Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)"

Transcript

1 Relazione Annuale 31 Dicembre 2011 (Audited) Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement)

2 Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base delle informazioni contenute nella presente relazione. Le sottoscrizioni sono valide solo se effettuate sulla base del prospetto in vigore accompagnato dall ultima relazione annuale e dalla più recente relazione semestrale, qualora pubblicata successivamente. La presente relazione annuale è traduzione fedele in lingua italiana della relazione annuale al 31 Dicembre 2011 predisposta dalla Società di Gestione. Pioneer Asset Management S.A.

3 Indice Commento annuale sui mercati finanziari... 3 Indicazioni sui rischi... 5 Prospetto del patrimonio netto... 7 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto Prospetto statistico delle Quote Prospetto degli investimenti Euro Curve 1-3year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 3-5year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 5-7year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 7-10year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 10+year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Global Curve 1-3year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Global Curve 7-10year Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti swap in essere European Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere U.S. Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Tactical Allocation Bond Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Relazione Annuale 1

4 Indice Tactical Allocation Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Dynamic Allocation Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Optimiser Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Commodities Contratti di cambio a termine in essere Contratti swap in essere Nota Integrativa al bilancio Relazione della società di revisione Gestione e Amministrazione Relazione Annuale

5 Relazione Annuale Pioneer S.F. Commento annuale sui mercati finanziari L economia Nel primo semestre del 2011, le principali economie mondiali sono cresciute, anche se ad un ritmo più lento. Secondo quanto riportato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crescita globale nel suddetto anno si è attestata intorno al 4%, rispetto al 5,1% del Le economie dei paesi emergenti hanno realizzato un incremento record del proprio PIL del 6,4% (7,3% nel 2010), rispetto ad un mediocre 1,6% di quelle più avanzate (3,1% nel 2010). Nel 2011 l Eurozona si è globalmente sviluppata in modo modesto, nonostante il tasso di crescita aggregato all interno dell area mostri andamenti molto differenti tra i singoli Paesi. La Germania ha dimostrato di avere l economia più dinamica grazie ad un tasso di crescita del 2,7%. Nuovamente, le esportazioni sono state il principale fattore di crescita, seguite dagli investimenti. I consumi delle famiglie tedesche sono cresciuti rispetto al 2010, grazie al miglioramento del mercato del lavoro, con l abbassamento del tasso di disoccupazione da 7,4% a 6,8% (il livello più basso registrato dalla riunificazione della Germania). Diversamente, i cosiddetti Paesi periferici dell area euro hanno mostrato una crescita economica mediocre. Le nazioni fortemente colpite dalla crisi sovrana del debito hanno subito un crollo, con il PIL della Grecia in calo per il quarto anno consecutivo tra molteplici piani di austerità per evitare un default del debito. Il Paese è stato in prima linea con la crisi del debito e gli obbligazionisti privati sono stati chiamati a partecipare ad ogni piano di salvataggio futuro. Le trattative, condotte dal governo provvisorio, circa il loro livello di coinvolgimento erano ancora in corso in chiusura d anno. I cambiamenti politici hanno accompagnato la crisi del debito anche in altre zone all interno della periferia dell Unione Monetaria Europea: l Italia è l esempio migliore. Il governo italiano ha attuato diversi tentativi per affrontare al meglio la crisi di fiducia sui mercati obbligazionari internazionale attraverso l adozione di misure fiscali restrittive. Tuttavia, questi provvedimenti non sono stati portati avanti diligentemente. Nel corso dell anno, la nomina di un governo provvisorio, guidato da un importante economista, ha stabilizzato la situazione. Lo spread tra i titoli pubblici decennali italiani e tedeschi ha segnato un cambiamento di condizioni, poiché ha raggiunto a novembre un picco di 575 punti, prima di diminuire con lentezza solo successivamente. Dal punto di vista macroeconomico, come ampiamente previsto, l Italia è entrata in recessione. Anche la Spagna è stata colpita dalla crisi del debito e da un avvicendamento nel governo. Per la maggior parte del periodo, il rischio creditizio spagnolo ha ricalcato quello italiano. Portogallo e Irlanda, i due Paesi dell eurozona che unitamente alla Grecia hanno ricevuto il pacchetto di aiuti, si sono mossi in direzione opposta nel corso dell anno. L Irlanda ha beneficiato di migliori prospettive economiche (che compensano un altro anno difficile). A livello politico, i tentativi di fornire una soluzione completa alla crisi dell euro sono resi evidenti dal numero di riunioni dei vertici dell Unione Europea dedicati a questo tema. La maggior parte di queste ultime si sono concluse con l annuncio di importanti misure politiche, anche se sono state subito seguite da periodi di stallo, segno delle difficoltà nell implementazione delle azioni concordate. In ogni caso, dall ultimo incontro dei capi di stato dei governi europei, tenuto l 8 e il 9 dicembre 2011, sembra che siano stati fatti dei progressi nella risoluzione della crisi. In particolare, i 26 Membri (ad esclusione del Regno Unito) si sono accordati su un nuovo Fiscal Compact, con la clausola di automatiche penalità per i Paesi membri incapaci di tagliare l eccesso di deficit e l inserimento formale dell obbligo di pareggio di bilancio all interno della propria normativa. Nel corso dell anno, la Banca Centrale Europea (BCE) ha intrapreso molte azioni politiche di emergenza. Dopo aver aumentato il tasso di riferimento per due volte, in aprile e in luglio, per un totale di 50 punti, nonostante i rischi di rialzo dell inflazione, la BCE è repentinamente passata ad una politica d azione guidata dalla crisi. La BCE ha comprato obbligazioni governative, supportando in questo modo gli Stati più periferici dell area euro, e successivamente ha fornito abbondante liquidità al settore bancario in difficoltà per evitare la stretta creditizia. La BCE, sotto la guida del nuovo presidente italiano subentrato a novembre, ha anche annullato i precedenti aumenti dei tassi, riportando il tasso di interesse di riferimento all 1% alla fine dell anno. La riunione del consiglio direttivo di dicembre ha messo in atto i preparativi per due operazioni di finanziamento a lungo termine per le banche commerciali: la prima effettuata a breve distanza dalla riunione, la seconda pianificata per il 29 febbraio Il Regno Unito non è stato colpito dalla crisi sovrana del debito, grazie all indipendenza della propria moneta. Ciò nonostante, l economia del Paese ha registrato un tasso di crescita debole, obbligando la Banca d Inghilterra ad adottare una politica monetaria molto accomodante, caratterizzata da interessi a tasso zero e da un acquisto massiccio di titoli di Stato. Gli Stati Uniti hanno concluso il 2011 con un aumento del PIL del 1,5% anno-su-anno (era il 3% nel 2010). Il consumo delle famiglie ha retto ragionevolmente bene ma, avendo sofferto nel primo semestre dell anno a causa dell aumento dei prezzi del carburante, è rimbalzato nella seconda metà dell anno, contribuendo così a fugare i timori di una ricaduta nella recessione. Anche il mercato del lavoro americano è migliorato, sebbene più lentamente rispetto a precedenti fasi di ripresa economica. Il tasso di disoccupazione è salito al 9,1% in giugno e si è stabilizzato a questo livello fino al terzo trimestre prima di diminuire all 8,5% in dicembre. Gli investimenti nell immobiliare residenziale hanno continuato ad ostacolare la crescita del 2011, sebbene ci siano stati incoraggianti segnali. Le esportazioni nette hanno contribuito positivamente alla crescita solo durante la seconda metà dell anno. Il dibattito politico tra Repubblicani e Democratici in materia di politica fiscale ha ritardato l accordo sull aumento del tetto massimo del debito fino all ultimo giorno, evitando in tal modo il default tecnico del Paese. Relazione Annuale 3

6 Relazione Annuale Pioneer S.F. Commento annuale sui mercati finanziari (continua) L intesa non è stata ritenuta adatta dall agenzia di rating Standard & Poor s, che ha tolto agli Stati Uniti il rating massimo pari ad AAA. In termini di politica monetaria, la Federal Riserve degli USA ha confermato la politica estremamente accomodante con un tasso di interesse quasi a zero da dicembre In Giappone, l economia è stata colpita dalla tragedia del terremoto e dello tsunami di marzo, che hanno provocato la contrazione del PIL. La ripresa del Paese è iniziata nella seconda metà dell anno, anche se è stata intralciata dal rallentamento dell economia globale. Nel 2011 le economie emergenti hanno continuato a registrare tassi di crescita dinamici, anche se più contenuti rispetto al A questo andamento hanno contribuito le politiche finalizzata a contrastare l aumento dell inflazione. In Asia, la Cina è cresciuta del 9,5% (contro i 10,3% del 2010). Per assicurare una crescita rallentata dell economia, i funzionari cinesi sono prontamente intervenuti con un agevolazione delle condizioni monetarie nel corso del periodo. Anche in America Latina, le maggiori economie hanno mostrato segni di una crescita più lenta. In Brasile, la Banca Centrale ha risposto con il taglio dei tassi di interesse di 150 punti base su tre incontri consecutivi a partire da agosto. I mercati Nel 2011, i mercati finanziari sono stati influenzati da una serie di eventi che hanno portato all aumento dell avversione al rischio degli investitori, anche se gli asset più rischiosi hanno recuperato parte del terreno perso nel corso dell anno. Gli eventi che hanno gravato maggiormente sui mercati finanziari sono riconducibili principalmente a tensioni politiche nei Paesi Arabi, in primo luogo in Libia, il terremoto e lo tsunami in Giappone in marzo e, a partire da luglio, un peggioramento della crisi del debito sovrano nella zona euro. Il mercato europeo delle obbligazioni governative ha riflesso la maggior parte di queste preoccupazioni. I rendimenti dei titoli tedeschi sono cresciuti nel corso del primo semestre dell anno nonostante le pressioni inflattive in aumento (alle quali la BCE si è contrapposta con i suddetti due aumenti). Ma la continua avversione al rischio, dovuta alla crisi del debito sovrano, ha successivamente condotto ad una brusca flessione dei rendimenti tedeschi, quale risultato della ricerca di un rifugio sicuro. Il rendimento delle obbligazioni decennali tedesche è diminuito di circa 100 punti base e ha chiuso l anno 2011 sotto il 2%. Sulla parte breve della curva, i rendimenti sono diminuiti ancor più drammaticamente, con il rendimento a due anni ridotto ad un esiguo 0,14% mentre le scadenze fino ad un anno sono arrivate quasi a zero. Il mercato obbligazionario dei Paesi periferici dell area euro è stato caratterizzato da un andamento opposto: un forte aumento dello spread che ha ampiamente rispecchiato l aumento della consapevolezza del rischio di credito per gli emittenti. Per le obbligazioni governative italiane, il rendimento a 10 anni è aumentato da 4,82% a 7,11%, portando lo spread nei confronti della del titolo a dieci anni tedesco a 575 punti base alla fine del Anche la parte breve della curva dei rendimenti italiana ha segnato un brusco aumento. Ciò nonostante, verso la fine dell anno questa è stata la prima a beneficiare delle politiche della BCE, quando questa è intervenuta sul mercato secondario dei titoli di stato per supportare i mercati obbligazionari italiano e spagnolo ed evitare un potenziale aumento del costo dell indebitamento. L andamento delle obbligazioni spagnole è stato molto simile a quello italiano, con lo spread verso i titoli della Germania in aumento da 249 a 326 punti base. Il rischio del credito della Grecia, Portogallo ed Irlanda è arrivato a livelli di spread a quattro cifre, anche se nella seconda metà dell anno tale rischio in Irlanda ha iniziato a diminuire grazie al ritrovato ottimismo in merito alla crescita in un economia flessibile. Il mercato delle obbligazioni governative degli USA ha continuato ad essere considerato un rifugio sicuro. Inoltre, gli investitori non hanno considerato la retrocessione operata da Standard & Poor s in agosto e i rendimenti sono calati su tutta la curva. I mercati azionari hanno iniziato l anno positivamente, ma hanno ceduto terreno a fronte della presa di profitto registrata da febbraio a causa delle tensioni politiche nei paesi arabi e delle conseguenze del terremoto in Giappone che hanno avuto ripercussioni sugli utili previsti per le aziende. Le paure di una crisi nucleare in Giappone sono state dirompenti anticipando una crisi globale nelle catene di produzione altamente integrate a livello globale. Da maggio, il rallentamento è stato maggiormente evidente e non solo in relazione al terremoto in Giappone, ma anche e soprattutto alla crisi del debito euro. Il continuo peggioramento di questo ultimo e la controversia negli USA in merito al tetto del debito hanno aggiunto pressione ai prezzi azionari globali nel periodo estivo. In generale, le paure di una recessione globale raramente si sono dissipate, se non per brevi momenti di minore tensione. Da dicembre lo stato d animo dei mercati è sembrato differente, grazie all azione ad ampio spettro delle maggiori Banche Centrali, a partire dalla BCE, nel procurare liquidità addizionale illimitata alle banche e nell evitare una stretta creditizia. 4 Relazione Annuale

7 Indicazioni sui rischi Gestione dei rischi La Società di Gestione utilizza una procedura di gestione del rischio che consente di monitorare costantemente i rischi delle posizioni del portafoglio e il loro contributo sul rischio complessivo del portafoglio del Fondo. In conformità con la legge del 17 dicembre 2010 e con i requisiti fondamentali in materia di vigilanza disposti dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier ( CSSF ), la Società di gestione informa la CSSF regolarmente riguardo alla procedura di gestione del rischio utilizzata. La società di gestione garantisce, sulla base di principi adeguati ed opportuni, che il rischio complessivo relativo all utilizzo di derivati non superi il valore patrimoniale netto del portafoglio. Conformemente ai requisiti normativi in materia di vigilanza, questa procedura di gestione del rischio misura l esposizione globale di ciascun Comparto con l approccio Value Risk ( VaR ). Metodo del Value Risk ( VaR ) In matematica finanziaria e nell ambito della gestione del rischio, il VaR rappresenta un metodo di valutazione del rischio molto diffuso, utilizzato per calcolare la possibile perdita massima di un determinato portafoglio di attività, in considerazione del rischi di mercato. In particolare, l approccio a Value Risk calcola la perdita massima potenziale di un portafoglio di riferimento a un determinato livello di confidenza (o di probabilità), in un arco temporale specifico ( Periodo di detenzione ) alle normali condizioni di mercato. È possibile applicare il metodo a VaR relativo o VaR assoluto come indicato nella tabella seguente. Metodo del VaR relativo Il VaR relativo pone in relazione il VaR del portafoglio di un Comparto con il VaR di un portafoglio di riferimento, corrispondente alla politica di investimento del Fondo, il VaR relativo del Comparto non può eccedere due volte il VaR del portafoglio di riferimento. Il portafoglio di riferimento usato da ciascun Comparto è riportato nella tabella seguente. I valori a rischio minimi, massimi e medi relativi al periodo 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011 sono specificati nella tabella seguente. Metodo del VaR assoluto Il VaR assoluto pone in relazione il VaR del portafoglio di un Comparto con il suo valore patrimoniale netto. Il VaR assoluto di ciascun Comparto non deve superare il 20% del suo valore patrimoniale netto (stabilito in base a un livello di confidenza del 99% e in riferimento a un periodo di detenzione di 20 giorni lavorativi). Rispetto a un periodo di dieci giorni lavorativi, tale percentuale è del 14,14%. I valori a rischio minimi, massimi e medi relativi al periodo 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011 sono specificati nella tabella seguente. Effetto leva ( Leverage ) L utilizzo di strumenti finanziari derivati può comportare un effetto leva per il Comparto, che viene costantemente monitorato. La leva è misurata come leva finanziaria netta e questo comporta che la leva a cui ci si espone attraverso l uso di derivati terrà conto delle misure di copertura o compensazione. In tale contesto, la leva finanziaria netta è misurata come percentuale del Valore Patrimoniale Netto di ogni Comparto. La leva netta di ciascun Comparto non eccederà i limiti indicati nella tabella seguente. Tuttavia, in determinate circostanze, (ad esempio in caso di volatilità di mercato molto bassa) la leva può superare tali limiti. Anche il livello della leva media registrato durante il periodo dal 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011, con osservazioni settimanali, è specificato nella tabella. Il VaR è stato calcolato usando simulazioni storiche con un intervallo di confidenza del 99%, un periodo di mantenimento di 10 giorni, un periodo di osservazione di 252 giorni (ugualmente ponderati). Comparto Inizio periodo Fine periodo Calcolo del rischio di mercato VaR minore utilizzato VaR maggiore utilizzato VaR medio utilizzato Limite di utilizzo del VaR Livello di leva massimo previsto (effetto leva netto) Livello di leva finanziaria medio realizzato Portafoglio di riferimento (se presente) 01/07/ /12/2011 Relative VaR 60,53% 101,87% 87,63% 200% 200% 64,55% 100% JPM GBI EMU 1-3 Euro Curve 1-3year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 83,01% 109,98% 96,14% 200% 200% 72,24% 100% JPM GBI EMU 3-5 Euro Curve 3-5year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 76,30% 102,96% 94,84% 200% 200% 34,48% 100% JPM GBI EMU 5-7 Euro Curve 5-7year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 92,70% 107,88% 100,72% 200% 200% 70,92% 100% JPM GBI EMU 7-10 Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 91,71% 107,60% 99,07% 200% 200% 66,94% 100% JPM GBI EMU 10+ Relazione Annuale 5

8 Indicazioni sui rischi (continua) Comparto Inizio periodo Fine periodo Calcolo del rischio di mercato VaR minore utilizzato VaR maggiore utilizzato VaR medio utilizzato Limite di utilizzo del VaR Livello di leva massimo previsto (effetto leva netto) Livello di leva finanziaria medio realizzato Portafoglio di riferimento (se presente) 01/07/ /12/2011 Relative VaR 93,06% 106,94% 100,32% 200% 200% 34,92% 100% JPM GBI 1-3 Global Curve 1-3year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 92,89% 107,69% 100,77% 200% 200% 68,75% 100% JPM GBI 7-10 Global Curve 7-10year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 94,06% 105,14% 99,94% 200% 50% 2,94% 100% MSCI Europe European Equity Market Plus 01/07/ /12/2011 Relative VaR 96,42% 109,33% 100,61% 200% 50% 1,44% 100% MSCI Pacific Ex JPN Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus U.S. 01/07/ /12/2011 Relative VaR 95,16% 106,19% 99,21% 200% 50% 0,21% 100% S&P 500 Equity Market Plus 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 1,92% 3,25% 2,46% 14,14% 200% 44,87% - Tactical Allocation Bond Fund 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 3,83% 8,66% 5,98% 14,14% 300% 130,37% - Tactical Allocation Fund 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 0,75% 5,26% 2,33% 14,14% 200% 51,14% - Dynamic Allocation Fund Optimiser 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 0,93% 3,84% 1,72% 14,14% 100% 130,68% - Commodities 01/07/ /12/2011 Relative VaR 108,16% 137,51% 119,91% 200% 125% 104,80% 100% Dow Jones UBS Commodity 6 Relazione Annuale

9 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 Euro Curve 1-3year Euro Curve 3-5year Euro Curve 5-7year (1) Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 7

10 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year Global Curve 1-3year Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. 8 Relazione Annuale

11 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Global Curve 7-10year European Equity Market Plus Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 9

12 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) U.S. Equity Market Plus Tactical Allocation Bond Fund Tactical Allocation Fund Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. 10 Relazione Annuale

13 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Dynamic Allocation Fund (2) Optimiser Commodities Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 11

14 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Combinato Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire 210 Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto (1) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 12 Gennaio (2) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 13 Gennaio Relazione Annuale

15 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 Euro Curve 1-3year Euro Curve 3-5year Euro Curve 5-7year (1) Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione - (7.068) - Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) ( ) (22.908) Taxe d abonnement ( ) ( ) (21.338) Commissioni professionali (29.034) (8.191) (601) Commissioni per stampe e pubblicazioni (26.784) (10.446) (776) Interessi su swap ( ) ( ) (27.177) Altri oneri ( ) (72.013) (13.684) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) (60.936) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) (41.278) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni Utile/(perdita) netti realizzati su swap (48.186) (92.007) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) ( ) (21.700) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati ( ) - - Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 13

16 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year Global Curve 1-3year Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione (7.665) (46) (1.670) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) ( ) (32.016) Taxe d abonnement ( ) ( ) (32.247) Commissioni professionali (23.232) (5.662) (966) Commissioni per stampe e pubblicazioni (15.196) (8.195) (1.227) Interessi su swap ( ) ( ) (43.668) Altri oneri (81.100) (45.813) (17.574) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta (66.746) (43.610) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni Utile/(perdita) netti realizzati su swap (31.773) (3.042) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine (11.609) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) ( ) (31.451) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) ( ) Dividendi dichiarati (2.631) - - Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale

17 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Global Curve 7-10year European Equity Market Plus Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione (9.806) ( ) (64.638) Taxe d abonnement (9.788) ( ) (36.425) Commissioni professionali (554) (19.767) (4.664) Commissioni per stampe e pubblicazioni (371) (6.685) (1.291) Interessi su swap (10.938) - - Altri oneri (6.216) (18.791) (21.100) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) (63.635) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta (36.140) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) (25.831) (3.302) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni - (7.719) - Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine (1.542) (10.885) 128 Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni - (4.441) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap (9.513) - - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo (5.620) ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale 15

18 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) U.S. Equity Market Plus Tactical Allocation Bond Fund Tactical Allocation Fund Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione (42.244) ( ) ( ) Taxe d abonnement (53.573) ( ) ( ) Commissioni professionali (1.527) (14.146) (15.556) Commissioni per stampe e pubblicazioni (1.964) (18.085) (20.161) Interessi su swap - ( ) - Altri oneri (2.558) (32.171) ( ) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine 575 ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni - ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari (13.361) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap - ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) ( ) Dividendi dichiarati Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale

19 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Dynamic Allocation Fund (2) Optimiser Commodities Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione - - (6.937) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) (43.504) ( ) Taxe d abonnement ( ) (51.862) (80.430) Commissioni professionali (9.316) (6.449) (4.070) Commissioni per stampe e pubblicazioni (12.041) (1.898) (6.462) Interessi su swap - (15.529) - Altri oneri (39.428) (7.063) (25.829) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione ( ) Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni ( ) - Utile/(perdita) netti realizzati su swap ( ) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari (49.356) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni ( ) (30.232) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati - - (55.969) Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 17

20 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Combinato Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) Commissioni di distribuzione (23.386) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) Taxe d abonnement ( ) Commissioni professionali ( ) Commissioni per stampe e pubblicazioni ( ) Interessi su swap ( ) Altri oneri ( ) Totale costi ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) Dividendi dichiarati ( ) Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo (1) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 12 Gennaio (2) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 13 Gennaio Relazione Annuale

Relazione Annuale. Pioneer Funds. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)

Relazione Annuale. Pioneer Funds. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement) Relazione Annuale 31 Dicembre 2011 (Audited) Pioneer Funds Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009

CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009 CHALLENGE EURO BOND FUND TABELLA DEGLI INVESTIMENTI AL 30 GIUGNO 2009 (valori espressi in EURO) Quantità/ Costo di % attivo 1) INVESTIMENTI A) VALORI MOBILIARI TRASFERIBILI QUOTATI SU UN MERCATO REGOLAMENTATO

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Relazione Annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2009 (audited) (Fonds Commun de Placement)

Relazione Annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2009 (audited) (Fonds Commun de Placement) Relazione Annuale 31 Dicembre 2009 (audited) Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) Non è possibile ricevere sottoscrizioni sulla base della presente

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

ROSSINI LUX FUND. Fondo Comune d Investimento di diritto lussemburghese a Comparti Multipli

ROSSINI LUX FUND. Fondo Comune d Investimento di diritto lussemburghese a Comparti Multipli ROSSINI LUX FUND Fondo Comune d Investimento di diritto lussemburghese a Comparti Multipli Rendiconto di gestione semestrale non certificato al 30 giugno 2011 Nessuna sottoscrizione può essere effettuata

Dettagli

Relazione Annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)

Relazione Annuale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement) Relazione Annuale 31 Dicembre 2011 (Audited) Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

HI Numen Credit Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV. Report Dicembre 2012

HI Numen Credit Fund HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV. Report Dicembre 2012 HEDGE INVEST INTERNATIONAL SICAV Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax. +39 02 6674450 www.hedgeinvest.it POLITICA DI INVESTIMENTO L'obiettivo di HI Numen Credit Fund è generare

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Relazione Semestrale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 30 Giugno 2011 (Unaudited) (Fonds Commun de Placement)

Relazione Semestrale. Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 30 Giugno 2011 (Unaudited) (Fonds Commun de Placement) Relazione Semestrale 30 Giugno 2011 (Unaudited) Pioneer P.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Gli Amministratori RUSSELL INVESTMENT COMPANY IV PUBLIC

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Linea Azionaria. Avvertenza

Linea Azionaria. Avvertenza Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO Milano, 03/11/2015 INDICE 1. PORTAFOGLIO ATTUALE 2. ANALISI DEL PORTAFOGLIO Per macro asset class Per micro asset class Per tipologia di prodotto Per valuta 3. ANALISI DEI

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a.

Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a. Relazione semestrale al 30 Giugno 2015 dei fondi gestiti da nextam partners S.G.R. S.p.a. Fondo bilanciato Nextam Partners Bilanciato Fondo obbligazionario Nextam Partners Obbligazionario Misto Il presente

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2013

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2013 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2013 SETTEMBRE 2013 info@studio-olivieri.it

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049)

CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049) CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049) Reggio Emilia, 28 febbraio 2015 Oggetto: aggiornamento delle informazioni sugli OICR esterni riportate nel Documento Informativo Gentile Cliente, nel seguito

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Allianz Euro Bond Strategy

Allianz Euro Bond Strategy Allianz Euro Bond Strategy Dieci validi motivi per investire Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro Il mercato obbligazionario negli ultimi anni ha registrato profonde trasformazioni:

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO Allianz Global Investors Selection Funds plc (la Società ) (precedentemente Darta Investment Funds plc) PROSPETTO SEMPLIFICATO 26 giugno 2009 Il presente Prospetto Informativo Semplificato fornisce importanti

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Europa: Ripresa o deflazione?

Europa: Ripresa o deflazione? Europa: Ripresa o deflazione? 1 Cosa è successo quest anno? Ripresa in rallentamento 2 Cosa è successo quest anno? Inflazione verso lo zero 3 Cosa è successo quest anno? Tensioni geopolitiche 4 Impatto

Dettagli

THREADNEEDLE (LUX) threadneedle.com. Bilancio e relazione semestrale non certificati Société d Investissement à Capital Variable 30 settembre 2013

THREADNEEDLE (LUX) threadneedle.com. Bilancio e relazione semestrale non certificati Société d Investissement à Capital Variable 30 settembre 2013 Bilancio e relazione semestrale non certificati Société d Investissement à Capital Variable 30 settembre 2013 THREADNEEDLE (LUX) SICAV Organismo di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari di diritto

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO NEXTAM PARTNERS S i c a v Società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese PROSPETTO SEMPLIFICATO Settembre 2009 Prospetto pubblicato mediante deposito all Archivio Prospetti della

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2014 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Bigli 21, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org 10 dicembre 2012 Rassegna trimestrale BRI: le misure di policy e il calo dei rischi a breve trainano i mercati Nei tre mesi fino

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity

Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity Pioneer Funds - Absolute Return Asian Equity (il "Comparto") è un comparto di Pioneer Funds (il "Fondo"). La Società di Gestione del Fondo è Pioneer Asset Management

Dettagli

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI 1 - Istituzione e denominazione del fondo La Società ha istituito e gestisce, secondo le modalità previste dal presente Regolamento, i

Dettagli

Linea Obbligazionaria

Linea Obbligazionaria Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr

Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr Perché investire oggi in fondi hedge? Alessandra Manuli, Amministratore Delegato, Hedge Invest Sgr Milano, 28 settembre 2011 Da dove arriviamo e dove siamo La BCE l 11/4/2011 e l 11/7/2011 aumentava i

Dettagli

AXA World Funds - Euro Bonds

AXA World Funds - Euro Bonds Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute nel

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli