Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento"

Transcript

1 Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per apprezzata e diffusa consultazione pubblica, deve essere salutato con interesse e preso come base per arrivare con adeguate rifiniture a un efficace strategia energetica per il paese. Come sottolineato in un mio precedente articolo su Nuova Energia, l Italia negli ultimi decenni ha registrato nel settore energetico uno sviluppo a dir poco disordinato e caratterizzato da ondate successive, spinto spesso da mode, ideologie, forti lobbies e senza una visione globale e con tutti sulla cresta dell ultima onda o bolla. Basti pensare, per l elettricità all era del petrolio dal 1963, al tentato carbone, al nucleare cancellato una prima volta da Cernobyl, ai cicli combinati, all eolico, al fotovoltaico, al nucleare cancellato per la seconda volta per l effetto Fukushima, all efficienza energetica sulla bocca di tutti e con tante aspettative. Dopo anni di promesse o silenzi da parte dei governanti relativamente a un piano (che non ha senso in un libero mercato) o una strategia energetica, l attuale Governo dei tecnici ha avuto il merito di emettere il sopra citato documento che fissa le 7 priorità per una strategia energetica nazionale. Nella premessa è chiaramente e finalmente affermato che per crescere è fondamentale aumentare la competitività delle imprese e del nostro sistema per poter crescere in maniera sostenibile dal punto di vista economico ed ambientale. Principio pienamente condivisibile. Nel testo è anche menzionato giustamente che lo sviluppo del settore energetico deve coincidere con l interesse generale del Paese e non con quello di gruppi con uno specifico interesse, cosa che, ahimè, è sempre più prevalsa negli ultimi anni. Pur tenendo conto che, a valle della consultazione, è previsto che gli interventi definiti vengano articolati in una proposta di percorso attrattivo con identificazione di responsabili, strumenti e tempistiche per ogni iniziativa, il documento porta già una serie di dati. Su alcuni di questi si potrebbero evidenziare perplessità e contraddizioni con gli indirizzi programmatici che necessitano di essere adeguatamente chiarite o eliminate. Ci si augura che le varie osservazioni ricevute e gli ulteriori approfondimenti, con appendici sulle principali ipotesi, vengano inglobati in un documento che serva di base per il futuro governo. A monte di tutto mi permetto di fare alcune osservazioni generali. ORIZZONTE TEMPORALE E STRATEGIA INDUSTRIALE Gli investimenti nel settore energetico hanno vite di decenni a differenza del settore ICT. Considerando quindi i cicli di vita ultra decennali nel settore energetico, una strategia energetica dovrebbe avere un orizzonte più lungo del 2020; questa data dovrebbe essere vista come una prima tappa intermedia sulla quale verificare i trend. Obiettivi al 2050 sono difficilmente prevedibili, questo è certo, e anche scarsamente attendibili, ma un orizzonte temporale al sarebbe stato preferibile, poiché avrebbe consentito di evidenziare obiettivi industriali e infrastrutturali in un paese fortemente dipendente dall estero per materie prime energetiche e che ha avviato una trasformazione verso una realtà sempre meno energy intensive (pur verificando la strategicità di alcuni prodotti, come l acciaio, e la ricaduta sul loro indotto e l occupazione). Una strategia energetica è infatti frutto di una strategia ambientale e di una politica industriale e per le infrastrutture. Se la prima sembra abbastanza definita nel documento, con le correzioni già implementate per evitare le passate distorsioni nel campo delle rinnovabili, che incideranno tuttavia per 1

2 20 anni sulle bollette di cittadini (in alcuni punti la politica ambientale sembra ancora abbastanza Garibaldina ed ambiziosa), la seconda, cioè la politica industriale e di infrastrutture, non sembra però chiara per i possibili investitori. Non si accenna, per esempio, a eventuali rifocalizzazioni su investimenti in infrastrutture essenziali, hardware e software, per migliorare l attrattività del Paese, valorizzandone il patrimonio artistico/culturale/ambientale con ricadute sul miglioramento della qualità della vita anche per i cittadini. Pur riconoscendo l importanza di agire in un libero mercato, un indicazione delle strutture industriali e di servizi a tendere nel nostro Paese sembra importante ed una ulteriore analisi dettagliata potrebbe essere indispensabile. L attuale documento infatti sembra in alcuni punti più orientato a portare dati e previsioni, in gran parte condivisibili, invece che a fornire chiari indirizzi di un governo del Paese. Solo la definizione di chiari indirizzi di politica ambientale, concentrata sui settori ritenuti prioritari, e di politica industriale, con focus sulle industrie ritenute strategiche sul lungo periodo, possono essere l input per R&D, sviluppo tecnologie, investimenti in industrie locali e infrastrutture. DECABORNIZZAZIONE Il focus su decarbonizzazione dell economia Italiana per seguire le direttive europee dovrebbe tenere conto della realtà mondiale (la CO 2 è un problema globale). Una riduzione del 20% della CO 2 da parte UE risulta inferiore al 2% delle totali emissioni mondiali previste al Non occorre forse focalizzare più gli sforzi italiani su una politica internazionale per arrivare ad accordi globali rispetto a buoni esempi che spesso raggiungono gli scopi opposti alla decarbonizzazione? (Rilocazione di industrie energy intensive in nazioni che non penalizzano la CO 2 e che a parità di prodotto finale hanno maggiori emissioni). CARO BOLLETTA Se si esamina la vera fattura energetica degli italiani (oltre 150 miliardi e non i 62 di importazioni di risorse energetiche) dovuta a tasse e balzelli disuguali per diverse categorie, si dovrebbe essere spinti ad agire, sì, sulla riduzione dei 62 miliardi (augurandosi si ribaltino sulle bollette) ma più di tutto sulla riduzione di tale gap che continua a salire(e nel settore elettrico il prezzo finale per alcune categorie di cosiddetti clienti supera di oltre 2,5 volte il prezzo della produzione di elettricità, l aumento di IVA inciderà ulteriormente su alcuni consumatori) EFFICIENZA L approccio prioritario assegnatole è certamente degno di nota. In questo ambito è però necessario distinguere chiaramente gli investimenti sul nuovo da realizzare (per i quali imporre tutte le BAT da promuovere su CE con opportune leggi europee) rispetto al risanamento dell installato da efficientizzare con incentivazioni tarate su costi/benefici. Su questo tema, informazione, comunicazione e formazione (ben sottolineata nella SEN) sono forse il principale fattore abilitante: questo aspetto richiede un chiaro piano di interventi ed azioni atte anche a valorizzare i contributi di enti, associazioni culturali e scientifiche, Università, ecc., in una visione coordinata e coerente di comunicazione credibile. Occorre mettere in conto non solo intenzioni ma chiari investimenti con chiari budget sul chi, a chi, come, dove far sapere supportato da un saper fare. Investimenti in questo ambito devono essere promossi/imposti anche a Regioni, Province e Comuni nei loro piani energetici. Standard e normative sono necessari: occorre però che i bandi di gara, partendo dagli enti pubblici, escano con valorizzazione non solo della componente investimento iniziale (CAPEX) ma anche dei costi di esercizio (OPEX) per scegliere davvero la miglior soluzione, cioè quella che presenta il minimo di CAPEX + OPEX. Concentrarsi sul solo costo iniziale porta spesso a soluzioni aberranti e non economiche. 2

3 Occorrerebbe evidenziare meglio indirizzi / agevolazioni per quei settori che presentano il più efficiente rapporto costi / benefici (e tra questi non ricadono certo gli interventi del cappotto sull edilizia esistente), così come sarebbe opportuno analizzare costi/benefici come costo della tonnellata di CO 2 o di TEP evitata. La nuova legislazione europea, che considera finalmente i risparmi in energia primaria, fa pendere la bilancia sul settore elettrico, dove un consumo di 1 kwh finale corrisponde a circa 2,5 kwh di energia primaria. Occorre valorizzare ogni goccia e considerare non solo il lato consumo, ma anche, ad esempio, l efficienza delle centrali elettriche e dei loro ausiliari, dei trasformatori di distribuzione, ecc, che sono esclusi ad oggi dai certificati bianchi riservati ai non concessionari. Occorre una politica di aggregazione di piccoli interventi per renderli possibili e raggiungere una massa critica decente per efficace approccio e finanziamenti tramite ESCO (è positiva la spinta sulle ESCO, che dovrebbero essere il fattore abilitante per interventi sulla pubblica amministrazione, che non può fare investimenti e potrebbe farli indirettamente con contratti pluriennali di OPEX con valori annuali inferiori agli attuali a seguito di interventi di efficientizzazione delle ESCO). E qui occorre verificare/modificare ai vari livelli (statale, regionale, comunale) la normativa per permettere tali interventi. Implementare un efficace lotta alla contraffazione con costituzione di struttura/fondi adeguati e con controlli e forti penalizzazioni; in un mercato globale, è opportuno porre molta attenzione all autocertificazione da paesi non corretti. Occorrerà però intervenire pesantemente su risparmi legati a comportamenti; e ben poco si accenna, nella SEN, a trasformazioni modali dei trasporti ecc.. Infine, resta da chiarire dove sono diretti i 15 miliardi previsti in sussidi: l industria si attende indicazioni. APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO Il discorso della sicurezza di approvvigionamenti e di impatto sulla bilancia commerciale dovrebbe essere più approfondito con due serie di ragionamenti. Il primo riguarda la vulnerabilità del Paese intesa nel senso più lato: un Paese che avesse la sicurezza degli approvvigionamenti energetici, ma a costi elevati per la propria energia (vedi rinnovabili o tecnologie non ancora mature) sarebbe sicuro energeticamente, ma vulnerabile per la sua competitività sui mercati che sono globali. L altra serie di ragionamenti dovrebbe riguardare i vari bilanci da considerare in parallelo. In particolare occorre esaminare come la riduzione, attraverso rinnovabili ed efficienza energetica, delle importazioni di MTEP delle materie prime energetiche (con riduzione dei relativi costi pari ai 14 miliardi menzionati nella SEN) si rifletta su: Gli operatori del mercato elettrico che hanno fatto investimenti importanti e di lungo termine nei cicli combinati. Già oggi questi impianti sono sottoutilizzati. Stando a quanto previsto dalla SEN, il fenomeno si amplierebbe; per questo gli operatori spingono a innalzamenti dei prezzi serali per rifarsi di perdita mercato in ore solari e a reclamare stranded costs o capacity payments. La finanza statale. Con l aumentare della penetrazione di efficienza energetica e rinnovabili, si perdono accise / IVA / tasse su combustibili / energie e questo in aggiunta al rischio di eventuali esborsi per incentivi portati su fiscalità generale per non compromettere ulteriormente la competitività dei clienti finali. 3

4 I clienti finali. Come risulta chiaro anche dalla delibera dell AEEG 383/2012, le bollette per i prossimi 20 anni aumenteranno; ciò tenendo conto sia per la componente A3 del deficit cumulato (1,5 miliardi) e degli ulteriori oneri attesi in crescita e sia anche dell aumento di altre componenti. La bilancia dei pagamenti. Occorrerebbe verificare l effettivo vantaggio di portarla in attivo sul fronte energetico a danno degli altri bilanci. Come questi vari bilanci che coesistono e dovrebbero essere compatibili si riflettono sul bilancio globale del sistema Italia? IL SETTORE ELETTRICO. OSSERVAZIONI PUNTUALI Venendo ad alcune osservazioni puntuali sui numeri, mi soffermo in particolare sul settore elettrico e su alcuni casi. Uno degli obiettivi prioritari indicati è riduzione dei costi dell energia agli utenti finali. È possibile stanti le condizioni indicate? I 3,5 miliardi di /anno di incentivi addizionali previsti nel settore elettrico (ulteriori 70 miliardi in 20 anni rispetto ai 170 già impegnati) aumenterebbero del 40% il peso sulla A3 degli incentivi che vanno in bolletta (ipotesi che sembra alla base del documento non essendo menzionata una ricaduta su fiscalità generale che sarebbe auspicabile ma ben difficile in tale momento). Stando a una suddivisione della A3 sui diversi clienti come l attuale, un cliente industriale in bassa tensione vedrebbe passare da circa 50 /MWh a circa 70 /MWh il balzello delle rinnovabili, che è già oggi pari ad un aumento del 40% del costo dell energia elettrica decurtato da tasse ed A3 stessa. Per un cliente in media tensione i circa 40 /MWh attuali di balzello passerebbero a 56 su una bolletta base di circa /MWh decurtata da tasse ed A3. Tali oneri annullerebbero di fatto la possibile riduzione prevista nel documento dell attuale prezzo del gas di 5,7 /MWh che si rifletterebbe in un minor costo variabile di /MWh dai nostri cicli combinati,10-12 /MWh che dovrebbe ricadere sulle bollette (?!). Un altra osservazione è relativa al fatto di dover qualificare chiaramente cosa si intenda per gridparity e cosa si mette sul piatto dei costi e dei benefici: questa operazione di chiarimento è necessario anche se tali valutazioni dovranno seguire le direttive europee ed accordi internazionali. Le rinnovabili volatili (vento e fotovoltaico) hanno, in aggiunta ai costi degli incentivi e di sviluppo della rete (e per di più per ridotte ore di utilizzazione annua) altri costi addizionali al funzionamento del sistema elettrico non certo trascurabili: capacità di riserva pronta con funzionamento a ridotte ore alla massima potenza e quindi con maggiori emissioni e ridotta efficienza, costi di bilanciamento, costi di flessibilizzazione di centrali convenzionali per seguire le rampe di carico in salita e discesa, oltre a eventuale storage elettrico: tutto questo va sul piatto dei costi. Sul piatto dei benefici occorre mettere quanto si valuta la sicurezza degli approvvigionamenti, il risparmio di CO 2, i vantaggi per la bilancia dei pagamenti. Senza tali numeri addizionali quali input strategici diamo all industria per investire su certi filoni tencologici? Sempre nell ottica di dare dei riferimenti a possibili investitori sulle linee ritenute prioritarie, sebbene risulti difficile, tenendo conto dell evoluzione tecnologica nei vari settori, sarebbe interessante verificare le ipotesi base, i numeri e la suddivisione tra le varie tecnologie per arrivare a 180 miliardi di previsti nel documento in 8 anni per investimenti privati in rinnovabili ed efficienza energetica. Giustificare i risultati senza fornire le ipotesi, anche in altri punti del documento, potrebbe essere superato con adeguate appendici; il diavolo giace nei dettagli. I filoni di R&D devono scaturire dagli indirizzi di politica industriale e dovrebbe essere esaminato/proposto un cambio nella tipologia di incentivi:da tariffe feed-in, che ingessano il mercato per 20 anni, a incentivi per R&D con premi di allocazione di mercati a quelle tecnologie vincenti per rapporti benefici/costi. A proposito di R&D occorrerà accennare la ricerca di sistema per quanto riguarda tematiche (e chi le fissa) e la governance, anche se l incidenza sulle bollette è scarsa, come è scarsa la ricaduta sulla industria elettromeccanica. Per la politica industriale dovranno essere fatte analisi dettagliate sulla 4

5 capacità di investimenti in R&D delle nostre industrie e sulla loro capacità di conquistare dimensioni globali o nicchie di prodotti/mercati. Varrà la pena di aumentare l incidenza della ricerca di sistema solo con obiettivi e governance ben definiti in ambito di possibili riordini di ENEA e CNR. Per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile delle rinnovabili con un previsto superamento degli obiettivi europei del , il documento si propone di arrivare a un 36-38% di elettricità da FER nel 2020 producendo ulteriori 54 TWh a scapito dei cicli combinati che lavorano già meno di 3000 ore l anno ed a scapito delle importazioni di elettricità; queste ultime ad oggi sono più economiche della produzione locale e potrebbero esserlo anche in futuro, mettendo in conto il possibile insuccesso nella riduzione dei costi del kwh prodotto in Italia (no nucleare e poco carbone).nel documento occorrerebbe dedicare spazio al critico problema della flessibilizzazione del parco termoelettrico e alla sua eventuale ottimizzazione con utilizzi di energy storage systems per regolazione, frequenza, potenza, riduzione di rampe di carico in salita e discesa di rinnovabili, per spianare aleatorietà/variabilità di rinnovabilii funzionando da peak shaving/poker hifting e molte altre applicazioni. Serve definire con AEEG una chiara strategia per accumuli elettrici: è meglio solo concessionari o l apertura a tutti con gare per gli specifici servizi che potrebbero apportare al sistema e con relative remunerazioni? Apertura all accumulo presso clienti finali (vedi utilities tedesche e qui si potrebbero citare esempi). La stessa tipologia di strategia va definita per la ricarica di veicoli elettrici. Vogliamo che solo concessionari abbiano le colonnine di ricarica o invece è preferibile un modello in cui ultimo miglio e colonnine sono aperti a tutti? (E forse prematuro, dato l esiguo numero di veicoli elettrici, ma importante per non creare precedenti). Vorrei sottolineare la necessità di esaminare interventi innovativi per potenziare le infrastrutture della rete di trasmissione con cambio conduttori o innalzamento della tensione delle linee, l eventuale trasformazione di linee da corrente alternata a corrente continua aumentandone di 3-4 volte la capacità di trasporto con gli stessi pali e conduttori, la possibilità di utilizzare al meglio la capacità di linee e trasformatori esistenti con il cosiddetto dynamic loading in funzione delle condizioni atmosferiche ecc.. Mi sembra consigliabile, invece, essere più cauti su alcune vantate tecnologie Italiane o di possibili utilizzi a breve /medio termine di certe tecnologie (CSP, CCS ecc). È a mio avviso da rivedere completamente (come in parte accennato nella SEN) la struttura tariffaria e specie quella elettrica (circa 20 voci!!) dove le PMI collegate in Media Tensione ed ancor più quelle in bassa tensione pagano tasse e balzelli (ad es. A3) ben superiori a quelli applicati ai clienti in Alta Tensione. Il concedere certi vantaggi/sconti a eventuali clienti energy intensive deve essere coerente con la politica industriale; i vantaggi vanno tarati in funzione del peso della bolletta energetica sui costi di produzione, sulla strategicità per il paese del prodotto e sulle ricadute industriali. Occorrerà inoltre essere in accordo con le procedure negli altri paesi CE. Mi risulta difficile comprendere l incremento di una capacità transfrontaliera elettrica entro una filosofia di riduzione delle importazioni e al limite di esportare (avremmo già una capacità con le esistenti interconnessioni di oltre i 6000MW che ora importiamo). Non viene menzionato lo scarso, e in continuo calo, utilizzo dei grossi impianti di pompaggio del nostro paese; un esame su cause/struttura di mercato sarebbe necessario. In generale massimo accordo per accelerazione processi autorizzativi e modifica dell articolo 5 per progetti di interesse nazionale che andranno definiti come tipologia; e così pure per lo sviluppo di idrocarburi nazionali. Massimo supporto anche a una rivalutazione delle rinnovabili termiche, 5

6 fortemente penalizzate da politica di incentivi per l elettrico (aspetto che perdurerà in futuro, purtroppo, per non gravare ulteriormente sulla competitività). L ITALIA HUB DEL GAS Il tema dell Italia come hub del gas meriterebbe una trattazione a parte, mi preme segnalare come, visto lo scenario di riduzione di consumi locali e le grosse incertezze, sia sui possibili acquirenti, sia sui possibili fornitori, il rischio di investimenti in infrastrutture che potrebbero risultare scarsamente utilizzate sia molto forte. Occorrono, perché questa ipotesi di sviluppo possa concretizzarsi, accordi politici e commerciali di lungo termine molto forti. 6

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico AUDIZIONE DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FEDERICA GUIDI PRESSO LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO SULLE POLITICHE DEL SUO DICASTERO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore Mod Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore DIAMO VALORE AL VOSTRO EDIFICIO u v x OTIS presenta l ammodernamento con una tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica u w v Azionamento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli