Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008"

Transcript

1 Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008

2 3 Finale Champions, Ancelotti, che capolavoro; 5 Finale Champions, i protagonisti; 6 Finale Champions, le pagelle; 10 Finale Champions, il cammino dei Colchoneros; 11 Finale Champions, curiosità dell'atletico Madrid; 12 Campionato Primavera, il cammino delle 8; 13 Fatto DI Ciclismo, giro d'italia 2014; 14 Woman's Champions League, Wolfsburg campione; 15 Fatto di pallanuoto; 16 Scoviamo Gli Sport, retrorunning; 2

3 ANCELOTTI: CHE CAPOLAVORO! Finalmente la decima! Il sogno europeo, da 12 anni orribile ossessione per il Real Madrid, diventa realtà per quel che può considerarsi un vero capolavoro firmato Carlo Ancelotti. Allenatore per il quale, evidentemente, era destino compiere questa impresa. Lui, lo ha sempre sostenuto, preferisce la coppa ma a questo punto è la coppa che preferisce lui: terza Champions League (quinta se si considera la carriera da calciatore), come l inglese Bob Paisley, diventando il quinto tecnico a vincere la coppa dalle grandi orecchie con due club diversi dopo Happel, Hitzfeld, Mourinho ed Heynckes. Numeri da leggenda nella noche de la decima, la notte pù importante della stagione. Real contro Atletico. Blancos contro rojiblancos. Anchelotti contro Simeone. Tutto nel palcoscenico del Da Luz di Lisbona, mai così vicino a Madrid. Per la prima volta nella storia della competizione due squadre della stessa città si contendono la coppa. Da un lato l ossessione della decima dall altro il sogno dell Atleti, quel sogno coltivato con la passione ed il duro lavoro, che almeno nella Liga ha prevalso sul fatturato e sul monte ingaggi. Ma a Lisbona non ci si può guardare indietro perché c è da scrivere una nuova pagina di storia, una nuova pagina da raccontare ai propri figli e allora testa al campo: il Real arriva al grande scontro con un Ronaldo non in forma ottimale, un Benzema al 50%, un Pepe acciaccato e non arruolabile e uno Xabi Alonso squalificato. Ma tutto ciò non preoccupa Carletto convinto che il suo pallone d oro, il suo Mr. 100 milioni ed il suo spaghetto Di Maria possano fare come sempre la differenza nel suo Simeone, dal canto suo, può contare sulla fiducia di tutti i suoi uomini, escluso Arda Turan infortunatosi nel match-liga contro il Barcellona, pronti a buttarsi da un ponte per lui. E con Diego Costa recuperato in tempi record grazie ad una cura (stregoneria) a base di placenta di cavallo, il sogno cullato dai tifosi dell Atleti non è mai stato così vicino. La finale sta per avere inizio. Il Da Luz rimane affascinato dalla cerimonia d apertura ed in silenzio estasiato al coro dell Università di Lisbona. Un atmosfera unica. L ambasciatore Luis Figo entra in campo con la coppa dalle grandi orecchie, proprio lui che quella coppa l ha vinta con le merengues. Tutto è pronto, l attesa, l ansia e dubbi vengono scacciati via al fischio d inizio dell olandese Kuipers: si parte! Le due squadre si studiano, lo stadio è una bolgia dove si sente l eco dalle piazze di Madrid ma al nono minuto di gioco primo colpo di scena: la placenta di cavallo si è rivelata subito un flop e Diego Costa lascia il campo tra losconforto di tutto ilpopolo rojiblanco.

4 ANCELOTTI: CHE CAPOLAVORO! Simeone lo sostituisce con Adrian ed il iniziale diventa un L Atletico da lezioni difensive e non fa avanzare il carro armato merengues messo in difficoltà da ogni singolo componente del mosaico costruito dal Cholo. Al 36 la rete che sblocca il match: corner per l Atletico e in 8 giorni Godin segna un gol che vale la Liga e un gol in finale di Champions, ma questa volta con l aiuto dell uscita a vuoto di Iker Casillas: 0-1 ed un boato ricopre tutta Lisbona e il Vicente Calderon, dove da Madrid i tifosi seguivano la gara. Nella ripresa il copione è scontato con il Real Madrid all assalto della porta difesa da Courtois, ma la frenesia prende il sopravvento: Bale, Ronaldo e Benzema sciupano incredibilmente ottime palle gol ed è il solo Di Maria a fare il fenomeno. Lo spaghetto è semplicemente fantastico. Gli uomini del Cholo reggono ma le gambe iniziano a tremare e la stanchezza della Liga comincia a farsi sentire. Ancelotti carpisce il messaggio e sostituisce Khedira e Benzema con Isco e Morata per dare il via all assalto finale. Sugli spalti regna il silenzio. L ansia è a mille da entrambe le parti. Il pareggio è nell aria ed al 93, in pieno recupero, Modric da calcio d angolo la pennella sulla testa di Sergio Ramos: il difensore spagnolo, alla sua sesta rete nelle ultime sette partite, dopo la doppietta in semifinale contro il Bayern, firma l 1-1 e fa esplodere di gioia il pubblico merengues, fino a quel momento strozzato dall agonia. Ancelotti alza le mani al cielo, Simeone chiude gli occhi consapevole che ora l inerzia della partita nei tempi supplementari sarà tutta dalla parte del Real Madrid. I Colchoneros tengono fino al 110 fin quando non va in scena il il dramma sportivo dell anno: Di Maria nel secondo tempo supplementare ha ancora la forza di spaccare in due la difesa mandando in porta, con una deviazione di Courtois, Mr. 100 milioni Gareth Bale che di testa insacca a porta vuota il 2-1. Esplode il Da Luz. Esplode la Madrid blanca. Il pubblico e gli uomini di Simeone sono vittime di un crollo psico-fisico e il Real viaggia sulle ali dell entusiasmo: il gol di Marcelo al 117 e C.Ronaldo al 120 addobbano per le statistiche il risultato finale sul 4-1 per amareggiare chi non meritava di uscire sconfitto con un passivo così pesante. Ma il calcio è anche questo: a volte è crudele. Como no te voy a querer, si eres campeòn de Europa por décima véz canta Madrid, tra l incredulità di Ancelotti che scrive l opera della Decima in italiano: E stato un copione imprevedibile, siamo stati un po fortunati ma questa fortuna ce la siamo meritata. Nulla da recriminare per gli uomini di Simeone ( niente lacrime, abbiamo dato tutto ) a cui va fatto un grandissimo applauso per il suo miracolo sportivo. Ferruccio Montesarchio

5 ANCELOTTI GANA LA DECIMA. ONORE ATLETICO.I PROTAGONISTI DELL EURODERBY! Il Cholo contro Carletto. Simeone contro Ancelotti. L euroderby parte dalla panchina. L argentino ha vinto la Liga con i colchoneros e per un pizzico non riesce a regalare una favola ai suoi tifosi. Mette paura ai blancos e lo fa fino al 93. Accusa ripetutamente l arbitro per il troppo recupero concesso e viene espulso nel finale dopo la provocazione di Varane. Nonostante tutto resta una stagione da incorniciare, una finale giocata al meglio, senza il suo uomo migliore (Diego Costa), e condotta fino all inzuccata di Ramos. Dall altra parte c è però Carletto Ancelotti, non uno qualunque insomma. L impresa è sua. L uomo che è riuscito a far diventare l ossessione realtà e la Decima porterà sempre il suo marchio. Primo allenatore italiano a vincere 3 Champions con 2 squadre diverse (Milan e Real; a 3 si era fermato Bob Paisley ma tutte con il Liverpool), primo ad arrivare a quota 5 tra calciatore e allenatore (Gento ne ha vinte 6 tutte da calciatore). Un italiano chiamato da Perez alla Casa Blanca per raggiungere un solo obiettivo: la coppa dalle grandi orecchie. Quel trofeo che sfuggiva da 10 anni, ma lui è riuscito dove gli altri, anche quelli speciali, hanno fallito. Dalla panchina al campo i protagonisti sono tanti. I più attesi erano 2: Ronaldo e Diego Costa. Da entrambi ci si aspettava tanto ma non è arrivato molto. Il confronto tra i 2 è durato poco. Dopo 9 minuti l attaccate dell Atletico non ce la fa ed è costretto ad uscire. Dopo una settimana di interrogativi, la cura miracolosa, la placenta di cavallo, non ha fato effetto. Cr7 invece non è al top e si vede. Non ha la solita fame e il campo non lo brucia come sempre. Nonostante ciò la sua firma non poteva mancare. Su rigore segna il definitivo 4-1, il 17 goal in questa Champions. Serata disgraziata per Iker Casillas. Il portiere spagnolo con una brutta uscita regala il vantaggio avversario e con un altra uscita avventata stava per commettere la definitiva frittata. Per sua fortuna l errore non costa caro e i continui abbracci e baci a Ramos a fine gara dicono tutto. Già, proprio il difensore iberico salva la barca Real dal naufragio e manda i suoi ai supplementari. Ramos e Godin, una sfida di inzuccate. Quest ultimo di testa aveva regalato la Liga ai suoi contro il Barcellona, e a distanza di 7 giorni sempre di testa firma il vantaggio. Poteva essere una settimana da Dio, ma purtroppo per lui Sergio Ramos, al 93, di testa la mette li, nell angolino e tutta la gioia svanisce in un attimo. Capitolo a parte per Mister 100 milioni Bale: si mangia un goal clamoroso nel primo tempo, poi un altra chance da buona posizione; ma nei supplementari è lui a segnare il goal del 2-1 e a spianare la strada per il trionfo. Dopo la Coppa del Rey porta in dote anche la Champions. Nell Atletico grande è stata la prova per Gabi. Il centrocampista perde lucidità nel finale ma per tutta la gara è stato strepitoso. Il capitano era dovunque tanto da sembrare che ce ne fossero 3: uno che sdradica i palloni, uno che corre continuamente e un altro che ragiona e imposta. Benzema invece è un ectoplasma. Il peggiore della gara, non si vede mai, mentre Marcelo con il suo ingresso si dimostra devastante sulla sinistra e andando anche a segno. Nonostante tutto il premio di mvp va sicuramente ad Angel Di Maria. L argentino si dimostra devastante pur senza segnare. L unico a creare per 120 minuti pericoli costanti e a saltare avversari manco fossero birilli. Si dimostra il più lucido dei suoi anche quando il Real soffre, e dai suoi piedi, con un azione travolgente (l ennesima di tutta la gara) disegna la giocata che uccide il match portando la rete del 2-1. Intensità, coraggio e cuore le caratteristiche gettate in campo. Questi gli artefici principali di una finale che, forse, non si era mai vista Vincenzo Vitale

6 Diamo i voti ai protagonisti della finalissima del "Da Luz" di Lisbona tra Real Madrid e Atletico Madrid, che ha visto trionfare i "merengues". Di Maria migliore in campo per distacco, non è bastato all'atletico il cuore di Gabi e Godin. Iker CASILLAS 4 Serata disgraziata per Iker: l uscita a metà strada sul gol di Godin, un altra uscita sciagurata che poteva costare caro nei tempi supplementari. Un disastro, ma alla fine può (e deve) ringraziare i suoi compagni per aver avuto l'onore di alzare la decima. FORTUNATO. Daniel CARVAJAL 6 Soffre tremendamente le folate offensive degli esterni avversari, ma nella ripresa alza la cresta e giustifica l insistenza di Ancelotti nel preferirlo ad Arbeloa. LOTTATORE. VARANE 6,5 Sopperisce all assenza di Pepe con l incoscienza della gioventù: ruvido nel palleggio ma mai timido nei tackle. Carattere indomabile. TOSTO. Sergio RAMOS 8 Tre gol nelle ultime due partite di Champions per quello che sulla carta d identità mantiene la dicitura di difensore. Per importanza e tempismo, il suo gol dell 1-1 ricorda quello di Teddy Sheringham nella finale di Champions 98/99. FONDAMENTALE. Fabio COENTRAO 4,5 Impalpabile e mai in partita: l aria di casa non fa bene al biondo terzino. Tolto per disperazione da Ancelotti. PLATINATO. (dal 59 MARCELO 7,5 Impatto devastante per il terzino brasiliano del Real Madrid. Entra e ribalta la partita con le incursioni sulla sinistra, i tocchi pregiati e il meritatissimo sigillo personale) FAVOLA. Sami KHEDIRA 5 Fa quello che può considerando i mesi di stop forzato per il grave infortunio patito a San Siro con la nazionale. Ovviamente la benzina finisce presto e, ad aggravare il suo voto, c è anche la grave disattenzione sulla marcatura su Godin in occasione del primo gol. IMPALPABILE. (dal 59 ISCO 6,5 Un altra carta vincente estratta dal mazzo di Ancelotti; senza strafare contribuisce ad alzare il baricentro del Real Madrid e a schiacciare la retroguardia dell Atletico). VENTATA DI FRESCHEZZA..

7 Luka MODRIC 6,5 Avvio shock con qualche errore di troppo in impostazione; cresce alla distanza e detta il ritmo della "remuntada" del Real; quanto ha sofferto l assenza del fido Xabi Alonso però! MAGISTER AD HONOREM. Angel DI MARÍA 9,5 Prestazione da fenomeno per "El Fideo", per distacco l uomo copertina di questa finale. Il più lucido quando l inerzia sorride all Atletico, il giocatore in grado di disegnare la giocata che uccide il match nel secondo tempo supplementare: semina avversari come birilli, e infine decide la finale. GLORIOSO. Gareth BALE 7 Si divora tutto il divorabile, vanificando sul più bello accelerazioni devastanti. Per fortuna sua e del Real si fa trovare al posto giusto e nel momento giusto per la giocata risolutiva, non a caso realizzata con l implacabile colpo di testa a porta ormai sguarnita. Dopo questa gara, il prezzo del suo cartellino sarà meno discusso, forse. RISOLUTORE. Karim BENZEMA 4,5 Uno dei peggiori tra le file dei merengues. Tocca pochissimi palloni e non entra mai in gara: il fatto che sia male assistito non basta a spiegare la clamorosa stecca di Karim. DELUSIONE. (dal 79 MORATA 6 Lotta e contende molti palloni alla stremata difesa avversaria. Forza fresca e preziosa). VOGLIOSO. Cristiano RONALDO 6,5 Primo tempo orribile, ampiamente al di sotto dell asticella della sufficienza; mostra segnali di ripresa nella ripresa condotta all arrembaggio dal Real Madrid, impegnando Courtois e mandando in porta lo sprecone Bale. Nei supplementari c è gloria anche per lui, diciassettesimo autografo di una Champions giocata a livelli non umani dal fenomeno di Madeira. PALLONE D'ORO. Allenatore: ANCELOTTI 8 Incartato da Simeone nel primo tempo, il suo Real assedia gli avversari nella ripresa e si prende la Decima con un secondo tempo supplementare da incorniciare. Terza Coppa dei Campioni da coach, quinta considerando anche la carriera da calciatore. E un pizzico di buona sorte non guasta: scacciati definitivamente i fantasmi di Istanbul, perché questa volta è Simeone a disperarsi per l epilogo di questa pazza finale. EPICO.

8 COURTOIS 6 Qualche sbavatura prima dell inevitabile resa a discapito degli indemoniati merengues. Prova a sfruttare fino all ultimo centimetro per arrivare sulla devastante frustrata di Sergio Ramos, ma stavolta nemmeno l Uomo Ragno avrebbe potuto fare qualcosa. FUTURO. JUANFRAN 6,5 Instancabile incursore sulla fascia destra: come sempre garantisce qualità nei cross e quantità nei chilometri macinati. ESPERIENZA E QUALITA'. Joao MIRANDA 6,5 Puntuale in marcatura con chiusure talmente imperiali da rendere la decisione di escluderlo dalla rosa brasiliana per il Mondiale persino ridicola. Crolla nel secondo tempo supplementare ma a quel punto gli Dei del calcio avevano già emesso il loro verdetto. IMPONENTE. Diego GODÍN 7,5 Un altro dei vessilli del Cholismo. Di nuovo in gol dopo il gol-liga del Camp Nou, di nuovo protagonista di chiusure difensive eroiche. Non può nulla nel crollo colchoneros dell ultimo quarto d ora di partita. MONUMENTALE. Filipe LUIS 7 Strepitoso sulla catena di sinistra; con la recita di stasera conferma quanto infelice sia stata la decisione di Scolari di escluderlo dal mondiale brasiliano. PENDOLINO. (dall 83 ALDERWEIRELD 5,5: esposto alla grandinata del Real Madrid. Anche se non rende proprio il paragone con il compagno che ha sostituito). SPAESATO. GABI 7 Prolungamento di Simeone in campo: l anima, nonché capitano coraggioso dell Atletico Madrid dei miracoli. Nel finale perde lucidità concedendo la passerella a Ronaldo, ma nei novanta minuti si esprime a livelli a tratti commoventi. CUORE PULSANTE.

9 TIAGO 6,5 Disgraziato nel passaggio orizzontale che manda in porta Bale, per il resto la consueta calma olimpica nello smistare i palloni. METRONOMO. KOKE 6,5 Tremendamente lucido nella circolazione di palla e letale quando alza la testa e libera cross al centro arrotati e sempre insidiosi. Protagonista straordinario nella pazzesca stagione dell Atletico, del suo Atletico Madrid, scuola di formazione per lui. SPINA NEL FIANCO. RAUL GARCIA 6,5 Impeccabile in raccordo tra linea mediana e attacco: esce, spompato, quando l Atletico ha il controllo del match. REGISTA. (dal 66 Jose Sosa 5,5: lento, compassato). FUORI LUOGO. David VILLA 6 Di palloni non ne vede tantissimi, ma i pochi che transitano dai suoi piedi li lavora da par suo; si esalta quando l Atletico ha polmoni e forza fisica, cala inevitabilmente nel finale. ISPIDO Diego COSTA s.v. Stavolta non c è stregoneria che tenga: indubbiamente schierarlo dall inizio è stato un errore grossolano, ancor più dopo quanto successo a Barcellona. RECIDIVO. (dal 9' ADRIAN 6 Buon impatto nel match per l attaccante di scorta di Simeone; mina vagante per la difesa del Real Madrid). CORAGGIOSO. Allenatore: SIMEONE 8 A pochi secondi dalla gloria, questo potrebbe essere il titolo del film della finale di Simeone, perché i suoi ragazzi stavano confezionando l ennesimo miracolo con la consueta prova eroica al cospetto di Cristiano Ronaldo & Co. Questa volta il lieto fine non è stato scritto, ma nessuno dimenticherà il cammino dell Atletico Madrid dei miracoli. Eupalla stavolta ha sorriso agli avversari del Cholo. HOMBRE VERTICAL. Dario Mainieri

10 L Atletico di Madrid inizia a correre verso la finale di Lisbona stravincendo senza discussioni il girone G. In un gruppo non impossibile ma dalle tante insidie, i Colchoneros dimostrano subito di avere tutte le carte in regole per poter andare il più avanti possibile. Zenit, Porto e Austria Vienna fanno solo da sparring partner agli spagnoli che conquistano la bellezza di 16punti su 18disponibili. A fermare gli uomini di Simeone ci pensano solo i russi nella penultima gara della fase a gruppi e a qualificazione già acquisita. Agli ottavi la sfida si fa già interessante, dalle urne di Nion viene estratto subito un mostro sacro della Champions League: A.C. Milan. Gli italiani dell allora tecnico Allegri sembrano sicuri di se, augurandosi già alla vigilia questo abbinamento. Famose ormai le parole del centrocampista Muntari: Sorteggio? Spero nell Atletico, è alla nostra portata. Bè il ghanese è stato accontentato ma in fondo tutti sappiamo come poi è andata a finire: 0-1 a Milano e 4-1 a Madrid. I quarti di finale sembrano però un ostacolo insormontabile, a giocarsi un posto tra le migliori 4 ci saranno infatti Messi & comp. E il Barcellona dei fenomeni. Il derby iberico regala spettacolo ma non tanti gol. L atletico esce indenne dal Camp Nou segnando in trasferta e chiudendo la pratica in casa già dopo tre minuti con il gol di Koke. La semifinale è il simbolo del cinismo e di quel calcio magari poco spettacole ma tanto efficace. Al Calderon arriva Mourinho, il suo Chelsea e le sue barricate. Gli inglesi all andata riescono ad arginare i padroni di casa ma allo Stanford Bridge la partita e il contropiede perfetto fatto la storia e con un grande 1-3 si vola a Lisbona. Il resto è già storia Il Cammino: Atl.Madrid 3-1Zenit (Miranda, Turan, Batpstao, Hulk(Z)) Porto 1-2 Atl.Madrid (J.Martinze(P), Godin e Turan) AustriaV. 0-3 Atl.Madrid (Garcia, Diego Costa(2)) Atl.Madrid 4.0 AustriaV. (Miranda, Garcia, Felipe, Diego Costa) Zenit 1-1 Atl.Madrid (Adryan, Anderweireld(Z)) Atl.Madrid 2-0 Porto (Garcia, Diego Costa) Ottavi: Milan 0-1 AtlMadrid (Diego Costa) Atl.Madrid 4-1 Milan (Diego Costa(2), Garcia, Turan, Kakà(M)) Quarti: Barcellona 1-1 Atl.Madrid (Diego, Neymar(B)) Atl.Madrid 1-0 Barcellona (Koke) Semifinali: Atl.Madrid 0-0 Chelsea Chelsea 1-3 Atl.Madrid ( Torres(C), Adrian Lopez, Diego Costa, Turan) Finale: Real Madrid 4-1 Atl.Madrid d.t.s. (Godin(A), Ramos, Bale, Marcelo, Ronaldo) Antonio Greco

11 Antonio Greco Le campagne europee dell Atletco Madrid nella Coppa Dei Campioni sono state segnate per lo più dalla deluisione. I colchoneros si affacciano per la prima volta su questo prestigioso palcoscenico nella stagione 58/ 59. I biancorossi volano dritti in semifinale dove si trovano di fronte i rivali cittadini del Real Madrid. Dopo aver impattato 2-1 al Bernabeu, l Atletico si rifà in casa vincendo 1-0. Le obsolete regole dell epoca impongono lo spareggio perso poi ancora per 2-1. Nella stagione 73/ 74, guidati dal capitano Aragones i madrleni approdano per la prima volta alla finale della più grande manifestazione europea per club. Di fronte arriva l emergente Bayern Monaco di Beckembauer e Muller. Quella partita ha segnato una sorta di maledizione per il club che ieri come oggi vide sfumare il titolo nei minuti di recuperò. Una punizione di Aragones nei supplemenari è pareggiata a pochi secondi dal termine. Il morale a pezzi porto l Atletico alla disfratta, la ripetizione infatti fu stravinta 4-0 dai tedeschi. Da allora è iniziato il lento declino della squadra nella manifestazione fino ad oggi e all epopea di Diego Simeone. Più fortunata l avventura in altri tornei. I colchoneros infatti possono vantare 1 Coppa Delle Coppe, 1 Interconintela, 2 Coppa Uefa e 2 Supercoppe Europee. Atletico 2013/2014 La squadra di Simeone se si esclude i tempi supplementari della finale, purtroppo il dettaglio fondamentale, non ha mai perso in tutta la competizione. I numeri parlano chiaro, per l Atletico: 9 vittorie e 4 pareggi in un cammino che forse avrebbe meritato ben altra gloria. 26 i gol fatti in 13 gare, la media esatta di ben 2 reti a partita. Escludendo le tre marcature nei supplementari della finale, Courtois ha raccolto solo 6 volte il pallone nella propria rete, mettendo in mostra grandi capacità individuali e la solidità di un affiatato reparto difensivo. Con 8 gol il Bomber principe della squadra è Diego Costa, seguito Da Arda Turan(4) e dal capitano Raul Garcia. Gli ex Italiani Tante le ex conoscenze del calcio italiano tra le file dell Atletico. A farla da padrone è certamente il tecnico Simeone che ha vestito le maglie di Pisa, Inter e Lazio e allenato il Catania. Tra i giocatori troviamo l ex Napoli Josè Sosa e gli ex Juve Diego e Thiago, gli acquisti per riportare di nuovo in alto i bianconeri post calciopoli. Magari non sono dei titolarissimi ma tutti hanno dato una mano verso Lisbona dimostrando di essere stati bocciati troppo presto.

12 La regular season ha dato i suoi verdetti. Otto le squadre che si affronteranno il 4 giugno nell ultima fase, le final eight, per la conquista dell ambito scudetto. Ad Atalanta, Chievo, Fiorentina, Juventus, Lazio e Torino qualificate come prime e seconde dei rispettivi gironi, si accodano Roma e Palermo, vincitori della fase dei play off riservata alle terze, quarte e, la miglior quinta tra i tre giorni. Effettuati i sorteggi, gli accoppiamenti che decideranno la squadra campione d'italia. La Lazio, detentrice del titolo, affronterà la Roma in un derby caldissimo, con Juve-Chievo, Fiorentina-Palermo e Atalanta-Torino a giocarsi l'accesso alle semifinali. Si giocherà il 4 e il 5 giugno, con le semifinali in programma a Rimini il 7 e l'8 giugno. Sempre a Rimini la finale, l'11 giugno alle ore 21. Tutte le gare saranno in diretta su Raisport 1. Le partite, a gara secca, prevedono già il derby della stracittadina: Lazio- Roma. I biancocelesti, detentori del titolo nazionale e, vincitori dell ultima coppa Italia, hanno disputato un campionato, perfetto, con sole tre sbavature. Parte bene il campionato per la Lazio, che batte 5-1 i pari età del Napoli, mettendo in chiaro gli obiettivi della squadra di Bollini, spaventando, così, le dirette avversarie. Dopo tre vittorie consecutive, arriva per gli aquilotti un sonoro stop ; sconfitti, infatti, dal Palermo per 3-0. Passo falso che porta il sorpasso, in classifica, degli odiati cugini giallorossi. La scia, però, della Roma, non viene persa e, i ragazzi di Bollini, anellano altre due meritate vittorie, prima di affrontare, proprio, i giallorossi. Alla sesta giornata, infatti, è di scena il derby della capitale; e ad avere la meglio è la Lazio che, vincendo per 1-2, non solo porta a casa il derby, ma nuovamente il primato in classifica. Forti anche dei risultati al quanto deludenti delle diretta avversarie, la Lazio macina vittorie strepitose, annientando sul campo le malcapitate squadre. Sul tabellino, però, per la Lazio, c è spazio, anche, per il segno x. Un pari, arrivato contro la Reggina, a reti inviolate, che porta l unica squadra ad impensierire la Lazio, la Fiorentina, ad un solo punto di distanza. Non c è tempo per avere paura, per i ragazzi allenati da Simone Inzaghi, subentrato al mister Bollini, che continuano a vincere in campionato, ma anche in coppa Italia. Il doppio impegno, però, mette a dura prova le condizioni fisiche dei molti talenti biancocelesti, a partire da quello di Minala, attaccante più volte additato per la sua presunta età non corrispondente con quella anagrafica. La coppa Italia, impegna e stanca, ma da soddisfazioni alla Lazio, che se la aggiudica vincendo contro la Fiorentina. Nonostante il solo punto che ha separato Lazio e Fiorentina in campionato, la Lazio ha superato la fase a gironi, come prima in classifica. La Roma, qualificatasi come terza del girone C, ha condiviso il primato in classifica, con i cugini laziali fino alla quarta giornata, quando i biancocelesti, perdendo contro il Palermo, lasciano il via libera alla Roma per il primato in solitaria. Il derby perso contro la Lazio catapulta i ragazzi di Alberto De Rossi al terzo posto, che conserveranno fino alla fine della stagione. Ai quarti di finale, dei paly off, la Roma batte la Sampdoria di Enrico Chiesa per 2 a 0 e, in semifinale incontra l Inter. Contro i neroazzurri, i lupacchiotti, grazie alle doppiette di Ricci e di Adamo, vincono 4-2. Il secondo accoppiamento è Fiorentina- Palermo. I viola si qualificano come secondi del girone e, fino all ultima giornata di campionato hanno sperato di portarsi al primo posto. Il solo punto di distacco dalla Lazio non viene, però, mai annullato dai ragazzi di Semplice che vivono un campionato altalenante fatto di vittorie meritate e sconfitte pesanti, come quella rimediata in finale di coppa Italia, dalla Lazio. Il Palermo approda alle final eight passando prima per i play off, essendo arrivato quarto nel girone. La sola rete di Malele, porta i rosanero a vincere contro l Empoli, ai quarti di finale. In semifinale la squadra di Bosi incontra e vince 3-2 con l Udinese. Queste le prima quattro squadre che proveranno a cucire, sulle proprie maglie, il tricolore. Nel prossimo numero, la strada delle altre quattro squadre in lizza. Annalisa Moccia

13 Aru e Pozzovivo, la new generation all'attacco della Colombia Un giro d'italia che si prepara alla terza settimana settimana, quella decisiva, che si deciderà sulla salita storica dello Zoncolan. Cadute e insulti hanno fatto da contorno ad una edizione, tra le più incerte ed emozionanti degli ultimi anni. Assenti Contador, Froome e il Nibali, pronti a darsi battaglia al Tour, è stato fino ad ora un giro spezzato a metà tra le sorprese australiane e le conferme dei due ciclisti più attesi: i colombiani Uran e Quintana dati per favoriti alla vigilia. Super è stata la condizione del cronoman Michael Matthews e del suo connazionale Cadel Evans. Il vecchio e tenace Cadel è attualmente secondo nella classifica generale, alle spalle della maglia rosa Rigoberto Uran. Il colombiano della Omega Pharma si è assicurata la maglia del leader nella crono individuale di Barolo, ma ha dimostrato difficoltà sulle salite che hanno reso celebre il pirata Marco Pantani. Strepitose le vittorie dei giovani Enrico Battaglin e Fabio Aru, quest'ultimo vero outsider e ormai a ridosso dei big. L'altra grande novità italica è il lucano Domenico Pozzovivo, ora sesto a 2 minuti e 42. Tante difficoltà per la vecchia guardia Basso, Cunego e Scarponi, ormai fuori dalla generale. In crescita la condizione del favorito alla vigilia, quel Nairo Quintana vice campione al Tour de France Da tenere d occhio anche la maglia bianca, il polacco Majka, attualmente in terza posizione. Una Figth for pink che probabilmente si deciderà con la crono di Bassano del Grappa e con il muro Zoncolan del 31 maggio. Un giro d'italia caratterizzato da tante cadute, condizionate dalla pioggia che ha contraddistinto le tappe in terra irlandese e del centro-sud. Valanghe di polemiche per l'urlo "Terroni" di Valerio Agnoli, mentre la carovana stava transitando a Nocera Inferiore. Grave è stato l'incidente per un volontario della Protezione Civile nella tappa con traguardo ad Oropa. L'uomo, investito da una delle moto Rai, ha subito un trauma cranico e viene tenuto in coma farmacologico nel reparto rianimazione del Cto di Torino. Valerio Castorelli

14 UEFA WOMEN's CHAMPIONS LEAGUE Le ragazze del Wolfsburg rimontano e vincono la loro seconda Women's Champions League consecutiva ai danni delle svedesi del Tyresö. Come nella scorsa edizione, vinta per 1-0 contro le francesi dell'olympique Lione (eliminate agli ottavi dalle tedesche del Turbine Potsdam quest'anno), è stata decisiva, con i suoi gol, Martina Müller, autrice di una doppietta, che ha siglato,a 10 minuti dalla fine, il sorpasso che ha regalato alle sue compagne il trofeo. Le campionesse avevano battuto nel loro cammino le estoni del Pärnu (27-0), le svedesi del Malmö (5-2), il Barcellona (5-0) ed infine il Turbine Potsdam (4-2) nella semifinale tutta tedesca prima di battere il Tyresö, che invece si era fatto strada eliminando PSG (2-1), le danesi del Fortuna Hjørring (6-1), le austriache del Neulengbach (8-1) ed infine il Birmingham City (3-0). Ma passiamo alla finale: il Tyresö va all'intervallo sopra 2-0 grazie alle reti di Marta (28') e Veronica Boquete (30'), ma nella ripresa prima Alexandra Popp (47') e Martina Müller (53') rimettono la situazione in parità in un attimo. Attimo che dura solo 3 minuti, il tempo che Marta ci impiega a riportare le svedesi in vantaggio. Le campionesse in carica si rilanciano all'attacco e trovano l'ennesimo pareggio al 67' con Faiβt, che insacca con un rasoterra. Come un anno fa è di nuovo Martina Müller a decidere il match, quando all'80', assistita da una scatenata Kessler, segna il punto del definitivo 4-3, lasciando impietrite le avversarie ormai troppo stanche per tentare una reazione. Il titolo, per l'ottava volta su 13 edizioni, va ad una squadra tedesca. Peccato per le squadre italiane del Tavagnacco (eliminato 4-3 ai sedicesimi dal Fortuna Hjørring) e della Torres (piegate 12-1 dalle tedesche del Turbine Potsdam ai quarti). Francesco Perfetto

15 DI NUNZIA CASOLARO Mentre il campionato partenopeo si conclude direttamente in gara due, la lotta al primo posto tra Recco e Brescia è lotta fino all ultimo sangue. È infatti in gara tre che il Recco si riconferma campione e conquista lo scudetto per la nona volta consecutiva e la ventottesima in carriera dopo le prime due gare dove le due squadre si sono alternate il punteggio 7-6. Dopo un primo tempo equilibrato con due reti a testa messe a segno dai liguri Jokovic e Giacoppo e dagli avversari Rios Molina e Di Fulvio, il secondo quarto è quello in cui si sono cominciate a delineare le sorti dell importantissimo match. Il Recco infatti approfittando di distrazioni difensive e imprecisioni varie va a più cinque grazie alle sei reti di La Penna, Felugo, Figari, Figlioli in doppietta e Giorgetti, a discapito dell unica rete segnata in questi otto minuti dal bresciano Di Fulvio. Nella terza fazione il Recco allunga maggiormente le distanze segnando una rete in più degli avversari che vanno a segno con Rios Molina e Presciutti intervallati però da Gitto e Jokovic in doppietta. Pro Recco: Tempesti, Lapenna F. 1, Jokovic 3 (2 rig.), Figlioli 2, Giorgetti 1, Felugo 1, Giacoppo 1, Aicardi, Figari 2, Fondelli A., Ivovic, Gitto N. 1, Pastorino. All. Porzio. All. Angelini. Brescia: Del Lungo, Valentino, Presciutti C. 1, Legrenzi, Molina 3, Rizzo, Giorgi, Nora, Presciutti N. 1, Bodegas, Di Fulvio F. 2, Napolitano, Dian. All. Bovo. È solo all ultimo quarto che il Brescia prova a reagire ma è ormai troppo tardi, così le reti di Rios Molina e Presciutti che si ripetono interposte da quella di Figari nulla possono per cambiare le sorti della partita più importante, entusiasmante ed emozionante del campionato. Dunque ancora una volta Pro Recco campione d Italia! Arbitri: Caputi e Bianchi. 15

16 Correre all'indietro, ma che strana idea!! Se fossimo fatti per correre all'indietro, non avremmo occhi dietro alla testa?? La corsa all indietro, oretrorunning, o, all inglesebackward running, è una disciplina nata negli anni 80 negli Stati Uniti e giunta nel nostro Paese nei primi anni 90. Nonostante vengano organizzate diverse manifestazioni internazionali, la corsa all indietro non è mai decollata veramente. La tecnica non è, in sé, particolarmente difficile (si corre tenendo piedi e gambe parallele al senso di marcia, ruotando spalle e testa per controllare se si sta seguendo correttamente il percorso), ma all inizio l approccio può essere in parte problematico; con l esperienza s impara a percorrere tratti piuttosto lunghi senza voltarsi; ciò permette di correre più velocemente e mantenere meglio l equilibrio. Ai principianti viene generalmente consigliato di iniziare per gradi, ovvero di correre brevi tratti di corsa all indietro alternandoli con la normale corsa in avanti; ciò fino a quando non si arriva a una totale padronanza dei gesti e della visuale.per coloro che praticano retrorunning è molto importante riuscire a mantenere in posizione ben eretta la schiena, piegare poco le gambe, appoggiare la punta dei piedi e aiutarsi con i movimenti delle braccia; le braccia hanno un ruolo importante nel retrorunning perché, oltre ad aiutare l atleta a mantenere meglio l equilibrio, svolgono una funzione propulsiva. L approccio al retrorunning deve essere piuttosto graduale; trattandosi di un movimento piuttosto nuovo per l organismo, è necessario che questo si abitui al nuovo gesto. Bisogna stare diritti con la schiena, piegare poco le gambe e appoggiare la punta dei piedi. Aiutarsi con il movimento delle braccia. I gesti del retrorunning non sono molto diversi da quelli della corsa in avanti. I passi, o meglio, i balzi, devono essere rasenti al terreno. Il movimento delle braccia è importante perché, oltre a migliorare l equilibrio, funziona da propulsore. Per verificare la direzione è consigliabile girarsi un poco di lato e sbirciare con la coda dell occhio. Questo però rallenta il movimento e non può essere effettuato sistematicamente. È importante crearsi anche altri punti di riferimento e memorizzare prima il percorso. Durante i primi allenamenti è normale sentire le gambe pesanti e stancarsi facilmente. Per questo bisogna seguire un programma graduale. Bisogna dare all organismo il tempo di adattarsi al nuovo tipo di movimento. All inizio si viene assaliti da mille sensazioni: il bisogno di controllare la direzione, di capire come muovere le gambe, quale posizione far assumere alle braccia, al bacino, la schiena. Senza forzare, gradualmente il corpo si adatterà ai nuovi movimenti, raggiungendo equilibrio e consapevolezza. 16 Eleonora Brangi

17 I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELL ATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Coordinatore di Redazione: Stefano Limongelli e Ferruccio Montesarchio Editing Grafica: Francesco Perfetto Coordinatore Pagina di Facebook FDS: Karina O. Palomba Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Università Parthenope di Napoli FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Info line: Seguici anche su Facebook :FATTO DI SPORT FATTO CRONACA SPYNEWS24

18

19 Il Real Madrid è campione d'europa. Tutto questo dopo i tempi supplementari nella finale di Champions di Lisbona per far svanire l'ossessione della "Decima" ai Merengues, completando il dramma sportivo dell'atletico di Simeone. I Colchoneros, in vantaggio con Godin al 36' con un errore di Casillas, sono stati raggiunti da Sergio Ramos solo al 93'. Poi il gol di Bale al 110, Marcelo al 118 e Ronaldo su rigore al 120. Giuseppe D Ambrosio

20 Finita la Champions che ha visto il Real campione, vediamo l undici migliore per quanto riguarda questa competizione. In porta va il giovane belga Courtois dell Atletico Madrid che batte Casillas. Da sinistra a destra della linea difensiva vanno Felipe Luis,Sergio Ramos,Godin e Lahm. Centrocampo a tre formato da Arda Turan,Modric e Angel Di Maria. Attacco stellare con Marco Reus, Zlatan Ibrahimovic (o Diego Costa) e ovviamente Cristiano Ronaldo. Courtois (Atletico Madrid) Lahm Sergio Ramos Godin Felipe Luis (Bayern Monaco) (Real Madrid) (Atletico Madrid) (Atletico Madrid) Modric (Real Madrid) Arda Turan (Atletico Madrid) Di Maria (Real Madrid) Reus (Borussia Dortmund) Ibrahimovic (Paris-Saint German) Cristiano Ronaldo (Real Madrid) R.Agnello

21 ATLETICO MADRID 6,5 - Se arrivi in fondo alla competizione con la miglior difesa un motivo c è; peccato sia crollato sotto i colpi dei cugini e della Sfortuna Thibaut COURTOIS 6 Innocente vittima del bombardamento Blancos JUANFRAN 6,5 Vince il duello con il suo diretto avversario, almeno fino al 90 Joao MIRANDA 6,5 Finche il centrocampo regge è imperiale, peccato non vederlo ai mondiali Diego GODÍN 7,5 Dopo il gol Liga, stava per scapparci il gol Champions, troppa grazia. Il migliore in campo tra i suoi Filipe LUIS 7 Un altro fenomeno lasciato a casa da Scolari, macina chilometri come fosse la cosa piu naturale del mondo(dall 83 ALDERWEIRELD 5,5 Ne prende 4 in 35 minuti, grandine) GABI 7 Non ha caso ha la 14 del suo allenatore, generale in campo e prolungamento ideale di Simeone nel rettangolo di gioco TIAGO 6,5 Solo un errore tutta la partita che Bale non sfrutta, finche c è birra è pulito e efficiente ma poi. KOKE 6,5 Corre, dribbla difende e da calcioni agli avversari per 120 minuti, è l ultimo ad arrendersi RAUL GARCIA 6,5 Lascia il campo con l Atletico in controllo, anche grazie a lui, poi arriva la grandine(dal 66 Jose Sosa 5,5 entra in campo con poca voglia) David VILLA 6 Da solo sorregge il peso dell attacco dell Atletico per tutta la partita, fino a quando il fiato resiste è un gladiatore nonostante i pochi palloni toccati Diego COSTA s.v. e senza parole, anzi tre: Placenta di Cavallo (dal 9' ADRIAN 6 Buon impatto nel match per l attaccante di scorta) Allenatore: SIMEONE 7 A 90 secondi dallo storico double, stagione certamente fenomenale, ma quanto ha pesato l errore di mettere Diego Costa dal primo minuto? REAL MADRID 7 - Per ottanta minuti merita di perdere la coppa, poi l Atletico si spegne e con tutti quei campioni è un attimo dare 4 gol a chiunque. Iker CASILLAS 4 Ha il gol di Godin sulla coscienza, ringrazi i suoi per la Decima Daniel CARVAJAL 6 Perde il confronto contro il dirimpettaio ma lotto come un gladiatore VARANE 6,5 Ottima partita per lui, pulito e sicuro Sergio RAMOS 8 Regala praticamente lui la Decima al Real Madrid Fabio COENTRAO 4,5 Impalpabile e mai in partita. (dal 59 MARCELO 7,5 impatto devastante e gol della sicurezza) Sami KHEDIRA 5 Non regge fisicamente la strapotenza dell Atletico, perde anche Godin in occasione del vantaggio Colchoneros (dal 59 ISCO 6,5 Ancelotti ha una panchina da paura, Isco ne è la prova) Luka MODRIC 6,5 Tanta qualità e legna per l ex Tottenham Angel DI MARÍA 9,5 Match winner, dribbla crossa e difende. Regala anche l assist a Bale, prestazione mostruosa Gareth BALE 7 Fino al 115 prestazione da 5 in pagella, poi vinche la coppa Karim BENZEMA 4,5 ha giocato?(dal 79 MORATA 6 Grande forza e freschezza nel finale di partita) Cristiano RONALDO 6,5 Entra nel tabellino a match già vinto. Diciasettesimo capolavoro davanti al suo popolo Allenatore: ANCELOTTI 8 Perde il primo tempo della sfida con Simeone, ma pesca dalla panchina i jolly. Cancellata per sempre la Sfortuna della notte di Instabul Domenico D Auria Angelo

22 TUTTI PAZZI PER IMMOBILE Il Barcellona prova a inserirsi nella trattativa tra Toro, Juve e Borussia Dortmund per Ciro Immobile. Sul piatto pronti 20 milioni di euro per l attaccante della Nazionale Italiana. Il nuovo tecnico dei blaugrana, Luis Enrique ha individuato nell attaccante del Torino una pedina adatta per il suo gioco, in linea con il progetto di rifondazione dei catalani. Ventiquattro anni, 22 gol quest anno in Serie A e capocannoniere della classifica marcatori, con il sogno mondale alle porte. Dopo aver coronato il sogno d amore con le nozze celebrate con Jessica Melena, la punta di Torre Annunziata ha trascinato i granata fino alle porte dell Europa League. Operazione difficile perché il Borussia Dortmund è in pressing da tempo sul calciatore. Il bomber dalla Serie A italiana potrebbe ritrovarsi a giocare accanto ai più forti calciatori al mondo. Su tutti Leo Messi e Neymar Se questo non è un sogno! Giuseppe D'Ambrosio

23 Stadio Da Luz di Lisbona va in scena la finale di Champions tra le due squadre madrilene: Real e Atletico. Prima del match i Blancos devono rinunciare a Pepe, mentre l Atletico ad Arda Turan. Pronti via e dopo nove minuti primo cambio: Diego Costa ancora una volta non ce la fa,entra Adrian. Il Real cerca di tenere in mano il pallino del gioco, e al 32 prima palla gol:tiago sbaglia un passaggio a centrocampo Bale arriva in area e,da solo senza pressioni, butta fuori un gol già fatto. Gol sbagliato, gol subito, perché al 37 in una mischia d area, Godin con un colpo di testa (con grande papera di Casillas) trova l 1-0 per i Colchoneros. Real alle corde, va negli spogliatoi molto scosso. Nella ripresa i Blancos non riescono a sfondare l Atletico regge bene e non concede granchè. Entrano Marcelo ed Isco. Di Maria continua a prendersi falli e a correre tanto. Novanta sul cronometro e la partita sembra essere finita. Sembra appunto 93 cross dal calcio d angolo e Sergio Ramos vola in area e di testa batte Courtois, quasi come la finale del 1999 tra Manchester e Bayern Monaco. All ultimo secondo il Real prende l ultimo treno disponibile e si va ai supplementari. L Atletico però dal 75 non c è più in campo e al minuto 110 Di Maria ha ancora fiato per dribblare due avversari e tirare in porta, Courtois si salva, ma a porta sguarnita arriva Bale(dopo una pessima partita) e sigla il 2-1! Esplodono i Blancos ma la festa non finisce perché al 118 e 120 la squadra di Ancelotti completa l opera con Marcelo e Cristiano Ronaldo su rigore. Il match finisce 4-1, divario troppo esagerato. Partita sofferta e amara per i Colchoneros, che escono a testa altissima da questa finale.lacrime di gioia per il Real che dopo tanto tempo riabbraccia quella coppa tanto amata per la Decima volta. R.Agnello

24 Tanto sognata, tanto inseguita e,anche come sabato sera, tanto sofferta. Quel tormento e quell incubo della Decima è finito: il Real Madrid è campione d Europa,fodici anni dopo, da quel gol fenomenale di Zinedine Zidane contro il Bayer Leverkusen. Il francese adesso siede in panchina con un signore che si chiama Carlo Ancelotti, vincitore di cinque Champions: due da calciatore, due con il Milan e adesso una con il Real. Quanti allenatori sono passati, pochi l hanno realmente sfiorata e nessuno l ha vinta; Ancelotti invece con la solita calma e sicurezza è riuscito a vincerla al primo colpo, riuscendo a formare all interno dello spogliatoio un gruppo unito, pronto a sacrificarsi l uno per l altro e non egoista come quello della gestione Mourinho. Cristiano Ronaldo infortunato nel secondo tempo supplementare è andato a recuperare un pallone quasi nei pressi di Casillas, Di Maria ha cambiato ruolo sacrificandosi molto (ma trovando forse il ruolo adatto a lui), Sergio Ramos ha incitato tutti fino alla fine e ha combattuto come un leone per 120. Dopo anni il Real non sembra più una squadra che punta solo alla giocata individuale, ma è una vera e propria squadra che ha alzato la coppa meritatamente. Finalmente la Decima arriva a Madrid, i tifosi dei Blancos possono esultare, la malediezione è finita, la Champions League è tornata a casa. R.Agnello

25 Un anno fa il Bayern Monaco alzava la Champions ai danni di un fantastico Borussia Dortmund. Le due tedesche avevano superato in semifinale Barcellona e Real Madrid e complice anche la sconfitta della nazionale spagnola nei confronti del Brasile in Confederation Cup, si parlava di un ciclo finito. Voci del tutto errate! Un anno dopo la Spagna si è presa la propria rivincita. Il Siviglia ha alzato allo Juventus Stadium l Europa League, mentre il Real ha conquistato la Champions ai danni dell Atletico Madrid. Inoltre nelle semifinali delle due competizioni su otto squadre cinque erano spagnole (Real,Atletico,Siviglia,Barcellona e Valencia). Gli spagnoli sono tornati a padroneggiare nel vecchio continente, con un calcio diverso dal tiki-taka del Barcellona che aveva conquistato l inimaginabile, 365 giorni dopo la Spagna ha fatto capire che più che ciclo finito, quello dell anno scorso era stato un anno di pausa. Quindi nessuno può dormire sogni tranquilli per questo Mondiale, le vacanze sono finite, le Furie Rosse sono pronte a riconquistare il mondo! R.Agnello

26 AUGURI A CIRO IMMOBILE SPOSO Il 23 Maggio grande folla in provincia di Chieti, a Bucchianico (Pescara) per il matrimonio dell'attaccante del Torino e della Nazionale Ciro Immobile, che ha sposato Jessica Melena nella chiesa di San Camillo de Lellis, un anno fa lo ha reso padre di una bimba. Tanti volti noti del calcio italiano fra cui Verratti del Psg, Bertolacci del Genoa, Bovo e Balzano del Pescara. Non si è visto invece l' annunciato ex compagno di squadra nel Pescara Lorenzo Insigne. Tanti i tifosi abruzzesi e del Pescara presenti a Bucchianico per abbracciare il bomber di Torre Annunziata, che tre anni fa con il Pescara di Zeman vinse il campionato segnando 28 reti e vincendo la classifica marcatori. Oltre Jessica Melena, Ciro Immobile starà per sposare anche altri colori il giallo nero. Infatti Ciro Immobile e Borussia Dortmund sono sempre più vicini. L'offerta è salita a 20 milioni di euro per l'attaccante di Torre Annunziata. La Juventus ha già dato il via libera all'operazione, ora manca soltanto l'ok del presidente del Torino, ma sulla trattativa c'è grande ottimismo in Germania. Nel frattempo il giocatore ha già trovato l'accordo col Borussia Dortmund. Sarà il sostituto di Robert Lewandowski? Sposerà anche il Borussia Dortmund? Giuseppe D'Ambrosio

27 Napoli mondiale Nella storia del Napoli mai cosi tanti convocati, per l esattezza 13, ma se si contano anche i calciatori in prestito, Andujar, Armero, Vargas saliamo a 16. Il record massimo di calciatori partenopei che hanno preso parte ad una spedizione mondiale è stato 6 che hanno partecipato ai mondiali di Italia 90.A livello mondiale solo il Manchester United e il Bayern Monaco vanta più convocati degli azzurri per l esattezza 16, il Napoli è terzo insieme al Barcellona Juventus e il Real Madrid MATTIA PALERMO

28 EMPOLI SPRECONE, LA A DEVE ATTENDERE In casa Empoli la festa era già pronta. La matematica promozione in serie A poteva essere raggiunta con una vittoria nella non proibitiva trasferta di Cittadella, ma così non è stato. Eppure la maggiore qualità degli ospiti e la voglia di raggiungere al più presto l obiettivo, sembravano non lasciare scampo agli avversari, che già al ventiduesimo minuto del primo tempo si trovavano in svantaggio di sue reti, a causa delle reti del sempreverde Tavano e di Verdi. L eccessiva sicurezza nei propri mezzi può però essere un deterrente, e nel giro di venti minuti il Cittadella pareggia, trasmettendo sul campo il chiaro messaggio di voler vendere cara la pelle. L Empoli potrebbe riaprire il discorso promozione allo scadere del primo tempo, ma quando Maccarone fallisce dagli undici metri, si intuisce che non è proprio giornata e che forse non è il caso di forzare la mano e rischiare una sconfitta. Il prossimo turno in casa, contro un Pescara che non ha più nulla da dire, sembra essere il match point ideale per poter gioire con i propri tifosi il ritorno nella massima serie dopo 5 anni di B. IL countdown è iniziato. La festa, salvo clamorosi sviluppi, è soltanto rimandata. Francesco Rosa.

29 SERIE B 41 GIORNATA: EMPOLI ANCORA NIENTE A. IL PADOVA E IN LEGA PRO Dopo la promozione in Serie A del Palermo, ad una giornata dalla fine nel campionato cadetto è tutto ancora aperto sia per l assegnazione del secondo posto valevole per la promozione, sia per la qualificazione ai play off. L Empoli ha fallito clamorosamente il suo primo match point pareggiando 2 2 con il Cittadella dopo essere andato in vantaggio di 2 reti. Colpaccio del Latina che vince a Cesena per 1 3 balzando al terzo posto e dimostrando ancora una volta l ottima stagione disputata dalla squadra laziale. Nelle zone basse con la sconfitta a Siena, il Padova abbandona i sogni di una salvezza clamorosa raggiungendo in Lega Pro le già retrocesse Reggina e Juve Stabia. Per evitare i Play Out, lotta a tre tra Cittadella, Varese e Novara, mentre per i Play Off tutto ancora aperto con Crotone, Siena, Spezia, Bari, Avellino e Lanciano in lotta per gli ultimi 2 posti rimasti. Ecco i risultati della 41 Giornata: Novara Varese = 0 0 (GIOCATA SABATO) Pescara Modena = 2 2 Avellino Reggina = 3 0 Brescia Juve Stabia = 4 1 Carpi Lanciano = 2 2 Cesena Latina = 1 3 Cittadella Empoli = 2 2 Crotone Trapani = 2 1 Siena Padova = 2 0 Spezia Bari = 2 0 Ternana - Palermo = 1 2 FRANCESCO SQUILLANTE

30 NIKO ROSBERG VINCE A MONACO Vince ancora una Mercedes, questa volta però sul gradino più alto del podio sale Niko Rosberg. Secondo Lewis Hamilton, che a causa di un problema alla vista ha perso molti secondi negli ultimi giri, non ne approfitta però il pilota australiano Ricciardo, che finisce terzo. Quarto un deludente Fernando Alonso autore di una gara anonima, sfortunato l altro ferrarista Kimi Raikkonen che si ritrova terzo alla partenza ma chiude, senza punti, al 12 posto a causa di vari incidenti. Gara fantastica per Bianchi che porta la Marussia a conquistare i primi punti della sua storia. Molti i ritiri soprattutto per guasti al motore, vittima anche Sebastian Vettel, fuori subito. Stefano Spano

31 La terra trema sotto i piedi di Rafa Comincia il Roland Garros, e possiamo inventarci tutti i giri di parole che vogliamo, ma i favoriti sono soltanto due, gli stessi degli ultimi 3 anni: Djokovic e Nadal. In questo ordine. E già, perché per la prima volta dopo 10 anni, forse Rafa comincia ad accusare i colpi di un tennis giocato a ritmi estenuanti per troppo tempo, tali da portarlo al suo Slam con giusto un paio di titoli sulla terra battuta, di cui uno vinto per ritiro dell avversario (Nishikori, a Madrid). Ci può anche stare, se non fosse che le sconfitte sono arrivate contro i suoi vassalli Ferrer ed Almagro, nei feudi di Montecarlo e Barcellona. Due tornei vinti 8 volte ciascuno da Rafa, due avversari battuti complessivamente 24 volte sul rosso. Così, per dare un idea Poi è arrivata la sconfitta più dura, quella a Roma. Contro Djokovic, uno da cui si può perdere, anche sull amata terra. Ma l epilogo di domenica scorsa è stato ben più di una semplice casella da aggiornare nelle statistiche sfavorevoli. Quella del Foro è stata un impressionante dimostrazione di forza di Nole, che ha rimontato e vinto una partita con un tennis (nel secondo e terzo set) che forse nemmeno alla Play Station si vede giocare. E la cosa peggiore è che nei confronti diretti degli ultimi anni, l impressione che da il serbo è che sia lui a decidere le sorti del match, nel bene e nel male. Quando gioca in quel modo, non basta nemmeno un ottimo Nadal a tenerlo a bada, neanche sulla terra battuta. E adesso? Beh, adesso c è il Roland Garros. L unico Slam che manca a Djokovic, sconfitto ben 5 volte da Nadal a Parigi. Eppure Certo, parliamo di un giocatore che in Francia ha perso una sola volta in 9 edizioni, in maniera incredibile tra l altro. Ma il regno di Nadal non ha mai vacillato così tanto, seppure in questi 10 anni abbia affrontato momenti di incertezza. Nel 2009, certo, quando venne sconfitto da Soderling, ma nessuno se lo aspettava. L anno scorso, quando proprio Djokovic in semifinale commise l ormai celeberrima invasione di campo con la racchetta, sprecando il suo vantaggio nel quinto set (poi perso 9-7). Ma soprattutto nel L anno della più grande partita di tennis che non si è mai giocata. Djokovic aveva dominato la stagione, ed il termine in questo caso è letterale: aveva vinto tutte le partite da gennaio a giugno, annientando Nadal a Madrid e Roma (come quest anno ), e Rafa si presentava al Roland Garros pieno di dubbi. Poi ci pensò Federer a risolvere la situazione, battendo il serbo in una semifinale stupenda, e Rafa ebbe vita facile, per così dire (affrontare un avversario sempre battuto in finale a Parigi, piuttosto che quel Djokovic, vuoi mettere?). Anche quest anno Roger è dallo stesso lato del tabellone di Nole, e magari Nadal dovrà affrontare Wawrinka dopo l incredibile sconfitta in finale agli Australian Open. Ma è difficile che lo status quo venga sovvertito due volte: non ci sono imprese che tengano, questo è l anno decisivo per entrambi. Il palcoscenico è tutto loro: Nadal contro Djokovic, Rafa contro Nole. E per la prima volta, la terra trema davvero sotto i piedi del Re. Alessandro Testa

32 Mondiale vicino, azzurri sfavoriti ma futuro luminoso; prandelli fino al 2016 Mondiali al via. Anche l'ultimo grande match, la finale di Champions league, è andato. Ora si infittiscono i ritiri delle Nazionali, con gli ultimi campioni che erano rimasti impegnati con il proprio club. Non tutti i CT hanno già sciolto le riserve, qualcuno verrà rimandato a casa, qualcun altro in Brasile ci andrà davvero. Il nostro Prandelli ci tiene ancora sulle spine e nell'attesa che arrivi la definitiva lista dei 23, con l'aiuto di saune e speciali tecniche di allenamento ha già proiettato i suoi nell'infernale clima Sudamerica. Perchè uno dei grandi protagonisti in Brasile sarà senz'altro il clima, umidità e caldo torrido sono già il nemico da battere. Ed è così che inevitabilmente i favori del pronostico cadono sulle squadre sudamericane, Brasile su tutte, già avvezze a determinati fattori climatici e ambientali. Per quanto riguarda la nostra Italia, non potremmo mai essere tra i favoriti, ma vale comunque la pena giocarcela, ogni qual volta la nazionale del Belpaese è stata avvolta da diffidenza e negatività, è lì che ha sempre portato un gran risultato a casa, inevitabile il riferimento a Germania E se nel frattempo, tra le tante critiche, Prandelli rinnova fino al 2016, non ci resta che guardare al futuro con fiducia. Per il calcio giocato invece, non ci resta che aspettare. Ancora un pò. L'attesa aumenta ma il Mondiale è alle porte. G. Castellano

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 ANNO 16. N. 10 (726), 14 marzo 2015. Poste Italiane

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

SALAH VERA GLORIA? ADESSO O MAI PIÙ. Contro la Dinamo Kiev la Fiorentina si gioca tutta la stagione

SALAH VERA GLORIA? ADESSO O MAI PIÙ. Contro la Dinamo Kiev la Fiorentina si gioca tutta la stagione ADESSO O MAI PIÙ MARIO GOMEZ STASERA PUÒ RISCATTARE LA SUA ESPERIENZA IN MAGLIA VIOLA IL PUNTO FIRENZE GIOVEDÌ 23 APRILE 2015 WWW.METRONEWS.IT Mohamed Salah è l uomo del momento in casa gigliata, dai suoi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli