PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO"

Transcript

1 PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO Dati generali Progetto: Committente: Tipo di intervento: Interventi di adeguamento sismico nella scuola elementare Madonna del Carmelo. 3 Lotto Completamento funzionale COMUNE DI RAGALNA Nuova realizzazione Adempimenti da effettuare: Rispetto del progetto; Rispetto della normativa tecnica applicabile all impiego (CEI 64 8 CEI CEI 20 22); Installazione di componenti e materiali costruiti a regola d arte e adatti al luogo di installazione, art.7 L. 46/90; Controllo dell impianto ai fini della sicurezza e della funzionalità, avendo eseguito le verifiche richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge. Caratteristiche dell impianto Uso: Tensione di esercizio [V]: civile 230 monofase/trifase Frequenza [Hz]: 50 Potenza impegnata [KW]: 31 Potere di corto circuito [KA]: 4,5 Protezione contro i contatti diretti: Isolamento o involucri con grado di protezione almeno IPXXB Protezione contro contatti indiretti: Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale e messa a terra delle masse. Protezione contro le scariche atmosferiche e Impianto di terra costituito da: gabbia di faraday a maglie, disposta sul tetto, con calate connessa alla rete di terra costituita da n 15 dispersori a picchetto collegati con corda di rame nudo da 35 mmq Calcolo Elettrico 1

2 Calcolo Elettrico 2

3 INDICE PREMESSE pag. 5 ANALISI DEI CARICHI pag. 13 DIMENSIONAMENTO CIRCUITI ELETTRICI pag. 15 Dal Quadro Consegna Energia pag. 15 Dal Quadro Elettrico Generale pag. 16 Dal Sotto Quadro Locale Tecnico pag. 20 DIMENSIONAMENTO QUADRO CONSEGNA ENERGIA pag. 23 DIMENSIONAMENTO QUADRO ELETTRICO GENERALE pag. 25 DIMENSIONAMENTO SOTTOQUADRO LOCALE TECNICO pag. 31 DIMENSIONAMENTO IMPIANTO DI TERRA pag. 35 LISTA DEI COMPONENTI pag. 39 Calcolo Elettrico 3

4 Calcolo Elettrico 4

5 PREMESSE Circuiti Elettrici Per circuito elettrico di un impianto utilizzatore s intende ogni sua parte singolarmente sezionabile e protetta contro le sovracorrenti dallo stesso dispositivo atto ad interrompere la continuità metallica con le linee di alimentazione. I circuiti di un impianto si possono distinguere in: terminali e di distribuzione. Un circuito terminale viene definito come quello direttamente collegato agli apparecchi utilizzatori o alle prese a spina, mentre per circuito di distribuzione s intende la parte di circuito che è comune a più circuiti terminali. E buona norma progettare il numero di circuiti in modo da suddividere gli utilizzatori in due gruppi: quelli soggetti a sovraccarichi (motori, prese a spina e simili) e quelli che non lo sono (lampade per illuminazione). Nel caso del nuovo impianto elettrico a servizio dell asilo nido si è scelto di avere più circuiti per l illuminazione, e per le prese, e circuiti ad esclusivo servizio della caldaia e dei vari impianti tecnologici Determinazione delle potenze elettriche Assunte tutte le informazioni necessarie sulle utenze da alimentare e sulle corrispondenti potenze assorbite, definendone dati caratteristici, numero e modalità di utilizzo, si è proceduto a calcolare sia la potenza di ciascun apparecchio utilizzatore che quella complessiva, sulla base dei coefficienti di utilizzazione (K U ) e di contemporaneità (K C ). Per quanto riguarda le prese a spina necessarie ad alimentare gli utilizzatori mobili, si è fatto riferimento alla corrente nominale, che moltiplicata per la tensione d impiego, fornisce la potenza installata. Ad esempio per le prese a spina monofase da 10 A la potenza convenzionale installata è pari a W, mentre per quanto riguarda il punto luce la potenza convenzionale installata è stata posta pari a 36 W cadauno per lampade interne e 80 W per lampade esterne. Per determinare il valore effettivo della potenza da considerare per progettare l impianto si è tenuto conto del reale utilizzo di ciascun apparecchio o presa a spina e della simultaneità di funzionamento degli stessi. Per tale scopo sono stati introdotti nel calcolo i coefficienti di utilizzazione e di contemporaneità: G = K U K C Calcolo Elettrico 5

6 G = fattore di riduzione che tiene conto del coefficiente di utilizzazione e di quello di contemporaneità. Dimensionamento dei cavi Per il corretto dimensionamento dei cavi elettrici dell impianto bisogna tener conto dei seguenti aspetti: 1. Limitare le perdite per effetto Joule in modo da contenere il valore della temperatura di funzionamento dei conduttori al di sotto dei limiti ammissibili. In tal modo si evita che i cavi subiscano sollecitazioni termiche tali da compromettere l integrità e la tenuta dell isolante. 2. Limitare la caduta di tensione lungo la linea per mantenerla nei limiti consentiti. In mancanza di specifiche indicazioni in qualunque punto dell impianto utilizzatore la caduta di tensione non deve superare il 4% della tensione nominale di progetto (sez. 525 norme CEI 64-8). Nella pratica il calcolo della sezione dei conduttori viene eseguito in base alla temperatura di funzionamento e con la successiva verifica della caduta di tensione lungo la linea. La temperatura che il cavo può sopportare durante il funzionamento dell impianto utilizzatore senza subire danneggiamenti dipende anche dal tipo e dalla natura dell isolante. I materiali più usati per la fabbricazione di cavi e le relative temperature di esercizio sono riportate nella seguente tabella. NATURA DELL ISOLANTE Θ Z C Θ S C Θ CC C Gomma G Gomma G Gomma G PVC PRC Θ Z = Temperatura massima di esercizio del cavo Θ S = Temperatura massima ammissibile durante il sovraccarico Θ CC = Temperatura massima ammissibile durante il corto circuito Calcolo Elettrico 6

