Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas"

Transcript

1 Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

2 L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità incontra nel suo trasporto dal luogo di produzione al luogo in cui viene consumata occorre mantenere un continuo bilanciamento tra domanda e offerta di energia elettrica l offerta deve adattarsi continuamente alla domanda dato che produttori e consumatori sono collegati tra loro per il tramite delle linee di trasporto, lo squilibrio che si determina in un punto si ripercuote su tutta la rete e alcuni consumatori possono rimanere senza elettricità

3 L elettricità Il problema del continuo bilanciamento tra domanda e offerta è complicato dal fatto che la domanda di energia elettrica è caratterizzata da ampie fluttuazioni non sempre prevedibili

4 La domanda di elettricità Caratteristiche La domanda di energia elettrica è una domanda derivata l energia elettrica viene domandata in quanto destinata ad essere convertita in qualche altra forma di energia (meccanica per far funzionare i motori, radiante per illuminare le case, le strade ecc.) la domanda di energia elettrica dipende dalle caratteristiche del suo utilizzo L elasticità della domanda rispetto al prezzo è bassa basso grado di sostituibilità con altre fonti energetiche Le caratteristiche climatiche e la struttura produttiva di un paese modellano la domanda di energia elettrica Ampie fluttuazioni nel tempo anche a parità di prezzo

5 L offerta di elettricità L energia elettrica che viene fornita all utenza finale è il risultato di quattro fasi: 1. Generazione 2. Trasmissione 3. Distribuzione 4. Vendita dell elettricità

6 L offerta di elettricità 1. La generazione primo passaggio nel processo, si parte dall uso di una fonte primaria e attraverso le centrali elettriche si produce energia elettrica Gli impianti di generazione che utilizzano fonti diverse presentano caratteristiche diverse diversa struttura di costi Costi fissi Costi variabili

7

8 L offerta di elettricità Vi sono quindi impianti con alti costi fissi e bassi costi variabili e viceversa Dato che, con riferimento all intero settore, gli impianti devono fornire l energia elettrica al minor costo possibile vengono chiamati a produrre elettricità secondo un ordine meritorio per cui funzionano prima gli impianti con costi fissi alti e costi variabili bassi e successivamente quelli con costi variabili progressivamente più elevati

9 L offerta di elettricità Per coprire il carico di base (base load) verranno impiegati per primi e per il maggior tempo possibile gli impianti con bassi costi variabili e alti costi fissi (esempio: impianti nucleari) Gli impianti con costi variabili più elevati (gas) sono adatti a essere impiegati per un breve utilizzo e permettono di coprire la domanda quando ci sono punte elevate (peak load) Quando la domanda supera il carico di base ma non è ancora nel peak load, entrano in funzione gli impianti che per le loro caratteristiche di costo si collocano in posizione intermedia (sono detti impianti di modulazione)

10 Funzioni di costo per impianti diversi

11 Ordine di merito

12 L offerta di elettricità 2. La trasmissione è il trasporto di elettricità a mezzo di reti ad alta tensione dalle centrali di produzione alle aree di consumo Sono quindi reti che rendono possibile l interscambio di energia su lunghissime dimensioni Problemi legati alla trasmissione a) il percorso effettivo che fa l elettricità può non corrispondere a quello contrattuale la possibilità che l elettricità segua un percorso diverso da quello previsto implica che quando un utente acquista energia da un generatore, l elettricità non è necessariamente quella prodotta per lui dal generatore

13 L offerta di elettricità b) perdite di elettricità durante il trasporto dell energia elettrica sulla rete di trasmissione la trasmissione ad alta tensione su lunghe distanze trova proprio giustificazione nella necessità di ridurre le perdite di trasmissione c) l elettricità deve essere mantenuta a livelli di tensione e frequenza costanti attraverso il continuo equilibrio tra domanda e offerta i generatori che immettono elettricità nella rete devono coordinarsi continuamente con il soggetto che gestisce la rete perché quest ultimo deve garantire la sicurezza nella fornitura

14 L offerta di elettricità L attività di trasmissione della rete è molto complessa perché non si tratta solo di trasportare l elettricità, ma l operatore deve mantenere continuamente l equilibrio tra domanda e offerta Queste attività avvengono nell esercizio della funzione denominata dispacciamento

15 Dispacciamento È il motore del sistema elettrico nazionale (gestito da TERNA dopo la liberalizzazione) Dispacciare l energia elettrica significa coordinare la produzione delle centrali in modo che sia garantito, 24 ore su 24 e 365 giorni l anno, l equilibrio tra la domanda e l offerta di elettricità inviare dei dispacci, cioè degli ordini alle centrali sparse in tutta Italia perché producano l esatta quantità di energia elettrica richiesta dal Paese in quel momento

16 L offerta di elettricità Il gestore della rete deve operare anche per evitare che ci siano fenomeni di congestione Deve evitare che la domanda di energia superi l offerta di trasporto in ciascun punto della rete L equilibrio tra domanda e offerta in ogni nodo della rete condiziona l equilibrio relativo a tutti gli altri nodi

17 L offerta di elettricità 3. La distribuzione La trasmissione ad alta tensione richiede che l energia elettrica venga poi convertita a media e bassa tensione utilizzando impianti di conversione, per consentirne l utilizzo agli utenti finali È il trasporto dell elettricità su linee a media e bassa tensione Trasmissione e distribuzione rappresentano l intero sistema di trasporto dell elettricità Mentre la gestione della rete deve essere unitaria su tutto il territorio, la gestione della rete di distribuzione può non esserlo Le reti di distribuzione si configurano come monopolio naturale che può assumere carattere locale

18 L offerta di elettricità 4. La vendita È l ultima fase della funzione di offerta e può essere separata da tutte le altre Un soggetto può stipulare un contratto con un generatore (vendita all ingrosso), pagare il prezzo di trasporto sulle reti di trasmissione e distribuzione e rivendere poi l elettricità all utenza finale questa attività ha costi contenuti, ma anche margini di guadagno contenuti

19 Servizio di pubblica utilità La regolazione del servizio elettrico e del gas poggia su: 1. Energia: risorsa sociale 2. La domanda di energia è tendenzialmente rigida rispetto al prezzo (es. energia consumata dalle imprese/uso di convertitori/beni durevoli D vincolata a quella fonte) 3. Il processo produttivo è caratterizzato da condizioni di monopolio naturale 2. La rigidità della domanda di energia : determina uno svantaggio per l utenza va tutelata occorre garantire il servizio a tutti i cittadini a prezzi ragionevoli, anche quando il costo dovrebbe essere elevato (sussidi incrociati)

20 Servizio di pubblica utilità 3. Il processo produttivo è caratterizzato da condizioni di monopolio naturale: il trasporto di energia avviene attraverso reti fisse (infrastrutture indispensabili) è necessaria una forma di intervento pubblico Storicamente, si è ricorso a due forme di intervento: Monopolio pubblico (soluzione europea): assegnazione dell attività ad un impresa pubblica Monopolio privato regolamentato (soluzione nord-americana): lo stato delega la gestione del servizio ma ne definisce le linee di condotta Entrambe le soluzioni fissano ex ante garanzie di natura pubblica e obbligatoria per tutelare il consumatore

21 Servizio di pubblica utilità In realtà, la liberalizzazione dei servizi pubblici consente la protezione del consumatore (si fissano comunque regole di funzionamento del mercato) riduzione delle asimmetrie informative attraverso garanzie di: trasparenza; esaustività; correttezza dell informazione così che i consumatori possono esercitare una libera scelta tra le proposte dei diversi fornitori La tutela dei consumatori più deboli a livello di reddito è comunque tutelata socialmente (tariffe sociali svincolate dalla responsabilità di costo del consumatore e determinate dalla sua capacità contributiva)

22 Dallo stato-produttore allo stato-regolatore Lo stato-produttore perché: 1. Esistenza di monopolio naturale ma il monopolio naturale non investe tutte le fasi della filiera energetica Il sistema elettrico è caratterizzato da tre fasi: Produzione Trasmissione Distribuzione Vendita Il monopolio naturale investe solo le fasi connesse al trasporto concorrenza possibile

23 Dallo stato-produttore allo stato-regolatore Lo stato-produttore perché: 2. Fornitura di un servizio di pubblica utilità e obbligo di tale fornitura per proteggere gli utenti da abusi di potere dell impresa privata con il tempo si è rivalutato il ruolo del mercato ben regolato; lo stato comunque protegge i consumatori attraverso la definizione di regole vincolanti per le imprese

24 Dallo stato-produttore allo stato-regolatore Il processo di liberalizzazione riguarda le attività di: produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica Dal 1962 (anno di nascita dell'ente Nazionale per l'energia Elettrica, ENEL), tutte le attività legate alla produzione, al trasporto e alla vendita di energia elettrica erano per legge riservate a Enel La liberalizzazione del Mercato elettrico è stata avviata in Italia con il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, noto come decreto Bersani Nel 1992 Enel è diventata Società per Azioni, primo passo verso la privatizzazione Nel 1999 il decreto Bersani ha istituito un Mercato elettrico organizzato (la Borsa elettrica), nel quale si contratta l'acquisto e la vendita di energia elettrica (gestione affidata al GME)

25 Soggetti del sistema elettrico Il Ministero dello Sviluppo Economico: definisce gli indirizzi strategici ed operativi per la sicurezza e l economicità del sistema elettrico nazionale L Autorità per l energia elettrica ed il gas: garantisce la promozione della concorrenza e dell efficienza nel settore, con funzioni di regolazione e controllo Terna S.p.A.: gestisce in sicurezza la rete di trasmissione nazionale e i flussi di energia elettrica Gestore dei Servizi Energetici (GSE): ritira e colloca sul mercato elettrico l'energia prodotta dagli impianti incentivati L Acquirente unico: ruolo di garante della fornitura di energia elettrica alle famiglie e alle piccole imprese Gestore dei Mercati Energetici (GME): gestisce il mercato elettrico

26 Mercato liberalizzato Le condizioni preliminari al funzionamento del mercato liberalizzato: 1. Possibilità di acquisire l energia da parte degli utenti finali direttamente dai produttori 2. Creazione di una rete di trasporto dell energia indipendente dagli operatori gestita in modo neutrale Obiettivo principale: creazione di benefici a favore dei consumatori La concorrenza determina maggiore efficienza e quindi costi di produzione inferiori rispetto a quelli del monopolista (legale o regolamentato)

27 Il disegno del settore liberalizzato Elementi costitutivi del sistema liberalizzato: 1. Separazione verticale delle attività potenzialmente concorrenziali da quelle di monopolio naturale 2. Indipendenza del soggetto operatore della rete di trasmissione dagli operatori del sistema, per: - assicurare libertà di accesso alla rete - mantenere l efficienza della rete di trasporto 3. Indipendenza di una borsa per lo scambio di energia per facilitare le transazioni tra i produttori e i venditori e compratori all ingrosso 4. Indipendenza dell autorità di regolazione dagli interessi di tutti gli operatori, al fine di: - impedire l esercizio di potere di mercato - assicurare libertà di accesso alla rete - fissare le tariffe che non compromettano la concorrenza

28 Obiettivi della regolazione 1. Protezione dei consumatori da forme di abuso derivante dalle imprese private 2. Assicurare che le tariffe pagate dai consumatori siano giuste e ragionevoli (attraverso la vigilanza della struttura tariffaria) 3. Tutelare le imprese da forme rovinose di concorrenza 4. Attuare politiche che favoriscono l espansione di tecnologie efficienti 5. Implementare politiche di conservazione dell energia e di tutela dell ambiente

29 Obiettivi della regolazione I risultati della regolazione della regolazione rientrano negli OBIETTIVI GENERALI: Efficienza allocativa: le risorse sono allocate in modo da dare il massimo beneficio alla collettività Efficienza produttiva: ogni impresa minimizza i costi di produzione nella scelta ottimale della combinazione dei fattori produttivi L obiettivo dell impresa regolata è la massimizzazione del profitto

30 La teoria della regolazione tariffaria L impresa regolata deve definire una serie di decisioni riguardanti: investimenti di capitale, livelli di qualità del servizio, output Il regolatore interviene su: prezzo, qualità del servizio Problema principale: asimmetria informativa il regolato può impiegare le sue informazioni in modo strategico per incrementare i profitti, a svantaggio dei consumatori Soluzione: regolazione con incentivi, basata su obiettivi incentivanti, su comparazione dei rendimenti, indicizzazione delle tariffe Il regolatore fa esplicito uso di ricompense e penalità e lascia quindi spazio alle forze di mercato

31 Regolazione con incentivi Sintesi della teoria della regolazione incentivante (Joskow): 1. Contratto tra regolatore e regolato in base al quale l impresa regolata fornisce il servizio ad un prezzo fisso stabilito ex ante Il prezzo non varia in funzione dei costi, ma solo per eventi esogeni (es. tasso di inflazione) Il prezzo (price-cap) è relativamente alto per assicurare al regolato la copertura dei costi (caratterizzati da as. inf. del regolatore), ma tale da limitare l estrazione del surplus dei consumatori Incentivo: il regolato rivendica a proprio favore il profitto derivante dalla maggiore efficienza e riduzione del costo di produzione

32 Metodo del price cap Con il metodo del price cap il regolatore fissa un valore iniziale del prezzo che viene aggiustato nel tempo per tenere conto dell inflazione e dell incremento di produttività Il prezzo iniziale è fissato in base al metodo detto regolazione del costo del servizio : il regolatore raccoglie informazioni sulle voci di costo e ricavo attraverso il bilancio dell impresa regolata Con il price cap si stabilisce un limite al prezzo del servizio, ma il regolatore non è in grado di controllare direttamente i profitti e i costi degli input

33 Metodo del price cap La formula del price cap che determina la variazione di prezzo tra due periodi è: P t = P t-1 (1-I-X) Z P t è il prezzo al tempo t-esimo P t-1 è il prezzo al tempo immediatamente precedente I è il tasso di inflazione che riflette la traslazione sul prezzo delle variazioni nei prezzi degli input impiegati X è il tasso di variazione della produttività che l impresa deve riconoscere all utenza Z è l aggiustamento della variazione di prezzo per fattori speciali o imprevedibili

34 Regolazione con incentivi 2. Meccanismo basato sulla regolazione delle voci del costo del servizio: l impresa regolata è autorizzata a coprire i costi di produzione effettivamente sostenuti per fornire il servizio hp: sistema di revisione affidabile e accurato Il regolatore riconosce i costi effettivi e quindi non si manifesta alcuna rendita a favore del regolato si eliminano gli extra profitti del regolato Il regolato non ha incentivi ad aumentare l efficienza

35 Benefici metodo price cap Favorisce una maggiore riduzione del costo del servizio perché l impresa è incentivata a ridurre i costi in quanto ciò si traduce in un maggior rendimento del capitale proprio, soprattutto quando: a) il regolatore non conosce il vero costo del servizio b) il regolatore non conosce la portata delle azioni intraprese per ridurre i costi e tagliare le inefficienze Tende a far affermare una cultura gestionale più imprenditoriale e meno burocratica RISCHI: Eventuali effetti negativi sulla qualità del servizio dovuta alla riduzione di costi più facilmente comprimibili, come i costi di manutenzione Il processo di regolazione è come un gioco ripetuto, per cui il regolatore apprende informazioni dai soggetti regolati per il futuro

36 Il sistema elettrico nel contesto liberalizzato

37 La liberalizzazione del gas naturale DOMANDA DI GAS Usi civili (usi domestici + riscaldamento) Usi industriali Usi termoelettrici (centrali ad alto rendimento in sostituzione di derivati del petrolio) Domanda in costante crescita

38 La liberalizzazione del gas naturale OFFERTA DI GAS NATURALE Si trova in giacimenti sotterranei, talvolta in combinazione con il greggio Richiede costose infrastrutture per il trasporto: pipelines /catena GNL Viene estratto e trasportato quando il mercato finale crea i presupposti economico-finanziari

39 La filiera del gas naturale Produzione e/o Importazione Trasmissione in alta pressione (trasporto e dispacciamento) Stoccaggio (deposito in strutture del sottosuolo del gas naturale prelevato dalla rete di trasporto nazionale e successivamente reimmesso nella rete in funzione delle richieste del mercato) Vendita all ingrosso Distribuzione Vendita al dettaglio

40 Filiera verticalmente integrata Sviluppo nell epoca del boom economico con Impresa Pubblica Ulteriore espansione dopo shock petroliferi per politiche di sostituzione Eni controlla: - la produzione abbinata allo stoccaggio (tramite AGIP) - l importazione (monopolio di fatto) - il trasporto internazionale e nazionale (monopolio naturale) - vendita all ingrosso (via SNAM) - 30% della distribuzione (monopolio naturale) e vendita locale (via Italgas)

41 Fasi potenzialmente monopolistiche e fasi potenzialmente concorrenziali Trasmissione in alta e media pressione (trasporto nelle reti internazionali, nazionali e regionali e dispacciamento) Distribuzione locale in bassa pressione Produzione Importazione Stoccaggio Vendita all ingrosso Vendita al dettaglio

42 La liberalizzazione in Europa: principi Unbundling (separazione fra attività monopolistiche e concorrenziali) Third Party Access: accesso non discriminatorio dei terzi alle essential facilities (infrastrutture essenziali non duplicabili) e alle bottleneck facilities (infrastrutture essenziali duplicabili) Free Entry nelle attività concorrenziali Libera scelta del fornitore da parte dei clienti finali

43 Grado di implementazione dei principi Unbundling: contabile, societario, proprietario (solo UK e Danimarca) TPA: riguarda sia le tariffe che le condizioni di accesso alla rete e agli stoccaggi: regolato (Italia, Francia, UK) e negoziato (Germania) Libera scelta del fornitore: estesa a tutti i clienti entro il 2007 (in Italia dal 2003), intanto distinzione tra clienti liberi e clienti vincolati

44 La liberalizzazione in Italia Fine anni 90: privatizzazione parziale di ENI, istituzione AEEG Dopo: Decreto 164/00 implementa dir. 98/30/CE Separazione societaria fra 1) trasporto (Snam Rete) e import/vendita (Eni Gas&Power) 2) trasporto e stoccaggio (Stogit) 3) Distribuzione e vendita dettaglio La distribuzione consiste nel trasporto del gas su reti locali a bassa pressione, gestite in concessione L Ente locale, titolare del servizio è tenuto ad affidarne la gestione (per 12 anni) esclusivamente mediante gara, cui possono partecipare solo società di capitali o cooperative

45 Liberalizzazione completa della domanda (2003) Vendita = la fornitura e la consegna del gas ai clienti finali allacciati alla rete Il venditore acquista all ingrosso e rivende al cliente finale pagando una tariffa di trasporto, fissata dall Aeeg, che remunera il gestore delle reti di trasporto per l utilizzo della rete e delle infrastrutture

46 Stato della concorrenza nella vendita di gas in Italia Tetti antitrust anche nella vendita (50%) Entrata con acquisizione asset nel downstream (anche Eni presente con Italgas) Completa liberalizzazione nella vendita finale ma nessuna concorrenza nei prezzi negli usi civili (competizione limitata anche negli usi industriali). Unica eccezione recente ENEL In Italia comunque concorrenza nei prezzi difficile a causa del fatto che ENI rifornisce i suoi concorrenti Prezzi del gas fra i più elevati in Europa (fino a + 20%)

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10

Mario Porzio & Carlo Spampatti. Bergamo a.a. 09/10 Mario Porzio & Carlo Spampatti Università degli studi di Università degli studi di Bergamo a.a. 09/10 Catena elettrica Produzione:costruzione e gestione degli impianti mirati a produrre energia elettrica

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing.

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing. IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Ing. Claudio DI MACCO LA FILIERA DEL GAS NATURALE Importazione/produzione nazionale Rigassificazione

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Contesto Politiche per il Cambiamento Climatico Riduzione delle emissioni di gas serra anche

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS RILEVANTI AI FINI DELLA

Dettagli

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico

Le liberalizzazioni. Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna. L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Le liberalizzazioni L esperienza italiana e il caso del settore elettrico Corso di Economia Industriale a.a. 2009/10 - Università di Bologna Dr. Stefano Verde Ph.D in Diritto ed Economia, LL.M in Competition

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE

I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE I PRINCIPALI ATTORI DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE gli Attori istituzionali AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Istituita con la legge n. 481 del 1995, l'autorità per l'energia elettrica e il gas

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

Piccola ASTRE 2011 economia

Piccola ASTRE 2011 economia La liberalizzazione dell energia Testimonianza di Pippo Ranci ranci piccola ASTRE 4 feb 2011 1 1. Premessa personale 2. La teoria 3. L antefatto 4. La scelta europea 5. La riforma in Italia 6. Gli aspetti

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Marco Merler, Presidente Trenta S.p.A. Trento, Lunedì 4 giugno 2007 Sala Conferenze, Facoltà di Economia INDICE Il Gruppo Trentino Servizi Struttura

Dettagli

Energia. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Energia. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia ww Energia 2 0 0 5 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia A cura di: Claudia Checchi Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Liberalizzazione, accise, diritti doganali

Liberalizzazione, accise, diritti doganali Liberalizzazione, accise, diritti doganali Roma, 2 luglio 2002 L attività di trasporto del gas nel nuovo mercato liberalizzato Francesco Carìa Responsabile Operazioni Commerciali Snam Rete Gas S.p.A. Agenda

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI Recepimento della direttiva 98/30/CE sulla liberalizzazione del mercato del gas naturale (Considerazioni e proposte elaborate dalle Associazioni dei consumatori

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

Elettricità: la bolletta trasparente

Elettricità: la bolletta trasparente Elettricità: la bolletta trasparente Con la bolletta dell energia elettrica, famiglie e piccoli consumatori serviti in maggior tutela 1 (pagano sostanzialmente per quattro principali voci di spesa. In

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE : INTEGRAZIONE VERTICALE Facciamo un passo indietro INTEGRAZIONE VERTICALE ORIZZONTALE Si ha integrazione orizzontale quando l impresa espande l attività a prodotti, processi e know-how affini alla filiera

Dettagli

La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico

La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico Egidio Fedele Dell Oste Direzione tariffe Autorità per l energia elettrica e il gas La regolazione tariffaria degli

Dettagli

IL MERCATO TI DA UNA MANO

IL MERCATO TI DA UNA MANO IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto sapere sul mercato elettrico e non hai mai osato chiedere IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

L intervento pubblico nel settore dell energia elettrica

L intervento pubblico nel settore dell energia elettrica L intervento pubblico nel settore Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 Fabiola Fraccascia Eugenia Mundi Niccolò Siani Indice 2/24 Le caratteristiche

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Candidato: Luigi Mauro Benvenuto

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

LE STRATEGIE DEL CONSORZIO CEV PER RIDURRE IL COSTO DELL ENERGIA. Dott. Alessandro Crescini

LE STRATEGIE DEL CONSORZIO CEV PER RIDURRE IL COSTO DELL ENERGIA. Dott. Alessandro Crescini LE STRATEGIE DEL CONSORZIO CEV PER RIDURRE IL COSTO DELL ENERGIA Dott. Alessandro Crescini 1 INTRODUZIONE: IL CONTESTO Il Decreto Legislativo 79/99 (c.d. Decreto Bersani) sancisce l avvio e le tappe del

Dettagli

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti

L impresa. a) Cosa è un impresa? b) Comportamento. c) La diversità delle imprese. a1) confini dell impresa a2) contratti L impresa a) Cosa è un impresa? a1) confini dell impresa a2) contratti b) Comportamento c) La diversità delle imprese (a) Impresa e costi di transazione Contrapposizione impresa-mercato (Coase): se i mercati

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Regolazione dei servizi di connessione, misura, trasmissione, distribuzione, dispacciamento e vendita nel caso di sistemi semplici di produzione e consumo Con la

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas ! Competenze AEEG inerenti le reti elettriche La rete di trasmissione nazionale Le reti di distribuzione La misura dell energia elettrica La remunerazione delle attività 2 di 70 Competenze AEEG inerenti

Dettagli

Mercato dell energia e tutela dei consumatori Trento, 4 giugno 2007. Massimiliano Brunetti

Mercato dell energia e tutela dei consumatori Trento, 4 giugno 2007. Massimiliano Brunetti Mercato dell energia e tutela dei consumatori Trento, 4 giugno 2007 Massimiliano Brunetti La regolamentazione italiana è tra le più avanzate 2005 Paese Consumo gas Bcm/anno % import Unbundling trasporto

Dettagli

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione

Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Il Mercato Elettrico in Italia ruolo, meccanismi di funzionamento e prospettive di evoluzione Alberto Pototschnig Amministratore Delegato Gestore del Mercato Elettrico Spa Sistema Energetico: Superamento

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Nota introduttiva... Pag. V. Capitolo I INTRODUZIONE AL DIRITTO DELL ENERGIA

INDICE SOMMARIO. Nota introduttiva... Pag. V. Capitolo I INTRODUZIONE AL DIRITTO DELL ENERGIA Nota introduttiva... Pag. V PARTE GENERALE Capitolo I INTRODUZIONE AL DIRITTO DELL ENERGIA 1. Il «diritto dell energia» e ambito della trattazione... Pag. 3 2. Il mercato energetico e la relativa legislazione

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Sunny Days 2014. I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici

Sunny Days 2014. I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici Sunny Days 2014 I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Fabio Leoncini - Presidente Il Trader nel panorama energetico italiano 5 dicembre 2000 - Università Bocconi Agenda... Il ruolo del trader nel panorama

Dettagli

II FORUM GREEN ENERGY

II FORUM GREEN ENERGY II FORUM GREEN ENERGY Produzione e distribuzione elettrica: le sfide da vincere per la rete Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Roma, 19 Giugno 2012 Le banche e il comparto delle FER Il Settore Bancario

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia energia Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

Evoluzione del business del gas

Evoluzione del business del gas The Adam Smith Society: REGULATORY LECTURES 2002 AMPS SpA Evoluzione del business del gas Ing. Giovanni ALIBONI Direttore Generale Milano, 18 marzo 2002 0 Confronto fra Multiutility AMPS è una Multiutility

Dettagli

Convegno su Riforma Tariffe Elettriche

Convegno su Riforma Tariffe Elettriche Convegno su Riforma Tariffe Elettriche 10 novembre 2015 Auditorium GSE Paolo Rocco Viscontini Una riforma contro l autoconsumo elettrico e la concorrenza Le disposizioni di legge, che regolano l autoconsumo

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO Metodi e modelli per l'analisi degli equilibri strategici nei mercati elettrici competitivi INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO (Ettore Bompard, Elena Ragazzi, Roberto Levet) Prof. Elena RAGAZZI

Dettagli

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità Autorità per l energia elettrica e il gas Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi COMUNICATO STAMPA Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas

Dettagli

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione Alberto Biancardi 1 Sommario Lo scenario energetico italiano: l assetto attuale I driver del cambiamento Il nuovo assetto 2 Lo scenario energetico italiano

Dettagli

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004 La Borsa elettrica: principi e funzionamento Roma, 31 marzo 2004 Parte I : i principi del mercato Prof. Bollino Parte II : il mercato dell energia energia Prof. SzegÖ / Avv. Agosta Parte III : le attività

Dettagli

Delibera ARG/elt 37/08

Delibera ARG/elt 37/08 Delibera ARG/elt 37/08 Aggiornamento per il trimestre aprile - giugno 2008 delle condizioni economiche del servizio di vendita di energia elettrica di maggior tutela L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA 1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli Alessandro Bertoglio ASSOCARTA Prima definizione di cogenerazione Decreto legislativo 79/99 (decreto Bersani): Definizione articolo 2, comma 8: Cogenerazione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale. I contenuti. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA

La Strategia Energetica Nazionale. I contenuti. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA La Strategia Energetica Nazionale. I contenuti. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 17 ottobre 2012 Le sfide. Quattro obiettivi principali. Sette priorità. I risultati attesi al 2020. Il lungo periodo.

Dettagli