CRITICITA E SOLUZIONI PER IL RILEVAMENTO IN AMBITO AMBIENTALE CON PIATTAFORME UAV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITICITA E SOLUZIONI PER IL RILEVAMENTO IN AMBITO AMBIENTALE CON PIATTAFORME UAV"

Transcript

1 CRITICITA E SOLUZIONI PER IL RILEVAMENTO IN AMBITO AMBIENTALE CON PIATTAFORME UAV UAV / RPAS in Italia Piattaforme, regolamenti, applicazioni e problematiche Febbraio 2014 Irene AICARDI, Andrea LINGUA, Francesca NOARDO, Paolo MASCHIO Politecnico di Torino, DIATI Modena, Febbraio 2014

2 SOMMARIO - La metodologia la pianificazione l acquisizione il processamento dati - La strumentazione consolidata il futuro - I casi studio peculiarità punti forti e criticità risultati - Conclusioni

3 Tempo: 2 Ore Pianificazione del rilievo LA METODOLOGIA PROPOSTA Acquisizioni con UAV Operazioni in laboratorio Operazioni sul campo Misurazione dei vertici GNSS Operazioni non necessarie sul campo Esempio di schema per l acquisizione e il processamento dati da UAV per un applicazione ambientale (3 voli copertura ha) Rilievo dei marker Triangolazione fotogrammetrica Tempo: 2 Ore Ricostruzione del modello 3D Generazione di DTM e ortofoto Generazione di ortofoto solide Fotogrammetria diretta con UAV: attuali limiti e possibili sviluppi futuri F.Chiabrando, M.Piras, A.Lingua

4 LA STRUMENTAZIONE Per consentire un rilievo fotogrammetrico diretto anche in aree in cui non è possibile applicare un volo tradizionale, il sistema proposto consiste in un mini-uav Hexakopter (di Mikrokopter) a basso costo equipaggiato con: - una fotocamera digitale: Sony-NEX 5 - sensori per navigazione autonoma: real time GNSS/IMU - antenne per la telemetria Telemetria: l UAV è stato connesso a un computer remoto in real time attraverso una comunicazione wireless (Xbee frequenza: 2,4GHz) attraverso un antenna e comunica con il software inviando informazioni circa la posizione, l orientamento, l altezza e la velocità. Caratteristiche delle antenne: D-Link DWL-R60AT: patch antenna Tipologia: Micro-strip Patch Range di frequenza: GHz Guadagno: 6 dbi Sirio SLP-1.7: : log-periodica Tipologia : direzionale Range di frequenza : GHz Guadagno : 11 dbi

5 LA PIANIFICAZIONE I voli vengono pianificati usando un immagine satellitare georeferenziata per stabilire: convergenza del meridiano e declinazione magnetica - altezza media di volo: m velocità di volo - direzione - numero di strisciate Obiettivo: sovrapposizioni longitudinali: 75-90% sovrapposizioni trasversali: 60-80% strisciate trasversali di bordo Pianificazione dei parametri di volo dell UAV con Mikrokopter Tools: - posizione 2D dei waypoints in coordinate geografiche - altezza relativa rispetto a quella di partenza - velocità di ogni percorso e direzione di volo - area di ricerca dei waypoint

6 I CASI STUDIO: LA CAVA DI RORA Finalità: rilievo di aree non facilmente accessibili e in condizioni di non sicurezza utilizzando fotogrammetria da drone Peculiarità: sito con impossibilità di raggiungere alcune aree e collocare punti d appoggio sulla parete rocciosa Rilievo: 5 luglio 2013 Operatori: 4 Strumentazione: - antenna GNSS e ricevitore - stazione totale e prisma - UAV - fotocamera Sony Nex - PC per il controllo in remoto Tesi di Antonello Croce sviluppata in collaborazione con Marilena Cardu DIATI Politecnico di Torino

7 I CASI STUDIO: LA CAVA DI RORA Sono stati realizzati diversi voli: - 2 con l asse della camera orientato lungo la direzione nadirale - 1 orientato con camera orizzontale, per acquisire foto della parete rocciosa 1900 immagini sono state acquisite in circa 25 minuti di volo (sovrapposizione: 95%) Immagini selezionate: 33 - rosa: asse orizzontale - blu: acquisizioni nadirali Sovrapposizione: circa 60% Software utilizzati: PhotoScan di Agisoft LPS di ERDAS

8 L APPOGGIO TOPOGRAFICO Determinazione delle coordinate 3D di una serie di punti lungo la cava: - 2 vertici misurati con strumentazione GNSS in modalità statica per georeferenziare il modello - misurazione di 27 marker a terra con stazione totale (TS06 Leica Geosystems) sui 2 vertici NO MARKER SULLA PARETE VERTICALE Elaborazione: - software GEOSW - local reference system Rilievo topografico ed elaborazione Rilievo Elaborazione Tempo impiegato 1 h 1 h Operatori 2 1 PC per l elaborazione Sistema operativo Processore/RAM Lenovo S430 Windows8 Pro, 64 bit intelcore i7/ddr3 8 GB

9 POST PROCESSING Bundle Block Adjustment Modello 3D Tempo impiegato 2 h Operatori 1 PC per l elaborazione Lenovo S430 Sistema operativo Windows8 Pro, 64 bit Processore intelcore i7 RAM DDR3 8 GB L orientamento esterno è stato svolto collimando: - gli stessi punti (GCPs ) su ogni immagine e associandoli alle loro coordinate - Tie Points (TPs ), usando riferimenti naturali, quando I marker non erano sufficienti - Check Points (CPs ), usati per controllare la qualità dei risultati Residual errors < admissible errors (5 cm)

10 POST PROCESSING Creazione ortofoto solida Creazione dell Ortofoto Solida: immagine generata dalla fusione tra il DTM, che contiene le informazioni relative alla quota, e un ortofoto, che descrive la rappresentazione 2D Software STOPviewer: le informazioni 3D possono essere lette in un imagine 2D Un tool sviluppato dagli autori in linguaggio Visual Fortran, STOPGENerator, consente di generare queste informazioni: è possibile creare un singolo DTM dell intera area e, successivamente, associate ad esso, produrre le ortofoto strumento interdisciplinare

11 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD Finalità: Rilievo del letto del fiume, soggetto a rischi; confronto tra tecnica LiDAR e fotogrammetrica per la generazione del modello e l eventuale estrazione di informazioni relative al fondo del fiume Peculiarità: analisi del differente comportamento, e relativo contenuto informativo, da sensori laser e fotogrammetrici in presenza di acqua Stage 5x1000 per la documentazione metrica dei principali rischi ambientali del Centro di informazione ambientale per il recupero e la valorizzazione dei corsi d acqua alpini e dei loro ecosistemi (in particolare la lontra). Il centro è soggetto ai seguenti rischi: - caduta massi rilasciati dalla parete rocciosa che lo sovrasta - esondazione del torrente Savara, nel tratto subito a monte e limitrofo al centro e al paese di Rovenaud - frana immediatamente a valle del centro Rilievi: ottobre 2013 Operatori: - Strumentazione: - topografica/gnss - laser scanner Faro - UAV - fotocamera Sony Nex

12 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD Nuvola di punti da dati laser Nuvola di punti da dati fotogrammetrici

13 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD cm Nuvola di punti da laser scanner: - la definizione della nuvola è funzione della distanza dal punto di presa aumentando la distanza diminuisce la densità della nuvola - mancanza di informazioni in aree con presenza di acqua dati laser dati fotogrammetrici cm

14 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD cm cm

15 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD Generazione delle sezioni nel tratto di fiume in prossimità della cascata: laser (Scene) fotogrammetria (PhotoScan) fotogrammetria (MicMac) Soluzione migliore: MicMac Sviluppi futuri: quantificazione delle deformazioni dovute all acqua ancora presenti nella sezione modellata.

