cro$orffin8 H. s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cro$orffin8 H. Rfrff[oni@ s"

Transcript

1 "-.d2107/08 r.c. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI NOVARA Sezione eivile RÌ0t0 ll. cro$orffin8 H. s In composizione monocralicai sensi dell'art.so ter c.p.c. in persona delgiudice Dr.ssa Rossana Riccio Ha pronunciato la seguente SEÍITEIIZA

2 't2107/08t.g. In data Fatto e diritto ia depositato ricorso ex aft.3 L'tO2/o6 esponendo: 1) che il , verso le ore 6 20, era nel parcheggio di via Gherzi n'3' in Novara allorchè a piedi stava aldando a recuperare Ia sua autove[uta; 2) che!mprowisamente era.investito dall'autovettura opel Astra station wagon di Proprietà dl.,/e condotta'' procedendb contromano lo urtava e lo faceva cadere a terra; 3) che a seguìto del sinistro riportava lesioni personali diagnosticate in "trauma coìonna ombo-sacra econparestesieart.inf.,,e'.fratturasacra e,,conprog iniziale di 30 giorni; 4) che tuttavia a seguito dell'accaduto ed a causa delle lesioni riportate l'uomo aveva dovuto assentarsì dal lavoro per circa 11 mesi ed aveva rìportato una riduzione della capacità lavorativa non essendo più in grado di "maneggiare carichi superiori ai 15 kg."; 5)cheo trea dannobio ogicoeda dannopatrimonia eavevariportatoancheun danno esistenziale non potendosi più dedìcare ad alcune attività cui era solito attendereessendoanchelmpossibilitatoadassistereilproprioanzianopadr 6lcherichiestoi risarcimentodeidannipatitia aimpresaassicufatriceper a.*',7.g iera5tatoriconosciuto5o oi modestoimportodi 1.500,00 trattenuto a titolo di acconto' chiedeva, quindi, che accertata l'esclusiva responsabilità nella causazione del sinistro di i-- ---\'.stante la violazione della norma di ordinaria dìlìgenza di cui agli artt.140 e 191 c.d.s', i convenuti fossero condannati in solido al risarcimento dei danni subiti. Chiedeva altresì una provvisionalex art.5 L.102/06 che quantificava in misura non inferiore ad 10'000,00- costituendosi Ìn giudizio l )ntestavano le Pretese del ricorrente rilevando come il sinistro stradale si fosse verificato a causa della condotta imprudente del pedone che, uscendo dalla portineria dell'azienda presso cul lavorava, PEeva di utilizzare le strìsce pedonali antistanti I'azìenda e per raggiungere ìl parchegglo attravetsava la corsia in senso traversale obliquo PeI o99tur r9!' e...--e frapponendosi improwisamente dinanzi alla vettura 1 nonostante /4 l'immediata frenata lo urtava leggermente'

3 . n.2107/08 r.g. y'.a. costituendosi in giudìzio pur non contestando I'an della responsabilità del proprio assicurato negava che altre somme fossero dovute a titolo risarcitorio al ricorrente avendo provveduto a corrispondere non solo l'inlziale acconto di 1.500,00, ma anche l'ulteriore somma di 6.000,00. Pertanto, tenuto conto che l'im presa.assicuratrìce aveva ricevuto dall'inail richiesta di rimborso relativamente all'importo di 21,994,63 corrisposto all'infortunato per indennità temporanea e spese per visite, le somme già percepite dal r:corrente a titolo risarcitorio dovevano considerarsi esaustive di ogni pretesa. Acquisita la documentazione offerta dalle parti ed assunte le prove per interpello e testi dedotte dalle parti, all'udienza del le parti precisavano le conclusioni ed ìl Giudice pronunciava sentenza come da disposìtivo cui dava immediata lettura alle pa rti. Quanto alla responsabilità nella causazione del sinistro de guo (oggetto di contestazìone specifica da Darte dei resistenti',oto che la norma dettata dall'art.2054 co.1 c.c. oneri il conducente di un veiiolo senza guida di rotaie della prova positiva di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno e quindi imponga al conducente dell'autoveicolo l'osservanza di un comportamento parlicolarmente oculato e prudente, Naturalmente, come è stato apprezzabilmente evidenziato dalla Suprema Corte. tale presunzione di colpa "...non opera in contrasto con il principio della responsabilità per fatto illecito fondata sul rapporto di causalità tra evento dannoso e condotta umana. Pertanto il fatto che il conducente non abbia fornito prova idonea a vincere Ia presunzione, non preclude l'indagine in ordine all'eventuale concorso di cotpa del pedone danneggiato...accertata la pericolosità e l'imprudenza della condotta di un pedone investito da un veicolo, la colpa di questi concorre, ai sensi de 'art.1227 co,1 c,c, con quella presunta del conducente prevista dall'art,2154 co.lc.c," (cfr. Cass.1O3 52l2000 ). Peraltro il superamento di tale presunzione non deve essere necessariamente conseguenza della prova positiva dell'adozione dj un comportamento esente da colpa e pienamente conforme alle norme del codice della strada, potendo anche derivare dall'accertamento che il comportamento della vittima sia stato il fattore causale esclusivo dell'evento dannoso, non evitabile da parte del conducente pur con l'adozione di efficienti manovre d'emergenza (cfr. Cass / 1998).

4 i.2101/08 t.g- Assumono i resistentic,la responsabilità del sìnistro sarebbe addebitabile al pedone che, attraversando velocemente la carreggiata in senso ttasversale obliquo e senza utilizzare le vicine "strisce pedonalì", non avrebbe adeguato il suo comportamento al generale principio dettato dall'art,140 c.d.s. (secondo cui "gli utenti della strada. devono comportarsi in modo da non costituìre perìcolo o intralcio per Ia circolazione...") ed avrebbe comunque violato il precetto di cui all'art.190 c.d.s. che impone che nell'attraversare la carreggiata i pedoni si avvalgano degli appositi attraversamenti pedonali salvo che essì non esistano o distìno Diù di 100 mt. dal Dunto di attraversamento.' Sennonché all'esito dell'esperita istruttoria reputa il Tribunale che la descritta condotta del pedone non sia stata oggetto di adeguata prova. ln particolare pacifico che il ricorrente sia stato urtato dalla vetturj londotta da i due testimoni presenti in occasione del fatto (l hanno fornito delle indicazioni tra loro contrastanti sulla condotta tenuta dai due soqqetti coinvoltì nel sinistro. In specir dodo aver riferito di aver visto orima il ricorrente nel parcheggio e successivamente, mentre era alla guida della sua vettura, di aver udito un TUmoTe di aver visto la sagoma del ricorrente che cadeva in av:ntl j.a precisato di non aver in tale occasione immediatamente visto la vettura delr constatato in un momento successivo che era ferma "conttomano". _.ma di aver Se è vero cl,eriva di aver visto il pedone mentre attraversava la strada, peraltro camminando normalment e non correndo, l,che alla guida della sua jgx![1_irntsdiuiamente precedeva nell'uscita dal parcheggio la vettura condotta jeriva che mentre usciva dal parcheggio, svoltando j r (comei ) a sinistra, aveva illuminato la fìgura, r usciva dalla ditta, é La teste dapprima riferiva che il ricorrente sembrava in procinto di attraversare ma poi precisava di averlo visto che camminava parallelamente alla strada(e non perpendicolarmente come ragionevole ove avesse proceduto al suo attrpicl:gmento). orbene a fronte di tali incongruenze ( non è chiaro né dove fosse I.é le modalità di svolta della vettura, né se il Dedone avesse o meno avviato l'attraversamento della carreggiata) ed a fronte della modestia del sinistro, indicativa di un leggero sfioramento del pedone da parte della vettura, presumibilmente con la sua parte laterale, che in sostanza si affiancava al pedone e non lo investiva frontalmente lcome Dìuttosto sarebbe verosìmilmente awenuto se effettivamente fosse stata awiata la fase di attraversamento) reputa il Tribunale che non possa

5 r.9. ritenersi superata la presunzione di colpa conseguentemente debbjl essere affermata causazione del sinistro di dl cui all'art.2054 co.1 c-c. e responsabilità esclusiva nella Passando alla quantificazìone dei dannl subiti dal ricorrente giova rìcordare come la Suprema Corte (cfr. Cass.civ. Sez, U n, n,26972/08) abbia composto i contrasti esistenti tra quanti ritenevano che il danno non patrimoniale di cui all,art.zo59 c.c, comprendesse il danno biologico (inteso come lesione alla salute) ed il danno morale (inteso come sofferenza interiore transeunte) e quanti ritenevano che esso comprendesse anche il danno esistenziale. Ma con la citata sentenza non solo è stato composto taìe contrasto, ma sono state compìutamente affrontat e risolte diverse questioni. La Codce ha in specie stabilito: 1) cosa deve intendersi per "danno non patrimoniale" precisando che si tratta di categoria ampia ed omnicomprensiva che comprende qualsiasi pregiudizio alla persona non suscettibile di Valutazioneconomica; 2) quando sia risarcibile il danno non patrimoniale stabilendo che esso è risarcibile sia nei casi previsti dalla legge che nei casì di lesione grave di un diritto inviolabile della persona da cui sia derivato un pregiudizio non futile; 3) come deve liquidarsi il danno non patrimoniale prevedendo che vada liquidato con valutazione unitaria ed omnicomprensiva di tutte le conseguenze pregiudizievoli, senza duplicazioni e senza attribuire nomi diversi a pregiudizi eguali; 4) come deve essere provato in giudizio il danno non patrimoniale ritenendo che vada sempre allegato e provato da chi ne chiede il risarcimento, salva la possibllità di fare ricorso alle presunzioni semplici ed alle nozioni di comune espenenza, Conseguenza di tali princìpi è stato il definitivo abbandono della tesi del danno esistenziale, non più concepibile quale autonoma categoria di danno. lnvero secondo questo orientamento il danno non patrimoniale costituisce categoria risarcibile di carattere unitario, aìl'interno del quale sì possono distinguere diverse voci di danno solo attrìbuendo ad esse valenza descrittiva e non già considerandole come autonome poste risarcitorie. ln altri termini pur potendo parlare di danno non patrimoniale, di danno estetico o alla vita di relazione, di danno esistenziale, ciò avverrà solo in via descrittiva costituendo essi i diversi aspetti del medesimo

6 tr.2l07 /08 t.9. pregiudizio, suscettibili di essere diversamente apprezzati in relazione alle peculiarità del caso concreto/ ma comunque operanti nell'ambito della stessa categoria di danno non Datrimoniale. Ed in tale categoria è ricompreso anche il danno morale soggettivo, inteso come sofferenza psichica transeunte costituente uno dei molteplici aspetti di cui deve tenersi conto nella liquidazione dell'unico ed unitario danno non patrimoniale. Invalidità biologica e sofferenza morale costituiscono, quindi, aspetti di un identico preoiudizio "...nell'ambito della categoria generale del danno non patrimoniale la formula danno morale non individua una autonoma sottocatégoria di danno, ma descrive... un tipo di pregiudizio, costituito dalla sofferenza soggettiva cagionata dal reato in sé considerata, Sofferenza la cui Ìntensità e durata nel tempo non assumono rilevanza aj fini della esistenza del danno ma solo della quantificazione del risarcimento" (cf r.cass / 2008). Il che non implica che la sofferenza morale derivata dalla Iesioni non debba esser risarcita, rimanendo tale sofferenza sempre un danno, come tale risarcibile se derivante da una lesione della salute o comunque da un fatto reato. Tuttavia il medesimo pregiudizio, la sofferenza, non potrà esser oggetto di duplice liquidazione, come danno biologico e danno morale. Peraltro, come detto, il danno non patrimoniale si ritiene risarcibile nei soli casi previsti dalla legge, casi che si dividono in due gruppi: quelli in cui la risarcibilità è espressamente prevjsta (come nel caso in cui la fattispecie illecita integri gli estremi di un reato) e quelli in cui pur non essendo prevista espressamente la risarcibilità, essa deriva da un'interpretazione costituzionalmente orientata dell,art.2059 c,c. in quanto il fatto illecito ha vulnerato in modo consistente un diritto della Dersona tutelato dalìa Costituzione. Se il danno non patrimoniale deriva da fatti previsti dalla legge come reato il fondamento della risarcibilità del danno alla salute è indubbiamente costituito dall'art.185 co.2 c"p.. Pertanto il danno non patrimoniale sarà sempre integralmente risarcibile quale che sia la natura, I'entità, se la condotta dell,offensore è penalmente rilevante, Giova precisare che secondo la giurisprudenza per la risarcibilità integrale del danno alla salute non è necessar;o che il fatto reato sia accertato dal giudice penale, né che ia colpa del reo in caso di reato colposo sia stata accertata in concreto, essendo suffìciente che sia stata ritenuta sussistente dal qiudice civile in base ad una presunzione di legge (Cass.sez.IIl n.720 /2006, Cass.sez.tll n.15044).

7 ' n2107/08 r.g. Quando, invece, il danno non patrimoniale deriva da condotta non costituente reato occorre ricordare che secondo l'art,2059 c.c. esso è risarcibile "nei soli casi previsti dalla legge", potendosi distinguere le ipotesin cui è la legge ordinaria che prevede in modo espresso la risarcìbilità del danno non patrlmoniale, anche al di fuori delle ipotesi di reato, da quelle in cuì, pur mancando un'espressa prevìsione della legge ordinaria, il fatto illecito ha leso un diritto della persona costituzionalmente protetto. Può, infatti, accadere che il danno non patrimoniale non sia derivato né da un fatto astrattamente confìgurabile come reato né da altre fattispecie tipiche previste dalle norme ordinaria. Ad esempio nei casi in cui la responsabilità dell'offensore fisulta affermata non sulla base di un accertamento positivo della colpa né di una ptesunzione ìegale di colpa, ma in base ad una norma che preveda un'ipotesi di responsabilità oggettiva (ad es.ex art.2051 c.c.)- In tale ipotesi mancando un accertamento concreto dell'elemento soggettivo del reato (dolo o colpa) non sarebbe teoricamente configurabile un reato e la vittima non potrebbe invocare il risarcimento del danno non patrimonialex art.185 c. p. Tuttavia il danno non patrimoniale sarà comunque risarcibile sulla base, come detto, di un'interpretazione costituzlonalmente orientata dell'art.2059 c.c. rientrando, secondo la giurisprudenza della Suprema Corte, nella categoria dei "casi previsti dalla legge" tutte le ipotesi ln cui il iatto illecito abbia leso un diritto della persona costituzionalmente garantito, La risarcibilità del danno non patrímoniale, tuttavia, allorchè derivi da un fatto non costituente reato presuppone che la lesìone sia grave, eccedente la normale tollerabilità, il pregiudizio patito dalla vìttima non sia futile, l'interesse leso abbia copertura costituzionale. E'noto che alla luce di tali principi l'osservatorio per la giustizia civile di Milano ha elaborato delle nuove tabelle per la liquidazione del danno non patrimoniale con cui è proposta la liquidazione congiunta - del danno non patrimoniale quale conseguenza della lesione dell'integrità psicoflsica, della persona suscettibile di accertamento medico-legale; J- del danno non patrimoniale conseguente alle medesime lesioni in termini di "dolore","sofferenza soggettiva". Peraltro per individuare i valori monetari di tale liquidazione congiunta si è fatto riferimento

8 n.2107/08 r.g- - all'andamento dei precedenti giudiziari e si è proposta una tabella di valori monetari medi che corrispondono all'ipotesi di incidenza della lesione in termini "standardizzabili" poiché frequentemente ricorrenti ; -a percentualì di aumento di tali valori "medi" da utilizzare laddove il caso concreto presenti peculiarità allegate e provate, anche in via presuntìva, dal danneggiato. Tabelle milanesi che, tuttavia, non appaiono suscettibili di applicazione laddove si controverta di incidente stradale cui sia conseguita una lesione personale qualificabile come "micropermanente". Infatti per gli esiti permanentl non superiofi al 9olo derivanti da sinistri stradali, la misura del risarcimento è disciplinata direttamente dalla legge (art.139 cod.ass.) che prevede che il danno biologico vada liquìdato in misura corrispondente al valore del punto di invalidità determinato ratione temporis con decreto ministeriale, salva la possibilità di aumentare il relativo importo non oltre il 20olo. Peraltro considerato che il danno biologico è un danno non patrimonialed ha natura conseguentemente omnicomprensiva, ne consegue che della sofferenza causata dalle lesioni si deve tener conto nella liquidazione del danno biologico, non essendo piil ammissibile affiancare alla liquidazione del danno biologico quella del danno morale. Ciò che era liquidato in passato come danno morale potrà al più costituire un fattore di personalizzazione del danno biologico limitata, in materia di incidenti strad.ali, al2\o/o. PeTsonalizzazione cui, peraltro, avuto riguardo alla modestia ed alla natura concreta n {L degli esiti permanenti riscontrati, non si ritiene neppure di accedere neflcaso di specie \"' apparendo sufficientementesaustiva di ogni pregiudizio non patrìmoniale cagionato al danneggiato Ia quantifìcazione del danno derivante dalla addlicazione delle tabelle ministeriali già aggiornate al 2009 Ordunque nel caso di specie tecnicamenteadeguate e logicamentemotivate appaìono le considerazioni espresse dal CTU dot{ valutazione delle lesioni subite da/.^ndn,i.larà ni6hrmóhró ordine all'individuazlone e,nsiderazìoni cne lt tttdunate ntene ot II Consulente ha, infatti, evidenziato che nel sinistro stradale de guo,."ebbe a riportare una sottile frattura composta del 3o segmento. dell'osso sacro, questa lesività può ritenersi sufficientemente stabilizzata entro la fine del mese di marzo 2OO7 (RMN del 75,3,07 dimostrativa di una rima di frattura ormai q uas i co m p leta mente co nso I Ì dala ) "

9 - n.2107/08 r.g. Le lesioni riportate hanno quindi comportato un periodo di inabilità temporanea biologica stimato in giorni 30 con valore parziale al 7SVo, in giorni 30 con valore parziale al 50Vo ed in ulteriori giorni 45 con valore parziale al25o/o. Quanto ai postumi di tali lesioni, il CTU ha approfonditamente analizzato la questione relativa al manifestarsi dopo l'incidente di un'ernia discale L5-S1 al fine di veriflcare se l'evento traumatico de quo potesse ritenersi sua causa. Il CTU ha quindi adeguatamente motivato come alla base della patogenesi dell,ernia discale si ponga di regola un processo degenerativo che si sviluppa lentamente e determina uno scompaginamento strutturalè, biochimìco e funzionale del dìsco, in specie dell'anulus fibroso che circoscrive contiene il nucleo polposo. Ha rilevato, pertanto, come nessun trauma possa provocare l'allungamento/deformazione (senza rottura dell'anulus) del disco interveftebrale (protrusione discale), né la fuoriuscita di materiale del nucleo polposo per rottura delle flbre dell,anulus (ernia discale). per contro il disordine strutturaie del disco deriva da una alterazione delle sue DroDrìetà biochimiche, manifestatasi progressivamente con l'età e favorìto (nel senso di accelerato) dall'usura, da microtraumi ripetuti sul rachide, anche ìn concorso con fattori eredo-familiari predisponenti. Nel caso di specie avuto riguardo alla tipologia ed all,entjtà dell,impatto da investimento, alla luce degli elementi patologici rachidei preesistenti dell pure riferiti silenti sino al momento del sinistro) il CTU ha quindi evidenziato come il trauma de quo abbia solo "slantentizzato, sotto il profilo sintomatologico, una preesistente protrusione dlscale". Conclusione rafforzata dajla considerazione dell'anamnesi familiare e fisiologica del ricorrente: operaio addetto da anni a mansioni cronicamente sollecitantil rachide lombo-sacrale praticante regolarmente spo.t come l'equitazione caratterizzata da reiterate brusche sollecitazioni compressive caudo craniali del rachide. AIla luce di tali considerazioni (ulteriormente sviluppate nella relazione del CTU, cui si rimanda per ogni ulteriore aspetto), i postumi collegati alle lesioni riportate nel sinistro de quo, pur comprensivo della valenza slatentizzante del trauma. sono quindi stati valorizzati nella misura del 5olo di danno biologico. Coerente con le considerazioni precedentemente espresse circa l'inidoneìtà del trauma a costituire causa dell'ernia discale lamentata appare l'esclusione di ogni influenza di tali postumi sulla capacità lavorativa speciflca del ricorrente. Applicando alle lesioni ed all'inabilità accertata Ia tabella ministeriale adottata nel 2009, già tenuto conto delle sofferenze soggettive patite daìla vittima, ne consegue

10 n2107/08 r.g. che il danno non patrimoniale per ìnabilità temporanea possa essere liquidato neìla somma complessivall'attualità di 2'07 O'9O' A tale proposito appare opportuno ricordare che I'indennità dì temporanea assoluta corrisposta dall'tnail (cfr' comunìcazìone 3'3 08 docc 6 e 7 fasc Yl 4" giorno successivo a quello in cui è avvenuto l'infortunio e sino al 90o giorno in misura del 600/o e dal 91" giorno slno alla guarigione in misura del 75olo della reiribuzione media giornaliera (essendo la dìfferenza carico del datore di lavoro) abbia carattere retributivo. Tale carattere impllca che essa non mirl a dare ristoro al cd danno bìologico o danno non patrimoniale da inabilità temporanea che' pertanto' deve essere liquidato a carico del danneggìante degli altri resistentin solido (l'art 13 d.lgs23.2.2ooo n.38 appare, infatti, riferito soìo al danno biologico da postumi permanenti di grado pari o superiore al 6010)' Quanto, ìnvece, alle conseguenze negative che l'invalidità petmanente acceftata ha prodotto sulla vita del danneggiato, le indicate tabelìe consentono' in relazione all'età dell'infortunato all'epoca del sinistro (41enne)' di lìquidare in moneta attuale per tale danno non Patrimoniale 4 614,71' Non sembra, invece, a parere di questo Giudice che la riduzione delle attività di gìardinaggi o di assistenzal padre, come allegate e riferite da taluni testimoni' giustifichìno una personallzzazione del danno Giova infatti evidenziare come il pregiudizio personale che può legìttimare un appesantimento della liquidazione del danno non patrimoniaìe deve essere costituìto da fattori anomali ed inusualì essendo "normaìe" che qualsiasi menomazione fisica o psichìca influisca sulla vita di relazione generi sofferenza, di cui si tlene conto 9ià nella determinazione delle percentuaìì di invalidità. Quanto al cd. lucro cessante rlsulta documentata la perdita da parte del ricorrente del premio di produttività per il 2007 (a causa delle sue protratte assenze) per 238'06' 5i osserva, invece che le spese mediche sostenute per I'acquisto del corsetto appaiono qìà ooqetto di rlstoro da parte deìl'inail (cfr' comunicazione inviata il dall'inail a sotto la voce spese protesi 767 '99) e non possono essere oggetto di pretesa nei confronti degli odierni resistenti' ciòdetto,tenutocontochei ricorrentehapercepitopacificamenteatitolodìristoro del danno alla persona l'importo complessivo di e7 500'00' ( di cui 1'500'00 prima deldepositodelricorsoed 6.000,oopocodopo),purcomputandogliinteressi eg sugli importi liquidati a titolo di danno non patrimoniale' previa loro devalutazione alla data dell'illecito, sui singolimporti annualmente rivalutati sino alla data di erogazlone

11 /08 t.g. degli importi da parte dell'impresassicuratrice, l'importo 9ià percepito risulta in ogni caso esaustivo di ogni ristoro dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti. Ne consegue che tenuto conto di quanto già erogato dalla Fondiaria Sai e dì quanto corrisposto dall'inail per spese mediche, Ia domanda di condanna dei convenuti all'ulteriore risarcimento di danni deve essere rigettata. Tenuto conto che al momento del deposito del ricorso il danno non rlsultava ancora integralmente risarcito e che l'importo complessivamente idoneo a coprire l'ìntero pregiudizìo subito dal ricorrente è stato liquidato dalla compagni assicuratrice poco dopo il deposito del ricorso, appare equo a parere di questo Tribunale condannare i resistenti in solido a rifondere il ricorrente delle spese di causa in misura di 7a, restando compensati restanti 3/a. Spese liquidate per l'intero come indicato in dispositivo. Spese di CTU come liquidate in corso di causa definitivamente a carico dei resistenti. P.q'm. Il Tribunale di Novara, in composizione rnon:.ru,'.:,-_0.:llitrvatnlq_plgryncigldg sulla domanda proposta con ricorso ex art. 3 L. 102/2006 da Salvatore ogni diversa istanza, domanda.ed eccezione dìsattesa, così prowede: DICHIAM la responsabilìtà di I cui è causa e o nella causazione del sinistro stradale per quantificato l'importo complessivo dovuto a titolo di risarcimento per il danno non patrimoniale subito in 6,684,61 in moneta attuale e per il danno patrimoniale da lucro cessante ìn 238,06 e dato atto del versamento di acconti ante causam ed immediatamente dodo la notifica del ricorso per complessivi 7,500,00 nonchè del rimborso ad opera dell'lnail delle sdese mediche sostenute, Rigetta Ia domanda del rìcorrente di condanna all'ulteriore rìsarcimento di danni essendo le somme percepite già satisfattorie del danno subito. Condanna i convenutin solido a rifondere parte ricorrente delle spese di causa in misura di 1/4, compensati i restanti 3/4; spese liquidate per l'intero Ìn 4-000,00 per onorari e diritti, 366,80 per esborsi, oltre spese generali, cpa ed Iva di legge,; Spese di ctu a carico delle parti convenute in via definitiva Novara ll Giudice istruttore Dott.ssa RolsdndÀi cl KACCHIA 12

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte «Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte» (Cassazione civile, Sez. III - Sentenza 17 Marzo 2015, n.5197) Invalidità permanente responsabilità

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O?

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? IL DANNO NON PATRIMONIALE A TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell 11.11.2008 nn. 26972 26975) hanno

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE

DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE di Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia Reggio Emilia, 18 ottobre 2014 * * * * * Sommario: - 1. L evoluzione giurisprudenziale in tema di

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ

DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ DOCUMENTI IL FALLITO E UNA NUOVA ATTIVITÀ Il fallito può intraprendere una nuova attività? A quali condizioni rispetto ai ricavi? Può acquisire direttamente, se vittima riconosciuta di estorsione ed usura,

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CIVILE SEZIONE SECONDA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CIVILE SEZIONE SECONDA Cass. Civ., sez. II, 23.01.07, n. 1391 Presidente F. Pontorieri, Relatore E. Malpica Aria- Inquinamento elettromagnetico - Emittente radiotelevisiva - Produzione di emissioni elettromagnetiche entro il

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 23874 Anno 2014 Presidente: Relatore: GIANCOLA MARIA CRISTINA Data pubblicazione: 07/11/2014 SENTENZA sul ricorso 23172-2007 proposto da: RUGGHIA ETTORE, nella qualità di procuratore

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli