Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62"

Transcript

1 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO* PAOLO IOLA* ADRIANO GIACOIN** Psicologa Psicoterapeuta Educatore Professionale edico * Ser.T. Distretto 2 A.S.L. BI, Biella ** S.O.S. Epidemiologia, S.O.C. Programmazione e controllo A.S.L. BI, Biella Abstract: Preliminarmente ad un intervento nelle scuole superiori in materia di nuove dipendenze, è stato proposto un questionario sulle abitudini di gioco distribuito e raccolto dai docenti, per meglio definire il contesto studentesco nel biellese ed orientare l attività futura. I questionari raccolti (n.365) sono stati analizzati mediante confronti semplici tra sessi, per fasce di età e tra tipi di scuola (professionali triennali e altre), dimostrando l esistenza di differenze meritevoli di approfondimento. La discussione affronta anche alcune criticità e i possibili miglioramenti anche per l ipotesi di estensione degli studi su base locale. INTRODUZIONE Lo studio esplorativo che presentiamo intende sondare la conoscenza e le abitudini di gioco dei giovani studenti biellesi. La dipendenza da gioco d azzardo sul territorio biellese non sembra destare eccessiva preoccupazione; Biella infatti si colloca all ultimo posto tra le Province piemontesi come entità del fenomeno, ma questo non esclude la presenza di fenomeni sommersi. L intensa campagna di sensibilizzazione della Regione Piemonte caratterizzata da varie iniziative, quali il Gap Tour dello scorso autunno, l istituzione di un numero verde regionale, gli articoli comparsi sui giornali, i programmi televisivi, hanno contribuito ad aumentare le richieste di presa in carico presso il SERT. Inoltre ha portato a prese di posizione dei Comuni intese all impedire l apertura di nuove sale giochi e ad autonome iniziative da parte del mondo della scuola. In particolare, nel arzo 2010 è stato organizzato un convegno sulle Nuove Dipendenze che ha coinvolto gli studenti e gli insegnanti di molti Istituti Superiori sia Professionali che Licei, ed in cui si è trattato di dipendenza da internet, dipendenza da Gioco d Azzardo, e dipendenza da Alcool intesa come nuova modalità di assunzione da parte dei giovani (fenomeno del binge drinking). Per stimolare l interesse e la partecipazione degli studenti e per raccogliere informazioni utili per la strutturazione di futuri interventi preventivi nelle scuole, alcuni giorni prima dell evento era stato distribuito loro un questionario sulla conoscenza e sulle abitudini riguardanti il Gioco d Azzardo Sono stati raccolti 365 questionari e, sebbene il campione non possa essere considerato rappresentativo, si è deciso ugualmente di fare uno studio esplorativo sul gioco d azzardo i cui risultati vengono illustrati nel presente articolo.

2 ATERIALI E ETODI Il questionario, predisposto da operatori del SERT con esperienza nel campo del Gioco d Azzardo è da 9 domande, di cui 7 a scelta unica che indagavano le abitudini di gioco in famiglia, la definizione del gioco d Azzardo, la percezione del rischio di sviluppare una dipendenza, la percezione dell immagine del giocatore, i giochi praticati e la spesa dedicata al gioco nell ultimo mese; 2 domande a scelta multipla erano relative ai giochi praticati in famiglia ed alle proprie abitudini di gioco. In particolare per la stesura di 3 items relativi alle esperienze ed eventuali abitudini di gioco dei ragazzi si è preso spunto dai dati ESPAD del in modo da poter effettuare una comparazione. I questionari sono stati distribuiti in classe, nelle classi e scuole che hanno aderito al progetto; distribuzione e raccolta sono stati effettuati dai docenti, precedentemente formati per una corretta presentazione del questionario e per eventuali necessità di chiarimento sulle domande. I tempi limitati a disposizione prima dell evento hanno infatti impedito la somministrazione diretta del questionario da parte del personale SERT. Le risposte ai 365 questionari raccolti sono state caricate su un dataset predisposto dalla Struttura di Epidemiologia, coinvolta a valle della raccolta, da 2 operatori addestrati. L analisi è stata condotta stratificando per sesso, su 3 fasce di età (-15, -17, -19 anni) e per tipo di scuola, su 2 categorie, di cui una comprendente le sole scuole professionali di durata triennale ( prof ), l altra le scuole con ciclo di studi quinquennale ( altre ); l ipotesi alla base di tale categorizzazione era un diverso profilo psicologico connesso alla minore attitudine allo studio, ed un possibile diverso profilo famigliare. La limitazione nel numero di categorie è dovuta al limitato apporto da parte di alcune scuole. Nonostante ciò, gli strati del campione non sono numericamente omogenei: a causa della netta prevalenza delle scuole professionali, la componente femminile e quella di età -19 anni sono poco rappresentate. (tavola 1). C è quindi una differenza significativa nella composizione per classi di età tra i due tipi di scuole, mentre tra sessi la differenza è significativa solo nel gruppo di anni. distribuzione per macrocategorie (n) prof altre Sesso Tipo scuola Età Le analisi sono state condotte per confronti semplici all interno delle 3 categorie. Nel presente articolo sono presentati i risultati relativi al Gioco d azzardo. RISULTATI Gli item 1 (Nella tua famiglia c è qualcuno che gioca?) e 2 (Se hai risposto sì alla domanda precedente, indica a quale gioco) si riferiscono alle abitudini di gioco in famiglia. Il primo item è condizionato da 2 risposte ambigue ( occasionalmente vs raramente o mai ) e c è una differenza significativa per il tipo di scuola rispetto al gioco abituale in famiglia. Circa il 75% dei familiari gioca raramente o mai e circa il 10% gioca abitualmente con una significativa prevalenza di gioco al lotto ed al totocalcio (56%) e al (55%). Dai confronti nel secondo item, emergono alcune differenze significative per il sesso (femmine inferiori ai maschi per pocker, scommesse e lotto), per tipo di scuola (le scuole professionali sono superiori per internet e cellulare, inferiori per pocker) e per età ( più basse a anni per il pocker, più alte a anni per pocker e scommesse) Oltre il 40% non ha risposto al secondo item, mentre nel primo la proporzione di non risposte è trascurabile. La non risposta è significativamente maggiore nelle femmine e nelle scuole non professionali.

3 Gioco in famiglia % Gioco in famiglia - risposte multiple (%) PRO ALTRE occasionalmente abitualmente raramente o mai casino/bingo lotto, totocalcio Gli item 3 (Per te giocare d azzardo consiste nel giocare a) e 4 (Per te nel gioco d azzardo conta) valutano la corretta percezione del gioco d azzardo. Il 68% dei soggetti fornisce una corretta definizione di gioco d azzardo, ed il 31% si divide tra coloro che erroneamente definiscono il gioco d azzardo come un azione che consiste nel giocare a giochi illegali (%) e come un giocare a giochi legali ( 15%). E interessante osservare come le differenze tra sessi per i giochi in denaro stiano nello scambio con i giochi legali (20% nei maschi vs 9% nelle femmine) mentre nel confronto tra scuole lo scambio avviene con i giochi illegali (22% nelle altre scuole vs 13% delle professionali); poiché nel confronto per età non vi sono differenze particolari, si può dedurre che la valutazione dei maschi delle scuole professionali sia diversa da quella dei maschi delle altre scuole, ma il confronto non è statisticamente significativo. Il 61% dei ragazzi ritiene che sia la fortuna che l abilità siano determinanti nel gioco, addirittura l 8% ritiene l abilità la componente principale. La percezione che la fortuna abbia un peso maggiore rispetto all abilità è minore nei maschi e nelle scuole professionali in maniera statisticamente significativa. Definizione del gioco d'azzardo (%) Componenti del gioco d'azzardo (%) P RO giochi illegali giochi legali denaro in tutti i giochi 70 P RO fortuna abilità entrambe L item n. 5 (Il rischio di diventare dipendenti da gioco d azzardo si corre di più se si gioca a) indaga le percezioni circa il rischio di diventare dipendenti dal gioco d azzardo. Anche in questo caso circa il 69% dei soggetti risponde correttamente; mentre il restante 31% si suddivide tra coloro che percepiscono il rischio solo nel gioco illegale (21%), tra coloro che invece lo percepiscono solo nel gioco legale (9%) e tra quelli che non hanno fornito risposta (1%). Non ci sono differenze tra sessi, mentre ci sono in maniera statisticamente significativa tra tipi di scuole, più risposte corrette nelle scuole non professionali, mentre nelle scuole professionali c è un eccesso di risposta sui giochi legali e per età, più risposte corrette nella fascia anni.

4 Probabilità di rischio di dipendenza da gioco d'azzardo (%) P RO giochi illegali giochi legale egual misura L item n. 6 (Il giocatore è una persona che conduce una vita) è stato inserito allo scopo di verificare se la massiccia pubblicità che si sta facendo sul gioco ha prodotto nei ragazzi un immagine sociale del giocatore più positiva di quella che tradizionalmente viene attribuita a chi si dedica all azzardo. Dai dati riscontrati, non sembra che per ora la pubblicità abbia modificato l immagine del giocatore tant è che solo il 6% indica una vita di successo. Il 66% degli intervistati ritiene che il giocatore conduca una vita problematica, il 26% è convinto che quella del giocatore sia una vita dissoluta. La percezione negativa è tuttavia più orientata alla vita dissoluta nelle età inferiori, nei maschi e nelle scuole professionali, sempre con differenze statisticamente significative. Come è percepita la vita di un giocatore d'azzardo (%) P RO Vita di successo Vita dissoluta Vita con problemi Non risposto I restanti 3 items (A te è capitato di giocare, A quale gioco giochi, Quanto hai speso nell ultimo mese) sondano le esperienze ed eventuali abitudini di gioco dei ragazzi. Il 54% degli intervistati risponde di aver giocato occasionalmente, almeno una volta nella vita, mentre l 11% afferma di giocare abitualmente ed il 35% di non aver mai giocato. A giocare sono di più i maschi rispetto alle femmine: il 61% dei maschi contro il 42 % delle femmine ha giocato occasionalmente; il 13% dei maschi contro l 8% gioca abitualmente, il 26% contro il 49% non ha mai giocato (differenza statisticamente significativa). Considerando la tipologia di gioco praticato, risulta che il sia nettamente prevalente (oltre il 55%), mentre, pocker online e casinò/bingo rimangono intorno al 10%. Ci sono differenze statisticamente significative tra i sessi (le donne giocano più con internet e cellulare, e meno con gli altri giochi ad eccezione del casinò/bingo), tra scuole (eccesso per il pocker nelle scuole non professionali; sembra anche rilevarsi una maggiore attitudine al ed al totocalcio nelle scuole professionali, ma il dato non è significativo ) e tra età (la fascia di anni vedono un calo del gioco su internet, ed un eccesso per pocker e ). Anche in questo caso quasi il 30% non ha dato risposte (la non risposta è significativamente maggiore nelle femmine), mentre l assenza di risposta sul primo item è stata marginale.

5 Risposte sull'aver giocato (%) 70 Giochi praticati (risposte multiple) % P RO occasionalmente abitualmente mai casino/bingo lotto, totocalcio A che gioco si gioca per sesso (%) A che gioco si gioca per età (%) casino / bingo casino/bingo lo tto, to to calcio lotto, totocalcio A che gioco si gioca per tipo di scuola (%) c a sino/bingo PRO ALTRE lotto, totoc a lc io L ultimo item del questionario riguarda la spesa per il gioco effettuata dai ragazzi nel corso dell ultimo mese. Si noti che i maschi spendono di più delle femmine, con una differenza massima del 7% nella fascia da 10 a 50 euro, statisticamente significativa. C è una maggiore spesa, statisticamente significativa, nelle scuole non professionali per le fasce di spesa inferiore a 10 euro e superiore a 50 euro. Altro dato interessante è che la spesa è inferiore in maniera significativa per la sola fascia di anni: spendono dai 10 ai 50 euro il 2% dei quattordicenni, il 7,5% dei sedicenni ed il 9% dei diciottenni; anche la spesa superiore ai 50 euro rispetta questo andamento passando da circa l 1% a circa il 4%. Questi dati sono rilevanti se si considerano come proxy del rischio reale di dipendenza patologica, tenendo conto della loro capacità di reddito. La proporzione di non risposte è intorno al 15% con differenze significative in eccesso nelle donne e nelle scuole professionali.

6 Spesa nell'ultimo mese per sesso (%) Spesa nell'ultimo mese per classe di età (%) <10 < > 50 Non risposto > 50 Non risposto Non giocato Non giocato Si nota quindi una correlazione tra l aumento dell età, la maggiore disponibilità economica ed il cambiamento delle abitudini di gioco, attribuibile ad una maggiore autonomia rispetto alla gestione del denaro senza adeguato controllo parentale. DISCUSSIONE I risultati che emergono dall analisi dei dati dei 365 questionari raccolti, nonostante i limiti di numerosità e di omogeneità tra strati, offrono l opportunità di impostare le successive attività di prevenzione in quanto ci si è fatti un idea di che cosa intendono i ragazzi per gioco d azzardo, qual è la loro percezione relativamente all immagine sociale del giocatore, e sulle loro abitudini di gioco. Tutto ciò rappresenta una sorta di situazione stimolo iniziale da cui partire per iniziare a riflettere insieme a loro sul fenomeno ed eventualmente impostare insieme con loro un azione preventiva secondo il modello della peer education. Sembra che soprattutto i più grandi (tra i quali dovrebbero essere formati i peer) siano consapevoli che nel gioco d azzardo la componente principale è la fortuna; che si può incorrere in una dipendenza giocando sia a giochi legali che illegali; e che la vita di un giocatore, in genere, è una vita con dei problemi. Tuttavia, non è da sottovalutare la percentuale di risposte scorrette da parte dei ragazzi, soprattutto considerando la sempre maggiore promozione mediatica che rischia di inculcare nelle nuove generazioni uno stereotipo positivo dei giocatori. In questo senso sono negativi sia gli spot che hanno come protagonisti personaggi superconosciuti ed apprezzati del mondo dello sport e dello spettacolo (soggetti da imitare) sia gli spot con giovani giocatori professionisti (soggetti normali che sono diventati ricchi con il gioco con cui i giovani si possono più facilmente identificare) in quanto ambedue sono pericolosi veicoli di modeling per degli adolescenti impegnati nella costruzione identitaria. Questo lavoro potrebbe fornire un contributo per uno studio più ampio e su di un campione maggiormente rappresentativo della popolazione studentesca piemontese per i seguenti motivi: 1) Nel l Istituto di ricerca clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa (IC-CNR) aveva effettuato una vasta indagine su scala nazionale e regionale (dati ESPAD), limitato tuttavia alla tipologia dei giochi e la spesa media mensile sia a livello italiano che regionale, riportando che fra gli studenti Piemontesi il 44% degli ragazzi ed il 23% delle ragazze intervistati hanno giocato d azzardo almeno una volta nel corso della vita. Nel nostro campione invece risulta giocare occasionalmente una percentuale più alta, in particolare per le ragazze. Questa differenza sembra attenuarsi se i dati vengono confrontati con i più recenti dati ESPAD dai quali risulta un incremento della percentuale di studenti che ha dichiarato di aver giocato in denaro almeno una volta negli ultimi dodici mesi, in particolare per quanto riguarda le ragazze. Inoltre, dal momento che la nostra ricerca è stata condotta nel 2010, la percentuale più elevata di gioco occasionale tra i giovani tenderebbe a confermare il trend in crescita che si attesta, come ci dicono i dati nazionali, intorno al 13% all anno. Non si sono rilevate differenze con i dati ESPAD riguardo ai giochi preferiti, mentre per quanto riguarda la spesa per il gioco, i dati ESPAD riportano una spesa mensile decisamente superiore a quella riscontrata nel nostro campione: il 28% dei maschi e il 17% delle femmine spendeva tra i 10 e i 50 euro, mentre il 7% dei maschi e il 4% delle femmine spendeva più di 50 euro. Nonostante il campione ESPAD fosse caratterizzato da strati ben equilibrati di sesso ed età, rispetto alle interviste non campionarie raccolte nel presente lavoro, si è comunque ottenuta congruenza di risultati per alcuni aspetti, e quindi le differenze rilevate sono specifiche del contesto locale. 2) I risultati depongono per l opportunità di differenziare gli studenti in almeno 2 categorie: studenti lavoratori o frequentanti scuole professionali brevi, studenti di altre scuole. L appartenenza a scuole concettualmente di tipo diverso determina differenze probabilmente dovute ad un diverso contesto culturale e di approccio alla vita.

7 3) Il modello operativo di interviste distribuite e raccolte nella scuola dal personale docente si è rivelato critico. Le differenze sostanziali tra non rispondenti a domande specifiche e non rispondenti a domande generiche sono in parte dovute all assenza dell opzione di risposta non ho giocato, ma guardando l item sulla spesa si rileva che per oltre il 10% indica esplicitamente la volontà di riservatezza rispetto al docente. 4) Sembra emergere l esigenza di interventi di prevenzione sia primaria che secondaria e soprattutto l esigenza di includere in tali interventi anche i famigliari, visto che le abitudini di gioco riscontrate nei ragazzi paiono rispecchiare quelle del contesto famigliare. Sarebbe stato interessante poter confrontare i dati del gioco in famiglia con quelli relativi ai ragazzi; ciò purtroppo non è stato possibile per via della differente graduazione delle risposte all item 1 e all item 7. Infatti nell item 1 al posto dell opzione mai è stata erroneamente inserita l opzione raramente o mai nonostante fosse già presente la risposta occasionalmente e quindi non ci è dato di sapere in maniera univoca quanti sono i famigliari che non giocano mai, dato che invece è disponibile per gli studenti.

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

E ancora un gioco? Report della ricerca

E ancora un gioco? Report della ricerca CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2010/2011 E ancora un gioco? Report della ricerca Dott.ssa Elisa Casini Psicologa Ricercatrice Centro Documentazione Ser.T. Arezzo Ce.Do.S.T.Ar. Dipartimento

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

Solo un gioco? Full Immersion

Solo un gioco? Full Immersion Solo un gioco? Il campione I dati so stati raccolti fra gennaio e maggio 2014 in 7 istituti superiori della provincia di Monza e Brianza, in 23 classi del terzo e quarto an. So stati intervistati più di

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009

Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 Gaetano Manna - Responsabile Ufficio Patologie della Dipendenza/AIDS Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Torino, 21 maggio 2009 contrastare il fenomeno del GAP è veramente faticoso.. Sembra essere

Dettagli

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno.

Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. ESTRATTO Non beviamoci la vita!. Campagna di prevenzione e indagine sul consumo di alcol e la guida sicura tra gli adolescenti del comune di Livorno. a cura di Fabio Ferroni Contesto e motivazione del

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Sintesi dei risultati L indagine sul gioco d azzardo, commissionata dall Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, restituisce

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

L'obiettivo di questa ricerca è stato quindi valutare la fruizione della rete Internet in Italia da parte dei nostri nativi digitali.

L'obiettivo di questa ricerca è stato quindi valutare la fruizione della rete Internet in Italia da parte dei nostri nativi digitali. Internet e minori Indagine sociale promossa dal Moige movimento italiano genitori ed elaborata dall ITCI - Istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale presieduto dal Prof. Tonino Cantelmi Dati riferibili

Dettagli

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs)

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari, Istituto

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi

VIETATO NON VIETATO. Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio Ghezzi 1 VIETATO NON VIETATO Indagine nazionale sull accesso dei minori ad alcol, fumo, videogiochi non adatti ai minori, giochi con vincita in denaro, pornografia Claudio Barbaranelli, Roberta Fida, Valerio

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1

Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1 Io e il cellulare con le tabelle pivot Rosa Marincola 1 Sunto: In questo lavoro descriverò un attività svolta in classe: la costruzione e somministrazione di un questionario intitolato: Io e il cellulare,

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Roma Palazzo Valentini 1 marzo - 2011 ABSTRACT INDAGINE SULLA CONTRAFFAZIONE IN ITALIA Nell ambito del Progetto IO NON VOGLIO IL FALSO, realizzato da ADICONSUM,

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

E opportuno sottolineare, inoltre, che la percentuale dei ragazzi che dichiara di consumare dolci e bere coca-cola più volte al giorno è superiore a

E opportuno sottolineare, inoltre, che la percentuale dei ragazzi che dichiara di consumare dolci e bere coca-cola più volte al giorno è superiore a HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti di salute nei giovani in età scolare). Campione di studenti del 2 anno di istituti scolastici superiori di Potenza, Muro Lucano, S.Arcangelo

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso

LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI. Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso LA PERCEZIONE DEL CIC PRESSO GLI STUDENTI Ricerca effettuata presso gli istituti superiori appartenenti all ULSS 9 di Treviso 1 Alcune osservazioni sui dati emersi dalla tabulazione del questionario sulla

Dettagli

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894.

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894. 3. Epidemiologia La dimensione del fenomeno in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno. La popolazione

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a 15-16 aa

1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a 15-16 aa Comportamenti rispetto a fumo, alcol, droghe e gioco d azzardo fra gli adolescenti dell Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2011 dal Dipartimento delle Dipendenze Gianni Canzian, psichiatra,

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Ser.T. zona Aretina Via Fonte Veneziana, 7 00 Arezzo Direttore - Dr. Paolo E. Dimauro REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici Report Che Piazza! Associazione Fuori Target La presente relazione riguarda i dati raccolti durante quattro uscite (06.04, 13.04, 04.05 e 18.05) realizzate dall associazione Fuori Target all interno dell

Dettagli

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino 2012 Secondo Rapporto su Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare Anticipazione del Focus su Vino 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini,

Dettagli

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico La Salute in tutte le Politiche Forum tematico VOTA PER LA TUA CITTA Report dei risultati dell indagine svolta tra i cittadini Leccesi per l estensione della zona a traffico limitato Promossa da: Forum

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune

Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune ANALISI DEI BISOGNI Rapporto sintetico sui bisogni educativi, verso un modello pedagogico comune progetto 2013-1-IT1-LEO05-04042 "Educezione tra pari: trasferimento di una metodologia e strategia di apprendimento

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 05.05.2009 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca?

Quale metodologia è stata adottata per realizzare la ricerca? Angela Mongelli, ordinario di Sociologia della formazione presso il Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione dell'università di Bari ha curato ed è la responsabile scientifica

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Analisi dei risultati Il profilo degli adolescenti: ancorati alla famiglia e proiettati nel web La fotografia degli adolescenti italiani

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia Il questionario Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia 1 Il questionario Il questionario è uno strumento per la rilevazione delle informazioni attraverso un piano strutturato

Dettagli

Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi

Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi - Estratto dei risultati - Milano, Dicembre 2009 La metodologia L APPROCCIO QUALI-QUANTITATIVO

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Non c è Sport senza LIMITE. Da Sportivo a Cittadino.

Non c è Sport senza LIMITE. Da Sportivo a Cittadino. Con la collaborazione organizzativa della Società Canottieri Limite a.s.d. 1861 Capraia e Limite, 26 Marzo 2011 Sala Incontri della Società Canottieri Limite as.d. 1861, Lungarno della Mollaia s.n.c. CONVEGNO

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09 Sesso dei partecipanti Femmine 43,6% Maschi 56,4% Età dei partecipanti Oltre 60 anni 18,1% Fino a 30 anni 42,3% Da 30 a 60 anni 39,6% Come ritiene che evolverà la situazione economica? - Totale 14,7% 41,3%

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

ITIS A.Volta Frosinone

ITIS A.Volta Frosinone ITIS A.Volta Frosinone LE DIPENDENZE DA GIOCO Accanto alle tradizionali forme di dipendenza da sostanze (droghe e alcol) è oggi in costante aumento il fenomeno delle nuove dipendenze o new addictions.

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

PROGETTO ALCOL/LAVORO

PROGETTO ALCOL/LAVORO PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATO INDAGINE STILI DI VITA PIANO PER LA SALUTE DEL CIRCONDARIO IMOLESE PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATI INDAGINE DELLA ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI A cura di: Staff Dirigenziale

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Dipartimento ASSI DIPARTIMENTO DIPENDENZE Accordo di programma fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Lombardia, per la realizzazione di attività coordinate e finalizzate alla progettazione,

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015

Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 0 Progetto Giovani = Strade Sicure Anno Scolastico 2014-2015 Gruppo di lavoro Carlo Di Pietrantonj, Servizio Sovrazonale Epidemiologia SSEpi-SeREMI-ASL

Dettagli

Autore: Anna Messia Milano Finanza

Autore: Anna Messia Milano Finanza Autore: Anna Messia Milano Finanza Compagnie in perdita e medici che hanno il terrore di operare per non pagare di tasca propria eventuali indennizzi. Intanto scoppia il caso di AmTrust, che ha assicurato

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

I loro clienti si dedicano maggiormente alle slot e ai gratta&vinci, come mostrato nel grafico sottostante:

I loro clienti si dedicano maggiormente alle slot e ai gratta&vinci, come mostrato nel grafico sottostante: REPORT GIOCO D AZZARDO Come MOVIMENTO NO SLOT in questi mesi abbiamo somministrato ai gestori dei locali, bar, tabacchi e sale slot un questionario per cercare di capire il fenomeno dell azzardo nella

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli