Il conto giudiziale. Elementi di sintesi per il Piano di formazione USMAF 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il conto giudiziale. Elementi di sintesi per il Piano di formazione USMAF 2012"

Transcript

1 Il conto giudiziale Elementi di sintesi per il Piano di formazione USMAF 2012

2 Il principio della rendicontazione contabile - Nella storia, chi amministra denaro pubblico è soggetto a rendicontare. I richiami dell attualità

3 Iconografia

4 e e motti «JE VEUX QUE PAR UNE SURVEILLANCE ACTIVE, L INFIDÉLITÉ SOIT RÉPRIMR PRIMÉE E ET L EMPLOI LÉGAL L DE FONDS PUBLICS GARANTIS»

5 Le fonti Dalla legge Cavour piemontese n del 1853 alle leggi De Stefani (il decreto legislativo 18 novembre 1923, n. 2440, la cosiddetta legge di contabilità,, e il regolamento approvato con regio decreto 23 maggio 1924, n. 827) L articolo 74 della LCS e gli articoli 178, 610/629 del RCS

6 L articolazione del principio (1) Gli obblighi dell agente sono dipendenti dalla intensità del rapporto con i beni dell amministrazione: - se ne dispone l impiego, l è tenuto alla rendicontazione amministrativa; - se ne ha il maneggio,, cioè la materiale disponibilità, è tenuto alla rendicontazione giudiziale

7 L articolazione del principio (2) Scopo del rendiconto amministrativo è dimostrare le operazioni compiute per l esercizio del controllo Scopo del conto giudiziale è accertare giudiziariamente la rispondenza del maneggio del denaro alle scritture e la corrispondenza a queste ultime dei carichi e dei discarichi

8 Tipologie dei rendiconti degli agenti della riscossione dei funzionari delegati delle tesorerie dei consegnatari di materiali

9 In particolare: il rendiconto dei funzionari delegati Si tratta di rendiconti amministrativi di funzionari che effettuano pagamenti o emettendo ordinativi di Tesoreria e prelevando somme mediante buoni a loro favore. SONO SOGGETTI A CONTROLLO

10 In particolare: il conto amministrativo dei consegnatari di beni e materiali Evidenziano la situazione di contabilità del materiale di cui rispondono, secondo quantità,, destinazione, classificazioni inventariali, con notazione a a debito degli oggetti introdotti e a a credito di quelli estratti, con le relative variazioni e trasformazioni

11 I conti giudiziali L articolo 178 del RCS definisce gli agenti contabili Le categorie: - della riscossione - tesorieri e pagatori - consegnatari Gli agenti contabili di fatto

12 Natura Si tratta del documento contabile che l agente, con riferimento al periodo nel quale ha esercitata la funzione, sottopone alla Corte dei conti direttamente o tramite la propria Amministrazione instaurando così il giudizio

13 L omissione Nelle ipotesi di mancata resa l Amministrazione provvede alla compilazione d ufficio, d invitando il contabile alla sottoscrizione I conti possono essere rettificati (mediante deconti) ) per accertate deficienze da parte del contabile, ovvero integrati mediante conti complementari,, compilati dallo stesso contabile o dall Amministrazione

14 Il contenuto (in generale) Il conto giudiziale deve comprendere: carico scarico resti da esigere introito esito rimanenza

15 In particolare: il conto del consegnatario di materie Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato, emanato con D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254

16 L articolo 32, comma secondo RCS Non devono rendere conto giudiziale coloro che hanno in consegna mobili di ufficio per solo debito di vigilanza, o presso i quali si trovino stampe, registri o altri oggetti di cui debba farsi uso per il servizio dell ufficio cui il consegnatario è addetto

17 I chiarimenti della dottrina - 1 Nel concetto di "materie" per le quali scatta l'obbligo di resa del conto giudiziale tutti i beni e i valori in ogni modo inclusi nella parte attiva del conto del patrimonio (crediti, partecipazioni, azioni, beni mobili); sono espressamente esclusi solo i beni immobili e quelli considerati immobili agli effetti inventariali (musei, pinacoteche, ecc).i soggetti tenuti alla resa del conto giudiziale sono quelli più precisamente indicati nell'art.624 del r.d. n.827 del 1924, e cioè i contabili, i consegnatari, i magazzinieri e gli altri funzionari che maneggiano o hanno in consegna, non per solo debito di vigilanza, materie, libri, bollettari o altre cose di pertinenza pubblica. Tale espressione è resa ancora più ampia dall'art.74 del r.d. n.2440 del 1923, che prevede la sottoposizione all'obbligo della resa del conto giudiziale da parte di tutti coloro che hanno debiti di materie. Sono esclusi dall'obbligo di rendere il conto giudiziale coloro che hanno in consegna beni mobili d ufficio per solo debito di vigilanza o presso la quale si trovino stampe, registri o altri oggetti dei quali debba farsi uso per ufficio (art.32 del r.d. n.827 del 1924). L'obbligo di rendere il conto giudiziale riguarda quindi: i beni di consumo, le attrezzature e gli arredi esistenti nei magazzini non ancora dati in uso e quelli in ogni modo rimasti in carico al consegnatario, i crediti, le partecipazioni, le azioni societarie, i libri, il materiale vario, bollettari o altre cose di proprietà pubblica

18 I chiarimenti della dottrina - 2 La rappresentatività del conto del consegnatario prende perciò le mosse dallo stato dell inventario; indica per ogni bene, o categorie di beni, la quantità ed il valore all inizio dell anno; aggiunge il carico dei beni nuovi iscritti nell anno nell inventario; sottrae i beni già dati in uso ai vari uffici con regolare annotazione sugli inventari e, quelli distrutti o dichiarati fuori uso per differenza, indica i beni (quantità e valore) acquistati e non ancora assegnati agli uffici per l uso. In tal modo, con il conto del consegnatario, si evidenziano le giacenze di magazzino, inventariate, ma non ancora assegnate agli uffici per l uso ed in quanto tali rimaste sul suo carico di consegnatario

19 Il contenuto del conto Riepilogando Il conto del consegnatario di materiale conterrà: - il debito per le materie e gli oggetti esistenti al principio dell esercizio esercizio o della gestione - gli oggetti e le materie avuti in consegna nel corso dell esercizio esercizio o della gestione - il credito per gli oggetti e le materie distribuite, somministrate o comunque estinte - le materie e gli oggetti rimasti esistenti al termine dell esercizio esercizio o della gestione

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.165 in data 20.12.2005 in vigore dal 02.02.2006 CAPO I Finalità e contenuto - Articolo 1 Quadro normativo

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.278 del 23 settembre 1996 esecutiva ai sensi di legge e modificato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DEI CONTI GIUDIZIALI

ISTRUZIONE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DEI CONTI GIUDIZIALI ISTRUZIONE OPERATIVE PER LA COMPILAZIONE DEI CONTI GIUDIZIALI Nel seguente documento vengono riportate le istruzioni dettagliate per la compilazione di ciascun modello, relativo ai Conti giudiziali, da

Dettagli

OGGETTO: richiesta di parere su "Disciplinadei conti giudiziali degli agenti contabili delle Cameredi Commercio". Nell'adunanza del 12 settembre 2014

OGGETTO: richiesta di parere su Disciplinadei conti giudiziali degli agenti contabili delle Cameredi Commercio. Nell'adunanza del 12 settembre 2014 A SEZIONI RIUNITE Nell'adunanza del 12 settembre 2014 OGGETTO: richiesta di parere su "Disciplinadei conti giudiziali degli agenti contabili delle Cameredi Commercio". Vista la nota n. 0013135 del 27 maggio

Dettagli

NEL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI

NEL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI AGENTI CONTABILI E CONTO GIUDIZIALE NEL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI (Appunti per l approfondimento della materia da un punto di vista teorico-pratico) del dott. Lodovico Principato Presidente della Sezione

Dettagli

1. I soggetti obbligati alla resa del conto giudiziale

1. I soggetti obbligati alla resa del conto giudiziale 1 La struttura e il contenuto del conto giudiziale per le varie categorie di agenti contabili, con particolare riguardo agli agenti della riscossione delle entrate 1. I soggetti obbligati alla resa del

Dettagli

Regolamento del servizio di Economato

Regolamento del servizio di Economato Regolamento del servizio di Economato Comune di Follonica Pag. 1 INDICE Comune di Follonica Pag. 2 Art. 1 - Istituzione del servizio di economato 4 Art. 2 - Cauzione 4 Art. 3 - Indennità rischio di cassa

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

ART. 99 Controllo di regolarità contabile. PARTE V CONTROLLI INTERNI

ART. 99 Controllo di regolarità contabile. PARTE V CONTROLLI INTERNI dei servizi, il materiale fotografico e, in genere, tutto il materiale monouso dei reparti; b) i beni facilmente deteriorabili o logorabili o particolarmente fragili, quali lampadine, materiali vetrosi,

Dettagli

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA

Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE CAPO I - OGGETTO E FINALITA' Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Qualifica e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO . COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 17/2010/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Silvio AULISI Presidente - Cons. Paolo SCARAMUCCI Componente - Cons. Paolo PELUFFO Componente - Cons.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA DELLA FARMACIA COMUNALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 273 del 17 dicembre 2008 1 INDICE Titolo I Oggetto

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato, emanato con D.P.R. 4 settembre 2002, n.

Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato, emanato con D.P.R. 4 settembre 2002, n. Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato, emanato con D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizioni Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Regolamento concernente le istruzioni generali

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI

LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI COMUNE DI AVELLINO LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI I N D IC E Art.1 - Attribuzione delle funzioni... 3 Art.2 - Incassi e versamenti effettuati direttamente dall'agente

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. del. Disposizioni per la gestione dell inventario del Comune di Castenaso

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1).

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Nuove agevolazioni per la riscossione dei titoli di spesa dello Stato (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 marzo 1962, n.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 2 del 10/02/1954 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. del.. 1 INDICE CAPO 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art.

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art. SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende n 1 - tel. 011 8211152 10036 SETTIMO TORINESE REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio

Dettagli

Corte dei Conti. SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010

Corte dei Conti. SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010 N. 2 /2010/CONS Corte dei Conti SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010 Vista la nota n. 37901 del 21 marzo 2008 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello StatoIspettorato Generale di Finanza

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI Federico Flora 33170 Pordenone - Via Colvera Tel. 0434.362844-0434.362845 Fax: 0434.362169 www.professionaleflorapn.it e-mail:

Dettagli

Web Developer Nino Caridi REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA

Web Developer Nino Caridi REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA Web Developer Nino Caridi REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA DD.RR. nn. 187/2004, 565/2004, 383/2005, 398/2006, 259/2009, 179/2011 ART. 1 - Finalità - TITOLO I NORME

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA Fire nze 3 1-10-2012 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE INDICE ART. 1- OGGETTO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI

ART. 1 OGGETTO SEZIONE I BENI MOBILI ART. 2 BENI MOBILI ART. 3 CLASSIFICAZIONE DEI BENI MOBILI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELL AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL UMBRIA (ADISU) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

CITTÀ DI ISCHIA. Provincia di Napoli. Seduta del 23/05/2007 N. 141 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

CITTÀ DI ISCHIA. Provincia di Napoli. Seduta del 23/05/2007 N. 141 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO CITTÀ DI ISCHIA Provincia di Napoli ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI COMMISSARIO STRAORDINARIO Seduta del 23/05/2007 N. 141 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO IL COMMISSARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 38/04.03.2010 Modificato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 58/10.06.2011

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento associativo IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEI COMITATI REGIONALI INDICE art. 1 Responsabilita Amministrativa 4 art. 2 Gestione Fondi.. 4 art. 3 Registri e

Dettagli

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Si ricorda che entro il 31.12.2014 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008)

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008) Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008) Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure di registrazione inventariale e contabile delle attività

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Ai Sigg. Provveditori Regionali Dell Amministrazione penitenziaria.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Ai Sigg. Provveditori Regionali Dell Amministrazione penitenziaria. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Prot. n. 676642/B1 Roma, 12/02/2000 LETTERA CIRCOLARE Ai Sigg. Provveditori Regionali Dell Amministrazione penitenziaria. Ai Sigg.

Dettagli

Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità

Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità Università di Sassari - Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità Regolamento Amministrazione, Finanza e Contabilità D.R. n 1232 del 6 maggio 2014 1 TITOLO I Norme Generali CAPO I Principi e finalità

Dettagli

II - RENDICONTI PATRIMONIALI DELLE AZIENDE AUTONOME

II - RENDICONTI PATRIMONIALI DELLE AZIENDE AUTONOME II - RENDICONTI PATRIMONIALI DELLE AZIENDE AUTONOME RENDICONTO PATRIMONIALE DELL'AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO per l'esercizio finanziario 2012 RENDICONTO PATRIMONIALE DELL'AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DECRETO n. 664 del 22/12/2014

DECRETO n. 664 del 22/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI CIRCOLARE N. _9_ MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza Ufficio XIV Prot. n. 0017747 (Rif. prot. entrata n. ) Roma, 18

Dettagli

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO approvato con deliberazione di n. 67 in data 23/05/2013 1 I N D I C E Capo 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo

Dettagli

NORME DI TENUTA DELLE SCRITTURE CONTABILI DEGLI SPACCI...4

NORME DI TENUTA DELLE SCRITTURE CONTABILI DEGLI SPACCI...4 Manuale del Gestore Spaccio Ente di Assistenza personale Amministrazione Norme di tenuta delle scritture contabili e istruzioni operative del programma informatico di contabilità in uso alle Gestioni Spaccio

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SETTIMA SEDE FARMACEUTICA Comune di Mascalucia

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SETTIMA SEDE FARMACEUTICA Comune di Mascalucia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SETTIMA SEDE FARMACEUTICA Comune di Mascalucia Art. 1 Natura e oggetto Il presente regolamento disciplina e regola il funzionamento amministrativo, contabile e tecnico sanitario

Dettagli

NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996. Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014

NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996. Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014 NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996 Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014 Note introduttive pag. 2 Prospetto di sintesi adempimento pag. 3 Specifiche di compilazione

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo Regolamento del Servizio di Provveditorato ed Economato Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 149 del 30/11/2010 Titolo I - Disposizioni generali e attribuzioni

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI E PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI E PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI SETTORE FINANZIARIO REGOLAMENTO DEGLI AGENTI CONTABILI E PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 46 del 29-12-2014

Dettagli

Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA. In questa Circolare

Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA In questa Circolare 1. I termini per la stampa dei libri contabili 2. Come compilare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012 REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012 IN VIGORE DAL 20.12.2012 INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto del Regolamento Art. 2 - Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE della Camera di Commercio di Livorno Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 17 del 7 marzo 2014 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2

Dettagli

Regolamento Comunale per l Economato, Riscuotitori Speciali e Spese Minute

Regolamento Comunale per l Economato, Riscuotitori Speciali e Spese Minute Regolamento Comunale per l Economato, Riscuotitori Speciali e Spese Minute Sommario Art. 1 - Oggetto e scopo del Regolamento CAPO 1 - LE SPESE MINUTE Art. 2 - Disciplina e competenze Art. 3 - Programmazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento per il patrimonio INDICE Articolo 1 I beni Articolo 2 Scritture patrimoniali Articolo 3 Inventario dei beni immobili Articolo 4 Consegnatari dei beni immobili Articolo 5 - Classificazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina la gestione amministrativa, contabile e finanziaria dell Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 10792 del 8.1.2007. Ultime modifiche apportate con D.R. n. 14650 del 15.05.2009. Entrato in vigore il 30.05.2009 1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE Art. 1 Il servizio di economato di questo comune, istituito dall art. 83 del Regolamento Comunale di Contabilità, è in accordo con la normativa vigente

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI

Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI Comune di Burolo Provincia di Torino CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE CERTE, LIQUIDE ED ESIGIBILI IN SOFFERENZA ART. 1 OGGETTO DELLA

Dettagli

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE di FICARRA Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ART.1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. In applicazione del disposto del comma 7 dell art.3 del D.Lgs. 25 febbraio 1995,

Dettagli

Area rimanenze gestione procedura

Area rimanenze gestione procedura AREA RIMANENZE Gestione procedura Allegato 1 al D.A. n.1 del 9.01.2014 Area rimanenze gestione procedura Il presente documento ha lo scopo di descrivere la procedura di gestione del Ciclo Magazzino valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA CON ALLEGATO SCHEMA DEI CONTI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA, IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO DI CONTABILITA CON ALLEGATO SCHEMA DEI CONTI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA, IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO DI CONTABILITA CON ALLEGATO SCHEMA DEI CONTI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA, IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Regolamento di contabilità approvato con deliberazione 31 gennaio 2013, 27/2013/A

Dettagli

Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11

Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11 C/I/22 DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL'AMMINISTRAZIONE Ufficio VIII Roma, 12 giugno 1985 Circolare n. 11 OGGETTO Legge 6 febbraio 1985, n. 15 - Conti Correnti Valuta Tesoro Conti giudiziali Si

Dettagli

CONSOZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RAGUSA

CONSOZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RAGUSA CONSOZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI E PER LA GESTIONE DEL CONSEGNATARIO E DEL CASSIERE TITOLO I ACQUISTO IN ECONOMIA

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Contenuto del Regolamento)

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Contenuto del Regolamento) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO E DI CASSA E DELLE SPESE IN ECONOMIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 326 del 05/05/2003, modificato con Delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 02/07/2012

Dettagli

Legge 6 febbraio 1985, n. 15

Legge 6 febbraio 1985, n. 15 Legge 6 febbraio 1985, n. 15 (in Gazz. Uff., 14 febbraio, n. 39). Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri (1) (2) (3). (1) In base all'art. 21, d.p.r. 20 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ (adottato ai sensi dell articolo 16, comma 4, della legge 24 dicembre 2012, n. 243, Disposizioni per l attuazione del principio del pareggio di bilancio ai

Dettagli

NORME CHE REGOLAMENTANO IL BILANCIO E LA CONTABILITA DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA

NORME CHE REGOLAMENTANO IL BILANCIO E LA CONTABILITA DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA NORME CHE REGOLAMENTANO IL BILANCIO E LA CONTABILITA DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LATINA 1 Il presente regolamento è finalizzato a disciplinare l amministrazione e la contabilità dell

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA REGOLAMENTO INTERNO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento definisce principi

Dettagli

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012)

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per il Bilancio Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione

Dettagli

Logistica magazzino: Inventari

Logistica magazzino: Inventari Logistica magazzino: Inventari Indice Premessa 2 Scheda rilevazioni 2 Registrazione rilevazioni 3 Filtro 3 Ricerca 3 Cancella 3 Stampa 4 Creazione rettifiche 4 Creazione rettifiche inventario 4 Azzeramento

Dettagli

Libretto di deposito nominativo BRUCOCONTO

Libretto di deposito nominativo BRUCOCONTO 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Libretto di deposito nominativo

Dettagli

COMUNE DI LASTRA A SIGNA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LASTRA A SIGNA (Provincia di Firenze) COMUNE DI LASTRA A SIGNA (Provincia di Firenze) AREA AMMINISTRATIVA E CONTABILE SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO E PROVVEDITORATO approvato con atto CC N.30 del l 08/07/2002 modificato

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ ********************** ultima modifica art. 22 effettuata con Decreto Rettorale n. 213 del 22/03/2006

Dettagli

EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA

EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA EDISU REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTABILITA INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità Art. 2 Impostazione ed organizzazione Art. 3 Principi generali Art. 4 Strutture organizzative

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 Oggetto: NOMINA CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. al CO.RE.CO.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 08 26.02.2014 Enti non profit: le scritture contabili Categoria: Associazioni Sottocategoria: Varie Gli enti non commerciali rappresentano un fenomeno

Dettagli

Con istanza di interpello, concernente l'interpretazione del dpr n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente

Con istanza di interpello, concernente l'interpretazione del dpr n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 166/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 novembre2005 OGGETTO: IVA. Differenze riscontrate dal depositante in occasione di inventari periodici presso il magazzino del depositario.

Dettagli

INDICE. Art.1 (Oggetto e contenuto del Regolamento)

INDICE. Art.1 (Oggetto e contenuto del Regolamento) REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 19 DICEMBRE 2002 DIVENUTA ESECUTIVA IL 10 GENNAIO 2003 Successiva integrazione con DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Documentazione Gestione Autotrasportatori. Software Gestionale ebridge Professionisti

Documentazione Gestione Autotrasportatori. Software Gestionale ebridge Professionisti La normativa degli Autotrasportatori, consente il decalage dell Iva a debito nel periodo d imposta successivo a quello di emissione del documento. Esempio un fattura di Vendita con data documento 02-02-2007,

Dettagli

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR

RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012. Il Revisore unico di ATERSIR RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore unico di ATERSIR Preso in esame lo schema di rendiconto per l esercizio 2012 proposto dal Direttore dell AGENZIA composto e corredato dai seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. Relazione Il presente disegno di legge che sostituisce integralmente il testo più volte modificato e integrato

Dettagli

REGOLAMENTO INVENTARIALE

REGOLAMENTO INVENTARIALE REGOLAMENTO INVENTARIALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23, art.24, art.25, art.26, art.27, art.28, art. 29, art. 30, art.52 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254,

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

L inventario di Magazzino

L inventario di Magazzino L inventario di Magazzino Procedure per lo svolgimento di un corretto inventario da parte di consulenti, sindaci e revisori Che cosa è un inventario? L inventario è una procedura sistematica di verifica

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIDAL

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIDAL REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIDAL TITOLO I Norma generali di amministrazione ART. 1 Principi guida pag. 3 TITOLO II Bilancio di previsione consuntivo semestrale bilancio d esercizio

Dettagli

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5.

(2) La presente legge è stata abrogata dall'art. 9, D.P.R. 15 dicembre 2001, n. 482, ad eccezione dell'art. 5. Leggi d'italia L. 3-3-1951 n. 193 Norme relative al servizio del Portafoglio dello Stato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 4 aprile 1951, n. 77. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. L. 3 marzo 1951,

Dettagli

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO COPIA COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di Deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE N. 41 Adunanza di Prima Convocazione - Seduta Pubblica OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI APPROVAZIONE

Dettagli

Il capitale circolante

Il capitale circolante j l k l d o ^ c f b C o n t a b i l i t à e b i l a n c i o Renzo Pravisano Il capitale circolante RIMANENZE, CREDITI E DEBITI, DISPONIBILITÀ LIQUIDE Valutazione Analisi finanziaria per indici e flussi

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIPAV

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIPAV REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLA FIPAV Approvato con delibera di Consiglio Federale n. 133 del 13 giugno 2013 INDICE TITOLO I... 4 NORME GENERALI DI AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 - Principi

Dettagli

IL PRESIDENTE. VISTA la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica, come modificata dalla legge 7 aprile 2011, n.

IL PRESIDENTE. VISTA la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica, come modificata dalla legge 7 aprile 2011, n. IL PRESIDENTE VISTI gli artt. 100, secondo comma, e 103, secondo comma, della Costituzione; VISTO il Regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante Nuove disposizioni sull amministrazione del patrimonio

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

Regolamento di Contabilità

Regolamento di Contabilità Regolamento di Contabilità Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 28 del 06.06.2012 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PAOLO RICCI Sede amministrativa: 62012 Civitanova Marche (MC) Via Einaudi,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità - Art. 2 - Controllo interno di gestione - PARTE I AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 ART.2 ORDINAMENTO E PRICIPI FONDAMENTALI DEL SERVIZIO... 3 ART. 3 FINALITA E LIMITI DI IMPORTO...

Dettagli