Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino"

Transcript

1 Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino

2 PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE ALL ESTERO I DUE MONDI SI POSSONO INCROCIARE MA POSSONO ANCHE ESISTERE IN MODO AUTONOMO Quadro RW Pag 2

3 PERCHE E IMPORTANTE RW 1. MAGGIORE ATTENZIONE DOPO LO SCUDO 2. MAGGIOR NUMERO DI CASI RISPETTO AL PASSATO 3. ESISTENZA DI PRESUNZIONI PERICOLOSE 4. INCREMENTO DELLE SANZIONI 5. INCREMENTO TERMINI PER ACCERTAMENTO Quadro RW Pag 3

4 ART. 12 DL 78/ In deroga ad ogni vigente disposizione di legge, gli investimenti e le attività di natura finanziaria detenute negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato di cui al decreto del Ministro delle finanze 4 maggio 1999, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 10 maggio 1999, n. 107, e al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 21 novembre 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 novembre 2001, n. 273, senza tener conto delle limitazioni ivi previste, in violazione degli obblighi di dichiarazione di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 4 del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, ai soli fini fiscali si presumono costituite, salva la prova contraria, mediante redditi sottratti a tassazione. In tale caso, le sanzioni previste dall'articolo 1 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471, sono raddoppiate. SANZIONE BASE PER SE REDDITI PRODOTTI SE REDDITI BLACK LIST OMESSA: 120% ESTERO: 160% SENZA RW: 240% Quadro RW Pag 4

5 DOPPIO MONDO ANCHE SANZIONI SE OMETTO INDICAZIONE DEI REDDITI ESTERI SE OMETTO INDICAZIONE ATTIVITA NEL QUADRO RW SANZIONE SPECIFICA SANZIONE SPECIFICA SE OMETTO ENTRAMBI HO DUE SANZIONI Quadro RW Pag 5

6 ART. 12 DL 78/ bis. Per l'accertamento basato sulla presunzione di cui al comma 2, i termini di cui all'articolo 43, primo e secondo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni, e all'articolo 57, primo e secondo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, sono raddoppiati. 2-ter. Per le violazioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 4 del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, e successive modificazioni, riferite agli investimenti e alle attività di natura finanziaria di cui al comma 2, i termini di cui all'articolo 20 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, sono raddoppiati. Quadro RW Pag 6

7 LE SANZIONI Nei casi di violazione per RW, si applicano le seguenti sanzioni: 5 al 25% degli importi non dichiarati, con la confisca dei beni di corrispondente valore, in caso di mancata compilazione della sezione I; 10-50% degli importi non dichiarati, prevedendosi comunque la confisca dei beni di corrispondente valore, relativamente alle violazioni riferite alla sezione II (fino a tutto il 2007 la sanzione prevista era dal 5 al 25%); 10 al 50% (senza possibilitàdi confisca per equivalente), nel caso di violazioni relative alla sezione III (anche in tal caso fino a tutto il 2007 le sanzioni erano previste in misura dal 5-25%). DA ALCUNE ESPERIENZE PRATICHE SI APPRENDE CHE LA CONFISCA NON VIENE APPLICATA IN CASO DI DEFINIZIONE (può servire per ravvedimento) Quadro RW Pag 7

8 UNICO 2010: IL QUADRO RW CONTRIBUENTI FISCALMENTE RESIDENTI IN ITALIA DEVONO INDICARE INVESTIMENTI ALL ESTERO ATTIVITA ESTERE DI NATURA FINANZIARIA AMMONTARE DEI TRASFERIMENTI STATICA AL DINAMICA AMBITO SOGGETTIVO PERSONE FISICHE SOCIETÀ SEMPLICI ENC Quadro RW Pag 8 8

9 I SOGGETTI IRPEF RESIDENTI DEVONO COMPILARE IL QUARO RW A PRESCINDERE DAL FATTO CHE ABBIANO TENUTO SCRITTURE CONTABILI CIRCOLARE 45/E del Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio le persone fisiche, gli enti non commerciali e le societàsemplici e soggetti equiparati, residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di reddito d impresa o di lavoro autonomo. Pertanto l obbligo di dichiarazione sussiste, indipendentemente dal tipo di contabilitàadottata, anche nel caso in cui le operazioni siano poste in essere dagli interessati in qualità di esercenti attività commerciali o professionali e nonostante essi siano soggetti a tutti gli obblighi di tenuta e conservazione delle scritture contabili previsti dalle norme fiscali. Quadro RW Pag 9

10 CASI DI ESONERO SOGGETTIVO DALLA COMPILAZIONE ESIGENZE SEMPLIFICAZIONE a) dalle persone fisiche che prestano lavoro all estero per lo Stato italiano, per una sua suddivisione politica o amministrativa o per un suo ente locale e le persone fisiche che lavorano all estero presso organizzazioni internazionali cui aderisce l Italia la cui residenza fiscale in Italia sia determinata, in deroga agli ordinari criteri previsti dal TUIR, in base ad accordi internazionali ratificati. Tale esonero si applica limitatamente al periodo di tempo in cui l attività lavorativa è svolta all estero; b) dai contribuenti residenti in Italia che prestano la propria attività lavorativa in via continuativa all estero in zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi con riferimento agli investimenti e alle attività estere di natura finanziaria detenute nel Paese in cui svolgono la propria attività lavorativa. Quadro RW Pag 10

11 MODALITA DI DETENZIONE DELLE ATTIVITA La proprietà piena La nuda proprietà L usufrutto La disponibilitàdi movimentazione Direttamente o per interposta persona Disponibilità in proprio e non per conto terzi Quadro RW Pag 11

12 LA QUOTA DA INDICARE Comunione Cointestazione Più diritti reali Se le attività e gli investimenti sono detenuti all estero in comunione, ciascuno dei soggetti interessati deve indicare la quota di propria competenza qualora l esercizio dei diritti relativi all intero bene richiede un analogo atto di disposizione da parte degli altri cointestatari In caso di disponibilità piena delle attività finanziarie o patrimoniali cointestate, il modulo RW deve essere compilato da ogni intestatario con riferimento all intero valore delle attività (e non limitatamente alla quota parte di propria competenza). Qualora sul bene sussistano più diritti reali, ad esempio, nuda proprietà e usufrutto, sono tenuti all effettuazione di tale adempimento sia il titolare del diritto di usufrutto sia il titolare della nuda proprietà in quanto in entrambi i casi sussiste la possibilità di generare redditi di fonte estera. Quadro RW Pag 12

13 IL CASO DELL AMMINISTRATORE DELLA SOCIETA PARERE CASSAZIONE La possibilitàdi disporre delle somme depositate sul conto determina l obbligo per l amministratore di compilare il quadro RW nella propria dichiarazione dei redditi in relazione ai conti correnti esteri della società amministrata TELEFISCO 2011 E da ritenersi esclusa, in sostanza, l esistenza di un autonomo obbligo di monitoraggio nell ipotesi in cui il soggetto che ha la disponibilità dell attività estera possa esercitare esclusivamente un mero potere dispositivo in ordine alle predette attivitàin esecuzione di un mandato per conto del soggetto intestatario. E il caso, ad esempio, degli amministratori che hanno il potere di firma su conti correnti della societàin uno Stato estero e che hanno la possibilitàdi movimentare i capitali pur non essendo beneficiari dei relativi redditi. Quadro RW Pag 13

14 LA DEFINIZIONE DI INVESTIMENTO ESTERO Gli investimenti sono i beni patrimoniali collocati all estero indipendentemente dalla effettiva produzione in Italia di redditi di fonte estera imponibili nel periodo d imposta. Queste attività vanno sempre indicate nella Sezione II del presente modulo in quando potenzialmente produttive di redditi di fonte estera imponibili in Italia. A titolo esemplificativo: 1.gli immobili situati all estero; 2.i diritti reali immobiliari o quote di essi (ad esempio, comproprietào multiproprietà); 3.gli oggetti preziosi e le opere d arte che si trovano fuori del territorio dello Stato (compresi quelli custoditi in cassette di sicurezza); 4.le imbarcazioni o le navi da diporto o altri beni mobili detenuti e/o iscritti nei pubblici registri esteri, nonché quelli che pur non essendo iscritti nei predetti registri avrebbero i requisiti per essere iscritti in Italia. 5.gli immobili ubicati in Italia posseduti per il tramite di un soggetto interposto residente all estero. Quadro RW Pag 14

15 LA DEFINIZIONE DI ATTIVITA FINANZIARIA Le attività estere di natura finanziaria sono quelle attività da cui derivano redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera. Queste attività vanno sempre indicate nella Sezione II del presente modulo in quando potenzialmente produttive di redditi di fonte estera imponibili in Italia. A titolo esemplificativo: 1)attività i cui redditi sono corrisposti da soggetti non residenti, tra cui, le partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti non residenti, le obbligazioni estere e i titoli similari, i titoli pubblici italiani e i titoli equiparati emessi all estero, i titoli non rappresentativi di merce e i certificati di massa emessi da non residenti (comprese le quote di OICR esteri), le valute estere, depositi e conti correnti bancari costituiti all estero indipendentemente dalle modalità di alimentazione (ad esempio, accrediti di stipendi, di pensione o di compensi); 2)contratti di natura finanziaria stipulati con controparti non residenti, ad esempio finanziamenti, riporti, pronti contro termine e prestito titoli; 3)contratti derivati e altri rapporti finanziari stipulati al di fuori del territorio dello Stato; 4)metalli preziosi detenuti all estero; 5)diritti all acquisto o alla sottoscrizione di azioni estere o strumenti finanziari assimilati; 6)forme di previdenza complementare organizzate o gestite da società ed enti di diritto estero, escluse quelle obbligatorie per legge; 7)le polizze di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione sempreché il contratto non sia concluso per il tramite di un intermediario finanziario italiano al quale sia conferito l incarico di regolare tutti i flussi connessi con l investimento, con il disinvestimento ed il pagamento dei relativi proventi; 8)le attività finanziarie italiane detenute all estero anche se in cassette di sicurezza quali ad esempio i titoli pubblici ed equiparati emessi in Italia o le quote di unasrl italiana. Quadro RW Pag 15

16 UNICO 2010: IL QUADRO RW CASI DI ESONERO OGGETTIVO DALLA COMPILAZIONE MONITORAGGIO GIA EFFETTUATO attivitàaffidate in gestione o in amministrazione alle banche, alle SIM, alle societàfiduciarie, alla societàposte italiane e agli altri intermediari professionali a condizione che i redditi siano riscossi attraverso l intervento di un intermediario residente. Attività finanziarie Contratti finanziari Conti correnti Se affidate in gestione o in amministrazione agli intermediari finanziari residenti, anche senza opzione per risparmio gestito o amministrato ed anche se intermediario non funge da sostituto di imposta Se conclusi attraverso intermediari finanziari residenti in qualitàdi controparti, ovvero di mandatari di una delle parti contrattuali Depositi e conti correnti esteri se data disposizione a banca estera di bonificare gli interessi, entro il mese di maturazione, su un conto italiano, specificando ammontare lordo ed eventuale ritenuta applicata (vale anche per conto infruttifero) Quadro RW Pag 16

17 UNICO 2010: IL QUADRO RW POLIZZE VITA E RISOLUZIONE 15/E DEL MOTIVO ESONERO l esonero in questione discende direttamente dall incarico di riscossione dei proventi conferito all intermediario residente e non dipende dall esercizio della sua qualità di sostituto d imposta che in determinati casi può anche non verificarsi. MODALITA PRATICHE Il regime di esonero è, pertanto, applicabile alle polizze assicurative a contenuto finanziario contratte con compagnie di assicurazione estere per il tramite di un intermediario finanziario residente, sempreché sia stato conferito ad un intermediario italiano l incarico di regolare tutti i flussi connessi con l investimento, con il disinvestimento ed il pagamento dei relativi proventi.. a nulla rileva la modalità con la quale avviene il conferimento di tale incarico all intermediario; esso può, infatti, essere indifferentemente effettuato dal contribuente che delega un intermediario residente all incasso della prestazione assicurativa ovvero direttamente da parte della compagnia estera che attraverso una specifica clausola nell ambito dell accordo negoziale individua l intermediario residente che èdelegato ad erogare la prestazione al contribuente (compresi i riscatti anticipati e i rendimenti). Quadro RW Pag 17

18 UNICO 2010: IL QUADRO RW ATTIVITA FINANZIARIE: CASI PARTICOLARI STOCK OPTIONS 1. si indicano solo se, al termine del periodo d imposta, il prezzo di esercizio sia inferiore al valore corrente del sottostante, perché soltanto in questo caso il beneficiario dispone di un valore all estero; 2. non si indicano nel vestingperiod se, in tale lasso temporale non sono cedibili (altrimenti si indicano) PREVIDENZA 1. organizzate o gestite da societào enti di diritto estero 2. si indicano i contributi o premi versati al fondo pensione, sia dal lavoratore che dal datore di lavoro 3. Vengono monitorate anche eventuali erogazioni per anticipazione dei rendimenti o erogazione delle prestazioni Escluse forme previdenza obbligatoria, anche per accordi collettivi, ma non individuali Quadro RW Pag 18

19 UNICO 2010: IL QUADRO RW CASI DI ESONERO OGGETTIVO DALLA COMPILAZIONE EFFETTI DELLO SCUDO FISCALE NEL 2009 NEL 2010 REGOLARIZZAZIONE RIMPATRIO RIMPATRIO REGOLARIZZAZIONE NON FACCIO PIU RW SE LE ATTIVITA SONO DETENUTE IN ITALIA (rimpatrio fisico) O AFFIDATE IN DEPOSITO CUSTODIA, AMMINISTRAZIONE O GESTIONE AD UN INTERMEDIARIO RESIDENTE (rimpatrio giuridico) FACCIO DA UNICO 2011 FACCIO DA UNICO 2012 Quadro RW Pag 19

20 LA DEFINIZIONE DI TRASFERIMENTO L obbligo di compilazione del modulo RW riguarda anche i trasferimenti che nel corso del periodo d imposta hanno interessato gli investimenti e le attività, sempreché l ammontare complessivo dei movimenti effettuati nel corso del medesimo periodo, calcolato tenendo conto anche dei disinvestimenti, sia stato superiore a euro I movimenti possono riguardare i trasferimenti: 1.dall estero verso l Italia; 2.dall Italia verso l estero; 3.tra due stati esteri o nell ambito del medesimo stato estero (in tal caso si parla di trasferimenti sull estero ). Quest obbligo, da adempiere mediante la compilazione della Sezione III del presente modulo, sussiste anche se al termine del 2010 i soggetti interessati non detengono più investimenti o attività all estero, in quanto a tale data è intervenuto il disinvestimento o l estinzione dei rapporti finanziari, e qualunque sia la modalità con cui sono stati effettuati i trasferimenti (attraverso intermediari residenti, attraverso intermediari non residenti o in forma diretta tramite trasporto al seguito). I trasferimenti che hanno interessato gli investimenti e le attività di natura finanziaria indicati nella sezione II, vanno sempre indicati nella Sezione III anche se i movimenti sono avvenuti tramite intermediario italiano. Quadro RW Pag 20

21 UNICO 2010: IL QUADRO RW SEZIONE I Nella Sezione I vanno indicati (CON IL LIMITE DEI EURO): i trasferimenti dall estero verso l Italia e dall Italia verso l estero di denaro, certificati in serie o di massa o titoli, effettuati attraverso non residenti e senza il tramite degli intermediari residenti, per ragioni diverse dagli investimenti all estero e dalle attività estere di natura finanziaria. I trasferimenti all estero o dall estero in forma diretta, mediante trasporto al seguito, non vanno indicati nella presente sezione In alcuni casi anche i trasferimenti transfrontalieri effettuati per cause diverse dagli investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria (ad esempio per spese correnti, per motivi di studio o di salute), devono essere indicati nella Sezione I del modulo RW sempreché l ammontare complessivo di tali trasferimenti sia superiore, nel periodo d imposta, a euro. Tale obbligo tuttavia sussiste soltanto per i trasferimenti dall estero verso l Italia e dall Italia verso l estero di denaro o titoli effettuati senza il tramite di banche o intermediari italiani. Sono esclusi da tale ambito anche i trasferimenti effettuati in forma diretta mediante trasporto al seguito. 1. se l operazione ha comportato un trasferimento dall estero verso l Italia; 2. se l operazione ha comportato un trasferimento dall Italia verso l estero; SOGGETTO NON RESIDENTE ATTRAVERSO IL QUALE HO FATTO L OPERAZIONE DENARO 2. ALTRO MEZZO Quadro RW Pag 21

22 UNICO 2010: IL QUADRO RW SEZIONE I OPERAZIONI CORRENTI PAGAMENTO DI COMPENSI RISARCIMENTI DANNI TRANSAZIONI COMMERCIALI SPESE PER SERVIZI IN GENERE ESCLUSI I TRASFERIMENTI PER MEZZO DI INTERMEDIARI RESIDENTI Quadro RW Pag 22

23 UNICO 2010: IL QUADRO RW SEZIONE II FOTOGRAFIA SITUAZIONE AL Nella Sezione II vanno indicate: le consistenze degli investimenti esteri e delle attività finanziarie detenute all estero al termine del periodo di imposta (con il limite dei euro) CIRCOLARE 45/E/2010 (paragrafo 4) - costo storico + oneri accessori ed al lordo di eventuali finanziamenti - costo fiscalmente riconosciuto in caso di acquisto a titolo gratuito - valore normale (eventuale perizia) nel caso di valore di acquisto non documentabile Quadro RW Pag 23

24 UNICO 2010: IL QUADRO RW SEZIONE II ATTIVITÀESTERE DI NATURA PATRIMONIALE ATTIVITÀESTERE DI NATURA FINANZIARIA ATTIVITÀITALIANE DI NATURA FINANZIARIA DETENUTE ALL ESTER0 PARTECIPAZIONI AL CAPITALE DI SOGGETTI NON RESIDENTI OBBLIGAZIONI ESTERE VALUTE ESTERE DEPOSITI E CONTI CORRENTI FINANZIAMENTI ANCHE INFRUTTIFERI TITOLI PUBBLICI EMESSI IN ITALIA PARTECIPAZIONI IN SOGGETTI RESIDENTI NON DEVO COMPILARE SE AFFIDATI IN GESTIONE O AMMINISTRAZIONE A BANCHE Quadro RW Pag 24

25 UNICO 2010: IL QUADRO RW Immobile detenuto in Francia, usato come casa di villeggiatura, acquistato al valore di euro Immobile detenuto in Francia, usato come casa di villeggiatura, acquistato al valore di euro e conto corrente detenuto in Francia con saldo al pari ad euro (il conto corrente è infruttifero) X INDICO IL VALORE PERCHE IL LIMITE DEI EURO VA VERIFICATO SU TUTTA LA SEZIONE INDICA CHE SUL CONTO NON MATURANO INTERESSI Quadro RW Pag 25

26 UNICO 2010: IL QUADRO RW SEZIONE III INDICAZIONE DEI FLUSSI DAL AL Nella Sezione III vanno indicati: i flussi dei trasferimenti dall estero verso l Italia, dall Italia verso l estero e dall estero sull estero di denaro, certificati in serie o di massa o titoli, effettuati attraverso: intermediari residenti, non residenti in forma diretta, che nel corso dell anno hanno interessato investimenti esteri ed attività estere di natura finanziaria indicati nella sezione II. Esiste anche qui il limite dei euro 1) per i trasferimenti dall estero verso l Italia; 2) per i trasferimenti dall Italia verso l estero; 3) per i trasferimenti dall estero sull estero; Quadro RW Pag 26

27 Poiché sono esonerati dalla compilazione della Sezione III i movimenti che nel corso dell anno non hanno superato complessivamente l importo di euro , occorre specificare che in caso di investimenti e disinvestimenti il flusso va considerato in valore assoluto. Pertanto, con riferimento ad un contribuente che detiene un conto corrente estero sul quale ha effettuato un disinvestimento pari a euro ed un investimento di euro, non c è esonero e l ammontare complessivo dei movimenti da dichiarare nella sezione èpari a euro. Non devono essere indicati i pagamenti effettuati in Italia per l acquisto di beni all estero mancando in tal caso una movimentazione di denaro verso l estero. In entrambi i casi l acquirente dovrà indicare nella Sezione II del presente modulo la consistenza dell investimento effettuato. Con riferimento ai trasferimenti si ricorda che: 1.non devono essere indicati gli acconti versati per acquisti o investimenti non ancora concretizzati nel periodo d imposta; 2.devono essere segnalati anche i trasferimenti a proprio beneficio effettuati da altri soggetti; 3.non deve essere dichiarato l incremento degli investimenti esteri per effetto della corresponsione dei relativi frutti degli investimenti (interessi, dividendi, canoni di locazione di un immobile sito all estero). Quadro RW Pag 27

28 QUALI DATI BANCARI INDICARE? ESTERO ITALIA 1. indicare gli estremi dell intermediario italiano; 2. nel caso in cui per una stessa operazione di trasferimento intervengano più intermediari indicare indicato soltanto il numero di conto relativo all intermediario che per ultimo è intervenuto nell operazione di trasferimento verso l Italia. ITALIA ESTERO 1. indicare gli estremi dell intermediario italiano; 2. nel caso in cui per una stessa operazione di trasferimento intervengano più intermediari indicare indicato soltanto il numero di conto relativo all intermediario che per primo è intervenuto nell operazione di trasferimento verso l estero. Quadro RW Pag 28

29 QUALI DATI BANCARI INDICARE? ESTERO ESTERO 1. Nel caso di operazioni estero su estero indicare gli estremi del conto di destinazione UNICO CASO IN CUI BISOGNA INDICARE GLI ESTREMI DELLA BANCA ESTERA Quadro RW Pag 29

30 CUMULO DI OPERAZIONI ESTERO ITALIA ESTERO ITALIA ESTERO ESTERO Se il contribuente ha posto in essere una pluralità di operazioni dello stesso tipo, comportanti il trasferimento dall estero verso l Italia, dall Italia verso estero o estero su estero mediante l utilizzo di uno o più conti correnti, in luogo della indicazione delle singole operazioni di trasferimento, il contribuente può limitarsi ad indicare: 1.con riferimento a ciascun conto interessato, 2.l ammontare complessivo dei trasferimenti effettuati dall estero (codice 1), dall Italia (codice 2) e sull estero (codice 3), Quadro RW Pag 30

