FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004)"

Transcript

1 FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA Roberto Renzetti (2004) PREMESSA L'idea di scrivere queste pagine e di riprendere, ripescandovi, un mio vecchio lavoro del 1982, scritto per la pubblicazione da Savelli, proprio quando Savelli fallì, rinasce con la cattiva informazione che su alcune delle cose che intendo dire si ebbe un anno fa, in occasione del black out elettrico. Le cose oggi, rispetto al 1982 sono cambiate di molto. All'epoca il sistema elettrico era di Stato, oggi è in mano ad un monopolio strozzino. All'epoca discutevo di queste vicende a seguito del fatto che venivano diffuse cattive informazioni per poter entrare nell'affare file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (1 of 33) [09/10/ ]

2 nucleare. Oggi, sotto questo aspetto è cambiato poco: si danno cattive informazioni per poter continuare a lucrare risparmiando su molte delle cose di cui un sistema elettrico DEVE disporre. Debbo iniziare da alcuni concetti base di elettricità e magnetismo. Salterò il più possibile ogni cosa che è normale informazione di un testo a livello secondario (nell'ipotesi ottimistica che qualcuno abbia, ai nostri tempi, letto qualcosa su quei libri e non abbia invece dedicato quel tempo a preparare un percorso sull'isola dei famosi). Discuterò solo di ciò che ritengo informazione indispensabile e propedeutica a quanto seguirà. LA CORRENTE ELETTRICA ALTERNATA La corrente elettrica continua è certamente molto utile in diverse applicazioni ma di gran lunga la più usata, oggi è la corrente alternata (c.a.). Più del 90% della corrente che oggi si usa nel mondo è di tipo c.a.. I motivi del maggior uso di c.a. sono essenzialmente due. Il primo risiede nel fatto che essa può essere trasportata più facilmente e più a buon mercato dal luogo di produzione al luogo di utilizzo (e questo soprattutto perché, come vedremo, essa può venire "trasformata"). Il secondo è che la c.a. è più versatile e può avere usi ed applicazioni per le quali non potrebbe essere utilizzata la corrente continua c.c. (ad esempio nel campo delle radio e telecomunicazioni). Il fenomeno alla base della corrente alternata fu scoperto da Faraday nel 1831 e va sotto il nome di induzione elettromagnetica. Faraday scoprì che quando si muove un magnete nelle vicinanze di un circuito elettrico (senza generatore) in questo circuito circola una corrente che alternativamente si muove in un verso e quindi in quello opposto. Allo stesso modo si ottiene corrente indotta quando, anziché muovere un magnete nelle vicinanze di un circuito, muoviamo il circuito nelle vicinanze del magnete (in definitiva ciò che interessa è il moto relativo di magnete e circuito). Se quindi otteniamo corrente indotta in un circuito quando rispetto ad esso c'è il movimento di un magnete, evidentemente dovremo avere ai capi del circuito una tensione responsabile della circolazione di corrente. Per capire meglio, comunque, serviamoci file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (2 of 33) [09/10/ ]

3 Figura 1 della figura 1 in cui è riportata una semplicissima macchina che rappresenta, nella sua forma più semplificata, un generatore di corrente alternata. Si ha un magnete permanente di tipo a ferro di cavallo o ad U dentro il quale vi è un circuito elementare (un filo metallico, a forma di rettangolo) che ha le estremità saldate a due cilindretti metallici. I cilindretti (che nel loro insieme si chiamano collettore) sono poggiati fermamente su due placchette metalliche S ed S' che, tramite un filo conduttore, chiudono su uno strumento di misura di piccole correnti, un galvanometro G. Se mediante una manovella si pone in rotazione la spira rettangolare (intorno al suo asse passante attraverso i cilindretti) vedremo l'indice di G muoversi alternativamente verso destra e verso sinistra. Ciò vuol dire che dentro la spira rettangolare circola corrente, prima in un verso quindi nel verso opposto (poiché la corrente è in prima approssimazione un moto di elettroni, il passaggio di corrente in un verso ed in quello opposto, vuol solo dire che gli elettroni della spira oscillano alternativamente in un verso ed in quello opposto. Questa è una corrente alternata elementare che cessa se cessiamo di far ruotare la spira dentro il campo magnetico del magnete ad U (osservo che, se al posto di G sistemassimo un misuratore di differenza di potenziale o tensione o forza elettromotrice V, troveremmo che, come per la corrente, anche la tensione avrebbe un andamento oscillante). Se ai due capi della spira ruotante si collega un utilizzatore (nel nostro caso una piccola lampadina) avremo che tale lampadina si illuminerà fintantoché ruoteremo la manovella con sufficiente energia. Stesso effetto si ha se, come detto, invece di far ruotare la spira e mantenere il magnete fisso, facciamo ruotare il magnete e manteniamo la spira fissa (è appena il caso di dire che, al posto del magnete, ha effetti molto più vistosi un elettromagnete). Dico subito che l'energia elettrica che abbiamo generato nasce a spese dell'energia meccanica che si impiega per girare la manovella (nessuno si illuda, la creazione di un qualcosa dal nulla è solo questione metafisica). Vediamo più in dettaglio quali sono le grandezze in gioco e come varia la corrente (e la tensione) al variare della posizione della spira (indotto o rotore se è essa a muoversi) dentro il campo magnetico del magnete (induttore o statore se è esso a essere mantenuto immobile). file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (3 of 33) [09/10/ ]

4 Per fare le cose annunciate, occorre iniziare con il dare il concetto di flusso (che si indica con la lettera greca F - leggi fi). E' a tutti noto che, nelle vicinanze di un magnete, esiste una zona in cui si risente l'azione del magnete stesso. Questa zona è chiamata campo magnetico e la sua intensità, che si indica con B (più precisamente sarebbe H ma B è proporzionale ad H), varia al variare delle caratteristiche del magnete. Un modo schematico di rappresentare la situazione è con delle linee, dette linee di forza, che rappresentano le linee lungo cui si esercita o si eserciterebbe l'azione del magnete. Maggiore è l'intensità del magnete e più linee di forza rappresentano, in un disegno schematico, il suo campo. Il verso di tali linee è, convenzionalmente, quello che va dal Nord al Sud del magnete (figure 2 e 3). Figura 2: Le linee di forza del campo magnetico nel caso di un magnete ad U. Figura 3: la spira ruotante dentro il campo B del magnete. Quando poniamo in un campo magnetico un conduttore avvolto a spira, la sua superficie sarà attraversata da un maggiore o minore numero di linee di forza (flusso) a seconda dell'inclinazione della spira rispetto alle linee di forza stesse, a seconda dell'estensione della superficie della spira ed a seconda dell'intensità del campo magnetico (poiché più intenso è il campo, maggiore è il numero delle linee di forza che lo rappresenta). Dato allora un campo magnetico costante e fissata una spira di data superficie che ruota nel campo, il flusso delle file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (4 of 33) [09/10/ ]

5 linee di forza del campo magnetico attraverso la superficie della spira varierà al variare dell'inclinazione della spira stessa rispetto alle linee di forza del campo. Ebbene proprio questa variazione di flusso è responsabile dell' originarsi ai capi della spira di una tensione che sarà tanto più grande quanto maggiore è la variazione di flusso e, aggiungo, quanto minore è il tempo in cui la variazione di flusso è stata ottenuta; e nel moto della spira nel campo magnetico la tensione ai capi della spira non assumerà valore costante ma varierà in relazione alla variazione di flusso. Più in particolare la tensione in oggetto: sarà nulla nell'istante in cui la spira risulta perpendicolare alle linee di forza del campo, quando cioè il flusso è massimo; sarà massima nell'instante in cui la spira risulta parallela alle linee di forza del campo, quando cioè il flusso è nullo; assumerà valori intermedi quando la spira si trova a formare un angolo compreso tra 0 e 90 gradi con le linee di forza del campo. Quindi il passaggio tra il valore zero ed il valore massimo della tensione (quando la spira è ruotata di 90 ) non avverrà in modo netto ma graduale nel tempo, come mostrato in figura 4a (a rappresenta l'angolo percorso dalla rotazione della spira mentre t il tempo impiegato dalla spira nel ruotare). Una volta poi che la tensione ha raggiunto valor massimo essa ritornerà di Figura 4: ho evidenziato un lato della spira in modo da far seguire meglio il suo moto. nuovo a zero poiché la spira continua a ruotare e quindi di nuovo (dopo aver ruotato di 180 ) si troverà perpendicolare alle linee di forza del campo (fig. 4b). A questo punto le cose riprendono come prima ma con una importante osservazione. Ora le linee di forza del campo, che prima entravano da un lato della superficie della spira, entrano dal lato opposto della stessa, superficie (fig. 4b). Si avrà allora sempre una crescita della tensione dal valore zero al valore massimo (la spira è ruotata di 270 ) ma questa volta in senso negativo (fig. 4c). Proseguendo la rotazione la spira si troverà di nuovo perpendicolare (la spira è ruotata, di 360 : un giro completo) alle linee di forza ma questa volta esattamente come si trovava all'inizio del processo: avremo quindi di nuovo tensione nulla ma saremo pronti a ricominciare il tutto esattamente allo stesso modo visto fino ad ora man mano che continua la rotazione della spira. file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (5 of 33) [09/10/ ]

6 Figura 4 Un andamento della tensione come quello riportato in figura 4d è chiamato sinusoidale. E la tensione ottenuta dalla rotazione di una spira in un campo magnetico è chiamata alternata perché passa successivamente da valori positivi a valori negativi proprio con andamento sinusoidale (al contrario di quanto avviene per la tensione continua la quale mantiene costante nel tempo il suo dato valore). Ora è chiaro che ad ogni giro completo della spira nel campo del magnete si genererà una figura completa come quella di figura 4d; pertanto, all'aumentare del numero dei giri della spira, si avrà una figura come quella riportata in 5. Figura 5: Una sinusoide che rappresenta tre giri completi della spira nel campo (con V ho indicato la tensione ai capi della spira). Come abbiamo visto, una rotazione completa della spira corrisponde al primo tratto nero di figura 5. A questo tratto si file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (6 of 33) [09/10/ ]

7 dà il nome di periodo o ciclo. Poiché la spira fa in genere più giri al secondo è importante definire la frequenza di una tensione alternata che corrisponde appunto al numero dei cicli al secondo. Si pensi che la tensione alternata, che comunemente usiamo in Italia, fa 50 cicli al secondo. Poiché poi alla quantità "ciclo al secondo" si da il nome di Hertz (Hz), si dice che la tensione di rete ha una frequenza di 50 Hz. Altre grandezze che vanno definite sono l'ampiezza e la lunghezza d'onda. Sempre riferendoci alla figura 5, la distanza tra A e B (tra il massimo positivo ed il massimo negativo) di figura, rappresenta l'ampiezza della sinusoide che ci dà la nostra tensione alternata, mentre la distanza tra C e D (tra due punti qualunque che delimitano un ciclo) rappresenta la 1unghezza d'onda della tensione in oggetto. Resta da parlare della fase, per quanto ci servirà in seguito. Supponiamo di avere due generatori di tensione alternata che partano allo stesso istante e facciano girare le loro spire esattamente alla stessa velocità. Le due sinusoidi che rappresentano le due tensioni prodotte cominceranno e finiranno simultaneamente così come passeranno per i loro punti caratteristici, di massimo e di zero, allo stesso tempo (fig. 6). Due tensioni prodotte in questo modo con loro curve come in figura 6 si Figura 6: due tensioni (V) o correnti (i) in fase tra di loro (sull'asse orizzontale è riportato l'angolo di rotazione della spira (a) o il tempo (t) che essa impiega a percorrere tale angolo. dicono in fase. Se invece le tensioni hanno un andamento come quello mostrato in figura 7, allora le due tensioni si dicono semplicemente sfasate l'una rispetto all'altra. Osservo a file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (7 of 33) [09/10/ ]

8 Figura 7: due tensioni (ma potrebbero essere correnti o tensioni e correnti) sfasate di un angolo f. parte una cosa forse ovvia: affinché due tensioni (o correnti) siano in fase non è necessario che abbiano stesse ampiezze (fig. 8). La fase viene indicata con la lettera Figura 8 greca minuscola f (leggi fi). Quando due sinusoidi sono in fase si dice che f = 0; quando sono sfasate f assume un valore compreso fra 0 e 90 ( l'indicare la fase con i gradi è in accordo col mettere in relazione una sinusoide con l'inclinazione della spira nel campo magnetico). Vedremo subito a cosa ci è servito parlare di fase. Un generatore di tensione alternata se collegato ad un utilizzatore qualunque fa circolare in esso una corrente che sarà allo stesso modo alternata. La corrente alternata avrà generalmente un'ampiezza diversa da quella della tensione allo stesso modo che fase diversa (ci troviamo nelle condizioni di figura 7 con la sola differenza che, in luogo di V 2, si deve leggere I 1 (figura 9). Figura 9: Sfasamento che in generale si ha tra tensione e corrente. file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (8 of 33) [09/10/ ]

9 La differenza di ampiezza tra tensione e corrente non crea problemi di sorta (fig. 10 ed 11) Figura 10 Figura 11: Varie situazioni di sfasamenti tra tensioni e correnti alle quali faremo riferimento in seguito: a - tensione e corrente sono in fase b - corrente in ritardo di 90 rispetto alla tensione c - corrente in anticipo di 90 rispetto alla tensione d - corrente in opposizione di fase rispetto alla tensione e - corrente e tensione sfasati in un modo qualunque file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (9 of 33) [09/10/ ]

10 ma la differenza di fase si riflette direttamente sulla potenza che il generatore può erogare, cioè su quella cosa che noi in definitiva dobbiamo utilizzare. Per vedere come stanno le cose e definire altre grandezze, partiamo con una domanda. Poiché la tensione e la corrente sono alternate, dovendo noi dare un numero che ci dica qual è la tensione o la corrente, che numero diamo se appunto i loro valori variano nel tempo? Nel calcolo delle correnti di uscita di un generatore sarebbe ovviamente errato usare il valore massimo (Imax) della corrente poiché per la gran parte dell'intero ciclo la corrente si mantiene più bassa del valore massimo (Imax). Si è allora introdotta una grandezza, il valore efficace, che tra l'altro ha il grande vantaggio di mettere in relazione la c.a. con la c.c. Si definisce valore efficace di una corrente alternata (I eff ) il valore che dovrebbe avere una corrente continua, per produrre, nelle stesse condizioni di resistenza e nello stesso tempo, una uguale quantità di calore. La stessa cosa vale per la tensione efficace (V eff ). Si e poi calcolato che esiste una precisa relazione tra valori efficaci e valori massimi di corrente e tensione, come riportato nelle seguenti relazioni: Se ora ricordiamo l'espressione per la potenza (media) che un generatore di c.c. può fornire (W =V. I), viene spontaneo dare una relazione analoga a patto di introdurre in luogo di V ed I i valori efficaci della tensione e della corrente che ora consideriamo: W = V eff. I eff ebbene queste relazione è valida solo quando tensione e corrente sono in fase, cioè quando f = 0. Nel caso più generale di tensione e corrente sfasate, la potenza (media) che un generatore di c.a. può erogare è sempre minore del valore ora visto. E' stato dimostrato da Galileo Ferraris verso la fine dell'ottocento che la formula che tiene conto delle sfasature tra correnti e tensioni deve essere scritta introducendo in essa un fattore compreso fra 0 ed 1 e strettamente legato al valore delle sfasature. Questo fattore (si chiama fattore di potenza), si scrive "cos φ " e si legge coseno di fi. Esso è appunto un numero che cambia al mutare di φ ; al massimo può assumere il valore 1 quando φ = 0, cioè quando tensione e corrente sono in fase (ed allora ritroviamo la formula precedentemente vista); assume invece il valore zero quando φ = 90 cioè quando tensione e corrente sono sfasate al massimo infine assume tutti i valori che vanno da 0 ad I al variare di φ da 0 a 90. La formula finale per la potenza (media) che un generatore può erogare si può quindi scrivere: W = V eff. I eff. cos φ. Si osservi che quando cos φ = 0 risulta W = 0. In tal caso il generatore, anche se fornisce elevati valori efficaci di V e di I, non è in grado di compiere lavoro verso l'esterno; in questo caso i watt prodotti dal generatore non file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (10 of 33) [09/10/ ]

11 vengono che in minima parte forniti all'utilizzatore: in gran parte essi vengono riassorbiti dallo stesso generatore. In questo caso (cos φ = 0) la corrente si dice swattata, non e in grado cioè di fornire potenza. Nelle applicazioni industriali si tende evidentemente, con artifici tecnici e nei limiti del possibile, ad avere un sfasamento molto piccolo in modo da rendere cos φ il più possibile vicino ad uno. GLI ALTERNATORI Ho dato in figura 1 all'inizio del paragrafo precedente un disegno schematico di un alternatore, di una sorgente cioè di corrente alternata. E' ora opportuno dare maggiori dettagli sia costruttivi che di funzionamento. Un alternatore è una macchina sincrona, cioè una macchina funzionante a velocità rigorosamente costante che serve per trasformare l'energia meccanica (di rotazione di una sua parte) in energia elettrica (tra le macchine sincrone vi sono anche i motori che servono invece a trasformare l'energia elettrica in energia meccanica). Gli alternatori sono macchine che possono produrre potenze e tensioni elevatissime. Diciamo subito quindi che la spira in realtà non è una spira ma una bobina di N spire, per rendere l'effetto N volte più grande, e che il magnete non è un magnete permanente ma un elettromagnete, perché con gli elettromagneti si ottengono valori molto più elevati del campo B. Inoltre lo schema semplificato usato per gli alternatori è quello che vede i ruoli di campo magnetico e spira di figura 1, invertiti (fig. 12 e fig. 14). Per una serie di motivi costruttivi, si preferisce far ruotare il campo magnetico e mantenere la spira fissa (lo schema di figura 1 è generalmente usato, con opportune modifiche, per produrre corrente quasi continua con le dinamo). In figura 12 è mostrato uno schema ancora semplificato di alternatore: AA'BB' sono un'unica spira fissa (vedi fig. 13) ed è quindi l'indotto; CD, che ruota intorno al suo asse passante per O, è invece l'elettromagnete che ruota ed è quindi l'induttore. Figura 12: nel disegno si vede la bobina ferma ed un solo magnete che ruota. Anche qui in rotazione non si ha un solo elettromagnete, ma vari opportunamente sfasati (si dovrebbe intuire dalla fig. 14). file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (11 of 33) [09/10/ ]

12 Figura 13: la unica bobina dell'indotto di un alternatore. Figura 14: disegno di uno dei primi alternatori. Si noti la spira in quante bobine si dipana. Vi è nel disegno una parte su cui torneremo: un sistema che produce corrente continua montato sull'asse dell'alternatore (eccitatore). Capiremo oltre di cosa si tratta. file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (12 of 33) [09/10/ ]

13 Figura 15: un moderno indotto (o statore). Figura 16: l'induttore che ruota dentro l'indotto di fig. 15. file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (13 of 33) [09/10/ ]

14 Figura 17: disegno di rotore e statore messi insieme. Sullo sfondo si vede la parte che alimenta il tutto mediante energia termica o meccanica. La turbina è fatta girare o da acqua in caduta o da vapore ad alta temperatura e pressione (è il caso di figura) prodotto da svariati tipi di centrali termiche. In pratica, cioè, si preferisce avere, per un alternatore, un induttore ruotante ed un indotto fisso. E' abbastanza semplice rendersi conto del perché si preferisca questo arrangiamento. Come chiaro da quanto fin qui detto, la tensione di uscita in un alternatore viene prelevata ai capi dell'indotto (della spira-bobina). Nel caso in cui l'indotto ruoti, per prelevare questa tensione sono necessari contatti striscianti mediante anelli e spazzole (fig. 18a). (a) (b) Figura 18: in (a) è riportato il sistema di anelli e spazzole che abbiamo già visto e che ci fornisce tensione e corrente alternata. In file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (14 of 33) [09/10/ ]

15 (b) il sistema permette di raddrizzare parzialmente la tensione e corrente alternata: ogni mezzo giro, anziché ogni giro, la corrente riprende il verso che aveva all'inizio. Sezionando ulteriormente quei semianelli ci si può avvicinare sempre più ad una corrente continua. Nella fig. 18a ogni anello è saldato con un capo della spira ed è isolato dall'altro, oltre ché dall'asse di rotazione; man mano che la spira ruota la tensione che si genera ai suoi capi si ritrova sui due anelli; i due anelli, nella rotazione, strisciano su delle spazzole di carbone conduttrici che a loro volta sono collegate a dei fili conduttori ai capi dei quali si preleva la tensione di uscita. Un sistema come quello descritto è chiamato, come già detto, collettore. Ebbene questo sistema di prelievo della tensione funziona quando si ha a che fare con piccole potenze. Ma quando le potenze in gioco sono molto elevate, al collettore si pongono gravi problemi di isolamento non sempre risolvibili. Per questo si preferisce che l'indotto (da cui si preleva la tensione) sia fisso, in modo appunto da evitare contatti striscianti per il prelievo di alte tensioni e correnti. Indotto fisso prevede però che l'induttore sia in rotazione e poiché per induttore, come accennato, si preferisce un elettromagnete ad un magnete permanente, occorre inviare corrente all'induttore proprio per avere un elettromagnete. Quindi ancora contatti striscianti per inviare corrente al rotore ma con una differenza fondamentale: le tensioni e le correnti in gioco per eccitare il magnete sono di gran lunga più piccole di quelle che si hanno nel caso visto prima (prelievo) e in questo caso si può realizzare un buon isolamento. Un altro vantaggio che si ha nell'uso dell'indotto fisso è che si possono ottenere più alte velocità di rotazione dell'induttore e quindi più alte tensioni (anche qui, senza entrare in dettagli, c'è alla base un problema di isolamento). In definitiva un alternatore è realizzato con un indotto fisso ed un induttore in rotazione. All'uscita di questo alternatore si ha una tensione (e corrente, quando c'è un utilizzatore) alternata che è rappresentata dal grafico di figura 5; una tensione di questo tipo è anche chiamata monofase per distinguerla da tensioni a più fasi prodotte da altri particolari alternatori. In pratica gli alternatori monofase hanno scarsa applicazione, in loro luogo si preferiscono, per la loro maggiore efficienza, gli alternatori trifase. Lo schema di principio di un alternatore trifase ed il grafico delle tensioni in uscita sono riportati in figura 19. file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (15 of 33) [09/10/ ]

16 Figura 19: in questo caso la spira e quindi la bobina non è una sola. Si hanno tre bobine i cui terminali, da cui prelevare tensione e corrente mediante anelli e spazzole, si hanno in aa', bb', cc'. Naturalmente, in uscita, si prelevano tre tensioni V 1, V 2, V 3. Le bobine hanno gli assi sfasati tra loro di 1/3 di giro. Il grafico rappresenta le tre tensioni (o correnti) prelevate ai collettori (spazzole + anelli). Si dimostra che, in ogni istante, l'ordinata di una tensione è uguale alla somma, cambiata di segno, delle altre due. Questo alternatore differisce da quello monofase perché, anziché avere un solo indotto, ne ha tre separati e distanziati di 120 l'uno dall'altro. Così si avranno anche tre tensioni in uscita (tre fasi) che risulteranno sfasate di 120 l'una rispetto all'altra. Le tensioni (o correnti) in uscita saranno prelevate da aa', bb' e cc' di fig ed avranno un andamento come quello riportato in fig L'insieme di queste tre correnti (quando vi sono gli utilizzatori) costituisce quella che è chiamata corrente trifase. La ragione principale per cui la corrente trifase è preferita alla monofase è di natura economica. Infatti per portare all'esterno le correnti prodotte servirebbero normalmente 6 fili (allo stesso modo 6 sono i fili che dovrebbero portare all'esterno le correnti prodotte da tre alternatori monofase) due per ciascuna fase. Si è invece trovato che con appropriati co11egamenti degli utilizzatori (essenzialmente due: a stella e a triangolo, vedi figure 20 e 21) si possono file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (16 of 33) [09/10/ ]

17 Figura 20: collegamento a stella di utilizzatori Figura 21: collegamento a triangolo di utilizzatori trasportare le tre correnti con solo tre fili. Ciò e reso possibile dal fatto che ad ogni istante l'intensità di una corrente è sempre uguale e contraria alla somma delle altre due intensità (vedi fig. 19-3: a = b + c), e quindi un filo che trasporti una fase serve contemporaneamente per il ritorno delle altre due. C'è ancora un altro accorgimento che modifica l'alternatore, industrialmente in uso, rispetto a quello che abbiamo schematicamente illustrato ed è ancora relativo all'induttore rotante. Per produrre una corrente alla frequenza industriale di 50 Hz, se l'induttore fosse un unico magnete, occorrerebbe che l'induttore stesso ruotasse con la velocità di 50 giri al secondo che equivale a giri al minuto (proprio per generare nell'indotto 50 variazioni alternate di flusso magnetico ogni secondo). Una tale velocità è difficilmente ottenibile, bisogna quindi cercare di ridurla senza modificare la frequenza della c.a. Ciò è reso possibile aumentando il numero dei magneti dell'induttore e disponendoli a raggiera con i poli nord alternati ai poli sud. Se i magneti sono, ad esempio, 24, si otterranno variazioni di flusso ogni ventiquattresimo di giro, cioè la velocità dell'induttore può ridursi ad 1/24 di 50 giri al secondo che equivale a circa 2 giri al secondo che equivale ancora a 125 giri al minuto, velocità quest'ultima molto più facilmente raggiungibile. La scelta del numero dei magneti viene comunque fatta in sede di progetto in relazione alle caratteristiche meccaniche delle turbine che azionano l'alternatore permettendo la rotazione dell'induttore. Per turbine veloci a vapore può andare bene un solo elettromagnete mentre per turbine idrauliche si file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (17 of 33) [09/10/ ]

18 possono avere da tre fino a trenta elettromagneti (da sei fino a sessanta poli). REGOLAZIONE ED ACCOPPIAMENTO IN PARALLELO DI ALTERNATORI Una delle caratteristiche (esterne) di un alternatore è quella relativa alla variazione della tensione che si preleva alla sua uscita, in funzione del carico utilizzatore collegato con essa (a parità di corrente eccitatrice per l'induttore). Quando infatti un alternatore funziona a vuoto (cioè senza utilizzatore o carico) la sua tensione di uscita si mantiene rigorosamente costante. Questa tensione subisce però delle variazioni, sempre a parità di corrente eccitatrice, al variare del carico che è collegato con essa. E' questo evidentemente un grosso inconveniente al quale si può far fronte agendo in modo tale da variare opportunamente il flusso dell'induttore così da sopperire alle suddette cadute di tensione. Per far ciò si può agire sulla corrente eccitatrice dell'induttore ricorrendo ai regolatori automatici di tensione che servono appunto a mantenere rigorosamente costante la tensione ai morsetti di uscita dell'alternatore al variare del carico (il più noto tra questi regolatori è il Brown-Boveri). La caratteristica fondamentale degli alternatori è la loro possibilità di essere collegati in parallelo. In una centrale tutta la potenza a disposizione è generalmente divisa tra più alternatori collegati tra loro in parallelo allo scopo di utilizzare solo gli alternatori necessari a soddisfare la potenza richiesta all'esterno. Gli alternatori da collegare in parallelo dovranno essere stati costruiti per una stessa frequenza ed una stessa tensione di uscita. Il collegamento in parallelo è inoltre possibile anche per alternatori di centrali diverse distanti fra di loro (e questo fatto è particolarmente importante per garantire la fornitura di energia anche quando una centrale andasse fuori servizio per qualunque motivo). Uno schema di principio è mostrato in fig. 22. L'inserimento in parallelo di un file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (18 of 33) [09/10/ ]

19 Figura 22 alternatore su una linea già alimentata da altri alternatori è molto delicato e richiede particolari accorgimenti. L'inserimento può infatti essere fatto solo quando l'alternatore da inserire ha stessi valori di tensione, di frequenza e abbia una tensione sfasata di 180 (sia cioè in opposizione di fase) rispetto alla rete. Il fatto che la tensione debba essere rigorosamente uguale (insieme alla frequenza) e la fase debba essere di f = 180 è spiegabile tenendo conto che si ha a che fare con due circuiti distinti: quello utilizzatore (gli alternatori in parallelo e la rete esterna) e quello interno degli alternatori. Consideriamo, per comprendere meglio, il parallelo di due alternatori monofase (fig. 23). file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (19 of 33) [09/10/ ]

20 Figura 23 Nella figura la parte riquadrata circoscrive il circuito interno degli alternatori (riportato a tratto più marcato), mentre ciò che esce fuori dal riquadro porta alla rete utilizzatrice. Ebbene nel circuito interno degli alternatori non si avrà passaggio di una inutile e dannosa corrente di circolazione interna solo quando, istante per istante, tra i punti A e A' e tra B e B' vi sia identico valore di tensione. Questo fatto equivale a che i due alternatori forniscano stesso valore di tensione, stessa frequenza e siano in opposizione di fase (f = 180 ). Quest'ultima condizione fa si che, nel circuito interno delle due macchine, essendo le tensioni uguali ed in opposizione, la loro risultante, istante per istante, sarà nulla. Se la tensione risultante, per il circuito interno, è nulla, risulta impossibile la circolazione di corrente nelle macchine stesse. Bisogna avvertire che se un alternatore è già collegato per erogare corrente, la tensione a vuoto (forza elettro-motrice: f.e.m.) del secondo alternatore da collocare dovrà essere in opposizione alla tensione di uscita sotto carico dell'alternatore collegato e non alla tensione a vuoto (f.e.m.) di quest'ultimo. Oggi vi sono strumenti automatici che permettono l'allacciamento al momento più opportuno. Una volta effettuato il collegamento servono altre apparecchiature che siano in grado di ripartire il carico utilizzatore tra i vari alternatori in modo da evitare assolutamente che su un solo alternatore gravi un carico maggiore di quanto possa sopportare. Nel caso poi, per qualunque motivo, un alternatore tenda a rallentare rispetto all'altro, nel circuito di collegamento tra i due alternatori nascono particolari reazioni tali da fornire energia (a spese nell'altro) all'alternatore che ha rallentato, rispetto alla velocità che doveva inizialmente avere, e quindi riportarlo alla sua velocità. Per capire ciò basta rifarsi a quanto dicevamo qualche riga più su. In condizioni di parallelo perfetto le f.e.m. V 1 file:///g /SITO/SITO DNSHOSTING COMPLETO 13 dicembre 2006/index-566.htm (20 of 33) [09/10/ ]

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Lezione 42: l'induzione elettromagnetica

Lezione 42: l'induzione elettromagnetica Lezione 42 - pag.1 Lezione 42: l'induzione elettromagnetica 42.1. Gli esperimenti di Faraday L'esperimento di Oersted del 1820 dimostrò che una corrente elettrica produce un campo magnetico. Subito gli

Dettagli

(a) (b) (c) Figura 36

(a) (b) (c) Figura 36 FISICA/ MENTE Roberto Renzetti ECCITATORI E DINAMO Abbiamo già parlato di eccitatori per gli alternatori. Occorre ora dire qualcosa di più sul loro funzionamento. Sappiamo già che un induttore in un alternatore

Dettagli

Generazione campo magnetico

Generazione campo magnetico ELETTRO-MAGNETISMO Fra magnetismo ed elettricità esistono stretti rapporti: La corrente elettrica genera un campo magnetico; Un campo magnetico può generare elettricità. Generazione campo magnetico Corrente

Dettagli

CENTRALE IDROELETTRICA

CENTRALE IDROELETTRICA Analizziamo i vari tipi di centrale, analizzandone nel dettaglio il principio di funzionamento. CENTRALE IDROELETTRICA L'energia elettrica viene prodotta in appositi stabilimenti che prendono il nome di

Dettagli

LE MACCHINE ELETTRICHE

LE MACCHINE ELETTRICHE LE MACCHINE ELETTRICHE Principi generali Le macchine sono sistemi fisici in cui avvengono trasformazioni di energia. Quelle particolari macchine in cui almeno una delle forme di energia, ricevuta o resa,

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici

emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici 1 di 9 08/06/2010 19.39 Community Macchine elettriche emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Con questo capitolo si inizia a trattare delle macchine elettriche che si occupano di convertire energia

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Correnti alternate. 1. ACDC. Alternative current vs direct current

Correnti alternate. 1. ACDC. Alternative current vs direct current Correnti alternate 1. ACDC. Alternative current vs direct current Bibliografia [1] ENEL, Visita alle centrali, http://www.enel.it/visitacentralihtml/visitacentralihtml/idroelettrica/idroelettrica.asp [2]

Dettagli

La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA)

La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA) La centrale idroelettrica di Roncovalgrande a Maccagno ( VA) A cura della classe 3^ A Scuola secondaria di 1 grado di Castelveccana (coordinata dai docenti R. Cometti e A. Dumassi) a.s. 2013/2014 Centrale

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra Magnetismo naturale Un magnete (o calamita) è un corpo che genera una forza su un altro magnete che può essere sia attrattiva che repulsiva. Intorno al magnete c è un campo magnetico. Il nome deriva dal

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare

ITI M. FARADAY Programmazione modulare ITI M. FARADAY Programmazione modulare A.S. 2015/16 Indirizzo: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Classe: V A elettrotecnica settimanali previste: 6 INSEGNANTI: ERBAGGIO

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Produzione di energia elettrica

Produzione di energia elettrica Produzione di energia elettrica LE CENTRALI IDROELETTRICHE Classe 3 Ael a.s. 2011-2012 la dispensa si trova sul sito www.webalice.it/s.pollini nella sezione scuola www.webalice.it/s.pollini 1 L energia

Dettagli

Progetto Hydroplus. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O.R. 2007/2013

Progetto Hydroplus. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O.R. 2007/2013 Progetto Hydroplus Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Technology rewiew 1 Introduzione Vengono definiti micro gli impianti idroelettrici di potenza inferiore ai 100 kw. Le micro centrali rientrano in

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

ING-IND Ingegneria Elettrica

ING-IND Ingegneria Elettrica 1. Diamo subito utili richiami di Elettricità e Magnetismo in forma di formulario sinottico di uso professionale. Questi richiami verranno via via completati con successive aggiunte, a formare un HANDBOOK

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Capitolo 17 - Argomenti vari

Capitolo 17 - Argomenti vari Appunti di Fisica Tecnica Capitolo 7 - Argomenti vari Ugelli e diffusori... Turbine... Parti principali... Turbine idrauliche (lettura)...3 Turbine a gas (lettura)...3 Turbine a vapore (lettura)...3 Impianti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

AZIONAMENTI ELETTRICI

AZIONAMENTI ELETTRICI AZIONAMENTI ELETTRICI SORGENTE ENERGIA UTENTE SUPERVISORE PROCESSO C I R C U I T O D ' I N T E R F A C C I A CONVERTITORE STATICO CIRCUITO DI CONTROLLO SENSOR I \ \ MOTORE TRASMISSIO NE MECCANICA CARICO

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Lezione 18. Magnetismo WWW.SLIDETUBE.IT

Lezione 18. Magnetismo WWW.SLIDETUBE.IT Lezione 18 Magnetismo Cenni di magnetismo Già a Talete (600 a.c.) era noto che la magnetitite ed alcune altre pietre naturali (minerali di ferro, trovati a Magnesia in Asia Minore) avevano la proprietà

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 7: Forze elettriche e magnetiche Forza elettrica e corrente Carica elettrica e legge di Coulomb

Dettagli

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Impianti idroelettrici

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Alcune nozioni sui motori sincroni

Alcune nozioni sui motori sincroni Alcune nozioni sui motori sincroni Perché scegliere un motore sincrono? Per ottenere un certo numero di movimenti in un lasso di tempo ben definito. In questo caso ci si serve del prodotto come base di

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

Energia Idroelettrica

Energia Idroelettrica PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Idroelettrico Energia Idroelettrica L energia idroelettrica è l energia elettrica ottenibile da una massa d acqua sfruttando l energia potenziale che essa cede con un salto

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo:

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo: Associazione per l Insegnamento della Fisica GIOCHI DI ANACLETO 2007 DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile I. Ti viene proposto un questionario comprendente 25 quesiti ordinati in modo casuale rispetto all argomento

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1

MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 1 Zeno Martini (admin) MACCHINE SINCRONE: POTENZA COMPLESSA, COPPIA ED ANGOLO DI CARICO 9 May 2014 Abstract La macchina sincrona è completamente reversibile e può funzionare sia come generatore che come

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione, Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Alternatore Generatore Dinamo rotanti

Alternatore Generatore Dinamo rotanti 58 Cilc per tutti gli appunti (AUTOMAZIONE TRATTAMENTI TERMICI ACCIAIO SCIENZA delle COSTRUZIONI ) e-mail per suggerimenti MACCHINE ELETTRICHE Le macchine elettriche sono delle apparecchiature ove avviene

Dettagli

Tipi di turbina a vapore

Tipi di turbina a vapore TURBINA Macchina motrice rotante che converte in energia meccanica l'energia cinetica di un fluido in movimento. L'elemento essenziale della turbina è la girante, o rotore, che può essere costituita da

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Flusso del campo magnetico

Flusso del campo magnetico Lezione 19 Flusso del campo magnetico Il flusso magnetico o flusso di B attraverso una superficie aperta delimitata da un contorno chiuso e dato da Se il contorno chiuso e un circuito, il flusso in questione

Dettagli

Energia idroelettrica

Energia idroelettrica Energia idroelettrica L'energia idroelettrica è una fonte di energia alternativa e rinnovabile, che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d'acqua

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento Quando un conduttore in movimento attraversa le linee di forza di un campo magnetico, nel conduttore si genera una forza elettromotrice indotta in grado

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Le calamite Magnetismo

Le calamite Magnetismo I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o C A V O U R - M A R C O N I L o c. P i s c i l l e - V i a A s s i s a n a, 4 0 / d - 0 6 1 5

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione

PROBLEMA 1. Soluzione PROBLEMA 1 Prendendo come riferimento la pressione atmosferica di 1013 mbar agente sulla superficie libera di un corso d acqua, risulta che la pressione idrostatica sott acqua raddoppia a una profondità

Dettagli

Origine del campo magnetico

Origine del campo magnetico MAGNETISMO Origine del campo magnetico Nell'anno 1820 il fisico danese Hans Christian Oersted si accorse, forse in modo del tutto casuale, che una corrente che scorre in un filo può produrre effetti magnetici,

Dettagli

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 DA PAG. PAG. INDICE LEZIONE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 9 11 1 ELETTROSTATICA. Cariche elettriche, campo elettrico, capacità elettrica, condensatore, Farad e sottomultipli.

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

IL TRASFORMATORE REALE

IL TRASFORMATORE REALE Il trasformatore ideale è tale poiché: IL TRASFORMATORE REALE si ritengono nulle le resistenze R 1 e R 2 degli avvolgimenti; il flusso magnetico è interamente concatenato con i due avvolgimenti (non vi

Dettagli

I poli magnetici isolati non esistono

I poli magnetici isolati non esistono Il campo magnetico Le prime osservazioni dei fenomeni magnetici risalgono all antichità Agli antichi greci era nota la proprietà della magnetite di attirare la limatura di ferro Un ago magnetico libero

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Il magnetismo. Il campo magnetico

Il magnetismo. Il campo magnetico Il magnetismo Un magnete (o calamita) è un corpo che genera intorno a sé un campo di forza che attrae il ferro Un magnete naturale è un minerale contenente magnetite, il cui nome deriva dal greco "pietra

Dettagli

MAGNETISMO. rappresentazione del campo magnetico di un magnete

MAGNETISMO. rappresentazione del campo magnetico di un magnete MAGNETISMO Per magnetismo si intende la proprietà di attirare dei pezzettini di ferro. Un pezzo di materiale che è dotato di magnetismo si chiama magnete o calamita. In natura esistono delle rocce che

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile 2007 Soluzioni Quesito 1 La forza con cui la carica positiva 2Q respinge la carica positiva + Q posta nell origine

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli