E-LEARNING E SISTEMA UNIVERSITARIO OSSERVATORIO E-LEARNING 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-LEARNING E SISTEMA UNIVERSITARIO OSSERVATORIO E-LEARNING 2005"

Transcript

1 E-LEARNING E SISTEMA UNIVERSITARIO OSSERVATORIO E-LEARNING 200 Elena Valentini Evento di apertura di IeLM Sala Conferenze del CNIPA 6 aprile Osservatorio E-learning Osservatorio E-learning 200

2 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 Gruppo di lavoro-facoltà di Scienze della Comunicazione Università La Sapienza di Roma NOME E COGNOME Valerio Eletti (Direzione Scientifica) Mario Morcellini (Direzione Scientifica) Elena Valentini (Coordinamento) Luca Bernardo Vitaliano Capicotto Brunella D Errico Claudia Malvaso Lucia Senni Ivana Zodda RIFERIMENTO Docente di Editoria Multimediale e di Progettazione per la FaD Preside di Scienze della Comunicazione Dottoranda Laureata in Editoria Multimediale (Prof. Eletti) Dottorando Laureato in Soc. della Comunicazione (Prof. Morcellini) Laureando in Informatica Generale (Prof. Costa) Laureata in Informatica Generale (Prof. Costa) Laureata in Editoria Multimediale (Prof. Eletti) Laureata in Informatica Generale (Prof. Costa) Laureata in Informatica Generale (Prof. Costa) 3 Osservatorio E-learning 200 L elearning nelle Università italiane - SINTESI L Osservatorio elearning 200 per l Università (*) si è caratterizzato per: individuazione dei trend (confronto dei dati 200 con quelli 2003 e 2004) analisi di nuovi fenomeni (introduzione di nuove aree nell indagine 200) contestualizzazione dei casi italiani nel panorama internazionale (benchmark) (*) Realizzato da un gruppo di lavoro dalla Facoltà di Sc.della Comunicazione dell Università La Sapienza di Roma, in stretta collaborazione con il il Metid del Politecnico di Milano diretto da A. Colorni. 4 Osservatorio E-learning 200

3 L elearning nelle Università italiane - SINTESI Ecco in sintesi i dati salienti emersi dall indagine 200: in generale: è superato ormai il dibattito pro o contro l elearning nelle università: l attenzione si sta spostando sui problemi concreti da risolvere (più sui problemi metodologici, economici e normativi che su quelli tecnici) sul fronte tecnico, infatti, si allarga la presenza di centri elearning di ateneo, mentre le piattaforme commerciali perdono terreno di fronte alle soluzioni open source, controllabili in maniera più diretta sul fronte dei contenuti, servizi e consulenze, si rafforza la tendenza a scambiare esperienze con l esterno: in uscita: con la vendita di contenuti e consulenze didattico/metodologiche in entrata: con l acquisizione di consulenze di tipo tecnologico/organizzativo Una nuova ricerca dell Osservatorio quest anno è stata dedicata proprio al rapporto fra Ateneo e Territorio, per valutare l ingresso dell università nella vita socio-economica dell ambiente geografico circostante Osservatorio E-learning 200 L elearning nelle Università italiane - SINTESI Permangono però diversi ostacoli alla diffusione dei nuovi strumenti per la formazione. Il principale ostacolo per l affermazione dell elearning nelle università italiane è la mancanza di norme adeguate per la valorizzazione del lavoro dei docenti impegnati nell elearning: tutela del diritto d autore riconoscimento del lavoro fatto on line in sostituzione di quello da fare in presenza valorizzazione delle attività di elearning per la carriera universitaria 6 Osservatorio E-learning 200

4 L elearning nelle Università internazionali - SINTESI Chiudiamo la sintesi con uno sguardo su quanto avviene nelle altre università fuori dal nostro Paese: in tutto il mondo si sta consolidando l utilizzo dell elearning nelle università nella FaD universitaria si stanno affermando modelli ibridi di 1a, 2a e 3a generazione, con un recupero operativo dell e-reading inserito in processi di tipo cooperativo si cominciano a profilare iniziative internazionali per definire sistemi valutativi standard che permettano di comparare le esperienze delle diverse nazioni Si profilano due tipi di modelli elearning: Learning Objects vs Learning Activities corrispondenti a: Organizzation vs Education Inst. E veniamo alla presentazione della ricerca, con i dati quantitativi >>> 7 Osservatorio E-learning 200 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 METODO di analisi RISULTATI. Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali RISULTATI. Lo scenario italiano Analisi dei portali di tutti i 77 atenei italiani Modalità di impiego delle risorse Ict Visibilità delle attività di e-learning nei portali di ateneo Modalità di erogazione: confronto Consorzi e università telematiche Analisi delle risposte al Questionario Il campione esaminato Trend dei dati base dal 2003 al 200 Nuove osservazioni 200 Rapporti università - territorio 8 Osservatorio E-learning 200

5 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 METODO di analisi RISULTATI. Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali RISULTATI. Lo scenario italiano Analisi dei portali di tutti i 77 atenei italiani Modalità di impiego delle risorse Ict Visibilità delle attività di e-learning nei portali di ateneo Modalità di erogazione: confronto Consorzi e università telematiche Analisi delle risposte al Questionario Il campione esaminato Trend dei dati base dal 2003 al 200 Nuove osservazioni 200 Rapporti università - territorio 9 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Il metodo di analisi Lo scenario internazionale ed europeo Analisi di materiale informativo, progetti e ricerche su e-learning Site watching introduzione della tassonomia Unesco per la categorizzazione degli atenei Campione osservato 12 università già analizzate nell indagine 2004, con lo scopo di verificarne l eventuale evoluzione 18 nuovi casi, scelti con il criterio di una loro uniforme distribuzione su tutti i continenti, secondo la tassonomia Unesco 10 Osservatorio E-learning 200

6 RISULTATI dell Osservatorio Il metodo di analisi Lo scenario italiano 1. Analisi dei portali on line dei 77 atenei italiani Site watching dei 77 siti di ateneo e delle sezioni o dei portali Campus One. Sono stati esclusi i siti di Facoltà e di Corsi di Laurea Griglie di analisi sui parametri pregressi (2004) e sui nuovi parametri Campione osservato la totalità degli atenei italiani 11 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Il metodo di analisi Lo scenario italiano 2. Analisi dei risultati dei questionari distribuiti a tutti gli atenei* Questionario di analisi dell offerta di e-learning Riproposta delle domande del questionario 2004 Indagine di nuovi aspetti: motivazione e supporto docenti problema del diritto d autore offerta di e-learning delle università per PMI e territorio Individuazione dei casi di eccellenza per il rapporto università - territorio Inserimento di nuove domande nel questionario Invio di un secondo questionario agli atenei così individuati Campione osservato hanno risposto al primo questionario 34 atenei, pari al 44% del totale 12 Osservatorio E-learning 200

7 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 METODO di analisi RISULTATI. Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali RISULTATI. Lo scenario italiano Analisi dei portali di tutti i 77 atenei italiani Modalità di impiego delle risorse Ict Visibilità delle attività di e-learning nei portali di ateneo Modalità di erogazione: confronto Consorzi e università telematiche Analisi delle risposte al Questionario Il campione esaminato Trend dei dati base dal 2003 al 200 Nuove osservazioni 200 Rapporti università - territorio 13 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Evolution of an existing institution Università tradizionali che offrono sia corsi in modo tradizionale, sia in rete. È il modello prevalente in Italia. Newly created institution Università virtuali che erogano corsi esclusivamente in modo virtuale. In Italia solo di recente, con l istituzione e l accreditamento delle università telematiche, questo modello trova una prima applicazione. Consortium Consorzi di università (in alcuni casi anche privati) che erogano corsi a distanza. Il modello trova riscontro nella realtà italiana con il Consorzio Nettuno. Commercial enterprise offering online education Aziende che attivano e gestiscono offerte formative on line o università focalizzate su area business (offrono principalmente MBA on line full-time o part-time). 14 Osservatorio E-learning 200

8 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario internazionale Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evolution of an existing university AFRICA University of South Africa AMERICA Athabasca Univ. (Canada) Phoenix Univ. (Usa) Nova Southeastern University (Usa) ASIA EUROPA Umea University (Svezia) Utrech University (Olanda) Università di Brema (Germania) OCEANIA University of Southern Queensland (Australia) Deakin University (Australia) Newly created istitution African Virtual University (Kenya) Virtual University of Tunisia Capella University (Usa) Indira Gandhi Open Nat. Univ. (India) The Open University of Hong Kong International Cyber University (Korea) Syrian Virtual University Universitat Oberta de Catalunya (Spagna) The Open University (UK) CNED (Francia) FernUniversitaet in Hagen (Germania) Open Learning (Australia) Consortium Cardean University (Usa) Illinois Virtual Campus (Usa) Universitas 21Global (Singapore) Swedish Net University Agency (Svezia) Consorzio Canege (Francia) Finnish Virtual University (Finlandia) UK Healthcare Education Partnership (Gran Bretagna) E- Learnz (Nuova Zelanda) Commercial Enterprise LEGENDA LEGENDA Nuovi Nuovi casi casi analizzati analizzati solo solo nel nel Casi Casi analizzati analizzati nel nel e e nel nel Purple Train (Singapore) Virtual Global University (Germania) 1 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario internazionale Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Hanno registrato innovazioni significative rispetto ai parametri del 2004: aumento di studenti, corsi, poli decentrati, ecc e rispetto a nuovi parametri, in particolare per la certificazione qualità: in EUROPA: Universitat Oberta de Catalunya (Spagna), Utrecht University (Olanda) in AMERICA: Athabasca Open University (Canada) in ASIA: Indira Gandhi National University (India) in OCEANIA: University Of Southern Queensland (Australia) Non sono stati rilevati cambiamenti significativi invece nelle seguenti università: in AMERICA: Cardean University (USA) in EUROPA: Finnish Virtual University (Finlandia), Umea University (Svezia), UK Healthcare Education Partnership (Regno Unito), Università di Brema (Germania), Consorzio Canege (Francia) in AFRICA: University Of South Africa (Sud Africa) 16 Osservatorio E-learning 200

9 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario internazionale Alcune conclusioni sullo scenario internazionale l utilizzo dell elearning si sta diffondendo nelle istituzioni di tutti i continenti in quasi la metà del campione osservato si nota uno sforzo di miglioramento dei prodotti e dei servizi erogati, con particolare attenzione a: certificazione di qualità, moltiplicazione dei poli decentrati e dei relativi corsi (correlato spesso con un aumento di iscrizioni). progressiva tendenza verso la standardizzazione delle tipologie delle istituzioni che offrono prodotti e servizi di e-learning, come esemplificato dalla tassonomia Unesco* * la tassonomia Unesco, così come gli altri strumenti internazionali di classificazione, non prende in considerazione (almeno per ora) la qualità dei prodotti, dei metodi e dei servizi forniti e quindi nemmeno l efficacia, l efficienza e il gradimento dei contenuti e dei metodi adottati 17 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario internazionale Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali The Capella University (Usa) Newly created institution Phoenix University (Usa) Evolution of an existing university Universitas 21Global (Singapore) Consortium Virtual Global University (Germania) Commercial enterprise Deakin University (Australia) Evolution of an existing university AFRICA Il costo dei corsi di laurea dipende dalla tipologia. Alcuni esempi. Corso di laurea in Scienze: $ 1.7 ( 1.230) per 6 crediti formativi MBA: $ 1.62 ( 1.270) per 3 crediti formativi AMERICA Corso di laurea: $ 460 / credit hour* ( 30) Corso post-laurea: $ 70 / credit hour ( 440) Dottorato: $ 64 / credit hour ( 490) ASIA Variabile a seconda del paese di residenza degli studenti. Alcuni esempi. Programma full time per studenti residenti a Singapore: $ ( 9.130) MBA full time per studenti residenti in Italia: circa $ ( ) EUROPA Variabile a seconda del tipo di corso e del paese di residenza degli studenti. Alcuni esempi. MBA full-time: 2.10 per ogni semestre (per un totale di 4 semestri) MBA part-time: variabile in funzione del numero di corsi (il primo costa 0, i successivi 430); rata ridotta di a semestre per studenti residenti nei paesi del Terzo mondo. OCEANIA Corso di laurea: da $ 1.70 ( 1.360) a $ ( 2.020) per singolo corso MBA: $ ( ) *credit *credit hour hour = = ch ch = = un ora un ora di di lezione lezione Corso Corso di di laurea: laurea: ch ch Master: Master: ch; ch; Dottorato: Dottorato: ch ch 18 Osservatorio E-learning 200

10 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 METODO di analisi RISULTATI. Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali RISULTATI. Lo scenario italiano Analisi dei portali di tutti i 77 atenei italiani Modalità di impiego delle risorse Ict Visibilità delle attività di e-learning nei portali di ateneo Modalità di erogazione: confronto Consorzi e università telematiche Analisi delle risposte al Questionario Il campione esaminato Trend dei dati base dal 2003 al 200 Nuove osservazioni 200 Rapporti università - territorio 19 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching Partiamo dall osservazione sistematica della presenza dell elearning nei portali di tutti i 77 atenei italiani. Fra i tanti risultati ottenuti dall indagine, presentiamo qui alcuni dati significativi che contestualizzano e collocano l elearning nei portali delle università italiane. Ovvero: le modalità di impiego delle risorse Ict la visibilità delle attività di elearning nel sito di ateneo: naming del link profondità a livello gerarchico nel sito collocazione spaziale del link nella pagina le diverse modalità di erogazione utilizzate Completa questo quadro generale una prima indicazione sulle università telematiche, che costituiranno un tema da analizzare nel 2006, quando saranno tutte operative. Vediamo uno per uno questi punti >>> 20 Osservatorio E-learning 200

11 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching IL CONTESTO: LE MODALITA DI IMPIEGO DELLE RISORSE ICT 100% 90% 80% 70% 60% 0% 40% 30% 20% 10% 0% 94% (72) 83% (64) 70% (4) 70% (4) % (42) Gestione Comunicazione E-publishing Fad Trasmissione amministrativa eventi 23% (18) Altri servizi Le attività di FaD si inseriscono in un contesto che vede gli atenei italiani utilizzare la rete Internet per la gestione informatizzata di diversi servizi e contenuti digitali. Si registra una fruibilità generalizzata di servizi digitali con diffusione medio-alta a tutti i livelli considerati. Nota: l universo di di riferimento è pari a Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching VISIBILITA DELLE ATTIVITA DI E-LEARNING NEI SITI DI ATENEO: NAMING DEI LINK 3% 30% 2% 20% 1% 10% 31% (11) 22% (8) 17% (6) 8% (3) 22% (8) % 0% e-learning formazione a distanza didattica on line teledidattica altro Il naming più attribuito al link è quello appartenente all area semantica e-learning, seguito da quello di formazione a distanza e didattica on line ; il termine teledidattica si usa in minima parte. In un caso su 4 per nominare il link si usa il nome dal progetto di e-learning o altri termini come web-didattica, corsi a distanza, webcorsi ecc. Nota: l universo di di riferimento è pari a Osservatorio E-learning 200

12 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching VISIBILITA DELLE ATTIVITA : PROFONDITA A LIVELLO GERARCHICO DEI LINK 3% 30% 2% 33% (12) 2% (9) 2% (9) 20% 1% 10% % 6% (2) 6% (2) 3% (1) 3% (1) 0% 2 click 1 click 3 click 6 click 7 click 4 click click Il link alle attività di e-learning è in home page in un sito su 4, a due click in un sito su 3, a 3 click in un sito su quattro. Resta un ateneo su in cui servono dai 4 fino ai 7 click per raggiungere le attività di e-learning. Nota: l universo di di riferimento è pari a Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching MODALITA DI EROGAZIONE (32%) 44 (7%) 10 (13%) 28 (36%) (6%) 11 (14%) e-learning teledidattica web enhanced Indagine 2004 Indagine 200 Aumenta decisamente la diffusione di tutte le modalità di erogazione. L elearning propriamente detto continua ad essere la modalità di erogazione più diffusa, scavalcando la soglia del 0% Nota: l universo di di riferimento è pari a Osservatorio E-learning 200

13 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: site watching Università telematiche e consorzi utili all elearning Università telematiche non statali accreditate* Guglielmo Marconi (Decreto Gazzetta Ufficiale n.6 del ) TEL.M.A. (Decreto Gazzetta Ufficiale n.122 del ) Leonardo Da Vinci (Decreto Gazzetta Ufficiale n.269 del ) UniNettuno (Decreto.04.0 Gazzetta Ufficiale n. 109 del ) Consorzi che si occupano di innovazione tecnologica CINI - Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CISIR-Consorzio Interuniversitario per i Servizi Innovativi in Rete CNIT - Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni Consorzi che erogano corsi in teledidattica ed e-learning FOR.COM Formazione per la comunicazione ICON - Italian Culture on the Net NETTUNO - Network per l'università Ovunque * I I dati sono aggiornati a settembre Osservatorio E-learning 200 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 METODO di analisi RISULTATI. Lo scenario internazionale Modelli emergenti di università virtuali: la tassonomia Unesco Università virtuali analizzate: per continente, secondo la tassonomia Unesco Evoluzione delle università esaminate nel 2004 Tipologie di prezzi e tasse per i corsi on line internazionali RISULTATI. Lo scenario italiano Analisi dei portali di tutti i 77 atenei italiani Modalità di impiego delle risorse Ict Visibilità delle attività di e-learning nei portali di ateneo Modalità di erogazione: confronto Consorzi e università telematiche Analisi delle risposte al Questionario Il campione esaminato Trend dei dati base dal 2003 al 200 Nuove osservazioni 200 Rapporti università - territorio 26 Osservatorio E-learning 200

14 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari E proseguiamo con l analisi delle risposte inviate da 34 atenei (44%) al questionario diffuso alla totalità dell universo in esame (77 atenei). Fra i numerosi risultati ottenuti dall indagine, presentiamo qui alcuni dati significativi. Ovvero: le macrotendenze che emergono nel confronto fra i dati del 200, 2004 e 2003 le difficoltà per la diffusione dell elearning nelle università incentivo o supporto al docente interessato all elearning assistenza tecnica per lo sviluppo di elearning valutazione dei docenti che avviano percorsi in elearning assistenza ai docenti durante l erogazione in elearning rapporto fra università e territorio Vediamo uno per uno questi punti >>> 27 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Università che hanno partecipato attivamente all indagine 200 Il questionario dell Osservatorio 200 è stato inviato a tutti i 77 atenei italiani. Hanno risposto 34 Università, pari al 44% del totale: Bergamo, Bolzano, Cagliari, Calabria, Ferrara, Foggia, Genova, L Aquila, Liuc - Carlo Cattaneo di Castellanza, Lumsa, Macerata, Messina, Milano Bocconi, Milano Bicocca, Milano Statale, Modena e Reggio Emilia, Napoli Federico II, Napoli Orientale, Piemonte Orientale, Politecnico di Bari, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Roma La Sapienza, Roma 3, Roma Campus Biomedico, Siena, Trento, Urbino, Udine, Università per Stranieri di Perugia, Università Politecnica delle Marche, Tuscia, Valle d Aosta, Venezia Il campione risulta significativo. 28 Osservatorio E-learning 200

15 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Confronto rispetto a parametri base Indicatori Osservatorio 2003 Osservatorio 2004 Osservatorio 200* Università che offrono e-learning 72,2% 83% 8% Università con centro di ateneo (dedicato o informatico) 26% 7% 82% Università con piattaforma sviluppata inhouse vs outsourcing % vs 17% 24% vs 38% 26% vs 3% Principali difficoltà nell adozione di modalità e-learning 1. Diffidenza verso metodologie poco sperimentate 1. Diffidenza e scarsa informazione 2. Scarse risorse umane dedicabili 3. Alti costi di investimento e gestione 1. Scarse risorse umane dedicabili 2. Diffidenza e scarsa informazione e formazione del corpo docente Principali motivazioni nell adozione di modalità e-learning 1. Maggiore qualità ed efficacia di apprendimento 1. Maggiore flessibilità ed efficienza 2. Maggiore qualità didattica 1. Maggiore qualità didattica 2. Maggiore flessibilità ed efficienza 29 Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Sono previste forme di incentivo e supporto che motivino il docente all impiego dell e-learning? 2 22 (6%) (29%) 10 7 (21%) (1%) 1 (3%) 3 (9%) 0 Si, supporto tecnico Si, forme di No, nessuna tutela del diritto d autore Si, le ore in Si, presenza sonoriconoscimento sostituite da dell impegno quelle a didattico a distanza livello di carriera Altro il il campione è pari a università su su commentiamo questi dati 30 Osservatorio E-learning 200

16 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Sono previste forme di incentivo e supporto che motivino il il docente all impiego dell e-learning? (6%) (29%) 7 (21%) (1%) 1 (3%) 3 (9%) 0 Si, Si, supporto supporto Si, Si, forme forme di di No, No, nessuna nessuna Si, Si, le le ore ore in in Si, Si, tecnico tecnico tutela tutela del del diritto diritto presenza presenza sono sonoriconoscimento d autore d autore sostituite sostituite da da dell impegno quelle quelle a didattico didattico a distanza distanza livello livello di di carriera carriera Altro Altro Solo il 3% degli atenei del campione prevede il riconoscimento dell impegno didattico on line a livello di carriera il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Sono previste forme di incentivo e supporto che motivino il il docente all impiego dell e-learning? (6%) (29%) 7 (21%) (1%) 1 (3%) 3 (9%) 0 Si, Si, supporto supporto Si, Si, forme forme di di No, No, nessuna nessuna Si, Si, le le ore ore in in Si, Si, tecnico tecnico tutela tutela del del diritto diritto presenza presenza sono sonoriconoscimento d autore d autore sostituite sostituite da da dell impegno quelle quelle a didattico didattico a distanza distanza livello livello di di carriera carriera Altro Altro Solo nel 1% dei casi l attività svolta dal docente per l elearning va a compensare il lavoro da fare in presenza il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200

17 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Sono previste forme di incentivo e supporto che motivino il il docente all impiego dell e-learning? (6%) (29%) 7 (21%) (1%) 1 (3%) 3 (9%) 0 Si, Si, supporto supporto Si, Si, forme forme di di No, No, nessuna nessuna Si, Si, le le ore ore in in Si, Si, tecnico tecnico tutela tutela del del diritto diritto presenza presenza sono sonoriconoscimento d autore d autore sostituite sostituite da da dell impegno quelle quelle a didattico didattico a distanza distanza livello livello di di carriera carriera Altro Altro si comincia ad affacciare la possibilità di riconoscere i diritti d autore: vengono attualmente riconosciuti in un caso su tre il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Sono previste forme di incentivo e supporto che motivino il il docente all impiego dell e-learning? (6%) (29%) 7 (21%) (1%) 1 (3%) 3 (9%) 0 Si, Si, supporto supporto Si, Si, forme forme di di No, No, nessuna nessuna Si, Si, le le ore ore in in Si, Si, tecnico tecnico tutela tutela del del diritto diritto presenza presenza sono sonoriconoscimento d autore d autore sostituite sostituite da da dell impegno quelle quelle a didattico didattico a distanza distanza livello livello di di carriera carriera Altro Altro nel resto dei casi non viene data alcuna forma di incentivo (21%) o al più un supporto tecnico (6% degli atenei). il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200

18 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari L assistenza tecnica è offerta ai docenti durante lo sviluppo del corso e sono incoraggiati ad usufruirne 1 non presente 9% 9% 9% 18% 2 poco presente 3 parzialmente presente 21% 4 largamente presente 34% completamente presente non risposte/non so Il supporto tecnico è abbastanza diffuso, a conferma di quanto già rilevato, seppur con livelli variabili: da parzialmente a largamente presente nel 6% degli atenei. il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari I docenti sono valutati durante il processo di cambiamento che li vede passare dall insegnamento in aula all insegnamento on line 1 non presente 6% 6% 6% 18% 12% 2% 2 poco presente 3 parzialmente presente 4 largamente presente completamente presente non risposte/non so In generale gli atenei non hanno ancora maturato pienamente al proprio interno la capacità di valutazione necessaria per l inserimento dell e-learning nei percorsi formativi: la valutazione è infatti assente o poco presente complessivamente nel 64% dei casi il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200

19 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari L assistenza e la formazione dei docenti continuano durante lo sviluppo e l erogazione del corso on line 9% 3% 9% 18% 1 non presente 2 poco presente 3 parzialmente presente 37% 24% 4 largamente presente completamente presente non risposte/non so Un altra criticità è rappresentata dall assistenza e dalla formazione dei docenti durante lo sviluppo e l erogazione dei corsi on line: è assente o poco presente nel 42% dei casi. il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Rapporti tra Università e territorio Avete svolto o avete intenzione di attuare attività di e- learning per aziende o associazioni del territorio (ad esempio associazioni degli industriali e degli artigiani locali)? Si, abbiamo avviato attività di e- learning per PMI e associazioni locali 16% 26% No, non abbiamo avviato attività di e-learning per PMI e associazioni locali, ma abbiamo intenzione di farlo entro il il prossimo anno No, non abbiamo avviato attività di 8% e-learning per PMI e associazioni locali e non abbiamo intenzione di farlo per il il momento Gli atenei che hanno dato risposta affermativa sono otto: Bocconi Milano, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, Siena, Udine, Urbino, Valle d Aosta, Venezia. Secondo molti atenei la tendenza dovrebbe consolidarsi e aumentare il il campione è pari a università su su Osservatorio E-learning 200

20 RISULTATI dell Osservatorio Lo scenario italiano: questionari Rapporti tra Università* e territorio Al questionario di approfondimento hanno riposto l Università di Ferrara la Ca Foscari di Venezia e la Carlo Bo di Urbino Finalità definire possibili modelli di e-learning applicabili alla formazione avanzata e continua analizzare e sviluppare metodologie a supporto della gestione e valutazione di progetti di e-learning per le realtà produttive delle micro imprese progettare e realizzare ambienti di formazione funzionali ai bisogni delle aziende private Organizzazione interna media risorse umane impiegate: circa 10 (progettista, esperto di contenuti, tutor, ecc.) strutture coinvolte: strutture dedicate all e-learning (es.: Carid a Ferrara), centri che hanno avviato altre attività di e-learning (es.: Ssis Veneto per Ca Foscari), Dipartimenti dell Università, ecc. Target PMI e Associazione Industriali, personale di enti pubblici, professionisti occupati, quadri o dirigenti bisognosi di qualificazione o riconversione professionale, ecc. Costi e investimenti Una forchetta molto ampia cha va dai 12 mila per singolo progetto ai 400 mila in totale 39 Osservatorio E-learning 200 L elearning nelle Università - RISULTATI dell Osservatorio 200 Per i dettagli della ricerca si veda la pubblicazione del volume Osservatorio elearning 200 oppure contattare la Segreteria Anee: oppure contattare il responsabile o il coordinatore del Gruppo di lavoro di Scienze della Comunicazione dell Università la Sapienza di Roma: 40 Osservatorio E-learning 200

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

WEB LEARNING: ESPERIENZE, MODELLI E TECNOLOGIE

WEB LEARNING: ESPERIENZE, MODELLI E TECNOLOGIE WEB LEARNING: ESPERIENZE, MODELLI E TECNOLOGIE Alberto Colorni Nell articolo vengono presentate alcune regole per orientarsi nello sviluppo (ma anche nella valutazione) di progetti di e-learning, viene

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

0.414.994.541. Accordo

0.414.994.541. Accordo Testo originale 0.414.994.541 Accordo tra il Consiglio Federale Svizzero ed il Governo della Repubblica Italiana sul reciproco riconoscimento delle equivalenze nel settore universitario Concluso il 7 dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Iscrizioni Part Time ai corsi dell Ateneo di Firenze Valutazione di una nuova opportunità Comitato Pari Opportunità Nucleo di Valutazione Interna Ufficio di Supporto al

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli