Direttiva di Prodotto - 94/9 CE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttiva di Prodotto - 94/9 CE"

Transcript

1 Direttiva di Prodotto - 94/9 CE D.P.R. n marzo 1998 Regolamento in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 1 Scopo della direttiva Garantire la libera circolazione dei prodotti. Nuovo approccio: Necessario definire requisiti essenziali in materia di sicurezza e altre caratteristiche pertinenti, volti a garantire un livello di protezione elevato. Novità introdotte: Apparecchi non elettrici Esplosività delle polveri Rischio esplosione in generale Ampliamento del campo di applicazione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 2 1

2 Periodo Transitorio Dal 1994 fino al 30 giugno 2003 Il DPR di recepimento del 1998 ha confermato tale scadenza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 3 Articoli (DPR 126/98) 1 campo di applicazione e definizioni 2 requisiti essenziali di sicurezza 3 presunzione di conformità 4 immissione in commercio 5 marcatura CE di conformità 6 procedure di valutazione della conformità 7 disposizioni per la marcatura 8 organismi di Certificazione 9 vigilanza (Ministero dell Industria) 10 ritiro dal mercato 11 norma di rinvio 12 disposizioni transitorie ALLEGATI ( n 11) Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 4 2

3 Campo di applicazione (art.1) 1. Apparecchi e Sistemi di Protezione utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva; 2. Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione necessari o utili per il funzionamento di sistemi di protezione per evitare le esplosioni; 3. Veicoli usati in atmosfera esplosiva. ESCLUSIONI Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 5 Esclusione dal campo di applicazione (art.1) a) Apparecchiature mediche; b) Lavorazione degli esplosivi o sost. chimiche instabili; c) Apparecchi e attrezzature domestiche; d) DPI; e) Navi marittime o unità offshore; f) Mezzi di trasporto: veicoli e rimorchi per trasporto persone e merci su strada e ferrovia e per via aerea o navigabile SI APPLICANO ALTRE DIRETTIVE Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 6 3

4 Definizioni Apparecchi: (art.1) le macchine, i materiali, i dispositivi fissi o mobili, gli organi di comando, la strumentazione e i sistemi di rilevazione e prevenzione che, da soli o combinati* sono destinati alla produzione, trasporto..trattamento di materiale e che per via delle potenziali sorgenti di innesco che sono loro proprie, rischiano di provocare una esplosione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 7 Apparecchi combinati ASSIEMI es: custodia, interruttore, morsetti, interrutt. Automatico ecc. Fabbricante singola unità funzionale tutti apparecchi certificati Installatore sistema modulare alcune parti non certificate La dichiarazione di conformità deve contenere: identificazione delle parti identificazione dei componenti del sistema modulare Istruzioni: per l installazione e l uso per la scelta delle parti da combinare Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 8 4

5 Definizioni Sistemi di protezione: (art.1) dispositivi diversi dai componenti degli apparecchi, la cui funzione è quella di arrestare le esplosioni o circoscrivere la zona colpita. Esempi: Parafiamma Barriere ad acqua Sistemi a prova di esplosione (porte di sicurezza, dischi di rottura ecc.) Barriere di soffocamento Sono soggetti al DPR anche se non hanno un potenziale di innesco Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 9 Definizioni Componenti: (art.1) Pezzi essenziali per il funzionamento (sicuro) degli apparecchi e dei sistemi di protezione privi di funzione autonoma. Esempi: Indicatori, freni, serbatoi, elementi riscaldanti, carrelli, contrappesi, bobine, morsetti ecc. Se incorporati in apparecchi o sistemi di protezione ATEX devono essere certificati Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 10 5

6 Definizioni d) Atmosfera esplosiva (art.1) e) Atmosfera potenzialmente esplosiva d) Miscela, in condizioni atmosferiche, di aria con sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri nella quale, dopo innesco, la combustine si propaga all insieme della miscela non bruciata. e) Suscettibile di trasformarsi in atmosfera esplosiva a causa delle condizioni locali ed operative. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 11 Definizioni Gruppo di apparecchi I (art.1) Destinati a lavori in sotterraneo nelle miniere per presenza di grisù o polveri combustibili Vedi allegato1 Gruppo di apparecchi II Destinati a lavori in altri siti (Industria) esposti ai rischi di atmosfere esplosive Vedi allegato1 Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 12 6

7 Allegato 1 Gruppo di apparecchi I Categoria M1 livello di protezione Molto elevato Categoria M2 livello di protezione Gruppo di apparecchi II elevato Categoria 1 livello di protezione Molto elevato Atmosfera esplosiva presente: sempre, spesso, per lunghi periodi Categoria 2 livello di protezione Atmosfera esplosiva presente con probabilità Categoria 3 livello di protezione Atmosfera esplosiva presente con scarsa probabilità elevato normale Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 13 Definizioni (art.1) Impiego conforme alla destinazione l uso in conformità alla destinazione dei gruppi (miniere ed industria) secondo le indicazioni fornite dal fabbricante e necessarie per il corretto funzionamento. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 14 7

8 Dispositivi di: (art.1 c.2) sicurezza, controllo, regolazione Utili o necessari per il funzionamento sicuro di apparecchi e sistemi di protezione Anche se utilizzati al di fuori della atmosfere potenzialmente esplosive 1. Un dispositivo di qualunque tipo, purché utile o necessario al funzionamento sicuro, può essere considerato dispositivo di sicurezza; Non rientrano nel campo di applicazione: 1. Tutti i dispositivi né utili né necessari per il funzionamento sicuro, relativamente al rischio esplosione; 2. I dispositivi di sicurezza, controllo, regolazione utili e necessari al funzionamento sicuro, relativamente ad altri rischi. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 15 Requisiti essenziali di sicurezza (art. 2) Apparecchi Sistemi di Protezione Dispositivi di sicurezza, controllo e regolazione Possono essere venduti e messi in servizio se Non compromettono la sicurezza di Persone, Animali domestici, Beni. REQUISITI di Sicurezza vedi Allegato II Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 16 8

9 Allegato 2 1. Requisiti comuni per apparecchi e sistemi di protezione 2. Requisiti supplementari per gli apparecchi 3. Requisiti supplementari per i sistemi di protezione Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 0. Requisiti generali 1. Progettazione secondo i principi della sicurezza integrata: evitare la produzione di atmosfere esplosive impedire l innesco soffocare l esplosione o circoscrivere la zona colpita 2. Difetti (non devono compromettere la sicurezza) 3. Condizioni particolari di controllo e manutenzione 4. Condizioni ambientali circostanti 5. Marcatura 6. Istruzioni - messa in servizio, impiego, montaggio, installazione, regolazione. - zone pericolose, formazione. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 18 9

10 1. Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 1. Materiali 1. Non devono provocare un innesco 2. Non devono prodursi reazioni che deteriorano la situazione relativa alla prevenzione delle esplosioni 3. Le loro variazioni di caratteristiche nel tempo non compromettano la sicurezza Corrosione, usura, conducibilità elettrica, resistenza agli urti, invecchiamento, temperatura Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 2. Progettazione e fabbricazione 1. Conoscenze tecnologiche; 2. Sicurezza di funzionamento adeguata; 3. costruzione stagna 4. Depositi di polveri 5. Protezioni supplementari 6. Aperture senza pericoli 7. Protezione da altri rischi: es. ferite, scottature ecc.; 8. Sovraccarico; 9. Protezione antideflagrante. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 20 10

11 1. Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 3. Sorgenti potenziali di innesco di esplosione 1. Varie sorgenti: scintille, fiamme, archi elettrici, temperature superficiali, emissioni di energia acustica, radiazioni ottiche, onde elettromagnetiche, altre devono essere evitate 2. Elettricità statica (formazione di cariche); 3. Correnti elettriche parassite (corrosioni); 4. Surriscaldamento; 5. Compensazione delle pressioni. 4. Pericoli derivanti da perturbazioni esterne 1. Variazioni ambientali: vibrazioni, umidità, inquinamento ecc.; 2. Sollecitazioni meccaniche e termiche e chimiche Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti comuni (apparecchi e sistemi di sicurezza) 5. Requisiti delle attrezzature di sicurezza 1. devono sempre funzionare 8. rischi provenienti dal software 6. Integrazione dei requisiti di sicurezza del sistema 1. essere disinseriti manualmente senza compromettere la sicurezza generale del sistema (Es. Allarmi); 5. indicazione appropriata dove collocare dispositivi di allarme Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 22 11

12 2. Requisiti supplementari (apparecchi) 0. Categoria M Gruppo I Categoria M1 Categoria M2 1. Categoria 1 Gruppo II (ridondanza strumentazione) 1. Atmosfera esplosiva gas, vapori, nebbie 2. Atmosfera esplosiva aria-polveri 2. Categoria 2 Gruppo II 3. Categoria 3 Gruppo II - evitare l innesco - temperatura superficiale inferiore a quella di massima prevista., - apertura senza pericolo Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni Requisiti supplementari (sistemi di sicurezza) 1. Studio e progettazione 1. Caratteristiche dei materiali 2. Resistenza 3. Accessori 4. Conseguenze 5. Scarichi 6. Sistemi di soffocamento esplosioni 7. Sistemi di disinserimento 8. Integrazioni con soglie di allarme. Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 24 12

13 Presunzione di conformità (art.3) Apparecchi e sistemi di sicurezza: Sono conformi: se corredati da attestazione CE di conformità (allegato X) e marcati Si presumono conformi: se fabbricati in conformità a norme nazionali che recepiscono norme armonizzate europee Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 25 Marcatura (art.5 - allegato II) 1. Nome e indirizzo fabbricante; 2. marchio CE 3. Designazione della serie o tipo 4. Numero di serie (se esiste) 5. Anno di costruzione; 6. Marcatuta specifica di protezioni Ex, seguita dal simbolo del gruppo di apparecchi e della categoria 7. Per gruppo di apparecchi II : G gas, vapori nebbie; D polveri 8. Altre indicazioni relative alla sicurezza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 26 13

14 Quando un prodotto è soggetto a diverse direttive, che prevedono tutte l apposizione della marcatura CE, la marcatura indica che il prodotto è presunto conforme alle disposizioni di tutte le direttive La marcatura CE è in pratica una dichiarazione del fabbricante in cui afferma che il prodotto in questione è stato fabbricato in conformità a tutte le disposizioni e a tutti i requisiti applicabili della direttiva 94/9 CE e che il prodotto è stato sottoposto alle procedure i valutazione della conformità Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 27 Esempio di marcatura 9999 II 2 G Marchio CE 2. Organismo notificato 3. Adatto per atmosfere esplosive 4. Gruppo di appartenenza 5. Categoria 6. Stato di aggregazione della sostanza Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 28 14

15 marcatura supplementare 9999 II 2 G EEx p IIB T Conforme a norme europee della serie EN Tipo di protezione utilizzato 3. Classe dei gruppi di apparecchio 4. Classe di temperatura superficiale Atmosfere Esplosive. 8-9 Novembre 2005 Adolfo Buzzoni 29 15

Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE

Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE Guida all applicazione della direttiva macchine 2006/42/CE Indice Introduzione generale 1 Premessa................................................................. pag. 8 2 L articolo 24...............................................................

Dettagli

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Direttiva 94/9/ CE A partire dal 30/06/2003 i prodotti immessi sul mercato, o messi in servizio,

Dettagli

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX PUBBLICAZIONE IDENTIFICATIVO ITALIA TITOLO NOTE 12/06/2003 d. lgs. N. 233 23/03/1998 D.P.R. N. 126 Direttiva 94/9/CE Attuazione della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento

Dettagli

PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE

PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Premessa La direttiva individua come: macchine: quasi-macchine: l'insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso

Dettagli

D. Lgs. 81/08 Titolo XI

D. Lgs. 81/08 Titolo XI D. Lgs. 81/08 Titolo XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Il presente titolo prescrive le misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di Atmosfere Esplosive. Tecnico

Dettagli

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Capitolo 1 - La direttiva 99/92/CE (DLgs 81/08, Titolo XI) 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Ambito di applicazione 11 1.3 Obblighi generali di

Dettagli

REV motive power transmission. addendum delphi Ex

REV motive power transmission. addendum delphi Ex REV04 1.1.16 motive power transmission addendum delphi Ex II 3G Ex na IIB T4 Gc (gas) II 3D Ex tc IIIB T125 C Dc (polveri) (-15 C Ta +40 C) Riferimenti normativi: Norm a (ult. ediz.) titolo Dir.2014/34/UE

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE

IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE Evoluzione degli standard UNI EN ISO 7396-1 ed UNI EN ISO 7396-2. RELATORE: Alessandro Sassi Ente / Azienda: Certiquality S.r.l. POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Dichiarazione di prestazione nr K350

Dichiarazione di prestazione nr K350 Dichiarazione di prestazione nr K350 Pagina 1 di 3 1. Codice di identificazione unico del prodotto-tipo: KALDO 350 2. Numero di tipo, lotto, serie o qualsiasi altro elemento che consenta l identificazione

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

UNI Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari

UNI Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari UNI 1443.05 Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari 1 I RIFERIMENTI Le novità introdotte dalla norma europea UNI EN 1443 Giugno 05 Edizione europea marzo 2003 2 REQUISITI

Dettagli

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione ATS della Città Metropolitana di Milano SC PSAL SS Sicurezza Elettrica dott. Mauro Baldissin Tecnico della prevenzione 17.05.2016

Dettagli

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08 DAL D.P.R. 547/55 AL NUOVO DLgs 81/08 DLgs del 9 / 4 / 08 n. 81 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ART. 80. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1) Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali,

Dettagli

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs.

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. 81/08 data operatore/i Ragione Sociale, Indirizzo, timbro dell

Dettagli

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea:

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: ATEX 2014/34/UE ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: la 2014/34/UE per la regolamentazione di apparecchiature destinate all'impiego in zone a rischio di esplosione;

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX 1/29 Cosa si intende per Atmosfera esplosiva? ATEX E una miscela in aria a condizioni atmosferiche, con sostanze infiammabili allo stato gassoso vapori, nebbie o

Dettagli

LE NORMATIVE PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LE NORMATIVE PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA LE NORMATIVE PER 1 L ILLUMINAZIONE PUBBLICA Daniela Zambelli - CEI 1 CEI Comitato Elettrotecnico Italiano Costituito nel 1909, tra i primi enti normatori al mondo, è l ente istituzionale, riconosciuto

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 90/24 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro

Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro Rischi connessi all uso di Macchine e Attrezzature di lavoro D. Lgs. 81-2008 Titolo III CAPO I -Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a)

Dettagli

La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato

La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato La valutazione ATEX e RAMSES 4 Un approccio integrato Sergio Colombo, Sindar srl, Lodi Sindar srl, Milano, Corso5-7 Archinti novembre 35, 2002 26900 Lodi www.sindar.it 1 Introduzione Negli ultimi 12 anni

Dettagli

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione

Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Mercoledì 13 Marzo 2013 Best Western Hotel Piacenza Assemblea Generale Associazione Novità normative per la prevenzione incendi il D.M. 20/12/12 Impianti di protezione attiva contro l incendio Geom. Luca

Dettagli

Rischio Chimico. Definizioni

Rischio Chimico. Definizioni Rischio Chimico Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato naturale o ottenuti, utilizzati o smaltiti, compreso lo smaltimento come

Dettagli

SATOR AMBIENTE LA DIRETTIVA MACCHINE

SATOR AMBIENTE LA DIRETTIVA MACCHINE SATOR AMBIENTE LA DIRETTIVA MACCHINE ASL Frosinone Servizio PRESAL Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Direttiva Macchine VECCHIO SISTEMA Macchine rivestite di Sicurezza vengono rese sicure

Dettagli

MBA-Ex i Custodie in alluminio Ex-i. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex i / N. di articolo

MBA-Ex i Custodie in alluminio Ex-i. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex i / N. di articolo MBA-Ex i 258055 Materiale: Alluminio N. di articolo 3131101400 Grado di protezione IP: IP66 Le custodie MBA Ex-i in alluminio soddisfano tutti i requisiti richiesti nei settori di installazione dove possono

Dettagli

Camera di Commercio di Verona 14 aprile Relatore Gabriele Lualdi

Camera di Commercio di Verona 14 aprile Relatore Gabriele Lualdi Camera di Commercio di Verona 14 aprile 2011 Relatore Gabriele Lualdi 128 documento, stabilito mediante consenso e approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per utilizzi comuni e ripetuti,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in ingegneria meccanica Modulo didattico Sicurezza degli impianti industriali Seminario Il documento di valutazione dei rischi (Ing.

Dettagli

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B

CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B CORSO PER RSPP - ASPP MODULO B Il modulo B di specializzazione è relativo al corso di formazione che tratta la natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative.

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di DVR rischio esplosione (cod. 300.08) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di documento di valutazione

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN RISCHIO ESPLOSIONE Convegno ATEX 3. Recepimento Normative EN 1 Mantova 2 Aprile 2008 NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN Valdisolo Paolo - ASL Mantova D.Lgs. 233/03 Art. 88-octies. Aree

Dettagli

Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4

Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4 SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 0 10/2011 Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4 1 - Scheda Tecnica Prodotto - Armatura di segnalazione ostacoli XLFE-4 MARCATURA 1. Il simbolo CE significa "Conformité

Dettagli

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA?

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? r COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? Negli ultimi mesi sono giunte in redazione diverse richieste da parte degli operatori del settore (vedi ad esempio la lettera pubblicata nella pagina a

Dettagli

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008

Sommario PARTE I - T.U. N. 81/2008 XI Presentazione... Profili Autori... V VII PARTE I - T.U. N. 81/2008 CAPITOLO 1 TITOLO I T.U. - PRINCIPI COMUNI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 1 Il lavoratore... 6 Il datore di lavoro... 8 Il dirigente...

Dettagli

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note Impianti elettrico Per tutti i locali dell'unità Operativa in considerazione, è disponibile la classificazione aggiornata, firmata dal Responsabile Sanitario Norma CEI (ambiente ordinario, locale ad uso

Dettagli

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA ESTERNO

SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA ESTERNO SERBATOI GPL PER INSTALLAZIONE DA ESTERNO Serbatoi orizzontali e verticali per installazione fuori terra forniti completi delle strumentazioni di sicurezza standard, realizzati in conformità alla Direttiva

Dettagli

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

DOCUMENTI NORMATIVI PER L EVACUAZIONE FUMO E CALORE. Norme di sistema UNI 9494:2007

DOCUMENTI NORMATIVI PER L EVACUAZIONE FUMO E CALORE. Norme di sistema UNI 9494:2007 Ing. Maurizio D Addato Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Direttore Area Protezione Attiva CONVEGNO: UNI CEI EN 45020 Normazione ed attività

Dettagli

Standard minimi di prevenzione

Standard minimi di prevenzione PROVINCIA DI SONDRIO Servizio Cave in collaborazione con ASL di Sondrio - Servizio P.S.A.L. Standard minimi di prevenzione relativi agli adempimenti di sicurezza e salute nelle attività estrattive di cava

Dettagli

NORMAZIONE ELETTRICA IN LINEA CON LA DIRETTIVA 94/9/CEE

NORMAZIONE ELETTRICA IN LINEA CON LA DIRETTIVA 94/9/CEE NORMAZIONE ELETTRICA IN LINEA CON LA DIRETTIVA 94/9/CEE INTRODUZIONE All inizio del secolo scorso l elettrificazione delle miniere di carbone aveva già raggiunto livelli piuttosto elevati, anche se disomogenei,

Dettagli

FASCICOLO TECNICO DELLA COSTRUZIONE ai sensi della Direttiva 94/9/CE

FASCICOLO TECNICO DELLA COSTRUZIONE ai sensi della Direttiva 94/9/CE FASCICOLO TECNICO DELLA COSTRUZIONE ai sensi della Direttiva 94/9/CE VERIFICA DEI REQUISITI ESSENZIALI DI SICUREZZA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Cilindro pneumatico serie: ESM Anno di costruzione:

Dettagli

Formazione del personale

Formazione del personale Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature

Dettagli

D.M. 14/01/2008, Il Regolamento(UE) n. 305/2011 sui prodotti da costruzione(cpr)

D.M. 14/01/2008, Il Regolamento(UE) n. 305/2011 sui prodotti da costruzione(cpr) Il contesto Normativo e gli obblighi per le aziende: D.M. 14/01/2008, Il Regolamento(UE) n. 305/2011 sui prodotti da costruzione(cpr) Igor SOLUSTRI RINA Services S.p.A. Product Certification Il panorama

Dettagli

Direttiva ATEX. Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione

Direttiva ATEX. Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione Direttiva ATEX Normative per Ambienti con Pericolo di Esplosione DIRETTIVE EUROPEE A partire dal 1 luglio 2003 sono entrate definitivamente in vigore: Direttiva ATEX 94/9/CE (direttiva di prodotto) recepita

Dettagli

ModeloFuoriProduzione

ModeloFuoriProduzione Norme di sicurezza speciali Sistema di misurazione per serbatoio Norme di sicurezza speciali ATEX ModeloFuoriProduzione www.rosemount-tg.com Norme di sicurezza speciali Rosemount TankRadar REX Indice

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO 1 MACCHINE E ATTREZZATURE GESTIONE ADEGUATEZZA AL AL LAVORO DA DA SVOLGERE IDONEITA AI AI FINI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE CORRETTO UTILIZZO

Dettagli

COSTRUIRE IN ACCIAIO. m.antinori@promozioneacciaio.it. Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio

COSTRUIRE IN ACCIAIO. m.antinori@promozioneacciaio.it. Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio COSTRUIRE IN ACCIAIO m.antinori@promozioneacciaio.it Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio NTC DM 14 Gennaio 2008 Norma di riferimento per le costruzioni Il regime transitorio è concluso Il 30

Dettagli

5. Eventuale nome e indirizzo del responsabile incaricato dei compiti ai sensi dell articolo 12 paragrafo 2: non applicabile

5. Eventuale nome e indirizzo del responsabile incaricato dei compiti ai sensi dell articolo 12 paragrafo 2: non applicabile 1. Codice univoco di identificazione del tipo di prodotto: sistema metallico multistrato tipo ai sensi della norma 2. Numero di tipo, di lotto o di serie o altro codice di identificazione del prodotto

Dettagli

Sistemi Atex, Tubi Rigidi e Accessori

Sistemi Atex, Tubi Rigidi e Accessori SISTEMI PER LA DISTRIBUZIONE - RTA Sistemi Atex, Tubi Rigidi e Accessori Sistema di derivazione Atex Sistemi di tubi rigidi P. 358 Introduzione P. 366 Introduzione P. 374 Raccordi meccanici P. 378 Guidacavi

Dettagli

La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici

La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici Dipartimento Tecnologie di Sicurezza CONVEGNO La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie La salute e la sicurezza del lavoro nell uso dei dispositivi medici

Dettagli

elementi unificati e/o normalizzati. Schemi logici e funzionali di sistemi, apparati e impianti.

elementi unificati e/o normalizzati. Schemi logici e funzionali di sistemi, apparati e impianti. PROGRAMMAZIONE COMUNE DI TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI 1 - Biennio IP09 (3 anno) Asse Scientifico-Tecnologico Indicazioni nazionali 1 Asse Scientifico-Tecnologico (Fisica) Indicazioni relative al

Dettagli

QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE

QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE Firma del Committente_ QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE Ver.2.0 Pagina 1 di 8 1.PREMESSE Il presente questionario

Dettagli

TIPOLOGIA 2 TIPOLOGIA 3 TIPOLOGIA 1 TIPOLOGIA 5 TIPOLOGIA 4

TIPOLOGIA 2 TIPOLOGIA 3 TIPOLOGIA 1 TIPOLOGIA 5 TIPOLOGIA 4 forme di calore. TIPOLOGIE e funzionamento apparecchi a gas I radiatori/stufe a gas sono apparecchi a funzionamento con camera stagna adibiti al riscaldamento di locali ad uso domestico, civile ed industriale.

Dettagli

Le Norme UNI EN sulla sicurezza. Stefano Prestinoni

Le Norme UNI EN sulla sicurezza. Stefano Prestinoni Le Norme UNI EN sulla sicurezza Stefano Prestinoni prestinoni@polimpianti.it 1 Leggi e norme: perché? Europa: lo scenario? Direttiva comunitaria Legge nazionale di recepimento Requisiti essenziali di sicurezza

Dettagli

LE LISTE DI CONTROLLO

LE LISTE DI CONTROLLO LA PREVENZIONE DELLE ESPLOSIONI DA POLVERE NELLE ATTIVITA MOLITORIE LE LISTE DI CONTROLLO 0. DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA Azienda: Indirizzo: Attiva dal: Tipologia di azienda: impresa familiare di

Dettagli

GASD C Foglio 1 di 5

GASD C Foglio 1 di 5 Foglio 1 di 5 ID DESCRIZIONE ID DESCRIZIONE 1 Morsetto per il collegamento alla terra di protezione 10 Contenitore 2 Amperometro da quadro per la misura della corrente drenata 11 Morsettiera per il collegamento

Dettagli

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Workshop Aggiornamento delle Linee guida per la redazione dei piani regolatori portuali 16 dicembre 2014 Roma Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Salvatore Fiadini Premessa: - tutte le

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' CE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' CE dichiara che i prodotti Porte per garage serie SECUR PLUS sono conformi ai requisiti della seguente Direttiva CE se installati secondo istruzioni di posa presenti nella documentazione prodotto: - 89/106/CEE

Dettagli

MODULO 2 Rischio elettrico _ Rischio meccanico Macchine attrezzature _ Cadute dall alto

MODULO 2 Rischio elettrico _ Rischio meccanico Macchine attrezzature _ Cadute dall alto ModuloAteco Raffinerie Trattamento combustibili nucleari. Industria chimica, Fibre Gomma, Plastica. MODULO 1 L approccio alla prevenzione e valutazione dei rischi attraverso il D. Lgs. 81/2008 _La valutazione

Dettagli

SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO

SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO ORGANISMO DI FORMAZIONE ACCREDITATO, CERTIFICATO ISO 9001 E BS OHSAS 18001 SEMINARIO TECNICO MATERIALE DIDATTICO SEMINARIO TECNICO RISCHIO ESPLOSIONE E APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE ATEX Intervento: Ing.

Dettagli

MINI POMPE A DOPPIA MEMBRANA PER ARIA E GAS

MINI POMPE A DOPPIA MEMBRANA PER ARIA E GAS MINI POMPE A DOPPIA MEMBRANA PER ARIA E GAS SCHEDA TECNICA I 081 N 86 AN.12 DCB N 816 AV.12 DCB N 838 AN.12 DCB Principio di funzionamento Le pompe a doppia membrana KNF si basano su un principio molto

Dettagli

Bilancia per bombole Modello GCS-1

Bilancia per bombole Modello GCS-1 Misura di pressione elettronica Bilancia per bombole Modello GCS-1 Scheda tecnica WIKA PE 87.19 Applicazioni Misura di livello di gas liquidi in armadi per bombole a gas e sistemi di distribuzione del

Dettagli

P A R T E V R E A T I REATO RIFERIMENTO SANZIONE

P A R T E V R E A T I REATO RIFERIMENTO SANZIONE P A R T E V R E A T I REATI INERENTI L ATTIVITÀ DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO NON SOGGETTI ALLA PROCEDURA PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 19/12/1994 N.758 REATO RIFERIMENTO SANZIONE Falsità

Dettagli

Il D.Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e il D.Lgs. 3 Agosto 2009 n. 106

Il D.Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e il D.Lgs. 3 Agosto 2009 n. 106 Il D.Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e il D.Lgs. 3 Agosto 2009 n. 106 Il legislatore ha realizzato ciò che si era proposto da oltre venti anni, e cioè la realizzazione di un unico testo normativo in materia di

Dettagli

Omologazione e verifiche periodiche degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione, secondo DPR 462/01.

Omologazione e verifiche periodiche degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione, secondo DPR 462/01. Omologazione e verifiche periodiche degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione, secondo DPR 462/01. Giovanni Michele Sai ARPA Piemonte Verifiche impiantistiche g.sai@arpa.piemonte.it

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine per l applicazione di pesticidi La direttiva CE 127/09 L Unione

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)

Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) Per D.P.I. si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo

Dettagli

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura Pag. 1 di 5 Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009 Nuovo prodotto: Proiettore SLFE- 40 Marcatura CE 0722: II 2 GD Ex de IIB Ex td A21 IP66 T2/T3 T148 C T221 C Ta -25 C +55 C 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Dettagli

La norma UNI 11528:2014 centrali termiche a gas La norma UNI 8723:2010 ospitalità professionale La Circolare del Min. Int.

La norma UNI 11528:2014 centrali termiche a gas La norma UNI 8723:2010 ospitalità professionale La Circolare del Min. Int. La norma UNI 11528:2014 centrali termiche a gas La norma UNI 8723:2010 ospitalità professionale La Circolare del Min. Int. 6181:2014 Milano 18 giugno 2014 Sala conferenze Centro Servizi BPM Mario Volongo

Dettagli

MBA-Ex vuote Custodie in alluminio Ex-vuoti. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex vuote / N. di articolo

MBA-Ex vuote Custodie in alluminio Ex-vuoti. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex vuote / N. di articolo MBA-Ex vuote 602311 Materiale: Alluminio N. di articolo 3111103700 Grado di protezione IP: IP66 Le custodie MULTIBOX in alluminio MBA-Ex vuote sono conformi a tutti i requisiti richiesti nei settori di

Dettagli

Norme tecniche per attrezzature a pressione 1

Norme tecniche per attrezzature a pressione 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per attrezzature a pressione 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata

Dettagli

LA NORMA UNI Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione e installazione

LA NORMA UNI Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Progettazione e installazione LA NORMA UNI 7129-4 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Progettazione e installazione Parte 4: MESSA IN SERVIZIO DEGLI ing. Michele Chieregato SI APPLICA PER

Dettagli

CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE

CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE CANNE FUMARIE: NORMATIVA E DECRETI LEGGE Canne fumarie, la normativa recentemente approvata e aggiornata, riguardante la progettazione di camini e canne fumarie per lo scarico dei fumi, sia per nuove costruzioni,

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 il D.Lgs. 106/2009, la Norma CEI La Norma CEI EN E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE PER EMODIALISI

Il D.Lgs. 81/2008 il D.Lgs. 106/2009, la Norma CEI La Norma CEI EN E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE PER EMODIALISI Il D.Lgs. 81/2008 il D.Lgs. 106/2009, la Norma CEI 62-98 La Norma CEI EN 62353 E LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE PER EMODIALISI Per. Ind.le C. Carraro IL D.LGS. 81/2008 e le attrezzature di lavoro Art.

Dettagli

Segnaletica di sicurezza e indumenti ad alta visibilità: Decreto 4 marzo 2013 e nuova ISO EN 20471

Segnaletica di sicurezza e indumenti ad alta visibilità: Decreto 4 marzo 2013 e nuova ISO EN 20471 Segnaletica di sicurezza e indumenti ad alta visibilità: Decreto 4 marzo 2013 e nuova ISO EN 20471 Premessa Le attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare espongono i lavoratori

Dettagli

MARCATURA CE PRODOTTI IN PIETRA NATURALE

MARCATURA CE PRODOTTI IN PIETRA NATURALE MARCATURA CE PRODOTTI IN PIETRA NATURALE L applicazione della direttiva 89/106 CE sui materiali da costruzione LE PIETRE NATURALI DA TAGLIO Parte Prima CHIAMPO 07 febbraio 2006 Associazione industriali

Dettagli

TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006

TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006 TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006 Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori, nebbie infiammabili o polveri combustibili Parte 8b Verifica e manutenzione

Dettagli

parte i Nozioni fondamentali

parte i Nozioni fondamentali 9 Introduzione... pag. 17 parte i Nozioni fondamentali 1. Gas medicinali...» 21 1.1. Generalità...» 21 1.2. Principali caratteristiche dei gas medicali maggiormente utilizzati...» 25 1.2.1. Ossigeno (O

Dettagli

CHI È IN REGOLA, SI VEDE! i prodotti elettrici SONO TUTTI UGUALI?

CHI È IN REGOLA, SI VEDE! i prodotti elettrici SONO TUTTI UGUALI? CHI È IN REGOLA, SI VEDE! i prodotti elettrici SONO TUTTI UGUALI? Aspira al prodotto sicuro. 01 Il marchio c è? 02 03 04 05 La confezione riporta la marca? Il libretto d istruzioni è presente? Le parti

Dettagli

La marcatura dei prodotti da costruzione: Stufe, Cucine, Caminetti e Caldaie a legna e bio massa (Direttiva CPD n. 89/106/CEE ) GRUPPO

La marcatura dei prodotti da costruzione: Stufe, Cucine, Caminetti e Caldaie a legna e bio massa (Direttiva CPD n. 89/106/CEE ) GRUPPO La marcatura dei prodotti da costruzione: Stufe, Cucine, Caminetti e Caldaie a legna e bio massa (Direttiva CPD n. 89/106/CEE ) GRUPPO Alessio Giust Chi siamo e cosa facciamo Nasce nel 1980 come laboratorio

Dettagli

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEL PATRIMONIO CULTURALE IN PRESENZA DI CANTIERI DI RESTAURO ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 Specificità dei cantieri di restauro occasione di studio (disponibilità

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. Sicurezza delle persone, chiamate ad operare, per ragioni di lavoro e non, in prossimità di sistemi impiantistici.

SICUREZZA ELETTRICA. Sicurezza delle persone, chiamate ad operare, per ragioni di lavoro e non, in prossimità di sistemi impiantistici. SICUREZZA ELETTRICA Sicurezza delle persone, chiamate ad operare, per ragioni di lavoro e non, SISTEMA IMPIANTISTICO: ESEMPI: in prossimità di sistemi impiantistici. complesso di apparecchiature ed attrezzi,

Dettagli

Cisterne. Cisterne: tipologie, riempimento e revisioni. Davide Italia Air Liquide Italia Service srl

Cisterne. Cisterne: tipologie, riempimento e revisioni. Davide Italia Air Liquide Italia Service srl Cisterne Cisterne: tipologie, riempimento e revisioni Davide Italia Air Liquide Italia Service srl Cisterne Cisterna: serbatoio munito dei suoi equipaggiamento di servizio e strutturali. Il termine cisterna,

Dettagli

MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1

MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 200 REV. 2.1 1 di 7 INDICE 1.0 GENERALITÁ 3 2.0 INTERFACCE 3 3.0 CARATTERISTICHE

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Apparecchi di sollevamento. Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Apparecchi di sollevamento Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura della Direzione Tecnico Scientifica Direttore dott. Eduardo Patroni e per il Servizio

Dettagli

L ottenimento della forma desiderata si può avere per aspirazione sottovuoto all interno di uno. Figura 1 - Termoformatrice (ingresso linea)

L ottenimento della forma desiderata si può avere per aspirazione sottovuoto all interno di uno. Figura 1 - Termoformatrice (ingresso linea) Scheda 3 Produzione: Macchina: OGGETTI TERMOFORMATRICE Scopo della lavorazione La termoformazione è una tecnica di produzione di oggetti in plastica che prevede la trasformazione, dopo opportuno riscaldamento,

Dettagli

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Prescrizioni particolari per l installazione e l uso in ambienti potenzialmente esplosivi con presenza di gas o polveri combustibili

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di prodotti in acciai da bonifica da costruzione cui alla norma UNI EN 10343:2009 0 STORIA Edizione 0

Dettagli

Pompe per vuoto e compressori

Pompe per vuoto e compressori Pompe per vuoto e compressori Scheda tecnica I 032 N 035.1 ANE con motore IP 20 N 035.2 ANE con motore IP 44 Principio di funzionamento Le pompe a membrana KNF si basano su un principio molto semplice

Dettagli

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza

Modulo B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da 8 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Modulo B Formazione tecnica specifica per settore produttivo (per RSPP e ASPP) Da a 6 ore a seconda del macrosettore di appartenenza Questo modulo si articola in macrosettori costruiti tenendo conto dell

Dettagli

MARCATURA CE DISPOSITIVI MEDICI OBL

MARCATURA CE DISPOSITIVI MEDICI OBL MARCATURA CE DISPOSITIVI MEDICI OBL Sara Pelizzoli Modena, 29/10/2014 - Copyright Bureau Veritas RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 Giugno 1993 concernente i dispositivi medici

Dettagli

Criteri di acquisto e di controllo delle opere strutturali in legno

Criteri di acquisto e di controllo delle opere strutturali in legno pagina 1 di 5 Revisione per unificazione e aggiornamento Reg. Eu. 0 02/05/2016 Servizio QSA Rappresentante della Direzione 305-2011 CPR REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO

Dettagli

PROMEMORIA CONDIZIONI PER L IMMISSIONE SUL MERCATO SVIZZERO DEI FUOCHI D ARTIFICIO DELLE CATEGORIE F1, F2 E F3

PROMEMORIA CONDIZIONI PER L IMMISSIONE SUL MERCATO SVIZZERO DEI FUOCHI D ARTIFICIO DELLE CATEGORIE F1, F2 E F3 Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di polizia fedpol Ufficio centrale Esplosivi e pirotecnica PROMEMORIA CONDIZIONI PER L IMMISSIONE SUL MERCATO SVIZZERO (PROCEDURA DI CONFORMITÀ

Dettagli

Tracciabilità dei Dispositivi Medici

Tracciabilità dei Dispositivi Medici Pavia, 22 febbraio 2010 Tracciabilità dei Dispositivi Medici S.C. Farmacia FONDAZIONE I.R.C.C.S. Policlinico S. Matteo Pavia Normative correnti italiane ed europee Le tre normative che regolamentano, rispettivamente,

Dettagli

Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore

Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore Istruzioni per l Installazione P/N MMI-20010157, Rev. A Giugno 2007 Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore Per installazioni del sensore approvato ATEX Nota:

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

Liquidi isolanti - Metodo per la determinazione dello zolfo potenzialmente corrosivo in oli isolanti nuovi e usati

Liquidi isolanti - Metodo per la determinazione dello zolfo potenzialmente corrosivo in oli isolanti nuovi e usati CEI EN 62535 Liquidi isolanti - Metodo per la determinazione dello zolfo potenzialmente corrosivo in oli isolanti nuovi e usati CEI EN 61800-7-203 CEI EN 61800-7-301 CEI EN 61800-7-302 CEI EN 61800-7-303

Dettagli

Raccomandazioni per la qualifica sismica delle apparecchiature elettriche del sistema di sicurezza negli impianti nucleari di potenza

Raccomandazioni per la qualifica sismica delle apparecchiature elettriche del sistema di sicurezza negli impianti nucleari di potenza CEI EN 60196 S001 Frequenze normalizzate IEC CEI EN 62004 Fili termoresistenti di lega di alluminio per conduttori di linee aeree CEI EN 60641-3-1 CEI EN 60626-3 CEI EN 61857-1 CEI EN 61857-22 CEI EN 61858

Dettagli

PUBBLICAZIONE DEI TITOLI E DEI RIFERIMENTI DELLE NORME ARMONIZZATE EUROPEE NELL'AMBITO DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE

PUBBLICAZIONE DEI TITOLI E DEI RIFERIMENTI DELLE NORME ARMONIZZATE EUROPEE NELL'AMBITO DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE 17 maggio 2016 RF/lb PUBBLICAZIONE DEI TITOLI E DEI RIFERIMENTI DELLE NORME ARMONIZZATE EUROPEE NELL'AMBITO DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE Or.smo Norma Titolo della norma Prima pubblicazione sulla GUCE CEN

Dettagli