My Blender Tutorial (Finalizzato alla stampa 3D)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "My Blender Tutorial (Finalizzato alla stampa 3D)"

Transcript

1 My Blender Tutorial (Finalizzato alla stampa 3D) Augusto Scatolini Miniguida n Ver. Agosto 2014

2 Blender è un software libero e multi-piattaforma di modellazione, rigging (armatura), animazione, compositing (composizione di vari livelli) e rendering di immagini tridimensionali. È disponibile per vari sistemi operativi: Microsoft Windows, Mac OS X, GNU/Linux, FreeBSD, assieme a porting non ufficiali per BeOS, SkyOS, AmigaOS, MorphOS e Pocket PC. Blender di fatto è un programma portatile, non si installa, né su Windows, né su GNU/Linux, si copia la cartella/directory e si avvia l'eseguibile. Dopo aver scaricato il software dal sito lanciamo l installer e seguiamo le istruzioni (su Windows) oppure scompattiamo l archivio e clicchiamo su blender.exe (o Blender su Linux e Mac): comparirà subito il classico splash screen che possiamo far scomparire cliccando in un punto qualsiasi dello schermo. Contenuti Blender è certamente un programma complesso e per coglierne tutte le funzioni servono mesi, se non anni, di continua applicazione. Per questa mini-guida, si è deciso di procedere analizzandone gli aspetti fondamentali, ovvero le funzioni che permetteranno all utente di dominarne l interfaccia e di creare oggetti tridimensionali di base per poterli successivamente stampare in 3D. Sarà sufficiente, per questa finalità, esportare l'oggetto blender come file STL (STereo Lithography interface format oppure Standard Triangulation Language ).

3 Interfaccia Per semplificare il riconoscimento delle aree sono stati scelti colori diversi, per garantire la più chiara delle comprensioni. Prendiamo ad esempio l area azzurra, sul lato destro dello schermo, definita la Finestra delle Properties. Vediamo prima di tutto come possegga un Header, cioè un intestazione. Lo possiedono tutte le finestre. L Header contiene le informazioni principali della finestra sotto forma di menù a tendina, ma a volte anche pulsanti con varie funzioni. Per cambiare tipologia alla finestra, basta cliccare sull icona più a sinistra dell Header. Il menu L elenco che compare contiene tutte le tipologie di finestra e ognuna ha una sua funzione, quasi si trattasse di tanti programmi indipendenti. La 3D View di Blender La 3D View è l area verde della figura precedente. È composta principalmente da un layer sul quale è possibile posizionare oggetti e muoverli nella consuete tre dimensioni: x, y e z. L area verde è un pannello che possiamo aprire e chiudere premendo il tasto N. All interno ci sono le proprietà dell ultimo oggetto selezionato, che viene definito attivo L area rossa viene definita Tool Shelfs (Scaffale di strumenti) e contiene la maggior parte degli strumenti che possiamo utilizzare sugli oggetti selezionati. In questo pannello appaiono temporaneamente le opzioni degli strumenti che vengono proposti nella 3D View. L area blu è la cosiddetta Header della finestra, dove troviamo diversi strumenti per agire sugli oggetti della 3D View e su meccanismi come i layer.

4 Avviamo Blender, chiameremo la zona centrale 3D View, blocchiamo il tastierino numerico. Proviamo ad usare i tasti 4,5,6,2,8,+ e 4 ruota in senso antiorario 5 alterna la vista ortogonale con quella in prospettiva 6 ruota in senso orario 2 ruota verso l'alto 8 ruota verso il basso + zoom in - zoom out se non accade nulla si deve agire sull'icona mostrata in figura (3D manipulator) o usare la scorciatoia Ctrl + spazio proviamo ad usare anche i tasti 1, Ctrl+1, 3, Ctrl+3, 7, Ctrl+7 1 Ctrl+1 3 Ctrl+3 7 Ctrl+7 vista Fronte vista Dietro vista Destra vista Sinistra vista Sopra vista Sotto inoltre con la rotellina del mouse si zummare in e out (dinamicamente) mentre muovendo il mouse tenendo premuta la rotellina si può ruotare l'oggetto in tutte le direzioni che cosa c'è sullo schermo? Il cursore 3D, oggetto 3D (un cubo), centro dell'oggetto, camera cambiamo la tendina da Object Mode a Edit Mode. Per semplicità, possiamo usare il tasto TAB per questa operazione quando il 3D manipulator è attivo appaiono i 3 assi x,y,z ed è possibile spostare l'oggetto lungo i 3 assi selezionando l'asse e agendo con il mouse

5 per ruotare l'oggetto si deve attivare prima l'icona a forma di curva sul trasformatore 3D dopo di che appariranno tutte le possibili direzioni di rotazione per scalare l'oggetto lungo i 3 assi si deve prima attivare la terza icona (a destra della curva) appariranno i 3 assi per i quali è possibile scalare l'oggetto le tre operazioni appena provate sono possibile anche tramite le prime tre voci del menu Transform della scheda Tools Tranaslate = sposta Rotate = ruota Scale = scala In realtà esiste un modo molto veloce per evitare di usare sempre i manipolatori, ovvero i tasti rapidi ai quali si possono aggiungere le direzioni X,Y e Z e dei valori: G per lo spostamento (Grab); R per la rotazione (Rotation); S per la scala. Telecamera Per visualizzare l'oggetto sullo schermo, Blender usa una telecamera virtuale, premere il tasto 0 del tastierino per visualizzare la scena dalla telecamera (vista camera) e poi premere il tasto 5 per tornare indietro (vista ortho) per scattare una foto di questa vista premere il tasto F12 Osserviamo le 12 icone dei pulsanti sulla destra render render layers scene world ognuno di questi pulsanti apre un proprio menu nella zona sottostante

6 5 object 6 constrains 7 modifiers 8 data 9 material 10 texture 11 particles 12 physics cancelliamo l'oggetto cubo selezionandolo e premendo il tasto Canc o Del aggiungere un oggetto (primitiva) poniamoci nella vista dall'alto (top ortho) premendo il tasto 7 quando diciamo a Blender di aggiungere un oggetto nella scena, lo inserirà nella posizione del Cursore3D. E' ora di dare il comando da menu Add/Mesh/Monkey oppure selezionare Monkey dal menu laterale Create L'oggetto rappresenta la mascotte del programma, e si chiama Suzanne. Agendo sui materiali e sulla rotazione possiamo ottenere qualcosa di simile. Per migliorare l'aspetto possiamo operare con il comando smooth (smussamento)

7 Attiviamo il settimo pulsante modifiers e premiamo su Add Modifier. Una volta visualizzato il menu delle opzioni scegliamo Subdivision Surface applichiamo la subdivision e l'aspetto migliorerà sicuramente perché ogni sfaccettatura è stata moltiplicata per quattro, collocare la scena come ci fa comodo a noi e successivamente posizionare la telecamera nel punto in cui ci troviamo noi come osservatori dal monitor. Per questo esiste il comando View/Align View/Align Active Camera to View o [Control+Alt+Numpad 0] Uno o più oggetti che sono stati selezionati possono essere duplicati tramite Object/Duplicate o [Shift+D].

8 Iniziamo un nuovo progetto e usiamo il nostro cubo iniziale per una nuova modalità di editing: Edit Mode. Per attivarla il percorso più breve è il tasto [Tab], sebbene possiamo utilizzare il riquadro di icone nella parte inferiore della 3D View: Da questa modalità di editing potremo effettuare modifiche relative ai vertici, lati e facce dell'oggetto. La modalità di selezione è la stessa dell'object Mode (che è il modo nel quale abbiamo lavorato fino ad ora), cioè con il pulsante destro del mouse (in questo caso "bianco" significa selezionato). Seleziona un vertice e muovilo. Per annullare l'ultimo comando è sempre possibile premere Ctrl + Z siamo in vista ortho e modalità edit Se si trascina il mouse sopra il Trasformatore 3D facendo clic sul cerchio bianco invece che su una delle frecce ottenute, si sposterà il vertice parallelamente al punto di vista. Il tasto [G] attiva la traslazione, sia in Edit Mode che in Object Mode (e lo farà secondo il parallelo al piano del monitor). Questo significa che ciò che hai selezionato si sposta con il mouse dopo aver premuto questo tasto. Una volta dato il comando G, se vogliamo limitare il movimento a uno degli assi X Y Z, dovremo premere uno dei tasti relativi. Per esempio dopo aver premuto per primo G e poi Z appare un asse rappresentativo per lo spostamento come indicazione della direzione al quale è stato vincolato il movimento.

9 Le proprietà di scala e di rotazione sono direttamente influenzate dal centro loro assegnato. Di solito il pivot (punto di rotazione e scala) sarà il centro dell'oggetto che abbiamo visto costantemente rappresentato da un punto arancione. Quando un oggetto appare sulla scena il suo centro si trova nel centro geometrico. Se spostiamo l'oggetto si muoverà anche questo centro. Ma se passiamo ad Edit Mode, selezioniamo tutti i punti e li muoviamo, notiamo che il centro non si muove con essi. La barra di menu di sinistra appaiono e scompaiono con il tasto T Estrusione: L'arma più potente di un programma 3D Con il cubo iniziale di Blender andiamo a selezionare una faccia in Edit Mode. Ci sono diverse possibilità: Selezionare per punti, per lati, per facce Per eseguire l'estrusione c'è il comando Mesh/Extrude, o il tasto [E]. Quindi sposta il mouse e concludi l'operazione con un clic È possibile visualizzare l'oggetto in diversi modi, uno di questi è chiamato Wireframe o fil di ferro Le viste più usate sono Wireframe e Solid. Il modo migliore per alternare tra loro è tramite il tasto [Z].

10 Aggiungere una mesh quando ce n'è già un'altra nella scena ***** se aggiungi una nuova mesh in Object Mode essa sarà un oggetto separato da tutti gli altri, ma se l'aggiungi in Edit Mode, la mesh sarà aggiunta a quella selezionata. In questo secondo caso le due entità avranno un solo centro. Non potrai disporre di esse separatamente in Object Mode quando vorrai selezionarne una parte alla volta (per esempio solo il primo o il secondo oggetto) dato che quando selezionerai il primo selezionerai anche il secondo oggetto (e viceversa). Nel caso vogliamo disporre dei due oggetti in modo indipendente, dobbiamo separarli. Il metodo più abbordabile a nostra disposizione al momento è di andare in Edit Mode e selezionare almeno un vertice della mesh. Una volta selezionato, clicca sul menu Mesh/Vertex/Separate o premi il tasto [P]. Blender ti chiederà il criterio secondo il quale attuare la separazione. L'inverso, o unione delle mesh (Join Mesh), si fa dall'object Mode. Una volta selezionate le mesh che si vogliono unire, dal menu selezionate Object/Join Object o utilizzate il tasto Ctrl+J]. Seleziona Tutto Sia in Object Mode che in Edit Mode si utilizza il comando del menu Select/SelectDeselect All. Il consiglio è quello di abituarsi a passare a selezionare e deselezionare tutto utilizzando il tasto [A].

11 OPERATIVAMENTE Una delle prime operazioni da effettuare per utilizzare Blender al meglio è settare le unità di misura. Nella scheda Scene (3 dei 12 pulsanti orizzontali) della Properties Window il parametro di default è None, e le unità di misura saranno quindi le B.U. (Blender Units), che ciascuno può far corrispondere a ciò che vuole (1 b.u. può cioè corrispondere a un metro, un chilometro o qualunque altra misura). Conviene però selezionare Metric per ragionare in termini di sistema metrico. In questo modo il cubo di default avrà come dimensioni 2 m di lato; per trasformare i metri in centimetri è sufficiente settare a il valore di Scale. Ora quindi il cubo ha lato pari a 2 cm. Conviene poi anche riportare la griglia in proporzione; per far ciò bisogna attivare la Transform Window (tasto N), andare alla voce Display e, alla voce Grid floor settare Scale a E ovviamente possibile, a questo punto, salvare queste impostazioni come di default: File Save startup file. Oppure premere Ctrl+U Blender in italiano Vi illustro come, in Blender, sia possibile impostare la lingua italiana sia per l'interfaccia che per i suggerimenti. Anche se, per come la vedo io, sia utile mantenere la lingua inglese di default in Blender, in maniera da avere, fin da subito, chiara la terminologia usata nella scienza della Computer Graphics, vedremo come far "parlare" l'italiano a Blender! Andiamo su "File->User Preferences" e spostiamoci nella scheda "System":

12 Attiviamo la casella "International Fonts" e scegliamo l'italiano come lingua: Attiviamo "Interface" (interfaccia) e "Tooltips" (suggerimenti) per la traduzione (frecce verdi in figura). Ed ecco l'interfaccia di Blender in Italiano! Misurare le dimensioni di un oggetto Una volta settate le unità di misura in cm (vedi sopra), per misurare il lato del cubo che abbiamo sullo schermo è opportuno cambiare la vita dall'attuale a dall'alto con il tasto 1 o dal menu Vista

13 zummando l'angolo in basso a sinistra (con Shift+B) e posizionando il cursore del mouse sull'angolo si potranno vedere le coordinate x,y e z del punto selezionato a destra nel pannello delle proprietà. Specificatamente possiamo vedere che X è uguale -1,00 cm se ora ci posizioniamo sull'angolo destro potremo vedere il valore di X che è pari a 1,00 quindi il lato del cubo misura 2,00 cm

14 Costruiamo un tavolino Partiamo dal solito cubo ruotandolo con il mouse, possiamo notare che il piano attraversa il cubo quindi alziamo il cubo sopra il piano trascinando la freccia di colore blue Ora con il tasto S (scala) e Z (asse verticale) possiamo scalare il cubo in modo da formare una tavola come mostrato in figura Sempre con il tasto S e Y e poi S e X possiamo modificare la lunghezza e la larghezza Come si fanno le gambe del tavolo? Clicchiamo il tasto Tab e poi Strumenti Mesh Aggiungi suddividi il piano si suddividerà in quattro e continuando con il comando suddividi si otterrà qualcosa come:

15 Ora selezioniamo i seguenti 4 quadratini e clicchiamo su estrudi regione ottenendo questo risultato Per costruire una sedia è sufficiente duplicare l'oggetto con modifica e duplica modificare le dimensioni dell'oggetto modificato zummarlo con Shift+B e passare in modalità modifica con il tasto Tab ora selezioniamo tutti i quadratini di una fila con il tasto destro del mouse tendo premuto Shift

16 e stiriamo in alto lo schienale con il comando estrudi regione abbiamo modellato una sedia ma non appoggia sul piano abbassiamo la sedia con il comando trasla operando con i comandi duplica, trasla, ruota possiamo ottenere un tavolo e 4 sedie eseguendo un semplice render possiamo avere un'idea più realistica della scena

17 Settare viste multiple Per modellare un oggetto in 3d è fondamentale tenere sotto controllo tutte e tre le dimensioni contemporaneamente; lavorando in questo modo sarà più semplice gestire la tridimensionalità degli elementi, evitando errori ed imprecisioni indesiderate. Per suddividere l'area di lavoro (verticalmente) porta il puntatore del mouse in basso appena sotto alla scritta "Object Mode". Il puntatore diventerà una freccia a due punte: fai quindi click con il tasto destro e seleziona "Split Area". Spostando il mouse vedrai una linea verticale, che si muoverà in base al tuo movimento, che delimiterà la suddivisione dell'area di lavoro. Quando sei soddisfatto fai click con il tasto sinistro per impostarla. Per suddividere l'area di lavoro (orizzontalmente) porta il puntatore del mouse verso destra alla fine della finestra 3D. Il puntatore diventerà una freccia a due punte: fai quindi click con il tasto destro e seleziona "Split Area". Spostando il mouse vedrai una linea orizzontale, che si muoverà in base al tuo movimento, che delimiterà la suddivisione dell'area di lavoro. Quando sei soddisfatto fai click con il tasto sinistro per impostarla. Puoi ripetere questa operazione più volte, per ottenere più sezioni diverse. Se, nel corso del progetto, vuoi modificare questa suddivisione, porta il cursore sulla linea che separa le due viste e, sempre facendo click con il tasto destro, seleziona "Join Area". Scegli le viste che vuoi visualizzare: nella barra in cui è posto "Object Mode", puoi trovare il menu View, che contiene l'elenco delle viste che hai a disposizione (Left, Right, Back, Front, Bottom e Top). Dato che stai lavorando su un cubo non noterai differenze, poiché le facce sono tutte uguali. Quindi, prova a modificare il cubo, per renderlo un parallelepipedo: scala, ad esempio, il solido in base alle diverse dimensioni, con il comando S da tastiera, seguito da X, Y o Z, a seconda dell'asse sul quale vuoi effettuare la modifica. In questo modo vedrai che, utilizzando aree di lavoro impostate con viste diverse, potrai sempre tenere sotto controllo la modellazione del tuo oggetto 3D. E' consigliabile lavorare su quattro viste: frontale, dall'alto, laterale e 3D. Per eliminare una vista (l'ultima) posizionare il mouse sul triangolo in alto a destra e trascinarlo verso la penultima vista: le due viste si fonderanno.

18 Bucare un oggetto Blender Riprendiamo la sedia che abbiamo costruito in precedenza, (se salvata), altrimenti ricostruiamola velocemente. Poi selezioniamo lo schienale sia di fronte che posteriormente e sub-dividiamo le superfici 2 volte come mostrato in figura. Selezioniamo le facce come mostrato in figura, prima anteriormente e cancelliamole poi posteriormente e cancelliamole. Otterremo una sorta di buco nello schienale della sedia: Ripetendo la stessa procedura un po' più in alto, otterremo una sedia un po' più realistica.

19 In realtà, abbiamo bucato lo schienale della sedia ma abbiamo anche eliminato delle facce interne, pertanto l'oggetto non è più chiuso e non è più stampabile con una stampante 3D. Infatti se ci posizioniamo, come punto di vista, dentro il buco, potremo vedere la faccia superiore della spalliera, la faccia frontale e quella posteriore, dall'interno. Mancano due facce. La stessa cosa è successa con il secondo buco Bucare veramente un oggetto Blender Per bucare veramente un oggetto Blender, come il cubo ad esempio, si deve aggiungere un oggetto cilindrico (per esempio) al cubo e poi sottrarlo usando il metodo Booleano: Apriamo Blender, cancelliamo il cubo, settiamo la vista da sopra e posizioniamo il cursore 3D esattamente al centro degli assi X e Y Con il menu crea aggiungiamo un cubo, dividiamo la vista in due e settiamo la vista nella seconda finestra come 3D

20 Aggiungiamo, a questo punto, un cilindro. Usando il comando scala S dimensioniamolo in modo tale che la sua sezione ricada dentro il cubo. Ora con il comando S e Z allunghiamo il cilindro in modo tale che attraversi il cubo Ora selezioniamo il cubo Apriamo le proprietà del cubo e aggiungiamo un modificatore di tipo Boolean con operazione Differenza e come oggetto Cylinder e poi Applica A questo punto è sufficiente cancellare o spostare il cilindro per ottenere un vero oggetto bucato

21 Costruiamo una vera sedia costruiamo rapidamente una sedia ora dobbiamo bucare veramente lo schienale dividiamo in due le viste e settiamo quella in basso da sopra posizioniamo il cursore 3D al centro e aggiungiamo un cubo scaliamolo come mostrato in figura ora dobbiamo scalarlo sull'asse Z e posizionarlo ad una determinata altezza come mostrato in figura Ora selezioniamo l'oggetto sedia registrato come cube Apriamo le proprietà della sedia e aggiungiamo un modificatore di tipo Boolean con operazione Differenza e come oggetto Cube.001 e poi Applica Infine cancelliamo il cubo modificato che deve lasciare lo spazio per il vero buco

22 Dividere una faccia in due Prendiamo come esempio il solito cubo. Se selezioniamo una faccia e usiamo il comando sub-divide la faccia verrà divisa esattamente in 4 parti. E se volessimo dividere la faccia in sole due parti? Un metodo molto semplice è quello di usare il coltello Knife ovvero il comando K 1) si divide con il comando subdivide il lato superiore della faccia del cubo 2) si divide anche il lato inferiore del cubo (in questo modo abbiamo due nuovi vertici) 3) con il comando K si taglia la faccia dal vertice di mezzo superiore a quello di mezzo inferiore Un altro metodo consiste nel sostituire la faccia da dividere con due nuove facce (la metà della prima 1) Si selezionano i 4 vertici e si usa il comando X (cancella) e poi si seleziona solo facce 2) poi si divide il lato superiore e quello inferiore. 3) Si selezionano i due vertici di sinistra e i due nuovi vertici (mediani) e si usa il comando F per creare una nuova faccia (quella di sinistra). 4) Si selezionano i due vertici di destra e i due nuovi vertici (mediani) e si usa il comando F per creare una nuova faccia (quella di destra).

23 Operazioni parametriche Le traslazioni, rotazioni e scale fatte a mano libera sono molto semplici e comode ma a volte si deve essere precisi con queste operazioni. Ora vedremo come spostare il cubi sull'asse verticale Z esattamente di 1 cm. A destra si può notare che la posizione è X = 0, Y = 0 e Z=0 Le dimensioni del cubo sono di 2 cm per lato. (X = 2, Y = 2 e Z = 2) Dato che il centro dell'oggetto cubo coincide con l'intersezione degli assi, accade che il cubo è posizionato 1 cm più in basso del piano X,Y Per alzare il cubo e posizionarlo esattamente sul piano X,Y è sufficiente scrivere 1cm Analogamente si può operare parametricamente su tutti gli assi sia per la posizione che per la rotazione

24 Le 4 rappresentazioni visuali Dividiamo le viste in 4 e agendo sul settore (a destra di Modalità oggetto) possiamo settare una vista solido, reticolo, texture e Renderizzato Esiste una 5 modalità di visualizzazione detta casella delimitazione che è praticamente un parallelepipedo che racchiude l'oggetto. Nel caso del cubo questa vista non è apprezzabile perché coincide con il reticolo, perciò aggiungiamo un cono nella scena

25 Selezionare punti, spigoli e facce Apriamo Blender e passiamo in modalità modifica. Il cubo risulta tutto selezionato ovvero tutti i punti, tutti gli spigoli e tutte le facce. Premendo A deselezioniamo tutto Sappiamo che se vogliamo selezionare una faccia dobbiamo (tenendo premuto Shift) cliccare (con il tasto destro) i quattro vertici della faccia. Selezionando la terza icona mostrata in figura sarà sufficiente un click per selezionare una faccia Analogamente selezionando l'icona centrale (delle tre) sarà possibile selezionare un lato (spigolo) con un solo click

26 Modelliamo una tazzina da caffè Iniziamo da top ortho eliminiamo il cubo inseriamo un cerchio, rendiamolo pieno con tipo file = Triangolo, spuntiamo allinea a Vista e riduciamo i vertici a 10 Attivare modalità di selezione con Ctrl+Tab e selezionare spigoli in modalità modifica selezioniamo tutti gli spigoli (lati) con il tasto destro, tenendo premuto Shift agendo sulla freccia blue, asse verticale Z estrudiamo i lati del cerchio fino all'altezza desiderata. Poi con si scala verso l'esterno con il tasto S con il comando circuito e scorri o Ctrl+R dividiamo l'oggetto orizzontalmente come mostrato in figura (settando il numero di divisioni con la rotellina del mouse

27 Selezioniamo solo l'anello superiore toccando tutti i segmenti con il tasto destro tenendo premuto Shift scaliamo (verso l'esterno) con il comando S per dare una forma simile ad una tazzina Ora dobbiamo solidificare questo cilindro modificato e perciò apriamo le proprietà, aggiungiamo il modificatore solidifica con lo spessore (negativo) che più ci aggrada. Ora, per arrotondare la tazzina, applichiamo il modificatore suddividi superfici

28 Ora dobbiamo modellare la maniglia. Selezioniamo quattro facce (sulla stessa colonna verticale) e con il comando E estrudiamo le superfici come mostrato in figura Non ci rimane che bucare la maniglia, aggiungendo una sfera, della giusta dimensione, nella giusta posizione e applicare una trasformazione di tipo Boolean. Questo sarà il risultato: Applichiamo un colore e un ombreggiatura liscia e otterremo la nostra tazzina da caffè

29 Miglioriamo la maniglia Ripartiamo da questo punto (salvato precedentemente) modalità oggetto e vista front ortho, aggiungiamo a destra una curva path (percorso), passiamo in edit mode poi sagomiamo questa curva per darle una forma di questo tipo: ora, in modalità oggetto aggiungiamo (a destra) una curva di tipo circolo, poi lo scaliamo Ora passiamo a modalità oggetto, selezioniamo la bozza di maniglia e clicchiamo sull'icona data a destra delle proprietà. Nella voce Smussa Oggetto selezioniamo BeizerCircle (il cerchio appena aggiunto). Otterremo una cosa simile a questa Ora dobbiamo trasformare il cerchi alle 2 estremità in quadrato, capiremo dopo perché.

30 Modifichiamo il valore di Anteprima U e portiamolo a 1 in questo modo il cerchio è diventato un quadrato e anche gli attacchi della maniglia Ora selezioniamo la maniglia e premiamo Alt+C per trasformare la curva in oggetto Ora dobbiamo fondere la tazzina e la maniglia per ottenere un oggetto unico selezionandoli entrambi e premendo Ctrl+J Ora possiamo ruotare l'unico oggetto e guardarlo in prospettiva. Rimane da raccordare la maniglia con la tazzina. Per questo, prima elimineremo una serie di facce dalla tazzina e poi selezionando i lati adiacenti (tra maniglia e tazzina) costruiamo nuove facce con il comando F

31 Applichiamo un colore e un ombreggiatura liscia e otterremo la nostra tazzina da caffè con una maniglietta decente. Modelliamo una catena chiusa a 6 maglie Apriamo Blender e cancelliamo il cubo selezionato con Canc aggiungiamo una Mesh di tipo Toroide (anello) premendo Schift+A e zummiamolo un po' a sinistra, modifichiamo il Raggio minore e settiamolo a 34 modifichiamo il segmento maggiore a 46 e il segmento minore a 24 poi premere liscia otterremo >

32 ora ruotiamo l'anello premendo R poi X e poi 90 e poi Invio poi premiamo Tab per passare in modalità modifica, poi premiamo Z per passare a reticolo poi premere 5 e poi 1 per passare alla vista Front Ortho deselezioniamo tutto premendo A e tramite B selezioniamo la metà destra dell'anello premere G poi X e poi 1.5 e poi Invio per stirare l'anello

33 premere Ctrl+R poi 4 poi Invio 2 volte poi B per selezionare la nuova area poi premere S per scalare, X per l'asse X e 0.5 per la misura e poi Invio premere A per deselezionare tutto e poi B per selezionare l'area centrale poi premere S, poi 1.1 e poi Invio poi S, poi X, poi 1.7, poi Invio poi premere Tab e poi Z >

34 riduciamo lo zoom e spostiamo la maglia della catena a sinistra poi duplichiamo la maglia con Shift+D e spostiamola destra ruotiamo la copia con R poi X poi 90 e poi Invio premiamo Shift e tasto destro del mouse sulla prima maglia per selezionarle entrambi, poi Shift+D per duplicarle e poi le spostiamo a destra poi ancora Shift+D e spostiamole a destra, poi ruotiamo e spostiamo le 6 maglie in questo modo =>

35 Testo 3d Iniziamo un nuovo progetto e cancelliamo il cubo iniziale dal menu aggiungi, clicchiamo testo ruotiamo il testo premendo R, X, 90 e infine Invio premere 1 e poi 5 per la vista frontale (ortho) Premiamo Tab per passare in modalità modifica e modifichiamo il testo in RAP poi con Tab ripassiamo in modalità oggetto ora dobbiamo aprire il menu dati cliccando sull'icona a forma di F ora possiamo estrudere il testo con un valore pari a 0.15 e una profondità pari a 0.05

36 possiamo anche settare la deviazione a In questo modo le lettere sono abbastanza distinte ma ancora unite alla base e questo permetterebbe all'oggetto testuale di essere appoggiato su un piano, come una sorta di fermacarte, una volta stampato con una stampante 3D. Esportare e Importare oggetti Trattiamo questo argomento, per completezza, anche se è tipico di scene/animazioni complesse dove si devono usare oggetti diversi modellati singolarmente e in tempi diversi. E' necessario creare una cartella/directory di nome Object, in qualsiasi posizione del file system. Poi si seleziona il primo l'oggetto da esportare e si esporta (dal menu file) in questa cartella nel formato.obj Poi si seleziona il secondo oggetto (che di solito è salvato in un altro file.blend) e si esporta (dal menu file) nel formato.obj nella stessa cartella. In una scena nuova, si importano (dal menu file) in sequenza gli oggetti in formato.obj

37 Una punta da trapano (per legno) Iniziamo in Top Ortho, premiamo Shift+A e aggiungiamo una curva cerchio con 4 punti di controllo passiamo in modalità modifica e con il comando B selezioniamo le due coppie di maniglie (superiori e inferiori) poi con S e X le scaliamo verso l'esterno come mostrato in figura deselezioniamo tutto con A poi sempre con B selezioniamo sia le maniglie che i punti di controllo poi con S e X scaliamo verso l'interno Torniamo in modalità oggetto e applichiamo il modificatore avvita

38 Portiamo il valore avvita a 5 e ripetizioni a 2 Ora convertiamo la curva in oggetto con Alt+C con B selezioniamo il cerchio (deformato) superiore abilitiamo l'editing proporzionale posizioniamoci in vista front ortho scaliamo con S e 0 e muoviamo la rotellina del mouse fino ad ottenere la punta: ora possiamo disabilitare l'editing proporzionale per chiudere veramente la punta selezioniamo il vertice con B

39 con il comando W (menu speciale) clicchiamo su unisci al centro Con B selezioniamo l'anello inferiore guardando sulla barra in alto possiamo notare il numero dei vertici che è pari a 48 aggiungiamo un cerchio con 48 vertici

40 posizioniamo il cerchio sotto l'oggetto e selezioniamo con B anche il primo cerchio della punta attiviamo la barra dei comandi con lo spazio e digitiamo bridge otterremo il collegamento (bridge) tra il cerchio e l'oggetto avvitato a questo punto è sufficiente estrudere l'ultimo anello sull'asse Z per chiudere la base premere F

41 Riassumiamo i principali comandi di Blender Per modellare bicchieri, tazzine, bottiglie, anfore e oggetti similari si inizia sempre con un cilindro chiuso alla base e aperto sopra. Poi si deformano le varie divisioni orizzontali (che devono essere costruite). Poi si trasforma la mesh in oggetto e si solidifica dandogli uno spessore. Discorso a parte sono le maniglie, i manici ecc. che devono essere costruiti separatamente e poi fusi all'oggetto. Per ottenere tale cilindro ci sono due modi: o si elimina la parte superiore di un cilindro o si costruisce a partire da un cerchio 1. Inseriamo un cilindro, verifichiamo che il tipo file sia triangolo, passiamo in modifica, deselezioniamo tutto con A e selezioniamo il centro della parte superiore con B. Cancelliamo con Canc i vertici 2. Inseriamo un cerchio, verifichiamo che il tipo file sia triangolo, passiamo in modifica, deselezioniamo tutto con A e selezioniamo tutti i lati con B. Estrudiamo verso l'alto. Il risultato è identico Questo cilindro vuoto ha solo facce verticali, per poter deformare l'oggetto in orizzontale dobbiamo dividere il cilindro in n sezioni orizzontali. Questa risultato si ottiene con il comando Ctrl+R, lo scorrimento della rotellina del mouse e con due Invio

42 Supponiamo di voler deformare il terzo anello dall'alto. Passiamo a visione reticolo e ci posizioniamo in una posizione tale da poter selezionare con il comando B solo il 3 anello. Poi con il comanda S scaliamo l'anello. Se invece volessimo una deformazione più dolce che coinvolga anche gli anelli adiacenti dobbiamo attivare la modalità Editing proporzionale Per convertire la mesh in oggetto, passare in modalità oggetto, selezionarlo e premere Alt+C Per lo spessore aggiungere il modificatore solidifica con spessore 0.05 nelle proprietà Maniglie e manici La via più veloce è quella di inserire una curva percorso, modellarla secondo le nostre necessità e convertirla in oggetto tramite l'associazione a un cerchio. 1. In modalità oggetto e vista front ortho, aggiungiamo una curva path (percorso), 2. passiamo in edit mode e sagomiamo questa curva per darle la forma desiderata 3. modalità oggetto e aggiungiamo una curva di tipo circolo, poi la scaliamo 4. selezioniamo la curva percorso e clicchiamo sull'icona data 5. Nella voce Smussa Oggetto selezioniamo BeizerCircle (il cerchio aggiunto) 6. Infine trasformiamo la mesh in oggetto con Alt+C e selezionando i due oggetti li unifichiamo con il comando Ctrl+J

43 Ultima accortezza, prima di chiudere questa guida, quando si lavora per ore su un oggetto può capitare ( e capita) di commettere un errore e perdere tutto il lavoro fatto. Blender ci viene in aiuto con un sistema di salvataggio intelligente, praticamente noi dobbiamo salvare periodicamente l'oggetto, Blender ci permette di creare le diverse versioni dello stesso file. In questo caso, il file è stato salvato la prima volta con il nome anfora.blend salvando di nuovo il file e selezionando il file anfora.blend e cliccando sull'icona + il nome del file da salvare diventa automaticamente anfora1.blend. Ora è sufficiente cliccare sul pulsante Slava Come File Blender. https://www.youtube.com/playlist?list=pl96ca8e87cc4f7e0f&src_vid=owyqlklrw8&feature=iv&annotation_id=annotation_ https://www.youtube.cm/watch?v=xu_pi1uxiss How to create a cup of coffee in Blender!

My Blender Tutorial 3 (Costruiamo una casa con garage e piscina)

My Blender Tutorial 3 (Costruiamo una casa con garage e piscina) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) (campagnanorap@gmail.com) Miniguida n. 213 Ver. Settembre 2014 My Blender Tutorial 3 (Costruiamo una casa con garage

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD SCRIVERE TESTO Per scrivere del semplice testo con il computer, si può tranquillamente usare i programmi che vengono installati insieme al sistema operativo. Su Windows troviamo BLOCCO NOTE e WORDPAD.

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 06 Usiamo Windows: Impariamo a operare sui file In questa lezione impareremo: quali sono le modalità di visualizzazione di Windows come

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Sweet home 3D e un software gratuito per disegnare ed arredare la casa.

Sweet home 3D e un software gratuito per disegnare ed arredare la casa. SWEET HOME 3D Sweet home 3D e un software gratuito per disegnare ed arredare la casa. 1-COME SCARICARE SWEET HOME: accedendo al sito sweethome3d.com/it, si ha la possibilità di lavorare offline od online.

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 2

CORSO DI INFORMATICA 2 CORSO DI INFORMATICA 2 RINOMINARE FILE E CARTELLE Metodo 1 1 - clicca con il tasto destro del mouse sul file o cartella che vuoi rinominare (nell esempio Mio primo file ) 2 - dal menu contestuale clicca

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Guida all uso di Java Diagrammi ER

Guida all uso di Java Diagrammi ER Guida all uso di Java Diagrammi ER Ver. 1.1 Alessandro Ballini 16/5/2004 Questa guida ha lo scopo di mostrare gli aspetti fondamentali dell utilizzo dell applicazione Java Diagrammi ER. Inizieremo con

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

L ambiente grafico e le viste

L ambiente grafico e le viste 1 In questo Tutorial impareremo a conoscere l ambiente grafico di Cinema 4D e a muoverci tra le varie viste dello stesso All apertura di Cinema 4D apparirà la seguente interfaccia Pag. 1 Clicchiamo nella

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche Word 2007 nozioni di base Word 2007 barra multifunzione Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Creare tabelle con Word

Creare tabelle con Word Creare tabelle con Word Premessa In questa breve guida userò spesso il termine "selezionare". "Selezionare", riferito ad un documento informatico, vuol dire evidenziare con il mouse, o con altre combinazioni

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Modellare una poltrona

Modellare una poltrona 7 Modellare una poltrona Sfruttando i comandi di costruzione delle superfici, modelleremo un arredo di media complessità, la poltrona, alla ricerca di una geometria organica che rispetti la continuità

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

COME MODELLARE UNA " VERA " CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti.

COME MODELLARE UNA  VERA  CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. COME MODELLARE UNA " VERA " CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. Questa mini lezione è strutturata in modo da agevolare gli utenti meno esperti di NewTek LightWave 3D Nei successivi passaggi

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc IV

Foglio di calcolo con OpenOffice Calc IV Foglio di calcolo con OpenOffice Calc IV Foglio di calcolo con OpenOffice Calc IV 1. Stampa e Anteprima di stampa 2. Riferimenti assoluti, riferimenti relativi e riferimenti misti 3. Navigazione e selezione

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

Esercitazione n. 7: Presentazioni

Esercitazione n. 7: Presentazioni + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 7: Presentazioni Scopo: Creare una presentazione con Microsoft PowerPoint 2010. Scegliere uno sfondo, uno stile per i caratteri, diversi

Dettagli

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file

Organizzare i file. 1. Le cartelle e i file Guida n 2 Organizzare i file Le cartelle e i file Copiare, cancellare, spostare file e cartelle Cercare file e cartelle Windows funziona come un "archivio virtuale" particolarmente ordinato. Al suo interno,

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV

CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV CORSISTA: ALESSANDRA ARMANNI CLASSE: G7 IMMAGINI DIGITALI settimana IV La scorsa settimana, ci siamo avvalsi di tutorial disponibili in rete per utilizzare alcune funzioni di Gimp! Immaginate ora di dover

Dettagli

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl Guida di Keyboard Builder Guida di Keyboard Builder Keyboard Builder è uno strumento che permette di costruire tastiere da visualizzare sullo schermo, utili per la realizzazione di applicazioni che operano

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Creare presentazioni per proiettare album fotografici su PC, presentare tesi di laurea, o esporre prodotti e servizi. Tutto questo lo puoi fare usando un programma di

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

Basi di Animazione in Blender

Basi di Animazione in Blender Informatica Avanzata Basi di Animazione in Blender In Blender il punto pivot e' rappresentato da un cerchio viola sull'oggetto. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it Si puo' impostare nella posizione del cursore

Dettagli

SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE

SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE Dopo aver creato una cartella può nascere l'esigenza di spostare un file all'interno della nuova cartella creata. Per comodità, visualizza le icone in modalità Icone medie.

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Interfaccia di Smart Notebook 2 I menu di Notebook 3 Barra degli strumenti orizzontale 4 Barra degli strumenti verticale 5 Barra degli strumenti mobili 6 I principali

Dettagli

Il desktop: scrivania informatica

Il desktop: scrivania informatica Il desktop: scrivania informatica Il desktop è la metafora della scrivania e gli elementi che vi troviamo ci sono familiari: la foto nella cornice il cestino lo scaffale contenente le cartelle dei nostri

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera Pratica guidata 2 Usare mouse e tastiera Mouse: Clic sinistro, doppio clic, clic destro, Drag and drop, Forme del puntatore Tastiera: tasti principali e combinazioni Centro Servizi Regionale Pane e Internet

Dettagli

Introduzione al Cabri

Introduzione al Cabri Lo schermo di Cabri II Introduzione al Cabri All avvio lo schermo di Cabri II presenta due barre: La barra dei menu classica; La barra delle icone, che contiene tutti gli strumenti necessari per le costruzioni

Dettagli

Corso base di informatica

Corso base di informatica Corso base di informatica AVVIARE IL COMPUTER Per accendere il computer devi premere il pulsante di accensione posto di norma nella parte frontale del personal computer. Vedrai apparire sul monitor delle

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Montaggio video. La "composizione" avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche (come la moviola)

Montaggio video. La composizione avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche (come la moviola) Montaggio video Il montaggio è la principale fase della cosiddetta post-produzione di un filmato, durante la quale il materiale disponibile è visionato, analizzato e ricomposto in base ad esigenze narrative,

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

UTILIZZO BASE DI POWERPOINT 2007

UTILIZZO BASE DI POWERPOINT 2007 1 UTILIZZO BASE DI POWERPOINT 2007 2 UTILIZZO BASE DI OFFICE POWER POINT 2007 Power Point è un programma per la realizzazione di presentazioni multimediali esso appartiene alla suite office 2007, proseguiamo

Dettagli

INIZIAMO A IMPARARE WORD

INIZIAMO A IMPARARE WORD Associazione Nazionale Seniores Enel Associazione di solidarietà tra dipendenti e pensionati delle Aziende del Gruppo Enel Sezione Territoriale Lombardia - Nucleo di Milano E-Mail del Nucleo di Milano:

Dettagli

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard?

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard? SMARTBOARD Cosa si può fare con una smartboard? si può scrivere come si farebbe su una lavagna, con il vantaggio di poter poi salvare quanto scritto; si può andare ad interagire con una presentazione PowerPoint

Dettagli