L n Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate. Dott. ssa Silvia Latorraca

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L n Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate. Dott. ssa Silvia Latorraca"

Transcript

1 L n. 120 Equilibrio tra generi nella composizione degli organi delle società quotate Dott. ssa Silvia Latorraca a cura del Comitato Pari Opportunità Gruppo di Lavoro L. 120/2011

2 Quadro normativo La L. 120/2011 ha introdotto alcune disposizioni concernenti la parità di accesso agli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate in mercati regolamentati e delle società a controllo pubblico. Società quotate la disciplina è inserita nel DLgs n. 58 (TUIF) Società a controllo pubblico non quotate le modalità di attuazione della L. 120/2011 sono definite con apposito regolamento 2

3 Composizione degli organi sociali nel mercato italiano (dati CONSOB) Presenza donne società quotate italiane Organi di amministrazione 5,90% 6,30% 6,80% 7,18% Organi di controllo 6,70% 6,00% 6,20% 6,26% La partecipazione femminile nelle società italiane quotate è ancora molto limitata (USA 15,7%, Svezia e Finlandia 24%, Norvegia 40%). Nella maggior parte delle società soltanto una donna è presente negli organi di amministrazione. Nella maggior parte dei casi le donne rivestono ruoli non esecutivi. 3

4 Quadro di riferimento europeo Studi empirici dimostrano che la presenza di donne negli organi sociali: rende più efficace l attività di monitoring e di advising; ha effetti positivi sull adozione di buone pratiche di governance. Diversità di genere raccomandata dal codice di autodisciplina: Regno Unito, Spagna, Francia, Finlandia, Svezia, Germania, Olanda e Belgio Diversità di genere imposta a livello normativo: Norvegia, Spagna, Francia, Svezia Libro verde Unione europea in materia di governo societario (pubblicato il )

5 Organi di amministrazione La L. 120/2011 ha inserito nell art. 147-ter del TUIF il co. 1-ter: lo statuto prevede che il riparto degli amministratori da eleggere sia effettuato in base a un criterio che assicuri l equilibrio tra i generi; il genere meno rappresentato deve ottenere almeno un terzo degli amministratori eletti; tale criterio di riparto si applica per tre mandati consecutivi; lo statuto provvede a disciplinare le modalità di formazione delle liste ed i casi di sostituzione in corso di mandato al fine di garantire il rispetto del criterio di riparto previsto. 5

6 Organi di amministrazione Sistema dualistico La L. 120/2011 ha inserito nell art. 147-quater del TUIF il co. 1-bis: se il Consiglio di gestione è costituito da un numero di componenti non inferiore a tre, ad esso si applicano le disposizioni sulle quote di genere. Sistema monistico Art. 147-ter co. 1-ter del TUIF: le disposizioni sulle quote di genere si applicano anche alle società organizzate secondo il sistema monistico. 6

7 Organi di controllo La L. 120/2011 ha inserito nell art. 148 del TUIF il co. 1-bis: l atto costitutivo della società stabilisce che il riparto dei membri del Collegio sindacale sia effettuato in modo che il genere meno rappresentato ottenga almeno un terzo dei membri effettivi; tale criterio di riparto si applica per tre mandati consecutivi. 7

8 Organi di controllo Sistema dualistico La L. 120/2011 ha modificato il co. 4-bis dell art. 148 del TUIF: al Consiglio di sorveglianza si applicano le disposizioni volte a garantire l equilibrio tra i generi. Sistema monistico La L. 120/2011 nulla dispone in merito al Comitato per il controllo sulla gestione, che rimane, quindi, escluso dalle disposizioni in materia di quota di genere. 8

9 Decorrenza Art. 2 della L. 120/2011: le disposizioni si applicano a decorrere dal primo rinnovo degli organi delle società quotate successivo ad un anno dal (data di entrata in vigore della L. 120/2011). Rinnovi successivi al Regime transitorio Per il primo mandato in applicazione della legge, occorre riservare al genere meno rappresentato una quota pari almeno a un quinto degli amministratori e dei sindaci eletti. 9

10 Regime sanzionatorio Art. 147-ter co. 1-ter e art. 148 co. 1-bis del TUIF: se la composizione dell organo risultante dall elezione non rispetta il criterio di riparto previsto, la CONSOB diffida la società interessata affinché si adegui a tale criterio entro il termine massimo di 4 mesi dalla diffida; in caso di inottemperanza alla diffida, la CONSOB applica una sanzione amministrativa pecuniaria e fissa un nuovo termine di 3 mesi per adempiere; in caso di ulteriore inottemperanza rispetto a tale nuova diffida, i componenti eletti decadono dalla carica. 10

11 Regime sanzionatorio Diffida Sanzione: - Consiglio di amministrazione da euro a euro Collegio sindacale da euro a euro mesi 3 mesi Decadenza 11

12 Disposizioni regolamentari Art. 147-ter co. 1-ter e art. 148 co. 1-bis del TUIF: la CONSOB statuisce in ordine alla violazione, all applicazione ed al rispetto delle disposizioni in materia di quota di genere, anche con riferimento alla fase istruttoria e alle procedure da adottare, in base a proprio regolamento da adottare entro 6 mesi dal Documento di consultazione Delibera CONSOB n (in vigore il ), che modifica il Reg. emittenti (Delibera CONSOB n ), art. 144-undecies 12

13 Disposizioni regolamentari (1) Le società con azioni quotate prevedono che: la nomina degli organi di amministrazione e controllo sia effettuata in base al criterio che garantisce l equilibrio tra generi previsto dagli artt. 147-ter co. 1-ter e 148 co. 1-bis del TUIF; tale criterio sia applicato per tre mandati consecutivi. 13

14 Disposizioni regolamentari (2) Voto di lista Gli statuti delle società quotate disciplinano le modalità di formazione delle liste nonché i criteri suppletivi di individuazione dei singoli componenti degli organi che consentano il rispetto dell equilibrio tra generi ad esito delle votazioni. Ma Gli statuti non possono imporre il rispetto del criterio di riparto tra generi per le liste che presentano un numero di candidati inferiore a tre. 14

15 Disposizioni regolamentari (3) - Cessazione dei componenti in corso di mandato Gli statuti delle società quotate disciplinano le modalità di sostituzione dei componenti degli organi venuti a cessare in corso di mandato, tenendo conto del criterio di riparto tra generi. 15

16 Disposizioni regolamentari (4) - Esercizio dei diritti di nomina Gli statuti delle società quotate disciplinano le modalità affinché l esercizio dei diritti di nomina, ove previsti, non contrasti con quanto previsto dagli artt. 147-ter co. 1-ter e 148 co. 1-bis del TUIF. 16

17 Disposizioni regolamentari (5) - Arrotondamento Qualora dall applicazione del criterio di riparto tra generi non risulti un numero intero di componenti degli organi di amministrazione o controllo appartenenti al genere meno rappresentato, tale numero è arrotondato per eccesso all unità superiore. Esempio: organo da eleggere composto da 11 membri Primo mandato: 11 / 5 = 2,20 3 membri devono essere scelti tra il genere meno rappresentato A regime: 11 / 3 = 3,67 4 membri devono essere scelti tra il genere meno rappresentato 17

18 Disposizioni regolamentari (5) - Arrotondamento Numero totale componenti Primo mandato A regime dell organo o o 8 o o o 14 o

19 Disposizioni regolamentari (6) - Rinnovo parziale dell organo amministrativo Delibera CONSOB n : non contiene indicazioni. Documento di consultazione: se lo statuto prevede il rinnovo parziale dell organo amministrativo, il rispetto della quota di genere dovrebbe essere assicurato per ciascuno dei rinnovi parziali, fino al terzo anno. Esito della consultazione: il rispetto della quota di genere deve essere assicurato per 3 mandati consecutivi, relativamente a ciascuna porzione del board (generalmente, 9 anni); il rispetto della quota di genere deve essere calcolato con riferimento alla composizione del consiglio nel complesso e assicurato fin dal primo rinnovo parziale. 19

20 Società a controllo pubblico Art. 3 della L. 120/2011: le disposizioni sulle quote di genere si applicano anche alle società, costituite in Italia, controllate da pubbliche amministrazioni ai sensi dell art co. 1 e 2 c.c., non quotate in mercati regolamentati. Con DPR (previa deliberazione del Consiglio dei Ministri), da adottare entro due mesi dal , sono stabiliti i termini e le modalità di attuazione della disposizione al fine di disciplinare in maniera uniforme per tutte le società interessate: la vigilanza sull applicazione della L. 120/2011; le forme e i termini dei provvedimenti previsti; le modalità di sostituzione dei componenti decaduti. 20

21 Impatto della L. 120/2011 (dati CONSOB) Presenza donne società quotate italiane I rinnovo Nuove nomine II e III rinnovo Nuove nomine Organi di amministrazione Organi di controllo

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: Legge 12 luglio 2011, n. 120 Modifiche al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernenti la parità di accesso

Dettagli

LE "QUOTE ROSA" (Optime, 2013)

LE QUOTE ROSA (Optime, 2013) LE "QUOTE ROSA" (Optime, 2013) Legge 12 luglio 2011, n. 120 Introduce le quote "di genere" in tutti gli organi di amministrazione e controllo delle società quotate (fatta eccezione per il comitato per

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance 1 Rapporto tra amministrazione e controllo è il cuore della corporate governance Il codice civile del 1942 praticamente non conteneva una disciplina dell amministrazione (cfr. art. 2380-2381 c.c.) Il consiglio

Dettagli

Prof. avv. Eva Desana intervento 3 novembre 2016 Composizione dell organo amministrativo nelle società quotate Composizione dell organo

Prof. avv. Eva Desana intervento 3 novembre 2016 Composizione dell organo amministrativo nelle società quotate Composizione dell organo Prof. avv. Eva Desana intervento 3 novembre 2016 Composizione dell organo amministrativo nelle società quotate Composizione dell organo amministrativo: più difficile del cubo di Rubik? Le fonti (limitandoci

Dettagli

La disciplina sull equilibrio di genere a due anni dall introduzione: numeri, bilanci e prospettive

La disciplina sull equilibrio di genere a due anni dall introduzione: numeri, bilanci e prospettive Convegno di apertura del Corso Avanzato di Alta Formazione Corporate governance e parità di genere. Prima applicazione e prospettive 11 GIUGNO 2014 ROMA La disciplina sull equilibrio di genere a due anni

Dettagli

27/10/2016 *** NORMATTIVA Stampa ***

27/10/2016 *** NORMATTIVA Stampa *** dall'articolo 146, comma 1, lettera c). 4. L'atto costitutivo puo' attribuire al rappresentante comune e all'assemblea ulteriori poteri a tutela degli interessi dei possessori di azioni di risparmio e

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE REGOLAMENTO EMITTENTI PROPOSTE DI MODIFICA. 9 Dicembre 2011

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE REGOLAMENTO EMITTENTI PROPOSTE DI MODIFICA. 9 Dicembre 2011 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE REGOLAMENTO EMITTENTI PROPOSTE DI MODIFICA 9 Dicembre 2011 Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 10 gennaio 2012 al seguente indirizzo: C

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance 1 Rapporto tra amministrazione e controllo è il cuore della corporate governance Il codice civile del 1942 praticamente non contenevano una disciplina dell amministrazione (cfr. art. 2380-2381 c.c.) Tuttavia,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLINO e BUGNANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2010 Nuove disposizioni in materia di parità e di

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, REDATTA AI SENSI DELL ART. 72, COMMA PRIMO, REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/1999, SULLE MODIFICHE STATUTARIE AL PUNTO 4 DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga LEGGE 12 luglio 2011, n. 120 Modifiche al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernenti la parita' di accesso

Dettagli

Sistemi di controllo nelle società di capitali

Sistemi di controllo nelle società di capitali Sistemi di controllo nelle società di capitali Sindaco unico nella S.r.l. e Collegio Sindacale nella S.p.A. Panoramica delle recenti modifiche legislative: opportunità e limiti. Paola Flora Milano, 13

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N.11971/1999 IN MATERIA DI EMITTENTI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N.11971/1999 IN MATERIA DI EMITTENTI I. Premessa MODIFICHE AL REGOLAMENTO N.11971/1999 IN MATERIA DI EMITTENTI Consultazione in materia di equilibrio tra generi nella composizione degli organi di amministrazione e controllo delle società

Dettagli

MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE. PRIMI DATI

MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE. PRIMI DATI L equilibrio di genere nelle giunte e nei consigli di amministrazione 29 maggio 2014 ROMA, Senato della Repubblica, Palazzo Giustiniani MONITORAGGIO E VIGILANZA SULLE QUOTE DI GENERE NELLE SOCIETA PUBBLICHE.

Dettagli

A. Composizione liste elettorali

A. Composizione liste elettorali NOTA DI ORIENTAMENTO (11 APRILE 2014) IN MATERIA DI COMPOSIZIONE DELLE LISTE ELETTORALI, CONSIGLI COMUNALI E GIUNTE COMUNALI CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LEGGE ( DELRIO ) 7 APRILE 2014, N. 56 - GU

Dettagli

Camfin S.p.A. Assemblea degli Azionisti del 14 maggio 2013

Camfin S.p.A. Assemblea degli Azionisti del 14 maggio 2013 Camfin S.p.A. Assemblea degli Azionisti del 14 maggio 2013 Relazione illustrativa redatta dagli Amministratori ai sensi dell art 72, primo comma, del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, e successive

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza A.A Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate *** Argomenti e temi

Dipartimento di Giurisprudenza A.A Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate *** Argomenti e temi Dipartimento di Giurisprudenza A.A. 2012-2013 Diritto commerciale, corso II semestre Le società quotate Argomenti e temi - Società per azioni che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio: società

Dettagli

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 6 maggio 2013

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 6 maggio 2013 ANSALDO STS S.p.A. SEDE LEGALE IN GENOVA, VIA PAOLO MANTOVANI 3-5 CAPITALE SOCIALE EURO 80.000.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI GENOVA E CF 01371160662

Dettagli

A. Composizione liste elettorali

A. Composizione liste elettorali ANCI - NOTA DI ORIENTAMENTO (4 APRILE 2014) IN MATERIA DI COMPOSIZIONE DELLE LISTE ELETTORALI, CONSIGLI COMUNALI E GIUNTE COMUNALI CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DAL DDL DELRIO COMMI: 135. All articolo 16,

Dettagli

NOMINA DEL COLLEGIO SINDACALE

NOMINA DEL COLLEGIO SINDACALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANZAI S.P.A. SUL QUARTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER IL 14 APRILE 2016 IN UNICA CONVOCAZIONE NOMINA DEL

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Relazione illustrativa sull unico punto all ordine del giorno di parte straordinaria redatta dagli Amministratori ai sensi dell articolo 72,

Dettagli

La composizione dell organo amministrativo. Amministratori e amministratrici indipendenti, non esecutivi e comitati endoconsiliari

La composizione dell organo amministrativo. Amministratori e amministratrici indipendenti, non esecutivi e comitati endoconsiliari La composizione dell organo amministrativo. Amministratori e amministratrici indipendenti, non esecutivi e comitati endoconsiliari Prof. avv. Eva Desana Associata di Diritto commerciale Dipartimento di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI MAIRE TECNIMONT S.P.A. IN MERITO ALLE PROPOSTE CONCERNENTI IL PUNTO N.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI MAIRE TECNIMONT S.P.A. IN MERITO ALLE PROPOSTE CONCERNENTI IL PUNTO N.P.A. MAIRE TECNIMONT S.P.A. Sede legale: Roma, Viale Castello della Magliana, 75 Sede operativa: Milano, Via Gaetano De Castillia, 6A Capitale sociale Euro 19.689.550,00 interamente sottoscritto e versato C.F./P.

Dettagli

Signori Azionisti, 4) Nomina del Collegio Sindacale e del relativo Presidente 5) Determinazione dei compensi dei Sindaci

Signori Azionisti, 4) Nomina del Collegio Sindacale e del relativo Presidente 5) Determinazione dei compensi dei Sindaci Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014 in merito ai punti 4) e 5) dell ordine del giorno, concernenti la nomina del Collegio Sindacale

Dettagli

a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso

a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso NOMINA DEGLI ORGANI SOCIALI a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso con l odierna Assemblea scade il nostro mandato;

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA

DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA DIRITTO SOCIETARIO SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA STRUTTURA GENERALE CORSO SULLE SOCIETA DI PERSONE (115 ore) 1 MODULO ordinamento sociale

Dettagli

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153 www.prelios.com Relazione illustrativa redatta dagli Amministratori ai sensi dell art.

Dettagli

3. Da quando sono operativi gli obblighi di cui alla Legge n.120/2011 e quelli di cui al DPR n. 251/2012?

3. Da quando sono operativi gli obblighi di cui alla Legge n.120/2011 e quelli di cui al DPR n. 251/2012? Domande frequenti sull applicazione del DPR 30 novembre 2012, n. 251, concernente la parità di accesso agli organi di amministrazione e di controllo nelle società, costituite in Italia, controllate da

Dettagli

: il Consiglio di Amministrazione uscente nonché quegli

: il Consiglio di Amministrazione uscente nonché quegli OVS S.p.A. Sede legale in Venezia Mestre, Via Terraglio, n. 17 - capitale sociale euro 227.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Venezia, codice fiscale e partita IVA 04240010274 - REA n VE - 378007

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Sede Legale in PIEVE DI SOLIGO (TV) Via Verizzo, 1030 Capitale sociale Euro i.v. Codice fiscale e Registro Imprese TV

ASCOPIAVE S.p.A. Sede Legale in PIEVE DI SOLIGO (TV) Via Verizzo, 1030 Capitale sociale Euro i.v. Codice fiscale e Registro Imprese TV ASCOPIAVE S.p.A. Sede Legale in PIEVE DI SOLIGO (TV) Via Verizzo, 1030 Capitale sociale Euro 234.411.575 i.v. Codice fiscale e Registro Imprese TV 03916270261 REA TV 308479 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE

ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSA Le presenti indicazioni hanno lo scopo di fornire alle Amministrazioni comunali e

Dettagli

A. Composizione liste elettorali

A. Composizione liste elettorali NOTA DI ORIENTAMENTO (4 APRILE 2014) IN MATERIA DI COMPOSIZIONE DELLE LISTE ELETTORALI, CONSIGLI COMUNALI E GIUNTE COMUNALI CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DAL DDL DELRIO Per l entrata in vigore delle nuove

Dettagli

Il collegio sindacale. Comunicazione al pubblico ex art. 114, comma 5, del d. lgs. n. 58/1998 ( TUF ) su richiesta della Consob

Il collegio sindacale. Comunicazione al pubblico ex art. 114, comma 5, del d. lgs. n. 58/1998 ( TUF ) su richiesta della Consob Milano, 14 aprile 2014 Comunicazione al pubblico ex art. 114, comma 5, del d. lgs. n. 58/1998 ( TUF ) su richiesta della Consob La presente comunicazione è effettuata dal Collegio Sindacale di Parmalat

Dettagli

Modalità, termini e requisiti per la presentazione delle liste

Modalità, termini e requisiti per la presentazione delle liste MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.046.395,20 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE IL SISTEMA MONISTICO IL SISTEMA DUALISTICO

PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE IL SISTEMA MONISTICO IL SISTEMA DUALISTICO PREMESSA IL SISTEMA TRADIZIONALE Principali innovazioni Il Consiglio di Amministrazione Il Collegio Sindacale IL SISTEMA DUALISTICO Principali caratteristiche Il Consiglio di Gestione Il Consiglio di Sorveglianza

Dettagli

L'impatto della legge sul risparmio sulla disciplina delle società quotate

L'impatto della legge sul risparmio sulla disciplina delle società quotate L'impatto della legge sul risparmio sulla disciplina delle società quotate Francesca Palisi Responsabile Settore Ordinamento Finanziario - ABI 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006 Milano, Palazzo Mezzanotte Roma,

Dettagli

Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria del 20 e 21 dicembre 2013

Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria del 20 e 21 dicembre 2013 Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria del 20 e 21 dicembre 2013 Adeguamento dello Statuto sociale a disposizioni di legge e regolamentari. Modifiche degli artt. 32, 34, 47 e 48 dello

Dettagli

1 - INCOMPATIBILITA E DECADENZA

1 - INCOMPATIBILITA E DECADENZA Si trasmettono in allegato le proposte di modifica dello Statuto ANM che verranno discusse in occasione dell Assemblea Generale prevista il 1 ottobre p.v. in Roma. Il testo è consultabile dal sito www.associazionemagistrati.it

Dettagli

Assemblea ordinaria e straordinaria di ISAGRO S.p.A.

Assemblea ordinaria e straordinaria di ISAGRO S.p.A. Assemblea ordinaria e straordinaria di ISAGRO S.p.A. Relazione illustrativa sulle materie all ordine del giorno dell Assemblea, parte ordinaria ex art. 125-ter del D. Lgs. n. 58/1998 24 aprile 2015 (unica

Dettagli

Attività e responsabilità degli amministratori nella Governance d impresa

Attività e responsabilità degli amministratori nella Governance d impresa Attività e responsabilità degli amministratori nella Governance d impresa Avv. Edoardo Courir Partner, Bird & Bird Sommario Modelli di corporate governance Ordinario Dualistico Monistico Compiti degli

Dettagli

La composizione del CdA nelle società quotate

La composizione del CdA nelle società quotate La composizione del CdA nelle società quotate Università degli Studi di Camerino 11 giugno 2014 Avv. Emilia Pucci 1 Le Fonti La composizione del CdA nell autodisciplina nella legge L evoluzione europea

Dettagli

Un candidato può essere presente in una sola lista, a pena di ineleggibilità.

Un candidato può essere presente in una sola lista, a pena di ineleggibilità. MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

SNAM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 27 APRILE 2016 IN UNICA CONVOCAZIONE. all'ordine del giorno dell'assemblea. Punto 6. Nomina degli amministratori

SNAM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 27 APRILE 2016 IN UNICA CONVOCAZIONE. all'ordine del giorno dell'assemblea. Punto 6. Nomina degli amministratori SNAM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 27 APRILE 2016 IN UNICA CONVOCAZIONE Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all'ordine del giorno dell'assemblea Punto

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi 1 Riferimenti normativi Codice civile: - articoli 2397 (spa), 2477 (srl), 2543 e 2519 (coop) Legge 12 novembre 2011, n. 183 Legge di stabilità - art. 14, comma 13 e 14: INTRODUZIONE SINDACO UNICO - art.

Dettagli

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A.

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. Sede legale: Corciano (PG), fraz. Solomeo, Via Dell Industria 5 Capitale sociale: Euro 13.600.000 interamente versato C.F./P. I.V.A. e n. di iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Parte Straordinaria. Relazione del Consiglio di Amministrazione. sull unico punto all Ordine del Giorno

Parte Straordinaria. Relazione del Consiglio di Amministrazione. sull unico punto all Ordine del Giorno Assemblea Ordinaria 14 e 16 maggio 2012 (I e II conv.) Assemblea Straordinaria 14, 15 e 16 maggio 2012 (I, II e III conv.) Parte Straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sull unico punto

Dettagli

Relazione illustrativa. del. Consiglio di Amministrazione. Arkimedica S.p.A.

Relazione illustrativa. del. Consiglio di Amministrazione. Arkimedica S.p.A. Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Arkimedica S.p.A. redatta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. n. 58/98 e dell articolo 72 del Regolamento approvato da Consob con deliberazione

Dettagli

La parità di accesso agli organi di amministrazione e controllo delle società quotate

La parità di accesso agli organi di amministrazione e controllo delle società quotate CIRCOLARE N. 16 DEL 7 GIUGNO 2012 MERCATO MOBILIARE E SOCIETA QUOTATE La parità di accesso agli organi di amministrazione e controllo delle società quotate www.assonime.it ABSTRACT La presente circolare

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 12 APRILE 2017 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 12 APRILE 2017 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO AEFFE S.p.A. Sede in San Giovanni in Marignano - RN Via delle Querce 51 Capitale sociale 26.840.626,00 Iscritta al Registro delle Imprese di Rimini con codice fiscale 01928480407 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

A. Composizione liste elettorali

A. Composizione liste elettorali NOTA IN TEMA DI COMPOSIZIONE DELLE LISTE ELETTORALI, CONSIGLI COMUNALI E GIUNTE COMUNALI (a normativa vigente al 6 marzo 2014, senza considerare quanto previsto nell AS1212 (DDL Delrio ) non ancora approvato

Dettagli

Pianificazione dell attività di vigilanza del Collegio Sindacale

Pianificazione dell attività di vigilanza del Collegio Sindacale Pianificazione dell attività di vigilanza del Collegio Sindacale a cura di Piera Braja per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino Comitato Pari Opportunità Gruppo di Lavoro L. 120/2011 PREMESSA

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio Nomina Collegio Sindacale

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio Nomina Collegio Sindacale Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO. Assemblea ordinaria

ORDINE DEL GIORNO. Assemblea ordinaria RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE DI APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DELLE AZIONI ORDINARIE DI TRIBOO S.P.A. SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO,

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA. Signori Azionisti,

ASSEMBLEA ORDINARIA. Signori Azionisti, Moncler S.p.A. Via Stendhal n. 47, 20144 Milano Capitale sociale i.v. Euro 50.024.891,60 Codice fiscale ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 04642290961 Relazione illustrativa del Consiglio di

Dettagli

Nuovo ordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Nuovo ordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 02-03-2010 REGIONE SICILIA Nuovo ordinamento delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 11 del 5 marzo

Dettagli

Meridiana fly S.p.A.

Meridiana fly S.p.A. Meridiana fly S.p.A. Sede in Olbia (OT), Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda Capitale sociale Euro 20.901.419,34 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Sassari e Codice Fiscale 05763070017,

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

Nomina del Collegio Sindacale per gli esercizi

Nomina del Collegio Sindacale per gli esercizi RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO 6. Nomina del Collegio Sindacale:

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE I N D I C E TITOLO I ASSEMBLEA DEI DELEGATI Art. 1 - Convocazione delle elezioni dei Delegati all Assemblea Art. 2 - Ufficio Elettorale Istituzione Art. 3 - Ufficio Elettorale Competenze

Dettagli

Nota 1) Articolo 19 in vigore fino alla data di cessazione del Consiglio di Amministrazione attualmente in carica. Articolo 19 La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione (il Consiglio

Dettagli

Collegio Sindacale. Corso di Audit e Governance. Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi

Collegio Sindacale. Corso di Audit e Governance. Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi Collegio Sindacale Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi L organo di controllo nei vari Modelli di governance Organo di controllo Modello tradizionale Modello

Dettagli

SOMMARIO Articolo 16 dello Statuto Sociale PAG. 3 Estratto Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (TUF) PAG. 5 Estratto Regolamento Consob n. 119

SOMMARIO Articolo 16 dello Statuto Sociale PAG. 3 Estratto Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (TUF) PAG. 5 Estratto Regolamento Consob n. 119 Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Assemblea ordinaria del 10 maggio 2012 Collegio Sindacale: - nomina dei componenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO Approvato dall Assemblea degli Azionisti del 5 maggio 2014 Pagina 1 di 9 I N D I C E PARTE PRIMA: NORMATIVA 1) Normativa

Dettagli

Meridiana fly S.p.A.

Meridiana fly S.p.A. Meridiana fly S.p.A. Sede in Olbia (OT), Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda Capitale sociale Euro 46.100.833,59 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Sassari e Codice Fiscale 05763070017,

Dettagli

LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO Approvato dall Assemblea dei soci del 16 maggio 2011 Pagina 1 di 10 I N D I C E PARTE PRIMA: 1) Normativa di riferimento 2) Limiti di cumulo:

Dettagli

Le quote rosa in Italia

Le quote rosa in Italia 1 Il 12 agosto 2011, con l entrata in vigore della legge 120/2011, approvata grazie all impegno delle On.li Lella Golfo e Alessia Mosca, è stata stabilita una importante novità nell ambito del diritto

Dettagli

Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società

Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società pubbliche. Mentre per le società quotate, con delibera emanata

Dettagli

APPENDICE ALLA GUIDA SULLE SANZIONI DEL REGISTRO IMPRESE

APPENDICE ALLA GUIDA SULLE SANZIONI DEL REGISTRO IMPRESE APPENDICE ALLA GUIDA SULLE SANZIONI DEL REGISTRO IMPRESE 1 NOTA INFORMATIVA SUI NUOVI IMPORTI 2 TTABBEELLLLEE...1 SOCIETA SEMPLICI...1 SOCIETA DI PERSONE (s.n.c. - s.a.s.)...2 SOCIETA PER AZIONI/S.A.p.A/S.C.p.A....3

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL ARTICOLO

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL ARTICOLO RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL ARTICOLO 125-ter DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N. 58-1 - Signori Azionisti, con avviso di convocazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. 8. Il compenso... 34

INDICE SOMMARIO. 8. Il compenso... 34 SOMMARIO CAPITOLO 1 I SISTEMI ALTERNATIVI DI GOVERNANCE E CONTROLLO NELLE SPA NON QUOTATE 1. I nuovi sistemi di governance e controllo. Generalità... 1 2. Il sistema dualistico... 2 2.1. Le possibili applicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE SOCIALI UNICA Società Cooperativa di Abitazione Viale Gramsci, 53 50121 FIRENZE PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Contenuto del Regolamento Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

Modifiche statutarie non conseguenti alla Scissione

Modifiche statutarie non conseguenti alla Scissione Modifiche statutarie non conseguenti alla Scissione Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Art. 7 - Assemblee degli azionisti Convocazione assemblea mediante avviso pubblicato,

Dettagli

Composizione quali-quantitativa ottimale del Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio scpa

Composizione quali-quantitativa ottimale del Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio scpa Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Collegio Sindacale: nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. (Approvata dal Consiglio

Dettagli

Statistiche e analisi Rapporto 2012 sulla corporate governance delle società quotate italiane

Statistiche e analisi Rapporto 2012 sulla corporate governance delle società quotate italiane Statistiche e analisi Rapporto 202 sulla corporate governance delle quotate italiane dicembre 202 Statistiche e analisi Rapporto 202 sulla corporate governance delle quotate italiane dicembre 202 Il Rapporto

Dettagli

stacco cedola, per un importo complessivo di ,68 euro;

stacco cedola, per un importo complessivo di ,68 euro; Rendiconto sintetico delle deliberazioni e delle votazioni sugli argomenti all ordine del giorno dell Assemblea ordinaria e straordinaria di Enel S.p.A. del 26 maggio 2016 L Assemblea ordinaria e straordinaria

Dettagli

Regolamento Consigli di Facoltà

Regolamento Consigli di Facoltà Regolamento Consigli di Facoltà (Approvato dal Senato Accademico nelle seduta dell 1.06.1998 B/2 e 14.09.1998 B/1) Norme Generali Lo Statuto dell Università degli Studi di Palermo (Art. 17 comma 3 punto

Dettagli

Assemblea ordinaria degli Azionisti di Mid Industry Capital S.p.A.

Assemblea ordinaria degli Azionisti di Mid Industry Capital S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti di Mid Industry Capital S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno Prima Convocazione: 15 luglio 2015

Dettagli

Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere. L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia?

Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere. L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia? Convegno 10 maggio 2012 Legge Golfo Mosca una rivoluzione per l equilibrio di genere L Europa si auspica : piu quote rosa e l Italia? Filippo Annunziata Unione Commercianti Corso Venezia 47/49 - Milano

Dettagli

ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 19 Dicembre unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 19 Dicembre unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 19 Dicembre 2014 - unica convocazione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI Proposta di modifica dell articolo 14 dello Statuto sociale. Delibere inerenti e conseguenti.

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 26 gennaio 2015 in unica convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 26 gennaio 2015 in unica convocazione ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 26 gennaio 2015 in unica convocazione RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (redatta ai sensi dell art. 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

Prelios S.p.A. sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli, 27 Registro delle imprese di Milano n

Prelios S.p.A. sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli, 27 Registro delle imprese di Milano n Prelios S.p.A. sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli, 27 Registro delle imprese di Milano n. 02473170153 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 19 MAGGIO 2016 UNICA CONVOCAZIONE NOMINA DEL COLLEGIO

Dettagli

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A.

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. Sede legale: Corciano (PG), fraz. Solomeo, Viale Parco dell Industria, 5 Capitale sociale: Euro 13.600.000 interamente versato C.F./P. I.V.A. e n. di iscrizione al Registro delle

Dettagli

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n.

Dettagli

Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards

Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards europeo Women Mean Business and Economic Growth Promoting Gender Balance on Company Boards Cons. Monica Parrella Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità Dirigente generale

Dettagli

AMBROMOBILIARE S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA. 30 aprile 2014

AMBROMOBILIARE S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA. 30 aprile 2014 AMBROMOBILIARE S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA 30 aprile 2014 1 Relazione sui punti 1,2 e 3 dell Ordine del Giorno Relazione illustrativa redatta

Dettagli

Esprinet S.p.A. Sede sociale in Nova Milanese (MB), Via G. Saragat 4. Capitale Sociale euro ,00 i.v.

Esprinet S.p.A. Sede sociale in Nova Milanese (MB), Via G. Saragat 4. Capitale Sociale euro ,00 i.v. Esprinet S.p.A. Sede sociale in Nova Milanese (MB), Via G. Saragat 4 Capitale Sociale euro 7.860.651,00 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Monza e Brianza n. 05091320159 Codice Fiscale n. 05091320159

Dettagli

mod. 9 SEG BANCA CARIGE

mod. 9 SEG BANCA CARIGE Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 settembre 2013 in merito ai punti nn. 1) e 2) dell ordine del giorno, concernenti rispettivamente:

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI. 24 novembre 2016 (unica convocazione)

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI. 24 novembre 2016 (unica convocazione) BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 24 novembre 2016 (unica convocazione) RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL PUNTO 3 ALL ORDINE DEL GIORNO Parte Ordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TRASPARENZA E PUBBLICITA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO E DEGLI ALTRI SOGGETTI

REGOLAMENTO PER LA TRASPARENZA E PUBBLICITA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO E DEGLI ALTRI SOGGETTI REGOLAMENTO PER LA TRASPARENZA E PUBBLICITA DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO E DEGLI ALTRI SOGGETTI OBBLIGATI Approvato con delibera C.C. n. 15/92268/2012 del

Dettagli

Disegno di legge A.S. n e abb.

Disegno di legge A.S. n e abb. XVI legislatura Disegno di legge A.S. n. 2482 e abb. Modifiche al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernenti

Dettagli

nonché con quanto osservato dalla Commissione Europea nella consultazione sul Green Paper in materia di Governo Societario.

nonché con quanto osservato dalla Commissione Europea nella consultazione sul Green Paper in materia di Governo Societario. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI IN MERITO AL SEGUENTE PUNTO POSTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RISANAMENTO S.P.A. DEL 28 FEBBRAIO 2013 Modifica degli

Dettagli

Indice generale. Presentazione... pag. 7. Capitolo III. Caratteri generali delle società operanti nell ordinamento italiano

Indice generale. Presentazione... pag. 7. Capitolo III. Caratteri generali delle società operanti nell ordinamento italiano 569 Indice generale Presentazione... pag. 7 Capitolo I Caratteri generali delle società operanti nell ordinamento italiano 1. Nozione giuridica di società e requisiti del contratto di società...» 9 2.

Dettagli

A12 91 QUADERNI DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLE COMUNICAZIONI E DEI MEDIA

A12 91 QUADERNI DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLE COMUNICAZIONI E DEI MEDIA QUADERNI DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLE COMUNICAZIONI E DEI MEDIA per la Facoltà di Giurisprudenza dell Università LUMSA Libera Università Maria SS. Assunta 5 A12 91 Federico Maurizio d Andrea LA SOCIETÀ

Dettagli

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8..del

Dettagli

Regolamento per l elezione del Collegio Sindacale

Regolamento per l elezione del Collegio Sindacale Regolamento per l elezione del Collegio Sindacale Deliberato dall Assemblea ordinaria del 27 giugno 2016 In attuazione dell art. 46 dello Statuto, l assemblea ordinaria dei soci procede alla elezione dei

Dettagli

SISTEMI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO NELLE SOCIATA' QUOTATE

SISTEMI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO NELLE SOCIATA' QUOTATE SISTEMI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO NELLE SOCIATA' QUOTATE SISTEMA TRADIZIONALE Nel modello tradizionale, la gestione della societa` e` sempre affidata ad un organo amministrativo (che puo` essere formato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ E TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con Delibera di CC n. 55 del 22 ottobre

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Relativamente alle proposte concernenti le materie di cui ai punti all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria dei Soci convocata per il giorno 30 marzo 2016, in prima convocazione

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli