Altroconsumo. Brand Manual Sigillo di Qualità Banca Sicura Altroconsumo Edizioni srl. All rights reserved.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Altroconsumo. Brand Manual Sigillo di Qualità Banca Sicura Altroconsumo Edizioni srl. All rights reserved."

Transcript

1 Altroconsumo Brand Manual Sigillo di Qualità Banca Sicura 2017 Altroconsumo Edizioni srl. All rights reserved.

2 Indice Regole generali p. 3 Gli elementi costitutivi p. 4 Adattabilità p. 5 Dimensioni minime p. 6 Area di rispetto p. 7 Versioni ad un colore e versioni su sfondi colorati p. 8 Usi scorretti p. 10 Palette istituzionale p. 11 Utilizzo online p. 12 Utilizzo in televisione p. 13 Utilizzo in radio p. 14

3 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 3 REGOLE GENERALI UTILIZZO DELL ESPRESSIONE VERBALE UTILIZZO DEL SIGILLO DI QUALITÀ L espressione Banca Sicura può essere utilizzata solo dagli istituti bancari che hanno ottenuto la valutazione indicata con 5 stelle nell indagine condotta da Altroconsumo Finanza sull affidabilità delle banche. L espressione Banca Sicura non può essere utilizzata in alcun modo con riferimento specifico a prodotti bancari, assicurativi, commerciali di proprietà (o distribuiti) dall istituto bancario aggiudicatario del relativo titolo ma esclusivamente alla banca in quanto istituto bancario L espressione Banca Sicura non può essere utilizzata per istituti bancari facenti parte dello stesso Gruppo bancario che non hanno ottenuto il Sigillo di Qualità Banca Sicura. Inoltre deve essere sempre e soltanto utilizzata contestualmente al relativo Sigillo. Il sigillo Banca Sicura può essere utilizzato solo in presenza di una licenza valida e in conformità con il presente Manuale d uso e con la domanda di licenza Il sigillo Banca Sicura non può essere alterato o modificato in alcun modo, non può essere tradotto in altre lingue, non può essere utilizzato in modo tale da danneggiare la sua identità o validità o reputazione Il sigillo Banca Sicura deve essere distinguibile da ogni altro segno, elemento grafico e/o verbale relativo, per esempio, ad altre inchieste effettuate dall istituto bancario o da qualsiasi altra terza parte in riferimento all istituto bancario stesso. Nessun altro segno identico e/o simile con il sigillo Banca sicura può essere utilizzato.

4 4 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ GLI ELEMENTI COSTITUTIVI GLI ELEMENTI COSTITUTIVI Il Sigillo di Qualità Banca Sicura - qui rappresentato nella sua completezza - mostra con chiarezza tutti gli elementi simbolici che caratterizzano le valutazioni effettuate da Altroconsumo. 5 stelle rappresentano il punteggio massimo box contenitivo dicitura data dell indagine valutazione elemento grafico che simboleggia l approvazione Marchio altroconsumo che fa da certificatore

5 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 5 ADATTABILITÀ UTILIZZO SU FONDI CHIARI E SU FONDI SCURI Grazie al proprio box, Il Sigillo di Qualità Banca Sicura mantiene le proprie caratteristiche visive/cromatiche sia aapplicato su sfondi chiari sia su sfondi scuri.

6 6 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ DIMENSIONI MINIME DIMENSIONAMENTO La massima riduzione consigliata del Sigillo di Qualità Banca Sicura, per avere una leggibilità ottimale prevede un altezza di 25 mm. L altezza è calcolata includendo il proprio box bianco. La dimensione minima di 25 mm d altezza è valida sia su sfondi chiari sia su fondi scuri. 35 mm 35 mm 30 mm 30 mm 25 mm Dimensioni minime consigliate. 25 mm Dimensioni minime consigliate.

7 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 7 AREA DI RISPETTO COSTRUZIONE AREA DI RISPETTO L area di rispetto è la superficie minima posta all esterno del sigillo, che non deve essere occupata da nessun elemento per non indebolire la visibilità e la forza comunicativa del sigillo stesso. x Tale zona si calcola sull unità di misura A pari al doppio della larghezza dell area indicata con il valore X. I lati perimetrali dell area di rispetto si ottengono riportando A intorno al sigillo, lungo gli assi orizzontali e verticali. 2 x A

8 8 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ VERSIONI AD UN COLORE E VERSIONI SU SFONDI COLORATI APPLICAZIONE SU FONDI COLORE L uso preferenziale del sigillo è quello in positivo, tuttavia esso può essere riprodotto anche ad un solo colore quando necessario. Tutti gli elementi del sigillo vengono riportati in nero 100%. A seguire le indicazioni d uso del sigillo applicato su sfondi di colore scuro, gradienti e sfondi fotografici. Utilizzo in bianco e nero su fondi chiari Utilizzo in bianco e nero su fondi scuri

9 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 9 Utilizzo a colori su fondi scuri Utilizzo a colori su gradienti Utilizzo a colori su fondi fotografici

10 10 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ USI SCORRETTI ESEMPI DI UTILIZZI SCORRETTI Le immagini a lato mostrano alcuni trattamenti scorretti del Sigillo di Qualità Banca Sicura. Il sigillo non dovrà mai essere: - utilizzato con colori diversi da quelli istituzionali; - modificato nel lettering o nella composizione; - deformato; - usato con ombreggiature e/o outline. La versione monocromatica non deve essere in blu Non impostare il sigillo in versione negativa Non creare un filetto di cornice Non cambiare posizione degli elementi del sigillo Non creare ombre sotto al sigillo Non eliminare il box bianco su qualsiais tipo di sfondo non bianco.

11 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 11 PALETTE ISTITUZIONALE PALETTE ISTITUZIONALE Il colore principale del Sigillo di Qualità Banca Sicura è il blu. Ad esso vengono accostati i colori istituzionali di Altroconsumo presenti nel proprio marchio. Il Blu è il colore che simboleggia autorevolezza, serietà, affidabilità. È il colore maggiormente usato per rappresentare prodotti finanziari e bancari. SIGILLI BANCHE BLUE PANTONE 7469 C CMYK 100 / 0 / 5 / 50 RGB 0 / 98 / 136 WEB # Il Nero è il colore dell autorità e del potere. I sacerdoti indossano il nero o il bianco, colori assoluti. È il colore del rigore, dell intransigenza, della notte e della solidità. Il Rosso è il colore dell azione, stimolante, intenso. Il primo colore a cui tutti i popoli danno un nome, ricorda il fuoco, il sangue, il cuore, la passione. È il colore più facile da ricordare. AC BLACK PANTONE Black C CMYK 0 / 0 / 0 / 100 RGB 36 / 36 / 36 WEB # AC RED PANTONE 485 C CMYK 0 / 100 / 100 / 0 RGB 211 / 6 / 26 WEB #d3061a

12 12 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ UTILIZZO ONLINE GLI ELEMENTI COSTITUTIVI Il Sigillo di Qualità Banca Sicura dovrà essere un hyperlink a altroconsumo.it/sigilli È sconsigliato l utilizzo del sigillo con un altezza inferiore a 170 pixel (incluso il box bianco). L hyperlink dovrà essere attivo in ogni momento durante il periodo di utilizzo del marchio. h 170 pixel

13 SIGILLO DI QUALITÀ Brand Manual 13 UTILIZZO IN TELEVISIONE L utilizzo dei Sigilli di qualità in TV può essere: 1_ solo visivo 2_ visivo e accompagnato dalla seguente voice over: Sigillo di qualità Altroconsumo Banca Sicura UTILIZZO SU FONDI CHIARI E SU FONDI SCURI 1 Questa voice over è l unica a poter accompagnare la presenza del Sigillo di qualità nello spot televisivo e deve essere citato mentre il marchio è visibile. Il marchio deve comparire sullo schermo per un minimo di 4 secondi. 2 SIGILLO DI QUALITÀ ALTROCONSUMO

14 14 Brand Manual SIGILLO DI QUALITÀ UTILIZZO IN RADIO GLI ELEMENTI COSTITUTIVI Nei comunicati radiofonici ci si deve riferire ai Sigilli di qualità con la seguente voice over: Sigillo di qualità Altroconsumo Banca Sicura. Ogni comunicato radio che utilizzi questa voice over deve specificare il nome e l anno del test. es:. Sigillo di qualità Altroconsumo Banca Sicura, indagine giugno 2017 SIGILLO DI QUALITÀ ALTROCONSUMO

15 Il presente Manuale d uso deve essere accolto ed approvato unitamente alla domanda di concessione del Sigillo di Qualità Banca Sicura. Per qualsiasi dubbio o richiesta particolare sulle regole esposte in questo manuale si prega di far riferimento all ufficio Marketing di Altroconsumo. Milano, luglio 2017 Sigillo Banca Sicura brand Manual. Realizzato da: Carmi e Ubertis Milano -

Altroconsumo Label MIGLIOR ACQUISTO

Altroconsumo Label MIGLIOR ACQUISTO Altroconsumo Label Complimenti, Altroconsumo ha riconosciuto al tuo prodotto il titolo di Migliore del Test. Altroconsumo è l organizzazione di consumatori più diffusa in Italia con i suoi 377.000 soci.

Dettagli

Manuale di applicazione

Manuale di applicazione Manuale di applicazione Nuova agricoltura italiana Indice 4. Logotipo 5. Costruzione del logotipo 6. Costruzione del marchio 7. Area di rispetto 8. Colore 9. Versione in positivo bianco/nero 10. Versione

Dettagli

Elementi base. Introduzione

Elementi base. Introduzione Introduzione 1 Il logotipo Regione Liguria, i suoi colori e i caratteri tipografici costituiscono gli elementi della nostra identità. Riprodotti e usati con precisione, coerenza e con le giuste proporzioni

Dettagli

Brand manual. Linee guida per l uso

Brand manual. Linee guida per l uso Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Indice Concept del simbolo 4 Declinazioni del marchio 6 Struttura del logo e carattere 7 Proporzioni e distanze minime di rispetto 8 Codici cromatici

Dettagli

L O G O B I O L O G I C O U E

L O G O B I O L O G I C O U E IL LOGO BIOLOGICO UE IL LOGO BIOLOGICO UE INTRODUZIONE Due noti simboli formano la base del logo biologico UE: la bandiera europea, simbolo ufficiale dell Unione Europea dal 1986, e una foglia, usata in

Dettagli

GUIDELINES E015 Versione novembre 2012

GUIDELINES E015 Versione novembre 2012 GUIDELINES E015 Versione 2.0 20 novembre 2012 E015 - Guidelines 3 INTRODUZIONE E015, Digital Ecosystem powered by Expo Milano 2015 è una piattaforma digitale integrata attraverso la quale le imprese possono

Dettagli

EULAKES. Manuale d USO del Logo RIFERIMENTO PER L IDENTITÀ VISIVA

EULAKES. Manuale d USO del Logo RIFERIMENTO PER L IDENTITÀ VISIVA EULAKES Manuale d USO del Logo RIFERIMENTO PER L IDENTITÀ VISIVA indice indice introduzione Comunicazione efficace: conoscenza e rispetto delle regole condivise 3 cosa è Eulakes 4 il logo 5 caratteristiche

Dettagli

CORPORATE IDENTITY GUIDE. Guida all utilizzo del marchio Apindustria Vicenza 1.0

CORPORATE IDENTITY GUIDE. Guida all utilizzo del marchio Apindustria Vicenza 1.0 CORPORATE IDENTITY GUIDE Guida all utilizzo del marchio Apindustria Vicenza 1.0 Introduzione La presente guida ha lo scopo di fornire agli utenti interni e ai propri interlocutori esterni indicazioni e

Dettagli

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Dispone

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Dispone Prot. N. 2970/14 Approvazione del modello per la ichiesta di registrazione e adempimenti successivi - RLI), delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica. Modalità

Dettagli

M A N U A L E D I D E N T I T À V I S I V A

M A N U A L E D I D E N T I T À V I S I V A M A N U A L E D I D E N T I T À V I S I V A U T I L I Z Z O D E L M A N U A L E Questo manuale, in formato, contiene informazioni necessarie per un corretto utilizzo del marchio UNICAR. La riproduzione

Dettagli

Le immagini. Parametri importanti sono:

Le immagini. Parametri importanti sono: Informatica Gerboni Roberta L immagine del video è rappresentata tramite una griglia o matrice di pixel (PIcture ELement) per ognuno dei quali è memorizzata: l intensità luminosa il colore. Parametri importanti

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze PROT. Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, che istituiscono e disciplinano l imposta municipale propria; Visto l articolo 13

Dettagli

FONDAZIONE AGOSTINO DE MARI. Logo Manual

FONDAZIONE AGOSTINO DE MARI. Logo Manual FONDAZIONE AGOSTINO DE MARI Logo Manual Versione 2.0 - Marzo 2016 Il logotipo Agostino Maria De Mari: il vescovo di Savona che nel 1833 con il suo impegno sociale ed economico, contribuì alla rinascita

Dettagli

Nozioni di grafica sul calcolatore. concetti di base

Nozioni di grafica sul calcolatore. concetti di base Nozioni di grafica sul calcolatore concetti di base La riproduzione di immagini fotografiche su computer avviene suddividendo l'immagine stessa in una matrice di punti colorati: pixels I formati basati

Dettagli

COMUNICARE UN IMPEGNO, COMUNICARE UN RISULTATO CERTIQUALITY

COMUNICARE UN IMPEGNO, COMUNICARE UN RISULTATO CERTIQUALITY COMUNICARE UN IMPEGNO, COMUNICARE UN RISULTATO MANUALE DI UTILIZZO DEI MARCHI DI CERTIFICAZIONE CERTIQUALITY P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a ED 00 011015 Premessa Congratulandoci

Dettagli

STORIA ED EVOLUZIONE DEL LOGO

STORIA ED EVOLUZIONE DEL LOGO STORIA ED EVOLUZIONE DEL LOGO 1954 L architetto e pittore Erberto Carboni, massimo esponente della grafica pubblicitaria italiana del secondo dopoguerra, realizza il primo logo ufficiale della Rai così

Dettagli

VISTA la l.r. 2/2008 che all articolo 5, comma 2 definisce le seguenti tipologie di strutture ricettive alberghiere:

VISTA la l.r. 2/2008 che all articolo 5, comma 2 definisce le seguenti tipologie di strutture ricettive alberghiere: Decreto n. 2160 del 03/08/2010 VISTA la legge regionale 7 febbraio 2008, n.2 Testo unico in materia di strutture turistico-ricettive e balneari ed in particolare l articolo 39, comma 1 che prescrive l

Dettagli

Regione Abruzzo - Direzione Sviluppo onomico e del urismo Marchio per la segnaletica di servizio Bed and Breakfast.

Regione Abruzzo - Direzione Sviluppo onomico e del urismo Marchio per la segnaletica di servizio Bed and Breakfast. Regione Abruzzo - Direzione Sviluppo onomico e del urismo Marchio per la segnaletica di servizio Bed and Breakfast naturalmente tuo IL MARCHIO Composizione del Logo-Marchio Il marchio è costituito da più

Dettagli

Manuale per loghi speciali DAN Europe

Manuale per loghi speciali DAN Europe Manuale per loghi speciali DAN Europe Chi è autorizzato ad utilizzare questi loghi del DAN Europe? Logo DAN Training Tutti gli Instructor ed Instructor Trainers del DAN sono autorizzati ad usare il logo

Dettagli

Come ottenere un grafico a torta

Come ottenere un grafico a torta Come ottenere un grafico a torta Per ricavare un grafico a torta è necessario avere a disposizione: Una o più serie di dati da rappresentare Una calcolatrice Un righello Un compasso Un goniometro Nel laboratorio

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE Testo http://www.gazzettaufficiale.it/guri/attocompleto?datagazzetta=2006-... di 2 28/03/2006 18.56 AGENZIA DELLE ENTRATE PROVVEDIMENTO 17 marzo 2006 Approvazione del modello di comunicazione di inizio

Dettagli

Guida all uso del logo MANDARINA DUCK

Guida all uso del logo MANDARINA DUCK Guida all uso del logo MANDARINA DUCK Fabrizio Schiavi Design per Sartoria Comunicazione www.fsd.it 29-03-00 Il logo Il logo su fondo positivo e negativo Pantone 109 Pantone 404 Pantone 109 Pantone 404

Dettagli

Certificazione. un valore da comunicare.

Certificazione. un valore da comunicare. Certificazione. un valore da comunicare. DNV Business Assurance Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione Manuale d uso Luglio 2011 1. Introduzione. Comunicare la certificazione al mercato Le certificazioni

Dettagli

MANUALE DI COMUNICAZIONE

MANUALE DI COMUNICAZIONE MANUALE DI COMUNICAZIONE INDICE COMUNICARE IL PROGETTO REALIZZATO pag. 3 MODALITA DI UTILIZZO DEL LOGO pag. 4 Versioni/Utilizzo e impaginazione pag. 5 Applicazione sul web/applicazione su sfondi colorati

Dettagli

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera

Guideline per l utilizzo del logo alcotra. Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera Guideline per l utilizzo del logo alcotra Interreg IIIA 2000-2006 Alpi Latine Cooperazione Transfrontaliera 1.1 Costruzione del logo Le proporzioni del logo sono calcolate in base all unità di misura ricavata

Dettagli

Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie MANUALE GRAFICO. rispetvarianti cromatichversioni

Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie MANUALE GRAFICO. rispetvarianti cromatichversioni Logo per il Dipartimento per le Politiche Comunitarie ogo Il loimensioni del logo MANUALE GRAFICO Zona di linguisticheda non faregrafi a Marzo 2007 Manuale grafico Il logo Il logo simboleggia L immagine

Dettagli

Valutazione del personale

Valutazione del personale VELA Valutazione del personale Pubblicazione: 17/09/2007 Pagine: 1/15 Indice 1. Descrizione generale interfaccia...3 2. Accesso al programma...5 3 Input...7 3.1 Input - Personale del CdR...7 3.2 Input

Dettagli

A. Elementi base Versione 1.6 - Giugno 2006

A. Elementi base Versione 1.6 - Giugno 2006 A. Elementi base Versione 1.6 - Giugno 2006 A. Elementi base Indice Premessa Glossario Marchio/Logo 01 Versione positiva Camere di Commercio 02 Versione positiva Unioni Regionali 03 Versione positiva Aziende

Dettagli

BANDO. Art. 1 Obiettivo

BANDO. Art. 1 Obiettivo ANTENNA EUROPE DIRECT In vista degli importanti avvenimenti di cui l Europa sarà protagonista nel 2009 (entrata in vigore del Trattato di Lisbona, elezione del Parlamento europeo e insediamento della nuova

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO ICMQ PER LE PERSONE CERTIFICATE

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO ICMQ PER LE PERSONE CERTIFICATE REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO ICMQ PER LE PERSONE CERTIFICATE PS DOC 04 14/09/11 Pagina 1 di 4 Regolamento per l uso del marchio ICMQ per le persone certificate INDICE Art. 1 - Generalità... 3 Art.

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO LE TRSFRINI GEETRICHE RELTÀ E DELLI SCHED DI LVR Il televisore La forma rettangolare di uno schermo televisivo è differente a seconda del rapporto tra la larghezza e l altezza. I televisori di vecchio

Dettagli

GUIDA AL LOGO LOGO GUIDELINES

GUIDA AL LOGO LOGO GUIDELINES Logo Logo 1 Grey 50% K Il logo può essere posizionato all interno di un fondo di qualsiasi colore, non uniforme o fotografico, purché rimangano inalterati i colori, l immediata percezione visiva e la leggibilità

Dettagli

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti

Misure di spostamento e deformazione eseguite su pannelli sandwich durante prove di carico in flessione a quattro punti DISTART DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE STRUTTURE, DEI TRASPORTI, DELLE ACQUE, DEL RILEVAMENTO, DEL TERRITORIO LABORATORIO PROVE STRUTTURE Bologna, 1//3 Pos. 73/3 Misure di spostamento e deformazione

Dettagli

7. Equilibri cromatici

7. Equilibri cromatici 7. Equilibri cromatici Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo

Dettagli

Grande formato: SUPPORTI RIGIDI»Consigli e indicazioni per la preparazione di file corretti per la stampa.

Grande formato: SUPPORTI RIGIDI»Consigli e indicazioni per la preparazione di file corretti per la stampa. Grande formato: SUPPORTI RIGIDI»Consigli e indicazioni per la preparazione di file corretti per la stampa. Formati file accettati I file devono essere in scala 1:1 e salvati in formato PDF (non protetto

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ Galleria IGA Galleria IGA RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5

I N D I C E 1. GENERALITÀ Galleria IGA Galleria IGA RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5 I N D I C E 1. GENERALITÀ 2 1.1 Galleria IGA01 2 1.2 Galleria IGA02 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI 4 3. DATI DI BASE PER IL CALCOLO ILLUMINOTECNICO 5 4. MODALITÀ DI CALCOLO 6 4.1 Caratteristiche generali 6

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

COMPANY MANUAL AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO

COMPANY MANUAL AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO Versione aggiornata il 20.02.2015 LOGO Carattere tipografico del Logo è il GILL SANS MT. GILL SANS Colori utilizzati Il colore istituzionale è il Blu PANTONE 296 C C 100 M 18 Y 0 K 85 R 5 G 38 B 62 HEX

Dettagli

I grafici a torta. Laboratorio con EXCEL. 1 Come si costruisce un grafico a torta

I grafici a torta. Laboratorio con EXCEL. 1 Come si costruisce un grafico a torta I grafici a torta 1 Come si costruisce un grafico a torta In un gruppo di 130 persone è stata condotta un indagine per sapere quale è la lingua più parlata, oltre l italiano. Gli intervistati potevano

Dettagli

DISEGNO PROSPETTICO CAPITOLO 1 METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE PROIEZIONI ORTOGRAFICHE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE

DISEGNO PROSPETTICO CAPITOLO 1 METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE PROIEZIONI ORTOGRAFICHE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE CAPITOLO DISEGNO PROSPETTICO METODI DI RAPPRESENTAZIONE PER IL DISEGNO TECNICO: QUADRO GENERALE La norma UNI EN ISO 0209-2 raccoglie i principali metodi di rappresentazione raccomandati per il disegno

Dettagli

Manuale di utilizzo del logotipo

Manuale di utilizzo del logotipo Manuale di utilizzo del logotipo INDICE 3 Premessa 4 Logotipo 5 Area di rispetto 6 Colore 7 Versione in positivo bianco/nero 8 Versione in negativo bianco/nero 9 Utilizzo su fondi colore 10 Utilizzo su

Dettagli

CHE COSA FARE IN CASO DI SINISTRO. Lo scopo del presente manuale è quello di orientare l utente ad una corretta istruzione delle denunce di sinistro.

CHE COSA FARE IN CASO DI SINISTRO. Lo scopo del presente manuale è quello di orientare l utente ad una corretta istruzione delle denunce di sinistro. CHE COSA FARE IN CASO DI SINISTRO Lo scopo del presente manuale è quello di orientare l utente ad una corretta istruzione delle denunce di sinistro. 1 INDICE La denuncia di sinistro pag. 3 La gestione

Dettagli

ANGOLARE PVC E ALLUMINIO CON RETE

ANGOLARE PVC E ALLUMINIO CON RETE INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati Tecnici 7. Voce di capitolato 1/8 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: ZIN33-1664

Dettagli

Modello 68 SCIA - per manifestazioni temporanee in area all aperto, o al chiuso con capienza inferiore a 200 persone.

Modello 68 SCIA - per manifestazioni temporanee in area all aperto, o al chiuso con capienza inferiore a 200 persone. Modello 68 SCIA - per manifestazioni temporanee in area all aperto, o al chiuso con capienza inferiore a 200 persone. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MANIFESTAZIONE TEMPORANEA - art. 68 T.U.L.P.S.

Dettagli

NUVOLA COMUNICAZIONI

NUVOLA COMUNICAZIONI NUVOLA COMUNICAZIONI Indice Del Manuale 1 - Introduzione al Manuale Operativo 2 - Come creare una comunicazione 2.1 Creare una categoria 2.2 Creare una Comunicazione 2.2.1 Come utilizzare gli editor di

Dettagli

INSTALLAZIONE HARDWARE IDP106C Ver. 1.3 BLUE DIMMER INSTALLAZIONE HARDWARE

INSTALLAZIONE HARDWARE IDP106C Ver. 1.3 BLUE DIMMER INSTALLAZIONE HARDWARE INSTALLAZIONE HARDWARE IDP106C Ver. 1.3 BLUE DIMMER INSTALLAZIONE HARDWARE Di seguito vengono forniti gli elementi di base per l installazione e l utilizzo del modulo BLUE DIMMER (modello IDP106C). Il

Dettagli

EVENTO EMERGENZIALE IN DATA / / MODULO PER ATTIVITÀ PRODUTTIVE RICHIESTA DI CONTRIBUTO A SEGUITO DEI DANNI RIPORTATI DA BENI IMMOBILI E MOBILI

EVENTO EMERGENZIALE IN DATA / / MODULO PER ATTIVITÀ PRODUTTIVE RICHIESTA DI CONTRIBUTO A SEGUITO DEI DANNI RIPORTATI DA BENI IMMOBILI E MOBILI MODULO PER ATTIVITÀ PRODUTTIVE RICHIESTA DI CONTRIBUTO A SEGUITO DEI DANNI RIPORTATI DA BENI IMMOBILI E MOBILI Termine di consegna dei moduli entro Segreteria Regionale L.L. P.P. Unità di Progetto Protezione

Dettagli

Regolamento per l uso del marchio I-WELD

Regolamento per l uso del marchio I-WELD Pagina 1 di 5 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. DEFINIZIONI... 2 4. UTILIZZO DEL MARCHIO... 2 4.1 Generalità... 2 4.2 Obblighi degli utilizzatori... 2 4.3 Esempi di marchio... 3 4.4 Utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE Approvato dall Assemblea dei Soci del 26 aprile 2015 1. Obiettivi e finalità del regolamento Con il presente regolamento

Dettagli

QUARTIERI. fieramilano - fieramilanocity

QUARTIERI. fieramilano - fieramilanocity QUARTIERI fieramilano - fieramilanocity Con la realizzazione del nuovo quartiere fieristico, Fiera Milano spa specializza la sua offerta e propone a visitatori ed espositori due moderni Centri espositivi.

Dettagli

Fornire i file nominandoli con il numero d'ordine del prodotto acquistato.

Fornire i file nominandoli con il numero d'ordine del prodotto acquistato. INVIARE I FILE DI STAMPA A: file@mylifestyle.it I file di dimensioni superiori ai 5 Mb devono essere inviati mediante sistemi che consentano l'invio di file di grandi dimensioni (per esempio: We Transfer

Dettagli

con sede a Berna L Associazione prevede due forme di adesione, come soci ordinari e soci sostenitori.

con sede a Berna L Associazione prevede due forme di adesione, come soci ordinari e soci sostenitori. con sede a Berna 1. Nome e sede Con la denominazione Incontro Svizzero del Teatro è costituita un associazione di pubblica utilità ai sensi degli art. 60 e seguenti del Codice civile svizzero con sede

Dettagli

PS012 - PES - PAV 14 ore (D.Lgs. 81/08 Testo Unico della Sicurezza e SS.MM. NORMA CEI EN E CEI 11-27) 14 ore Anno Accademico 2013/2014 PS012

PS012 - PES - PAV 14 ore (D.Lgs. 81/08 Testo Unico della Sicurezza e SS.MM. NORMA CEI EN E CEI 11-27) 14 ore Anno Accademico 2013/2014 PS012 PERFEZIONAMENTO/FORMAZIONE PS012 - PES - PAV 14 ore (D.Lgs. 81/08 Testo Unico della Sicurezza e SS.MM. NORMA CEI EN 50110 E CEI 11-27) 14 ore Anno Accademico 2013/2014 PS012 www.unipegaso.it Titolo PS012

Dettagli

TEPA SPORT GUIDELINE INDICE LOGOTYPE GUIDELINE INDICE. pag 04 INTRODUZIONE

TEPA SPORT GUIDELINE INDICE LOGOTYPE GUIDELINE INDICE. pag 04 INTRODUZIONE INDICE INTRODUZIONE pag 04 TEPA 01 01.1 Elementi del marchio 01.2 Restyling del logo 01.3 Utilizzo su fondo chiaro 01.4 Utilizzo su fondo scuro pag 06 pag 07 pag 08 pag 09 TEPA 02 02.1 Area di rispetto

Dettagli

IMMATRICOLAZIONE AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2016-2017

IMMATRICOLAZIONE AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2016-2017 IMMATRICOLAZIONE AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2016-2017 Collegarsi alla pagina dei servizi online all indirizzo: https://servizionline.iulm.it e selezionare Registrati Inserire il proprio indirizzo

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LA REGISTRAZIONE DEI MARCHI

FINANZIAMENTI PER LA REGISTRAZIONE DEI MARCHI FINANZIAMENTI PER LA REGISTRAZIONE DEI MARCHI Fino all 80% di contributi a fondo perduto per i marchi comunitari e internazionali agevolazioni alle imprese stanziati 4,5 milioni di euro dal Ministero dello

Dettagli

I modelli di colore in LATEX

I modelli di colore in LATEX PGL Piccole Guide Linux I modelli di colore in LATEX Luigi Carusillo Prima edizione, 27 giugno 2002 Sesta revisione, 4 febbraio 2006 P G L PGI Piccole Guide d'informatica e PGL Piccole Guide Linux sono

Dettagli

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento Camera di Commercio Norma UNI 10750:2005 (si veda ora UNI EN 15733)

Dettagli

CONFERMA IMMATRICOLAZIONE STUDENTI PREISCRITTI A.A. 2016-17

CONFERMA IMMATRICOLAZIONE STUDENTI PREISCRITTI A.A. 2016-17 CONFERMA IMMATRICOLAZIONE STUDENTI PREISCRITTI A.A. 2016-17 Collegarsi alla pagina dei servizi online all indirizzo: https://servizionline.iulm.it Effettuare il login con le credenziali ottenute per la

Dettagli

r.berardi Assonometria isometrica di oggetti cilindrici

r.berardi Assonometria isometrica di oggetti cilindrici r.berardi Assonometria isometrica di oggetti cilindrici Costruzione di solidi cilindrici in assonometria isometrica Indice solidi Pag. 1 Cilindri sul cubo Pag. 12 1circonferenza Pag.. 2 Doppio cilindro

Dettagli

MARCHIO FS, LOGO FS TRENITALIA, CARATTERI DI STAMPA, PITTOGRAMMI E COLORI ISTITUZIONALI PER ROTABILI

MARCHIO FS, LOGO FS TRENITALIA, CARATTERI DI STAMPA, PITTOGRAMMI E COLORI ISTITUZIONALI PER ROTABILI E QUALITA DI SISTEMA Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione 307973 Rev. 4 Pagina 1 di 9 "Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere

Dettagli

quadrilatero generico parallelogramma rombo rettangolo quadrato

quadrilatero generico parallelogramma rombo rettangolo quadrato Pavimentare 1. Quali forme di quadrilateri puoi costruire? Schizza tutte le forme possibili e scrivi il loro nome. 2. Cosa rappresentano i piccoli punti rossi sui lati del quadrilatero? 3. a) Costruisci

Dettagli

MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1

MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MA 430 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 200 REV. 2.1 1 di 7 INDICE 1.0 GENERALITÁ 3 2.0 INTERFACCE 3 3.0 CARATTERISTICHE

Dettagli

Per poter stampare un documento fronte retro, verificare che si utilizzino le seguenti grammature: Tutti i cassetti

Per poter stampare un documento fronte retro, verificare che si utilizzino le seguenti grammature: Tutti i cassetti Stampa fronte retro Questo argomento include le seguenti sezioni: Stampa fronte retro automatica a pagina 2-26 Opzioni di rilegatura a pagina 2-27 Stampa fronte retro manuale a pagina 2-29 Stampa fronte

Dettagli

New Life Borsa. Investire nei mercati finanziari con semplicità e sicurezza. New Life Borsa 6. decorrenza 22 Settembre 2000

New Life Borsa. Investire nei mercati finanziari con semplicità e sicurezza. New Life Borsa 6. decorrenza 22 Settembre 2000 New Life Borsa Investire nei mercati finanziari con semplicità e sicurezza New Life Borsa 6 decorrenza 22 Settembre 2000 Condizioni di Polizza e Nota Informativa New Life Borsa 6 è un prodotto assicurativo

Dettagli

I vertici e i lati di ogni poligono vengono detti rispettivamente vertici e spigoli del poliedro.

I vertici e i lati di ogni poligono vengono detti rispettivamente vertici e spigoli del poliedro. 1 I poliedri diagonale DEFINIZIONE. Un poliedro è la parte di spazio delimitata da poligoni posti su piani diversi in modo tale che ogni lato sia comune a due di essi. I poligoni che delimitano il poliedro

Dettagli

ALLEGATO 1 MISURA SPECIFICA LEADER C Incubatore di imprese per i settori tradizionali locali SCHEMA DI PROGETTO

ALLEGATO 1 MISURA SPECIFICA LEADER C Incubatore di imprese per i settori tradizionali locali SCHEMA DI PROGETTO ALLEGATO 1 MISURA SPECIFICA LEADER 413 2.2 C Incubatore di imprese per i settori tradizionali locali SCHEMA DI PROGETTO P.S.L. I Sentieri del Buon Vivere 2007-2013 Progetto Esecutivo Misura Specifica Leader

Dettagli

TRATTAMENTO FINE MANDATO AMMINISTRATORI: CERTEZZA DALL ATTO PER LA DEDUZIONE FISCALE

TRATTAMENTO FINE MANDATO AMMINISTRATORI: CERTEZZA DALL ATTO PER LA DEDUZIONE FISCALE TRATTAMENTO FINE MANDATO AMMINISTRATORI: CERTEZZA DALL ATTO PER LA DEDUZIONE FISCALE a cura Federico Gavioli È spesso consuetudine nelle società di capitali di medie-grandi dimensioni accantonare a favore

Dettagli

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.)

SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) SCHEDA 17A: ADEGUAMENTO DEI TRATTORI A RUOTE A CARREGGIATA STANDARD FIAT 415R E SIMILI (FIAT 215, FIAT 315, etc.) Il presente documento è stato realizzato nell ambito dell attività di ricerca prevista:

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO Adottato con, e allegato alla, deliberazione C.C. n 14 del 9 aprile 2014 INDICE Art. 1 => Scopo e finanziamento Art. 2 =>

Dettagli

Il campionamento e l inferenza. Il campionamento e l inferenza

Il campionamento e l inferenza. Il campionamento e l inferenza Il campionamento e l inferenza Popolazione Campione Dai dati osservati mediante scelta campionaria si giunge ad affermazioni che riguardano la popolazione da cui essi sono stati prescelti Il campionamento

Dettagli

Report intersettoriale

Report intersettoriale B i g d a t a - E c o n o m i c s - w e b M a r k e t i n g Report intersettoriale INDICE Classifica generale intersettoriale dei migliori brand online 3 Indice generale e dei macrosettori 4 Indice dei

Dettagli

Lettura del RAPPORTO DI PROVA Maria Cesarina Abete

Lettura del RAPPORTO DI PROVA Maria Cesarina Abete Lettura del RAPPORTO DI PROVA Maria Cesarina Abete Il controllo chimico degli alimenti: dal campionamento alla valutazione del risultato ARPA Piemonte, Torino 5 6 febbraio 2014 Definizione Il rapporto

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LA REMUNERAZIONE DEL DIPENDENTE 1 IL FATTORE L IMPRESA PUO USUFRUIRE DI: AUTONOMO Caratteristiche proprie dell acquisto di servizi da professionisti (avvocati, dottori

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale del personale dell Ente Foreste della Sardegna Manuali operativi

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale del personale dell Ente Foreste della Sardegna Manuali operativi Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale del personale dell Ente Foreste della Sardegna (Approvati con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 145 del 11.09.2014, sulla base

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 03 SCHEDE DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI CHIMICI. Revisione 00 - Gennaio A cura di:

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 03 SCHEDE DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI CHIMICI. Revisione 00 - Gennaio A cura di: ISTRUZIONE OPERATIVA N. 03 SCHEDE DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI CHIMICI Revisione 00 - Gennaio 2015 A cura di: Servizio Ambiente e Progettazione per la Sicurezza ISTRUZIONE OPERATIVA N.03. Revisione 00 -

Dettagli

LA SALDATURA. 2. La rappresentazione schematica comprende un segno grafico elementare, che può essere completato da:

LA SALDATURA. 2. La rappresentazione schematica comprende un segno grafico elementare, che può essere completato da: Normativa di riferimento La norma che stabilisce le regole da applicare per la rappresentazione schematica sui disegni dei giunti saldati è la UNI EN 22553: 1997. La normativa stessa accetta che i giunti

Dettagli

INTEGRAZIONI al Rapporto Preliminare

INTEGRAZIONI al Rapporto Preliminare INTEGRAZIONI al Rapporto Preliminare Variante specifica al POC del Comune di Codigoro con valore di PUA per l'attuazione del comparto AUC3 sito in Pontelangorino via Centro 31/B 1 Indice 1 Premessa...

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2016/51240 Approvazione del modello e delle relative istruzioni per l istanza di computo in diminuzione delle perdite pregresse dai maggiori imponibili nell ambito dell attività di accertamento,

Dettagli

2. Completa scrivendo il numeratore o il denominatore mancante in modo da avere frazioni tutte equivalenti.

2. Completa scrivendo il numeratore o il denominatore mancante in modo da avere frazioni tutte equivalenti. Esercizi per le vacanze estive classe 2^C Svolgere nell ordine tutti gli esercizi indicati su fogli a quadretti con buchi. Gli esercizi andranno consegnati all insegnante al rientro dalle vacanze e saranno

Dettagli

SCOPO DELL ANALISI DI CORRELAZIONE

SCOPO DELL ANALISI DI CORRELAZIONE CORRELAZIONE 1 SCOPO DELL ANALISI DI CORRELAZIONE STUDIARE LA RELAZIONE TRA DUE VARIABILI X E Y 2 diagrammi di dispersione un diagramma di dispersione (o grafico di dispersione) èuna rappresentazione grafica

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 343 24.11.2014 Il nuovo ISEE corrente Quando si presenta e composizione del modello Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie Con la pubblicazione

Dettagli

DOMANDA DI PARZIALE ESONERO L. 68 del 12 marzo 1999 art.5 DECRETO del MINISTRO del LAVORO 357/2000

DOMANDA DI PARZIALE ESONERO L. 68 del 12 marzo 1999 art.5 DECRETO del MINISTRO del LAVORO 357/2000 DOMANDA DI PARZIALE ESONERO L. 68 del 12 marzo 1999 art.5 DECRETO del MINISTRO del LAVORO 357/2000 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La domanda di esonero parziale deve essere presentata al Servizio della

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati Linee guida per la compilazione della domanda di contributo e relativi allegati, ai sensi dell articolo 96 della legge 21 novembre 2000, n. 342 e del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Dettagli

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Sintesi dei risultati dell indagine 2013 svolta sul personale della Camera di

Dettagli

La disposizione estetica della lettera commerciale

La disposizione estetica della lettera commerciale La disposizione estetica della lettera commerciale Gli elementi costitutivi della lettera commerciale vengono disposti sul foglio secondo stili diversi: ogni a- zienda, infatti, caratterizza la sua immagine

Dettagli

Condizioni di Copyright per la distribuzione di materiale contenente Simboli Widgit

Condizioni di Copyright per la distribuzione di materiale contenente Simboli Widgit Condizioni di Copyright per la distribuzione di materiale contenente Simboli Widgit (noti in passato come Widgit Rebus Symbols) Le seguenti condizioni di Copyright si applicano all'impiego di simboli Widgit.

Dettagli

Queste indicazioni derivano dalla "nazionalizzazione" delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506).

Queste indicazioni derivano dalla nazionalizzazione delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506). Queste indicazioni derivano dalla "nazionalizzazione" delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506). La foto che deve essere consegnata per il rilascio di documenti elettronici (passaporto,

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Graphic Identity Manual Guida all uso dell identità visiva del marchio. maggio 2013

Università Politecnica delle Marche Graphic Identity Manual Guida all uso dell identità visiva del marchio. maggio 2013 Università Politecnica delle Marche Graphic Identity Manual Guida all uso dell identità visiva del marchio maggio 2013 Università Politecnica delle Marche / Graphic Identity Manual 3 Introduzione La guida

Dettagli

Il sistema di sigillatura "ISOLBLOCK" nelle murature refrattarie di sicurezza

Il sistema di sigillatura ISOLBLOCK nelle murature refrattarie di sicurezza Il sistema di sigillatura "ISOLBLOCK" nelle murature refrattarie di sicurezza La società REFRASUD, nel campo delle esperienze maturate sui rivestimenti per siviere acciaio, ha formulato una particolare

Dettagli

Lo scopo è di rimarcare l'identità visiva su tutte le pubblicazioni sia di carattere istituzionale, sia di carattere tecnico o divulgativo.

Lo scopo è di rimarcare l'identità visiva su tutte le pubblicazioni sia di carattere istituzionale, sia di carattere tecnico o divulgativo. M. Editoria Indice Premessa 01 Formati e griglia d impaginazione 02 Griglia d impaginazione del formato UNI A4 (210 x 297 mm) 03 Griglia d impaginazione del formato UNI A5 (148 x 210 mm) 04 Griglia d impaginazione

Dettagli

INDICE DEFINIZIONE DELLO STEMMA COMUNALE

INDICE DEFINIZIONE DELLO STEMMA COMUNALE PROGETTO DI RESTYLING DELLO STEMMA CITTADINO INDICE DEFINIZIONE DELLO STEMMA COMUNALE - PREMESSA 2 - IL PRIMO STEMMA E LO STEMMA ATTUALE 3 - GLI ELEMENTI DELLO STEMMA 4 ELEMENTI DELLO STEMMA - LA CORONA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONCORSI DI: Poesia, pittura, fotografia, disegni di gruppo, temi.

REGOLAMENTO DEI CONCORSI DI: Poesia, pittura, fotografia, disegni di gruppo, temi. REGOLAMENTO DEI CONCORSI DI: Poesia, pittura, fotografia, disegni di gruppo, temi. EDIZIONE 2011 A cura del Coordinamento della Rete per l Invecchiamento Attivo PER INFORMAZIONI, Telefono o Fax 0183297148

Dettagli

Muratura armata. Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008)

Muratura armata. Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008) Muratura armata Norme Tecniche per le Costruzioni (Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14/01/2008) Circolare del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (Circolare n. 617 del

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia 11. Taratura nel settore dimensionale Indice Taratura di Calibri (UNI 9313) Taratura di comparatori (UNI 9191) Taratura di micrometri

Dettagli

MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome

MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome MODULO D ORDINE PERGAMENA DATI DI CHI EFFETTUA L ORDINE Nome Cognome Via Città Tel. E-mail n Prov. CAP Cel. INDIRIZZO A CUI SPEDIRE LE PERGAMENE Nome Cognome Via n Città Prov. CAP Tel. Cel. E-mail DIMENSIONI:

Dettagli

Corso di meccanica, macchine e disegno VD 2013/2014 Modulo UD Lez. Esercizi svolti di statica pag. 1

Corso di meccanica, macchine e disegno VD 2013/2014 Modulo UD Lez. Esercizi svolti di statica pag. 1 orso di meccanica, macchine e disegno VD 2013/2014 Modulo UD Lez. Esercizi svolti di statica pag. 1 1) Un triangolo rettangolo presenta l ipotenusa lunga 5m mentre l angolo formato con uno dei due cateti

Dettagli

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni)

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Corso di laurea in Scienze dell'educazione Lezione 9 Elaborazione di immagini (parte 1) Mario Alviano Sommario Grafica vettoriale e bitmap Risoluzione

Dettagli

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati

Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909. Dimensione minima consentita per stampati 024 025 026 027 028 029 030 031 032 033 034 035 037 038 039 040 Introduzione all utilizzo del logotipo del Gruppo KB1909 Versione a colori positiva Versione a colori negativa Versione in bianco e nero

Dettagli

Aggiornamento: 15 settembre 2015

Aggiornamento: 15 settembre 2015 Aggiornamento: 15 settembre 2015 SIEC è l associazione italiana che riunisce produttori e operatori del settore dell integrazione di sistemi audio, video, illuminazione e controlli. In ogni progetto

Dettagli