DDL Prevenzione, cura e riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico Relazione accompagnatoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DDL Prevenzione, cura e riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico Relazione accompagnatoria"

Transcript

1 DDL Prevenzione, cura e riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico Relazione accompagnatoria La diffusione del fenomeno del gioco d azzardo e la forte preoccupazione per le ricadute che comporta a livello personale, familiare, sociale ed economico, nonché i risvolti patologici che sempre più spesso produce nelle persone, impone l'assunzione di ineludibili responsabilità anche da parte della politica e delle istituzioni. La necessità di farsi carico di questo fenomeno da parte di tutti gli attori sociali e istituzionali competenti, appare oggi in tutta la sua urgenza politica e sociale anche osservando la crescente contraddizione tra l aumento della disoccupazione e della povertà nella popolazione e il comportamento di tanti cittadini che tentano al gioco la fortuna dissipando ulteriormente le poche risorse a loro disposizione. È necessario agire per contrastare la diffusione endemica del gioco d'azzardo nella popolazione per tutelare il benessere, la salute e il diritto dei cittadini ad essere informati correttamente sui rischi economici e sociali che comporta. La nozione di dipendenza, storicamente descritta dall OMS nell ambito dell assunzione di sostanze psicoattive, si è estesa oggi ad altri fenomeni derivanti dalla ripetizione compulsiva di attività, spesso socialmente accettate se non addirittura promosse. Tra queste dipendenze che non implicano l'assunzione di alcuna sostanza, la più diffusa e sicuramente la più conosciuta è quella del gioco d'azzardo patologico (GAP). Nel gioco d'azzardo patologico si manifestano, oltre all'incapacità di resistere all'impulso di giocare, spesso con una spirale perversa nel tentativo (inutile) di recuperare le somme che si perdono con altre scommesse, molti comportamenti che incidono fortemente sulle relazioni interpersonali. Si manifestano infatti la falsificazione e i nascondimenti della realtà delle perdite economiche ai congiunti, la disgregazione delle relazioni affettive e familiari, la perdita del lavoro per comportamenti che rendono i soggetti non più affidabili, la crescente richiesta di prestiti ad amici e conoscenti prima e poi al credito bancario, il mancato pagamento delle utenze domestiche e degli affitti con le relative conseguenze per le persone conviventi. Comportamenti che compromettono la fiducia da parte delle altre persone e nelle altre persone, con progressivo isolamento sociale. Proprio la presenza di questo impatto sulle relazioni comporta, secondo lo psichiatra Dott. Michele Sforza, che il gioco d azzardo patologico non possa essere definito un problema che riguarda solo il numero di soggetti in cura per GAP, perché a queste persone bisogna aggiungere almeno 8 persone per ciascun giocatore, tra familiari e altri che vengono coinvolti in questa patologia e in qualche modo ne fanno le spese. In Italia il gioco d azzardo è diffusissimo, e non rappresenta un problema collegato solo all utilizzo di slot machine e videolotterie (VTL), ma anche all'alta diffusione sia tra i giovanissimi che tra gli anziani dei solo in apparenza più innocui Gratta e vinci. Non è raro vedere purtroppo persone anche molto anziane, comperare grandi quantità di questi biglietti molto diffusi nelle nostre tabaccherie e giocarsi la loro già magra pensione. Come detto, l'italia è purtroppo tra i primi paesi al mondo per spesa pro capite in giochi d'azzardo. Si stima infatti che il gioco d'azzardo nel nostro Paese rappresenti il 15% del mercato europeo nel settore, e oltre il 4,4% del mercato mondiale. Siamo il primo paese al mondo nel gratta e vinci, abbiamo il triplo delle VTL degli Stati Uniti e rappresentiamo il 23% del mercato mondiale del gioco on-line (Relazione di M. Jori, Coordinamento nazionale Gruppi per Giocatori d'azzardo 2012). Mentre assistiamo da un lato ad un evidente contrazione dei consumi familiari per le spese in alimenti o per le cure sanitarie legata alla grave crisi economica e occupazionale, non desistiamo però dal cercare fortuna con i giochi d'azzardo. Così, mentre il 26% delle famiglie non sarebbe in grado di far fronte ad una spesa imprevista importante (calcolata nell ordine convenzionale di 700 euro Ricerca dell'università degli Studi di Milano per il Forum Ania- Consumatori marzo 2014), calcoliamo paradossalmente una spesa pro-capite per giochi d'azzardo di circa 1700 euro per ogni italiano maggiorenne (dati AAMS). Solo vent anni fa in Italia erano legali quattro tipi di giochi d azzardo (casinò, totocalcio, lotto e totip). Oggi sono diventati decine e ai precedenti quattro si sono aggiunti lotterie istantanee (i cosiddetti gratta e vinci), apparecchi di videolottery e slot machine, agenzie di scommesse (sia ippiche che sportive), bingo, giochi numerici a totalizzatore nazionale (dal superenalotto al win for

2 life), giochi on line (dal poker alla roulette) e tanti altri. Tra questi, preoccupa oggi in modo particolare la diffusione del gioco on-line, la cui pubblicità e i cui servizi di gioco sono offerti e utilizzati ampiamente, con un'importanza economica del settore in rapida crescita (rappresenta circa il 15% dei proventi annui del mercato complessivo del gioco d'azzardo nel 2012). Uno dei più recenti censimenti in materia è stato curato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Ministero per la Cooperazione internazionale e l Integrazione Dipartimento Politiche Antidroga). È del febbraio 2013 ed è intitolata "Gambling - Gioco d azzardo problematico e patologico: inquadramento generale, meccanismi fisiopatologici, vulnerabilità, evidenze scientifiche per la prevenzione, cura e riabilitazione". Lo studio evidenzia che, in Italia, a fronte di una popolazione totale di , circa un terzo gioca almeno ad uno dei vari giochi di azzardo, una percentuale compresa tra l 1,27% ( ) e il 3,8 % ( ) sono giocatori d azzardo problematici (a rischio), e una percentuale compresa tra lo 0,5 per cento ( ) e il 2,2 per cento ( ) sono affetti dalla malattia del gioco d azzardo patologico. Le oscillazioni percentuali, anche piuttosto rilevanti, sono determinate dal fatto che ad oggi non esistono studi puntuali esaustivi. La somma maggiore viene giocata negli apparecchi (slotmachine e videolottery) che rappresentano il 55,6% del fatturato totale. Seguono i giochi on-line (16,3% del mercato), i gratta e vinci (11,4% del mercato), il lotto (7,2%), le scommesse sportive (4,2%), il superenalotto (2,2%), seguono i bingo e le scommesse ippiche. I giochi introdotti negli ultimi anni hanno però una tassazione notevolmente inferiore ai precedenti (a vantaggio del payout per i giocatori e dell industria del gioco). Questo significa che le forme di gioco più recenti e maggiormente insidiose risultano oltretutto essere quelle meno tassate. Infatti, dai dati elaborati dal Ministero dell Economia e delle Finanze e dai Monopoli di Stato risulta che, mentre la percentuale di prelievo fiscale sul Superenalotto è pari al 44%, gli introiti da slot machine sono tassati per il 12,6 % e quelli da videolottery solamente per il 3%. Ancora più bassa è poi la tassazione dei giochi on line. Nel 2012 in Italia il volume d affari complessivo del gioco d azzardo è stato pari a 88,5 miliardi di euro e le entrate erariali sono ammontate a 8,03 miliardi di euro e quelle di concessionari/gestori a miliardi di euro. Queste cifre testimoniano sia la diffusione del gioco d azzardo e la quantità di risorse investite dai giocatori in tali attività, sia l'impatto economico di questo mercato. Le ricerche internazionali condotte per accertare il numero di giocatori patologici realizzate in Inghilterra, Spagna, Nuova Zelanda, Canada, USA, riportano in modo concorde gli stessi risultati percentuali e stimano circa in un 3% del totale dei giocatori la percentuale di persone che divengono vittime del gioco patologico. Non solo, tutte le ricerche dimostrano che la maggior quantità di giochi a disposizione (sia come numero che in termini di possibilità di accesso) è direttamente proporzionale ad un aumento del numero di popolazione che diviene giocatore problematico o patologico. In Italia scarseggiano ricerche che indaghino in modo sistematico questi fenomeni, e va in tal senso valutato positivamente il finanziamento concesso per il 2013 dalla Provincia di Trento al Centro di ricerca interuniversitario Transcrime per il progetto Pre.Gio., dedicato al monitoraggio e alla prevenzione del gioco d azzardo sul territorio provinciale. Per contenere i costi sociali legati alla ludopatia è tuttavia importante investire tempestivamente e sostenere il prima possibile le attività di promozione e prevenzione sociosanitaria già in essere (gruppi di mutuo aiuto, attività di sensibilizzazione nella comunità, attività clinica e terapeutica specifica). Iniziative che hanno ampiamente dimostrato la loro efficacia ma che risultano in sofferenza di risorse assegnate. Negli anni 50 Milton Friedman, premio Nobel dell economia, sottolineava che «il modello di industria del gioco d'azzardo può raggiungere dei grandi traguardi se fa business sulla povertà perché un alto bacino a cui può attingere è quello di chi ha poco reddito». (M. Fiasco 2009). Effettivamente purtroppo nel gioco investe di più chi ha un reddito inferiore, spesso anche persone che ricevono interventi e aiuti economici di sostegno al reddito (nel 2010 hanno giocato il 70,8% di chi ha un lavoro a tempo indeterminato, l 80,2% dei lavoratori saltuari o precari, l 86,7% dei cassintegrati dati Ricerca CONAGGA-CNCA 2011). Gioca di più chi ha minore scolarizzazione (giocano il 61,3% dei laureati, il 70,4% di chi ha il diploma superiore, l'80,3% di chi ha la licenza media). E' dunque fondamentale tenere in grande considerazione anzitutto i costi sociali del

3 fenomeno del gioco d azzardo. Oltre a tenere in considerazione i costi relativi agli interventi sanitari per la cura dei singoli giocatori patologici, occorre aggiungere i costi della perdita di performance lavorativa, i problemi familiari dovuti sia alla perdita di reddito che all'aumento di separazioni, i problemi di disagio dei figli minori, il rischio di depressione e violenza, i prestiti non risarciti, il possibile ricorso all'usura, gli interventi di sostegno economico e socioassistenziale per le famiglie (un dato significativo è quello riferito dalla Associazione Nazionale Avvocati Matrimonialisti Italiani che calcola in un 6-8% il numero delle separazioni imputabili a problemi legati al gioco d'azzardo). Si stimano più di 6 miliardi di euro spesi ogni anno per la cura diretta dei giocatori patologici, ma la cifra raddoppia se si calcolano oltre alle spese dirette personalmente ai giocatori anche i costi sociali diffusi. I costi sociali e sanitari che impattano sulle finanze pubbliche sono dunque di gran lunga superiori ai benefici fiscali che lo Stato ricava (circa 8 miliardi di euro dati AAMS nel 2012). Ma se l economia del paese non ricava benefici dalla diffusione del gioco d'azzardo e le entrate per l'erario sono in misura nettamente inferiore ai costi sociali che esso comporta, chi ha vantaggi a mantenere un settore che nel tempo comporterà perdite economiche certe e notevolmente superiori al guadagno che oggi garantiscono? Danni non calcolabili riguardano poi la distorsione dell'uso del denaro che non si mette in circolo per sostenere il lavoro e la produzione di beni del proprio territorio e che diffonde una economia dei consumi senza uso. Altre gravi implicazioni economiche sono riferibili alla infiltrazione nel settore del gioco d'azzardo della criminalità organizzata, con le relative problematiche di ordine pubblico evidenziate nella "Relazione sul fenomeno delle infiltrazioni mafiose nel gioco lecito e illecito" pubblicata dalla Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali in data 22 luglio 2011 (Doc. XXIII, n. 8). Secondo la Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II Onlus : lo sviluppo dell azione giudiziaria di contrasto alle pratiche clandestine mette in luce uno sconcertante tandem tra il legalizzato e il criminalizzato: il successo delle operazioni di marketing del primo ( per esempio campagne pubblicitarie sul gioco responsabile sui media pubblici!) finisce per riflettersi sull espansione dell altro, in un interazione che è già stata rilevata, almeno dalle correnti più critiche del pensiero economico e sociale, per altre forme di nocività generatrici di lucro. Con il gioco d azzardo il denaro speso non va dunque a sostenere l'economia del territorio, e con esso non si acquista e non si mette in circolo il frutto di un lavoro. Non basta dunque, come giustamente afferma Carlo Cefaloni, esponente del Movimento Slot -Mob e curatore di Vite in gioco, oltre la slot-economia, intervenire solo sugli effetti, sulle patologie derivanti da una norma che ha incentivato il gioco d azzardo, rendendo l Italia il primo paese in Europa e terzo nel mondo per la raccolta dalle slot machine. Dobbiamo discutere la scelta che è stata fatta, di affidare una fragilità umana a multinazionali profit (Città Nuova 2014). Particolarmente preoccupante è poi la diffusione del gioco d azzardo tra le giovani generazioni. "Le città, piccole e grandi, sono invase da sale gioco e la maggior parte dei ragazzi se le trova davanti uscendo da scuola". Sono parole del Garante dell'infanzia, Vincenzo Spadafora, che ha commentato una recente ricerca sul gioco tra i minori commissionata a SWG ( Gli adolescenti italiani e il gioco d'azzardo ). L indagine dell istituto di ricerche SWG è basata su interviste telefoniche, effettuate nel periodo dal 26 giugno al 2 luglio 2014 su un campione rappresentativo di 1008 ragazzi italiani di età compresa tra 14 e 17 anni. Ne è risultato un quadro nel quale l azzardo più praticato tra gli adolescenti risulta quello del Gratta & Vinci (28%), seguito dalle scommesse sportive (27%). Le slot machine, in questo caso, sembrano esercitare poca seduzione sui ragazzi (9%), mentre continuano a esercitarla su genitori e nonni. Il 27% dei ragazzi vive il gioco d azzardo come una cosa normale di cui non vergognarsi, nella convinzione che essere scoperto da parte dei genitori non genererebbe alcuna conseguenza. Ciò che non può non destare preoccupazione è l idea, sostenuta da un adolescente su cinque, per cui la dipendenza dal gioco d'azzardo patologico non è una malattia, ma solo un comportamento generato dalla scarsa volontà di autocontrollo. Questa visione, associata all idea che il giocatore affetto da GAP sia una persona che ha perso il controllo perché non si è impegnato, è alla base delle retoriche sul gioco responsabile" e sul giocare con moderazione, retoriche e annesse campagne stampa sulla cui reale efficacia dovremmo profondamente interrogarci. La stessa Commissione europea il 14 luglio scorso, esortava gli Stati membri ad alzare il livello di protezione per i consumatori con una particolare attenzione per i minorenni, vietando loro l'accesso al gioco d azzardo online e riducendo le occasioni di contatto anche passivo realizzate tramite pubblicità. È condivisibile quindi la necessità di evitare per i minori soprattutto ogni

4 occasione, il che.significa anche impedire l'accesso ai minori alle sale da gioco e non solo vietare loro di giocare (M. Dotti, Vita.it, 5 agosto 2014). In data 16 gennaio 2013, era stata già presentata alla Camera dei Deputati l Indagine conoscitiva sulla condizione dell infanzia e dell adolescenza in Italia (2012), curata da Eurispes e dalla Onlus Telefono Azzurro. Tale indagine, che già dava conto della drammatica diffusione di questo fenomeno tra i minori, stimava la diffusione del gioco d azzardo tra bambini e adolescenti. Per quanto riguarda i bambini (7-11 anni) il 17,1% dichiarava di aver giocato denaro on line e il 25,9 per cento di aver giocato of line. Sostanzialmente, dunque, un bambino su quattro risulta coinvolto nel fenomeno. Anche in questa ricerca il gioco prediletto dai bambini è il "gratta e vinci" (e simili), cui dichiara di aver giocato il 33,7 per cento del campione. Per quanto riguarda la fascia degli adolescenti, dall'indagine risulta che Internet raccoglie un cospicuo 39,9% delle preferenze, a conferma di come sia il mezzo/luogo con cui i giovani sanno destreggiarsi meglio, seguito dalle sale giochi (17,8%) e dai tabacchi (14,4%). Numerosi studi stanno dimostrando inoltre l'aumentata propensione al gioco problematico nei figli di genitori giocatori abituali. Di conseguenza, è chiaro che occorre un grosso investimento di natura formativa e in senso ampio culturale, dedicata anzitutto a chi ha responsabilità educative. Sono indispensabili percorsi informativi e formativi per i genitori e gli insegnanti affinché educhino i bambini in relazione al valore e all'uso del denaro e agli accessi in internet. Occorre dunque investire nell'educazione, insieme alla scuola, e oltre alla formazione specifica di operatori sociali e sanitari, nel coinvolgimento degli esercenti dei bar, tabaccai, commercianti, per dare loro strumenti utili ad intervenire tempestivamente. Accanto a misure di premialità per gli esercizi che non installano apparecchi per l'azzardo (aumentando così il riconoscimento sociale nella comunità di questa scelta) è importante il coinvolgimento delle associazioni del territorio anche per sostenere e promuovere nuove forme di intervento di comunità. Molti altri sono gli attori sociali che possono fare la differenza, condividendo informazione e formazione congiunta. Le banche sono ad esempio un sensore importante, a volte in grado di capire prima di altri il problema; stampa e media possono rivedere la pratica attraverso la quale danno notizia delle vincite, a volte con grande risalto, configurando un rinforzo ingannevole della probabilità di vincita. Una formazione dedicata deve inoltre essere pensata per gli amministratori di sostegno che intervengono nel periodo della cura, per la gestione del denaro del giocatore patologico. Un ruolo particolarmente importante per la terapia e per evitare ricadute hanno i gruppi di mutuo aiuto, in cui le persone condividono fiducia e ascolto, scambiano le proprie potenzialità e risorse per superare la fragilità, trovano empatia e sostegno. Questi gruppi, anche attraverso la conduzione di un facilitatore esperto, possono essere un punto di riferimento importantissimo per la persona con patologia e per collaborare con i servizi sociali e sanitari. La metodologia del mutuo aiuto è riconosciuta dalla Organizzazione Mondiale della Sanità che la annovera tra le misure per promuovere, mantenere o recuperare la salute di una comunità, e da anni si impegna nel promuoverne lo sviluppo e la diffusione Altrettanto necessari sono poi i percorsi dedicati al mondo degli anziani, altro soggetto fragile della pratica del gioco (da una ricerca di Auser, Libera e Gruppo Abele si stima a rischio un anziano su tre). Percorsi da attuarsi coinvolgendo i gruppi e i circoli di anziani organizzando attività rivolte alle persone anziane che vivono una vita più isolata o in solitudine. Anche in sul territorio provinciale la diffusione della problematica del gioco d'azzardo e della dipendenza correlata è sempre più preoccupante. Secondo gli ultimi dati a disposizione si stimano, con riferimento alla Provincia di Trento, più di 7000 soggetti dipendenti da gioco (o con gioco problematico) e altrettanti soggetti a rischio nella fascia d'età 15/64 anni (mancano nel calcolo tutte le persone a rischio fra gli anziani e fra i minori). In un anno si giocano in media circa 1300 euro a testa, ma soprattutto sono crescenti le richieste di aiuto e le prese in carico per terapia. I giocatori o i familiari che si rivolgono ai servizi sociali e sanitari sono spesso persone che hanno alle spalle in media già 4-6 anni di dipendenza, e chiedono aiuto quando la loro situazione di salute, economica e familiare è già molto compromessa. Per questo, è fondamentale puntare alla massima prevenzione del gioco d'azzardo patologico. Nella nostra provincia si sono in tal senso sviluppate numerose iniziative, con un grande coinvolgimento delle istituzioni, degli enti locali, del terzo settore, del SerD dell'apss, del volontariato, degli attori economici e sociali dei territori, delle scuole, dei cittadini. E vi è una diffusa consapevolezza che occorre una responsabilità condivisa per intervenire e modificare anche le radici culturali del fenomeno dell'azzardo. Ma perché tali interventi possano essere più efficaci, è

5 necessario però un preciso piano di azione all'interno di una cornice normativa, e dunque è necessario l'intervento legislativo e regolativo degli enti del governo territoriale. Preme ricordare che in campo nazionale solo nell autunno del 2012 è stato ufficialmente riconosciuto il diritto alla terapia, da parte del servizio pubblico, per il gioco d azzardo patologico (D.L. 13 settembre 2012, n. 158, recante "Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute" cd. "Decreto Balduzzi"). Decreto che contiene numerose altre stringenti indicazioni in tema di localizzazione degli esercizi, di pubblicità, di interventi dedicati alla prevenzione e alla cura. La normativa provinciale attuale prevede le distanze minime dai luoghi sensibili entro cui non è possibile istallare macchine da gioco e incentivi per le imprese che non istallano macchine per il gioco d azzardo. Con il presente disegno di legge si intende ampliare le disposizioni oggi previste per la prevenzione, la cura e la riabilitazione del gioco d'azzardo patologico e limitare la diffusione del gioco d'azzardo sul territorio provinciale, nella convinzione che solo riducendo l'offerta si possa attivare un reale intervento di contrasto alla diffusione della patologia e favorire un progresso sociale. Si intende inoltre diffondere una responsabilità condivisa tra i vari attori sociali (del mondo della sanità, del sociale, della scuola e del mondo educativo, delle associazioni familiari, degli esercenti, delle forze dell'ordine, degli amministratori e dei cittadini) che costruisca una alleanza verso un cambiamento culturale teso alla prevenzione e al contrasto al gioco d'azzardo. Occorre investire maggiormente nella sensibilizzazione e informazione sui rischi correlati al gioco d'azzardo, in misure di prevenzione selettiva e orientate alla diagnosi precoce dei fattori di rischio soprattutto in giovanissima età, in ricerche e collaborazioni scientifiche nel campo delle neuroscienze e delle terapie. In particolare è necessario investire di più nei percorsi di sostegno e recupero attraverso i gruppi di auto-mutuo-aiuto che sono validati tra le buone pratiche a livello internazionale. Per questo scopo si prevede che a decorrere dall'esercizio finanziario 2015 una quota pari al 1,5% delle somme annualmente recuperate dalla Provincia dal prelievo erariale unico sugli apparecchi di gioco, siano finalizzate e vincolate a iniziative di informazione, formazione, prevenzione cura e riabilitazione della dipendenza dal gioco d'azzardo così come previste dalla presente legge. Al fine di coordinare in modo integrato tutte le azioni e gli attori previsti dal presente disegno di legge, nonché per garantire maggiore condivisione e valutazione nell utilizzo dei fondi a disposizione, è istituito l osservatorio provinciale sul fenomeno della dipendenza da gioco d azzardo. Nell articolo 1 sono indicate le finalità della legge. Nell articolo 2 si definiscono l oggetto della legge (il gioco d azzardo patologico), i luoghi ad esso deputati, e quelli sensibili nelle cui vicinanze il gioco è vietato. L articolo 3 prevede l adozione da parte della Giunta provinciale di un Piano provinciale per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco patologico, e di questo indica le caratteristiche e le aree di intervento. L articolo 4 introduce forme di premialità per gli esercizi che non si dotano di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici che distribuiscono vincite in denaro, e di disincentivo fiscale per quelli che invece scelgono di installare tali apparecchiature. L articolo 5 promuove la diffusione di servizi dedicati alla cura della dipendenza dal gioco d azzardo in tutto il territorio provinciale, individua la metodologia multidisciplinare, la possibilità di percorsi residenziali e la necessità di valutare l esito di tali collaborazioni sperimentali. L articolo 6 istituisce l osservatorio provinciale sul fenomeno della dipendenza da gioco d azzardo e ne stabilisce compiti e composizione. Per quanto riguarda i membri, si è scelta una composizione che tenga maggiormente in considerazione le competenze specifiche e le professionalità attive nel settore, piuttosto che la rappresentanza politica. L articolo 7 indica gli obblighi previsti per i gestori di sale da gioco, e le sanzioni legate all inosservanza degli stessi. L articolo 8 promuove la formazione del personale operante nelle sale da gioco al fine di riconoscere o prevenire casi patologici. L articolo 9 fa divieto alla Provincia autonoma di Trento, ai suoi enti strumentali, alle reti internet da essa o da suoi enti strumentali controllate, di veicolare pubblicità relativa ai giochi che prevedono vincite in denaro. L articolo 10 stabilisce nella misura di trecento metri la distanza minima che deve intercorrere tra una sala da gioco e un luogo definito sensibile, e concede ai comuni, nell ambito

6 dei propri strumenti di pianificazione, di disciplinare relativamente alle caratteristiche architettoniche, strutturali e dimensionali delle sale stesse. L articolo 11 promuove l istituzione di un marchio di responsabilità etica da attribuire a chi sceglie di non istallare nel proprio esercizio apparecchiature per il gioco d azzardo. L articolo 12 interviene sulla l.p. n 13 del 22 dicembre 2004 facendo divieto di avere zone fumatori nei locali dove sono istallati apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici che distribuiscono vincite in denaro. L articolo 13 abroga l articolo 13 bis della l.p. n. 9 del 2000, perché le relative norme sono assorbite dal presente disegno di legge. L articolo 14 contiene la clausola valutativa. L articolo 15 stabilisce le disposizioni finanziarie.

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: ADOC Codice di accreditamento: NZ01079 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE I CARATTERISTICHE

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli