Direttiva di Prodotto - 94/9 CE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttiva di Prodotto - 94/9 CE"

Transcript

1 Direttiva di Prodotto - 94/9 CE D.P.R. n marzo 1998 Regolamento in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 1 Scopo della direttiva Garantire la libera circolazione dei prodotti. Nuovo approccio: Necessario definire requisiti essenziali in materia di sicurezza e altre caratteristiche pertinenti, volti a garantire un livello di protezione elevato. Novità introdotte: Apparecchi non elettrici Esplosività delle polveri Rischio esplosione in generale Ampliamento del campo di applicazione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 2 1

2 Periodo Transitorio Dal 1994 fino al 30 giugno 2003 Il DPR di recepimento del 1998 ha confermato tale scadenza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 3 Articoli (DPR 126/98) 1 campo di applicazione e definizioni 2 requisiti essenziali di sicurezza 3 presunzione di conformità 4 immissione in commercio 5 marcatura CE di conformità 6 procedure di valutazione della conformità 7 disposizioni per la marcatura 8 organismi di Certificazione 9 vigilanza (Ministero dell Industria) 10 ritiro dal mercato 11 norma di rinvio 12 disposizioni transitorie ALLEGATI ( n 11) Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 4 2

3 Campo di applicazione (art.1) 1. Apparecchi e Sistemi di Protezione utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva; 2. Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione necessari o utili per il funzionamento di sistemi di protezione per evitare le esplosioni; 3. Veicoli usati in atmosfera esplosiva. ESCLUSIONI Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 5 Esclusione dal campo di applicazione (art.1) a) Apparecchiature mediche; b) Lavorazione degli esplosivi o sost. chimiche instabili; c) Apparecchi e attrezzature domestiche; d) DPI; e) Navi marittime o unità offshore; f) Mezzi di trasporto: veicoli e rimorchi per trasporto persone e merci su strada e ferrovia e per via aerea o navigabile SI APPLICANO ALTRE DIRETTIVE Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 6 3

4 Definizioni Apparecchi: (art.1) le macchine, i materiali, i dispositivi fissi o mobili, gli organi di comando, la strumentazione e i sistemi di rilevazione e prevenzione che, da soli o combinati* sono destinati alla produzione, trasporto..trattamento di materiale e che per via delle potenziali sorgenti di innesco che sono loro proprie, rischiano di provocare una esplosione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 7 Apparecchi combinati ASSIEMI es: custodia, interruttore, morsetti, interrutt. Automatico ecc. Fabbricante singola unità funzionale tutti apparecchi certificati Installatore sistema modulare alcune parti non certificate La dichiarazione di conformità deve contenere: identificazione delle parti identificazione dei componenti del sistema modulare Istruzioni: per l installazione e l uso per la scelta delle parti da combinare Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 8 4

5 Definizioni Sistemi di protezione: (art.1) dispositivi diversi dai componenti degli apparecchi, la cui funzione è quella di arrestare le esplosioni o circoscrivere la zona colpita. Esempi: Parafiamma Barriere ad acqua Sistemi a prova di esplosione (porte di sicurezza, dischi di rottura ecc.) Barriere di soffocamento Sono soggetti al DPR anche se non hanno un potenziale di innesco Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 9 Definizioni Componenti: (art.1) Pezzi essenziali per il funzionamento (sicuro) degli apparecchi e dei sistemi di protezione privi di funzione autonoma. Esempi: Indicatori, freni, serbatoi, elementi riscaldanti, carrelli, contrappesi, bobine, morsetti ecc. Se incorporati in apparecchi o sistemi di protezione ATEX devono essere certificati Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 10 5

6 Definizioni d) Atmosfera esplosiva (art.1) e) Atmosfera potenzialmente esplosiva d) Miscela, in condizioni atmosferiche, di aria con sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri nella quale, dopo innesco, la combustine si propaga all insieme della miscela non bruciata. e) Suscettibile di trasformarsi in atmosfera esplosiva a causa delle condizioni locali ed operative. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 11 Definizioni Gruppo di apparecchi I (art.1) Destinati a lavori in sotterraneo nelle miniere per presenza di grisù o polveri combustibili Vedi allegato1 Gruppo di apparecchi II Destinati a lavori in altri siti (Industria) esposti ai rischi di atmosfere esplosive Vedi allegato1 Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 12 6

7 Allegato 1 Gruppo di apparecchi I Categoria M1 livello di protezione Molto elevato Categoria M2 livello di protezione Gruppo di apparecchi II elevato Categoria 1 livello di protezione Molto elevato Atmosfera esplosiva presente: sempre, spesso, per lunghi periodi Categoria 2 livello di protezione Atmosfera esplosiva presente con probabilità Categoria 3 livello di protezione Atmosfera esplosiva presente con scarsa probabilità elevato normale Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 13 Definizioni (art.1) Impiego conforme alla destinazione l uso in conformità alla destinazione dei gruppi (miniere ed industria) secondo le indicazioni fornite dal fabbricante e necessarie per il corretto funzionamento. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 14 7

8 Dispositivi di: (art.1 c.2) sicurezza, controllo, regolazione Utili o necessari per il funzionamento sicuro di apparecchi e sistemi di protezione Anche se utilizzati al di fuori della atmosfere potenzialmente esplosive 1. Un dispositivo di qualunque tipo, purché utile o necessario al funzionamento sicuro, può essere considerato dispositivo di sicurezza; Non rientrano nel campo di applicazione: 1. Tutti i dispositivi né utili né necessari per il funzionamento sicuro, relativamente al rischio esplosione; 2. I dispositivi di sicurezza, controllo, regolazione utili e necessari al funzionamento sicuro, relativamente ad altri rischi. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 15 Requisiti essenziali di sicurezza (art. 2) Apparecchi Sistemi di Protezione Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione Possono essere venduti e messi in servizio se Non compromettono la sicurezza di Persone, Animali domestici, Beni. REQUISITI di Sicurezza vedi Allegato II Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 16 8

9 Allegato 2 1. Requisiti comuni per apparecchi e sistemi di protezione 2. Requisiti supplementari per gli apparecchi 3. Requisiti supplementari per i sistemi di protezione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 0. Requisiti generali 1. Progettazione secondo i principi della sicurezza integrata: evitare la produzione di atmosfere esplosive impedire l innesco soffocare l esplosione o circoscrivere la zona colpita 2. Difetti (non devono compromettere la sicurezza) 3. Condizioni particolari di controllo e manutenzione 4. Condizioni ambientali circostanti 5. Marcatura 6. Istruzioni - messa in servizio, impiego, montaggio, installazione, regolazione. - zone pericolose, formazione. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 18 9

10 1. Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 1. Materiali 1. Non devono provocare un innesco 2. Non devono prodursi reazioni che deteriorano la situazione relativa alla prevenzione delle esplosioni 3. Le loro variazioni di caratteristiche nel tempo non compromettano la sicurezza Corrosione, usura, conducibilità elettrica, resistenza agli urti, invecchiamento, temperatura Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 2. Progettazione e fabbricazione 1. Conoscenze tecnologiche; 2. Sicurezza di funzionamento adeguata; 3. costruzione stagna 4. Depositi di polveri 5. Protezioni supplementari 6. Aperture senza pericoli 7. Protezione da altri rischi: es. ferite, scottature ecc.; 8. Sovraccarico; 9. Protezione antideflagrante. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 20 10

11 1. Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 3. Sorgenti potenziali di innesco di esplosione 1. Varie sorgenti: scintille, fiamme, archi elettrici, temperature superficiali, emissioni di energia acustica, radiazioni ottiche, onde elettromagnetiche, altre devono essere evitate 2. Elettricità statica (formazione di cariche); 3. Correnti elettriche parassite (corrosioni); 4. Surriscaldamento; 5. Compensazione delle pressioni. 4. Pericoli derivanti da perturbazioni esterne 1. Variazioni ambientali: vibrazioni, umidità, inquinamento ecc.; 2. Sollecitazioni meccaniche e termiche e chimiche Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 5. Requisiti delle attrezzature di sicurezza 1. devono sempre funzionare 8. rischi provenienti dal software 6. Integrazione dei requisiti di sicurezza del sistema 1. essere disinseriti manualmente senza compromettere la sicurezza generale del sistema (Es. Allarmi); 5. indicazione appropriata dove collocare dispositivi di allarme Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 22 11

12 2. Requisiti supplementari (apparecchi) 0. Categoria M Gruppo I Categoria M1 Categoria M2 1. Categoria 1 Gruppo II (ridondanza strumentazione) 1. Atmosfera esplosiva gas, vapori, nebbie 2. Atmosfera esplosiva aria-polveri 2. Categoria 2 Gruppo II 3. Categoria 3 Gruppo II - evitare l innesco - temperatura superficiale inferiore a quella di massima prevista., - apertura senza pericolo Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti supplementari (sistemi di sicurezza) 1. Studio e progettazione 1. Caratteristiche dei materiali 2. Resistenza 3. Accessori 4. Conseguenze 5. Scarichi 6. Sistemi di soffocamento esplosioni 7. Sistemi di disinserimento 8. Integrazioni con soglie di allarme. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 24 12

13 Presunzione di conformità (art.3) Apparecchi e sistemi di sicurezza: Sono conformi: se corredati da attestazione CE di conformità (allegato X) e marcati Si presumono conformi: se fabbricati in conformità a norme nazionali che recepiscono norme armonizzate europee Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 25 Marcatura (art.5 - allegato II) 1. Nome e indirizzo fabbricante; 2. marchio CE 3. Designazione della serie o tipo 4. Numero di serie (se esiste) 5. Anno di costruzione; 6. Marcatuta specifica di protezioni Ex, seguita dal simbolo del gruppo di apparecchi e della categoria 7. Per gruppo di apparecchi II : G gas, vapori nebbie; D polveri 8. Altre indicazioni relative alla sicurezza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 26 13

14 Quando un prodotto è soggetto a diverse direttive, che prevedono tutte l apposizione della marcatura CE, la marcatura indica che il prodotto è presunto conforme alle disposizioni di tutte le direttive La marcatura CE è in pratica una dichiarazione del fabbricante in cui afferma che il prodotto in questione è stato fabbricato in conformità a tutte le disposizioni e a tutti i requisiti applicabili della direttiva 94/9 CE e che il prodotto è stato sottoposto alle procedure i valutazione della conformità Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 27 Esempio di marcatura 9999 II 2 G Marchio CE 2. Organismo notificato 3. Adatto per atmosfere esplosive 4. Gruppo di appartenenza 5. Categoria 6. Stato di aggregazione della sostanza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 28 14

15 marcatura supplementare 9999 II 2 G EEx p IIB T Conforme a norme europee della serie EN Tipo di protezione utilizzato 3. Classe dei gruppi di apparecchio 4. Classe di temperatura superficiale Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 29 15

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE)

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA ALL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 94/9/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 23 MARZO 1994, CONCERNENTE IL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI

Dettagli

Le direttive Europee di Prodotto

Le direttive Europee di Prodotto . Le direttive Europee di Prodotto Ing. Giorgio Zerboni Roma, 19 aprile 2011 1 Le Direttive Europee Le Direttive europee sono le regole generali che l Unione Europea si è data in ogni settore e, quindi,

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

Protezione dai Pericoli di Esplosione (D.Lgs 233/03) Proposta di una metodologia di analisi

Protezione dai Pericoli di Esplosione (D.Lgs 233/03) Proposta di una metodologia di analisi Protezione dai Pericoli di Esplosione (D.Lgs 233/03) Proposta di una metodologia di analisi Ing. Pinetti G.1, Ing. MULÈ G.2, Ing. GIOÈ F.3 1. TRR S.r.l., Piazza Giovanni XXIII, 2, Osio Sotto (BG), 24046,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano Corso di Formazione ATEX Modulo 3 Docenza: Gonzato Ing. Stefano Patrocinio Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Vicenza Associazione dei Periti Industriali della

Dettagli

La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico.

La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico. La Direttiva ATEX: i rischi legati alle atmosfere esplosive nel Settore Metalmeccanico. Valutazione del rischio e misure organizzative di prevenzione Relatore: Dott.Ing. Giustiniano Armenise Argomenti

Dettagli

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing.

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing. Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento,

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)

LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) al 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell Unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente

Dettagli

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n.

Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. Allegato 1. Direttiva 90/396/CEE Gas La direttiva 90/396/CEE, recepita nell ordinamento italiano con il D.P.R. 15 novembre 1996, n. 661, disciplina gli apparecchi a gas per uso civile. Le amministrazioni

Dettagli

DG ENTERPRISE AND INDUSTRY European Commission LINEE GUIDA ATEX

DG ENTERPRISE AND INDUSTRY European Commission LINEE GUIDA ATEX DG ENTERPRISE AND INDUSTRY European Commission LINEE GUIDA ATEX GUIDA ALL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 94/9/CE DEL CONSIGLIO, DEL 23 MARZO 1994, CONCERNENTE IL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi

BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi DIRETTIVA ATEX 94/9/CE PER ATMOSFERE ESPLOSIVE - Obblighi di legge per le aziende con zone a rischio di esplosione. BOLOGNA 12 giugno 2009 Dott.Ing. Gianfranco Tripi ATMOSFERE ESPLOSIVE DIRETTIVE ATEX

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Fabio Olivieri ATEX DAY Desenzano del Garda, 26 giugno 2015 DPR 462 del 22 Ottobre 2001

Dettagli

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE ATEX 99/92/CE Decreto legislativo n 81/2008 Titolo XI - Protezione da atmosfere esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE Utilizzatori AREE PERICOLOSE ATEX 1999/92/CE Dlgs. 81/2008 titolo XI (già Dlgs. 233/2003)

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

Concetti base per la protezione dalle esplosioni

Concetti base per la protezione dalle esplosioni Concetti base per la protezione dalle esplosioni 1 2 Direttiva 94/9/CE del 23/3/1994 Direttiva ATEX 95 detta anche nuovo approccio 3 Entrata in vigore l 1/3/1996 facoltativamente. Recepita in Italia con

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA TECNICA. Lettera Circolare Prot. DCPST n. 6651 Roma li 22 AGO 2006

DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA TECNICA. Lettera Circolare Prot. DCPST n. 6651 Roma li 22 AGO 2006 DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA TECNICA Lettera Circolare Prot. DCPST n. 6651 Roma li 22 AGO 2006 Ai Sigg. Direttori Centrali del Dipartimento LORO SEDI Ai Sigg. Direttori Regionali ed

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti LA COMBUSTIONE Combustibile Energia di innesco Comburente Un po di storia Inghilterra 1913: esplosione per cause

Dettagli

DIRETTIVA 2014/34/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/34/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/309 DIRETTIVA 2014/34/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

DIRETTIVA EUROPEA 94/9/CE

DIRETTIVA EUROPEA 94/9/CE Introduzione Dal 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell'unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente esplosive, devono essere approvati secondo la direttiva 94/9/CE

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. (Comune)

ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. (Comune) ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA RICHIESTA DI COLLAUDO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI 1) Copia documento di identità del richiedente; (Comune) 2) Relazione descrittiva sulla ubicazione,

Dettagli

Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX

Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Incontro tecnico per VV. F. APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Arturo Cavaliere SOMMARIO Unità 1 Unita 2 Unita 3 Unità 4 Unità 5 Unità 6 Atmosfere esplosive: pericoli da gas, vapori, nebbie infiammabili

Dettagli

154 ATEX - ATmosphere EXplosive

154 ATEX - ATmosphere EXplosive 154 ATEX - ATmosphere EXplosive DIRETTIVA 94/9/CE (ATEX= ATMOSPHERE EXPLOSIVE) DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (23-03 - 1994). Impatto sugli apparecchi per illuminazione APPLICAZIONI Le armature

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. Direttiva ATEX 94/9/CE info@atexsafetyservice.it www.atexsafetyservice.it Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.)

Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) ALLEGATO G Documento Unico per la Valutazione dei Rischi da Interferenze (D.U.V.R.I.) 0. PREMESSA Questo documento intende assolvere a quanto richiesto dal D.Lgs. 81/2008, art. 26, sui contratti di appalto,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato

CHEP ATEX. IECEx. Custodia per telecamere antideflagrante. Prodotto Certificato CHEP Custodia per telecamere antideflagrante Prodotto Certificato ATEX e IECEx ANTIDEFLAGRANTE Più versioni disponibili per soddisfare le più diverse specifiche di pericolosità ambientale. FACILITA' DI

Dettagli

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione FONTI NORMATIVE: Legge N. 791/77 Direttiva del consiglio delle Comunità Europee N. 73/23/CEE (abrogata dalla Direttiva n. 2006/95/CEE) Prodotti inclusi:

Dettagli

ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018

ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018 ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018 1 Rischi da carenze strutturali dell ambiente di lavoro

Dettagli

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE ELECTRO ADDA S.p.A COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE 23883 BEVERATE di BRIVIO (LECCO) ITALY Via Nazionale, 8 Tel. 039 / 5320621 Fax 039 / 5321335 E-mail electro.adda@electroadda.it Istruzioni per l uso e la

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE

ATEX LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX SOMMARIO CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE SOMMARIO LUOGHI CON PERICOLO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX ATEX CENNI SUL PERICOLO DI ESPLOSIONE PRINCIPI DI SICUREZZA CONTRO L ESPLOSIONE DIRETTIVA 1999/92/CE DIRETTIVA 94/9/CE PANORAMA NORMATIVO ESPLOSIVO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 Tel. (+39)0341/706.111 - Fax (+39)0341/706.299 www.cemb.com e-mail: stm@cemb.com Trasduttore Non Contatto T-NC/API Certificato secondo direttiva

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE CON NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE F A B I O G R A N D A C C I R S P P I primi modi di comunicare che conosciamo sono stati i seguenti: Tracciare segni sul

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia

Arturo Cavaliere e Paolo Scardamaglia Guida all applicazione delle direttive ATEX Il software allegato Atmosphere Explosive consente: la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per presenza di gas e/o polveri; la valutazione

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN Pag. 1/6 Motori asincroni SERIE LEN 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di polveri combustibili anche elettricamente conduttrici.

Dettagli

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro Firenze, 18 febbraio 2014 1 L incendio e il suo sviluppo 2 Il rischio di incendio Fase pre flashover Fase post

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Direttore Dr. Claudio Soave Strada Le Grazie, 8-37134 Verona - Tel. 045 8027627-0458027627 - Fax 045 8027626 e-mail: servizio. prevenzioneprotezione@univr.it

Dettagli

Artt. 74-79 e Allegato VIII Decreto Legislativo N.81/2008

Artt. 74-79 e Allegato VIII Decreto Legislativo N.81/2008 I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI Artt. 74-79 e Allegato VIII Decreto Legislativo N.81/2008 Definizione -. qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata dal lavoratore allo scopo di proteggerlo

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con:

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: CAMPAGNA EUROPEA SULLA MANUTENZIONE SICURA un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: nell ambito della Campagna europea Ambienti di lavoro sani e sicuri Promossa in Italia da ISPESL Focal

Dettagli

CONTRO LE ESPLOSIONI

CONTRO LE ESPLOSIONI DISPOSITIVI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ETEA Sicurezza s.r.l. con S.U. CONTROLLO ELETTROSTATICO MESSA A TERRA DELLE AUTOCISTERNE MESSA A TERRA DEI FUSTI MESSA A TERRA DEI BIG-BAG MESSA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi.

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi. Ing. Luca Moroni Gruppo Socogas S.p.a. GPL in serbatoi. 1 Il GPL. 2 Tipologie di contenitori. 2.1 Serbatoi esterni. 2.2 Serbatoi da interro con protezione catodica. 2.3 Serbatoi da interro con guscio in

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

Direttiva PED 97/23/CE

Direttiva PED 97/23/CE Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa

Dettagli

M-0530 M-0531. Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612. Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531

M-0530 M-0531. Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612. Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531 SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 6-03/2013 Operatori di comando e controllo SERIE M-0603, M-0604, M-0605, M-0612 Blocco contatti SERIE M-0530, M-0531 M-0530 M-0531 1 - Scheda Tecnica Prodotto - Operatori

Dettagli

Il recepimento delle direttive comunitarie

Il recepimento delle direttive comunitarie SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IGIENE E SICUREZZA I metodi per la progettazione, la costruzione, le prove e la marcatura sono specificati nella norma EN 13463-1 Direttive ATEX: adempimenti e certificazione per

Dettagli

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione Nell industria dei costruttori di macchine, oltre alle macchine stesse, i produttori esportano verso i mercati globali anche gli standard

Dettagli

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri

Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Misure tecniche per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Barbara Basso Art. 289 - Prevenzione e protezione contro le esplosioni Il datore di lavoro adotta le misure tecniche e

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Mezzi Soccorso Bremach Eex

Mezzi Soccorso Bremach Eex Mezzi Soccorso Bremach Eex Presidi DPI Eliminazione Innesco Cause Innesco Contatto Fiamma Libera Contatto Scariche Elettriche Contatto Superfici Calde Contatto Scintille Zona Avanzamento Eliminazione Innesco

Dettagli

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro

Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Gli obblighi previsti dal d.lgs. n.81/08 (e s.m.i.) e le previsioni del D.M. 11 aprile 2011 Ing. Davide Casaro Servizio Ambiente e Sicurezza Il d.lgs.

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

ATEX LA SICUREZZA DI APPARECCHI, DISPOSITIVI, IMPIANTI

ATEX LA SICUREZZA DI APPARECCHI, DISPOSITIVI, IMPIANTI ATEX LA SICUREZZA DI APPARECCHI, DISPOSITIVI, IMPIANTI Relatore: Dott.Ing. Roberto Gottardo - Relatore: Dott.Ing. Roberto Gottardo - Pag. 1 Anzitutto, è opportuno fare una premessa: I rischi di esplosione

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

ADDETTI AL PRONTO INTERVENTO IN CASO D INCENDIO DISPENSA

ADDETTI AL PRONTO INTERVENTO IN CASO D INCENDIO DISPENSA ADDETTI AL PRONTO INTERVENTO IN CASO D INCENDIO DISPENSA Rev_00 Luglio 2012 1 CONTENUTI DELLA DISPENSA 1. Normativa di riferimento. 2. Il processo di combustione. 3. Come fermare la combustione. 4. I prodotti

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Allegato VII

D.Lgs. 81/08 Allegato VII Adempimenti di verifica degli apparecchi di sollevamento/idroestrattori già regolamentati con la precedente normativa SCHEDA 1a D.Lgs. 81/08 Allegato VII Scale aeree Piattaforme di lavoro elevabili (B)

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa)

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa) SCHEDA A MODELLO UNICO DI DOMANDA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Al SERVIZIO Pre.S.A.L. ASL RM F (Marca da bollo) Via Terme di Traiano 39/a 00053 Civitavecchia IL SOTTOSCRITTO nato a il residente in (comune,

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli