Opzione Conto Welfare cosa fare, come farlo, quando farlo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opzione Conto Welfare cosa fare, come farlo, quando farlo"

Transcript

1 UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea GRUPPO UNICREDIT Opzione Conto Welfare cosa fare, come farlo, quando farlo L accordo 9 luglio 2103 sul Premio Straordinario, che sostituisce quest anno il Premio Aziendale/VAP, ha sancito la possibilità per tutti i dipendenti di UniCredit (ad esclusione di alcune casistiche particolari) di ricevere il medesimo Premio sul proprio Conto Welfare ed utilizzarlo con benefici fiscali e previdenziali diversificati per spese per i figli, pagamenti di coperture integrative di UniCa e versamenti aggiuntivi nella propria posizione individuale nei Fondi Pensione. Nel comunicato di luglio, intitolato C era una volta il VAP abbiamo evidenziato (alle pagine 4 e 5 in particolare) i notevoli benefici fiscali e di netto per il lavoratore, ottenibili versando il Premio 2012 nel proprio Conto Welfare ed utilizzando tale somma per le casistiche consentite dalla legge. Rimandiamo per tutte le informazioni già inserite al comunicato che alleghiamo. Tempistica entro il 30 settembre 2013 è effettuabile la scelta di destinazione del Premio Straordinario accedendo da portale in MYHR Welfare e benefit Conto Welfare Fai le tue scelte, l opzione è già impostata sul SI al versamento sul Conto Welfare, può essere modificata a NO per ricevere un importo inferiore nel lordo della retribuzione di ottobre; a partire dal 25 di ottobre 2013 qualora l importo sia stato destinato al proprio Conto Welfare, viene accreditato ed è disponibile per chiedere un rimborso di spese previste dalle norme per figli e assistenza o per la destinazione alla propria posizione previdenziale individuale presso un Fondo Pensione Convenienza In primo luogo è necessario ricordare che: in caso di accredito al proprio Conto Welfare l importo sarà di Euro in caso di richiesta di erogazione nella paga di ottobre l importo sarà di Euro 840 lordi Per quanto riguarda l importo netto che il singolo collega andrà a percepire, si evidenzia che: qualora un collega abbia spese per i figli rimborsabili dal proprio Conto Welfare, può beneficiare di un importo netto circa triplo rispetto al netto che percepirebbe se scegliesse la liquidazione dell importo nella paga di ottobre; qualora un collega destini l importo affluito al proprio Conto Welfare a versamento sulla propria posizione/conto individuale acceso presso un Fondo Pensioni l importo accreditato sarà più che doppio rispetto all accredito in paga e nel caso in cui al Fondo Pensione (anche immediatamente) venga richiesta un anticipazione potrà ricevere un importo netto circa doppio rispetto all importo netto che si troverebbe in busta paga in ottobre; rammentiamo che la legge prevede la facoltà di ogni iscritto a Fondi Pensione con posizione individuale di fruire dopo 8 anni, a richiesta, di un anticipazione fino al 30% della posizione senza motivazioni e senza

2 alcuna necessità di documentazione. Nel caso in cui tale importo venga liquidato come prestazione pensionistica il vantaggio aumenta di un ulteriore 10% almeno. nel caso di pagamento di spese integrative per le coperture di UniCa, l importo netto di cui si può beneficiare è superiore rispetto all importo trattenuto direttamente nella retribuzione per il pagamento delle medesime coperture. E evidente che solo chi non abbia alcuna delle 3 possibilità di utilizzo/destinazione descritte o avesse una necessità impellente di monetizzare il Premio (che ammonterà a 440 Euro netti per i lavoratori a tempo pieno che percepiscono una retribuzione lorda annua tra e Euro) potrebbe aver convenienza a farsi accreditare l importo in busta paga. Chi ha già effettuato una scelta può modificarla? Si la scelta è modificabile fino alla giornata del 30 settembre 2013, inserendo la password autorizzante. Se il/la collega non ha ancora un Conto Welfare, cosa deve fare per attivarlo? Nulla, con la sola scelta di versare il Premio (scelta che è automatica se il/la collega non fa alcunchè) nel proprio Conto Welfare, l accensione viene fatta automaticamente dalla procedura. Quando posso utilizzare il Conto Welfare per l importo versato del Premio? Il 25 di ottobre 2013, l importo del Premio verrà evidenziato sulla busta paga del mese per il suo accredito al proprio Conto Welfare e risulterà visibile da portale e disponibile sullo stesso Conto. I documenti relativi alle spese effettuate nel 2013 potranno essere inviati per il rimborso fino all 11 dicembre 2013 e per chi ha previsione di spese che sosterrà il prossimo anno da poter detrarre nel 2014 è prevista la possibilità di utilizzare nuovamente i fondi eventualmente residuati sul proprio Conto Welfare del Premio 2012 dal al Rimborso di spese effettuate per i figli dal proprio Conto Welfare Quali sono le modalità con cui farsi rimborsare delle spese fatte per i figli e per quali spese? Le modalità sono semplici bisogna scansionare i documenti giustificativi come unico file allegato, inserire i dati richiesti ed indicare l importo di cui avere il rimborso ed inviare la richiesta dalla procedura Conto Welfare. Le spese rimborsabili sono le seguenti: Spese sostenute per Asili nido pubblici e privati, scuole di ogni ordine e grado pubbliche o private paritarie, Università e Master nonché spese per corsi di lingue, libri scolastici e colonie/centri estivi/campus, soggiorni di studio. Le spese sono rimborsabili anche se sostenute per scuole, corsi o soggiorni effettuati all estero con particolari documentazioni descritte più avanti. Quali dati devono indicare i documenti di spese per essere rimborsati? I documenti validi fiscalmente sono le fatture, le ricevute fiscali, i bollettini postali, i bollettini MAV dai quali risultino il pagamento e la data del pagamento ed in cui siano presenti: i dati identificativi completi dell istituto o società che fornisce il servizio o i libri; tipologia della spesa (quali ad esempio:iscrizione, frequenza, asilo nido, acquisto ed elencazione libri); indicazione della data di effettivo pagamento (o la ricevuta elettronica per MAV o bonifici per rilevarla).

3 marca da bollo per spese superiori al 77,47 Euro o indicazione di esenzione. Quali informazioni particolari possono essere utili? Le fatture o i documenti di pagamento di tasse scolastiche, libri di testo, asili nido, centri estivi, corsi di lingue devono essere intestati al genitore/dipendente che chiede il rimborso o al figlio; L accredito del rimborso al dipendente senza alcune trattenuta, avverrà con la paga del mese successivo a quello dell invio della richiesta di utilizzo del Conto Welfare con allegata la documentazione prevista dalla normativa; Sono spese rimborsabili le rette di asilo e scolastiche e le tasse scolastiche non le spese per il servizio di mensa ed i contributi volontari; nelle fatturazioni le due spese devono essere tenute distinte; Sono rimborsabili anche i costi sostenuti per scuole, corsi di lingue, asili ecc. all estero, è necessaria la presentazione di una traduzione autenticata della fattura pagata e se il pagamento è in valuta diversa dall Euro va applicato il tasso di cambio del giorno di pagamento della/e fattura/e; La Traduzione autenticata può essere fatta da qualsiasi traduttore, anche non iscritto all albo, e deve essere accompagnata da una dichiarazione ufficiale resa presso la Cancelleria del tribunale. I corsi/viaggi di studio all estero dei figli sono rimborsabili sia per le spese di iscrizione e frequenza che anche per le spese di soggiorno, sono escluse le sole spese di viaggio; Le spese di soggiorno per corsi di lingue e di studio sono rimborsabili anche se il soggetto destinatario (l albergo) è diverso dall organizzatore del corso o del viaggio richiedendo l indicazione sulla fattura della motivazione di spese di soggiorno per fruizione corsi di studio o di lingue. L utilizzo dei servizi di Colonie, Centri estivi e Centri per il periodo natalizio consentono il rimborso di spese per figli fino a 18 anni di età, non è più necessario che la struttura che svolge il servizio possieda un codice ateco; Sono rimborsabili anche fatture o ricevute fiscali per Colonie, Centri Estivi, Campus o emesse da Parrocchie, Enti religiosi, Associazioni no profit qualora sullr stesse risulti la motivazione di partecipazione a Colonie, Centri estivi ecc. Per il rimborso dei libri scolastici non è sufficiente lo scontrino della libreria, cartoleria o altro esercizio è necessaria una fattura/ricevuta fiscale con l elencazione dei libri di testo acquistati e la lista dei libri di testo adottati dalla scuola/università; Qualora sia prevista la detraibilità fiscale del 19% della spesa in dichiarazione annuale dei redditi (ad esempio tasse universitarie, rette asili) possono essere portate in detrazione nella dichiarazione fiscale le spese per la differenza tra quanto pagato nel 2013 e gli importi prelevati dal proprio Conto Welfare per le stesse spese; Tutti i movimenti ed il saldo del proprio Conto Welfare saranno rilevabili sia sull evidenza a portale che come movimento non tassato sulla retribuzione del mese in cui vengono versati/pagati; Nel caso previsto di richiesta di rimborso per spese universitarie del coniuge il documento può essere intestato anche al coniuge stesso, ma il pagamento della spesa deve essere sostenuto dal dipendente stesso e debitamente documentato (deve essere uscito dal conto del dipendente se pagato con bonifico o altro metodo informatico o deve portare una specifica sulla fattura o documento di pagamento nel caso di pagamento in contanti). Le spese già sostenute dall inizio dell anno 2013, rientranti nelle casistiche previste per l utilizzo del proprio Conto Welfare possono essere utilizzate per i rimborsi? Certamente, tutte le ricevute valide per spese rientranti nei piani e pagate dal 1 gennaio 2013 rientrano in quelle che danno titolo ai rimborsi dal proprio Conto Welfare se presentata fino a tutto l 11 dicembre 2013; pertanto, l importo dei Euro del Premio

4 versato sul proprio Conto Welfare può essere prelevato presentando ad esempio le rette dei primi mesi del 2013 per l asilo del figlio/a o il versamento delle tasse universitarie a saldo già pagato, solitamente, nel mese di aprile 2013 relativo all anno accademico 2012/2013 del figlio/a. Quote del Conto Welfare destinate alla propria posizione previdenziale individuale aperta presso un Fondo Pensione E l opzione che potrebbe riguardare la maggior parte dei colleghi che destinano il Premio al proprio Conto Welfare. Il versamento di importi confluiti nel Conto Welfare a favore della propria posizione individuale presso il Fondo Pensione di appartenenza, consente di fruire di una fiscalità più favorevole rispetto al pagamento della retribuzione di ottobre. I lavoratori iscritti da almeno 8 anni a Fondi Pensione con posizioni individuali possono fruire di anticipazioni sull ammontare accantonato per i seguenti motivi: fino al 75% dell accantonato per acquisto prima casa per se e per i figli e per spese per ristrutturazioni della stessa; fino al 75% dell accantonato per spese mediche gravi sostenute (fin dall iscrizione); fino al 30% dell accantonato senza motivazione e senza documentazione. Quest ultima possibilità di anticipazione consente ai lavoratori titolari di posizioni previdenziali individuali di richiedere e venire in possesso in un tempo compreso tra 2 e 6 mesi, ad esempio, di quanto versato tramite conto Welfare senza motivazioni e senza documentazione e con applicazione di una tassazione del 23%. Per esemplificare nel caso di un lavoratore con Euro di reddito annuo, che decida di richiedere un anticipazione per monetizzare il solo importo destinato alla posizione previdenziale dal suo Conto Welfare dei Euro, raffrontato con il caso di scelta dell opzione di pagamento nella paga di ottobre come importo lordo del Premio Straordinario 2012, comporta queste conseguenze: SCELTA Importo LORDO Importo NETTO Premio in Conto Welfare ed immediatamente versato nella posizione previdenziale individuale (con l incasso di un anticipazione tassata al 23%) Premio nella paga di ottobre (-9% inps e -38% fiscale) Segnaliamo che la tassazione del Fondo Pensione potrebbe essere effettuata per aliquote diverse dal 23% (ma non molto dissimili) in quanto nel caso di posizioni accese anteriormente al 2005 la tassazione dell importo anticipato è diversificata per periodo di afflusso e per tipologia degli afflussi (contributivi o da rendimenti). Nel caso di incasso di una prestazione pensionistica futura la tassazione sarà del 15% o di aliquote inferiori fino al 9%, secondo l anzianità di iscrizione al Fondo. Va altresì evidenziato che in presenza di contribuzioni aziendali e personali con percentuali elevate, i colleghi con redditi consistenti (superiori al Euro lordi annui) potrebbero esaurire l ammontare annuo dei 5.164,57 Euro a tassazione agevolata ed avere un equivalenza fiscale tra versamento alla posizione previdenziale e accredito in busta paga. Rimane comunque la convenienza del maggior importo versato a previdenza rispetto all accredito lordo nella retribuzione. L ammontare cumulato della quota annuale versata a previdenza complementare esente fiscalmente fino a 5.164,57 Euro annui - che è data dalla somma delle contribuzioni aziendali e del lavoratore, ne è escluso il TFR maturando eventualmente conferito è evidenziata nello statino stipendio alla voce on.ded. f.do pens in basso nel riquadro dei dati statistici.

5 Chi ha già attiva una posizione previdenziale individuale? Gli iscritti al Fondo di Gruppo UniCredito sezione 2, al Fondo Banca di Roma sezione 2, al Fondo Caritro, al Fondo Cassa di risparmio di Trieste, al Fondo Caccianiga Treviso gestione speciale, al Fondo Previbank (ex dipendenti Rolo banca), al Fondo Previp (ex dipendenti Locat, CrTorino iscritti ante, Banca dell Umbria, Madiocredito dell Umbria, On Banca) ed ai Fondi aperti Pioneer, Teseo, Previgen e altri sono già titolari di una posizione a capitalizzazione individuale e quella posizione risulta valida per la destinazione della quota di Conto Welfare. Chi deve aprire una posizione previdenziale individuale? Gli iscritti al Fondo di Gruppo UniCredit - sezione 1 ante che non l abbiano già attivata nella sezione 2 dello stesso Fondo di Gruppo UniCredit, senza necessità di conferimento del TFR maturando; Gli iscritti al Fondo Caccianiga di Treviso - gestione ordinaria che non l abbiano già attivata nella gestione speciale dello stesso Fondo Caccianiga di Treviso senza la necessità di conferimento del TFR maturando; I non iscritti ad alcun Fondo Pensione o iscritti al Fondo Pensioni CrTorino, al Fondo Banca Cuneese Lamberti Meinardi, al Fondo CrRoma che non abbiano optato per il passaggio al Fondo di Gruppo UniCredit, al Fondo Banco di Sicilia e FondINPS: dovranno accendere una posizione a capitalizzazione individuale presso il Fondo di Gruppo UniCredit sezione 2. Quando si può versare alla propria posizione previdenziale presso un Fondo Pensioni l importo del proprio Conto Welfare relativo al Premio Straordinario? Come? In qualsiasi momento a partire dal 25 di ottobre, data in cui diventa disponibile nel proprio Conto Welfare l importo destinato del Premio Straordinario. Scansionando ed inviando il un modulo di richiesta che verrà reso disponibile a tutti coloro che hanno disponibilità sul proprio Conto Welfare, quindi sarà accessibile dal 25 ottobre 2013, nell applicativo del Piano Welfare. Quando l importo entra nella posizione individuale? Come per i rimborsi di spesa, l importo destinato a previdenza affluisce nella posizione previdenziale individuale alla fine del mese successivo a quello di formalizzazione della richiesta di spostamento dell importo dal proprio Conto Welfare alla propria posizione previdenziale. Quale remunerazione hanno gli importi nel proprio Conto Welfare? Gli importi giacenti sul proprio Conto Welfare NON SONO REMUNERATI AL DIPENDENTE, mentre una volta affluiti alla propria posizione presso il Fondo Pensione beneficiano dei rendimenti del Fondo stesso. Come e quando si chiede l anticipazione al proprio Fondo Pensione per utilizzare parte degli accantonamenti giacenti sulla propria posizione previdenziale individuale? Oltre alle norme di legge richiamate nella pagina precedente ogni Fondo ha norme e procedure diversificate per la richiesta delle anticipazione a seconda della motivazione. Se la richiesta è senza motivazione e senza documentazione fino al 30% della posizione maturata, previsto dalla legge previdenziale, non occorre allegare nulla ed è sufficiente la semplice richiesta sottoscritta ed inviata al Fondo di appartenenza. Le strutture di Unità Sindacale Falcri/Silcea restano a disposizione per fornire indicazioni e modulistiche sulle richieste ai lavoratori interessati.

6 PIANI SANITARI DI UNICA Le spese già sostenute nel 2013 per il pagamento coperture di Unica, sono utili al recupero di importi affluiti nel proprio conto Welfare. Quali sono le spese che danno titolo al recupero dal proprio Conto Welfare? Le spese sono: La differenza pagata per sottoscrivere piani assicurativi superiori a quello previsto per il proprio inquadramento; Il pagamento della copertura per familiari non a proprio carico; Il pagamento della copertura dentaria facoltativa per l estensione al nucleo familiare; La scelga di spesare tali coperture aggiuntive con le disponibilità affluite il 25 ottobre nel proprio Conto Welfare, darà luogo ad una compensazione fiscale nella retribuzione suppletoria di dicembre 2013, ai primi giorni di gennaio 2014 che ricomprenda anche la rateazione del mese di dicembre. Il prossimo anno si potranno recuperare le spese che si avranno nel 2014 per le medesime motivazioni. Anche la spesa per la polizza dentaria del dipendente può essere recuperata? NO Come si deve procedere? Parimenti all opzione previdenza, scansionando ed inviando un modulo di richiesta che sarà disponibile ai colleghi che abbiano una disponibilità versata sul proprio Conto Welfare, quindi dal 25 ottobre, nell applicativo del Piano Welfare. Che convenienza c è per il lavoratore? Le spese per i Piani Sanitari sono esenti dalla base contributiva e fiscale fino all ammontare di 3.615,20 Euro annui, la medesima esenzione è già applicata nelle retribuzioni in cui sono addebitate e quindi il vantaggio per queste tipologia di spesa è solo quello di beneficiare dei 300 Euro in più dell importo del Conto Welfare rispetto alla liquidazione degli 840 Euro lordi nella retribuzione. Concludendo Ancora molti risultano i dubbi e le possibilità di sviluppo dei Piani Welfare. Rammentiamo anche che: Si possono recuperare anche parzialmente importi di spese effettuate, chiedendo il rimborso parziale di una fattura di importo superiore alla disponibilità esistente sul proprio Conto Welfare; Le spese per pagamento badanti, case di cura, baby sitter, ludoteche, Tablet e Smartphone, abbigliamento, auto e moto, casa e le altre presenti nella sezione convenzioni NON RIENTRANO NELLE TIPOLOGIE AMMESSE PER L UTILIZZO DEGLI IMPORTI DEL PROPRIO CONTO WELFARE, ma presentano del vantaggi di costi a seguito di convenzioni commerciali; L importo derivante dal Premio Aziendale/Vap del 2011 di 350 Euro PER CHI HA OPTATO PER VERSARLO SUL PROPRIO CONTO WELFARE, se ancora giacente in quanto non utilizzato deve essere utilizzato entro l 11 dicembre 2013 o affluirà automaticamente alla propria posizione previdenziale individuale, se non fosse stata aperta a quella data la posizione ANDRA PERSO.

7 Le spese eventualmente effettuate tra l 11 dicembre 2013 ed il 31 dicembre 2013 NON SARANNO RECUPERABILI PER IL CONTO WELFARE è quindi consigliabile anticiparle o posticiparle, se ciò può essere utile; Le spese sostenute dal lavoratore per corsi di studio che riguardo lo stesso NON sono valide al rimborso dal Conto Welfare; Per un interpretazione prudenziale aziendale il Conto Welfare non viene acceso a tutti i dipendenti soggetti a pignoramento per non ridurre la retribuzione del creditore soggetto a pignoramento; E possibile destinare un emolumento al Conto Welfare in modo parziale, è il caso ad esempio dell assegno per l accudimento di familiari disabili, destinabile da un minimo di 100 Euro ad un massimo di Euro, per altri emolumenti potrebbe essere attivata in futuro la stessa possibilità; Unità Sindacale ha ribadito all Azienda la volontà di concordare delle regole di gestione comuni dello strumento Conto Welfare che attualmente è unicamente ed integralmente di gestione aziendale. I benefici per i lavoratori che le attuali norme sul Welfare consentono e le possibili evoluzioni future di tali opportunità, impongono al sindacato di essere parte attiva nella definizione e nel controllo di tali possibilità che incidono direttamente sul potere d acquisto dei lavoratori. Abbiamo anche presentato una serie di richieste su temi riguardanti le possibilità e le casistiche rientranti nel Welfare con lo scopo di rendere più ampie le casistiche e le facoltà per i lavoratori e richiesto un incontro di approfondimento sul Welfare sul quale ci impegniamo a ritornare a breve. Milano, 24 settembre 2013 Unità Sindacale Falcri/Silcea Gruppo UniCredit

C era una volta il V.A.P. Riflessioni ed approfondimenti sull accordo per il PREMIO STRAORDINARIO 2012

C era una volta il V.A.P. Riflessioni ed approfondimenti sull accordo per il PREMIO STRAORDINARIO 2012 UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea GRUPPO UNICREDIT C era una volta il V.A.P. Riflessioni ed approfondimenti sull accordo per il PREMIO STRAORDINARIO 2012 L accordo per l erogazione del Premio Straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE

REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE Ai sensi dell Accordo del 18 dicembre 2013 Emanato in data 03 giugno 2014 1 Art.1 Si istituisce un Conto Welfare Individuale rivolto alla generalità dei dipendenti per far

Dettagli

GUIDA AL PREMIO AZIENDALE

GUIDA AL PREMIO AZIENDALE GUIDA AL PREMIO AZIENDALE 1 ANCHE QUEST ANNO UNA TRATTATIVA DIFFICILE Il 2 luglio è stato siglato l accordo sindacale per l erogazione del premio aziendale di competenza dell anno 2013. Al termine di una

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit

WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit WELFARE AZIENDALE Gruppo Unicredit Un po di storia Importanti novità A partire dall anno 2006 l insieme delle provvidenze, sovvenzioni, finanziamenti e altro, dedicato ai dipendenti del Gruppo Unicredit

Dettagli

Guida al VAP 2011. Parte SECONDA

Guida al VAP 2011. Parte SECONDA Guida al VAP 2011 Parte SECONDA Editing by Centro Alti Studi Interdisciplinari Dipartimento Previdenziale Sezione Fiscale Libero/SINFUB Edizione agosto 2012 1 CONTO SOCIALE AZIENDALE Procedura CONFERMA

Dettagli

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA

LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA Guida alla LIQUIDAZIONE DEL TFR IN BUSTA PAGA MA COSA STA FACENDO?! NON SI PREOCCUPI E SOLO L ANTICIPO DEL TFR Con la legge di Stabilità 2014 [a] è stata istituita la possibilità per i lavoratori dipendenti

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI.

FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI. FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI. SIRIO IL FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE DEI DIPENDENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Possono aderire al fondo Sirio

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

La busta paga: questa sconosciuta

La busta paga: questa sconosciuta La busta paga: questa sconosciuta Elementi contrattuali, fiscali e previdenziali. Giorgio Cavallero La retribuzione netta si ottiene: a) retribuzione lorda b) contributi previdenziali/assistenziali obbligatori

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Premio ai dipendenti

Premio ai dipendenti Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Premio ai dipendenti VAP 2014 L accordo del 7 ottobre 2015 AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2015 SOMMARIO PREMIO 2014... 3 L accordo del 7 ottobre prevede un premio

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa

Welfare Aziendale. Aspetti previdenziali e tributari. Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa Welfare Aziendale Aspetti previdenziali e tributari Speaker Francesco Banzatti - Area Lavoro e Previdenza Marta Castelli - Settore Fisco e Diritto d Impresa 14 ottobre 2015 Regola generale In generale

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Premio Sociale Aziendale

Premio Sociale Aziendale Premio Sociale Aziendale Vademecum In questa guida la FABI intende illustrarti brevemente le caratteristiche dell accordo «Premio sociale aziendale» firmato il 30 Luglio 2014 tra azienda e organizzazioni

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI DIPARTIMENTO WELFARE Email: welfare@fabi.it IL TFR IN BUSTA PAGA CHE FARE?

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI DIPARTIMENTO WELFARE Email: welfare@fabi.it IL TFR IN BUSTA PAGA CHE FARE? FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI DIPARTIMENTO WELFARE Email: welfare@fabi.it IL TFR IN BUSTA PAGA CHE FARE? LE GUIDE DEL DIPARTIMENTO WELFARE DELLA FABI Edizione aprile 2015 SOMMARIO 1. CHI È INTERESSATO

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

Previdenza complementare

Previdenza complementare Previdenza complementare INTRODUZIONE ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Pensioni sempre più basse! Perché la pensione di base non sarà più sufficiente? L introduzione del metodo di calcolo contributivo prevede

Dettagli

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio

Gli aspetti fiscali del welfare aziendale. Studio Associato Specchio Gli aspetti fiscali del welfare aziendale Studio Associato Specchio Scopo: esistono soluzioni per aumentare il reddito netto percepito dal dipendente riducendo il costo aziendale derivante da un tale aumento?

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

Fondi Pensione Negoziali ARCO BYBLOS COOPERLAVORO PERSEO SIRIO PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil

Fondi Pensione Negoziali ARCO BYBLOS COOPERLAVORO PERSEO SIRIO PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA. Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Fondi Pensione Negoziali ARCO BYBLOS COOPERLAVORO PERSEO SIRIO PRESENTAZIONE PER I PATRONATI DEL CEPA Acli, Inas-Cisl, Inca-Cgil, Ital-Uil Roma, 05 maggio 2015 Seminario Patronati Roma 05/05/2015 1. Fondi

Dettagli

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti n. 11 - novembre 2010 Argomenti A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA

LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA LE GUIDE DELLA FABI TFR IN BUSTA PAGA 1 Il Consiglio di Stato, nella seduta del 12 febbraio 2015, ha dato il via libera al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che regola le modalità con

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Previdenza complementare

Previdenza complementare 1 F O N D O A G E N T I S P E D I Z I O N I E R I E C O R R I E R I ANNO 9 N 1 MARZO 2007 NUMERO SPECIALE Previdenza complementare È NATO PREV.I.LOG. IL FONDO PENSIONE DI SETTORE PER I LAVORATORI DEI TRASPORTI

Dettagli

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare C O N V E G N O Fondo territoriale di previdenza complementare del Friuli Venezia Giulia: un occasione per lavoratori e residenti della Regione di integrare la pensione pubblica con quella complementare

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

Premio ai dipendenti E

Premio ai dipendenti E Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Premio ai dipendenti E AZIONARIATO DIFFUSO L accordo del 7 maggio 2014 AGGIORNAMENTO FEBBRA IO 2015 SOMMARIO PREMIO 2013... 3 L accordo del 7 maggio prevede

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO

MINIGUIDA AL FONDO ESPERO MINIGUIDA AL FONDO ESPERO 1 1 - Il tuo futuro chiede, Espero risponde. La previdenza oggi fa scuola. Espero è il Fondo Pensione che risponde alle esigenze previdenziali di tutti i lavoratori della scuola:

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Oneri deducibili. Contributi

Oneri deducibili. Contributi Oneri deducibili Le spese che costituiscono oneri sono deducibili dal reddito complessivo del contribuente se non già dedotti nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Gennaio 2011 15 La fabi Unicredit ha predisposto una sintetica brochure per presentare una panoramica

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con accordo sindacale sottoscritto

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010 A. BENEFICIARI 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento Personale in servizio In coerenza con quanto stabilito

Dettagli

FONDO PENSIONE CARIVE

FONDO PENSIONE CARIVE FONDO PENSIONE CARIVE OGNI INVESTITORE DEVE DECIDERE SE PREFERISCE MANGIARE BENE O DORMIRE BENE Documentazione ad esclusivo uso interno Vietata la riproduzione anche parziale S O M M A R I O 1. Prestazioni

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Università e Ricerca, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O.

I ncontri WELFARE: WORK IN PROGRESS. Le Banche adottano i Flexible Benefits. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. I ncontri idee&fatti 30 marzo 2015 anno V WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche adottano i Flexible Benefits n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O WELFARE: WORK IN PROGRESS Le Banche

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

IL TUO FUTURO CHIEDE, ESPERO RISPONDE.

IL TUO FUTURO CHIEDE, ESPERO RISPONDE. GUIDA AL FONDO ESPERO IL TUO FUTURO PREVIDENZIALE: MEGLIO SOFFERMARSI ORA. Per maggiori informazioni 848.800.270 dal lunedì al venerdì 09:00-13:00/14:30-17:00 al costo di una telefonata urbana IL TUO FUTURO

Dettagli

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Enzo De Fusco Consulente del Lavoro e Membro della Fondazione studi dell'ordine Nazionale

Dettagli

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Legge Stabilità 2016: potenziate le agevolazioni sui premi di produttività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la legge di stabilità per

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO L art. 1 commi da 182 a 189 della legge n. 208/2015 introduce un regime agevolato di natura fiscale per le somme corrisposte a titolo di premio di risultato

Dettagli

LA MIA PENSIONE DI DOMANI:

LA MIA PENSIONE DI DOMANI: LA MIA PENSIONE DI DOMANI: QUALI VANTAGGI DAL FONDO PENSIONE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. ADESIONI INDIVIDUALI: SPECIALE LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI CHE NON CONFERISCONO IL TFR

Dettagli

scoprilo adesso Nel tuo contratto di lavoro c è un diritto in più: FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione

scoprilo adesso Nel tuo contratto di lavoro c è un diritto in più: FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel tuo contratto di lavoro c è un diritto in più: scoprilo adesso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE È UNA CONQUISTA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO della Segret. Org. di Coordinam. RR.SS.AA. in Deutsche Bank

FOGLIO INFORMATIVO della Segret. Org. di Coordinam. RR.SS.AA. in Deutsche Bank fiba CISL Dicembre 2003 32 FOGLIO INFORMATIVO della Segret. Org. di Coordinam. RR.SS.AA. in Deutsche Bank c/o Deutsche Bank Genova - Via Garibaldi, 5 Tel 010 2706873 PIANA Mario Milano - Viale Legioni

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE La trattativa sull armonizzazione di fine anno ha riguardato anche le condizioni agevolate e i finanziamenti per il personale, ottenendo significativi miglioramenti

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

PREMIO AZIENDALE: RAGGIUNTO L'ACCORDO

PREMIO AZIENDALE: RAGGIUNTO L'ACCORDO PREMIO AZIENDALE: RAGGIUNTO L'ACCORDO Il 20 giugno u.s. è stato sottoscritto l'accordo di Gruppo che definisce il premio aziendale relativo all anno 2014. Anche quest'anno l intesa prevede l affiancamento

Dettagli

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 NUOVO PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 Il nuovo regime fiscale, introdotto dalla Finanziaria 2008 per i lavoratori autonomi, è riservato a coloro che nell anno 2007 hanno

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE

FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE FINANZIAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE La trattativa sull armonizzazione di fine anno ha riguardato anche le condizioni agevolate e i finanziamenti per il personale, ottenendo significativi miglioramenti

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli