PREMESSA GLI OBIETTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA GLI OBIETTIVI"

Transcript

1 PREMESSA I pilastri su cui dovrà poggiare l azione della Regione nella prossima legislatura, ricollegandosi agli obiettivi di Europa 2020 richiesti dall UE a tutti gli Stati membri ed in continuità con gli obiettivi di fondo che avevano caratterizzato la Giunta Illy sono: - l investimento sulla società della conoscenza diffusa (la Regione della conoscenza), vale a dire l investimento sulla qualità dell istruzione e della formazione delle giovani generazioni, sulla formazione continua (lifelong learning); ciò significa - Promuovere una scuola come luogo di formazione globale dell uomo e del cittadino, nelle sue capacità relazioni, conoscitive, di consapevolezza critica del mondo che lo circonda e delle opportunità che in esso può svolgere e delle responsabilità che è chiamato ad esercitare; - promuovere tutte le azioni di prevenzione e sostegno per il totale abbattimento dei tassi di dispersione scolastica; l incremento del numero dei laureati con competenze rispondenti alle esigenze del mercato del lavoro; l incremento dei percorsi formativi integrati IFTS- (realizzati in collaborazione tra Scuola, Università, Impresa, Agenzie Formative) per la formazione di Tecnici Specializzati a livello post-secondario, con crediti formativi capitalizzabili, certificabili e spendibili anche in ambito universitario, rispondenti alla domanda del mondo del lavoro pubblico e privato, con particolare riguardo al sistema dei servizi, degli enti locali e dei settori produttivi interessati da innovazioni tecnologiche e dalla internazionalizzazione dei mercati. - Promuovere lo sviluppo dell innovazione e della crescita in campo economico e socioculturale; una scuola innovativa deve dare risposte alla cultura della complessità, va intesa come un laboratorio di innovazione didattica e tecnologica; vanno sostenute le istituzioni scolastiche anche liceali impegnate a superare il dualismo tra cultura umanistica e scientifica ed a creare un clima di laboratoriale, a favorire l alternanza scuola-lavoro, il raccordo tra istruzione e formazione; - ribadire che Istruzione e formazione non sono solo strumenti funzionali alla vita professionale, ma condizioni per la promozione della complessiva qualità della vita. Istruzione e formazione sono aspetti permanenti della vita umana e la funzione di rapporto tra scuola, mercato del lavoro e società civile è centrale; - sviluppare una scuola di respiro internazionale: va sviluppata la competenza degli studenti del FVG, regione centroeuropea per eccellenza, nelle lingue e culture europee ed internazionali. Per competere con il resto del mondo nell era della globalizzazione e della società basata sulla conoscenza, la Regione deve investire sull internazionalizzazione. GLI OBIETTIVI Per rispondere alla sfida del tempo e perseguire le finalità indicate in premessa, la scuola del Friuli Venezia Giulia deve perseguire i seguenti obiettivi. Essere una: 1

2 Scuola Inclusiva L organizzazione scolastica, con i suoi diversi protagonisti, deve essere in grado di rispondere ai bisogni di tutti gli utenti, di qualsiasi condizione personale, socio culturale, etnica e religiosa. La Regione FVG, in presenza di un forte processo immigratorio, garantisce il supporto di percorsi e materiali didattici e di strumentazioni tecnologiche adeguati (quali Cd, libri parlanti, software utilizzabili dalle Lim, giochi didattici) all interno di un percorso che ricopre tutto l arco della vita, dalla scuola dell infanzia, alle superiori, all Università, di figure professionali come i mediatori culturali, i facilitatori all'insegnamento, i referenti per l'educazione interculturale, vanno assicurati all interno di specifici dispositivi di accoglienza e di accompagnamento in tutte le fasi della vita (lifelong learning); Scuola inclusiva significa valorizzare la persona, attuare strategie didattiche ed educative individualizzate, accompagnare lungo il processo di formazione alunni/e e famiglie, tessere reti di solidarietà e di aiuto reciproco, organizzare gruppi di apprendimento cooperativo, organizzare relazioni di tutoraggio tra pari, sperimentare, documentare e soprattutto rispettare la dignità e le potenzialità di ogni ragazzo/a, riconoscendone l unicità. Scuola inclusiva significa promuovere ogni forma di sostegno sia a livello didattico che di insegnamento nei confronti dei giovani diversamente abili sia sul piano psichico che fisico. Costruire attorno a loro una comunità accogliente e responsabile nella ricerca della bontà e qualità delle relazioni e nella promozione di una crescita culturale rispettosa della dignità della persona. Scuola inclusiva significa superamento dei fattori di disuguaglianza nelle opportunità di accesso al sapere ed ai processi formativi da parte delle diverse componenti della popolazione che vivono in zone geograficamente disagiate o a rischio di isolamento come la montagna della nostra regione. Superare quelle situazioni di squilibrio e ingiustizia sociale, che costituiscono oggi in modo evidente anche elemento di freno e ritardo nei processi di sviluppo e innovazione dell economia e dell apparato produttivo di intere zone del nostro territorio regionale. Scuola efficiente Innanzitutto lotta alla dispersione. La bontà di una scuola si misura dalla capacità che ha di portare al più alto gradi di istruzione il maggior numero di giovani e non nella sua semplice capacità di selezionarli. E in questo la scuola Italiana non brilla per niente. L abbandono e la dispersione scolastica in Italia e anche nella nostra regione sono ancora a livelli insostenibili nella previsione di una società basata sulla conoscenza. In Italia la dispersione si aggira attorno al 19%. Nella nostra regione il 12% dei giovani abbandona gli studi prima di terminare gli studi superiori. L obiettivo però di Europa 2020 è di portare tale percentuale almeno al 10%. Nella nostra regione il 7% degli adulti partecipa a progetti di formazione permanente, Europa 2020 ci chiede di portare tale percentuale al 12%. Tutto questo richiede una progettazione apposita e la messa in campo di strategie della formazione adeguate. La nostra scuola ha bisogno soprattutto di una rivisitazione delle metodologie didattiche di insegnamento. Deve divenire il ruolo dello spazio della gioia creativa e non 2

3 della noia ripetitiva. Ciò significa per la scuola primaria mettere innanzitutto in moto gli strumenti: promozione di forme di individualizzazione adeguate a situazioni diverse e a esigenze individuali (anche non certificate o documentate); Scuola di qualità Per perseguire una scuola adeguata alle sfide del terzo millennio, riteniamo necessario lavorare su almeno tre assi fondamentali. Una scuola europea Nella nostra regione porsi il problema della qualità della scuola non sconta alcun senso di colpa rispetto alla situazione attuale. Anche nel confronto europeo rappresentato dalle ormai famose rilevazioni OCSE PISA, la nostra regione offre delle performance particolarmente soddisfacenti. Possiamo ben dire che le nostre scuole si rivelano costantemente tra le migliori d Italia e ampiamente al di sopra della media Europea. L ultima indagine, presentata nel 2009, parla chiaro: mentre l Italia nel suo complesso perde posizioni, il FVG non solo contribuisce ad alzare la media, ma si pone al vertice della classifica. Il punteggio medio totalizzato dagli studenti della regione nelle scienze fu di 534 punti a fronte di una media OCSE di 500 e di una media dell Italia di 475. Nell area della matematica il punteggio medio fu di 513, contro una media OCSE di 498 e una media dell Italia di 462 e nell area della lettura raggiunge i 519 punti, rispetto alla media OCSE di 492 e alla media italiana di 469. Ma al di là di questi dati, che esprimono peraltro uno spaccato del tutto settoriale e limitato del livello di apprendimento dei nostri studenti, la scuola di oggi deve rivedere a fondo la qualità e la struttura del proprio insegnamento. Per costruire davvero una nuova tipologia di apprendimento è la stessa Europa che ci dà le direttive. Filigrana dei nuovi obiettivi didattici per una scuola adatta ai tempi sono le famose competenze chiave indicate dallo stesso Consiglio d Europa ancora nel 2006: Comunicazione in madre lingua; Comunicazione in lingue straniere; Competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia; Competenza digitale; Imparare ad imparare; Competenze sociali e civiche; Spirito di iniziativa ed imprenditorialità; Consapevolezza ed espressione culturale. Dal che si deduce una impostazione fortemente dinamica del nuovo apprendere. Un pacchetto di competenze che puntano sul forte apprendimento delle lingue straniere per permettere lo sviluppo di una cittadinanza europea e mondiale di cui c è proprio bisogno per far fronte alle sfide dei tempi. Ma c è anche una sottolineatura (imparare ad impararespirito di iniziativa) chiarissima ad una apprendere che non sia stantio e ripetitivo, ma sia del tutto creativo, con la messa in gioco della intera personalità dell allievo. Purtroppo, ciò che è avvenuto con la recente riforma della scuola superiore per opera del Ministro Gelmini è stato tutto di segno contrario. Si è badato solo al risparmio e ci siamo allontanati da una visione europea del processo di apprendere. Una scuola per il lavoro Pur avendo il sistema scolastico quale prima finalità la formazione del cittadino, è del tutto evidente che la stessa deve mettere in grado gli studenti e le persone tutte di saper acquisire quelle competenze utili ad esercitare il proprio lavoro nell ambito della 3

4 complessità che l intero mercato oggi offre. Una scuola di qualità deve essere parametrata proprio alla acquisizione di quelle competenze tecnico professionali che la attualità del sistema produttivo richiede. Alcuni passaggi d obbligo. Il quadro istituzionale nuovo. Con l accordo del 29 aprile 2010 tra Stato e Regioni, si è definito il quadro istituzionale, che vale quindi anche per la nostra regione, del rapporto istruzione e formazione professionale. L accordo prevede che gli Enti accreditati di formazione professionale possano svolgere: percorsi di durata triennale, che si concludono con il conseguimento di un titolo di qualifica professionale; percorsi di durata quadriennale, che si concludono con il conseguimento di un titolo di diploma professionale. Gli Istituti professionali di stato continuano ad attivare percorsi quinquennali per il perseguimento di Diplomi di istruzione professionale. Gli stessi peraltro possono svolgere anche i percorsi di istruzione e formazione professionale triennali e quadriennali solo però in forma sussidiaria e complementare. Il quadro presenta ancora delle criticità, ma nel complesso è da giudicare positivo in quanto da una parte dà alle regione una ampia possibilità di intervento su tutto il settore della istruzione professionale e dall altra prevede una comunicazione tra i due sistemi, quello della istruzione e quello della formazione professionale, finalizzata al perseguimento dei risultati migliori nel campo del successo formativo. La formazione continua Il segmento della Formazione continua ha assunto in questi ultimi tempi una rilevanza sempre più notevole. Sia come cittadini che come lavoratori. Assumere l apprendimento, come esigono i dettati europei, come nucleo fondativo del far parte di una società, significa liberare l apprendimento stesso dai confini temporali entro i quali veniva tradizionalmente relegato, l infanzia e la adolescenza e farne cifra ed impegno per tutto il corso della vita. Significa creare un sistema di lifelong learning in risposta alle esigenze di istruzione e alle esigenze di riqualificazione che di giorno in giorno il mercato del lavoro esige. Non a caso sulle sue spalle poggiano, anche nella nostra regione, tutti gli interventi finalizzati ad ammortizzare le forti criticità prodotte dal mercato del lavoro in crisi. I punti critici cui metter mano Affinché tutto il sistema dell istruzione e formazione professionale possa dispiegare a pieno le sue possibilità, ossia la preparazione adeguata per le esigenze sempre cangianti del mercato del lavoro, vanno superate alcune criticità. Gli strumenti di analisi dei fabbisogni formativi va innovata profondamente. E noto che ancora oggi, in tempo di profonda crisi, alcune aziende non riescono a reperire sul mercato locale le competenze e le professionalità necessarie. C è ancora uno sfasamento troppo forte tra la formazione che si eroga e le necessità del mercato del lavoro. In secondo luogo manca nella nostra regione una rete orientativa informativa integrata. Che si tratti di studente o di lavoratore diviene essenziale avere strumenti di counseling, di autovalutazione, di conoscenza dei profili professionali, delle loro 4

5 caratteristiche. Il tutto per fare scelte oculate ed evitare così abbandoni, in caso di studenti della prima formazione, la frequenza di corsi inutili per i lavoratori in cerca di lavoro. In terzo luogo diviene improcrastinabile la necessità di una codificazione e riconoscimento delle competenze professionali. La costruzione di un sistema di competenze come unico punto di riferimento adottabile per favorire la trasparenza ed anche la trasferibilità tra i vari sistemi educativi-formativi e il mondo del lavoro. Potrebbe essere utili in questo senso la costruzione di un repertorio che potrebbe essere adottato almeno a livello regionale, così come è stato fatto per l apprendistato. Scuola sicura I dati relativi al monitoraggio sulla sicurezza nelle Scuole della Regione Friuli Venezia Giulia riportati nella stessa rilevazione confermano la presenza di strutture spesso vetuste e fuori norma. Poco confortante la considerazione che l edilizia scolastica nella regione FVG sia migliore rispetto ad altre regioni del Paese. I dati ci ricordano i rischi a cui studenti e personale devono esporsi frequentando gli edifici scolastici privi delle certificazioni di agibilità, di collaudo statico, conformità dell impianto elettrico, prevenzione degli incendi. Sconfortanti i dati dell Anagrafe nazionale dell edilizia scolastica: va a Pordenone il peggior dato sull agibilità (92% delle scuole senza il certificato), seguita da Gorizia, da Udine e Trieste; Trieste è in possesso del peggior dato sul collaudo statico (l 82% degli istituti giuliani non lo possiede), seguita da Gorizia, Udine e Pordenone. Rispetto alla conformità degli impianti elettrici non sono ancora conformi il 52% degli istituti a Trieste, il 44% a Gorizia, il 34% a Udine e il 23% di Pordenone. LA PROPOSTA Per perseguire gli obiettivi di cui sopra, la nostra regione ha un unico strumento da utilizzare, ossia esercitare fino in fondo le sue competenze, così come le sono state affidate dall art. 138 del Decreto Legislativo 112. Da qui la nostra proposta. Una rete scolastica adeguata alle esigenze formative La Regione deve farsi interprete delle specialità e delle caratteristiche del nostro territorio. L approvazione della rete scolastica deve avvenire nel rispetto dei piani provinciali, ma deve essere favorita una riflessione a monte delle scelte una riflessione sulle richieste formative del territorio e del quadro di riferimento nazionale soprattutto quando questo offre opportunità. Non possono sempre prevalere esigenze di economia rispetto alle esigenze formative delle comunità. Va quindi riaffermata la caratteristica della nostra regione ad essere per il 90% zona a specialità linguistica in modo da pretendere l applicazione dei parametri più bassi (600 alunni per gli istituti comprensivi e 400 per le scuole superiori) per salvaguardare l autonomia al maggior numero di istituti. A tale proposito il Pd chiede di aprire un tavolo di lavoro per un processo di monitoraggio e misure di accompagnamento del processo di dimensionamento 5

6 della rete scolastica; per ottimizzare il processo di cambiamento in corso si rende necessaria la collaborazione tra tutti gli attori del processo formativo, specie in un momento di difficoltà economiche e di ristrettezze finanziarie, in cui va mantenuto e difeso il diritto ad un istruzione qualificata, gratuita, inclusiva ed assicurate risposte alle famiglie in termini di servizi, all interno di programmi concreti e sostenibili dagli Enti Locali. Potenziamento dell offerta formativa Questo è il cuore di un intervento regionale per il sistema scolastico. Qui si possono e si debbono allocare risorse che davvero possono in parte raddrizzare i guasti che a livello nazionale le recenti riforme hanno portato. Qui si possono dare strumenti per poter perseguire quel rinnovamento metodologico didattico che i nuovi tempi esigono. Le direzioni si cui intervenire: - Il tempo pieno: agli istituti comprensivi sono state tagliate ore di insegnamento, sono state tagliate le compresenze. Tutta una filosofia didattica si sta perdendo. È possibile intervenire con fondi che permettano la continuità di questa esperienza. - Le lingue straniere: per una regione come la nostra che confina con due stati e che assurge a svolgere un ruolo di crocevia internazionale, si possono e si devono garantire le risorse per un insegnamento di lingue comunitarie integrativo alle curricolari in orario aggiuntivo. - Lo sviluppo dei diversi linguaggi: da quello cinematografico, a quello musicale, teatrale fino alla pratica e familiarizzazione con le nuove tecnologie digitali e massmediali. - L integrazione degli alunni stranieri: la presenza di ormai un buon 10% di alunni stranieri nelle nostre scuole rende sempre più urgente la messa in atto di strategie didattiche per un migliore processo di apprendimento di questi nuovi cittadini. - La promozione di progetti di cittadinanza attiva: la dimensione del servizio, della attenzione ai problemi della comunità, del coinvolgimento pratico ed operativo in azioni di solidarietà debbono far parte del bagaglio comune di ogni giovane. Potenziare in proposito l esperienza del servizio civile solidale. - La promozione di interventi per ridurre il fenomeno della dispersione scolastica attraverso progetti mirati svolti anche da reti di scuole che mettono in comune esperienze didattiche ed interventi formativi. - Particolare attenzione dovrà essere data alle scuole di montagna che per motivi strutturale ed ambientali rischiano un isolamento fisico ma anche culturale e necessitano di interventi straordinari sia di carattere logistico che formativo. - La promozione di tutte quelle progettualità espressione dell autonomia delle scuole, finalizzate a sviluppare alcune delle competenze chiave indicate dalla comunità europea come essenziali per il cittadino europeo del domani. - Promozione di interventi per il successo scolastico e la integrazione degli allievi diversamente abili attraverso progetti di insegnamento modulare individualizzato o particolari percorsi di carattere laboratoriale. 6

7 Tutto questo già si fa, ma è assolutamente insufficiente, anzi talvolta appare quasi residuale. Il PD invece chiede ed esige che tali interventi facciano parte della quotidianità della vita scolastica ed lascino davvero un segno formativo forte nella comunità. Attivazione di forme di governo territoriale E il problema delle rappresentanze scolastiche. A tale scopo, come da D.Lgsl. 112/98, vanno previsti organismi di partecipazione a livello territoriale, come Scuole- EELL- Servizi sociali- Agenzie del lavoro- Centri per l Orientamento che si occupino di definire una programmazione del servizio scolastico rapportata alle esigenze territoriali. A tale scopo vanno supportate le reti territoriali tra istituzioni scolastiche nonché i Centri Servizi Scolastici Territoriali. Servizi di sistema: l organico funzionale aggiuntivo Il PD dice un netto NO ad ulteriori tagli che la scuola dell autonomia non può ulteriormente sopportare. La scuola ha bisogno di una stabilità pluriennale delle risorse umane e finanziarie, necessita di un progetto nuovo che dia garanzie di continuità all azione didattica e centralità all istruzione, di investimenti per rafforzare la centralità dell autonomia, di un reclutamento a garanzia in primis della qualità. Si ritiene che vada espressa con forza dalla Regione FVG, come Regione a Statuto speciale, l esigenza di disporre di un proprio organico aggiuntivo a quello statale, come il Trentino Alto Adige. Pensiamo ad esempio alle graduatorie speciali per l insegnamento del friulano o a quelle previste dai Bandi regionali di cui alla L. 3/2001. Un organico aggiuntivo come risorse a disposizione per esempio per una intera rete di scuole. Servizi di sistema: formazione dei docenti L inaugurazione di una nuova stagione della storia che costringe a rivedere approccio culturale alla storia e al tempo presente, che necessita la rivisitazione di tutte le metodologie di insegnamento, dei diversi obiettivi didattici ed educativi, comporta una azione di rinnovamento che vada in profondità nella preparazione dei docenti. Da qui l esigenza di mettere in conto un sistema di formazione permanente per tutti coloro che continuano ad essere i formatori dei giovani di oggi. Servizi di sistema: rete di orientamento scolastico professionale Abbiamo sopra motivato l importanza dell orientamento scolastico professionale. Nella nostra regione la situazione è ancora di tipo artigianale. La scelta della scuola è spesso legata alla scelta dei compagni di classe o al suggerimento degli amici. Va costruita al contrario una rete di sportelli di consulenza che, affidato ad esperti e con metodi rigorosi sappia da una parte rapportare le scelte di indirizzo scolastico con le attitudini vere dell alunno, dall altra abbia anche una vision scientificamente corretta delle opportunità di lavoro legate ai diversi profili professionali. Diritto allo studio Attualmente la regione mette a disposizione risorse per garantire il diritto allo studio alle famiglie meno abbienti. Tutto questo deve restare ma è insufficiente ad assolvere a pieno quanto previsto dal dettato costituzionale. E necessario predisporre ed attivare un vero e proprio pacchetto di misure che perseguano davvero l obiettivo. Innanzitutto un sistema di borse di studio regionale che integri il sistema di borse di studio statale. In secondo 7

8 luogo sostituire l attuale sistema del comodato d uso dei libri di testo per la scuola superiore di primo e secondo grado, limitato nel numero di libri e di assegnazioni, con una fornitura gratuita della totalità dei libri di testo nei tre anni della scuola superiore di primo grado e nel primo biennio della secondaria. In terzo luogo la integrazione della Carta dello studente nazionale con interventi regionali che stabiliscano riduzioni del 30% a favore di studenti della scuola secondaria per accedere a musei, cinema, teatri, mostre, centri culturali, librerie, ostelli della gioventù. Investimenti quindi tesi all abbattimento delle barriere architettoniche e per l installazione di nuove attrezzature didattiche negli istituti scolastici a favore degli studenti o studentesse con disabilità fisiche o psichiche. Scuole internazionali La dimensione e il respiro internazionale debbono diventare cifra che connoti ogni scuola della nostra regione. Va pertanto sviluppata la competenza degli studenti del FVG, regione centroeuropea per eccellenza, nelle lingue e culture europee ed internazionali. Per competere con il resto del mondo nell era della globalizzazione e della società basata sulla conoscenza, la Regione deve investire sull internazionalizzazione. Vanno sostenute iniziative di scambio lingua e cultura con i Paesi asiatici, dell Est Europa, nell intento di condividere esperienze, di favorire e rafforzare la cooperazione internazionale, nell obiettivo del mantenimento di uno stretto contatto globale tra gli Istituti culturali del mondo. E da prendere in considerazione inoltre la istituzione di alcune Scuole internazionali, con programmi di insegnamento europei, con l inglese quale lingua veicolare, e il perseguimento finale di un Diploma o baccelleriato riconosciuto a livello internazionale. Osservatorio dell istruzione Analogamente a quanto avviene in altri settori della nostra società, non è possibile fare in corsa gli opportuni cambiamenti se non si ha la conoscenza, scientificamente documentata, di come stanno le cose su cui si deve metter mano. Proponiamo quindi l istituzione, come già in altre regioni è stato fatto, di un Osservatorio regionale dell istruzione che svolga un monitoraggio costante di tutti quegli elementi sensibili e utili ad avere il quadro della situazione: dati sul rendimento scolastico, dati sull abbandono e la dispersione, livello delle attrezzature didattiche, scelte di indirizzo e motivazioni relative, livelli di successo scolastico, scelte di indirizzi universitari, struttura del mercato del lavoro e dei profili professionali richiesti, metodologie didattiche adottate, struttura e composizione delle classi, condizioni dell edilizia scolastica, partecipazione agli organi collegiali, l'andamento del diritto/dovere all'istruzione, il flusso di informazioni da e verso le scuole, ottimizzando le azioni di raccolta e di gestione dei dati a livello provinciale e regionale. Piano di investimenti per la sicurezza La condizione materiale degli edifici in cui i nostri studenti vivono gran parte della loro giornata, come abbiamo visto, è inaccettabile. Dobbiamo uscire da questa situazione che non solo non mostrano ai nostri giovani un volto dignitoso delle nostre istituzioni, ma rappresentano talvolta situazioni di vero pericolo. Il compito prioritario del nostro Partito è quindi chiaro: l Impegno per la messa in sicurezza del 100% degli edifici scolastici della regione attraverso gli interventi atti ad ottenere i certificati richiesti dalle norme. Per raggiungere questo obiettivo c è un solo mezzo: Assicurare in sede di finanziaria le risorse necessarie alle necessità. 8

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

INDICE. Premesse... Pag. 1

INDICE. Premesse... Pag. 1 Schema di decreto legislativo concernente le norme generali relative al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione ed i livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione

Dettagli

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado.

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Walter Moro L abbandono precoce della scuola che si registra nell obbligo d istruzione, in particolare

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18

Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Legge Regionale Liguria 11 maggio 2009, n. 18 Sistema educativo regionale di istruzione, formazione e orientamento Bollettino Ufficiale della Regione Liguria del 20 maggio 2009 n. 8 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Protocollo di Orientamento

Protocollo di Orientamento Allegato 10 Protocollo di Orientamento Indice 1. Definizione di Orientamento 2. Motivazioni del progetto del nostro Istituto 3. Azioni/attività nelle singole classi 4. Risorse interne ed esterne 5. Documentazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI FINANZIARI PER LA SCUOLA (Art. 1, comma 3, della legge 28 marzo 2003, n.53) I principi innovatori della legge per la definizione delle norme generali dell istruzione e

Dettagli

Piano Triennale dell Offerta Formativa

Piano Triennale dell Offerta Formativa Decreto n 978 All Albo Pretorio Al Collegio dei Docenti e, p.c., A tutte le componenti dell Istituto Al Consiglio d Istituto Piano Triennale dell Offerta Formativa Linee di indirizzo Art. 1 co. 14 legge

Dettagli

FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI Audizione presso la VII Commissione permanente Cultura della Camera dei Deputati

FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI Audizione presso la VII Commissione permanente Cultura della Camera dei Deputati FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI della Camera dei Deputati Il Forum delle Associazioni Familiari vuole innanzitutto esprime il ringraziamento alla Commissione Cultura della Camera per le audizioni che sta

Dettagli

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Dal 15 settembre al 15 novembre si è svolta una grande consultazione pubblica sul documento del Governo la buona scuola in cui si delineano le linee programmatiche

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Istituti Professionali

Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

A cura di Arduino Salatin

A cura di Arduino Salatin A cura di Arduino Salatin USR Toscana misure di accompagnamento 2013-2014 Indicazioni nazionali primo ciclo seminari di avvio, 20 novembre 2013 1 1. La revisione ordinamentale del secondo ciclo 2. Le nuove

Dettagli

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning I. Fortunato. MIUR 1 La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning Camerino 18.12. 2008 Il ruolo del Sistema istruzione e della scuola nelle politiche di lifelong learning Considerazioni

Dettagli

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale

Prima della Riforma Moratti Diritto dovere di istruzione e formazione e obbligo di istruzione Il sistema di IeFP regionale 1 La scuola secondaria di secondo grado si suddivide in due grandi segmenti o (sotto)sistemi : quello dell Istruzione da un lato e quello dell Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) dall altro. Il

Dettagli

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI LA SCUOLA: Concorre alla formazione dell uomo e del cittadino secondo i principi stabiliti dalla Costituzione. Rispetta e valorizza le diversità individuali, sociali e culturali.

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F.

Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2014/15 3. PIANI DI STUDIO 3.1 Finalità e obiettivi

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia Regione Liguria Provincia di Imperia Assessorato alla Formazione Professionale, Sviluppo occupazionale e Servizi per l impiego Settore Politiche attive per il lavoro, Formazione professionale, Servizi

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo

NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo NOTIZIE E COMMENTI, a cura di Adriano Colombo La scuola che vorremmo di Adriana Agostinucci, Daniela Bertocchi, Franca Quartapelle Una proposta per una scuola rinnovata I risultati dell indagine internazionale

Dettagli

IPSIA A. Pacinotti Pistoia Piano dell'offerta formativa a.s. 2015-2016 ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI

IPSIA A. Pacinotti Pistoia Piano dell'offerta formativa a.s. 2015-2016 ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI ISTRUZIONE PROFESSIONALE: ORDINAMENTO E CURRICOLI 1 Finalità I percorsi degli Istituti Professionali sono parte integrante del sistema dell istruzione secondaria superiore in cui si articola il secondo

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

...una scuola di qualità per il tuo futuro!

...una scuola di qualità per il tuo futuro! A conclusione del percorso di studi lo studente è in grado di poter svolgere ruoli e funzioni relative a : rilevazioni dei fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili;

Dettagli

Indirizzo Economico Aziendale

Indirizzo Economico Aziendale Indirizzo Economico Aziendale esperienze professionalizzanti L istituto in breve la sua storia L istituto d Istruzione Superiore L. da Vinci di Umbertide è l unico, nel vasto territorio dell Alta Umbria,

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI ISTITUTO TECNICO STATALE Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Astolfo Lunardi Via Riccobelli, 47-25123 Brescia - Tel. 0302009508 - Fax: 030390996 E-mail info@lunardi.bs.it - URL http://www.lunardi.bs.it

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI A fronte del grande obiettivo che nel comma 632 della L.296/06 è posto a fondamento di tutta l

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Note per una prima riflessione condivisa nel Liceo Classico Giulio Cesare di Roma. A cura di Antonella Jori

GLI ASSI CULTURALI. Note per una prima riflessione condivisa nel Liceo Classico Giulio Cesare di Roma. A cura di Antonella Jori GLI ASSI CULTURALI Note per una prima riflessione condivisa nel Liceo Classico Giulio Cesare di Roma A cura di Antonella Jori Documento sugli Assi Culturali Si inserisce nel percorso di riflessione educativo-didattica

Dettagli

SISTEMA REGIONALE D ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

SISTEMA REGIONALE D ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SISTEMA REGIONALE D ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE OBIETTIVI Favorire la continuazione degli studi e ridurre la dispersione scolastica Fare conseguire una qualifica professionale nell ambito del

Dettagli

Anno 2014 2015. classi I - II - III IV - V. Liceo Scientifico - Scienze Applicate

Anno 2014 2015. classi I - II - III IV - V. Liceo Scientifico - Scienze Applicate 1 Liceo Scientifico - Scienze Applicate Liceo Scientifico Scienze Applicate PROGETTO SPORT (classe 1^ - 2^-3^) Istituto Tecnico Anno 2014 2015 classi I - II - III IV - V Settore Tecnologico Costruzioni

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GOFFREDO PARISE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado Sede associata CPIA (VI) - Centro Provinciale Istruzione Adulti Via IV Martiri, 71-36071 ARZIGNANO (VI)

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapportodiautovalutazione VALES Valutazioneesviluppodellascuola Sommario 1. Codicemeccanograficoistitutoprincipale...3 2. Grigliediautovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contestoerisorse...4 1.3 Processi...5

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace Istituito nel 1999 con la legge n. 144/99, il canale della formazione tecnica superiore ha vissuto un articolato processo di adeguamento

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento. Programmazione Fondi Strutturali 2014-2020

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA Competenze e ambienti per l apprendimento. Programmazione Fondi Strutturali 2014-2020 IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento NUOVE OPPORTUNITÀ DALL EUROPA Istituto Comprensivo R. Moro «SPORTELLO EUROPA» 11 DICEMBRE 2014 Programmazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e

I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e I t a l i a n o L 2 I t a l i a n o p e r l e d i s c i p l i n e E d u c a z i o n e a l l i n t e r c u l t u r a Docit s.r.l.s. propone laboratori e progetti didattici per l anno scolastico 2014-2015

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia

I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia I percorsi di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia Nel 2011/12, secondo quanto previsto dalla legge regionale n. 19/07, tutta l offerta formativa del territorio lombardo è stata

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento NUOVE OPPORTUNITÀ DALL EUROPA Annamaria Leuzzi Autorità di Gestione del PON Verona, 21 Novembre 2014

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CALUSO Via Gnavi, 1 10014 CALUSO (To) Tel. 011/9833253 - Fax 011/9891435 E mail:toee08400n@istruzione.it SITO:www.circolodidatticocaluso.gov.it Prot. n. 1720 Caluso, 29.09.2015

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Giunta Regionale Allegato 1) DIREZIONE GENERALE POLITICHE FORMATIVE, BENI E ATTIVITA CULTURALI SETTORE ISTRUZIONE E EDUCAZIONE SISTEMA REGIONALE DI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI 2009-2010 1 1. Obiettivi generali

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Capofila: Provincia di Arezzo Partner: Oxfam Italia, Migrantes, ARCI, Pronto Donna, TSD, Comune di Arezzo, Zona Valdarno, Cooperativa

Dettagli

L'armonizzazione delle INDICAZIONI

L'armonizzazione delle INDICAZIONI L'armonizzazione delle INDICAZIONI 1 Le fonti normative Art. 64 del decreto legge 25giugno 2008, n. 112 convertito dalla legge 6 agosto2008, n. 133 Piano programmatico del Ministero dell'istruzione, dell'università

Dettagli

Prot. N. 3976 Termoli, 1 ottobre 2015

Prot. N. 3976 Termoli, 1 ottobre 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ALFANO DA TERMOLI E-mail ministeriale: cbis022008@istruzione.it Pec: cbis022008@pec.istruzione.it Sito: www.iissalfano.gov.it e-mail: segreteria@iissalfano.gov.it

Dettagli

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi Prot. n. 4233 A/19 del 29 settembre 2015 Al Collegio dei Docenti e P.C. Al Consiglio di Istituto Ai Genitori Agli Alunni Al Personale A.T.A. ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DI PRIMIERO (TN) Via delle Fonti, 10-38054 Transacqua

Dettagli

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. la Carta dei Valori

Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale. la Carta dei Valori Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale la Carta dei Valori L Educazione è cosa di Cuore Don Bosco Vieni anche tu, apriremo un laboratorio... Madre Mazzarello A Suor Anita Della

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA I PERCORSI di ISTRUZIONE e FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE LOMBARDIA ANNO SCOLASTICO 2010-11: LE PRINCIPALI NOVITA Come cambia il sistema educativo in Italia Con l anno 2010-11 entrano in vigore,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni Indice L obbligo di istruzione - La scuola, oggi - Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni - Dopo la terza media - Cosa scegliere? - L istruzione liceale - L istruzione tecnica - L

Dettagli

Anno 2015 2016. classi I - II - III IV - V. Liceo Scientifico - Scienze Applicate. Istituto Tecnico

Anno 2015 2016. classi I - II - III IV - V. Liceo Scientifico - Scienze Applicate. Istituto Tecnico Liceo Scientifico - Scienze Applicate 1 Liceo Scientifico Scienze Applicate PROGETTO SPORT (classe 2^- 3^ - 4^) Liceo Scientifico Indirizzo sportivo (classe 1^) Istituto Tecnico Anno 2015 2016 classi I

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11

Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11 Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11 La normativa di riferimento per la progettazione dei piani integrati dà precise indicazioni per la pianificazione della

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA)

Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA) Formazione per Dirigenti scolastici di nuova nomina a.s. 2012/2013 SEMINARI INTERREGIONALI Linee guida per la definizione del Rapporto di Autovalutazione (RA) Miur, 17 novembre 2012 A seguito vengono presentate

Dettagli

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014

I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 I PERCORSI DELL ISTITUTO A.S. 2013-2014 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing Sistemi Informativi Aziendali Tecnico Turistico ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI Operatore

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge n. 107

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI

Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Sezione professionale I.P.S.I.A MANFREDI Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Opzioni: Manutenzione mezzi di trasporto Apparati, impianti e servizi tecnici, industriali e civili QUALIFICHE OPERATORE

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA di TRENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ORIENTAMENTO 2014/2015

ORIENTAMENTO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI RUBANO M. BUONARROTI Scuola Secondaria di 1 grado ORIENTAMENTO 2014/2015 ANTONIO DA RE TERZA A CURA MEDIA ANTONIO DA RE E POI? 1 prima parte IMPARARE AD ORIENTARSI NELLA

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15

9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15 9. PROGETTI ANNUALI e ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 2014-15 CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA (C.I.C.) Il servizio prevede la consultazione psicologica individuale aperta a tutte le componenti scolastiche:

Dettagli

SCUOLE APERTE I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE GUIDA ALL ORIENTAMENTO. Anno scolastico 2014 > 2015

SCUOLE APERTE I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE GUIDA ALL ORIENTAMENTO. Anno scolastico 2014 > 2015 I.S.I.S. A. MALIGNANI UDINE Sede SAN GIOVANNI AL NATISONE LICEO SCIENTIFICO Opzione Scienze Applicate alle tecnologie dell arredo IeFP ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Qualifica triennale Operatore

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

Apprendimento motivato e creativo:

Apprendimento motivato e creativo: Apprendimento motivato e creativo: sostenere educare orientare ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO VIRGILIO Via Giulia 25 00186, Roma tel. 066861390 fax 0668199423 email:rmic80600v@istruzione.it posta certificata:

Dettagli

Cicli scolastici. 1. I cicli d istruzione in Italia. L ordinamento attuale. Come siamo arrivati al sistema attuale?

Cicli scolastici. 1. I cicli d istruzione in Italia. L ordinamento attuale. Come siamo arrivati al sistema attuale? Cicli scolastici I cicli d istruzione sono un argomento ignorato nel rapporto La Buona Scuola, ma riteniamo sia necessario avviare una riflessione profonda sul tema. Certamente i problemi della scuola

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

LA NORMATIVA SULL ORIENTAMENTO 1/5

LA NORMATIVA SULL ORIENTAMENTO 1/5 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale ORIENTARE AL LAVORO E ALLA FORMAZIONE POST-SECONDARIA Costruire

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE LINEE GUIDA PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE QUADRO NORMATIVO E REGOLAMENTARE DI RIFERIMENTO - la Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 Modifiche al

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli