Il nuovo volto del Quirinale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo volto del Quirinale"

Transcript

1 Statua femminile panneggiata rinvenuta nel corso degli scavi del 2004 nei giardini del Quirinale, marmo bianco, II secolo d.c. Introduzione di Louis Godart L attenzione di Carlo Azeglio Ciampi al mondo della cultura è stata una delle costanti del suo settennato. Del resto, da fedele interprete della Costituzione repubblicana, ama citare l art. 9 La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione, per aggiungere che un tale articolo non è presente in altre Costituzioni. Questa attenzione si è rivolta in modo particolare al patrimonio della dotazione presidenziale; grazie al costante incoraggiamento del Presidente, chi ha avuto l onore di dirigere l Ufficio per la Conservazione del Patrimonio Artistico della Presidenza della Repubblica ha potuto intraprendere e portare a termine tutte le indagini che potevano arricchire la conoscenza del Palazzo del Quirinale e della tenuta di Castel Porziano. Il vasto complesso architettonico del Palazzo del Quirinale ha quasi mezzo millennio di vita: è quindi inevitabile che, in seguito a lavori di manutenzione, emergano spesso strutture antiche o tornino alla luce capolavori del passato di cui si erano perse le tracce. È ovviamente nel palazzo stesso che sono state effettuate le indagini e realizzati i restauri più complessi e importanti. Gli scavi nei giardini Nel , gli scavi intrapresi per procedere alla posa d impianti tecnologici nei giardini hanno restituito varie strutture abitative, la cui datazione oscilla tra la fine del I secolo a.c. e la piena età imperiale (III secolo d.c.). Nell estate del 2004 un secondo scavo è stato condotto nel settore dei giardini che si trova tra il palazzo stesso e la cosiddetta Porta giardini. Lo scavo ha restituito un vasto complesso di abitazioni risalenti a un periodo compreso tra il I secolo a.c. e l VIII secolo d.c. A questo complesso è associato uno stabilimento termale di notevoli proporzioni, che non si è potuto indagare. Negli strati inferiori sono state scoperte tre tombe a incinerazione, databili tra la metà del III e l inizio del II secolo a.c. Il ritrovamento di una statua femminile seduta, coperta da un mantello e la testa cinta da un diadema, è stato certamente l evento che ha marcato questa ricerca nei giardini. Uno studio preliminare di questo pregevole reperto ha permesso di ipotizzare che si tratti di una statua di Giunone che, forse, faceva parte di un gruppo scultoreo raffigurante la triade capitolina, la quale vedeva associati Giove, alla sua destra Minerva e alla sua sinistra Giunone. L acqua e la luce I papi scelsero il Colle come luogo di residenza per l amenità dei giardini e delle vigne che ne coprivano buona parte della superficie. Grandi lavori di ingegneria idraulica portarono l acqua nei giardini a partire dal 1592 sotto il pontificato di Clemente VIII Aldobrandini. Grandiose fontane furono costruite di cui l unica superstite è la Fontana dell Organo. Nell Ottocento, l aspetto del giardino subì radicali mutamenti: le siepi di bosso e di alloro, che fino ad allora avevano rigidamente scandito le sue geometrie, furono in parte eliminate e sostituite da vaste porzioni di prato con piante sparse. L intento era quello di conferire all insieme un impressione di maggiore spontaneità e libertà, secondo un indirizzo botanico che ebbe nell appassionato e competente Gregorio XVI Cappellari ( ) un grande sostenitore e un efficace interprete. Dopo aver portato a termine, nel 2002, la complessa operazione d illuminazione della facciata restaurata del palazzo, è stato affrontato, nel 2003, il problema dell illuminazione dei giardini. Così la domenica 1 giugno 2003, in occasione del ricevimento per la Festa della Repubblica, gli ospiti del Capo dello Stato hanno potuto, per la prima volta, ammirare la nuova illuminazione, a conclusione di un ciclo di lavori che consentono ai cittadini d Italia e del mondo di ammirare nella loro pienezza gli splendori del complesso del Quirinale. Oramai, ogni volta che le esigenze protocollari della vita del palazzo lo richiedono, al calare della notte, la luce che si riflette nei rami degli alberi sottolinea la geometria delle siepi e proietta gli alti fusti verso il cielo, dando una vita nuova all antico giardino che tanto aveva affascinato i pontefici di una Roma illuminata dagli ultimi fuochi del Rinascimento. La Fontana dell Organo Il restauro della Fontana dell Organo, unico monumento della fine del Cinquecento rimasto

2 nei giardini, consente ora l organizzazione di concerti. Il restauro della facciata del Palazzo e della Manica Lunga Il complesso del Quirinale è il risultato di una plurisecolare vicenda di costruzioni, aggiunte, modificazioni che hanno attraversato epoche, gusti ed esigenze di funzionalità variate. Nel 1995, in occasione dell inizio dei lavori di restauro del fronte verso il giardino dell ala di Paolo V, l allora responsabile del Servizio per la Conservazione del Patrimonio Artistico, Angiola Maria Romanini, volle impostare le scelte di restauro del colore degli intonaci secondo un criterio storicofilologico. Grazie a una proficua collaborazione con l Istituto Centrale per il Restauro nella persona dell allora direttore Michele Cordaro furono effettuati sondaggi che rivelarono in tratti più o meno estesi il paramento originale di gran parte delle diverse ali che tra il Cinquecento e il Seicento diedero vita al palazzo odierno. Le indagini stratigrafiche condotte dall I.C.R. nel Cortile d Onore confermarono definitivamente come il progetto architettonico originario mirasse alla simulazione di un palazzo scolpito nella pietra, progetto anche ripreso, con tecniche di cantieri differenti, per le altre tre ali del cortile. L eccezionalità del ritrovamento degli intonaci originari indusse la Romanini a impostare non un mero lavoro di tinteggiatura, ma il recupero della configurazione precedente dell architettura, riportando in vista le superfici antiche della facciata del Mascarino e del cornicione dipinto delle tre ali laterali. Il risultato è sotto i nostri occhi: il colore travertino ha restituito alla facciata la sua antica e sobria bellezza. Al termine dei restauri della facciata disegnata da Domenico Fontana alla fine del Cinquecento e dell ala del palazzo edificata da Maderno nel 1613 sulla via del Quirinale, occorreva affrontare il restauro e il ripristino del colore degli edifici della Manica Lunga, realizzati da Urbano VIII e destinati all alloggio delle guardie svizzere intorno al 1638, e completati da Ferdinando Fuga nella prima metà del Settecento. Lo stesso Fuga progettò l ultimo degli edifici della Manica Lunga, la Palazzina destinata al Segretario delle Cifre, che in seguito verrà utilizzata come alloggio prima dai regnanti e poi dai Presidenti della Repubblica. Per gli edifici della Manica Lunga e della palazzina del Fuga abbiamo scelto il colore travertino, in base alle indicazioni e agli insegnamenti emersi in occasione dei lavori della facciata del palazzo. Che questa scelta fosse proprio quella che rispecchiava l intento di Mascarino e dei tre grandi architetti che dopo di lui hanno edificato il palazzo, appare oggi evidente grazie allo spettacolare ritrovamento, nel novembre 2005, nella Sala dei Parati Piemontesi, di un affresco rappresentante il Quirinale e recante la data Sul dipinto appaiono, ambedue di colore bianco travertino, sia la palazzina gregoriana disegnata da Mascarino, sia l ala orientale del palazzo voluta da Paolo V Borghese e realizzata da Flaminio Ponzio. I lavori di restauro dell insieme dei fabbricati sono terminati nel Lo scalone d onore Durante alcuni lavori di restauro dello Scalone d Onore, realizzato da Flaminio Ponzio, sono emerse, in un ambiente situato al termine della rampa settentrionale, parti della decorazione della volta. Su una lunetta è rappresentato, su un fondo giallo oro, un puttino tra due volatili, un airone e un cigno, immersi in un paesaggio esotico, evocato dalle ampie foglie di una pianta tropicale, forse una palma o un banano. La ricerca condotta presso l Archivio storico del Quirinale ha permesso di datare il dipinto al 1879 e di attribuirne la paternità al Brugnoli, un artista che ha trattato lo stesso tema iconografico in un bozzetto conservato nella sede della Galleria Comunale d Arte Moderna di Roma. La Galleria di Alessandro VII I tre saloni (Sala Gialla, Sala di Augusto, Sala degli Ambasciatori) dell ala del palazzo prospiciente la piazza del Quirinale costituivano una grandiosa galleria, edificata intorno al 1588, nel corso dei lavori promossi da papa Sisto V Peretti. Nel 1655 papa Alessandro VII Chigi decise di far decorare le pareti della galleria con un lungo fregio ad affresco e affidò la direzione dell impresa al sessantenne e oramai celebre Pietro da Cortona ( ). Il maestro si occupò della progettazione della decorazione e del reclutamento dei pittori, ma sembra che non sia intervenuto direttamente nell esecuzione degli affreschi. Nel , in occasione di lavori richiesti da Napoleone Particolare della volta della Fontana dell Organo.

3 Annibale Brugnoli e Davide Natali, Scena con putti danzanti e musicanti, peduccio, Scalone d Onore, parete nord. Pagina 15 Galleria di Alessandro VII (tratto costituente la Sala di Augusto) dopo il restauro. e affidati all architetto Raffaele Stern, la galleria, di cui furono murate le finestre che davano sul Cortile d Onore e coperte le pareti con, come scrive Alessandra Ghidoli, uno scialbo incoerente e una carta fodera, fu suddivisa nei tre grandi saloni appena citati. L imperatore intendeva destinare questi ambienti alla famiglia imperiale. Tutti i critici concordavano nel ritenere che in occasione di questi lavori la maggior parte della decorazione realizzata dai collaboratori di Pietro da Cortona fosse stata irrimediabilmente distrutta. Della decorazione secentesca delle pareti restavano solo gli ovali, i riquadri e i due grandi affreschi che ornavano le pareti brevi, firmati rispettivamente da Maratta e Mola, mentre le pitture di raccordo erano state sostituite a metà Ottocento da modesti monocromi. Negli ovali e nei riquadri rettangolari sono raffigurate scene bibliche realizzate da una squadra di pittori diretti da Pietro da Cortona e composta da artisti di cultura e di formazione diverse. Tra essi era preponderante la presenza di discepoli del maestro quali Ciro Ferri, Lazzaro Baldi, Carlo Cesi, oppure stranieri come Dughet e Schor o ancora Borgognone. La descrizione più completa della decorazione a monocromo, che decorava le pareti sotto le storie bibliche, ci viene dal Titi, che in un lavoro del 1686 ne parla diffusamente: Le figure e altri ornamenti di chiaro scuro che tramezzano l Istorie suddette furono condotte dai pennelli del Chiari, da Canini, da Cesi, d Egidio a altri; e li paesi e prospettive con colonne e verdure sono lavori di Giovan Francesco Grimaldi Bolognese e Giovan Paolo Tedesco. G.B. Mola, in un documento del 1663, cita, oltre Grimaldi, Lazzaro Baldi e altri pittori, aggiungendo che tutti lavoravano sotto la direzione di Pietro da Cortona. Norbert Wibiral pubblicò nel 1960 i documenti contabili del pontificato di Alessandro VII relativi alla decorazione della galleria e redatti all indomani della sua realizzazione. Gli elementi di queste due descrizioni corrispondono esattamente a quanto affermato dal Titi nel suo lavoro del È del resto quanto appare da due disegni che furono ritrovati da Sabine Jacob e dallo stesso Wibiral. Il primo è conservato nella Christ Church Library di Oxford (inv. 0973) ed è attribuito a Pietro da Cortona. Il disegno raffigura un segmento della galleria che lascia intravedere due finestre sormontate da un pannello rettangolare retto da due ignudi accovacciati e da un pannello circolare retto da putti e decorato con ghirlande. Questi pannelli si alternano con colonne doriche in mezzo alle quali si possono scorgere, come descrive bene Titi, paesaggi e prospettive con verzure. Il secondo disegno, conservato al Kunstmuseum di Düsseldorf (F. P. 8070), rappresenta uno stadio più avanzato del progetto di decorazione. Vi si può individuare la stessa distribuzione degli elementi decorativi ma i pannelli circolari sono sostituiti con pannelli ovali che sono quelli che si possono ammirare ancora oggi. Nel maggio del 2001, in occasione del previsto rifacimento per messa a norma degli impianti elettrici nella Sala degli Ambasciatori, gli storici dell arte dell Ufficio per la Conservazione del Patrimonio Artistico chiesero di poter far eseguire alcuni saggi per individuare, sotto il vecchio parato, l eventuale presenza della decorazione secentesca. Grande fu l emozione nel constatare che le pitture erano mirabilmente conservate sotto gli strati dell Ottocento e che era possibile riportare alla luce le opere realizzate dai maestri della fine del Seicento. Nel maggio del 2002 abbiamo completato il restauro degli affreschi della parete della Sala degli Ambasciatori prospiciente la piazza del Quirinale. Una volta recuperate le pitture della parete occidentale della Sala degli Ambasciatori, decisi di affrontare il recupero della Sala di Augusto per verificare la presenza di affreschi sopravvissuti alle ingiurie del tempo e degli uomini. I primi sondaggi evidenziarono l ottimo stato di conservazione di affreschi secenteschi sia sulla parete occidentale che su quella orientale della sala. Di fronte alla qualità delle pitture riscoperte, decisi di riaprire le finestre chiuse da Stern per restituire quel segmento della galleria al suo antico splendore. Il risultato finale è sotto gli occhi di tutti: le pitture sono tornate alla luce, eccezionalmente ben conservate; inoltre, riaprendo le finestre che danno sul Cortile d Onore, è stato possibile rinvenire il pavimento del 1656 insieme a due iscrizioni A IVI POM (Alexander VII Pontifex Optimus Maximus), nonché due splendide persiane con lo stemma di Clemente XIII Rezzonico ( ).

4 Pagina 17 Pittore ignoto, Cartouche con la Fontana dell Acqua Paola, affresco, Salone dei Corazzieri, particolare della parete sud. Oggi la luce che penetra dalle grandi finestre che danno sia sul Cortile d Onore, sia sulla piazza, illumina le pitture del salone e permette di capire quanto l aspetto della luminosità, cancellato dagli interventi eseguiti nel periodo napoleonico, fosse in realtà essenziale alla fine del Seicento. Lo studio degli affreschi recuperati non è ancora iniziato. Occorrerà verificare le affermazioni di Titi e Mola e tentare di attribuire ad ognuno dei vari artisti citati da questi due autori, vale a dire a Fabrizio Chiari, Giovanni Angelo Canini, Carlo Cesi, Egidio Schor per i monocromi, Giovan Francesco Grimaldi Bolognese, Giovan Paolo Schor e Lazzaro Baldi per le colonne e i paesaggi di verzure, i capolavori tornati alla luce. La Sala Regia o Salone dei Corazzieri Nei primi anni del Seicento, papa Paolo V Borghese diede all architetto Carlo Maderno l incarico di ristrutturare l ala sud del palazzo. Nell ambito di questi lavori che prevedevano la costruzione della Cappella Paolina e degli appartamenti papali, fu realizzata la Sala Regia, oggi conosciuta come Salone dei Corazzieri. La Sala Regia era destinata principalmente agli incontri ufficiali del pontefice con le delegazioni diplomatiche straniere in visita alla Santa Sede. Dopo l austera parentesi della Controriforma, il papato capiva di essere riuscito ad arginare il Protestantesimo. La vittoria in Francia del partito cattolico, in Europa centrale la recessione della Chiesa riformista, il Giubileo trionfale del 1600, l apertura di relazioni con il Giappone dimostravano che la crisi provocata dalla Riforma era oramai superata. La decorazione della Sala Regia celebra quindi l universalità della Chiesa guidata da Paolo V. Il soffitto in legno intagliato e dorato su campo azzurro è decorato con rosoni, aquile e draghi, animali araldici dei Borghese; alle estremità si possono ammirare due stemmi di Paolo V. Oggi, al centro della grande sala (468 metri quadrati), lo stemma sabaudo sostituisce un pezzo della decorazione originaria che raffigurava lo Spirito Santo. Il pavimento in marmi antichi riproduce il disegno geometrico del soffitto. Oltre all inserimento del grande stemma sabaudo, alla fine dell Ottocento fu dipinto, al di sotto degli affreschi secenteschi, un fregio con gli stemmi delle città dello Stato Unitario. Nel 1615 Lanfranco e Tassi, contattati dal papa per affrescare le pareti, avevano pensato di dipingere integralmente i muri. Il progetto, troppo costoso, fu abbandonato per una soluzione più semplice. Gli affreschi avrebbero coperto la sola parte superiore dei muri, mentre la parte inferiore sarebbe stata decorata con una tappezzeria in pelle, di colore turchese, decorata con motivi in oro e argento. Il grande fregio dipinto nella parte superiore della sala è stato eseguito tra il 1616 e il 1617 sotto la direzione dei maestri Agostino Tassi ( ), Giovanni Lanfranco ( ) e Carlo Saraceni ( ) con l aiuto di alcuni collaboratori. Il lavoro è sublime: raffigurando i ritratti degli ambasciatori stranieri venuti dal Giappone, dalla Persia, dall Africa per rendere omaggio a Paolo V, i pittori sono riusciti a celebrare l universalità della religione romana, sottolineando che l azione missionaria della Chiesa si estendeva oramai ai confini del mondo. Il fregio dorico che sembra sostenere questo mirabile apparato iconografico e in alcuni punti oblitera parte dei dipinti, è assai freddo e monotono paragonato alle pitture di Tassi, Lanfranco e Saraceni e non corrisponde certo a quelle che furono le intenzioni dei maestri del Seicento che avevano, lo sappiamo, progettato un fregio più piccolo ma molto più vivace. Perché è scomparso il fregio del Seicento? Sappiamo che al momento dell occupazione napoleonica del Quirinale, l architetto Raffaele Stern si preoccupò della decorazione della Sala Regia che fu ribattezzata Salone dei Marescialli. Eliminò la tappezzeria oramai logora, le iscrizioni pontificie che ornavano gli architravi dei portali, fece restaurare gli affreschi di Lanfranco, Saraceni e Tassi e modificò il fregio disegnato nel Seicento, sostituendolo con un cornicione a tempera più alto e inserendo nella decorazione nuova simboli militari ed emblemi imperiali. Nel 1814, dopo la disfatta di Napoleone, Pio VII riprese possesso del Quirinale e si adoperò immediatamente per cancellare gli emblemi imperiali voluti dai Francesi. Il fregio commissionato solo due anni prima fu modificato in modo da coprire con una superficie a finto marmo i simboli degli odiati invasori raffigurati nelle metope. Nel 1980, un restauratore che lavorava nel Salone dei Corazzieri, Arnolfo Crucianelli, ebbe la felice intuizione di fare un piccolo

5 Pagina 19 Campetto con la veduta del Palazzo del Quirinale, affresco, Sala dei Parati Piemontesi, particolare della parete ovest. sondaggio sotto il fregio dorico, nell angolo destro della parete sud del salone, vicino al monocromo raffigurante la Cappella Paolina di Santa Maria Maggiore. Riportò alla luce una delle metope secentesche a sfondo dorato nella quale erano disegnati due scudi incrociati. Altri sondaggi effettuati nel 1997 hanno permesso di stabilire che in altri tre punti, sotto l ingombrante cornicione ottocentesco, l originale fregio del Seicento era sopravvissuto alle offese degli uomini. Per questo motivo, durante l estate del 2004, il Presidente Ciampi e il Segretario Generale Gifuni m incoraggiarono ad avviare una campagna sistematica di sondaggi lungo l intero perimetro del Salone dei Corazzieri. I risultati furono eloquenti: ovunque il fregio del Seicento era mirabilmente conservato e in alcuni punti apparivano anche, sotto il fregio dorico dell Ottocento, tracce della decorazione napoleonica. Nell autunno del 2005, a cura della Soprintendenza, sono iniziati i lavori di ripristino del fregio secentesco di Tassi, Saraceni e Lanfranco. Alla fine di marzo 2006 il maestoso fregio dei grandi maestri che hanno dipinto le ambascerie straniere venute a rendere omaggio al papa è tornato alla luce e la Sala Regia voluta da Paolo V all inizio del suo pontificato ha ritrovato il suo aspetto di quattrocento anni orsono, quando la Città Eterna riscopriva l amore per la vita che aveva ispirato e fatto sognare l Italia del Rinascimento. La Sala dei Parati Piemontesi Nel mese di maggio 2005, un evento del tutto casuale, l improvviso distacco di un brano d intonaco della volta realizzata da Rodolfo Morgari nel 1888, è all origine della magnifica scoperta di un fregio secentesco nella zona superiore delle pareti. Dal rapporto redatto da Raffaele Stern nel settembre del 1811 per la sistemazione del palazzo su ordine di Napoleone, si rivela che nella sala, inclusa nell appartamento di rappresentanza e adibita ad ambiente di passaggio, è menzionato un preesistente fregio dipinto a fresco e un cornicione in stucco, mentre volta e pareti sono definite prive di ornamenti. Peraltro, come già ricordato da Giuliano Briganti nel 1962, un documento del 1609 ricorda due fregi ad affresco, il primo con le fabbriche, putti e figure allegoriche, il secondo con le Istorie di Abramo. Dovendo procedere al restauro del soffitto ottocentesco, abbiamo allestito un ponteggio e deciso di staccare i parati per effettuare una serie di saggi nella speranza di trovare tracce dei dipinti del Seicento. I risultati delle nostre ricerche hanno oltrepassato ogni nostra aspettativa. Sono tornati alla luce sulle quattro pareti della sala gli affreschi che illustrano alcune delle grandi realizzazioni architettoniche, le cosiddette fabbriche, promosse da Paolo V Borghese durante il suo pontificato, di cui tratta appunto il documento del 1609 citato da Briganti. Tra le fabbriche compaiono due progetti particolarmente cari al papa: l ampliamento della basilica di San Pietro e la costruzione della sua cappella funeraria nella basilica di Santa Maria Maggiore. L affresco della parete nord con il primo quadro mostra una veduta a volo d uccello della Fortezza di Ferrara che documenta la trasformazione del sistema difensivo realizzata dal pontefice per garantire la sicurezza della popolazione. Nella parete est appare la basilica di San Pietro che il papa, appena eletto al pontificato, decise di completare. Le straordinarie immagini che mostrano sulla parete sud tre differenti visuali della basilica di Santa Maria Maggiore, offrono a restauro compiuto, insieme alla rappresentazione di San Pietro, numerosi spunti di riflessione. Completa il ciclo, sulla parete ovest, l ultimo rinvenimento: una veduta del tutto inedita del palazzo del Quirinale color travertino mentre al centro sono rappresentati i Granai pontifici costruiti da Gregorio XIII e ampliati da Paolo V inglobando l Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano. La veduta include il Palazzo alle Terme di Sisto V e la Porta Quirinalis. Si tratta di uno scorcio della Roma Cinque e Secentesca in gran parte scomparsa quando fu costruita la ferrovia nell Ottocento. Altri ambienti del palazzo, quali gli Appartamenti Imperiali e il Torrino, sono stati restaurati e il riordino dei loro arredi è stato portato a termine; la musealizzazione delle collezioni di porcellane e argenti è stata completata nelle tre grandiose sale prospicienti il Cortile d Onore che costituiscono oggi la Vasella; il pubblico può finalmente ammirare nel Fabbricato Cipolla e nella ex- Falegnameria di Castel Porziano le più prestigiose delle 104 carrozze che facevano parte delle collezioni sabaude; nello stesso Fabbricato Cipolla sono stati restaurati gli ambienti destinati ad accogliere i finimenti e le livree; tra il 1999 e il

6 La seconda sala della Vasella vecchia del Quirinale, dopo il restauro. In evidenza la vetrina delle porcellane di Sèvres con il Servizio verde del ca. 2006, 79 arazzi, decine di tappezzerie ad arazzo e 24 tappeti di pregio sono stati restaurati dal Centro Manutenzione e Restauro Arazzi; a Castel Porziano il grande mosaico rinvenuto nell antico vicus Augustanus è stato collocato nell ambito dei giardini e gli stessi fabbricati del Castello, dalla facciata monumentale del palazzo a quella della chiesa parrocchiale, alla torre con l orologio sono stati restaurati. Infine un grande plastico che riproduce l intero complesso del Quirinale è stato collocato in un ambiente del Cortile d Onore, presso l ingresso principale che originariamente costituiva l androne di accesso al palazzo da via del Quirinale. Questi lavori hanno modificato profondamente il volto del Quirinale, evidenziandone la storia secolare e rendendone l approccio più accessibile ai cittadini d Italia e del mondo. Il Presidente Ciampi si è impegnato per avvicinare la sede della Presidenza della Repubblica agli Italiani, augurando che tutti considerino il Quirinale come loro casa ; ha incoraggiato la realizzazione di pubblicazioni in grado di consentire una sempre più capillare diffusione dell attività culturale legata al Colle ; ha voluto che ognuno fosse orgoglioso della maestosa e lineare bellezza di un monumento testimone di tanti avvenimenti della storia della Cristianità e dell Occidente. Questi vari e ambiziosi obiettivi sono stati raggiunti; oggi più che mai il popolo italiano vede nel palazzo che domina il più alto dei sette colli di Roma lo scrigno che racchiude i tesori di una storia millenaria e il simbolo eretto a difesa dei nostri principi repubblicani e democratici.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Stampa di Giuseppe Vasi a cura di Chiara Loasses Il presente documento fa parte dei materiali distribuiti durante il LAB-Forum dell Unità Operativa ISFOL FLAI-lab,

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

SABATO 5 FEBBRAIO 2011

SABATO 5 FEBBRAIO 2011 ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHIMEDE Via Clitunno, 28 00198 Roma Tel. 068418271 Fax 068552660 http://www.archimedecultura.it e-mail: archimede.ac@mclink.it Ordine degli Ingegneri di Roma Via Emanuele Orlando

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Basilica di San Pietro

Basilica di San Pietro INDICE 1. Basilica di San Pietro 2. Roma del Caravaggio 3. MAXXI Museo 4. Castel Romano Designer Outlet 5. Roma sotterranea 6. Roma Imperiale 7. Musei Vaticani& Cappella Sistina 8. Ostia Antica 9. Palazzo

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO

LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO La Fondazione Cosso è una realtà privata nata a Pinerolo nel 2008 con l obiettivo di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso mostre, concerti, momenti

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p.

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p. Porta pia Porta pia Borgo vaticano Porta del Popolo Porta Pia Negli stessi anni in cui il cardinale Peretti inizia i lavori della sua villa, Gregorio XIII interviene nelle vicine Terme di Diocleziano trasformandole

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

CORTILE D ONORE Il Cortile d Onore del Palazzo del Quirinale si presenta come una grande piazza porticata dall assetto armonico e omogeneo, ma in

CORTILE D ONORE Il Cortile d Onore del Palazzo del Quirinale si presenta come una grande piazza porticata dall assetto armonico e omogeneo, ma in CORTILE D ONORE Il Cortile d Onore del Palazzo del Quirinale si presenta come una grande piazza porticata dall assetto armonico e omogeneo, ma in realtà è frutto di quattro distinte fasi di costruzione

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA NEL 1933, durante i lavori per la costruzione della Caserma dei Vigili del Fuoco di via Genova, furono scoperti una serie di reperti, risalenti all epoca romana e attribuibili

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

Informazioni per la stampa. Castello di Schönbrunn. Castello. Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon. Gloriette. Giardino del principe ereditario

Informazioni per la stampa. Castello di Schönbrunn. Castello. Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon. Gloriette. Giardino del principe ereditario Informazioni per la stampa Castello di Schönbrunn Castello Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon Gloriette Giardino del principe ereditario Museo per i bambini Vivere Schönbrunn Centro convegni Castello di

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017 COMUNE DI BRESCIA AREA SERVIZI TECNICI SETTORE EDIFICI PUBBLICI E MONUMENTALI AREA CULTURA, CREATIVITÀ E INNOVAZIONE SETTORE MUSEI SERVIZIO EDILIZIA MONUMENTALE Assessore Valter Muchetti responsabile area

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni La fortezza di confine Altfinstermünz si trova in una gola del fiume Inn, sotto la strada di Resia, presso la localitá di Hochfinstermünz. In questo

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c.

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c. GRANDE PALAZZO Palatium Magnum Il Grande o Sacro Palazzo fu impiantato dall imperatore Costantino (324-337). Come modello fu assunto il Palazzo di Diocleziano a Spalato. Si estendeva per 100.000 mq fra

Dettagli

La decorazione della Basilica di Santa Maria Maggiore a Trento (1901-1902)

La decorazione della Basilica di Santa Maria Maggiore a Trento (1901-1902) La decorazione della Basilica di Santa Maria Maggiore a Trento (1901-1902) Scheda n. 2 Santa Maria Maggiore, L interno verso il presbiterio e verso la controfacciata Oggetto Ciclo pittorico Soggetto Nella

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016 ESCLUSIVA AGOAL Speciale AGOAL *415 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE 3-6 Aprile 2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE Che tu non possa vedere nulla più grande

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica Vincolo n. 207 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 207 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

CITTÀ VESUVIANE. Il suburbio e l'agro di Pompei Ercolano - Oplontis - Stabiae

CITTÀ VESUVIANE. Il suburbio e l'agro di Pompei Ercolano - Oplontis - Stabiae CITTÀ VESUVIANE antichità e fortuna Il suburbio e l'agro di Pompei Ercolano - Oplontis - Stabiae Il suburbio e l agro di Pompei, Ercolano, Oplontis e Stabiae Nel 1997 l UNESCO dichiara Pompei, Ercolano

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

Appartamenti in rue Kafka, Parigi

Appartamenti in rue Kafka, Parigi Progetti Elisabetta Pieri olivier brenac & xavier gonzalez Appartamenti in rue Kafka, Parigi cio secondo due diverse direttrici: ai primi tre livelli, i volumi si distendono in orizzontale a definire un

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA SCHEDA DESCRITTIVA OPERE CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI Marmi dai colori brillanti impreziosiscono gli intarsi geometrici e i motivi a dischi e fasce intrecciate dei mosaici della Cattedrale

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI / OFFICIAL RESERVATIONS AGENCY: APAHOTELS SRL : Mrs Antonella Altomani Mrs Paolini Daniela Tel.: +39_(0)721_67959 Fax +39_(0)721_65135 - E-mail: info@apahotel.it web-site:

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

Minetti Immobiliare Piazza della Vittoria 4/12 Genova Tel. +39 0105705478 www.minettimmobiliare.com info@minettimmobiliare.com

Minetti Immobiliare Piazza della Vittoria 4/12 Genova Tel. +39 0105705478 www.minettimmobiliare.com info@minettimmobiliare.com BUSSANA Bussana, frazione di San Remo, è un paesino lungo la riviera ligure dei fiori costruito su un colle che cresce direttamente dal mare! La Bussana di oggi viene anche chiamata "Bussana Nuova"...

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PROSSIMI APPUNTAMENTI

PROSSIMI APPUNTAMENTI PROSSIMI APPUNTAMENTI Aperte le prenotazioni per la mostra RENOIR dalle Collezioni del Musée d'orsay e dell'orangerie!! AFFRETTATEVI A PRENOTARE I POSTI DISPONIBILI! Una grande mostra a Torino: Pierre-Auguste

Dettagli

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA CAPOLAVORI TRA CAPOLAVORI Capolavori della grafica di Leonardo 1. Studi per viti idrauliche e ruote mosse dall acqua, con altri disegni di congegni circa 1480-1482, penna

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana Nel lontano 1200, un re della dinastia etiope Zaguè, di nome Lalibela, decise di costruire nella sua città una copia dei monumenti esistenti a Gerusalemme. Ci mise tutto il suo impegno e la sua fede disponendoli

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Capodimonte: primo museo di Napoli

Capodimonte: primo museo di Napoli Capodimonte: primo museo di Napoli Un breve viaggio nel tempo a riscoprire ed a conoscere le origini del primo Museo di Napoli, centro di ricerche per la storia dell arte in città e nel Mezzogiorno, tra

Dettagli

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI

121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI Asta 121 DALLA DIMORA ROMANA DI GOFFREDO ED ENRICA MANFREDI 14 maggio 2013 ore 15.00 21.00 15 maggio 2013 ore 11.00 Genova, Palazzo del Melograno Piazza Campetto, 2 La collezione dei Conti Goffredo ed

Dettagli

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito.

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito. Sommario Introduzione... 2 Capitolo I... Errore. Il segnalibro non è La storia del monastero... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Le origini... Errore. Il segnalibro non è 1.2 I primi documenti in cui è

Dettagli

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni I MUSEI MUSEI CAPITOLINI I Musei Capitolini: un percorso guidato d insieme alle opere del Palazzo dei Conservatori, del Palazzo Nuovo e della Galleria Lapidaria Impariamo a ri-conoscere Dei, eroi e figure

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII

Cenni storici. PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI Nichelino (To) sec. XVIII Eseguito dall impresa Arte Restauro Conservazione di Arlotto Cristina Maria e C. S.a.s. Lavori di restauro in OS. Cenni storici Soprintendenza

Dettagli

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi www.filcasaimmobili.it cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Tel. 02/89093172 Disponibilità e prezzi 1) APPARTAMENTO 1.5 1 piano Piano 1 e ammezzato Ammezzato Magnifico appartamento con alti soffitti riccamente

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

Intonaco storico per un restauro conservativo

Intonaco storico per un restauro conservativo Ristrutturazioni d epoca di Laura Verdi Intonaco storico per un restauro conservativo Un intervento rispettoso di un edificio di pregio, eseguito con materiali naturali in abbinamento alla più moderna

Dettagli