Tutela e reinserimento di minori con disabilità fisiche e psichiche e promozione di im prenditorialità sociale in Bosnia-Erzegovina

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutela e reinserimento di minori con disabilità fisiche e psichiche e promozione di im prenditorialità sociale in Bosnia-Erzegovina"

Transcript

1 Tutela e reinserimento di minori con disabilità fisiche e psichiche e promozione di im prenditorialità sociale in Bosnia-Erzegovina Зaштита и поновно укључење малољетника cа посебним физичким и психичким потребама и промоција предузетништва у сектору социјалних послова у Босни и Херцеговини 1 Skrbništvo i ponovno uključenje maloljetnika sa posebnim fizičkim i psihičkim potrebama i promocija poduzetništva u sektoru socijalnih poslova u Bosni i Hercegovini

2 I diritti di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamentro totale e parziale con qualsiasi mezzo sono riservati. Progetto grafico di Mirco Gigliotti Stampato nel settembre 2006 Banja Luka 2

3 Ambasciata d Italia Sarajevo Il settore dei minori e dei giovani è una delle principali aree di intervento della Cooperazione Italiana allo Sviluppo in Bosnia Erzegovina che ha come obiettivo quello di promuovere il ruolo delle nuove generazioni nella società, affinchè siano attivi motori di sviluppo e rappresentino la forza vitale necessaria per costruire un futuro democratico e pacifico del Paese. Uno dei programmi di cooperazione italiano più rilevante in Bosnia Erzegovina riguarda la tutela e il reinserimento dei minori e giovani con bisogni speciali e adotta un approccio che abbraccia sia la cura terapica ma anche la promozione di un metodo di educazione inclusivo a sostegno degli sforzi già intrapresi dal Paese in questa direzione. Tale Programma di cooperazione decentrata dal titolo Tutela e reinserimento di minori con disabilità fisica e psichica e promozione di imprenditorialità sociale nel territorio della Bosnia Erzegovina, finanziato dalla Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del MAE e cofinanziato dalle Regioni Emilia-Romagna e Marche, ha portato a conoscere la realtà del mondo sociale, accademico e medico-scientifico della Bosnia-Erzegovina e a dialogare con le principali controparti istituzionali in un clima di grande collaborazione. La lotta all esclusione e all emarginazione sociale dei minori e giovani e, in particolare, la loro tutela, il loro reinserimento e la promozione della ricerca di una via bosniaca all integrazione dei diversi servizi a loro destinati sono tra gli obiettivi primari del Progetto e questa brochure vuole essere un resoconto sintetico delle attività svolte e dei risultati raggiunti in un anno di progetto e a testimoniare il clima di collaborazione e di scambio di esperienze che si è instaurato tra l Italia e la Bosnia-Erzegovina. Le università, le municipalità, i ministeri, i centri sociali, le scuole e non da ultimo le associazioni di genitori di minori e giovani con bisogni speciali offrono un prezioso sostegno al processo di cambiamento, contribuendo fortemente alla riuscita di questo Progetto. L augurio del governo italiano è che l impegno comune sia fonte di inesauribili risorse di collaborazione e partenariato tra i nostri Paesi da impiegare in iniziative volte a migliorare la condizione dei minori e dei giovani, specialmente di quelli più vulnerabili. Direttore UTL Aldo Sicignano Oblast koja se odnosi na djecu i mlade, jedna je od najvažnijih oblasti intervencije italijanske kooperacije za razvoj u Bosni i Hercegovini koja ima za cilj da promoviše ulogu novih naraštaja u društvu, kako bi bili aktivni pokretači razvoja i predstavljali vitalnu snagu neophodnu za stvaranje jedne demokratske i pacifističke budućnosti zemlje. Jedan od najvažnijih programa italijanske kooperacije u Bosni i Hercegovini odnosi se na zaštitu i reintegraciju djece i mladih sa posebnim potrebama i usvajanju pristupa koji obuhvata kako terapeutsko liječenje tako i promociju jedne inkluzivne obrazovne metode kao podršku već preduzetih napora zemlje u ovom pravcu. Takav program decentralizovane kooperacije pod naslovom «Skrbništvo i ponovno uključenje maloljetnika sa posebnim fizičkim i psihičkim potrebama i promocija poduzetništva u sektoru socijalnih poslova u Bosni i Hercegovini», finansiran od Generalne direkcije kooperacije za razvoj Ministarstva spoljnih poslova Italije i sufinansiran od regija Emilija Romanja i Marke, doveo je do uviđanja realnosti ljudi iz socijalnog, akademskog i medicinsko-naučnog svijeta Bosne i Hercegovine kao i do uspostavljanja dijaloga sa relevantnim institucijama uz veliki stepen saradnje. Borba protiv socijalnog isključivanja i potisnutosti djece i mladih je posebno u njihovoj zaštiti, njihovoj reintegraciji i promociji istraživanja bosanskog puta integracije različitih službi i njihovih korisnika kroz primarne ciljeve projekta i ovaj bilten je jedan sažet izvještaj realizovanih aktivnosti i postignutih rezultata za godinu dana projekta kako bi posvjedočio o saradnji i razmjeni iskustava koja je uspostavljena između Italije i Bosne i Hercegovine. Univerziteti, opštine, ministarstva, centri za socijalni rad, škole kao i udruženja roditelja djece i mladih sa posebnim potrebama pružaju dragocjenu podršku procesu promjene, snažno doprinoseći uspjehu ovog programa. Želja italijanske vlade je da zajednički rad bude nepresušan izvor saradnje i partnerstva između naših zemalja radi preduzimanja inicijative kako bi se poboljšali uslovi djece i mladih, naročito onih najranjivijih. Direktor UTL-a (Tehnička lokalna jedinica) Aldo Sićinjano 3

4 In occasione del primo anno di attuazione del Programma di cooperazione decentrata Tutela e reinserimento di minori con disabilità fisica e psichica e promozione di imprenditorialità sociale nel territorio della Bosnia Erzegovina", finanziato dalla Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del MAE e cofinanziato dalle Regioni Emilia-Romagna e Marche, si ritiene opportuno con questa pubblicazione presentare i risultati ottenuti dalle attività progettuali svolte. E sono proprio questi risultati che testimoniano come le due Regioni, già attivamente presenti in Bosnia sin dal 1996, siano oggi protagoniste di un modello di cooperazione che vede nel sostegno allo sviluppo sociale la sua specifica missione. Sussidiarietà e partenariato sono i principi su cui si fonda l opera delle Regioni Emilia-Romagna e Marche che è caratterizzata da una logica di sistema ed è indirizzata alla messa in rete di attori, competenze e buone pratiche. Attraverso l attuazione di questo Programma si sono poste le basi di un modello di cooperazione capace di far crescere e sviluppare le comunità locali costruendo concreti percorsi di democrazia; l interscambio tra i soggetti coinvolti nell iniziativa consentirà inoltre di consolidare una ricaduta del programma in termini di maggior consapevolezza dei cittadini italiani sui temi dello sviluppo e della solidarietà. L Adriatico può diventare un mare europeo su cui far navigare progetti di sviluppo economico e sociale basati su forti partenariati territoriali che diano il senso dell appartenenza ad un unica comunità impegnata nella costruzione di un sistema stabile nel quale siano valorizzate tutte le opportunità ed occasioni di crescita. Vasco Errani Presidente della Regione Emilia-Romagna Gian Mario Spacca Presidente della Regione Marche Povodom prve godine sprovođenja Programa Decentralizovane Kooperacije Skrbništvo i ponovno uključenje maloljetnika sa posebnim fizičkim i psihičkim potrebama i promocija poduzetništva u sektoru socijalnih poslova u Bosni i Hercegovini, finansiranim od strane Generalne direkcije Ministarstva vanjskih poslova i sufinansiranim od strane regija Emilija Romanja i Marke, smatramo neophodnim da ovom publikacijom predstavimo rezultate već sprovedenih projektnih aktivnosti. Upravo ovi rezultati svjedoče o tome kako su ove dvije regije, aktivno prisutne na prostoru BiH još od godine, danas postale protagonisti jednog modela kooperacije koja svoju specifičnu misiju vidi u podršci socijalnom razvoju. Solidarnost i partnerski odnosi su principi na kojima se zasniva djelovanje regija Emilija Romanja i Marke koje je karakterisano jednom logikom sistema i usmjereno umrežavanju učesnika, stručnosti i pozitivnih iskustava. Sprovođenjem ovog Programa postavljeni su temelji jednog modela kooperacije sposobnog da podstiče rast i razvoj lokalnih zajednica gradeći konkretne demokratske procese; razmjena među subjektima uključenim u inicijativu podrazumijeva još i određivanje rokova trajanja programa u smislu razvijanja maksimalne svijesti italijanskog građanstva o temama razvoja i solidarnosti. Jadransko more može postati evropsko more kojim će ploviti projekti ekonomskog i socijalnog razvoja bazirani na snažnim partnerskim odnosima teritorija koji odaju utisak pripadnosti jedinstvenoj zajednici čiji zadatak je izgradnja stabilnog sistema u kome će biti valorizovane sve mogućnosti i prilike za rast. Vasko Erani Predsjednik regije Emilija Romanja Đan Mario Spaka Predsjednik regije Marke 4

5 Il presente programma di cooperazione decentrata, è finanziato dalla Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del MAE e cofinanziato dalle Regioni Emilia Romagna e Marche. L iniziativa si propone finalità che s inquadrano in una più ampia dimensione di lotta all esclusione e all emarginazione sociale indirizzandosi, in particolare, nella tutela e reinserimento dei minori disabili e nella promozione di integrazione dei diversi servizi destinati ai soggetti con disabilità. L impoverimento delle famiglie, la regressione strutturale, e dei servizi dovuta alla guerra, il sistema scolastico che prevede scuole speciali per i bambini con bisogni speciali, hanno contribuito ad isolare i bambini con difficoltà nell anonimato delle case, soprattutto dei villaggi, all interno delle famiglie, alle quali manca spesso anche la possibilità economica per il trasporto nella località dove ha sede la scuola speciale o la struttura per la riabilitazione. Le controparti e i partner locali sono: i Ministeri e le municipalità della Repubblica Srpska; i Ministeri e i Cantoni della Federazione di Bosnia Erzegovina. In all actions related to children, whether they are taken by public or private social protection institutions, courts, state management or legislature bodies, the best interest of a child must be priority. Article 3 - Convention on Children s Rights Predstavljeni program o decentralizovanoj kooperaciji, finansiran od Generalne direkcije kooperacije za razvoj Ministarstva spoljnih poslova Italije i sufinansiran od regija Emilija Romanja i Marke. Ciljevi ove inicijative su samo dio jedne mnogo šire akcije u borbi protiv socijalne isključenosti i marginalizacije, a ona je konkretno usmjerena, prvenstveno, na zaštitu i reintegraciju maloljetnika sa posebnim potrebama i na podsticanje uvođenja različitih službi namjenjenih licima sa posebnim potrebama. Osiromašenje porodica, zaostalost u strukturama i uslugama izazvana ratom, školski sistem koji predviđa specijalne škole za djecu sa posebnim potrebama, doprinijeli su izolaciji djece sa posebnim potrebama u anonimnost njihovih domova, naročito na seoskim područjima, unutar porodica, kojima često nedostaju ekonomska sredstva za transport djece do specijalnih škola ili do centara za rehabilitaciju. Kontakt osobe i lokalni partneri nalaze se pri ministarstvima i opštinama Republike Srpske, kao i u ministarstvima i kantonima Federacije Bosne i Hercegovine. 5

6 La Cooperazione Decentrata - Decentralizovana Kooperacija La metodologia del progetto è quella di favorire lo scambio e la conoscenza delle politiche che i territori coinvolti hanno sviluppato riguardo alle diverse componenti di progetto. E in quest ottica che la cooperazione decentrata si è ormai imposta, non come ulteriore soggetto tra i tanti, ma come pratica innovativa del fare cooperazione che non si esaurisce soltanto nella realizzazione di alcune attività da parte di pochi esperti, bensì nella costruzione di partenariati e di rapporti destinati a consolidarsi e a diversificarsi e a rendersi autonomi dall ambito di partenza del progetto e che costituiranno elementi per un tessuto di iniziative e di scambi ulteriori. Elemento innovativo della cooperazione decentrata è la capacità di mettere insieme l azione governativa e l azione della società civile, sia in Italia che nei Paesi di intervento. Al centro dell iniziativa si sviluppa una reale partecipazione e interscambio tra alcuni settori della società civile italiana e i soggetti coinvolti nelle azioni di sviluppo nei diversi Paesi partner. Attraverso lo scambio tra le realtà italiane e bosniache, si vuole fare in modo che il progetto non si esaurisca nei tre anni. Non si tratta di un aspetto secondario di fare cooperazione, tanto più quando essa riguarda due realtà a stretto contatto culturale e geografico, e tanto più quanto questi scambi contribuiranno a consolidare una ricaduta del progetto in termini di maggior consapevolezza nelle popolazioni sui temi dello sviluppo e dell intervento solidale. Metodologija projekta zasniva se na podsticanju razmjene i upoznavanja politika i iskustava koje su teritorije uključene u projekat razvile u sektorima obuhvaćenim samim projektom. U ovom duhu se i decentralizovana kooperacija postavila, ne kao krajnji subjekat među mnogima, već kao inovativna praksa u stvaranju kooperacija koja se ne iscrpljuje samo kroz realizaciju nekih aktivnosti od strane malog broja stručnjaka, nego služi i za izgradnju partnerskih odnosa i odnosa namjenjenih konsolidaciji, raščlanjenju i stvaranju autonomije na samom početku pokretanja projekta i koji će izgraditi elemente za jedno šarenilo inicijativa i daljih razmjena. Inovativni elemenat decentralizovane kooperacije je sposobnost da objedini akcije vlade i akcije civilnog društva, kako u Italiji tako i u ostalim zemljama u kojima projekat djeluje. U samoj srži inicijative se razvija realno učešće i međurazmjena pojedinih sektora italijanskog civilnog društva i subjekata uključenih u akcije razvoja u različitim zemljama partnerima. Kroz razmjenu iskustava između Italije i BiH nastoji se postići cilj da se ideja projekta ne iscrpi u predviđene tri godine. Ovdje se ne radi samo o stvaranju kooperacije što je sekundarni aspekt, tim prije što ona obuhvata dva prostora bliska u kulturološkom i geografskom smislu, pogotovo zato što će ove razmjene doprinijeti uspostavljanju rokova trajanja projekta do sticanja potpune svijesti ovih populacija na teme razvoja i solidarne intervencije. 6

7 p j j LEGENDA: Naše Kancelarije - I nostri Uffici Sarajevo Tina Ujevića, tel/fax: +387 (0) /6 Banja Luka Petra Kočića tel/fax: +387 (0) /1 7

8 La struttura organizzativa Le Regioni Marche ed Emilia-Romagna sono i soggetti esecutori del programma (come capofila risulta la Regione Emilia-Romagna). Per realizzare le attività in loco, le Regioni si avvalgono di due soggetti del proprio territorio, EducAid per la parte educativa, Fuori Margine per la parte sanitaria e di impresa sociale, in quanto dotati di specifiche competenze su queste tematiche. Gli enti esecutori hanno nominato, in accordo con il MAE, un Coordinatore Generale, basato in Italia, che effettua una continua supervisione delle attività eseguite localmente, e che si avvale di due Responsabili Operativi in loco italiani (uno presso l ufficio di Sarajevo e uno presso l ufficio di Banja Luka) per l implementazioni di tutte le attività previste sui territori coinvolti nel programma. Ai fini dell organizzazione e gestione operativa del Programma, e stata costituita l Unità Tecnica di Gestione e Coordinamento (UTGC) con funzioni di gestione, coordinamento e monitoraggio delle attività in loco. Detta Unità e composta dal predetto Coordinatore Generale e dai due responsabili operativi in loco (Sarajevo e Banja Luka). Per facilitare e promuovere la realizzazione del programma, e rimuovere gli eventuali ostacoli, in particolare di natura istituzionale e' stato istituito ad inizio intervento il Comitato di Indirizzo e Controllo (di seguito indicato come CIC), composto dai membri nominati da: MAE, Regioni Emilia-Romagna e Marche, Amministrazioni della Federazione di Bosnia Erzegovina e della Repubblica Srpska competenti. La sopraccitata composizione, intende assicurare la condivisione dei processi e l autorevolezza per esercitare la funzione ascritta. Il CIC si compone di 10 membri, 5 a rappresentanza della componente italiana e 5 a rappresentanza della componente bosniaca. La prima riunione del CIC si e svolta il 19 maggio 2005 a Sarajevo, mentre la seconda, è stata realizzata a Banja Luka il 16 marzo Organizaciona struktura Regije Emilija Romanja i Marke su subjekti implementatori programa (gdje regija Emilija Romanja ima određeni primat). Za realizaciju konkretnih aktivnosti na terenu, regije se oslanjaju na dva italijanska subjekta: Edukejd iz Riminija za sprovođenje edukativnog dijela programa i Fuori Marđine iz Pezara za sektor socijalnih preduzeća i zdravstveni dio, osposobljene za rad na pomenutim poljima. Implementatori projekta su, u dogovoru sa italijanskim Ministarstvom vanjskih poslova, imenovali Glavnog koordinatora, sa sjedištem u Italiji, za neprekidnu superviziju aktivnosti koje se izvode na terenu, a koji se oslanja na dva italijanska odgovorna operativca (pri kancelarijama u Sarajevu i Banjoj Luci) zadužena za realizaciju svih predviđenih aktivnosti na teritorijama obuhvaćenim programom. S ciljem organizacije i operativnog upravljanja Programom, oformljena je Tehnička jedinica za upravljanje i koordinaciju (UTGC) č ije su osnovne funkcije upravljanje, koordinacija i monitoring aktivnosti na terenu. Članovi pomenute Jedinice su gore navedeni Glavni koordinator i dva italijanska odgovorna terenska operativca (Sarajevo i Banja Luka). Kako bi se olakšala realizacija programa i odstranile eventualne prepreke, naročito institucionalne prirode, na samom početku rada konstituisan je «Odbor za upravljanje i nadzor» (u daljem tekstu CIC), sastavljen od odabranih članova imenovanih ispred italijanskog Ministarstva vanjskih poslova, regija Emilija Romanja i Marke, te relevantnih administrativnih tijela Federacije BiH i Republike Srpske. Ovakva struktura nastoji osigurati raspodjelu radnih procesa i autoritet koji omogućava izvršavanje predviđene funkcije. CIC ima 10 članova, 5 predstavnika italijanske strane i 5 lokalnih predstavnika. Prvi sastanak CIC-a održan je 19. maja godine u Sarajevu, a drugi 16. marta godine u Banjoj Luci. 8

9 Al fine di garantire la supervisione tecnico - scientifica delle attività sperimentali, il CIC viene affiancato da un Comitato Tecnico Scientifico (di seguito indicato come CTS), composto da esperti italiani e locali provenienti dal mondo accademico e scientifico, con funzioni consultive rispetto ai contenuti dei diversi ambiti di attività nei quali si articola il programma. Il CTS si riunisce due volte l anno. Come per il CIC, Il CTS si compone di 10 membri, 5 a rappresentanza della componente italiana, e 5 a rappresentanza della Bosnia Erzegovina, nominati dagli stessi Ministeri che compongono il CIC. La prima riunione del Comitato Tecnico Scientifico si e svolta a Sarajevo nella data del 17 marzo Con compiti più operativi, e per operare direttamente sui rispettivi territori sono stati costituiti dei Comitati di coordinamento interministeriale per la riduzione degli handicap (di seguito indicati come CIH) i cui membri sono stati nominati dai rispettivi ministeri, istituti pedagogici e municipalità di riferimento. Il CIH si riunisce una volta al mese, o secondo le esigenze indicate dal CIH stesso. Il CIH ha compiti riconducibili ad attività di indirizzo e di collegamento con le attività di natura sanitaria, assistenziale, educativa, e inoltre rappresenta il raccordo con i Ministeri e le autorità da cui sono stati nominati. Per facilitare il compito dei CIH e per condividere il loro lavoro, si e svolta una Visita Studio in Italia nel periodo 27/11 06/12 / 2006, con lo scopo di confrontandosi con gli esperti italiani sul programma, sulle future attività da intraprendere e per analizzare il sistema dei servizi sociali, come questi sono strutturati e come le varie competenze sono, e possono essere integrate. Kako bi se garantovala naučno-tehnička supervizija eksperimentalnih aktivnosti, CIC je potpomognut «Tehničko-naučnim odborom» (u daljem tekstu CTS), koji se sastoji od italijanskih i loklanih akademskih stručnjaka, a čiji zadatak je da savjetodavno doprinose razvoju aktivnosti u sektorima predviđenim programom. CTS se sastaje dva puta godišnje. Kao i CIC, i CTS se sastoji od 10 članova, 5 predstavnika italijanske strane i 5 lokalnih predstavnika koji su imenovani ispred istih ministarstava i tijela koji sačinjavaju i CIC. Prvi sastanak Tehničko-naučnog odbora održan je u Sarajevu dana 17. marta godine. Sa uglavnom operativnim zadacima, i da bi djelovali direktno na predviđenim teritorijama, osnovani su Odbori međuministarske koordinacije za smanjenje posebnih potreba (u daljem tekstu CIH) čiji članovi su imenovani ispred kompetentnih ministarstava, pedagoških zavoda i programom obuhvaćenih opština. CIH se sastaje jednom mjesečno ili prema potrebama kako sami članovi ustanove. Zadatak CIH-a je da daje smijernice za realizaciju aktivnosti zdravstvenog, socijalnog i obrazovnog karaktera, da ih povezuje, a pored toga i da predstavlja vezu sa ministarstvima i ostalim tijelima iz kojih su imenovani članovi. Kako bi se olakšao posao CIH-a i podijelili zadaci, u Italiji je u periodu od do godine organizovan Studijski boravak s ciljem da se razmijene mišljenja sa italijanskim stručnjacima o programu i o predviđenim budućim aktivnostima, kao i da se analizira sistem socijalnih usluga, odnosno njihova struktura i različite prakse koje postoje ili mogu biti integrisane. 9

10 Brochure Le brochure sono realizzate in collaborazione con i CIH, e vengono distribuite presso le istituzioni competenti, Scuole, Centri Sociali, Associazioni e Famiglie, in modo da promuovere, soprattutto verso quest ultime, i diritti riconosciuti nei loro territori di appartenenza per i settori: sociale, educativo e sanitario. La Brochure diverra uno strumento di comunicazione e identificazione di un lavoro comune svolto dai diversi soggetti che collaborano all interno del programma. Brošura Brošure su realizovane u saradnji sa Međuministarskim odborima i distribuiraće se po nadležnim institucijama, školama, Centrima za socijalni rad, udruženjima i porodicama, s ciljem da se promovišu, naročito kada su u pitanju porodice, njihova prava na prostorima življenja u sferi socijalnog, obrazovnog i zdravstvenog sektora. Brošura će postati instrument za komunikaciju i identifikaciju aktivnosti koje zajednički realizuju različiti subjekti koji sarađuju u okviru programa. 10

11 Attività di promozione Nel mese di novembre 2005, all interno delle giornate dedicate alla Cooperazione Italiana, si sono svolte il 16 a Sarajevo (F 1), il 17 a Tuzla, e il 18 novembre a Banja Luka (F 2), delle tavole rotonde con tema L inclusione dei minori con bisogni speciali la ricerca di una qualità sostenibile. Hanno partecipato esponenti del mondo accademico locale (università, istituti pedagogici, centri sociali, esperti del settore, insegnanti, docenti, studenti) ed esponenti italiani (Andrea Canevaro, Alfredo Camerini, Ivo Pazzagli). Il 15 maggio 2006 si e tenuta a Mostar la Tavola Rotonda: L inclusione educativa nelle scuole del cantone di Erzegovina-Neretva. Il dibattito ha interessato gli operatori delle scuole coinvolte nel Programma, e ha partecipato anche il Ministro dell Educazione. F 3 Lunedi 17 luglio 2006 a Tuzla, la Coordinatrice locale Selma Hodžić, ha partecipato ad una trasmissione televisiva che ha permesso di promuovere il programma su tutto il Cantone (F 3). Incontro con i mass media a Zenica (F 4) F 4 Promotivne aktivnosti U novembru mjesecu godine u okviru dana posvećenih Italijanskoj Kooperaciji, dana 16. u Sarajevu (F 1), 17. u Tuzli, i 18. novembra u Banjoj Luci (F 2), održani su okrugli stolovi na temu Inkluzija maloljetnika sa posebnim potrebama istraživanje mogućnosti održivog kvaliteta. Učesnici su bili predstavnici lokalnog akademskog kora (univerzitet, pedagoški zavod, centri za socijalni rad, stručnjaci iz sektora, nastavnici, docenti, studenti) i italijanski stručnjaci (Andrea Kanevaro, Alfredo Kamerini, Ivo Pacalji). F maja u Mostaru je održan okrugli sto na temu: Obrazovna inkluzija u školama na području Hercegovačko-neretvanskog kantona. U raspravi su učestvovali predstavnici škola obuhvaćenih Programom, kao i Ministar prosvjete. U ponedjeljak 17. maja u jednoj emisiji lokalne televizije, lokalni koordinator Selma Hodžić je dala interviju putem kojeg je promovisan Program u cijelom Kantonu (F 3). Susreti sa lokanim medijima u Zenici (F 4) 11 F 2

12 Nel cantone di Zenica-Doboj si e svolta il 10 maggio 2006 la conferenza: Processi di integrazione nella scuola primaria nel cantone di Ze-Do. Sono intervenuti al dibattito esperti italiani e bosniaci (F 5). Il 19 dello stesso mese si e tenuta, invece, la tavola rotonda: La situazione dei bambini con bisogni speciali nel Cantone di Zenica-Doboj: esperienze e possibilita di sviluppo (Hanno partecipato complessivamente circa 130 persone). U Zeničko-dobojskom kantonu je 10. maja godine održana konferencija na temu: Proces integracije u osnovne škole Zeničko-dobojskog kantona. U raspravi su učestvovali stručnjaci iz Italije i iz BiH (F 5). 19. istog mjeseca održan je i okrugli sto na temu: Život djece sa posebnim potrebama u Zeničko-dobojskom kantonu: iskustva i mogućnosti za napredovanje (Ukupan broj učesnika bio je 130). Gruppi da - Broj učenika iz: Sarajeva, Zenice, Mostara i Tuzle. 15 bambini / djece - OAZA - Sarajevo 15 bambini / djece - KORNJAČA Sarajevo 15 bambini / djece - Mostar 10 bambini / djece - RADOST ŽIVOTA 10 bambini / djece - Tuzla F 5 KIDSFEST Sarajevo, Skenderija 9-15 giugno 2006 Attivita di promozione realizzata attraverso la collaborazione con UTL Sarajevo. Sono stati visionati film al cinema, organizzate visite presso AIBI, CISP, SUMERO e altri worshops per i bambini con bisogni speciali. (F 6 - F 7) KIDSFEST Sarajevo, Skenderija juni godine Promotivna aktivnost realizovana u saradnji sa UTL-om Sarajevo. Prikazani su filmovi u bioskopu, priređene posjete organizacijama AIBI, CISP, SUMERO i organizovane radionice za djecu sa posebnim potrebama. (F 6 - F 7) F 7 F 6 12

13 Le Componenti del Progetto - Komponente Projekta Componente educativa Il programma si propone di favorire lo sviluppo di un sistema basato sull integrazione dei bambini disabili e sulla progressiva riduzione del sistema educativo separato, strutturato sulle scuole speciali per i disabili e su docenti speciali. Il percorso proposto dal programma prevede l attivazione di processi di innovazione educativa, (mediante piccole opere di restauro nelle scuole coinvolte, la formazione degli staff scolastici e l organizzazione di strutture di documentazione e innovazione educativa), inoltre, Il programma implementa un attività di ricerca di terreno finalizzata all identificazione di minori disabili e al monitoraggio delle loro condizioni di vita nelle famiglie. Soggetto implementatore per la Componente Educativa Subjekt za implementaciju Edukativne komponente Obrazovna komponenta Osnovni cilj Programa je da podstiče razvoj jednog sistema baziranog na integraciji djece sa posebnim potrebama i na progresivnom smanjenju odvojenog obrazovnog sistema, čija struktura podrazumijeva specijalne škole za djecu sa posebnim potrebama i specijalne nastavnike. U okviru programa je predviđeno pokretanje procesa inovacija u obrazovanju (poslovi manjeg obima na rekonstrukciji uključenih škola, usavršavanje nastavnog osoblja i organizacija dokumentacionih i inovativnih struktura za obrazovanje), a osim toga će biti sprovedena i jedna istraživačka aktivnost na terenu čiji cilj je identifikacija maloljetnika sa posebnim potrebama i monitoring njihovih životnih uslova u porodicama. Logo Progetto per la Componente Educativa - Logo Projekta za Edukativnu komponentu 13

14 Componente Socio - sanitaria Il programma intende promuovere condizioni che facilitino l accesso ai servizi per la riabilitazione fisica e il recupero psicologico, attraverso varie iniziative volte all equipaggiamento e al rinnovo delle attrezzature di strutture specializzate, e alla formazione professionale delle diverse tipologie di operatori. Il programma ritiene, inoltre, importante operare con i soggetti locali in modo da sviluppare il tema dell imprenditoria sociale e rafforzare in questo modo le capacità e le competenze gestionali degli stessi soggetti coinvolti. Soggetto implementatore per la Componente Socio - Sanitaria Subjekt za implementaciju Zdravstveno-socijalne komponente Zdravstveno-socijalna komponenta Programom je predviđena promocija uslova koji olakšavaju pristup službama za fizičku rehabilitaciju i psihički oporavak, kroz različite inicijative koje se ogledaju u: nabavci opreme i obnovi postojeće opreme i specijalističkih struktura; profesionalnoj obuci različitih tipova stručnog osoblja. U okviru programa je kao veoma značajno istaknuto zajedničko djelovanje sa lokalnim subjektima radi podsticanja teme socijalnog preduzetništva i osnaživanja sposobnosti i iskustava upravljanja istih tih obuhvaćenih subjekata. 14

15 Componente Educativa Ricerca sul terreno finalizzata all'identificazione dei minori disabili e al monitoraggio delle loro condizioni di vita nelle famiglie, e realizzazione di un sistema informativo individualizzato sui minori con bisogni speciali. La ricerca e realizzata in collaborazione con i Centri di Lavoro Sociale locali presso le municipalità coinvolte (in tutto 21), con i quali sono stati sottoscritti dei memorandum of understanding. Le visite domiciliari (Zenica - F 8), sono rivolte alle famiglie con minori disabili, e le informazioni raccolte verranno registrate sull apposita scheda di rilevamento familiare realizzata durante l iter di programma in tre distinti seminari formativi. Il primo si è tenuto nella città di Banja Luka (F 9), nelle giornate dell 8 e 9 dicembre 2005, il secondo si e svolto di nuovo a Banja Luka (F 10), nella giornata del 4/5/2006, mentre il terzo si è tenuto a Sarajevo il 6/5/2006 (F 11). Agli incontri hanno partecipato esponenti della Republika Srpska e della Federazione (municipalità coinvolte, associazioni locali, Istituto Pedagogico, Policlinici, Ospedali, Centri Sociali). Le informazioni così raccolte saranno riversate con l ausilio di apposito software in un sistema informativo costituito presso gli stessi centri sociali coinvolti. La presente impostazione della ricerca sperimentale, permette di poter avviare un percorso di lavoro condiviso con i centri sociali coinvolti, dando l opportunità agli assistenti sociali, ma anche a pedagogisti, difettologi e insegnanti, di ottenere maggiori informazioni sui casi presenti nei propri territori di riferimento. Il lavoro di raccolta dati che sara svolto dai centri di lavoro socliale mira a migliorare e intensificare la rete di relazioni tra le famiglie, la comunita scolastica e i servizi sociali di territorio, al fine di meglio rispondere ai bisogni individuali del minore. Obrazovna komponenta Istraživanje na terenu s ciljem identifikacije maloljetnika sa posebnim potrebama i monitoringa njihovih životnih uslova u porodicama, te realizacija jednog informativnog sistema baziranog na maloljetnicima sa posebnim potrebama. Istraživanje je realizovano u saradnji sa lokalnim centrima za socijalni rad koji djeluju u opštinama obuhvaćenim programom (ukupno 21), sa kojima su potpisani i memorandumi o razumijevanju. Predviđene su kućne posjete porodicama koje imaju djecu sa posebnim potrebama (Zenica - F 8),, a prikupljene informacije će biti registrovane pomoću odgovarajućeg formulara za porodično osmatranje realizovanog tokom trajanja programa kroz tri održana seminara za obuku. Prvi od njih je održan u Banjoj Luci, 8. i 9. decembra godine (F 9), drugi takođe u Banjoj Luci godine (F 10), dok je treći održan u Sarajevu godine (F 11), gdje su učesnici bili predstavnici Republike Srpske i Federacije BiH (uključene opštine, lokalna udruženja, Pedagoški zavod, poliklinika, bolnica, centar za socijalni rad). Informacije prikupljene tim putem biće usmjerene uz pomoć adekvatnog softvera u jedan informativni sistem koji će djelovati u svim obuhvaćenim centrima za socijalni rad. Na ovakav način postavljeno eksperimentalno istraživanje, omogućava pokretanje jednog radnog procesa u saradnji sa obuhvaćenim centrima za socijalni rad, gdje se pruža mogućnost socijalnim radnicima, ali i pedagozima, defektolozima i nastavnicima, da dobiju maksimum informacija o slučajevima koji postoje na njihovoj teritoriji. Posao na prikupljanju podataka koji će obavljati centri za socijalni rad ima za cilj poboljšati i intenzivirati umrežavanje odnosa između porodica, obrazovnog sistema i socijalnih službi na datom prostoru, kako bi se što bolje odgovorilo na individualne potrebe maloljetnika. 15

16 Numero interviste - Broj upitnika Republika Srpska 348 Unsko-sanski kanton 226 Tuzlanski kanton 151 Kanton Sarajevo 479 Zeničko-dobojski kanton 360 Hercegovačko-neretvanski kanton 263 Totale - Ukupno 1827 F 8 F 9 F 10 F 11 16

17 Centri di Innovazione e Documentazione Educativa Per rispondere alla necessità di creare strumenti che consentano alle istituzioni educative bosniache di sviluppare percorsi di innovazione pedagogica e di attivare e coordinare la ricerca e la sperimentazione per l integrazione e l educazione dei minori con bisogni speciali, sono iniziati i lavori per la realizzazione dei Centri di Innovazione e Documentazione Educativa (di seguito indicati come CDE). I CDE sono strumenti di grande interesse per promuovere lo sviluppo graduale di nuove competenze, di conoscenze e metodologie innovative, attraverso uno scambio di informazioni e di esperienze, favorendo così la diffusione delle informazioni, attraverso la produzione e la diffusione di materiali e di documentazione. Dal 2 al 7 Aprile 2006 si e' svolto lo stage formativo in Italia per i responsabili dei CDE, che hanno avuto modo di visitare il Centri Documentazione nella città di Cesena, piu i Centri di Documentazione sull handicap di Bologna e Modena, oltre a varie giornate seminariali su temi specifici. Per ogni CDE costituito presso le istituzioni bosniache e' stato individuato un rappresentante che ha potuto prendere parte alla visita studio. All interno dei locali che ospitano i CDE, è stato possibile realizzare degli uffici per i coordinatori territoriali, grazie ai memorandum of understanding (6 in tutto) stipulati con le istituzioni competenti. Il CDE di Mostar e stato inaugurato nella giornata del 19 giugno 2006 (F 12 - F 13). Foto CDE di: Banja Luka (F 14), Bihać (F15). F 13 Dokumentacioni i inovativni centri za edukaciju Da bi se odgovorilo na potrebu za iznalaženjem instrumenata koji djeluju saglasno obrazovnim institucijama u BiH i potpomažu razvojni put pedagoške inovacije, te aktiviraju i koordinišu istraživanje i eksperimentalne pokušaje integracije i obrazovanja maloljetnika sa posebnim potrebama u školama, započeli su radovi na realizaciji Dokumentacionih i inovativnih centara za edukaciju (u daljem tekstu CDE). CDE su veoma značajni instrumenti u promociji jednog sistematskog razvoja novih sposobnosti, saznanja i inovativnih metoda, kroz razmjenu informacija i iskustava, koji onako kako su osmišljeni obezbjeđuju širenje informacija, izradom i difuzijom materijala i dokumenata. Od 2. do 7. aprila godine je održana obuka za usavršavanje u Italiji za odgovorna lica pri CDE, koji su imali priliku da posjete dokumentacione centre u Ćezeni, kao i dokumentacione centre o hendikepu u Bolonji i Modeni, te da učestvuju u brojnim seminarima sa specifičnim temama. Za svaki CDE osnovan pri nadležnoj instituciji u BiH ustanovljen je po jedan predstavnik koji je učestvovao u studijskom boravku. U prostorijama institucija pri kojima su otvoreni CDE, zahvaljujući potpisivanju memoranduma o razumijevanju sa tim institucijama (ukupno 6), omogućeno je i otvaranje kancelarija za lokalne koordinatore. F 12 Svečano otvaranje CDE u Mostaru je obilježeno 19. juna godine (F 12 - F 13). Foto CDE Banja Luka (F 14), Bihać (F 15). 17

18 F 14 F 15 CDE: Banja Luka Biblioteka Pedagoškog zavoda * Bihać Pedagoški zavod * Tuzla Škola Simin Han Sarajevo Pedagoški zavod * Zenica Škola Edhem Mulabdić * Mostar Pedagoški zavod * Uffici per i coordinatori territoriali - kancelarije za lokalne koordinatore 18

19 Scuole inserite nel progetto - Škole obuhvaćene projektom: Republika Srpska: Unsko-sanski kanton: Tuzlanski kanton: Banja Luka: Bihać: Tuzla: Branko Radičević Harmani I Simin Han Jovan Jovanović Zmaj Prekounje Sjenjak Ivo Andrić Gornje Prekounje - Ripač Banovići Dositej Obradović Velika Kladuša: OŠ Banovići Bora Stanković 25 Novembar Lukavac Nikola Tesla Suad Tabaković Zvrkić OŠ Lukavac Grad Prijedor: OŠ Todorovska Slapnica Živinice Branko Ćopić Cazin: OŠ Žvinice Doboj: Cazin II OŠ Basigovići Đura Jakšić Derventa: Dositej Obradović Bijeljina Vuk Karadžić Kanton Sarajevo Hercegovačko-neretvanski kanton Zeničko-dobojski kanton O.Š. 'Kovačiċi' O.Š. Bijelo Polje O.Š. Mula Mustafa Bešeskija, Kakanj O.Š. Hrasno O.Š. Petar Bakula OŠ. Hamdija Kreševljaković, Kakanj. O.Š. S. Kulenović, Dobrinja Prva O.Š. Konjic O.Š. Musa Ćazim Catić, Zenica O.Š.'Behudin Selmanović, Rajlovac Druga O.Š. Konjic O.Š. Mak Dizdar, Zenica O.Š. Hrasnica, Ilidža. OŠ Vladimir Pavlović O.Š. Edhem Mulabdić, Zenica O.Š. Mak Dizdar O.Š. Miroslav Krleža, Zenica O.Š Žepče, Žepče. Piccole opere di restauro presso le scuole Pur essendo un programma formativo, il progetto prevede una piccola voce di budget da destinare ad opere di restauro presso 40 scuole selezionate nella BiH. Questi interventi hanno l obiettivo di mostrare un cambiamento, anche se piccolo, nel sistema scuola a proposito della partecipazione dei bambini con bisogni speciali alla vita scolastica così detta normale. Il fondo che viene stanziato dal programma è stato utilizzato per opere di adeguamento di classi, bagni, laboratori, ingressi, rampe d'accesso, in modo da sottolineare la volontà della scuola di avvicinarsi alle esigenze dei bambini con bisogni speciali. Radovi manjeg obima na rekonstrukciji škola Edukativni program u okviru projekta predvidio je i jedan manji dio budžeta za finansiranje radova na rekonstrukciji 40 odabranih škola u BiH. Ove intervencije imaju za cilj da ukažu na promjene, iako male, u školskom sistemu u smislu učešća djece sa posebnim potrebama u takozvanom normalnom školovanju. Fond koji je predviđen programom korišten je za radove na prilagođavanju učionica, kupatila, radionica, ulaza, ulaznih rampi, kako bi se istakla dobra volja škole da se približi djeci sa posebnim potrebama. 19

20 Countries that signed, recognize that a mentally or physically disabled child needs to enjoy full and descent life, in conditions that provide dignity, develop self-esteem and make active participation of children in community easier Article 23 - Convention on Children's Rights Formazione per le scuole In tutte le aree coinvolte hanno avuto inizio i percorsi formativi per i rappresentanti delle scuole scelte, tra cui insegnanti, difettologi, direttori, psico-pedagogisti, con lo scopo di favorire in tutti i partecipanti, lo sviluppo di nuove competenze in relazione al lavoro con i bambini che hanno bisogni speciali. Per verificare ed analizzare la situazione e le esigenze degli operatori delle scuole coinvolte, sono state realizzate due missioni esplorative (27 ottobre - 7 novembre 2005, e 27 novembre - dicembre 2005). Gli incontri così svolti hanno permesso di evidenziare i processi già esistenti e di individuare i bisogni formativi, in modo da strutturare i seminari. Sono state avviate e sviluppate attivita formative nelle 41 scuole pilota. Le tematiche discusse nei seminari hanno riguardato la didattica, l uso di approcci pedagogici innovativi e piu sensibili alle esigenze dei bambini con bisogni educativi speciali. Parte fondamentale del lavoro in tutti i territori e stata l attivita sulla progettazione pedagogico-didattica che ha visto tutti i gruppi di insegnanti impegnati nella configurazione di progetti educativi aperti all inclusione scolastica. Hanno partecipato alle attivita seminariali piu di 400 insegnanti, pedagogisti, difettologi e direttori scolastici. Obuka u školama Na svim obuhvaćenim područjima započeli su kursevi za obuku predstavnika uključenih škola, među kojima su nastavnici, defektolozi, direktori, psiholozi i pedagozi, a njihov cilj je podsticanje i razvoj novih sposobnosti kod svih učesnika za rad sa djecom sa posebnim potrebama. Da bi se utvrdila i analizirala situacija, kao i potrebe predstavnika uključenih škola, realizovane su dvije istraživačke misije (27. oktobra 7. novembra godine i 27. novembra 3. decembra godine). Sastanci njima obuhvaćeni su omogućili evidenciju već postojećih procesa i individualizaciju potrebe za usavršavanjem, na osnovu čega je izrađena struktura seminara za obuku. Pokrenuti su i razvijeni procesi obuke u 41 pilot školi. Teme o kojima se raspravljalo na seminarima tiču se didaktike i upotreba inovativnih pedagoških pristupa koji su osjetljiviji na potrebe djece sa posebnim obrazovnim potrebama. Glavna komponenta djelovanja na svim teritorijama jeste aktivnost na projektovanju pedagoško-didaktičkog pristupa koji pruža mogućnost svim predavačima da kreiraju obrazovne projekte otvorene prema školskoj inkluziji. Seminarima je prisustvovalo više od 400 predavača, pedagoga, defektologa i direktora škola. Date / Datumi /03 31 / / / /05 Località / Mjesto održavanja Nr. partecipanti per ogni giornata / Br. učesnika po svakom danu Banja Luka Tuzla Zenica Sarajevo Mostar Bihać

21 Seminario scuole Banja Luka - Seminar za škole u Banjoj Luci Seminario scuole Tuzla - Seminar za škole u Tuzli 21

22 Seminario scuole Bihać - Seminar za škole u Bihaću Lavori degli insegnanti - Nastavnici na djelu Seminario scuole Mostar - Seminar za škole u Mostaru 22

23 Seminario scuole Sarajevo - Seminar za škole u Sarajevu Seminario scuole Zenica - Seminar za škole u Zenici 23

24 Componente Socio - Sanitaria Formazione Continua L intervento proposto s inserisce in un progetto complessivo di formazione che dovrà accompagnare i futuri centri, nel processo di attivazione di un sistema di formazione permanente, e che costituirà un momento importante non solo per acquisire competenze metodologiche e tecniche specifiche legate alla progettazione, verifica e gestione dei processi formativi, ma per sviluppare anche quelle competenze più propriamente organizzative/relazionali che caratterizzeranno l esercizio del ruolo di coordinatore/promotore di attività formative. Durante le giornate del gennaio e 1 febbraio 2006, si sono svolti gli incontri di presentazione del piano formativo realizzato dall Agenzia Sanitaria Regione Marche, previsto per le tre aree dove si concentrerà l azione socio-sanitaria (Banja Luka F 16 - F 17, Sarajevo, Mostar). Le strutture coinvolte nei percorsi formativi hanno identificato 15 nominativi, 5 per ciascuna delle tre aree che durante le giornate che vanno dal 2 al 12 Aprile 2006, hanno partecipato in Italia al primo incontro che ha avviato il percorso formativo sulla progettazione (F 18 - F 19 RAI Regionale), mentre il secondo incontro si e svolto a Sarajevo nelle giornate del Giugno F 17 Zdravstveno-socijalna komponenta Trajno usavršavanje Ova predviđena intervencija predstavlja dio jednog složenijeg projekta usavršavanja koji će biti vezan za buduće centre za obuku u procesu aktiviranja jednog sistema trajnog usavršavanja koji ne samo da će omogućiti usvajanje metodoloških i tehničkih sposobnosti vezanih za projektovanje, utvrđivanje i upravljanje kursevima za usavršavanje, već će razviti i istinske organizacione i logističke sposobnosti koje karakterišu aktivnost i ulogu koordinatora/promotera u procesima usavršavanja. Tokom 30 i 31. januara i 1. februara godine, održani su sastanci radi prezentacije plana za usavršavanje koji je realizovala Zdravstvena agencija regije Marke, a obuhvata tri zone u kojima će se sprovesti zdravstveno-socijalna akcija u okviru projekta (Banja Luka F 16 - F 17, Sarajevo, Mostar). F 16 Strukture uključene u kurseve za usavršavanje su imenovale 15 predstavnika, po 5 ispred svake zone, koji su u periodu od 2. do 12. aprila godine u Italiji učestvovali na prvom sastanku koji je pokrenuo kurseve za usavršavanje u projektovanju (F 18 - F 19 RAI Regionale), dok je drugi sastanak održan u Sarajevu u periodu juna godine. 24

25 Uspostavljanje Didaktičkih sjedišta Kako bi se pokrenuo obrazovni proces biće obezbijeđene prostorije za obuku u kojima će se odvijati aktivnosti profesionalnog usavršavanja namijenjene prvenstveno stručnjacima fizioterapije i rehabilitacije, a osim toga i različitim kategorijama subjekata koje doprinose integrisanom i socijalnom pristupu hendikepu (socijalni radnici, nastavnici, porodice, školski ljekari, itd.). U Banjoj Luci su prostorije obezbijeđene unutar poliklinike Dr Miroslav Zotović (F 20) F 18 U Sarajevu su prostorije obezbijeđene unutar banjskog kompleksa Ilidža (F 21 - sastanci predstavljanja) U Mostaru su prostorije predviđene u okviru kompleksa Gradska Banja, međutim, dok je sa dvjema prethodno navedenim institucijama potpisan Memorandum o razumijevanju, u Opštini Mostar to još uvijek nije realizovano. F 19 Costituzione di Sedi didattiche Per realizzare i percorsi educativi verranno allestite aule per la formazione nelle quali si svilupperanno attività di formazione professionale rivolte in primis alle professioni della fisioterapia e della riabilitazione, oltre che alle diverse categorie di soggetti che interagiscono nell approccio integrato e sociale all handicap (assistenti sociali, educatori, famiglie, medici scolastici, ecc.). F 20 Per Banja Luka gli spazi si trovano all interno del policlinico Miroslav Zotović (F 20); Per Sarajevo gli spazi si trovano all interno del plesso termale di Iliza (F 21 - incontri di presentazione) Per Mostar gli spazi sono stati individuati presso i Gradska Banja, ma, mentre con le altre sopraccitate istituzioni sono stati firmati dei Memorandum of Understanding, ad oggi questo non e stato possibile presso la municipalita di Mostar. F 21 25

26 Impresa Sociale Il programma ritiene importante operare con i soggetti locali in modo da sviluppare il tema dell imprenditoria sociale e rafforzare le capacità e le competenze gestionali degli stessi soggetti coinvolti, cercando di individuare risposte appropriate alle esigenze socio-legislative della BiH. Per analizzare le tipicità delle associazioni-imprese che si avvicinano al concetto di impresa sociale, abbiamo utilizzato in tutte e tre le aree un questionario conoscitivo, e realizzato una mappatura estesa a tutti i territori coinvolti nel Programma. Nel periodo , si e svolta la visita studio in Italia per 15 persone (5 per ogni zona), a cui hanno partecipato sia rappresentanti di associazioni e organizzazioni, sia figure istituzionali che potrebbero giocare un ruolo decisivo per la crescita di una cultura d impresa socialmente solidale (F 22 - F 23 - F 24 - F 25), mentre nelle giornate del giugno 2006 si sono svolti i seminari di promozione dell impresa sociale nelle città di Banja Luka (F 26), Mostar (F 27), e Sarajevo (F 28). I seminari avranno continuità nella costituzione di gruppi tecnici di lavoro tematico per lo studio di soluzioni applicative nei diversi ambiti. I gruppi lavoreranno su specifici temi, quali, ad esempio: l auto-sostentamento delle imprese di servizi, i servizi sociali, gli asili e strutture di servizio per l infanzia. F 23 F 24 F 22 F 25 26

27 Socijalno preduzeće U okviru programa se smatra veoma značajnim djelovati zajedno sa lokalnim subjektima kako bi se podstakla tema socijalnog preduzetništva i osnažile sposobnosti i iskustva upravljanja istih tih obuhvaćenih subjekata, nastojeći da se iznađu adekvatna rješenja zakonskim i društvenim zahtjevima u BiH. F 26 Za analizu osnovnih karakteristika udruženja/preduzeća koja su približna konceptu socijalnih preduzeća, korišten je u sve tri oblasti jedan spoznajni upitnik i realizovana je jedna okvirna mapa koja obuhvata sve teritorije obuhvaćene programom. U periodu od do godine u Italiji je održan jedan studijsku boravak za 15 osoba (5 predstavnika svake zone), u kojem su učestvovali, kako predstavnici udruženja i organizacija, tako i institucionalni predstavnici koji bi mogli igrati značajnu i odlučujuću ulogu u razvoju jedne kulture socijalnog preduzetništva (F 22 - F 23 - F 24-25), dok su se, sa druge strane 20, 21. i 22. juna 2006 održali seminari za promociju socijalnog preduzetništva u Banjoj Luci (F 26), Mostaru (F 27) i Sarajevu (F 28). F 27 Seminari će održati kontinuitet kroz formiranje tehničkih grupa za rad na određene teme radi iznalaženja primjenjivih rješenja na različitim poljima. Grupe će djelovati obrađujući specifične teme, među kojima, na primjer: samoodrživost uslužnih preduzeća, socijalne službe, obdaništa i druge uslužne strukture za djecu. F 28 Inviti per i seminari di Promozione Impresa Sociale Pozivnice za seminar o Promociji socijalnog preduzeća 27

28 Opere edili ristrutturazione edifici termali - Građevinski radovi na rekonstrukciji banjskih objekata La Cooperazione Italiana, in collaborazione con le Regioni Emilia Romagna e Marche hanno, inoltre, attivato un ulteriore progetto che nelle località di Ilidza/Sarajevo, Gradska Banja/Mostar e Slatina/Banja Luka, realizza interventi di recupero/ristrutturazione/riattivazione degli impianti di riabilitazione e termali esistenti. IMG e stata incaricata della progettazione di dettaglio e della direzione dei lavori. Slatina / Banja Luka Italijanska Kooperacija, u saradnji sa regijama Emilija Romanja i Marke, između ostalog, je pokrenula i projekat na lokacijama Ilidza/Sarajevo, Gradska Banja/Mostar i Slatina/Banja Luka, a tiče se izvođenja radova na obnovi/rekonstrukciji/ponovnom aktiviranju postojećih banjskih postrojenja i postrojenja za rehabilitaciju.. IMG je firma zadužena za detaljno projektovanje i usmjeravanje poslova. Ilidža / Sarajevo Gradska Banja / Mostar 28

29 29

30 30

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità

PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità TITOLO: Protocollo d intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Dipartimento per le Pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri per la realizzazione congiunta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

CALENDARIO DELLE AZIONI

CALENDARIO DELLE AZIONI CALENDARIO DELLE AZIONI AZIONE TIPOLOGIA CONTENUTI AVVIO Azione 1 Azione 2 Azione 3 Laboratorio territoriale: ricerca delle condizioni di efficacia Formazione formatori e operatori Sperimentazione dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI CATANIA PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO CENTRO DI SERVIZI PER LA DISABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE n 3 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER

Dettagli

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014

tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 ADOZIONE SCUOLA Percorso per l attuazione l del Protocollo d Intesa d tra la Regione Toscana e l Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Deliberazione GR 996 del 10 novembre 2014 LE FINALITA Promuovere

Dettagli

Linee guida nazionali per l orientamento permanente

Linee guida nazionali per l orientamento permanente Linee guida nazionali per l orientamento permanente L orientamento è un insieme di attività che mette in grado i cittadini di ogni età,, in qualsiasi momento della loro vita di identificare le proprie

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE AZIONE #28 DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE AZIONE #28 DEL PNSD Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola

Dettagli

VELEUČILIŠTE U ŠIBENIKU IZVEDBENI PLAN NASTAVE OPĆE INFORMACIJE O KOLEGIJU OPIS KOLEGIJA

VELEUČILIŠTE U ŠIBENIKU IZVEDBENI PLAN NASTAVE OPĆE INFORMACIJE O KOLEGIJU OPIS KOLEGIJA VELEUČILIŠTE U ŠIBENIKU Stranica: 1 od 4 Studij: Menadžment Studijska godina: 1 Akad. godina: 2014./2015. Smjer: Semestar: Turistički menadžment 3 OPĆE INFORMACIJE O KOLEGIJU Šifra kolegija O / I Naziv

Dettagli

Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova

Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova Lavorare con l Europa negli enti locali Percorso di assistenza tecnica rivolto alla Provincia di Mantova Provincia di Mantova, 23 marzo 2017 Giuseppe Caruso - Project Manager Ufficio Politiche europee

Dettagli

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale

Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Piano triennale per l attuazione del piano nazionale scuola digitale Animatore digitale d istituto triennio 2016-2019 docente Scafuto Teresa Premessa Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente

Dettagli

Analisi dello sviluppo del ruolo e delle competenze del responsabile del caso nel sistema di rete dei servizi sociali e sanitari integrati

Analisi dello sviluppo del ruolo e delle competenze del responsabile del caso nel sistema di rete dei servizi sociali e sanitari integrati Analisi dello sviluppo del ruolo e delle competenze del responsabile del caso nel sistema di rete dei servizi sociali e sanitari integrati Sonia Costantini Assistente sociale Ravenna Regione Emilia Romagna

Dettagli

GRUPPO GLH è un gruppo di studio e di lavoro del Collegio dei Docenti, aperto alla componente dei genitori e alle Agenzie territoriali, che si occupa

GRUPPO GLH è un gruppo di studio e di lavoro del Collegio dei Docenti, aperto alla componente dei genitori e alle Agenzie territoriali, che si occupa PERSONE: GRUPPO GLH è un gruppo di studio e di lavoro del Collegio dei Docenti, aperto alla componente dei genitori e alle Agenzie territoriali, che si occupa dell integrazione delle persone disabili.

Dettagli

Il progetto Scuola Digitale Liguria. Luglio 2016

Il progetto Scuola Digitale Liguria. Luglio 2016 Il progetto Scuola Digitale Liguria Luglio 2016 Il progetto Scuola Digitale Liguria Un azione per realizzare in Liguria una scuola di qualità che formi cittadini con le nuove competenze richieste dal mondo

Dettagli

I programmi europei per i giovani

I programmi europei per i giovani I programmi europei per i giovani Gli obiettivi 1. Promuovere la cittadinanza europea attiva nei giovani, favorendo la mobilità dei giovani e incoraggiandone lo spirito di iniziativa, d impresa e di creatività.

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D'INTESA TRA Ministero dell Istruzione, dell Universita e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) E Federazione Nazionale Stampa Italiana (di seguito denominato Federazione) Scuola e informazione:

Dettagli

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA Il Patto di Accoglienza è un documento destinato all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto. Contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti

Dettagli

Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Attività 3 Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità II annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole di primo e secondo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO D INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO (di seguito denominato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA Direzione Regionale della Lombardia PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA e UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI DI MILANO LE PARTI Agenzia delle Entrate Direzione

Dettagli

Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza. Bruna Zani e Luigi Guerra

Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza. Bruna Zani e Luigi Guerra Giornata conclusiva del percorso formativo Progetto Adolescenza Considerazioni sul percorso formativo di accompagnamento al Progetto Adolescenza Bruna Zani e Luigi Guerra Alma Mater Studiorum - Università

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra il. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Confindustria

PROTOCOLLO D INTESA. tra il. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Confindustria PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) E Confindustria Progetti di impiego dei beni confiscati alla criminalità organizzata,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Istituto Tecnico Statale Settore Economico ANTONIO MEUCCI Istituto Professionale di Stato Settore dei Servizi CARLO CATTANEO PIANO DIGITALE 2016-2018 ISTITUTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra la

PROTOCOLLO D INTESA. tra la PROTOCOLLO D INTESA tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale del Ministero dell istruzione,

Dettagli

Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona Piano Annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente Anno Scolastico 2015/2016 PREMESSA La formazione in servizio, che

Dettagli

ACCORDO DI RETE PER LE AZIONI DI ORIENTAMENTO PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

ACCORDO DI RETE PER LE AZIONI DI ORIENTAMENTO PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA ACCORDO DI RETE PER LE AZIONI DI ORIENTAMENTO PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA FRA AFOL MONZA BRIANZA AIMB FORMAPER ISTITUTO GATTI APA CONFARTIGIANATO BRIANZA SOLIDALE MAESTRI DEL LAVORO COOP SPAZIOGIOVANI

Dettagli

FAUSTO PRESUTTI. Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1

FAUSTO PRESUTTI. Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1 FAUSTO PRESUTTI Analisi del Questionario Informativo degli EDUCATORI Parte 1 Servizi d Infanzia di Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati Prima Applicazione - Novembre 2000 Sono riservati tutti i

Dettagli

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT)

TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO Giovanni XXIII Monte San Biagio- Lenola (LT) I Monte San Biagio- Lenola (LT) TRIENNIO 2016-19 1. Premessa L azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad animatore digitale ossia un docente che deve elaborare progetti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. AVIS Regionale Toscana

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale. AVIS Regionale Toscana PROTOCOLLO D INTESA tra Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale e AVIS Regionale Toscana VISTO il D.L. del 16 aprile 1994, n.297 e successive modificazioni ed integrazioni, contenente

Dettagli

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO

PIANO TRIENNALE. PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE Prof. Carmine Antonio Muraca TRIENNIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA PRIMO GRADO Via G. Leopardi - Tel. 096881006 Fax 0968818921 - E-mail: czic813004@istruzione.it Sito web: www.icserrastretta.it tcodice Meccanografico:CZIC813004

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

U S I N KNOWLEDG X CHANGE. Progetto KEPASS Programma di scambio delle conoscenze per un sistema scolastico dell Adriatico

U S I N KNOWLEDG X CHANGE. Progetto KEPASS Programma di scambio delle conoscenze per un sistema scolastico dell Adriatico The Programme is co-funded by European Union, Instrument for Preaccession Assistance X CHANGE J O I N - U S KNOWLEDG Progetto KEPASS Programma di scambio delle conoscenze per un sistema scolastico dell

Dettagli

I centri per le famiglie in Piemonte. Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale. 31 marzo 2016

I centri per le famiglie in Piemonte. Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale. 31 marzo 2016 ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, DELLA FAMIGLIA E DELLA CASA I centri per le famiglie in Piemonte Antonella Caprioglio Maria Celeste Anglesio Direzione Coesione Sociale 31 marzo 2016 Italia e Piemonte: alcune

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019

PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PIANO TRIENNALE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE ANIMATORE DIGITALE INS. RITA FERRETTI TRIENNIO 2016-2019 PREMESSA Il nostro istituto al fine di sviluppare e di migliorare le competenze

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE A cura della docente SCAVO ANNA MARIA

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE A cura della docente SCAVO ANNA MARIA PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE A cura della docente SCAVO ANNA MARIA Premessa Il PNSD prevede l individuazione in ogni scuola dell'animatore Digitale (AD) sarà formato in modo

Dettagli

UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI CAMPANIA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLE TECNOLOGIE STUDIA O LAVORA CON INTERNET "

UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI CAMPANIA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLE TECNOLOGIE STUDIA O LAVORA CON INTERNET UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI CAMPANIA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLE TECNOLOGIE STUDIA O LAVORA CON INTERNET " PER I DOCENTI E GLI STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI DELLA CAMPANIA UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI

Dettagli

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All)

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All) FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2012 Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All) Relatore: Rossano Arenare Obiettivi del programma Oltre agli obiettivi del

Dettagli

COMUNE DI FORLI UNITA SUPPPORTO ALL INNOVAZIONE EDUCATIVA PROGETTO GIOVANI E LAVORO

COMUNE DI FORLI UNITA SUPPPORTO ALL INNOVAZIONE EDUCATIVA PROGETTO GIOVANI E LAVORO COMUNE DI FORLI UNITA SUPPPORTO ALL INNOVAZIONE EDUCATIVA PROGETTO GIOVANI E LAVORO Info: tirocini@comune.forli.fc.it Tel. 0543 712 394 (Rita Silimbani) POLITICHE PER I GIOVANI E IL LAVORO Politiche Educative:

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO ELABORATI DAL COMITATO DI VALUTAZIONE IN OTTEMPERANZA AI COMMI art.1 L.107/2015

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO ELABORATI DAL COMITATO DI VALUTAZIONE IN OTTEMPERANZA AI COMMI art.1 L.107/2015 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI COLOGNO AL SERIO (BG) Via Rosmini, 12-24055 COLOGNO AL SERIO (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale bgic89900p@istruzione.it

Dettagli

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI 92 IL SISTEMA EDUCATIVO 93 94 Linee programmatiche o Mantenere l'eccellenza nei servizi per l'infanzia aumentandone la quantità. Potenziare i servizi esistenti riducendo

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE LAZIO, con sede e domicilio legale in Roma, viale Cristoforo Colombo.., C.F.., rappresentata dal Presidente della Regione.. Nato a il E L AGENZIA SPAZIALE EUROPEA

Dettagli

A SCUOLA DI VOLONTARIATO

A SCUOLA DI VOLONTARIATO A SCUOLA DI VOLONTARIATO SI IMPARA A Ad incontrarsi e a rigenerarsi reciprocamente A stabilire nuove relazioni A creare nuovi legami di solidarietà A pensare e ad agire in termini di gratuità A scoprire

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina

ISTITUTO SECONDARIA SUPERIORE LA FARINA-BASILE Messina AMBITI E AZIONI Il presente piano presenta le azioni ritenute prioritarie e percorribili nel triennio 2016 2019. Esse sono aggregate con riferimento ai tre ambiti progettuali assegnati dal PNSD all animatore

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE

CONVENZIONE PREMESSO CHE REP. N. del Prot. N. CONVENZIONE TRA Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento di Scienze dell'educazione Giovanni Maria Bertin, nel contesto del presente atto denominato più semplicemente

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Protocollo d intesa tra Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Trento e Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Istruzione, Università e Ricerca PROTOCOLLO D INTESA tra l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Direzione Didattica 2 circolo di Santarcangelo di Romagna. L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: i Gruppi di lavoro la documentazione. A cura di Barbara Tosi

Direzione Didattica 2 circolo di Santarcangelo di Romagna. L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: i Gruppi di lavoro la documentazione. A cura di Barbara Tosi Direzione Didattica 2 circolo di Santarcangelo di Romagna L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: i Gruppi di lavoro la documentazione A cura di Barbara Tosi 1 I GRUPPI DI LAVORO GLH DI ISTITUTO GLH OPERATIVO COMMISSIONE

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. la L. 4 maggio 1983, n. 184, concernenti Diritto del minore ad una famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. la L. 4 maggio 1983, n. 184, concernenti Diritto del minore ad una famiglia ; Oggetto: DGR 13 Febbraio 2001, n. 219 : Costituzione Comitato Tecnico di Coordinamento Regionale dei servizi integrati per le adozioni nazionali ed internazionali. Modifica. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA

Dettagli

CONVENZIONE. il Comune di [della Comunità montana... / del Consorzio dei Comuni di ] rappresentato dal Sindaco [ o altro soggetto istituzionale]

CONVENZIONE. il Comune di [della Comunità montana... / del Consorzio dei Comuni di ] rappresentato dal Sindaco [ o altro soggetto istituzionale] Comune di CONVENZIONE TRA il Ministero della Pubblica Istruzione nel seguito detto "MPI" qui rappresentato dall Agenzia Nazionale per lo sviluppo dell autonomia Scolastica (ex IRRE) - Gestione Commissariale

Dettagli

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Tenendo conto di quanto indicato dal Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 14 ottobre 2015 e dall allegato D delle

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PREMESSA

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PREMESSA PIAO TRIEALE DI ITERVETO DELL AIMATORE DIGITALE PER IL PSD PREMESSA La rivoluzione digitale sta modificando in modo significativo il sistema della comunicazione, dell'informazione e della costruzione della

Dettagli

Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa

Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa Premessa Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Nicola Zompa L Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, coordinerà la

Dettagli

Assistente Sociale Specialista Comune di Melzo Responsabile Settore Servizi alla Persona

Assistente Sociale Specialista Comune di Melzo Responsabile Settore Servizi alla Persona C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lorena Trabattoni Data di nascita 2.10.1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale

Dettagli

CreActive ENTERPRISES. YOU(TH) CAN DO IT! BUSINNESS PLAN E START UP

CreActive ENTERPRISES. YOU(TH) CAN DO IT! BUSINNESS PLAN E START UP CreActive ENTERPRISES. YOU(TH) CAN DO IT! BUSINNESS PLAN E START UP E iniziato ieri, lunedì 3 maggio a Trento, il corso di formazione CreActive Enterprises. You(th) can do it!, che si rivolge a 12 giovani

Dettagli

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città Bruxelles, 28 novembre 2012 Emilio Verrengia Segretario Generale Aggiunto A.I.C.C.R.E. Vice Presidente del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio

Dettagli

Organismo paritetico sulla formazione. La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida

Organismo paritetico sulla formazione. La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida Organismo paritetico sulla formazione La cornice di riferimento: la realizzazione del Piano d Impresa e le linee guida Milano, 16 aprile 2009 Agenda Introduzione La cornice di riferimento I nostri principi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 4 CIRCOLO Rivoli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 4 CIRCOLO Rivoli RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONTO CONSUNTIVO E. F. 2014 D.I. n 44 del 01/02/2001 *********************************************************** Esaminato dalla Giunta esecutiva il Deliberato dal Consiglio d Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado SAN GIOVANNI TEATINO (CH)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado  SAN GIOVANNI TEATINO (CH) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado www.istitutocomprensivosgt.it SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Dalla parte dell Educazione Progetto di Formazione Scuola-

Dettagli

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Civitella in val di chiana Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana CONTRAENTI

Dettagli

Una Scuola Digitale. Proposta progettuale Animatore Digitale. Ins. Annalisa Taresco

Una Scuola Digitale. Proposta progettuale Animatore Digitale. Ins. Annalisa Taresco Una Scuola Digitale Proposta progettuale Animatore Digitale Ins. Annalisa Taresco Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) è un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Assessorato al coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro Assessorato all agricoltura,

Dettagli

Verso il tirocinio del 2 anno. Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011

Verso il tirocinio del 2 anno. Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011 Verso il tirocinio del 2 anno Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011 Il curricolo integrato Insegnamenti Configurazione formativa del corso di laurea: il curricolo integrato (Galliani,

Dettagli

Pratiche innovative per il sostegno e la promozione della genitorialità: il Programma PIPPI in Toscana

Pratiche innovative per il sostegno e la promozione della genitorialità: il Programma PIPPI in Toscana Pratiche innovative per il sostegno e la promozione della genitorialità: il Programma PIPPI in Toscana 30 Maggio 2016 Firenze - Palagio di Parte Guelfa Il partenariato tra la scuola, le famiglie e i servizi

Dettagli

AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO AL RIORDINO DEI LICEI Allegato n.1 SCHEDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE/FORMAZIONE I nuovi ordinamenti dei Licei, in vigore a partire dalle prime classi funzionanti nell anno

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA CONFCOOPERATIVE TOSCANA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA CONFCOOPERATIVE TOSCANA PROTOCOLLO DI INTESA tra UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA (di seguito denominato USR) e CONFCOOPERATIVE TOSCANA (di seguito denominata CONFCOOPERATIVE) Rafforzare il rapporto tra scuola e mondo

Dettagli

Gli esperti Ismu. Mariagrazia Santagati. Progetto Interculture - Fondazione Cariplo

Gli esperti Ismu. Mariagrazia Santagati. Progetto Interculture - Fondazione Cariplo Gli esperti Ismu Mariagrazia Santagati Progetto Interculture - Fondazione Cariplo Ruolo e funzioni - Garanti del contenuto che qualifica il Progetto Interculture - sulla base dell assunzione e della condivisione

Dettagli

Protocollo d intesa. tra

Protocollo d intesa. tra Protocollo d intesa tra Società Expo 2015 Spa, con sede in Milano, Via Rovello 2, codice fiscale e numero iscrizione nel Registro delle imprese di Milano: 06398130960, iscritta nel Repertorio Economico

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA

PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA PIANO TRIENNALE DELLE ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE ED ATA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE VIA COPERNICO Codice Meccanografico: RMIS071006 sede: Via Copernico,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PER LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI

Dettagli

Allegato 4 Indicatori del Programma

Allegato 4 Indicatori del Programma Allegato 4 Indicatori del Programma 20 marzo 2017 4. Indicatori del programma Introduzione metodologica alle tabelle. Indicatori di output Per ciò che concerne la identificazione dei valori target degli

Dettagli

Province autonome di Trento e di Bolzano, recante ridefinizione implementazione e

Province autonome di Trento e di Bolzano, recante ridefinizione implementazione e Bozza di Accordo, ai sensi dell art. 4 del D. Lgs. 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano, recante ridefinizione implementazione e approfondimento

Dettagli

Progetto Centro CONI di Orientamento e Avviamento allo Sport. Scuola dello Sport - Roma 19/22 ottobre 2015

Progetto Centro CONI di Orientamento e Avviamento allo Sport. Scuola dello Sport - Roma 19/22 ottobre 2015 Progetto Centro CONI di Orientamento e Avviamento allo Sport Scuola dello Sport - Roma 19/22 ottobre 2015 Premessa Il progetto Centro CONI di Orientamento e Avviamento allo sport, è il luogo ideale in

Dettagli

«Cyberbullismo e cittadinanza digitale»

«Cyberbullismo e cittadinanza digitale» «Cyberbullismo e cittadinanza digitale» FIDAE «Cyberbullismo: una sfida educativa» Istituto Gonzaga, Milano Simona Chinelli, referente cyberbullismo per l USR Lombardia L intervento 1. I documenti di riferimento

Dettagli

LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LA SCUOLA E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Con il termine Bisogno Educativo Speciale si indica una difficoltà evolutiva di funzionamento in ambito educativo e/o apprenditivo

Dettagli

FARE RETE PER COMPETERE

FARE RETE PER COMPETERE RESPONSABILITA SOCIALE E PMI FARE RETE PER COMPETERE Sostenibile e inclusiva dei sistemi produttivi veneti. AZIONE DI SISTEMA RESPONSABILMENTE COMPETITIVE, SOCIALMENTE INNOVATIVE Dipartimento Formazione,

Dettagli

NETINEUROPE PER LA SCUOLA

NETINEUROPE PER LA SCUOLA NETINEUROPE PER LA SCUOLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE PER LO SVILUPPO DEI PROGRAMMI EUROPEI Siamo un organizzazione senza scopo di lucro nata per operare nel territorio europeo con lo scopo di promuovere

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL)

ACCORDO QUADRO PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO GLI STRUMENTI DELLA LEGALITA DEI CENTRI DI PROMOZIONE DELLA LEGALITA (CPL) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio V A.T. Como - Settore regionale Ordinamenti e Politiche per gli Studenti Via Pola, 11 20124

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL EDUCAZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, TRAMITE IL DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL EDUCAZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, TRAMITE IL DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL EDUCAZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA, TRAMITE IL DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE ED IL MINISTERO DEGIL AFFARI ESTERI DEL MESSICO, TRAMITE L AMBASCIATA DEL

Dettagli

L integrazione delle politiche per le pari opportunità di genere. L esperienza della Regione Emilia-Romagna

L integrazione delle politiche per le pari opportunità di genere. L esperienza della Regione Emilia-Romagna Supplemento 2.2008 11 L integrazione delle politiche per le pari opportunità di genere. L esperienza della Regione Emilia-Romagna A cura del Gabinetto del Presidente della Giunta - Servizio Segreteria

Dettagli

L amico speciale cresce a scuola

L amico speciale cresce a scuola SUPERIAMOCI L amico speciale cresce a scuola PROGETTO INTEGRAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO 1 Superiamoci progetto inserimento ragazzi con autismo in scuole secondarie di II grado Descrizione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GESUALDO NOSENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO GESUALDO NOSENGO Percorsi formativi rivolti ai docenti specializzati sul sostegno sui temi della disabilità per la promozione di figure di coordinamento Pedagogia speciale e processi di inclusione scolastica PROF.SSA GIOVANNA

Dettagli

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I.

Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Un esperienza di rete locale co-partecipata: il Progetto V.A.I. Vincitore del PREMIO INNOVAZIONE 2007 Qualità e semplificazione A CURA DI : Rita Giannetti e Gabriella Zoff Centri Regionali di Orientamento

Dettagli

Assistenza ai processi zonali di co-progettazione

Assistenza ai processi zonali di co-progettazione Fondo Sociale Europeo Asse B Inclusione Sociale e Lotta alla Povertà Assistenza ai processi zonali di co-progettazione Servizi di accompagnamento al lavoro per persone disabili e soggetti vulnerabili 1

Dettagli

Regolamento del Tavolo Tematico. del DSS42 di cui alla L.328/00

Regolamento del Tavolo Tematico. del DSS42 di cui alla L.328/00 Regolamento del Tavolo Tematico " " del DSS42 di cui alla L328/00 Le attività di programmazione e concertazione relative alle azioni in ambito Socio Sanitario da realizzare ai sensi della Legge 328/00,

Dettagli

RIPARTIRE DALLE SCUOLE

RIPARTIRE DALLE SCUOLE RIPARTIRE DALLE SCUOLE E proprio da qui che vuole ripartire EXPOSCUOLA-YOUng in questa dodicesima edizione, dalle prassi di qualità, per chiamare a riflettere e ad interagire insegnanti, studenti, genitori,

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione MASTER UNIVERSITARIO di primo livello in FORMAZIONE INTERCULTURALE Quinta edizione, a.a.

Facoltà di Scienze della Formazione MASTER UNIVERSITARIO di primo livello in FORMAZIONE INTERCULTURALE Quinta edizione, a.a. Facoltà di Scienze della Formazione MASTER UNIVERSITARIO di primo livello in FORMAZIONE INTERCULTURALE Quinta edizione, a.a. 2007/2008 CICLO DI SEMINARI i seminari Il Master in Formazione interculturale,

Dettagli

(Art. 8 del Protocollo d Intesa Regionale, sottoscritto in data 26/11/2009)

(Art. 8 del Protocollo d Intesa Regionale, sottoscritto in data 26/11/2009) SEZIONI PRIMAVERA A.S. 2009/2010 PROGETTO DI FORMAZIONE PUGLIA (Art. 8 del Protocollo d Intesa Regionale, sottoscritto in data 26/11/2009) PREMESSA Le Sezioni Primavera rappresentano una realtà sperimentale

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TRIENNIO A.S. 2016/ / /19 ITET V. EMANUELE III Via Dante, 12 71036 LUCERA (FG) 0881 521302 0881 521303 :www.itclucera.it fgtd060005@istruzione.it fgtd060005@pec.istruzione.it C.F. 82000970713 C.U.U. UF84Z1 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI. il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità

CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI. il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI IMPARO CON LE MANI il materiale sensoriale montessoriano in sostegno alla disabilità L Associazione Montessori Brescia in collaborazione con il CNIS di Brescia

Dettagli

ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI. dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013

ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI. dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013 ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI dalla Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 alla Circolare Ministeriale n.8, del 6 marzo 2013 Direttiva Ministeriale del 27 Dicembre 2012 Con la direttiva ministeriale

Dettagli

1. Termini di riferimento per la presentazione di proposte progettuali nell Ambito tematico: Promozione della cittadinanza globale e diritti umani

1. Termini di riferimento per la presentazione di proposte progettuali nell Ambito tematico: Promozione della cittadinanza globale e diritti umani ALLEGATO B Regione Toscana Direzione generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle attività internazionali PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con sede legale a Roma, via Ulpiano, 11-00184 Roma, qui di seguito denominato "Dipartimento", nella

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR. L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR. L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MIUR E L Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (nel seguito denominata AIIG, rappresentata dal Presidente Ministero dell Istruzione,dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

Il CLIL nei licei linguistici. Le norme transitorie. Letizia Cinganotto

Il CLIL nei licei linguistici. Le norme transitorie. Letizia Cinganotto Il CLIL nei licei linguistici Le norme transitorie Letizia Cinganotto Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per l Autonomia scolastica MIUR Genova, 4 ottobre 2013 CLIL La linea della D.G.

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na)

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) SCUOLA STATALE SECONDARIA DI 1 GRADO GOBETTI-DE FILIPPO - QUARTO (Na) Progetto triennale di intervento dell animatore digitale Prof. Rossana Marino da inserire nel per il PTOF Premessa L Animatore Digitale

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Verso il nuovo Piano sociale regionale

Assessorato alle Politiche Sociali. Verso il nuovo Piano sociale regionale Assessorato alle Politiche Sociali Verso il nuovo Piano sociale regionale Il sociale in Abruzzo: alcuni dati del Profilo Sociale Regionale La Regione Abruzzo sta redigendo, attraverso un percorso partecipato,

Dettagli

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE PER L'INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E DELLE LORO FAMIGLIE. IL CONSIGLIO

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA COMUNALE PER L'INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E DELLE LORO FAMIGLIE. IL CONSIGLIO P.G. N.: 78687/2001 N. O.d.G.: 190/2001 N. Archivio: 108 Data Seduta Giunta: 22/05/2001 Data Seduta Consiglio: 10/09/2001 Data Pubblicazione: 12/09/2001 Data Esecutività: 22/09/2001 ISTITUZIONE DELLA CONSULTA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: I Giovani per il Lavoro SETTORE e Area di Intervento: Settore E Educazione e Promozione Culturale 11 Sportelli Informa Gli obiettivi generali

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT POLITICHE MIGRATORIE E INTEGRAZIONE SOCIALE DETERMINAZIONE

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT POLITICHE MIGRATORIE E INTEGRAZIONE SOCIALE DETERMINAZIONE REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT POLITICHE MIGRATORIE E INTEGRAZIONE SOCIALE DETERMINAZIONE N. G01751 del 18/02/2014 Proposta n. 2062 del 11/02/2014

Dettagli

RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA

RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Programmazione Sociale RAGAZZI STRANIERI A SCUOLA tavolo provinciale di coordinamento e azioni di supporto nell area dell integrazione socio-culturale e dell intercultura

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624 100 13.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 33 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 624 Legge regionale 41/2005. Protocollo d intesa fra Regione Toscana e Centro Nazionale per il Volontariato.

Dettagli