31 LEGAME TRA SEZ.II e SEZ.III REGOLA CERTEZZA DUBBIO NELLA SEZIONE III VANNO INDICATE SOLO LE MOVIMENTAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DA INDICARE NELLA SEZIONE II SE HO CEDUTO UN BENE IN CORSO D ANNO, NON INDICO NELLA SEZ.II MA INDICO IL TRASFERIMENTO NELLA SEZIONE III SE NON INDICO DELLE ATTIVITA NELLA SEZ.II PER MANCATO SUPERAMENTO DEL LIMITE DEI , DEVO INDICARE COMUNQUE LE MOVIMENTAZIONI NELLA SEZIONE III (sempre se superiori a ?) SI CHIARIMENTO CONTENUTO NELLA CIRCOLARE 45 del (paragrafo 4, pagina 25) Quadro RW Pag 31

32 APERTURA C/C ESTERO Invio euro in Svizzera per l apertura di un conto corrente FOTOGRAFIA FLUSSI Dati banca italiana Dati banca italiana SE CI SONO INTERESSI VANNO DICHIARATI NEL QUADRO RM ( ipotesi di richiesta di accredito su conto corrente italiano) Quadro RW Pag 32

33 MOVIMENTAZIONI CONTO ESTERO Saldo iniziale del conto euro; invio in svizzera euro e rientro in Italia di euro. Maturazione di 108 euro a titolo di interessi. FOTOGRAFIA FLUSSI Dati banca italiana Dati banca italiana Dati banca italiana Dati banca italiana Quadro RW Pag 33

34 C/C SOTTO SOGLIA SALDO C/C AL ,00 SOMME INVIATE IN ITALIA ,00 FLUSSO SALDO C/C AL ,00 FOTOGRAFIA INFERIORI A Quadro RW Pag 34

35 MA SE HO 2 C/C SOTTO SOGLIA SALDO C/C AL ,00 10 A SOMME INVIATE IN ITALIA ,00 NO SALDO C/C AL ,00 B SALDO C/C AL ,00 SOMME INVIATE IN ITALIA ,00 SALDO C/C AL ,00 14 SI Quadro RW Pag 35

36 CHIUSURA CONTO ESTERO Chiudo il conto estero di euro ed accredito le somme su due conti correnti italiani FOTOGRAFIA NON SEGNALO NULLA MANCANDO IL DATO FLUSSI Dati banca italiana Dati banca italiana Dati banca italiana Dati banca italiana Quadro RW Pag 36

37 CONTO ESTERO E MULTIPROPRIETA x Dati banca italiana Quadro RW Pag 37

38 CONTO ESTERO E ACQUISTO TITOLI UTILIZZANDO LE DISPONIBILITA DI UN CONTO ESTERO ACQUISTO DEI TITOLI PER EURO x 3 3 Conto corrente estero utilizzato Quadro RW Pag 38

39 SPESE CORRENTI SU C/C ESTERO SALDO INIZIALE DEL CONTO EURO, UTILIZZO CON ASSEGNI E CARTA DI CREDITO PER , SALDO FINALE x NON SI SEGNALANO I FLUSSI PERCHE NON SONO CONNESSI AD INVESTIMENTI MA SPESE CORRENTI Quadro RW Pag 39

40 C/C E FINANZIAMENTO SOCI x FLUSSI NON SEGNALATI IN QUANTO INFERIORI Quadro RW Pag 40

41 C/C COINTESTATO C/C COINTESTATO TRA CONIUGI (firma libera e disgiunta), CON SALDO A FINE ANNO DI EURO. NESSUNA MOVIMENTAZIONE NELL ANNO x Ciascun soggetto indica l intero importo di cui può disporre Quadro RW Pag 41

42 IMMOBILE COINTESTATO IMMOBILE DEL VALORE DI ACQUISTO DI EURO COINTESTATO A CONIUGI (non è possibile disporre del bene per intero senza intervento dell altro soggetto) Quadro RW Pag 42

43 DENARO AL FAMILIARE ESTERO ITALIA ESTERO SE IL C/C DI DESTINAZIONE E INTESTATO AL FAMILIARE, CHI TRASFERISCE NON DEVE FARE QUADRO RW ITALIA ESTERO SE IL C/C DI DESTINAZIONE E INTESTATO ANCHE AL SOGGETTO CHE HA FATTO IL TRASFERIMENTO, ANCHE SE USATO DAL FAMILIARE ALL ESTERO, DEVE FARE IL QUADRO RW, SEZIONE II E SEZIONE III, SE SUPERA LA SOGLIA MINIMA Quadro RW Pag 43

44 IMMOBILI ALL ESTERO (II.DD.) IMMOBILI A DISPOSIZIONE LOCATI A TERZI STATO ESTERO ITALIA STATO ESTERO ITALIA No tassazione No tassazione No tassazione Canone ridotto del 15% Tassazione con tariffe estimo Tasso stesso importo al netto spese riconosciute all estero Tassazione del canone percepito con regole specifiche Tasso stesso importo al netto spese riconosciute all estero Quadro RW Pag 44

45 SEMPLICE DETENZIONE IMMOBILE IMMOBILE DETENUTO ALL ESTERO DEL VALORE DI ACQUISTO DI Quadro RW Pag 45

46 ACQUISTO IMMOBILE ESTERO Acquisto di immobile all estero nel 2010 per 400 mila mediante prelievo dall estero da un conto corrente sul quale all inizio dell anno vi era una disponibilitàdi 550 mila (ciò implica, ovviamente, che tale conto sia stato monitorato nel prospetto RW del precedente Unico). Interessi maturati pari a Sul piano compilativo: In sezione II, si segnala la consistenza al 31 dicembre di: 400 mila per l immobile (costo storico); 152 mila per il conto corrente (gli interessi vanno dichiarati nel quadro RM di Unico); -In sezione III, si segnala il flusso di denaro estero su estero pari ad 400 mila (codice 3), mentre per il codice operazione si indica 15 (acquisto immobile) Conto estero Quadro RW Pag 46

47 ACQUISTO IMMOBILE DA RESIDENTE Non rappresentano trasferimenti da monitorare i pagamenti fatti in Italia per l acquisto di beni all estero Quadro RW Pag 47

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 01 Luglio 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 01 Luglio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 Luglio 2013 Oggetto: Circolare n. 25/2013 del 01 Luglio 2013

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE E LE PATRIMONIALI ESTERE a cura di Ennio Vial Venezia 12 giugno 2014 1 NOVITA MODULO RW L art. 9 della legge n. 97/2013 ha introdotto importanti modifiche alla disciplina del Modulo RW riscrivendo integralmente

Dettagli

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E VIA MATTEOTTI, 58-28062 CAMERI - NO 0321 51.82.00 0321 51.81.81 M A U R O N I C O L A F O G L I O S E G U E N.

Dettagli

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Speciale quesiti di Ennio Vial e Vita Pozzi Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Nel presente intervento analizzeremo alcuni casi particolari di compilazione del Modulo RW quali l ipotesi di

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

QUADRO RW del modello Unico 2014

QUADRO RW del modello Unico 2014 QUADRO RW del modello Unico 2014 1 QUADRO RW del modello Unico 2014 Dispensa www.studiomodolo.it N.B.: l'impostazione del materiale è stata attuata in modo analitico per costituire «dispensa» dell'incontro

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Adempimenti dichiarativi per i beni e le attività finanziarie detenute all'estero QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE SANDRO BOTTICELLI

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici SANDRO BOTTICELLI 8 LUGLIO 2011 SALA CONVEGNI-CORSO EUROPA 2 - MILANO SOMMARIO Operazioni in titoli detenuti all estero Stock Option Incasso

Dettagli

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI Anno 2010 N. RF147 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 OGGETTO QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI RIFERIMENTI ISTRUZIONI UNICO CM 45/2010 CIRCOLARE DEL 16/09/2010 Sintesi:

Dettagli

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso Pag. 3350 n. 39/2011 29/10/2011 Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso di Fabrizio Dominici SOMMARIO Pag. Le sezioni del quadro RW 3351 La prassi dell amministrazione

Dettagli

27 settembre Allegato

27 settembre Allegato 37 200 27 settembre Allegato Speciale - Guida alla compilazione del quadro RW: casi pratici aggiornato con la C.M. n.45/e/0 a cura di Maurizio Tozzi Premessa Le vicende dello Scudo fiscale e i diversi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012. a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta

SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012. a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012 a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta Premessa: Il quadro RW In attuazione della direttiva comunitaria 361/1988/CEE,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM

Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM Focus di pratica professionale di Maurizio Tozzi Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM Come compilare la dichiarazione per le attività detenute all estero e per corrispondere le nuove

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014)

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) L anno scorso con la Legge 97 del 06.08.2013 (di recepimento delle normative europee), entrata in vigore il 04/09/2013, sono stati modificati gli artt.

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Vincite conseguite per effetto della partecipazione a giochi on-line

Dettagli

NOVITA UNICO PF 2014

NOVITA UNICO PF 2014 NOVITA UNICO PF 2014 NOVITA SUL 730 E RAPPORTI CON UNICO Novità per le persone fisiche 730 SENZA SOSTITUTO Pag. 138 PECULIARITÀ Comunque si presenta il 730 ad un professionista o al CAF L importo a credito

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010 Dott. Duilio LIBURDI Diretta 17 maggio 2010 I SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Sono principalmente le persone fisiche residenti ai sensi dell articolo

Dettagli

CODICE FISCALE MODULO RW. Investimenti all estero e/o trasferimenti da, per e sull estero. 2 nome 3. Codice operazioni con estero. Data.

CODICE FISCALE MODULO RW. Investimenti all estero e/o trasferimenti da, per e sull estero. 2 nome 3. Codice operazioni con estero. Data. CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 2008 PERSONE FISICHE 200 genzia ntrate MODULO RW Investimenti all estero e/o trasferimenti da, per e sull estero Mod. N. Sez. I - Trasferimenti da o verso l estero di denaro,

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi ed Irap 2015: novità per gli enti non commerciali e le associazioni sportive dilettantistiche

Dichiarazioni dei redditi ed Irap 2015: novità per gli enti non commerciali e le associazioni sportive dilettantistiche Dichiarazioni dei redditi ed Irap 2015: novità per gli enti non commerciali e le associazioni sportive dilettantistiche Redditi di partecipazione e di capitale: questioni particolari e novità 2015 RW ed

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE)

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) L IMPOSTA SUGLI IMMOBILI DETENUTI ALL ESTERO IVIE A decorrere dall 1.1.2011 è stata istituita l IVIE, imposta sul valore degli

Dettagli

RISOLUZIONE N.128/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW

RISOLUZIONE N.128/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW RISOLUZIONE N.128/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW Con la richiesta di consulenza giuridica concernente

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali.

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. 1 Attività estere: dove tenerle Le attività finanziarie o patrimoniali oggetto di voluntary disclosure, potranno: A) essere

Dettagli

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 1 Il worlwide income principle ART.3, COMMA 1, del

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Monitoraggio dei flussi finanziari da e per l estero, tassazione delle attività finanziarie estere (Ivie ed Ivafe) : adempimenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

Società estere e Quadro RW

Società estere e Quadro RW Società estere e Quadro RW by Marina d'angerio - Wednesday, January 28, 2015 /societa-estere-e-quadro-rw/ essere compilato al fine di: Il quadro RW del Modello Unico Persone Fisiche deve Permettere il

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Roma, 10 ottobre 2009

CIRCOLARE N. 43/E. Roma, 10 ottobre 2009 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2009 OGGETTO: Emersione di attività detenute all estero. Articolo 13-bis del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito,

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 320 06.11.2014 Ivafe: le novità della europea bis Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie Con

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE

TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE Circolare informativa per la clientela n. 05/2010 del 21 ottobre 2010 TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE In questa Circolare 1. Immobili esteri di soggetti italiani 2. Immobili italiani

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE-

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- MASSIMILIANO SIRONI 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO

Dettagli

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri Documento n. 13 La tassazione degli immobili esteri Febbraio 2013 LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI SOMMARIO: 1. Presupposto impositivo. 2. Soggetti passivi. 3. Base

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI - ACCERTAMENTO - MONITORAGGIO FISCALE - TRASFERIMENTI TRANSFRONTALIERI

DICHIARAZIONI FISCALI - ACCERTAMENTO - MONITORAGGIO FISCALE - TRASFERIMENTI TRANSFRONTALIERI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 13 settembre 2010, n.45/e Monitoraggio fiscale. Adempimenti dei contribuenti e degli intermediari. DICHIARAZIONI FISCALI - ACCERTAMENTO

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE MAP IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Analogamente a quanto previsto per i beni immobili, assoggettati all IVIE, a decorrere dal 2012 le persone fi siche residenti in Italia

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività»

CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività» CONFERENZA PATRIMONIALE «Investire sulla Costa Azzurra : fiscalità e reddività» «La fiscalità italiana sui beni immobiliari detenuti in Francia»: lo Post-Scudo Fiscale TER Presentazione di Mauro MICHELINI,

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli