TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 DESCRIZIONE Il Tecnico superiore per le telecomunicazioni opera e collabora all'analisi, pianificazione, progetto, sviluppo delle reti, installazione, configurazione, collaudo, assistenza e manutenzione delle reti di telecomunicazioni, di tipo locale e geografico, caratterizzate da infrastruttura fissa, mobile e di broadcasting; applica la conoscenza dei mezzi trasmissivi, dei protocolli e dei dispositivi per la comunicazione, fissi, mobili e di broadcasting, per definire l'impiego in funzione della topologia appropriata e dei requisiti espressi dagli utenti. ATTIVITA' PROFESSIONALI FONDAMENTALI Collabora alle attività di individuazione e formalizzazione dei requisiti dei sistemi di telecomunicazioni, in termini funzionali e architetturali; partecipa alle attività di pianificazione, progettazione dei sistemi di telecomunicazioni e all'individuazione delle soluzioni topologiche e tecnologiche appropriate; interviene nelle fasi di individuazione dei dispositivi e delle metodologie per la conduzione delle attività di analisi e progettazione; contribuisce alle fasi di sviluppo dei sistemi integrando le tecnologie reperibili sul mercato; collabora nelle operazioni di installazione e configurazione delle reti e sistemi di telecomunicazioni; partecipa alle attività di collaudo, gestione tecnica, manutenzione e assistenza relative alle reti e sistemi di telecomunicazioni.

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N Individuare e formalizzare i requisiti dei sistemi di TLC. Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. interagire con il committente e con il contesto, al fine di individuare i requisiti della rete di TLC; 2. formalizzare i requisiti in termini funzionali e architetturali; 3. elaborare la valutazione di massima della rete in termini di rapporto costo benefici; 4. redigere documenti di analisi; 5. utilizzare Computer-Aided Software Engineering (CASE) per la formalizzazione e la gestione dei requisiti; 6. applicare linguaggi, metodi di rappresentazione, norme e classificazione delle informazioni. 1. Per interagire con il committente e con il contesto al fine di individuare i requisiti della rete di TLC, il soggetto ha bisogno di sapere come: definire modalità formali di interazione; interpretare le richieste del committente in relazione alle caratteristiche del contesto; identificare i requisiti del sistema complessivo; valutare i requisiti del sistema in rapporto agli obiettivi del committente. 2. Per formalizzare i requisiti in termini funzionali e architetturali, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare i principi, le metodologie, le prassi di analisi alla raccolta e classificazione dei requisiti; descrivere con metodologie e strumenti formali i requisiti funzionali della rete; rappresentare attraverso metodologie e strumenti formali i requisiti architetturali della rete. 3. Per elaborare una valutazione di massima della rete in termini di rapporto costo benefici, il soggetto ha bisogno di sapere come: definire i principali parametri che determinano il costo di una rete di telecomunicazione; identificare i punti critici e i rischi nello sviluppo di una rete di telecomunicazione rilevanti per la determinazione dei costi; individuare i benefici indotti dall introduzione delle tecnologie di telecomunicazione.

4 4. Per redigere documenti di analisi, il soggetto ha bisogno di sapere come: definire i processi, i flussi di dati, i dispositivi e le interfacce che soddisfano i requisiti; rappresentare il comportamento dei processi ; definire esplicitamente tutti i dati del modello sia esogeni che endogeni; descrivere i dispositivi e le interconnessioni che costituiscono l architettura del sistema di TLC. 5. Per utilizzare software CASE per la formalizzazione e la gestione dei requisiti, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare strumenti software adeguati per la rappresentazione dei requisiti orientati alla definizione delle specifiche del sistema; modellare i requisiti e redigere documenti di analisi con l ausilio di tool software per l elaborazione delle specifiche e per la simulazione del sistema descritto. 6. Per Applicare linguaggi, metodi di rappresentazione, norme e classificazione delle informazioni, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare e utilizzare le leggi, le norme e le direttive nazionali, europee ed extra europee connesse alle TLC; definire il glossario complessivo delle informazioni trattate.

5 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. interagire con il committente e con il contesto, al fine di individuare i requisiti della rete di TLC; 2. formalizzare i requisiti in termini funzionali e architetturali; 3. elaborare la valutazione di massima della rete in termini di rapporto costo benefici; 4. redigere documenti di analisi; 5. utilizzare Computer-Aided Software Engineering (CASE) per la formalizzazione e la gestione dei requisiti; 6. applicare linguaggi, metodi di rappresentazione, norme e classificazione delle informazioni. Il soggetto deve dimostrare di: 1. saper interagire con il committente e il contesto per definire modalità di raccolta requisiti; saper identificare e descrivere i requisiti nella prospettiva del committente, acquisendo le esigenze degli utenti della rete di Telecomunicazione e in sintonia con il contesto anche geografico e ambientale in cui viene realizzato il sistema. 2. saper descrivere i requisiti del sistema con metodologie formali, con particolare riferimento all architettura logica, agli aspetti funzionali, all architettura fisica comprendendo le relazioni esistenti tra quest ultima e quella logica. 3. saper individuare ed elaborare i principali elementi che determinano il costo e i benefici relativi alla pianificazione e allo sviluppo di una rete di telecomunicazione. Gli indicatori sono: La conoscenza delle norme, delle prassi e delle metodologie di interazione con il cliente; le applicazione dei linguaggi di rappresentazione dei modelli per la descrizione dei requisiti. L utilizzo di metodologie di descrizione e rappresentazione dei requisiti; la distinzione tra modello logico, funzionale, fisico e comportamentale. La descrizione delle principali metriche di costo e di valutazione delle ricadute; esecuzione di indagini di mercato; redazione di preventivi di massima.

6 Il soggetto deve dimostrare di: 4. saper individuare e descrivere le attività, i flussi dei dati, i dispositivi, le architetture, i processi e i meccanismi di interazione. 5. saper individuare e utilizzare strumenti software atti a sviluppare documenti di specifica di sistemi e applicazioni. 6. saper individuare gli standard nazionali e internazionali in materia di telecomunicazioni e impatto ambientale; comprendere l utilità di un dizionario di dati. Gli indicatori sono: redazione in autonomia di semplici documenti di analisi. L uso di almeno uno strumento CASE. Il riferimento alle normative nazionali e internazionali in materia di TLC e impatto ambientale; la redazione e interpretazione di dizionari dei dati.

7 Il soggetto è in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI UNITÀ CAPITALIZZABILE N Pianificare e progettare i sistemi di TLC. A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. redigere i documenti di progetto; 2. pianificare l'architettura della rete TLC in base ai documenti di progetto; 3. eseguire una ricerca di mercato dei prodotti da impiegare nell implementazione di una rete; 4. Individuare le caratteristiche degli standard relativi alle reti TLC; 5. operare con il gruppo di progetto; 6. utilizzare strumenti di network planning per la progettazione di reti TLC. 1. Per redigere i documenti di progetto, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le metodologie standard consone al tipo di progetto; interpretare i documenti di analisi e specifica; astrarre, semplificare e modularizzare le informazioni progettuali. 2. Per pianificare l'architettura della rete TLC in base ai documenti di progetto, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare l'architettura della rete TLC; disegnare l'infrastruttura tecnologica richiesta dal sistema TLC. 3. Per eseguire una ricerca di mercato dei prodotti da impiegare nella implementazione di una rete, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare i prodotti di mercato in base ai requisiti della rete; confrontare le caratteristiche tecniche di diverse tipologie di reti TLC. 4. Per individuare le caratteristiche degli standard relativi alle reti TLC, il soggetto ha bisogno di sapere come: sono strutturati gli standard delle diverse organizzazioni internazionali; Interpretare i documenti che declinano gli standard relativi alle reti TLC.

8 5. Per operare con il gruppo di progetto, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare modalità standard di suddivisione dei compiti e delle attività progettuali; definire le interfacce tra i vari attori del progetto; gestire politiche di trust in un gruppo di lavoro. 6. Per utilizzare strumenti di network planning per la progettazione di reti TLC, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le corrette metodologie di network planning per la progettazione di una rete TLC; utilizzare gli strumenti software più idonei nella pianificazione e progettazione di una rete di TLC.

9 Per essere in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. redigere i documenti di progetto; 2. pianificare l'architettura della rete TLC in base ai documenti di progetto; 3. eseguire una ricerca di mercato dei prodotti da impiegare nell implementazione di una rete; 4. Individuare le caratteristiche degli standard relativi alle reti TLC; 5. operare con il gruppo di progetto; 6. utilizzare strumenti di network planning per la progettazione di reti TLC, Il soggetto deve dimostrare di: 1. saper estrarre, semplificare e modularizzare, nella stesura di un progetto, le informazioni che emergono dai documenti di analisi e di specifica. 2. saper analizzare l'architettura di una rete TLC; saper rappresentare l'infrastruttura (dispositivi e attrezzature) richiesta dalla rete TLC. 3. saper ricercare i prodotti in funzione dei requisiti; saper valutare il rapporto costo/prestazioni dei componenti hardware e software. 3. conoscere le problematiche affrontate dai vari comitati e sotto comitati di standardizzazione; conoscere i documenti elaborati dai comitati e sotto comitati; saper interpretare i documenti che declinano gli standard relativi alle reti TLC. Gli indicatori sono: L interpretazione dei documenti di analisi e specifica ed elaborazione di un semplice progetto L analisi di una architettura di una rete TLC; l elaborazione grafica di una infrastruttura (dispositivi e attrezzature) richiesta dal sistema TLC. L individuazione dei componenti hardware e software; la valutazione del rapporto costo/prestazioni. classificazione dei principali standard applicati nelle prassi comuni con riferimenti documentali; individuazione degli standard in funzione dei requisiti; interpretazione dei documenti che declinano gli standard relativi alle reti TLC.

10 Il soggetto deve dimostrare di: 5. saper suddividere i compiti e le attività progettuali all'interno di un gruppo di lavoro. Gli indicatori sono: La definizione dei compiti all'interno di un gruppo di progetto. 6. saper Individuare le corrette metodologie di network planning per la progettazione di una rete TLC; saper utilizzare gli strumenti software più idonei nella pianificazione e progettazione di una rete di TLC. La definizione di una metodologia di network planning; l utilizzo di uno strumento software orientato alla pianificazione e progettazione di una rete TLC.

11 Il soggetto è in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI UNITÀ CAPITALIZZABILE N Individuare i dispositivi di TLC. A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. individuare i dispositivi in funzione della tipologia dei segnali; 2. scegliere i dispositivi in funzione del rapporto segnale/rumore; 3. scegliere il mezzo trasmissivo più idoneo da impiegare in un dato contesto ambientale; 4. scegliere la componentistica compatibile con le specifiche assegnate; 5. selezionare i dispositivi TLC in funzione delle principali norme. 1. Per individuare i dispositivi in funzione della tipologia dei segnali, il soggetto ha bisogno di sapere come: distinguere le tipologie di segnali; utilizzare gli strumenti di misura adeguati; relazionare i dispositivi con la tipologia dei segnali. 2. Per scegliere i dispositivi in funzione del rapporto segnale/rumore, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere le varie tipologie di rumore; misurare il rumore e metterlo in relazione con l intensità del segnale (S/N); si caratterizza un dispositivo in funzione del rumore. 3. Per scegliere il mezzo trasmissivo più idoneo da impiegare in un dato contesto ambientale, il soggetto ha bisogno di sapere come: interpretare le specifiche richieste per la trasmissione dell'informazione; individuare le caratteristiche del segnale che trasporta l'informazione; interagisce un dato mezzo trasmissivo in un particolare contesto ambientale. 4. Per scegliere la componentistica compatibile con le specifiche assegnate, il soggetto ha bisogno di sapere come: classificare i prodotti presenti sul mercato; confrontare la componentistica disponibile con le indicazioni espresse dagli standard. 5. Per selezionare i dispositivi TLC in funzione delle principali norme, il soggetto ha bisogno di sapere come: accedere alla normativa internazionale relativa ai vari dispositivi per TLC; individuare i dispositivi per TLC in funzione alla norma di appartenenza. TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

12 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. individuare i dispositivi in funzione della tipologia dei segnali; 2. scegliere i dispositivi in funzione del rapporto segnale/rumore; 3. scegliere il mezzo trasmissivo più idoneo da impiegare in un dato contesto ambientale; 4. scegliere la componentistica compatibile con le specifiche assegnate; 5. selezionare i dispositivi TLC in funzione delle principali norme. Il soggetto deve dimostrare di: 1. conoscere le tipologie dei segnali; saper misurare le caratteristiche di un segnale; saper utilizzare gli strumenti di misura; saper scegliere un dispositivo in funzione della tipologia dei segnali. Gli indicatori sono: Il riconoscimento di un segnale; l esecuzione delle misure; l interpretazione delle misure ottenute dagli strumenti; la scelta di un dispositivo in funzione della tipologia dei segnali. 2. conoscere le principali tipologie di rumore; calcolare la cifra di rumore e la temperatura equivalente di rumore; saper caratterizzare un dispositivo in funzione del rumore. L individuazione del tipo di rumore; Il calcolo della cifra di rumore e della temperatura equivalente di rumore; la scelta di un dispositivi in funzione del rapporto segnale/rumore. 3. valutare correttamente l impatto economico del mezzo individuato sintetizzare i risultati del confronto La giustificazione della scelta di un particolare mezzo trasmissivo in relazione alle specifiche di collegamento richiesto; il calcolo del rapporto costo/prestazioni.

13 Il soggetto deve dimostrare di: 4. saper valutare il grado di compatibilità tra dispositivi potenzialmente equivalenti; saper scegliere tra i vari prodotti presenti sul mercato. Gli indicatori sono: La valutazione della compatibilità ed equivalenza di dispositivi per TLC; la scelta di un dispositivo per TLC in funzione delle specifiche richieste. 5. saper scegliere un dispositivo per TLC, in funzione degli standard internazionali; saper eseguire una ricerca di mercato; saper utilizzare il web nella ricerca dei prodotti. La scelta di un dispositivo per TLC in funzione degli standard internazionali; il confronto delle caratteristiche dei prodotti; l accesso alle risorse informatiche sul web.

14 Il soggetto è in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI UNITÀ CAPITALIZZABILE N Sviluppare sistemi di TLC. A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. interpretare i documenti di analisi e di progetto; 2. integrare le sotto-reti di telecomunicazioni in una rete di telecomunicazioni; 3. assemblare una sotto-rete TLC; 4. confrontare le soluzioni commerciali disponibili; 5. scegliere le offerte migliori in funzione dell'indice costo/prestazioni. 1. Per interpretare i documenti di analisi e di progetto, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare gli elementi caratterizzanti il sistema TLC che emergono dai documenti di analisi e di progetto; verificare la consistenza di un documento di analisi e di progetto; integrare i dati di analisi e di progetto. 2. Per integrare le sotto-reti di telecomunicazioni in un sistema di telecomunicazioni, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le soluzioni compatibili con le specifiche assegnate; assemblare i sistemi TLC; configurare il sistema TLC. 3. Per assemblare una sotto-rete TLC, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare la topologia coerente con le specifiche; realizzare un cablaggio strutturato; individuare le interfacce coerenti con le specifiche per le reti di TLC. 4. Per confrontare le soluzioni commerciali disponibili, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere i principi generali ed economici che regolano il mercato delle telecomunicazioni. 5. Per scegliere le offerte migliori in funzione dell'indice costo/prestazioni, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare le offerte di mercato.

15 Per essere in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. interpretare i documenti di analisi e di progetto; 2. integrare le sotto-reti di telecomunicazioni in una rete di telecomunicazioni; 3. assemblare una sotto-rete TLC; 4. confrontare le soluzioni commerciali disponibili; 5. scegliere le offerte migliori in funzione dell'indice costo/prestazioni, Il soggetto deve dimostrare di: 1. saper individuare gli elementi caratterizzanti le reti TLC che emergono dai documenti di analisi e di progetto; verificare la consistenza di un documento di analisi e di progetto; integrare i dati di analisi e di progetto. 2. saper scegliere la tecnologia adeguata alle esigenze del committente; saper integrare una sotto-rete TLC in uno specifico sistema di TLC intervenendo sui dispositivi utilizzati. Gli indicatori sono: L individuazione degli elementi caratterizzanti il sistema TLC che emergono dai documenti di analisi e di progetto; la verifica della consistenza di un documento di analisi e di progetto; l integrazione dei dati di analisi e di progetto. L applicazione delle tecnologie più accessibili. la configurazione di una sottorete nell'ambito del sistema. 3. saper assemblare una sotto-rete utilizzando dispositivi adeguati; saper configurare una specifica sottorete. assemblaggio di una specifica sotto-rete configurazione di una specifica sotto-rete 4./5. saper confrontare le soluzioni commerciali disponibili, scegliendo in base al rapporto costo/prestazioni. La scelta dell offerta migliore, in funzione di precisi parametri economici.

16 Il soggetto è in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI UNITÀ CAPITALIZZABILE N Installare e configurare i sistemi di TLC. A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. installare una rete di TLC, in coerenza con le specifiche assegnate; 2. configurare le componenti hardware della rete; 3. configurare le componenti software; 4. individuare situazioni di incompatibilità dell installazione/configurazione e contribuire alla risoluzione del problema; 5. redigere il manuale di installazione e configurazione. 1. Per installare una rete di TLC, in coerenza con le specifiche assegnate, il soggetto ha bisogno di sapere come: scegliere tecnologie e componenti appropriati per la rete specificata; pianificare una strategia a minimo costo per la posa e predisposizione degli impianti e dispositivi; posare i mezzi trasmissivi, ove necessario, e i dispositivi attivi della rete. 2. Per configurare le componenti hardware della rete, il soggetto ha bisogno di sapere come: accedere alla componentistica hardware impiegata; intervenire adeguatamente sui parametri cablati nel firmware dei dispositivi in linea con le indicazioni espresse dalla specifica del sistema. 3. Per configurare le componenti software della rete, il soggetto ha bisogno di sapere come: accedere alla componentistica software impiegata; intervenire adeguatamente sui parametri del software impiegato conformemente alle indicazioni espresse dalle specifiche del sistema. 4. Per individuare situazioni di incompatibilità dell installazione/configurazione e contribuire alla risoluzione del problema, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare le possibili cause di incompatibilità determinate dalla installazione/configurazione della rete; esemplificare le ragioni di incompatibilità; determinare soluzioni alternative praticabili in situazioni di incompatibilità; ripristinare lo stato del sistema in caso di disinstallazione/riconfigurazione. 5. Per redigere il manuale di installazione e configurazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: è strutturato logicamente un manuale; applicare i principi e le metodologie di predisposizione di un testo tecnico.

17 Per essere in grado di: TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. installare una rete di TLC, in coerenza con le specifiche assegnate; 2. configurare le componenti hardware della rete; 3. configurare le componenti software; 4. individuare situazioni di incompatibilità dell installazione/configurazione e contribuire alla risoluzione del problema; 5. redigere il manuale di installazione e configurazione. Il soggetto deve dimostrare di: 1. saper integrare i servizi di TLC conformemente alle specifiche assegnate; saper adattare i dispositivi provenienti da produttori diversi. Gli indicatori sono: L integrazione di servizi di TLC; l individuazione della componentistica equivalente e compatibile. 2. saper programmare la componentistica hardware impiegata nelle reti TLC; 3. saper programmare la componentistica software impiegata nelle reti TLC; 4. comprendere le principali possibili cause di incompatibilità; saper effettuare backup preventivi delle configurazioni della rete e ripristino delle configurazioni hardware e software. La programmazione dell'hardware impiegato nelle reti TLC. La programmazione del software impiegato nelle reti TLC. L esecuzione di un backup e ripristino delle configurazioni. 5. saper redigere un testo tecnico; saper strutturare il testo secondo livelli gerarchici di dettaglio. La struttura logica del testo scritto; la redazione di un indice per livelli.

18 UNITÀ CAPITALIZZABILE N Collaudare, gestire e manutenere i sistemi di TLC. A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE Il soggetto è in grado di: 1. predisporre un documento di collaudo della rete di telecomunicazione; 2. gestire aggiornamenti e adeguamenti della rete; 3. riconoscere le criticità più probabili e diffuse. 1. Per predisporre un documento di collaudo della rete di telecomunicazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: descrivere gli aspetti funzionali della rete di telecomunicazione in termini verificabili; determinare elementi e procedure compatibili con la normativa nazionale e internazionale per la realizzazione del collaudo del sistema; redigere un documento di collaudo completo; individuare ed eliminare la presenza di ambiguità interpretative. 2. Per gestire aggiornamenti e adeguamenti della rete, il soggetto ha bisogno di sapere come: installare aggiornamenti del software applicativo erogatore dei servizi di telecomunicazione; installare aggiornamenti per i dispositivi e host presenti nel sistema; verificare le funzionalità preesistenti nel sistema e quelle eventualmente aggiunte. 3. Per riconoscere le criticità più probabili e diffuse, il soggetto ha bisogno di sapere come: descrivere le cause di eventuali malfunzionamenti; determinare le cause di eventuali malfunzionamenti e predisporre soluzioni ai problemi; predisporre metodologie e tecniche di troubleshooting.

19 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. predisporre un documento di collaudo della rete di telecomunicazione; 2. gestire aggiornamenti e adeguamenti della rete; 3. riconoscere le criticità più probabili e diffuse, Il soggetto deve dimostrare di: 1. saper descrivere le caratteristiche funzionali di una rete di telecomunicazioni; Gli indicatori sono: L individuazione degli elementi essenziali collaudabili nel sistema complessivo e in ciascuna delle sue componenti essenziali. saper redigere un semplice documento di collaudo conforme alle specifiche. 2. saper condurre le attività di gestione tecnica della rete, con particolare riferimento all aggiornamento del software di base ed applicativo e alla sostituzione preventiva dei dispositivi di rete. 3 comprendere le principali cause di malfunzionamento e guasti del sistema; La descrizione delle differenze tra le diverse versioni di uno stesso modulo software o pacchetto applicativo utilizzato nel sistema e indicazione delle equivalenze; la descrizione delle differenze tra i dispositivi della stessa tipologia utilizzati nell impianto (router, hub, switch ) e indicazione delle equivalenze. La descrizione e l applicazione delle metodologie della manutenzione preventiva ed evolutiva. comprendere e applicare procedure e meccanismi della manutenzione preventiva ed evolutiva.

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di:

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di: Individuare e formalizzare i requisiti dei 1. scambiare informazioni usare modelli strutturati di interazione con il con il cliente al fine di cliente; individuare i requisiti di interpretare le richieste

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI 2 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE INDICE

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

Informatica e Telecomunicazioni

Informatica e Telecomunicazioni Informatica e Telecomunicazioni IL PROFILO DEL DIPLOMATO Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni : 1. Ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Percorso Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per i Piani di Studio

Dettagli

DELLA GESTIONE DI RETI INFORMATICHE LOCALI (LAN) E GEOGRAFICHE (WAN) CUP 85C09003990002

DELLA GESTIONE DI RETI INFORMATICHE LOCALI (LAN) E GEOGRAFICHE (WAN) CUP 85C09003990002 BANDO per l acquisizione di beni e servizi in economia per lo svolgimento del corso n. 090620 per RESPONSABILE DELLA GESTIONE DI RETI INFORMATICHE LOCALI (LAN) E GEOGRAFICHE (WAN) CUP 85C09003990002 Il

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CED-EDP

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale OPERATORE ELETTRONICO Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 6. OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati

Dettagli

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE 1 La Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni, ente di formazione collegato all Unione CTSP di Milano e provincia, propone la seguente offerta formativa: CORSI PER INSERIMENTO

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE PROFESSIONALE - PERCORSO QUINQUENNALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO INDIRIZZO MANUTENZIONE EASSISTENZA TECNICA a) Opzione Apparati, impianti e servizi

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l industriale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

informatici la conoscenza delle principali tecniche per la raccolta delle esigenze del cliente; la redazione di semplici specifiche.

informatici la conoscenza delle principali tecniche per la raccolta delle esigenze del cliente; la redazione di semplici specifiche. Individuare e formalizzare i requisiti dei. scambiare informazioni con il cliente al fine di individuare i requisiti di sistema; modellare i requisiti utente in maniera formale per le funzionalità e l

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 132 Gestione di progetto

Dettagli

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale Operatore elettronico Standard della Figura nazionale 33 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRONICO 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Settore TECNOLOGICO A) MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Titolo rilasciato: Perito in Meccanica, meccatronica ed energia MATERIE

Dettagli

ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA

ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA ALLEGATO PROFILI FORMATIVI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE A) ATTIVITA' DI VENDITA E SUPPORTO ALLA CLIENTELA A1) QUALIFICAZIONE TECNICO/OPERATIVA -assistenza alla clientela secondo procedure standardizzate

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale Tecnico per l automazione industriale Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072 Provincia di Lucca Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro. Sviluppo Economico SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

Dettagli

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE ELETTRICO IMPIANTI ELETTROMECCANICI Referenziazioni del profilo Professioni

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DI AUTOMAZIONE TERZA VERSIONE SETTEMBRE 2010 DESCRITTIVO Il Tecnico dell automazione industriale è una figura professionale in grado di approntare il funzionamento, ed intervenire

Dettagli

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA ALLEGATO N.8_e 1 Dipartimento Articolazioni degli insegnamenti anno @ Sistemi e Reti Dipartimento MATERIE TECNICHE dell indirizzo INFORMATICA @ Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico Il Perito in Elettronica ed Elettrotecnica: RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico ha competenze specifiche nel campo dei materiali e della tecnologia

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%)

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%) ESAME CISA 2003: 1. Gestione, pianificazione ed organizzazione SI (11%) 2. Infrastrutture tecniche e prassi operative (13%) 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A Installatore/trice manutentore/trice di impianti elettrici civili e industriali Applicare le norme tecniche del settore elettrico impiantistico e la relativa

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Montaggio e manutenzione

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: Tecnologia e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: Tecnologia e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: Tecnologia e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni PIANO DELLE QUARTO ANNO SETTORE INFORMATICA Secondo Biennio Anno 2013/2014 ABILITA

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

C3 Elettronica ed Elettrotecnica Articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica e Automazione

C3 Elettronica ed Elettrotecnica Articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica e Automazione ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS Gli studenti del primo e del secondo anno svolgono un percorso comune sulle materie di base e le prime esperienze laboratoriali. Al termine del secondo anno viene

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO SERVIZI COMMERCIALI Denominazione della figura OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati

Dettagli

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Redatto dalla Commissione per l elettronica, l informatica e la telematica

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - RIFERIMENTI...3 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - PREMESSA... 4 3 -

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della figura 19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4.1 Impiegati di ufficio. 4.1.3.1 Personale

Dettagli

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue:

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: I AFM / TUR. Introduzione all informatica Conoscenza del pacchetto Office in relazione

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

Le figure professionali dell editoria multimediale

Le figure professionali dell editoria multimediale Lucio D Amelia Le figure professionali dell editoria multimediale II semestre 2008-2009 Product Manager Redattore/editor Tecnico di redazione Webmaster Indice Architetto della informazione Webdesigner

Dettagli

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO CONOSCENZE Le principali cause di infortunio. La segnaletica antinfortunistica. I dispositivi di protezione individuali e collettiva. Regole di comportamento

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani,

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica Indirizzo Generale ISTITUTI TECNICI - Settore: Industria e artigianato.- Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. ISTITUTI

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l automazione industriale Standard formativo minimo regionale 1 Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE 1 TECNICO HARDWARE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 UNITÀ FORMATIVA CAPITALIZZABILE 1 Assemblaggio Personal Computer Approfondimento

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

Istituto Professionale per l Industria e l Artiginato

Istituto Professionale per l Industria e l Artiginato 1.1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E ARTIGIANATO 1.1.1 GENERALITA In base al Regolamento sul Riordino dell Istruzione Professionale di Stato, ai sensi del DPR n.87 del 15 marzo 2010,

Dettagli

La valutazione economico-tecnica del software contabile

La valutazione economico-tecnica del software contabile La valutazione economico-tecnica del software contabile fino a qualche tempo fa... hardware assorbe la maggiore quota dell investimento software predisposto internamente obiettivi nella valutazione degli

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della FIGURA TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della Figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA IN DUE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Abax Bank Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Allegato Tecnico Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli