Gli ordini di protezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli ordini di protezione"

Transcript

1 Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si abbia notizia di vessazioni e soprusi -ma sempre più spesso si tratta di episodi dalle conseguenze irreparabili- che vedono protagoniste coppie di coniugi, di conviventi, di fidanzati o di ex. A fare le spese di questo fenomeno in preoccupante espansione, che non conosce confini geografici, di età o di classe sociale, sono soprattutto le donne: si calcola che nei Paesi aderenti all Unione Europea ne muoiano in media tre al giorno, vittime della violenza domestica, mentre stando alle statistiche del Consiglio d Europa una percentuale oscillante fra il 12 e il 15% delle donne è bersaglio quotidiano di attenzioni non propriamente affettuose da parte del partner. Per non parlare dei moltissimi casi in cui la vittima preferisce tacere e subire per non peggiorare la situazione, anche se spesso accade che sia proprio il silenzio a portare a conseguenze estreme. Il 27/9/2012 il nostro Paese ha ratificato la Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, il cui scopo è rendere più sicura la vita delle donne all'interno e all'esterno dei confini europei, all insegna della tolleranza zero verso questo gravissimo fenomeno. Da oltre un decennio il Legislatore, per cercare di prevenire questa vera e propria piaga sociale, con legge n. 154 del 5/4/2001 (intitolata Misure contro la violenza nelle relazioni familiari) ha introdotto un nuovo istituto giuridico: gli ordini di protezione contro gli abusi familiari, disciplinati dagli artt. 342-bis e 342-ter del codice civile. Gli ordini di protezione si sostanziano nei provvedimenti che il giudice può adottare nei confronti del coniuge o di altro convivente la cui condotta sia causa di grave pregiudizio all'integrità fisica o morale, o alla libertà dell'altro coniuge o

2 convivente, come nei casi di ripetuti episodi di minaccia, violenza o aggressione fisica. Le norme sugli ordini di protezione, però, non sono circoscritte alla coppia: esse, infatti, trovano applicazione, in quanto compatibili, anche nel caso in cui la condotta pregiudizievole sia stata tenuta da altro componente del nucleo familiare, diverso dal coniuge o dal convivente: si pensi a un figlio o a un fratello. Né occorre, come ci accingiamo a vedere, che affinché scatti questa forma di tutela debba sussistere uno stato di convivenza fra aggressore e aggredita. Non solo coabitazione Il Tribunale di Bari-Monopoli (provvedimento del 21/10/2010) ha precisato che, poiché in ambito familiare le condotte persecutorie e vessatorie possono manifestarsi anche al di là dell effettiva coabitazione, dal momento che la sussistenza di una relazione familiare porta i soggetti ad avere una vicinanza in termini di rapporti e di luoghi di frequentazione, vicinanza che può favorire le condotte al cui contrasto sono preposti gli ordini di protezione, affinché questi possano essere emanati non è necessario che sia ancora sussistente la convivenza tra il soggetto destinatario passivo dell ordine di protezione e la persona o le persone che s intendono tutelare. L ordine di protezione, quindi, ricorrendone i presupposti, può essere emanato anche se, per effetto della separazione personale intervenuta fra i coniugi, sia da tempo cessata la convivenza fra gli stessi, essendo il provvedimento diretto a prevenire o interrompere abusi e prevaricazioni ancora attuali (Trib. Napoli 2/7/2008). Il contenuto Gli ordini di protezione vengono emessi, su ricorso dell'interessato, con decreto dal Tribunale e si sostanziano nell'ordine, impartito alla persona il cui comportamento debba essere censurato, di desistere dallo stesso, di allontanarsi dalla casa familiare e, ove occorra, di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall'istante, ed in particolare

3 al luogo di lavoro, al domicilio della famiglia d'origine, o al domicilio di altri prossimi congiunti o di altre persone ed in prossimità dei luoghi d istruzione dei figli della coppia, salvo che il destinatario dell'ordine non debba frequentare i medesimi luoghi per esigenze di lavoro. In quest ultima ipotesi, quindi, l ordine di protezione è di fatto inapplicabile. Il giudice può anche disporre, se necessario, l'intervento dei servizi sociali o di un centro di mediazione familiare, nonché delle associazioni che abbiano come fine il sostegno e l'accoglienza di donne e minori o di altri soggetti vittime di abusi e maltrattamenti, e disporre il pagamento di un assegno periodico a favore delle persone conviventi che, per effetto del provvedimento, rimangano prive di mezzi adeguati, fissando modalità e termini di versamento e prescrivendo, se del caso, che la somma sia versata direttamente all'avente diritto dal datore di lavoro dell'obbligato, detraendola dalla retribuzione a lui spettante. Con lo stesso provvedimento il giudice determina le modalità di attuazione dell ordine di protezione. Se sorgono difficoltà o contestazioni in ordine all esecuzione dello stesso, il giudice provvede con decreto all emanazione dei provvedimenti più opportuni per l attuazione, ivi compreso l intervento della forza pubblica e dell ufficiale sanitario. La durata La durata dell'ordine di protezione, che decorre dal giorno dell'avvenuta esecuzione dello stesso, non può essere superiore a un anno e può essere prorogata, su istanza di parte, soltanto se ricorrono gravi motivi e per il tempo strettamente necessario. Nel caso di mancata indicazione, nel provvedimento, del termine di durata della misura di protezione, s intende che essa sia pari al massimo di un anno stabilito dall art. 342-ter c.c. (Trib. Teramo 18/8/2006). Il provvedimento perde efficacia qualora, nel procedimento di separazione personale dei coniugi, di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili dello stesso, siano pronunciati i provvedimenti provvisori previsti,

4 rispettivamente, dall art. 708 c.p.c. e dall art. 4 della L. 1/12/1970, n. 898 (Cass. 15/1/2007, n. 625) Il procedimento Il procedimento in materia di ordini di protezione è regolato dall art. 736-bis del codice di procedura civile. L istanza volta all ottenimento dell ordine di protezione dev essere proposta dalla parte, anche personalmente, con ricorso al Tribunale del luogo di residenza o di domicilio dell'istante. Il Presidente del Tribunale affida l incarico di trattare il ricorso a un giudice. Questi, sentite le parti, procede nel modo che ritiene più opportuno agli atti d istruzione necessari, disponendo ove occorra, anche per mezzo della polizia tributaria, indagini sui redditi, sul tenore di vita e sul patrimonio personale e comune delle parti, e provvede con decreto motivato immediatamente esecutivo. In caso di urgenza il giudice, assunte ove occorra sommarie informazioni, può adottare immediatamente l'ordine di protezione, fissando l'udienza di comparizione delle parti davanti a sé entro un termine non superiore a quindici giorni e assegnando all'istante un termine non superiore a otto giorni per la notifica del ricorso e del decreto. All'udienza il giudice conferma, modifica o revoca l'ordine di protezione. Il Tribunale provvede in camera di consiglio in composizione monocratica. Il reclamo Contro il decreto col quale il giudice adotta l'ordine di protezione o rigetta il ricorso, oppure conferma, modifica o revoca l'ordine di protezione precedentemente adottato, è ammesso reclamo al Tribunale entro dieci giorni dalla comunicazione (dalla notifica se l ordine è emesso nei confronti di più persone). Il reclamo non sospende l'esecutività dell'ordine di protezione. Il Tribunale provvede in camera di consiglio, in composizione

5 collegiale, sentite le parti, con decreto motivato non impugnabile. Del Collegio non fa parte il giudice che ha emesso il provvedimento impugnato. La violenza assistita Se vittima diretta dei maltrattamenti è un genitore e i figli minori vengono loro malgrado costretti ad assistervi, si determina una sovrapposizione di competenze tra il giudice civile, adìto ai sensi degli artt. 342-bis e 342-ter c.c. e 736-bis c.p.c., e il Tribunale per i minorenni. Questa sovrapposizione di competenze non preclude al giudice civile di pronunciare intervenuto che sia il decreto del Tribunale per i minorenni che dispone, ai sensi degli art. 333 e 336 c.c., l allontanamento del genitore violento dalla casa familiare e l affidamento del figlio minore - non solo l allontanamento dalla casa familiare del medesimo genitore, ma anche la cessazione della condotta pregiudizievole, quale contenuto essenziale dell ordine di protezione (Trib. Piacenza 23/10/2008). Se pende giudizio di separazione o di divorzio Se pende giudizio di separazione personale fra i coniugi, di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, e si sia tenuta l udienza di comparizione dei coniugi davanti al Presidente del Tribunale, non sono applicabili gli art. 342-bis e 342-ter c.c. ma trovano applicazione, rispettivamente, le disposizioni di cui all art. 706 e segg. c.p.c. e all art. 4 della L. 1/12/1970, n. 898, e successive modificazioni; in tali ipotesi, quindi, spetta al Presidente del Tribunale - nell ambito del potere di emanare i provvedimenti provvisori e urgenti nell interesse del coniuge e della prole - o al giudice istruttore adottare i provvedimenti previsti dalle suddette norme ed eventualmente quelli aventi il contenuto degli ordini di protezione; tali provvedimenti sono sempre revocabili e modificabili dal giudice istruttore e, in sede decisoria, dal Collegio, mentre contro di essi non è possibile proporre reclamo ex art. 736-bis e segg. c.p.c. (Trib. Catania 11/11/2008). In ogni caso

6 l'ordine di protezione perde efficacia qualora sia successivamente pronunciata, nel procedimento di separazione personale o di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio promosso dal coniuge istante o nei suoi confronti, l'ordinanza contenente provvedimenti temporanei ed urgenti prevista, rispettivamente, dall'art. 708 c.p.c. e dall art. 4 della L. 1/12/1970, n. 898, e successive modificazioni Le sanzioni Chi non rispetta l'ordine di protezione o un provvedimento di uguale contenuto assunto nel procedimento di separazione personale dei coniugi o nel procedimento di scioglimento o di cessazione degli effetti civili di matrimonio, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da 103 a euro. Se la violenza si scatena in estate La sospensione della trattazione degli affari civili da parte dei magistrati nel periodo feriale che va dal primo agosto al 15 settembre, prevista dall art. 92 del R.D. 30/1/1941, n. 12, non si applica all adozione degli ordini di protezione, per cui è possibile far ricorso a questa forma di tutela anche nel periodo estivo. La tutela è senza oneri Tutti gli atti, i documenti e i provvedimenti relativi all'azione civile contro la violenza nelle relazioni familiari, nonché i procedimenti, anche esecutivi e cautelari, diretti ad ottenere la corresponsione dell'assegno periodico di cui sopra sono esenti dall'imposta di bollo e da ogni altra tassa e imposta, dai diritti di notifica, di cancelleria e di copia, nonché dall'obbligo di registrazione. Lo stalking

7 In molti casi l ordine di protezione consegue o prelude a un reato molto diffuso ma introdotto nel nostro ordinamento giuridico soltanto con D.L. 23/2/2009, n. 11, convertito nella L. 23/4/2009, n.38: quello di atti persecutori (art. 612-bis c.p.), meglio conosciuto come stalking (il termine deriva dal linguaggio venatorio inglese, in cui sta ad indicare l atteggiamento di un cacciatore particolarmente ostinato e pressante nel braccare la preda). Pone in essere questa figura criminosa chi, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura, o da ingenerare un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto, o di persona al medesimo legata da relazione affettiva, oppure ancora da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. Lo stalking può essere vigilante (consiste nel controllo esercitato sulla vita quotidiana della vittima), comunicativo (realizzato attraverso contatti per via epistolare o telefonica, sms, scritte su muri e altri messaggi in luoghi frequentati dalla persona offesa) e cyber, se posto in essere attraverso le tecniche d intrusione molesta nella vita della vittima rese possibili dall uso dei social network. Si punisce, a querela della persona offesa (il termine per proporla è di 6 mesi anziché 3), con la reclusione da 6 mesi a 4 anni. La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato, o da persona che sia stata legata da relazione affettiva alla persona offesa (l aumento di pena è fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza, di un disabile o con armi o da persona travisata). Il reato è perseguibile d ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di un disabile, o se è connesso con altro delitto per il quale si debba procedere d'ufficio. Copyright Dott. A. Giuffrè Editore Spa 2013

LE NORME CHE TUTELANO LE DONNE. - Legge 15 febbraio 1996, n. 66 Norme contro la violenza sessuale.

LE NORME CHE TUTELANO LE DONNE. - Legge 15 febbraio 1996, n. 66 Norme contro la violenza sessuale. LE NORME CHE TUTELANO LE DONNE - Legge 15 febbraio 1996, n. 66 Norme contro la violenza sessuale. La violenza sessuale è qualificata come delitto contro la libertà personale. La legge attuale riconosce

Dettagli

"Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori"

Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori Indice decreti-legge Decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori" pubblicato nella

Dettagli

Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne

Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne Stalking: il nuovo reato di atti persecutori gli aspetti normativi e giurisprudenziali in materia di violenza sulle donne Il D.L. 11 del 23/02/2009, poi convertito in L. n. 38 del 23/04/2009, recante misure

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013)

CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013) CODICE PENALE (testo in vigore dal 16.10 2013) Art. 612-bis. Atti persecutori. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, con condotte

Dettagli

Donne: quali diritti?

Donne: quali diritti? Donne: quali diritti? Avv. Simona Molisso A partire dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo del 1948 fino al recente Protocollo aggiuntivo alla Convenzione per l eliminazione di tutte le forme

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e + LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e quali garanzie per i minori + Ruolo sociale dell avvocato

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI

I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI La legge 154/01 ha introdotto un articolato sistema in grado di contrastare ogni forma di violenza maturata all interno del nucleo familiare

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

LEGGE SUL FEMMINICIDIO

LEGGE SUL FEMMINICIDIO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 375 LEGGE SUL FEMMINICIDIO 11 Ottobre 2013 Decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93 in materia

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

Procedura SERVIZIO ANTI STALKING STATO DEL DOCUMENTO. REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA Emissione 12.11.2009. Elaborazione Verifica Approvazione

Procedura SERVIZIO ANTI STALKING STATO DEL DOCUMENTO. REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA Emissione 12.11.2009. Elaborazione Verifica Approvazione 01 del 02.03.2011 Pagina 1 di 9 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 2 2. GESTIONE DEL FRONT-OFFICE DEL... 6 3. EROGAZIONE E RETE TERRITORIALE DEL... 7 5. RILEVAZIONE DEI DATI SULLA SODDISFAZIONE DELL'UTENZA...

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Costituzione della Repubblica Italiana Art 2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età)

ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 2 C.C. CAPACITA' DI AGIRE IDONEITA' DEL SOGGETTO AD ACQUISTARE E AD ESERCITARE DA SOLO DIRITTI E AD ASSUMERE OBBLIGHI (Maggiore età) ART. 1 C.C. CAPACITA' GIURIDICA ATTITUDINE DELLA PERSONA AD ESSERE

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA Codice civile Libro I (delle persone e della famiglia) Titolo VI (del matrimonio) Capo V (Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi) Articolo 149

Dettagli

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne Ordine degli Avvocati di Milano Comitato per le Pari Opportunità Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne - vademecum normativo - consigli pratici 1 Decreto Legge 23 febbraio

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Il sottoscritto/a..... (1) nato/a... il.... residente...via...... cittadinanza... codice fiscale

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING

VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING VIOLENZA DOMESTICHE E STALKING Definizione Il termine STALKING trae la sua origine da un termine di caccia inglese, to stalk (letteralmente fare la posta), che ricorda gli appostamenti e gli inseguimenti

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Articolo 1 Le premesse fanno parte integrante del presente accordo.

Articolo 1 Le premesse fanno parte integrante del presente accordo. Protocollo di interazione tra le Istituzioni e i Centri Antiviolenza per donne e figli minorenni vittime di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori. LE PARTI: Procura della Repubblica presso

Dettagli

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica

Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica STALKING Indagine statistica attraverso la lettura dei fascicoli dei procedimenti definiti con sentenze di primo grado Roma, Giugno 2014 STALKING

Dettagli

Il mobbing familiare" di Mario Alberto RUFFO. Aggregato di Istituzioni di diritto penale, Università di Catanzaro

Il mobbing familiare di Mario Alberto RUFFO. Aggregato di Istituzioni di diritto penale, Università di Catanzaro Il mobbing familiare" di Mario Alberto RUFFO Aggregato di Istituzioni di diritto penale, Università di Catanzaro Il "mobbing" e lo "stalking" familiare sono fenomeni considerati di recente, ed ad occuparsene

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona.

DOMICILIO Luogo in cui la persona ha stabilito la sede prevalente dei propri affari. Anche luogo indicato per la reperibilità di una persona. PICCOLO GLOSSARIO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Strumento giuridico di protezione personalizzata della persona maggiorenne non autosufficiente, a seguito di una menomazione o di una infermità fisica o psichica

Dettagli

INDICE INDICE. Premessa...p.

INDICE INDICE. Premessa...p. INDICE Premessa...p. XV I I REATI CONTRO IL MATRIMONIO E LA MORALE FAMILIARE 1 La bigamia: configurabilità del reato nell ipotesi di inefficacia del precedente matrimonio contratto all estero... 3 Introduzione...

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della potestà dei genitori

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della potestà dei genitori Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Legge 28 marzo 2001 n. 149

Legge 28 marzo 2001 n. 149 Legge 28 marzo 2001 n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile TITOLO I

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick

CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick CYBER-BULLISMO Avv. Caterina Flick ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA TOSCANA Evento formativo Grosseto - Lunedì 12 ottobre 2015 ROME MILAN BOLOGNA ISTANBUL* TIRANA* * In association with Una premessa importante

Dettagli

Il quadro delle responsabilità civili

Il quadro delle responsabilità civili Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 Il quadro delle responsabilità civili Relatrice: Manuela Cecchi 1 IL QUADRO DELLE RESPONSABILITÀ CIVILI Secondo il Glossario del portale degli assisti sociali

Dettagli

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26 aprile 2001) MODIFICHE ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N. 184, RECANTE DISCIPLINA DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO DEI MINORI, NONCHE

Dettagli

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Verona DOMANDA D'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Il sottoscritto/a..... (1) nato/a... il.... residente...via...... cittadinanza... codice fiscale

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso?

RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Può il futuro beneficiario presentare un ricorso per se stesso? RICORSO Chi sono i beneficiari dell'amministrazione di sostegno? Ai sensi dell'art. 404 c.c. I beneficiari del ricorso sono le persone che, per effetto di un'infermità ovvero di una menomazione fisica

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA AVVOCATI DI FAMIGLIA PROGETTO DI RIFORMA PER UN PROCESSO CIVILE UNITARIO NEL DIRITTO DI FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA AVVOCATI DI FAMIGLIA PROGETTO DI RIFORMA PER UN PROCESSO CIVILE UNITARIO NEL DIRITTO DI FAMIGLIA OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA AVVOCATI DI FAMIGLIA PROGETTO DI RIFORMA PER UN PROCESSO CIVILE UNITARIO NEL DIRITTO DI FAMIGLIA L art. 54 della legge 18 giugno 2009, n. 69 che aveva indicato

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO LA ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La nomina dell amministratore di sostegno. 2.1. Presupposti. 2.2. Legittimazione. 2.3. Procedimento.

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30 Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza UNA ISTANZA ORIGINALE COMPLETA DI TUTTI I DOCUMENTI E COMPILATA

Dettagli

IL REATO DI STALKING E SEPARAZIONE TRA I CONIUGI. Riflessioni sulla natura e la genesi dei comportamenti delittuosi nelle separazioni

IL REATO DI STALKING E SEPARAZIONE TRA I CONIUGI. Riflessioni sulla natura e la genesi dei comportamenti delittuosi nelle separazioni IL REATO DI STALKING E SEPARAZIONE TRA I CONIUGI Riflessioni sulla natura e la genesi dei comportamenti delittuosi nelle separazioni MONZA, 18 gennaio 2010-01-08 TEATRO VILLORESI Patrizia Gallucci Giudice

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, fatta a Istanbul l'11 maggio 2011, pubblicata nella Gazz. Uff. 1 luglio 2013, n. 152.

violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, fatta a Istanbul l'11 maggio 2011, pubblicata nella Gazz. Uff. 1 luglio 2013, n. 152. Rassegna giuridica Approfondimento Prevenzione e lotta alla violenza contro le donne La legge 77/2013 di ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta contro

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI Prefazione... XV CAPITOLO 1 CARATTERI DEFINITORI 1.1. Stalking:evoluzioneecaratteridefinitori... 1 1.1.1. Una possibile categorizzazione del fenomeno... 4 1.1.2. L opera di neutralizzazione da parte dello

Dettagli

Codice Civile. Libro I Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio

Codice Civile. Libro I Delle persone e della famiglia. Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio Codice Civile Libro I Delle persone e della famiglia Titolo IX Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio Capo I Dei diritti e doveri del figlio Art. 316. Responsabilità genitoriale.

Dettagli

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Nel nostro ordinamento viene assicurato ai cittadini non abbienti il patrocinio a spese dello stato nel processo civile, penale, amministrativo, contabile, tributario e negli

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO con CD-rom allegato SOMMARIO PARTE PRIMA - DISCIPLINA GENERALE LA PROCURA ALLE LITI E LE NOTIFICAZIONI 3 1. ATTO DI CONFERIMENTO DELLA PROCURA

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale...3 2. Dichiarazione del valore della controversia al fine della determinazione

Dettagli

GLI ORDINI DI PROTEZIONE CONTRO GLI ABUSI FAMILIARI: Vari sono i tipi di violenza in famiglia cui gli art. 342 bis e 342 ter c.c.

GLI ORDINI DI PROTEZIONE CONTRO GLI ABUSI FAMILIARI: Vari sono i tipi di violenza in famiglia cui gli art. 342 bis e 342 ter c.c. GLI ORDINI DI PROTEZIONE CONTRO GLI ABUSI FAMILIARI: profili civilistici Presupposti oggettivi. La protezione prima della l. 154/01 Vari sono i tipi di violenza in famiglia cui gli art. 342 bis e 342 ter

Dettagli

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Legge 12 novembre 2004, n. 271 Gazzetta Ufficiale 13 novembre 2004, n. 267 Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni

Dettagli

Titolo I - Misure di sensibilizzazione e di prevenzione contro la violenza in famiglia, di genere e contro le discriminazioni

Titolo I - Misure di sensibilizzazione e di prevenzione contro la violenza in famiglia, di genere e contro le discriminazioni Schema di disegno di legge recante Misure di sensibilizzazione e prevenzione, nonché repressione dei delitti contro la persona e nell ambito della famiglia, per l orientamento sessuale, l identità di genere

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

TRIBUNALE DI TRAPANI

TRIBUNALE DI TRAPANI TRIBUNALE DI TRAPANI Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari LINEE GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO AI SENSI DEL D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115

Dettagli

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale.

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale. Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Politiche Sociali Casa Famiglia Rosetta Onlus Caltanissetta Necessità

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOVARA Via Pietro Azario n. 15-28100 Novara

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOVARA Via Pietro Azario n. 15-28100 Novara CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOVARA Via Pietro Azario n. 15-28100 Novara Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza: ISTANZA COMPILATA IN OGNI PARTE E SOTTOSCRITTA,

Dettagli