Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Annuale. Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese. 31 Dicembre 2011 (Audited) (Fonds Commun de Placement)"

Transcript

1 Relazione Annuale 31 Dicembre 2011 (Audited) Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement)

2 Non si possono accettare sottoscrizioni effettuate sulla base delle informazioni contenute nella presente relazione. Le sottoscrizioni sono valide solo se effettuate sulla base del prospetto in vigore accompagnato dall ultima relazione annuale e dalla più recente relazione semestrale, qualora pubblicata successivamente. La presente relazione annuale è traduzione fedele in lingua italiana della relazione annuale al 31 Dicembre 2011 predisposta dalla Società di Gestione. Pioneer Asset Management S.A.

3 Indice Commento annuale sui mercati finanziari... 3 Indicazioni sui rischi... 5 Prospetto del patrimonio netto... 7 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto Prospetto statistico delle Quote Prospetto degli investimenti Euro Curve 1-3year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 3-5year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 5-7year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 7-10year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Euro Curve 10+year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Global Curve 1-3year Contratti di futures finanziari in essere Contratti swap in essere Global Curve 7-10year Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti swap in essere European Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere U.S. Equity Market Plus Contratti di futures finanziari in essere Tactical Allocation Bond Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Relazione Annuale 1

4 Indice Tactical Allocation Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Dynamic Allocation Fund Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Optimiser Contratti di futures finanziari in essere Contratti di cambio a termine in essere Contratti di opzione in essere Contratti swap in essere Commodities Contratti di cambio a termine in essere Contratti swap in essere Nota Integrativa al bilancio Relazione della società di revisione Gestione e Amministrazione Relazione Annuale

5 Relazione Annuale Pioneer S.F. Commento annuale sui mercati finanziari L economia Nel primo semestre del 2011, le principali economie mondiali sono cresciute, anche se ad un ritmo più lento. Secondo quanto riportato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crescita globale nel suddetto anno si è attestata intorno al 4%, rispetto al 5,1% del Le economie dei paesi emergenti hanno realizzato un incremento record del proprio PIL del 6,4% (7,3% nel 2010), rispetto ad un mediocre 1,6% di quelle più avanzate (3,1% nel 2010). Nel 2011 l Eurozona si è globalmente sviluppata in modo modesto, nonostante il tasso di crescita aggregato all interno dell area mostri andamenti molto differenti tra i singoli Paesi. La Germania ha dimostrato di avere l economia più dinamica grazie ad un tasso di crescita del 2,7%. Nuovamente, le esportazioni sono state il principale fattore di crescita, seguite dagli investimenti. I consumi delle famiglie tedesche sono cresciuti rispetto al 2010, grazie al miglioramento del mercato del lavoro, con l abbassamento del tasso di disoccupazione da 7,4% a 6,8% (il livello più basso registrato dalla riunificazione della Germania). Diversamente, i cosiddetti Paesi periferici dell area euro hanno mostrato una crescita economica mediocre. Le nazioni fortemente colpite dalla crisi sovrana del debito hanno subito un crollo, con il PIL della Grecia in calo per il quarto anno consecutivo tra molteplici piani di austerità per evitare un default del debito. Il Paese è stato in prima linea con la crisi del debito e gli obbligazionisti privati sono stati chiamati a partecipare ad ogni piano di salvataggio futuro. Le trattative, condotte dal governo provvisorio, circa il loro livello di coinvolgimento erano ancora in corso in chiusura d anno. I cambiamenti politici hanno accompagnato la crisi del debito anche in altre zone all interno della periferia dell Unione Monetaria Europea: l Italia è l esempio migliore. Il governo italiano ha attuato diversi tentativi per affrontare al meglio la crisi di fiducia sui mercati obbligazionari internazionale attraverso l adozione di misure fiscali restrittive. Tuttavia, questi provvedimenti non sono stati portati avanti diligentemente. Nel corso dell anno, la nomina di un governo provvisorio, guidato da un importante economista, ha stabilizzato la situazione. Lo spread tra i titoli pubblici decennali italiani e tedeschi ha segnato un cambiamento di condizioni, poiché ha raggiunto a novembre un picco di 575 punti, prima di diminuire con lentezza solo successivamente. Dal punto di vista macroeconomico, come ampiamente previsto, l Italia è entrata in recessione. Anche la Spagna è stata colpita dalla crisi del debito e da un avvicendamento nel governo. Per la maggior parte del periodo, il rischio creditizio spagnolo ha ricalcato quello italiano. Portogallo e Irlanda, i due Paesi dell eurozona che unitamente alla Grecia hanno ricevuto il pacchetto di aiuti, si sono mossi in direzione opposta nel corso dell anno. L Irlanda ha beneficiato di migliori prospettive economiche (che compensano un altro anno difficile). A livello politico, i tentativi di fornire una soluzione completa alla crisi dell euro sono resi evidenti dal numero di riunioni dei vertici dell Unione Europea dedicati a questo tema. La maggior parte di queste ultime si sono concluse con l annuncio di importanti misure politiche, anche se sono state subito seguite da periodi di stallo, segno delle difficoltà nell implementazione delle azioni concordate. In ogni caso, dall ultimo incontro dei capi di stato dei governi europei, tenuto l 8 e il 9 dicembre 2011, sembra che siano stati fatti dei progressi nella risoluzione della crisi. In particolare, i 26 Membri (ad esclusione del Regno Unito) si sono accordati su un nuovo Fiscal Compact, con la clausola di automatiche penalità per i Paesi membri incapaci di tagliare l eccesso di deficit e l inserimento formale dell obbligo di pareggio di bilancio all interno della propria normativa. Nel corso dell anno, la Banca Centrale Europea (BCE) ha intrapreso molte azioni politiche di emergenza. Dopo aver aumentato il tasso di riferimento per due volte, in aprile e in luglio, per un totale di 50 punti, nonostante i rischi di rialzo dell inflazione, la BCE è repentinamente passata ad una politica d azione guidata dalla crisi. La BCE ha comprato obbligazioni governative, supportando in questo modo gli Stati più periferici dell area euro, e successivamente ha fornito abbondante liquidità al settore bancario in difficoltà per evitare la stretta creditizia. La BCE, sotto la guida del nuovo presidente italiano subentrato a novembre, ha anche annullato i precedenti aumenti dei tassi, riportando il tasso di interesse di riferimento all 1% alla fine dell anno. La riunione del consiglio direttivo di dicembre ha messo in atto i preparativi per due operazioni di finanziamento a lungo termine per le banche commerciali: la prima effettuata a breve distanza dalla riunione, la seconda pianificata per il 29 febbraio Il Regno Unito non è stato colpito dalla crisi sovrana del debito, grazie all indipendenza della propria moneta. Ciò nonostante, l economia del Paese ha registrato un tasso di crescita debole, obbligando la Banca d Inghilterra ad adottare una politica monetaria molto accomodante, caratterizzata da interessi a tasso zero e da un acquisto massiccio di titoli di Stato. Gli Stati Uniti hanno concluso il 2011 con un aumento del PIL del 1,5% anno-su-anno (era il 3% nel 2010). Il consumo delle famiglie ha retto ragionevolmente bene ma, avendo sofferto nel primo semestre dell anno a causa dell aumento dei prezzi del carburante, è rimbalzato nella seconda metà dell anno, contribuendo così a fugare i timori di una ricaduta nella recessione. Anche il mercato del lavoro americano è migliorato, sebbene più lentamente rispetto a precedenti fasi di ripresa economica. Il tasso di disoccupazione è salito al 9,1% in giugno e si è stabilizzato a questo livello fino al terzo trimestre prima di diminuire all 8,5% in dicembre. Gli investimenti nell immobiliare residenziale hanno continuato ad ostacolare la crescita del 2011, sebbene ci siano stati incoraggianti segnali. Le esportazioni nette hanno contribuito positivamente alla crescita solo durante la seconda metà dell anno. Il dibattito politico tra Repubblicani e Democratici in materia di politica fiscale ha ritardato l accordo sull aumento del tetto massimo del debito fino all ultimo giorno, evitando in tal modo il default tecnico del Paese. Relazione Annuale 3

6 Relazione Annuale Pioneer S.F. Commento annuale sui mercati finanziari (continua) L intesa non è stata ritenuta adatta dall agenzia di rating Standard & Poor s, che ha tolto agli Stati Uniti il rating massimo pari ad AAA. In termini di politica monetaria, la Federal Riserve degli USA ha confermato la politica estremamente accomodante con un tasso di interesse quasi a zero da dicembre In Giappone, l economia è stata colpita dalla tragedia del terremoto e dello tsunami di marzo, che hanno provocato la contrazione del PIL. La ripresa del Paese è iniziata nella seconda metà dell anno, anche se è stata intralciata dal rallentamento dell economia globale. Nel 2011 le economie emergenti hanno continuato a registrare tassi di crescita dinamici, anche se più contenuti rispetto al A questo andamento hanno contribuito le politiche finalizzata a contrastare l aumento dell inflazione. In Asia, la Cina è cresciuta del 9,5% (contro i 10,3% del 2010). Per assicurare una crescita rallentata dell economia, i funzionari cinesi sono prontamente intervenuti con un agevolazione delle condizioni monetarie nel corso del periodo. Anche in America Latina, le maggiori economie hanno mostrato segni di una crescita più lenta. In Brasile, la Banca Centrale ha risposto con il taglio dei tassi di interesse di 150 punti base su tre incontri consecutivi a partire da agosto. I mercati Nel 2011, i mercati finanziari sono stati influenzati da una serie di eventi che hanno portato all aumento dell avversione al rischio degli investitori, anche se gli asset più rischiosi hanno recuperato parte del terreno perso nel corso dell anno. Gli eventi che hanno gravato maggiormente sui mercati finanziari sono riconducibili principalmente a tensioni politiche nei Paesi Arabi, in primo luogo in Libia, il terremoto e lo tsunami in Giappone in marzo e, a partire da luglio, un peggioramento della crisi del debito sovrano nella zona euro. Il mercato europeo delle obbligazioni governative ha riflesso la maggior parte di queste preoccupazioni. I rendimenti dei titoli tedeschi sono cresciuti nel corso del primo semestre dell anno nonostante le pressioni inflattive in aumento (alle quali la BCE si è contrapposta con i suddetti due aumenti). Ma la continua avversione al rischio, dovuta alla crisi del debito sovrano, ha successivamente condotto ad una brusca flessione dei rendimenti tedeschi, quale risultato della ricerca di un rifugio sicuro. Il rendimento delle obbligazioni decennali tedesche è diminuito di circa 100 punti base e ha chiuso l anno 2011 sotto il 2%. Sulla parte breve della curva, i rendimenti sono diminuiti ancor più drammaticamente, con il rendimento a due anni ridotto ad un esiguo 0,14% mentre le scadenze fino ad un anno sono arrivate quasi a zero. Il mercato obbligazionario dei Paesi periferici dell area euro è stato caratterizzato da un andamento opposto: un forte aumento dello spread che ha ampiamente rispecchiato l aumento della consapevolezza del rischio di credito per gli emittenti. Per le obbligazioni governative italiane, il rendimento a 10 anni è aumentato da 4,82% a 7,11%, portando lo spread nei confronti della del titolo a dieci anni tedesco a 575 punti base alla fine del Anche la parte breve della curva dei rendimenti italiana ha segnato un brusco aumento. Ciò nonostante, verso la fine dell anno questa è stata la prima a beneficiare delle politiche della BCE, quando questa è intervenuta sul mercato secondario dei titoli di stato per supportare i mercati obbligazionari italiano e spagnolo ed evitare un potenziale aumento del costo dell indebitamento. L andamento delle obbligazioni spagnole è stato molto simile a quello italiano, con lo spread verso i titoli della Germania in aumento da 249 a 326 punti base. Il rischio del credito della Grecia, Portogallo ed Irlanda è arrivato a livelli di spread a quattro cifre, anche se nella seconda metà dell anno tale rischio in Irlanda ha iniziato a diminuire grazie al ritrovato ottimismo in merito alla crescita in un economia flessibile. Il mercato delle obbligazioni governative degli USA ha continuato ad essere considerato un rifugio sicuro. Inoltre, gli investitori non hanno considerato la retrocessione operata da Standard & Poor s in agosto e i rendimenti sono calati su tutta la curva. I mercati azionari hanno iniziato l anno positivamente, ma hanno ceduto terreno a fronte della presa di profitto registrata da febbraio a causa delle tensioni politiche nei paesi arabi e delle conseguenze del terremoto in Giappone che hanno avuto ripercussioni sugli utili previsti per le aziende. Le paure di una crisi nucleare in Giappone sono state dirompenti anticipando una crisi globale nelle catene di produzione altamente integrate a livello globale. Da maggio, il rallentamento è stato maggiormente evidente e non solo in relazione al terremoto in Giappone, ma anche e soprattutto alla crisi del debito euro. Il continuo peggioramento di questo ultimo e la controversia negli USA in merito al tetto del debito hanno aggiunto pressione ai prezzi azionari globali nel periodo estivo. In generale, le paure di una recessione globale raramente si sono dissipate, se non per brevi momenti di minore tensione. Da dicembre lo stato d animo dei mercati è sembrato differente, grazie all azione ad ampio spettro delle maggiori Banche Centrali, a partire dalla BCE, nel procurare liquidità addizionale illimitata alle banche e nell evitare una stretta creditizia. 4 Relazione Annuale

7 Indicazioni sui rischi Gestione dei rischi La Società di Gestione utilizza una procedura di gestione del rischio che consente di monitorare costantemente i rischi delle posizioni del portafoglio e il loro contributo sul rischio complessivo del portafoglio del Fondo. In conformità con la legge del 17 dicembre 2010 e con i requisiti fondamentali in materia di vigilanza disposti dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier ( CSSF ), la Società di gestione informa la CSSF regolarmente riguardo alla procedura di gestione del rischio utilizzata. La società di gestione garantisce, sulla base di principi adeguati ed opportuni, che il rischio complessivo relativo all utilizzo di derivati non superi il valore patrimoniale netto del portafoglio. Conformemente ai requisiti normativi in materia di vigilanza, questa procedura di gestione del rischio misura l esposizione globale di ciascun Comparto con l approccio Value Risk ( VaR ). Metodo del Value Risk ( VaR ) In matematica finanziaria e nell ambito della gestione del rischio, il VaR rappresenta un metodo di valutazione del rischio molto diffuso, utilizzato per calcolare la possibile perdita massima di un determinato portafoglio di attività, in considerazione del rischi di mercato. In particolare, l approccio a Value Risk calcola la perdita massima potenziale di un portafoglio di riferimento a un determinato livello di confidenza (o di probabilità), in un arco temporale specifico ( Periodo di detenzione ) alle normali condizioni di mercato. È possibile applicare il metodo a VaR relativo o VaR assoluto come indicato nella tabella seguente. Metodo del VaR relativo Il VaR relativo pone in relazione il VaR del portafoglio di un Comparto con il VaR di un portafoglio di riferimento, corrispondente alla politica di investimento del Fondo, il VaR relativo del Comparto non può eccedere due volte il VaR del portafoglio di riferimento. Il portafoglio di riferimento usato da ciascun Comparto è riportato nella tabella seguente. I valori a rischio minimi, massimi e medi relativi al periodo 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011 sono specificati nella tabella seguente. Metodo del VaR assoluto Il VaR assoluto pone in relazione il VaR del portafoglio di un Comparto con il suo valore patrimoniale netto. Il VaR assoluto di ciascun Comparto non deve superare il 20% del suo valore patrimoniale netto (stabilito in base a un livello di confidenza del 99% e in riferimento a un periodo di detenzione di 20 giorni lavorativi). Rispetto a un periodo di dieci giorni lavorativi, tale percentuale è del 14,14%. I valori a rischio minimi, massimi e medi relativi al periodo 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011 sono specificati nella tabella seguente. Effetto leva ( Leverage ) L utilizzo di strumenti finanziari derivati può comportare un effetto leva per il Comparto, che viene costantemente monitorato. La leva è misurata come leva finanziaria netta e questo comporta che la leva a cui ci si espone attraverso l uso di derivati terrà conto delle misure di copertura o compensazione. In tale contesto, la leva finanziaria netta è misurata come percentuale del Valore Patrimoniale Netto di ogni Comparto. La leva netta di ciascun Comparto non eccederà i limiti indicati nella tabella seguente. Tuttavia, in determinate circostanze, (ad esempio in caso di volatilità di mercato molto bassa) la leva può superare tali limiti. Anche il livello della leva media registrato durante il periodo dal 1 luglio 2011 al 31 dicembre 2011, con osservazioni settimanali, è specificato nella tabella. Il VaR è stato calcolato usando simulazioni storiche con un intervallo di confidenza del 99%, un periodo di mantenimento di 10 giorni, un periodo di osservazione di 252 giorni (ugualmente ponderati). Comparto Inizio periodo Fine periodo Calcolo del rischio di mercato VaR minore utilizzato VaR maggiore utilizzato VaR medio utilizzato Limite di utilizzo del VaR Livello di leva massimo previsto (effetto leva netto) Livello di leva finanziaria medio realizzato Portafoglio di riferimento (se presente) 01/07/ /12/2011 Relative VaR 60,53% 101,87% 87,63% 200% 200% 64,55% 100% JPM GBI EMU 1-3 Euro Curve 1-3year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 83,01% 109,98% 96,14% 200% 200% 72,24% 100% JPM GBI EMU 3-5 Euro Curve 3-5year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 76,30% 102,96% 94,84% 200% 200% 34,48% 100% JPM GBI EMU 5-7 Euro Curve 5-7year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 92,70% 107,88% 100,72% 200% 200% 70,92% 100% JPM GBI EMU 7-10 Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 91,71% 107,60% 99,07% 200% 200% 66,94% 100% JPM GBI EMU 10+ Relazione Annuale 5

8 Indicazioni sui rischi (continua) Comparto Inizio periodo Fine periodo Calcolo del rischio di mercato VaR minore utilizzato VaR maggiore utilizzato VaR medio utilizzato Limite di utilizzo del VaR Livello di leva massimo previsto (effetto leva netto) Livello di leva finanziaria medio realizzato Portafoglio di riferimento (se presente) 01/07/ /12/2011 Relative VaR 93,06% 106,94% 100,32% 200% 200% 34,92% 100% JPM GBI 1-3 Global Curve 1-3year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 92,89% 107,69% 100,77% 200% 200% 68,75% 100% JPM GBI 7-10 Global Curve 7-10year 01/07/ /12/2011 Relative VaR 94,06% 105,14% 99,94% 200% 50% 2,94% 100% MSCI Europe European Equity Market Plus 01/07/ /12/2011 Relative VaR 96,42% 109,33% 100,61% 200% 50% 1,44% 100% MSCI Pacific Ex JPN Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus U.S. 01/07/ /12/2011 Relative VaR 95,16% 106,19% 99,21% 200% 50% 0,21% 100% S&P 500 Equity Market Plus 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 1,92% 3,25% 2,46% 14,14% 200% 44,87% - Tactical Allocation Bond Fund 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 3,83% 8,66% 5,98% 14,14% 300% 130,37% - Tactical Allocation Fund 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 0,75% 5,26% 2,33% 14,14% 200% 51,14% - Dynamic Allocation Fund Optimiser 01/07/ /12/2011 Absolute VaR 0,93% 3,84% 1,72% 14,14% 100% 130,68% - Commodities 01/07/ /12/2011 Relative VaR 108,16% 137,51% 119,91% 200% 125% 104,80% 100% Dow Jones UBS Commodity 6 Relazione Annuale

9 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 Euro Curve 1-3year Euro Curve 3-5year Euro Curve 5-7year (1) Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 7

10 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year Global Curve 1-3year Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. 8 Relazione Annuale

11 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Global Curve 7-10year European Equity Market Plus Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 9

12 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) U.S. Equity Market Plus Tactical Allocation Bond Fund Tactical Allocation Fund Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. 10 Relazione Annuale

13 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Dynamic Allocation Fund (2) Optimiser Commodities Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 11

14 Prospetto del patrimonio netto al 31 Dicembre 2011 (continua) Combinato Attività Titoli al costo Plusvalenze/minusvalenze non realizzate ( ) Titoli al valore di mercato Opzioni acquistate al valore di mercato Utile netto non realizzato su contratti di cambio a termine Utile netto non realizzato su contratti di futures finanziari Utile netto non realizzato su contratti swap Crediti da accordi di acquisto e operazioni contro termine Disponibilità liquide Ratei sugli interessi Ratei sui dividendi Ratei attivi su prestiti titoli Crediti da sottoscrizioni Crediti da vendita titoli Altri crediti Totale attività Passività Scoperto bancario Opzioni scritte al valore di mercato Perdita netta non realizzata su contratti di cambio a termine Perdita netta non realizzata su contratti di futures finanziari Perdita netta non realizzata su contratti swap Dividendi da distribuire 210 Debiti da rimborsi Debiti da acquisto di titoli Ratei passivi Altri debiti Totale passività Valore Patrimoniale Netto (1) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 12 Gennaio (2) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 13 Gennaio Relazione Annuale

15 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 Euro Curve 1-3year Euro Curve 3-5year Euro Curve 5-7year (1) Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione - (7.068) - Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) ( ) (22.908) Taxe d abonnement ( ) ( ) (21.338) Commissioni professionali (29.034) (8.191) (601) Commissioni per stampe e pubblicazioni (26.784) (10.446) (776) Interessi su swap ( ) ( ) (27.177) Altri oneri ( ) (72.013) (13.684) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) (60.936) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) (41.278) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni Utile/(perdita) netti realizzati su swap (48.186) (92.007) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) ( ) (21.700) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati ( ) - - Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 13

16 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Euro Curve 7-10year Euro Curve 10+year Global Curve 1-3year Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione (7.665) (46) (1.670) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) ( ) (32.016) Taxe d abonnement ( ) ( ) (32.247) Commissioni professionali (23.232) (5.662) (966) Commissioni per stampe e pubblicazioni (15.196) (8.195) (1.227) Interessi su swap ( ) ( ) (43.668) Altri oneri (81.100) (45.813) (17.574) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta (66.746) (43.610) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni Utile/(perdita) netti realizzati su swap (31.773) (3.042) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine (11.609) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) ( ) (31.451) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) ( ) Dividendi dichiarati (2.631) - - Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale

17 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Global Curve 7-10year European Equity Market Plus Pacific (Ex-Japan) Equity Market Plus Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione (9.806) ( ) (64.638) Taxe d abonnement (9.788) ( ) (36.425) Commissioni professionali (554) (19.767) (4.664) Commissioni per stampe e pubblicazioni (371) (6.685) (1.291) Interessi su swap (10.938) - - Altri oneri (6.216) (18.791) (21.100) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) (63.635) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta (36.140) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) (25.831) (3.302) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni - (7.719) - Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine (1.542) (10.885) 128 Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni - (4.441) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap (9.513) - - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo (5.620) ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale 15

18 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) U.S. Equity Market Plus Tactical Allocation Bond Fund Tactical Allocation Fund Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione (42.244) ( ) ( ) Taxe d abonnement (53.573) ( ) ( ) Commissioni professionali (1.527) (14.146) (15.556) Commissioni per stampe e pubblicazioni (1.964) (18.085) (20.161) Interessi su swap - ( ) - Altri oneri (2.558) (32.171) ( ) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine 575 ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni - ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari (13.361) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap - ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) ( ) Dividendi dichiarati Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Relazione Annuale

19 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Dynamic Allocation Fund (2) Optimiser Commodities Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) ( ) ( ) Commissioni di distribuzione - - (6.937) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) (43.504) ( ) Taxe d abonnement ( ) (51.862) (80.430) Commissioni professionali (9.316) (6.449) (4.070) Commissioni per stampe e pubblicazioni (12.041) (1.898) (6.462) Interessi su swap - (15.529) - Altri oneri (39.428) (7.063) (25.829) Totale costi ( ) ( ) ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione ( ) Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni ( ) - Utile/(perdita) netti realizzati su swap ( ) Utile/(perdita) netti realizzati ( ) ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari (49.356) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni ( ) (30.232) - Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) ( ) ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) ( ) ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) ( ) Dividendi dichiarati - - (55.969) Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo Le note sono disponibili alla fine di questa sezione. Relazione Annuale 17

20 Prospetto delle attività e delle variazioni del patrimonio netto per il periodo chiuso al 31 Dicembre 2011 (continua) Combinato Proventi Dividendi netti Interessi su titoli Interessi su conti bancari Interessi su swap Proventi da prestito titoli Altri proventi Totale proventi Costi Commissioni di gestione ( ) Commissioni di distribuzione (23.386) Commissioni di Banca Depositaria e amministrazione ( ) Taxe d abonnement ( ) Commissioni professionali ( ) Commissioni per stampe e pubblicazioni ( ) Interessi su swap ( ) Altri oneri ( ) Totale costi ( ) Proventi/(perdite) netti di gestione Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Valore Patrimoniale Netto all inizio del periodo Proventi/(perdite) netti di gestione Utile/(perdita) netti realizzati su vendita di titoli ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su valuta ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di cambio a termine ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su contratti di futures finanziari ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su opzioni ( ) Utile/(perdita) netti realizzati su swap Utile/(perdita) netti realizzati ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su titoli ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di cambio a termine Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su contratti di futures finanziari Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su opzioni ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati su swap ( ) Variazione netta dell utile/(perdita) non realizzati del periodo ( ) Incremento/(Decremento) netto del patrimonio netto conseguente alla gestione ( ) Sottoscrizioni/(rimborsi) netti ( ) Dividendi dichiarati ( ) Valore Patrimoniale Netto al termine del periodo (1) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 12 Gennaio (2) Il Valore Patrimoniale Netto è stato calcolato per la prima volta il 13 Gennaio Relazione Annuale

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 1 INDICE 1 CONOSCERE LASSETL CLASS E IL MERCATO 2 I VANTAGGI AD INVESTIRE

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli