l identità digitale federata nel progetto ICAR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l identità digitale federata nel progetto ICAR"

Transcript

1 l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006

2 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio di INF-3 al problema l interazione G2C/G2B l interazione G2G le relazioni di fiducia Roma, 16 febbraio

3 Roma, 16 febbraio il progetto ICAR le Regioni hanno promosso per la seconda fase di e-government il progetto interregionale ICAR (Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni), a cui partecipano 17 tra Regioni e Province autonome il progetto è in corso di avviamento con la stipula delle convenzioni tra le Regioni e il Cisis

4 Roma, 16 febbraio i task del progetto ICAR AP-1 AP-2 AP-3 AP-4 AP-5 AP-6 AP-7 INF-3 INF-2 INF-1 i tre interventi infrastrutturali costituiscono il presupposto per realizzare la cooperazione applicativa e l interscambio informativo interregionale. i casi di studio sono concepiti come applicazione degli interventi infrastrutturali per l interscambio informativo

5 Roma, 16 febbraio i task infrastrutturali INF-1 : infrastruttura fisica e logica per l interoperabilità e la cooperazione tra i domini applicativi regionali INF-2 : monitoraggio dei livelli di servizio applicativi INF-3 : sistema federato di autenticazione per l accesso ai servizi

6 il task INF-3 il Task INF3 si pone l obiettivo di realizzare un sistema di Identity Management che fornisca al sistema di cooperazione applicativa il supporto necessario all identificazione e autorizzazione degli utenti il Task INF3 è coordinato dalla Regione Piemonte Roma, 16 febbraio

7 Roma, 16 febbraio gli obiettivi di INF-3 definire un modello logico di riferimento indipendente dalla tecnologia di implementazione, che permetta di raggiungere l univoca identificazione dell utente nella Community Network interregionale definire un modello logico di riferimento che indichi le modalità con cui un servizio può verificare gli attributi posseduti da un utente ai fini dell autorizzazione all accesso

8 gli obiettivi di INF-3 fornire ai soggetti coinvolti dal progetto di un insieme di specifiche per la realizzazione di servizi di Identity Management secondo i predetti modelli logici fornire ai soggetti coinvolti dal progetto una reference implementation corrispondente alle specifiche curare che le Regioni e Province Autonome coinvolte, secondo la propria responsabilità, implementino il sistema di IdM federato adattando i propri sistemi di IdM locali Roma, 16 febbraio

9 Roma, 16 febbraio i risultati attesi verrà dispiegata e resa disponibile in un ambiente di test la reference implementation in modo da permettere i test necessari a realizzare le implementazioni regionali a cura delle regioni e province autonome coinvolte verranno poi realizzate: le implementazioni regionali dei servizi di IdM le verifiche di funzionamento attraverso il dispiegamento in almeno 3 regioni verranno fornite specifiche di integrazione al sistema di IdM interregionale dei servizi di certificazione esterni

10 Roma, 16 febbraio i soggetti coinvolgibili Regioni e Province autonome che partecipano al progetto ICAR enti della Pubblica Amministrazione Locale coinvolti da processi di cooperazione applicativa con altri Enti indipendentemente dall ambito territoriale su cui insistono il CNIPA, per la condivisione del modello di autenticazione e autorizzazione da prevedere nell ambito delle regole tecniche dell SPC

11 Roma, 16 febbraio i soggetti coinvolgibili altre Amministrazioni Centrali interessate a processi di cooperazione applicativa con le Amministrazioni locali soggetti privati che ai sensi della normativa vigente hanno un ruolo nei processi di certificazione dell identità digitale (p.es. Autorità di Certificazione)

12 stato dell identità digitale nel Paese la prima fase dei progetti di e-government ha visto la creazione di sistemi di identity management su base territoriale le persone, tuttavia, non agiscono strettamente su un solo ambito territoriale i cittadini si spostano, hanno interessi in diverse realtà, gli intermediari rappresentano persone fisiche o giuridiche in diversi ambiti a supporto di queste esigenze è auspicabile superare la frammentazione dei cosiddetti silos di identità Roma, 16 febbraio

13 andare oltre la frammentazione il problema della frammentazione dei silos di identità non è nato nella pubblica amministrazione nasce da esigenze pratiche e commerciali nel mercato statunitense, caratterizzato da frequenti acquisizioni e fusioni l attuale tendenza dell industria non è più quella di unificare i silos di identità si preferisce parlare di federazione dei silos federare due sistemi di identity management significa fare sì che i rispettivi linguaggi non siano più stranieri l uno all altro si ottiene l interoperabilità delle identità digitali attraverso un insieme comune di regole e di grammatiche, non attraverso una sola forma di rappresentazione Roma, 16 febbraio

14 Roma, 16 febbraio la sfida dell identità digitale federata rendere interoperabili le rappresentazioni delle identità digitali è solo uno degli aspetti si tratta di una prospettiva tecnica l effettiva utilità giunge quando si può riporre fiducia nell identità digitale a prescindere da chi la emette si pensi a quanto accade nella realtà con i passaporti dall interoperabilità si arriva all utilità se c è anche un modello tecnico-organizzativo che supporti la fiducia tra le parti la fiducia genera fiducia

15 Roma, 16 febbraio la sfida dell identità digitale federata il progetto ICAR ha avuto il merito di vedere nell identità digitale federata il presupposto per accrescere l impatto dei servizi di e-government il task INF-3 ha il compito di attuare questo presupposto attivando la federazione dell identità digitale tra le regioni il compito presenta sfide architetturali, tecnologiche e organizzative le Regioni del Veneto, della Lombardia e del Piemonte hanno promosso un laboratorio per accelerare la modellazione di base

16 i compiti del laboratorio prendere in considerazione casi d uso rappresentativi interazioni G2C/G2B e G2G in cooperazione applicativa modellare il contesto organizzativo di riferimento quali soggetti sono coinvolti quali relazioni coinvolgono i soggetti come si propagano le relazioni di fiducia Roma, 16 febbraio

17 i compiti del laboratorio modellare il contesto tecnologico di riferimento quali oggetti informatici rappresentano i soggetti della federazione quali dati vengono scambiati come vengono garantite privacy, sicurezza e fiducia produrre una implementazione di riferimento sia del modello organizzativo sia del modello tecnico regole, procedure e modulistica software riusabile Roma, 16 febbraio

18 i casi d uso presi in considerazione interazione G2C/G2B un cittadino o intermediario accede al portale dei servizi di un ente interazione G2G un incaricato di un ente accede ai servizi di un altro ente secondo il modello della semplificazione amministrativa Roma, 16 febbraio

19 Roma, 16 febbraio l interazione G2C/G2B è il caso di un cittadino o intermediario che accede al portale dei servizi di un ente si tratta di utenti esterni se il servizio comporta visure di dati personali, l ente deve identificare l utente l identificazione si ottiene attraverso il superamento di una procedura di autenticazione in questa procedura l utente dimostra la propria identità mostrando di conoscere un segreto che può essere noto solo a lui

20 il problema dell autenticazione come può l ente erogatore del servizio accertarsi che l utente sia a conoscenza del segreto? risposta tradizionale: anche l ente ne è a conoscenza, perché l ente stesso lo ha dato all utente se l ente è certo che un dato segreto sia stato consegnato ad un dato utente, può far derivare l identità dell utente dalla conoscenza del segreto in realtà il procedimento deve essere visto da una prospettiva di catena di responsabilità e quindi di catena di fiducia Roma, 16 febbraio

21 la catena di responsabilità/fiducia l ente erogatore del servizio è responsabile del trattamento dei dati che raccoglie se il trattamento comporta rendere visibili questi dati ad una persona, l ente erogatore deve sapere chi è questa persona per sapere chi è l utente, l erogatore ripone la propria fiducia in un processo di identity management che comprende la registrazione con fornitura delle credenziali, la gestione dell albo dei registrati e l identificazione Roma, 16 febbraio

22 Roma, 16 febbraio la catena di responsabilità/fiducia service provisioning (fornitura del servizio) e identity provisioning (fornitura dell identità) sono funzioni logicamente distinte ove sussistano relazioni di fiducia tra service provider e identity provider, queste funzioni possono essere distinte anche organizzativamente e fisicamente così come le relazioni di fiducia all interno del sistema bancario rendono possibile che la banca titolare di uno sportello bancomat (service provider) fornisca il contante dietro presentazione della tessera di un altra banca (identity provider)

23 la catena di responsabilità/fiducia un analogo ragionamento si può fare per la funzione di attribute provisioning gli attributi sono le qualifiche che contestualizzano le identità delle persone qualifiche professionali appartenenza ad albi e ordini il service provider può usare gli attributi posseduti dall utente a scopi di autorizzazione e per fare questo deve riporre fiducia nell attribute provider Roma, 16 febbraio

24 la modellazione del contesto riprendendo concetti già noti e in uso, il laboratorio ha modellato il contesto fin qui tracciato facendo uso del concetto di dominio informatico il dominio informatico di un ente racchiude il suo sistema informativo il suo perimetro è il perimetro di sicurezza dell ente al suo interno l ente è autonomo in quanto a scelte e politiche di sicurezza Roma, 16 febbraio

25 schematizzazione del modello DOMAIN 1 DOMAIN 2 CIRCLE OF TRUST Service provider User Profiles PROFESSION ADDRESS C.A. TRUST TRUST Globally trusted authority TRUST C.A. Service provider certified user attributes PROFESSION ADDRESS? C.A. Service provider C.A. = Certification Authority Service provider Service provider DOMAIN 3 Outline Varie sorgenti di informazioni (es. PA) in grado di certificare le identità degli utenti Relazioni di trust mutue tra domini attraverso un circle-of-trust gestito da un autorità centrale riconosciuta Gli utenti accedono ai servizi presenti in qualunque dominio del circle-of-trust, previo scambio di credenziali certificate Roma, 16 febbraio

26 schematizzazione del modello gli enti che decidono di federarsi nel quadro di cooperazione ICAR entrano a far parte di un ambito fiduciario comune (circle of trust) grazie all esistenza di questo ambito fiduciario è possibile sgravare i domini delle P.A. dal compito di identity e attribute provisioning perché questo compito può essere svolto da domini specializzati (domini certificatori) la fiducia si mantiene perché i certificatori sono accreditati e convalidati all interno del dominio di cooperazione che rappresenta ICAR Roma, 16 febbraio

27 schematizzazione del modello gli utenti (cittadini o intermediari) si rivolgono ai certificatori di identità riconosciuti per farsi registrare ed ottenere le credenziali questa funzione potrà tipicamente essere svolta dalle attuali Certification Authority rivolgendosi poi ai certificatori di attributo potranno ottenere le attestazioni digitali delle proprie qualifiche ordini ed albi professionali potranno fornire questo servizio identità ed attributi diventeranno parte del profilo dell individuo, che potrà essere gestito grazie a servizi di comunità detti certificatori di profilo Roma, 16 febbraio

28 Roma, 16 febbraio asserzioni ed interoperabilità i domini certificatori metteranno a disposizione, nel dominio di cooperazione ICAR, i loro servizi i servizi produrranno delle attestazioni di identità, attributo e profilo che sono dette asserzioni le asserzioni dovranno seguire un formato concordato che possa garantire l interoperabilità altrettanto concordato dovrà essere il modo in cui certificatori, fornitori di servizio e individui interagiranno

29 asserzioni ed interoperabilità il paradigma a scambio di asserzioni è alla base di tutte le iniziative dell industria in tema di identità digitale federata sin dal 2001 esiste su questo tema una famiglia di specifiche aperte, denominata SAML (Security Assertion Markup Language), mantenuta dal consorzio internazionale OASIS il laboratorio ha esaminato la versione più recente della specifica (SAML 2.0) trovandola idonea alla realizzazione di quanto modellato Roma, 16 febbraio

30 Roma, 16 febbraio scenario di esempio Dominio richiedente 8 Erogazione servizio Dominio erogante 1 Richiesta di servizio Service Provider 3 2 Controlla profilo 7 Dominio di profilazione Profile Authority Verifica origine utente 4 Recupera indirizzi authority Access Manager 6 Gestione Politiche di Autorizzazione Profili utente 5 Credenzial Indirizzo Professione Certification Authority Credenziali Attribute Authority 1 Indirizzo Professione Attribute Authority 2 Attribute Authority N Dominio certificatore

31 Roma, 16 febbraio il circle of trust ogni attestazione che viaggia tra le entità del modello (asserzioni di profilo, identità, attributo) reca con sé la firma elettronica dell entità che l ha emessa nel dominio di cooperazione esiste una entità super partes che chiamiamo garante e che ha il compito di certificare quali sono le autorità riconosciute e i loro compiti il garante pubblica un albo di queste certificazioni, che a loro volta sono asserzioni che recano la firma del garante questo garantisce ogni parte rispetto alla validità delle asserzioni, alimenta la fiducia tra le parti e crea così il circle of trust

32 l interazione G2G è il caso d uso che si presenta quando un incaricato di un ente deve utilizzare i servizi offerti secondo cooperazione applicativa da un altro ente si tratta quindi di utenti interni il modello sin qui delineato mantiene la sua validità ed utilità anche in questo scenario anche in questo caso agli enti sono associabili i loro domini informatici Roma, 16 febbraio

33 l interazione tra domini l interazione tra domini informatici all interno del dominio di cooperazione segue le linee guida promosse da CNIPA, che troveranno implementazione nel lavoro del task INF-1 tra domini cooperanti esiste una relazione di fiducia legata all accesso ai servizi offerti attraverso la porta di dominio ogni dominio servizio specifica i propri accordi di servizio nei confronti degli altri domini Roma, 16 febbraio

34 la sicurezza tra i domini ogni dominio è libero di decidere negli accordi di servizio quali saranno le politiche di autorizzazione all accesso ai servizi un primo livello di accordo di servizio prescriverà quali siano le porte delegate autorizzate all uso dei servizi di una porta applicativa un secondo livello potrà giungere a specificare politiche di accesso diverse per gruppi di utenti diversi all interno del medesimo dominio richiedente Roma, 16 febbraio

35 la sicurezza tra i domini non è pratico né corretto autorizzare singolarmente gli utenti dei domini esterni, ma è possibile e utile che essi siano categorizzati in base ai ruoli ricoperti nel dominio richiedente è un modello basato sui ruoli: si autorizza chiunque, sotto la responsabilità del dominio richiedente, ricopre un dato ruolo circoscrive bene gli ambiti di responsabilità e evita ai domini la complicazione di dover riconoscere utenti esterni Roma, 16 febbraio

36 la sicurezza tra i domini il modello basato sui ruoli richiede: un albo dei ruoli condiviso a livello di dominio di cooperazione l esistenza di relazioni di fiducia tra i domini in merito ai ruoli che rilasciano la modellazione del laboratorio, basata sulle autorità di certificazione nel dominio di cooperazione, agisce a supporto di queste esigenze Roma, 16 febbraio

37 Roma, 16 febbraio lo scenario di interazione l incaricato di un dominio richiedente si fa riconoscere dal proprio servizio di front-end per mezzo di un sistema legacy, o di un sistema già conforme alle specifiche del modello INF-3 quando il front-end attiva il servizio di back-end del dominio esterno (dominio erogante), la porta delegata inserisce nella richiesta le asserzioni relative ai ruoli dell incaricato le asserzioni sono firmate da autorità riconosciute dal garante il dominio erogante può autorizzare in base ad esse il circle of trust lega tra loro i due domini

38 Roma, 16 febbraio scenario di esempio Dominio fruitore Dominio 1: servizi di front-end Dominio 2: servizi di back-end 1 Richiesta di servizio Service Provider Service Provider creazione portafoglio delle asserzioni 3 Access Manager 2 Autentica e autorizza richiesta servizio back-end Access Manager 10 Autentica e autorizza inoltro richiesta 4 9 protezione portafoglio (WS-Security) 5 INF-3 GATEWAY (neutral semantic) Local Semantic Adapter (WS) INF-3 GATEWAY (neutral semantic) Local Semantic Adapter (CORBA) 8 estrazion portafog 6 invio a dominio 2 consegna a dominio 2 7 PDD 1 PDD 2 CANALE DI COMUNICAZIONE SICURO E AFFIDABILE

39 Roma, 16 febbraio il ruolo di INF-3 nella cooperazione i servizi INF-3 agiscono come un middleware tra il livello dei servizi e quello di trasporto SERVIZIO 1 Richiesta di servizio SERVIZIO 2 FEDERAZIONE AUTENTICAZIONE AUTORIZZAZIONE SAML. FEDERAZIONE AUTENTICAZIONE AUTORIZZAZIONE INF-3 TRASPORTO (Porte di dominio) SOAP, HTTP, HTTPS... TRASPORTO (Porte di dominio) INF-1 INF-2

40 Roma, 16 febbraio risultati salienti del laboratorio ideazione di un modello distribuito e federato per le attribuzioni di identità ideazione di un modello a supporto del trust distribuito con l introduzione di un autorità garante leggera modello adatto a interazioni sia G2C/G2B sia G2G uso di standard aperti apertura verso prodotti di terze parti, open source o commerciali, che implementino questi standard

identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte

identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte Definire l Identità Digitale Il primo tentativo di fornire una definizione completa del concetto di identità digitale è stato

Dettagli

Il modello ICAR per la gestione dell Identit

Il modello ICAR per la gestione dell Identit Il modello ICAR per la gestione dell Identit Identità Digitale Federata Architettura, opportunità e prospettive di convergenza Forum PA 2008, Roma 15 maggio 2008 Massimiliano Pianciamore massimiliano.pianciamore@cefriel.it

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Intarsio IAM Identity & Access Management

Intarsio IAM Identity & Access Management Intarsio IAM Identity & Access Management 2/35 Intarsio Interoperabilità Applicazioni Reti Servizi Infrastrutture Organizzazione 3/35 Una linea per molti servizi Una definizione: Intarsio è la nuova linea

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Strumenti di identificazione in rete

Strumenti di identificazione in rete Pordenone, 14 novembre 2014 Strumenti di identificazione in rete SABRINA CHIBBARO sabrina@chibbaro.net PII - "Personally Identifiable Information" Nel mondo digitale, l identità è un informazione univoca

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO federa tra LEPIDA S.p.A., con sede legale in Bologna, Viale Aldo Moro 52, C.F. e P.IVA 02770891204, in persona del Direttore Generale Prof. Ing. Gianluca Mazzini, in

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza SISTEMA FEDERATO DI AUTENTICAZIONE Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli relativi

Dettagli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli SIRV-INTEROP (UML-A8.2-0) 06 ottobre 2004 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: UML-A8.2-0 18/11/05 16.25 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione Riferimenti Numero Titolo

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 SOMMARIO 1. Introduzione... 4 1.1. Contenuti del Documento... 4 1.2. Distribuzione... 5 1.3. Acronimi... 5 2. Integrazione di Service Provider...

Dettagli

LA f i rma DIGITALE: Firma la tua polizza fidejussoria con un click

LA f i rma DIGITALE: Firma la tua polizza fidejussoria con un click LA f i rma DIGITALE: Firma la tua polizza fidejussoria con un click LA f i rma DIGITALE CARTA DI IDENTITA Cos è? La firma digitale nasce dalla necessità di aumentare la sicurezza delle transazioni che

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

Il cittadino digitale. Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte

Il cittadino digitale. Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte Il cittadino digitale Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte Identitàpersonalevsidentitàdigitale L identità digitale non è la semplice trasposizione elettronica di quella fisica. Per fare chiarezza

Dettagli

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management)

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 91/Ric. del 5 luglio 2012 Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) AAI: Il problema che OCP ha affrontato

Dettagli

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO Procedura di accreditamento Solution Partner CRS PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO per l iscrizione all Albo dei Solution Partner CRS in quanto produttori / distributori di prodotti CRS Ready in ambito Pubblica

Dettagli

FRA. il (Soggetto Consultante), in rappresentanza dei propri associati, rappresentato da, nato a il, C.F., che interviene nella qualità di del,

FRA. il (Soggetto Consultante), in rappresentanza dei propri associati, rappresentato da, nato a il, C.F., che interviene nella qualità di del, SCHEMA DI CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI BOLOGNA E (SOGGETTO CONSULTANTE) PER LA PARTECIPAZIONE DI QUEST ULTIMO, QUALE INTERMEDIARIO DEL CITTADINO, ALLA FASE DI SPERIMENTAZIONE DI EROGAZIONE DEI SERVIZI

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali roberto palumbo Identità virtuali per servizi reali L apparato normativo e la concreta implementazione delle nuove tecnologie rendono sempre più reale

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID)

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) Versione 1.5 INDICE 1. PREFAZIONE...5 1.1. Autori... 5 1.2. Modifiche Documento... 5 1.3. Riferimenti... 6 1.4. Acronimi e Definizioni... 6 2.

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3>

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni COMUNE DI VILLA BARTOLOMEA (Provincia di Verona) Corso Fraccaroli 70, 37049 Villa Bartolomea VR Tel. 0442.659077 Fax 0442.659033 Progetto: Gestione Istanze (MyInstance) Piano di informatizzazione delle

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

FIRME ELETTRONICHE ED EFFICACIA GIURIDICA FIRMA E FATTURAZIONE ELETTRONICA. Anna Fiorenza Direttore Agenzia Intercent-ER

FIRME ELETTRONICHE ED EFFICACIA GIURIDICA FIRMA E FATTURAZIONE ELETTRONICA. Anna Fiorenza Direttore Agenzia Intercent-ER FIRME ELETTRONICHE ED EFFICACIA GIURIDICA FIRMA E FATTURAZIONE ELETTRONICA Anna Fiorenza Direttore Agenzia Intercent-ER Bologna, 12 dicembre 2011 0 Normativa di riferimento La possibilità di utilizzare

Dettagli

ATTIVITA' INDICATORE MISURAZIONE DISPONIBILITA' DEI DATI PER CALCOLO INDICATORE Tavoli e-gov e società informazione (MEF, Comm.

ATTIVITA' INDICATORE MISURAZIONE DISPONIBILITA' DEI DATI PER CALCOLO INDICATORE Tavoli e-gov e società informazione (MEF, Comm. Consulenza e proposta Attivazione di relazioni ATTIVITA' MISURAZIONE DISPONIBILITA' DEI DATI Tavoli e-gov e società informazione (MEF, Comm. EU) fornito n riunioni n deliberazioni n documenti prodotti

Dettagli

INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO

INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO pag.1 2. DEFINIZIONI ED ACRONIMI pag.1 3. INTRODUZIONE pag.1 4. REGOLE GENERALI pag.2 a. Obblighidel certificatore pag.2 b. Principali obblighi del Cliente Finale (Gruppo

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde 23 Maggio 2008 CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde daniele.crespi@lispa.it CRS : La diffusione Come accedere ai servizi online 2 Lettore smart card 1 PC connesso ad Internet 4 PDL & CRS Manager

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA

LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA Percorso laboratoriale LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA Internet, i social network e l'esplosione dei new media hanno rivoluzionato il linguaggio della comunicazione e gli strumenti del marketing, e

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza INTEROPERABILITÀ E COOPERAZIONE APPLICATIVA Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli

Dettagli

L esperienza della Regione Lazio

L esperienza della Regione Lazio - GOVERNMENT L esperienza della Regione Lazio Ing. Vincenzo Bianchini Amministratore Unico Laziomatica Piano di E-Government Il Piano di Azione di E-government, Nazionale e Regionale, rappresenta una proposta

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Lab 8 Visti i problemi con la macchina virtuale e la rete, l assignment è sospeso 1 Autenticazione

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 14 Dicembre 2011 IL RIUSO Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Procedura di Identificazione dei richiedenti i certificati per stipula delle Polizze Assicurative Versione 3.0

Procedura di Identificazione dei richiedenti i certificati per stipula delle Polizze Assicurative Versione 3.0 Procedura di Identificazione dei richiedenti i certificati per stipula delle Polizze Assicurative Versione 3.0 Presentata da: Actalis S.p.A. Pagina 1 Indice 1 Versione... 1-3 2 Premessa... 2-3 3 Procedura

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2012 Regole tecniche per l'identificazione, anche in via telematica, del titolare della casella di posta elettronica certificata, ai sensi

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni;

il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; DR n 176 Reg.XLVI il Rettore Richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n 501 in data 27 marzo 2000 e successive modificazioni; vista la deliberazione n 433/14695 in data 06 febbraio 2008 con cui

Dettagli

ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO

ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE PROTEZIONE CIVILE, PREVENZIONE E POLIZIA LOCALE UNITÀ ORGANIZZATIVA PROTEZIONE CIVILE ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO Realizzato a cura di: LOMBARDIA

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Il 6 giugno 2014 sarà una data importante in quanto entra in vigore il D.M. 55/2013 che ha stabilito le modalità attuative per fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 Pillole di Trasparenza Concorso Farmacie e Opendata Claudia Biffoli Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario Ufficio IV ex DGSI Roma, 12 Dicembre

Dettagli

Allegato 1. Servizio. Modello organizzativo e gestionale della federazione federa

Allegato 1. Servizio. Modello organizzativo e gestionale della federazione federa Allegato 1 Servizio Modello organizzativo e gestionale della federazione federa INDICE 1. INTRODUZIONE 3 1.1. Federazione 3 1.2. Progetto federa autenticazione federata 3 1.3. Scopo del documento 3 1.4.

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione. Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze

Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione. Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze Torino, 22 novembre 2013 La legge finanziaria 2008 Stabilisce il principio

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

Procedura per l'emissione della Firma Digitale Convenzione stipulata tra il CNAPPC e ARUBAPEC SpA

Procedura per l'emissione della Firma Digitale Convenzione stipulata tra il CNAPPC e ARUBAPEC SpA All. A Procedura per l'emissione della Firma Digitale Convenzione stipulata tra il CNAPPC e ARUBAPEC SpA Indice generale Indice generale... 2 Premessa... 3 Attività di Registration Authority... 3 Procedura

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA ASPETTI DI SICUREZZA NELLA COOPERAZIONE TRA I SERVIZI Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE...3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4 2. OBIETTIVI

Dettagli

Gestionale finanziamenti

Gestionale finanziamenti Torino, 20 Ottobre 2009 Gestionale finanziamenti Direzione Piattaforme & Direzione Produzione Gestionale finanziamenti come si accede Il gestionale dei finanziamenti è accessibile dal mese di Giugno tramite

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

Partner di www.2essedigital.it

Partner di  www.2essedigital.it Partner di PEC obbligatoria per tutti!!! Rivoluzione nel decreto legge anti-crisi : PEC obbligatoria per tutti Il decreto legge anti-crisi approvato il 28 novembre 2008, dal Consiglio di Ministri, contiene

Dettagli

Sistema Informativo Gestione Impianti Termici - SIGIT

Sistema Informativo Gestione Impianti Termici - SIGIT Sistema Informativo Gestione Impianti Termici - SIGIT Contesto Secondo la normativa Europea sul rendimento energetico dell'edilizia (Direttiva 2002/91/CE) la Legge regionale 28 maggio 2007, n. 13 Disposizioni

Dettagli

Il ruolo del PM nei progetti di innovazione nella PA. Andrea Nicolini CISIS Project Manager Povo, 6 Dicembre 2013

Il ruolo del PM nei progetti di innovazione nella PA. Andrea Nicolini CISIS Project Manager Povo, 6 Dicembre 2013 Il ruolo del PM nei progetti di innovazione nella PA Andrea Nicolini CISIS Project Manager Povo, 6 Dicembre 2013 Agenda Premessa Project management nella PA: considerazioni generali Esperienze di project

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Sommario 1 Introduzione... 2 2 Garanzia Giovani... 2 3 La Cooperazione Applicativa... 2 3.1 Presa in carico del cittadino... 3 3.1.1 Adesione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale

Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale Posta Elettronica Certificata & Firma Digitale Introduzione Sicurezza nelle comunicazioni digitali Obbligo per Professionisti (entro 1 anno) e Aziende (3 anni) di dotarsi di caselle di Posta Elettronica

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Procedura di identificazione dei richiedenti il certificato di firma qualificata tramite sistema di Video Conferenza ICBPI S.P.A.

Procedura di identificazione dei richiedenti il certificato di firma qualificata tramite sistema di Video Conferenza ICBPI S.P.A. ICBPI S.P.A. Procedura di identificazione dei richiedenti il certificato di firma qualificata tramite sistema di Video Conferenza Presentata da: ICBPI S.p.A. Procedura di Identificazione dei richiedenti

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde 1. Premesse 1.1 Per incarico della Regione Lombardia, Lombardia Informatica S.p.A. cura la realizzazione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e la sua

Dettagli