DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI"

Transcript

1 DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014

2 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate dall Inps ai dipendenti/pensionati pubblici e sulla modalità telematica di invio delle istanze: Piccolo prestito Prestito pluriennale Mutuo Ipotecario Si fa presente che i dati relativi alle condizioni di accesso e di fruizione dei servizi istituzionali possono essere soggetti ad aggiornamenti periodici, per i quali si rimanda alla consultazione del sito internet dove è reperibile anche la relativa documentazione (Regolamento prestiti, Regolamento Mutui, circolari, informative, manuali carta dei servizi, ecc.). 1

3 PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS - GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI PRONTUARIO PER AMMINISTRAZIONI E UTENTI L Inps concede ai propri iscritti, su domanda, finanziamenti a tassi agevolati per i lavoratori, i pensionati e le loro famiglie, che vengono erogati direttamente dall Istituto (piccoli prestiti, prestiti pluriennali diretti e mutui ipotecari) oppure da banche e società finanziarie in convenzione. I prestiti ed i mutui sono sovvenzionati con il Fondo credito, la Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, alimentato dalla contribuzione obbligatoria degli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici e da quella volontaria di pensionati che aderiscono a tale Fondo (D.M. 45 del 2007) 1. I destinatari delle prestazioni, in sintesi, appartengono alle seguenti categorie: dipendenti pubblici iscritti alle Casse previdenziali ex INPDAP (Cassa Stato, Enti locali); dipendenti pubblici iscritti ai fini pensionistici presso gestioni previdenziali diverse da quella ex INPDAP, che abbiano manifestato la volontà di aderire alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie; pensionati iscritti alla gestione previdenziale ex INPDAP e presso altre gestioni previdenziali, che abbiano proposto istanza di adesione al Fondo Credito anteriormente al collocamento a riposo. PICCOLO PRESTITO La prestazione fornisce una somma in denaro e può essere richiesta senza dover indicare alcuna specifica motivazione Il piccolo prestito annuale può essere concesso: in misura singola ed è pari ad una mensilità media netta di stipendio o pensione; in misura doppia ed è pari a due mensilità medie nette di stipendio o pensione, da recuperare in dodici rate mensili. In caso di precedenti ritenute in corso per cessione del quinto, può essere concesso solo nella misura singola (una mensilità). Il piccolo prestito biennale può essere concesso: in misura singola ed è pari a due mensilità medie nette di stipendio o pensione; in misura doppia ed è pari a quattro mensilità medie nette di stipendio o pensione. Questo prestito è recuperato in ventiquattro rate mensili. In caso di precedenti ritenute in corso per cessione del quinto, può essere concesso solo nella misura singola (due mensilità). Il piccolo prestito triennale può essere concesso: in misura singola ed è pari a tre mensilità medie nette di stipendio o pensione; in misura doppia ed è pari a sei mensilità medie nette di stipendio o pensione. Questo prestito è recuperato in trentasei rate mensili. In caso di precedenti ritenute in corso per cessione del quinto, può essere concesso solo nella misura singola (tre mensilità). Il piccolo prestito quadriennale può essere concesso: in misura singola ed è pari a quattro mensilità medie nette di stipendio o pensione; 1 Dal 1 ottobre 2011 sono in vigore i nuovi Regolamenti per l erogazione dei prestiti e dei mutui agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, pubblicati sul sito internet 2

4 in misura doppia ed è pari a otto mensilità medie nette di stipendio o pensione. Questo prestito è recuperato in quarantotto rate mensili. In caso di precedenti ritenute in corso per cessione del quinto, può essere concesso solo nella misura singola (quattro mensilità). Il tasso di interesse applicato è pari al 4,25%, calcolato sull importo lordo della prestazione; sulla stessa viene applicata una ritenuta pari all aliquota di 0,50% per spese di amministrazione ed all aliquota variabile per premio fondo rischi. Si può chiedere inoltre il rinnovo del piccolo prestito, decorso un periodo minimo di ammortamento corrispondente a: 6 mesi per i prestiti annuali, 12 mesi per i prestiti biennali, 18 mesi per i prestiti triennali, 24 mesi per i prestiti quadriennali. Modalità invio domande La modalità di inoltro delle istanze è esclusivamente telematica. I dipendenti pubblici amministrati dal MEF devono collegarsi al portale Stipendi PA gestito dal Ministero del Tesoro, servendosi della password in uso per accedere al cedolino stipendiale, inserendo: l importo specifico o il massimo importo percepibile in base al trattamento stipendiale; il numero delle rate di rimborso (12,24,36,48); Il sistema informatico del MEF verifica i dati inseriti e dialoga con il sistema informatico INPS, che genera un protocollo della domanda inserita. L interessato può visualizzare, in qualsiasi momento, lo stato della pratica tramite il Portale PA. Allo stesso è data la possibilità di simulare l importo erogabile. Gli iscritti appartenenti all Arma dei Carabinieri richiedono i piccoli prestiti attraverso servizi informatici dell Arma e le domande sono trasmesse mediante flussi telematici. Le domande di prestito accettate sono istruite in automatico ed il relativo piano di ammortamento viene comunicato all Arma dei Carabinieri per l inserimento della trattenuta sullo stipendio del beneficiario (in caso di rigetto, ne viene indicata la motivazione). Per le residue tipologie di iscritti - dipendenti di enti locali o di amministrazioni centrali non amministrate dal MEF - la presentazione delle istanze di piccolo prestito si articola in due fasi: compilazione della domanda da parte dell Ente e approvazione della domanda da parte dell Iscritto. L iter di lavorazione è il seguente: - l interessato si rivolge all'amministrazione di appartenenza per l inserimento della domanda di prestito tramite il portale Inps (percorso: gestione dipendenti pubblici credito - servizi in linea - amministrazioni ed enti - area riservata - accesso area riservata). Per accedere alla compilazione delle domande, le amministrazioni devono preventivamente produrre la richiesta di accreditamento, redatta su apposito modello, che deve essere inoltrato via PEC alla Sede Inps Gestione Dipendenti Pubblici di competenza. Il modello per l abilitazione è reperibile on line attraverso la ricerca: INPS Gestione dipendenti pubblici credito - servizi in linea amministrazioni ed enti richiesta di abilitazione. Dopo aver ottenuto l'abilitazione, l operatore dell Ente, inserisce le proprie credenziali e successivamente il codice fiscale dell iscritto richiedente, quindi, entra direttamente nella pagina del applicativo Domande Web Piccoli Prestiti Iscritti per la compilazione della domanda. Il sistema presenta un modulo di domanda precompilato con i dati anagrafici e di residenza e con la data di iscrizione alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali dell Inps. L Ente deve specificare i seguenti dati: indirizzo di comunicazione, se diverso dalla residenza; cellulare; indirizzo ; massimo erogabile o importo (quest ultimo viene disabilitato se viene selezionato il massimo erogabile); durata dell ammortamento (12, 24, 36 o 48 mesi); IBAN dell iscritto Codice fiscale dell amministrazione; progressivo Inps (se non diversamente specificato sarà pari a ) e denominazione dell amministrazione, importo dei dati retributivi. L'importo richiesto non può essere inferiore ad una mensilità. 3

5 Dopo aver inserito i dati, il sistema avverte che si sta passando alla sezione che gestisce gli allegati. I formati ammessi sono PDF, JPG e TIF, la dimensione totale deve essere di 500 KB. Dopo aver caricato l allegato per la Dichiarazione dimostrativa dello stipendio, si procede con l invio della richiesta, premendo il tasto INVIA. In tal modo vengono memorizzati la domanda e l allegato in banca dati. Un messaggio di risposta avverte l Ente se la richiesta è andata a buon fine. La pratica può essere modificata in qualsiasi momento dall operatore, fino a quando l iscritto non la approva tramite la funzionalità presente nell Area Riservata Iscritti. L iscritto avrà a disposizione 30 giorni per approvarla, allo scadere dei quali sarà cancellata. A questo punto il diretto interessato, munito del PIN DISPOSITIVO, si collega all Area Riservata Iscritti e sceglie la funzionalità Domanda Piccoli Prestiti web agli Iscritti per l approvazione. Attivando l opzione approvazione domanda, comparirà un modulo già compilato dall Ente di appartenenza e per completare la procedura è necessario selezionare "Approva". Il sistema, con un messaggio, conferma l esito positivo dell operazione e comunica il numero di protocollo assegnato alla pratica. La pratica sarà lavorata dalla sede di competenza dell iscritto e questi dalla funzione " Consultazione Domande Inoltrate" potrà verificare sia lo stato della domanda che l elenco di quelle presentate (Numero pratica; Stato pratica ad es. Annullata per rinuncia dell interessato, In ammortamento, Rigettata ; Sede di competenza, Utente con indicazione del codice fiscale dell operatore cui è assegnata la pratica. La funzione Rinuncia, accessibile dall iscritto, consente di rinunciare alla domanda inviata, fino a quando questa si trova nello stato di apertura pratica. PRESTITO PLURIENNALE Possono accedere alla prestazione gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali con quattro anni di anzianità di servizio utile alla pensione e con quattro anni di versamento contributivo alla predetta Gestione unitaria. Gli iscritti in servizio devono avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il prestito può avere durata quinquennale (importo da restituire in 60 rate mensili) o decennale (da restituire in 120 rate mensili). Può essere richiesto per specifiche motivazioni indicate nel Regolamento. La quota cedibile (cioè la rata mensile) non può essere superiore ad un quinto dello stipendio o della pensione. Sulla prestazione si applicano un tasso di interesse, un aliquota per spese di amministrazione e una per fondo rischi, secondo i seguenti valori: tasso d interesse nominale annuo del 3,50%; spese di amministrazione: 0,50%; premio fondo rischi; La restituzione del prestito ha inizio dal secondo mese successivo a quello di concessione. Le motivazioni per accedere al prestito pluriennale quinquennale sono le seguenti: CALAMITÀ NATURALI (terremoti, alluvioni, ecc.), RAPINA, FURTO, INCENDIO; TRASLOCO PER ESIGENZE FAMILIARI O PER TRASFERIMENTO AD ALTRA SEDE DI LAVORO DELL ISCRITTO; LAVORI CONDOMINIALI DELLA CASA IN PROPRIETÀ DI RESIDENZA; MANUTENZIONE ORDINARIA PER LA CASA DI RESIDENZA, DI CUI L ISCRITTO È PROPRIETARIO, USUFRUTTUARIO O CONDUTTORE OPPURE IN CUI L ISCRITTO CONVIVE CON IL CONIUGE O I GENITORI PROPRIETARI, USUFRUTTUARI O CONDUTTORI; SPESE PER L INSTALLAZIONE DOMESTICA DI IMPIANTI DI ENERGIA RINNOVABILE NELLA CASA DI RESIDENZA DI CUI L ISCRITTO È PROPRIETARIO OPPURE IN CUI L ISCRITTO CONVIVE CON IL CONIUGE O I GENITORI PROPRIETARI; ACQUISTO DI AUTOVETTURA PER L ISCRITTO; NASCITA FIGLI O ADOZIONE; PROTESI DENTARIE E CURE ODONTOIATRICHE RIFERITE ALL ISCRITTO, AL CONIUGE ED AI FIGLI A CARICO; 4

6 ACQUISTO DI AUTOVETTURA MODIFICATA, DI CARROZZELLA ORTOPEDICA PER PORTATORI DI HANDICAP E DI PROTESI DI ELEVATO COSTO; MALATTIA DELL ISCRITTO; DECESSO DI FAMILIARI; MATRIMONIO DELL ISCRITTO O DEL FIGLIO DELL ISCRITTO; ISCRIZIONE E FREQUENZA A CORSI POST LAUREA DI DURATA NON INFERIORE A DUE ANNI DELL ISCRITTO, DEL CONIUGE O DEL FIGLIO DELL ISCRITTO; CASI ECCEZIONALI NON RIENTRANTI NELLE MOTIVAZIONI PREVISTE NEGLI ARTICOLI PRECEDENTI, MA SOCIALMENTE RILEVANTI E CHE, PER LA LORO GRAVITÀ, RICHIEDONO UN NOTEVOLE IMPEGNO ECONOMICO (max ,00). Per accedere a prestito pluriennale decennale sono richieste le seguenti motivazioni: RISCATTO DI ALLOGGI POPOLARI E RISCATTO DI ALLOGGI DI ENTI PUBBLICI GIÀ CONDOTTI IN LOCAZIONE; ACQUISIZIONE DI CASA IN COOPERATIVA O DA COOPERATIVA COSTITUITA DA LOCATARI DI ABITAZIONI DI ENTI PUBBLICI IN CORSO DI DISMISSIONE; ACQUISTO DELLA CASA DESTINATA A RESIDENZA; COSTRUZIONE DELLA CASA DESTINATA A RESIDENZA; ANTICIPATA ESTINZIONE O RIDUZIONE DI MUTUO IPOTECARIO STIPULATO, A QUALUNQUE TITOLO, DALL ISCRITTO O DAL CONIUGE; MANUTENZIONE STRAORDINARIA, RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO, RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DELLA CASA IN PROPRIETÀ O NUDA PROPRIETA; MALATTIE GRAVI DI COMPONENTI DEL NUCLEO FAMILIARE DELL ISCRITTO; CASI ECCEZIONALI NON RIENTRANTI NELLE MOTIVAZIONI PREVISTE DAGLI ARTICOLI PRECEDENTI, MA SOCIALMENTE RILEVANTI E CHE, PER LA LORO GRAVITÀ, RICHIEDONO UN NOTEVOLE IMPEGNO ECONOMICO (importo lordo massimo erogabile: ,00) Modalità invio domande L istanza deve essere inviata in via telematica esclusivamente per il tramite dell'amministrazione di appartenenza con modalità analoga a quella precedentemente descritta. Alla domanda deve essere allegata: 1) la documentazione prevista dal Regolamento in ordine alle diverse motivazioni; 2) un certificato medico di sana costituzione fisica (rilasciato da un medico della ASL, non oltre 45 giorni prima della presentazione della domanda all Inps Gestione Dipendenti Pubblici (art. 15 D.P.R. 895/50). Per le istanze di prestito pluriennale riguardanti iscritti amministrati dal MEF, nella domanda deve essere indicata, come amministrazione versante, la Ragioneria Territoriale dello Stato. Non è possibile rinnovare una cessione in corso se non sono trascorsi due anni dall inizio di una cessione di durata quinquennale o quattro anni dall inizio di una cessione decennale. Prima che siano passati due anni dall inizio di un prestito quinquennale, può essere richiesto un prestito decennale, purché l interessato non abbia fruito in precedenza di altre cessioni decennali. Con la nuova concessione verrà estinta anticipatamente la precedente e la restituzione della quota del premio compensativo del rischio si effettua mediante compensazione con il premio dovuto sulla nuova operazione. È consentita l estinzione anticipata in qualsiasi momento mediante versamento del debito residuo. Al richiedente verrà restituita la quota del fondo rischi in relazione al periodo di abbreviazione della garanzia. Qualora l estinzione sia intervenuta prima della decorrenza dei termini sopra indicati (due anni per i prestiti quinquennali e quattro anni per i prestiti decennali), l interessato non potrà richiedere una nuova cessione finché non sia trascorso almeno un anno dall estinzione del debito precedente. Per tutte le motivazioni riguardanti l abitazione, ad eccezione delle calamità naturali, la casa oggetto dell acquisto, del riscatto, della costruzione, ecc. deve essere l unica di proprietà del nucleo familiare e deve costituire la residenza per il richiedente e per la sua famiglia, salvo le deroghe previste dal Regolamento. 5

7 MUTUO IPOTECARIO EDILIZIO La prestazione fornisce mutui ipotecari, per l acquisto della prima casa di abitazione, della durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni e la somma massima erogabile non può superare il limite di euro ,00. Il beneficio è riservato agli iscritti in attività di servizio con contratto di lavoro a tempo indeterminato e ai pensionati iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, con una anzianità di iscrizione di almeno 3 anni. La domanda, corredata da tutta la documentazione richiesta, deve essere inviata esclusivamente in via telematica con la seguente tempistica: dal 1 al 10 gennaio, dal 1 al 10 maggio, dal 1 al 10 settembre di ogni anno. L iscritto o i componenti il nucleo familiare non devono risultare proprietari di altra abitazione in tutto il territorio nazionale, salve le particolari ipotesi previste e dettagliate dal Regolamento (proprietà di quote non superiore al 33%; immobile assegnato al coniuge separato; iscritto che intenda costituire un proprio nucleo familiare, distinto da quello dei genitori; immobile da acquistare sito ad almeno 250 Km da altro eventuale immobile di proprietà in caso di disponibilità finanziarie residue di fine anno; riacquisto di quote residue da componenti estranei al nucleo familiare; proprietà di quota non superiore al 50% di immobile ricevuto per donazione o successione, gravato da usufrutto uso o abitazione). Il tasso di interesse può essere fisso nella misura di 3,75% per l intera durata del mutuo, oppure variabile, nella misura del 3,50% per il primo anno e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile. È possibile cointestare l atto di mutuo, nei limiti dell importo massimo erogabile, soltanto in presenza di coniugi entrambi iscritti. Nei casi in cui uno solo dei coniugi è iscritto, l atto di compravendita dell abitazione potrà essere intestato ad entrambi i coniugi solo se in regime di comunione dei beni; in tal caso il coniuge non iscritto interverrà all atto di mutuo come parte terza datrice di ipoteca. Qualora, invece, viga tra i coniugi il regime di separazione dei beni, l immobile oggetto della compravendita dovrà essere intestato esclusivamente al coniuge iscritto. Il piano di ammortamento può avere durata massima trentennale. L importo massimo erogabile non può superare in nessun caso, tenuto conto anche delle eventuali pertinenze dell abitazione, il limite di euro ,00, con riferimento al nucleo familiare ed, inoltre, non può superare il 100% del valore di perizia dell immobile. A tale importo può essere aggiunto, a richiesta dell iscritto e allo stesso tasso di interesse, un ulteriore importo non superiore a 5.000,00, per le spese accessorie all'atto di cui all'art. 8 del Regolamento. A garanzia del mutuo, l iscritto deve stipulare una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile nei confronti dei terzi, per un importo minimo assicurato di Tale polizza deve coprire altresì i rischi di incendio, fulmine e scoppi in genere, con la previsione di liquidazione del danno a favore dell'inps limitatamente al residuo debito. Il valore dell immobile da dichiarare ai fini della copertura assicurativa è quello di perizia. La polizza assicurativa deve essere stipulata con pagamento anticipato del premio, per tutta la durata del mutuo oppure per un decennio, con obbligo di rinnovo fino al termine dell ammortamento. Nell eventualità da ultimo contemplata l iscritto è tenuto a produrre all INPS i successivi rinnovi, pena la risoluzione del contratto. Per la concessione del beneficio devono essere rispettati tutti i presupposti previsti nel vigente Regolamento, in particolare l'immobile oggetto di acquisto deve essere in regola con la normativa urbanistica edilizia (deve essere stato rilasciato certificato di agibilità e regolare concessione edilizia). Per la documentazione da allegare alla domanda si deve far riferimento a quella indicata nel Regolamento. Il beneficio può essere concesso esclusivamente per l'acquisto della casa destinata a residenza e non anche per costruzione. A garanzia della restituzione del capitale mutuato, degli accessori e di ogni altra obbligazione risultante dal contratto di mutuo, l iscritto (e l eventuale coniuge terzo datore di ipoteca) concede all INPS ipoteca volontaria di primo grado sulle unità immobiliari oggetto del finanziamento, per un valore pari a due volte l'importo del mutuo concesso. L iscritto consente altresì, a proprie spese, alla rinnovazione a favore dell'inpdap della 6

8 predetta ipoteca qualora alla scadenza della stessa il mutuo non dovesse essere totalmente estinto e/o dovesse sussistere una ragione di credito da parte dell'inps. Se ricorrono tutte le condizioni previste dal Regolamento, gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che hanno già contratto un mutuo con banche o intermediari finanziari, possono chiedere la surroga del mutuo ipotecario. E' importante ricordare che per la concessione della surroga siano rispettate, tra le altre, le seguenti condizioni: il mutuo da surrogare deve essere stato concesso per acquisto di abitazione principale (non per costruzione); deve essere sussistente il requisito dell'unica abitazione su tutto il territorio nazionale nell'ambito del nucleo familiare; l'ipoteca deve essere stata iscritta per un valore pari almeno al doppio del mutuo concesso; deve essere presente la polizza assicurativa conforme ai requisiti previsti dal Regolamento (pagamento anticipato del premio per tutta la durata del mutuo oppure per un decennio, con obbligo di rinnovo fino al termine dell ammortamento, copertura della responsabilità civile nei confronti dei terzi, per un importo minimo assicurato di ,00, copertura assicurativa dei rischi di incendio, fulmine e scoppi in genere per un valore minimo da assicurare pari a quello di perizia); deve essere allegata perizia dell'immobile sottoscritta e timbrata da professionista iscritto all'albo, con data non anteriore a cinque anni; nel caso in cui il contratto di mutuo da surrogare sia cointestato a coniugi, gli stessi devono essere entrambi iscritti, se uno solo risulta iscritto non è possibile surrogare; se il contratto di mutuo da surrogare è cointestato ed entrambi i coniugi sono iscritti, l'immobile deve essere intestato a tutti e due, oppure ad uno solo purché viga il regime patrimoniale della comunione dei beni. Modalità invio domande La domanda, corredata da tutta la documentazione richiesta, deve essere inviata alla Direzione Regionale Inps di riferimento - esclusivamente in via telematica - con la seguente tempistica: dal 1 al 10 gennaio; dal 1 al 10 maggio; dal 1 al 10 settembre di ogni anno. Tutte le domande conformi ai requisiti previsti dal Regolamento sono accolte, a meno che il budget assegnato per ogni quadrimestre alla struttura regionale preposta non si riveli insufficiente a soddisfare la totalità delle richieste pervenute. In tal caso, ciascun Ufficio Provinciale e Territoriale formerà una graduatoria, sulla base dei criteri previsti dall art 13 del Regolamento. Modalità di pagamento Il pagamento delle rate di ammortamento avviene tramite MAV (bancari o postali) precompilati, trasmessi al mutuatario a cura dell Istituto. In caso di mancata ricezione, i soli mutuatari muniti di PIN "on line" (per la richiesta vedere la sezione di riferimento del sito) potranno visualizzare e stampare sia il MAV postale che il MAV bancario accedendo nell Area riservata del sito internet, all indirizzo > Servizi On line > Servizi per il cittadino. Ad ogni buon conto, si precisa che la richiesta del MAV (postale o bancario) relativo alla scadenza in questione, potrà essere rivolta dal mutuatario alla Direzione Provinciale INPS Gestione Dipendenti Pubblici competente per territorio. 7

IL CREDITO DELLA GESTIONE INPS DIPENDENTI PUBBLICI RIVOLTO AI DIPENDENTI DELLA P.A. INTRODUZIONE

IL CREDITO DELLA GESTIONE INPS DIPENDENTI PUBBLICI RIVOLTO AI DIPENDENTI DELLA P.A. INTRODUZIONE Settore Risorse umane, salute e sicurezza IL CREDITO DELLA GESTIONE INPS DIPENDENTI PUBBLICI RIVOLTO AI DIPENDENTI DELLA P.A. INTRODUZIONE Il presente opuscolo ha lo scopo di offrire in modo chiaro e semplice

Dettagli

Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio)

Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio) Circolare INPDAP 13/2010. Nuovi regolamenti in materia creditizia (Stralcio) PARTE I PICCOLI PRESTITI 1. Criteri per l erogazione. 1. Il piccolo prestito annuale consiste nell erogazione di una somma pari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI ISTITUITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTITI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI ISTITUITA

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE Domande web Prestiti Pluriennali agli Iscritti: Manuale Utente Pag. I INDICE

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

credito 2011 3_credito 2010 10/05/11 07.18 Pagina 1

credito 2011 3_credito 2010 10/05/11 07.18 Pagina 1 credito 2011 3_credito 2010 10/05/11 07.18 Pagina 1 Aprile 2011 credito 2011 3_credito 2010 10/05/11 07.19 Pagina 2 credito 2011 3_credito 2010 10/05/11 07.19 Pagina 3 credito 2011 3_credito 2010 10/05/11

Dettagli

Indice. Adesione Fondo credito 5. Piccolo prestito 6. Prestito pluriennale diretto 8. Mutuo ipotecario 22. Prestiti e mutui in convenzione 28

Indice. Adesione Fondo credito 5. Piccolo prestito 6. Prestito pluriennale diretto 8. Mutuo ipotecario 22. Prestiti e mutui in convenzione 28 Aprile 2011 Prestiti & mutui - aggiornamento Aprile 2011 Indice Adesione Fondo credito 5 Piccolo prestito 6 Prestito pluriennale diretto 8 Mutuo ipotecario 22 Prestiti e mutui in convenzione 28 Prestito

Dettagli

INPDAP: nuovi regolamenti per l erogazione di prestiti e mutui

INPDAP: nuovi regolamenti per l erogazione di prestiti e mutui Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria Generale Prot. n. 1189/FLP10

Dettagli

LE PRESTAZIONI CREDITIZIE

LE PRESTAZIONI CREDITIZIE LE PRESTAZIONI CREDITIZIE INPDAP informa LE PRESTAZIONI CREDITIZIE Piccoli prestiti Prestiti pluriennali diretti Prestiti pluriennali garantiti Mutui ipotecari 1 Il Fondo per la gestione unitaria delle

Dettagli

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici

AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Edizione 2012 AVVERTENZA I dati relativi alle prestazioni sono soggetti ad aggiornamenti periodici Prima di presentare domanda verificare le condizioni vigenti su www.inpdap.gov.it o presso gli Urp di

Dettagli

Circolare n. 13 DIREZIONE GENERALE. Roma, 17 /06/2010. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali. Ai Direttori Regionali

Circolare n. 13 DIREZIONE GENERALE. Roma, 17 /06/2010. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali. Ai Direttori Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica DIREZIONE GENERALE Roma, 17 /06/2010 Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Ai Direttori Regionali Ai Direttori delle

Dettagli

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI La prestazione fornisce mutui ipotecari, per l'acquisto della prima casa di abitazione, della durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Il beneficio è riservato agli iscritti alla

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Regolamento per l erogazione di mutui e prestiti agli iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali

Dettagli

MUTUI IPOTECARI. Regolamento dei mutui

MUTUI IPOTECARI. Regolamento dei mutui MUTUI IPOTECARI Regolamento dei mutui Avviso a decorrere dalla rata con scadenza 30 giugno 2005 i tassi d'interesse (3,20% fisso - 2,90% variabile) previsti dal nuovo Regolamento in vigore dal 1/01/2005

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE PICCOLI PRESTITI WEB AGLI EX-ENAM

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE PICCOLI PRESTITI WEB AGLI EX-ENAM SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE PICCOLI PRESTITI WEB AGLI EX-ENAM Piccoli Prestiti WEB agli ex-enam Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 SCOPO DEL DOCUMENTO...

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE Domande web Piccoli Prestiti agli Iscritti: Manuale Utente Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 19/12/2012

Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 19/12/2012 Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 19/12/2012 Circolare n. 146 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE Domande web Piccoli Prestiti agli Iscritti: Manuale Utente Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE CREDITO E BENEFICI SOCIALI

DIREZIONE CENTRALE CREDITO E BENEFICI SOCIALI DIREZIONE CENTRALE CREDITO E BENEFICI SOCIALI CRITERI PER LA EROGAZIONE DEI PRESTITI PLURIENNALI DIRETTI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI. - PRINCIPI DI CARATTERE

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AGLI ISCRITTI: MANUALE UTENTE Domande web Prestiti Pluriennali agli Iscritti: Manuale Utente Pag. I INDICE

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza,

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 123 del 18-10-2012 Direzione Generale Roma, 18/10/2012 Circolare n. 123 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai

Dettagli

PRESTITI PLURIENNALI DIRETTI. Somma in denaro per far fronte a documentate necessità personali o familiari.

PRESTITI PLURIENNALI DIRETTI. Somma in denaro per far fronte a documentate necessità personali o familiari. Cosa fornisce la prestazione PRESTITI PLURIENNALI DIRETTI Somma in denaro per far fronte a documentate necessità personali o familiari. Chi ha diritto alla prestazione Gli iscritti alla "Gestione unitaria

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DELLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DELLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DELLE ANTICIPAZIONI (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina i requisiti di accesso, la misura, la casistica prevista, la documentazione da

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A.

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. (DPR n 509/79, art. 59, primo comma, punto 4, come modificato dal DPR n 171/91, art.

Dettagli

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara

A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara A cura della Segreteria Provinciale S.A.P.P.e di Novara 1 COS E IL MUTUO INPDAP Il mutuo inpdap è un mutuo ipotecario per l'acquisto della prima casa erogato dall' Istituto Nazionale per i Dipendenti dell'

Dettagli

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti.

Sì, i familiari superstiti sono equiparati in tutto e per tutto agli iscritti. I MUTUI ENPAM DOMANDE E RISPOSTE 1. A chi può essere concesso il mutuo? A tutti gli iscritti che hanno almeno 3 anni consecutivi di anzianità d iscrizione e di contribuzione effettiva e sono in regola

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 25.06.2012 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE ANTICIPAZIONE DEL T.F.R. E DELLO ZAINETTO In questi giorni sono state pubblicate su Intranet le circolari aziendali sui finanziamenti agevolati e sulle nuove regole

Dettagli

LE MOTIVAZIONI E LA RELATIVA DOCUMENTAZIONE SONO:

LE MOTIVAZIONI E LA RELATIVA DOCUMENTAZIONE SONO: DIREZIONE CENTRALE CREDITO E BENEFICI SOCIALI CRITERI PER LA EROGAZIONE DEI PRESTITI PLURIENNALI DIRETTI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI. - PRINCIPI DI CARATTERE

Dettagli

Versione 4.0 18 Agosto 2014 DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA

Versione 4.0 18 Agosto 2014 DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA Domande Web Mutui Ipotecari Edilizi: Guida alla compilazione della domanda Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ATTIVAZIONE...

Dettagli

Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997

Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997 Allegalo Allegato alla deliberazione del CD. n. 5705/1997 doc. gen. n.1176-30 maggio 1997 Provvedimento per la concessione di prestiti ai dipendenti dell istituto Nazionale di Fisica Nucleare (art. 59

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DELLE ANTICIPAZIONI A VALERE SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DELLE ANTICIPAZIONI A VALERE SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale Fondi Pensione Preesistenti numero 1146 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DELLE ANTICIPAZIONI A VALERE SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE DI PREVIDENZA

Dettagli

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE Vanno indicati gli importi degli interessi passivi, gli oneri e le quote di rivalutazione pagati nel periodo d imposta in dipendenza

Dettagli

Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente

Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente Disciplina per la concessione di mutui ipotecari al personale dipendente ART. 1 - BENEFICIARI I mutui ipotecari sono concessi in favore dei: a) dipendenti assunti a tempo indeterminato con qualsiasi tipologia

Dettagli

Previndai Fondo Pensione. Anticipazioni agli iscritti. Documento per la Regolamentazione

Previndai Fondo Pensione. Anticipazioni agli iscritti. Documento per la Regolamentazione Previndai Fondo Pensione Anticipazioni agli iscritti Documento per la Regolamentazione approvato dal Consiglio di amministrazione del Fondo nella seduta del 14 marzo 2008 S O M M A R I O PREMESSA...2 ART.

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Requisiti generali 1. L anticipazione della posizione individuale maturata che l aderente può conseguire da parte del Fondo per specifiche causali é disciplinata dall art.

Dettagli

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001

ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 ACCORDO IN MATERIA DI PRESTITI AI DIPENDENTI DI CUI ALL ART. 45 DEL CCNL 6/07/1995 E ALL ART. 27 DEL CCNL 14/02/2001 Sottoscritto il 25 Luglio 2013 a Roma 1 PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante

Dettagli

Documento sulle anticipazioni

Documento sulle anticipazioni Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sulle anticipazioni (depositato presso la

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AI PENSIONATI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AI PENSIONATI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PRESTITI PLURIENNALI AI PENSIONATI: MANUALE UTENTE Domande web Prestiti Pluriennali ai Pensionati: Manuale Utente Pag. I INDICE

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni delle prestazioni SEZIONE I: NORME GENERALI

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo =====

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo ===== MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo ===== CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 Procedura ristretta per la stipula di una convenzione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/A Roma, 30 gennaio 2001

CIRCOLARE N. 1/A Roma, 30 gennaio 2001 CIRCOLARE N. 1/A Roma, 30 gennaio 2001 PROT. N. 348/2/116 AI SIGG.RI DIRETTORI CENTRALI AL SIG. ISPETTORE GENERALE CAPO AI SIGG.RI DIRETTORI DEGLI UFFICI AI SIGG.RI DIRETTORI DEI SERVIZI AI SIGG.RI DIRETTORI

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero

Piano Base. CAP di Tasso. Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

Motivazioni e Documentazione per prestiti Pluriennali

Motivazioni e Documentazione per prestiti Pluriennali Motivazioni e Documentazione per prestiti Pluriennali Indice delle motivazioni pag. n 1) CALAMITA NATURALI ED EVENTI SIMILARI... 3 2) MALATTIE GRAVI... 3 3) SPESE SANITARIE... 3 4) MACCHINA SPECIALE O

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI L aderente, utilizzando il facsimile di domanda unita al presente modulo (allegato n. 1), può richiedere l anticipazione sulla posizione previdenziale maturata nei seguenti

Dettagli

MUTUI E PRESTITI PERSONALI A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E DELLA FEDERAZIONE DELLE BCC DELL ABRUZZO E DEL

MUTUI E PRESTITI PERSONALI A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E DELLA FEDERAZIONE DELLE BCC DELL ABRUZZO E DEL MUTUI E PRESTITI PERSONALI A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E DELLA FEDERAZIONE DELLE BCC DELL ABRUZZO E DEL MOLISE Articolo 1 IMPORTI MASSIMI CONCEDIBILI ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IPOTECARI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IPOTECARI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AI DIPENDENTI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AI DIPENDENTI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AI DIPENDENTI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP (art. 1 comma 245, della Legge n. 662/96; D.M. n. 463 del

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art.

REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art. REGOLAMENTo PER L EROGAZIONE 1)1 PRESTITI - ART.59 DPR 16.10.1979 N.509 come modificati dall art.28 I)PR 346/83 e dall art.24 DPR 171/91 ART. I 11 Direttore Generale è autorizzato a disporre in favore

Dettagli

Versione 3.0 23 Aprile 2014 DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA

Versione 3.0 23 Aprile 2014 DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DOMANDE WEB MUTUI IPOTECARI EDILIZI: GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA Domande Web Mutui Ipotecari Edilizi: Guida alla compilazione della domanda Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ATTIVAZIONE...

Dettagli

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ I locatari o assegnatari in godimento a termine e permanente e gli acquirenti e assegnatari in proprietà degli alloggi devono essere

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 1 DIREZIONE CENTRALE CREDITO. Roma, 29 febbraio 2008. Alle Amministrazioni pubbliche LORO SEDI

NOTA OPERATIVA N. 1 DIREZIONE CENTRALE CREDITO. Roma, 29 febbraio 2008. Alle Amministrazioni pubbliche LORO SEDI DIREZIONE CENTRALE CREDITO Roma, 29 febbraio 2008 Alle Amministrazioni pubbliche LORO SEDI NOTA OPERATIVA N. 1 OGGETTO : Modalità di accesso con adesione esplicita preventiva alle prestazioni creditizie

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Testo in vigore dal 29.05.2014 1 REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 13 dello Statuto, le

Dettagli

Piano Base. Multiopzione. Piano Bilanciato

Piano Base. Multiopzione. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS FISSO Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base Multiopzione Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno dell Intermediario. Da non divulgare/consegnare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP (articolo 1, comma 245, della legge n. 662/96; d.m. 27/07/1998,

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (approvato dal Consiglio di Amministrazione del 14.12.2015) SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata

Dettagli

TITOLO I CONDIZIONI E LIMITI PER LA CONCESSIONE DEL MUTUO

TITOLO I CONDIZIONI E LIMITI PER LA CONCESSIONE DEL MUTUO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AI DIPENDENTI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI DELL'INPDAP (art. 1 comma 245, della Legge n. 662/96; D.M. n. 463 del

Dettagli

Finanziamenti e Condizioni agevolate

Finanziamenti e Condizioni agevolate Finanziamenti e Condizioni agevolate Edizione gennaio 2011 Pagina 1 Sommario 1 NUOVO PACCHETTO DI CONDIZIONI AGEVOLATE... 3 2 CONDIZIONI C/C E DEPOSITI AMINISTRATI... 3 3 APERTURA DI CREDITO FIDUCIARIA...

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTITI

REGOLAMENTO PRESTITI REGOLAMENTO PRESTITI (approvato nella seduta dell Assemblea Ordinaria del 28.04.2014) Articolo 1 Il credito ai Soci della Cassa Mutua viene concesso mediante prestiti con scadenza in rate mensili costanti

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso. Multiopzione. Piano Bilanciato Rientro Libero

Piano Base CAP di Tasso. Multiopzione. Piano Bilanciato Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA EUROPEO PER I MUTUI CASA

CODICE DI CONDOTTA EUROPEO PER I MUTUI CASA CODICE DI CONDOTTA EUROPEO PER I MUTUI CASA CODICE DI CONDOTTA VOLONTARIO PER I MUTUI DESTINATI ALL ACQUISTO O ALLA TRASFORMAZIONE DI IMMOBILI RESIDENZIALI ( MUTUI CASA ) Questo documento costituisce un

Dettagli

MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI

MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI MUTUI PRIMA CASA E PRESTITI PERSONALI A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO E DELLA FEDERAZIONE DELLE BCC DELL ABRUZZO E DEL MOLISE Articolo 1 IMPORTI MASSIMI CONCEDIBILI

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 64 del

Dettagli

Piano Base. Multiopzione Piano Bilanciato. Scheda informativa ad esclusivo uso interno dell Intermediario. Da non divulgare/consegnare alla Clientela.

Piano Base. Multiopzione Piano Bilanciato. Scheda informativa ad esclusivo uso interno dell Intermediario. Da non divulgare/consegnare alla Clientela. Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS FISSO Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base Multiopzione Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno dell Intermediario. Da non divulgare/consegnare

Dettagli

Concreto. Fondo Nazionale Pensione Complementare. Indice. 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag.

Concreto. Fondo Nazionale Pensione Complementare. Indice. 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag. Concreto Fondo Nazionale Pensione Complementare DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI (Aggiornato al 20 gennaio 2014) Indice 1. Condizioni e modalità generali per la richiesta di anticipazione Pag. 2 2. Spese

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo =====

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo ===== MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DI COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI II REPARTO 7ª DIVISIONE ===== ooo ===== CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 Procedura ristretta per la stipula di una convenzione,

Dettagli

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO

PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO Sportello ARCA SE/04 (indicare Sportello e regione di appartenenza) PRESTITI ACQUISIZIONE ALLOGGIO DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO Il/La sottoscritto/a Codice fiscale (Cognome) (Nome) residente

Dettagli

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO

ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO ANTICIPAZIONE T.F.R. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO GIUGNO 2010 EASY BOOK INTESA SANPAOLO 1 COS E IL T.F.R.? L art 2120 del Codice Civile regolamenta l istituto del Trattamento di Fine Rapporto che è la

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Legge 1986056 Pagina 1 di 12 LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Allegato alla delibera n. del Comune di Solarolo Provincia di Ravenna Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Art. 1 OGGETTO Al fine di agevolare i nuclei familiari ed

Dettagli

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle Anticipazioni (redatto ai sensi dell articolo 13, comma 2, del Regolamento di ORIZZONTE PREVIDENZA,

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione

Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione Regolamento per la richiesta di anticipazioni a valere sulla posizione individuale maturata, ai sensi dell art. 31 dello Statuto del Fondo Pensione Regolamento per la richiesta di anticipazioni 1 Fonti

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

Sanitaria Lncale di Potenza. prestazioni creditizie presso la Sede II\JPS-Gestione ex INPDAP per gli iscritti alla cassa.

Sanitaria Lncale di Potenza. prestazioni creditizie presso la Sede II\JPS-Gestione ex INPDAP per gli iscritti alla cassa. _O\) AS P SERVIZIO Q Azienda SANITARIO REGIONALE BASILICATA Sanitaria Lncale di Potenza Dipartimento Amministrativo u.o.e. Gestione del Personale Settore Previdenza Responsabile procedimento Rag. Gerardo

Dettagli

Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI

Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI Aprile 2013 REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI - REGOLAMENTO ANTICIPAZIONI... 2 - ART. 1 TITOLARI DEL DIRITTO... 2 - ART. 2 MISURA DELL ANTICIPAZIONE... 2 - ART.3 CAUSALI... 3 a) Spese Sanitarie... 3 b) Acquisto

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI: MANUALE UTENTE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI: MANUALE UTENTE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP CREDITO: C1 - PRESTAZIONI CREDITIZIE DOMANDE WEB PICCOLI PRESTITI: MANUALE UTENTE Domande web piccoli prestiti: Manuale Utente Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 1.1 PREMESSA...

Dettagli

L.R. 54/1983, art. 16 B.U.R. 24/6/2009, n. 25. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 giugno 2009, n. 0152/Pres.

L.R. 54/1983, art. 16 B.U.R. 24/6/2009, n. 25. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 giugno 2009, n. 0152/Pres. L.R. 54/1983, art. 16 B.U.R. 24/6/2009, n. 25 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 giugno 2009, n. 0152/Pres. Regolamento per l anticipazione dell indennità di buonuscita. Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Documento aggiornato al 28 maggio 2015

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI. Documento aggiornato al 28 maggio 2015 DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Documento aggiornato al 28 maggio 2015 DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato al 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198

Dettagli

MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI

MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI MODALITA PER LA RICHIESTA DI ANTICIPAZIONI L iscritto può conseguire anticipazioni sulla posizione individuale maturata, che il Fondo provvederà ad erogare ai sensi della normativa vigente e a quanto di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip REGOLAMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO TRA l Istituto Regionale per le Ville Venete (IRVV) rappresentato dal Direttore

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI L aderente, utilizzando il facsimile di domanda unita al presente modulo (allegato n. 1), può richiedere l anticipazione sulla posizione previdenziale maturata nei seguenti

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte del Fondo (di seguito, Anticipazione),

Dettagli

Documento sulle Anticipazioni

Documento sulle Anticipazioni Allegato alla Nota Informativa CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO Documento sulle Anticipazioni Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI PERSONALI AGEVOLATI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Gruppo Intesa Sanpaolo Società Italia Percorso: ARCO Regole Gestione

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE L anticipazione può essere concessa dal Fondo esclusivamente nei seguenti casi: a) spese sanitarie a seguito di gravissime

Dettagli