16 I CASI STUDIO: IL FIUME DI ROVENAUD Generazione delle sezioni nel tratto di fiume in prossimità della cascata: laser (Scene) fotogrammetria (PhotoScan) fotogrammetria (MicMac) Soluzione migliore: MicMac

17 I CASI STUDIO: ANTENNE DI MEDICINA Finalità: valutazione della possibilità di aumentare le precisioni partindo da riprese fotogrammetriche da UAV Peculiarità: pianificazione del rilievo in funzione delle precisioni attese Test site: Medicina (BO) Caratterizzazione di antenne per radioastronomia attraverso l utilizzo di droni. Collaborazione con IRA-INAF e CNR-IEIIT per il progetto SKA (Square Kilometer Array) Altezza di volo: 20 m Rilievo: 16 ottobre 2013 Operatori: 2 Strumentazione: - stazione totale e prisma - UAV - fotocamera Sony Nex - PC per il controllo in remoto

18 I CASI STUDIO: ANTENNE DI MEDICINA Parametri iniziali: - dimensione del pixel: 5,10 µm - lunghezza focale: 15,9757 mm - punto principale: x0 = - 0,0113, y0 = 0,0210 mm LPS di ERDAS Parametri inseriti: - coordinate 3D di 37 GCP - UTM ETRF2000 WGS84 fuso 32N - parametri di orientamento esterno sconosciuti Posizionamento di marker, appositamente creati, sul centro di ogni antenna Migliore individuazione del centro stesso in fase di elaborazione maggior precisione di collimazione

19 I CASI STUDIO: ANTENNE DI MEDICINA Residui sui Check Points Point ID re [m] rn [m] rh [m] Modello 3D Rilievo Elaborazione Tempo impiegato 1 h 30 min Operatori 2 1 PC per l elaborazione Lenovo S430 Sistema operativo Windows8 Pro, 64 bit Processore/RAM intelcore i7/ddr3 8 GB Possibilità di utilizzare marker codificati?

20 I CASI STUDIO: CAMERA MULTISPETTRALE Finalità: test con camera multispettrale al fine di definire la tipologia di modello ottenibile e caratterizzare la fotocamera stessa Peculiarità: utilizzo di dati diversi dal campo del visibile Rilievo: 16 luglio 2013 Operatori: 3 Strumentazione: - antenna GNSS e ricevitore - UAV - fotocamera TetraCam ADC Lite - PC per il controllo in remoto Un ringraziamento a Enrico Borgogno, Livio Pinto e Daniele Passoni per le analisi relative alla camera multispettrale

21 I CASI STUDIO: CAMERA MULTISPETTRALE c [mm] ξ0 [mm] Ƞ0 [mm] TetraCam ADC Lite fotocamera digitale nel visibile e nell infrarosso Autocalibrazione: (LPS di ERDAS) - poligono Laboratorio di Geomatica - 26 marker 8x8 cm - riprese fotografiche da camera Parametri iniziali: - dimensione del sensore: 6,59 x 4,90 mm - dimensione del pixel: 3,18 µm Risultati dell autocalibrazione Red Green Nir 8,1608 8,1610 8,5027-0,0042-0,0626 0,2225-0,0237-0,1456-0,1652 k1-2,29e-03-3,18e-03-1,85e-03 k2 8,93E-05 1,10E-04 1,33E-04 c [mm] corretta 8,089 8,057 8,458 10,00 20,00 5,00 5,00 10,00 0,00 0,00-5,00 0,00-10,00-5,00-20,00-15,00-20,00-10,00-30,00-25,00-40,00-30,00-15,00-50,00-35,00-60,00-40,00-20,00 0 0,5 0,5 1 1,5 1,5 2 2,5 2, ,5 1 1,5 2 2,5 3 y = -8,8498x -12,699x R² R² = 0,7813 0,7736 y = -5,2933x R² = 0,8516 C.distorsione C.distorsione C.distorsione corretta C.distorsione corretta Lineare (C.distorsione) Lineare (C.distorsione)

22 I CASI STUDIO: CAMERA MULTISPETTRALE Problemi: - trascinamento del pixel tra le bande - modelli molto rumorosi Software: - PhotoScan - MicMac

23 I CASI STUDIO: CAMERA MULTISPETTRALE Problemi: - trascinamento del pixel tra le bande - modelli molto rumorosi Software: - PhotoScan - MicMac

24 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Finalità: applicazione di tre software diversi sullo stesso test site: studio delle procedure applicative, tempi e risultati ottenibili Tesi di laurea magistrale Ingegneria Edile: Daniele Moia Software utilizzati: - MicMac - Pix4UAV - Correlator3D Rilievo: 16 luglio 2013 Operatori: 3 Strumentazione: - antenna GNSS e ricevitore - stazione totale e prisma - UAV - fotocamera TetraCam ADC Lite - PC per il controllo in remoto Tesi sviluppata in collaborazione con Filiberto Chiabrando DAD/DIATI Politecnico di Torino

25 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR MicMac (Interfaccia grafica): software Open Source sviluppato dall IGN. Ad oggi il software è principalmente operativo su Linux e Mac..si sta implementando la parte Windows. Tipologie di orientamento: - relativo - con Ground Control Points - con coordinate GPS dei centri di presa

26 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR MicMac (Interfaccia grafica): software Open Source sviluppato dall IGN. Ad oggi il software è principalmente operativo su Linux e Mac..si sta implementando la parte Windows. Tipologie di orientamento: - relativo - con Ground Control Points - con coordinate GPS dei centri di presa

27 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR MicMac (Interfaccia grafica): software Open Source sviluppato dall IGN. Ad oggi il software è principalmente operativo su Linux e Mac..si sta implementando la parte Windows. Tipologie di orientamento: - relativo - con Ground Control Points - con coordinate GPS dei centri di presa

28 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR MicMac (Interfaccia grafica): software Open Source sviluppato dall IGN. Ad oggi il software è principalmente operativo su Linux e Mac..si sta implementando la parte Windows. Tipologie di orientamento: - relativo - con Ground Control Points - con coordinate GPS dei centri di presa

29 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR MicMac (Interfaccia grafica): software Open Source sviluppato dall IGN. Ad oggi il software è principalmente operativo su Linux e Mac..si sta implementando la parte Windows. Tipologie di orientamento: - relativo - con Ground Control Points - con coordinate GPS dei centri di presa

30 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Pix4UAV : software sviluppato da Pix4d per l elaborazione di immagini aeree, che consente di combinare un grande numero di immagini, acquisite da piattaforme volanti leggere in mappe 2D e modelli 3D accurati. Pix4UAV permette di automatizzare quasi totalmente il processo fotogrammetrico. Unico requisito richiesto: localizzazione GPS approssimata delle immagini

31 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Pix4UAV : software sviluppato da Pix4d per l elaborazione di immagini aeree, che consente di combinare un grande numero di immagini, acquisite da piattaforme volanti leggere in mappe 2D e modelli 3D accurati. Pix4UAV permette di automatizzare quasi totalmente il processo fotogrammetrico. Unico requisito richiesto: localizzazione GPS approssimata delle immagini

32 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Pix4UAV : software sviluppato da Pix4d per l elaborazione di immagini aeree, che consente di combinare un grande numero di immagini, acquisite da piattaforme volanti leggere in mappe 2D e modelli 3D accurati. Pix4UAV permette di automatizzare quasi totalmente il processo fotogrammetrico. Unico requisito richiesto: localizzazione GPS approssimata delle immagini

33 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Pix4UAV : software sviluppato da Pix4d per l elaborazione di immagini aeree, che consente di combinare un grande numero di immagini, acquisite da piattaforme volanti leggere in mappe 2D e modelli 3D accurati. Pix4UAV permette di automatizzare quasi totalmente il processo fotogrammetrico. Unico requisito richiesto: localizzazione GPS approssimata delle immagini

34 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Correlator3D : software sviluppato da SimActive. Anche quest applicazione richiede la conoscenza dei centri di presa delle immagini. Altro requisito richiesto: modello digitale del terreno. Procedura iterativa nello svolgimento del Bundle Adjustment : - Camera Calibration - Boresight Calibration - Full External Orientation Boresight Calibration Errore: 100 pixel Full External Orientation Errore: 50 pixel Full External Orientation Errore: <1 pixel

35 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Correlator3D : software sviluppato da SimActive. Anche quest applicazione richiede la conoscenza dei centri di presa delle immagini. Altro requisito richiesto: modello digitale del terreno. Procedura iterativa nello svolgimento del Bundle Adjustment : - Camera Calibration - Boresight Calibration - Full External Orientation Boresight Calibration Errore: 100 pixel Full External Orientation Errore: 50 pixel Full External Orientation Errore: <1 pixel

36 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Correlator3D : software sviluppato da SimActive. Anche quest applicazione richiede la conoscenza dei centri di presa delle immagini. Altro requisito richiesto: modello digitale del terreno. Procedura iterativa nello svolgimento del Bundle Adjustment : - Camera Calibration - Boresight Calibration - Full External Orientation Boresight Calibration Errore: 100 pixel Full External Orientation Errore: 50 pixel Full External Orientation Errore: <1 pixel

37 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Correlator3D : software sviluppato da SimActive. Anche quest applicazione richiede la conoscenza dei centri di presa delle immagini. Altro requisito richiesto: modello digitale del terreno. Procedura iterativa nello svolgimento del Bundle Adjustment : - Camera Calibration - Boresight Calibration - Full External Orientation Boresight Calibration Errore: 100 pixel Full External Orientation Errore: 50 pixel Full External Orientation Errore: <1 pixel

38 I CASI STUDIO: LERI CAVOUR Pix4UAV : risultati migliori Poche operazioni: - inserimento centri di presa - specificazione sistema di riferimento - collimazione GCP No necessità certificato di calibrazione Possibilità di lavorare in Cloud Software a pagamento MicMac : risultati da affinare Possibilità di selezione del metodo di triangolazione. Inserimento manuale dei parametri di orientamento interno ove non presenti. Software open source

39 CONCLUSIONI Vantaggi: - sistemi a basso costo e facilmente trasportabili - sicurezza in aree difficilmente accessibili e instabili - acquisizioni rapide sul campo e con tempi di elaborazione relativamente brevi - possibilità di ottenere facilmente prodotti 2D e 3D misurabili - opportunità di generare prodotti utili come basi per nuove analisi - adattabilità della tecnica al singolo caso studio - possibilità di indagine del sito con diversi sensori, complementari e confrontabili. Svantaggi: - necessità di operatori esperti - problema di payload: talvolta è necessario svolgere più voli per coprire l intera area NON SEMPRE LA SOLUZIONE MIGLIORE RISIEDE NELL APPLICAZIONE DI UN UNICA TECNICA SPESSO E DA CONSIDERARE L INTEGRAZIONE DI APPROCCI/SOLUZIONI DIVERSE Sviluppi futuri: - sviluppo hardware/software - integrazione multisensoristica: informazioni oltre il visibile (termiche, Nir..) - implementazione di algoritmi di pre-selezione/elaborazione dei dati - verifica delle modalità applicative, operative e le criticità dei vettori basati su ala fissa - continuazione dei test sui software

40 RINGRAZIAMENTI PRIN , Research programs Tecniche geomatiche innovative ed emergenti di rilievo, telerilevamento e WEBGIS per la mappatura del rischio in tempo reale e la prevenzione del danno ambientale Un ringraziamento particolare a Enrico Borgogno, Livio Pinto e Daniele Passoni per le analisi relative alla camera multispettrale Antonello Croce e Marilena Cardu per la collaborazione sulla cava di Rorà IRA-INAF e CNR-IEIIT per la collaborazione relativa al progetto SKA Un ringraziamento speciale ad Antonia Spanò, Filiberto Chiabrando, Piero Boccardo e tutto il gruppo di studenti 5X1000 per le analisi realizzate a Rovenaud

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche Università degli Studi di Perugia DICA Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Via G. Duranti 93 06125 Perugia Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Geodati per tutti. sapere dove. swisstopo. Geodati Info 2015

Geodati per tutti. sapere dove. swisstopo. Geodati Info 2015 Geodati Info 2015 Geodati per tutti sapere dove swisstopo Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Ufficio federale di topografia swisstopo www.swisstopo.ch

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH Application Note 1 BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6 Technology and Application Engineering Martin GmbH Intro Gli utilizzatori delle stazioni Martin Expert 04.6, 07.6 e 09.6 possono utilizzare le oro

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli