Lavoro a progetto e call center: l inversione di tendenza concertata nell accordo collettivo di gruppo Almaviva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro a progetto e call center: l inversione di tendenza concertata nell accordo collettivo di gruppo Almaviva"

Transcript

1 Lavoro a progetto e call center: l inversione di tendenza concertata nell accordo collettivo di gruppo Almaviva di Vincenzo Bavaro 1. Se è vero che le tendenze si colgono nei particolari, allora si può ben dire che nel mercato del lavoro italiano è in corso una inversione di tendenza nella politica del lavoro; tendenza che fa mostra di sé proprio in quel segmento della panoplia di istituti contrattuali del mercato del lavoro che più di altri ha impegnato la scienza giuridica. Mi riferisco al contratto di lavoro a progetto: un contratto assai giovane dal punto di vista della disciplina normativa (dal momento che essa risale al decreto legislativo n. 276 del 2003) ma, com è dimostrato dalle numerose ricerche, molto utilizzato in alcuni settori produttivi. Com è ben noto al giuslavorismo italiano, l attenzione prestata al lavoro a progetto è cresciuta in parallelo alla (vera o presunta) crisi della subordinazione, o meglio alla crisi della polarizzazione giuridica basata sulla dicotomia autonomia-subordinazione. Non intendo richiamare in questa sede la vasta letteratura scientifica non solo giuridica - presente su questo tema; nondimeno proprio nel lavoro a progetto, così emblematico nel connotare il lavoro della «contemporaneità» (invero molto italica), si manifesta un timido capovolgimento culturale non solo desumibile dalla nuova legislazione ma anche da segnali provenienti dalla cultura organizzativo-imprenditoriale. La prova di tale inversione di tendenza sta nella recente contrattazione collettiva che ha riguardato le più importanti imprese di servizi di call center. In queste note farò riferimento al contratto collettivo di gruppo Almaviva sottoscritto il 13 dicembre gruppo che controlla 5 grandi aziende di call center - e, de relato, al contratto collettivo dell azienda Atesia sottoscritto precedentemente l 11 aprile 2006, che è proprio una delle aziende del suddetto gruppo. Considero molto interesse leggere questi due contratti in una prospettiva diacronica perché segnano il mutamento progressivo avvenuto nel corso di qualche mese. Sappiamo bene non fosse altro che per deduzione di senso comune che il lavoro a progetto è associato idealmente proprio ai call center; e sappiamo anche che queste imprese rappresentano uno straordinario oggetto d indagine per il giuslavorista perché consentono di verificare la fisiologia organizzativa di un istituto giuridico-contrattuale di lavoro non-subordinato ad un intero processo produttivo, quindi relativo a organizzazioni di lavoro basate su grandi numeri di unità lavorative. In altri termini, parlare di lavoro a progetto nei call center è un utile strumento conoscitivo delle trasformazioni organizzative e giuridiche dei processi organizzativi della produzione e del lavoro. C è un altro elemento che occorre mettere in evidenza in via preliminare per segnalare il mutamento della cultura politica del lavoro e è il caso di aggiungere, come dirò delle relazioni industriali. Durante la legislatura del Governo Berlusconi si è registrata una sostanziale derubricazione della prassi concertativa fra Governo e parti sociali. Anche su questo aspetto non serve dilungarsi. Orbene, la vicenda del lavoro nei call center lascia intravedere l anticipazione di una rinnovata propensione alla concertazione tripartita. Quest affermazione si spiega se teniamo presente l evoluzione degli eventi in controluce rispetto al contratto di gruppo Almaviva. La Circolare del Ministro del Lavoro n. 17 del 2006 fu emanata subito dopo che una ispezione del lavoro nell impresa Atesia condusse gli Organi amministrativi a rilevare un utilizzo illegittimo del contratto di lavoro a progetto. Il clamore della vicenda amplificato dagli organi di stampa fece trascurare la circostanza che gli Ispettori del Lavoro si limitarono semplicemente a verificare la corrispondenza tra fatto e norma giungendo a rilevare che «il re è nudo»: insomma, si rilevò che non era possibile qualificare i rapporti di lavoro instaurati in quel call center, sulla base di una normale operazione di qualificazione della fattispecie, come lavoro a progetto ex art. 61 de d. lgs. n. 276/03. La Circolare n. 17/2006, dunque, ha specificato la precedente Circolare n. 1/2004 con particolare riferimento alle imprese di servizi di call center, definendo i criteri di interpretazione cui avrebbero dovuto conformarsi gli Ispettori del lavoro. È utile osservare, intanto, che prima delle ispezioni e della Circolare, Atesia aveva sottoscritto un accordo collettivo aziendale col quale si avviava un processo di gradualissima stabilizzazione dell occupazione compiuta attraverso la trasformazione di circa 900 contratti di lavoro a progetto in contratti di inserimento e contratti di apprendistato. Si tratta di un accordo, invero abbastanza

2 discusso, che ha avuto il merito di riconoscere che il problema della esatta qualificazione dei rapporti di lavoro nei call center esisteva e poteva risolversi soltanto avviando un percorso di trasformazione di quei rapporti in lavoro subordinato. La vicenda degli Ispettori del lavoro, ovviamente, s intrometteva in quel percorso sindacale; tuttavia deve essere chiaro che questa alterazione avveniva del tutto involontariamente e, comunque, in base all obbligo di applicazione della legge. Della questione se ne è fatta carico la contrattazione collettiva confederale con l avviso comune del 4 ottobre 2006 mediante il quale Confindustria, Cgil, Cisl e Uil hanno assunto una linea innovativa rispetto agli anni precedenti: da una parte, si assume la volontà di stabilizzare l occupazione dei lavoratori a progetto dei call center non con soluzioni temporanee o parziali bensì con la semplice e integrale trasformazione dei contratti di lavoro a progetto in contratti di lavoro subordinato; dall altra parte, però, le parti sociali richiedono un intervento del legislatore per sostenere questo percorso di stabilizzazione. In particolare, le parti sociali assumono l impegno ad avviare un percorso di trasformazione del lavoro a progetto in lavoro subordinato «in coerenza con le esigenze organizzative» e previo accordo sindacale aziendale, con la precisazione che le trasformazioni riguarderanno soltanto i rapporti di lavoro a progetto eseguiti con modalità c.d. in bound (richiamando così la stessa indicazione presente nella Circolare n. 17/06) escludendo, perciò, le collaborazioni a progetto c.d. out bound. Inoltre, tali trasformazioni sarebbero state distribuite nell arco di un anno secondo un calendario predefinito e questo è un punto essenziale - previa conciliazione giudiziale o sindacale su eventuali pretese creditorie o risarcitorie dei lavoratori interessati alla trasformazione. Sarebbe a dire che le imprese di call center accettano di trasformare i contratti a progetto in contratti di subordinazione purché i lavoratori rinuncino ad avviare azioni giudiziarie per il periodo pregresso. È evidente che anche questa disposizione finisce per essere una ammissione di utilizzo illegittimo del lavoro a progetto dal momento che le imprese ritengono necessario fugare il pericolo di azioni giudiziarie che, evidentemente, vengono percepite come un autentico pericolo in quanto giuridicamente fondate sulla qualificazione del lavoro come lavoro subordinato. Da un punto di vista sindacale si ratta ovviamente di un buon risultato perché si ottiene una stabilizzazione del lavoro; ma anche per le imprese resta un buon accordo peraltro dovendo confidare nella capacità del sindacato di ottenere la disponibilità dei lavoratori a conciliare. Quest ultimo aspetto investe la competenza legislativa in quanto nell avviso comune si legge che «gli atti di conciliazione individuali che verranno perfezionati nell ambito del percorso specifico definito dall accordo sindacale, cui farà seguito la contribuzione aggiuntiva di cui in premessa, definiranno anche nei confronti dei terzi la posizione individuale del collaboratore per tutti i profili anche previdenziali, connessi alla qualificazione del rapporto». Si tratta, dunque, di una norma per la disposizione transattiva dei diritti che non può che derivare dalla legge, oltre a richiedere un sostegno a carattere economico-previdenziale. Fin qua l avviso comune. Su questa scia il contratto di gruppo Almaviva è il primo ad attuare questo processo di stabilizzazione ad una condizione espressamente prevista: «il presente accordo si legge - avrà validità a seguito della conversione in legge, senza modificazioni, della normativa prevista dal disegno di legge finanziaria 2007». Il contratto collettivo ha previsto una clausola che sospende l efficacia del contratto condizionato dall approvazione in parlamento della legge finanziaria Merita solo un cenno la singolarità di un accordo il cui contenuto ha validità condizionata all approvazione di una legge, tanto più quando si tratta di un caso nel quale la trasformazione dei contratti di lavoro a progetto in contratti di lavoro subordinato non è un fatto disponibile o condizionabile ma giuridicamente necessitato. Ad ogni modo, la Legge Finanziaria 2007 è stata approvata ed ha previsto le misure di sostegno alla trasformazione del lavoro a progetto in lavoro subordinato richieste dall autonomia negoziale. Vediamole più da vicino 2. «Al fine di promuovere la stabilizzazione dell occupazione mediante il ricorso a contratti di lavoro subordinato nonché di garantire il corretto utilizzo dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto, i committenti datori di lavoro, entro e non oltre il 30 aprile 2007, possono stipulare accordi aziendali ovvero territoriali» per promuovere «la trasformazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto,

3 mediante la stipula di contratti di lavoro subordinato». La stipulazione di tali accordi consente ai lavoratori interessati alla trasformazione di sottoscrivere atti di conciliazione individuale conformi alla disciplina di cui agli artt. 410 e 411 c.p.c. Tali atti di conciliazione producono l effetto di cui agli artt. 410 e 411 c.p.c. con esclusivo riferimento ai diritti di natura retributiva, contributiva e risarcitoria per il periodo pregresso. Solo dopo aver sottoscritto l accordo collettivo di trasformazione e aver convalidato gli atti di conciliazione si potrà anche riconoscere una agevolazione sulla contribuzione previdenziale per il medesimo periodo pregresso, oltre alla fruizione di tutte le altre agevolazioni previste per l assunzione di lavoratori subordinati. Questa è il succo della disposizione normativa prevista dai commi dell art. 1 della Legge Finanziaria Come si può vedere, lo schema concertativo di queste disposizioni normative appare evidente: da una parte l impegno delle imprese a trasformare i contratti di lavoro a progetto in contratti di lavoro subordinato; dall altra parte l impegno dei sindacati a sottoscrivere accordi collettivi con i quali si sostiene la rinuncia o transazione dei lavoratori ad ogni pretesa creditoria per il periodo pregresso rispetto alla trasformazione; da parte sua, la Legge garantisce il quadro giuridico di tali rinunce connesso a un sostegno finanziario sul piano contributivo (300 milioni di euro sia per il 2008 sia per il 2009), sostanzialmente a vantaggio sia delle imprese: secondo il comma 1205, le imprese dovranno versare alla gestione separata dell INPS una «somma pari alla metà della quota di contribuzione a carico dei committenti per i periodi di vigenza dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto, per ciascun lavoratore interessato alla trasformazione del rapporto di lavoro». Una precisazione va fatta riguardo all impegno sindacale. Deve essere chiaro che si tratta di un impegno che non significa disposizione collettiva di diritti individuali. In altri termini, l accordo sindacale non implica un obbligo dei lavoratori a progetto di conciliare. Piuttosto, la mancata conciliazione colloca quella posizione lavorativa fuori dall accordo sindacale e perciò fuori da un percorso concertato di trasformazione. Nulla impedisce a quel lavoratore a progetto di rivendicare la trasformazione per via giudiziaria sulla base della corretta qualificazione della fattispecie. Voglio dire che in questo caso occorre avere la consapevolezza che le imprese del Gruppo debba fare affidamento sulla (e quindi sostenere la) capacità del sindacato di governare l intero processo di stabilizzazione. Altre due disposizioni della Legge Finanziaria 2007 meritano di essere ricordate: il comma 1204 si presenta come norma senza contenuto prescrittivo perché finalizzata a riconoscere il ruolo e il valore dell avviso comune sui call center: infatti, le parti sociali possono «stabilire misure atte a contribuire al corretto utilizzo delle predette tipologie di lavoro cioè il contratto di lavoro a progetto nonché stabilire condizioni più favorevoli per i collaboratori». Posta così, la norma appare del tutto inutile dal momento che essa si riferisce ai casi in cui non vi sia alcuna trasformazione di rapporti di lavoro. Tuttavia, essa sembra consentire alla parti sociali di essere soggetti di interpretazione attuativa della Circolare ministeriale e così prevedere i casi nei quali utilizzare i lavoratori a progetto collegandovi e questa è la novità anche misure di incentivazione finanziaria. In altre parole, il sostegno riguarda non solo le trasformazioni da lavoro a progetto a lavoro subordinato ma anche, eventualmente e su previsione di accordi collettivi interconfederali, i contratti di lavoro a progetto legittimamente stipulati e utilizzati; in breve, quei contratti che, nei call center, la Circolare n. 17/06 chiama di lavoro a progetto out bound. La seconda ed ultima disposizione da ricordare è contenuta nel comma 1210 che così recita: «I contratti di lavoro subordinato di cui al comma 1203 prevedono una durata del rapporto di lavoro non inferiore a ventiquattro mesi». Pertanto, il congegno di sostegno alla trasformazione è altresì collegato ad una durata minima del rapporto di lavoro. Beninteso, occorre sottolineare quest ultimo aspetto che è sistematicamente molto interessante. È bene mettere in evidenza che la Finanziaria 2007 collega il sostegno alla trasformazione del lavoro a progetto in lavoro subordinato senza che questo contratto sia necessariamente a tempo indeterminato ben potendo essere a termine. Tuttavia, qualora la trasformazione fosse a tempo determinato dovrebbe avere una durata minima di due anni per poter rientrare nel sistema di incentivazione.

4 3. Con l entrata in vigore della Legge Finanziaria 2007, dunque, l accordo di Gruppo Almaviva ha piena validità, e perciò a partire dal 1 gennaio 2007 decorre il primo trimestre (dei quattro complessivi) entro cui trasformare il primo scaglione di contratti di lavoro a progetto ciascuno equivalente al 25% del totale dei lavoratori assunti con tale tipologia contrattuale. La trasformazione comporterà l assunzione dei lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo parziale con durata settimanale della prestazione pari a 20 ore e inquadramento al 3 livello del CCNL del settore delle Telecomunicazioni. Innanzitutto occorre mettere in evidenza le peculiarità di questo accordo collettivo di gruppo sia rispetto al precedente accordo aziendale di Atesia sia rispetto alla previsione della Legge Finanziaria. Rispetto al contratto aziendale di Atesia, l accordo è più avanzato nella prospettiva della stabilizzazione perché non ricorre né all apprendistato né al contratto di inserimento. In verità anche questi due tipi di contratto costituiscono fattispecie di lavoro subordinato; tuttavia, sembrerebbe desumersi la volontà delle parti di ricorrere alla tipologia standard ex art c.c. non fosse altro perché quando le parti hanno voluto riferirsi a specifici tipi contrattuali l hanno espressamente indicato (com è avvenuto per Atesia, appunto). Inoltre, non si deve dimenticare che il contratto di apprendistato e d inserimento sono pur sempre contratti di durata predeterminata, a differenza della disposizione dell accordo Almaviva che espressamente fa riferimento a contratti a tempo indeterminato (v. le osservazioni sull accordo aziendale Atesia e su tutta la vicenda cui ho fatto riferimento A. PERULLI, Lavori atipici e per subordinazione tra diritto europeo e situazione italiana, RGL, 2006, I, p ). A questo proposito si può fugare anche il dubbio circa il coordinamento dei due contratti collettivi dal momento che il più recente (Almaviva) è gerarchicamente superiore al precedente (Atesia) perché il primo è di gruppo ed il secondo è aziendale, oltre al fatto che il contratto Almaviva risulta più favorevole ai lavoratori: da ciò deriva che tutti i lavoratori a progetto di Atesia saranno inclusi nel percorso di stabilizzazione. Il problema, piuttosto, si potrebbe porre per gli ex lavoratori a progetto assunti con contratto di apprendistato o d inserimento prima del 31 dicembre 2006 e che, perciò, sarebbero fuori dalla previsione contrattuale. Rispetto alla Legge Finanziaria 2007, la prima cosa che risalta agli occhi è che le assunzioni sono effettuate a tempo indeterminato e non - come pure consentirebbe la Finanziaria a termine. Questo aspetto è interessante anche perché induce a rimettere in discussione una complicata questione giuridica relativa alla configurazione della fattispecie contrattuale del lavoro a progetto. Uno degli aspetti di maggiore dibattito in dottrina e giurisprudenza ma anche nella interpretazione amministrativa vista la Circolare n. 17/06 è la connessione logico-dogmatica fra il progetto (o programma o fase di esso) e la durata determinata del rapporto. Un punto ormai condiviso riguarda il fatto che il contratto di lavoro a progetto è strutturalmente diverso rispetto alle collaborazioni coordinate e continuative ex art. 409 c.p.c. soprattutto (anzi, soltanto) per la determinazione di un termine entro cui realizzare il risultato dedotto in contratto. Ebbene, la scelta di costituire contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato sembra svelare definitivamente il velo trasfigurante (e illegittimo) che finora ha ricoperto contratti di lavoro privi innanzitutto del fondamentale requisito della temporaneità connessa all esistenza del progetto, programma o fase di esso. Infatti, a meno che non si voglia pensare che nel Gruppo Almaviva vi sia stata improvvisamente un mutamento dell organizzazione produttiva tale da richiedere lavoro a tempo indeterminato, appare più probabile ritenere che la situazione fisiologica sia quella cui oggi il gruppo decide di fare formale riferimento. Dal punto di vista della durata del lavoro, quanto appenda detto riguarda la durata del rapporto (da tempo determinato a tempo indeterminato). V è anche una specificazione dal punto di vista della durata della prestazione poiché l assunzione dei lavoratori sarà a part-time della durata di 20 ore settimanali. SI tratta di una tipologia organizzativa dell orario che nel caso di specie risulta essere assai conforme alle esigenze di flessibilità nell organizzazione del lavoro. Ao lavoratori interessati da questo accordo di gruppo si applicherà il contratto collettivo del settore delle Telecomunicazioni rinnovato il 3 dicembre 2005 (da me commentato in q. riv. il 10 gennaio 2006) col quale si è dato attuazione anche alle modifiche introdotte dall art. 46 del d. lgs. n. 276/03 proprio in materia di

5 part-time. Si tratta di una disciplina che ha adottato sia la clausola elastica (per la variazione della collocazione temporale) sia la clausola flessibile (per la variazione in aumento della durata dell orario). Peraltro, secondo l art. 18 del CCNL la variazione dell orario dei lavoratori part-time disposta secondo il modello dei turni applicati ai lavoratori a tempo pieno non si configura come clausola elastica e perciò non soggiace a questo scarno regime giuridico sulle maggiorazioni retributive. Insomma, le esigenze di organizzazione flessibile dei tempi di lavoro appaiono ampiamente salvaguardate collocando tale flessibilità nel fisiologico schema giuridico di riferimento. 4. C è un secondo aspetto da tenere in considerazione e che ha notevole rilievo dal punto di vista giuridico e politico. Accanto al problema della durata del rapporto di lavoro a tempo indeterminato si pone il problema delle modalità di svolgimento della prestazione di lavoro da cui dipende la configurazione del lavoro subordinato o autonomo (a progetto). Grazie alla trasformazione in lavoro subordinato si presume che dovrebbero concretamente mutare anche le modalità di svolgimento della prestazione di lavoro: cioè da essere una prestazione autonoma per quanto coordinata diventa una prestazione subordinata. A me pare che. in linea di principio - le alternative sono due: o il Gruppo Almaviva con questo accordo ha deciso di modificare radicalmente il processo produttivo trasformando una organizzazione di lavoro autonomo a progetto in una organizzazione di lavoro subordinato oppure l accordo riconosce di fatto una anomalia e sana una situazione giuridica illegittima. Poiché ritengo improbabile la prima soluzione, ritengo verosimile affermare che l accordo sia la conferma in fatto di un orientamento in diritto presente nella Circolare ministeriale: e cioè intanto si conferma che il lavoro a progetto nei call center svolto con modalità c.d. in bound è illegittimo perché quella fattispecie non è qualificabile come lavoro a progetto, bensì come lavoro subordinato. Insomma, anche la contrattazione collettiva del più importante gruppo imprenditoriale del settore si allinea ad un prevalente orientamento dottrinale e giurisprudenziale (richiamo per tutte le sentenze Trib. Torino, 5 aprile 2005 e Trib. Ravenna, 25 ottobre 2005) nel sostenere che la fattispecie «lavoro a progetto» non può essere confusa né può surrettiziamente sostituire la fattispecie «lavoro subordinato». Esse attengono a due tipologie diverse al punto che laddove si configuri una prestazione svolta «alle dipendenze e sotto la direzione dell imprenditore» lì c è lavoro subordinato ex art c.c. Il problema, piuttosto riguarda la corretta configurazione della dipendenza e dell eterodirezione della prestazione in un call center. Orbene, pur riconoscendo la complessità del problema che non è possibile neanche accennare in questa sede, di una cosa si può essere certi: la dipendenza e l eterodirezione, quale che sia l interpretazione che se ne voglia dare, è pienamente riscontrabile in qualsiasi prestazione di lavoro c.d. in bound. Quanto alle prestazioni c.d. out bound il discorso è diverso, come ci suggerisce la Circolare, ma non tanto diverso da giustificare una diversa qualificazione dei lavoratori del gruppo Almaviva dal momento che in base all accordo la trasformazione riguarda sia i lavoratori a progetto in bound sia quelli out bound. Questo fatto non deve passare inosservato. Con una certa dose di malizia, anche in questo caso potrei prospettare una alternativa: premesso che il Gruppo Almaviva riconosce l esistenza di queste modalità di prestazione (cioè l out bound) si potrebbe presumere che esso abbia deciso di ricorrere ugualmente alla trasformazione in lavoro subordinato anche di questi contratti, pur non essendo obbligato in base all accordo, assumendo costi superiori a quelli giuridicamente necessari. Infatti, stando alla Circolare ministeriale, nessun Ispettore del Lavoro potrebbe sollevare rilievi dinanzi ad un lavoratore a progetto out bound. Il punto è che mi sembra ragionevole presumere che l impresa assuma i costi che è costretta ad assumere di modo che la trasformazione del lavoro a progetto out bound in lavoro subordinato è un fatto politico-sindacale molto apprezzabile ma anche indicativo di un realismo tecnicoorganizzativo. Voglio dire che questa scelta si spiega con fatto che anche una prestazione di lavoro connessa a campagne out bound può essere organizzata in base ai canoni giuridici del lavoro subordinato, cioè alle dipendenze e sotto la direzione dell impresa.

6 Non si tratta di sminuire il valore interpretativo della Circolare n. 17/06; al contrario, si tratta di valorizzare proprio la descrizione delle modalità di svolgimento della prestazione che ne ha fatto la Circolare e cioè valorizzare l indice autentico dell autonomia organizzativa della prestazione di lavoro e non semplicemente l idea che la correlazione a campagne di promozione in out bound connoti la prestazione di lavoro medesima come autonoma. In altri termini, la subordinazione o l autonomia non dipendono dal contesto in cui si inserisce la prestazione bensì dal concreto assetto organizzativo della stessa nel suo svolgimento. Per questa ragione questo contratto collettivo di gruppo ha uno straordinario valore simbolico. Quantomeno rispetto alla tipologia del contratto di lavoro a progetto si tratta di un contratto apprezzabile anche sul piano di una rinnovata etica delle relazioni aziendali. Si tratta di un importante riconoscimento della centralità del lavoro subordinato non solo perché ciò consente ai lavoratori di godere del relativo statuto giuridico quanto perché rappresenta un esempio di corrispondenza autentica del modello organizzativo al modello di rappresentazione giuridica: laddove il lavoro è organizzato secondo lo schema giuridico della subordinazione, anche quando essa connoti nuovi processi produttivi, cioè nuovi lavori, le parti sociali si assumono la responsabilità giuridica della legittima configurazione giuridica e dei modelli organizzativi consentiti dalla legge. Insomma, un buon esempio di contrattazione per iniziare un inversione di tendenza nel sistema delle relazioni industriali e nell organizzazione del mercato del lavoro italiano.

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 C i r c o l a r i E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.it 2 NOVITÀ CO.CO.PRO E

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Schemi di decreti legislativi recanti disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e di riordino della normativa

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Presunzioni, riqualificazioni ed abrogazioni: come vanno gestiti i contratti a progetto e le partite IVA? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione IL SUPERAMENTO DEI CO.CO.PRO. E IL RITORNO DEI CO.CO.CO. D. Lgs. n. 81/2015 Due norme

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due anni dopo la Riforma Fornero. a cura di Stefano Petri E stata pubblicata in G. U., n. 114 del 19 maggio 2014, la Legge

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro 1 QUESITO Si chiede se un dirigente medico con incarico libero professionale sia pienamente autonomo nello svolgimento delle proprie mansioni nell ambito dell unità operativa di afferenza. Si chiede, inoltre,

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi CONSIGLIO DI STATO Sezione Consultiva per gli Atti Normativi N. della Sezione: 3640/2010 OGGETTO: Ministero della giustizia. Schema di regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Il 10 gennaio Confindustria ha sottoscritto con Cgil, Cisl e Uil il Testo Unico sulla rappresentanza. Di seguito alcune

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 30 giugno 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 8/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. RIFORMA DEI CONTRATTI DI LAVORO co.co.pro/co.co.co tempo determinato

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo. Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015

Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo. Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015 SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 20 Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015 Con la circolare in oggetto, l INPS

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

ANALISI DELLA VIGENTE NORMATIVA IN MATERIA DI COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO E TUTELA SUI LICENZIAMENTI A SEGUITO DI FUSIONE DI SOCIETA

ANALISI DELLA VIGENTE NORMATIVA IN MATERIA DI COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO E TUTELA SUI LICENZIAMENTI A SEGUITO DI FUSIONE DI SOCIETA EASY FORMAT.IT ANALISI DELLA VIGENTE NORMATIVA IN MATERIA DI COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO E TUTELA SUI LICENZIAMENTI A SEGUITO DI FUSIONE DI SOCIETA Analisi sulle conseguenze a seguito fusione della Vostra

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche

Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche Più chiara la disciplina Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche Le prestazioni e le collaborazioni sportivo-dilettantistiche in quanto produttive di redditi diversi

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014

Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Circolare N.57 del 16 Aprile 2014 Contratti a termine e assunzioni agevolate per sostituzione maternità. Rimane la causale. Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL n. 34 del

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 Numero 00503/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 OGGETTO: Autorita' garante della

Dettagli

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS CIRCOLARE A.F. N. 172 del 6 Novembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Il giorno 27 04 2004, presso l Assessorato del Lavoro, si è svolto un

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 gennaio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli