PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA"

Transcript

1 PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO REGIONE CALABRIA Distretto socio-assistenziale sud della Locride BOVALINO 1

2 SCHEDE INTERVENTO 1. Sostegno diretto alla gestione di strutture e servizi a titolarità pubblica Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Regolamento servizi integrativi Regionale di Distretto Comunale b. Titolo del progetto Sostegno alla gestione di un asilo nido del Comune di Gerace c. Soggetto attuatore Comune di Gerace d. Comune Gerace e. Responsabile Unico di Procedimento (RUP) Loredana Panetta f. Contatti del RUP g. Importo richiesto a valere ,00 sul PAC ( ) - per posti utente aggiuntivi ( ) 10 - per mantenimento del servizio ( ) - per estensione orario e periodo ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione Gestione del micro nido a titolarità pubblica del comune di gerace con ampliamento dei posti disponibili. Il servizio sarà affidato in gestione a terzi. E prevista la compartecipazione delle famiglie così come indicato al punto 3 e 4 del formulario. b. Utenti attuali 0 c. Utenti sostenuti dal PAC 10 - di cui aggiuntivi 10 - di cui garantito il mantenimento d. N ore erogate/ mensilità attuali e. N ore erogate/ mensilità aggiuntive C. Piano delle spese Tipologia di spesa Quantità Costo Gestione (coordinatore pedagogico, educatore personale ausiliario, e amministrativo) ,20 Spesa per erogazione pasti ,00 Spese generali (pulizia, utenze, materiali di consumo) 4.840,80 2

3 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,00 D. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 1 semestre 2 semestre , , ,27 Tavola A Elenco delle strutture a titolarità pubblica destinatarie di risorse PAC Comune responsabile Gerace Denominazione della struttura Asilo Nido Comunale Tipologia di servizio Micro-nido Tipologia di gestione Appalto pubblico Utenti attuali Utenti di cui il PAC garantisce il mantenimento

4 2. Sostegno diretto alla gestione di strutture e servizi a titolarità pubblica Scheda n.: 2 B. Dati identificativi a. Regolamento servizi integrativi Regionale di Distretto Comunale b. Titolo del progetto Sostegno alla gestione di un asilo nido del Comune di Sant Ilario dello Jonio c. Soggetto attuatore Comune di Sant Ilario dello Jonio d. Comune Sant Ilario dello Jonio e. Responsabile Unico di Procedimento (RUP) Caterina Fera f. Contatti del RUP Tel/Fax g. Importo richiesto a valere ,00 sul PAC ( ) - per posti utente aggiuntivi ( ) 0 - per mantenimento del servizio ( ) 9 - per estensione orario e periodo ( ) 0 E. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione L intervento previsto è finalizzato al mantenimento dei livelli attuali di servizio in micro-nido per bambini da 12 a 36 mesi. Il servizio sarà affidato in gestione a terzi. E prevista la compartecipazione delle famiglie così come indicato al punto 3 e 4 del formulario. b. Utenti attuali 12 c. Utenti sostenuti dal PAC 9 - di cui aggiuntivi 0 - di cui garantito il mantenimento 9 d. N ore erogate/ mensilità attuali e. N ore erogate/ mensilità aggiuntive F. Piano delle spese Tipologia di spesa Quantità Costo Gestione ,28 4

5 Spesa per erogazione pasti (appalto) 9.900,00 Spese generali (pulizia, utenze, materiali di consumo) 2.656,72 totale ,00 G. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 1 semestre 2 semestre , , ,00 Tavola A Elenco delle strutture a titolarità pubblica destinatarie di risorse PAC Comune responsabile Sant Ilario dello Jonio Denominazione della struttura Asilo Nido comunale Tipologia di servizio Micro-nido Tipologia di gestione Appalto pubblico Utenti attuali Utenti di cui il PAC garantisce il mantenimento

6 2. Acquisto di posti-utente per servizi in strutture convenzionate (nidi e servizi integrativi) Scheda n.: 1 A. Dati identificativi a. Regolamento servizi integrativi b. Regolamento sui servizi privati X Regionale di Distretto Comunale X Regionale di Distretto Comunale c. Sistema standard di tariffazione Regionale (Reg. Puglia) X di Distretto Comunale d. Accreditamento X Regionale Distretto Comunale e. Titolo del progetto Acquisto di posti in strutture convenzionate del Distretto Socio Sanitario Sud della Locride/Bovalino f. Soggetto attuatore Distretto Socio-Sanitario Sud della Locride - Bovalino g. Comune h. Responsabile Unico di Procedimento (RUP) Marcello Primerano i. Contatti del RUP j. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) ,00 di cui , ,44 B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione Acquisto di posti utente in asili nido, micro-nido, centri per bambini e genitori, spazi gioco per bambini e servizi in contesto domiciliare. Il territorio è carente di strutture pubbliche da destinare ai servizi di cui sopra, per cui è necessario intervenire con l acquisto di posti presso le strutture private che si accrediteranno a norma di legge e che garantiranno la continuità del servizio. In particolare per quanto riguarda l acquisto di posti utente in servizi integrativi, si prevede 3 ore al giorno per 3 giorni alla settimana per 43 settimane (10 mesi) e la compartecipazione delle famiglie alle spese, come indicato al punto 3 e 4 del formulario. 6

7 b. Posti attualmente acquistati nelle strutture 0 0 c. Posti aggiuntivi acquistati C. Piano delle spese Tipologia di spesa Quantità Costo Acquisto posti utente in nidi e micro-nidi ,56 Acquisto posti utente in servizi integrativi (centri per bambini e genitori, spazi gioco per bambini, servizi in contesto domiciliare così come definiti dalla L.R. n.15 del e dal relativo Regolamento attuativo) ,44 Totale = Importo richiesto a valere sul PAC ,00 Data avvio fase D. Iter procedurale e tempistica (mese e anno) a. Individuazione del fornitore privato e stipula della convenzione Giugno 2014 b. Erogazione dei servizi agli utenti Settembre 2014 E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 1 semestre 2 semestre , , ,33 7

8 3. Erogazione di buoni servizio a sostegno delle famiglie Scheda n.: A. Dati identificativi a. Tipologia di servizio Nido/micro-nido Servizio integrativo b. Regolamento servizi integrativi Regionale di Distretto Comunale c. Regolamento sui servizi privati Regionale di Distretto Comunale d. Sistema standard di tariffazione e. Catalogo dell offerta (Accreditamento) Regionale di Distretto Comunale Regionale di Distretto Comunale f. Titolo del progetto Buoni servizio per la prima infanzia Distretto di /Comune di g. Soggetto attuatore h. Comune i. Responsabile Unico di Procedimento (RUP) j. Contatti del RUP k. Importo richiesto a valere sul PAC ( ) B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Descrizione b. Tariffa minima/massima applicabile / c. Livello minimo/massimo di compartecipazione delle famiglie / d. N posti minimo acquistabile C. Budget Tipologia di spesa: Erogazione di contributi a individui Costo Totale = Importo richiesto a valere sul PAC D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (mese e anno) a. Accreditamento/composizione del catalogo dell offerta b. Individuazione delle famiglie beneficiarie e erogazione dei servizi agli utenti E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 1 semestre 2 semestre 8

9 9

10 4. Realizzazione di opere pubbliche Scheda n.: A. Dati identificativi a. Tipologia di servizio Nido/micro-nido Servizio integrativo b. Regolamento servizi integrativi Regionale di Distretto Comunale c. Titolo del progetto a titolarità pubblica nel Comune di d. Struttura e. Comune e indirizzo f. Soggetto attuatore g. Responsabile Unico di Procedimento (RUP) h. Contatti del RUP i. Tipologia di gestione j. Importo totale dell intervento - Importo richiesto a valere sul PAC ( ) - Altre fonti k. Livello di progettazione B. Dettagli dell intervento e risultati attesi a. Tipologia di intervento b. Descrizione c. Modalità di gestione prevista d. N posti previsti e. Livello di progettazione f. Data ed estremi di approvazione della progettazione fornita C. Piano delle spese a. Tipologia di spesa Quantità Costo Progettazione Opere e impianti Allestimenti D. Iter procedurale e tempistica Data avvio fase (mese e anno) 10

11 a. Progettazione esecutiva b. Esecuzione lavori c. Collaudo d. Funzionalità E. Cronoprogramma di spesa semestre 1 semestre 2 semestre 1 semestre 2 semestre LEGALE RAPPRESENTANTE Tommaso MITTIGA 11

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia

PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia PIANO D AZIONE PER LA COESIONE Servizi di cura per anziani non autosufficienti e per la prima infanzia Linee guida e Formulari per gli Ambiti territoriali della Regione Puglia Il Programma servizi di cura

Dettagli

Distretto Socio Sanitario n. 35

Distretto Socio Sanitario n. 35 Denominazione del Distretto socio-sanitario Comune Capofila Dati contabili e fiscali Sede Indirizzo di PEC del Comune Capofila Contatto Email, Telefono Distretto Socio Sanitario n. 5 Petralia Sottana Codice

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE

PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE PIANO DI AZIONE PER LA COESIONE Programma Nazionale per i Servizi di cura all infanzia e agli anziani non autosufficienti Dipartimento Politiche Sociali - CISL Campania Il Piano di Azione per la Coesione

Dettagli

Piano Straordinario per lo Sviluppo del Sistema Integrato dei Servizi Socio- educativi per la prima infanzia

Piano Straordinario per lo Sviluppo del Sistema Integrato dei Servizi Socio- educativi per la prima infanzia UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Dipartimento 10 - Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO NIDI D

Dettagli

Anno scolastico Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia. Spesa pubblica da Utenti

Anno scolastico Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia. Spesa pubblica da Utenti Anno scolastico 2010-2011 Asilo Nido Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia Alfano Alfano Camerota Camerota Casaletto Spartano Casaletto Spartano Caselle in Pittari Caselle in Pittari Celle

Dettagli

SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE POLLICINO PROGETTO (ART.279 DEL DPR 207/2010)

SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE POLLICINO PROGETTO (ART.279 DEL DPR 207/2010) / COMUNE DI QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia www.comunequartodaltino.ve.it PEC: comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it Servizio alla Persona - Ufficio Servizi Sociali Piazza S. Michele n. 48 30020 Tel

Dettagli

"START-UP 2014/2015" AVVISO PUBBLICO

START-UP 2014/2015 AVVISO PUBBLICO D I R E Z I O N E R E G I O N A L E P O L I T I C H E S O C I A L I, A U T O N O M I E, S I C U R E Z Z A E S P O R T A R E A S O S T E G N O A L L A F A M I G L I A E A I M I N O R I Allegato "A" "START-UP

Dettagli

COMUNE DI PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO. Oggetto: Convenzione fra il Comune di Pergine Valsugana ed il Comune di

COMUNE DI PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO. Oggetto: Convenzione fra il Comune di Pergine Valsugana ed il Comune di COMUNE DI PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Prot. nº Oggetto: Convenzione fra il Comune di Pergine Valsugana ed il Comune di Baselga di Pinè per l estensione dell area di utenza nidi d infanzia del

Dettagli

- CRITERI DI RIPARTO Approvati dall Assemblea dei Sindaci nella seduta del 14 settembre 2017

- CRITERI DI RIPARTO Approvati dall Assemblea dei Sindaci nella seduta del 14 settembre 2017 FONDO SOCIALE REGIONALE PER I SERVIZI E GLI INTERVENTI SOCIALI (CIRCOLARE 4) ANNO 2017 - CRITERI DI RIPARTO Approvati dall Assemblea dei Sindaci nella seduta del 14 settembre 2017 REQUISITI DI ACCESSO

Dettagli

Città di Vittoria (Provincia di Ragusa)

Città di Vittoria (Provincia di Ragusa) Città di Vittoria (Provincia di Ragusa) DISTRETTO SOCIO-SANITARIO D 43 VITTORIA-COMISO -ACATE IL COMITATO DEI SINDACI Data...21.11.2013... Verbale di Adozione del Piano di Azione e Coesione per la formulazione

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE. Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna LORO SEDI

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE. Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna LORO SEDI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI Servizio Programmazione Sociale e dei supporti alla Direzione Generale prot. n. 5336 Cagliari,14 dicembre

Dettagli

Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica

Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI DI SVILUPPO E DI COESIONE DOCUMENTO DI DISCUSSIONE SUL MONITORAGGIO PROCEDURALE DEI PROGRAMMI COFINANZIATI

Dettagli

ALLEGATO 7. Nome del Servizio / progetto: ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER DIVERSAMENTE ABILI

ALLEGATO 7. Nome del Servizio / progetto: ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER DIVERSAMENTE ABILI ALLEGATO 7 Scheda per la progettazione di dettaglio dei Servizi Ambito N.17 Codice Area Intervento: 5.2 (il codice deve corrispondere a quello indicato nelle schede 3.3) Area di intervento: DISABILI Progetto

Dettagli

Same PROfilesfor Unique Training. in ECEC service

Same PROfilesfor Unique Training. in ECEC service Same PROfilesfor Unique Training in ECEC service IL CASO ITALIANO La situazione dei servizi socio-educativi per l infanzia in Italia Nidi d infanzia (fascia 0-3) Scuole d infanzia (fascia 3-6) Andamentopopolazione0-2anni

Dettagli

Alcuni dati relativi ai servizi educativi per la prima infanzia in Emilia Romagna da rilevazione Anno

Alcuni dati relativi ai servizi educativi per la prima infanzia in Emilia Romagna da rilevazione Anno Alcuni dati relativi ai servizi educativi per la prima infanzia in Emilia Romagna da rilevazione Anno 2009-2010 1 SPI-ER Il Sistema informativo Prima Infanzia dell Emilia Romagna Unità di rilevazione:

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2015/16 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASILO NIDO MEDIANTE VOUCHER

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2015/16 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASILO NIDO MEDIANTE VOUCHER DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022 Castelvetrano (TP) Tel. 0924/909103 Fax 0924/902203

Dettagli

Piano di Azione e Coesione PAC Servizi di cura all infanzia. Adozione del Piano Territoriale di Intervento

Piano di Azione e Coesione PAC Servizi di cura all infanzia. Adozione del Piano Territoriale di Intervento + Regione Calabria ASP Crotone Comune di Crotone Comune di Cutro Comune di Isola C.R. Comune di Rocca di Neto Comune di Scandale Comune di San Mauro M. Comune di Belvedere S. DISTRETTO SOCIO ASSISTENZIALE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE BITONTO PALO DEL COLLE Servizio per il Piano Sociale di Zona. Iscritto al n. 130 del Registro Determinazioni in data 08/02/2017

AMBITO TERRITORIALE BITONTO PALO DEL COLLE Servizio per il Piano Sociale di Zona. Iscritto al n. 130 del Registro Determinazioni in data 08/02/2017 AMBITO TERRITORIALE BITONTO PALO DEL COLLE Servizio per il Piano Sociale di Zona Iscritto al n. 10 del Registro Determinazioni in data 08/02/2017 Numero Settoriale n. 10 del 08/02/2017 Oggetto: PAC INFANZIA

Dettagli

2. La Rete dei servizi educativi 0-3

2. La Rete dei servizi educativi 0-3 2. La Rete dei servizi educativi 0-3 Cosa trovo in questo capitolo Notizie sui servizi educativi cittadini Che tipologie di servizi ci sono Come sono gestiti Come fa il Comune a garantire la qualità ai

Dettagli

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi Scheda Attivita' / Intervento ENAC/KR/10 Data Stampa : 15/01/2009 Data aggiornamento codici: 15/01/2009 Intesa Governo / Regione: Accordo di Programma Quadro: Responsabile Accordo: CALABRIA Atto di raccordo

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DEL FORMULARIO PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DEL

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI SOCIO- EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (ART.10 LEGGE REGIONALE 30/2005)

PROGRAMMA ANNUALE SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI SOCIO- EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (ART.10 LEGGE REGIONALE 30/2005) ALLEGATO A PROGRAMMA ANNUALE 2016 - SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI SOCIO- EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (ART.10 LEGGE REGIONALE 30/2005) Indice Premesse 2 Finalità 2 I servizi educativi per la prima infanzia:

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA C /te. 3 S R\i 1)1 CURA all'infanna «a (li anziani PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER GLI ANZIANI PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1348 SEDUTA DEL 21/11/2016 OGGETTO: Programma annuale del sistema integrato dei servizi socio-educativi per la prima infanzia per

Dettagli

1. Criteri per l accesso ai contributi per il sostegno all utilizzo degli asili-nido e micro-nidi privati, baby-parking e nidi in famiglia

1. Criteri per l accesso ai contributi per il sostegno all utilizzo degli asili-nido e micro-nidi privati, baby-parking e nidi in famiglia Allegato 1 1. Criteri per l accesso ai contributi per il sostegno all utilizzo degli asili-nido e micro-nidi privati, baby-parking e nidi in famiglia a) Destinatari dei contributi I contributi regionali

Dettagli

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare Nidi e servizi : l indagine sulla spesa sociale dei Comuni Giulia Milan - Istat Servizio Sanità e assistenza Unità Operativa Interventi e servizi sociali

Dettagli

AMBITO DISTRETTUALE URBANO PRESTAZIONI CONDIZIONATE ALL'ISEE E SOGGETTE A DICHIARAZIONE IN DSU

AMBITO DISTRETTUALE URBANO PRESTAZIONI CONDIZIONATE ALL'ISEE E SOGGETTE A DICHIARAZIONE IN DSU Il Comune di Pordenone, su richiesta o autorizzazione dell'interessato, rilascia ATTESTAZIONE complessiva dei trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari non soggetti ad IRPEF e non erogati

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE Allegato 1 a) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2011

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2011 Conferenza le Regioni e le Province Autonome M inistero L avoro e le Politiche social ociali Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2011 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO

Dettagli

COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI

COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI COMUNITA MONTANA MAIELLETTA PENNAPIEDIMONTE PROVINCIA DI CHIETI ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA Seduta del 6 SETTEMBRE 2011 N. 47 OGGETTO: AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N. 27 MAIELLETTA. L.R.

Dettagli

Piano di Zona distrettuale per la salute e il benessere sociale Programma Attuativo 2011

Piano di Zona distrettuale per la salute e il benessere sociale Programma Attuativo 2011 Nuovi strumenti integrati di programmazione territoriale, monitoraggio e valutazione Piano di Zona distrettuale per la salute e il benessere sociale 2009-2011 Programma Attuativo 2011 Assessorato Politiche

Dettagli

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi Scheda Attivita' / Intervento ENAC/CZ/03 Data Stampa : 16/01/2009 Data aggiornamento codici: 15/01/2009 Intesa Governo / Regione: Accordo di Programma Quadro: Responsabile Accordo: CALABRIA Atto di raccordo

Dettagli

UFFICI DI PIANO CHIAVENNA

UFFICI DI PIANO CHIAVENNA UFFICI DI PIANO CHIAVENNA ENTE GESTORE: COMUNITA MONTANA DELLA VALCHIAVENNA SERVIZI PER DISABILI Gli interventi di seguito descritti sono a carattere socio-assistenziale e sono rivolti a disabili adulti

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 24502 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 18-5-2017 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE 9 maggio 2017, n. 502 Approvazione Avviso Pubblico per

Dettagli

La Dirigente della Sezione

La Dirigente della Sezione 38042 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE 29 giugno 2017, n. 663 Chiusura e cessazione degli effetti del Catalogo telematico di cui alla D.D. 634 del 07.08.2015

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. - Al Consorzio Sociale Pavese è stato assegnato l importo di ,00;

AVVISO PUBBLICO. - Al Consorzio Sociale Pavese è stato assegnato l importo di ,00; AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI SERVIZI, DEGLI INTERVENTI E DELLE UNITÀ DI OFFERTA SOCIALI PRESENTI NEL TERRITORIO DEL CONSORZIO SOCIALE PAVESE, A VALERE SUL FONDO SOCIALE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre 43058 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 settembre 2015, n. 1640 Attuazione dell art. 32 del Reg. R. 18 gennaio 2007, n. 4, per la determinazione della tariffa di riferimento regionale per le prestazioni

Dettagli

10 - Scheda Progetto: LOMSC12

10 - Scheda Progetto: LOMSC12 Intesa: Strumento: Responsabile Strumento: LOMBARDIA Accordo di Programma Quadro - Atto integrativo dell'accordo di Programma Quandro in Materia di Sanità Dr. Walter Bergamaschi - Direttore Generale Salute

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.18 COMMA 1 DELLA LEGGE 1\1/02/1994 N.109

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.18 COMMA 1 DELLA LEGGE 1\1/02/1994 N.109 (Provincia di Caserta) REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.18 COMMA 1 DELLA LEGGE 1\1/02/1994 N.109 E SUCCEDSSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI (Approvato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D 48

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D 48 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D 48-021.00011111%,, +-..rír SIRACOSA. BUCCHERI, BUSCEN1I, CANICATTINI, CASSARO, FERLA, F LORIDIA. PRI OLO,. PALAZZOLCL SOLARINO. SORTINO IL COMITATO DEI SINDACI Delibera di

Dettagli

Requisiti di accreditamento per le Unità d'offerta Sociale per la prima infanzia

Requisiti di accreditamento per le Unità d'offerta Sociale per la prima infanzia Requisiti di accreditamento per le Unità d'offerta Sociale per la prima infanzia Approvato dall'assemblea dei Sindaci del Distretto Sociale 6 ASL Milano 2 in data 9 febbraio 2011 Premessa: L accreditamento

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Mercoledì 01 giugno 2016

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Mercoledì 01 giugno 2016 6 Bollettino Ufficiale D.G. Reddito di autonomia e inclusione sociale D.d.g. 27 maggio 2016 - n. 4830 Approvazione disposizioni attuative per l applicazione della misura «Nidi Gratis», ai sensi della d.g.r.

Dettagli

Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015

Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015 Determinazione del dirigente Numero 1548 del 18/12/2015 Oggetto : 05 PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014. PRESTAZIONI INTEGRATIVE PER UTENTI IN RESIDENZA PROTETTA, ACCERTAMENTO E IMPEGNO DI SPESA. Proponente

Dettagli

ALLEGATOB2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8

ALLEGATOB2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8 ALLEGATOB2 alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/8 FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 5 SVILUPPO LOCALE Linea di intervento 5.3: Riqualificazione dei centri urbani e della loro capacità

Dettagli

INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98. Disabilità. LIVEAS Assistenza Domiciliare. 2. Progetto già avviato.

INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98. Disabilità. LIVEAS Assistenza Domiciliare. 2. Progetto già avviato. INTERVENTI DI AIUTO ALLE PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA L.162/98 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Disabilità 5.

Dettagli

ALLEGATOA2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8

ALLEGATOA2 alla Dgr n del 05 agosto 2014 pag. 1/8 ALLEGATOA2 alla Dgr n. 1420 del 05 agosto 2014 pag. 1/8 FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 5 SVILUPPO LOCALE Linea di intervento 5.2: Progetti integrati di area o di distretto turistici

Dettagli

SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO LAVORI PUBBLICI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI NEI FABBRICATI COMUNALI PROGETTO PRELIMINARE - DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO:

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>>

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>> Comune Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Maglie Bagnolo del Cannole Castrignano Corigliano Cursi Giurdignano Melpignano Muro

Dettagli

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale I requisiti di accesso per il personale dei servizi IL PERSONALE DEI SERVIZI EDUCATIVI Educatori Personale ausiliario Coordinatori

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Centri Diurni per Anziani Interventi per la Realizzazione, potenziamento e riqualificazione di Centri Diurni per Anziani

AVVISO PUBBLICO Centri Diurni per Anziani Interventi per la Realizzazione, potenziamento e riqualificazione di Centri Diurni per Anziani UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Dipartimento n.10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato POR CALABRIA FONDO EUROPEO

Dettagli

All. 1. Ambito sociale S9/ Distretto sanitario n. 71

All. 1. Ambito sociale S9/ Distretto sanitario n. 71 Piano di Azione Coesione Programma nazionale per i Servizi di Cura all Infanzia e agli Anziani non autosufficienti Piani di intervento Rimodulazione dei cronoprogrammi di spesa ANZIANI All. 1 Ambito sociale

Dettagli

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni;

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni; Oggetto DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA MISURA INNOVATIVA A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA PER I CARICHI DI CURA ACCESSORI DELLA PERSONA RICOVERATA IN UNITÀ D OFFERTA RESIDENZIALI PER ANZIANI VISTI: il D. Lgs.

Dettagli

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA

PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA PIANO DI AZIONE COESIONE PIANO DI INTERVENTO SERVIZI DI CURA PER L INFANZIA PRIMO RIPARTO DEL PROGRAMMA SERVIZI DI CURA SCHEDE INTERVENTO DA ALLEGARE AL FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI PORTO SALVO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI MELITO DI PORTO SALVO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI MELITO DI PORTO SALVO Provincia di Reggio Calabria Verbale di deliberazione della COMMISSIONE STRAORDINARIA con le funzioni della GIUNTA COMUNALE N. 137 Reg. Delib. C.S. Del 05.12.2013 Oggetto:

Dettagli

I Buoni di Servizio per la Prima Infanzia: Nuove modalità di geshone

I Buoni di Servizio per la Prima Infanzia: Nuove modalità di geshone AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL WELFARE Servizio PoliHche di Benessere Sociale e Pari Opportunità I Buoni di Servizio per la Prima Infanzia:

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. III ann. x Progetto di durata triennale AMBITO TERRITORIALE N. 2: Comuni di Acquaviva

Dettagli

Prestazioni condizionate all'isee

Prestazioni condizionate all'isee AMBITO DISTRETTUALE OVEST DI SACILE Prestazioni condizionate all'isee Di seguito si rappresenta una descrizione dettagliata del tipo di ISEE che viene richiesto per i vari interventi/prestazioni e servizi

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza Allegato a Delibera di Consiglio Comunale n.9 del 14.03.15 COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza Settore Servizi alla Persona - Ufficio Servizi Sociali - Tel. 0523 780323 Fax 0523 782033 e-mail: servizi-sociali.rottofreno@sintranet.it

Dettagli

CUP: DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA

CUP: DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA Allegato Scheda per la presentazione della proposta progettuale CIRCOLARE - Programmazione MiBACT SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA PROPOSTA CUP:. 1.1 - DENOMINAZIONE/TITOLO DELL INTERVENTO OGGETTO DELLA PROPOSTA

Dettagli

CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA

CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA CHECK LIST FASCICOLO DI PROGETTO PER OPERE PUBBLICHE REGIA Progetto: Codice Operazione: Smile Asse: Ob.Op. Beneficiario Operazione: Cup Data Dati Finanziari Contributo Fesr Cofinanziamento nazionale (stato

Dettagli

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI CPEL - Prot. 0000848/2015 del 14/09/2015 pos. 3.1.2 I ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI PROPOSTA DI

Dettagli

QUADRO DEI BENEFICI PER I QUALI HA RILEVANZA L ISEE Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

QUADRO DEI BENEFICI PER I QUALI HA RILEVANZA L ISEE Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016 QUADRO DEI BENEFICI PER I QUALI HA RILEVANZA L ISEE Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016 Prestazione MISURA ATTIVA DI SOSTEGNO AL REDDITO FONDO DI SOLIDARIATA' REGIONALE - misura abolita art. 13 L.R.

Dettagli

Asili nido (a cura del Settore Pubblica Istruzione)

Asili nido (a cura del Settore Pubblica Istruzione) pag. 84 Asili nido Nei 7 asili nido comunali nell anno scolastico 2011/2012 sono stati inseriti bambini da 3 mesi a 3 anni. Per la frequenza erano previste una retta base di 481,00 e rette agevolate determinate

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2014 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2014 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2014 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Per il quarto anno, con il Bando Un asilo nido per ogni bambino ( Bando ), Fondazione aiutare i bambini onlus e Fondazione CON IL

Dettagli

DECRETO N Del 04/08/2017

DECRETO N Del 04/08/2017 DECRETO N. 9747 Del 04/08/2017 Identificativo Atto n. 145 DIREZIONE GENERALE REDDITO DI AUTONOMIA E INCLUSIONE SOCIALE Oggetto POR FSE 2014-2020 (ASSE II AZIONE 9.3.3) - APPROVAZIONE, AI SENSI DELLA DGR

Dettagli

Piano di Miglioramento Prime indicazione in ordine agli effetti sulla spesa degli enti del sistema pubblico provinciale

Piano di Miglioramento Prime indicazione in ordine agli effetti sulla spesa degli enti del sistema pubblico provinciale Piano di Miglioramento Prime indicazione in ordine agli effetti sulla spesa degli enti del sistema pubblico provinciale Provincia Autonoma di Trento Trento, luglio 2012 Piano di miglioramento 2 Deloitte

Dettagli

L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo

L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo 1. I destinatari dei servizi e degli interventi LA PRESA IN CARICO DEL CITTADINO E L APERTURA DELLA CARTELLA SOCIALE

Dettagli

ELENCO ENTI ACCREDITATI (aggiornato al 31/12/2015)

ELENCO ENTI ACCREDITATI (aggiornato al 31/12/2015) ALLEGATO D.D.n._161 del 13/04/2016_ DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N 7 PROVINCIA DI AGRIGENTO Santa Margherita B Menfi Sambuca di Sicilia Sciacca Caltabellotta Montevago A. S.P. Agrigento Capofila ELENCO

Dettagli

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati)

ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) ALLEGATO B (Beneficiari soggetti privati) PROCEDURE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A CARICO DI REGIONE LOMBARDIA IN ATTUAZIONE DELLE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA FONDAZIONE CARIPLO INTERVENTI EMBLEMATICI

Dettagli

Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA

Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA Sabato 8 marzo 2008 Dott.sse Francesca Bianchi, Teresa Pandolfo, Francesca Salvi Quali sono i servizi alle famiglie e ai bambini? ma io, in tutto questo,

Dettagli

Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017

Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017 Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017 Sez. A - Informazioni preliminari 1. Titolo e sottotitolo (Inserire il titolo del progetto ed un eventuale sottotitolo) Doposcuola?! un gioco da ragazzi!" 2. Comune

Dettagli

Articolo 3. Documentazione da allegare alla domanda di autorizzazione

Articolo 3. Documentazione da allegare alla domanda di autorizzazione La domanda per il rilascio dell autorizzazione al funzionamento deve essere presentata al Servizio Asili Nido e Servizi Complementari del Comune di Firenze da parte del Rappresentante Legale dell istituzione,

Dettagli

COMUNE DI SAN ZENO NAVIGLIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI SAN ZENO NAVIGLIO PROVINCIA DI BRESCIA assistenza/bozza accordo sindacati pensionati 2012 VERBALE DI ACCORDO Al fine d intervenire in favore delle aree socialmente più deboli, in base alla legge quadro 328/2000 e agli indirizzi programmatici

Dettagli

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione DIRITTI DEI BAMBINI E DOVERI DEGLI ADULTI 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia LIVEAS Assistenza

Dettagli

COMUNE DI SERRAMAZZONI

COMUNE DI SERRAMAZZONI COMUNE DI SERRAMAZZONI PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO: SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CULTURALE EDUCATIVO UFFICIO: SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATORE PROFESSIONALE, TRASPORTI E

Dettagli

L.R. n. 17/2000, art. 3 B.U.R. 12/12/2001, n. 50. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 28 novembre 2001, n. 0454/Pres.

L.R. n. 17/2000, art. 3 B.U.R. 12/12/2001, n. 50. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 28 novembre 2001, n. 0454/Pres. L.R. n. 17/2000, art. 3 B.U.R. 12/12/2001, n. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 28 novembre 2001, n. 0454/Pres. Regolamento per la concessione dei contributi per la «Realizzazione di progetti antiviolenza

Dettagli

Anno XLIV - N.41 Speciale ( ) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013.

Anno XLIV - N.41 Speciale ( ) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013. Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013 Asili Nido Pag. 2 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIV - N. 41

Dettagli

Con la DGR 2413 del 2011 la Regione Lombardia riconosce alle famiglie un contributo per:

Con la DGR 2413 del 2011 la Regione Lombardia riconosce alle famiglie un contributo per: UFFICIO DI PIANO Piano di Zona per i Servizi Sociali Distretti di Casalpusterlengo Sant Angelo giano Tel.: 0371 409332 Fax: 0371 409453 E-mail:ufficiodipiano@comune.lodi.it DGR 2413 RIPARTIZIONE DELLA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 68 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Politiche Formative, Beni e Attività Culturali Area di Coordinamento Orientamento, Istruzione, Formazione

Dettagli

COMUNE DI COLORNO. Provincia di Parma PROGETTO HOME CARE PREMIUM ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI.

COMUNE DI COLORNO. Provincia di Parma PROGETTO HOME CARE PREMIUM ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI. COMUNE DI COLORNO Provincia di Parma DETERMINAZIONE N. 64 Data di Registrazione 24/02/ OGGETTO: PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2012. ELENCHI BENEFICIARI E RELATIVI PROVVEDIMENTI. IL RESPONSABILE DEL IV SETTORE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CITTA DI BARLETTA Medaglia d Oro al Valore Militare e al Merito Civile Città della Disfida SETTORE MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 1212 del 02/07/2015 Determina n. 1003 del 10/07/2015

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1334 SEDUTA DEL 21/11/2016 OGGETTO: DGR N. 444 del 26/04/2016 Programma attuativo del D.P.C.M. 7 agosto 2015, recante riparto di

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA PER LO SVILUPPO E LA QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI IN ETA 0-3 ANNI ANNO 2002 In attuazione degli indirizzi consiliari triennali di cui all atto C.P. 29/10/01 n.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 116 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 116 del 50197 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 settembre 2016, n. 1505 POR Puglia 2014-2020 OT IX Linea di Azione 9.7. Indirizzi operativi per l avvio delle procedure di selezione dei beneficiari dei buoni

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO N. 3 - Acquisto di scuolabus REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA OBIETTIVO I /INDICATORE S01 A. DATI IDENTIFICATIVI

SCHEDA INTERVENTO N. 3 - Acquisto di scuolabus REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA OBIETTIVO I /INDICATORE S01 A. DATI IDENTIFICATIVI Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 13/1 del 17.3.2016 Allegato n. 6 alla DGR del A. DATI IDENTIFICATIVI Titolo Tipologia Settore Localizzazione Acquisto di scuolabus Acquisizione di beni e servizi Servizi

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 2487 del 10/10/2013 OGGETTO: SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA. PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI CAPO D'ORLANDO

COMUNE DI CAPO D'ORLANDO 1/5 COMUNE DI CAPO D'ORLANDO Città Metropolitana di Messina AREA SOCIO ASSISTENZIALE COPIA DETERMINAZIONE REGISTRO GENERALE N. 1131 del 07-11-2016 OGGETTO: PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER CURRICULA

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA SERVIZI E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO STRUTTURE E INTERVENTI PER DISABILITA`, CASA,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 7. Modifiche urgenti al Regolamento Regionale n. 4 del 18 gennaio 2007 e s.m.i.

REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 7. Modifiche urgenti al Regolamento Regionale n. 4 del 18 gennaio 2007 e s.m.i. 12405 REGOLAMENTO REGIONALE 18 aprile 2012, n. 7 Modifiche urgenti al Regolamento Regionale n. 4 del 18 gennaio 2007 e s.m.i. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121 della Costituzione, così

Dettagli

UNIONE DI COMUNI MARGHINE

UNIONE DI COMUNI MARGHINE UNIONE DI COMUNI MARGHINE Corso Umberto, n. 186, 08015 Macomer (NU) Tel 0785/00 Fax 0785/16 E-Mail info@unionemarghine.it C.F. 93033380911 In esecuzione della determinazione n. 15 del 04/07/01 AVVISO MANIFESTAZIONE

Dettagli

GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO ASILO NIDO TRA I COMUNI DI : BREMBIO SECUGNAGO TURANO LODIGIANO MAIRAGO

GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO ASILO NIDO TRA I COMUNI DI : BREMBIO SECUGNAGO TURANO LODIGIANO MAIRAGO Allegato alla delibera C.C. n. 4 del 26/03/2015 GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO ASILO NIDO TRA I COMUNI DI : BREMBIO SECUGNAGO TURANO LODIGIANO MAIRAGO Convenzione Approvata con delibera C.C. n. 4 del

Dettagli

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale Gli standard funzionali: fra metri quadrati e rapporti numerici gli standard ambientali TITOLO II - Nido d infanzia Art. 22 -

Dettagli

ASSESSORE Enrico MAZZONI

ASSESSORE Enrico MAZZONI ASSESSORE Enrico MAZZONI AREA SVILUPPO TERRITORIALE ED ECONOMICO Arch. E. PELIZZONE DIREZIONE LAVORI ED OPERE PUBBLICHE Ing. Marco NERI SERVIZIO MANUTENZIONE IMMOBILI E IMPIANTI PROGRAMMA N0047 Interventi

Dettagli

VOUCHER CONCILIAZIONE PER SERVIZI PRIMA INFANZIA (FASCIA

VOUCHER CONCILIAZIONE PER SERVIZI PRIMA INFANZIA (FASCIA ALLEGATO B REGIONE TOSCANA FORMULARIO Direzione competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Area Istruzione e diritto allo studio, servizi educativi per la prima infanzia VOUCHER CONCILIAZIONE

Dettagli

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi

Scheda Attivita' / Intervento. 1 - Dati Identificativi Scheda Attivita' / Intervento ENAC/RC09a Data Stampa : 01/02/2010 Data aggiornamento codici: 01/02/2010 Intesa Governo / Regione: Accordo di Programma Quadro: Responsabile Accordo: CALABRIA Atto di raccordo

Dettagli

Percorso partecipato per l elaborazione di linee guida per le carte dei servizi all infanzia

Percorso partecipato per l elaborazione di linee guida per le carte dei servizi all infanzia Percorso partecipato per l elaborazione di linee guida per le carte dei servizi all infanzia Marzo 2013 Percorso partecipato Conferenze Conferenze sui sui servizi servizi educativi educativi e scolastici

Dettagli

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE

Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE Semplificazione delle modalitàdi riconoscimento dei costi nel FSE La normativa di Gestione (DGR 1179/2011) Elementi generali e aspetti specifici Riccardo Petrella Semplificazione -Approvazione ed indicazioni

Dettagli

PROGETTAZIONE DI SERVIZI EDUCATIVI

PROGETTAZIONE DI SERVIZI EDUCATIVI PROGETTAZIONE DI SERVIZI EDUCATIVI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo del modulo consiste nel guidare la progettazione dei SERVIZI EDUCATIVI Si applica alla progettazione di servizi socio assistenziali,

Dettagli