7 La portata massima di una conduttura in regime permanente, riferita alla temperatura media giornaliera di 30 C può essere espressa mediante la seguente relazione: I Z = α S b I Z = massima portata del cavo in regime permanente, riferita all ambiente di posa del cavo stesso, ad una temperatura media giornaliera di Θα = 30 C, espressa in ampere; α = portata caratteristica, espressa in ampere per mm 2, intesa come densità di corrente riferita al conduttore di sezione unitaria; S = sezione del cavo espressa in mm 2 ; b = esponente caratteristico di natura sperimentale. Verifica della caduta di tensione lungo la linea Il valore della corrente d impiego I B che percorre il circuito non deve superare la portata massima del cavo I Z in regime permanente, cioè vale la seguente relazione: I B I Z Partendo da questa relazione è possibile determinare la sezione di un conduttore per circuiti monofase e trifase utilizzando le seguenti formule: Circuiti monofase S 2 l I = ρ V B cosϕ n max Circuiti trifase S 1,73 l I = ρ V B f max cosϕ S = sezione del conduttore [mm 2 ] ρ l = resistività del metallo conduttore [ohm mm 2 /m] = lunghezza del tratto di linea in esame I B = corrente d impiego che attraversa il tratto di linea in esame [A] cos ϕ = fattore di potenza del tratto di linea in esame Calcolo Elettrico 7

8 V n max = valore massimo della caduta di tensione ammissibile tra fase e neutro nel tratto di circuito considerato = valore massimo della caduta di tensione ammissibile tra fase e fase nel tratto di V f max circuito considerato V n = caduta di tensione tra fase e neutro V f = caduta di tensione tra fase e fase Scelta la sezione del conduttore bisognerà, quindi, verificare la caduta di tensione lungo la linea sulla base delle seguenti relazioni: Circuiti monofase Circuiti trifase V n V f 2 l I B cosϕ = ρ S 1,73 l I B cosϕ = ρ S Ove non diversamente specificato, occorre tener presente che, in base alla sez. 525 della norma CEI 64-8, in qualsiasi punto dell impianto utilizzatore e con il relativo carico di progetto, la caduta di tensione non deve superare il 4% della tensione nominale di consegna. Qualora tale prescrizione non dovesse essere verificata, si dovrà procedere di nuovo al calcolo della sezione del conduttore. Protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti Per assicurare la protezione delle linee verranno utilizzati gli interruttori automatici, i quali affinché assicurino correttamente le protezioni dei circuiti dai sovraccarichi, dai corto circuiti e dai contatti diretti dovranno rispettare le seguenti condizioni. Per proteggere una linea contro i sovraccarichi si devono soddisfare le seguenti condizioni: I B I N 1,45 I Z I B = corrente d impiego della linea elettrica I N = corrente nominale dell interruttore I f 1,45 I Z Calcolo Elettrico 8

9 I Z = portata della linea elettrica I f = corrente convenzionale di funzionamento dell interruttore In pratica, adottando un interruttore conforme alle norme CEI, per assicurare la protezione contro i sovraccarichi è sufficiente scegliere un dispositivo che soddisfi alla prima condizione. Per ottenere la protezione contro i corto circuiti è necessario soddisfare le seguenti condizioni: P.I. > I CC (I 2 t) K 2 S 2 P.I. I CC = potere di interruzione dell interruttore = corrente di corto circuito in un punto qualsiasi della linea (I 2 t) = valore dell integrale di Joule, ossia la quantità di energia specifica che si trasforma in calore durante il corto circuito S K = sezione della linea = coefficiente dipendente dal tipo di isolamento dei conduttori. Per i cavi in rame e per i tipi più comuni d isolamento, K assume i valori riportati nella seguente tabella: Cavi in PVC 115 Cavi isolati con gomma naturale e butilica 135 Cavi isolati con gomma etilenpropilenica o polietilene reticolato 146 Le verifiche delle due condizioni devono essere effettuate considerando la corrente presunta di corto circuito per guasto trifase nel punto iniziale della conduttura. La seconda condizione deve essere verificata anche per tutti i valori della corrente presunta di corto circuito della linea, in particolare al termine della stessa ipotizzando un guasto monofase, sia fase-fase sia fase-neutro. La verifica della seconda condizione al termine della linea può essere omessa quando lo stesso dispositivo assicura sia la protezione contro i corto circuiti sia la protezione contro i sovraccarichi (Norme CEI 64-8 art ). Calcolo Elettrico 9

10 Al fine di eseguire le predette verifiche è necessario, quindi, calcolare la corrente di corto circuito nei diversi punti di un impianto. Di seguito vengono riportati alcuni metodi per la determinazione della corrente di corto circuito, utilizzabili nei casi più frequenti. 1 CASO Determinazione della corrente di corto circuito nel caso di consegna dell energia effettuata direttamente in bassa tensione. In questo caso la corrente presunta di corto circuito nel punto di consegna deve essere richiesta direttamente all ente erogatore (ENEL). Per il calcolo della corrente di corto circuito in un punto dell impianto lontano dal punto di consegna, si può utilizzare la seguente formula: I ( KA) CC V = tensione nominale del sistema R C = resistenza del cavo [mω]: V = 1,73 eq C eq C R C = r L ( R + R ) 2 + ( X + X ) 2 r è la resistenza specifica del cavo in [mω/m] e L è la lunghezza del cavo [m] X C = reattanza del cavo [mω]: X C = x L x è la reattanza specifica del cavo in [mω/m] e L è la lunghezza del cavo [m] R eq = resistenza equivalente data dalla resistenza della linea a monte del punto di consegna [mω], calcolata con la seguente formula: R = eq Z eq cosϕ eq Z eq = impedenza equivalente [mω]: Z eq = V/(1,73 I CC ) I CC = corrente di corto circuito nel punto di consegna dell energia cos ϕ eq = si desume dalla seguente tabella per I CC 5KA 0,7 per 5KA < I CC 10KA 0,5 per 10KA < I CC 20KA 0,3 X eq = reattanza equivalente [mω], espressa dalla seguente formula: X eq = Z 2 2 eq R eq 2 CASO Determinazione della corrente minima di corto al termine della linea Per il calcolo della corrente minima di corto circuito al termine della linea, si può utilizzare la seguente formula: Calcolo Elettrico 10

11 I ( KA) CC = K ( R +,2 K R ) 2 + ( X + X ) 2 eq V 1 1 C eq 2 C K = è un coefficiente che dipende dal tipo di guasto Tipo di guasto K fase fase (assenza di neutro) 1,00 Fase - neutro 1,73 2 e K 1 = sono dei fattori che tengono conto della doppia lunghezza del circuito, in particolare K 1 vale: Tipo di guasto K 1 fase fase e fase neutro con sez. del neutro uguale a quella di fase Fase neutro, con sezione del neutro metà di quella di fase 2,00 3,00 1,2 = è un fattore che tiene conto delle resistenze dei morsetti in genere e dell innalzamento della temperatura (oltre gli 80 C, dei cavi durante il corto circuito. Impianto Elettrico di Illuminazione Per l'illuminazione artificiale delle aule e dei corridoi, in ottemperanza alle prescrizioni architettoniche sono stati previsti specifici corpi illuminanti dotati di lampade a fluorescenza compatte del tipo ad alta efficienza, corredate di reattore elettronico, alimentati da circuiti monofase dimensionati per potenza media di circa 1000 W. Nelle rimanenti zone (servizi, bagni etc.) sono state previste plafoniere ad oblò Calcolo Elettrico 11

12 fluorescenti, come evidenziato dal progetto allegato. Il numero e la disposizione dei corpi illuminanti da installare è stato definito in modo tale da ottenere per i vari ambienti i livelli di illuminamento medi sotto riportati: - aule ed uffici di lavoro 400 lux - corridoi 400 lux - locali tecnici 200 lux - spogliatoi e wc 100 lux Nelle vie di esodo degli ambienti in parola è stata prevista l'installazione di un impianto per luce di sicurezza con funzione di identificazione delle vie di esodo. L'impianto realizzato con alimentatori autonomi di tipo con batteria in tampone al nichel - cadmio, installati in apparecchi illuminanti dedicati al servizio di sicurezza (indicazione delle uscite di sicurezza). E' stato altresì previsto un impianto di illuminazione di emergenza con funzione antipanico in grado di garantire, sempre in assenza di tensione, un livello di illuminamento minimo pari a 10 lux, realizzato con apparecchi utilizzati anche per il servizio d'illuminazione normale ma dotati di alimentatori autonomi di tipo con batteria in tampone al nichel cadmio. A integrazione degli impianti di illuminazione sopra detti è prevista un'illuminazione esterna notturna, in tutta la zona pedonale perimetrale, con un congruo numero di corpi illuminanti, il cui azionamento è stato previsto anche da apposito interruttore crepuscolare, saranno comandati a distanza tramite pulsanti e/o selettori posti sul quadro elettrico generale. Calcolo Elettrico 12

13 ANALISI DEI CARICHI Dall analisi degli utilizzatori previsti si può definire la seguente tabella. CARICO NOMINALE Coefficiente di contemporaneità (fc) Carico reale stimato ALA EST Illuminazione aule: n 7 x (2x36)W 1 0,50 KW Illuminazione emergenza aule: n 2 x (1x24) W 1 0,05 KW Illuminazione corridoio: n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Illuminazione emergenza corridoio: n 1 x (1x24) W 1 0,02 KW Illuminazione servizi igienici: n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Illuminazione servizi igienici: n 2 x (1x36)W 1 0,07 KW Illuminazione emergenza servizi: n 1 x (1x24) W 1 0,02 KW Prese di corrente aule: n 6 x 500 W 0,7 2,10 KW Prese di corrente corridoio: n 1 x 500 W 0,7 0,35 KW Scaldabagno: n 1 x 1500 W 0,5 0,75 KW Climatizzazione aule n 2 x 1000 W 0,9 1,80 KW Sub Totale 5,94 KW ATRIO E DIREZIONE Illuminazione uffici: n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Illuminazione emergenza uffici: n 2 x (1x24) W 1 0,05 KW Illuminazione atrio: n 5 x (2x36)W 1 0,36 KW Illuminazione emergenza atrio: n 2 x (1x24) W 1 0,05 KW Illuminazione guardiola: n 1 x (1x36)W 1 0,04 KW Illuminazione servizi igienici: n 2 x (1x36)W 1 0,07 KW Illuminazione esterna scale: : n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Prese di corrente uffici: n 6 x 500 W 0,7 2,10 KW Prese di corrente atrio: n 2 x 500 W 0,7 0,70 KW Prese di corrente guardiola: n 2 x 500 W 0,7 0,70 KW Prese di corrente servizi igienici: n 1 x 500 W 0,7 0,35 KW Scaldabagno: n 1 x 1500 W 0,5 0,75 KW Climatizzazione uffici n 2 x 1000 W 0,9 1,80 KW Sub Totale 7,25 KW Calcolo Elettrico 13

14 ALA OVEST Illuminazione aule: n 9 x (2x36)W 1 0,65 KW Illuminazione emergenza aule: n 3 x (1x24) W 1 0,07 KW Illuminazione corridoio: n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Illuminazione emergenza corridoio: n 1 x (1x24) W 1 0,02 KW Illuminazione servizi igienici: n 2 x (2x36)W 1 0,14 KW Illuminazione servizi igienici: n 2 x (1x36)W 1 0,07 KW Illuminazione emergenza servizi: n 2 x (1x24) W 1 0,05 KW Prese di corrente aule: n 6 x 500 W 0,7 2,10 KW Prese di corrente corridoio: n 1 x 500 W 0,7 0,35 KW Scaldabagno: n 1 x 1500 W 0,5 0,75 KW Climatizzazione aule n 3 x 1000 W 0,9 2,70 KW Sub Totale 7,04 KW GENERALI Impianto rilevazione e allarme incendi: n 1 x 1000 W 1 1,00 KW Illuminazione di Sicurezza: n 3 x 24 W 1 0,07 KW Impianto allarme WC Disabili: n 1 x 500 W 0,4 0,20 KW Impianto di Riscaldamento: n 1 x 1000 W 0,9 0,90 KW Impianto Autoclave: n 2 x 1500 W 0,7 2,10 KW Impianto riuso acque meteoriche: n 1 x 1500 W 0,5 0,75 KW Impianto Montascala per Disabili: n 1 x 1500 W 0,2 0,30 KW Illuminazione Esterna: n 10 x 80 W 1 0,80 KW Imp. pressurizzazione rete antincendio: n 1 x 6000W 0,30 1,80 KW Sub Totale 7,92 KW TOTALE 28,15 KW Tenendo conto di un margine del ± 10% la potenza complessiva impegnata deve essere non inferiore a 31,0 KW di tipo 3F+N Calcolo Elettrico 14

15 DIMENSIONAMENTO CIRCUITI ELETTRICI Il dimensionamento dei conduttori elettrici andrà eseguito a ritroso, ovvero assegnando una data sezione e verificandola, imponendo che la caduta di tensione dovrà essere sempre inferiore al 4%. Dal Quadro Consegna Energia Quadro Elettrico Generale Potenza carichi installati P = = 31 KW TRIFASE Cos fi nominale cos ϕ = 0,8 Sen fi nominale sen ϕ = 0,6 Lunghezza della linea L = 37 m I b = = 59 A Sezione nominale S = (3+1)x25 mmq Iz = 86 A Resistenza al metro R = 0,889 mω Reattanza al metro X = 0,106 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L (Rcosϕ + Xsenϕ) = (0,889 0,8 + 0,106 0,6) = 1691 mv V% =, =,, = 0,7% Linea preferenziale Gruppo Antincendio Potenza carichi installati P = 6 KW TRIFASE Cos fi nominale cos ϕ = 0,8 Sen fi nominale sen ϕ = 0,6 Lunghezza della linea L = 50 m I b = = 12 A Sezione nominale S = (3+1)x6 mmq Iz = 38 A Resistenza al metro R = 3,71 mω Reattanza al metro X = 0,135 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L (Rcosϕ + Xsenϕ) = (3,71 0,8 + 0,135 0,6) = 1829 mv V% =, =, = 0,8% < 4%, Calcolo Elettrico 15

16 Dal Quadro Elettrico Generale Linea Illuminazione perimetrale esterna da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1 KW Lunghezza della linea L = 140 m I b = = 5 A Sezione nominale S = (1+1)x10 mmq Iz = 51 A Resistenza al metro R = 2,24 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 5 (2 140) 2,24 = 3136 mv V% =, =, = 1,4% V% = 1,4% + 0,7% = 2,1% < 4%, Linea Sotto Quadro Locale Tecnico da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 6,1 KW TRIFASE Cos fi nominale cos ϕ = 0,8 Sen fi nominale sen ϕ = 0,6 Lunghezza della linea L = 25 m I b = = 12 A Sezione nominale S = (3+1)x6 mmq Iz = 38 A Resistenza al metro R = 3,71 mω Reattanza al metro X = 0,135 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L (Rcosϕ + Xsenϕ) = (3,71 0,8 + 0,135 0,6) = 915 mv V% =, =, = 0,4% V% = 0,4% + 0,7% = 1,1% < 4%, Per quanto riguarda illuminazione, prese e climatizzatori, effettueremo la verifica per l ambiente più sfavorevole (Aula 5 Ala Ovest) estendendo i risultati a tutti gli altri. Linea Prese Aula 5 da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,0 KW Lunghezza della linea L = 50 m I b = = 5 A Sezione nominale S = (1+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω Calcolo Elettrico 16

17 da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 5 (2 50) 8,91 = 4455 mv V% =, =,, = 1,9% V% = 1,9% + 0,7% = 2,6% < 4% Linea Climatizzatore Aula 5 da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,5 KW Lunghezza della linea L = 50 m I b = = 7 A Sezione nominale S = (1+1)x4,0 mmq Iz = 30 A Resistenza al metro R = 5,57 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 7 (2 50) 5,57 = 3899 mv V% =, =,, = 1,7% V% = 1,7% + 0,7% = 2,4% < 4% Linea Illuminazione Aula 5 da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 0,3 KW Lunghezza della linea L = 50 m I b = = 1,5 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 1,5 (2 50) 14,8 = 2220 mv V% =, =,, = 1,0% V% = 1,0% + 0,7% = 1,7% < 4% Anche per gli scaldacqua, effettueremo la verifica per l ambiente più sfavorevole (Servizi igienici Ala Ovest) estendendo i risultati a tutti gli altri. Calcolo Elettrico 17

18 Linea Scaldacqua Servizi Igienici Ala Ovest da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,5 KW Lunghezza della linea L = 40 m I b = = 7 A Sezione nominale S = (1+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 7 (2 40) 8,91 = 4990 mv V% =, =, = 2,2% V% = 2,2% + 0,7% = 2,9% < 4%, Linea Impianti Speciali: Allarme WC D.A. da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,0 KW Lunghezza della linea L = 45 m I b = = 4 A Sezione nominale S = (1+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 4 (2 45) 8,91 = 3208 mv V% =, =, = 1,4% V% = 1,4% + 0,7% = 2,1% < 4%, Linea Impianti Speciali: Allarme e Rilevaz. Incendi da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,0 KW Lunghezza della linea L = 10 m I b = = 4 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 4 (2 10) 14,8 = 1184 mv V% =, =, = 0,5% V% = 0,5% + 0,7% = 1,2% < 4%, Calcolo Elettrico 18

19 Linea Impianti Speciali: Illuminazione di Sicurezza da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 0,1 KW Lunghezza della linea L = 30 m I b = = 0,5 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω da cui la caduta di tensione: V = I b 2L R = 0,5 (2 30) 14,8 = 444 mv V% =, =,, = 0,2% V% = 0,2% + 0,7% = 0,9% < 4% Linea Impianti Speciali: Montascale per disabili da Q.E.G. Potenza carichi installati P = 1,5 KW Lunghezza della linea L = 15 m I b = = 7 A Sezione nominale S = (1+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω da cui la caduta di tensione: V% =, =,, V = I b 2L R = 7 (2 15) 8,91 = 1871 mv = 0,8% V% = 0,8% + 0,7% = 1,5% < 4% Calcolo Elettrico 19

20 Dal Sotto Quadro Locale Tecnico Linea Prese da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 1,5 KW Lunghezza della linea L = 12 m I b = = 7 A Sezione nominale S = (1+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L R = 7 (2 12) 8,91 = 1497 mv V% =, =,, = 0,7% V% = 0,7% + 1,4% = 2,1% < 4% Linea Illuminazione Interna da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 0,1 KW Lunghezza della linea L = 13 m I b = = 0,5 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L R = 0,5 (2 13) 14,8 = 192 mv V% =, =,, = 0,1% V% = 0,1% + 1,4% = 1,5% < 4% Linea Caldaia da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 1,0 KW Lunghezza della linea L = 11 m I b = = 4 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω Calcolo Elettrico 20

21 da cui la caduta di tensione: V = I b L R = 4 (2 11) 14,8 = 1302 mv V% =, =, = 0,6% V% = 0,6% + 1,4% = 2,0% < 4%, Linea Impianto Solare produzione A.C.S. da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 0,5 KW Lunghezza della linea L = 11 m I b = = 2 A Sezione nominale S = (1+1)x1,5 mmq Iz = 18 A Resistenza al metro R = 14,8 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L R = 2 (2 11) 14,8 = 651 mv V% =, =,, = 0,3% V% = 0,3% + 1,4% = 1,7% < 4% Linea Gruppo Pompe Autoclave da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 3,0 KW TRIFASE Cos fi nominale cos ϕ = 0,8 Sen fi nominale cos ϕ = 0,6 Lunghezza della linea L = 10 m I b = = 6 A Sezione nominale S = (3+1)x4 mmq Iz = 30 A Resistenza al metro R = 5,57 mω Reattanza al metro X = 0,143 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L (Rcosϕ + Xsenϕ) = 6 10 (5,57 0,8 + 0,143 0,6) = 273 mv V% =, =,, = 0,2% V% = 0,2% + 1,4% = 1,6% < 4% Calcolo Elettrico 21

22 Linea Pressurizzazione Rete riutilizzo acque meteoriche da S.Q.L.T. Potenza carichi installati P = 1,5 KW TRIFASE Cos fi nominale cos ϕ = 0,8 Sen fi nominale cos ϕ = 0,6 Lunghezza della linea L = 16 m I b = = 3 A Sezione nominale S = (3+1)x2,5 mmq Iz = 23 A Resistenza al metro R = 8,91 mω Reattanza al metro X = 0,155 mω da cui la caduta di tensione: V = I b L (Rcosϕ + Xsenϕ) = 3 16 (8,91 0,8 + 0,155 0,6) = 347 mv V% =, =,, = 0,2% V% = 0,2% + 1,4% = 1,6% < 4% Calcolo Elettrico 22

23 DIMENSIONAMENTO QUADRO CONSEGNA ENERGIA Interruttore Quadro Elettrico Generale TRIFASE Corrente a monte Ib = 200 A Corrente di corto circuito a monte: Icc0 = 10 KA Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,5 A Corrente nominale In = 250 A Potere Interruzione P.I. = 20 KA essendo: Ib < In Icc0 < P.I. Interruttore Linea preferenziale gruppo antincendio TRIFASE Corrente di corto circuito a monte: Icc0 = 10 KA Interruttore Magnetotermico 4P Corrente nominale In = 50 A Potere Interruzione P.I. = 20 KA essendo: Icc0 < P.I. Calcolo Elettrico 23

24 Calcolo Elettrico 24

25 DIMENSIONAMENTO QUADRO ELETTRICO GENERALE Interruttore Generale Q.E.G. TRIFASE a monte Ib = 250 A Corrente di corto circuito a monte: Icc0 = 10 KA Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,5 A Corrente nominale In = 300 A Potere Interruzione P.I. = 16 KA essendo: Ib < In Icc0 < P.I. Linea Illuminazione perimetrale esterna Sezione Linea alimentazione: S = 10 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 140 m Ib = 5 A Iz = 51 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,030 A Corrente nominale In = 32 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I. Blocco Ala Ovest TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 10 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 1 m Ib = 14 A Iz = 51 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,30 A Corrente nominale In = 40 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 25

26 Blocco Ala Est TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 10 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 1 m Ib = 12 A Iz = 51 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,30 A Corrente nominale In = 40 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Blocco Atrio e Direzione TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 10 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 1 m Ib = 14 A Iz = 51 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,30 A Corrente nominale In = 40 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Sotto Quadro Locale Tecnico TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 6 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 25 m Ib = 12A Iz = 38 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,30 A Corrente nominale In = 25 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 26

27 Linee Illuminazione di: Aula 1 Aula 2 Aula 3 Aula 4 Aula 5 Stanza Visita Medica Presidenza Segreteria e relativo servizio igienico Corridoio Ala Est Corridoio Ala Ovest Atrio Guardiola Scale esterne Servizi Igienici Ala Est Servizi Igienici Ala Ovest, avranno singoli interruttori aventi le seguenti caratteristiche: Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 50 m Ib = 1,5 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 6 A Potere Interruzione P.I = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linee Prese di: Aula 1 Aula 2 Aula 3 Aula 4 Aula 5 Stanza Visita Medica Presidenza Segreteria e relativo servizio igienico Corridoio Ala Est Corridoio Ala Ovest Atrio Guardiola, avranno singoli interruttori aventi le seguenti caratteristiche: Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 50 m Ib = 5 A Iz = 23 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 16 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linee Scaldacqua di: Ala Est Ala Ovest Segreteria, avranno singoli interruttori aventi le seguenti caratteristiche: Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 40 m Ib = 7 A Iz = 23 A Calcolo Elettrico 27

28 Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 16 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linee Climatizzatori di: Aula 1 Aula 2 Aula 3 Aula 4 Aula 5 Presidenza Segreteria, avranno singoli interruttori aventi le seguenti caratteristiche: Sezione Linea alimentazione: S = 4,0 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 50 m Ib = 7 A Iz = 30 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 20 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Impianti Speciali: Allarme WC D.A. Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 45 m Ib = 4 A Iz = 23 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 16 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 28

29 Linea Impianti Speciali: Allarme e Rilevaz. Incendi Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 10 m Ib = 4 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 10 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Impianti Speciali: Illuminazione di Sicurezza Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 30 m Ib = 0,5 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 10 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Impianti Speciali: Montascala per disabili Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 15 m Ib = 7 A Iz = 23 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 20 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 29

30 Calcolo Elettrico 30

31 DIMENSIONAMENTO SOTTO QUADRO LOCALE TECNICO Interruttore Generale S.Q.L.T. TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 4 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 25 m Ib = 12 A Iz = 30 A Interruttore Magnetotermico 4P Corrente nominale In = 25 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib < In < Iz Icc0 < P.I. Linea Prese Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 12 m Ib = 7 A Iz = 23 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 20 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Illuminazione Interna Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 13 m Ib = 0,5 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 16 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 31

32 Linea Caldaia Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 11 m Ib = 4 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 16 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Impianto Solare produzione A.C.S. Sezione Linea alimentazione: S = 1,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 11 m Ib = 2 A Iz = 18 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 2P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 10 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Linea Gruppo Pompe Autoclave TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 4,0 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 10 m Ib = 6 A Iz = 30 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 25 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 32

33 Linea Pressurizzazione Rete riutilizzo acque meteoriche TRIFASE Sezione Linea alimentazione: S = 2,5 mmq Lunghezza linea di alimentazione: L = 16 m Ib = 3 A Iz = 23 A Interruttore Magnetotermico Differenz. 4P Corrente d intervento Id = 0,03 A Corrente nominale In = 20 A Potere Interruzione P.I. = 6 KA essendo: Ib In Iz Icc0 P.I Calcolo Elettrico 33

34 Calcolo Elettrico 34

35 DIMENSIONAMENTO IMPIANTO DI TERRA L impianto di terra si compone dei seguenti elementi: 1) Dispersori; 2) Collettore di terra; 3) Conduttori equipotenziali principali e supplementari; 4) Conduttore di protezione. 1) Dispersori a. Dispersori ad anello Per realizzare un buon dispersore, così come previsto dalle norme CEI fascicolo S.423, si provvederà a posare un conduttore di rame nudo avente sezione 35 mmq sul fondo del piano di scavo, costeggiando esternamente le fondazioni del fabbricato in maniera tale da realizzare un anello di perimetro uguale a quello del fabbricato. b. Dispersori a picchetto Poiché siamo in presenza di un terreno di media resistività si collegheranno al dispersore ad anello di cui sopra, 15 picchetti la cui distanza reciproca non sia superiore a 12 m, così come previsto dalle norme CEI S.423. I picchetti in tubo di acciaio zincato, avranno diametro esterno di 45 mm, spessore di almeno 5 mm, lunghezza non inferiore a 1,5 m e l estremità appuntita. Per quanto riguarda la giunzione dei picchetti al dispersore ad anello, queste saranno eseguite conformemente a quanto prescritto dalle norme CEI 64-8 sugli impianti di terra, tramite appositi robusti morsetti o manicotti, e dovranno essere protette contro le corrosioni. In appendice è riportato il tipo di giunzione degli elementi dispersori. 2) Collettore di terra E destinato a collegare fra loro: - il conduttore di terra; - i conduttori equipotenziali principali; - il conduttore di protezione principale e i conduttori di protezione che vanno alle singole apparecchiature. I collegamenti sono previsti in maniera che siano sconnettibili, con l uso di un attrezzo, per verifiche e misure. Il morsetto generale di terra sarà meccanicamente robusto ed installato vicino al quadro elettrico generale; esso sarà individuato con il contrassegno di terra. Calcolo Elettrico 35

36 3) Conduttori equipotenziali principali Sono i conduttori che collegano al morsetto principale di terra i tubi metallici di acqua e dei vari impianti, tramite cavetti isolati in PVC giallo verde di sezione adeguata. 4) Conduttore di protezione principale Per collegare i singoli apparecchi all impianto di terra, ci sarà un conduttore principale di protezione, con morsetti ai vari reparti, da sistemare nella stessa canalina ove si trovano disposti i conduttori per le varie linee elettriche. Si esegua la seguente verifica ai sensi delle citate norme CEI. L impianto di terra dovrà soddisfare le seguenti condizioni: Rt 50/Id CEI 64-8 Rt 20 Ω D.P.R n. 547 essendo: Rt la resistenza dell impianto di terra nelle condizioni più sfavorevoli Id valore della corrente d intervento entro 5 secondi del dispositivo di protezione Avendo introdotto quali dispositivi di protezione interruttori differenziali con sensibilità da 30 ma, la resistenza dell impianto dovrà obbedire alla minore delle seguenti condizioni: Rt 50/0,03= 1667 Ω Rt 20 Nel caso in esame la resistenza Rt dell impianto di terra sarà somma della resistenza Rp offerta dai picchetti, e della resistenza Ra offerta dal dispersore ad anello. La resistenza dei picchetti si determinerà con: essendo: Rp = R p la resistenza dei picchetti ρ t la resistività del terreno ρ t = 100 Ω m n p numero di picchetti n p = 15 l p lunghezza del picchetto l p = 1,5 m sostituendo: Rp =, = 5 Ω Calcolo Elettrico 36

37 La resistenza dell anello si determinerà con: Ra = R a la resistenza del dispersore ad anello ρ t la resistività del terreno ρ t = 100 Ω m L sviluppo dell anello L = 130 m sostituendo: E pertanto Ra = = 6 Ω Rt = Rp + Ra = = 11 < 20 Ω Complessivamente la resistenza dell impianto di terra si mantiene al di sotto dei 20 Ω prescritti dalla vigente normativa. Calcolo Elettrico 37

38 Calcolo Elettrico 38

39 LISTA DEI COMPONENTI POS. DESCRIZIONE Marca Modello 1 Interrutt. Automatico Magnetotermico ABB 2 Interr. Autom. Magnetoterm. Differenz. ABB 3 Cavi bipolari per interni e cablaggi con conduttore flessibile in rame ricotto isolati con PVC 4 Cavi bipolari per interni e cablaggi con conduttore flessibile in rame ricotto isolati con PVC 5 Cavi tetrapolari per interni e cablaggi con conduttore flessibile in rame ricotto isolati con PVC Pirelli Pirelli Pirelli N07V-K Speedy Flamm FROR FG7OR 6 Tubo flessibile diam. 25/32 B Ticino Wallsystem 7 Quadri elettrici ABB ArTu 8 Prese e Interruttori B Ticino il Tecnico ing. Salvatore Liggieri Calcolo Elettrico 39

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO...

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... SOMMARIO CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... 6 1 INTRODUZIONE I calcoli elettrici che formano

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA SU CONSISTENZA E TIPOLOGIA Progetto: Progetto1 Descrizione: Impianto 1 Committente: Mario Rossi Ubicazione: Barletta Progettista: Ing. Franco verdi Data: 18/02/2012

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2

1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 I N D I C E 1. CALCOLI DIMENSIONAMENTO IMPIANTI ELETTRICI... 2 1.1. CRITERIO DIMENSIONAMENTO CAVI... 2 1.2. CALCOLO DELLA SEZIONE DEI CONDUTTORI IN FUNZIONE DELLA CORRENTE CIRCOLANTE... 2 1.3. COEFFICIENTI

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO SOMMARIO 1. Finalità... 2 2. Dati del sistema di distribuzione e di utilizzazione dell energia elettrica... 2 3. Misure di protezione dai contatti diretti... 2 4. Misure di protezione dai contatti indiretti...

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da:

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da: ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 1999 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Su una area a forma rettangolare i cui lati

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione Tema di: Impianti Elettrici Testo: Un complesso residenziale comprende le seguenti utenze: cinque villette con box

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO Premessa: La seguente relazione riguarda la realizzazione di un impianto elettrico a servizio del blocco camerini del Teatro Excelsior, sito in vico Coira del

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

TEMA DI : IMPIANTI ELETTRICI

TEMA DI : IMPIANTI ELETTRICI ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO INDIRIZZO: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA SESSIONE ORDINARIA 2006 TEMA DI : IMPIANTI ELETTRICI Un piccolo ristorante

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEI CAVI

DIMENSIONAMENTO DEI CAVI FEDELE ing. Domenico Antonio PROGETTAZIONE DI IMPIANTI Viale Barlaam da Seminara, 16/D 88100 CATANZARO E-mail: mimmofed@alice.it PEC: domenicoantonio.fedele@ingpec.eu Web: www.ingfedele.it Dispense e appunti

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA 1 Premessa La presente relazione riguarda l impianto elettrico da realizzarsi nel complesso edilizio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI. La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme

RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI. La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme riguardanti l edilizia scolastica della scuola elementare della frazione

Dettagli

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di RELAZIONE GENERALE La presente relazione generale descrive i criteri utilizzati per le scelte progettuali esecutive del progetto degli impianti elettrico, cito-telefonico, di allarme e chiamata, T.V.,

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I CONTATTI INDIRETTI NEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI SISTEMI TT BT

VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I CONTATTI INDIRETTI NEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI SISTEMI TT BT Fonti: VERIFICHE E COLLAUDI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI AUTORE: LUCA LUSSORIO - EDITORE: GRAFILL- 2011 MANUALE D USO COMBITEST 2019 HT ITALIA 2004 VERIFICA E COLLAUDO DELLE PROTEZIONI CONTRO I

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l.

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Ampliamento capannone industriale Impianti elettrici PROGETTO ESECUTIVO Relazione Tecnica ai sensi del DM 37/08* *Annulla e sostituisce

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

PREMESSA: SCELTA CAVI:

PREMESSA: SCELTA CAVI: PREMESSA: Nelle seguenti pagine sono riportati i parametri di calcolo, le formule e le ipotesi utilizzati per i dimensionamenti dei quadri elettrici e dei cavi di alimentazione; del parcheggio A del parcheggio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO MUSEO ARCHEOLOGICO CITTA ROMANA DI SUASA PALAZZO COMPIANO DELLA ROVERE VIA OSPEDALE 7 CASTELLEONE DI SUASA

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO MUSEO ARCHEOLOGICO CITTA ROMANA DI SUASA PALAZZO COMPIANO DELLA ROVERE VIA OSPEDALE 7 CASTELLEONE DI SUASA RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO MUSEO ARCHEOLOGICO CITTA ROMANA DI SUASA PALAZZO COMPIANO DELLA ROVERE VIA OSPEDALE 7 CASTELLEONE DI SUASA COMMITTENTE: COMUNE DI CASTELLEONE DI SUASA (AN) PIAZZA PRINCIPE

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Statistica degli infortuni

Statistica degli infortuni SEMINARIO VAL DELLA TORRE 15 febbraio 2013 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI CANTIERI EDILI: suggerimenti operativi per i CSP/CSE Relatore Dott. Ing. Dario CASTAGNERI Tecnico della prevenzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01

Manutenzione straordinaria e adeguamento normativo immobile FIP in Bologna ELE - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO rev 01 Sommario Premessa 3 1. DESCRIZIONE GENERALE 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 3 3. ALIMENTAZIONE 4 3.1 DATI TECNICI DI RIFERIMENTO 4 4. QUADRO GENERALE 4 5. QUADRO UFFICIO CED (Q01) 4 6. QUADRO CED (Q02) 4

Dettagli

(norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro); (disposizioni concernenti la realizzazione di materiali e impianti a regola d arte);

(norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro); (disposizioni concernenti la realizzazione di materiali e impianti a regola d arte); Sommario 1 PREMESSA... 2 2 IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 Dati Elettrici... 2 2.2 Normativa di riferimento... 2 2.3 Criteri di dimensionamento... 3 2.4 Calcolo della potenza assorbita... 3 2.5 Dimensionamento

Dettagli

Sommario 1. PREMESSA 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO

Sommario 1. PREMESSA 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO Sommario 1. PREMESSA... 1 2. DESCRISIONE IMPIANTO CDZ E PARAMETRI DI PROGETTO... 1 3. Quadri elettrico... 3 4. Rispondenze normative... 4 5. Selettività... 4 6. Linee e canalizzazioni principali... 4 7.

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici SICUREA ELERICA collegamento a terra degli impianti elettrici classificazione dei sistemi elettrici in basa al collegamento a terra sistemi, -C,-S,I corrente di impiego collegamenti equipotenziali guasto

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi).

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi). R E L A Z I O N E I M P I A N T I S T I C A Resa ai sensi della ex L. 46/90, così come modificata dalla L. 37/09 e succ. mod e integr. Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria Comune di Polistena Provincia di Reggio Calabria OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA LOCALI SER.T. POLISTENA

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO 1. PREMESSA 2. OGGETTO DELL'INTERVENTO 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E PRESCRIZIONI 4. FORNITURA ENERGIA IN B.T. - DATI DI PROGETTO 5. DISTRIBUZIONE GENERALE 6. CAVI ELETTRICI 7. IMPIANTO

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI

cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DI MASSIMA DI UNA CABINA DI TRASFORMAZIONE Si deve realizzare l impianto elettrico di un medio insediamento industriale costituito da

Dettagli

1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3

1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3 1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3 3 DESCRIZIONE GENERALE 4 4 IMPIANTI ELETTRICI 4 4.1 ILLUMINAZIONE 4 4.2 AUSILIARI 5 4.3 TERMOVENTILAZIONE 5 4.4 IMPIANTO DI TERRA E PROTEZIONE

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE Relatore : Ing. Antonio Scalzi NAPOLI 1 FEBBRAIO 2010 Impianto elettrico di cantiere L'insieme dei componenti elettrici, elettricamente dipendenti, installati

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009 EN 60204-1 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Matteo Marconi Stefano Piccagli UDINE, 22 OTTOBRE 2009 Le direttive LA LEGGE 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria (dal 01 Gennaio

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto elettrico a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

Relazione impianto elettrico e schema quadro

Relazione impianto elettrico e schema quadro Relazione impianto elettrico e schema quadro 1.1 RETE ELETTRICA... 1 1.2 DESCRIZIONE DELL OGGETTO DEI LAVORI... 1 1.3 OSSERVAZIONI DI LEGGI, DECRETI, REGOLAMENTI... 2 1. ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELL

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

Norme tecniche di riferimento (Impianti e componenti)

Norme tecniche di riferimento (Impianti e componenti) Norme tecniche di riferimento (Impianti e componenti) Gli impianti ed i componenti dovranno essere realizzati a regola d arte (legge 186 del 1/3/1968). Le caratteristiche degli impianti stessi, nonché

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli