Al domani pensiamoci oggi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al domani pensiamoci oggi"

Transcript

1 Al domani pensiamoci oggi Seconda giornata di studio Pronti per l università Milano, 13 dicembre Scheda BiotechBook - Micro e nano: nuove sfide - E.S.D. - Education for Sustainable Development - Lo spettacolo in Lombardia: teoria e prassi. Scuola estiva - NABAVision. I linguaggi dell audiovisivo - Summer School di giornalismo - Le nuove tecnologie per la conoscenza del cervello e delle sue patologie - Ciclo di seminari sulla statistica - Orientarsi a scuola - Scegliere la scienza: orientamento e pari opportunità

2 Università Vita-Salute San Raffaele Gentili Professori, cari Studenti, ho il piacere di presentarvi un progetto ponte avviato fra i Corsi di Laurea in Biotecnologie e la Scuola Superiore, nel quadro delle attività realizzate dal nostro Ateneo in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia. Il progetto trae origine dalla constatazione che gli strumenti delle biotecnologie hanno trovato un campo di utilizzo sempre più ampio sia per la comprensione dei meccanismi di base della vita che per lo sviluppo di nuovi prodotti e approcci a fini diagnostici e terapeutici. Tuttavia, l impatto di questa rivoluzione nella comprensione e cura delle malattie viene spesso distorta dai media che contribuiscono a creare immotivati climi trionfalistici o ingiustificata diffidenza nei confronti degli sviluppi scientifici e tecnologici delle biotecnologie, non distinguendo, sovente, tra i due aspetti. Ne consegue che la maggior parte degli studenti in procinto di scegliere gli studi universitari non ha una chiara conoscenza e percezione dell attività e delle competenze richieste al ricercatore in ambito biomedico. Nell intento di orientare gli studenti potenzialmente interessati al lavoro di ricerca verrà attivata la quarta edizione dell iniziativa Ricercatore per un giorno che si propone di mettere in contatto studenti delle scuole superiori con docenti e studenti del nostro Corso di Laurea avvicinandoli alle sfide intellettuali e alle pratiche di laboratorio della medicina molecolare. Dal confronto e discussione su questa idea iniziale, si è deciso di creare un collegamento più stretto con la Scuola Superiore attraverso una serie di iniziative articolate, che si propongono di trattare i temi caldi della scienza moderna al fine di dare in modo semplice informazioni realistiche su cosa significa fare ricerca, nella convinzione che un approccio diretto ma comprensibile ad argomenti scientifici, anche complessi, rappresenti il miglior orientamento possibile per ragazzi che intendono iniziare questo tipo di percorso universitario. Con lo stesso spirito vi invitiamo all incontro L alfabeto dei geni: un viaggio nella conoscenza, una prospettiva di cura. L incontro si svolgerà giovedì 8 febbraio 2007 presso l Università Vita-Salute San Raffaele, Palazzo DIBIT, via Olgettina 58, Milano. Prof. Fabio Grohovaz Presidente dei CdL in Biotecnologie Università Vita-Salute San Raffaele 2

3 Un incontro fra ricercatori e insegnanti delle Scuole Superiori Scopo di questo incontro è quello di creare una occasione per trattare i temi più attuali della ricerca biomedica e per concordare con le Scuole Superiori occasioni di approfondimento rivolte agli studenti potenzialmente interessati a intraprendere la carriera del ricercatore. >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>OOOOOOO<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 8 febbraio 2007 Dibit, Via Olgettina 58, Milano L ALFABETO DEI GENI: UN VIAGGIO NELLA CONOSCENZA, UNA PROSPETTIVA DI CURA Un incontro fra ricercatori e insegnanti delle Scuole Medie Superiori per parlare delle nuove frontiere della Medicina Molecolare 9:30 Iscrizione 10:00 prof. Fabio Grohovaz Presentazione 10:15 prof. Edoardo Boncinelli Il genoma: le nuove prospettive della ricerca biotecnologica 11:00 prof. Antonio Siccardi Il codice genetico: un avventura moderna 11:45 Pausa 12:00 prof. Giorgio Casari Storia di una emicrania: dalla genetica alla patogenesi 12:45 prof. Maurizio Ferrari Test genetici: fra fiction e realtà 13:30 Pausa pranzo 14:30 prof.ssa Sonia Levi Iniziative ponte fra Università e Scuola 14:45 Prof. Monica Fabbri, dr. Barbara Bettegazzi, dr. Eleonora Dondossola Presentazione BiotechBook e Summer Biotech School Ricercatore per un giorno Obiettivo di questo evento è quello di offrire agli studenti la possibilità di verificare la propria vocazione all attività di ricerca, così da permettere una scelta consapevole del percorso Universitario. L iniziativa si svolge nel mese di febbraio e si articola in due incontri pomeridiani. Il primo ha la finalità di consentire ai ragazzi delle scuole superiori di confrontarsi con gli studenti della nostra università su alcune tematiche della ricerca biomedica, creando inoltre i presupposti conoscitivi per una piccola esperienza di laboratorio. Il secondo incontro si propone di far vivere ai ragazzi alcune esperienze dell attività di ricerca, mediante lo svolgimento di semplici attività al bancone, da effettuarsi presso il nostro Ateneo. Ogni esperimento, privo di rischi chimici e biologici per gli studenti, è svolto individualmente sotto la supervisione di docenti e studenti del nostro Corso di Laurea. L iniziativa verrà pubblicizzata sul sito dell Università Vita-Salute San Raffaele e prevederà l iscrizione obbligatoria e personale degli studenti interessati. Programma preliminare Prima giornata (15-18:30) - Storia semi-seria delle biotecnologie - Viaggio al centro della cellula: dai geni alla funzione - La terapia genica: dalla clinica al laboratorio e ritorno - ma cosa sappiamo sulla ricerca biomedica? - Futuri ricercatori: ne vale la pena? - Ingegneria genetica: luci e ombre 3

4 Al termine del pomeriggio, gli studenti interessati potranno iscriversi all incontro del giorno successivo: Seconda giornata (15-18:30) Attività sperimentale presso il laboratorio del Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche: - Separazione ed identificazione di molecole di DNA mediante elettroforesi - Manipolazione di cellule eucariotiche in condizioni di sterilità - Colorazione in vivo di organelli cellulari e loro visualizzazione mediante microscopia a fluorescenza Un libro multimediale: il BiotechBook Scopo Il BiotechBook si propone di offrire agli studenti delle scuole superiori uno strumento semplice ma rigoroso per la comprensione dei temi della ricerca biotecnologia in ambito biomedico e, in senso più lato, su cosa significhi fare ricerca In particolare affronta i seguenti aspetti: - i principi di funzionamento della materia vivente; - le basi molecolari e genetiche di alcune malattie; - gli approcci più innovativi dell ingegneria genetica; - le sfide attuali della ricerca biomedica; - le prospettive terapeutiche attuali e future; Organizzazione Il BiotechBook è organizzato in forma di brevi schede e si propone di coprire un ampio spettro di interessi che spazia dall organizzazione e funzione della materia vivente, alla descrizione di alterazioni patologiche, sino a illustrare metodiche biotecnologiche e spiegare approcci innovativi di medicina molecolare. Le schede sono collegate tra loro attraverso parole chiave che forniscono collegamenti logici permettendo al fruitore di disegnare un percorso personale all interno del libro multimediale, trovando le informazioni che desidera direttamente nel testo o attraverso collegamenti ad altri siti presenti in rete. La scelta di evitare la struttura classica in capitoli nasce dalla volontà di creare uno strumento dinamico, diverso da altri siti analoghi, dove il tentativo di trasformare la sistematicità di libri di testo già esistenti in libri mediatici, ne impedisce la fluidità di movimento e la possibilità di rispondere a semplici curiosità. L assenza di un percorso obbligato, permette, a seconda dell interesse, di risalire ad argomenti di supporto, utili per la comprensione del tema centrale della scheda, o di proseguire nell approfondimento successivo. Le schede, scritte da studenti di tutti gli anni del Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche, sono state riviste da alcuni studenti del Corso di Laurea specialistica e controllate nella loro stesura finale da alcuni docenti. Il BiotechBook è un progetto a lungo termine. Nella prima fase del progetto sono state trattate la cellula e le sue funzioni, quale argomento di riferimento necessario per poter affrontare i temi della moderna ricerca biomedica. Ad oggi la stesura di tutte le schede fondamentali di questa parte è stata completata ed organizzata nella sua struttura definitiva, compresa la veste grafica. Questo primo corpo del libro consta di quasi 200 schede corredate di schemi, illustrazioni, immagini e collegamenti ad altri siti. Presentazione A dicembre verrà presentata la versione zero di questa prima versione dell e-book. Saranno particolarmente graditi commenti, valutazioni e suggerimenti da parte di insegnanti e docenti che possano orientare la stesura della versione evoluta del BiotechBook. Verranno inoltre valutate le possibilità di collegamenti e collaborazioni con alcuni Istituti per uno sviluppo congiunto di temi specifici. SUMMER BiotechSchool Il progetto nasce come evoluzione dell iniziativa Ricercatore per un giorno ed è rivolto ad un numero estremamente limitato di studenti. Il progetto si svolgerà nell'arco di una settimana (5 giorni feriali) durante la quale gli studenti seguiranno un percorso di formazione sperimentale e teorica nel laboratorio didattico dell'università Vita e Salute San Raffaele. Il laboratorio è attrezzato in modo da permettere ad ogni singolo studente di svolgere autonomamente la propria parte sperimentale. Il coinvolgimento degli studenti avverrà attraverso il loro personale impegno nello svolgimento degli esperimenti, ma anche grazie ad alcune incognite scientifiche che essi dovranno affrontare e superare con l'ausilio degli strumenti che verranno messi a loro disposizione. Il percorso, infatti, prevede che ad ogni studente venga consegnato del DNA 4

5 codificante un gene ignoto, che dovrà essere purificato, inserito nelle cellule affinché venga espresso, allo scopo di caratterizzare la proteina che esso codifica. Gli studenti potranno visualizzare la proteina nelle cellule mediante analisi al microscopio che si svolgerà presso ALEMBIC, il servizio di microscopia dei laboratori di ricerca del San Raffaele. Poiché i geni consegnati agli studenti saranno diversi fra loro, al termine della settimana di lavoro sperimentale, essi saranno in grado di descrivere il loro gene ignoto e confrontare i risultati ottenuti con quelli dei compagni. Per un efficiente svolgimento del percorso formativo, gli studenti dovranno avere una buona preparazione sui contenuti del BiotechBook, che rappresenterà la base teorica necessaria per accedere alla parte sperimentale. Ogni studente sarà personalmente impegnato nello svolgimento del proprio percorso sperimentale e ne sarà anche responsabile: i dati che otterrà dovranno essere raccolti con ordine nel quaderno di laboratorio e verranno discussi con i docenti ed i tutori durante ed al termine del percorso formativo. L'impegno personale richiesto è quindi molto elevato e saranno molte le sfide che ogni studente dovrà affrontare per portare a termine il proprio progetto. Essi saranno però sempre seguiti e sostenuti dai docenti e dai tutori che li seguiranno in ogni passo del loro percorso. Questo approccio permetterà agli studenti, seppur in un tempo limitato, di apprezzare lo stimolo del ricercatore a "scoprire", ad approfondire le proprie conoscenze, nonché ad esporre e mettere a disposizione della comunità scientifica i propri risultati. Criteri di accesso Il progetto Summer BiotechSchool si svolgerà nell arco di una settimana di giugno 2007, dopo la fine dell anno scolastico. Per mantenere elevato il rapporto docente-studente, l'accesso sarà limitato a 16 studenti, che verranno selezionati sulla base di un test di valutazione che si svolgerà in occasione dell'open day dell'università. Il test sarà composto da domande a scelta multipla e domande aperte su tutti gli argomenti affrontati nel BiotechBook. Il programma è ancora in corso di definizione e potrà subire delle variazioni. 5

6 Micro e nano: nuove sfide tecnologiche Progetto di orientamento attivo degli studenti e di sviluppo professionale dei docenti. La ricerca avanzata nelle micro e nanotecnologie nasce dalla possibilità di sviluppare tecnologie per studiare e controllare le proprietà della materia su scala molecolare. Con le nanotecnologie gli atomi o le molecole vengono manipolati per produrre materiali, apparecchi e nuove tecnologie con possibili applicazioni in settori di ricerca multidisciplinari che coinvolgono la fisica, la chimica, l'elettronica, la meccanica dei materiali, la biologia molecolare. Obiettivo strategico degli ultimi due programmi quadro della ricerca dell Unione Europea, le nanotecnologie non sono solo di importanza fondamentale per la tecnologia e l'industria, in quanto promuovono la competitività economica, ma rappresentano anche un'immensa sfida intellettuale, culturale ed educativa. La Lombardia, da sempre all avanguardia nella ricerca scientifica e tecnologica avanzata, presenta centri di eccellenza anche nelle nanotecnologie, grazie al NEMAS - Centro di Eccellenza per l Ingegneria dei Materiali e delle Superfici nanostrutturati del Politecnico di Milano, al CIMaINa - Centro di Eccellenza Interdisciplinare Materiali e Interfacce Nanostrutturati dell Università degli Studi di Milano e al Dipartimento di Scienza dei Materiali dell Università degli Studi di Milano Bicocca. Tali Centri operano in sinergia con le imprese di diversi settori merceologici interessate alle applicazioni della ricerca a livello industriale. Dal comune intento, condiviso con il sistema scolastico lombardo, di interpretare in maniera lungimirante le istanze di innovazione, nasce il progetto Micro e nano: nuove sfide tecnologiche che condivide la filosofia di fondo degli altri progetti ponte e di sviluppo professionale dei docenti e consente di sviluppare competenze specifiche in un settore di alto contenuto tecnologico e di interesse cruciale per la ricerca scientifica del nostro paese. Seminari di approfondimento scientifico, esperienze di stage brevi e lunghe nei laboratori dei centri di eccellenza destinati a studenti di particolare talento e a docenti di area scientifica consentiranno di mettere in comunicazione l eccellenza della scienza con l eccellenza della scuola, di far conoscere le nuove frontiere della ricerca, di avvicinare docenti e studenti al mondo dei materiali avanzati e intelligenti e alle possibili applicazioni tecnologiche nel campo della manipolazione della materia. Le attività del progetto, che prende avvio nel mese di novembre 2006, si propongono di raggiungere risultati concreti e duraturi per studenti e docenti, attraverso il miglioramento delle competenze specifiche e il potenziamento delle capacità orientative per gli uni, l aggiornamento disciplinare e lo sviluppo delle competenze professionali per gli altri. Mail: 6

7 E.S.D. - Education for Sustainable Development Progetto di orientamento attivo, sviluppo professionale e buone pratiche di sostenibilità. Nel dicembre del 2002 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sulla base di una proposta nata in occasione del Vertice Mondiale di Johannesburg, ha proclamato il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile (DESS) per il periodo e ne ha affidato la guida all UNESCO. In questo ambito, numerosi associazioni ed organismi pubblici e privati hanno accolto l invito della Commissione Nazionale Italiana (CNI) per l UNESCO a realizzare una rete, la più ampia possibile, di persone ed organismi, istituzioni e società civile, come sede di coordinamento permanente delle iniziative volte a promuovere l Educazione allo Sviluppo Sostenibile. Nel documento programmatico Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione all Energia Sostenibile firmato dall Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e dalla Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO si esplicita la volontà di dare concretezza alle azioni finalizzate alla formazione su tematiche specifiche (come, ad esempio, quelle relative ai cambiamenti climatici, all energia, alla mobilità, all alimentazione e alla salute, ai diritti umani, all intercultura), e sugli aspetti metodologici che caratterizzano una educazione al cambiamento orientato allo sviluppo sostenibile. Il Progetto E.S.D. - Education for Sustainable Development si propone di dare seguito e organicità alle molte azioni promosse in questi anni dall Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e attuati nelle scuole. Una rete di soggetti di diverse istituzioni (Scuole- Università Enti locali Organismi internazionali Fondazioni Associazioni imprenditoriali) progetterà iniziative di orientamento attivo per studenti e di sviluppo professionale per docenti. Con il supporto scientifico di docenti e ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Elettrotecnica del Politecnico di Milano e attraverso la rete delle scuole S.E.R.R.E. - Scuole per le Energie Rinnovabili e il Risparmio Energetico e di altre reti di scuole, si potranno inoltre definire progetti di risparmio energetico domotica, di utilizzo di fonti di energie rinnovabili, di valutazione dell impatto ambientale legato alla mobility nelle aree metropolitane. Si realizzeranno anche impianti-laboratorio per lo studio e lo sviluppo delle energie rinnovabili e sarà creato un sistema informatico di comunicazione della rete per favorire la diffusione di progetti concreti di buone pratiche di sostenibilità mettendo a disposizione di studenti insegnanti il prontuario delle esperienze e degli strumenti realizzati. Mail: 7

8 Lo spettacolo in Lombardia: teoria e prassi Università degli Studi di Milano Facoltà di Lettere e Filosofia. Scuola estiva Abbiategrasso Ex Convento dell Annunziata 19/22 giugno 2007 Il progetto In collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e l IRRE Lombardia - Istituto Regionale Ricerca Educativa -, la Scuola estiva si propone di coinvolgere gli studenti del penultimo anno delle scuole superiori in un percorso organizzato che consenta loro di entrare in contatto con la didattica universitaria, attraverso lezioni teoriche ed esperienze laboratoriali specificamente orientate nelle aree dello spettacolo (teatro e cinema) e dell estetica. L elevato numero di studenti che ogni anno si iscrive ai Corsi di laurea promossi dalla Facoltà di Lettere e Filosofia, impone un nuovo criterio di informazione per le scuole e di formazione per gli studenti, finalizzato a una scelta consapevole e molto ponderata del futuro universitario. La Scuola estiva dovrebbe assolvere a questo impegnativo compito, dando avvio a una collaborazione duratura tra la Facoltà, l Ufficio Scolastico Regionale, l IRRE e gli insegnanti delle scuole superiori coinvolte, da proseguire anche nei prossimi anni con l apporto dell esperienza passata e di nuove proposte. Per lo studente liceale, si tratta di un occasione importante e formativa di avvicinamento al mondo dell Università, attraverso l analisi e lo studio delle discipline dello spettacolo. Il pluralismo dei linguaggi dello spettacolo, sia per quanto riguarda lo spettacolo dal vivo sia per quanto concerne l ambito cinematografico, sarà ricondotto a un unica linea di sviluppo che dall estetica, quale disciplina filosofica, apre alla riflessione sulla creazione, la ricezione, l intrattenimento. I nodi teorici e problematici della strutturazione e programmazione dello spettacolo nelle sue varie prospettive verranno analizzati con terminologie e metodi adatti agli studenti del penultimo anno delle scuole superiori. Gli argomenti saranno trattati a diversi livelli di approfondimento, puntando soprattutto sull esemplificazione rigorosa. I riferimenti saranno scelti all interno dell ampia panoramica che la regione Lombardia fornisce sia a livello di programmazione teatrale sia per quanto concerne le iniziative di promozione e sviluppo del cinema italiano e straniero. Le elevate competenze teoriche, metodologiche e tecniche dei docenti coinvolti saranno rimodulate per favorire un contatto serio, ma godibile, con lo spettacolo dal vivo e con il cinema, al fine di dare inizio a una formazione (che ci si augura lo studente prosegua nell ultimo anno del liceo e poi nei corsi universitari) in grado di consentire l elaborazione di strumenti critici che conducano a una limpida analisi degli spettacoli teatrali e cinematografici, alla comprensione delle tecniche artistiche, alla valutazione di progetti di eventi, alla valorizzazione della ricezione degli stessi. I laboratori hanno come scopo di avvicinare alla disciplina da un punto di vista esemplificativo relativo agli ambiti propri delle arti dello spettacolo. Verranno analizzati i principali strumenti metodologici e critici, tecnici ed espressivi, di cui la disciplina si avvale nella ricerca e nell analisi delle arti dello spettacolo e della sua fruizione. Gli elementi teorici verranno riconsiderati attraverso esempi semplici e comprensibili, a partire dalla visione di spezzoni di spettacoli teatrali o cinematografici. Le competenze analitiche, storiche e teoriche verranno applicate in riferimento a problematizzazioni concrete. Il programma Martedì 19 giugno Inizio dei lavori e presentazione Spettacolo e spettatori Prof.ssa Maddalena Mazzocut-Mis Laboratorio di Estetica dello spettacolo Dott. Manuele Bellini, dott. Matteo Accornero Mercoledì 20 giugno Lo spettacolo dal vivo Prof. Paolo Bosisio Laboratorio di Discipline dello spettacolo Dott.ssa Nadia Palazzo Giovedì 21 giugno Regia, scene e costumi Prof. Alberto Bentoglio Laboratorio di Scenografia Dott.ssa Katia Angioletti Venerdì 22 giugno Il cinema come oggetto di studio Prof.ssa Elena Dagrada Laboratorio di Cinema Dott. Tomaso Subini, dott. Mauro Giori 8

9 Le modalità di adesione L organizzazione dell iniziativa sarà curata dal COSP Centro per l orientamento allo studio e alle Professioni dell Università degli studi di Milano. L iniziativa si terrà presso il complesso monumentale dell ex Convento dell Annunziata nel Comune di Abbiategrasso, dove è prevista una foresteria, con la possibilità di ospitare studenti provenienti dalle località più disagiate. Il numero massimo di partecipanti è di 100 studenti reclutati nelle scuole superiori della Lombardia. La selezione degli studenti partecipanti verrà affidata direttamente ai docenti delle scuole superiori ai quali si richiede di privilegiare nella selezione gli studenti con un buon profitto ed estremamente interessati all iniziativa. L iscrizione sarà a cura del docente referente per l orientamento e dovrà essere effettuata direttamente sul sito COSP. Accettata l iscrizione, si richiederà allo studente di inviare inviare il proprio Curriculum e una lettera di motivazione. Mail : 9

10 NABAVision. I linguaggi dell audiovisivo NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano è un Accademia legalmente riconosciuta, parte del sistema di Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM) del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR). Fondata nel 1980 offre corsi accademici di primo e secondo livello nelle aree del Design, Fashion Design, Comunicazione, Arti Visive e Scenografia. L'Ufficio Orientamento dell Accademia propone per l anno accademico 2006/2007 un progetto rivolto ai Licei della Lombardia. Il progetto viene svolto in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e IRRE Lombardia Istituto Regionale di Ricerca Educativa. L iniziativa NABAVision. I linguaggi dell audiovisivo Il progetto NABAVision. I linguaggi dell audiovisivo viene proposto alle Scuole in una duplice versione: Per gli studenti del 4 anno come Progetto ponte, per un massimo di 25 partecipanti, con durata dall 11 al 15 giugno 2007 e nel seguente orario dalle 10 alle 15. Per gli studenti del 5 anno il progetto si svilupperà nel periodo tra febbraio e marzo 2007, per un massimo di 25 partecipanti, con una cadenza di due incontri settimanali di due ore ciascuno dalle alle La struttura del progetto Il progetto vedrà coinvolti attivamente gli studenti nel processo di progettazione di un cortometraggio, attraverso una serie d incontri in Accademia, tenuti da Docenti esperti del settore, al fine di svolgere un attività introduttiva nell ambito della formazione artistica e multimediale. NABAVision. I linguaggi dll audiovisivo, realizzato con il Patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con l Associazione Illustratori, è strutturato in workshop teorico/pratici, durante i quali gli studenti che aderiscono al progetto realizzeranno uno storyboard, prima tappa per la creazione di un cortometraggio. Questo processo permetterà loro di comprendere le diverse competenze e i processi implicati nella produzione audiovisiva. Per informazioni e adesioni: Simona Castagna tel o La scheda di adesione (Pdf) compilata può essere trasmessa al numero di fax o all indirizzo 10

11 Summer school di giornalismo La vocazione educativa e formativa, l attenzione alla deontologia professionale e ai valori etici e professionali, la lunga e consolidata esperienza condotta in un trentennale di attività ha condotto quasi inevitabilmente l Istituto Carlo De Martino per la formazione al giornalismo a incontrare sul proprio cammino le scuole lombarde. La comunione di intenti, l abitudine a dialogare con i giovani ha dato vita ad una proficua collaborazione tra l Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia e l'istituto Carlo De Martino, la prima Scuola di giornalismo nata in Italia. L IFG, sigla con la quale è comunemente conosciuto l istituto De Martino, è stato istituito a Milano nel novembre Patrocinato e sovvenzionato dall'ordine dei giornalisti della Lombardia e dalla Regione Lombardia, è gestito dall'associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo.. Accoglie allievi laureati che compiono un percorso biennale, ideato per sostituire a tutti gli effetti il praticantato giornalistico, effettuato nelle aziende editoriali, giuridicamente obbligatorio per poter sostenere l'esame di Stato e diventare "giornalisti professionisti". L'attività didattica della scuola si articola in due dimensioni, una redazionale e l'altra teorica, che tendono sempre più a integrarsi in modo da consentire agli allievi di stare al passo con la rapida e continua evoluzione del mondo mediatico innescata dalle innovazioni tecnologiche. La scuola infatti ha attuato un integrazione tra diversi piani di insegnamento per assumere gradualmente la configurazione di una vera e propria redazione multimediale. L obiettivo è intrecciare come i fili di un canestro l uso della strumentazione tecnologica con la tecnica, la velocità e i ritmi della scrittura giornalistica, la sfida quella di connettere, accorciare sempre più le distanze tra due livelli didattici. La Scuola è dotata anche di testate proprie: "IFG Notizie", "Ore 13", "IFG on line", "Speciale FM" e "IFG TV". Il corpo insegnante è costituito da alcune tra le migliori firme del giornalismo italiano, da docenti universitari ed esperti in settori altamente specializzati. L'attività didattica vera e propria è arricchita dall'intervento di ospiti d'accezione, italiani e stranieri, selezionati tra le migliori firme del giornalismo, imprenditori, protagonisti del mondo della comunicazione e dello spettacolo. Fino ad oggi dalle aule dell'istituto milanese sono usciti 635 giornalisti professionisti, molti dei quali occupano attualmente ruoli di primo piano nei media nazionali. Molte le azioni significative già avviate con l IFG, alcune delle quali hanno avuto come protagonisti i giovani allievi dell IFG, impegnati in interviste o commenti legati ad eventi di particolare rilievo per il mondo scolastico o universitario, altre, invece, studenti delle ultime classi della scuola secondaria. Si sono avviati, infatti, dei microstage, brevi esperienze presso l Istituto allo scopo di avvicinare gli studenti alle tematiche inerenti alla professione del giornalista e di sollecitare la riflessione sulle novità e le prospettive che si aprono nell odierna società globalizzata e dominata da mezzi di comunicazione in veloce trasformazione. Per la prossima estate è prevista una azione più complessa ed articolata, che si pone gli stessi obiettivi ma agisce più in profondità: l organizzazione di una summer school della durata di una settimana. Studenti delle classi quarte delle scuole superiori, particolarmente motivati potranno frequentare le aule e i laboratori dell Istituto per affrontare in particolare le problematiche della scrittura del testo informativo ed argomentativo e acquisire le competenze necessarie per affrontare, nel corso dell esame di Stato, la prova scritta di italiano che prevede la stesura di un articolo di giornale o di un saggio breve. Il tutto in modo coinvolgente e attivo. Ascolteranno i suggerimenti di docenti e tutor, di qualche grande firma del giornalismo, rifletteranno su cosa significa comunicare un fatto o raccontare una storia, e si cimenteranno in prima persona nella stesura di testi, nella costruzione di una pagina di quotidiano, di un menabò. Le lezioni si svolgeranno nei locali dell IFG- tecnologicamente attrezzati con strumentazioni che simulano anche studi radiofonici e televisivi - dalle 10 alle 16, dal lunedì al venerdì, nel mese di giugno/luglio Verranno utilizzate metodologie di didattica attive: i momenti formativi si articoleranno in brevi comunicazioni teoriche, relative alla professione del giornalista e alle tecniche di scrittura, accompagnate da ripetuti ed approfonditi momenti redazionali e laboratoriali in cui i ragazzi saranno invitati a fare il giornale, a scrivere pezzi giornalistici, ad impaginarli mettendo in pratica i suggerimenti e le indicazioni avute. Si metteranno in gioco personalmente e sperimenteranno che Imparare a scrivere è un arte da costruire con passione e molta disciplina. Bisogna rispettare la verità, ma avere anche estro. Divertirsi e impegnarsi con serietà. Informarsi ed informare è utile, divertente ma anche impegnativo. Nessuna delle due specificità va mortificata. Altrimenti non si raggiunge l obiettivo del comunicare. Per informazioni: 11

12 Le nuove tecnologie per la conoscenza del cervello e delle sue patologie Progetto di orientamento attivo degli studenti e di sviluppo professionale dei docenti. Le malattie neurodegenerative affliggono solo in Europa diversi milioni di persone, che ad oggi non vedono per le loro patologie alcuna prospettiva di cura. Per studiare con un approccio nuovo e multidisciplinare le malattie neurodegenerative, al fine di prevenirne l insorgenza, accelerarne la diagnosi e mettere a punto nuove e più efficaci strategie terapeutiche, nel 2001 il Ministero per l Università e la Ricerca Scientifica e Tecnologica ha fondato il CEND, Centro di Eccellenza per lo Studio delle Malattie Neurodegenerative dell Università degli Studi di Milano. Il CEND raccoglie più di 200 ricercatori di diversa estrazione, appartenenti a tre diverse Facoltà dell Università milanese e provenienti dai Dipartimenti di Patologia Animale, Endocrinologia, Patologie Generale, Farmacia, Farmacologia e Tossicologia Mediche, Scienze Neurologiche e Scienze Farmacologiche. Essi cooperano non solo per ottenere nuovi risultati dalla ricerca scientifica di base, grazie anche all utilizzo di avanzate tecnologie di neuroimaging e di laboratori tecnologici comuni all avanguardia, ma anche per favorire il loro passaggio dal laboratorio alla clinica, grazie alla collaborazione con importanti istituti clinici. Il CEND ha da sempre tra i suoi obiettivi la formazione dei giovani ricercatori, che partecipano attivamente ai progetti di ricerca e godono di un vivace programma di educazione continua basato su seminari e convegni nazionali ed internazionali nel campo delle malattie neurodegenerative. A queste attività, inoltre, il CEND affianca già da alcuni anni una serie di incontri destinati a studenti e docenti delle scuole superiori, sotto forma di un ciclo di lezioni sul sistema nervoso ed il suo funzionamento, allo scopo di sensibilizzare i giovani alle problematiche della ricerca nel campo delle neuroscienze. Da questa iniziativa in particolare prende le forme il progetto Le nuove tecnologie per la conoscenza del cervello e delle sue patologie, che mira ad accrescere le conoscenze dei giovani in un campo della ricerca scientifica che promette grandi prospettive di sviluppo, grazie all avanzamento delle tecnologie applicabili al settore, che consentiranno di investigare campi fino ad oggi inesplorati grazie alla collaborazione di diverse aree disciplinari e di perseguire importanti risultati dal punto di vista della salute pubblica e del miglioramento della qualità della vita di una terza età sempre più rappresentata numericamente. L eccellenza della ricerca scientifica condotta dal CEND verrà messa a disposizione dei giovani più promettenti e dei loro docenti con seminari di approfondimento scientifico e con stage presso i laboratori del centro, per avvicinarli al mondo della ricerca di base e delle nuove applicazioni della fisica e dell informatica, e per consentire loro di apprendere i principi delle principali tecniche di coltura cellulare, biologia cellulare ed ingegneria cellulare e molecolare. Il CEND inoltre organizzerà per gli studenti alcuni periodi di soggiorno all estero, per visitare alcuni tra i più importanti laboratori europei nel campo delle neuroscienze, nell ambito di alcuni tra i progetti di ricerca europei cui il centro partecipa: ad esempio, CASCADE (coordinato dal Karolinska Institutet di Stoccolma e cui partecipano tra gli altri la Johannes Gutenberg University of Mainz, l Ecole Normale Supérieure de Lyon, la University of Helsinki), nel quale è affrontato il problema della neurotossicologia, e CRESCENDO (coordinato dal francese Centre National de la Recherche Scientifique e cui partecipano tra gli altri lo European Molecular Biology Laboratory di Heidelberg, il Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco, il Consejo Superior de Investigaciones Cientificas di Madrid, il Centre Européen de Recherche en Biologie et Médecine di Strasburgo), che si occupa tra l altro di neuroinvecchiamento. Il progetto, che prenderà il via nell estate 2007, si pone quindi come obiettivi: l arricchimento delle conoscenze degli studenti sulla ricerca di base e clinica nel campo delle neuroscienze, per fornire loro un aiuto concreto nel corso degli studi e per dotarli di un bagaglio adeguato di informazioni lungo il cammino delle scelte di studio e professionali; l aggiornamento e lo sviluppo delle competenze dei docenti, perchè possano mantenere elevato e soprattutto aggiornato il livello del loro insegnamento, perché ai giovani possano pervenire in ogni corso di studi le informazioni più attuali su un campo della conoscenza in così rapida evoluzione. Mail: 12

13 Ciclo di seminari divulgativi sulla Statistica Progetto di orientamento degli studenti e di sviluppo professionale dei docenti. La recente indagine Statistici e Lavoro 2006, condotta dalla Facoltà di Scienze Statistiche dell Università degli Studi Milano-Bicocca, ha messo in evidenza in modo inequivocabile la scarsa conoscenza che le famiglie italiane hanno della Statistica, intesa come scienza, e della professione di Statistico. A fronte di ciò, il mondo del lavoro, chiamato a governare una complessità crescente, guarda con sempre maggiore interesse ad una formazione universitaria di tipo statistico. Per contribuire fattivamente alla diffusione della cultura statistica soprattutto tra i giovanissimi, la Facoltà di Scienze Statistiche ha deciso di impegnarsi in alcune iniziative di orientamento attivo rivolte a studenti e docenti. Il progetto ponte Settimana della Statistica in Bicocca, giunto quest anno alla seconda edizione, ha coinvolto nel 2005 circa 250 studenti provenienti da 34 scuole differenti dando loro l opportunità di conoscere alcune applicazioni della Statistica mediante lezioni interattive e dinamiche e l uso di laboratori. La Facoltà di Scienze Statistiche intende riproporre nel 2007 anche il Ciclo di seminari divulgativi sulla Statistica rivolti a studenti e docenti delle scuole superiori. Gli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori troveranno nei seminari una valida introduzione alla Statistica, qualora non rientri nel programma di studi della propria scuola, o un occasione di approfondimento tematico, qualora siano già a conoscenza di metodologie statistiche di base; i docenti potranno trovare nei seminari uno strumento di conoscenza utile nello svolgimento delle attività di orientamento in uscita, qualora non siano insegnanti di Matematica o Statistica, o una occasione di confronto sulla didattica, qualora siano invece già esperti nella disciplina. I seminari avranno luogo durante il mese di marzo e avranno come oggetto il calcolo delle probabilità, la microeconomia e le scelte finanziarie, i metodi e le tecnologie dell informazione, la demografia, le serie storiche. Tenuto conto del riscontro avuto dalle iniziative sinora messe in campo, è allo studio da parte della Facoltà di Scienze Statistiche la possibilità di realizzare stage orientativi-formativi della durata di due settimane presso il Dipartimento di Statistica in affiancamento a ricercatori universitari. Mail: 13

14 Orientarsi a scuola Un progetto di ricerca azione per l attivazione di strategie di cambiamento - Fondazione IARD 1. Fare ricerca sull orientamento, orientare facendo ricerca In una società e in un mondo del lavoro in cui cognizioni come la flessibilità e la mobilità risultano essere abilità necessarie, il saper scegliere non è più una prerogativa di secondo livello, ma diventa una competenza fondamentale per orientarsi in un futuro sempre più complesso e articolato. Pertanto l orientamento non può limitarsi ad un ottica informativa, né ridursi ad una generica prospettiva di esplorazione attitudinale e/o motivazionale. Piuttosto l orientamento può essere meglio compreso ed interpretato se considerato sia come processo di attribuzione di senso ai vari sistemi socio-culturali costruiti, ricostruiti e attraversati da ciascun individuo, sia come una pratica di tipo narrativo che fa riferimento ai paradigmi della pedagogia narrativa (Bruner, 1992, 1997), della riflessività e dell autobiografia (Demetrio, 2004). A fronte di questo panorama, l obiettivo della ricerca triennale, attivata nel mese di novembre 2004 da Fondazione IARD, organizzazione no-profit che opera nell ambito della ricerca psico-sociale, in collaborazione con il Cospes, centro di orientamento scolastico e professionale salesiano, con il Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca, insieme ad alcune Direzioni Scolastiche Regionali (Abruzzo, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria), è stato quello di comprendere i bisogni orientativi degli studenti nelle differenti fasi di transizione e di scelta, per lo sviluppo di percorsi, strumenti e condizioni che attivino una progettualità consapevole. I risultati della ricerca saranno presentati nel seminario di studio, presso la sede dell irre lombardia, nel mese di gennaio 2007 in data da definirsi. 2. Le 3 Fasi della ricerca-azione Uno dei presupposti fondamentali dal quale si è partiti al momento dell ideazione di questo progetto è stato quello di riuscire a sviluppare un coinvolgimento reale degli studenti. Per questo si è inteso adottare l approccio metodologico dell action-resarch, per attivare il cambiamento dei comportamenti e degli atteggiamenti dei soggetti coinvolti - gli studenti, i docenti, i genitori - attraverso la partecipazione attiva degli stessi. La Fase 1 della ricerca si è conclusa nell agosto 2005, dando vita nel dicembre del 2005 alla pubblicazione del volume Orientarsi a scuola (Pocaterra, Pozzi, Gulli, 2005), ed alla diffusione dei risultati nei seminari di studio regionali. Si è posta un duplice obiettivo: la produzione di conoscenza sul fenomeno indagato, e l avvio di un percorso di riflessione su di Sé e di presa di consapevolezza negli studenti coinvolti, attraverso l utilizzo di uno strumento di autovalutazione online, il questionario Centra la scelta! 1, che ha coinvolto un campione di circa studenti, dai 13 ai 19 anni. Si è infatti inteso, da una parte ricostruire il complesso panorama dei fabbisogni orientativi degli studenti rispetto al tema delle strategie decisionali; dall altra, attivare una prima motivazione alla riflessione individuale sulle proprie competenze orientative. I dati raccolti attraverso lo strumento di rilevazione on-line, hanno consentito di mettere a fuoco i temi di analisi a partire dai quali sono state formulate, nella Fase 2, le ipotesi di continuità del progetto. L obiettivo della Fase 2 del progetto è stato quello di individuare, attraverso una metodologia di tipo qualitativo, le strategie decisionali degli studenti (13-19 anni), rilevare gli spazi di criticità - personali e di contesto - attraverso il confronto con il gruppo dei pari e con gli adulti significativi (docenti e genitori) - tramite strumenti quali il focus group (intergenere ed intergenerazionale), l intervista one to one, il colloquio orientativo - per l attivazione di modifiche degli stili cognitivi e dei comportamenti in ordine alle scelte e l individuazione di percorsi di orientamento finalizzati allo sviluppo degli attori in gioco 2. La Fase 3 del progetto, in avvio dal mese di gennaio 2007, prevede l elaborazione e sperimentazione di nuove linee di intervento, per la costruzione di percorsi orientativi e modelli di intervento di educazione e di orientamento nella realizzazione del progetto di vita individuale. 3. Primi risultati di ricerca: la scelta al termine della scuola superiore Di seguito, per punti, si evidenziano i principali risultati di ricerca ad oggi rilevati (ampiamente delineati nel corso del seminario di studio previsto per gennaio 2007), con un attenzione specifica al campione di studenti appartenenti alla 1 Lo strumento è a oggi ancora on-line a gratuitamente utilizzabile, accedendo al sito 2 La conoscenza critica dei propri punti di forza e di debolezza, l analisi del proprio percorso formativo, la verifica ed il monitoraggio continuo delle proprie scelte formative, la consapevolezza dei propri apprendimenti e dell importanza del loro sviluppo in tutto l arco della propria vita, divengono, infatti, elementi di cruciale importanza per far fronte alla sfide promosse dai contesti professionali e di vita. 14

15 classe V superiore, impegnati nel processo di transizione e di scelta del percorso formativo (universitario) o professionale post-diploma. La rappresentazione sociale del concetto di orientamento, in relazione all esperienza che gli studenti hanno compiuto (soprattutto nel contesto scolastico), alle conoscenze che essi hanno, nonché ai giudizi di valore comuni che essi danno dell orientamento: i dati mostrano come fra gli studenti vi sia una percezione dell orientamento soprattutto funzionale al momento decisionale, quale strumento di supporto ad una scelta imminente, e non come percorso educativo continuo. Nel tentativo di analizzare più approfonditamente la domanda di orientamento degli studenti, è stato loro chiesto se ritengono di avere bisogno di un sostegno per meglio orientarsi nella scelta futura : il 50% dei ragazzi e il 48,1% delle ragazze dichiara di non sentirne la necessità. A questo dato va aggiunto anche il 21,35% di coloro che dicono di non sapere, percentuale considerevole se rapportata al 27,3% dei ragazzi e al 31,9% delle ragazze che ne sottolineano invece il bisogno. Considerando il dato disaggregato ulteriormente per classi scolastiche di appartenenza, è possibile notare come una buona parte degli studenti frequentanti le quinte superiori (il 36,7%), e quindi molto prossimi alla scelta, ritenga di non aver bisogno di un sostegno per meglio orientarsi nella scelta futura. Il bisogno di relazioni sociali significative costituisce un secondo tema di analisi. Gli studenti - pur considerando le specificità legate all età e al genere - assumono quale valore importante il bisogno di costruire un ambiente sociale sereno, a cui appartenere e nel quale essere apprezzati. L esperienza dell altro significativo ricorre in molte dimensioni di analisi indagate nel percorso di auto-valutazione: nell immagine di Sé futura (all interno del contesto scolastico e professionale); nella rappresentazione dell esperienza scolastica, nella riflessione sui processi decisionali e sull atteggiamento nei confronti della scelta. L altro significativo non indica, necessariamente, un pari età, ma una figura sulla quale contare e di cui fidarsi. Per quanto riguarda la rappresentazione della scuola, nell immaginario degli intervistati al primo posto si rileva l idea di una scuola quale spazio di crescita personale (79,0% degli studenti di V superiore); al secondo posto emerge l immagine di un ambiente di socializzazione, dove è possibile stare insieme (67,8%) e dialogare con i coetanei (65,6%). La scuola intesa come luogo di apprendimento (69,6%) risulta essere solo al terzo posto, a cui fa seguito la nozione di investimento per il futuro (63,3%) e di realizzazione del Sé (54,0%). La specificità delle differenze di genere, nei processi di auto-valutazione del Sé in relazione alla scelta, costituisce un ulteriore materia di riflessione. Iniziare, infatti, ad individuare percorsi di orientamento che considerino le caratteristiche di genere (oltre che di età e di percorso formativo) può costituire un ulteriore elemento di positività che va nella direzione dello sviluppo del protagonismo dello studente. o o Percezione dell autostima. Dall analisi complessiva degli item relativi alla percezione di Sé emerge che quasi la metà dei giovani intervistati sembra avere una immagine negativa del proprio Sé, ammettendo di avere scarsa fiducia nelle proprie capacità e di conoscere poco i propri punti di forza atti a fronteggiare un problema. Spiccano nell analisi dei risultati relativi alla percezione della propria autostima le differenze di genere: la valutazione della propria autostima è risultata più positiva tra i ragazzi rispetto alle ragazze (65,6% contro il 49,4%). Il metodo di studio è una dimensione che permette non solo di comprendere quelle che sono le strategie messe in atto dallo studente per ottenere buoni risultati nello studio, ma che consente anche di analizzare i comportamenti che egli adotta per far fronte agli ostacoli e alle situazioni problematiche che incontra nel percorso scolastico. In questo caso mentre il 62,2% delle femmine si auto-valuta in modo positivo, solo il 46,8% dei maschi si attribuisce una competenza in tal senso. IN PROGRAMMA 2 GIORNATA DI STUDIO PER LA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DELLA RICERCA ORIENTARSI A SCUOLA GENNAIO 2007 IRRE LOMBARDIA Per ulteriori informazioni si prega di contattare la dott.sa Giovanna Gulli - Fondazione IARD - tel

16 RETE TRA SISTEMI PER LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITA NELLE PROFESSIONI TECNICO SCIENTIFICHE: MODELLI, METODOLOGIE E STRUMENTI (ID ) Fondo sociale Europeo POR Ob. 3 Regione Lombardia Misura E.1 Azioni di Sistema Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro Venerdì 15 dicembre 2006 ore Auditorium Gio Ponti Assolombarda Via Pantano 9, Milano SCEGLIERE LA SCIENZA: Orientamento e Pari Opportunità modelli metodologie e strumenti Apertura Lavori Alberto Meomartini, Consigliere incaricato per Scuola, Formazione e Università Assolombarda Presentazione del Progetto Daniela Ferrari, Polo Soderini della Provincia di Milano Contributi dei soggetti attivi in azioni ed interventi del Progetto Presentazione della ricerca Simona Guglielmi, Istituto IARD Franco Brambilla Tavola Rotonda Modera: Rosanna Santonocito, Giornalista - Sole 24 Ore Intervengono: Amalia Ercoli Finzi, Docente Meccanica Orbitale - Politecnico di Milano Maria Grazia Fornaroli, Docente Liceo Scientifico G. Casiraghi Carla Milani, Manager of University Relations IBM Italia SpA Giuliana Pupazzoni, Dirigente Ufficio Integrazione Politiche Formative Ufficio Scolastico per la Lombardia Alessandro Russo, Ordinario di Matematica Università degli Studi di Milano Bicocca Nicola Vittorio, Presidente Conferenza Nazionale Presidi di Scienze E prevista la partecipazione della Direzione Generale Formazione Istruzione e Lavoro della Regione Lombardia

17 Scegliere la scienza: orientamento e pari opportunità Rete tra sistemi per la promozione delle pari opportunità nelle professioni tecnico scientifiche: modelli, metodologie e strumenti OBIETTIVO DEL PROGETTO Obiettivo del progetto è stato avvicinare la popolazione studentesca, in particolare quella femminile, a percorsi formativi e professionali in cui sono richieste competenze tecnico-scientifiche. Questo scopo è stato perseguito attraverso la creazione di una rete di collaborazione tra scuole, università ed enti, ai fini di consolidare, in futuro, le diverse pratiche sperimentate nel corso del progetto. PARTNER Partner del progetto (in A.T.S ) sono il C.F.P. VIGORELLI DELLA PROVINCIA DI MILANO (capofila), l UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO, l ISTITUTO IARD Franco Brambilla, il GRUPPO CLAS, il POLO ORIENTAMENTO DELLA PROVINCIA DI MILANO. ASSOLOMBARDA, UFFICIO SCOLASTICO PER LA LOMBARDIA e DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO ECONOMICO, FORMAZIONE E LAVORO DELLA PROVINCIA DI MILANO hanno sostenuto il progetto e partecipato alla sua realizzazione attraverso il Comitato di Pilotaggio. Infine, il CONSORZIO FORMAZIONE INTEGRATA SCUOLA LAVORO COFORIN, l ASSOCIAZIONE CITTA DEI MESTIERI DI MILANO E DELLA LOMBARDIA e il PROGETTO QUALITA DELLA SCUOLA DEL MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE hanno contribuito in sede di progettazione e di realizzazione delle azioni. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO Scelte al femminile: una lettura di genere dei percorsi formativi e professionali al termine del ciclo dell obbligo e alla fine dell istruzione superiore (Macroazione A) L azione è stata finalizzata a ricostruire un quadro di riferimento sulle percezioni, i vissuti e i criteri di scelta di studenti e studentesse in Lombardia relativamente ai percorsi di istruzione superiore e universitaria nei settori disciplinari tecnico-scientifici al fine di fornire utili indicazioni per la strutturazione dei servizi di orientamento, anche in chiave di genere. Definizione di uno più modelli di offerta di servizi informativi ed orientativi, a supporto di scelte professionali e di studio di tipo tecnico-scientifico (Macroazione B) L azione è stata mirata alla preparazione del modello dell offerta di servizi dedicati all utenza interessata alle professioni tecnico-scientifiche, con il coinvolgimento diretto degli operatori dell università, della scuola e della formazione professionale, anche attraverso momenti laboratoriali e focus group. Sperimentazione del sistema di servizi (Macroazione C) Allo scopo di suscitare interesse verso le discipline scientifiche, il progetto ha previsto la sperimentazione di incontri, focus group e attività laboratoriali destinate a docenti ed allieve/i. Gli incontri ed i focus group, che hanno visto il coinvolgimento di docenti ed operatori, sono stati dedicati all orientamento e alla valorizzazione delle esperienze laboratoriali strutturate a fini orientativi ( Orientamento alle professioni tecnico-scientifiche ), all informazione e all aggiornamento sul mondo aziendale ( Lavorare con un titolo di studio tecnico-scientifico ), alla progettazione dell orientamento attraverso l approccio per competenze ( Le competenze scientifiche ). L attività più propriamente laboratoriale proposta a studentesse e studenti è stata articolata in diversi percorsi, proposti da C.F.P. Vigorelli, Università degli Studi di Milano e Polo Orientamento-Città dei Mestieri ed in collaborazione con il Politecnico di Milano: Chimica ed Ambiente (laboratorio presso il CFP Vigorelli della Provincia di Milano e presso il Centro Nazionali di Ricerca); il laboratorio di genetica molecolare BioLab e quello di Bioinformatica a cura l Università degli Studi di Milano; il ciclo di Film Sguardi sulle Donne di Scienza sulla vita e le scoperte di donne scienziate; il ciclo di seminari di Città dei Mestieri di Milano sulle professioni tecnico-scientifiche, momenti di orientamento informativo rivolti a studenti e operatori; i laboratori di Ingegneria e di Elettronica ed informazione del Politecnico di Milano. Monitoraggio e valutazione del progetto (Macroazione D) Nel corso del progetto sono stati previsti momenti di verifica dello stato di avanzamento, del livello di raggiungimento degli obiettivi e di valutazione dell efficacia degli strumenti proposti.

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

COSP-CENTRO DI SERVIZIO DI ATENEO PER L ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E ALLE PROFESSIONI

COSP-CENTRO DI SERVIZIO DI ATENEO PER L ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E ALLE PROFESSIONI Newsletter orientamento UniMi Anno accademiico 2011-2012 Ai Presidi e ai Delegati per l orientamento Gentili Professori, segnaliamo le iniziative di orientamento promosse dal Cosp e organizzate in collaborazione

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe.

CORSO DI FORMAZIONE. Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe. CORSO DI FORMAZIONE Le neuroscienze in cucina e in laboratorio. Esperimenti e approfondimenti per la didattica in classe Il corso di formazione rientra nel programma della Fondazione Golinelli Educare

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea triennale in Biotecnologie Università di Roma LA Sapienza Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Presidente: Prof. Giuseppe Macino Vice Presidente:

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

L I C E O V E R O N E S E. Quale liceo scegliere?

L I C E O V E R O N E S E. Quale liceo scegliere? hioggia (V) L V R S L'intervento formativo del Liceo Veronese ha come priorità la crescita dello studente in tutte le sue dimensioni. L'attività didattica mira a fornire una preparazione culturale solida

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LABORATORIO Professione psicologo

LABORATORIO Professione psicologo Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche LABORATORIO Professione psicologo AA. 2010-2011 2011-1 - UNO SPUNTO PROVOCATORIO Siamo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO A. VOLTA 70032 BITONTO (BA) Via Matteotti n. 197 Distretto scolastico n. 8 Codice Fiscale 80007640727 Indirizzi: MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA - ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

Attività di stage in azienda per docenti e alunni

Attività di stage in azienda per docenti e alunni Premessa Attività di stage in azienda per docenti e alunni Progetto di stage Docenti in Azienda - collaborazione con Ufficio Regionale per la Liguria e Confindustria di Genova fa parte delle iniziative

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola

Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola Differenze e diversità - Si può essere diversi e uguali? La Giornata dell Intercultura nella scuola Un mondo di DIVERSITÀ Un percorso per le pari opportunità nella diversità attraverso il Teatro, la Danza

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress Bando di Concorso per le scuole superiori Concorso Social Innovation...in Progress 1. Presentazione La Fondazione ÈBBENE, in collaborazione con l Incubatore Certificato Consorzio Sol.CO Rete di imprese

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2014 Scuole Secondarie di secondo Grado

CALENDARIO EVENTI 2014 Scuole Secondarie di secondo Grado CALENDARIO EVENTI 2014 Scuole Secondarie di secondo Grado ISTRUZIONI PER LA PARTECIPAZIONE Le Scuole si devono iscrivere inviando la scheda di iscrizione ai recapiti indicati per ciascun evento. Se la

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Interfacoltà in Storia della società della cultura

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

PROGETTO MEDICINA PER STARE

PROGETTO MEDICINA PER STARE ASSOCIAZIONE GERMOGLIO PROGETTO MEDICINA PER STARE UNA MEDICINA MEGLIO INSIEME Le diversità di cultura, di abilità, di genere: limite o ricchezza? promosso dalle Associazioni PerLeDonne - Germoglio - La

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA ANNO SCOLASTICO 2014/15 PROGETTO ACCOGLIENZA A.S. 2014-2015 Premessa L accoglienza di nuove persone è un momento fondamentale nella dinamica di una Scuola dove l inserimento di nuovi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA E DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 1) Cosa significa Continuità educativa e didattica La Continuità è un processo

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

1. Interventi per favorire la 2. INTERVENTI FORMATIVI 3. INTERVENTI FORMATIVI. 4. Misure di ACCOMPAGNAMENTO. Programmazione Attività di Orientamento

1. Interventi per favorire la 2. INTERVENTI FORMATIVI 3. INTERVENTI FORMATIVI. 4. Misure di ACCOMPAGNAMENTO. Programmazione Attività di Orientamento Programmazione Attività di Orientamento in ingresso Anno Scolastico e Accademico 2007/2008 1. Interventi per favorire la CONTINUITÀ DIDATTICA 1a. Gruppo misto paritetico università/scuola 1b. Settimana

Dettagli