IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul"

Transcript

1 IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul BENVENUTI AL N. 1 DEL NOSTRO NOTIZIARIO - LUGLIO 2014 Politiche protezionistiche e barriere all'ingresso e tutela sui diritti di proprieta' intellettuale rappresentano due aspetti importanti nello sviluppo delle relazioni economiche bilaterali tra l'italia e la Turchia. I modelli di specializzazione produttiva delle economie dei due Paesi presentano similitudini e complementarieta' basandosi entrambi su una forte propensione manifatturiera e sulla presenza di numerose imprese di dimensione piccole e medie. Ad esse, in particolare modo, e' dedicato questo Progetto promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con la rete degli Uffici all'estero dell'ice Agenzia e sostenuto dalle rispettive Rappresentanze Diplomatiche e Consolari italiane. DESK TUTELA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Il Desk di assistenza alle imprese per la tutela della proprietà intellettuale in Turchia, costituisce un importante presidio a favore del Made in Italy per le imprese all estero. Come gli analoghi Desk aperti in altri 4 paesi dal Ministero dello Sviluppo Economico in collaborazione con gli uffici dell Agenzia ICE, l IPR Desk ha la funzione di ufficio di consulenza e di monitoraggio per la tutela del marchio e delle indicazioni di origine, e per l assistenza legale alle imprese nella registrazione dei marchi e brevetti. Il Desk Tutela Proprietà Intellettuale fornisce alle imprese italiane interessate al mercato turco assistenza e orientamento in materia di Proprietà Intellettuale, offrendo strumenti per comprendere il sistema locale della proprietà intellettuale, per conoscere ed utilizzare le procedure e le pratiche necessarie alla prevenzione, alla difesa e al ripristino dei propri diritti. Come antenna sul territorio, il Desk svolge un attività di monitoraggio del mercato e dei mutamenti legislativi. L obiettivo principale del Desk è portare un numero sempre più elevato di imprese a conoscere e usare i diritti di proprietà intellettuale nel creare valore economico, nel mercato nazionale cosi come sui mercati esteri. Il lavoro del Desk di Istanbul si sviluppa attraverso quattro line di attività: Informazione e Orientamento alle imprese; Assistenza tecnico-legale; Monitoraggio; Collaborazione e Promozione. DESK OSTACOLI AL COMMERCIO Il progetto che il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato insieme all Agenzia ICE di Istanbul in merito alla attivazione dei Desk di Assistenza per gli Ostacoli al Commercio ha l obiettivo di informare le imprese italiane sulle barriere doganali tariffarie e non tariffarie e di fornire una prima assistenza per l ingresso al mercato turco. İTALYAN BAŞKONSOLOSLUĞU İTALYAN DIŞ TİCARET VE TANITIM AJANSI - Lütfi Kırdar Uluslararası Kongre ve Sergi Sarayı Gümüş Sok Harbiye,İstanbul/Turkey Tel. +90 (212) Fax. +90 (212) Web:

2 Il Desk fornisce alle imprese italiane informazioni sui dazi/tasse da pagare per esportare un certo prodotto in Turchia e sulle documentazioni richieste nel momento d ingresso. L obiettivo principale e quello di evitare i possibili problemi di dogana e di facilitare le pratiche doganali per le imprese italiane che esportano in Turchia previa una verifica fatta su richiesta delle stesse imprese sulla base del codice doganale fornito. Il lavoro del Desk di Istanbul si sviluppa attraverso tre linee di attivita : Informazione ed orientamento alle imprese Monitoraggio e segnalazione degli ultimi aggiornamento nelle materie doganali Assistenza tecnica specialistica Ferdinando Pastore Direttore ICE Istanbul IMPORTAZIONE Il regime di importazioni della Turchia è stato predisposto in armonia con le disposizioni contenute nell'accordo di Unione Doganale fra Turchia ed UE, entrato in vigore il 1 Gennaio 1996, che prevede la libera circolazione di beni (esclusi quelli agricoli, parte dei prodotti alimentari processati e quelli del carbone e dell acciaio ) e servizi, l'abolizione delle tariffe esterne comuni e delle misure di protezione, l'armonizzazione legislativa, la cooperazione finanziaria ed istituzionale. Documenti richiesti per l importazione Documento Amministrativo Unico (Modello ufficiale di dichiarazione doganale, unico in tutto il territorio comunitario) Fattura commerciale Fattura del trasporto Packing list (Elenco dei prodotti) Polizza di assicurazione Certificato di origine ATR* oppure Eur1** per i prodotti CECA (Comunità Europea del Carbone e dell'acciaio) ed i prodotti alimentari lavorati. A tale regola fanno eccezione alcuni prodotti (prodotti agricoli, materiali pericolosi, apparecchiature medicali, medicinali e vaccini, alcuni prodotti agro-industriali..ecc) per i quali sono richiesti alcuni certificati aggiuntivi dai Ministeri interessati (Ministero della Sanità, Ministero dell'agricoltura, Ministero dell Ambiente, ecc). * ATR permette ai destinatari delle merci di beneficiare dell esenzione o della riduzione del dazio. Il Certificato di Circolazione ATR, che viene approvato dagli uffici doganali, e reperibile presso le Camere di Commercio del Paese di provenienza. ** EUR1permette ai destinatari delle merci di beneficiare del regime applicabile ai prodotti agricoli di base e ai prodotti siderurgici.le spedizioni inferiori a 6000 euro o effettuate da un importatore accreditato, possono essere certificate mediante una fattura, un buono di consegna o qualsiasi altro documento commerciale che descriva i prodotti in modo sufficientemente dettagliato. EUR1, che viene approvato dagli uffici doganali, e reperibile presso le Camere di Commercio del Paese di provenienza. Dazi ed imposte da pagare nell importazione DAZI: Aliquota fissata dal codice doganale x Prezzo CIF (Cost - Insurance - Freight) I prodotti provenienti dai Paesi dell Unione Europea, compresi nel trattato d'adesione all Unione Doganale ed aventi certificato ATR sono esenti da dazi doganali.

3 IVA: Varia dall 1% al 18%, a seconda dei prodotti: 1% prodotti agricoli 8% prodotti alimentari e prodotti tessili; alcuni materiali educativi e prodotti sanitari 18% altri prodotti Alcuni prodotti sono esenti dall IVA come apparecchi acustici OTV (Tassa Speciale sui Consumi): 1.Prezzo netto IVA x aliquota che dipende dalla categoria di prodotto Per alcune categorie di beni è previsto un minimale 2.Importo fisso Vi sono quattro gruppi principali: a) prodotti di petrolio, gas naturale, olio e lubrificanti, solventi e suoi derivati b) automobili ed altri veicoli, motociclette, aerei, elicotteri, yacht c) tabacco e prodotti di tabacco, bevande alcooliche d) prodotti di lusso. KKDF (Resource Utilization Support Fund): 6% valore merce per acquisti dall estero con pagamento differito Tempi di sdoganamento Le merci importate in Turchia devono essere sdoganate entro 20 giorni se provenienti via terra ed aerea, oppure 45 giorni se provenienti via mare. Secondo la Legge turca se la merce non è sdoganata entro tali termini questa può essere nazionalizzata e venduta all'asta. Il ricavato della vendita appartiene allo Stato. Si puo fare richiesta alla Direzione Doganale per ulteriori 30 giorni spiegando il motivo del ritardo di sdoganamento. Se la merce viene, invece, trasferita in un deposito doganale ci puo stare per un periodo illimitato con la condizione di informare semestralmente il responsabile del deposito. Si invitano i lettori che fanno esportazione in Turchia a contattare il Desk di Assistenza per gli Ostacoli al Commercio dell Ufficio ICE di Istanbul e chiedere una verifica personalizzata sui documenti richiesti e sui dazi da pagare comunicando i codici doganali delle merci che si vuol importare. D.ssa Ece Aldoğan Sancar Responsabile del Desk Ostacoli al Commercio IL MARCHIO IN TURCHIA La nozione di marchio fornita dall ordinamento turco, regolato principalmente dal Decreto Legge 556/95, non si discosta da quella italiana. L ordinamento turco riconosce l importanza della funzione distintiva del marchio classificabile in marchio collettivo, marchio di garanzia, marchio di commercio e marchio di servizi e ne tutela il diritto attraverso la registrazione presso l Istituto Brevetti Turco (TPE). I soggetti interessati, sia persone fisiche sia persone giuridiche aventi domicilio o stabile organizzazione sul territorio della Repubblica di Turchia, ovvero appartenenti a Paesi membri del WTO o firmatari di accordi bilaterali con la Turchia ovvero i soggetti che abbiano già registrato il marchio in conformità alle convenzioni di Parigi e Berna, potranno presentare al TPE la domanda di registrazione del marchio; quest ultimo, in presenza di tutti i requisiti di validità, può esplicarsi in tutti i nuovi segni suscettibili di essere rappresentati graficamente: figure, lettere, cifre, disegni, forma del prodotto o della confezione. Un tipo particolare di marchio è il marchio collettivo. Esso si distingue dai marchi di impresa in quanto titolare del marchio collettivo è un soggetto (ad esempio un consorzio o un associazione) che svolge la funzione di garantire l origine, la natura o la qualità di determinati prodotti. Tale marchio non viene utilizzato dall ente che ne ha ottenuto la registrazione

4 ma bensì è concesso in uso alle imprese associate (le quali potranno affiancargli anche il marchio individuale) che dovranno essere individuate al momento della presentazione della domanda di registrazione del marchio. Il marchio di garanzia è quel marchio che viene utilizzato per garantire la qualità, l origine geografica, i metodi di produzione e le caratteristiche comuni di determinati beni e servizi. Con il marchio di garanzia si è voluto certificare l intera filiera produttiva affinché l importanza del marchio non fosse attribuita ai prodotti di coloro che non rispondono ai requisiti contenuti nel regolamento d uso (diversamente da quanto previsto per i marchi collettivi non è richiesto l individuazione di coloro legittimati all uso, atteso il compito del titolare del marchio a verificare l esistenza dei requisiti). Dall uso del marchio di garanzia sono esclusi il titolare dello stesso e le società ad esso economicamente dipendenti. La domanda di registrazione è accompagnata dal regolamento d uso nel quale verranno rappresentate le caratteristiche comuni dei prodotti e dei servizi garantiti, le disposizioni sul controllo e le sanzioni. La tutela del marchio avviene attraverso il deposito e la registrazione dello stesso presso (i) l Istituto Brevetti Turco ovvero (ii) mediante deposito della domanda secondo la procedura di cui al Protocollo di Madrid. Si sottolinea infine come la Turchia non partecipa al sistema comunitario dei marchi. Per la classificazione, viene applicato il sistema previsto dall Accordo di Nizza sulla classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi. La procedura di registrazione del marchio può durare circa mesi (salvo che non vi siano stati rifiuti e/o opposizioni). Il periodo di tutela del marchio è di 10 anni a far data dal deposito della domanda di registrazione. E possibile rinnovare la registrazione per un periodo di ulteriori 10 anni purché la domanda di rinnovo venga presentata 6 mesi prima lo spirare del termine di cui sopra. Per quanto riguarda le violazioni, il titolare del marchio potrà adire le sezioni specializzate dei tribunali civili al fine di ottenere: - provvedimenti cautelari volti ad interrompere l azione lesiva; - il sequestro dei beni oggetto di violazione del diritto di marchio; - cessazione dell azione lesiva; - il risarcimento dei danni sofferti; - assegnazione dei prodotti e dei beni strumentali usati per la produzione dei beni contrattati. Si sottolinea anche come il diritto sul marchio trova tutela in ambito penale che, a seconda delle singole fattispecie, può prevedere la reclusione da 1 a 3 anni e una sanzione di carattere pecuniario. L azione civile si prescrive in un anno dalla conoscenza del fatto lesivo ovvero in 10 anni da quando è stata commessa la violazione. L azione penale si prescrive, invece, nel termine di due anni dalla conoscenza del fatto ovvero dalla commissione dello stesso.

5 COSTI Di seguito presentiamo un quadro sinottico dei costi relativi la procedura di registrazione del marchio: Voce Diritti fissi (Lire Turche) 12 Domanda per singola classe 160 Domanda per ogni classe aggiunta Redazione domanda per diritto di priorità Redazioni difese in caso di eccezioni sollevate da terze parti Redazione per l opposizione alle domande dei terzi Impugnazione delle decisioni emesse da TPE Emissione certificato di registrazione Domanda di rinnovo del Marchio (6 mesi prima la scadenza) Domanda di rinnovo del Marchio (6 mesi dopo la scadenza) Avv. Benan İlhanlı Responsabile del Desk Anticontraffazione 1 Il cambio Euro Lira Turca al ] è pari a : 2.85TL=1.00 EURO]. 2 Per gli importi aggiornati si consiglia di consultare il sito internet

Distribuzione e vendita al dettaglio: aspetti fiscali

Distribuzione e vendita al dettaglio: aspetti fiscali International Accounting and Tax Consultancy BUSINESS RETAIL IN TURCHIA Overview del mercato e opportunità per i retailer italiani 28 marzo 2014 UniCredit Tower Hall Milano Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco di internazionalizzazione sul mercato turco International Accounting and Tax Consultancy FORUM UNICREDIT INTERNATIONAL TURCHIA 20 Giugno 2014 Palazzo Ciacchi Via Cattaneo, 34 PESARO Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Dogana Svizzera Disposizioni doganali Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Compiti La riscossione dei tributi (dazi, IVA, imposta sugli oli minerali, sugli

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione 05 Prezzi 983-1100 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione Neuchâtel, 2011 Che cos è l indice dei prezzi alla produzione e all importazione? L indice dei prezzi alla produzione (IPP) misura

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Avv. Elio De Tullio Progetto 2013 Camera di Commercio Italo Orientale Camera di Commercio Italo Lituana Camera di Commercio Italo Bosniaca

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO SUL MERCATO SVIZZERO 4 ordini di limitazioni alle transazioni economiche A) Limitazioni alle importazioni Dogana B) Limitazioni alle importazioni di carattere normativo/sanitario C) Limitazioni alle importazioni

Dettagli

Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE

Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE Visto il Decreto Legislativo 30 luglio 1999 n. 300, di riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997 n. 59; Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

Il movimento internazionale delle merci

Il movimento internazionale delle merci Il movimento internazionale delle merci Pianificazione fiscale e doganale Nuovo Codice Doganale dell Unione Regolamento UE n. 952/2013 Milano, 11 e 12 marzo 2014 Grand Hotel et de Milan Relatori Avv. Giuseppe

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Proprietà intellettuale in Marocco L Office Marocain de la Propriété Industrielle et Commerciale di Casablanca conserva il registro

Dettagli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli MARCHI GEOGRAFICI INDICAZIONI DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli Santa Sofia, 5 maggio 2011 ore CEUB- Centro Residenziale Universitario Bertinoro Le diverse tipologie

Dettagli

linea SOLUTIO Protection Medici SCHEDA PRODOTTO Nome del prodotto:

linea SOLUTIO Protection Medici SCHEDA PRODOTTO Nome del prodotto: linea SOLUTIO SCHEDA PRODOTTO Nome del prodotto: Protection Medici Tipologia di prodotto: Protection Medici è un prodotto assicurativo a contraenza collettiva e individuale dedicato al libero professionista

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

Roma, 03/03/2015. ALL ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE sviluppo.servizi@ice.

Roma, 03/03/2015. ALL ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE sviluppo.servizi@ice. Roma, 03/03/2015 Protocollo: Rif.: Allegati: 23166/R.U. AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UIBM dglc-uibm.segreteria@mise.gov.it AL CNAC CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN

LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN LARICERCA DIANTERIORITÀ IL PRIMO PASSO PER CREARE UN BUONMARCHIO PRATO, 21.03.2014 Ing. Mari & C. Srl - Corso Garibaldi, 14 55100 LUCCA www.mari.it - info@mari.it lucca@mari.it MARCHIO: DEFINIZIONE SEGNO

Dettagli

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015 Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 Introduzione al mondo delle ACCISE Breve storia sulle accise; dalle Imposte di Fabbricazione alle accise

Dettagli

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Fanno parte dell Unione Europea 25 Stati Austria, Belgio, Cipro, Danimarca,Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia,Lituania, Luxemburgo, Malta,Paesi

Dettagli

PARTE I - LE IMPORTAZIONI

PARTE I - LE IMPORTAZIONI PARTE I - LE IMPORTAZIONI Regolamento (CEE) n. 2913 13 D.P.R. 26/10/1972, n. 633 - Artt. 67-72 Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto 35 Decreto Ministero delle Finanze 24/12/1993 -

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business Relatore: Avvocato e Doganalista Elena Bozza Studio Legale Doganale Bozza 09 Ottobre 2012 IL CONTESTO GEOGRAFICO L Unione europea L Unione europea

Dettagli

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane.

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane. TURCHIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre la dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Turchia

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO a cura degli Avv.ti Eleonora Cerin e Silvia Dalle Nogare e del Dott. Bellin del Settore Promozione e Consulenza Estero CCIAA-VI

Dettagli

La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM

La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM Strategie e strumenti di tutela della PI Firenze, 29 settembre 2014 Dr. Mariano G. Cordone Direttore Divisione VI Istituita con il DPR 28 novembre

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale

Indice. Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI. Matteo Dragoni. Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale Indice Parte prima INVENZIONI E MODELLI INDUSTRIALI Matteo Dragoni Capitolo I Introduzione: il brevetto per invenzione in generale 1. Cos è un brevetto per invenzione 15 2. Vantaggi e svantaggi della brevettazione

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte A cura di Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte Marco Bodo Commissione Nazionale UNGDCEC Economia della Cultura LE NORMATIVE APPLICABILI - Codice Civile (art. 1510 e seg.) vendita

Dettagli

del bacino del Mediterraneo

del bacino del Mediterraneo Centro Studi Anticontraffazione Proprietà Intellettuale e Competitività delle piccole e medie imprese nel settore tessile e dell abbigliamento dei Paesi del bacino del Mediterraneo Prato, Teatro Politeama

Dettagli

ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE

ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE Il Governo della Repubblica italiana e quello dello Stato di Eritrea (di

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Roma, [data come da segnatura di protocollo] Alle Direzioni territoriali e Sezioni distaccate Loro sedi

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Roma, [data come da segnatura di protocollo] Alle Direzioni territoriali e Sezioni distaccate Loro sedi Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi - Ufficio circolazione tabacchi Risposta al foglio n. del All. Prot. 104883 del 24-12-2014 Roma, [data come da

Dettagli

CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA

CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA Avv. Desk Tutela dei Diritti della Proprieta 24 giugno 2015 ASPETTI DELLA TUTELA GIURIDICA DELLA

Dettagli

Risoluzione n. 375/E

Risoluzione n. 375/E Risoluzione n. 375/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Indiretta ed Internazionale Roma, 28 novembre 2002 Oggetto: Applicazione dello speciale meccanismo del reverse charge di

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico

INDICE GENERALE. Parte I Premesse. Parte IV Appendice. Indice analitico INDICE GENERALE Parte I Premesse 1. Note introduttive... pag. 14 2. Tavole di concordanza 2.1 DPR n. 633/1972 Dir. n. 2006/112 Reg. 282/2011/UE DL n. 331/93... pag. 16 2.2 DL n. 331/1993 DPR n. 633/1972...

Dettagli

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali

Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Origine Preferenziale, regole per la corretta applicazione: aspetti generali Gli accordi di libero scambio (commercio preferenziale) stanno assumendo sempre maggior rilevanza all interno del panorama del

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014

DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014 Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014 Il Ministero dello Sviluppo Economico ha confermato anche per l anno 2014 le misure

Dettagli

IL DIRETTORE 91519 /RU

IL DIRETTORE 91519 /RU + Protocollo: 91519 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE

FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE Corso di alta formazione manageriale FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE 2-3 e 9-0 ottobre 205 Durata 24 ore Destinatar OBIETTIVO a edizione ISTAO Business School, Ancona 2 3 4 DESTINATARI Il corso è indirizzato

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

PACCHETTO REVISIONE MARCHI

PACCHETTO REVISIONE MARCHI DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO MARCHI E BREVETTI PACCHETTO REVISIONE MARCHI PROPOSTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA www.uibm.gov.it

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame

Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame Avv. Elio De Tullio edt@detulliopartners.com Progetto Marchi e Disegni Comunitari Camera di Commercio di Bolzano Bolzano, 24 settembre

Dettagli

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI

ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Zeno Poggi 045-9230163 info@zenopoggi.com QUADRO NORMATIVO - ITALIA L apposizione della dicitura MADE IN configura una dichiarazione di scienza,

Dettagli

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti.

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. Regime Tributario I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. L'ordinamento tributario prevede un imposta unica sui redditi per individui

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA PROPRIETÀ INDUSTRIALE

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA PROPRIETÀ INDUSTRIALE INDICE SOMMARIO Introduzione... IX PARTE PRIMA PROPRIETÀ INDUSTRIALE CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE E NORME NAZIONALI 1. CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE. Decreto legislativo 10 febbraio 2005, n.

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZIONE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore agroalimentare Ottobre 2010 Ufficio di Oslo Henrik Ibsens gate 60A N-0255 Oslo T + 47 22 54 05 40 F +47 22 54 05 41 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

MISSIONE COMMERCIALE IN TURCHIA ISTANBUL 02/04 DICEMBRE 2014

MISSIONE COMMERCIALE IN TURCHIA ISTANBUL 02/04 DICEMBRE 2014 A Tutti gli Associati Data Brescia 23 Giugno 2014 Circolare N. 060/2014 MISSIONE COMMERCIALE IN TURCHIA ISTANBUL 02/04 DICEMBRE 2014 L economia turca ha mostrato prestazioni notevoli grazie alla crescita

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di..della società. (denominazione e ragione sociale) con sede in.. n. codice fiscale n. partita iva

Il sottoscritto. in qualità di..della società. (denominazione e ragione sociale) con sede in.. n. codice fiscale n. partita iva MODELLO A Fac-simile (schema indicativo) Istanza di partecipazione Procedura Aperta (redatta su carta regolarizzata ai fini dell imposta di bollo e sottoscritta da persona che ha i poteri di impegnare

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE

LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE 1 DHL Express (Italy) s.r.l. Marketing 062014 LINEE GUIDA PER ESPORTARE FOOD & WINE IN GIAPPONE Tra i Paesi dell Asia orientale, dopo la Cina, il Giappone

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

Corso di specializzazione sulle procedure doganali. SOAVE (VR) 1 a Edizione 2015 22/04/2015-29/04/2015

Corso di specializzazione sulle procedure doganali. SOAVE (VR) 1 a Edizione 2015 22/04/2015-29/04/2015 MASTER DI APPROFONDIMENTO Area: Internazionalizzazione Imprese Corso di specializzazione sulle procedure doganali Gli adempimenti in materia doganale nei rapporti di import ed export e la regolamentazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato Manuale operativo delle procedure 1. ORTOFRUTTICOLI FRESCHI OGGETTO DI CONTROLLO DI CONFORMITA' E DEROGHE. 2. ANALISI DI RISCHIO 3. BANCA DATI NAZIONALE DEGLI OPERATORI ORTOFRUTTICOLI 4. COMUNICAZIONI

Dettagli

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO Minori controlli allo sdoganamento Riduzione dei controlli doganali documentali (CD) scanner (CS) fisici (VM) fino ad un massimo del 90% Tale beneficio è accordato

Dettagli

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c.

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Roma, 24 dicembre 2004 Protocollo: 3933 Rif.: Allegati: 1 CIRCOLARE n. 80/D Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, p.c. Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO

LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO LEGGE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO Disegno di legge 4381, relativo a: «Nuova disciplina del mercato dell oro, anche in attuazione della direttiva 98/80/Ce del Consiglio, del 12 ottobre 1998».

Dettagli

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA Dott. Enrico Zanetti DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I

AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE MICROIMPRESE E ALLE PICCOLE IMPRESE A G G I O R N A M E N T O S C H E D A D I S I N T E S I (con Regolamento n. 28 del 30 dicembre 2013) Requisiti soggettivi Microimprese

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore del vino Gennaio 2013 Ufficio di Oslo Inkognitogata 7 N-0244 Oslo T + 47 23 13 16 30 F +47 23 13 16 31 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Ingresso della Croazia nell UE - Il regime doganale cede il posto a quello comunitario del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Giuseppe Francesco Lovetere pubblicato sulla rivista il fisco n. 31 del 2 settembre

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Fare affari in Messico

Fare affari in Messico Fare affari in Messico Crescono gli investimenti italiani in Messico che è l'ottavo Paese al mondo per attrazione di Investimenti Diretti Esteri. L Ambasciata d Italia di Città del Messico, l Ufficio ICE

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile

Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Fashion Law: valore della proprietà intellettuale nel settore della moda e del tessile Il diritto e la moda: aspetti giuridici essenziali ad uso degli operatori della moda e del tessile Avv. Maria Grazia

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222

CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 CAMERA DI COMMERCIO BI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI TEL: 0831228219-221 222 ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA di REGISTRAZIONE PER MARCHIO di IMPRESA DOVE PRESENTARE LA DOMANDA Chi intende

Dettagli

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali Circolare n. 6/D Protocollo: 8532 Roma, 26 gennaio 2005 Rif.: legati: 2 la le Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Ufficio

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE n. 22/D Roma, 5 maggio 2004 Protocollo: 6215/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli