Saepinum, Altilia di Sepino (Campobasso) I Campagna di scavo (16 Giugno - 5 Luglio).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Saepinum, Altilia di Sepino (Campobasso). 2014. I Campagna di scavo (16 Giugno - 5 Luglio)."

Transcript

1 Saepinum, Altilia di Sepino (Campobasso) I Campagna di scavo (16 Giugno - 5 Luglio). Località: Saepinum, Altilia (Comune di Sepino, Provincia di Campobasso). Regime: Scavo in concessione all Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Scienze Storiche, Sezione di Scienze Storiche dell Antichità, Cattedra di Urbanistica del Mondo Classico. Anno d inizio dell attività di scavo: Responsabili scientifici: Prof. Maurizio Matteini Chiari, Dott.ssa Valeria Scocca. Direzione e responsabilità delle attività di campo e di magazzino: Dott.ssa Valeria Scocca. Coordinamento delle attività di rilievo: Michela D Alessandro. Coordinamento delle attività topografiche: Dott. Mauro Vassena, Dott. Marco Corona. Collaboratori: Jacopo Bartolini, Dott. Vincenzo Amato, Dott. Gianluca Caramella, Dott. Fiorenzo Catalli, Prof.ssa Paola Comodi, Dott. Antonio Piccolo, Dott.ssa Maria Ilena Pizzuto, Tatiana Rafficoni, Dott. Marco-Leopoldo Ubaldelli. Referente Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise: Dott.ssa Valeria Ceglia. Restauri: PF Restauri di Fiorentina Cirelli, San Giuliano del Sannio. Campagna di scavo 2014: I Campagna. Periodo di svolgimento: 16 Giugno 5 Luglio 2014 Modulo di adesione: mo_ade_b.rtf. Turni studenti: Primo Turno: 16 Giugno - 28 Giugno 2014 Secondo Turno: 23 Giugno - 5 Luglio 2014 Tipo di ospitalità: vitto, alloggio. Struttura ricettiva: Il personale verrà alloggiato a Sepino nell edificio AIG messo a disposizione dal Comune di Sepino. Capacità ricettiva per turno: 32 persone. Descrizione del sito: L Università degli Studi di Perugia e segnatamente la Cattedra di Urbanistica del Mondo Classico intendono riprendere a distanza di anni e con sistematicità gli interventi di scavo nell area urbana di Saepinum e nelle aree di necropoli fuori Porta Boiano e fuori Porta Benevento. In particolare gli scavi in corso del santuario italico di San Pietro di Cantoni di Sepino e del sito di Terravecchia di Sepino ripropongono in termini rinnovati e cogenti l esigenza dello scavo di un edificio ecclesiale, la cosiddetta Chiesa dell Annunziata, posto all interno della antica cinta

2 sepinate. Della chiesa, le cui murature d alzato appaiono, almeno in parte, ancora apprezzabili sul terreno per quanto obliterate da una fitta vegetazione infestante, si conserva ed è nota una rilevante documentazione d archivio (E. Cuozzo J. M. Martin, Le pergamene di Santa Cristina di Sepino ( ), Sources et Documents d histoire du Moyen Age publiés par l Ecole Francaise de Rome, 1, Paris 1998) e letteraria (trascritta e riportata da A. Zazo, in Samnium, XXXIV, 1961, pp ). E, tuttavia, da sempre mancato un intervento di verifica archeologica del complesso e delle sue stesse immediate adiacenze. La sola cartografia ottocentesca (in particolare F. Di Iorio, Topografia dell Altilia in tenimento di Sepino in Molise, del 1877) posiziona correttamente sul terreno, mediante riporto del solo ingombro planimetrico, l edificio ecclesiale. Ma, a prova della visibilità del tutto parziale di quest ultimo, la didascalia posta in calce al disegno laconicamente avverte Fu quivi una Cappella della SS. Annunziata ora diruta. Il disegno, però, sembra suggerire l esistenza di una più estesa struttura di base su cui si sarebbe impostato lo stesso alzato perimetrale della chiesa. La medesima didascalia difatti avverte anche: Sito ove si suppone esistesse l antico tempio di Giove, stante il reimpiego ad angulum aediculae di CIL XI Come sia, corretta o meno, la menzione sembra, senza forse neppure troppo forzare il dato in sé ed anzi con qualche presumibile attendibilità, suggerire per il complesso e per la situazione specifica dell Annunziata una possibile materiale sovrapposizione strutturale ad un più antico luogo di culto e un ruolo di continuità di destinazione e di tradizione. Così come risulta ormai con oggettiva certezza acclarato dallo scavo per la situazione dell edificio ecclesiale di San Pietro di Cantoni di Sepino e verosimilmente, tuttavia con più labili margini di attendibilità, anche in ragione di uno scavo appena intrapreso, per la situazione della chiesa forse titolata a S. Martino di Terravecchia di Sepino. Insomma, lo scavo dell Annunziata consentirebbe un riscontro importante, immediato e topograficamente e culturalmente ravvicinatissimo fra situazioni che sembrano (e possono, dunque, ipotizzarsi come) analoghe. Anche se queste, sulla scorta della documentazione attualmente disponibile, non sembrano presentarsi cronologicamente con sicurezza fra loro perfettamente sovrapponibili. La richiesta di una ripresa degli scavi anche delle aree sepolcrali sepinati urbane da parte dell Università degli Studi di Perugia a distanza di molti anni intende riproporre non velleitariamente un iniziativa mai portata a compimento. Né per quanto concerne gli interventi di campo né per quanto concerne la presentazione dei risultati, ancorché parziali, conseguiti in un passato ormai remoto. Al di là di pochi cenni solo riferiti o, ancora più raramente, scritti. Lo spoglio analitico delle carte d archivio consente ora di imbastire una assolutamente più completa trama e storia degli interventi occorsi nel tempo a ridosso ed all esterno delle porte della cinta urbana sepinate e lungo lo stesso asse tratturale. Se a questo aggiungiamo la dovuta, per quanto assolutamente tardiva, riflessione sugli esiti importanti degli scavi eseguiti fra 1981 e 1983 fuori Porta Benevento e fuori Porta Boiano dalla Cattedra di Topografia e Urbanistica del Mondo Classico dell Università degli Studi di Perugia, allora ne scaturisce delle necropoli sepinati già ora un quadro complessivo documentato e articolato che a partire dalla genesi stessa del municipio sembra inoltrarsi fino alla media e alla tarda antichità. Come peraltro è ovvio che sia. Questo quadro è, tuttavia, con evidenza, estremamente frammentario, dunque fragile e discontinuo. Non solo sotto il profilo cronologico, ma anche e soprattutto ovviamente sotto il profilo topografico e distributivo. Delle tombe, per di più diversissimamente caratterizzate, e degli stessi interventi di scavo e di ricognizione eseguiti in superficie. Lo stesso dicasi per le componenti strutturali degli edifici funerari disperse sul terreno o reimpiegate in Altilia o nelle contrade degli immediati dintorni, soprattutto lungo i margini della fascia tratturale. Di queste, per quanto spesso ultimamente censite e schedate, è mancato a tutt oggi un generalizzato e sistematico rilievo che permetterebbe, invece, almeno in molti casi con attendibile sicurezza, opportunità di riscontrare pertinenze e di ipotizzare, di conseguenza, anche corrette ricomposizioni d assieme. Il lavoro che attende necessita, dunque, di una tempistica e di procedure d intervento, sia in fase di scavo sia in fase di rilievo di campo, adeguate ed è questa la ragione per cui si è presentata al Ministero richiesta di Concessione triennale.

3 Risultati raggiunti: M. Gaggiotti, M. Matteini Chiari, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise, Progetto di allestimento e di ordinamento e realizzazione del Museo Documentario dell Altilia, Altilia di Sepino, inaugurato il 30 Settembre Campagne di ricognizione e di rilevamento territoriale del territorio municipale di Saepinum. Anni e M. Matteini Chiari, Progetto di allestimento e di ordinamento e realizzazione del Museo Archeologico di Saepinum, Altilia di Sepino, inaugurato il 15 Aprile M. Pagano, V. Ceglia, M. Matteini Chiari, L. Matacchioni, Progetto di allestimento e di ordinamento della Mostra Cibo e Sapori dell Italia antica, Altilia di Sepino, inaugurata il 23 Dicembre Presentazione del libro di Walter Santoro, Il monastero di S. Croce in territorio di Sepino. Indagine storico-topografica, Sepino 20 Maggio M. Matteini Chiari, Saepinum, relazione presentata al Convegno Internazionale La città antica in Italia, Roma Marzo M. Matteini Chiari, Carsulae un problema di mura, relazione presentata al Convegno Territorio e stratificazione archeologica, Giano dell Umbria 11 Maggio M. Matteini Chiari, Un mosaico di Saepinum (CB), poster redatto per il XIV Colloquio dell Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico (AISCOM), Spoleto 7-9 Febbraio M. Matteini Chiari, La forma urbana di Saepinum, relazione presentata al Convegno San Giuliano del Sannio e la Valle del Tammaro. Epigrafia e Topografia in epoca romana, San Giuliano del Sannio 12 Luglio Valeria Scocca, Maurizio Matteini Chiari, Conferenza, Diversi ma uguali. Sepolture e tratturi: due casi in Molise. Campolieto e Altilia, Campolieto 27 Marzo Valeria Scocca, Maurizio Matteini Chiari, Conferenza, Campagne di scavo San Pietro di Cantoni. Uomini e Dei, un patto nella terra di mezzo, Sepino 21 Agosto Bibliografia relativa allo scavo: AA.VV., Sepino. Archeologia e continuità (a cura di M. Gaggiotti - M. Matteini Chiari), Campobasso AA.VV., Saepinum. Museo Documentario dell'altilia (a cura di M. Matteini Chiari), Campobasso G. De Benedittis, M. Gaggiotti, M. Matteini Chiari, Saepinum. Sepino, Verona 1984

4 M. Matteini Chiari, Il sepolcreto altomedievale dell'area forense di Saepinum, in Atti della Giornata di Studio "La necropoli di Vicenne nella piana di Bojano. Il Sannio tra Tardo Impero e Alto Medioevo", Conoscenze, IV, 1989, pp G. De Benedittis, M. Gaggiotti M. Matteini Chiari, Saepinum. Sepino (seconda edizione riveduta e ampliata), Campobasso M. Matteini Chiari, s.v. Sepino, in EAA, II Supplemento , 1997, pp G. D Alascio, Le lucerne di Saepinum, Saepinum Materiali e Monumenti, I, Campobasso M. Bernardi, P. Comodi, P. F. Zanazzi, Ceramica a vetrina piombifera e smalto stannifero nei centri di Saepinum e Terravecchia (Campobasso): un confronto tra dati archeologici e archeometrici, in Atti del III Congresso Nazionale di Archeologia Medievale, Salerno 2-5 Ottobre 2003, Firenze 2003, pp M. Matteini Chiari, Saepinum tra evo antico e medioevo. Nuove preliminari acquisizioni dal cantiere di scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp M. Bernardi, La protomaiolica da Saepinum (Altilia). Primi risultati, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tavv. f.t. IX-XI. A. Finetti, Alcune considerazioni sulla circolazione della moneta piccola in territorio molisano tra XIII e XIV secolo alla luce dei recenti rinvenimenti, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tav. f.t. XII. AA.VV., La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino (a cura di M. Matteini Chiari), Roma V. Ceglia, P. Curci, E. Martino, M. Matteini Chiari, Saepinum. Il tempo della città. Scavi : risultati preliminari, ibidem, pp P. Comodi, G. D Alascio, A. Bentivoglio, P. F. Zanazzi, M. Matteini Chiari, Studio archeometrico di lucerne da San Pietro di Cantoni e da Saepinum, ibidem, pp W. Santoro, Il monastero di S. Croce in territorio di Sepino. Indagine storico topografica, Campobasso In stampa: V. Scocca, Saepinum, in Fana, Templa, Delubra. Corpus dei luoghi di culto dell Italia antica, Paris- Roma M. Matteini Chiari, Saepinum. La Cristianizzazione, in Fana, Templa, Delubra. Corpus dei luoghi di culto dell Italia antica, Paris-Roma 2012.

5 In preparazione: AA.VV., La Dea dei canneti fruscianti. Venti anni di scavo a San Pietro di Cantoni di Sepino, Catalogo della Mostra, Altilia Sepino, 2014 (a cura di M. Matteini Chiari-V. Scocca). Didattica Lo scavo archeologico di Saepinum, Altilia di Sepino (CB), eseguito su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è riconosciuto dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università degli Studi di Perugia come laboratorio didattico per gli studenti del Corso di Laurea triennale e per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale. In tutti i casi consente l'acquisizione di n. 3 crediti CFU. La campagna di scavo 2014 di Saepinum, Altilia di Sepino (CB), si articolerà su 2 turni, che in parte si sovrapporranno, nel periodo 16 Giugno - 5 Luglio La fase di apertura dello scavo e di preliminare organizzazione dei laboratori prenderà avvio alcuni giorni prima e vedrà impegnati esclusivamente responsabili di settore e operai. I turno: 16 Giugno 28 Giugno 2014 II turno: 23 Giugno 5 Luglio 2014 E' richiesta una presenza continuativa minima di 1 turno (= 2 settimane). Non sono consentiti, se non in casi eccezionali e con l'assenso del direttore scientifico dello scavo, arrivi posticipati o partenze anticipate (con obbligo di recupero). L'arrivo allo scavo è previsto la sera della Domenica precedente l'inizio del turno. Non prima delle ore per chi arriva in auto. Per chi arriva in treno la stazione d'arrivo è Boiano. Ideale da Roma è l'interregionale denominato "La freccia del Biferno" [sic], che ferma a Boiano alle ore 20.12; ideale da Napoli è il Diretto che ferma a Boiano alle ore Si ricorda che per il giorno d arrivo non è prevista la cena comunitaria. Il vitto e l alloggio sono a carico dell organizzazione. I pasti serali, confezionati a rotazione dagli stessi partecipanti, saranno consumati nella sede AIG di Sepino. Il pasto di mezzogiorno sarà consumato direttamente sullo scavo. La partecipazione è aperta anche a studenti di altre Università, italiane e straniere. Per questi ultimi e per i non universitari che volessero prendere parte ad un turno di scavo è prevista una quota di iscrizione (165 Euro) che verrà corrisposta all arrivo ad Altilia. La partecipazione a più turni di scavo, se tecnicamente e logisticamente possibile, comporterà un integrazione (75 Euro a turno) alla quota di iscrizione, ugualmente da corrispondersi ad Altilia. Gli studenti dell Università di Perugia sono ugualmente tenuti a pagare una quota di iscrizione di 75 Euro a turno, da corrispondersi all arrivo ad Altilia. I partecipanti dovranno essere provvisti di sacco a pelo e/o coperte, lenzuola, federe e cuscino. L autonoma dotazione personale comprende abbigliamento estivo, ma anche capi pesanti, cappello e creme protettive. Per l'attività di campo si richiedono in particolare: certificato di vaccinazione antitetanica, scarpe antinfortunio, borraccia, guanti da lavoro, ginocchiere, marsupio o zainetto da campo, cancelleria e strumenti per il disegno (dotazione minima: biro, portamine + mine, gomma da matita, 1 doppio metro metallico, 1 squadra, 1 compasso). La copertura assicurativa è garantita per tutti i partecipanti dall Università degli Studi di Perugia. La giornata di lavoro (dal Lunedì al Venerdì) si articola, di massima, come segue:

6 ore 8.00 : Inizio scavo, ore : Pranzo sullo scavo, ore : Ripresa scavo, ore : Termine scavo, selezione dei materiali sul campo, documentazione, riordino strumenti, ore : Deposito dei materiali di scavo in magazzino, ore : Pausa, ore : Lavori di laboratorio (lavaggio cocci, inventariazione cartacea e informatizzata, applicazione numeri, ricerca attacchi, disegno dei materiali, sviluppo quote, disegno sezioni, digitalizzazione rilievi di campo, ecc.) o ripresa scavo o ripresa rilievi sul campo. Secondo necessità, ore : Riordino laboratorio. Cena. Sabato: ore : Scavo / Lavori di laboratorio, ore : Selezione dei materiali sul campo, deposito materiali, riordino strumenti / Riordino laboratorio. Pranzo. Sabato pomeriggio e Domenica liberi. Per ulteriori informazioni e/o comunicazioni: - Prof. Maurizio Matteini Chiari, Dipartimento di Lettere-Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne, Università degli Studi, Via Aquilone PERUGIA. Anche Laboratorio di Urbanistica e Rilievo, Palazzo San Bernardo, Via degli Offici 14, tel. 075/ ; fax: 075/ ; o - Dott.ssa Valeria Scocca, Le iscrizioni si ricevono, oltre che per mail e/o per fax, anche presso il Laboratorio di Urbanistica e Rilievo, Palazzo San Bernardo, Via degli Offici PERUGIA. Notizie utili Altilia di Sepino (Saepinum) è facilmente raggiungibile dall'autostrada Roma - Napoli, uscita San Vittore, percorrendo dapprima la S.S. 17 e quindi la S.S. 87, direzione Benevento, 6 km dopo lo svincolo per Campobasso, all'altezza del km. 112 (seguire segnaletica turistica: "Scavi di Altilia"). La stazione ferroviaria più vicina, escludendo quella di Sepino, ormai pressoché in disuso e comunque mal servita, è quella di Boiano, che dista 19 km da Sepino. Treni da Roma e da Napoli. Sepino è un Comune di 3000 abitanti tra i più importanti e attivi fra quelli del Molise centro meridionale, al confine con la Campania. Offre opportunità di soggiorno e di turismo soprattutto estivo contando su buone strutture agrituristiche e alberghiere e vantando una importante tradizione gastronomica. Ha un rilevantissimo patrimonio archeologico diffuso e risorse ambientali altrettanto rilevanti, poco conosciute e poco valorizzate. Vi si trova anche un rinomato complesso termale.

7 Saepinum, Altilia di Sepino (Campobasso) I Campagna di scavo (16 Giugno - 5 Luglio). I turno: 16 Giugno 28 Giugno 2014 II turno: 23 Giugno 5 Luglio 2014 Il/la sottoscritto/a, nato/a a, il residente a, in Via, n., CAP intende partecipare allo scavo, impegnandosi a rispettarne il regolamento, Università di, Facoltà di Corso di Laurea in Anno di corso e numero di matricola Recapito di Perugia Telefono/Cellulare, Esperienze pregresse di scavo, di ricognizione, di rilievo Capacità specifiche acquisite (es.: disegno, rilievo, fotografia, gestione magazzino, gestione informatica dei dati e dei rilievi di scavo, ecc.) Copertura antitetanica [si ricorda che la vaccinazione è condizione indispensabile alla partecipazione (barrare la giusta indicazione)] Sì o No Condizioni fisiche generali Abitudini/allergie alimentari Disponibilità di auto (barrare la giusta indicazione) Sì o No Disponibilità di strumentazione (es.: macchina fotografica digitale; portatile, altro) specificare: Data Firma

8 Saepinum I campagna di scavo 16 Giugno - 5 Luglio 2014 Info & Contatti Prof. Maurizio Matteini Chiari: Dott. ssa Valeria Scocca:

9 San Pietro di Cantoni di Sepino (Campobasso) XXIV Campagna di scavo (30 Giugno - 19 Luglio). Località: San Pietro di Cantoni di Sepino (Comune di Sepino, Provincia di Campobasso). Regime: Scavo in concessione all Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Scienze Storiche, Sezione di Scienze Storiche dell Antichità, Cattedra di Urbanistica del Mondo Classico. Anno d inizio dell attività di scavo: Responsabile scientifico: Prof. Maurizio Matteini Chiari. Direzione e responsabilità delle attività di campo e di magazzino: Dott.ssa Valeria Scocca. Coordinamento delle attività di rilievo: Michela D Alessandro. Coordinamento delle attività topografiche: Dott. Mauro Vassena, Dott. Marco Corona. Collaboratori: Dott. Vincenzo Amato, Geom. Angelo Attavino, Jacopo Bartolini, Dott. Gianluca Caramella, Dott. Fiorenzo Catalli, Prof.ssa Paola Comodi, Dott. Antonio Piccolo, Dott. Giandomenico Ponticelli, Dott.ssa Maria Ilena Pizzuto, Tatiana Rafficoni, Dott. Marco-Leopoldo Ubaldelli, Dott.ssa Maria Rita Wòjcik. Referente Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise: Dott.ssa Valeria Ceglia. Restauri: PF Restauri di Fiorentina Cirelli, San Giuliano del Sannio. Campagna di scavo 2014: XXIV Campagna. Periodo di svolgimento: 30 Giugno 19 Luglio 2014 Modulo di adesione: mo_ade_b.rtf. Turni studenti: I turno: 30 Giugno - 12 Luglio 2014 II turno: 7 Luglio - 19 Luglio 2014 Tipo di ospitalità: vitto, alloggio. Struttura ricettiva: Il personale verrà alloggiato a Sepino nell edificio AIG messo a disposizione dal Comune di Sepino. Capacità ricettiva per turno: 32 persone.

10 Descrizione del sito: IL SANTUARIO ITALICO DI SAN PIETRO DI CANTONI (SEPINO, CAMPOBASSO) Il santuario italico di San Pietro di Cantoni di Sepino occupa una posizione di spalto rilevata (q. 666) e dominante, aperta sull ampia vallata del fiume Tammaro. L area sacra recinta da murature megalitiche in poligonale disegna un triangolo irregolare i cui lati si allungano sul terreno per qualche centinaio di metri. La cartografia catastale e la fotografia aerea mostrano con evidenza questa ardita conformazione del recinto orientato con il vertice alla piana sottostante. L area interna, vistosamente livellata, ha sezione piatta sviluppandosi su un ampio terrazzo artificiale ricavato per intagli progressivi di roccia lungo lo scosceso pendio che da Terravecchia (q. 953) scende talora precipite ad Altilia (q. 548) e al Tammaro. E una collocazione felicissima non solo perché il santuario gode di un esposizione aperta al continuo soleggiamento, ma anche, e soprattutto, perché questa ubicazione costituisce un sicuro punto di equilibrio, non da ultimo anche topografico, fra aree sommitali destinate alla difesa (Terravecchia) e aree di valle destinate al mercato ed alla produzione (fasi repubblicane di Altilia) nell ambito comunitario e cantonale dei Saepinates. Il ruolo unificante del santuario, baricentrato all interno di una struttura insediativa articolata per minuti nuclei diffusi e (anche se elementarmente) specializzati, trova in questi stessi presupposti una sua forte valenza e ragione. Se la costa nord orientale del Matese appare già da tempo frequentata e insediata, il santuario ai nostri occhi diviene una realtà documentata solo allo scadere del IV secolo a.c. E, difatti, a partire da questa data che la presenza di manufatti diviene gradualmente più cospicua, più omogenea, in altri termini più strutturale perché questi cominciano ad evidenziare una precisa destinazione d uso, perché cominciano a presentare comuni caratteristiche formali e dimensionali e perché costituiscono, con qualche oggettiva evidenza, presenze a loro modo selezionate e mirate e riferibili, almeno in prima istanza, al culto. Il III secolo a.c. è particolarmente presente. I manufatti, di produzione locale e assai più spesso di importazione, costituiscono un documento di valore assoluto, oggettivamente incontrovertibile, dell importanza ormai assunta dal culto e dal santuario di San Pietro di Cantoni, ma sono anche il segno tangibile, evidentissimo, di una nuova prosperità della comunità dei Saepinates. La conquista da parte di Papirio Cursore di Saepinum (Terravecchia) del 293 a.c., che pone fine al conflitto sanguinoso fra Sanniti e Romani, sembra essere realtà totalmente espunta. Il III secolo che è, comunque, secolo cruento di lotte anche e soprattutto in questo scacchiere territoriale, nella sua piena maturità è vissuto in San Pietro con gioiosa e serena solennità. Anche quando i votivi appaiono forse conseguenza di decime da bottino di guerra o frutto di azioni di mercenariato. Che sia così sembra provarlo il riferimento costante, dichiarato più che meramente allusivo, alle richiesta di fertilità e di fecondità. La massima parte dei materiali restituiti dallo scavo testimoniano (dai pochi frammenti di antefisse alle appliques a vernice nera raffiguranti donne incinte, dai votivi anatomici alle conchiglie, dalle statuine di Eros ai castoni di anelli, dai pesi da telaio ai balsamari) e scopertamente alludono ad una aspettativa di vita che fortemente contrasta con il periodo e con la brutalità delle guerre in corso. Il culto sembra incentrarsi su una divinità femminile, ormai con documentata sicurezza, Mefite (e la statuetta dedicata da Trebis Dekkiis dovrebbe rivelarne le sembianze e gli attributi), che sovrintende e che tutela la sfera della maternità, degli affetti domestici, della procreazione quanto, più in generale, delle attività di lavoro connesse e, dunque, la fertilità delle messi, dei pascoli, degli armenti. Il rinvenimento, poi, di esemplari frammentari di statuette raffiguranti Ercole suggerisce anche duplicità o molteplicità di culti all interno del santuario. Come di norma. Singolarmente il II secolo a.c., in contrasto evidente con il progressivo fiorire dell insediamento di valle (fasi repubblicane di Altilia), descrive una fortuna del santuario in lento, graduale, ma altrettanto progressivo, declino. La presenza di materiali appare ancora sostenuta, ma le opportunità anche economiche che l emporio di Altilia aperto lungo l arteria tratturale e la stessa probabile e

11 connessa sua fiorente attività produttiva non sembrano trovare un riscontro adeguato all interno del santuario stesso. L ultimo secolo della repubblica e l età primo imperiale sono localmente segnate dalla costituzione municipale di Saepinum. Che la città, a maggior ragione perché nella fattispecie ravvicinatissima, assommi ora in sé in qualità di capoluogo di un estesissimo comparto territoriale ogni ruolo civile e religioso è dato scontato. In queste situazioni i santuari dell agro perdono assai rapidamente ogni importanza e, spesso, la stessa originaria destinazione d uso. Le strutture edificate al loro interno si dispongono spesso a trasformarsi in cava e, più di frequente, in rudere. Lo scavo di San Pietro, soprattutto di questi ultimi anni ha, tuttavia, cominciato a restituire materiale di prima e media età imperiale in quantità tali da lasciare ipotizzare una frequentazione ancora sostenuta dell area. La qualità del rinvenuto, per quanto si tratti spesso di oggetti dichiaratamente e sostanzialmente funzionali (attrezzi per la filatura, lucerne, stoviglie), ma non necessariamente (vista anche la presenza contestuale ed associata di balsamari vitrei, di anelli e di monete), suggerisce a sua volta ancora una possibile, per quanto contratta, continuità e vitalità di un culto nell area di San Pietro. Agli inizi del VI secolo si assiste a un evidente e forte ripresa, ad una rinnovata occupazione stabile dell area che si realizza nel momento in cui Saepinum, la città di valle, per tanti motivi divenuta ormai insicura e indifendibile, perde ogni sua pregressa importanza nella gestione centralizzata del territorio. La comunità in parte si disperde spesso riconquistando le quote più alte e sostanzialmente riproponendo nel giro di qualche generazione sistemi di occupazione e di controllo territoriale di antichissima data e tradizione. Sulle conservate rovine del grande podio templare (20,78/20,90 di lunghezza x 16,63/16,97 di larghezza) si struttura ora un grande complesso ecclesiale, sovradimensionato rispetto allo stesso tempio antico, che pare, però, avere vita breve (e travagliata, forse per il reiterarsi di eventi sismici), compresa fra il VI e il VII secolo. I rinvenimenti dei secoli successivi, ancorché talora eclatanti, paiono, difatti, frutto di sporadica frequentazione del luogo, anche per il loro numero limitatissimo e per il loro stato di assoluta frammentarietà, risultando per di più, di massima, fra loro assai disomogenei e divaricati anche sotto il profilo cronologico. Lo scavo, conseguente ad una sistematica campagna di ricognizione del territorio municipale sepinate eseguita negli anni dall Università degli Studi di Perugia, ha preso avvio nel Non presenta articolazioni in Saggi distinti, sviluppandosi senza soluzione di continuità per un estensione ormai assolutamente considerevole. Per gli esiti della campagna di scavo 2013 di San Pietro di Cantoni: sito San Pietro di Cantoni di Sepino. Risultati raggiunti: Realizzazione del Museo Archeologico di Saepinum-Altilia, inaugurato il 15 Aprile 2002, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise. Mostra Incontro con l Archeologia. Anteprima a La Dea il Santo una Terra, Università degli Studi di Perugia - Liceo Artistico Statale G. Manzù di Campobasso, Altilia di Sepino (Campobasso), inaugurata il 13 Giugno Mostra La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, Altilia di Sepino (Campobasso), che, inaugurata l 11 Maggio 2003, è divenuta esposizione permanente nell ambito del sistema museale sepinate. Pubblicazione del Catalogo della Mostra La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, QuinTilia Edizioni, Roma 2004.

12 Mostra Cibo e Sapori dell Italia antica in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise, Altilia di Sepino (Campobasso), inaugurata il 23 Dicembre Collana editoriale Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni [IRESMO, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise, Università degli Studi di Perugia]. In preparazione: Mostra La Dea dei canneti fruscianti. Venticinque anni di scavo a San Pietro di Cantoni di Sepino, Altilia-Sepino, Bibliografia relativa allo scavo: M. Matteini Chiari, Sepino. Lo scavo del tempio in località San Pietro, in Conoscenze, 7, 1994, pp K. Mitens, M. Matteini Chiari, Excavation of extraurban sanctuary. San Pietro di Cantoni di Sepino. Molise, 1993, in Acta Hyperborea. Danish Studies in Classical Archaeology, 6, 1995, pp M. Matteini Chiari G. D Alascio, Le lucerne dallo scavo del santuario italico in località San Pietro di Cantoni di Sepino ( ), in Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Perugia, 1. Studi Classici, XXXII, n.s. XVIII, , pp M. Matteini Chiari, s.v. Sepino, in EAA, II Supplemento , 1997, pp M. Matteini Chiari, Il santuario italico di San Pietro di Cantoni di Sepino, in Studi sull Italia dei Sanniti, Electa Roma 2000, pp M. Matteini Chiari, M. L. Cipiciani, D. Fattore, G. Terenzi et Alii, Un deposito ceramico nel Santuario di San Pietro di Cantoni di Sepino (CB), in Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Perugia, 1. Studi Classici, XXXIII, n.s. XIX, , 2002, pp ; M. Matteini Chiari, Pentria e Frentania, in Geographia Antiqua, X-XI, 2001/2002, pp AA.VV., San Pietro di Cantoni. Incontro con l Archeologia, Art Decò Campobasso M. Bernardi, Un nucleo di invetriata dipinta da Terravecchia di Sepino (CB): la ceramica RMR, in Archeologia Medievale, XXIX, 2002, pp M. Bernardi, P. Comodi, P. F. Zanazzi, Ceramica a vetrina piombifera e smalto stannifero nei centri di Saepinum e Terravecchia (Campobasso): un confronto tra dati archeologici e archeometrici, in Atti del III Congresso Nazionale di Archeologia Medievale, Salerno 2-5 Ottobre 2003, Firenze 2003, pp M. Matteini Chiari, V Settimana della Cultura. La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, in Il Ponte, XV, Agosto 2003, pp M. Matteini Chiari, Saepinum tra evo antico e medioevo. Nuove preliminari acquisizioni dal cantiere di scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp

13 M. Bernardi, La protomaiolica da Saepinum (Altilia). Primi risultati, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tavv. f.t. IX-XI. A. Finetti, Alcune considerazioni sulla circolazione della moneta piccola in territorio molisano tra XIII e XIV secolo alla luce dei recenti rinvenimenti, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tav. f.t. XII. AA.VV., La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, Catalogo della Mostra, Altilia 2003 (a cura di M. Matteini Chiari), QuinTilia Edizioni Roma W. Santoro, Il monastero di S. Croce in territorio di Sepino. Indagine storico topografica, Palladino Editore Campobasso Valeria Scocca, Maurizio Matteini Chiari, Conferenza, Campagne di scavo San Pietro di Cantoni. Uomini e Dei, un patto nella terra di mezzo, Sepino 21 Agosto In corso di stampa: M. Matteini Chiari, Il santuario di San Pietro a Sepino, relazione presentata al Convegno Internazionale I Sanniti e Roma, Isernia 7-11 Novembre In preparazione: AA. VV., La Dea dei canneti fruscianti. Venti anni di scavo a San Pietro di Cantoni di Sepino, Catalogo della Mostra, Altilia-Sepino (a cura di M. Matteini Chiari - V. Scocca). F. Catalli, A. Finetti, M. Matteini Chiari, Le monete dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni, I. Didattica Lo scavo archeologico di San Pietro di Cantoni di Sepino (CB), eseguito su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è riconosciuto dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università degli Studi di Perugia come laboratorio didattico/tirocinio per gli studenti del Corso di Laurea Triennale e per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale. In tutti i casi consente l'acquisizione di n. 3 crediti CFU. La campagna di scavo 2014 di San Pietro di Cantoni si articolerà su 2 turni, che in parte si sovrapporranno, nel periodo 30 Giugno 19 Luglio. La fase di riapertura dello scavo e di preliminare organizzazione dei laboratori prenderà avvio alcuni giorni prima (27 Giugno) e vedrà impegnati esclusivamente responsabili di settore e operai. I turno: 30 Giugno 12 Luglio 2014 II turno: 7 Luglio 19 Luglio 2014 E' richiesta una presenza continuativa minima di 1 turno (= 2 settimane). Non sono consentiti, se non in casi eccezionali e con l'assenso del direttore scientifico dello scavo, arrivi posticipati o partenze anticipate (con obbligo di recupero). L'arrivo allo scavo è previsto la sera della Domenica precedente l'inizio del turno. Non prima delle ore per chi arriva in auto. Per chi arriva in treno la stazione d'arrivo è Boiano. Ideale da Roma è l'interregionale denominato "La freccia del Biferno" [sic], che ferma a Boiano alle ore 20.12;

14 ideale da Napoli è il Diretto che ferma a Boiano alle ore Si ricorda che per il giorno d arrivo non è prevista la cena comunitaria. Il vitto e l alloggio sono a carico dell organizzazione. I pasti serali, confezionati a rotazione dagli stessi partecipanti, saranno consumati nella sede AIG di Sepino. Il pasto di mezzogiorno sarà consumato direttamente sullo scavo. La partecipazione è aperta anche a studenti di altre Università, italiane e straniere. Per questi ultimi e per i non universitari che volessero prendere parte ad un turno di scavo è prevista una quota di iscrizione (165 Euro) che verrà corrisposta all arrivo ad Altilia. La partecipazione a più turni di scavo, se tecnicamente e logisticamente possibile, comporterà un integrazione (75 Euro a turno) alla quota di iscrizione, ugualmente da corrispondersi ad Altilia. Gli studenti dell Università di Perugia sono ugualmente tenuti a pagare una quota di iscrizione di 75 Euro a turno, da corrispondersi all arrivo ad Altilia. I partecipanti dovranno essere provvisti di sacco a pelo e/o coperte, lenzuola, federe e cuscino. L autonoma dotazione personale comprende abbigliamento estivo, ma anche capi pesanti, cappello e creme protettive. Per l'attività di campo si richiedono in particolare: certificato di vaccinazione antitetanica, scarpe antinfortunio, borraccia, guanti da lavoro, ginocchiere, marsupio o zainetto da campo, cancelleria e strumenti per il disegno (dotazione minima: biro, portamine + mine, gomma da matita, 1 doppio metro metallico, 1 squadra, 1 compasso). La copertura assicurativa è garantita dall Università degli Studi di Perugia per tutti i partecipanti. La giornata di lavoro (dal Lunedì al Venerdì) si articola, di massima, come segue: ore 8.00 : Trasferimento da Altilia a San Pietro di Cantoni, ore 8.15 : Inizio scavo, ore : Pranzo sullo scavo, ore : Ripresa scavo, ore : Termine scavo, selezione dei materiali sul campo, documentazione, riordino strumenti, ore : Trasferimento da San Pietro di Cantoni ad Altilia e deposito immediato dei materiali di scavo in magazzino, ore : Pausa, ore : Lavori di laboratorio (lavaggio cocci, inventariazione cartacea e informatizzata, applicazione numeri, ricerca attacchi, disegno dei materiali, sviluppo quote, disegno sezioni, digitalizzazione rilievi di campo, ecc.) o ripresa scavo o ripresa rilievi sul campo. Secondo necessità, ore : Riordino laboratorio. Cena. Sabato: ore : Scavo / Lavori di laboratorio, ore : Selezione dei materiali sul campo / Riordino laboratorio. Pranzo. Sabato pomeriggio e Domenica liberi. Per ulteriori informazioni e/o comunicazioni: - Prof. Maurizio Matteini Chiari, Dipartimento di Lettere-Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne, Università degli Studi, Via Aquilone PERUGIA. Anche Laboratorio di Urbanistica e Rilievo, Palazzo San Bernardo, Via degli Offici 14, tel. 075/ ; fax: 075/ ; o

15 - Dott.ssa Valeria Scocca, Le iscrizioni si ricevono, oltre che per mail e/o per fax, anche presso il Laboratorio di Urbanistica e Rilievo, Palazzo San Bernardo, Via degli Offici PERUGIA. Notizie utili L'area archeologica di San Pietro di Cantoni si colloca lungo il versante settentrionale del gruppo montano del Matese, ad una altitudine di 666 m. e ad una distanza di 5 km. da Altilia (Saepinum) e di 5 km da Sepino. E' raggiungibile attraverso le strade comunali rotabili di Cantoni-Magnaluno o di Colli ovvero attraverso il percorso pedonale Cantoni-San Pietro. Altilia (Saepinum) è, a sua volta, facilmente raggiungibile dall'autostrada Roma - Napoli, uscita San Vittore, percorrendo dapprima la S.S. 17 e quindi la S.S. 87, direzione Benevento, 6 km dopo lo svincolo per Campobasso, all'altezza del km. 112 (seguire segnaletica turistica: "Scavi di Altilia"). La stazione ferroviaria più vicina, escludendo quella di Sepino, ormai pressoché in disuso e comunque mal servita, è quella di Boiano, che dista 19 km da Sepino. Treni da Roma e da Napoli. Sepino è un Comune di 3000 abitanti tra i più importanti e attivi fra quelli del Molise centro meridionale, al confine con la Campania. Offre opportunità di soggiorno e di turismo soprattutto estivo contando su buone strutture agrituristiche e alberghiere e vantando una importante tradizione gastronomica. Ha un rilevantissimo patrimonio archeologico diffuso e risorse ambientali altrettanto rilevanti, poco conosciute e poco valorizzate. Vi si trova anche un rinomato complesso termale.

16 San Pietro di Cantoni di Sepino (Campobasso) XXIV Campagna di scavo (30 Giugno - 19 Luglio). I turno: 30 Giugno 12 Luglio 2014 II turno: 7 Luglio 19 Luglio 2014 Il/la sottoscritto/a, nato/a a, il residente a, in Via, n., CAP intende partecipare allo scavo, impegnandosi a rispettarne il regolamento, nel Turno Università di, Facoltà di Corso di Laurea in Anno di corso e numero di matricola Recapito di Perugia Telefono/Cellulare, Esperienze pregresse di scavo, di ricognizione, di rilievo Capacità specifiche acquisite (es.: disegno, rilievo, fotografia, gestione magazzino, gestione informatica dei dati e dei rilievi di scavo, ecc.) Copertura antitetanica [si ricorda che la vaccinazione è condizione indispensabile alla partecipazione (barrare la giusta indicazione)] Sì o No Condizioni fisiche generali Abitudini/allergie alimentari Disponibilità di auto (barrare la giusta indicazione) Sì o No Disponibilità di strumentazione (es.: macchina fotografica digitale; portatile, altro) specificare: Data Firma

17 San Pietro di Cantoni di Sepino XXIV campagna di scavo 30 Giugno - 19 Luglio 2014 Info & Contatti Prof. Maurizio Matteini Chiari: Dott. ssa Valeria Scocca:

18 Terravecchia di Sepino (Campobasso) III Campagna di scavo (4 Agosto - 23 Agosto). Località: Terravecchia di Sepino (Comune di Sepino, Provincia di Campobasso). Regime: Scavo in concessione all Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Scienze Storiche, Sezione di Scienze Storiche dell Antichità, Cattedra di Urbanistica del Mondo Classico. Anno d inizio dell attività di scavo: Responsabile scientifico: Prof. Maurizio Matteini Chiari. Direzione e responsabilità delle attività di campo e di magazzino: Dott.ssa Valeria Scocca. Coordinamento delle attività di rilievo: Michela D Alessandro. Coordinamento delle attività topografiche: Dott. Mauro Vassena. Collaboratori: Jacopo Bartolini, Dott. Vincenzo Amato, Dott. Fiorenzo Catalli, Prof.ssa Paola Comodi, Dott. Antonio Piccolo, Dott.ssa Maria Ilena Pizzuto. Referente Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise: Dott.ssa Valeria Ceglia. Restauri: PF Restauri di Fiorentina Cirelli, San Giuliano del Sannio. Campagna di scavo 2014: III Campagna. Periodo di svolgimento: 4 Agosto 23 Agosto 2014 Modulo di adesione: mo_ade_b.rtf. Turni studenti: Primo Turno: 4 Agosto - 16 Agosto 2014 Secondo Turno: 11 Agosto - 23 Agosto 2014 Tipo di ospitalità: vitto, alloggio. Struttura ricettiva: Il personale verrà alloggiato a Sepino nell edificio AIG messo a disposizione dal Comune di Sepino. Capacità ricettiva per turno: 25 persone. Descrizione del sito: L INSEDIAMENTO DI TERRAVECCHIA DI SEPINO (SEPINO, CAMPOBASSO) Terravecchia, in Comune di Sepino, a quota 953 m., è stata già in passato oggetto di indagini. Le prime rappresentazioni cartografiche del sito si devono ad agrimensori molisani del XVIII e XIX secolo e a Luigi Mucci. La prima documentazione fotografica edita si deve ad Amedeo Maiuri, che fornì della località anche una breve descrizione (Sepino. Iscrizioni e scoperte varie, in Notizie degli Scavi di Antichità, 1926, pp ).

19 La facile e trasparente identificazione (G. Masciotta, Il Molise dalle origini ai nostri giorni, II, Napoli 1915, p. 348) con la liviana Saepinum, al centro di importanti avvenimenti nel corso della terza guerra sannitica, hanno da sempre sollevato curiosità, suggerito e sollecitato interventi conoscitivi attraverso azioni di rilievo, di ricognizione e di scavo. Tuttavia le difficoltà insite nella materiale esecuzione degli interventi in precedenza richiamati, dovute all acclività dei versanti, all assenza di collegamenti praticabili, allo spontaneo rimboschimento, insomma alla marginalità del luogo (per quanto posto a dominio visivo di un orizzonte amplissimo, ancorché soprattutto monoversante, visto il netto rimontare delle quote delle propaggini più elevate del Matese alle spalle) non ne hanno a tutt oggi consentito una esplorazione estesa, articolata e sistematica. Al 1943 risale un primo tentativo di scavo ad opera della Soprintendenza alle Antichità degli Abruzzi. Ma è solo nel 1961 che, auspice Valerio Cianfarani, si dette vita ad una campagna organica e prolungata di intervento. Questa valse a rilevare ogni evidenza strutturale riscontrata all interno dell area racchiusa dalla cinta muraria e il tracciato della cinta stessa e a riportare in luce, per rarefatti saggi di scavo eseguiti in trincea, plessi, murature e materiali di età medioevale (G. Colonna, Saepinum. Ricerche di topografia sannitica e medioevale, in Archeologia Classica, XIV, 1962, pp , Tavv. LI-LXXIII), a testimonianza di una sorprendente e tangibile ripresa di vita del sito e della sua progressiva trasformazione in un articolato ed esteso insediamento. A distanza di 20 anni, fra 1980 e 1981, Umberto Scerrato e Giovanna Vassallo Ventrone posero rinnovata attenzione a Terravecchia riproponendo l esigenza di un intervento di scavo, finalizzato, questa volta programmaticamente, ad indagare la fase tarda di rioccupazione del sito. Nella circostanza si rimisero in luce ambiti privati di abitazioni ed una cospicua quantità di reperti di cultura materiale (U. Scerrato, Ricerche di archeologia medioevale a Terravecchia di Sepino (notizia preliminare), in Almanacco del Molise, 1981, pp ). Lo scavo del santuario italico di San Pietro di Cantoni di Sepino da parte dell Università degli Studi di Perugia propone ora in termini diversi e cogenti l esigenza di una ripresa d iniziativa nell area di Terravecchia. E ciò nonostante non siano mutate le difficili condizioni di percorribilità, di penetrazione, in una parola di agibilità dell area rispetto agli anni 60 e 80 del secolo passato. Anzi, l impressione è che queste ultime siano in qualche misura peggiorate per un generalizzato inselvatichirsi dell ambiente, per il netto rarefarsi delle frequentazioni e delle manutenzioni e per la contrazione evidente delle superfici messe a coltura, in quota e lungo versante. Oggi lo scavo di Terravecchia costituisce un opportunità ricercata e necessaria per integrare e per verificare molti dei dati che lo scavo di San Pietro di Cantoni ha offerto e ancora offre. E questo vale ovviamente tanto per l originaria fase santuariale quanto per la ripresa di vitalità dell area del santuario in età tardoantica/altomedievale. Nel primo caso la documentazione d età repubblicana medio bassa ad oggi esistente, restituita dagli scavi di Terravecchia di Giovanni Colonna e di Umberto Scerrato, si configura come una congerie frammentata e quantitativamente scarsa di materiali residui, incapaci di rappresentare con efficacia l originario ruolo del sito. Quale che sia, solo difensivo od anche insediativo, in forme più o meno stabili. Nel secondo caso l esistenza riscontrata archeologicamente di più complessi ecclesiali all interno dell area recinta dalle mura, e ribadita dalle carte d archivio che in qualche caso ne rivelano la stessa titolarità, costituisce un importante opportunità di raffronto e di verifica, per quanto forse cronologicamente, seppur di poco, sfalsata, con la situazione di San Pietro di Cantoni. Ma anche con la stessa situazione di Saepinum, dove invece risulta nello stesso torno di tempo attestata la chiesa dell Annunziata, nota attraverso documenti e ruderi e per la quale è previsto e programmato a breve un analogo intervento conoscitivo di scavo. Da ultimo, e più in generale, l intervento costituisce un ulteriore fondamentale occasione di approfondimento conoscitivo e documentario delle stesse dinamiche di sviluppo e di strutturazione dell intero cantone sepinate in età preromana, grazie non solo all incrocio possibile e testé richiamato con i dati di scavo di San Pietro di Cantoni, ma anche grazie all incrocio possibile con la stessa ampia documentazione restituita dagli scavi, risalenti agli anni 70 e 80 del secolo passato,

20 dell insediamento premunicipale di pianura. E delle stesse situazioni e dinamiche di rioccupazione del territorio cantonale esteso fra tarda antichità e Medioevo. Per gli esiti della seconda campagna di scavo 2013 di Terravecchia: sito Terravecchia di Sepino. Bibliografia relativa allo scavo: M. Bernardi, Un nucleo di invetriata dipinta da Terravecchia di Sepino (CB): la ceramica RMR, in Archeologia Medievale, XXIX, 2002, pp M. Bernardi, P. Comodi, P. F. Zanazzi, Ceramica a vetrina piombifera e smalto stannifero nei centri di Saepinum e Terravecchia (Campobasso): un confronto tra dati archeologici e archeometrici, in Atti del III Congresso Nazionale di Archeologia Medievale, Salerno 2-5 Ottobre 2003, Firenze 2003, pp M. Matteini Chiari, Saepinum tra evo antico e medioevo. Nuove preliminari acquisizioni dal cantiere di scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp M. Bernardi, La protomaiolica da Saepinum (Altilia). Primi risultati, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tavv. f.t. IX-XI. A. Finetti, Alcune considerazioni sulla circolazione della moneta piccola in territorio molisano tra XIII e XIV secolo alla luce dei recenti rinvenimenti, in Atti del Convegno Internazionale di Studi I Beni Culturali del Molise. Il Medioevo, Campobasso Novembre 1999, Campobasso 2004, pp e tav. f.t. XII. AA.VV., La Dea, il Santo, una Terra. Materiali dallo scavo di San Pietro di Cantoni di Sepino, Catalogo della Mostra, Altilia 2003 (a cura di M. Matteini Chiari), QuinTilia Edizioni Roma Valeria Scocca, Maurizio Matteini Chiari, Conferenza, Campagne di scavo Terravecchia. Uomini soli, ritagliati nel cielo, intagliati nella roccia, Sepino 21 Agosto M. Ballarin, V. Buttolo, C. Gottardi, V. Scocca, Il rilievo del sito di Terravecchia di Sepino: integrazione laser scanner e fotogrammetria da drone, Poster, in Convegno UAV/RPAS in Italia. Piattaforme, regolamenti, applicazioni, problematiche, Modena Febbraio In preparazione: AA.VV., La Dea dei canneti fruscianti. Venti anni di scavo a San Pietro di Cantoni di Sepino, Catalogo della Mostra, Altilia Sepino, 2013 (a cura di M. Matteini Chiari - V. Scocca). Didattica Lo scavo archeologico di Terravecchia di Sepino (CB), eseguito su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è riconosciuto dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università degli Studi di Perugia come laboratorio didattico/tirocinio per gli studenti del Corso di Laurea Triennale e per gli studenti del Corso di Laurea Magistrale. In tutti i casi consente l'acquisizione di n. 3 crediti

21 CFU. La campagna di scavo 2014 di Terravecchia di Sepino (CB) si articolerà su 2 turni, che in parte si sovrapporranno, nel periodo 4 Agosto - 23 Agosto. La fase di riapertura dello scavo e di preliminare organizzazione dei laboratori prenderà avvio alcuni giorni prima e vedrà impegnati esclusivamente responsabili di settore e operai. I turno: 4 Agosto 16 Agosto 2014 II turno: 11 Agosto 23 agosto 2014 E' richiesta una presenza continuativa minima di 1 turno (= 2 settimane). Non sono consentiti, se non in casi eccezionali e con l'assenso del direttore scientifico dello scavo, arrivi posticipati o partenze anticipate (con obbligo di recupero). L'arrivo allo scavo è previsto la sera della Domenica precedente l'inizio del turno. Non prima delle ore per chi arriva in auto. Per chi arriva in treno la stazione d'arrivo è Boiano. Ideale da Roma è l'interregionale denominato "La freccia del Biferno" [sic], che ferma a Boiano alle ore 20.12; ideale da Napoli è il Diretto che ferma a Boiano alle ore Si ricorda che per il giorno d arrivo non è prevista la cena comunitaria. Il vitto e l alloggio sono a carico dell organizzazione. I pasti serali, confezionati a rotazione dagli stessi partecipanti, saranno consumati nella sede AIG di Sepino. Il pasto di mezzogiorno sarà consumato direttamente sullo scavo. La partecipazione è aperta anche a studenti di altre Università, italiane e straniere. Per questi ultimi e per i non universitari che volessero prendere parte ad un turno di scavo è prevista una quota di iscrizione (165 Euro) che verrà corrisposta all arrivo ad Altilia. La partecipazione a più turni di scavo, se tecnicamente e logisticamente possibile, comporterà un integrazione (75 Euro a turno) alla quota di iscrizione, ugualmente da corrispondersi ad Altilia. Gli studenti dell Università di Perugia sono ugualmente tenuti a pagare una quota di iscrizione di 75 Euro a turno, da corrispondersi all arrivo ad Altilia. I partecipanti dovranno essere provvisti di sacco a pelo e/o coperte, lenzuola e federe. L autonoma dotazione personale comprende abbigliamento estivo, ma anche capi pesanti, cappello e creme protettive. Per l'attività di campo si richiedono in particolare: certificato di vaccinazione antitetanica, scarpe antinfortunio, borraccia, guanti da lavoro, ginocchiere, marsupio o zainetto da campo, cancelleria e strumenti per il disegno (dotazione minima: biro, portamine + mine, gomma da matita, 1 doppio metro metallico, 1 squadra, 1 compasso). La copertura assicurativa è garantita dall Università degli Studi di Perugia per tutti i partecipanti. La giornata di lavoro (dal Lunedì al Venerdì) si articola, di massima, come segue: ore 8.00 : Trasferimento da Altilia a Terravecchia, ore 8.45 : Inizio scavo, ore : Pranzo sullo scavo, ore : Ripresa scavo, ore : Termine scavo e selezione dei materiali sul campo, documentazione, riordino strumenti, ore : Trasferimento da Terravecchia ad Altilia e deposito dei materiali di scavo in magazzino. Cena. Sabato: ore : Lavori di laboratorio (lavaggio cocci, inventariazione cartacea e informatizzata, applicazione numeri, ricerca attacchi, disegno dei materiali, sviluppo quote, disegno sezioni,

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D Università IUAV di Venezia Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione Sistema dei Laboratori Laboratorio di Fotogrammetria Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Lettere-Lingue,

Dettagli

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D Sepino, 20 Luglio - 30 Luglio 2014

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D Sepino, 20 Luglio - 30 Luglio 2014 Sepino, 20 Luglio - 30 Luglio 2014 Università IUAV di Venezia Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione Sistema dei Laboratori Laboratorio di Fotogrammetria Università degli Studi di Perugia

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI N. 5 BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Salerno e Avellino Via Trotula de Ruggiero, 6/7-84121 Salerno tel. +39 089 5647201/2/3 - fax +39 089

Dettagli

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L.

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L. AGOSTINA AUDINO Formazione 2001 Conseguimento della Laurea in Lettere Classiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Bologna, relatore Prof. M. Tosi, cattedra di Paletnologia.

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI (E PER

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO. Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO. Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo CURRICULUM VITAE ELABORATO SULLA BASE DEL F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome LA SERRA CRISTIANA Indirizzo VIA PIO XII, N.10, 89900, VIBO VALENTIA, ITALIA Telefono/Cellulare 0963-42571 3206977685

Dettagli

Modulo 1 - Richiesta

Modulo 1 - Richiesta Modulo 1 - Richiesta Alla Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Oggetto: Richiesta di iscrizione all elenco di (Società / Cooperative / Studi di professionisti / Collaboratori

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI N. 5 BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

MOLISE TRATTURI, CARRESI E ANGELI VOLANTI

MOLISE TRATTURI, CARRESI E ANGELI VOLANTI MOLISE TRATTURI, CARRESI E ANGELI VOLANTI dal 24 maggio al 29 maggio 2016 PROGRAMMA 1 GIORNO - MARTEDÌ 24 MAGGIO 2016 Museo delle Peonie (Vitorchiano) oppure Certosa di Trisulti (Collepardo) - Campobasso

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDI IN ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO ANTICO DIPARTIMENTO DI STORIA CULTURE CIVILTÀ AULA PRODI 7 OTTOBRE 2014, ORE 9.45 IL CORSO DI STUDI http://corsi.unibo.it/magistrale/archeol

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERRACCIANO, FRANCESCO Indirizzo 91, via S. Maria Maggiore, 67030, Pacentro, Italia Telefono 0864/41353 cellulare 3406346337 Fax E-mail

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura ALTO MOLISE Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura Il Molise, piccola e suggestiva regione dell'italia meridionale, è costituito in prevalenza da rilievi montagnosi e collinari e da 35

Dettagli

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Il Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi presenterà venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Dettagli

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum.

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. 22 agosto 2009 Mirabella Eclano La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. La visita propone l incontro con la storia avvicinandosi al quotidiano, scoprendo come si viveva. Il percorso muove dalla visita

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Categorie: Requisiti:

Categorie: Requisiti: Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Avviso pubblico per la selezione di soggetti e professionisti da inserire negli elenchi delle Società / Cooperative / Studi di professionisti,

Dettagli

L Università dei monti

L Università dei monti Centro Cultura del Paesaggio Torre del Cornone Fontecchio (AQ) L Università dei monti Scuola estiva di paesaggio e sviluppo rurale sostenibile Landscape and sustainable rural development Summer School

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

Funzionario amministrativo. Direttore dell Archivio di Stato di Verona. as-vr@beniculturali.it roberto.mazzei@beniculturali.it

Funzionario amministrativo. Direttore dell Archivio di Stato di Verona. as-vr@beniculturali.it roberto.mazzei@beniculturali.it C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO MAZZEI Data di nascita 4 maggio 1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio Fax dell ufficio E mail istituzionale

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso.

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso. U.S.R. DECRETO N. 4009 lo Statuto di Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.); il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; il Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei Corsi

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

Comune di ORTEZZANO. Provincia di Fermo. Provincia di Fermo Assessorato alla Cultura. CERTAMEN LATINUM XIII Edizione 2014

Comune di ORTEZZANO. Provincia di Fermo. Provincia di Fermo Assessorato alla Cultura. CERTAMEN LATINUM XIII Edizione 2014 Comune di ORTEZZANO Provincia di Fermo Regione Marche Presidenza della Giunta Assessorato alla Cultura Provincia di Fermo Assessorato alla Cultura AssociazioneItaliana di Cultura Classica Universita deli

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI QUESTIONARIO Nell'ambito del Dottorato in Scienze e Tecnologie per l'archeologia e i Beni Culturali dell Università

Dettagli

Corso di Introduzione alla Lichenologia Bando

Corso di Introduzione alla Lichenologia Bando Corso di Introduzione alla Lichenologia Bando Presentazione Il Corso, promosso da - Ente gestore delle Riserve naturali regionali del Lago di Tarsia e della Foce del Crati in collaborazione con la Società

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia Organizzato dal Moto Club Jarno Saarinen di Petrignano d Assisi Perugia (Italia) In occasione di questo grande appuntamento di Amicizia Internazionale,

Dettagli

Aperti per voi e gli studenti dell Istituto Floriani di Vimercate. Report

Aperti per voi e gli studenti dell Istituto Floriani di Vimercate. Report Aperti per voi e gli studenti dell Istituto Floriani di Vimercate Report Marzo 2010 PREMESSA Nel corso delle prime settimane del 2010 si è svolta una prima esperienza pilota di inserimento temporaneo di

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO Verso la Biblioteca digitale del patrimonio culturale molisano SETTORE e Area di Intervento: Settore: Patrimonio artistico e culturale Area

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

ITINERARIO A Dal Trecento al Cinquecento

ITINERARIO A Dal Trecento al Cinquecento IL PROGETTO L Amministrazione comunale di Lovere ha tra i suoi obiettivi la promozione turistica della cittadina, con particolare attenzione al turismo scolastico: Lovere, infatti, offre bellezze artistiche

Dettagli

Bando di ammissione al. Viaggio Studio a Bruxelles 15-21 Novembre 2014

Bando di ammissione al. Viaggio Studio a Bruxelles 15-21 Novembre 2014 Bando di ammissione al Viaggio Studio a Bruxelles 15-21 Novembre 2014 Sono aperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione al Viaggio Studio a Bruxelles 15-21 Novembre 2014. Il programma

Dettagli

International youth ROCK CLIMBING camp

International youth ROCK CLIMBING camp GYS 2016 International youth ROCK CLIMBING camp 25 /30 giugno 2016 Arco - Trento - Italia Vieni ad arrampicare sulle stupende falesie di Arco, in un clima di amicizia e divertimento. Ogni giorno nuove

Dettagli

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12

Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Prot.n.142/12-na Circ.n.35/12 Roma, 12 settembre 2012 Ai Presidenti provinciali Ai Presidenti regionali Ai Consiglieri nazionali Ai Referenti regionali per il settore pedagogico Alle Segreterie provinciali

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Facoltà di Musicologia

Facoltà di Musicologia Facoltà di Musicologia La nuova riforma universitaria Con l'anno accademico 2009-2010 l Università di Pavia attua il regolamento in materia di autonomia didattica degli atenei stabilito dal decreto n.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2812 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FRANCO Vittoria, MODICA, ACCIARINI, TESSITORE, BRUNALE, TONINI e PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 MARZO

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Studiare italiano a Palermo Progetto Marco Polo

Studiare italiano a Palermo Progetto Marco Polo Studiare italiano a Palermo Progetto Marco Polo Scuola di Lingua italiana per Stranieri Università degli Studi di Palermo Indice Informazioni generali Corsi, docenti, tutor e metodo Servizi, accoglienza,

Dettagli

Si comunica che l esame del giorno 06 maggio 2011 previsto alle ore

Si comunica che l esame del giorno 06 maggio 2011 previsto alle ore 04/05/2011 CATTEDRA DI DIRITTO INTERNAZIONALE Prof.ssa Maria Rosaria Mauro Si comunica che l esame del giorno 06 maggio 2011 previsto alle ore 10,00 avrà luogo alle ore 12,30. 04/05/2011 CATTEDRA DI ISTITUZIONI

Dettagli

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 )

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) Collaboratori: Ing. Marco Giorgio Bevilacqua - Arch. Massimo Bertellotti Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Speciale Gruppi 2 0 1 5

Speciale Gruppi 2 0 1 5 La Nostra Toscana Chianti Valdarno Casentino Firenze Speciale Gruppi 2 0 1 5 In collaborazione con Informazioni e prenotazioni Mazzanti Viaggi - La Montagna Fiorentina Srl Via Kennedy, 5 50066 Reggello

Dettagli

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI:

GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: Il Progetto GENOVA AL TEMPO DEGLI EMBRIACI: UNA CAPITALE DEL MEDITERRANEO Mostre, convegno, percorsi e manifestazioni Museo di Sant Agostino Ottobre 2015 Lo Scenario Genova medievale e il suo ruolo nel

Dettagli

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPLOMA UNIVERSITARIO A DISTANZA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI Consorzio Nettuno - NAPOLI a.a. 1999-2000 RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI prof.

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI E ARCHITETTONICI

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI E ARCHITETTONICI COMUNE DI CIVITACAMPOMARANO COMUNE DI RIPABOTTONI Dipartimento di restauro e Conservazione dei Beni architettonici Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare

Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare Il Palazzo Ducale di Modena e il castello di Spezzano o quello di Formigine; il Duomo e il sito Unesco di piazza Grande e il lambrusco; il Museo

Dettagli

Ai soci in indirizzo, Ravenna, 10 febbraio 2015

Ai soci in indirizzo, Ravenna, 10 febbraio 2015 Comune di Ravenna Ai soci in indirizzo, Ravenna, 10 febbraio 2015 Il Comune di Ravenna e l Associazione Internazionale Mosaicisti Contemporanei propongono la quarta edizione del Primo Festival Internazionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca Servizio Assistenza Disabili

Università degli Studi di Milano-Bicocca Servizio Assistenza Disabili SCHEDA DI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PRESSO L UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Ente PARTE I 1. Ente proponente il progetto: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse

TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse TRAIL TOUR DELLA VALLELONGA Pacchetto B&B dal 24 al 26 Luglio Soggiorno 2 notti Visite Guidate incluse Ore 14:00 Assegnazione alloggi PROGRAMMA Dalle ore 8:00 alle ore 9:00 Accoglienza e consegna pettorali

Dettagli

Candidato_ dott. VENDITTELLI Emilio

Candidato_ dott. VENDITTELLI Emilio Candidato_ dott. VENDITTELLI Emilio DATI GENERALI Luogo e data di nascita:campobasso, 05.09.1961 Laurea: architettura *** Sono presi in considerazione tutti i titoli e tutte le pubblicazioni presentate

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) Entro il 15 gennaio 2016 gli istituti culturali in possesso dei

Dettagli

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del La prima fase dell attività topografica e di rilevamento si é svolta nel periodo che va dal 25 Settembre al 25 Ottobre 2006 ed é stata realizzata da Angela Bizzarro e Alessandro Tilia. L immagine rappresenta

Dettagli

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A Passeggiando per Bagnara Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A A.S. 2014-2015 Presentazione Gli alunni della Classe III - A della S.S. di I grado San Francesco di Bagnara

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI SECONDA EDIZIONE LA CARTA DEI SERVIZI E l impegno scritto che prendiamo con i nostri utenti e riguarda i servizi ed i progetti di miglioramento L

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

Sapori e Profumi della Campania

Sapori e Profumi della Campania Sapori e Profumi della Campania UN ITINERARIO TURISTICO DI 5 GIORNI: 16-20 SETTEMBRE Sapori e Profumi della Campania Sarete accompagnati alla scoperta del gusto, dei colori e degli odori della gastronomia

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITA SERVIZI

CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITA SERVIZI CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITA SERVIZI La Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni che erogano

Dettagli

2 CAMPO SCUOLA DI ARCHEOLOGIA PIETRA CADUTA ANNO 2015 CANOSA DI PUGLIA (BT)

2 CAMPO SCUOLA DI ARCHEOLOGIA PIETRA CADUTA ANNO 2015 CANOSA DI PUGLIA (BT) 2 CAMPO SCUOLA DI ARCHEOLOGIA PIETRA CADUTA ANNO 2015 CANOSA DI PUGLIA (BT) ORGANIZZAZIONE: - SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELLA PUGLIA Direttore degli scavi: dott.ssa Marisa Corrente - FONDAZIONE ARCHEOLOGICA

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n.

Dettagli

Dal 2 luglio 2004 l'unesco ha dichiarato questo territorio nei dintorni di Siena Patrimonio mondiale dell'umanità: questo riconoscimento si è andato

Dal 2 luglio 2004 l'unesco ha dichiarato questo territorio nei dintorni di Siena Patrimonio mondiale dell'umanità: questo riconoscimento si è andato Visiteremo ed esploreremo una delle zone più interessanti, famose ed affascinati per la fotografia di paesaggio in toscana. Ci dedicheremo alla fotografia di paesaggio nella zona della Val d Orcia La Val

Dettagli

Concorso per l ammissione al CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Conservazione e Valorizzazione dei beni culturali ebraici epigrafici, archivistici e librari

Concorso per l ammissione al CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Conservazione e Valorizzazione dei beni culturali ebraici epigrafici, archivistici e librari Concorso per l ammissione al CORSO DI ALTA FORMAZIONE Conservazione e Valorizzazione dei beni culturali ebraici epigrafici, archivistici e librari sede di Ravenna codice: Bando A.A. 2005/06 1 Art. 1 Indicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni/cittadinanza I ROMANI Mappa concettuale del percorso sviluppato. PowerPoint Verona romana. Cartellone Il Vangelo secondo Giotto Competenze chiave

Dettagli

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte All. A Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte CLASSE L 1 BENI CULTURALI Corso di laurea triennale in: Conservazione

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Villa Guicciardini. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 - Sommario Mappa dell area

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura 1 Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali A cura di Maria Grazia Pastura Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali:

Dettagli