Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Realizzazione di un sistema per l archiviazione, la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti"

Transcript

1 1/45 PROGETTO AIRUMBRIA la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti PIANO DI DISPIEGAMENTO PER GLI ENTI LOCALI (documento 6.7.2)

2 2/45 Data: 29/6/2011 Compilato: Francesco Frattegiani Alessandro Cavazzoni Data: 29/6/2011 Rivisto: Francesco Frattegiani Data: 29/6/2011 Approvato: Brunella Pierini Destinatari: Webred S.p.A. Regione Umbria

3 3/45 Indice dei contenuti 1 GENERALITÀ GENERALITÀ E INODUZIONE AL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE INODUZIONE CHE COSA È E A COSA SERVE LA CONSERVAZIONE COME SI ATTUA PREREQUISITI IL PROCESSO DI CONSERVAZIONE QUANDO PASSARE UN DOCUMENTO IN CONSERVAZIONE? GESTIONE DEI LOTTI RICHIESTA DI UN DOCUMENTO CONSERVATO COME FARE PER PASSARE UN DOCUMENTO IN CONSERVAZIONE? QUALI DOCUMENTI CONSERVARE RESPONSABILITÀ CLASSI E FORMATI DEI DOCUMENTI DIGITALI IL PROGETTO AIR-UMBRIA LA NORMATIVA IL CONTESTO IL CONTESTO TERRITORIALE IL MODELLO DI LAVORO INFRASUTTURA, PREDISPOSIZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO MODELLO LOGICO MODELLO TECNOLOGICO... 28

4 4.3 INTERPA DIMENSIONE DELL UTENZA GESTIONE DEL SERVIZIO BREVE DESCRIZIONE DELL IMPIANTO E DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO TELEMATICO COME ATTIVARE IL SERVIZIO ASPETTI FORMALI ASPETTI TECNICI ATTIVITÀ DI DIFFUSIONE COSA E TENUTO A FARE L ENTE PER INIZIARE LA CONSERVAZIONE MATERIALE A DISPOSIZIONE DELL ENTE PIANO DI DIFFUSIONE CONTATTI E RIFERIMENTI CHECKLIST RAPIDA PER INIZIARE IL PROCESSO DI CONSERVAZIONE ENTI UTILIZZATORI IL SISTEMA DI PROTOCOLLO INTERPA CHECKLIST RAPIDA PER INIZIARE IL PROCESSO DI CONSERVAZIONE ENTI UTILIZZATORI IL SISTEMA DI PROTOCOLLO INTERPA... 45

5 5/45 1 GENERALITÀ Oggetto: Riferimenti documenti aziendali: Riferimenti esterni: a la conservazione sostitutiva e la dematerializzazione dei documenti [a] Deliberazione AIPA n. 42/2001 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali - articolo 6, commi 1 e 2, del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 [b] Deliberazione CNIPA n. 11/2004 Moduli utilizzati History V1: rilascio iniziale Glossario, abbreviazioni e acronimi: SGD SCN Sistema di Gestione Documentale. Sistema di Conservazione

6 6/45 2 GENERALITÀ E INODUZIONE AL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE 2.1 INODUZIONE I capitoli seguenti fino al capitolo 5 spiegano i diversi aspetti della conservazione nel dettaglio. I capitoli 6 e 7 sono una rapida checklist di cosa è tenuto a fare un Ente per rendere operativo il servizio, ovvero di come procedere alla diffusione del servizio dopo aver provveduto al dispiegamento dell hardware e del software. 2.2 CHE COSA È E A COSA SERVE LA CONSERVAZIONE L uso di documenti informatici (digitali) al posto della carta ha imposto la risoluzione di diversi problemi connessi alla natura propria dell informazione digitale: è modificabile è cancellabile viene trasportata su canali non sicuri deve seguire il progresso tecnologico non è facilmente attribuibile la paternità Tutti questi aspetti sono alla base delle soluzioni (tecnologiche, normative, procedurali) ad oggi individuate per assicurare, per contro, la garanzia della immodificabiltà, della autenticità e della permanenza nel tempo del contenuto informativo esattamente come esso è stato generato. Con l obiettivo di dare valore probatorio e non ripudiabilità al documento digitale sono state emanate disposizioni e regole tecniche che per quanto riguarda la cosiddetta long term preservation sono conosciute come procedimenti per la conservazione a norma di legge. La norma fondamentale cui si fa riferimento riguarda l applicazione delle disposizioni previste dalla delibera CNIPA n.11/2004, volte a garantire

7 7/45 l integrità, l autenticità e la disponibilità dei documenti sottoposti a conservazione. In parole semplici significa che un documento digitale se formato e conservato rispettando i dettati tecnico-normativi in vigore ha valore legale, è il solo ad avere valore legale, e ci deve essere chi risponde della sua esistenza e della permanenza nel tempo di questa caratteristica. Nell uso comune è entrata la locuzione conservazione sostitutiva intendendola estensivamente come conservazione a norma. Al proposito va chiarito che il termine sostitutiva attiene alla trasformazione in digitale del documento originale cartaceo a seguito della quale l originale su carta può (anzi dovrebbe) essere distrutto. Un documento che invece nasce già in formato digitale non è sostitutivo di qualcos altro. Quindi si dovrebbe parlare più precisamente di conservazione (e basta) e di riproduzione sostitutiva per quei documenti che in origine non erano digitali. Ogni documento digitale (sia esso testo, disegno, fotografia, ) con la caratteristica dell ufficialità deve quindi essere opportunamente conservato. L attenzione va posta quindi sulla correttezza, completezza, chiarezza ed efficacia delle regole e dei procedimenti posti in essere. 2.3 COME SI ATTUA Il processo di conservazione è parte di un altro processo che va sotto il nome di ciclo di vita del documento semplificato nello schema seguente.

8 8/45 Figura 1 Ciclo di vita tipico di un documento Il documento, originato internamente attraverso delle applicazioni (software gestionale, word processing) o acquisito da fonti esterne, entra nel sistema di gestione documentale associato ai propri dati di protocollo e ai metadati che ne descrivono gli attributi (relativi alla classe documentale di appartenenza) e viene collocato nei folder dell archivio informatico (fascicolazione). Tale archivio (archivio corrente / deposito ) è, nella pratica, gestito dall applicazione del Protocollo o da un Sistema di Gestione Documentale (SGD). Per il documento che necessiti di conservazione a norma, indipendentemente dalla sua vita amministrativa, viene attivato il processo di conservazione:

9 9/45 Figura 2 Processo di conservazione In questo passaggio il documento perde i suoi attributi archivistici (fondamentali per la gestione documentale) e acquista o mantiene solo quelli relativi alla sua classe (tipologia di documento). Tali attributi (metadati) sono quindi generalmente diversi tra una fattura, una delibera, un cedolino stipendi, un mandato, ecc. e servono in particolare per costruire gli indici da associare ai documenti nel sistema di conservazione PREREQUISITI Come si è visto la conservazione è solo un aspetto della più ampia problematica relativa al concetto di dematerializzazione, da essa solo relativamente svincolata.

10 10/45 Con ciò intendendo che, anche se il processo di conservazione può essere ricondotto alla mera esecuzione di procedure tecniche, è fondamentale che l avvio del servizio sia preceduto all interno dell Ente dalla dotazione di quel minimo di strumenti connessi al processo di generazione e distribuzione dei documenti informatici (firma digitale, PEC). E inoltre da tenere presente che la dematerializzazione può implicare, ovvero influenzare, una revisione dei procedimenti con impatto sull organizzazione che può in alcuni casi richiedere quella razionalizzazione dei processi che va sotto il nome di Business Process Reengeneering IL PROCESSO DI CONSERVAZIONE Il processo di conservazione si attua secondo le norme a cui risponde il Responsabile della conservazione e inizia con l apposizione al documento, inviato dall Ente, della firma digitale del Responsabile e della marca temporale (vedi il cap Flusso di Conservazione ). Il documento deve essere consegnato al sistema di conservazione (SCN) assieme ad un suo identificativo univoco (documentoid). Tale identificativo è l elemento necessario per il prelievo del documento in caso di necessità (operazione che va sotto il nome convenzionale di esibizione ). Attraverso il sistema AIR-Umbria, il trasferimento del documento nel SCN avviene tramite l integrazione applicativa tra il SGD dell Ente e il SCN. Il sistema SGD trasmette automaticamente anche i metadati associati al documento per quella classe documentale. Il SCN esegue controlli sul documento (integrità) e sui dati associati (conformità). Queste operazioni durano pochi minuti al termine dei quali la transazione si conclude con l invio di un messaggio per siglare la riuscita o meno

11 11/45 dell operazione QUANDO PASSARE UN DOCUMENTO IN CONSERVAZIONE? Come regola generale il passaggio in conservazione dovrebbe essere fatto nel più breve tempo possibile dalla generazione o ricezione di un originale digitale. Questo al fine di assicurare l immediata custodia a norma del documento. In alcuni casi specifici esistono anche vincoli legislativi (ad esempio le fatture devono essere inviate in conservazione entro 15 giorni dalla data di emissione o di ricevimento) GESTIONE DEI LOTTI I documenti possono essere inseriti all interno di lotti di documenti omogenei (fatture, cedolini, mandati, ecc.) il cui passaggio definitivo in conservazione avviene alla chiusura del lotto. I criteri di chiusura di un lotto possono essere vari: - raggiungimento della dimensione fisica del supporto (CD/DVD) per l invio dei documenti all Ente - raggiungimento del numero massimo di documenti per lotto - raggiungimento della data massima di chiusura del lotto - lotto aperto da più di un anno solare senza che sia impostata la data massima di chiusura lotto - chiusura forzata RICHIESTA DI UN DOCUMENTO CONSERVATO La disponibilità per l Ente di un documento conservato viene qualificata come esibizione. Il documento conservato deve essere consultabile in qualunque momento, previa autorizzazione, presso il sistema di conservazione e disponibile, a

12 12/45 richiesta, in copia anche su supporto cartaceo. Esibire un documento conservato, anche per via telematica, significa rendere leggibile il documento inviato, attestare la data in cui il documento è stato conservato, accertarne il permanere della sua integrità nel tempo. La necessità di esibire un documento originale emerge normalmente in casi particolari quali ad es. un controllo da parte degli organi competenti (Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza) o una citazione in tribunale. L utente che richiede l esibizione di un documento conservato accede ad una opportuna interfaccia web messa a disposizione dal Conservatore. L utente accede utilizzando le credenziali ottenute dal Conservatore all atto della stipula della delega Ente-Conservatore. La registrazione generata è auto-esplicativa, intendendo con questo che i dati sono affiancati da indici e informazioni di riferimento tali da poter permetterne autonomamente la comprensione (anche da parte di un programma esterno al sistema della conservazione). La registrazione è contenuta in una directory, il cui nome contiene un indicazione del blocco dei documenti e data/ora dell inizio della creazione della registrazione stessa. Il contenuto della directory della registrazione è il seguente: - Manifesto della registrazione (indice.xml) - Timestamp sul manifesto della registrazione (indice.xml.tsr) - Marca di conservazione - Timestamp sulla marca di conservazione - Sottodirectory documenti con i documenti archiviati COME FARE PER PASSARE UN DOCUMENTO IN CONSERVAZIONE? Per gli Enti locali umbri, nell ambito del progetto AIR-Umbria, viene messo a disposizione un servizio di conservazione che consta di una piattaforma tecnologica che si interpone tra l Ente e il sistema del Conservatore. La piattaforma di AIR-Umbria dialoga quindi con il Conservatore inviando i

13 13/45 documenti trasmessi dall Ente e ricevendo le informazioni di ritorno svincolando l Ente delle problematiche relative all interfacciamento diretto e alle conseguenti possibili variazioni nel tempo (modifiche normative, aggiornamenti tecnologici, cambio del Conservatore). In termini pratici l Ente che vuole passare un documento in conservazione, lo fa tramite l implementazione di un servizio web che integra l applicazione dell Ente con AIR-Umbria. Per questa soluzione è quindi necessario lo sviluppo, da parte dell-ente, di un modulo client sulla base delle specifiche fornite da AIR-Umbria. 2.4 QUALI DOCUMENTI CONSERVARE Ogni documento che rappresenti un originale informatico 1, ovvero di cui è prescritta la conservazione per legge o regolamento, dovrebbe essere conservato secondo la normativa vigente. Qualora ciò non avvenga, ovvero il documento sia semplicemente archiviato, l Ente si assume in proprio l onere della prova della sua autenticità, leggibilità e integrità. Sicuramente devono essere conservati i documenti digitali firmati digitalmente. E un opzione conservare quelli non firmati anche se è buona norma conservare anche questi ultimi che in molti casi possono costituire allegato di un documento firmato digitalmente. Nel caso di un originale analogico (normalmente cartaceo) per il quale si voglia procedere alla riproduzione sostitutiva, la conservazione si realizza mediante memorizzazione della relativa immagine (mediante scannerizzazione). Il processo termina con l'apposizione del riferimento temporale e della firma digitale da parte del responsabile della conservazione. 1 documento informatico : rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti Del. CNIPA n. 11/2004 art. 1

14 14/45 Al termine di questo processo l Ente non può distruggere 2, in generale, l originale analogico. In Conservazione potranno essere portati documenti nativamente informatici o documenti analogici che abbiano subito una riproduzione informatica, restando comunque traccia della natura originaria. Si aggiunge a ciò quanto emanato di recente: (art. 23 c. 4 sostituito da Legge 2 del ) Le copie su supporto informatico di qualsiasi tipologia di documenti analogici originali, formati in origine su supporto cartaceo o su altro supporto non informatico, sostituiscono ad ogni effetto di legge gli originali da cui sono tratte se la loro conformità all originale è assicurata da chi lo detiene mediante l utilizzo della propria firma digitale. Per quanto riguarda la classe documentale, solo per la materia tributaria sono stati indicati i documenti fiscalmente rilevanti (DM 23/01/2004) che è possibile "dematerializzare" (libro giornale, inventari, registro dei beni ammortizzabili, bilancio di esercizio, registri Iva, registri acquisti e vendite, fatture, ordini, libri sociali, ). 2.5 RESPONSABILITÀ Il ciclo della conservazione deve rispondere a un principio generale di ininterrotta custodia in base al quale l autenticità e integrità dei documenti informatici, lungi dall essere garantita in via esclusiva dal sigillo della firma digitale progressivamente rinnovata come previsto dalla normativa vigente, può essere preservata: - garantendo l esistenza, dal momento della registrazione e archiviazione 2 viene ricordata la norma contenuta nel comma 4 dell'art. 6 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, concernente i poteri di controllo del Ministero per i beni e le attività culturali sugli archivi delle amministrazioni pubbliche e sugli archivi dei privati dichiarati di notevole interesse storico ed artistico.

15 15/45 dei documenti, di custodi responsabili in grado di assicurare la continuità della funzione conservativa; - garantendo l identità e l integrità del documento attraverso la registrazione di opportuni metadati, al momento dell inserimento del documento all interno della struttura aggregativa (fascicolo, serie etc.) del titolario; - dimostrando il regolare funzionamento del sistema di conservazione, attraverso il mantenimento nel tempo di tutte le informazioni di contesto ; - dimostrando e sostenendo la puntuale esecuzione delle procedure che realizzano il modello conservativo, lo stesso attraverso il mantenimento nel tempo delle informazioni di contesto. La Delibera CNIPA 11/2004 istituisce (art. 5) la figura del Responsabile della conservazione i cui compiti sono quelli di mettere in atto una serie di accorgimenti volti a garantire la correttezza del procedimento di conservazione e della custodia dei documenti nel tempo. Il Responsabile applica la propria firma digitale a tutti i documenti da passare in conservazione. La stessa norma (comma 3) consente che Il procedimento di conservazione sostitutiva può essere affidato, in tutto o in parte, ad altri soggetti, pubblici o privati. Ciò significa che l Ente può delegare ad un soggetto terzo tale responsabilità. Nella fattispecie l Ente attuerà la delega attraverso l affidamento formale del servizio al Conservatore esterno. Al Responsabile della conservazione (che svolge il ruolo di pubblico ufficiale) individuato all interno dell Ente, resta comunque la responsabilità finale in opposizione a terzi della validità legale dei documenti, dei quali l Ente è legittimo proprietario, che va provata con la dimostrazione dell esecuzione del corretto processo di conservazione. Nel caso del progetto umbro siamo in presenza di una catena di responsabilità

16 16/45 il cui - primo anello è l Ente che produce/possiede il file digitale da passare in conservazione, - il secondo è AIR-Umbria che lo acquisisce per inviarlo al Conservatore; - ultimo anello è il Conservatore. Quest ultimo assolve il ruolo di cassaforte presso la quale il documento è definitivamente archiviato. I tre livelli rispondono pertanto alle seguenti responsabilità: Responsabilità Ente Formazione del documento nei formati stabiliti Generazione metadati Apposizione Firma digitale Responsabilità legale AIR-Umbria Sicurezza fisica e logica del sistema adeguata alle operazioni di trasporto telematico Conservatore Sicurezza fisica e logica del sistema adeguata alle operazioni di conservazione Firma digitale del Responsabile delegato e Marcatura temporale Per ciascuno dei tre livelli vengono nominate le rispettive persone responsabili sulla parte di processo di competenza. 2.6 CLASSI E FORMATI DEI DOCUMENTI DIGITALI Nel sistema di conservazione i documenti vengono memorizzati con gli attributi della propria classe documentale, intesa come tipologia di documento (delibere, fatture, corrispondenza, ecc.). La classe documentale non risponde a criteri archivistici; serve invece a definire alcuni attributi (metadati) da associare al documento per fini di identificazione, aggregazione e ricerca (ad esempio la busta paga di un dipendente avrà tra i suoi metadati la matricola, una delibera avrà tra i suoi metadati l oggetto e la data). I metadati sono normalmente generati dal sistema gestionale da cui proviene il

17 17/45 documento. Il formato di un documento identifica invece la tipologia di file e deriva dall applicazione che lo ha generato o convertito (es.: doc:testo MsWord, tiff, jpg: immagini, pdf :doc. Adobe). Se nella attività produttiva c è assoluta libertà di utilizzo dei vari formati, per la conservazione si raccomanda l uso di formato standard aperto, compreso tra quelli riconosciuti dagli organismi nazionali e internazionali preposti alla relativa formazione, pensando alle problematiche della conservazione nel lungo periodo (limitazione dei rischi derivanti dall evoluzione tecnologica). In coerenza con le indicazioni e sulla base dello stato delle esperienze maturate il numero dei formati ammessi in conservazione (meglio, consigliati fortemente) è bene sia limitato. In effetti, se pure sui formati non ci sono vincoli se non quelli della leggibilità dei documenti in futuro, di norma il Conservatore richiede al Versante la loro definizione a priori. Tra quelli comunemente ammessi compaiono i formati PDF, TXT, TIFF, XML. Tra questi il formato PDF e il corrispondente firmato digitalmente P7M sono tra quelli preferiti in virtù delle caratteristiche di staticità che conferiscono al file 3 e che per la loro ampia diffusione possono essere considerati uno standard de facto. 2.7 IL PROGETTO AIR-UMBRIA Nell Accordo di Programma Quadro (2004) in materia di e-government tra la Regione Umbria e il Ministero per l Innovazione e le Tecnologie è previsto un progetto per la dematerializzazione dei documenti. Con questo termine si intende in genere tutto il complesso di interventi ed azioni volte a sostituire l uso del supporto cartaceo nelle attività svolte all interno della P.A. e nelle relazioni con l esterno. 3 Il formato PDF è stato riconosciuto anche come standard di riferimento per la firma digitale in seguito alla sottoscrizione di un protocollo d intesa (2006) tra il CNIPA e Adobe Systems Inc.

18 18/45 Il progetto, affidato dalla Regione Umbria per la realizzazione a Webred SpA, affronta alcuni aspetti della dematerializzazione e ha come obiettivo di rendere disponibili a tutti gli Enti dell Umbria dei servizi di gestione documentale, di conservazione e di supporto e accompagnamento per la revisione dei processi in ottica di dematerializzazione. AIR-Umbria si presenta pertanto come una piattaforma tecnologica per l accesso ai servizi di gestione documentale unitamente alla presenza di competenze in queste tematiche che possono fornire agli Enti un eventuale supporto tecnico-consulenziale. Le principali componenti della piattaforma sono: 1) Gestione del Protocollo 2) Workspace document management Svolge le funzioni fondamentali della protocollazione Fa la vera gestione documentale, si occupa della classificazione secondo il titolario dell Ente, assegna il documento a chi di competenza secondo l organigramma dell Ente, gestisce le strutture organizzative (fascicoli, ecc.) nelle quali viene inserito il documento. Opera secondo il modello archivistico-organizzativo definito. 3) WorkFlow E la componente che guida l avanzamento di un procedimento e attiva le azioni nei tempi e nei modi prestabiliti. In particolare il sistema di WF decrive i flussi (procedure), gestisce i documenti prodotti/acquisiti, le azioni da fare sui documenti, gli attori cui competono le azioni. 4) Conservazione a norma Si occupa del procedimento di conservazione dei documenti digitali nel rispetto della normativa vigente Queste componenti applicative utilizzano un motore ECM (Enterprise Content Managment) che si occupa dell archiviazione fisica di dati e documenti secondo le regole archivistiche fornite. La definizione di queste regole deriva dal Modello Archivistico e Organizzativo elaborato

19 19/45 da un gruppo di lavoro formato da rappresentanti di: Soprintendenza Archivistica per l Umbria, Archivio di Stato di Perugia, Regione Umbria (Sistema Informativo Regionale e Sistema Archivistico), Consiglio Regionale dell Umbria, Provincia di Terni, Comune di Foligno, Comune di Perugia, Comune di Terni, Consorzio S.I.R. Umbria, Webred s.p.a. Il Modello A-O descrive dei requisiti funzionali e di sistema per una soluzione di gestione informatizzata dell archivio di un Ente, che, a partire da un modello archivistico e organizzativo basato su un paradigma archivio centrico (rispetto al consueto paradigma protocollo centrico ) consente di integrare in maniera completa, efficiente ed efficace tutta la gestione informatica dei documenti, sia quelli originariamente elettronici che di quelli cartacei, siano essi registrati o meno al protocollo. I requisiti sono stati definiti originariamente nel progetto DoQui delle PA piemontesi (www.doqui.it) e rielaborati nell ambito del progetto AIR- Umbria per le specificità del sistema degli enti locali dell Umbria. Tutto questo dovrà essere inoltre mantenuto coerente con quanto si sta portando avanti a livello nazionale attraverso il cosidetto PROgetto DEmaterializzazione (PRO.DE.), dal quale scaturiranno le guide guida e le best practice di riferimento generale e per le filiere verticali ai cui la P.A.L. potrà riferirsi ai fini di un corretto approccio alla problematica e alle azioni da mettere in opera. Per la complessità delle questioni che afferiscono alla problematica dematerializzazione, nella realizzazione del progetto si procede per gradi, in base a delle priorità, programmando i vari passi in coerenza con il consolidamento dei precedenti e cercando di contemperare i diversi gradi di automazione e di organizzazione (e quindi le diverse esigenze effettive) degli Enti in questo ambito. Seguendo questa linea è stato deciso che il primo servizio reso disponibile, in considerazione delle priorità generate dall introduzione di alcuni strumenti connessi alla produzione e gestione dei documenti informatici (firma digitale,

20 20/45 PEC), sia proprio il servizio di conservazione a norma di tali documenti. 2.8 LA NORMATIVA Di seguito viene riportata la normativa in materia più importante. Del. CNIPA n. 11/19 febbraio 2004 DPCM 13 gennaio 2004 Del. CNIPA n. 4/17 febbraio 2005 Codice della Pubblica Amministrazione Digitale (CAD) (D.L. 82/2005) DPCM 30 marzo 2009 Regole tecniche per la riproduzione e conservazione di documenti su supporto ottico idoneo a garantire la conformità dei documenti agli originali Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici. Regole per il riconoscimento e la verifica del documento informatico. Rielaborazione del T.U. (DPR 445/2000) Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme digitali e validazione temporale dei documenti informatici. L. n. 2/28 gennaio 2009 Modifiche ai commi 4 e 5 dell'articolo 23 del CAD Fatturazione elettronica, conservazione documenti fiscali D.M.E.F. 23 gennaio 2004 D.L. n. 52/20 febbraio 2004 Circ. Agenzia delle Entrate n /10/2005 Circ. Agenzia delle Entrate n /12/2006 Ris. Agenzia delle Entrate n. 161/E/2007 Ris. Agenzia delle Entrate n. 267/E/2007 Ris. Agenzia delle Entrate n. Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto. Attuazione della direttiva 2001/115/CE che semplifica ed armonizza le modalità di fatturazione in materia di IVA chiarimenti su D.L. n. 52/20 febbraio 2004 chiarimenti su D.M.E.F. 23 gennaio 2004 conservazione sostitutiva dei documenti Emissione di fatture elettroniche e bollette analogiche nei confronti del medesimo cliente conservazione sostitutiva delle fattura attive e passive

21 21/45 14/2008 Ris. Agenzia delle Entrate n. 158/2009 risposte a vari quesiti su fatturazione elettronica

22 22/45 3 IL CONTESTO 3.1 IL CONTESTO TERRITORIALE Gli Enti potenzialmente interessati all utilizzo del servizio di Conservazione Sostitutiva, sono gli Enti consorziati nel Consorzio SIR UMBRIA che è un consorzio ad adesione volontaria. Ad oggi fanno parte del consorzio: - la Regione - le 2 Province - i 91 Comuni - le 5 Comunità Montane - le 4 ASL - le 2 Aziende Ospedaliere - 3 Agenzie Regionali - Una Unione di Comuni - 2 ATI per un totale di 112 Enti. Nel dettaglio gli Enti sono i seguenti: E N T E Provincia REGIONE UMBRIA - Consiglio regionale dell'umbria - PROVINCIA DI PERUGIA PROVINCIA DI TERNI Comuni POGGIODOMO POLINO VALLO DI NERA SCHEGGINO SANT'ANATOLIA DI NARCO PARRANO

23 23/45 E N T E MONTELEONE DI SPOLETO LISCIANO NICCONE PRECI PACIANO PENNA IN TEVERINA CERRETO DI SPOLETO SELLANO MONTEGABBIONE Provincia MONTE SANTA MARIA TIBERINA MONTEFRANCO COSTACCIARO VALTOPINA SCHEGGIA E PASCELUPO ALVIANO MONTELEONE D'ORVIETO LUGNANO IN TEVERINA MONTE CASTELLO DI VIBIO MONTONE FICULLE MONTECCHIO ATTIGLIANO FRATTA TODINA CALVI DELL'UMBRIA ALLERONA GUARDEA OICOLI GIOVE FERENTILLO PORANO CASTEL GIORGIO PIEALUNGA SAN VENANZO CAMPELLO SUL CLITUNNO SIGILLO AVIGLIANO UMBRO FOSSATO DI VICO BASCHI ARRONE FABRO CASTEL VISCARDO B

24 24/45 E N T E CASTEL RITALDI CASCIA CITERNA COLLAZZONE VALFABBRICA GIANO DELL'UMBRIA PIEGARO TUORO SUL ASIMENO MASSA MARTANA CANNARA SAN GEMINI SONCONE NORCIA BEVAGNA ACQUASPARTA MONTECASILLI Provincia PASSIGNANO SUL ASIMENO MONTEFALCO PANICALE NOCERA UMBRA TORGIANO GUALDO CATTANEO CITTA' DELLA PIEVE EVI SPELLO DERUTA SAN GIUSTINO AMELIA MAGIONE CASTIGLIONE DEL LAGO GUALDO TADINO UMBERTIDE TODI MARSCIANO CORCIANO NARNI BASTIA ORVIETO ASSISI GUBBIO

25 25/45 E N T E SPOLETO CITTA' DI CASTELLO FOLIGNO TERNI PERUGIA Provincia UNIONE DEI COMUNI TERRE DELL'OLIO E DEL SAGRANTINO Comunità Montane Comunità Montana Umbria Nord - Comunità Montana Orvietano- Narnese-Amerino-Tuderte - Comunità Montana del Trasimento - Comunità Montana Subasio e Monti Martani - Comunità Montana Valnerina - Sanità AZ OSP. AZ OSP. ASL 1 ASL 2 ASL 3 ASL 4 Altri Enti ARPA UMBRIA ARUSIA ATI n. 1 ATI n. 4 AUS

26 26/ IL MODELLO DI LAVORO Il processo di diffusione del Servizio della Conservazione a Norma, prevede l intervento di tre soggetti: - la Regione che è titolare del progetto e di quanto in esso viene sviluppato - Webred, società in house della Regione, indicata da quest ultima come soggetto tecnologico di riferimento per tutte le attività inerenti la piattaforma e quindi anche per la Conservazione a Norma - Il Consorzio SIR Umbria quale facilitatore della diffusione in quanto referente Unico degli Enti consorziati Per concretizzare l avviamento del progetto è stato deciso di integrare con il sistema di Conservazione il sistema di protocollazione a norma INTERPA.

27 27/45 4 INFRASUTTURA, PREDISPOSIZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO 4.1 MODELLO LOGICO Il modello logico di sistema che sta alla base del servizio di conservazione prevede un Gateway di Conservazione che convoglia le richieste provenienti dagli Enti verso il Conservatore come illustrato dalla figura seguente. ENTE #1 ENTE #1 Richiede di conservare uno o più documenti ENTE #1 Richiede di conservare uno o più documenti Gateway Richiede di conservare uno o più documenti Richiedi servizi Sistema in produzione Ente#1 Sistema in produzione Ente#2 Sistema di test Ente#2 Richiedi servizi Figura 3 Modello Logico Sistema di test Ente#1 Questo schema trova giustificazione nel fatto che eventuali modifiche introdotte dal Conservatore o il cambiamento di Conservatore si ripercuotono solo sul Gateway e non sui sistemi degli Enti che con esso si interfacciano. Il modello di integrazione è a servizi, quindi il Gateway di Conservazione metterà a disposizione dei servizi web per l inoltro dei documenti in conservazione. Si noti che per consentire i test con ciascun Ente, sarà presente un ambiente di test ed uno di produzione.

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata

Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva Umbria a Denominazione di Origine Controllata Disciplinare di produzione dell'olio extravergine di oliva "Umbria" a Denominazione di Origine Controllata DM 6 agosto 1998 GURI n. 193 del 20 agosto 1998 (Iscrizione nel "Registro delle denominazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

La fattura elettronica e sua conservazione

La fattura elettronica e sua conservazione La fattura elettronica e sua conservazione Che cos è la FatturaPA? La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE Aree tematiche: 1. Classificazione e fascicolazione 2. Conservazione & accreditamento 3. Dematerializzazione 4. Documenti informatici 5. Fatturazione

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli