolarizzare la bolletta doganale. Errori formali Errori sostanziali Gli errori formali sono quelli che non incidono sulla liquidazione dei diritti (dazio, IVA, accise), a differenza degli errori sostanziali, che comportano una differenza nella liquidazione dei diritti, con conseguente recupero o rimborso di diritti rispetto quanto precedentemente liquidato. A titolo esemplificativo: errori nell indicazione della quantità (massa netta/volume, soprattutto per merce soggetta a tassazione a peso/volume, come per i prodotti agricoli o soggetti ad accisa); errori legati alla qualità della merce (designazione e classificazione tariffaria); errori di trascrizione di dati rilevabili dalla documentazione già presentata (per esempio: importo fatturato errato); errata indicazione della P.IVA dell esportatore/importatore; variazioni del valore delle merci, per esempio: in caso di acconti non computati, note di debito o credito intervenute successivamente, errata indicazione della valuta, o qualsiasi altra variazione; presentazione a posteriori di prove d origine preferenziali per le quali possono essere applicate preferenze tariffarie (EUR1, EUR-MED, FormA, dichiarazione d origine su fattura); errori nell indicazione delle condizioni di consegna che abbiano variato la base imponibile (per esempio, resa EXW anziché CIF). La revisione d ufficio Gli uffici doganali, entro il termine di prescrizione di tre anni dalla data in cui l accertamento è divenuto definitivo (data di registrazione della bolletta doganale) possono procedere di propria iniziativa alla revisione dell accertamento. Il controllo può avvenire in ufficio o con accesso presso l operatore (importatore o esportatore). Controllo in ufficio o presso operatore In entrambi i casi possono essere richiesti documenti, prove o notizie relativi all operazione doganale oggetto del controllo. In caso di controllo effettuato senza accesso, oltre al riesame della documentazione agli atti, la dogana potrà richiedere all operatore ulteriore documentazione, che dovrà essere fornita entro un termine non inferiore a 15 giorni dal ricevimento della richiesta. L operatore in questi casi non potrà richiedere l attivazione della revisione di propria iniziativa per l operazione oggetto del controllo. Nel caso in cui dalla revisione d ufficio emergano differenze che comportino una riliquidazione ed un recupero di diritti, saranno applicate anche le sanzioni amministrative (art. 303, TULD) e i relativi interessi. La revisione su istanza di parte Gli operatori possono sempre richiedere la revisione dell accertamento su istanza di parte, sempre entro tre anni dalla data in cui l accertamento è divenuto definitivo, in caso di riscontro di errori, omissioni o variazioni sia formali che sostanziali. 39

5 Ufficio di presentazione Soggetti autorizzati Documenti da allegare L istanza di revisione L istanza di revisione deve essere presentata alla dogana presso cui è stata dichiarata la merce (l ufficio indicato nel riquadro C del DAU quale ufficio di partenza). Può essere presentata direttamente dall operatore o tramite il rappresentante o dichiarante che figura nelle caselle 14 e 54 del DAU. La denominazione e l indirizzo dell ufficio doganale a cui va presentata l istanza e a cui è possibile chiedere informazioni sul procedimento sono rintracciabili al seguente indirizzo: L istanza dovrà essere corredata dai seguenti documenti, da allegare in originale: esemplare della bolletta doganale in proprio possesso; documentazione commerciale e di trasporto elencata nella casella 44 (Menzioni speciali/documenti presentati/certificati ed autorizzazioni); modulo di dichiarazione integrativa, che funge da rettifica della dichiarazione originaria, redatta su un modello DAU, da cui risultino gli elementi dell accertamento corretti (si può richiedere al dichiarante); ulteriore documentazione che comprovi la variazione degli elementi per i quali si chiede la revisione (a titolo esemplificativo: note di credito, fatture integrative, certificati d origine preferenziale, documenti di trasporto, contratti, ordini, distinte di carico, documentazione bancaria comprovante pagamenti o accrediti, ecc.). Informazioni da inserire È sempre consigliabile tenere una copia di tutta la documentazione inviata ed inserire nell istanza il nominativo, il recapito telefonico ed eventualmente l della persona da contattare per eventuali informazioni. Nell istanza vanno descritte in modo chiaro tutte le variazioni degli elementi dichiarati, facendo riferimento ai documenti che si allegano. Revisioni senza variazioni nella liquidazione dei diritti (rettifiche) In caso di variazione di elementi che non incidono sulla liquidazione dei diritti, nell istanza si richiede unicamente la rettifica degli elementi errati. La dogana competente procede a verificare quanto dichiarato e ad effettuare le necessarie operazioni di rettifica della bolletta errata, acquisendo nel sistema informativo doganale i nuovi elementi corretti e restituendo alla parte un esemplare della rettifica e la documentazione di propria competenza. L esemplare della rettifica andrà conservato agli atti quale documento integrativo della bolletta doganale originaria. Tipologie Rientrano tra le revisioni senza variazioni nella liquidazione dei diritti: le variazioni di elementi riguardanti le dichiarazioni di esportazione (quantità, qualità, valore, origine), che non diano luogo a violazioni di altre disposizioni di carattere tributario o extratributario, per esempio: divieti o retribuzioni o richieste di restituzione; le variazioni di designazione o classificazione tariffaria delle merci all importazione, se non varia l aliquota daziaria e la base imponibile. 40

6 Caratteristiche e procedura Esempio istanza di revisione Revisioni con recupero di diritti Se i nuovi elementi dell accertamento determinano una riliquidazione dei diritti già calcolati all atto dell operazione doganale nella casella 47 del DAU, con maggiori diritti dovuti, l istanza di revisione andrà corredata, oltre che dalla documentazione originale che comprovi gli elementi variati, anche da una dichiarazione integrativa a titolo di modifica della bolletta originaria, da redigere su un particolare modello del DAU previsto dall attuale normativa (allegato III, Reg. CE 2286/2003). Può risultare utile a tale scopo richiedere una stampa del DAU con gli elementi corretti al proprio rappresentante, che ha dichiarato e sottoscritto la bolletta doganale. Se per la bolletta originaria era stata presentata dichiarazione di intento per utilizzo del plafond IVA e l operatore intende avvalersene anche per l IVA dovuta in più che scaturisce dalla revisione, nell istanza occorrerà dichiarare di avere ancora capienza per beneficiare del plafond riferito all anno di effettuazione dell operazione doganale (data dell accertamento). Successivamente l operatore provvederà a rideterminare l utilizzo del plafond. All Ufficio delle Dogane di Bergamo Oggetto: istanza di revisione d accertamento della dichiarazione di importazione IM A n U del della Dogana di Bergamo. Intestatario: Ditta Rossi S.r.l., con sede in Bergamo, Via Corridoni 40, P.IVA Il sottoscritto Mario Rossi, in qualità di legale rappresentante della Società in oggetto chiede, ai sensi dell art. 78 del Reg. (CE) n. 2913/92, la revisione dell accertamento relativo alla dichiarazione IM A n U del della Dogana di Bergamo. La revisione è richiesta in quanto all atto della presentazione della dichiarazione di cui trattasi è stato dichiarato un importo fatturato di E anziché di E. La differenza è dovuta alla nota di debito del fornitore n. 435 del , per E, che integra l importo della fattura originariamente emessa n. 123 del , pari a E, presentata all atto dello sdoganamento. In relazione a quanto precede, si chiede, pertanto, la revisione dei seguenti elementi dell accertamento in argomento: valore della merce ed in particolare importo fatturato (casella 22 DAU). La rettifica richiesta ha come conseguenza la necessità di procedere a nuova liquidazione dei diritti gravanti sulle merci secondo il seguente prospetto: dazio liquidato in dichiarazione E 135,00 dazio da liquidarsi secondo la richiesta revisione E 165,00 IVA liquidata in dichiarazione E 951,00 IVA da liquidarsi secondo la richiesta revisione E 1.157,00 altri diritti liquidati in dichiarazione E 0 altri diritti da liquidare secondo la richiesta di revisione E 0 Totale diritti da corrispondere in più: Dazio E 30,00 IVA E 206,00 Si allega dichiarazione integrativa redatta sul modello DAU, contenente gli elementi rettificati e la nuova liquidazione dei diritti. In relazione al pagamento dell IVA e con riferimento alla dichiarazione d intento presentata in fase di accertamento (n. 8 del ) il sottoscritto dichiara di avere capienza per beneficiare del plafond anche per la maggiore IVA dovuta risultante dalla revisione. 41

7 Si chiede, inoltre, l applicazione dell art. 20, comma 4, Legge n. 449/97 (esenzione dall applicazione di sanzioni amministrative e dal pagamento degli interessi in quanto l istanza è presentata entro novanta giorni dalla data in cui l accertamento è divenuto definitivo). Si allega inoltre la seguente documentazione: 1. esemplare 8 della bolletta doganale IM A n.4768 U del della Dogana di Bergamo; 2. fattura n. 123 del , pari a E; 3. nota di debito del fornitore n. 435 del per E; 4. copia del contratto con valore della merce. In relazione alla presente istanza il sottoscritto, consapevole che chiunque rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del C.P. e delle leggi speciali in materia, ai sensi dell art. 46 del DPR n. 445/2000, dichiara che alla data di presentazione della presente istanza non è decorso il termine triennale di decadenza. Per ulteriori informazioni concernenti l istanza è possibile contattare il sig. Andrea Verdi al numero 035/ o all indirizzo: Bergamo, 28 aprile 2008 per Rossi Srl Mario Rossi Verifiche e richieste dell ufficio doganale Esito dell istanza 42 L ufficio doganale verifica le condizioni di ammissibilità dell istanza, con particolare riferimento al rispetto dei termini di decadenza (tre anni), e controlla gli elementi e i documenti che supportano la richiesta. Può richiedere per iscritto ulteriore documentazione oppure, nei casi ritenuti necessari, procedere ad un accesso presso l operatore, effettuare analisi, inviare al controllo a posteriori eventuali certificati d origine preferenziale, con lo scopo di accertare la correttezza e fondatezza dei nuovi elementi dell accertamento. Nel caso non ricorrano i presupposti, l ufficio potrà rigettare l istanza, anche tacitamente, cioè senza formale comunicazione, se entro il novantesimo giorno successivo a quello di presentazione della richiesta non sia stata data comunicazione di istruttoria in corso o dell esito delle attività di revisione. In caso di mancato esito dell istanza è sempre consigliabile chiedere informazioni sullo stato del procedimento. Al termine dell attività di controllo, documentata nel verbale di accertamento, viene emessa la decisione amministrativa sotto forma di avviso di accertamento suppletivo e di rettifica, che viene notificato alla parte, normalmente mediante posta raccomandata con avviso di ricevimento, e costituisce la comunicazione dell obbligazione al soggetto passivo. Sulla base di tale avviso, la dogana procede alla rettifica degli elementi errati nel sistema informativo doganale e contestualmente al recupero dei maggiori diritti, se dovuti, o all attivazione della procedura di rimborso. L avviso di accertamento suppletivo e di rettifica contiene l ammontare dei tributi dovuti, le motivazioni della decisione assunta, le modalità e i termini di versamento, il responsabile del procedimento e l autorità amministrativa a cui presentare eventuale ricorso. Solo se la revisione è stata effettuata d ufficio, l avviso conterrà anche gli estremi e gli importi della sanzione amministrativa applicabile, che verrà però contestata con separato atto. Qualora dall attività di revisione emergano violazioni di disposizioni sia tributarie che extratributarie che non rientrano nella competenza delle dogane, l ufficio doganale ne dà comunicazione agli organi competenti.

8 Esempio Recupero per aumento del valore imponibile A seguito della definizione dell accertamento di un operazione di importazione, si riscontra che non è stato dichiarato in dogana il valore di una fattura di acconto emessa anticipatamente rispetto all invio della merce. Il valore dichiarato in bolletta era di E e la fattura di acconto omessa pari a E. L importatore richiede la revisione dell accertamento su istanza di parte per variazione del valore fatturato, pari a E, riliquidando i diritti e impegnandosi a corrispondere la differenza determinata dal nuovo valore imponibile. All istanza andrà allegata la fattura di acconto, l eventuale contratto e la documentazione bancaria comprovante il pagamento della somma. Caratteristiche e procedura Esempio istanza di revisione Revisioni con rimborso di diritti Se dai riscontri effettuati emerge che sono stati versati maggiori diritti rispetto a quelli dovuti, l istanza di revisione verrà presentata al fine di ottenere il rimborso di diritti doganali, con istanza analoga alla procedura del recupero, allegando la documentazione che comprovi quanto dichiarato. Normalmente, l istanza di rimborso è riferita al solo dazio. Infatti, per quanto attiene l IVA, l operatore può avvalersi della facoltà di detrazione prevista dalla nostra normativa (art. 19, Decreto IVA). In questo caso, nell istanza di revisione occorrerà specificare che si rinuncia al rimborso dell IVA. Se invece si ritiene di richiedere tale rimborso, andrà indicato esplicitamente nell istanza, tenendo presente che per la conclusione del procedimento la dogana dovrà acquisire anche il nulla osta della competente Agenzia delle Entrate. All Ufficio delle Dogane di Bergamo Oggetto: istanza di revisione d accertamento della dichiarazione di importazione IM A n U del della Dogana di Bergamo. Intestatario: Ditta Rossi S.r.l., con sede in Bergamo, Via Corridoni, 40. P.IVA Richiesta di rimborso. Il sottoscritto Mario Rossi, in qualità di legale rappresentante della Società in oggetto chiede, ai sensi dell art. 78 del Reg. (CE) n. 2913/92, la revisione dell accertamento relativo alla dichiarazione IM A n U del della Dogana di Bergamo e conseguente rimborso dei maggiori diritti versati. La revisione è richiesta per presentazione del certificato di circolazione merci EUR1 n. EA del , rilasciato a posteriori dall autorità doganale del Marocco e relativo alla spedizione oggetto della bolletta doganale. Pertanto, si chiede l applicazione del trattamento preferenziale, applicabile ai sensi dell Accordo CE-Marocco, con rimborso dei maggiori diritti versati. In relazione a quanto precede, si chiede, pertanto, la revisione dei seguenti elementi dell accertamento in argomento: origine preferenziale Marocco ed il conseguente riconoscimento della preferenza tariffaria (dazio 0% anziché 3%). La rettifica richiesta ha come conseguenza la necessità di procedere a nuova liquidazione dei diritti gravanti sulle merci secondo il seguente prospetto: dazio liquidato in dichiarazione E 135,00 dazio da liquidarsi secondo la richiesta revisione E 0 IVA liquidata in dichiarazione E 951,00 IVA da liquidarsi secondo la richiesta di revisione E 924,00 altri diritti liquidati in dichiarazione E 0 altri diritti da liquidare secondo la richiesta di revisione E 0 43

9 Totale diritti da rimborsare: Dazio E 135,00 IVA E 27,00 Si allega inoltre la seguente documentazione originale: 1. certificato di circolazione merci EUR1 n. EA del , rilasciato a posteriori dall autorità doganale del Marocco. In relazione alla presente istanza, il sottoscritto, consapevole che chiunque rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del C.P. e delle leggi speciali in materia, ai sensi dell art. 46 del DPR n. 445/2000, dichiara che alla data di presentazione della presente istanza non è decorso il termine triennale di decadenza. Si rinuncia al rimborso dell IVA e si richiede che vengano corrisposti gli interessi passivi in applicazione dell art. 20, comma 3, della Legge 27 dicembre 1997, n Si chiede inoltre che il rimborso venga effettuato mediante accreditamento sul seguente conto corrente bancario intestato alla società: Banca XYZ, coordinate bancarie IBAN: IT10 R Per ulteriori informazioni concernenti l istanza è possibile contattare il Sig. Andrea Verdi al numero 035/ o all indirizzo: Bergamo, 28 aprile 2008 per Rossi Srl Mario Rossi Esito dell istanza Esempio Esempio Il rimborso dei diritti avverrà a seguito di autorizzazione emessa dal direttore dell ufficio doganale competente, con modalità analoga a quella attuata in fase di accertamento, ovvero mediante accreditamento sul relativo conto di debito o sul conto corrente bancario indicato dall operatore nell istanza, con le relative coordinate. Se ne è fatta specifica richiesta nell istanza, sui diritti doganali indebitamente corrisposti possono essere riconosciuti gli interessi passivi (art. 20, Legge n. 449/1997). A seguito dell autorizzazione al rimborso verrà effettuata anche la rettifica della dichiarazione doganale originaria. La dichiarazione rettificata sarà restituita all operatore, da conservare agli atti. Rimborso per diminuzione del valore imponibile A seguito della definizione dell accertamento di un operazione di importazione, il fornitore estero emette nota di credito per errata fatturazione del costo della merce (prezzo unitario 300 E anziché 200 E, trattandosi di un articolo di valore inferiore). L importo originario dichiarato in dogana era di E. La nota di credito è pari a E. L importatore richiede la revisione dell accertamento su istanza di parte per variazione del valore fatturato, riliquidazione dei tributi dovuti e rimborso della somma indebitamente corrisposta in più. In questo caso, oltre ad allegare all istanza copia della nota di credito, potrà essere utile fornire anche copia del contratto e della documentazione bancaria a conferma dell accredito della somma. Rimborso per variazione dell aliquota daziaria applicabile A seguito della definizione dell accertamento di un operazione di importazione, il fornitore estero trasmette certificato di circolazione merci EUR1 emesso a posteriori. L importatore richiede la revisione dell accertamento su istanza di parte per presentazione a posteriori di certificato di circolazione merci e applicazione della preferenza tariffaria (aliquota daziaria zero), con conseguente riliquidazione dei tributi dovuti e rimborso della somma indebitamente corrisposta in più. All istanza andrà allegato il modello EUR1 originale. 44

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 20 maggio 2015 Prot. 58510/RU Rif.: 17631/RU /2015 46452/RU/2015 Allegati: Alle Direzioni Regionali, Interregionali ed Interprovinciale Agli Uffici delle dogane All Agenzia delle entrate Direzione

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 29 aprile 6, 13, 14, 20, 22, 27 e 29 maggio 2010 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo L

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

La nuova dichiarazione d intento

La nuova dichiarazione d intento La nuova dichiarazione d intento Settore Fisco e Diritto d Impresa Questo materiale è predisposto da Assolombarda per i propri associati. Ogni altra forma di utilizzo o riproduzione non è consentita senza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30.05.2002 Art. 1 Principi generali 1.Il Comune di Ponte San Pietro, nell

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 10, D.L. 1 LUGLIO 2009 N. 78 CONV. IN L. 3 AGOSTO 2009 N. 102 - ARTT. 30, 3 COMMA, 38-BIS, D.P.R. 26.10.1972 N. 633;

Dettagli

Le novità del periodo in materia doganale

Le novità del periodo in materia doganale Le novità del periodo in materia doganale Avv. Sara Armella, Armella & Associati, Milano e Genova www.studioarmella.com Nel corso degli ultimi mesi, la materia doganale è stata interessata da importanti

Dettagli

Controllo a posteriori dei certificati di circolazione delle merci EUR 1/EUR-MED e A.TR. e relativa procedura di rilascio. Istruzioni.

Controllo a posteriori dei certificati di circolazione delle merci EUR 1/EUR-MED e A.TR. e relativa procedura di rilascio. Istruzioni. CIRCOLARE N. 11/D Roma, 28 aprile 2010 Protocollo: 39851 RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali e Interregionali Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p.c. All Ufficio Antifrode Centrale Alla Direzione

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 15, 24, 31 marzo 7, 14, 21, 28 aprile 5 maggio 2011 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

Mondo fiscale. ottobre 05. www.sidasrl.it

Mondo fiscale. ottobre 05. www.sidasrl.it CONCESSIONARI IMPORTI DOVUTI ALL AMMINISTRAZIONE MONOPOLI DI STATO D.M. 7 dicembre 2004 RECUPERO DI CREDITI TRIBUTARI ASSISTENZA RECIPROCA D.M. 22 luglio 2005, n. 179 VALUTE ESTERE ACCERTAMENTO CAMBIO

Dettagli

Sommario. 1. Verifiche e antiriciclaggio pag. 48 ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE CONTROLLI DOGANALI EXTRA-TRIBUTARI

Sommario. 1. Verifiche e antiriciclaggio pag. 48 ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE CONTROLLI DOGANALI EXTRA-TRIBUTARI ACQUISTI COMUNITARI 1. Momento di effettuazione dell operazione pag. 2 2. Ricevimento periodico di pubblicazioni: registrazione delle fatture d acquisto pag. 3 3. Pezzi di ricambio a titolo gratuito pag.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Documento di ricerca n. 149 SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento ha l obiettivo di riassumere la disciplina sulla

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011 1. GENERALITÀ I soggetti obbligati di cui all art. 26, commi 7 e 8, del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA

CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA PREMESSO CHE: 1. Nell ambito della propria attività di impresa, SKY Italia S.r.l. e la sua controllata Telecare S.r.l.

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 31/05/2001 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI Art. 1 Tipologia dei contributi 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dell art. 1, comma 3 del D.lgs 30/6/1994 n. 509 ed in conformità a quanto stabilito dal

Dettagli

Informativa periodica

Informativa periodica Documento n. 2015.E01 Informativa periodica Fonte Innform@Mail n. 17/2015 Dott. Andrea Passini Spett.le Cliente, la presente circolare periodica ha lo scopo di informare sinteticamente sulle novità intervenute

Dettagli

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 18 GENNAIO 2008 Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza

AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza AVVISO N. 01/2014 Data: 26/09/2014 Oggetto: Accesso al conto formazione aziendale/aggregato Scadenza: Avviso non soggetto a scadenza Premessa Fondolavoro Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) Delibera C.C. 29/2014 Delibera C.C. 06/2015 INDICE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 CAPITOLO 4 Disciplina generale della

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina della Imposta Comunale sugli Immobili

REGOLAMENTO per la disciplina della Imposta Comunale sugli Immobili COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO Provincia di Udine REGOLAMENTO per la disciplina della Imposta Comunale sugli Immobili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 5 del 24.02.2000 Modificato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione

Dettagli

2.COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DELLA LIQUIDAZIONE AUTOMATIZZATA DELL'IMPOSTA DOVUTA SUI REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA

2.COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DELLA LIQUIDAZIONE AUTOMATIZZATA DELL'IMPOSTA DOVUTA SUI REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA anno VII - n291-2005 LIQUIDAZIONE DEI REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA E ALTRE NOVITÀ IRPEF 1 PREMESSA; 2 COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DELLA LIQUIDAZIONE AUTOMATIZZATA DELL'IMPOSTA DOVUTA SUI REDDITI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE Gli aggiornamenti più recenti rimborsi da modello 730 di importo superiore a 4.000 euro erogazione dei rimborsi e comunicazione dei dati del conto corrente aggiornamento agosto 2014 RIMBORSO DA 730 ACCREDITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 02/03/2009 Art. 1 Oggetto del regolamento 1) Il presente regolamento adottato

Dettagli

CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE

CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE ACQUISTI COMUNITARI 1. Pezzi di ricambio a titolo gratuito... 9 2. Fattura in ritardo... 10 3. Acquisto di software... 11 4. Furto o smarrimento di merci... 15 5. Una fattura che contiene diverse fattispecie...

Dettagli

1.1 Richieste di Indennizzo degli assistiti (mod. RI01)

1.1 Richieste di Indennizzo degli assistiti (mod. RI01) SCHEDA OPERATIVA FISCALE N. 13.00 del 18.09.2014 GESTIONE CONTENZIOSO Nella presente scheda sono illustrate le modalità operative da seguire per la gestione delle Richieste di Indennizzo presentate dagli

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011

CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011 CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011 IN EVIDENZA ABBASSATO DA 5.000 A 2.500 IL LIMITE PER EFFETTUARE PAGAMENTI IN CONTANTI PAG. 2 LE NOVITÀ IN TEMA DI VIES INTRODOTTE DALLA CIRCOLARE 39/E DEL 1 AGOSTO 2011

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita.

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita. 1 Disposizioni generali 1.1 Le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) disciplinano i rapporti tra i clienti c.d. mailinglist (di seguito, Clienti Mailing List o, semplicemente,

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 38/D Roma, 23 ottobre 2008 Protocollo: 31326 Rif.: Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI All.ti 1 Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCERTAMENTO CON ADESIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCERTAMENTO CON ADESIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCERTAMENTO CON ADESIONE ART. 01 DEFINIZIONE DEGLI ACCERTAMENTI L accertamento dei tributi locali può essere definito con adesione del CONTRIBUENTE secondo le disposizioni seguenti.

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica Roma, 29 marzo 2013 Protocollo: Rif.: Allegati: 40194 RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali delle Dogane Ai Servizi processi automatizzati presso i Distretti Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE. Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi

LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE. Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi LE PROVE DELL ORIGINE PREFERENZIALE Ufficio delle Dogane di Bergamo Area Gestione Tributi Servizio Autorizzazioni e Regimi Doganali Responsabile: Dott.ssa Daniela Liberatori e-mail: dogane.bergamo.tributi@agenziadogane.it

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

PROCEDURE DOGANALI. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni 227

PROCEDURE DOGANALI. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni 227 PROCEDURE DOGANALI La normativa doganale - sia comunitaria che nazionale - definisce un iter ben preciso per l assegnazione di una destinazione doganale alle merci provenienti da un paese terzo o a quelle

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

CIRCOLARE N. 35/E. Roma, 17 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 35/E. Roma, 17 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 35/E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 dicembre 2013 OGGETTO: IVA pagata a seguito di accertamento. Rivalsa e detrazione Art. 60, settimo comma, DPR 26 ottobre 1972, n. 633 Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Allegato alla delibera di C.C. n. 25 del 29.07.2014 Comune di Casalserugo Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con atto di C.C. n.25 del

Dettagli

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento COMUNE DI RIESI (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Articoli del Regolamento Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

La circolare per i clienti 06 agosto 2012

La circolare per i clienti 06 agosto 2012 La circolare per i clienti 06 agosto 2012 Anteprima I dati delle dichiarazioni dei redditi vanno on-line pag. 2 Annotazione cumulativa anche per registrare incassi e pagamenti pag. 2 Società in perdita:

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

Corsi internazionalizzazione

Corsi internazionalizzazione Corsi internazionalizzazione Il Nuovo Codice Doganale Comunitario 18 Novembre 2014 Fiscalità comunitaria ed internazionale. IVA e aspetti operativi: triangolazioni UE ed extra UE. Focus su operazioni con

Dettagli

Studio Associato Bassi-Avanzini

Studio Associato Bassi-Avanzini BA Studio Associato Bassi-Avanzini Dottori Commercialisti - Revisori contabili Circolare n. 5 del 30/09/2014 Ai gentili clienti Loro sedi Fattura alla pubblica amministrazione Gentili clienti, con la presente

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo

CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 11 maggio 2015. CIRCOLARE N. 19/2015. Scissione dei pagamenti : quadro riassuntivo Il meccanismo dello Split payment o scissione dei pagamenti (di seguito SP) è stato

Dettagli