MATEMITICUS UNA RACCOLTA DI AVVENTURE MATEMATICHE. ISC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto. ins. Clara Rossi. a.s.2009/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATEMITICUS UNA RACCOLTA DI AVVENTURE MATEMATICHE. ISC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto. ins. Clara Rossi. a.s.2009/2010"

Transcript

1 MATEMITICUS UNA RACCOLTA DI AVVENTURE MATEMATICHE ISC Petritoli Scuola Primaria di Monte Giberto Classe quarta ins. Clara Rossi a.s.2009/2010

2 Il Giudice ha posto un nuovo problema. E proprio questo il bello della matematica: la soluzione di un problema ne genera un altro. E come quando si entra in un castello. Nessuno di noi ha mai visitato un castello, ma possiamo immaginare di farlo. Si apre una porta, si visita una stanza e si rimane ammirati dagli affreschi o dai mobili che vi sono. In fondo alla stanza c è un altra porta e se si riesce ad aprirla si entra in un altro ambiente ancora più bello e così via Da Sofismi di un maestro -Bruno Jannamorelli

3 Che cos è in problema? RIPORTO ALCUNE DEFINIZIONI O DESCRIZIONI PRESENTI NELLA LETTERATURA Ecco il pensiero di G. Polya Risolvere un problema è trovare mezzi non noti per raggiungere un fine distintamente concepito. - G.Polya Altre proposte: Quando una persona si trova di fronte ad una situazione e il bagaglio delle risposte intuitive o abituali non gli permette di venirne a capo, tale situazione è un problema. - G.Glaeser Un problema, è una situazione che differisce da un esercizio poiché colui che deve risolverlo non ha a disposizione un procedimento o algoritmo che può con certezza condurlo alla soluzione. - Kantowski Un problema sorge quando un essere vivente ha una meta, ma non sa come raggiungerla. - Duncker

4 MAPPA CONCETTUALE: Problema (matematico) (caratterizzata da) aspetti quantitativi (che stimola alla ricerca di) soluzioni e/o di elementi ignoti QUESTIONE AUTENTICA E SIGNIFICATIVA (in quanto legata a realtà/bisogni) della nostra vita quotidiana (comunque posta a scuola) in forme variabili (nel tempo e nei luoghi)

5 Spesso ci si pone questa domanda: Che differenza c è tra esercizio o problema? Problema Le conoscenze dell alunno sono necessarie ma non sufficienti per trovare la soluzione. All alunno si richiede soprattutto di: -ragionare - intuire - inventare - creare - strutturare o ristrutturare Esercizio Le conoscenze dell alunno solutore sono necessarie e sufficienti per trovare la soluzione. All alunno si richiede soprattutto di: ricordare riconoscere riprodurre e applicare tecniche Tuttavia, lo stesso compito può essere percepito da un allievo come un esercizio e da un altro come un problema. Arigoni et al. 1992

6 Fare matematica è in prima istanza affrontare problemi dato che l attività di soluzione dei problemi è l intima natura della matematica. D Amore, 1993 Antiseri, sostiene che insegnare matematica per problemi significa catturare i problemi dei bambini per farli inciampare in problemi nuovi e alla loro portata, in modo che essi possano mettersi in gioco nella risoluzione, senza paura di sbagliare. E su queste premesse che si è sviluppato dall inizio anno il percorso di matematica in classe quarta. Legenda: Cosa fa l insegnante Cosa fanno gli alunni

7 All inizio dell anno scolastico ho iniziato ad insegnare matematica in classe quarta. Non conoscevo questi alunni ed ho proposto alla classe alcune domande per cercare di capire il loro rapporto con la matematica

8 Il mio rapporto con la matematica Io non sono portata per la matematica ed è inutile che mi ci impegni. Agnese La matematica è noiosa, tutte operazioni e tabelline. Irene Ogni volta che devo fare un problema mi prende il batticuore, ho paura di sbagliare. Alice Io e la matematica proprio non ci prendiamo! Monica Chi è bravo in matematica vuol dire che è molto intelligente. Diego Per me la matematica è una preoccupazione. Irene Da Matematica e metacognizione - Cornoldi- Erickson

9 . All interno della classe c erano alcuni alunni che sopportavano la presenza scomoda di questa disciplina. Per un alunna era proprio fonte di sofferenza. Per altri rassegnazione Convinzioni rovinose, spesso accompagnate da un debole impegno nelle attività della disciplina. Inoltre diverse affermazioni rispecchiavano manifestamente luoghi comuni, molto diffusi nella nostra società che riguardano questa materia: Per riuscire in matematica occorre essere dotati di una particolare predisposizione. La predisposizione all apprendimento della matematica ha carattere familiare. Chi riesce bene in matematica è molto intelligente. In matematica bisogna ricordarsi tante cose, ci vuole molta memoria.

10 Un percorso per la ricostruzione della matematica I sistemi di convinzioni, correlati alla matematica, rivestono un ruolo fondamentale nella qualità dell insegnamento/ apprendimento della disciplina e, in generale, nella qualità della relazione che una persona instaura con la disciplina. Il percorso di ricostruzione della relazione con la matematica proposto in questo lavoro, si articola su due piani: Nella prima parte del presente lavoro viene considerata l opportunità di ricostruire tale relazione prima di iniziare qualunque percorso di insegnamento/apprendimento riguardante la matematica o l educazione matematica attraverso la conversazione clinica. Nella seconda parte viene presentato un percorso didattico finalizzato alla ricostruzione della relazione, incentrato sull acquisizione della consapevolezza di alcuni sistemi di convinzioni e sulla rielaborazione di convinzioni maturate durante le attività che abbiamo chiamato: Giochi matematici.

11 Giochi matematici, ovvero situazioni problematiche e problemi affrontati dalla classe ogni venerdì nel laboratorio di matematica; laboratorio molto atteso e soprannominato dagli alunni Matemiticus. E Matemiticus è diventato pian piano un personaggio curioso, che attraverso la posta elettronica o via cartacea ha inviato ogni venerdì: quiz, giochi,indovinelli, rompicapi da risolvere in modo di consentire a tutti di prendere parte all attività senza frustrazioni, di indirizzare ognuno verso una partecipazione caratterizzata da sentimenti positivi. La parola problema è evitata con cura per ovviare il negativo impatto emotivo che una persona in difficoltà in matematica ha quando è chiamata a risolvere un problema!

12 Come ristrutturare la relazione dei miei alunni con la matematica? Ma che cosa si intende con relazione con la matematica? E quando una relazione è positiva? Perché si instaura una relazione non positiva? E soprattutto, è possibile intervenire per ricostruire un legame positivo con la matematica? Chi può intervenire? Quando intervenire? Come intervenire? Molti sono gli studi sulle difficoltà scolastiche in matematica. Tali studi si collocano nell ambito della ricerca scientifica sull affettività in matematica e oggi sono disponibili anche testi monografici sul tema. Un testo che in questi anni ho molto seguito, ricco di stimoli alla riflessione, occasione di acquisizione di strumenti per l interpretazione delle condotte scolastiche degli studenti è il libro PROBLEMI E CONVINZIONI di Rosetta Zan. E su questo testo in particolare, ho basato il mio percorso di lavoro preposto alla ristrutturazione della relazione degli alunni con la matematica.

13 I MODELLI CONCETTUALI DI PROBLEMA NEI BAMBINI DI CLASSE QUARTA Per comprendere quale concetto di problema hanno i bambini sono state scelte delle domande che coinvolgono diverse sfere: A-Che cosa ti fa pensare la parola problema? sfera affettiva B- Che cosa è per te un problema? sfera metacognitiva C- Fai un esempio di problema- sfera cognitiva In Problemi e convinzioni Rosetta Zan

14 Conversazione clinica svolta all inizio dell anno scolastico sul problema Che cosa ti fa pensare la parola problema? La parola problema mi fa pensare agli esercizi e a ragionare. Alice La parola problema mi fa pensare agli esercizi che mettono in azione il cervello. Vanessa La parola problema mi fa pensare ad un esercizio che devo affrontare da solo. Dorian Secondo me, la parola problema significa pensare,cioè che quando devo risolvere un problema per me significa che è l ora di mettere in azione il cervello. Beatrice Mi fa pensare ad un testo dove devi risolvere un caso di problema. Monica Mi fa pensare a ragionare come se fosse un indovinello. Maria La parola problema mi fa pensare a una situazione che io devo risolvere. Diego In quali situazioni viene usata la parola problema? La parola problema viene usata per risolvere esercizi. Alice La parola problema viene usata quando una persona deve comprare e deve sapere il totale. Vanessa La parola problema viene usata quando una persona ha bisogno di aiuto. Irene La parola problema viene usata nelle situazioni in cui la maestra vuole vedere come pensiamo,le nostre capacità. Beatrice Viene usata quando c è un problema. Agnese Viene usata quando bisogna eseguire un operazione e quando bisogna rispondere a una domanda. Maria Viene usata per risolvere una situazione.diego

15 A che cosa serve per te un problema? Serve a spiegare una situazione. Alice Serve per ragionare. Vanessa Serve per mettere in moto il cervello. Dorian Secondo me serve per essere risolto. Beatrice Serve per la vita. Monica Serve per rispondere ad una domanda. Agnese Serve ad essere più intelligenti. Alberto Ad esercitare la memoria. Maria Serve per ragionare. Diego Come ci si sente di fronte ad un problema? Di fronte ad un problema ci si sente forti. Alice Ci si sente,secondo me,un po impauriti,però quando capisci il procedimento la paura svanisce. Vanessa Un po impauriti. Dorian Io mi sento una persona che deve risolvere i problemi degli altri. Irene Un po tranquilla e un po pensierosa perché ho paura di sbagliare. Beatrice Ci si sente emozionati. Alberto Mi sento impaurito. Diego

16 Che cosa è per te un problema? Per me è una cosa di ragionamento. Alice Per me un problema è un esercizio per ragionare e per mettere in funzione il cervello. Vanessa Per me un problema è un esercizio da risolvere. Irene E una cosa bella, anche se ho paura di sbagliare, mi piace fare un problema. Beatrice E una situazione dove devi risolvere un caso un po difficile. Agnese E una situazione di ragionamento. Maria E un esercizio per ragionare che ci viene dato dalla maestra. Allegra Che cosa significa per te risolvere un problema? Significa imparare più cose sulla matematica. Alice Significa risolvere un esercizio di matematica. Vanessa Per me risolvere un problema significa imparare la matematica. Dorian Significa risolvere un esercizio dove devi ragionare. Irene Significa essere pronti a tutti gli esercizi matematici. Beatrice Significa risolvere una domanda. Alberto Significa ragionare per risolvere una cosa difficile. Maria Significa imparare qualcosa di più sulla matematica. Allegra

17 Fai un esempio di problema 1. Lucia compra una borsa di 50,00 euro e un altra di 40,00 euro. Quanto ha pagato in tutto? Alice 2. Luca va in una gelateria per comprare un cono gelato grande che costa 3,50 euro. 3. Se paga con una banconota da 5,00 euro,quanto riceverà di resto? Vanessa 4. Un gelataio vende in un giorno 15 gelati, quanti gelati vende in tre giorni? Dorian

18 E infine... c è da risolvere questa situazione: Un camion dell esercito può portare 36 soldati. Se bisogna trasportare 1128 soldati alla loro sede di addestramento, quanti camion occorrono? Quasi tutti gli alunni hanno risposto 31 col resto di 12. In sostanza hanno trattato il problema come se richiedesse un calcolo formale. A dispetto della storia schermo sui camion,il calcolo aveva poco o niente a che fare con il mondo reale.

19 Analisi dei protocolli quello che sanno Quasi tutti gli alunni si riferiscono ad un unico modello concettuale di problema che è quello scolastico. Il problema viene visto come occasione di ragionamento. Solo un alunna fa riferimento al problema come reale (richiesta d aiuto). Problema quindi inteso come esercizio, indovinello che fa ragionare, che mette in moto il cervello. Attraverso l esperienza scolastica hanno elaborato un modello di problema scolastico fortemente dissociato da quello reale. E netta la frattura fra problemi reali e problemi scolastici. ( vedi problema del camion) Il problema scolastico viene caratterizzato come una struttura linguistica avente certe caratteristiche ( la presenza di dati numerici) e seguita da una domanda. Di fronte al problema di matematica si sentono impauriti, emozionati, alcuni forti.

20 Quello che non sanno Le informazioni ricavate dalla lettura dei protocolli suggeriscono la seguente ipotesi: Nel corso della Scuola elementare i bambini elaborano due modelli concettuali distinti e indipendenti di problema reale e di problema scolastico. Il problema scolastico viene chiaramente caratterizzato come una struttura linguistica avente certe caratteristiche ( la presenza di dati numerici) e seguita da una domanda. Tale domanda non scaturisce da una situazione problematica, e l unico rapporto che ha con il contesto è quello di richiedere l utilizzazione dei dati numerici. Più precisamente nel caso del problema reale il contesto si caratterizza come una situazione problematica, nel senso che evidenzia la difficoltà a raggiungere un certo obiettivo: la domanda nasce quindi in modo naturale dal contesto. Il bambino può cogliere il senso del problema anche a prescindere dalla domanda finale. Occorre allora proporre ai bambini testi di problemi che non differiscono per la struttura matematica ma che siano diversi in quanto un testo riproduce la struttura del problema scolastico standard, l altro invece simula un problema reale. Bisogna superare la frattura esistente fra problemi reali e problemi scolastici: il problema scolastico potrebbe allora essere visto come un caso particolare di problema reale, caratterizzato esclusivamente dall uso prevalente di strumenti matematici. Da - Difficoltà in matematica Rosetta Zan

21 PROBLEMA scolastico Ogni situazione in cui si conoscono alcune informazioni e se ne devono trovare di nuove tenendo conto di quelle date Problema reale la domanda nasce i in modo naturale dal contesto Analisi di DATI informazioni esplicite ed implicite + / - legati ai BISOGNI adeguati inutili mancanti Il solutore è anche il protagonista della situazione problematica descritta non è possibile risolvere il problema MAPPA CONCETTUALE: Problema (matematico)

22 Magicando se ne va il professor Matemiticus, un po mago, un po scenziato, poco barbuto e molto pelato. Con gichi, rompicapi e indovinelli risveglia e stimola tutti i cervelli Ecco le nostre avventure matemagiche!!!!

23 Strumenti di calcolo REGOLI DI NEPLERO Questi strumenti di calcolo furono presentati dal matematico scozzese Giovanni Nepero( ). Sono una o più serie di dieci asticciole di legno a sezione quadrata con le facce laterali divise in dieci quadrati nei quali, eccetto il primo, è tracciata la diagonale che va dall alto a destra in basso a sinistra. Nel primo quadratino in alto è stampata una delle cifre della base dieci, mentre negli altri quadratini di ogni asticciola sono riportati i multipli del numero che sta in testa: le decine nel triangolo superiore e le unità nel triangolo inferiore. Giochiamo con i bastoncini di Nepero!

24 Da Bruno Jannamorelli

25 L uso dei bastoncini di Nepero consente la comprensione dell importanza della posizione delle cifre di un numero e la familiarizzazione con le proprietà aritmetiche. Si possono anche costuire bastoncini per la moltiplicazione di numeri scritti in una base non decimale.

26 Beremiz Samir, l Uomo che Sapeva Contare, sorvegliava le greggi nel villaggio di Khoi, in Persia. Mostrò di essere un uomo di intelligenza vivacissima, di possedere notevole attitudine per la scienza dei numeri e di saper raccontare molto bene storie e aneddoti, che rendevano attraente la sua conversazione. Lettura del capitolo 3 : Animali da soma Malba Tahan è lo pseudonimo di un famoso matematico brasiliano autore di diversi libri animati dal grande desiderio di far conoscere a tutti i misteri della matematica. vicino ad una vecchia locanda tre uomini stavano discutendo animatamente e l abile Beremiz domandò perché mai stessero litigando. Siamo fratelli rispose il più vecchio e abbiamo ricevuto in eredità questi trentacinque cammelli. Secondo l espresso desiderio di nostro padre, la metà di essi mi appartiene, un terzo spetta a mio fratello Hamed e la nona parte a Harim, il più giovane. Però non sappiamo come fare la divisione, e qualsiasi suggerimento fatto da uno di noi viene respinto dagli altri. Nessuna delle soluzioni finora escogitate si è rivelata accettabile Come è possibile fare questa divisione se la metà di 35 è 17 e un mezzo,e se né un terzo né un nono di 35 sono numeri interi? Ma è semplicissimo disse l Uomo Che Contava

27 Lavoriamo in gruppo Le nostre soluzioni: Questo è un vero problema di ragionamento, non è un esercizio del sussidiario. E molto difficile da eseguire, 35 non si può dividere perché i cammelli non si spezzano.. Gruppo Alice E un vero problema di logica, per risolverlo bisogna ragionare e riflettere molto. Noi li lasciamo a litigare. Gruppo Diego Se noi diamo ad ognuno dei tre fratelli 11 cammelli, ne avanzano due, quelli che restano li diamo uno al primo fratello e uno al secondo fratello, il terzo si deve accontentare con 11 cammelli. Gruppo Beatrice

28 ma è semplicissimo disse l Uomo Che Contava mi impegno a fare la suddivisione equamente

29 Da -I problemi nella pratica didattica Bruno D amore Breve rassegna di celeberrimi problemi di matematica Spunti per discussioni collettive 1. C è una tavola di legno lunga 7 metri; ogni giorno si taglia un metro. Dopo quanti giorni la tavola sarà tagliata completamente? 2. Dieci soldati stanno in fila indiana ad un metro l uno dall altro. Quale è la distanza tra il primo e l ultimo? 3. Un topo ebbe sette topini; ognuno di loro altri sette; ognuno altri sette, ognuno altri sette. Alla fine, quanti topi c erano? Questo problema appare sul papiro di Rhind, scritto dall amanuense Ahmes nel 1650 a. C. ottenuto ricopiando un papiro precedente, andato distrutto, più vecchio di due secoli. Questi giochi sono antichissimi e appaiono nel libro di G.Peano Giochi di aritmetica e problemi interessanti. qu

30 Un contadino deve traversare un fiume portando con sé un lupo,una pecora ed un grosso cavolo. Dispone però solo di una piccola barca che,oltre a se stesso, può portare o solo il lupo, o solo la pecora, o solo il cavolo. Ma non può abbandonare neppure un istante da soli pecora e lupo, altrimenti quest ultimo si mangia la pecora; né può abbandonare pecora e cavolo, per lo stesso motivo. Come farà? Peano sembra attribuire questo problema al solito Tartaglia; ma esso si trova già nel Ad acuendos juvenes del mago Alcuino, attivo alla corte di Carlo Magno nell 800. Di questo problema esistono ora varie versioni. Soluzioni degli alunni: Porta la pecora, torna indietro e se la mette sulla spalla,prende il cavolo lo porta e lo riprende, va a prendere il lupo e se lo mette sulle spalle e così li porta tutti dall altra parte. Beatrice e Dorian Prima porta la pecora, poi porta il cavolo, riprende la pecora e la riporta dove stava, porta il lupo e infine riporta la pecora. Allegra e Alberto Il contadino porta con sé la pecora perché se lascia il lupo con la pecora, questo se la mangia. Se lascia la pecora con il cavolo questa se lo mangia. Gli conviene prendere la pecora. Alice e Agnese

31 Un pastore possiede 14 capre e 12 pecore. Quanti anni ha? Su questo problema si è molto discusso; si veda il bel libro di Stella Baruk, L age du capitaine. Quasi tutti i bambini sono stati spinti ad eseguire l operazione Una barca in ormeggio a Santa Tersa di Gallura il 17 luglio 1992 ha l albero maestro di 12 metri ed una stazza di 12 tonnellate. Quanti anni ha il capitano? Questo problema appare nel testo di G.Peano nel paragrafo Problemi pratici. Anche per questo problema la maggior parte ha eseguito oppure

32 Ovviamente questo tipo di risposte porta a mettere in campo il concetto di: CONTRATTO DIDATTICO Da Bruno D Amore in Problemi di matematica L idea di contratto didattico è uno dei pilastri essenziali della didattica della matematica contemporanea. Fin dagli anni 70 fece l ingresso nel mondo della ricerca in didattica della matematica l idea di contratto didattico, lanciata da Guy Brousseau (1986). In una situazione d insegnamento, preparata e realizzata da un insegnante, l allievo ha generalmente come compito di risolvere un problema (matematico) che gli si è presentato, ma l accesso a questo compito si fa attraverso un interpretazione delle domande poste, delle informazioni fornite, degli obblighi imposti che sono costanti del modo di insegnare del maestro. Queste abitudini(specifiche) del maestro attese dall allievo ed i comportamenti dell allievo attesi dal docente costituiscono il contratto didattico. Brousseau-1986 Spesso queste attese NON SONO DOVUTE AD ACCORDI ESPLICITI, IMPOSTI DALLA SCUOLA O DAGLI INSEGNANTI O CONCORDATI CON GLI ALLIEVI, MA ALLA CONCEZIONE DELLA SCUOLA, DELLA MATEMATICA, ALLA RIPETIZIONE DELLE MODALITA. Bruno D Amore

33 Il parco dei quadrati magici Vediamo oggi che rompicapo da risolvere ci ha inviato Matemiticus!! Questo quadrato è magico perché se addiziono i numeri in orizzontale, in verticale, in diagonale, il risultato è sempre lo stesso E questo è un quadrato magico? Inventiamo quadrati magici 3 9 7

34 uali si dovrà scrivere un numero, da 1 a 9. La griglia è a sua volta divisa in 9 regioni di 3x3 quadretti. In og Giochiamo con il Sudoku Le regole del gioco: il puzzle è composto da una griglia di 9x9 quadretti in ognuno dei quali si dovrà scrivere un numero, da 1 a 9. La griglia è a sua volta divisa in 9 regioni di 3x3 quadretti. In ogni colonna, in ogni riga e in ogni quadrato, ogni numero deve comparire una volta sola.

35 Le Piramidi di mattoni Tra i più appassionanti giochi di matematica c è la piramide di mattoni. In uno schema a forma di piramide si deve inserire un numero in ogni mattone rispettando le seguenti regole: 1- nessun mattone deve essere contrassegnato con il numero zero; 2- i numeri sui mattoni della base della piramide devono essere diversi; 3- ogni mattone che non forma la base della piramide deve essere contrassegnato con la somma dei numeri indicati sui due mattoni sui quali è posato. LE REGOLE SONO SEMPLICI MA IL GIOCO PUO ESSERE UN VERO E PROPRIO PROBLEMA!!!

36

37 Giochi con i fiammiferi per mantenere in forma la mente

38 Quando una persona si trova di fronte ad una situazione e il bagaglio delle risposte intuitive o abituali non gli permette di venirne a capo,tale situazione è un problema. da Kantowski La cantina Un maestro possiede una cantina rettangolare e 25 bottiglie di vino pregiato. Siccome è amante della matematica ed ha gusto estetico, dopo vari tentativi riesce a collocare le sue 25 bottiglie nei 4 vertici e nei 4 punti medi in modo che la somma delle bottiglie su ciascun lato fosse 9. Come avrà fatto? Quello che conta è il tuo ragionamento, non importa se non riuscite a risolverlo!!! Scrivi tutti i ragionamenti che fai, le difficoltà che trovi

39 Le nostre soluzioni: La difficoltà che incontriamo è trovare 25 perché 25 non è un numero pari e quindi le bottiglie non possono essere messe su ogni lato. Vanessa e Alice Abbiamo usato le coppie del nove per poter mettere su ogni lato 9 bottiglie. Perché questi problemi così sembrano impossibili! Beatrice e Maria Per noi è molto difficile trovare il 25 perché tutte le operazioni che abbiamo provato ci portano 24. Quindi una bottiglia se la berrà per cena. Allegra e Irene Noi Alice e Monica non ce la facciamo a risolvere questo problema perché è difficile; è meglio che le 25 bottiglie le regala ai parenti. Dorian e Alberto

40 Ci sono situazioni molto problematiche La lumaca Una colonna è alta 3 metri. Una lumaca durante il giorno sale 1 metro; durante la notte scende di mezzo metro. Quanti metri deve percorre per arrivare in cima alla colonna?

41 Lavoriamo in gruppo per trovare la soluzione al problema: Secondo noi percorre 4 metri e l abbiamo trovato facendo 1,50+2,50=4,00, ma l asta è di 3 metri e l altro metro non lo può percorrere altrimenti cadrebbe. Vanessa e Agnese =6 perché la colonna è alta tre metri e ogni giorno si alza di 1 metro. Alice e Monica Se durante il giorno e la notte la lumaca percorre 1m e mezzo, gli mancano da percorrere due metri e mezzi.quindi la lumaca durante un giorno ha percorso 4 metri. Allegra e Irene

42 Se tu dovessi aiutare un bambino piccolo che non è in grado di risolvere questo problema, sapresti rendergli il problema più facile? Da Bruno D Amore- Problemi nella pratica didattica Io consiglierei di provare e riprovare a disegnare. Alice e Beatrice Consigli per non sbagliare : una volta arrivata la lumaca in cima alla colonna non bisogna farla ridiscendere. Maria Attenti bambini,mi raccomando usate la brutta copia, provate a fare una piccola addizione. L importante è provare! Allegra e Irene Per rendere più facile il problema direi di stare attenti ai metri che percorre in tutto. Alberto Diego Dorian

43 Un mattone pesa 1 chilo più mezzo mattone. Quanto pesa il mattone? 70g+30g=100g Siccome un mattone deve pesare più di mezzo mattone, abbiamo pensato che 70 g potrebbe pesare un mattone e 30 g il mezzo mattone. La nostra soluzione

44 Le nuove ricerche dicono che la comprensione del problema non è legata solo ad un fatto di ordine strettamente cognitivo. Essa è al contrario un miscuglio inestricabile di processi anche cognitivi ma anche emozionali e metacognitivi. Da Problemi e convinzioni Rosetta Zan

45 IL MAGO DEI NUMERI: un libro da leggere prima di addormentarsi, dedicato a chi ha paura della matematica La quinta notte Il mago diede a Roberto una noce di cocco. Buttala giù nella sabbia! disse il Mago a Roberto Buttane un altra e poi ancora un altra continuò il Mago. Roberto continuò a buttare giù dall albero noci di cocco. Cosa vedi? insistè il Mago. Ecco cosa apparve sulla sabbia Sono tutti triangoli rispose Roberto. E così si misero a cogliere e gettare noci di cocco, fino a quando divenne tutto triangoloso!

46 E strano che le noci di cocco cadano tutte in modo così ordinato, si stupì Roberto. Non ho nemmeno preso la mira e anche se ci avessi provato, a tirare così bene non sono mica capace. Bambini provate a scoprire cosa sta succedendo una noce, tre noci, sei noci, dieci noci di cocco

47 Le nostre soluzioni: Con questi numeri ci si può fare un triangolo, molti problemi,delle operazioni I numeri sono crescenti, alcuni sono multipli. Tra uno e tre c è differenza due, tra tre e sei c è differenza tre Sembrano delle piramidi, ogni volta le noci aumentano di due, di tre, di quattro, questi numeri sono infiniti!

48 Soluzione del problema: No, che non ci arrivo,disse Roberto. Si, che ci arrivi,ribadì il mago. Il primo triangolo, che non è nemmeno un triangolo vero, è fatto di una noce. Il secondo ha due noci di cocco in più, quelle nella parte inferiore. Il terzo ha esattamente tre in più. Il quarto ha un altra fila con quattro noci di cocco in più. 1+2=3 3+3=6 6+4= =15 Le noci di cocco adesso possiamo anche dimenticarcele. Quel che conta sono i numeri, numeri di una particolare qualità, continuò il mago. Li chiameremo NUMERI TRIANGOLARI: Non riesci nemmeno a immaginare cosa si può fare con questi numeri triangolari, concluse il mago dei numeri, ne vedrai delle belle! Ma Roberto stava già nuotando, e intorno a lui i numeri tutti triangolari si cullavano sulle onde e lui nuotò, nuotò in quella piscina infinita, infinita e meravigliosa come i numeri.

49

50 UN PROBLEMA SORGE QUANDO UN ESSERE VIVENTE HA UNA META MA NON SA COME RAGGIUNGERLA Perché nasca il problema è necessario quindi che ci sia una motivazione a raggiungere un obiettivo: questa motivazione non va confusa con la motivazione a risolvere il problema, una volta che questo è nato. In altre parole ci sono due momenti distinti: 1- la valutazione dell obiettivo, che è alla base della motivazione a raggiungerlo, che a sua volta fa nascere il problema; 2- la valutazione del problema, una volta che questo è sorto, e che è legata alla motivazione a risolvere il problema. Da Problemi e convinzioni Rosetta Zan

51 Giochi d ingegno..in classe I Pentamini Cinque quadrati uniti per i lati Alla ricerca del trucco! Un semplice foglio a quadretti è il punto di partenza per scoprire un universo straordinario, ricco di strutture originali e curiose, dalle quali si può ricavare una serie infinita di giochi divertenti. Un foglio come quello che aveva davanti a sé Solomon W. Golomb, nel 1953 quando, giovane studente di Harvard, per superare la noia di una lezione poco interessante, incominciò a tracciare una serie di figure che avevano il quadretto come punto di partenza. Da bravo matematico, tentò poi di classificarle, cercando di stabilire quante figure diverse fosse possibile costruire con un quadretto, con due, tre, quattro quadretti e così via, stabilendo però una regola precisa: i quadretti che componevano le varie figure dovevano avere almeno un lato in comune e si dovevano considerare equivalenti tutte quelle che potevano essere sovrapposte con un movimento qualsiasi.

52 I dodici pentamini. Per identificarli possiamo collegarli alle lettere dell'alfabeto più vicine alla loro forma X F I P L W U T V Y Pentamini N Z

53 Esistono dodici diversi modi per unire cinque quadrati,considerando identiche le rotazioni e le simmetrie.

54 Il quadrato magico In questo ingegnoso rompicapo si richiede di ricavare un piccolo spazio dove, apparentemente non c è. E composto da cinque pezzi la cui forma permette di sistemarli in una cornice quadrata apparentemente senza alcun spazio. Quello che sembra davvero impossibile è togliere i pezzi dal loro attuale posto per risistemarli in modo che si possa collocare un sesto pezzo, il quadratino. Sei pezzi, tutti quanti formati da angoli multipli di 45.

55 Il segreto della sua soluzione sta in un paradosso classico, noto come dissolvenza geometrica. Gli angoli retti dei pezzi coincidono con i vertici del quadrato che li contiene!!!!

56 Allineamento tridimensionale Il gioco ha delle regole molto semplici. Si gioca in due persone, ognuna delle quali sceglie un colore e deve inserire le proprie palline in un paletto a sua scelta fino ad allinearne quattro in senso orizzontale, verticale o diagonale.

57 Gioco con gli scacchi In classe abbiamo iniziato a vedere come si gioca a scacchi i nomi dei pezzi e le mosse continueremo ad approfondire le regoe di questo bellissimo gioco il prossimo anno.

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Laurent Lafforgue: il calcolo mentale e quello in colonna devono essere introdotti molto presto su numeri

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Introduzione del numero zero

Introduzione del numero zero Introduzione del numero zero E arrivato il momento di introdurre lo zero L'insegnante inizierà un discorso, sulla quantità degli oggetti in classe, formulando delle domande mirate al confronto dello zero

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING IL PROBLEM SOLVING nella pratica didattica attività di soluzione di problemi Che cos è un problema? 3 Che cos è un problema?

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di I grado Classe Prima Spazio per l etichetta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli