Il nuovo volto del Quirinale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo volto del Quirinale"

Transcript

1 Statua femminile panneggiata rinvenuta nel corso degli scavi del 2004 nei giardini del Quirinale, marmo bianco, II secolo d.c. Introduzione di Louis Godart L attenzione di Carlo Azeglio Ciampi al mondo della cultura è stata una delle costanti del suo settennato. Del resto, da fedele interprete della Costituzione repubblicana, ama citare l art. 9 La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione, per aggiungere che un tale articolo non è presente in altre Costituzioni. Questa attenzione si è rivolta in modo particolare al patrimonio della dotazione presidenziale; grazie al costante incoraggiamento del Presidente, chi ha avuto l onore di dirigere l Ufficio per la Conservazione del Patrimonio Artistico della Presidenza della Repubblica ha potuto intraprendere e portare a termine tutte le indagini che potevano arricchire la conoscenza del Palazzo del Quirinale e della tenuta di Castel Porziano. Il vasto complesso architettonico del Palazzo del Quirinale ha quasi mezzo millennio di vita: è quindi inevitabile che, in seguito a lavori di manutenzione, emergano spesso strutture antiche o tornino alla luce capolavori del passato di cui si erano perse le tracce. È ovviamente nel palazzo stesso che sono state effettuate le indagini e realizzati i restauri più complessi e importanti. Gli scavi nei giardini Nel , gli scavi intrapresi per procedere alla posa d impianti tecnologici nei giardini hanno restituito varie strutture abitative, la cui datazione oscilla tra la fine del I secolo a.c. e la piena età imperiale (III secolo d.c.). Nell estate del 2004 un secondo scavo è stato condotto nel settore dei giardini che si trova tra il palazzo stesso e la cosiddetta Porta giardini. Lo scavo ha restituito un vasto complesso di abitazioni risalenti a un periodo compreso tra il I secolo a.c. e l VIII secolo d.c. A questo complesso è associato uno stabilimento termale di notevoli proporzioni, che non si è potuto indagare. Negli strati inferiori sono state scoperte tre tombe a incinerazione, databili tra la metà del III e l inizio del II secolo a.c. Il ritrovamento di una statua femminile seduta, coperta da un mantello e la testa cinta da un diadema, è stato certamente l evento che ha marcato questa ricerca nei giardini. Uno studio preliminare di questo pregevole reperto ha permesso di ipotizzare che si tratti di una statua di Giunone che, forse, faceva parte di un gruppo scultoreo raffigurante la triade capitolina, la quale vedeva associati Giove, alla sua destra Minerva e alla sua sinistra Giunone. L acqua e la luce I papi scelsero il Colle come luogo di residenza per l amenità dei giardini e delle vigne che ne coprivano buona parte della superficie. Grandi lavori di ingegneria idraulica portarono l acqua nei giardini a partire dal 1592 sotto il pontificato di Clemente VIII Aldobrandini. Grandiose fontane furono costruite di cui l unica superstite è la Fontana dell Organo. Nell Ottocento, l aspetto del giardino subì radicali mutamenti: le siepi di bosso e di alloro, che fino ad allora avevano rigidamente scandito le sue geometrie, furono in parte eliminate e sostituite da vaste porzioni di prato con piante sparse. L intento era quello di conferire all insieme un impressione di maggiore spontaneità e libertà, secondo un indirizzo botanico che ebbe nell appassionato e competente Gregorio XVI Cappellari ( ) un grande sostenitore e un efficace interprete. Dopo aver portato a termine, nel 2002, la complessa operazione d illuminazione della facciata restaurata del palazzo, è stato affrontato, nel 2003, il problema dell illuminazione dei giardini. Così la domenica 1 giugno 2003, in occasione del ricevimento per la Festa della Repubblica, gli ospiti del Capo dello Stato hanno potuto, per la prima volta, ammirare la nuova illuminazione, a conclusione di un ciclo di lavori che consentono ai cittadini d Italia e del mondo di ammirare nella loro pienezza gli splendori del complesso del Quirinale. Oramai, ogni volta che le esigenze protocollari della vita del palazzo lo richiedono, al calare della notte, la luce che si riflette nei rami degli alberi sottolinea la geometria delle siepi e proietta gli alti fusti verso il cielo, dando una vita nuova all antico giardino che tanto aveva affascinato i pontefici di una Roma illuminata dagli ultimi fuochi del Rinascimento. La Fontana dell Organo Il restauro della Fontana dell Organo, unico monumento della fine del Cinquecento rimasto

2 nei giardini, consente ora l organizzazione di concerti. Il restauro della facciata del Palazzo e della Manica Lunga Il complesso del Quirinale è il risultato di una plurisecolare vicenda di costruzioni, aggiunte, modificazioni che hanno attraversato epoche, gusti ed esigenze di funzionalità variate. Nel 1995, in occasione dell inizio dei lavori di restauro del fronte verso il giardino dell ala di Paolo V, l allora responsabile del Servizio per la Conservazione del Patrimonio Artistico, Angiola Maria Romanini, volle impostare le scelte di restauro del colore degli intonaci secondo un criterio storicofilologico. Grazie a una proficua collaborazione con l Istituto Centrale per il Restauro nella persona dell allora direttore Michele Cordaro furono effettuati sondaggi che rivelarono in tratti più o meno estesi il paramento originale di gran parte delle diverse ali che tra il Cinquecento e il Seicento diedero vita al palazzo odierno. Le indagini stratigrafiche condotte dall I.C.R. nel Cortile d Onore confermarono definitivamente come il progetto architettonico originario mirasse alla simulazione di un palazzo scolpito nella pietra, progetto anche ripreso, con tecniche di cantieri differenti, per le altre tre ali del cortile. L eccezionalità del ritrovamento degli intonaci originari indusse la Romanini a impostare non un mero lavoro di tinteggiatura, ma il recupero della configurazione precedente dell architettura, riportando in vista le superfici antiche della facciata del Mascarino e del cornicione dipinto delle tre ali laterali. Il risultato è sotto i nostri occhi: il colore travertino ha restituito alla facciata la sua antica e sobria bellezza. Al termine dei restauri della facciata disegnata da Domenico Fontana alla fine del Cinquecento e dell ala del palazzo edificata da Maderno nel 1613 sulla via del Quirinale, occorreva affrontare il restauro e il ripristino del colore degli edifici della Manica Lunga, realizzati da Urbano VIII e destinati all alloggio delle guardie svizzere intorno al 1638, e completati da Ferdinando Fuga nella prima metà del Settecento. Lo stesso Fuga progettò l ultimo degli edifici della Manica Lunga, la Palazzina destinata al Segretario delle Cifre, che in seguito verrà utilizzata come alloggio prima dai regnanti e poi dai Presidenti della Repubblica. Per gli edifici della Manica Lunga e della palazzina del Fuga abbiamo scelto il colore travertino, in base alle indicazioni e agli insegnamenti emersi in occasione dei lavori della facciata del palazzo. Che questa scelta fosse proprio quella che rispecchiava l intento di Mascarino e dei tre grandi architetti che dopo di lui hanno edificato il palazzo, appare oggi evidente grazie allo spettacolare ritrovamento, nel novembre 2005, nella Sala dei Parati Piemontesi, di un affresco rappresentante il Quirinale e recante la data Sul dipinto appaiono, ambedue di colore bianco travertino, sia la palazzina gregoriana disegnata da Mascarino, sia l ala orientale del palazzo voluta da Paolo V Borghese e realizzata da Flaminio Ponzio. I lavori di restauro dell insieme dei fabbricati sono terminati nel Lo scalone d onore Durante alcuni lavori di restauro dello Scalone d Onore, realizzato da Flaminio Ponzio, sono emerse, in un ambiente situato al termine della rampa settentrionale, parti della decorazione della volta. Su una lunetta è rappresentato, su un fondo giallo oro, un puttino tra due volatili, un airone e un cigno, immersi in un paesaggio esotico, evocato dalle ampie foglie di una pianta tropicale, forse una palma o un banano. La ricerca condotta presso l Archivio storico del Quirinale ha permesso di datare il dipinto al 1879 e di attribuirne la paternità al Brugnoli, un artista che ha trattato lo stesso tema iconografico in un bozzetto conservato nella sede della Galleria Comunale d Arte Moderna di Roma. La Galleria di Alessandro VII I tre saloni (Sala Gialla, Sala di Augusto, Sala degli Ambasciatori) dell ala del palazzo prospiciente la piazza del Quirinale costituivano una grandiosa galleria, edificata intorno al 1588, nel corso dei lavori promossi da papa Sisto V Peretti. Nel 1655 papa Alessandro VII Chigi decise di far decorare le pareti della galleria con un lungo fregio ad affresco e affidò la direzione dell impresa al sessantenne e oramai celebre Pietro da Cortona ( ). Il maestro si occupò della progettazione della decorazione e del reclutamento dei pittori, ma sembra che non sia intervenuto direttamente nell esecuzione degli affreschi. Nel , in occasione di lavori richiesti da Napoleone Particolare della volta della Fontana dell Organo.

3 Annibale Brugnoli e Davide Natali, Scena con putti danzanti e musicanti, peduccio, Scalone d Onore, parete nord. Pagina 15 Galleria di Alessandro VII (tratto costituente la Sala di Augusto) dopo il restauro. e affidati all architetto Raffaele Stern, la galleria, di cui furono murate le finestre che davano sul Cortile d Onore e coperte le pareti con, come scrive Alessandra Ghidoli, uno scialbo incoerente e una carta fodera, fu suddivisa nei tre grandi saloni appena citati. L imperatore intendeva destinare questi ambienti alla famiglia imperiale. Tutti i critici concordavano nel ritenere che in occasione di questi lavori la maggior parte della decorazione realizzata dai collaboratori di Pietro da Cortona fosse stata irrimediabilmente distrutta. Della decorazione secentesca delle pareti restavano solo gli ovali, i riquadri e i due grandi affreschi che ornavano le pareti brevi, firmati rispettivamente da Maratta e Mola, mentre le pitture di raccordo erano state sostituite a metà Ottocento da modesti monocromi. Negli ovali e nei riquadri rettangolari sono raffigurate scene bibliche realizzate da una squadra di pittori diretti da Pietro da Cortona e composta da artisti di cultura e di formazione diverse. Tra essi era preponderante la presenza di discepoli del maestro quali Ciro Ferri, Lazzaro Baldi, Carlo Cesi, oppure stranieri come Dughet e Schor o ancora Borgognone. La descrizione più completa della decorazione a monocromo, che decorava le pareti sotto le storie bibliche, ci viene dal Titi, che in un lavoro del 1686 ne parla diffusamente: Le figure e altri ornamenti di chiaro scuro che tramezzano l Istorie suddette furono condotte dai pennelli del Chiari, da Canini, da Cesi, d Egidio a altri; e li paesi e prospettive con colonne e verdure sono lavori di Giovan Francesco Grimaldi Bolognese e Giovan Paolo Tedesco. G.B. Mola, in un documento del 1663, cita, oltre Grimaldi, Lazzaro Baldi e altri pittori, aggiungendo che tutti lavoravano sotto la direzione di Pietro da Cortona. Norbert Wibiral pubblicò nel 1960 i documenti contabili del pontificato di Alessandro VII relativi alla decorazione della galleria e redatti all indomani della sua realizzazione. Gli elementi di queste due descrizioni corrispondono esattamente a quanto affermato dal Titi nel suo lavoro del È del resto quanto appare da due disegni che furono ritrovati da Sabine Jacob e dallo stesso Wibiral. Il primo è conservato nella Christ Church Library di Oxford (inv. 0973) ed è attribuito a Pietro da Cortona. Il disegno raffigura un segmento della galleria che lascia intravedere due finestre sormontate da un pannello rettangolare retto da due ignudi accovacciati e da un pannello circolare retto da putti e decorato con ghirlande. Questi pannelli si alternano con colonne doriche in mezzo alle quali si possono scorgere, come descrive bene Titi, paesaggi e prospettive con verzure. Il secondo disegno, conservato al Kunstmuseum di Düsseldorf (F. P. 8070), rappresenta uno stadio più avanzato del progetto di decorazione. Vi si può individuare la stessa distribuzione degli elementi decorativi ma i pannelli circolari sono sostituiti con pannelli ovali che sono quelli che si possono ammirare ancora oggi. Nel maggio del 2001, in occasione del previsto rifacimento per messa a norma degli impianti elettrici nella Sala degli Ambasciatori, gli storici dell arte dell Ufficio per la Conservazione del Patrimonio Artistico chiesero di poter far eseguire alcuni saggi per individuare, sotto il vecchio parato, l eventuale presenza della decorazione secentesca. Grande fu l emozione nel constatare che le pitture erano mirabilmente conservate sotto gli strati dell Ottocento e che era possibile riportare alla luce le opere realizzate dai maestri della fine del Seicento. Nel maggio del 2002 abbiamo completato il restauro degli affreschi della parete della Sala degli Ambasciatori prospiciente la piazza del Quirinale. Una volta recuperate le pitture della parete occidentale della Sala degli Ambasciatori, decisi di affrontare il recupero della Sala di Augusto per verificare la presenza di affreschi sopravvissuti alle ingiurie del tempo e degli uomini. I primi sondaggi evidenziarono l ottimo stato di conservazione di affreschi secenteschi sia sulla parete occidentale che su quella orientale della sala. Di fronte alla qualità delle pitture riscoperte, decisi di riaprire le finestre chiuse da Stern per restituire quel segmento della galleria al suo antico splendore. Il risultato finale è sotto gli occhi di tutti: le pitture sono tornate alla luce, eccezionalmente ben conservate; inoltre, riaprendo le finestre che danno sul Cortile d Onore, è stato possibile rinvenire il pavimento del 1656 insieme a due iscrizioni A IVI POM (Alexander VII Pontifex Optimus Maximus), nonché due splendide persiane con lo stemma di Clemente XIII Rezzonico ( ).

4 Pagina 17 Pittore ignoto, Cartouche con la Fontana dell Acqua Paola, affresco, Salone dei Corazzieri, particolare della parete sud. Oggi la luce che penetra dalle grandi finestre che danno sia sul Cortile d Onore, sia sulla piazza, illumina le pitture del salone e permette di capire quanto l aspetto della luminosità, cancellato dagli interventi eseguiti nel periodo napoleonico, fosse in realtà essenziale alla fine del Seicento. Lo studio degli affreschi recuperati non è ancora iniziato. Occorrerà verificare le affermazioni di Titi e Mola e tentare di attribuire ad ognuno dei vari artisti citati da questi due autori, vale a dire a Fabrizio Chiari, Giovanni Angelo Canini, Carlo Cesi, Egidio Schor per i monocromi, Giovan Francesco Grimaldi Bolognese, Giovan Paolo Schor e Lazzaro Baldi per le colonne e i paesaggi di verzure, i capolavori tornati alla luce. La Sala Regia o Salone dei Corazzieri Nei primi anni del Seicento, papa Paolo V Borghese diede all architetto Carlo Maderno l incarico di ristrutturare l ala sud del palazzo. Nell ambito di questi lavori che prevedevano la costruzione della Cappella Paolina e degli appartamenti papali, fu realizzata la Sala Regia, oggi conosciuta come Salone dei Corazzieri. La Sala Regia era destinata principalmente agli incontri ufficiali del pontefice con le delegazioni diplomatiche straniere in visita alla Santa Sede. Dopo l austera parentesi della Controriforma, il papato capiva di essere riuscito ad arginare il Protestantesimo. La vittoria in Francia del partito cattolico, in Europa centrale la recessione della Chiesa riformista, il Giubileo trionfale del 1600, l apertura di relazioni con il Giappone dimostravano che la crisi provocata dalla Riforma era oramai superata. La decorazione della Sala Regia celebra quindi l universalità della Chiesa guidata da Paolo V. Il soffitto in legno intagliato e dorato su campo azzurro è decorato con rosoni, aquile e draghi, animali araldici dei Borghese; alle estremità si possono ammirare due stemmi di Paolo V. Oggi, al centro della grande sala (468 metri quadrati), lo stemma sabaudo sostituisce un pezzo della decorazione originaria che raffigurava lo Spirito Santo. Il pavimento in marmi antichi riproduce il disegno geometrico del soffitto. Oltre all inserimento del grande stemma sabaudo, alla fine dell Ottocento fu dipinto, al di sotto degli affreschi secenteschi, un fregio con gli stemmi delle città dello Stato Unitario. Nel 1615 Lanfranco e Tassi, contattati dal papa per affrescare le pareti, avevano pensato di dipingere integralmente i muri. Il progetto, troppo costoso, fu abbandonato per una soluzione più semplice. Gli affreschi avrebbero coperto la sola parte superiore dei muri, mentre la parte inferiore sarebbe stata decorata con una tappezzeria in pelle, di colore turchese, decorata con motivi in oro e argento. Il grande fregio dipinto nella parte superiore della sala è stato eseguito tra il 1616 e il 1617 sotto la direzione dei maestri Agostino Tassi ( ), Giovanni Lanfranco ( ) e Carlo Saraceni ( ) con l aiuto di alcuni collaboratori. Il lavoro è sublime: raffigurando i ritratti degli ambasciatori stranieri venuti dal Giappone, dalla Persia, dall Africa per rendere omaggio a Paolo V, i pittori sono riusciti a celebrare l universalità della religione romana, sottolineando che l azione missionaria della Chiesa si estendeva oramai ai confini del mondo. Il fregio dorico che sembra sostenere questo mirabile apparato iconografico e in alcuni punti oblitera parte dei dipinti, è assai freddo e monotono paragonato alle pitture di Tassi, Lanfranco e Saraceni e non corrisponde certo a quelle che furono le intenzioni dei maestri del Seicento che avevano, lo sappiamo, progettato un fregio più piccolo ma molto più vivace. Perché è scomparso il fregio del Seicento? Sappiamo che al momento dell occupazione napoleonica del Quirinale, l architetto Raffaele Stern si preoccupò della decorazione della Sala Regia che fu ribattezzata Salone dei Marescialli. Eliminò la tappezzeria oramai logora, le iscrizioni pontificie che ornavano gli architravi dei portali, fece restaurare gli affreschi di Lanfranco, Saraceni e Tassi e modificò il fregio disegnato nel Seicento, sostituendolo con un cornicione a tempera più alto e inserendo nella decorazione nuova simboli militari ed emblemi imperiali. Nel 1814, dopo la disfatta di Napoleone, Pio VII riprese possesso del Quirinale e si adoperò immediatamente per cancellare gli emblemi imperiali voluti dai Francesi. Il fregio commissionato solo due anni prima fu modificato in modo da coprire con una superficie a finto marmo i simboli degli odiati invasori raffigurati nelle metope. Nel 1980, un restauratore che lavorava nel Salone dei Corazzieri, Arnolfo Crucianelli, ebbe la felice intuizione di fare un piccolo

5 Pagina 19 Campetto con la veduta del Palazzo del Quirinale, affresco, Sala dei Parati Piemontesi, particolare della parete ovest. sondaggio sotto il fregio dorico, nell angolo destro della parete sud del salone, vicino al monocromo raffigurante la Cappella Paolina di Santa Maria Maggiore. Riportò alla luce una delle metope secentesche a sfondo dorato nella quale erano disegnati due scudi incrociati. Altri sondaggi effettuati nel 1997 hanno permesso di stabilire che in altri tre punti, sotto l ingombrante cornicione ottocentesco, l originale fregio del Seicento era sopravvissuto alle offese degli uomini. Per questo motivo, durante l estate del 2004, il Presidente Ciampi e il Segretario Generale Gifuni m incoraggiarono ad avviare una campagna sistematica di sondaggi lungo l intero perimetro del Salone dei Corazzieri. I risultati furono eloquenti: ovunque il fregio del Seicento era mirabilmente conservato e in alcuni punti apparivano anche, sotto il fregio dorico dell Ottocento, tracce della decorazione napoleonica. Nell autunno del 2005, a cura della Soprintendenza, sono iniziati i lavori di ripristino del fregio secentesco di Tassi, Saraceni e Lanfranco. Alla fine di marzo 2006 il maestoso fregio dei grandi maestri che hanno dipinto le ambascerie straniere venute a rendere omaggio al papa è tornato alla luce e la Sala Regia voluta da Paolo V all inizio del suo pontificato ha ritrovato il suo aspetto di quattrocento anni orsono, quando la Città Eterna riscopriva l amore per la vita che aveva ispirato e fatto sognare l Italia del Rinascimento. La Sala dei Parati Piemontesi Nel mese di maggio 2005, un evento del tutto casuale, l improvviso distacco di un brano d intonaco della volta realizzata da Rodolfo Morgari nel 1888, è all origine della magnifica scoperta di un fregio secentesco nella zona superiore delle pareti. Dal rapporto redatto da Raffaele Stern nel settembre del 1811 per la sistemazione del palazzo su ordine di Napoleone, si rivela che nella sala, inclusa nell appartamento di rappresentanza e adibita ad ambiente di passaggio, è menzionato un preesistente fregio dipinto a fresco e un cornicione in stucco, mentre volta e pareti sono definite prive di ornamenti. Peraltro, come già ricordato da Giuliano Briganti nel 1962, un documento del 1609 ricorda due fregi ad affresco, il primo con le fabbriche, putti e figure allegoriche, il secondo con le Istorie di Abramo. Dovendo procedere al restauro del soffitto ottocentesco, abbiamo allestito un ponteggio e deciso di staccare i parati per effettuare una serie di saggi nella speranza di trovare tracce dei dipinti del Seicento. I risultati delle nostre ricerche hanno oltrepassato ogni nostra aspettativa. Sono tornati alla luce sulle quattro pareti della sala gli affreschi che illustrano alcune delle grandi realizzazioni architettoniche, le cosiddette fabbriche, promosse da Paolo V Borghese durante il suo pontificato, di cui tratta appunto il documento del 1609 citato da Briganti. Tra le fabbriche compaiono due progetti particolarmente cari al papa: l ampliamento della basilica di San Pietro e la costruzione della sua cappella funeraria nella basilica di Santa Maria Maggiore. L affresco della parete nord con il primo quadro mostra una veduta a volo d uccello della Fortezza di Ferrara che documenta la trasformazione del sistema difensivo realizzata dal pontefice per garantire la sicurezza della popolazione. Nella parete est appare la basilica di San Pietro che il papa, appena eletto al pontificato, decise di completare. Le straordinarie immagini che mostrano sulla parete sud tre differenti visuali della basilica di Santa Maria Maggiore, offrono a restauro compiuto, insieme alla rappresentazione di San Pietro, numerosi spunti di riflessione. Completa il ciclo, sulla parete ovest, l ultimo rinvenimento: una veduta del tutto inedita del palazzo del Quirinale color travertino mentre al centro sono rappresentati i Granai pontifici costruiti da Gregorio XIII e ampliati da Paolo V inglobando l Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano. La veduta include il Palazzo alle Terme di Sisto V e la Porta Quirinalis. Si tratta di uno scorcio della Roma Cinque e Secentesca in gran parte scomparsa quando fu costruita la ferrovia nell Ottocento. Altri ambienti del palazzo, quali gli Appartamenti Imperiali e il Torrino, sono stati restaurati e il riordino dei loro arredi è stato portato a termine; la musealizzazione delle collezioni di porcellane e argenti è stata completata nelle tre grandiose sale prospicienti il Cortile d Onore che costituiscono oggi la Vasella; il pubblico può finalmente ammirare nel Fabbricato Cipolla e nella ex- Falegnameria di Castel Porziano le più prestigiose delle 104 carrozze che facevano parte delle collezioni sabaude; nello stesso Fabbricato Cipolla sono stati restaurati gli ambienti destinati ad accogliere i finimenti e le livree; tra il 1999 e il

6 La seconda sala della Vasella vecchia del Quirinale, dopo il restauro. In evidenza la vetrina delle porcellane di Sèvres con il Servizio verde del ca. 2006, 79 arazzi, decine di tappezzerie ad arazzo e 24 tappeti di pregio sono stati restaurati dal Centro Manutenzione e Restauro Arazzi; a Castel Porziano il grande mosaico rinvenuto nell antico vicus Augustanus è stato collocato nell ambito dei giardini e gli stessi fabbricati del Castello, dalla facciata monumentale del palazzo a quella della chiesa parrocchiale, alla torre con l orologio sono stati restaurati. Infine un grande plastico che riproduce l intero complesso del Quirinale è stato collocato in un ambiente del Cortile d Onore, presso l ingresso principale che originariamente costituiva l androne di accesso al palazzo da via del Quirinale. Questi lavori hanno modificato profondamente il volto del Quirinale, evidenziandone la storia secolare e rendendone l approccio più accessibile ai cittadini d Italia e del mondo. Il Presidente Ciampi si è impegnato per avvicinare la sede della Presidenza della Repubblica agli Italiani, augurando che tutti considerino il Quirinale come loro casa ; ha incoraggiato la realizzazione di pubblicazioni in grado di consentire una sempre più capillare diffusione dell attività culturale legata al Colle ; ha voluto che ognuno fosse orgoglioso della maestosa e lineare bellezza di un monumento testimone di tanti avvenimenti della storia della Cristianità e dell Occidente. Questi vari e ambiziosi obiettivi sono stati raggiunti; oggi più che mai il popolo italiano vede nel palazzo che domina il più alto dei sette colli di Roma lo scrigno che racchiude i tesori di una storia millenaria e il simbolo eretto a difesa dei nostri principi repubblicani e democratici.

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Stampa di Giuseppe Vasi a cura di Chiara Loasses Il presente documento fa parte dei materiali distribuiti durante il LAB-Forum dell Unità Operativa ISFOL FLAI-lab,

Dettagli

Basilica di San Pietro

Basilica di San Pietro INDICE 1. Basilica di San Pietro 2. Roma del Caravaggio 3. MAXXI Museo 4. Castel Romano Designer Outlet 5. Roma sotterranea 6. Roma Imperiale 7. Musei Vaticani& Cappella Sistina 8. Ostia Antica 9. Palazzo

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Informazioni per la stampa. Castello di Schönbrunn. Castello. Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon. Gloriette. Giardino del principe ereditario

Informazioni per la stampa. Castello di Schönbrunn. Castello. Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon. Gloriette. Giardino del principe ereditario Informazioni per la stampa Castello di Schönbrunn Castello Dedalo, Labirinto & Labyrinthikon Gloriette Giardino del principe ereditario Museo per i bambini Vivere Schönbrunn Centro convegni Castello di

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO

LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO LA FONDAZIONE COSSO E IL CASTELLO DI MIRADOLO La Fondazione Cosso è una realtà privata nata a Pinerolo nel 2008 con l obiettivo di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso mostre, concerti, momenti

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni I MUSEI MUSEI CAPITOLINI I Musei Capitolini: un percorso guidato d insieme alle opere del Palazzo dei Conservatori, del Palazzo Nuovo e della Galleria Lapidaria Impariamo a ri-conoscere Dei, eroi e figure

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa

La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa La lettera a Leone X di Raffaello e Baldassarre Castiglione Un artista e un letterato difensori del patrimonio storico-artistico del papa Lezioni d'autore Raffaello, Autoritratto, olio su tavola, 1504-06,

Dettagli

Torino Week end 1 e 2 novembre ---------------------------------------------

Torino Week end 1 e 2 novembre --------------------------------------------- Torino Week end 1 e 2 novembre --------------------------------------------- Equipaggi Emilio Elide Andrea Roller Team Granduca Garage Luca Cristina Elia Daniele Roller Team Granduca GT Venerdi 31 ottobre

Dettagli

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi www.filcasaimmobili.it cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Tel. 02/89093172 Disponibilità e prezzi 1) APPARTAMENTO 1.5 1 piano Piano 1 e ammezzato Ammezzato Magnifico appartamento con alti soffitti riccamente

Dettagli

acquarello di Marcella Morlacchi

acquarello di Marcella Morlacchi acquarello di Marcella Morlacchi Anno Domini 1415 2015 La torre del Pennello ha vinto la sfida contro l usura dei secoli e l energia distruttiva del terremoto. Il 5 settembre 2015, a conclusione di un

Dettagli

PROSSIMI APPUNTAMENTI

PROSSIMI APPUNTAMENTI PROSSIMI APPUNTAMENTI Aperte le prenotazioni per la mostra RENOIR dalle Collezioni del Musée d'orsay e dell'orangerie!! AFFRETTATEVI A PRENOTARE I POSTI DISPONIBILI! Una grande mostra a Torino: Pierre-Auguste

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni I MUSEI MUSEI CAPITOLINI La collezione dei Musei Capitolini: un percorso guidato d insieme alle opere del Palazzo dei Conservatori, della Galleria Lapidaria e del Palazzo Nuovo Impariamo a conoscere Dei,

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

La villa Arca del Santo di Anguillara

La villa Arca del Santo di Anguillara La villa Arca del Santo di Anguillara Veneta è stata per oltre tre secoli la sede locale della Ven. Arca del Santo di Padova, l Istituzione padovana creata per gestire il patrimonio della Basilica di S.

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA CAPOLAVORI TRA CAPOLAVORI Capolavori della grafica di Leonardo 1. Studi per viti idrauliche e ruote mosse dall acqua, con altri disegni di congegni circa 1480-1482, penna

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Itinerario di 7 notti attraverso le bellezze artistiche, naturali ed enogastronomiche del Lazio Grand Tour del Lazio Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Bonjour Italie:

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica:

Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica: Villa Pellegrini Cipolla: cene di gala, meeting ed eventi esclusivi Presentazione storica: Incastonata tra le rive del Lago di Garda e le pendici del Monte Baldo, Villa Pellegrini Cipolla è un gioiello

Dettagli

Informazioni per la stampa. Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte

Informazioni per la stampa. Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte Informazioni per la stampa Hofburg Appartamenti imperiali & Museo di Sisi & Museo delle argenterie di corte Vienna, agosto 2013 La Hofburg di Vienna: sulle tracce di Sisi, Francesco Giuseppe e del governo

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Visitando l Ungheria

Visitando l Ungheria Pubblicato su www.camperweb.it Visitando l Ungheria dal 25/4 al 30/4/2013 25/4 Partenza da Verona in prima mattinata alla volta di SOPRON Ci beviamo 700 km e arriviamo intorno alle 17.30. In questa cittadina

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI Polo Reale di Torino Galleria della Sindone di Palazzo Reale

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010 Alla scoperta di Roma antica Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Gita scolastica del 12 aprile 2010 Programma della giornata:

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

PASSAGGETTO DI URBANO VIII

PASSAGGETTO DI URBANO VIII PASSAGGETTO DI URBANO VIII Questo stretto corridoio originariamente collegava l appartamento papale estivo con le stanze invernali. Era dunque un passaggio privato per il pontefice e questo spiega la presenza

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato

LA CAPPELLA PAOLINA. Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato LA CAPPELLA PAOLINA Ing. Pier Carlo Cuscianna, Direttore dei Servizi Tecnici del Governatorato L avventura dei restauri interni alla Cappella Paolina, voluta dal Pontefice Paolo III Farnese e denominata

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Area archeologica di Colosseo, Foro Romano, Palatino

Area archeologica di Colosseo, Foro Romano, Palatino Area archeologica di Colosseo, Foro Romano, Palatino Nel cuore antico di Roma, ammirando le rovine di un epoca nella quale l Urbe era davvero il centro del mondo! La Valle del Colosseo, con l anfiteatro

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

Vincolo n. 103. Palazzo Daina in via Pignolo, 69. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 103. Palazzo Daina in via Pignolo, 69. Estratto foto prospettica Vincolo n. 103 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 103 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA Il Museo Nazionale del Cinema di Torino nasce nel 1941 da un progetto di Marita Adriana Prolo, collezionista e storica.oggi il Museo Nazionale del Cinema è ritornato

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

AL CENTRO DEGLI EVENTI

AL CENTRO DEGLI EVENTI PALAzzO GIuRECONsuLTI E PALAzzO TuRATI AL CENTRO DEGLI EVENTI Palazzo Giureconsulti CAMERA DI COMMERCIO MILANO Palazzo Turati CAMERA DI COMMERCIO MILANO AL CENTRO DI MILANO Palazzo Giureconsulti CAMERA

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA Tre Olmi MONUMENTALE

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

I COLLI DI ROMA - I. L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero

I COLLI DI ROMA - I. L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero I COLLI DI ROMA - I L AVENTINO DAL RINASCIMENTO A OGGI ARTE E ARCHITETTURA a cura di Mario Bevilacqua e Daniela Gallavotti Cavallero CLAUDE LORRAIN. Veduta ideale dell Aventino. Disegno (1656). Londra,

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno Roma ed ASsisi Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce. Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino. FAI la conoscenza

Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce. Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino. FAI la conoscenza Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino FAI la conoscenza INDICE pag. 3 pag. 4 Obiettivi FAI - La conoscenza della tua città - Torino Romana

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

N.B.: Il programma aggiornato è consultabile sul sito www.museiincomuneroma.it

N.B.: Il programma aggiornato è consultabile sul sito www.museiincomuneroma.it ATTIVITA DIDATTICHE aprile - giugno 2014 SABATO 5 APRILE Casa Museo Alberto Moravia Effetti ed Affetti. L opera e la personalità di Moravia attraverso gli oggetti della sua casa, libri, ritratti, opere

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Una Casa TUTTa per Te

Una Casa TUTTa per Te Casa Museo Milano Eventi Speciali Una Casa TUTTa per Te Il Museo Bagatti Valsecchi Una delle Case Museo più importanti e meglio conservate d Europa, ispirata ai palazzi signorili del Cinquecento lombardo,

Dettagli