Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento"

Transcript

1 - UNITà DIDATTICHE ON LINE - Guida alla valutazione, alla diagnosi e al trattamento dei Disturbi e delle Difficoltà di Apprendimento Per Psicologi, Insegnanti, Tecnici della Riabilitazione - PARTE SECONDA - a cura del Dott. Gianluca Sechi 1

2 Capitolo 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico L obiettivo di questo capitolo è analizzare quali siano le abilità specifiche coinvolte nell apprendimento della lettura, della scrittura e del calcolo. Ciascuna di queste abilità presuppone una serie di competenze che ne rendono possibile l acquisizione e l espressione, e la cui carenza può tanto spiegare specifiche difficoltà negli apprendimenti scolastici, quanto predire profili di disturbo specifico di apprendimento in età in cui non è teoricamente possibile porre una diagnosi in tal senso. L evoluzione delle competenze citate è in larga parte conosciuta, grazie a studi longitudinali che ne hanno descritto le tappe di sviluppo. In questa sede sarà data grande importanza alla descrizione dei trend evolutivi della competenza normale, in quanto costituisce la base cui riferirsi per valutarne eventuali ritardi, oltre a rappresentare un irrinunciabile riferimento per chi si occupa del loro potenziamento o riabilitazione. La complessità e l eterogeneità degli elementi in gioco richiederebbe virtualmente un volume per ciascuna di queste abilità, ma dato il taglio del presente lavoro ci si limiterà ad una trattazione dei principali riferimenti teorici e dei modelli descrittivi della loro evoluzione. Tra l altro, lettura, scrittura e calcolo possono essere considerate sia come abilità fini a se stesse che come strumento finalizzato a compiti più complessi. Tale distinzione si riferisce in particolare ad una serie di considerazioni. La lettura va intesa sia come abilità tecnica di decodifica di parole scritte che come attività finalizzata alla comprensione del testo. La scrittura va considerata a tre livelli: come gesto grafico-motorio finalizzato alla produzione di lettere; come abilità nel trasformare suoni in lettere, cioè come competenza ortografica; come abilità di produzione creativa, finalizzata alla produzione di testi. Il calcolo infine va considerato: nei suoi aspetti basali, cioè come cognizione numerica (o come si dice oggi, intelligenza numerica); nei suoi aspetti procedurali e strategici, finalizzato all esecuzione di operazioni aritmetiche; come aspetto strumentale finalizzato alla risoluzione di problemi aritmetici (dove entrano in gioco, tra le altre, anche abilità concernenti la comprensione del testo). Pertanto, ai fini della sistematicità della trattazione di ciascuno dei livelli citati, essi saranno discussi separatamente in sezioni diverse di questo capitolo. Tale scelta è tuttavia puramente editoriale, per cui vale l invito a considerarli in termini di domini generali ( Letto-Scrittura, Comprensione, Produzione Scritta, Calcolo e Soluzione di Problemi Aritmetici ), ciascuno dei quali è definito dall interazione sinergica di più domini specifici (prerequisiti specifici per la lettura, per la scrittura e per il calcolo ).

3 36 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale Letto-Scrittura 2.1 Abilità di base ed evoluzione dei processi di lettura e scrittura Con il termine prerequisiti si indicano in generale una serie di abilità specifiche che sono necessarie perché si possa strutturare una competenza più complessa (Tretti et al., 2002). I prerequisiti scolastici consistono pertanto in una serie di competenze cognitive il cui ruolo nel favorire gli apprendimenti è fondamentale, nel senso che la loro presenza, stabilità ed automaticità costituiscono condizioni indispensabili perché i successivi apprendimenti possano poggiarsi su solide basi. La mancanza di una o più di queste condizioni costituisce un forte indice predittivo di rischio per lo sviluppo di difficoltà di apprendimento. L analisi dell adeguatezza dei prerequisiti, rientra in quella serie di misure preventive che è indispensabile adottare, in particolare durante l ultimo anno di scuola dell infanzia e nel primo anno della scuola primaria, per far sì che si individuino tempestivamente i casi a rischio e si attivino adeguate iniziative di supporto. L importanza della prevenzione attraverso l identificazione precoce è dovuta a due ragioni. In primo luogo è dimostrato come questa determini l evoluzione successiva delle condizioni di difficoltà negli apprendimenti, ed in secondo luogo è accertato che le differenze individuali si accentuano con il passare del tempo, per cui se ad esempio lo svantaggio a 5 anni è lieve, a 8 anni tale differenza aumenta se non si sono attuati idonei interventi compensativi. Inoltre è importante anche per le potenziali ricadute che una difficoltà più o meno forte negli apprendimenti scolastici può avere sull adattamento del futuro adolescente, attraverso l acquisizione di stili attributivi disfunzionali (cfr. paragrafo 1.2). Prerequisiti per l apprendimento della lettura Figura Task Analysis del processo di lettura (Struiksma, 1979)

4 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 37 Un modello che descrive i processi parziali relativi alla lettura, che seppur piuttosto datato conserva il suo fascino per via della semplicità espositiva, è quello elaborato da Struiksma (1979), rappresentato in figura 2.1. L Autore considera l apprendimento della capacità tecnica di lettura come la sintesi di alcuni processi parziali che rendono possibile l identificazione delle parole, note o sconosciute al lettore. I processi indicati sono parzialmente indipendenti, per cui disponiamo di strumenti per l analisi e il potenziamento di ciascuno di essi, ma anche gerarchicamente connessi, per cui l adeguatezza di una competenza implica che siano state acquisite quelle che la precedono. L autore individua come prime competenze di base l analisi visiva e il lavoro sinistra-destra. Perché si possa affermare che il bambino possieda adeguate abilità di Analisi Visiva, egli deve saper riconoscere e tracciare segni grafici elementari, che sono gli elementi costitutivi di una lettera. Deve inoltre essere in grado di Lavorare da Sinistra a Destra, il che implica non solo l acquisizione e la stabilizzazione della preferenza manuale, ma anche che il bambino sappia coordinare occhio e mano nella giusta direzione. I processi appena citati concorrono a definire una abilità nota come Discriminazione Visiva: il bambino deve essere in grado di analizzare il segno grafico e distinguere un grafema dall altro ( p, q b, d infatti sono segni per il riconoscimento dei quali è indispensabile sia essersi impadroniti sia dei rapporti topologici che delle abilità di analisi visiva per il rendersi conto che si tratta di forme diverse). Nella lettura, naturalmente, vale il principio che ogni lettera ha il suo suono, per cui è importante che il bambino possieda buone abilità di Discriminazione Uditiva, ovvero che sappia distinguere un fonema dall altro (il suono ba è uguale a da?). Spesso nell analisi di questa competenza si ricorre a parole senza senso (non-parole) per evitare che il bambino si poggi sulla semantica per esprimere il proprio giudizio sull uguaglianza. Nella Percezione dell Ordine Temporale, il bambino deve saper conservare l ordine di presentazione delle lettere, senza anteporle, spostarle od ometterle: è una competenza in cui gioca un ruolo importante la cosiddetta memoria fonologica a breve termine. Le due competenze di percezione dell ordine temporale e discriminazione uditiva concorrono a definire una abilità sovraordinata chiamata Sintesi Uditiva, mediante la quale il bambino opera una fusione di suoni (fonemi o sillabe) in ordine corretto per ricostruire una parola. A sua volta, l abilità di discriminare suoni concorre con l abilità di discriminare segni grafici alla definizione di una competenza fondamentale che ritroveremo anche nella scrittura, la Corrispondenza Grafema-Fonema. Con il termine Sintesi Visiva, l autore richiama una competenza piuttosto complessa, che costituisce l ultimo passo per consentire al bambino di leggere una parola isolata. L identificare i singoli grafemi che compongono la parola è infatti necessario ma non sufficiente per leggerla: per farlo il bambino deve arrivare a fondere i suoni associati alle singole lettere in un unica sequenza di suoni, cogliendo sia l insieme della parola che l elemento che la differenzia da parole simili, e leggerla sintetizzandola senza staccare i fonemi. Questa competenza rimanda a due funzioni neuropsicologiche fondamentali nei processi di lettura, la lettura fonologica e lessicale, che saranno discusse più avanti. Vale la pena di puntualizzare fin d ora che le componenti appena presentate si riferiscono alle abilità fondanti la competenza tecnica di lettura, o lettura decifrativa, che poco ha a che vedere con la competenza linguistica generale (che costituisce un dominio generale) e con la comprensione di quanto il bambino legge (che presuppone abilità cognitive superiori).

5 38 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale Un ulteriore elemento che è necessario tenere in considerazione, circa l analisi dei prerequisiti della lettura, con sostanziali implicazioni anche nell abilità di scrittura, è quello costituito dalle abilità di consapevolezza fonologica o metafonologia. La competenza metafonologica è definita da Bortolini (1995) come la capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato, operando adeguate trasformazioni con gli stessi. L importanza di queste competenze è giustificata dal fatto che la lingua italiana è un sistema a base fonetica, con un ortografia trasparente, che richiede una buona abilità di elaborazione dei suoni del linguaggio parlato ed un adeguato confronto di questo con il codice scritto. La tabella 2.1 sintetizza il modello attualmente più accreditato per la descrizione, l analisi e la valutazione delle competenze metafonologiche (Morais, 1991). Tabella 2.1. Modello di Morais (1991) della consapevolezza fonologica. Consapevolezza Globale Discriminazione di suoni Discriminazione uditiva in coppie minime Classificazione Riconoscimento di rime Riconoscimento di sillabe in parole diverse Fusione e Segmentazione Sintesi e Segmentazione Sillabica Consapevolezza Analitica Fusione e Segmentazione Manipolazione Classificazione Sintesi e Segmentazione Fonemica Delezione sillabica e consonantica Inversione di iniziale (spoonerismo) Ricognizione di rime Produzione di rime Fluidità lessicale con facilitazione fonemica Come si nota, nel modello è prevista una sovrapposizione delle competenze di classificazione e fusione/segmentazione, che figurano come collegate a competenze nell uso di sillabe oppure di fonemi. Tale distinzione è dovuta all oggetto stesso del lavoro metafonologico: i bambini, infatti, sviluppano la conoscenza di sillabe prima dei fonemi, e ciò ha una spiegazione chiara. Le sillabe sono marcate acusticamente e possono essere pronunciate isolatamente per via della loro autonomia articolatoria e percettiva (Marotta, 2004). I fonemi invece comportano alcune difficoltà ai bambini, soprattutto in età prescolare, per via delle loro caratteristiche fisicoacustiche. Analizzando il linguaggio con metodi spettrografici, infatti, emerge che i fonemi sono fusi tra loro e la segmentazione del segnale acustico non corrisponde alla segmentazione fonemica, ma è meglio rappresentata dalla segmentazione sillabica (Liberman et al., 1974). Di qui la particolare importanza assunta dalla consapevolezza analitica, che è in grado di discriminare bambini con adeguata organizzazione delle competenze metafonologiche fini da bambini che ancora non hanno acquisito tali competenze. La consapevolezza analitica non sarebbe presente nei bambini prima dell apprendimento della lingua scritta, ovvero prima che i bambini abbiano appreso le regole di conversione fonema-grafema. Non sarebbe, inoltre, presente, nei bambini che usano sistemi di scrittura non alfabetici.

6 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 39 Prerequisiti per l apprendimento della scrittura. Nell introduzione a questo capitolo, si è fatto riferimento a tre livelli di definizione del termine scrittura, anticipandone la distinzione in termini di grafismo, di competenza ortografica, e di produzione creativa. In questo paragrafo parleremo nello specifico dei primi due livelli, rimandando la trattazione dell ultimo al paragrafo 2.3. Seguendo il modello di Struiksma (1979), già discusso relativamente alla lettura, e circoscrivendo l analisi alle attività di copia e dettato, possiamo considerare l acquisizione delle abilità motorie fini e delle competenze di analisi visiva come il primo nodo cruciale sulla cui base si fonderanno le abilità successive (Cfr. Figura 2.2). Le abilità appena citate sono sufficienti per consentire al bambino di copiare singole lettere. Per poter scrivere lettere e parole sotto dettatura, invece, il bambino ha ancora bisogno di abilità connesse con la memoria uditiva e visiva, ha bisogno di integrare informazioni uditive con informazioni visive, ed ha infine bisogno di saper percepire e riconoscere una certa ritmicità nelle strutture visivo-grafiche e linguistiche. Quando il bambino acquisisce competenze psicolinguistiche di tipo grammaticale-sintattico, semantico e testuale, è infine pronto per l ultimo livello indicato sopra, la scrittura di un testo. Figura Task Analysis del processo di scrittura (Struiksma, 1979) Si può intuire, dal fatto che nello schema dei processi di scrittura ritornino competenze già esposte per quanto riguarda la lettura, come queste siano abilità strettamente associate nella loro espressione ed acquisizione. Parlando dei modelli di sviluppo, capiremo come questa sovrapposizione non riguardi solo le sub-componenti che ne consentono l acquisizione, ma proprio questa condivisione di processi di base spiega la reciproca influenza nelle primissime fasi di apprendimento, tanto che si parla di solito di abilità di letto-scrittura. Anche parlando di

7 40 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale sviluppo atipico, inoltre, proprio la stretta associazione di questi elementi spiega l alta percentuale di comorbilità tra i disturbi della lettura e i disturbi della scrittura. Un altra interessante prospettiva è stata più recentemente proposta da Tressoldi e Vio (1996), considerando in maniera più decisa i contributi delle componenti prassiche, linguistiche e cognitive, integrando in particolare alcuni elementi che sottendono la produzione creativa di testi. La posizione espressa dagli Autori è di particolare interesse anche perché, per estensione, consente di riflettere su una serie di variabili che ritroveremo parlando di strumenti per l intervento sulle competenze di scrittura. Tale modello contempla tre ordini di componenti che rendono possibile la scrittura (Figura 2.3): Figura 2.3 Le componenti del processo di scrittura indicate da Tressoldi e Vio (1996) Le Competenze prassiche e motorie che sottendono gli aspetti esecutivi della scrittura, cui normalmente ci si riferisce con il termine grafismo. Componenti linguistiche, in cui sono incluse sia le competenze fonologiche e metafonologiche implicate nell apprendimento dell ortografia, che abilità più complesse che consentono l apprendimento delle forme irregolari; comprendono infine abilità più generali che consentono l acquisizione dei livelli semantico e sintattico. Abilità cognitive necessarie per la composizione di testi, in particolare il padroneggiare una serie di fasi già individuate da altri Autori come importanti per la scrittura di testi efficaci. Per quanto riguarda le componenti prassiche e motorie, esse sono implicate in quella parte della scrittura cui solitamente ci si riferisce con il termine calligrafia. Si tratta in sostanza di una serie di abilità che pertengono ai domini percettivo e motorio, che regolano la sequenza di movimenti necessari per produrre le lettere. Alla base di questa abilità, si possono distinguere una serie di elementi il cui corretto sviluppo ed interazione sono fondamentali ai fini della buona grafia :

8 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 41 coordinazione dell arto superiore, motricità fine della mano e coordinazione oculo-manuale (Fantuzzi, 2009). La coordinazione dinamica dell arto superiore è importante per ottenere la stabilità necessaria del braccio, che consente la successiva integrazione dei movimenti fini della mano. I bambini passano dal compiere movimenti grossolani mentre sono impegnati a disegnare, principalmente a carico della spalla, del braccio, dell avambraccio e del gomito ( grande progressione ) a movimenti a carico del polso, della mano e delle dita, che gradualmente diventano più fluidi. A questo punto entrano in gioco le abilità motorie fini della mano, che devono raggiungere caratteristiche di precisione, forza muscolare calibrata, buona coordinazione tra muscoli antagonisti e agonisti; affinché i movimenti della mano siano fluidi e rapidi, è inoltre importante che questi diventino sufficientemente automatici da non richiedere un controllo cosciente da parte del bambino. Le abilità di coordinazione oculo-manuale, servono per integrare le informazioni relative all esecuzione dei movimenti con il loro risultato: è un operazione in cui l occhio funziona da regolatore del movimento, nel senso che modula l esecuzione motoria in base a ciò che viene prodotto. La scuola dell infanzia è il luogo privilegiato in cui osservare e potenziare queste abilità, dal momento che è proprio tra i 3 e i 5 anni che si osserva il loro periodo di massima plasticità. Pratelli (1995) a questo proposito ha consigliato una serie di abilità di base da monitorare e valutare ai fini della definizione di profili di difficoltà nell area grafo-motoria o di vera e propria disgrafia. Esse sono: Percezione visiva Organizzazione spaziale Organizzazione temporale Integrazione spazio-temporale Orientamento sinistra-destra Conoscenza e rappresentazione dello schema corporeo Coordinazione motoria Dominanza laterale Memoria e attenzione Per quanto riguarda le componenti linguistiche, ai fini dell apprendimento dell ortografia assume particolare importanza la consapevolezza metafonologica, che abbiamo già descritto parlando di prerequisiti per la lettura. Siamo abituati a pensare che i prerequisiti precedano la comparsa dell abilità complessa corrispondente: parlando di scrittura, sarebbe tuttavia più corretto affermare che alcune competenze migliorano grazie all esposizione del bambino alla lingua scritta, ad esempio la consapevolezza fonologica analitica. Vedremo nel paragrafo successivo, infatti, che tali competenze subiscono una impennata evolutiva proprio in concomitanza con l esposizione del bambino alle regolarità della lingua scritta. Per quanto riguarda le componenti cognitive, in questo momento ci limiteremo ad accennare al modello proposto da Hayes e Flower (1980), che riprenderemo parlando di scrittura come competenza espositiva (cfr. par. 2.3, figura 2.13). Tale modello si concentra in particolar modo su i processi cognitivi indicati nella produzione di un testo, che gli Autori concettualizzano come un processo dinamico caratterizzato dal continuo scambio tra tre moduli principali. Il contesto del compito concerne gli elementi esterni usati per definire lo spazio del problema (ad esempio l'argomento da trattare ed il tipo di informazioni richieste, lo scopo per il quale il testo viene prodotto, il destinatario, materiali disponibili per la consultazione ecc.), e le strategie messe in atto per la revisione del testo prodotto. La memoria a lungo termine interviene nella formulazione del

9 42 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale testo attraverso il richiamo delle informazioni in possesso relative all'argomento da trattare (conoscenze dichiarative, cioè il sapere che ) e relative alle modalità tecniche di composizione di quel particolare testo (conoscenze procedurali, cioè il sapere come ). Il processo di scrittura, vera fase creativa, costituisce una attività descrivibile attraverso l identificazione di tre fasi: la pianificazione, ovvero l insieme delle scelte, delle operazioni e delle decisioni che anticipano e regolano la imminente attività; la trascrizione, ovvero il momento in cui le scelte prese nella fase precedente assumono la forma testuale; la revisione, ovvero l insieme delle operazioni che lo scrittore mette in atto per migliorare il testo o il piano che ne sta alla base (Bereiter e Scardamalia, 1987). Nello schema proposto dagli autori, il monitoraggio coincide con una serie di abilità di tipo metacognitivo che presiedono e sovraintendono a tutto il processo di produzione scritta. Evoluzione delle abilità di letto-scrittura Stabilito quali siano i prerequisiti per l apprendimento scolastico, tracciamone ora le linee evolutive, in modo da chiarire due aspetti piuttosto importanti che ci torneranno utili nell interpretazione dei profili dei bambini. Da un punto di vista clinico, conoscere i trend di sviluppo delle competenze di letto-scrittura e calcolo ci aiuta ad avere un parametro al quale riferirci quando valutiamo queste abilità, per capire cioè a che punto si trova il nostro bambino rispetto al livello atteso per l età o la classe di riferimento. Di conseguenza abbiamo la possibilità di verificare il cosiddetto criterio del ritardo, che come vedremo parlando di diagnosi, è uno dei nodi fondamentali per capire se ci si trovi davanti ad una condizione di ritardo significativo o meno. Da un punto di vista didattico, conoscere questi dati può rivestire un ruolo importante nella programmazione delle attività didattiche o di potenziamento specifiche per una particolare classe. L apprendimento delle competenze di decodifica è strettamente connesso a quello delle competenze ortografiche, sebbene non ci sia ancora un completo accordo circa l entità dei meccanismi di mutua influenza (Cornoldi, 2007). È tuttavia dimostrato come la precoce esposizione dei bambini piccoli a narrazioni ed a libri sviluppi in loro sia una sensibilità ai contenuti dei testi, che una consapevolezza delle specificità e regolarità proprie dei caratteri scritti rispetto ad altri segni grafici (Ferreiro e Teberosky, 1985) 1. Si potrebbe collocare l inizio del processo di sviluppo delle abilità di letto-scrittura nel momento in cui il bambino inizia a produrre i primi segni grafici. Dietro agli scarabocchi dei bambini si nasconde un mondo di considerevole interesse per chi si occupa di età evolutiva. Per i nostri scopi, ci limiteremo a considerarne l importanza come occasioni di scambio tra bambino e adulto, e come prime occasioni di esposizione del primo alla lettura che l adulto fa dei segni da lui prodotti. Il bambino, che è già da un po esposto al linguaggio, è costantemente impegnato in un processo attivo di concettualizzazione della lingua scritta, vale a dire in quel processo grazie al quale impara a dare un senso (un etichetta verbale) a ciò che scrive. In questa fase vediamo come ci sia una dinamica di mutuo interscambio tra la dimensione della lettura e quella della scrittura: possiamo leggere quello che scriviamo e possiamo scrivere quello che diciamo! Almeno a grandi linee. Come tutti i processi, anche questi hanno bisogno di un certo periodo di tempo perché si affinino, perché raggiungano cioè la maturità quei meccanismi di conversione del suono in segno e viceversa. Quanto ai tempi, Ferreiro e Teberosky (1985) ci ricordano che c è una grande variabilità 1 Un interessante progetto per la promozione della lettura nei bambini dai 6 mesi ai 6 anni, è iniziato dal 1999 grazie ad uno sforzo congiunto di varie Associazioni. Riferimenti e informazioni sono reperibili in internet all indirizzo

10 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 43 individuale nell acquisizione, ma tutti i bambini solitamente rispettano alcune fasi nell evoluzione dei sistemi di interpretazione. Livello presillabico o preconvenzionale (Fig. 2.4). A questo livello si collocano i tentativi del bambino di distinguere un segno fatto per disegnare da uno usato per scrivere. Gradualmente il bambino giunge a capire che i segni usati per scrivere le lettere devono essere diversi da quelli tracciati per disegnare. In particolare, comprende che nella scrittura, la forma della lettera non ha nulla a che fare con l oggetto che si sta etichettando, come invece accade nel disegno. Nel leggere ciò che ha prodotto, si limita ad enunciare il nome di ciò che ha scritto, senza alcun tentativo di far corrispondere ciò che scrive a ciò che dice. In questa fase il bambino giunge tuttavia a due importanti conclusioni, che lo guideranno nella fase successiva: esiste un numero minimo di segni che si devono scrivere per poter leggere quella parola (criterio della quantità minima) e questi segni devono essere diversi tra loro per poter scrivere cose diverse (criterio della varietà). Prima del completamento di questa fase, il bambino ritiene che siano almeno tre i segni grafici da produrre per poter leggere una parola. Nelle scritture prodotte a questo livello inoltre, si può osservare la tendenza a stabilire una relazione tra il numero di segni che compongono la parola scritta e le caratteristiche del referente: ci vogliono più segni per scrivere treno di quanti ce ne vogliano per formichina. Figura 2.4. Esempio di scrittura presillabica o precovenzionale. Livello Sillabico (Fig. 2.5). A questo livello inizia ad emergere la cosiddetta fonetizzazione della parola scritta, ovvero il bambino inizia ad individuare una corrispondenza tra le parti di una parola e le lettere che la compongono. Tipicamente osserviamo un tentativo di far corrispondere una sillaba ad ogni segno scritto: l importanza della comparsa di questa ipotesi sillabica segna il passaggio del bambino in una fase in cui inizierà a perfezionare questa corrispondenza suonosegno. Tuttavia per ora, egli si limita a leggere ciò che ha scritto, arrivando a volte anche a giustificare eventuali segni eccedenti o a cancellarli. A questo proposito, è interessante notare come nei bambini italiani sia molto frequente riscontrare un uso prevalente di vocali, a causa della

11 44 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale regolarità del gruppo consonante-vocale nella nostra lingua rispetto ad esempio ai bambini inglesi in cui è più frequente un uso di consonanti (Pontecorvo, 1999). In alcuni bambini possiamo osservare la tendenza ad una assegnazione instabile di fonemi e sillabe a singoli segni grafici (vedi la scritta maestra in figura 2.5): questa ci informa che il bambino sta per comprendere che ogni suono può essere associato ad un segno. Alcuni si riferiscono a questa fase di passaggio come fase sillabico-alfabetica. Figura 2.5. Esempio di scrittura sillabica e sillabico-.alfabetica. Livello Alfabetico o Convenzionale: a questo livello compare e si stabilizza gradualmente la definitiva corrispondenza suono-segno. Ogni lettera corrisponde ad un suono diverso, sia mentre il bambino scrive che mentre legge. La stabilizzazione della corrispondenza suono-segno, come abbiamo visto, viene raggiunta attraverso il passaggio per la corrispondenza sillabica. Si ricorderà come le competenze metafonologiche dette di segmentazione e fusione sillabica o fonemica siano fondamentali per questo passaggio (cfr. paragrafo 2.1).Possiamo cogliere in figura 2.6 questa gradualità nel processo di acquisizione di tale competenza. Marotta et al. (2004), hanno descritto i trend di sviluppo della consapevolezza fonologica globale ed analitica nel loro campione di bambini frequentanti dall ultimo anno di scuola d infanzia fino al quinto anno di scuola primaria. Dai loro studi emerge una completa acquisizione e consolidamento della consapevolezza fonologica globale già nell ultimo anno della scuola dell infanzia, mentre la consapevolezza fonologica analitica inizierebbe a svilupparsi e giungerebbe a completa maturazione entro il primo ciclo della scuola primaria. In particolare, possiamo notare come tali competenze subiscano un salto evolutivo durante il primo anno di scuola primaria, in corrispondenza dell esposizione sistematica del bambino alla lingua scritta. Durante questo periodo, infatti, il bambino impara ad elaborare ed a manipolare il materiale fonologico richiesto per l apprendimento della scrittura, riuscendo in un intervallo di tempo relativamente breve a padroneggiarne le regolarità. Da queste osservazioni deriva l importanza di lavorare con una certa costanza sulle componenti metafonologiche già a livello della scuola dell infanzia, ma ancor più durante il primo anno della

12 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 45 scuola primaria, con l obiettivo di fornire al bambino adeguati strumenti facilitatori per l apprendimento della corrispondenza suono-segno e viceversa. Figura 2.6. Evoluzione della consapevolezza fonologica analitica dall'inizio della prima classe della scuola primaria alla fine della seconda classe. (Fonte: Marotta et al, 2004). Un modo particolarmente utile, ai fini della descrizione dei livelli di sviluppo delle competenze di letto-scrittura, è rappresentato dalla considerazione di due modelli di apprendimento: il primo, elaborato da Uta Frith a partire da studi di psicologia dello sviluppo, è sovrapponibile al modello di Ferreiro e Teberosky appena discusso, ed ha il pregio di contemplare contemporaneamente le competenze di lettura e quelle di scrittura rendendo più chiaro il contributo di entrambe allo sviluppo della competenza completa; il secondo, derivato dagli studi su pazienti con dislessia acquisita condotti nel campo della neuropsicologia cognitiva, è detto modello a due vie, poiché considera il processo di lettura e scrittura come la risultante delle operazioni di decodifica e codifica della cosiddetta via fonologica e della via lessicale. Secondo Frith (1985), lo sviluppo delle competenze di letto-scrittura avviene grazie al susseguirsi di una serie di quattro stadi, che il bambino deve padroneggiare per poter acquisire idonee abilità di decodifica e codifica (Figura 2.7). A partire dallo stadio logografico in cui il bambino è ignaro dei rapporti di conversione fonema-grafema e viceversa, attraverso l esposizione all apprendimento della lingua scritta diventa via via più sensibile a tali rapporti. Con l ingresso nello stadio alfabetico, il bambino impara ad associare un fonema ad ogni grafema e viceversa. In questa fase egli è in grado di leggere, attraverso la via fonologica, porzioni sempre più ampie di parole scritte, diventando sensibile alle sillabe, ai morfemi, ai prefissi, ai suffissi

13 46 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale ecc..: per le caratteristiche appena citate, questo livello di apprendimento è di importanza cruciale. Grazie all esposizione costante del bambino alla lettura ed alla scrittura, egli diventa sempre più Figura 2.7. Modello di apprendimento della lettura e della scrittura secondi Frith abile nel riconoscere rapidamente anche gruppi discreti di grafemi, accedendovi non più mediante le regole di conversione fonema-grafema, ma recuperandone direttamente la forma fonologica: questa fase di specializzazione della lettura fonologica è detta stadio ortografico. In sostanza il bambino, leggendo, apprende forme ortografiche ricorrenti, le memorizza e le recupera con maggior rapidità. Ad esempio, quando deve leggere il gruppo s-c-i, riconosce la sequenza di grafemi come un unica configurazione verbale sci e vi associa la corrispondente forma fonologica; idem in scrittura, la forma fonologica sci, che non può essere scritta poggiandosi sulle regole di conversione fonema-grafema, viene elaborata come un unico gruppo. Questo passaggio è estremamente importante per l apprendimento dei gruppi ortografici complessi, delle forme irregolari della lingua (come le omofone non omografe) e per l apprendimento delle doppie. A questo punto il bambino entra nel cosiddetto stadio lessicale, in cui viene abbandonata la strategia di conversione fonema-grafema per le parole note, in favore del recupero diretto della loro forma fonologica. La lettura diretta della parola intera (lettura lessicale) da parte del bambino, ci informa che egli ha raggiunto il livello finale dell apprendimento di base: la lettura può ora dirsi automatica. Ma cosa vuol dire abbandonare le strategie di conversione grafema-fonema? Secondo il modello delle due vie (Castles e Coltheart, 1993; Fig. 2.8), la via fonologica o via indiretta, si occupa di questo processo, operando di fatto una analisi biunivoca del materiale da decodificare e codificare. La via lessicale o via diretta, invece, lavora accedendo direttamente alla forma fonologica della parola intera. Se il nostro sistema cognitivo riconosce una parola come già nota

14 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 47 non ha bisogno di operare il primo processo, che è di tipo controllato e come tale non avviene in automatico ma richiede sforzo cognitivo e tempo. Leggendo, la nostra memoria si arricchisce di forme lessicali come se fosse un magazzino in cui avviene lo stoccaggio ed il recupero in tempi estremamente rapidi della fonologia associata a quella parola. Ma ciò non vuol dire che la conversione fonologica smette di funzionare in favore di un processo più maturo. Figura 2.8. Semplificazione del modello di lettura a due vie. (Adatt. Da Cornoldi, 2007) La via lessicale ci serve per leggere e scrivere parole note, di cui abbiamo appreso l ortografia, parole dall ortografia irregolare e parole omofone non omografe (l ago/lago, ha detto/addetto ). La via fonologica consente di leggere e scrivere sia parole note che parole che non abbiamo mai incontrato prima. Le due vie, pertanto, rappresentano due momenti distinti di elaborazione, il cui uso avviene in base alle caratteristiche del materiale da leggere. Il lettore maturo, naturalmente utilizza il processo che richiede meno sforzo cognitivo, quello più automatico; ciononostante ricorre a processi fonologici quando deve leggere parole molto lunghe o che non conosce. Sarà capitato a molti di non rendersi conto di refusi durante la fase di rilettura di un testo scritto: ciò avviene proprio perché quando rileggiamo il testo utilizziamo prevalentemente la via lessicale, ricorrendo spesso a processi di anticipazione, prevedendo quale sia la parola scritta in base alle primissime lettere di quella parola. Usiamo la via fonologica quando, ad esempio, stiamo guidando in autostrada e leggiamo nomi di località a noi sconosciuti scritti sulla segnaletica: in questo caso l uso di un processo controllato richiede più tempo e più concentrazione, e tale costo cognitivo si ripercuote sulla fluenza della lettura. Le competenze normali di lettura sono state oggetto di molti studi, interessati in maniera particolare a definirne le linee di sviluppo a diversi livelli d età (Tressoldi, 1996). Un indice molto usato per misurare tale competenza, per la verità molto dibattuto (Lorusso et al., 2006; Tressoldi e Vio, 2007), è rappresentato dalla velocità espressa in sillabe al secondo, ovvero quante sillabe si leggono in un secondo. Il parametro velocità è un ottimo indice di automatizzazione del processo di decodifica. Infatti, se la lettura è automatica, significa che non necessita di un elevato grado di controllo ed avviene in modo più rapido. Misurare quindi il numero di sillabe che un lettore riesce a decodificare in 1 secondo (sillabe al secondo = numero di sillabe lette : secondi impiegati), può

15 48 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale rendere conto dei processi maturativi in un certo intervallo di tempo, e parallelamente costituire un utile riferimento per valutare l adeguatezza di un profilo rispetto ai valori attesi per l età. Accanto a questo, un altro parametro usato nella valutazione del profilo di lettura è rappresentato dal numero di errori che il lettore commette (correttezza): rispetto a questo parametro, tuttavia, c è scarso accordo sia sulle tipologie di errore da considerare tali che sul punteggio da assegnare a ciascuno. Questo scarso accordo si traduce in una difformità dei dati longitudinali, riportati da autori che si avvalgono di diversi metodi di registrazione degli errori (ad esempio, Stella e Tintoni, 2007; Tressoldi, Stella, Faggella, 2001). Quanto al materiale usato negli studi longitudinali, tipicamente si fa ricorso al brano, ad una lista di parole e ad una lista di non parole. Il brano è unanimamente riconosciuto come un buon materiale per far emergere la competenza generale di decodifica, e solitamente si fa ricorso alle classiche Prove MT (Cornoldi, Colpo, 1998; 1995). Le liste di parole e non parole costituiscono strumenti più precisi in grado di misurare la capacità di accesso diretto (lettura lessicale) o indiretto (lettura fonologica) alla parola. Per valutare la via lessicale di lettura, si usa una lista di parole, mentre per valutare la via fonologica si usa una lista di non parole (Sartori et al., 2007). Rispetto alla velocità di decodifica, disponiamo di dati abbastanza uniformi riguardanti lo sviluppo a partire dalla seconda primaria fino alla terza secondaria di primo grado. Come si vede nella figura 2.9, a partire dalla classe seconda della scuola primaria si assiste ad un incremento costante della velocità di lettura pari a circa 0,5 sillabe al secondo l anno, e tale incremento si mantiene costante durante tutto l arco della scuola primaria e secondaria di primo grado (Tressoldi, 1996; Tressoldi et al., 2001; Sartori et al., 2007). Alla fine della seconda primaria, i normolettori italiani decodificano ad una velocità di circa 2,5 sill./sec. e a questo livello la prestazione può considerarsi sufficientemente automatica da consentire lo studio autonomo. Alla fine della scuola secondaria di primo grado si arriva ad una velocità di circa 5 sill./sec. nella lettura di brano, 4,5 sill./sec. nella lettura di parole e circa 3 sill./sec. nella lettura di non parole. La continua esposizione al testo e l aumentare delle richieste della scuola sembrano avere un effetto sullo sviluppo di questa competenza anche in termini di correttezza. L accuratezza infatti sembra migliorare con la scolarità, comportando un numero minore di errori durante l arco temporale considerato (Figura 2.10). Figura 2.9. Evoluzione espressa in sillabe al secondo nei normolettori italiani. (Fonte: Tucci e Tressoldi, 2009)

16 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 49 Recentemente, l interesse si è spostato più in là in senso cronologico, studiando lo sviluppo delle abilità di lettura anche in studenti delle scuole secondarie di secondo grado e dell università (Stella e Tintoni, 2007; Tucci e Tressoldi, 2009). Benché ci siano forti differenze individuali nei profili in età adolescenziale e adulta, dovuti in particolare al tipo di scuola frequentata (Stella e Tintoni, 2007), sembra ci sia un sostanziale accordo sul fatto che la lettura continui ad evolversi anche a queste età (Figura 2.9), contraddicendo di fatto l ipotesi (Stella, 2004) di un effetto plateau dopo la terza secondaria di primo grado. L entità di tale incremento, risulterebbe essere per alcuni inferiore a quella indicata per le classi precedenti, attestandosi intorno alle 0,2/0,3 sill./sec. (Tucci e Tressoldi, 2009) e per altri sostanzialmente paragonabile (Stella e Tintoni, 2007). Per quanto riguarda l accuratezza, sia il ricorso a differenti metodologie di valutazione degli errori che le differenze in termini di numerosità dei campioni considerati, rendono poco uniformi i dati longitudinali sullo sviluppo: secondo Stella e colleghi si assisterebbe ad un incremento del numero di errori commessi nelle prove di lettura di brano a partire dalle scuole secondarie di secondo grado, probabilmente per effetto della riduzione di precisione che si accompagna all aumento della velocità; secondo altri (rassegna in Tucci e Tressoldi, 2009), invece si assiste ad un sostanziale decremento del numero di errori (Figura 2.10). Figura Evoluzione del parametro accuratezza (numero di errori) nei normolettori italiani (Fonte: Tucci e Tressoldi, 2009) Le osservazioni relative alla discrepanza tra i trend evolutivi rilevati da autori diversi hanno una certa rilevanza in ambito clinico e didattico per due ordini di motivi. In primo luogo è ormai accettato (ad es. Zoccolotti et al., 2005) che i soggetti la cui abilità di lettura risulti compromessa, hanno più difficoltà di accesso alla conoscenza generale, oltre ad essere maggiormente esposti ad importanti ripercussioni sulle scelte che riguardano sia la propria formazione che le future scelte professionali (Moreno, Pianta e Stella, 2005). In secondo luogo, la dimostrazione dell esistenza di una evoluzione anche in età adolescenziale e adulta apre la strada a nuove possibilità di diagnosi a queste età. La difficoltà principale a questo proposito, sembra essere rappresentata da una notevole discrepanza (Stella e Tintoni, 2007) tra le prestazioni rilevate in adolescenti iscritti

17 50 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale presso licei e presso istituti tecnici o professionali: i primi avrebbero prestazioni migliori nelle prove di lettura dei secondi, e ciò viene interpretato come un effetto della maggiore esposizione a materiale testuale degli studenti dei licei. Questa discrepanza pone una questione diagnostica importante: se è necessario valutare uno studente iscritto ad un liceo, a quali norme è corretto riferirsi? Tenere o non tenere conto di questo fattore potrebbe portare i clinici a conclusioni diverse sullo stesso soggetto circa la considerazione di significatività della distanza della prestazione di quello studente dal campione di riferimento. Una possibile soluzione (Tucci e Tressoldi, 2009) potrebbe essere rappresentata dal considerare, oltre al criterio prestazionale, il criterio clinico della compromissione significativa del funzionamento sociale e lavorativo, come peraltro già stabilito sui classici manuali diagnostici DSM-IV e ICD-10. Per ora la questione rimane irrisolta ed in attesa di ulteriori dati di ricerca, con l auspicio che si giunga a modalità di valutazione comuni che rendano confrontabili i dati ricavati da studiosi diversi. Il concetto che al progredire del livello di istruzione migliori anche la competenza ortografica, di per sé intuitivo e conseguente all esposizione dello studente all insegnamento formale della lingua scritta, trova conferma nelle analisi delle distribuzioni dei dati normativi contenuti nelle classiche batterie per la valutazione della competenza ortografica (Cornoldi e Tressoldi, 2000; Sartori et al., 2007). Una efficace suddivisione della tipologia di errori più frequentemente commessi dagli studenti, basata sul modello di apprendimento di Frith (1985), contempla tre categorie: errori fonologici, non fonologici e misti. Gli errori fonologici derivano dal mancato rispetto del rapporto fonema-grafema e quelli non fonologici derivano da errori nella rappresentazione ortografica (visiva) della parola senza alterazioni nel rapporto tra fonemi e grafemi. A questi è stata aggiunta la categoria degli errori misti, per raccogliere tutti gli errori di accento e nei raddoppiamenti: la ragione di questa scelta deriva dalla considerazione del processo di codifica sottostante come dipendente sia dall analisi uditiva delle differenze fonetiche che dal percorso di apprendimento ortografico. Come si vede dalla figura 2.11, il numero di errori decresce all aumentare del livello di scolarizzazione. Si nota anche che gli errori nell uso delle doppie e degli accenti sovrastano gli altri. Ciò sarebbe dovuto (Tressoldi, 1996) ad un uso prevalente della procedura sublessicale di scrittura (fonologica) nei bambini di lingua italiana, rispetto a quella lessicale Brano FON Brano NFON Brano MISTI 2 0 Figura Evoluzione della competenza ortografica dalla seconda alla quinta primaria. (FONTE: Tressoldi e Cornoldi, 2000)

18 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 51 È opportuno, a conclusione di questa breve carrellata sullo sviluppo delle competenze di base in letto-scrittura, formulare alcune riflessioni in merito alla complessità delle variabili in gioco e alle molteplici modalità di interazione che queste hanno con l ambiente in cui il bambino cresce. La prima osservazione riguarda lo stato delle competenze del bambino che inizia il suo percorso di alfabetizzazione. Il primo giorno di scuola ci troviamo davanti un bambino che ha già sei anni di esperienze di apprendimento alle spalle, fatto di scambi comunicativi con le figure di riferimento, di esperienze motorie rivolte sia all esplorazione dell ambiente circostante che alla scoperta delle proprie potenzialità, di esposizione a innumerevoli fonti di stimolazione. La qualità e quantità di queste esperienze pre-scolastiche non solo spiegano le differenze individali dei bambini il primo giorno di scuola, ma ci inducono a riflettere sulla necessità di considerare l evoluzione degli apprendimenti successivi individuali come fortemente influenzata da tali esperienze. Che i bambini non siano tutti uguali, né dal punto di vista delle capacità di base né nei ritmi di apprendimento, è cosa ben nota agli insegnanti, i quali lavorano quotidianamente con classi composte da venti a trenta bambini ciascuno con le sue peculiarità ed esigenze. In più è fondamentale tener presente che l apprendimento scolastico non costituisce un brusco passaggio dal non sapere al sapere, bensì una graduale costruzione di conoscenza su cui pesano in maniera decisiva le precedenti esperienze cui si accennava poche righe sopra, che in qualche maniera rendono ragione anche dei diversi stili e tempi di apprendimento, nonché degli aspetti emotivi e motivazionali che inevitabilmente giocano un ruolo importante in questa dinamica. Adottare un ottica costruttivista di tal genere, peraltro condivisa dalla comunità scientifica internazionale, ha la conseguenza che il giudizio di adeguatezza o non adeguatezza degli apprendimenti vada considerato avendo ben presente un continuum tra abilità del tutto conformi alle attese rispetto ai trend di sviluppo ed abilità che sono lievemente o significativamente deficitarie. Il problema, non ancora del tutto risolto, si pone quando è necessario stabilire il punto a partire dal quale la prestazione del bambino vada considerata significativamente deficitaria. È chiaro che la definizione di un livello critico, almeno dal punto di vista statistico, sia necessaria per attribuire un giudizio di idoneità o meno a quella prestazione, ma non può essere l unico parametro che va tenuto in considerazione quando dobbiamo decidere se ci si trovi di fronte ad un bambino con dislessia o con disortografia. Il ruolo che ha la scuola in questo senso è fondamentale, guidando il bambino verso l acquisizione di abilità in modo graduale ma sistematico, per anni ed anni. Il ruolo della scuola, come aveva già intuito Vygotskij, consiste nel promuovere lo sviluppo prossimale, nel porsi come aiuto esterno in grado di portare il bambino appena più in là del punto che avrebbe potuto raggiungere da solo. Da qui nasce la seconda osservazione, che concerne l importanza del conoscere come i bambini apprendono, oltre che cosa apprendono. La variabilità nei tempi di apprendimento rende il lavoro degli insegnanti estremamente difficile, soprattutto quando si tratta di adattare il proprio stile di insegnamento alle esigenze di quel particolare bambino. Anche da questo aspetto nasce la tendenza degli insegnanti ad essere estremamente ricettivi rispetto a nuove metodologie didattiche e a strategie di lavoro con bambini in difficoltà. In questo senso, insegnare a leggere e a scrivere, come ci dicono le ricerche sull evoluzione di queste abilità, non può ridursi ad una mera applicazione di procedure che pongano l accento unicamente sugli aspetti percettivi del codice scritto o unicamente su aspetti riguardanti la fonologia della lingua. Si tratta di una serie di processi strettamente legati tra loro, che contribuiscono contemporaneamente all evoluzione delle competenze in questione. Questo comporta la necessità di considerare con estrema attenzione il punto in cui si trovano i bambini in un certo periodo dell anno scolastico, perché potrebbero non

19 52 PARTE PRIMA. L Apprendimento Normale essere ancora pronti all esposizione all apprendimento di competenze che evolutivamente hanno bisogno di elementi propedeutici. In questo senso l interpretazione degli errori che i bambini commettono nello scrivere e nel leggere risulta fortemente informativa sullo stato delle loro abilità. Conoscere i modelli di apprendimento serve proprio ad inquadrare correttamente un certo tipo di errore come rappresentativo di una difficoltà nel padroneggiare le competenze proprie di una certa fase evolutiva. Da qui deriva che il concentrarsi sul recupero di errori caratteristici di una fase evolutivamente successiva a quella in cui si trova il bambino, potrebbe costituire una fonte di frustrazione non solo per il bambino, ma anche per l insegnante. Questa consapevolezza è bene sia chiara anche ai clinici, in quanto spesso le prestazioni che i bambini producono ai test sono fortemente influenzate dal lavoro che il bambino ha fatto (o non ancora fatto) a scuola: la tentazione di interpretare una caduta nei test standardizzati come segno di una perturbazione nello sviluppo, quando non come evidenza di vero disturbo di apprendimento, è forte e andrebbe controllata in favore di una visione che tenga in debito conto le modalità di lavoro a scuola, ad esempio assumendo la buona abitudine di controllare i quaderni dei bambini per vedere quale tipo di metodologia le loro insegnanti stiano seguendo, o meglio ancora prevedere un colloquio con loro ad integrazione della fase di valutazione e tenere in considerazione quanto emerge da questi incontri in fase di diagnosi. L ultima considerazione riguarda il rapporto esistente tra abilità di base e ambiente, che qui accenniamo, rimandandone l approfondimento al paragrafo 2.6. Oggi abbiamo a disposizione una gran varietà di strumenti di osservazione standardizzati che ci consentono di fotografare lo stato delle competenze di un certo numero di bambini in più momenti dell anno scolastico, in modo da programmare attività didattiche in maniera più aderente al reale stato degli apprendimenti. Parallelamente, sono a disposizione di quanti si occupano di diagnosi di DSA una serie di test diagnostici che consentono la descrizione precisa delle abilità di base. È fondamentale non confondere i due livelli di indagine, scuola e clinica, per non incorrere in errori metodologici che hanno una forte ripercussione sia sulla carriera scolastica dei bambini che in generale sulle scelte socio-sanitarie. Abbiamo già accennato del rischio di scambiare un semplice ritardo negli apprendimenti dovuto a variabili ambientali (il bambino cade nei test perché quegli argomenti non li ha ancora affrontati a scuola) per un Disturbo di Apprendimento. Ora è opportuno puntualizzare una idea che va sempre più prendendo piede nella comunità scientifica italiana, secondo cui non è a priori un DSA il bambino che cade nei test ma quello per il quale sia dimostrabile una condizione di resistenza anche ad interventi specifici di recupero. Si può produrre una bassa prestazione nei test di apprendimento per vari motivi, ma se un bambino viene aiutato ed ottiene ottimi risultati in breve tempo, possiamo ancora dire di trovarci di fronte ad un DSA?

20 CAPITOLO 2 Le variabili specifiche implicate nell apprendimento scolastico 53 Comprensione 2.2 La comprensione del testo scritto Comprendere un testo consiste nel mettere in atto una serie di processi attivi finalizzati a coglierne il significato. Si tratta di un attività costruttiva e interattiva che richiede l integrazione delle informazioni nuove contenute nel testo all interno delle strutture di conoscenza possedute dal lettore o dall ascoltatore (De Beni, Cisotto e Carretti, 2001). Dal punto di vista strettamente scolastico, la capacità di comprendere un testo rappresenta una fetta importante dell insieme delle competenze richieste allo studente, necessaria perché l attività di studio non si riduca ad una mera memorizzazione di nozioni. Da un punto di vista generale, invece, si potrebbe dire che la comprensione costituisce di fatto il fine ultimo della lettura, la quale è strumentale per l accesso alle informazioni testuali ma non sufficiente ai fini dell accesso al loro significato profondo. La ricerca ha prodotto negli anni una considerevole mole di lavori mirati a definire il ruolo che varie abilità cognitive rivestono in questo processo, interessandosi in particolar modo ai rapporti con la decodifica, la memoria, la comprensione del linguaggio orale, le competenze cognitive generali e metacognitive. Per le finalità di questo lavoro, saranno inizialmente presentate in sintesi le principali evidenze che spiegano la comprensione del testo, rimandando il lettore interessato ad una approfondita rassegna (ad es. Padovani, 2006), e successivamente saranno illustrate alcune variabili connesse con la dinamica tra testo e lettore, in particolare affrontando gli elementi che facilitano o ostacolano la comprensione di un testo. I precursori delle abilità di comprensione: variabili cognitive e metacognitive Lo studio dei predittori delle abilità di comprensione si è concentrato sull analisi delle competenze cognitive linguistiche ed extralinguistiche in grado di discriminare le prestazioni di bambini abili o meno abili in questo processo, con il dichiarato intento di individuare un profilo tipico dei bambini con difficoltà. I bambini con scarse capacità di comprensione (poor comprehenders nella letteratura anglosassone), secondo le ipotesi più recenti (Cornoldi, 2007), costituirebbero una popolazione estremamente eterogenea nell espressione di questa difficoltà, tanto da renderne difficile, se non impossibile, una definizione univoca. Il punto su cui tutti i ricercatori ormai convergono riguarda la necessità per il lettore di integrare le informazioni presenti nel testo con quelle possedute e recuperate dalla memoria (Kintsch e Van Dijk, 1978): tale processo interattivo è indispensabile perché il lettore possa costruirsi un adeguato modello mentale, ed in sua assenza si assisterebbe a quei fenomeni di comprensione superficiale ben noti agli insegnanti. Circa le variabili che rendono possibile questa interazione, un ruolo fondamentale è sicuramente giocato dalla decodifica, anche se non tutti i ricercatori sono concordi nell assegnarle un peso decisivo. Secondo un classico modello (simple view of reading, Gough e Turner, 1986), la comprensione del testo risulterebbe dall interazione tra decodifica e

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 Fondamentale la programmazione congiunta e sistematica degli insegnanti delle classi prime, ponendo particolare attenzione

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Cinzia Turini Emilia Catastini A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Clima relazionale E importante costruire già dal primo giorno di scuola un

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE)

PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE) PERCORSI ABILITATIVI PER IL TRATTAMENTO DELLA DISLESSIA EVOLUTIVA (DE) Strategie didattiche per l apprendimento Dott.ssa Simona Leoni Psicologa dell età evolutiva Perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici Istituto Cesare Arici A.S. 2010-2011 Sommario 1. Premessa... 3 2. Responsabile progetto:... 3 3. Finalità... 4 4. Obiettivi... 4 5. Destinatari... 4 6. Attività... 5 7. Metodi... 6 8. Strumenti... 6 9.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova)

Cesare Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta Perini (Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova) [in pubblicazione su DISLESSIA] 0/1/0 Valut la rapidità e la correttezza della lettura di brani: nuove norme e alcune chiarificazioni per l uso delle prove MT Ces Cornoldi, Patrizio E. Tressoldi, Nicoletta

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L INTERVENTO FONIATRICO - LOGOPEDICO IN PIEMONTE NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura di: Marzo 2008 Logopedista Liliana Ferrero Logopedista Leonarda Gisoldi Logopedista Marina Maniscalco Logopedista

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli