CLASSE V SEZIONE L A.S. 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE V SEZIONE L A.S. 2014/15"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico per la Lombardia Liceo Statale Carlo Porta Erba LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE LICEO LINGUISTICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZIONE L A.S. 2014/15

2 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Il territorio Il Liceo Statale Carlo Porta raccoglie un bacino di utenza piuttosto ampio, che ha come asse centrale la linea delle Ferrovie Nord Milano da Asso a Mariano Comense e comprende anche altri comuni limitrofi all Erbese, spingendosi fino a Lecco. Tale bacino di riferimento dell Istituto rappresenta, al tempo stesso, la sua ricchezza e la sua sfida formativa per la molteplicità delle esperienze umane e culturali che vi afferiscono: un territorio che negli ultimi anni, a causa di profonde trasformazioni nella struttura economica e sociale, ha perso il suo carattere di alta industrializzazione a vantaggio della proliferazione di imprese mediopiccole, anche altamente qualificate, in diversi settori produttivi, non ultimo quello in forte espansione del terziario e dei servizi alla persona; un mercato del lavoro che richiede un sempre più elevato grado di flessibilità; una significativa diversificazione sociale e culturale degli abitanti, accentuata da un considerevole flusso di immigrazione; peculiarità che costituiscono i principali riferimenti per l elaborazione della proposta formativa dell Istituto. Il Piano dell'offerta Formativa è pertanto rivolto alla formazione di persone che, immediatamente dopo la fine degli studi liceali o al termine di quelli universitari che ne costituiscono il naturale sbocco, siano dotate della flessibilità necessaria a interloquire con la complessità del contesto socio-ambientale e perciò sappiano interpretare, produrre e gestire con competenza sempre nuove occasioni di comunicazione sociale. In questa prospettiva, l Istituto si impegna a promuovere e ad accogliere forme di collaborazione (anche in un ottica transnazionale) con Enti, Istituzioni, Università, Associazioni e altre Scuole per arricchire ulteriormente la propria proposta culturale e per meglio concretizzare, attraverso la costituzione di convenzioni, intese e accordi di rete, il diritto al successo formativo dei propri studenti. La scuola L identità del LICEO LINGUISTICO è riconducibile a quanto previsto dall art. 2 del DPR n. 89 del 15 marzo 2010 Regolamento di revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei. Il liceo linguistico del Carlo Porta è caratterizzato sul piano dell offerta formativa dalla diversificazione dell offerta curricolare delle lingue straniere con la seguente proposta: Prima lingua Seconda lingua Terza lingua Inglese Francese Tedesco Inglese Spagnolo Tedesco La proposta consolida quanto storicamente sperimentato, rispondente all offerta formativa presente nelle scuole secondarie di primo grado e valorizza quanto emerge dal confronto tra le componenti della comunità educante e il territorio. La proposta di mantenere inalterato il piano di studi, rispetto all articolazione del primo biennio del nuovo ordinamento, nasce dall esigenza di agevolare eventuali passaggi da altri percorsi liceali (compresi quelli presenti nel nostro istituto) o da indirizzi degli istituti tecnici e/o professionali. PROFILO DELLO STUDENTE Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità, a maturare le competenze necessarie per acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue, oltre l italiano e per comprendere criticamente l identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse. (art. 6 comma 1). Il profilo dello studente del LICEO LINGUISTICO richiama quanto previsto nel Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale rispetto alle seguenti cinque aree comuni a tutti i licei, a cui si rimanda per completezza di documentazione: 1. Area metodologica 2. Area logico argomentativa 3. Area linguistica e comunicativa 4. Area storico umanistica 5. Area scientifica, matematica e tecnologica Per conseguire risultati nelle suddette aree occorre il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro scolastico, avendo come quadro di riferimento lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica; la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari; l esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e di interpretazione di opere d arte; l uso costante del laboratorio per l insegnamento delle discipline scientifiche; la pratica dell argomentazione e del confronto; la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale; l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca e della comunicazione. DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 2

3 PIANO ORARIO MATERIE 1 BIENNIO 2 BIENNIO I II III IV V LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA LATINA 2 2 LINGUA E CULTURA STRANIERA 1* LINGUA E CULTURA STRANIERA 2* LINGUA E CULTURA STRANIERA 3* STORIA E GEOGRAFIA 3 3 STORIA FILOSOFIA MATEMATICA** FISICA SCIENZE NATURALI*** STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE CATTOLICA O ATTIVITÀ ALTERNATIVE TOT. ORE SETTIMANALI * È compresa 1 ora settimanale di conversazione col docente madrelingua. ** Con informatica al primo biennio. *** Biologia, Chimica, Scienze della Terra. 2. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 2.1 COMPOSIZIONE: Nel triennio la classe ha mantenuto la sua fisionomia, senza variazioni particolarmente significative. In dettaglio: in terza, il gruppo classe risultava composto da 24 studenti (6 maschi e 18 femmine), tutti provenienti dalla seconda del precedente anno scolastico; in quarta, il gruppo classe è sceso a 22 unità (6 maschi e 16 femmine), in seguito al cambio dell indirizzo di studi di due allieve; in quinta, il gruppo classe è risalito a 24 unità (6 maschi e 18 femmine), per l inserimento di due studentesse, una trasferitasi dal Liceo Francesco Cecioni di Livorno e un altra che faceva parte della quinta L dello scorso anno scolastico. Per quest ultima allieva è stato predisposto un apposito piano personalizzato, come risulta dalla documentazione a disposizione della Commissione d esame. DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 3

4 Composizione del consiglio di classe e continuità didattica: DISCIPLINA DOCENTE Ha insegnato nella classe: I II III IV V ITALIANO Daniele Porro X X X STORIA Brunella Tatafiore X X X FILOSOFIA Brunella Tatafiore X X X INGLESE Michela Ratti X X X X X CONV. INGLESE Louisa D Alessandro X X FRANCESE Carla Ciminaghi X X X X X CONV. FRANCESE Anne Delaby X SPAGNOLO Daniela Piccolo X X X CONV. SPAGNOLO Mayte Martinez X TEDESCO Monica Acerboni X X X X X CONV. TEDESCO Hedi Weissgerber X X X X X MATEMATICA Angela Falcone X X X FISICA Angela Falcone X X X BIOLOGIA Simona Roda X X X STORIA DELL ARTE Pierluigi Tavecchio X X X SCIENZE MOTORIE Carla Frigerio X RELIGIONE Carla Consonni X X X 2.2 DINAMICHE: Nella relazione con i docenti gli studenti hanno tenuto sempre un comportamento educato e corretto. Le dinamiche interpersonali sono apparse distese e l atmosfera percepita in aula è sempre stata positiva. Le proposte didattiche sono state accolte con interesse e partecipazione dalla maggioranza degli studenti; solo in un ristretto gruppo si è registrata, in alcune discipline, una certa passività. Nel corso del triennio, e in particolare nell ultimo anno, si è comunque registrata in tutti una apprezzabile crescita personale. 3. PROGRAMMAZIONE 3.1 OBIETTIVI TRASVERSALI CONSEGUITI: Di seguito si elencano gli obiettivi proposti dal consiglio di classe all inizio dell anno scolastico: EDUCATIVI: 1. favorire lo sviluppo e il pieno manifestarsi delle personalità individuali in relazione a capacità e interessi; 2. potenziare la consapevolezza dello studio come arricchimento personale del proprio patrimonio conoscitivo e delle proprie capacità di comprendere le realtà; 3. valorizzare gli stimoli educativi e culturali provenienti anche da realtà extrascolastiche. Il lavoro svolto su tali obiettivi ha prodotto esiti soddisfacenti e gli allievi, nel complesso, sono riusciti a vivere la scuola come luogo di confronto, di arricchimento personale e di formazione culturale, non solo in relazione alle singole discipline apprese, ma anche a tematiche di interesse generale COGNITIVI: 1. potenziare le competenze comunicative nelle forme orale e scritta, usando un linguaggio chiaro, corretto e specifico; 2. sviluppare la capacità di concettualizzare e di stabilire connessioni significative a livello disciplinare; 3. sviluppare il processo di rielaborazione interdisciplinare; 4. sviluppare la capacità di sintesi e di rilettura critica di fatti, fenomeni ed eventi; 5. consolidare l uso dei linguaggi specifici. Tali obiettivi sono stati conseguiti in modo differenziato a seconda delle discipline e del percorso di apprendimento effettuato da ciascun alunno. Semplificando, si può dire che alcuni hanno raggiunto livelli ottimi o buoni, la maggior parte si attesta su livelli discreti e il restante gruppo su livelli di sufficienza, più o meno sicura METODOLOGIE: lezione frontale; lezione dialogata; dibattito in classe; esercitazioni/approfondimenti individuali in classe; esercitazioni/approfondimenti in gruppi; relazioni su ricerche individuali o collettive; insegnamento per problemi. DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 4

5 3.3.STRUMENTI: LIM; manuali; materiale integrativo in formato digitale (file word, pdf, ppt); audiovisivi; fotocopie; sistemi multimediali. 3.4 STRUMENTI DI VERIFICA: Le verifiche sono state effettuate, nel rispetto della specificità di ciascuna disciplina, attraverso i seguenti strumenti: prove scritte (analisi del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema storico, tema di ordine generale, prove strutturate); verifiche orali; prove pratiche. Inoltre sono state effettuate verifiche sul modello delle tipologie previste per le prove scritte dell Esame di Stato. In particolare: simulazione di prima prova (28 aprile, prova d istituto); simulazione di seconda prova (2 marzo); simulazione di terza prova (1 dicembre): tipologia B, cinque materie (inglese, francese/spagnolo, tedesco, filosofia, matematica) con due quesiti ciascuna, per una durata complessiva della prova di due ore e mezza; simulazione di terza prova (18 marzo): tipologia B, quattro materie (tedesco, con tre quesiti; francese/spagnolo, con tre quesiti; storia, con due quesiti; scienze naturali, con due quesiti), per una durata complessiva della prova di due ore e mezza. 3.5.CRITERI DI VALUTAZIONE: Il Consiglio di classe, tenuto conto dei parametri tassonomici comuni per il triennio, declinati in conoscenze, abilità/competenze, ha fatto propri i criteri di valutazione inseriti nelle griglie di correzione articolate nei dipartimenti disciplinari. Per le griglie di misurazione delle diverse tipologie di prove e di valutazione del comportamento si rimanda all OPUSCOLO VALUTAZIONE deliberato dal Collegio dei Docenti deliberato dal Collegio dei Docenti del 22 novembre 2012, presente nel P.O.F. e pubblicato nel sito Le prove sono state valutate sulla base delle conoscenze e abilità/competenze acquisite. La qualità delle operazioni di analisi, di elaborazione e l uso rigoroso dei codici sono stati riferimenti per l attribuzione dei livelli più alti (10, 9, 8), mentre il livello di sufficienza è stato attribuito in relazione al possesso delle conoscenze fondamentali, accompagnate da essenziali capacità di analisi e sintesi. Le carenze soprattutto nelle conoscenze e nelle operazioni di applicazione e analisi hanno determinato i livelli di insufficienza. La valutazione dell apprendimento raggiunto ha tenuto comunque conto, oltre al grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati, anche del livello iniziale dello studente, nonché dell impegno e dell interesse nei confronti delle discipline. 3.6 PROGETTI, ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI, APPROFONDIMENTI, CORSI DI RECUPERO: Durante l ultimo anno gli alunni individualmente, a gruppi o nel loro insieme hanno preso parte ai seguenti progetti: DELE B2 DELF B2 Germania, si gira! Ich bin ein(e) Berliner (in) 2014! A teatro di sera L acqua per la vita Nel corso dell anno si sono svolte le seguenti attività extracurricolari: An Ideal Husband di O. Wilde (spettacolo teatrale in lingua inglese); Notre-Dame des Banlieues (spettacolo teatrale in lingua francese); Fuori misura. Leopardi come non ve l'ha mai raccontato nessuno (spettacolo teatrale di Valeria Cavalli, messo in scena dalla compagnia Quelli di Grock ). Per quanto riguarda le attività di recupero/approfondimento, in ottemperanza al DM 80/2007, secondo quanto deliberato dagli Organi Collegiali dell Istituto, è stata effettuata la sospensione della progressione del piano di lavoro dal 7 al 13 gennaio Ciò ha consentito di effettuare, nell ambito delle singole discipline, in orario curricolare: DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 5

6 interventi di recupero e potenziamento degli apprendimenti per gli alunni che nello scrutinio del trimestre hanno evidenziato carenze nella preparazione; attività di consolidamento, ricerca e/o approfondimento dei contenuti trattati nel trimestre, per coloro che non presentavano carenze. Nella settimana successiva (dal 14 al 20 gennaio), sempre nelle ore curricolari, sono state effettuate prove di verifica. Nel corso dell anno sono stati, inoltre, attivati a livello d Istituto: sportelli didattico-metodologici pomeridiani per le singole discipline; attività di recupero in itinere secondo necessità individuali ATTIVITÀ SIGNIFICATIVE NEL CORSO DEL TRIENNIO Nell arco del triennio si sono svolte le seguenti gite/visite di istruzione: classe terza visita alla Casa di Petrarca ad Arquà e alla Cappella degli Scrovegni a Padova (1 giorno); trekking artistico-naturalistico a S. Pietro al Monte (1 giorno); classe quarta visita al Salone Internazionale del libro di Torino (quarto anno) (1 giorno); classe quinta visita di istruzione al Museo della guerra di Rovereto e percorso sulle trincee del Nagià Grom; viaggio di istruzione a Berlino (5 giorni). Nell arco del triennio una buona parte degli studenti ha conseguito le seguenti certificazioni linguistiche: FCE The Cambridge First Certificate in English livello B2 (23 studenti), livello B1 (1 studente); DELF livello B1 (13 studenti), livello B2 (2 studenti); DELE livello B1 (2 studenti), livello B2 (7 studenti) FIT 2 livello A2 (19 studenti). Nel corso del quarto anno la classe ha partecipato a uno stage curricolare all estero (otto giorni a Galway, Eire), che acquista particolare rilevanza, in quanto inteso come approfondimento linguistico mirato al conseguimento della certificazione B2. In quarta e in quinta gli studenti hanno visitato il salone dell orientamento scolastico YOUNG a Erba; in quarta sono state organizzate ulteriori attività di orientamento presso la scuola; in quinta gli studenti si sono recati in autonomia a visitare le università in occasione degli open day. 4. ALLEGATI Al presente documento vengono allegati: - le relazioni finali dei singoli docenti contenenti il programma effettivamente svolto sottoscritto dagli studenti; - l elenco degli approfondimenti individuali; - i quesiti delle terze prove svolte durante l anno. DISCIPLINA DOCENTE FIRMA ITALIANO F. to DANIELE PORRO STORIA F. to BRUNELLA TATAFIORE FILOSOFIA F. to BRUNELLA TATAFIORE INGLESE F. to MICHELA RATTI CONV. INGLESE F. to LOUISA D ALESSANDRO FRANCESE F. to CARLA CIMINAGHI CONV. FRANCESE F. to ANNE DELABY SPAGNOLO F. to DANIELA PICCOLO (Firme autografe sostituite a mezzo CONV. SPAGNOLA F. to MAYTE MARTINEZ stampa ai sensi dell art. 3, comma 2 del TEDESCO F. to MONICA ACERBONI decreto legislativo n.39/1993) CONV. TEDESCA F. to HEDI WEISSGERBER MATEMATICA F. to ANGELA FALCONE FISICA F. to ANGELA FALCONE BIOLOGIA F. to SIMONA RODA STORIA DELL ARTE F. to PIERLUIGI TAVECCHIO SCIENZE MOTORIE F. to CARLA FRIGERIO RELIGIONE F. to CARLA CONSONNI Erba,15 maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO F. to Rocco Bova (Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2 del decreto legislativo n.39/1993) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 6

7 RELAZIONE FINALE A.S. 2014/15 DOCENTE DANIELE PORRO MATERIA ITALIANO CLASSE - SEZIONE 5L 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe si è distinta per l educazione nei rapporti interpersonali e per l attenzione durante le lezioni. Tutti gli allievi sono apparsi interessati alla materia e alcuni sono riusciti anche a essere propositivi. Il lavoro domestico è stato svolto con regolarità; i momenti di verifica sono stati affrontati con serenità. Nello svolgimento del programma di letteratura si è riservato ampio spazio all approccio diretto ai testi, svolgendone l analisi sul duplice piano dei significati e delle scelte formali. Il percorso di studio si è snodato in segmenti di differente tipologia e solo nel primo, dedicato a Leopardi, si è seguito un autore nello sviluppo complessivo della sua attività; negli altri si sono operate drastiche selezioni, concentrandosi solo sugli aspetti più significativi alla definizione delle principali linee evolutive della prosa e della poesia tra Otto e Novecento. Per quanto riguarda la prosa, si è voluto esaminare il superamento del realismo manzoniano prima con la rivoluzione naturalista e poi con il cosiddetto romanzo della crisi ; per quanto riguarda la poesia, il termine di riferimento fondamentale è stato il Simbolismo francese, di cui si sono voluti vedere i riflessi, più o meno diretti, in Pascoli e in d Annunzio, la persistenza in Ungaretti e infine l alternativa proposta dalle esperienze cosiddette antinovecentiste. Per consentire agli studenti di seguire meglio lo sviluppo logico di questi discorsi si sono rese necessarie alcune integrazioni al libro di testo. Per quanto riguarda l educazione linguistica, specie in riferimento alle forme della scrittura, si sono svolte prove sulle varie tipologie proposte all Esame di Stato, concentrandosi in particolare sulle tipologie A e B. Circa quest ultima, si segnala che la sottotipologia articolo di giornale è stata intesa come articolo di cronaca culturale, lasciando allo studente la libertà di trovare la circostanza (reale o immaginaria) da cui partire e suggerendo una struttura di tipo espositivo-informativo (per es. resoconto di un convegno, di una mostra, di un premio letterario ecc.). 2. OBIETTIVI RAGGIUNTI 2.1.CONOSCENZE: tutti gli allievi hanno acquisito, naturalmente a diversi livelli di profondità, una adeguata conoscenza degli autori, delle opere e delle correnti culturali in programma. 2.2.ABILITÀ/COMPETENZE: tutti gli allievi mostrano di possedere la capacità di comprendere un testo letterario e di avviarne l analisi e la contestualizzazione; diversi sono anche in grado di rielaborare in modo critico le nozioni acquisite. Sia nell espressione scritta che in quella orale, gli allievi mostrano livelli di competenza sufficienti, discreti, buoni e in qualche caso anche ottimi. 3. CONTENUTI 1) Leopardi Il contesto storico-culturale Il Romanticismo come sensibilità di un epoca e come movimento ( ) I temi del Romanticismo europeo e il concetto di sehnsucht ( ) Specificità del movimento romantico italiano (188) La polemica classico-romantica in Italia ( ) - dalla Lettera sul Romanticismo di Carlo Porta (file 001) La specificità della figura di Leopardi Il poeta della vita (4-5) Le fondamentali esperienze biografiche, la formazione culturale, gli studi (6-9) Il complesso rapporto con il Romanticismo (30-31) I nuclei base della poetica e del pensiero leopardiani Lo Zibaldone (17) Il problema dell infelicità dell uomo e la teoria del piacere (17) - La teoria del piacere (21-23) La poetica del vago e dell indefinito (19-21) - Il vero è brutto, Indefinito e finito, Teoria della visione, Teoria del suono, Suoni indefiniti, Parole poetiche, La rimembranza (Zibaldone, , , , , 4293, 1789, 4426) (24-28) La poetica dell energia (appunti da La poetica di Leopardi secondo Emilio Bigi, file 007) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 7

8 - Sensazioni che piacciono per l energia che comunicano, La poeticità dello stile energico, Parole espressive (Zibaldone, 1999, 2041, , 3191) (file 005) Il primo Leopardi Le canzoni civili (32-33) Gli Idilli (33-34) - L infinito ( file 004) - Alla luna (188) Le canzoni del suicidio ( ) L approdo al cosiddetto pessimismo cosmico e l abbandono della poesia Dal pessimismo storico al pessimismo cosmico (18-19) Le Operette morali e l arido vero ( ) - Dialogo della Natura e di un Islandese ( ) - Dialogo di Cristoforo Colombo e Pietro Gutierrez (file 010) - Dialogo di Plotino e Porfirio ( ) Il ritorno alla poesia I grandi idilli o canti pisano-recanatesi (34-35) - A Silvia (62-67) - La quiete dopo la tempesta ( file 015 per la fonte foscoliana) - Il sabato del villaggio ( file 016 sugli echi letterari) - Canto notturno di un pastore errante dell Asia (82-87) L ultimo Leopardi Il cosiddetto ciclo di Aspasia (35-36) - A se stesso ( ) La polemica contro l ottimismo progressista (37) Il messaggio conclusivo della Ginestra (37-38) - La ginestra (parafrasi delle sole strofe I, VII) ( ) 2) Verga verista Il contesto storico culturale Il Positivismo e il Naturalismo (appunti) La poetica di Zola (63-64) - Prefazione a Germinie Lacerteux dei fratelli de Goncourt (73-74) - Lo scrittore come operaio del progresso sociale di Emile Zola (77-79) Il disagio degli intellettuali di fronte all affermazione della società industriale (17-18) - La perdita dell aureola di Charles Baudelaire (367) La Scapigliatura e il contesto culturale milanese (31-32) Il Verismo (88-90) Cenni sul Verga pre-verista Biografia ( ) I primi romanzi ( ) - Arte, banche, imprese industriali (dalla Prefazione a Eva) ( ) La svolta verista L eclisse dell autore e la forma inerente al soggetto (appunti; cfr. anche ) - Prefazione a L amante di Gramigna (lettera a Salvatore Farina) ( ) Le novelle di Vita dei campi ( ) - Rosso Malpelo (89-99) Il darwinismo sociale ( ) e la visione del mondo di Verga (207) I Malavoglia Il ciclo dei Vinti (230) L originalità delle tecniche narrative dei Malavoglia (file 039) - L incipit (dal cap. 1) ( , righe 1-46; Le tecniche narrative, ) + confronto con l incipit dei Promessi sposi (file 027): dal narratore onnisciente al coro di narranti popolari - La tempesta sui tetti del paese (inizio cap. 3) (file 034) + confronto con i paragoni dei Promessi sposi (file 028) e di Germinal (209): dalla prospettiva dall alto alla forma inerente al soggetto - Un esempio di sintassi (dal cap. 2) (file 035): la paratassi e il che irregolare - La morte di Bastianazzo (fine cap. 3) (file 036bis): la tecnica del racconto dialogato La costruzione bipolare del romanzo ( ) - Padron Ntoni e il fratello di Menico in riva al mare in tempesta (dal cap. 3) (file 037) - Lo zio Crocifisso (inizio cap. 4) (245, righe 1-34) - La superbia dei Malavoglia (dal cap. 15) (file 038) Il significato dei Malavoglia (appunti) - L addio di Ntoni ( , righe ) Considerazioni di Luperini sulla centralità della figura dell escluso nell opera di Verga (file 031 e 032) La seconda fase di Verga verista Le novità tematiche e formali della seconda fase di Verga verista (appunti) Le Novelle rusticane (263) - La roba ( ) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 8

9 Contenuto e struttura del Mastro-don Gesualdo (file ) - La giornata di Gesualdo: al frantoio (file 041); l incontro con un povero vecchio sulla strada (278, righe 16-24); l incontro con Diodata alla Canziria ( , righe ) (per l analisi ) - La morte di Gesualdo ( ) 3) Il Simbolismo e l esperienza poetica di Pascoli e di d Annunzio Origine e significato dei termini Decadentismo e Simbolismo (appunti ) Il Decadentismo come fenomeno culturale (file 051; cfr. anche ) Simbolo e allegoria (376 + la voce di glossario Analogia a p. 1060) La poetica del Simbolismo francese (file ) - Corrispondenze di Charles Baudelaire ( ; cfr. file 053) - Arte poetica di Paul Verlaine ( ; cfr. file 054) L esperienza poetica di Pascoli La vita ( e ) Il simbolo del nido e la risposta regressiva alle offese del mondo ( ) La poetica del Fanciullino ( ; cfr. file 056) - Il fanciullino ( ) Il simbolismo di Pascoli (file 057) Le Myricae (550) - L assiuolo ( ) - Novembre ( ) - Arano ( ) - Lavandare ( ) - Temporale ( ) I Canti di Castelvecchio (603) - Nebbia (fotoc.) Uno sguardo su un altro Pascoli: la poesia di Italy (593) - Molly e Joe all arrivo in Italia (solo capitoletti IV e V) ( ) L esperienza poetica di d Annunzio Una vita inimitabile ( ) La poetica dannunziana (file 062) - Il verso è tutto (file 059) I concetti di panismo e di superuomo (file 061; cfr. anche ) Il progetto delle Laudi ( ) Alcyone ( ) - La sera fiesolana ( ) - La pioggia nel pineto ( ) - Meriggio ( ) - Il vento scrive (494) - I pastori ( ) 4) Il superamento delle strutture della narrativa e del teatro ottocenteschi in Pirandello e in Svevo Il romanzo della crisi (file 066) La narrativa umoristica e la rivoluzione teatrale di Pirandello La vita ( ) La visione del mondo e la poetica ( ) - La forma e la vita (rr di T1, ) - La differenza tra umorismo e comicità (rr di T1, ) Le Novelle per un anno (892) - Il treno ha fischiato ( ) Il fu Mattia Pascal: la vicenda ( e ) - Premessa I (file 065) - La lanterninosofia (dal cap. XIII) ( ) Uno, nessuno e centomila ( e ) - Nessun nome ( ) Lo svuotamento del teatro borghese e la rivoluzione teatrale di Pirandello ( ) - Così è (se vi pare) (DVD della messa in scena di Giorgio De Lullo 1974) (per l analisi, vedi file 067) Il teatro nel teatro ( ) - Sei personaggi in cerca d autore (DVD della messa in scena di Giorgio De Lullo 1965) ( ) La narrativa di Svevo La peculiarità dell ambiente triestino, formazione, esperienze biografiche ( ) La cultura di Svevo ( ) Trama e impostazione narrativa dei primi romanzi (768, 770, , e 844) - Il ritratto dell inetto (incipit di Senilità) ( ) La novità della Coscienza di Zeno: il nuovo impianto narrativo (794), il tempo misto (794), l inattendibilità della voce narrante ( ) Le vicende ( ; cfr. anche file 068) La funzione critica di Zeno ( ) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 9

10 Il nesso tra le nuove tecniche narrative e la visione del mondo aperta tipica del Novecento (799) - La prefazione (file 069) - Lo schiaffo del padre ( , da riga 211 in poi; per l analisi vedi anche file 070) - La salute malata di Augusta ( ) - Zeno si proclama guarito e profetizza un apocalisse cosmica (note del 24 marzo 1916) ( ; per l analisi vedi anche file 071) Monologo interiore e flusso di coscienza: differenze Svevo-Joyce ( ) 5) La crisi della poesia a inizio Novecento Crepuscolarismo I crepuscolari : origine del termine e caratteri distintivi della loro poesia ( ) Marino Moretti e la consapevolezza di non aver niente da dire (706 e ) - A Cesena ( ) Futurismo Il concetto di avanguardia ( ) Ideologia e poetica del futurismo ( ) - Bombardamento ( ) 6) La permanenza del Simbolismo e l antinovecentismo I tre filoni fondamentali della lirica del Novecento italiano (file 075) Ungaretti La vita ( ); le due componenti della formazione, i due poli della personalità, le due fasi della scrittura (file 073) L Allegria: il titolo, i temi, le forme ( ) - Il naufragio e l assoluto: una dichiarazione di poetica (file 187) - San Martino del Carso ( ) - Soldati (239) - Fratelli (file 074) - Veglia ( ) - I fiumi ( ) Saba La vita ( ) La poetica dell onestà La struttura ( ) e le caratteristiche formali ( ) de Il Canzoniere - Amai ( ) - A mia moglie ( ) - Città vecchia ( ) - Goal ( ) - Ulisse ( ). Confronto con l Ulisse di Pascoli e con quello di d Annunzio (file 076) Montale (*) La vita ( ) Ossi di seppia: il titolo, i temi, le forme ( ) - I limoni ( ) - Meriggiare pallido e assorto ( ) - Spesso il male di vivere ho incontrato ( ) Il Paradiso di Dante Lettura, parafrasi e analisi dei canti I, III, VI, XI, XXXIII (per le analisi vedi file 040, 074, 075, , 077) Nel corso del triennio lettura integrale individuale dei romanzi: I Malavoglia di Verga; Il fu Mattia Pascal e Uno nessuno e centomila di Pirandello; La coscienza di Zeno di Svevo (*) argomento da svolgere dopo il 15 maggio 3.1. FIRME: I sottoscritti Fabiana Lania e Marta Rotini, studenti della classe 5 sezione L dichiarano che in data 11 maggio 2015 è stato letto in classe il programma effettivamente svolto di italiano. F.to Fabiana Lania F.to Marta Rotini (Firme autografe sostituite a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2 del decreto legislativo n.39/1993) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 10

11 4. METODOLOGIE Lezione frontale; lezione dialogata; dibattito in classe; schemi riassuntivi. 5. STRUMENTI E TESTI UTILIZZATI LIM (lavagna interattiva multimediale); materiale integrativo in formato digitale (file word, pdf, ppt); audiovisivi (DVD con videoregistrazione di spettacoli teatrali); testo: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, Il piacere dei testi, vol. monografico Leopardi; vol. 5, Dall età postunitaria al primo Novecento; vol. 6, Dal periodo tra le due guerre ai giorni nostri; testo: Dante Alighieri, Paradiso (ed. libera). 6. VERIFICA E VALUTAZIONE 6.a. Le interrogazioni nella forma del colloquio per accertare la padronanza complessiva della materia e la capacità di orientarsi in essa e nella forma scritta per ottenere risposte puntuali su dati di conoscenza sono state 3 nel primo quadrimestre e 3 nel secondo. Le prove scritte sul modello della prima prova dell esame di Stato sono state 2 nel primo quadrimestre e 3 nel secondo. 6.b. Criteri di valutazione: per la correzione delle verifiche e per la valutazione si rimanda alle apposite griglie e ai criteri generali contenuti nell OPUSCOLO VALUTAZIONE parte integrante del POF e pubblicato nel sito Erba, 15 maggio 2015 IL DOCENTE F.to Daniele Porro (Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2 del decreto legislativo n.39/1993) DOCUMENTO 15 MAGGIO AS 2014/15 CLASSE 5 SEZ. L LICEO LINGUISTICO 11

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli