Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria"

Transcript

1 Emanuele Pera Previsione dell andamento di una serie storica finanziaria Un metodo per la previsione dei prezzi azionari è l analisi tecnica che consiste nello studio dei prezzi storici per cercare di individuare tendenze e regolarità, sulla base delle quali si definiscono le regole sulla compravendita delle azioni. I principi fondamentali sui cui si fonda l analisi tecnica sono: il mercato sconta tutto: il prezzo di un azione riflette tutte le informazioni pubblicamente disponibili sul suo valore. Al giungere di nuove informazioni, i partecipanti al mercato diffondono rapidamente tali notizie ed il prezzo si muove di conseguenza. Per questo, le motivazioni che determinano la formazione del prezzo, siano esse di carattere economico, politico, psicologico o monetario, non sono indagate dall analista tecnico e non tanto perché ritenute poco importanti, ma semplicemente perché già contenute nei prezzi: il prezzo attuale, dunque, sconta istantaneamente tutte le informazioni disponibili fino a quel momento; la storia si ripete: i movimenti dei prezzi tendono a ripetersi perché gli investitori tendono collettivamente verso schemi di comportamento identificabili. Infatti ad uno stimolo identico corrisponde un comportamento analogo e ricorrente anche a distanza di molto tempo. In realtà, l agire umano (e di conseguenza l andamento del mercato) è estremamente complesso e non si ripete mai in modo esattamente identico. Tuttavia, il riproporsi di modelli di comportamento simili è sufficiente per permettere agli analisti di considerare che la formazione di un prezzo tende a ripetersi nel tempo; i prezzi delle azioni seguono un trend: il mercato presenta tre movimenti: il primario, detto anche secolare, è così definito se ha durata superiore a due anni ed è la tendenza dominante nel mercato; il secondario è un movimento che si forma all interno del movimento primario come correzione o consolidamento del trend in atto e può durare da alcune settimane a qualche mese; il terziario si riferisce a fasi intermedie che costituiscono il rumore per i trend del mercato, cioè delle fluttuazioni brevi dalla durata di pochi giorni o al limite di qualche settimana. Si assume che una tendenza nei prezzi è in atto finché non viene interrotta da un segnale di inversione. Capire il momento in cui la tendenza principale si sta invertendo è il punto fondamentale, ma anche il più difficile da capire ed individuare, in quanto occorre interpretare una serie di segnali. L interesse in un analisi tecnica è rivolto non alla valutazione di un attività finanziaria in sé, ma all evoluzione dei prezzi e dei volumi scambiati con l obiettivo di identificare la tendenza del mercato e i suoi punti di inversione. L approccio dell analisi tecnica è contrastato dai sostenitori della cosiddetta teoria Random Walk, che può essere ricavata dall ipotesi di mercato efficiente, ossia quello in cui i prezzi dei titoli rispecchiano sempre e pienamente le informazioni disponibili. Questo accade quando gli investitori hanno le stesse informazioni e quindi un investitore qualsiasi non può pensare di battere regolarmente il mercato e le risorse che impiega per analizzare, scegliere e negoziare titoli sono sprecate. Il fatto che, secondo questa ipotesi, tutta l informazione sia già riflessa nei prezzi significa che i dati storici non hanno alcun potere predittivo. Da questo deriva che la dinamica dei prezzi delle attività finanziarie è sostanzialmente imprevedibile e i costi necessari per dotarsi di una metodologia previsionale non sono comunque proporzionati ai risultati attesi. Il movimento dei prezzi sarebbe dunque casuale e il passato di uno strumento finanziario non sarebbe indicativo per il suo futuro. Dunque, se un prezzo segue un processo random walk non possono essere effettuate strategie di trading.

2 Va rilevato che secondo l analisi tecnica il concetto di efficienza dei mercati è insito nel principio che il mercato sconta tutto; quindi questo principio, che è alla base della validità dell'analisi tecnica, contemporaneamente ne vanifica l'efficacia predittiva. Infatti, se il mercato finanziario presentasse perfetta efficienza informativa vorrebbe dire che i prezzi delle attività finanziarie reagirebbero in modo istantaneo alle nuove informazioni, rendendo inutile ogni tentativo di anticipare l evoluzione del trend. Al contrario, i metodi di analisi finanziaria presuppongono che il processo che sta alla base della formazione dei prezzi non abbia carattere totalmente casuale. Solo in questo modo è possibile provare a determinare il valore futuro di azioni o altri strumenti finanziari. Infatti, l analisi tecnica si basa sullo studio dell andamento dei prezzi nel tempo, con l obiettivo di identificare la direzione dei trend e di segnalare tempestivamente quando è prossima una sua inversione. Per fare ciò si avvale di vari tipi di analisi di tipo grafico e di tipo matematico-statistico. La previsione del trend è un elemento informativo essenziale per capire la direzione del mercato. Attraverso l analisi delle serie storiche dei dati si ottengono statistiche, regole e modelli che possono essere utilizzati per costruire modelli previsionali in grado di predire gli sviluppi futuri. Soprattutto negli ultimi anni c è stata una continua evoluzione dell analisi tecnica: sono stati introdotti numerosi indicatori e oscillatori che mirano ad aiutare l operatore a capire se un trend è ancora in corso oppure se ci si può aspettare un inversione e sono stati ottimizzati alcuni pattern di prezzo, ovvero particolari formazioni grafiche che hanno una certa tendenza a ripetersi nella storia del titolo e possono fornire spunti sull operatività futura. Come detto, sono possibili vari tipi di analisi: Analisi grafica. È la modalità più intuitiva di sintetizzare l andamento di una serie storica. In maniera rapida ed immediata consente di interpretare i movimenti dei prezzi, traducendo un enorme mole di dati in un flusso di informazione fruibile all istante. I grafici più utilizzati sono: o grafico lineare o grafico a barre o grafico a candele giapponesi o grafico punto e croce o grafico equivolume o grafico Three Line Break o grafico Renko o grafico Kagi L analisi tecnica tradizionale mediante interpretazione grafica è molto soggettiva e difficile da verificare. Perciò per individuare con maggior chiarezza la direzione del mercato e costruire un sistema oggettivo in grado di generare segnali di compravendita, si sviluppa l analisi algoritmica. Analisi algoritmica. Si tratta di un insieme di tecniche matematico-statistiche che tendono a depurare le tendenze manifestate nei prezzi dalle componenti di erraticità presenti sui mercati. Tali strumenti possono essere implementate in un sistema informatico e generare specifici segnali di acquisto e di vendita. Questo tipo di analisi è complementare allo studio dei grafici e serve ad anticipare o a confermare determinati sviluppi. Sul grafico dei prezzi possono essere visualizzate le tendenze. Infatti, in un mercato che si muove ad ondate, tipicamente ogni massimo è superiore al massimo relativo precedente e ogni minimo è superiore al minimo relativo precedente. La tecnica più elementare di indivi- 2

3 duazione di una tendenza è la trendline. La trendline è data da una retta disegnata congiungendo due o più punti rilevanti. I trend al rialzo sono definiti da una trendline disegnata tra due o più punti minimi (che identificano un supporto, ossia il livello di prezzo sotto il quale la quotazione del titolo ha difficoltà a scendere); in un trend al ribasso la trendline unisce due o più punti massimi (che identificano una resistenza, ossia il livello di prezzo sopra il quale la quotazione del titolo ha difficoltà a salire). Una tendenza rimarrà tale sino a che il trend non viene rotto dalla linea dei prezzi. Una volta che i prezzi riescono a perforare la trendline significa che il trend in corso è finito e che tra breve il mercato cambierà direzione. Altri indicatori di tendenza sono: canale di prezzo media mobile Bande di Bollinger SAR Parabolico OBV (On Balance Volume) Punto Pivot Ichimoku Kinkō Hyō L analisi algoritmica prevede altri indicatori e oscillatori basati sul prezzo, generalmente mostrati sopra o sotto il grafico dei prezzi principale: ADX (Average Directional Index) CCI (Commodity Channel Index) MACD (Moving Average Convergence/Divergence) Momentum ROC (Rate of Change) RSI (Relative Strength Index) Stocastico Trix L analisi algoritmica può raggiungere forme estremamente complesse. Tra gli algoritmi più sofisticati in grado di individuare pattern di prezzo e strategie di trading ci sono gli algoritmi genetici, le reti neurali, la logica fuzzy, i modelli caotici e l analisi frattale. L analisi predittiva si propone di prevedere l evoluzione futura dei prezzi attraverso modelli econometrici come il modello autoregressivo a eteroschedasticità condizionata (ARCH: AutoRegressive Conditional Heteroskedasticity). L analisi ciclica è un analisi macroeconomica che si basa sul concetto che i movimenti di borsa seguano particolari cicli. In analisi tecnica spesso è applicata in una ottica mistica (ad esempio si assume che tra due massimi o due minimi dei prezzi vi siano delle distanze fisse, oppure che i cicli di Borsa seguano particolari conteggi come le onde di Elliott). Esistono tuttavia delle metodologie dell analisi tecnica, come il Sequential di Thomas De- Mark, che sono di tipo ciclico ma non mistico: ad esempio il Sequential si basa sul presupposto che il mercato adotti un comportamento ricorrente basato su ondate di acquisti e vendite che si succedono seguendo cadenze prefissate. L analisi ciclica individua le barre del massimo e del minimo. L analisi grafica individua i punti di rottura dell equilibrio tra domanda ed offerta. 3

4 L analisi non convenzionale benché non abbia alcun valore scientifico è spesso applicata in silenzio da molti analisti e traders. Si basa su presupposti magici e astrologici (ad esempio i cicli lunari) ma anche sui numeri di Fibonacci, ovvero la serie 1, 3, 5, 8, 13,... in cui il rapporto tra ciascun numero e il successivo (ad esempio 3/5, 5/8, etc.) dà sempre 0,628. Da tale numero, attraverso semplici elaborazioni, si arriva a delle percentuali che avrebbero un forte potere previsivo, soprattutto in ambito ciclico. 4

5 Per poter stabilire il trend in atto il modo più intuitivo sembra essere il confronto dell ultimo prezzo con una media degli ultimi prezzi. Poiché le serie storiche dei prezzi sono caratterizzate da elevata volatilità è necessario ridurre il loro rumore per evidenziare in modo più netto la tendenza di fondo. A tal fine si utilizzano delle medie mobili. La media mobile è considerata un supporto o una resistenza alle variazioni di prezzo: se il prezzo corrente è superiore alla media mobile, quest ultima rappresenta un supporto, ossia un ostacolo ad un futuro ribasso dei prezzi; se il prezzo corrente è inferiore alla media mobile, quest ultima rappresenta una resistenza, ossia un ostacolo ad un futuro rialzo dei prezzi. L idea sottostante la loro funzione è che forniscono il valore medio di un prezzo esaminando la sua storia recente. Infatti, la media mobile viene calcolata come una media di n osservazioni precedenti di numerosità costante, eliminando in ogni periodo il dato più vecchio e aggiungendo il più recente, cosicché la media si muove insieme ai dati, ma non fluttua molto in quanto si smussa l andamento del prezzo e si rende la tendenza più visibile. Il loro limite è costituito dal fatto che non potendo anticipare sempre correttamente i movimenti di mercato, i momenti più opportuni per l acquisto o la vendita possono essere segnalati con ritardo. Le principali tipologie di medie mobili sono quelle semplici, quelle ponderate e quelle esponenziali. La media mobile semplice attribuisce a tutti i dati lo stesso peso. Le altre applicano un peso crescente ai dati più recenti, al fine di renderle più reattive alle variazioni di tendenza più recenti. La media mobile ponderata si ottiene moltiplicando ogni prezzo per il numero intero corrispondente (nel caso di una media mobile a 10 giorni, il valore più recente viene moltiplicato per 10, il precedente per 9 così via fino all ultimo che viene moltiplicato per 1) e dividendo la sommatoria di questa serie di risultati per la somma dei pesi (cioè ). La media mobile esponenziale è costruita ponendo dei coefficienti di ponderazione che seguono un andamento progressivo esponenziale e non lineare. Ciò consente di dare un peso percentualmente maggiore alle ultime rivelazioni fino a diventare infinitesimale col passare del tempo. Tale calcolo non elimina il dato più vecchio ma prende in considerazione tutti gli elementi della serie e quindi tutta la storia del titolo. Il calcolo della media mobile esponenziale prevede che il primo valore sia pari al valore calcolato con la media mobile semplice. Dunque la differenza tra una media mobile esponenziale ed una media mobile semplice non è il solo il fatto che la prima stia più vicina ai prezzi, ma anche il fatto che la prima cambia pendenza più rapidamente. per t>1 Tuttavia, una media che passi più vicina ai prezzi subisce un maggior numero di falsi segnali, ossia in un certo istante si verifica un segnale operativo che viene contraddetto (attraverso un segnale di 5

6 segno opposto) subito dopo, o comunque a distanza di brevissimo tempo. Questo succede soprattutto per le serie molto volatili. La scelta del periodo su cui calcolare la media mobile dipende dalla volatilità del titolo e dal tipo di orizzonte temporale prescelto. Infatti, un titolo molto volatile richiede l utilizzo di medie mobili veloci, che tendono ad essere più vicine possibile ai prezzi, mentre se si analizza un titolo nel mediolungo termine, è opportuno considerare medie più lente. Per calcolare la lunghezza ottimale di una media mobile si può osservare il ciclo medio del titolo (ad esempio, il tempo che intercorre tra due minimi importanti) e dividere per due questa lunghezza. Una delle regole più semplici per decidere quando comprare e vendere è quella di acquistare quando il prezzo si impenna verso l alto e supera la media mobile e di vendere quando scende al di sotto della sua media. Quindi se la media mobile è inclinata al rialzo significa che la tendenza dei prezzi è rialzista. Se addirittura i prezzi sono al di sopra della media mobile il trend è fortemente al rialzo, e viceversa se la media mobile è inclinata negativamente la tendenza è ribassista, e se i prezzi addirittura sono sotto la loro media mobile il trend è fortemente al ribasso. Questa regola è soggetta a frequenti falsi segnali, cioè viene attraversata più spesso dal movimento di prezzo senza che esso rappresenti effettivamente un inversione di tendenza. Infatti, il taglio potrebbe avvenire in un punto in cui l orientamento non è ancora cambiato. Tuttavia, l incrocio tra il prezzo e una media mobile non ancora orientata al rialzo potrebbe essere un segnale di avvertimento e quindi non va trascurato. Per lo stesso motivo può essere interessante segnalare un inversione di direzione della media mobile, anche quando non viene tagliata (e quindi il prezzo si mantiene al di sopra o al di sotto della media mobile). Questo potrebbe indicare il fatto che seppur il cambiamento di pendenza sia piuttosto lento, si potrebbe verificare presto anche il taglio del prezzo. È opportuno, quindi, identificare i punti di svolta del mercato a uno stadio relativamente iniziale, perché questo può anticipare un cambiamento di tendenza. È necessario sottolineare anche che l inversione di tendenza prodotta dal cambiamento dell inclinazione della media mobile e l incrocio tra il prezzo e il suo livello, deve essere confermata nel tempo. Il segnale di acquisto o vendita risulta affidabile solo se il cambiamento risulta persistente. La soluzione più affidabile sarebbe quella di considerare tutti i cambiamenti di pendenza della media mobile. In particolare ogni volta che la media mobile passa da decrescente a crescente si acquista; ogni volta che passa da crescente a decrescente si vende. Tuttavia, questa è una soluzione banale e costosa se si prendessero in considerazione anche i costi di transazione, perché i segnali di acquisto o vendita si succederebbero in maniera molto frequente. Pertanto, si decide di non prendere in considerazione tutti i cambiamenti di pendenza della media mobile, ma solo quelli che avvengono in fasi particolari, cioè dopo una netta variazione della media mobile stessa. Per questo si sono calcolati i massimi e i minimi della media mobile negli m (ordine della media mobile) periodi precedenti. Se il valore minimo della media mobile risulta stabile per due periodi consecutivi, dopo essere sceso nel periodo precedente, si acquista; se il valore massimo della media mobile risulta stabile per due periodi consecutivi, dopo essere salito nel periodo precedente, si vende. 6

7 In questo modo si evita di cogliere i cambiamenti di pendenza in positivo e in negativo presenti nel grande cerchio rosso della figura sottostante, cambiamenti che si sono verificati in fasi di incertezza, la cosiddetta congestione in cui i prezzi si muovono orizzontalmente e non si sa bene in quale direzione il mercato si muoverà e come uscirà dalla congestione. In alcuni casi l algoritmo non coglie alcuni segnali di inversione di tendenza, ad esempio il calo della media mobile dopo un suo aumento evidenziato nei cerchi verdi, perché questi casi non sono preceduti da forti aumenti della media stessa e il massimo della media valutato negli m periodi precedenti risulta ancora calante. Inoltre, per evitare di cogliere falsi segnali si confronta l ammontare delle variazioni della media mobile degli m periodi precedenti con l ammontare delle variazioni della media mobile degli m/4 periodi precedenti. Se quest ultimo è maggiore della metà del primo significa che la maggior parte della variazione è concentrata negli ultimi periodi. Quando questo succede è probabile che si sia verificato un incremento o decremento del prezzo anomalo che ha portato la media mobile a crescere o decrescere tanto in fretta, senza che prima si sia verificato un vero e proprio trend di quel tipo. Ecco allora che le regole del trading potrebbero essere le seguenti: Segnali Buy: 1., 2., 3., 4. Segnali Sell: 1., 2., 3., 4. 7

8 8

Guida all analisi tecnica

Guida all analisi tecnica Guida all analisi tecnica Guida all analisi Tecnica AVA MT4 REAL http://www.avatrade.it/join-ava/real-account?tradingplatform=2&dealtype=1&mtsrv=mt2&tag=55163&tag2=~profile_default AVA MT4 REAL FLOATING

Dettagli

Analisi tecnica dei mercati finanziari. Gianluca Defendi Mf-Milano Finanza

Analisi tecnica dei mercati finanziari. Gianluca Defendi Mf-Milano Finanza Analisi tecnica dei mercati finanziari Gianluca Defendi Mf-Milano Finanza ANALISI DEI MERCATI FINANZIARI Lo studio dei mercati finanziari ha portato alla nascita e allo sviluppo di tre diverse scuole di

Dettagli

Analisi tecnica di base: La teoria di DOW

Analisi tecnica di base: La teoria di DOW Analisi tecnica di base: La teoria di DOW Italian Trading Forum 2011 Analisi tecnica e teoria di Dow Tutta l analisi tecnica si basa sul principio che i prezzi scontano tutto e che le aspettative degli

Dettagli

Media mobile di Kaufman

Media mobile di Kaufman Media mobile di Kaufman La Kama (Kaufman Adaptive Moving Average) fu discussa per la prima volta nel 1998 in un intervista al suo creatore Perry Kaufman (su STOCKS & COMMODITIES, anche se l articolo originale

Dettagli

Data Mining Algoritmi e Programmazione

Data Mining Algoritmi e Programmazione Data Mining Algoritmi e Programmazione Turning Point Professore: Tommaso Gastaldi A cura di: Nello Procaccioli 1 DEFINIZIONE ASK E BID Prima di proiettarsi sul discorso riguardo l algoritmo da utilizzare

Dettagli

ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA

ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA ANALISI TECNICA MANUALE RAPIDO DI CONSULTAZIONE DMC UFFICIO RICERCA F. CISLACCHI D. LIMONTA 1 SOMMARIO Definizione di analisi tecnica come sistema...3 Supporti e resistenze...3 Trend: definizione e tipologie...4

Dettagli

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio

2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio 69 2.5 I diversi tipi di grafici ed il loro ordine di studio In questo paragrafo sono presentati i principali tipi di grafici che si possono utilizzare per descrivere l andamento dei prezzi e per compiere

Dettagli

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA CAPITOLO 2 Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA 2.1.Cosa muove i mercati? Il primo passo operativo da fare nel trading è l analisi del sentiment dei mercati. Con questa espressione faccio riferimento al livello

Dettagli

Dott. Francesco Caruso. www.francescocaruso.ch. Copyright 2010- All Rights Reserved

Dott. Francesco Caruso. www.francescocaruso.ch. Copyright 2010- All Rights Reserved Francesco Caruso Individuazione del trend e dei punti di intervento: utilizzo combinato di RSI, medie e tecniche di stop TOL Expo Milano, 30 Ottobre 2009 Copyright 2010- All Rights Reserved PROGRAMMA DELLA

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

ANALISI TECNICA OPERATIVA

ANALISI TECNICA OPERATIVA CAPITOLO 3 ANALISI TECNICA OPERATIVA 3.1. Introduzione Reputo di importanza fondamentale nel trading i concetti esposti di seguito. Grafici,volume,supporto,resistenza,trend line, sono la base del trading.per

Dettagli

Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Weekly: analisi statica

Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Weekly: analisi statica Dimensione Trading (www.dimensionetrading.com) Eur/Usd: analisi valida per la settimana dal giorno 24/08 al giorno 28/08 Weekly: analisi statica Condizione generale di periodo. Come atteso, il mercato

Dettagli

Introduzione all Analisi Tecnica

Introduzione all Analisi Tecnica Introduzione all Analisi Tecnica Paolo Battocchio e Francesco Rossi 1 Premesse L Analisi Tecnica (AT) è basata essenzialmente su tre premesse: Il mercato sconta tutto i prezzi di borsa incorporano tutti

Dettagli

Molti pensano che l analisi tecnica sia questione di grafici e di numeri. L analisi tecnica studia la psicologia umana e le molle che muovono i

Molti pensano che l analisi tecnica sia questione di grafici e di numeri. L analisi tecnica studia la psicologia umana e le molle che muovono i Analisi tecnica Molti pensano che l analisi tecnica sia questione di grafici e di numeri. L analisi tecnica studia la psicologia umana e le molle che muovono i traders nella loro attività speculativa.

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

WWW.OPERATIVETRADING.IT 1

WWW.OPERATIVETRADING.IT 1 WWW.OPERATIVETRADING.IT 1 WWW.OPERATIVETRADING.IT 2 INTRODUZIONE L obiettivo di questo manuale è quello di fornire i concetti base relativi l analisi grafica. Esso permetterà al lettore di capire cosa

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI TECNICA. L analisi tecnica

INTRODUZIONE ALL ANALISI TECNICA. L analisi tecnica L analisi tecnica L analisi tecnica è la disciplina che studia l andamento del mercato attraverso lo studio dei grafici di avvenimenti passati allo scopo di fare delle previsioni. Il concetto che sta alla

Dettagli

Euro Stoxx 50 (indice)

Euro Stoxx 50 (indice) Euro Stoxx 50 (indice) AGGIORNAMENTO del 13 novembre 2011 Trimestrale Vedi aggiornamenti precedenti Mensile Nel corso della settimana è stato testato il supporto in area 2200 ed il buon rimbalzo ha fatto

Dettagli

Bande di Bollinger. 7 - I prezzi possono letteralmente "camminare sulle bande", sia su quella superiore che su quella inferiore.

Bande di Bollinger. 7 - I prezzi possono letteralmente camminare sulle bande, sia su quella superiore che su quella inferiore. Bande di Bollinger Per prima cosa occorre tenere presente, sia per il loro utilizzo che per capirne i limiti, alcune delle regole più importanti espresse dallo stesso J. Bollinger dopo la creazione delle

Dettagli

Cup&Handle, istruzioni per l uso

Cup&Handle, istruzioni per l uso Cup&Handle, istruzioni per l uso STRATEGIE SULL FTSE-MIB FUTURE (VERS. OPENING E INTRADAY) Il grafico e il commento operativo aprono sia la versione Opening sia quella Intraday della newsletter, visto

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012

Relatore: Pietro Paciello. Email: info@uptrend.it. Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Supertrend Il concetto di supporto e resistenza costituisce uno dei principi più importanti in assoluto per l'analisi tecnica e

Dettagli

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione L obiettivo principale dell analisi tecnica è quello di identificare i titoli mispriced (sottovalutati

Dettagli

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK di Francesco Fabi Trader Professionista e Responsabile di Joe Ross Trading Educators Italia PREMESSA Il Ross Hook è una delle formazioni grafiche che sono

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Probabile fase di consolidamento EUR/USD continua a scendere, ma nel breve

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Metodo Past Regression Deviated Di Robert Hill

Metodo Past Regression Deviated Di Robert Hill Metodo Past Regression Deviated Di Robert Hill Il metodo Past Regression Deviated è una strategia che si sviluppa dal metodo Jaimo, detto anche metodo Hoover, di Robert L. Royce. Quel metodo usava un canale

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Rottura del supporto 1.1236. EUR/USD è sceso al di sotto del supporto 1.1236

Dettagli

OPERATIVITA. 1. Serie di massimi e minimi crescenti TREND RIALZISTA; 2. Serie di minimi e massimi decrescenti TREND RIBASSISTA;

OPERATIVITA. 1. Serie di massimi e minimi crescenti TREND RIALZISTA; 2. Serie di minimi e massimi decrescenti TREND RIBASSISTA; OPERATIVITA Perché i traders perdono? Questa è la domanda che fa vacillare molto spesso il nostro mondo. Dieci anni fa, quando iniziai a muovere i primi passi sui mercati finanziari la mia prima esperienza

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA HIT LIST DI LOMBARDREPORT.COM

GUIDA ALLA LETTURA DELLA HIT LIST DI LOMBARDREPORT.COM Supplemento di LombardReport.com, quotidiano di informazione finanziaria, direttore responsabile Emilio Tomasini, Aut. 1403 15/9/97 Tribunale di Modena LombardReport.com s.r.l. - Via Pascoli 7-41057 Spilamberto-Mo

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Rottura della MA 200 daily EUR/USD ha superato la resistenza 1.1436 (18/06/2015).

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 26 Aprile 2015

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 26 Aprile 2015 Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 26 Aprile 2015 L obiettivo dei report di analisi tecnica non è quello di prevedere i movimenti dei prezzi,ma quello di poter definire una strategia operativa,individuare

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Perché si fanno previsioni?

Perché si fanno previsioni? Perché si fanno previsioni? Si fanno previsioni per pianificare un azione quando c è un lag fra momento della decisione e momento in cui l evento che ci interessa si verifica. ESEMPI decisioni di investimento

Dettagli

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008 Analisi dell oro Dal 1980 al 2008 La fase discendente dei prezzi dell oro iniziata nel 1979 si conclude nell agosto del 1999, dopo 20 anni quando tocca il suo minimo ventennale a quota 252. Dopo un tentativo

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Forte spinta rialzista EUR/USD ha superato la resistenza 1.1534 Durante l'ultimo

Dettagli

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI A cura di Maurizio Milano Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella INDICE: Analisi Fondamentale Analisi Tecnica I tre pilastri dell Analisi Tecnica

Dettagli

A D D. A d v a n c e d D a t a D o w n l o a d. software

A D D. A d v a n c e d D a t a D o w n l o a d. software A D D A d v a n c e d D a t a D o w n l o a d software 1 INFORMAZIONI GENERALI Add è un software creato per la gestione dei dati di borsa dei più importanti mercati del mondo. Scarica gratuitamente tali

Dettagli

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter.

GLOSSARIO. dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. GLOSSARIO dei termini più correntemente utilizzati nelle nostre analisi, e sulle pagine delle nostre newsletter. Accumulazione. La fase che precede quella del rialzo vero e proprio. Caratterizzato dal

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Intraday titoli azionari

Intraday titoli azionari Intraday titoli azionari La strategia illustrata in questo documento ha come base una tecnica abbastanza conosciuta che basa l operatività intraday sui titoli azionari identificando i set-up d entrata

Dettagli

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi COMMENTO GENERALE DEI METALLI NON FERROSI LME ANALISI E TENDENZE ANALISI DEL 13-10-2008 I dati utilizzati sono relativi alla prima seduta del LME di Londra e sono espressi in $/tonn. Dalla crisi finanziaria

Dettagli

Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger. Michele Maggi. Rimini, 1-2 dicembre 2005

Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger. Michele Maggi. Rimini, 1-2 dicembre 2005 Le tecniche di trading basate sulle Bande di Bollinger Michele Maggi Rimini, 1-2 dicembre 2005 Trading con le Bande di Bollinger Capire la logica delle Bande di Bollinger Comprendere il funzionamento degli

Dettagli

SHEEP ONE ANALYSIS. Là dove volano le pecore. 28 Ottobre 2010

SHEEP ONE ANALYSIS. Là dove volano le pecore. 28 Ottobre 2010 SHEEP ONE ANALYSIS Là dove volano le pecore 28 Ottobre 2010 CFO Solutions S.r.l. Sede Operativa: Via A. Diaz, 18 37121 VR Sede Legale: Via Dominutti, 20 37135 VR www.cieffeo.com - info@cieffeo.com Tel

Dettagli

Programma Sapienza Forex Edizione marzo 2015

Programma Sapienza Forex Edizione marzo 2015 Charles Dow Programma Sapienza Forex Edizione marzo 2015 Fondamenti di analisi tecnica L'analista che si ispirò al mare Charles Dow (1851-1902), è stato un giornalista statunitense. Fondatore del Wall

Dettagli

Le basi dell analisi tecnica

Le basi dell analisi tecnica Le basi dell analisi tecnica Grafici e indicatori quantitativi per l analisi dei mercati finanziari Gianluca Defendi gdefendi@class.it Gianluca Defendi gdefendi@class.it Report Cup&Handle Report Easy trading

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

LA LEGGE DEI GRAFICI THE LAW OF CHARTS DI JOE ROSS

LA LEGGE DEI GRAFICI THE LAW OF CHARTS DI JOE ROSS LA LEGGE DEI GRAFICI THE LAW OF CHARTS DI JOE ROSS FORMAZIONI 1-2-3 HIGHS AND LOWS Un tipico 1-2-3 high si forma alla fine di un trend rialzista. Tipicamente, i prezzi faranno un massimo finale (1), procederanno

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

La Casa Del Trader. guadagnare con l heikin ashi con un semplice e proficuo sistema

La Casa Del Trader. guadagnare con l heikin ashi con un semplice e proficuo sistema La Casa Del Trader guadagnare con l heikin ashi con un semplice e proficuo sistema 2012-11-14 14:11:34 MTosoni Uno tra i più famosi ed utilizzati stili di rappresentazione grafica è il candlestick giapponese

Dettagli

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA

Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Gerardo Marciano Pasquale Migliozzi PROIEZIONI DI BORSA Questo report omaggio è un estratto dal libro "La Borsa dal 1897 al 2030 Clicca qui per acquistarlo Introduzione Non potevamo iniziare queste pagine,

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente fee only. Indipendente

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING SUL CROSS EUR-JPY

STRATEGIA DI TRADING SUL CROSS EUR-JPY STRATEGIA DI TRADING SUL CROSS EUR-JPY INFORMAZIONI Strategia basata sul semplice utilizzo di due medie mobili esponenziali che useremo solamente per entrare in direzione del trend. Utilizzeremo due grafici

Dettagli

Euro Stoxx 50 (indice)

Euro Stoxx 50 (indice) Euro Stoxx 50 (indice) AGGIORNAMENTO del 27 novembre 2011 Trimestrale Considerata l elevata escursione settimanale del prezzo diamo uno sguardo ai percorsi trimestrali. 10 8 6 L aspetto è veramente preoccupante,

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Sella Advice Trading

Sella Advice Trading Le pagine che si aprono cliccando su manuale e track record dovrebbero comparire in una nuova pagina del browser; Sella Advice Trading MANUALE Segnali Titoli Italia All interno: 1 Destinatari del servizio...pag

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Fase di consolidamento EUR/USD è in fase di stabilizzazione dopo i recenti

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Venditori ancora forti EUR/USD resta all'interno del canale, con una struttura

Dettagli

Capitolo 4.2. Analisi tecnica: Fibonacci

Capitolo 4.2. Analisi tecnica: Fibonacci 1 Capitolo 4.2 Analisi tecnica: Fibonacci 0 Contenuti ANALISI TECNICA: FIBONACCI L analisi di Fibonacci mira a identificare i potenziali livelli di supporto e di resistenza futuri basati sui trend dei

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report EUR / USD Rialzi in corso. EUR/USD ha superato con forza la resistenza 1.1045 (canale

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it

Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda. Email: info@uptrend.it Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Emerick De Narda Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio 2012 Relatore: Pietro Paciello Moderatore: Giuseppe Di Vittorio Email: info@uptrend.it Rimini, 17 Maggio

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Quick trend strategy

Quick trend strategy Quick trend strategy Questa è una strategia di facile identificazione, facile esecuzione e attuabile con modalità estremamente semplici; in aggiunta la base della metodologia è esclusivamente di carattere

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

ITCharts Advanced. Manuale

ITCharts Advanced. Manuale ITCharts Advanced Manuale Sommario Introduzione...2 Esempi di personalizzazione...2 Strumenti di disegno...11 Modo Cursore (Predefinito)...11 Creare un'allarme...11 Zoom sul grafico...11 Tracciare un segmento

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma. Sfruttare le opportunità limitare le perdite

Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma. Sfruttare le opportunità limitare le perdite Fondi basati sulle tendenze BFI Mantenere la calma Sfruttare le opportunità limitare le perdite Sfruttare le opportunità Puntare sui migliori trend di investimento I mercati finanziari internazionali offrono

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

Analisi e Previsioni 2010

Analisi e Previsioni 2010 Analisi e Previsioni 2010 Scritto da Staff Venerdì 08 Gennaio 2010 12:01 OUTLOOK 2010: HURST ELLIOTT GANN ANALISI E PREVISIONI DELL ANNO ZERO Analisi e previsioni 2010.. In questo report analizziamo i

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

PARTE 3: SUPPORTI E RESISTENZE

PARTE 3: SUPPORTI E RESISTENZE Come creare una strategia di trading di successo. PARTE 3: SUPPORTI E RESISTENZE Questa serie di articoli si occupa del processo multilivello utilizzato per la creazione delle strategie di trading. Nella

Dettagli

L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE

L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE E0 1 WWW.CALMAIL.IT Stefano Calicchio L ANALISI TECNICA NEL TRADING RESA SEMPLICE Come costruire e interpretare i grafici di analisi tecnica per migliorare la

Dettagli

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015 Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015 L obiettivo dei report di analisi tecnica non è quello di prevedere i movimenti dei prezzi,ma quello di poter definire una strategia operativa,individuare

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano

LIVE TRADING. 09/10/2015 Milano LIVE TRADING 09/10/2015 Milano Contatti 2 www.cminvesting.com www.shortandlongtrading.com matteo.maggioni@cminvesting.com alessandro.delorenzo@gmail.com Indice 3 1. Mercati & Trading (Matteo Maggioni)

Dettagli

SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX

SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX SEGNALI GLOBALI SU VALUTE FOREX In questo file so riepilogati : venerdì 5 vembre 2010 PAG. 2 e 3 : SEGNALI DI PREZZO SEMPLICI (senza indicazioni di stop e profit) long - short su base giornaliera, di CICLO

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

zurich open flex i passi giusti per il futuro

zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro Zurich Open Flex è la polizza unit linked pensata da Zurich Investments life per rispondere alle tue domande

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità

TRADINGONLINE EXPO. Milano, 25 e 26 ottobre 2007. Definizione dei take-profit e degli stop-loss. in base base alla volatilità TRADINGONLINE EXPO Milano, 25 e 26 ottobre 2007 Definizione dei take-profit e degli stop-loss in base base alla volatilità Relatore: Maurizio Milano, docente SIAT resp. Analisi tecnica Gruppo Banca Sella

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

TESI OPZIONI BINARIE USD/JPY EUR/USD. Autore: WSPI di Giuseppe Pozzi

TESI OPZIONI BINARIE USD/JPY EUR/USD. Autore: WSPI di Giuseppe Pozzi TESI OPZIONI BINARIE USD/JPY EUR/USD Autore: WSPI di Giuseppe Pozzi Esposizione della tesi sul confronto tra valute USD/JPY e EUR/USD L esposizione di questa tesi è puramente soggettiva, in quanto non

Dettagli