La formazione di mucillagini nel mare Adriatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formazione di mucillagini nel mare Adriatico"

Transcript

1 La formazione di mucillagini nel mare Adriatico Michele Giani Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare Chioggia Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione di bacino del fiume Po Venezia 5 maggio

2 fine ottobre Elba Diffusione delle mucillagini pelagiche da sud verso nord nel Mar Tirreno nel Giglio Giannutri da metà ottobre P.Circeo Gaeta Procida Ischia dai primi di ottobre Mare Tirreno P. Licosa C. Palinuro da metà settembre Cetraro ai primi di ottobre I. delle Femmine C.d'Orlando Eolie V.Valentia Ischia, Ottobre Aggregati pelagici depositati su colonie di Eunicella sp. Immagine Landsat-5 dell Alto Adriatico del //

3 5 Latitude N! """ 5 Longitude E Nord Adriatico Immagine SPOT pancromatica del // Sono riquadrate alcune aree con sospetta presenza di mucillagini A destra, la penisola dell Istria giugno MAT TH stazione BC: nubi del diametro di 5 m a - 5m

4 Delta del Po Delta del Po 5 Ago. Ago. Immagini MODIS a 5 m di risoluzione. Dati originali non elaborati. Evidenti i filamenti bianchi sotto il Delta del Po. Elaborazioni F. Vescovi Servizio Meteorologico Regionale Arpa Emilia Romagna Immagini MODIS RGB,,. Dati originali a 5 m di risoluzione A Lug. A B Falsi fondi ed affioramenti Profondità / m Profondità / m Transetto Avi, Chioggia - offshore, //. ; ;; ;; ;; ;; ;; ; ;. 5 ;,, ; ;.5 Transetto Avi, Chioggia - offshore, 8// n.d. ;,. Longitudine E n.d. n.d...8 Transetto Bvi, Po di Levante - offshore, // 5 ; ;,.5 Transetto Bvi, Po di Levante - offshore, 8// ; ; ; ; ; Lug. ; ; 5 ;8 ; 5; 8.5 Longitudine E B 5; ; ; ; 8 ;5 8.5 ;;, 8.85 Salinità Lug. Longitudine E Longitudine E Elaborazion F. Vescovi SMR Arpa Emilia Romagna Chiazze di strato cremoso, 8 miglia a E dal Po di Levante Falso fondo rilevato miglia a E dalla foce del Brenta

5 9- giugno giugno - 9 luglio???? Affioramenti Affioramenti con presenza di reticoli e nastri nella colonna? Immagine MODIS del giugno ore : elaborazione RGB - particolare Adriatico Centrale Telespazio Filamenti di notevole estensione lungo la costa a sud delle Marche, tra Ancona e S.Benedetto del Tronto 5

6 Immagine MODIS del luglio ore : elaborazione RGB - particolare dell Alto Adriatico Telespazio Fioriture estese e filamenti irregolarmente diffusi nel golfo di Venezia Di cosa sono costituiti gli aggregati? La frazione organica negli aggregati adriatici costituisce circa il 5% del peso secco degli aggregati e la restante parte è costituita dalla frazione inorganica. La frazione organica è costituita da proteine, carboidrati e da sostanze umiche per il 9%, % e 5%, rispettivamente. L analisi elementale assieme alle analisi spettroscopiche IR, NMR, UV VIS sia sul aggregati tal quali che sulle frazioni umiche indicano che le mucillagini pelagici hanno un origine marina planctonica. Non trova riscontro un ruolo importante delle zeoliti o di sostanze organiche di origine terrestre nella loro formazione. Gli aggregati risultano estremamente impoveriti di P nella frazione solida. Gli aggregati concentrano la sostanza organica fino a volte rispetto all acqua circostante. Negli aggregati avvengo trasformazioni legate all invecchiamento dell aggregato e l origine delle frazioni umiche potrebbe essere il risultato di una intensa attività batterica di degradazione-trasformazione dei componenti biochimici principali della sostanza organica.

7 Chi sono i produttori della sostanza organica che costituisce le mucillagini pelagiche? Dinoflagellate: Gonyaulax fragilis In decomposizione Diatomee Cylindrotheca closterium Skeletonema costatum

8 Distribuzione degli aggregati nei vari tipi di acque adriatiche Acque sovrassature di ossigeno Acque meridionali ad alta salinità (casi di acque sature di O ) Nastri 8 numero di casi Ragnatele Nubi Falso Fondo S<=, Osat>=5% S<=, Osat<% S>, Osat<=85% S>=8., Osat<85%,gt>9..5<=S<8., Osat>=5% gt>=9., Osat>85% Il ruolo della sostanza organica disciolta e particellata Gli aggregati di grandi dimensioni si formano prevalentemente in zone di marcata stratificazione nei fronti tra le acque diluite e quelle ad elevata salinità. Ragnatele, le nubi ed i nastri si possono formare in acque ad elevata salinità accumulandosi anche in corrispondenza di gradienti termoalini non molto marcati Nel periodo tardo primaverile invernale del si sono verificati nelle acque sovrassature a bassa salinità incrementi significativi e ben più elevati che negli anni precedenti di aggregati visibili di piccole dimensioni, di POC, TEP, PCHO, DOC in particolare nelle acque diluite sovrassature. Nel il carbonio organico disciolto ha presentato variazioni con accumuli nel periodo invernale/primaverile che nelle acque superficiali sono stati superiori rispetto ad anni precedenti in cui non si erano verificate mucillagini. La maggior parte della sostanza organica è prodotta e si concentra nello strato superficiale (- m) direttamente sottoposto all influenza degli apporti del fiume Po ed è questo strato il più rilevante per i processi di aggregazione. Gli aggregati concentrano la sostanza organica rispetto all acqua circostante riducendo la quantità di particellato sospeso e modificando la partizione tra fase disciolta e particellata 8

9 Particelle trasparenti esopolimeriche TEP variazioni temporali lungo il transetto A a differenti profondità superficie c(tep) / µg L - A 85 A9 A A5 A 5 - m A 5 5 A m c(tep) / µg L - Lat N B m m 9 C 8 Mare Adriatico A A9 A A5 A 85 5 misure CTD A 5 misure idrologiche 5 Long. E giu lug ago set ott nov dic gen feb mar ap r mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar ap r mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar ap r mag giu lug 999 Processi di aggregazione della sostanza organica - µm Fitoplancton Batteri. - µm Sostanze colloidali (esopolimeri extracellulari, polisaccaridi strutturali) <. µm - µm TEP gel >.5 - > mm macroaggregati falso fondo nubi concentrazione, ph, variazioni forza ionica, natura polielettroliti, concentrazione Ca +, Mg + 9

10 La circolazione e le condizioni oceanografiche Eventi di mucillagini del e del in coincidenza di una presenza in inverno di acque di salinità eccezionalmente elevata, di un abbondante presenza negli strati di fondo di acque di temperatura minima ed elevata salinità e, quindi, ad alta densità ( 9. kg m - ); Temperature superficiali erano particolarmente elevate in primavera, mentre nello stesso periodo, come anche in estate, era praticamente assente la Corrente Costiera Adriatica Occidentale (diretta verso sud). Formazione della Controcorrente Costiera Istriana, particolarmente intensa nel. Tale controcorrente si era formata anche in passato in corrispondenza di eventi di mucillagini (988, 989, 99, 99) o anossie su scala di bacino (9, 989). I trasporti netti d acqua, di ortofostati e ortosilicati (attraverso il transetto C) erano in quelle condizioni oceanografiche deboli o diretti per nordovest durante il periodo compreso tra primavera e inizio estate. Nel periodo di maggiore insorgenza delle mucillagini (988-), rispetto ai decenni precedenti, si è avuto un aumento medio della temperatura e salinità superficiale, particolarmente in primavera ed estate. Variazioni della temperatura dell aria nel bacino padano (Emilia Romagna) E m i l i a - R o m a g n a Temperature change ( C) N o r m a l m e a n S m o o t h e d Fonte: Deserti, Arpa Emilia Romagna

11 Tendenza all aumento delle temperature superficiali rilevata anche Dalle misure AVHRR di temperatura superficiale (relativi a TUTTO Il bacino Adriatico) Y =. * X +.58; P <. 8 June: y =. X +.599; P <. July: y =.8 X +.; P <. August: y =. X +.85; P <. 5 Temperature [ deg C ] Temperature [ deg C ] Year Year Medie mensili Mesi estivi Fonte: Barale, JRC Ispra Winter Spring km - - Anomalie stagionali della temperatura superficiale Generale tendenza all aumento delle Temperature Superficiali.. km Summer Fonte: Russo Università di Ancona km Autumn km km km

12 Temperatura dell aria e NAO Andamento dell anomalia di temperatura media primaverile posto a confronto con l anomalia invernale dell indice NAO e con gli episodi di mucillagine verificatisi in periodo estivo. Viene riportata anche la media mobile della variabile meteorologica calcolata su anni (in blu per il data set CNR, in arancio per il data set synop). I circoli evidenziano i cluster di eventi di mucillaggine e le linee sovrapposte schematizzano i periodi di trend positivo. anomalia anomalia Anomalia temperatura primaverile,5,5, ,5 - -,5 - Anni Anomalia invernale della NAO ed eventi di mucillaggine anni I fattori climatologici l verificarsi degli eventi mucillaginosi in Adriatico è ben correlato con le variazioni climatiche sul lungo periodo (decennali) e su ampia scala (continentale), più che alla variabilità interannuale delle condizioni meteorologiche locali. Le migliori evidenze sono legate alla tendenza positiva in aumento dell anomalia di temperatura, a sua volta ben correlato all anomalia positiva dell indice dell Oscillazione Nord Atlantica (NAO). Corrispondenza tra le tendenze positive di temperatura primaverili ed eventi estivi di mucillagini. L analisi dei dati meteoclimatologici indica che tutti i tre principali grappoli di comparsa di mucillagini sono avvenuti in periodi temporali caratterizzati da una anomalia (principalmente primaverile) delle temperature atmosferiche, anomalia che sembra essere collegata a marcate anomalie positive della North Atlantic Oscillation (Indice NAO >.5). Per l attuale periodo di anomalia positiva della temperatura atmosferica è stato possibile verificare come l anomalia atmosferica abbia determinato anche l aumento delle temperature superficiali marine del bacino Adriatico, che ha avuto come conseguenza l aumento del gradiente verticale di temperatura e l aumento delle condizioni di stabilità delle acque del bacino Adriatico settentrionale.

13 Fosforo Diminuzione generalizzata delle concentrazioni di fosfato e di fosforo totale nell Adriatico Settentrionale a partire dalla seconda metà degli anni 8 delle concentrazioni di fosforo nelle acque 5 FOSFORO TOT ' ' ' 98 Costa Emiliano Romagnola 99 Costa Veneta Conseguente aumento del rapporto N:P e effetto limitante del Fosforo sulla crescita dei batteri e del fitoplancton log N/P Febbraio-aprile S < ; sat.ossig. > Periodi 99-

14 Condizioni in cui si verificano gli eventi di mucillagine nell Adriatico Anno Evento Ingressione Apporti Contro Accumulo Predazione Degradazio Bloom N/P Trend Muci acque fluviali Corrente sostanza zooplancto ne del C Dinofl. Temp organica nica fitoplancton meridionali primaveril Costiera Mar-Mag ico Mag- primav i alta salinità Istriana Giu Intenso Forte >media Intensa Elevato Ridotto Ridotto Intenso Elevato crescente Ridotto Ridotta >media Ridotta Meno intenso Intenso Elevato Ridotto Elevato crescente Molto Forte >media Intensa Molto Ridotto Ridotto Intenso Elevato crescente intenso elevato Assente Forte Ridotti??????? Molto Forte nella???? Intenso?? media intenso FORMAZIONE DI MUCILLAGINI (Adriatico Settentrionale) Limitati apporti fluviali Riduzione concentrazione di fosfato/p organico Ridotta utilizzazione batterica di DOM/POM Ridotto trasferimento del C fitoplanctonico nella catena trofica Ingressione acque meridionali Alternanza di condizioni oligotrofiche ed elevati rapporti N:P Accumulo di sostanza organica Mucillagini Aggregazione Intenso riscaldamento primaverile Maggiore stabilità colonna d acqua in primavera-estate Aumento dei tempi di residenza (controcorrente Istriana, assenza corrente costiera occ.)

15 CONSIDERAZIONI FINALI Le mucillagini derivano da processi naturali non controllabili dall uomo I cambiamenti climatici in atto anche nell Adriatico possono alterare i processi di aggregazione rendendo più frequenti gli eventi di formazione massiva E necessario un controllo su siti chiave di serie temporali lunghe per comprendere l evoluzione dei cambiamenti in atto e fornire una corretta interpretazione e informazione (implementando le misure delle boe oceanografiche delle reti ARPAV, ISMAR, OGS) I monitoraggi costieri regionali delle mucillagini vanno integrati oltre che con le riprese di videocamere subacquee anche con le informazioni ottenibile da satellite (come si sta sperimentando nel progetto REQUISITE) I modelli di trasporto degli aggregati affiorati potranno essere un utile strumento previsionale per la gestione di emergenze Ulteriori sperimentazioni devono essere effettuate per trovare sistemi di misura (acustici, satellitari) idonei a identificare gli aggregati nella colonna d acqua in modo rapido su vasti areali (incluse le acque del largo) E di fondamentale importanza l integrazione rapida delle informazioni tra le varie regioni adriatiche italiane, la Slovenia e la Croazia e una corretta e tempestiva informazione al pubblico e agli operatori (turistici, della pesca, ecc.) Per ulteriori informazioni: Mucilages in the Adriatic and Tyrrhenian Seas Edited by: M. Giani, D. Degobbis, A. Rinaldi. The Science of the Total Environment, Volume : 5 Issue : -, 5-Dec-5 lavori derivanti dalle ricerche condotte nel Programma di monitoraggio e studio dei processi di formazione delle mucillagini nell Adriatico e nel Tirreno 999- Finanziato dal Ministero della Tutela dell Ambiente e del Territorio Le Mucillagini nell Adriatico e nel Tirreno Quaderno divulgativo dell ICRAM a cura di M.Giani, D. Berto, M. Cornello, G. Sartoni, A Rinaldi dicembre 5 5

16 Grazie per l attenzione L effetto dei nutrienti Nei periodi di magra del e, i nutrienti d origine fluviale sono stati diffusi trasversalmente in superficie, già durante il tardo inverno, fenomeno ritenuto insolito per la stagione. Forse tale trasporto era stato favorito da un prematuro e rapido riscaldamento della superficie marina, dopo che nella prima parte della stagione il mare era stato raffreddato al di sotto della media. In quegli anni si sono avuti eventi di mucillagini considerevoli. Nel, invece, il trasporto trasversale di nutrienti era dovuto principalmente a portate elevate del Po. Iniezioni di nutrienti, dovute a picchi di portata del Po nella stagione critica (fine primavera-inizio estate), in condizioni di calma e riscaldamento rapido della superficie marina, possono essere più importanti per l avvio del fenomeno, che apporti maggiori di acque fluviali, ma meno variabili. Picchi di questo tipo erano ben evidenti in giugno del e, quando si era formata una struttura complessa della parte superiore della colonna d acqua, caratterizzata da più aloclini o picnoclini. Situazioni simili erano state osservate anche in occasione di eventi precedenti in giugno (per es. nel 99) o inizio luglio (nel 988, 989 e 99). Non è confermato l effetto di elevati rapporti tra l azoto inorganico e l ortofosfato nello scatenarsi ed evolversi del fenomeno, almeno non nel bacino. Infatti, rapporti tra l azoto inorganico disciolto e gli ortofosfati (DIN/PO ) più vicini ai valori ottimali prevalevano proprio nel, mentre erano eccezionalmente elevati nel.

17 Il ruolo delle componenti microbiche Nel periodo primaverile antecedente la formazione degli aggregati il sistema mostra un aumento del rapporto tra produzione primaria e richiesta di carbonio da parte dei batteri indicando un eccesso di produzione primaria non utilizzata. In condizioni ambientali particolari (elevata temperatura, stabilità di masse d acqua e condizioni che favoriscono la coalescenza di particelle), la materia organica disciolta (in larga misura mucopolisaccaridica) rilasciata in acqua darebbe luogo alla formazione di mucillagini. Il malfunzionamento del circuito microbico ( microbial loop ) a causa di una non efficiente crescita batterica potrebbe essere determinato da una carenza di fosforo organico disciolto. Alti valori del rapporto N:P inorganico, in questi tre anni di indagine, hanno caratterizzato le acque indipendentemente dalla presenza o meno di mucillagini. Al contrario, il fosforo organico ha mostrato valori significativamente bassi in tutti i periodi antecedenti la formazione degli aggregati. Sarebbe quindi il comparto del fosoforo organico e non quello del fosforo inorganico (come precedentemente ipotizzato) a non permettere una crescita bilanciata della componente microbica eterotrofa. In risposta a questa scarsità ambientale di fosforo gli organismi (i batteri eterotrofi, ma probabilmente anche fitoplancton) risponderebbero con un conseguente maggior utilizzo di tutte quelle componenti della sostanza organica che sono ricche di molecole di P-organico, aumentando considerevolmente le attività enzimatiche deputate al riciclo del P organico (cioè le fosfatasi). Il DNA extracellulare disciolto,infatti, nel periodo della formazione degli aggregati, subisce un significativo decremento. Tuttavia, la limitata disponibilità di P limita notevolmente la possibilità di crescita batterica, ragione per cui la formazione di mucillagini è accompagnata da una frazione del pool proteico della sostanza organica non utilizzato da parte della componente microbica. Condizioni in cui si verificano gli eventi di mucillagine nell Adriatico Anno Evento Muci Ingressione acque meridionali alta salinità Contro Corrente Costiera Istriana POC,TEP, PCHO Mar-Mag Grazing BCP/PP Bloom Dinofl. Mag- Giu N/P Trend Temp primav Intenso Forte Intensa Elevato Ridotto Ridotto Intenso Elevato crescente Ridotto Ridotta Ridotta Meno intenso Intenso Elevato Ridotto Elevato crescente Molto intenso Forte Intensa Molto elevato Ridotto Ridotto Intenso Elevato crescente

18 Interazioni tra mucillagini e popolamenti nell Adriatico Lo studio delle comunità macrozoobentoniche di substrato incoerente svolto in due siti costieri del Nord Adriatico indica che non c è stato effetto dannoso macroscopico sugli organismi da imputare alla deposizione degli aggregati gelatinosi e che la comunità si evolve influenzata soprattutto dalla disponibilità di alimento e dalla variabilità del sedimento I popolamenti di mitili allevati nell area del Po di Levante sembrano mostrare in giugno e agosto una risposta in termini di crescita legata alla presenza di macroaggregati nella colonna d acqua rispetto al luglio in cui il fenomeno di aggregazione delle mucillaggini si è verificato in maniera poco significativa sia per estensione che per durata. E probabile che i mitili mantengano le valve chiuse per evitare l intasamento dell apparato branchiale entrando, quindi, in uno stadio di scarsa alimentazione che si ripercuote sui parametri di crescita. Produzione e degradazione negli aggregati mucillaginosi Il progressivo invecchiamento dell aggregato induce una selezione sugli organismi all interno che, soprattutto per quanto riguarda le microalghe, porta allo sviluppo di specie come Cylindrotheca closterium, diatomea capace di sopravvivere in condizioni di luce piuttosto ridotte. I batteri rappresentano gli organismi che maggiormente si concentrano negli aggregati. Non sono uniformemente distribuiti e spesso formano microcolonie presenti in struttura filamentosa. L arricchimento batterico degli aggregati diminuisce all aumentare dell età e della dimensione dell aggregato. Nonostante un considerevole arricchimento virale negli aggregati, l infezione virale dei batteri assume lo stesso significato della mortalità virus-mediata nella comunità dell acqua libera. La produzione di biomassa batterica non è elevata all interno degli aggregati tanto che il turnover del POC calcolato sulla base della produzione batterica risulterebbe estremamente lungo, nell ordine dei mesi o degli anni. Le attività idrolitiche sono prevalentemente rivolte al recupero del fosforo determinano elevate concentrazioni di P disciolto che sono in grado di supportare le elevate attività batteriche ma probabilmente anche la sintesi di nuova sostanza organica da parte delle cellule fitoplanctoniche intrappolate nella matrice organica. Il rapido ricircolo di fosforo porta ad un incremento anche nella domanda di azoto tanto che la comunità batterica lavora considerevolmente sulla matrice peptidica e molto meno intensamente esplica attività idrolitiche nei confronti dei legami glucidici. porta ad un arricchimento del materiale organico particolato in composti saccaridici. 8

19 Produzione di aggregati in vitro La produzione di essudati polisaccaridici è comune a organismi appartenenti a diverse categorie tassonomiche in quanto è stata evidenziata in batteri, cianobatteri, diatomee e dinoflagellate. Anche all interno della stessa divisione le diverse specie mostrano una certa variabilità nella produzione di polisaccaridi extracellulari; inoltre, le alghe sottoposte a stress nutrizionale pur possedendo una minore capacità di crescita possono rilasciare quantità più elevate di polisaccaridi extracellulari. La composizione dei polisaccaridi rilasciati può variare in funzione del rapporto N/P presente in mare determinando una minore degradazione di sostanza organica da parte dei batteri. L incremento dei monomeri che presumibilmente fanno parte della frazione eteropolisaccaridica, quali il galattosio, ed il relativo decremento di glucosio riscontrato in fase stazionaria di crescita (indotta dalla P-limitazione) in C. closterium e T. pseudonana, lascerebbe ipotizzare un minor grado di degradabilità di tali essudati rispetto ai prodotti rilasciati in condizioni di crescita non limitanti. La crescita, la produzione di carbonio e la respirazione di una comunità batterica naturale, privata di predatori e posta in condizioni nutrizionali ottimali, sono inibite quando la comunità cresceva su un substrato organico costituito dall escreto prodotto da una diatomea coltivata in condizioni di P-limitazione. Oltre al ruolo delle diatomee, bisogna considerare quello delle dinoflagellate. Tra queste va inclusa soprattutto Gonyaulax fragilis che presenta un attiva e abbondante escrezione di polisaccaridi, al contrario di Noctiluca scintillans che rilascia l abbondante materiale polisaccaridico di cui la cellula è costituita solo nella fase di degradazione. Per quanto riguarda la dinoflagellata G. fragilis, sono state fatte prove per definirne le condizioni di crescita saggiando la capacità di crescita dell alga in diversi terreni di coltura. G. fragilis in coltura formava dei filamenti bianchi che, con l invecchiamento della coltura tendevano ad addensarsi e a formare un unico ammasso di aspetto gelatinoso 9

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo EUR-OCEANS Network of Excellence Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo? Miroslav Gačić Istituto Nazionale

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna

Mariangela Ravaioli CNR ISMAR Bologna Systematic collection, in the VECTOR project, of available hydrological and biogeochemical data from the North-Central Adriatic Sea to define the physical and biological processes affecting the C cycle.

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi ottobre-novembre 2008 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Prof. Ing.. Maria Laura MASTELLONE Docente di Impianti

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000 Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 195-2 A cura di Dott.ssa Romina Spina Dott.ssa Silvia Stortini Prof. Redo Fusari Prof. Carlo Scuterini Dott. Maurizio

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli