Il PSR della Toscana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il PSR 2014-2020 della Toscana"

Transcript

1 Il PSR della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre /11/2013 1

2 Argomenti - Il biologico in Toscana (PSR ) - I principali fabbisogni individuati - Gli obiettivi - Esempi di azioni in programmazione per alcune focus area (giovani, filiere, acqua, energia) - Art. 30 Agricoltura biologica 25/11/2013 2

3 PSR Aziende iscritte albo operatori biologici: (di cui 550 trasformatori) Mis. 214: aziende beneficiarie, di cui biologiche (su bio iscritte), 124 milioni pagamenti totali Mis. 214: ha beneficiari, di cui 62% A COLTIVAZIONE BIOLOGICA; Diversità colturali : Biologico prevalgono olivi (25%), foraggere (21%) viti (16%) Integrato prevalgono cereali (35%), foraggere (24%) E colture industriali (13%) Mis. 121: 534 beneficiari (29% dei beneficiari misura 121) sono biologici, su 87 milioni di pagamenti totali effettuati sulla misura; investimenti prevalenti in macchinari, rispetto a fabbricati e miglioramento fondiario 25/11/2013 3

4 Priorità Lo sviluppo rurale in un nuovo quadro 1. Promuovere il trasferimento di conoscenze e l innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali 4. Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all'agricoltura e alla selvicoltura 2. Potenziare la competitività dell'agricoltura in tutte le sue forme e la redditività delle aziende agricole; 5. Incentivare l'uso efficiente delle risorse e il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima 3. Promuovere l organizzazione della filiera agroalimentare e la gestione dei rischi nel settore agricolo 6. Adoperarsi per l inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali Innovazione, Ambiente e Cambiamenti Climatici come obbiettivi trasversali 25/11/

5 1. INNOVAZIONE 2. COMPETITIVITA 3. FILIERA 4. ECOSISTEMI 5. CAMBIAMENTI CLIMATICI 6. ZONE RURALI (a) stimolare l'innovazione e la base di conoscenze nelle zone rurali; (b) rinsaldare i nessi tra agricoltura e silvicoltura, da un lato, e ricerca e innovazione, dall'altro; (c) incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale; (a) Migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l'ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l'orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività ; (b) Favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale ; (a) migliore integrazione dei produttori primari nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali; (b) sostegno alla gestione dei rischi aziendali; (a) salvaguardia e ripristino della biodiversità, tra l'altro nelle zone Natura 2000 e nelle zone agricole di alto pregio naturale, nonché dell'assetto paesaggistico; (b) migliore gestione delle risorse idriche; (c) migliore gestione del suolo; (a) rendere più efficiente l'uso dell'acqua nell'agricoltura; (b) rendere più efficiente l'uso dell'energia nell'agricoltura e nell'industria alimentare; (c) favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia; (d) ridurre le emissioni di gas serra e di ammoniaca prodotte dall'agricoltura ; (e) promuovere il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale; (a) favorire la diversificazione, la creazione di nuove piccole imprese e l'occupazione; (b) stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali; (c) promuovere l'accessibilità, l'uso e la qualità delle tecnologie dell'informazione 5 e della comunicazione (TIC) nelle zone rurali. 25/11/2013 5

6 Fabbisogni (1/3) 1. Potenziamento del sistema della conoscenza e del trasferimento dell innovazione (1A) 2. Promozione dell innovazione attraverso forme di cooperazione e progettualità collettiva (1B) 3. Promozione della formazione (1C) 4. Acquisizione di servizi di consulenza e formazione per lo sviluppo di modelli innovativi e per il miglioramento delle conoscenze e competenze imprenditoriali all interno delle filiere agroalimentari e forestali (tutte le priorità) 5. Investimenti finalizzati ad incentivare la competitività e l efficienza delle aziende nonché al miglioramento qualitativo della produzione (2A+2B+3A) 6. Diversificazione delle attività svolte dall aziende agricola (2A+2B+ 3A) 25/11/2013 6

7 Fabbisogni (2/3) 1. Promozione dell integrazione tra i vari soggetti e fasi delle filiere agroalimentari e forestali e sostegno alle reti di produttori, alla cooperazione, al coinvolgimento dei consumatori, al fine di rendere più equa la distribuzione del valore aggiunto (2A+2B+3A) 2. Avviamento di nuove imprese gestite da giovani agricoltori (2B) 3. Sviluppo degli investimenti per la realizzazione, il miglioramento e il potenziamento delle strutture, delle infrastrutture, della logistica, dei processi produttivi, della qualità dei prodotti, per il rafforzamento delle filiere agroalimentari e forestali (2A+3A) 4. Promozione e valorizzazione delle produzioni nei diversi mercati, sostegno ai processi di filiera corta e di internazionalizzazione delle imprese e sviluppo di specifiche filiere (2A+3A) 5. Facilitazione accesso al credito (tutte le priorità) 6. Gestione del rischio (3B) 25/11/2013 7

8 Fabbisogni (3/3) 1. Tutela della biodiversità, del paesaggio e delle foreste (4A+4b+4C+5C) 2. Gestione e tutela delle risorse idriche (4B+4C+5A) 3. Protezione del territorio agrario e forestale da fenomeni di dissesto idrogeologico, frane e alluvioni e processi di desertificazione (4A+4B+4C+5C+5E) 4. Diversificazione delle fonti energetiche e risparmio energetico (2a+3A+4B+5B+5C+6A) 5. Promuovere strategie per la mitigazione e l adattamento ai cambiamenti climatici (4A+4B+4C+5A+5B+5C+5D+5E) 6. Favorire la nascita e il rafforzamento delle piccole e microimprese nelle zone rurali (6A) 7. Diffusione dei servizi alla popolazione nelle zone rurali (6B) 8. Diffusione della banda larga per internet veloce nelle zone rurali (6C) 25/11/2013 8

9 Obiettivi competitività - Obiettivo 1: Sostenere la ristrutturazione delle imprese agricole e forestali, con particolare riferimento all'occupazione e al ricambio generazionale nelle imprese agricole rafforzamento delle filiere produttive agricole e - Obiettivo 2: Sostenere la creazione ed il forestali - Obiettivo 5: Favorire lo sviluppo equilibrato e l attrattività dei territori rurali 25/11/2013 9

10 Obiettivi agroambientali - Obiettivo 3: Obiettivo 3: Conservare l agroecosistema e garantire la difesa del suolo e delle foreste coinvolgendo gli operatori agricoli e forestali - Obiettivo 4: Sostenere azioni di contrasto e di adeguamento ai cambiamenti climatici in collegamento con le attività agricole e forestali 25/11/

11 Priorità 2: Potenziare la competitività dell'agricoltura in tutte le sue forme e la redditività delle aziende agricole (1di2) Focus area 2.B - Favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore agricolo e, in particolare, il ricambio generazionale Il giovane che si insedia in azienda deve poter disporre di misure che, in una logica di progettazione integrata (di pacchetto), gli consentano di potenziare il proprio capitale fisico ed umano, migliorare la competitività, la redditività ed anche la sostenibilità. In tal senso le misure proposte consentono di partecipare ad azioni finalizzate al trasferimento di conoscenze e di informazioni connesse a: sfera tecnica o tecnologica, strategica, di marketing, di forme organizzative e gestionali (Art. 15). acquisire servizi di consulenza che possono aiutarlo a valutare quali azioni mettere in pratica per migliorare la propria azienda (Art. 16); 25/11/

12 Priorità 2 (2di2) attraverso investimenti fisici migliorare la prestazione globale delle imprese agricole, in termini di economici, ambientali, nella commercializzazione dei prodotti al fine consolidare, adeguare e modernizzare il settore agricolo (Art. 18.a); incentivare investimenti finalizzati ad aumentare l efficienza dei fattori produttivi al fine di ridurre i costi di produzione (Art. 18.b); incentivare la produzione di energie rinnovabili e di agrienergie, ovvero di energie di origine agricola e forestale (Art. 18.c); Avvio di nuove attività agricole (Art. 20.a.i) e sviluppo di attività extra agricole (Art. 20.b ad esempio agriturismo, produzione di energie da fonti rinnovabili e di origine agricola, forestale) per aumentare la redditività delle aziende agricole e creare nuove opportunità occupazionali per i territori rurali; condividere impianti e risorse fra produttori primari per un uso più efficiente dei fattori produttivi con conseguente riduzione dei costi di produzione (ad esempio acquisto collettivo di macchine ed attrezzature, trasformazione collettiva dei prodotti primari) (Art.36). 25/11/

13 Priorità 3 Promuovere l'organizzazione della filiera agroalimentare e la gestione dei rischi nel settore agricolo (1/2) Focus area 3.A - Migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali La combinazione di misure proposta consente a tutti gli operatori delle filiere produttive agroalimentari e forestali, prioritariamente (ma non solo) nell ambito di Progetti Integrati di Filiera di: accedere alle azioni di trasferimento delle pertinenti conoscenze, competenze e pratiche innovative (art. 15); fruire di un sistema di consulenza aziendale finalizzato a sostenere le competenze per favorire l integrazione nella filiera (art. 16); favorire l accesso ad attività di promozione ed informazione sul mercato interno per valorizzare le produzioni a qualità certificata (articolo 17); 25/11/

14 Priorità 3 (2/2) favorire gli investimenti fisici per la competitività delle aziende agricole, la trasformazione, la commercializzazione e/o lo sviluppo dei prodotti agricoli in un contesto di filiera (art. 18 a, b, c); investimenti in attività extra agricole per il rafforzamento delle filiere ed il coinvolgimento di soggetti diversi dalle aziende agricole (art.20);. favorire gli investimenti per la trasformazione, la commercializzazione e/o lo sviluppo dei prodotti forestali e del sottobosco ed investimenti innovativi per aumentare la qualità degli assortimenti (art. 22 e); incentivare rapporti di rete e cooperazione tra diversi operatori della filiera agroalimentare e del settore forestale sia nella fase di produzione che di trasformazione e di commercializzazione (art. 36); favorire l accesso al credito di attivare strumenti finanziari previsti dagli artt della proposta di Regolamento generale sui fondi QSC (esempio fondi garanzia e fondi di rotazione). Filiere: agroalimentari, corte, no food (foreste-energia) 25/11/

15 Priorità 4 Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all agricoltura e alla silvicoltura (1/2) Focus Area 4.B - Migliore gestione delle risorse idriche, compresa la gestione dei fertilizzanti e dei pesticidi Per conseguire il miglioramento della qualità dei corpi idrici, la diversificazione delle fonti di approvvigionamento e attenuare la pressione attualmente esercitata sulle falde e più in generale migliorare la gestione delle risorse idriche si ritiene opportuno attivare: (Art.18 a e c) investimenti per la realizzazione o la manutenzione a livello aziendale o infrastrutturale di bacini/serbatoi e di reti di distribuzione per lo stoccaggio e l utilizzo ad uso irriguo di acque piovane e superficiali e di acque reflue, nonchè l acquisizione di strumenti (agricoltura di precisione) e supporti decisionali per la razionalizzazione delle pratiche di irrigazione e di fertilizzazione. (Art.18 a e c,d) interventi aziendali o interaziendali che possono facilitare la depurazione naturale delle acque (fitodepurazione) e limitare la lisciviazione degli inquinanti (fasce tampone, wetland). 25/11/

16 Priorità 4 (2/2) Art.29: sostegno alla diffusione di pratiche agricole che favoriscono il contenimento dell uso delle risorse idriche, dei fertilizzanti e dei fitofarmaci. Art. 30 (Bio): per contenimento nell uso di fertilizzanti e fitofarmaci, con riduzione inquinanti, copertura del suolo, diversificazione fonti approvvigionamento. Art.31: sostegno agli agricoltori per l attuazione nelle zone agricole incluse nei Piani di Gestione dei bacini idrografici di specifiche misure per il conseguimento degli obiettivi ambientali della direttiva quadro sulle acque 2000/60/CE Art.15 e all Art.16 iniziative per il trasferimento di sistemi avanzati di gestione e la realizzazione di un servizio di consulenza alle imprese per un corretto impiego di fertilizzanti e fitofarmaci, la realizzazione di opere per di accumulo. Art.22: sostegno al mantenimento e miglioramento alle attività selvicolturali che permettono l aumento della capacità di assorbimento dell acqua da parte dei suoli forestali e la salvaguardia delle falde e delle aree di ricarica. Art. 35 promozione di servizi finalizzati al mantenimento e miglioramento delle risorse idriche e dei suoli forestali. 25/11/

17 Priorità 5 Incentivare l'uso efficiente delle risorse e il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale (1/2) Focus area 5c) Favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia La combinazione di misure, anche con progetti integrati di natura territoriale: Accedere alle attività formative per la qualificazione del capitale umano operante per la gestione efficiente dell'energia (Art. 15) Favorire la programmazione e pianificazione forestale attraverso i piani di gestione; realizzare impianti di produzione di energia da biomasse agroforestali e agroindustriali, realizzare piattaforme di stoccaggio, sostenere sistemi di raccolta e trattamento di biomasse vergini locali, utilizzabili per la produzione di energia in impianti a elevato rendimento e basse emissioni (art 18) Realizzare sistemi intelligenti di stoccaggio asserviti a impianti di produzione, installazione di impianti di cogenerazione o trigenerazione, realizzazione di impianti di produzione di energia da biomasse agroforestali e agroindustriali (art 20.b) 25/11/

18 Priorità 5 (2/2) Realizzare investimenti finalizzati a infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili (art 21 b) Favorire l acquisizione, da parte delle imprese forestali, di tecnologie per lo sviluppo della filiera foresta-legno-energia; realizzazione di sistemi intelligenti di stoccaggio asserviti a impianti di produzione Promuovere servizi finalizzati a favorire un uso corretto della biomassa forestale residuale (Art. 36) Incentivare la formazione di imprese di maggiori dimensioni promuovendo l associazionismo e le forme consortili; realizzare nelle aree rurali e montane di piattaforme logistiche di stoccaggio per la raccolta delle biomasse agroforestali provenienti da filiera corta da conferire agli impianti di conversione energetica (Art. 36) Favorire la cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la produzione sostenibile di biomasse da utilizzare nell'industria alimentare, nella produzione di energia e nei processi industriali (Art. 36). 25/11/

19 Art. 30 Biologico Contributo alle focus area (1/2) Focus area 4a) salvaguardia e ripristino della biodiversità, nelle zone Natura 2000 e nelle zone agricole di alto pregio naturale, nonché dell'assetto paesaggistico dell'europa. La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali. Focus area 4b) miglior gestione delle risorse idriche Il contributo è dovuto alla diffusione di pratiche agricole che favoriscono il contenimento dell uso dei fertilizzanti e dei fitofarmaci e quindi con la riduzione di inquinanti anche tramite copertura del suolo e attraverso una diversificazione delle fonti di approvvigionamento. Le piante devono essere nutrite preferibilmente attraverso l ecosistema del suolo anziché mediante l apporto di fertilizzanti solubili. Focus area 4c) miglior gestione del suolo La produzione biologica vegetale contribuisce a mantenere e a potenziare la fertilità del suolo nonché a prevenirne l erosione, infatti gli elementi essenziali del sistema di gestione della produzione biologica vegetale sono la gestione della fertilità del suolo, la scelta delle specie e delle varietà, la rotazione pluriennale delle colture, il riciclaggio delle materie organiche e le tecniche colturali. 25/11/

20 Art. 30 Biologico Contributo alle focus area (2/2) Focus area 5a: rendere più efficiente l'uso dell'acqua nell'agricoltura L uso della materia organica nella pratica di fertilizzazione contribuisce al miglioramento del suolo, consentendo un contenimento dei volumi irrigui e una maggiore capacità di ritenzione idrica. 3 Contributo potenziale ai target indicati, ma in una misura non conosciuta ex ante Focus area 5d: ridurre le emissioni di metano e di protossido di azoto a carico dell agricoltura Focus area 5e: promuovere il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale 25/11/

21 Conclusioni Le risorse a disposizione del settore sono ancora consistenti e rappresentano comunque la gran parte della spesa pubblica comunitaria. I regolamenti della nuova PAC non vanno nella direzione della semplificazione: appare più complicata anche perché cerca di rispondere a più obiettivi contemporaneamente (economici, ambientali, sociali, redistributivi) (es. divieto doppio finanziamento bio) La nuova PAC lascia molto spazio agli Stati Membri e alle Regioni, che possono adattare le molte misure alle esigenze propria agricoltura e possono sfruttare le possibili integrazioni tra il primo e il secondo pilastro, pur nell ambito di paletti fissati dall UE Questo responsabilizza ancora di più la fase di attuazione dei PSR, è rende ancora più importante l individuazione delle priorità e la selezione degli obiettivi e delle relative misure per raggiungerli 25/11/

22 Roberto Pagni Dirigente Settore Politiche comunitarie e regionali per la competitività delle imprese agricole e agroalimentari Regione Toscana 25/11/

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Le priorità e le sfide da affrontare nella programmazione 2014-2020: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Claudio Sacchetto Assessore all Agricoltura e foreste e alla caccia e pesca

Dettagli

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Dirigente Settore Politiche Comunitarie e Regionali per la competitività Convegno Il sistema agroalimentare

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Le misure del nuovo PSR

Le misure del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani ARIA- SUOLO: NOVITA' PER IL PSR 2014-2020 Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto

Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Scheda informative sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Veneto è stato formalmente adottato dalla Commissione Europea il 26

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Programmazione 2014-2020

Programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 Enrica Addis Assessorato dell agricoltura e riforma agropastorale Servizio Programmazione, controllo e innovazione in agricoltura L agricoltura in Sardegna I dati del censimento

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Silvia Masi Dipartimento Pianificazione Territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione Servizio

Dettagli

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE L'ultima riforma della politica agricola comune (PAC) ha mantenuto la struttura a due pilastri di questa politica, e lo sviluppo rurale continua

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Dr. Giuseppe CACOPARDI MIPAAF Direzione Generale Sviluppo Rurale PRIORITÀ DELL UNIONE IN MATERIA

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Lorenzo Bisogni Incontro con i Sindaci delle 5 Province settembre 2015 1 I temi della relazione Le strategie

Dettagli

CESAR - ASNACODI. Perugia, 21 gennaio 2012. Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC

CESAR - ASNACODI. Perugia, 21 gennaio 2012. Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC CESAR - ASNACODI Perugia, 21 gennaio 2012 Convegno GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA: LE SFIDE DELLA NUOVA PAC La riforma della Pac post-2013 e la gestione del rischio in agricoltura Angelo Frascarelli

Dettagli

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Alberto Lugoboni Regione Lombardia - DG Agricoltura Coordinatore LIFE 12/ENV//IT/578

Dettagli

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020

L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR. Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 L accordo di partenariato e le implicazioni nella strategia del PSR Lo sviluppo rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Cepagatti, 20 Giugno 2014 Obiettivo del partenariato: - ordinare i fabbisogni emergenti -

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

PIOPPI DI GRANDI DIMENSIONI CON LE PIANTAGIONI POLICICLICHE

PIOPPI DI GRANDI DIMENSIONI CON LE PIANTAGIONI POLICICLICHE PIOPPI DI GRANDI DIMENSIONI CON LE PIANTAGIONI POLICICLICHE PIANTAGIONI POLICICLICHE POTENZIALMENTE PERMANENTI (4P): PROPOSTE DEL LIFE+ INBIOWOOD Roberto Zampieri Roberto Zampieri Regione del Veneto INBIOWOOD:

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Assessore Regionale Luca Braia Giovanni Oliva - Vittorio Restaino Dipartimento Politiche Agricole e Forestali - Regione Basilicata Potenza - Sala

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

Regione Liguria Programmazione 2014-2020

Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Regione Liguria Programmazione 2014-2020 Genova, 15.03.2013 DISPONIBILITA PROGRAMMI 2007/2013 (IN M ) DI FONDI STRUTTURALI/NAZIONALI POR FESR PORFSE PSR FEASR PESCA FEAMP (ex FEP) PARFAS ora FSC OB.3 FESR

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE Milano, 18 novembre 2014 Alessandro Pezzotta Struttura Programmazione ed attuazione dello sviluppo rurale PSR 2014-2020: OBIETTIVI - priorità 1: stimolare

Dettagli

Psr Sicilia 2014 2020,

Psr Sicilia 2014 2020, Psr Sicilia 2014 2020, Con Decisione CE C(2015)8403 del 24 novembre 2015 è stato approvato il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) Sicilia 2014 2020, strumento di finanziamento e di attuazione del Fondo

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA

OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA A cura di: Adriana Zecchetto 20 Febbraio 2014 www.boscoloromania.ro 1 Contesto della programmazione

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 ITALIA ITALIA Allegato IV Tavole di raccordo tra Priorità di Investimento e (settembre 2014) Sommario Obiettivo Tematico 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione... 1 Obiettivo Tematico

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: le opportunità e lo stato di attuazione Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale 1 Le risorse Toscana: 962 milioni risorse

Dettagli

Le opportunità offerte dai nuovi PSR alla zootecnia biologica CREMONA 28 ottobre 2015 Flaminia Ventura Una misura dedicata la Misura 11 Agricoltura Biologica Aiuti a superficie per: Conversione alle pratiche

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Descrizione della misura Titolo della misura Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013, Articolo 14 Regolamento (UE) n. 1303/2013 Descrizione

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia

Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia Zola fa agricoltura Il Mondo contadino dal seminativo alla zootecnia I sostegni alle imprese agricole per la competitività e la diversificazione dei redditi Zola Predosa 29 ottobre 2011 Zola fa agricoltura

Dettagli

CAMPANIA AI SENSI DELL ART. 13, COMMA 1 DEL D.LGS. 152/2006 E SS.MM.II. DOCUMENTO DI SCOPING REGIONE CAMPANIA

CAMPANIA AI SENSI DELL ART. 13, COMMA 1 DEL D.LGS. 152/2006 E SS.MM.II. DOCUMENTO DI SCOPING REGIONE CAMPANIA REGIONE CAMPANIA UFFICIO DELL AUTORITA AMBIENTALE REGIONALE RAPPORTO PRELIMINARE AMBIENTALE DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) 2014-2020 DELLA REGIONE CAMPANIA AI SENSI DELL ART. 13, COMMA 1 DEL D.LGS.

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura

Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali. Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura Il PSR 2014 2020 e le azioni agro climatico ambientali Mario Perosino Giovanni Scanabissi Regione Piemonte Direzione Agricoltura Workshop LIPU: Attività rurale e conservazione della La Pac ha subìto diverse

Dettagli

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca

Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI. Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Risultati del percorso di ascolto del partenariato I FOCUS GROUP TEMATICI Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Il processo di programmazione a che punto siamo PARTENARIATO Strategia

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico

VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico VERSO IL NUOVO PSL 2014-2020 Incontro pubblico Torre di Mosto, 12 novembre 2015 VeGAL: il PSL risultati 2007/13 ll Programma di Sviluppo Locale (PSL) Itinerari, paesaggi e prodotti della terra gestito

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020

LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 LE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO Ipotesi e proposte nel contesto del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali 2014/2020 Floriana Clemente Direzione Ambiente Robassomero, 11 dicembre 2013 Le risorse:

Dettagli

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR ARDAF e Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Roma Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR «La riforma della PAC e l attuazione del nuovo regime dei pagamenti diretti in Italia:

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 6 - Sviluppo agricolo e aziendale (art. 19) La misura punta alla creazione e sviluppo di una nuova attività economica nelle aree

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2014-2020. «PERCORSI DI SVILUPPO RURALE» Diversificazione e novità del PSR Sicilia 2014-2020

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2014-2020. «PERCORSI DI SVILUPPO RURALE» Diversificazione e novità del PSR Sicilia 2014-2020 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2014-2020 «PERCORSI DI SVILUPPO RURALE» Diversificazione e novità del PSR Sicilia 2014-2020 1 Accordo della Conferenza Stato Regioni del 16 gennaio 2014 per lo Sviluppo

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

Cofinanziato dalla Commissione Europea

Cofinanziato dalla Commissione Europea Cofinanziato dalla Commissione Europea LA NUOVA PAC A partire da Gennaio 2015 Approccio più mirato e adattabile rispetto al passato Ampia scelta di regimi e misure facoltativi Possibilità di trasferimenti

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020 BANDO PUBBLICO REG UE 1305/2013, Art. 29 Priorità dello sviluppo rurale Focus area

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Modulo 4: i bandi promossi dagli enti pubblici e privati

Modulo 4: i bandi promossi dagli enti pubblici e privati I BANDI PROMOSSI DAL GAL DELTA 2000 PROSSIME OPPORTUNITA - curiosando qua e la LA PROSSIMA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI UTILI I BANDI PROMOSSI DAL GAL DELTA 2000 a favore del turismo Bando per le Microimprese

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020 BOLOGNA 6 FEBBRAIO 2 0 1 4

LA NUOVA PAC 2014-2020 BOLOGNA 6 FEBBRAIO 2 0 1 4 LA NUOVA PAC 2014-2020 BOLOGNA 6 FEBBRAIO 2 0 1 4 Regolamento su aspetti finanziari, gestionali e di monitoraggio per la PAC Politiche UE post 2013 1 PILASTRO 2 PILASTRO FONDI STRUTTURALI Aiuti di Mercato

Dettagli

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima

Il quadro normativo. 1 Si fa presente che per la definizione della scheda, si è utilizzato come documento di riferimento, per il FSE, l ultima Il quadro normativo Le proposte di Regolamento per la programmazione 2014-2020 vedono alcune innovazioni rispetto all attuale periodo di programmazione di particolare rilevanza e impatto per la definizione

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

IL SISTEMA RURALE SICILIANO E LA SFIDA 2020 Palermo Hotel Astoria Palace 30 marzo 2015

IL SISTEMA RURALE SICILIANO E LA SFIDA 2020 Palermo Hotel Astoria Palace 30 marzo 2015 IL SISTEMA RURALE SICILIANO E LA SFIDA 2020 Palermo Hotel Astoria Palace 30 marzo 2015 LA STRATEGIA FEASR: LE SCELTE DELLA REGIONE SICILIANA GAETANO CIMO AREA INTERDIPARTIMENTALE PROGRAMMAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI TRA LE PRIORITÀ DEL NUOVO SVILUPPO RURALE Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili I nuovi Programmi di sviluppo rurale, in fase di costruzione e approvazione,

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.0 Codice e titolo della misura (codifica delle misure all'allegato I parte 5 - del Regolamento di esecuzione) MISURA 4 - Investimenti in immobilizzazioni

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Fabbisogni del PSR 2014-2020 della Regione Piemonte Documento di lavoro per la consultazione partenariale 30 gennaio 2014

Fabbisogni del PSR 2014-2020 della Regione Piemonte Documento di lavoro per la consultazione partenariale 30 gennaio 2014 Fabbisogni del PSR 2014-2020 della Regione Piemonte Documento di lavoro per la consultazione partenariale 30 gennaio 2014 Introduzione I fabbisogni costituiscono il punto di snodo tra l analisi di contesto

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana Stefania Nuvoli Gestione e Tutela delle Risorse Idriche In Agricoltura Regione Toscana USO SOSTENIBILE

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli