Il laboratorio virtuale VLAB

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il laboratorio virtuale VLAB"

Transcript

1 Il laboratorio virtuale VLAB Vlab è un sistema che permette di creare delle macchine virtuali connesse tra loro mediante hub virtuali. Poiché le macchine virtuali non sono altro che dei pc Linux virtuali esse possono far girare tutto il software disponibile per Linux e quindi possono essere configurate in modo da funzionare, ad esempio, da bridge, da Web server, da ftp server, da router (rip, ospf e bgp), sniffer, ecc, vlab è quindi un laboratorio virtuale per la sperimentazione di configurazioni di rete dalle grandi potenzialità, accessibile agli studenti attraverso la macchina giga.dia.uniroma3.it. (le modalità di accesso vengono descritte nel seguito). L architettura può essere schematizzata come segue: real host virtual network intrfaces virtual machine 1 screen multiplexer real host network interface virtual hub 1 virtual machine 2 real host virtual machine 3 virtual hub n virtual machine n real host disk Ciascuna macchina è composta da disco, una e un certo numero di interfacce di rete. Il real host ha un disco ed una interfaccia di rete fisiche. L utente di vlab ha la possibilità di far partire un certo numero di macchine virtuali. Ciascuna di tali macchine ha a disposizione un suo disco virtuale, un certo numero di interfacce di rete virtuali connesse a degli hub virtuali. Sia le macchine virtuali che gli hub virtuali vengono creati dall utente secondo le sue necessità. Poiché l utente di vlab deve poter accedere sia alla delle macchine virtuali sia a quella del real host le non sono collegate direttamente alla rete ma ad uno screen multiplexer che permette di passare dall una all altra in ogni momento. Sia il real host che le macchine virtuali sono Linux. Per poter utilizzare il sistema è necessaria una conoscenza almeno superficiale dei comandi Unix. Tutto ciò che è necessario sapere su Unix Unix è una famiglia di sistemi operativi molto simili tra di loro. Noi ci occupiamo della variante denominata GNU/Linux o semplicemente Linux poiché questa è installata sia su giga che su ciascuna delle macchine virtuali anche se molto di quanto diremo è valido per tutti i sistemi unix. Inoltre in questa sezione non c è differenza tra macchine reali o virtuali, esse si comportano infatti allo stesso modo.

2 Documentazione in linea L interazione con un sistema unix avviene principalmente in maniera testuale dando dei comandi. Ciascun comando ha normalmente un gran numero di possibilità. Uno strumento prezioso per l utente unix è la documentazione installata nel sistema stesso accessibile tramite il comando man nomecomando Quando l output di un comando è troppo lungo per entrare nello schermo si utilizza un pager che permette di consultare agevolmente l output (scroll up/down, ricerca nel testo ecc.). Il pager più usato si chiama less. L output di man viene automaticamente visualizzato tramite less (per uscire da less premere q, less ha un help interno accessibile tramite h ) Utenti Tutti i sistemi unix sono multiutente cioè forniscono meccanismi di protezione e autenticazione in modo che utenti distinti non possano disturbarsi a vicenda. Ciascun file o processo (vedi dopo) appartiene ad un utente. Ciascun utente può solo operare sui suoi file o processi. Per questo quando si accede ad un sistema unix si procede ad una fase di login, cioè l utente inserisce username e password, da quel momento ha la possibilità di gestire i suoi file o processi, si dice che ha iniziato una sessione di lavoro. Per concludere la sessione si deve eseguire il comando exit, questa operazione è anche detta logout. Un utente particolare denominato root può gestire file o processi anche altri utenti. Poiché root può creare danni considerevoli al sistema solo l amministratore di sistema normalmente conosce la password di root. Comandi relativi al file system ls visualizza la directory, normalmente utilizzato con l opzione -l (cioè scrivere ls -l ) cp srcfile destfile copia un file rm nomefile cancella un file mv srcfile destfile sposta o rinomina un file cd nomedirectory cambia la direcory corrente mkdir nomedirectory crea una directory rmdir nomedirectory cancella una direcory Consulta man nomecomando per ulteriori dettagli. Processi Un concetto fondamentale nei sistemi unix è quello di processo. Un processo è un programma in esecuzione. E possibile ispezionare i processi attivi tramite il comando ps, spesso usato con le opzioni aux (cioé ps aux ). Ciascun processo ha un process id (PID). Ciascun processo è creato da un altro processo, che è detto processo padre, identificato dal parent process id (PPID). L unico processo che non ha padre è init. Un modo molto conveniente per vedere i processi attivi è il comando pstree spesso utilizzato con l opzione -pu che fornisce un output come il seguente: init-+-apmd -crond -gpm -inetd---in.telnetd---login---screen -kswapd -kupdate -login---tcsh---startx---xinit-+-.xclients---kwm-+-kbgndwm `-kfm-+-kvt---tcsh---telnet -kvt---tcsh---pstree `-win95.cfg---3*[win95.cfg] `-X -5*[mingetty] -screen-+-2*[bash] `-linux pz---10*[linux pz] -smbd---smbd `-xfs Notare come pstree riporta esso stesso come processo. Poiché l output di ps o pstree può essere molto lungo è consigliabile visualizzare tale output con less. Ciò è possibile con qualsiasi comando aggiungendo less alla fine del comando. Processi attivi che non richiedono interazione con un utente vengono chiamati demoni. In un sistema unix le funzionalità più a basso livello vengono implementate nel kernel (es: i-i/o, gestione processi, file, tcp/ip), tutto il resto viene implementato in qualche forma tramite demoni. Esempio di funzionalità normalmente implementate come

3 demoni sono web servers (demone apache o httpd), ftp e telnet (demone inetd), (demone sendmail), router (demone gated o zebra), ecc. Comandi utili per la gestione dei processi oltre a ps e pstree sono: kill process_id kill 9 process_id top chiede al processo di chiudersi chiude il processo forzosamente (da usare quando il semplice kill non funziona). mostra interattivamente i processi attivi aggirnandoli in real-time. Un processo interattivo (come ad esempio top) può spesso essere chiuso premendo ctrl-c, altri comandi possono richiedere altre sequenze di tasti (vedi i relativi man, less ad esempio si chiude con q ). Servizi, file di configurazione ed editor di testi In ambito unix usualmente si chiamano servizi le funzionalità potenziali di una macchina (servizi di rete, servizio di web server, ecc.). Supposto che il software necessario sia installato, l attivazione di un servizio richiede spesso l attivazione di demoni o l esecuzione di comandi che modificano il comportamento del kernel che possono essere complessi. Analogamente la sua disattivazione può essere ugualmente complessa. Spesso l attivazione/disattivazione di un servizio viene fatta tramite l esecuzione di un programma che si occupa di effettuare tutte le operazioni necessarie. Tali programmi (detti script) risiedono normalmente nella directory /etc/init.d oppure in /etc/rc.d/init.d. Così per attivare un web server è possibile dare il comando /etc/init.d/apache start mentre per disattivarlo /etc/init.d/apache stop Un servizio, prima della sua attivazione, va configurato. Sui sistemi unix la configurazione dei vari servizi avviene modificando dei file ascii che normalmente risiedono nella directory /etc. La sintassi con cui bisogna scrivere tali file è normalmente molto semplice (il più delle volte si tratta di tabelle) ma varia con il servizio ed è necessario consultare la documentazione relativa. Per modificare tali file la cosa migliore è utilizzare un editor visuale. Per i sistemi unix esistono un gran numero di editor, i più famosi sono probabilmente i seguenti vi nomefile emacs nomefile tuttavia il loro utilizzo richiede l apprendimento di sequenze di tasti che possono risultare difficili. Un editor più intuitivo è mcedit nomefile Molte delle funzionalità di mcedit sono raggiungibili premendo esc seguito da un numero: esc 1 Help help esc 2 Save salva il file esc 3 Mark inzia la selezione o finisce la selezione di una parte di testo esc 4 Replace sostituzioni stringhe nel testo esc 5 Copy copia il testo selezionato con esc 3 nel punto indicato dal cursore esc 6 Move sposta il testo selezionato con esc 3 nel punto indicato dal cursore esc 7 Search cerca nel testo esc 8 Delete elimina il testo selezionato con esc 3 esc 9 PullDn accede ai menù a tendina nei quali ci si può muovere con i tasti cursore e selezionare le voci con enter (invio) esc 0 Quit esce da mcedit esc esc Quit esce da mcedit (equivalente a esc 0)

4 Spegnimento e riavvio di una macchina unix I seguenti comandi permettono di spegnere o riavviare una macchina: halt spegne la macchina reboot riavvia la macchina Solo root può eseguire tali comandi. E importante spegnere la macchina tramite questi comandi e non spegnendo l hardware, infatti questo permette di non perdere i dati nei buffer che potrebbero non essere stati ancora scritti su disco al momento dello spegnimento dell hardware. A seguito di uno spegnimento forzato (crash) la procedura di avvio (boot) prevede un controllo del filesystem che può durare da qualche secondo a qualche minuto (dipende dalla velocità dell hardware e dalla grandezza del filesystem). Lavorare con le macchine virtuali I comandi relativi alle macchine virtuali sono i seguenti: vstart nomemacchina [opzioni] avvia una macchina virtuale vlist visualizza la lista delle macchine virtuali attualmente attive vhalt nomemacchina o pid spegne una macchina virtuale (equivale ad halt dall interno della macchina) vcrash nomemacchina o pid spegne una macchina virtuale (equivale a togliere la corrente alla macchina virtuale) vstart vstart nomemacchina [ opzioni ] Fa partire una macchina virtuale su una nuova. La macchina ha nome nomemacchina, tale nome viene comunicato alla macchina virtuale così che essa si possa configurare con tale nome (ed aggiornare ad esempio il prompt di login). Il filesystem della macchina virtuale appena creata viene memorizzato nel file nomemacchina.disk nella directory corrente. Tale file è un file sparso, è cioè lungo quanto il filesystem preso a modello ($VLAB_HOME/fs/default) ma contiene solo le differenze rispetto ad esso e quindi ha una occupazione molto minore (verificabile con ls --ls). I file sparsi sono gestibili come normali file tramite i comandi cp, rm, ls, mv ecc. Un filesystem sparso funziona solo se il corrispondente filesystem modello è disponibile e non è stato modificato dal momento in cui il filesystem sparso è stato creato. ATTENZIONE: non mantenete dati importanti nei filesystem delle macchine virtuali. Ciascuna macchina virtuale lanciata con vstart ha informazioni sul pathname della home dell utente che l ha lanciata. Essa quindi si configura in modo rendere visibile la home dell utente nel path /hosthome del filesystem virtuale. E possibile trasferire file tra macchina virtuale e host reale tramite tale directory. Opzioni disponibili: --new --eth0=nomehub --eth1=nomehub --eth2=nomehub --eth3=nomehub --mem=megabytes quando una macchina viene lanciata per la prima volta si deve creare il suo filesystem. Per rendere possibile tale creazione deve essere specificata l opzione --new. Se il filesystem già esiste l opzione non deve essere presente. la macchina che partirà avrà l interfaccia eth0..eth3 collegata all hub virtuale (dominio di collisione virtuale) di nome hubname. ciascuna macchina virtuale ha una memoria centrale di 8 MB. Tale quantità è sufficiente per quasi tutte le attività. Se si ha bisogno di più memoria si può specificare l opzione --mem= X dove X può essere solo 8,16 o 24 vstart produce come output sulla da cui è invocato i comandi che esegue per lanciare la macchina virtuale, tali comandi possono essere eseguiti manualmente anche senza l aiuto di vstart. vstart tuttavia semplifica molto questo processo.

5 vlist vlist fornisce la lista delle macchine virtuali attualmente attive ed informazioni sulla memoria occupata da esse. E importante notare come le macchine visualizzate sono quelle attive. L unica traccia lasciata da una macchina che è stata già spenta è il suo filesystem (i file che terminano con.disk ). Tali file sono visualizzabili semplicemente con ls -l Le colonne della tabella hanno i seguenti significati: PID numero identificativo del processo principale associato alla macchina SIZE spazio i Kb occupato dalla macchina virtuale UPTIME tempo trascorso dall avvio della macchina virtuale NAME nome della macchina OPTIONS opzioni (rete, memoria, ecc) Ciascuna macchina è identificata dal PID, tuttavia i comandi vhalt e vcrash accettano sia PID (perché univoco) che nome (perché comodo). vlist --all permette di visualizzare l elenco di tutte le macchine virtuali attualmente attive sull host reale. vhalt vhalt nomemacchina o pid Avvia la procedura di spegnimento della macchina virtuale identificata per nome o pid, tale operazione è equivalente a digitare halt sulla della macchina virtuale. Il comando controlla, per un certo numero di volte, che la macchina si sia spenta, poi abbandona. Nel caso che la macchina non si riesca a spegnere con vhalt utilizzare vcrash vcrash vcrash nomemacchina o pid vcrash uccide i processi associati alla macchina virtuale ed equivale ad un crash della macchina. Se nella directory corrente è presente il file nomemacchina.disk allora vcrash non fa altro che uccidere tutti i prcessi che stanno utilizzando tale file. Altri riferimenti Vlab è una originale integrazione di pacchetti software già disponibili. Ulteriore documentazione sull utilizzo di linux come macchina virtuale è dispnibile a: Inoltre per unix e linux si possono trovare degli eccellenti tutorial on-line a partire da qualsiasi motore di ricerca. Per informazioni specifiche sui vari software utilizzati ecco una lista di siti: per il sistema GNU/linux in genere per la distribuzione debian di linux per gran parte del software open source normalmente utilizzato sotto linux

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI Shahram Rahatlou Laboratorio di Calcolo, Anno Accademico 2015-16 http://www.roma1.infn.it/people/rahatlou/labcalc/ Sistema Operativo Hardware Software n Routine e programmi

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 -

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - Created by GT, 28/10/2002 l.r. bycg, 14/11/2005 1 - INFORMAZIONE SUI FILES ls : lista i files presenti nel direttorio dove ci si trova, in ordine

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Laurea in Biotecnologie Corso di Informatica2014/2015 Linux Ubuntue ilcompilatorec Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Laboratorio di Programmazione

Laboratorio di Programmazione Laboratorio di Programmazione Federico Spizzo Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza 006 Tel: 0532 974231 E-mail: federico.spizzo@unife.it Gianluigi Cibinetto Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza

Dettagli

Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP. File. File Transfer Protocol Modello FTP Operazioni FTP Comandi del protocollo Esempi di Client FTP avanzati

Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP. File. File Transfer Protocol Modello FTP Operazioni FTP Comandi del protocollo Esempi di Client FTP avanzati Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 8-1 File Modello FTP Operazioni FTP Comandi del protocollo Esempi di Client FTP avanzati D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 8-2

Dettagli

Il software del PC. Il BIOS

Il software del PC. Il BIOS Il software del PC La parola software è un neologismo che è stato coniato in contrapposizione all hardware (ferraglia). L hardware si può prendere a calci, contro il software si può solo imprecare. Il

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP

Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP Reti di Calcolatori PROTOCOLLO FTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 8-1 File File Transfer Protocol Modello FTP Operazioni FTP Comandi del protocollo Esempi di Client FTP avanzati D. Talia RETI DI

Dettagli

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux

Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Corso Linux Corso Online Amministratore di Sistemi Linux Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso Linux Tematiche di Base MODULO 1

Dettagli

Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux)

Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux) Console, terminale e privacy (emulare un thin client per UNIX e GNU/Linux) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 150 Ver. 1.0 Ottobre 2011 Il

Dettagli

Cos è una rete. La rete Locale

Cos è una rete. La rete Locale GUIDA RETI Reti 1 Reti 2 Reti Reti...1 Cos è una rete...4 La rete Locale...4 Internet...5 Comunicare attraverso la rete...6 Ping...6 Ftp...7 Telnet...7 Posta Elettronica...8 Pine...8 Esercitazione...11

Dettagli

Sistemi operativi: interfacce

Sistemi operativi: interfacce Sistemi operativi: interfacce I sistemi operativi offrono le risorse della macchina a soggetti diversi: alle applicazioni, tramite chiamate di procedure da inserire nel codice all utente, tramite interfaccia

Dettagli

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26)

Manuale per la configurazione della connessione remota tramite telefono alla rete Internet - Connessione Dial-Up/PPP. (Revisione 1999-11-26) Università degli studi di Roma Tor Vergata Centro di Calcolo e Documentazione Via Orazio Raimondo 18 I - 00173 Roma http://www.ccd.uniroma2.it Tel. +39 06 7259.2150 Fax. +39 06 7259.2125 Email: Info@CCD.UniRoma2.It

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

cambiare utente mediante il comando su verificare chi siete e su che dir state lavorando Chi siete e che dir? (Inserisci la risposta)

cambiare utente mediante il comando su verificare chi siete e su che dir state lavorando Chi siete e che dir? (Inserisci la risposta) Collegamento al server LINUX Segui le seguenti istruzioni per accedere al server LINUX. Da WINDOWS Lancia telnet dalla riga di comando telnet 10.15.1.5, 10.15.1.12, 10.15.1.18, 10.15.1.23 aula boole telnet

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell

Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Informatica Generale 1 - Esercitazioni Introduzione all uso della command-line shell Daniele Pighin pighin@fbk.eu FBK Via Sommarive, 18 I-38050 Trento, Italy March 5, 2008 Outline 1 Sistema operativo e

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Linux-Unix. Pregi di Linux

Linux-Unix. Pregi di Linux Linux-Unix Linux è un termine che può assumere più di un significato. A seconda del contesto infatti può indicare il kernel originariamente sviluppato da Linus Torvalds, oppure il sistema operativo basato

Dettagli

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma Corso amministratore di sistema Linux Programma 1 OBIETTIVI E MODALITA DI FRUIZIONE E VALUTAZIONE 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX

NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX Queste pagine sono estratte dalle note del corso "Abilità Informatiche: Introduzione a Unix", Alessandra Seghini Per stampare questo documento si consiglia

Dettagli

Corso Amministratore di Sistema Linux Programma

Corso Amministratore di Sistema Linux Programma Corso Amministratore di Rev. 1.0 Rev. Stato: 1.0 Approvato Stato: Approvato Amministratore Nuovo Portale di Sistema De Sanctis Amministratore di CONTROLLO DOCUMENTO TITOLO: Corso Amministratore di VERSIONE:

Dettagli

Prima Esercitazione. Unix e GNU/Linux. GNU/Linux e linguaggio C. Stefano Monti smonti@deis.unibo.it

Prima Esercitazione. Unix e GNU/Linux. GNU/Linux e linguaggio C. Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Prima Esercitazione GNU/Linux e linguaggio C Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix e GNU/Linux Unix: sviluppato negli anni '60-'70 presso Bell Labs di AT&T, attualmente sotto il controllo del consorzio

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

IN-CHF on line Procedura di Installazione

IN-CHF on line Procedura di Installazione IN-CHF on line IN-CHF on line Procedura di Installazione Heart Care Foundation onlus www.heartcarefound.org Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri www.anmco.it Centro Studi ANMCO Firenze

Dettagli

Password di Administrator in Windows 2000, XP e NT

Password di Administrator in Windows 2000, XP e NT Password di Administrator in Windows 2000, XP e NT In questa guida impareremo a ottenere la password di Administrator in un sistema basato su Windows 2000 o XP. Materiale: PC vittima con Win 2000 o Xp

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

Guida dell utente di RTAI LiveCD

Guida dell utente di RTAI LiveCD Guida dell utente di RTAI LiveCD La distribuzione RTAI LiveCD è una distribuzione live di Linux con kernel 2.6.13 ADEOSipipe RTAI 3.3. Tutti i pacchetti software presenti sono stati presi da una distribuzione

Dettagli

UBUNTU. Sopravvivere alla console. Comandi Base del Terminale

UBUNTU. Sopravvivere alla console. Comandi Base del Terminale UBUNTU Sopravvivere alla console Comandi Base del Terminale 1 Indice Premessa...pag. 3 Spostiamoci all'interno del Computer...pag. 5 Operare su Files e Directory...pag. 6 Cercare/Installare/Rimuovere Applicazioni...pag.

Dettagli

Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I

Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I Università di Pisa Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Note sull ambiente di lavoro utilizzato ai Laboratori di Fondamenti di Informatica I a cura di Marco Cococcioni a.a. 2013-2014 Un po di terminologia

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Biologia molecolare Laboratorio di Bioinformatica II BreveguidaLinux Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di Linux Nel 1991,

Dettagli

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP

Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Risolvere i problemi di avvio di Windows XP Un computer che esegue Windows XP non riesce più ad avviarsi correttamente e, invece di caricare il sistema operativo, mostra una schermata DOS con il messaggio:

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

MANUALE D USO MA-PMX-U-SFW-101 10-10

MANUALE D USO MA-PMX-U-SFW-101 10-10 GESTIONE DEL SISTEMA EASYMIX CONNECT E RELATIVO AGGIORNAMENTO MANUALE D USO MA-PMX-U-SFW-101 10-10 Sommario LAUNCH MANAGEMENT TOOL...3 APPLICATION UPDATE...4 MODULO SYSTEM MANAGEMENT...5 LINGUA... 6 DATE

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Brevissima Introduzione a eduknoppix.

Brevissima Introduzione a eduknoppix. Brevissima Introduzione a eduknoppix. Francesco Paparella 21 Marzo 2005 Sommario Questo documento spiega come creare una home directory permanente su di un disco fisso o su di un dispositivo rimovibile

Dettagli

Il sistema operativo: interazione con l utente

Il sistema operativo: interazione con l utente interazione con l utente S.O fornisce un meccanismo per specificare le attività da eseguire (es. copiare un file) L interazione avviene mediante un linguaggio testuale (DOS) o grafico (Windows) linguaggio

Dettagli

Unix e GNU/Linux Eugenio Magistretti emagistretti@deis.unibo.it Prima Esercitazione Fork Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix: sviluppato negli anni '60-'70 presso Bell Labs di AT&T, attualmente sotto

Dettagli

Sistema Operativo di un Router (IOS Software)

Sistema Operativo di un Router (IOS Software) - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Sistema Operativo di un Router (IOS Software) Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè IOS Un router o uno

Dettagli

DOS-Gestione delle Directory e comandi

DOS-Gestione delle Directory e comandi DOS-Gestione delle Directory e comandi In ambiente MS-DOS è doveroso saper gestire file e cartelle in modo rapido. Vediamo ora come sono organizzati i file. Un file è un qualsiasi insieme di informazioni

Dettagli

MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB

MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB Da usare in una sessione di Telnet o con Putty Cambio Password: Note: Minimo 5 e Massimo 8 Caratteri, lettere maiuscole/minuscole e o numeri. La password

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

account Fornisce una password supplementare (richiesta da un sistema remoto per accedere alle risorse) una volta eseguito il login.

account Fornisce una password supplementare (richiesta da un sistema remoto per accedere alle risorse) una volta eseguito il login. Venerdì 03 Ottobre 2008 18:25 Ultimo aggiornamento Sabato 15 Novembre 2008 11:58 Lista Comandi FTP :! invoca una shell interattiva nella macchina locale. $ Esegue la macro definita con il comando macdef.?

Dettagli

INSTALLAZIONE MS WINDOWS 7 SU MACCHINA VIRTUALE VMWARE

INSTALLAZIONE MS WINDOWS 7 SU MACCHINA VIRTUALE VMWARE INSTALLAZIONE MS WINDOWS 7 SU MACCHINA VIRTUALE VMWARE Lanciamo VMWare nell interfaccia principale, all interno del box Home, vengono visualizzate tre icone. Avviamo l utility di configurazione della macchina

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione Indice Capitolo 1. Introduzione a IBM SPSS Modeler Social Network Analysis.... 1 Panoramica di IBM SPSS Modeler

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Configurazione VOIspeed IP6060

Configurazione VOIspeed IP6060 Configurazione VOIspeed IP6060 Il telefono IP VOIspeed IP6060 con le impostazioni di default, cerca automaticamente un server DHCP sulla rete durante il boot. Il server DHCP oltre a fornire un indirizzo

Dettagli

Introduzione ai sistemi UNIX/Linux

Introduzione ai sistemi UNIX/Linux Introduzione ai sistemi UNIX/Linux Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica Ing. Simone Brienza E-mail: simone.brienza@for.unipi.it Pervasive Computing & Networking Lab () http://www.perlab.it

Dettagli

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte PRECORSO DI INFORMATICA Laboratorio Prima Parte ARGOMENTI DI OGGI Avviare Linux KDE e gli altri D.E. Bash Gestione file system Redirezione input/output Gestione dei processi Man Info Configurazione del

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows

Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows www.informarsi.net Appunti Modulo 2 - Microsoft Windows Sistema operativo Il sistema operativo, abbreviato in SO (in inglese OS, "operating system") è un particolare software, installato su un sistema

Dettagli

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare:

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare: Utilizzo di putty Client ssh liberamente utilizzabile (www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html) Tra le molte opzioni di configurazione di putty sono utili: Window - Translation: per selezionare

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO

GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO GAS FLUORURATI, OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ENTRO IL 31 MAGGIO Vi ricordiamo che anche quest anno è obbligo trasmettere la dichiarazione contenente le informazioni riguardanti la quantità di gas fluorurati

Dettagli

Installazione di Ubuntu (13.10)

Installazione di Ubuntu (13.10) Installazione di Ubuntu (13.10) Fra i sistemi operativi Open source GNU/Linux, documenteremo la semplice installazione di Ubuntu, la distribuzione creata da Canonical Ltd. Procedura Ipotizzando di essere

Dettagli

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a GNU/Linux 101 intro to system administration SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015 This work is licensed under a Creative Commons by-nc-sa 4.0 International License by ALCA Società Cooperativa About

Dettagli

Procedura di installazione Linux Red Hat

Procedura di installazione Linux Red Hat Servizio Calcolo e Reti Bollettino N. 2/02 28 Giugno 2002 Procedura di installazione Linux Red Hat (Servizio.Calcolo@pv.infn.it) Abstract Questa breve nota descrive la procedura consigliata per l installazione

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

GNU/Linux Concetti di base

GNU/Linux Concetti di base GNU/Linux Concetti di base Sommario GNU/Linux Open Source e GPL Login/Logout Shell e comandi Files Stdin, stdout Redirezione e pipe Filesystem 2 Cos'è Linux Linux è basato su UNIX (filosofia, comandi,

Dettagli

Operazioni da eseguire su tutti i computer

Operazioni da eseguire su tutti i computer Preparazione Computer per l utilizzo in Server Farm SEAC Reperibilità Software necessario per la configurazione del computer... 2 Verifica prerequisiti... 3 Rimozione vecchie versioni software...4 Operazioni

Dettagli

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014)

Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Istruzioni per l installazione del software per gli esami ICoNExam (Aggiornate al 15/01/2014) Il software per gli esami ICON può essere eseguito su qualunque computer dotato di Java Virtual Machine aggiornata.

Dettagli

Editing: copy & paste

Editing: copy & paste Editing: copy & paste In una finestra putty le funzioni di copy & paste sono realizzabili direttamente col mouse Selezionando un pezzo di testo col mouse di ottiene direttamente il copy Cliccando col tasto

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista

Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1 Introduzione 3 2 Moduli dell applicazione 3 3 Installazione 4 3.1 Installazione da Setup Manager 4 3.2 Installazione da pacchetto

Dettagli

Server dolphin: installazione e configurazione di un server web

Server dolphin: installazione e configurazione di un server web Università degli Studi G. D Annunzio Chieti Pescara GASL - Gruppo assistenza sistemistica laboratori Server dolphin: installazione e configurazione di un server web Seminario di Carlo Capuani Cos è un

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 01 Conosciamo il sistema operativo In questa lezione impareremo: a conoscere le caratteristiche del sistema operativo a cosa servono i sistemi

Dettagli

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE OPENAFS E KERBEROS SU SISTEMI MICROSOFT (32bit)

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE OPENAFS E KERBEROS SU SISTEMI MICROSOFT (32bit) INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE OPENAFS E KERBEROS SU SISTEMI MICROSOFT (32bit) STEP 1: Download dei file di installazione necessari Per il corretto funzionamento di AFS su sistemi a 32bt è necessario scaricare

Dettagli

Uso del Computer e Gestione dei File. Uso del Computer e Gestione dei File. Federica Ricca

Uso del Computer e Gestione dei File. Uso del Computer e Gestione dei File. Federica Ricca Uso del Computer e Gestione dei File Uso del Computer e Gestione dei File Federica Ricca Il Software Sistema Operativo Programmi: Utilità di sistema Programmi compressione dati Antivirus Grafica Text Editor

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica

Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica Marco Liverani 26 settembre 2012 Il laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica mette a disposizione degli studenti

Dettagli

Laboratorio Multimediale Lezione n. 2

Laboratorio Multimediale Lezione n. 2 Laboratorio Multimediale Lezione n. 2 Corso di Laurea in Matematica, a.a. 2006-2007 16 ottobre 2006 Il filesystem Il filesystem è una struttura dati che permette di organizzare grandi quantità di informazioni

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

www.mtcube.com Il sistema operativo D.O.S.

www.mtcube.com Il sistema operativo D.O.S. Il sistema operativo D.O.S. Sommario degli argomenti INTRODUZIONE...3 IL SISTEMA OPERATIVO...3 LA MEMORIA DELL ELABORATORE...4 LA STRUTTURA AD ALBERO...5 I FILES...8 COME ESEGUIRE UN COMANDO D.O.S...10

Dettagli

CLI Workshop LD2011. Marco Albanese. 22 ottobre 2011. Marco Albanese () CLI Workshop LD2011 22 ottobre 2011 1 / 17

CLI Workshop LD2011. Marco Albanese. 22 ottobre 2011. Marco Albanese () CLI Workshop LD2011 22 ottobre 2011 1 / 17 CLI Workshop LD2011 Marco Albanese 22 ottobre 2011 Marco Albanese () CLI Workshop LD2011 22 ottobre 2011 1 / 17 Premessa Per usare e capire la shell al meglio dobbiamo comprendere meglio il sistema. Marco

Dettagli

Il salvataggio sui pc locali è consentito solo per il tempo strettamente necessario al loro utilizzo.

Il salvataggio sui pc locali è consentito solo per il tempo strettamente necessario al loro utilizzo. Istruzioni per l accesso Server del Gruppo di Biofisica È stato messo in funzione il server per i file degli utenti del gruppo di Biofisica. Esso sarà utilizzato per memorizzare i file degli utenti del

Dettagli

Utilizzo del Terminalino

Utilizzo del Terminalino Utilizzo del Terminalino Tasti: - ENT: funzionano come INVIO - SCAN: per attivare il lettore di barcode - ESC: per uscire dal Menù in cui si è entrati - BKSP: per cancellare l ultimo carattere digitato

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

COPIARE FILE E DIRECTORY

COPIARE FILE E DIRECTORY COPIARE FILE E DIRECTORY Creiamo il file prova2.txt nella directory prove: touch prova2.txt Fare una copia del file prova1.txt assegnando il nome copia1bis.txt cp prova1.txt copia1bis.txt Se vogliamo che

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map Manuale d uso per i programmi VS Server E-Map Con E-Map Server, si possono creare mappe elettroniche per le telecamere ed i dispositivi I/O collegati a GV-Video Server. Usando il browser web, si possono

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Lab 01 Sistemi Operativi

Lab 01 Sistemi Operativi Informatica Grafica Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2010/2011 Lab 01 Sistemi Operativi Lab01 1 Obiettivi Durante l'esercitazione vedremo come il sistema operativo si occupa di gestire: 1. i processi

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Programma MANUTENZIONE

Programma MANUTENZIONE Programma MANUTENZIONE MANUALE UTENTE @caloisoft Programma MANUTENZIONE 1 IL PROGRAMMA MANUTENZIONE Il programma dispone di una procedura automatica di installazione. INSTALLAZIONE Per installare il programma

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

Implementazione. 2.1 Template grafico

Implementazione. 2.1 Template grafico Implementazione 1 Introduzione Questo docunento spiega sinteticamente i punti principali che caratterizzano la realizzazione dell applicazione. Le informazioni che riguardano più da vicino il codice sono

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (licenza per sito) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli