Prof. L. Credali - ARDEA Progetti e Sistemi; Ing. A. Valva Libero Professionista D.T. Resinproget Prof. R. Poluzzi Università di Bologna. Premessa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. L. Credali - ARDEA Progetti e Sistemi; Ing. A. Valva Libero Professionista D.T. Resinproget Prof. R. Poluzzi Università di Bologna. Premessa."

Transcript

1 Conferenza AICO - Realizzazioni e Sviluppo di Tecnologie di Restauro e di Recupero Strutturale con Materiali Compositi Innovativi (FRP)- Fiera del Restauro Ferrara Venerdì 5 Aprile 2002 Recupero strutturale di opere murarie nel Complesso della Basilica di S. Antonio Padova e nel Complesso di Venaria Reale Torino, mediante rinforzi ibridi: fibra di carbonio fibra aramidica Prof. L. Credali - ARDEA Progetti e Sistemi; Ing. A. Valva Libero Professionista D.T. Resinproget Prof. R. Poluzzi Università di Bologna Premessa. L impiego di materiali compositi, in particolare l uso di fibre di carbonio, nel recupero strutturale di edifici storici, iniziato in Italia a partire dal 1997, con alcuni interventi significativi, fra i quali si ritiene di citare ad esempio il restauro della Corte Benedettina di Legnaro, dove per la prima volta sono state applicate su grande scala queste tecnologie (1), ha trovato in questi ultimi anni una notevole diffusione nel settore, divenendo sempre più di uso generale tra gli addetti ai lavori. Come conseguenza si è verificata una maggiore apertura verso i materiali compositi con importanti sviluppi di studi e ricerche,condotte presso Laboratori specializzati ed Università, con una maggiore comprensione delle problematiche legate a queste tecnologie e con una rinnovata capacità di individuare nuove soluzioni capaci di risolvere in modo semplice e veloce,molti problemi difficilmente affrontabili con tecniche tradizionali (2) (3) C 1300 C 1500 C 1800 C Fig 1 : Immagine della struttura della grafite in una fibra di carbonio- Nel processo di grafitizzazione ad alta temperatura, la struttura si evolve fino ad una forma lamellare formata dai piani degli anelli di pura grafite (4). Infatti la grande potenzialità dei materiali compositi deriva dalla possibilità di progettare il materiale e di sviluppare nuovi sistemi in funzione di specifici problemi. Sotto questo aspetto i materiali compositi hanno portato ad un importante rivoluzione nel concetto di progettazione: infatti, mentre per i materiali tradizionali il materiale viene scelto dal progettista come tale, in base alle sue caratteristiche, prescindendo dalle tecniche di produzione, i materiali compositi offrono la possibilità di progettare prima il materiale e successivamente il componente, tenendo in forte considerazione l applicazione finale. Se tutto ciò comporta ovviamente una complicazione del sistema, rappresenta sicuramente la grande opportunità per queste tecnologie di affermarsi sul mercato 1

2 Cosi accanto all impiego di fibre di carbonio altre soluzioni possono essere vantaggiosamente individuate: impiego di altre tipologie di fibre, impiego di componenti semplici quali barre e lamine in composito appositamente progettate, impiego di componenti strutturali più complessi leggeri e capaci di svolgere più funzioni in un componente unico. Nella presente nota si è voluto prestare particolare attenzione all impiego di fibre aramidiche, in combinazione a fibre di carbonio, allo studio di sistemi di rinforzo basati sulla combinazione di questi due tipi di fibre ed alla loro applicazione in due importanti opere di recupero strutturale nel Complesso della Basilica di S. Antonio Padova e nel Complesso di Venaria Reale Torino. Le Fibre Aramidiche. Le fibre aramidiche, contrariamente alle fibre di carbonio che nella loro forma finale presentano la struttura inorganica della grafite (fig 1), sono delle fibre derivate da polimeri a struttura organica,caratterizzata da anelli aromatici legati da legami ammidici (fig 2),inoltre tali polimeri, in virtù della loro peculiare struttura chimica, appartengono alla categoria dei polimeri a cristalli liquidi (LCP- Liquid Crystal Polymers), del tipo liotropico. Fig.2 : Struttura chimica di fibre aramidiche. Fig.3 :Struttura Lamellare e propagazione della frattura in fibre aramidiche. Queste particolari strutture polimeriche, sono in grado di sviluppare in soluzione(polimero liotropico) o allo stato fuso (polimero termotropico) delle meso fasi, cioè delle fasi che conservano una elevata cristallinità anche in questi particolari stati fisici della materia. Durante la produzione della fibra per estrusione (Spinning),queste meso fasi subiscono un notevole processo di orientamento, creando all interno della fibra stessa delle zone ad elevata cristallinità (lamelle) fortemente orientate, che sono le maggiori responsabili delle peculiari caratteristiche di queste fibre (4). In pratica queste fibre presentano al loro interno un sistema di auto rinforzo sviluppato dallo stesso materiale polimerico che le compone. In virtù di questa struttura,non comune ai più tradizionali materiali polimerici, le fibre aramidiche presentano altissime proprietà meccaniche, unite ad una notevole capacità di sopportare le deformazioni, in grado di sviluppare una grande energia di deformazione, una grande resistenza agli urti ed una grande capacità di assorbire l energia vibrazionale, dovuta al particolare meccanismo di deformazione e di propagazione della frattura (fig.3) Queste caratteristiche sono largamente sfruttate nelle tradizionali applicazioni dei materiali compositi quali: protezione e difesa balistica, componenti sottoposti ad elevate vibrazioni ( ruote per moto da corsa, sci, scocche auto sportive,componenti meccanici) ed in applicazioni navali per componenti soggetti a possibili urti e lacerazioni ( scafi, canoe, vele). 2

3 I Sitemi Ibridi Fibre di Carbonio- Fibre Aramidiche In tabella 1 e fig.4, sono riportate le caratteristiche delle fibre di carbonio e delle fibre aramidiche; per il carbonio è stato considerato il tipo HT, ad alta tenacità, mentre per le fibre aramidiche si è considerato il tipo T, che presenta un carico di rottura ed un modulo tra i più elevati per questo tipo di fibra. Fibre Tab1:Caratteristiche di Fibre di Carbonio HT e delle Fibre Aramidiche e di un rinforzo ibrido GK. Tensione di rottura a trazione (Mpa) (Kg/mm 2 ) Modulo elastico a trazione (Gpa) Carbonio HT Aramidiche T Valore Medio* nel Rinforzo GK 310 UHT (Kg/mm 2 ) Allungamento a rottura (%) 2 2,9 2,5-3 Densità (g/cm 3 ) 1,8 1,44 1,62 * Valore medio calcolato sulla base dei rapporti volumetrici fra le fibre del 50/50. Osservando questi dati, si evidenzia un diverso valore del modulo elastico fra le due fibre, con un maggiore allungamento a rottura per le fibre aramidiche, che comporta un una loro maggiore capacità di assorbire energia alla rottura e di conseguenza tutte quelle caratteristiche descritte nel paragrafo precedente. 6 5 Acciaio Fig.4 :Diagramma carico deformazione per rinforzi ibridi e fibre tal quali Tensione a Trazione (MPa) x CARBONIO GV 330 UHT FTS GK 310 UHT ARAMIDICO T Deformazione (%) Il diverso comportamento delle due fibre è anche ben evidenziato nel grafico di fig 5 dove viene riportata la curva carico deformazione in flessione per compositi unidirezionali di fibre di carbonio,fibre di vetro e fibre aramidiche. La possibilità di utilizzare fibre aramidiche quali sistemi di rinforzo di strutture edili, ed in particolare nelle murature, risulta particolarmente interessante in quanto si può trarre vantaggio da un minore modulo elastico, 3

4 che più si avvicina a quello della muratura, una maggiore capacità di sopportare le deformazioni,ed una minore fragilità tipica dei materiali compositi a base di sola fibra di carbonio. Tab2 :Caratteristiche del rinforzo in carbonio Betontex FTS- GV 330 HT e del rinforzo ibrido Betontex FTS- GK 310 U-HT Tipo di rinforzo BETONTEX FTS GV 330 HT BETONTEX FTS GK310 U-HT Peso di Fibra nel nastro (g/m 2 ) Composizione: Fibra Carbonio/ Fibra Aramidica (in volume) 100/0 50/50 Modulo Elastico a Trazione (Gpa) Spessore della fibra per il 0, calcolo(mm) Carico di rottura del nastro (kg/cm) * *Carico di rottura del nastro riferito ad una larghezza unitaria di 1 cm.. Da parte nostra si è optato per l impiego della fibra aramidica in un sistema ibrido,in cui le fibre aramidiche sono state combinate con le fibre di carbonio, realizzando in tale modo un rinforzo che possa trarre vantaggio dall effetto sinergico dei due tipi di fibra. Sistemi ibridi fibre di carbonio /fibre aramidiche sono ben noti (5) nel settore dei compositi tradizionali e l effetto sinergico tra i due tipi di fibra viene ben evidenziato soprattutto nel meccanismo della rottura, e nella minore fragilità, come ad esempio riportato nella fig. 6,dove viene rappresentato l andamento della resistenza all urto di una struttura ibrida fibra di carbonio / fibra aramidica a diverse composizioni. E evidente che questi dati fanno riferimento a situazioni estreme, che se comuni in applicazioni tradizionali dei compositi, difficilmente si verificano nelle applicazioni in edilizia e quindi di poca significatività nelle condizioni normali di carico, ma che tuttavia rappresentano un ulteriore margine di sicurezza in presenza di possibili eventi eccezionali(il riferimento anche al sisma è ovvio ), o in presenza di strutture sottoposte a continue vibrazioni, quali quelle generate da un traffico pesante, in vicinanza del manufatto. Te Tensione di rottura a flessione (Mpa) Resistenza IZOD (Joule/cm 2 ) Aramide (%) Deformazione a flessione (%) Fig. 5: Comportamento alla flessione di Fibre di Carbonio, Vetro e Aramidiche. Fig. 6: Resistenza IZOD di sistemi Ibridi Fibra di Carbonio/Fibra Aramidica. 4

5 Nelle applicazioni considerate il materiale di rinforzo utilizzato è costituito da un ibrido al 50 % in frazione volumetrica di fibre di carbonio e 50% di fibre aramidiche, le cui caratteristiche sono riportate in tabella 2. Si tratta di un rinforzo unidirezionale di circa 300g/m2 di peso di fibra con un modulo elastico medio, calcolato pari a circa 170 Gpa, un carico di rottura di 3800 Mpa ed una deformazione a rottura del 2,5-3 %. L andamento di un grafico carico /deformazione di questo rinforzo rispetto alle fibre tal quali è riportato in fig 4. Interventi Gli interventi di maggiore interesse eseguiti con questa tipologia di rinforzo sono : a) - il rinforzo strutturale di murature ; b) -il rinforzo strutturale dell intradosso di volte in muratura. -Timpano della Biblioteca di S. Antonio Padova L intervento ha riguardato i due timpani di sostegno al tetto della biblioteca del complesso della Basilica di S.Antonio a Padova, costituiti da un muro di forma triangolare, con una base di 13,6 m ed una altezza 3,3 m ed una larghezza di 40 cm, sovrastanti la volta che copre la biblioteca. Il timpano sul lato Ovest presenta al centro un vano di accesso, mentre il timpano posto sul lato Est si presenta privo di aperture. Il muro fortemente degradato, richiedeva un intervento di ripristino strutturale e di messa in sicurezza che doveva essere considerato nell ambito della ristrutturazione generale dell edificio che peraltro presentava un forte sbandamento del tetto che coinvolgeva le capriate e le murature. I lavori hanno interessato: -Ripristino del tetto: le capriate sono state sollevate e riposte nel loro piano mediante martinetti ; i muri laterali sono stati collegati con inserimento di catene di controventamento. - Consolidamento dei timpani di sostegno al tetto: queste murature, fortemente degradate e deformate non consentivano un consolidamento tradizionale, mediante infiltrazioni con calce, per la presenza, nel vano della biblioteca posto sotto la volta, di dipinti importanti che si sarebbero danneggiati in caso di una probabile permeazione incontrollata della calce nella parte sottostante. Si è pertanto ritenuto più opportuno intervenire con un armatura di rinforzo con fibre ad alto modulo, secondo uno schema progettuale elaborato dal Prof. Giorgio Croci dell Università di Roma. Seguendo le indicazioni del progettista la scelta del rinforzo è caduta sul sistema ibrido carbonio aramidico, descritto in precedenza,in quanto si è ritenuto opportuno utilizzare un rinforzo più capace di assecondare e contenere le deformazioni del supporto, grazie alla elevata elasticità, accompagnata da una grande deformabilità, aspetto particolarmente utile per comportamenti in condizioni limite. Lo schema di laminazione del rinforzo è riportato in fig. 7, si è utilizzato un concetto di armatura classica a telaio con fasce verticali e fasce orizzontali che agiscono da ripartitori di carico. 5

6 In totale sono state posizionate ai due lati del muro N 4 fasce orizzontali e N 28 fasce verticali, larghe 20 cm, costituite da un primo strato di un rinforzo in carbonio unidirezionale da 300g/m2 GV 330 HT e da un secondo strato di un rinforzo unidirezionale ibrido GK 320 HT da 275 g/m2 ( tab.2). 3,30m Rinforzi in Fibra di Carbonio e Ibridi Carbonio / Aramidica 13,60 m Fig.7: Schema laminazione rinforzo, lato Ovest interno del timpano. Il primo strato di carbonio ha la funzione di bloccare la fessurazione, il secondo strato di rinforzo ibrido ha la funzione di migliorare l elasticità del sistema. Tra le fasce poste ai due lati del muro sono stati creati degli elementi passanti, mediante un sistema misto costituito da una barra in fibra di carbonio accompagnata da due nastri sempre in carbonio, che risvoltati sulle fasce e laminati tra i due strati di rinforzo vanno a creare un più efficace collegamento tra le due facce della muratura (Fig.8: Sistema Ardfix ), dando migliore garanzia di continuità alla struttura. Fig.8: Schema Ardfix di collegamento tra le fasce di rinforzo poste ai lati della muratura. 6

7 Le barre di collegamento sono state poste con un intervallo di cm, inclinate di 45. I rinforzi in fibra sono stati applicati previa preparazione del fondo, seguito da una rasatura con malte del tipo epossidico bicomponente tixotropizzate ed utilizzando per la laminazione resine epossidiche bicomponenti del tipo Conchem LC 2001 (primer) e Conchem LC202 (Resina). Sull ultimo strato di resina, a resina non ancora indurita, e stata applicata della sabbia quarzifera, per consentire il successivo aggrappo dell intonaco. Nelle figure seguenti sono riportate alcune immagini dell intervento. Fig.9: Lato esterno Est cuspide timpano. Fig.10: Fase di applicazione sul lato esterno. Fig.11 Lato intero Ovest sinistro. Fig.12:Lato interno Ovest destro. 7

8 Nelle fig , viene riportato il particolare della laminazione sul vano di ingresso dal lato Ovest, i particolari dei risvolti delle cuciture attraverso la muratura e il riporto di sabbia per l aggrappo dell intonaco. Fig.13: Particolare laminazione sul vano di ingresso lato Ovest. Si notano i risvolti dei passanti di cucitura. Fig.14: Riporto di sabbia su resina fresca, per aggrappo intonaco. - Volte delle Scuderie Venaria Reale (To) L intervento riguarda strutture a volta,di rilevanti dimensioni, 12 metri di luce, delle Scuderie nell ambito del complesso monumentale di Venaria Reale ( Torino ). Fig. 15 : Vista estradossale delle volte delle scuderie del complesso monumentale di Venaria Reale(To). Gli spazi sovrastanti dette volte (fig. 15), destinati a depositi di materiale museale, richiedevano l adozione di sovraccarichi permanenti ed accidentali di rilievo. L articolato sistema di volte, presentava catene originali estradossali e ulteriori catene alle reni, manifestamente aggiunte in un secondo tempo. 8

9 Di queste ultime era prevista la eliminazione, per un conveniente sfruttamento degli ampi volumi sottostanti. Il problema statico della resistenza del sistema di volte si presentava quindi in termini impegnativi, tanto da richiedere accurate analisi del globale comportamento strutturale. La presenza di situazioni di esercizio caratterizzate da significative tensioni di trazione nella muratura,ha suggerito di sostituire più tradizionali tecniche di iniezione e impregnazione delle murature stesse con l applicazione di rinforzi in fibre ad alto modulo; a tali materiali è affidato il compito di fornire forti resistenze a trazione,nell ipotesi di cedimento delle risorse spesso profuse dalla muratura, sulle quali non è lecito fare affidamento (resistenze a trazione per l'appunto ). Fig.16 : Schema laminazione dei rinforzi all intradosso delle volte. Fig,17 : Vista dell intradosso della volta con i rinforzi posizionati ai lati del parziale tamburo posto tra due lunette successive. L intervento,previo potenziamento delle tirantature estradossali, è quindi consistito nell applicazione di nastri di rinforzo ad alta tenacità, nelle posizioni geometricamente e staticamente più proprie, nel complesso sistema voltato, graduando il rinforzo stesso nelle zone più caricate.si è utilizzato un solo strato nelle due zone a raggio di curvatura inferiore e due strati nella zona centrale a raggio di curvatura più elevato. Lo schema della laminazione è riportato in fig.16. 9

10 L applicazione dei rinforzi è stata fatta all intradosso ai lati del parziale tamburo della volta, impostato sulle colonne,fra due grandi lunette in successione (fig. 17 ). Sono stati impiegati due nastri di rinforzo, di larghezza pari a 20 cm, secondo lo schema riportato, in modo da realizzare una sovrapposizione nella zona centrale più cimentata. Come materiale di rinforzo è stato utilizzato un sistema unidirezionale ibrido carbonio /aramidico del tipo GK 320 HT con le caratteristiche riportate in tab. 2. I rinforzi in fibra sono stati applicati previa preparazione del fondo,seguito da una rasatura con malte del tipo epossidico bicomponente tixotropizzate, a forte potere di penetrazione nelle murature, ed utilizzando per la laminazione resine epossidiche bicomponenti del tipo Conchem LC 2001 (primer) e Conchem LC202 (Resina). Sull ultimo strato di resina, a resina non ancora indurita, e stata applicata della sabbia quarzifera, per consentire il successivo aggrappo dell intonaco. Fig.18 : Vista delle fasi di applicazione del rinforzo. Si può osservare sul lato sinistro del tamburo il fondo di rasatura con malta epossidica, a destra il rinforzo già applicato. Fig.19: Vista intradosso volte ad intervento concluso prima dell applicazione dell intonaco. A conclusione dell intervento di rinforzo, si è proceduto al taglio delle catene alle reni, dopo avere disposto un opportuno monitoraggio, che ha verificato il rilascio dello stato di tensione presente nelle catene ed ha controllato l assenza di deformazione globale del complesso. 10

11 Conclusioni Gli esempi riportati mostrano come, utilizzando appieno le conoscenze sviluppate nei settori tradizionali dei materiali compositi,sia possibile individuare e mettere a punto soluzioni innovative per il recupero strutturale di opere edili di grandissimo prestigio. Il potenziale mostrato dai materiali compositi è molto rilevante ed una accurata integrazione tra le tecnologie dei compositi e le tecnologie del restauro, può portare ad individuare nuove ed importanti soluzioni capaci di risolvere problematiche anche notevolmente complesse. Cosi da parte nostra ci stiamo movendo verso lo studio di nuovi sistemi di rinforzo che comprendono la messa a punto di componenti in composito, progettati su misura, con le caratteristiche richieste dall applicazione finale con l obiettivo di ottimizzare al meglio l effetto del rinforzo, di semplificare la tecnologia di messa in opera, di integrare più funzioni in un unico componente. Bibliografia: 1-R.Poluzzi, L. Credali, E. Schiavina : Impiego di fibre di carbonio nella ristrutturazione statica ed architettonica del complesso ex-corte Benedettina di Legnaro (Pd) Secondo Seminario AICO SAIE (1999). 2-R.Poluzzi : Verifiche sperimentali sui benefici ottenibili nel rinforzo di membrature di cemento armato con applicazioni di fibre sintetiche -Atti Giornate AICAP- Torino (1999). 3- L.Credali : Rinforzi per edilizia Betontex,- XXVI Convegno ATE- Strutture in Composito- Milano 21 Giugno L Edilizia,8, 82, (1999) 4-H.H.Yang : Aromatic High Strength Fibers,- SPE Monograph Series-John Willey & Sons,(1989). 5-N.L. Hancox : Fibre Composite Hybrid Materials,- Applied Science Publishers,London- (1981). Ringraziamenti Si ringraziano per gli importanti contributi : -Prof. Giorgio Croci- Università di Roma, progettazione intervento S.Antonio (Pd). -Consorzio: Impresa Schiavina Impresa Adanti, lavori di Venaria Reale-(To). -Impresa : Resinproget, applicazioni dei rinforzi a S.Antonio- (Pd) e Venaria Reale-(To). 11

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

Technical Bulletin. Vertise Flow. Compositi / Vertise Flow. Your practice is our inspiration. L evoluzione della Tecnologia Adesiva

Technical Bulletin. Vertise Flow. Compositi / Vertise Flow. Your practice is our inspiration. L evoluzione della Tecnologia Adesiva Bullettin_Vertise_ITA 2.3.21 6:55 Pagina 1 Compositi / Vertise Technical Bulletin L evoluzione della Tecnologia Adesiva 195s Buonocore scopre che è possible ottenere con successo l adesione sullo smalto

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Isolanti termici ed elettrici

Isolanti termici ed elettrici Lastre e manufatti rigidi in materiali compositi per l isolamento elettricomeccanico, termo-elettrico e termo-meccanico. Forniamo inoltre pezzi lavorati a disegno su specifiche del cliente. ARCOTECH 900

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

10. PROPRIETÀ DEI MATERIALI E PROVE MECCANICHE

10. PROPRIETÀ DEI MATERIALI E PROVE MECCANICHE 10. PROPRIETÀ DEI MATERIALI E PROVE MECCANICHE Si definisce materiale una qualità di materia solida adatta alla costruzione. Generalmente il materiale è costituito da un insieme di più sostanze (qualità

Dettagli

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica

StandBandiere. Personalizza ADESIVI. EspositoriSTRISCIONI. Tavoli accoglienza. la tua presenza con. Tappeti. GAZEBORealizzazione grafica Personalizza la tua presenza con PARTNER UFFICIAE StandBandiere EspositoriSTRISCIONI DG Idea S.r.l. Via Vercelli, 35/A 13030 Caresanablot (VC) A soli 50 metri da VercelliFiere Tel. e Fax 0161-232945 Tappeti

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante

11 LE SCALE. 11.1 Le scale a soletta rampante 11 LE SCALE Le scale rappresentano quelle parti di struttura che consentono il collegamento tra i vari piani. A seconda dello schema strutturale che le caratterizzano si differenziano in: Scale a soletta

Dettagli