La pensione è quella rendita vitalizia corrisposta al lavoratore (dipendente, autonomo o libero professionista) nel momento in cui cessa l attività

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pensione è quella rendita vitalizia corrisposta al lavoratore (dipendente, autonomo o libero professionista) nel momento in cui cessa l attività"

Transcript

1

2 La pensione è quella rendita vitalizia corrisposta al lavoratore (dipendente, autonomo o libero professionista) nel momento in cui cessa l attività al raggiungimento : dell età pensionabile fissata per legge (pensione di vecchiaia) o dell anzianità contributiva maturata (pensione di anzianità) OPPURE negli altri casi in rapporto alle condizioni di salute e alla conseguente impossibilità di svolgere un lavoro (pensione d invalidità) o al grado di parentela con un assicurato o un pensionato defunti (pensione di reversibilità)

3 SISTEMA ITALIANO solidarietà intergenerazionale contributi-pensioni CHI LAVORA PAGA LE PENSIONI DI CHI NON LAVORA PIU

4 Lo squilibrio riduzione dei livelli occupazionali mutamento del mercato del lavoro contenimento costo del lavoro bassa natalità allungamento della vita media pensioni baby pensioni generose

5 SPERANZA DI VITA anni allungamento della vita media All inizio del 900 era di 45 DONNA 82,8 UOMO 78,6 ITALIA UNA GRANDE CONQUISTA CHE DETERMINA PERO UNA VORAGINE DI SPESA CHE NESSUNA FINANZA PUBBLICA PUO SOSTENERE NEL 1970 UN UOMO AVEVA AVANTI A SE UNA MEDIA DI 11 ANNI OGGI NE HA 17 (dal momento del ritiro dal lavoro) NEL 1970 LA DONNA AVEVA AVANTI A SE UNA MEDIA DI 14 ANNI OGGI 23 (dal momento del ritiro dal lavoro) Europa : Svezia 78,9 Piu longeva Italia al secondo posto - Lituania la piu bassa 65 anni gli uomini

6 LE RIFORME Amato 1992 legge 421 /1992 graduale innalzamento dell età pensionabile donne da 55 a 60 anni, uomini da 60 a 65 periodo di riferimento quota a quota b (ultimi dieci anni) Dini 1995 ( legge 335/ 1995) Sistema di calcolo :Introdusse gradualmente il sistema contributivo Nascita fondi pensione Maroni 2004 ( legge 243/2004) interventi strutturali- lo scalone dal La riforma del Welfare - legge 247/2007 dal scalini e quote

7 LE RIFORME Legge 122 /2010 di conversione del D. Lgs 78/2010 Differimento dei termini di pagamento del TFS, Abolito il progressivo innalzamento dell età pensionabile delle donne, Impossibilità di trasferire la pensione dall INPDAP all INPS, Per tutti calcolo della buonuscita con il regime più sfavorevole del TFR a decorrere dal

8 CONTRIBUTI INPDAP Sulla intera retribuzione Tipologia dipendenti Tipologia contributi A carico Ente A carico dipendente Totale Soggetti al regime del trattamento di fine servizio (TFS) Stato 24,20% 8,80% 33,00% Fondo previdenza credito - 0,35% 0,35% Soggetti al regime di TFR Con incarico a tempo determinato dal e a tempo indeterminato dal Stato 24,20% 8,80% 33,00% Fondo previdenza e credito TFR/ Stato 7,68% - 0,35% 0,35% - - 7,68%

9

10 RETRIBUZIONE IMPONIBILE (circolare 22 Inpdap del 15 giugno 2005) Art.15 della legge 29 aprile 1976, n. 177 che modifica l art.43 del dpr 1092/73 prevede una maggiorazione del 18 % della base pensionabile (stipendio e assegni pensionabili indicati ai punti dalla a alla g) della medesima legge e ogni altro assegno se espressamente previsto da precisa disposizione di legge. Stipendio tabellare-ria-assegno ad personam sono oggetto di maggiorazione del 18% con esclusione della tredicesima mensilità Ai fini pensionistici e Fondo credito art.15 legge n.724 e art.1 legge n.662 esclude dalla base imponibile la IIS per la maggiorazione del 18% dal 1 gennaio La retribuzione accessoria da assoggettare a contribuzione è quella eccedente la misura del 18% Riferimenti INPDAP informative 40 del del 25 settembre 2003 e circolare 59 del 27 ottobre 2004 nota operativa n.2 del 23 gennaio 2007 CIRCOLARE 22 DEL 15 GIUGNO 2005

11 RETRIBUZIONE IMPONIBILE ISCRITTI ALLE EX CASSE (CPDEL, CPS, CPI, CPUG) I periodi di malattia dei lavoratori dipendenti, iscritti alle ex Casse Pensioni gestite dalla Direzione Generale degli Istituti di Previdenza dell allora Ministero del Tesoro (cfr. CPDEL,CPS, CPI, CPUG), continuano ad essere disciplinati dal combinato disposto degli artt. 24 e 50 dell Ordinamento delle Casse per le pensioni degli Enti Locali, approvato con R.D.L. 3 marzo 1938, n.680. Si riconoscono integralmente ai fini pensionistici i periodi di malattia, ancorché le retribuzioni vengano ridotte ai sensi dell art. 71 della legge 133/2008 Ai fini pensionistici e Fondo credito art.15 legge n.724 e art.1 legge n.662 Riferimenti INPDAP n.29 del 27/5/1998 (Decreto legislativo 2 settembre 1997, n. 314 n.59 del 27 ottobre 2004(DMA) e nota operativa n.2 del 23 gennaio 2007

12 IL CUD dal 1996 AI FINI PREVIDENZIALI STATO RIGO 25 ANNO DI RIFERIMENTO RIGO 26 TOTALE IMPONIBILE PENSIONISTICO retribuzione fondamentale+18% + sal.acc. se superiore + IIS + 13^ (Somma algebrica campo 32 dei quadri EO e/o V1 della DMA) RIGO 27 TOTALE CONTRIBUTI PENSIONISTICI il 33% dal (Somma algebrica campi 33 e 34 dei quadri EO e/o V1 della DMA) RIGO 27 = MONTANTE CONTRIBUTIVO ANNUO

13

14 LA PENSIONE QUANTO SARA L IMPORTO IL SISTEMA DI CALCOLO

15 Legge 8 agosto 1995, n 335 Riforma Dini TRE SISTEMI LAVORATORI CON 18 O PIU ANNI CTR AL MENO DI 18 ANNI CTR AL NUOVI ASSUNTI DAL CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO MISTO RETRIBUTIVO CONTRIBUTIVO CONTRIBUTIVO pensioni anzianità vecchiaia vecchiaia

16 IL SISTEMA RETRIBUTIVO I 2 ELEMENTI FONDAMENTALI LE RETRIBUZIONI I RENDIMENTI

17 E il calcolo della pensione basato sull importo delle retribuzioni percepite nell ultima parte della vita lavorativa rapportata a rendimenti percentuali maturati in base al servizio svolto. Si applica a coloro che possono far valere un anzianità contributiva, al 31 dicembre 1995, pari o superiore a 18 anni art.1 comma 13 L.335/95

18 IL SISTEMA RETRIBUTIVO LE RETRIBUZIONI DUE BASI PENSIONABILI La prima da utilizzare per i rendimenti maturati fino al (quota A di pensione) art. 13 lettera a) D.L. 503/92 La seconda da utilizzare per i rendimenti maturati dal 1 gennaio 1993 (quota B di pensione) alla cessazione art. 13 lettera b) D.L.503/92

19 La tabella statali 1 2, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,000 Calcolo del mese (gg16 arr.) anno 1,8 : 12 = 0,15

20 QUOTA A (pensioni stato) Contributi maturati fino al Cassa stato(scuola) Retribuzione base art.15/16 e 22 legge n.177.(stipendio,ria,assegni pensionabili,posizioni economiche personale ATA) (emolumenti fissi e continuativi) Aumentata del 18% (esclusa IIS) Contribuzione obbligatoria ai fini pensionistici e Fondo credito( art.15 legge n.724 e art.1 legge n.662)

21 QUOTA B (pensioni stato) Contributi maturati dal in poi Si ottiene: retribuzione media pensionabile rivalutata Istat ( dal personale della scuola) dal a regime gli ultimi 10 anni x aliquota di rendimento alla cessazione del servizio. La retribuzione fondamentale maggiorata del 18% o in alternativa del trattamento accessorio se superiore + la IIS retribuz. risultato retribuz. professionale docenti ( iscrizione CPDEL / quota A) compenso funz. strum. personale doc. compenso ore eccedenti compenso straordinario ind. dir.ne DSGA comp.individ. personale ATA comp.incarichi ed attiv.pers. ATA comp. indenn. fondo d istituto altre ind. contrattuali e/o da specifiche disposiz. di legge

22 STATO Calcolo della pensione sistema retributivo data di cessazione : mm. 06 aa. 35 coeff. Rendim. = 0,719 ( 71,9%) al anzianità contributiva mm 10 aa. 20 0,455 x RPC differenza 0,264 x RMP Es ,00 RPC X 0,455 = euro 8.469,37 QUOTA A ,31 RMP X 0,264 = euro 5.210,92 QUOTA B Totale , ^ RPC = retribuzione pensionabile alla cessazione RMP = retribuzione media pensionabile

23 = + Si applica a coloro che possono far valere un anzianità contributiva, al 31 dicembre 1995, inferiore a 18 anni art.1 comma 12 L.335/95

24 MISTO RETRIBUTIVO CONTRIBUTIVO STATO EE.LL. QUOTA A Periodo contributivo fino Al (Aliquota) Si ottiene commisurando all ultima retribuzione annua alla cessazione del servizio(esclusione dell accessorio) x l aliquota di rendimento corrispondente all anzianità contributiva al (tab A,allegata alla legge 965/1965 EE.LL ) (1092/73 Art.44 statali) QUOTA A 1 QUOTA B Contributi maturati dall al Contributi maturati dall alla cessazione Retribuzione media pensionabile la differenza ( ) Fino al Tabella A legge 965/1965. (1092/73 Art.44 statali) Dall conglobamento IIS nella retribuzione pensionabile e aumenta l aliquota fissa di rendimento del 2% per ogni anno di contributi. Si ottiene con il sistema di calcolo contributivo legge 335/1995

25 1 base pensionabile 2 base pensionabile Montante Contributivo dal 1/1/1996 X X X Coeff. al 31/12/1992 = 1 quota di pensione Coeff.dal 1/1/93 al 31/12/95 = 2 quota di pensione Coeff.di Trasformazione : 12 X 13 ( per statali ) = 3 quota di pensione Quota di Pensione retributiva + Quota di Pensione contributiva = Totale Pensione Mista :12 Stato Pensione mensile

26 CALCOLO CONTRIBUTIVO PURO Nuova modalità di calcolo della pensione pubblica E il calcolo della pensione basato sull importo dei contributi accantonati durante tutta la vita lavorativa (Montante Contributivo) e restituiti all interessato sotto forma di pensione, mediante l utilizzo di un coefficiente detto di trasformazione legato all età anagrafica alla data del pensionamento. (art 1 comma 6 L. 335/95). ASSUNTI DAL

27 CALCOLO CONTRIBUTIVO PURO Nuova modalità di calcolo della pensione pubblica I DUE ELEMENTI FONDAMENTALI IL MONTANTE CONTRIBUTIVO IL COEFICENTE DI TRASFORMAZIONE ASSUNTI DAL

28 CALCOLO INDIVIDUALE CONTRIBUTIVO Esempio : RETRIBUZ. ANNUA = Rigo 26 CUD 33% imponibile contributivo = Rigo 27 del CUD ANNO ACCANT. MONTAN.PREC. MONTANTE e così via = ,00 RIGO 27 DEL CUD = 33% DI RIGO 26 COEFFICIENTI DI RIVALUTAZ. ISTAT RIFERITI ALLA DINAMICA DEL PIL NOMINALE , , , , , , , , , , , ,033201

29 Liberalizzazione dell età pensionabile nel sistema contributivo Età Divisori Coefficienti di trasformazione (tabella A allegata alle legge 335/1995) 57 21,1869 4,720 % 58 20,5769 4,860 % 59 19,9769 5,006 % 60 19,3669 5,163 % 61 18,7469 5,334 % 62 18,1369 5,514 % 63 17,5269 5,706 % 64 16,9169 5,911 % 65 16,2969 6,136 % 66 15,6777 6,378 % ( allo studio ) 67 15,0659 6,638 % 68 14,4548 6,918 % 69 13,8481 7,221 % 70 13,2403 7,553 %

30 DAL 2010 Età Anni Coeff. 57 4,720 % 58 4,860 % 59 5,006 % 60 5,163 % 61 5,334 % 62 5,514 % 63 5,706 % 64 5,911 % 65 6,136 % Età Anni Coeff. di Trasformazione 57 4,419 % - 6, ,538 % - 6, ,664 % - 6, ,798 % - 7, ,940 % - 7, ,093 % - 7, ,287 % - 7, ,432 % - 8, ,620 % - 8,41

31 CALCOLO CONTRIBUTIVO PURO Il calcolo della pensione Montante Contributivo Euro ,00 X Età al pensionamento anni 63 coeff. Trasf. 5,706% = Pensione annua lorda x 13 Euro ,00 X 5,287 = 37009,00 ASSUNTI DAL

32 percentuale ETA RAPPORTO TRA PENSIONE ED ULTIMO STIPENDIO , , pensione 60 ANNI 40 CONTRIBUTI

33 Lavoratori part time Dipendenti pubblici (escluso dirigenti,militari,forze di polizia e corpo nazionale vigili del fuoco) L importo della pensione viene ridotto in misura inversamente Cumulo pensione di anzianità con retribuzione del rapporto di lavoro part time proporzionale alla riduzione dell orario. Non deve superare la retribuzione del full time. No TFS- solo al termine - No riconversione a tempo pieno Rideterminazione della pensione alla definitiva cessazione sulla complessiva anzianità contributiva Circ. inpdap 61 del del del Art.1 legge 662 del decreto.interm.(funzione pubblica e tesoro) 331 del g.u. 229 del di attuazione

34 SERVIZI UTILI A PENSIONE SERVIZI UTILI EX SE SERVIZI COMPUTABILI A DOMANDA SERVIZI RICONGIUNGIBILI SERVIZI RISCATTABILI PERIODI DI CONTRIBUZIONE FIGURATIVA

35 SERVIZI UTILI EX SE SERVIZI DI RUOLO DECORRENZA ECONOMICA SERVIZI NON DI RUOLO CON ISCRIZIONE IN CONTO ENTRATE TESORO INCARICHI O SUPPLENZE ANNUALI- COMUNQUE DAL SERVIZI PRESSO ALTRE AMMINISTRAZIONI (art. 112 DPR 1092/73) O ENTI (art. 113 DPR 1092/73) CON ISCRIZIONE ALL INPDAP/CPDEL SERVIZIO MILITARE DI LEVA O SOSTITUTIVO SISTEMAZIONE CONTRIBUTIVA PER DECORRENZA GIURIDICA DELLA NOMINA (art. 142, c.2 DPR 1092/73) PERIODI NON COPERTI DA EFFETTIVO SERVIZIO

36 Anzianità contributiva ACCREDITO FIGURATIVO GRATUITO VALORIZZAZIONE SERVIZIO CIVILE SU BASE VOLONTARIA Fonte normativa : INPDAP nota operativa n.24 del I periodi di servizio di volontario civile prestato fino al e valorizzato gratuitamente. Dal al sono stati versati contributi gestione separata INPS. I periodi dal è riscattabile

37 SERVIZI COMPUTABILI A DOMANDA (art. 147 DPR 1032/73) SERVIZI RICONGIUNGIBILI (senza onere) PER SERVIZI PRESTATI PRESSO AMMINISTRAZIONI STATALI (art. 11 DPR 1092/73) O ENTI PUBBLICI (art. 2 DPR 1092/73) CON ISCRIZIONE NON ALL INPDAP SERVIZI PRESTATI PRESSO ENTI DISCIOLTI (art. 6 L 29/79) SERVIZI CHE HANNO COSTITUITO TITOLO PER L INQUADRAMENTO NELLE AMM,NI STATLI (art. 15 DPR 1092/73)

38 SERVIZI E PERIODI VALUTABILI A DOMANDA TERMINI DI PRESENTAZIONE Il dipendente statale può presentare la domanda almeno due anni prima del raggiungimento del limite di età previsto per la cessazione dal servizio, pena la decadenza. Qualora la cessazione avviene prima che sia scaduto tale termine la domanda deve essere prodotta entro 90 giorni dalla cessazione.

39 SERVIZI RICONGIUNGIBILI (con onere ex art. 113 DPR 1092/73) SERVIZI CON ISCRIZIONE DIVERSA DALL INPDAP (esclusi dalla disciplina degli artt. 11 e 12 del DPR 1092/73 e rientranti viceversa nella disciplina dell art. 2 L. 29/79) SERVIZI PRESTATI CON ISCRIZIONE ALLE CASSE ex art. 2 L. 45/90

40 La ricongiunzione dei periodi assicurativi La ricongiunzione puo essere chiesta a partire dal la data di entrata in vigore della legge 29/79- iscrizione in almeno in un altra gestione previdenziale. Gratuita ( art.8 legge 29/79 e art.2 legge482/88) o titolo oneroso ( art.2 legge 29/79) LA RICONGIUNZIONE ALL INPS E GRATUITA Gratuita a seguito di soppressione dell ente datore di lavoro e siano stati iscritti all inpdap Onerosa per tutti i periodi contribuzione obbligatoria,volontaria e figurativa o in altre forme alternative o gestioni speciali gestite dall Inps. dipendenti e superstiti, CPDEL, devono fare domanda alla sede Provinciale Inpdap competente per territorio. Le Informative Inpdap 36 del 10 luglio del 4 giugno del 17 settembre 2002 dettano modalità e criteri.

41 La ricongiunzione onerosa dei periodi assicurativi maturati presso i regimi previdenziali per liberi professionisti LEGGE n.45 del 1990 La legge consente la ricongiunzione di tutti i periodi di contribuzione maturati presso gli enti previdenziali dei libero professionisti e viceversa ( Avvocati,Geometri,Dottori Commercialisti,Ragionieri e e Periti Commerciali,Ingeneri e Architetti,Consulenti del Lavoro,Farmacisti,veterinari,Medici ENPAM,OstetricheENPAO,Notai,Spedizionieri Doganali) Le Informative Inpdap 36 del 10 luglio del 4 giugno del 17 settembre 2002 dettano modalità e criteri.

42 SERVIZI RICONGIUNGIBILI La ricongiunzione( L.29/79 e L.45/90) La ricongiunzione offre al dipendente la possibilità di accentrare tutte le contribuzioni in unica gestione, ai fini di una unica pensione da erogare da un unico ente. E prevista dalla legge 29/79 art. 2, che ha mantenuto anche valide alcune disposizioni preesistenti più favorevoli; la norma è stata poi integrata dalla legge 45/90 in riferimento ai versamenti contributivi presso le Casse per i professionisti. Non è ammessa la ricongiunzione parziale dei servizi. La ricongiunzione può essere gratuita od onerosa

43 SERVIZI RICONGIUNGIBILI La domanda di ricongiunzione deve essere presentata dall'iscritto in attività di servizio (cioè entro l'ultimo giorno di servizio) o dagli eredi in caso di decesso. La facoltà di ricongiunzione dei vari periodi in un'unica gestione previdenziale può essere esercitata una sola volta; può essere esercitata una seconda volta solo se l'interessato possa far valere, successivamente all'esercizio della prima ricongiunzione, dieci anni di assicurazione previdenziale, di cui almeno cinque coperti da contributi versati in costanza di effettiva attività lavorativa. In tutti gli altri casi l'interessato può presentare una seconda domanda solo all'atto del pensionamento (cioè l'ultimo giorno di servizio) e solo se la richiesta sia diretta a trasferire ulteriori periodi assicurativi nella gestione nella quale ha operato la precedente ricongiunzione.

44 SERVIZI RICONGIUNGIBILI NOVITA INTRODOTTE DALLA L.122/10 L art.1 della L.29/79 consentiva di ricongiungere nella gestione INPS gratuitamente l eventuale contribuzione obbligatoria, volontaria e figurativa, versata in altre gestioni pensionistiche. Il comma 12 septies della L.122/10 estende anche a questa forma di ricongiunzione l onere economico,previsto dall art.2 della L.29/79. Le nuove disposizioni si applicano per le domande presentate dal 1 Luglio Inoltre (comma 12 decies), per le istanze di ricongiunzione ai sensi dell art.2 della L.29/79 il calcolo dell onere sarà determinato in base ai coefficienti aggiornati al 2007, pertanto i costi della ricongiunzione risulteranno più alti.

45 SERVIZI RICONGIUNGIBILI La ricongiunzione( L.29/79 ai sensi dell art.6) La ricongiunzione dei periodi assicurativi connessi al servizio prestato presso enti pubblici o enti disciolti con statuto speciale, dei quali la legge abbia disposto o disponga la soppressione ed il trasferimento del personale ad altri enti pubblici, avviene d ufficio presso la gestione previdenziale dell ente di destinazione e senza oneri a carico dei lavoratori interessati.

46 SERVIZI RISCATTABILI SERVIZI COMPUTABILI IN ASSENZA DI CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA (art. 14 DPR 1092/73 e art. 28 L. 177/76) SERVIZI PRESSO SCUOLE PARIFICATE O LEGALMENTE RICONOSCIUTE PRIVI DI COPERTURA ASSICURATIVA (art. 598 D.LGS 297/94) CON ISCRIZIONE ALL INPS in alternativa art.2 L.28/79 DURATA LEGALE DEL CORSO DI STUDI (D. LGS 184/97) PERIODI DI CONGEDO PARENTALE ex art. 35 c. 5 D.LGS 151/01

47 Sono riscattabili i corsi di studio universitario indicati nell art. 1 della legge 341 del 19 novembre 1990( riforma degli ordinamenti didattici universitari) art. 2 D.lgs 184 del /G.U. 148 del in vigore dal ( elimina le disposizioni restrittive art.13 D.P.R. 1092/73 e legge 881/ 1982) Diploma di laurea non inferiore a 4 e non superiore a 6-laurea breve non inferiore a due e non superiore a 3-diploma di specializzazione di durata non inferiore a 2 anni. ( Art.1 legge 341/90) (dal indipendentemente dalla qualifica rivestita ) La domanda presentata dopo il la valutazione del periodo va effettuata dall iscrizione all Università in poi- prima avveniva a ritroso partendo dal conseguimento della laurea Fonti normative: circ.17/1998 e 12 del

48 SERVIZI RISCATTABILI PERIODI DI ASTENSIONE FACOLTATIVA PER MATERNITA AL DI FUORI DEL RAPPORTO DI LAVORO E PRIVI DI COPERTURA ASSICURATIVA PERIODI SUCCESSIVI AL 31/12/1996 PRIVI DI COPERTURA ASSICURATIVA max 3 anni IN CUI IL LAVORO SIA INTERROTTO O SOSPESO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE, STUDIO, RICERCA O INSERIMENTO LAVORATIVO INTERCORRENTI TRA UN RAPPORTO DI LAVORO E L ALTRO NEL CASO DI LAVORI DISCONTINUI, STAGIONALI O TEMPORANEI PERIODI DI MANCATO SERVIZIO A COMPLETAMENTO DELL ORARIO PART-TIME

49 RISCATTO PERIODI ASPETTATIVA PER GRAVI MOTIVI DI FAMIGLIA ANTE Si possono riscattare periodi di aspettativa per gravi motivi di famiglia per periodi antecedenti al 31 dicembre MASSIMO 2 ANNI Art. 1, commi 789 e 790 della Legge n. 296/ DM 31 agosto 2007 Nota Inpdap 37 del CIRCOLARE N.6 DEL 8 APRILE 2008

50 Lavoratori part time DOPO UN BIENNIO DALLA TRASFORMAZIONE POSSONO RITORNARE A TEMPO PIENO CON ORARIO NON SUPERIORE ALLA META DI QUELLO ORDINARIO, POSSONO ISCRIVERSI AGLI ALBI PROFESSIONALI. SI POSSONO RICONGIUNGERE SERVIZI CONTEMPORANEI PART-TIME INPS SENSI DELL ART. 2 LEGGE 29 /1979 NON POTRA SUPERARE IL FULL-TIME L art.3 del Dlgs 278/98 che modifica il Dlgs 564/96 ha esteso la facoltà di riscatto o versamento contribuzione volontaria per i periodi collocati temporalmente in epoca successiva al CIRC. INPDAP 61 DEL Gazz. Uff. 4 dicembre 1997, n. 283

51 SERVIZI RISCATTABILI PERIODI PRESTATI ALL ESTERO PRIVI DI COPERTURA ASSICURATIVA O DI ASPETTATIVA A SEGUITO DEL CONIUGE DESTINATO A SVOLGERE ATTIVITA LAVORATIVA ALL ESTERO

52 D.L.vo 184/97 RISCATTO DI PERIODI DI ASPETTATIVA (ART. 3, COMMA 2) I periodi di aspettativa concessi ai dipendenti dello Stato il cui coniuge, anche esso dipendente dello Stato, sia chiamato a prestare servizio all estero. Legge 11/2/80, n. 26 (c.d. legge Signorello ) estesa poi ai dipendenti statali il cui coniuge presti servizio all estero per conto di soggetti non statali. Legge 25/5/85, n. 333

53 Nuove norme in materia di riscatto L art. 1, comma 77 della legge 247/07 ha modificato l art. 2 del Dlgs 184/97 introducendo tre nuovi commi (4-bis, 5-bis e 5-ter). > Dal 1 gennaio 2008, possibilità di pagare l onere del riscatto in unica soluzione ovvero in dieci anni senza interessi. > Laureati che non abbiano iniziato l attività lavorativa e non sono stati iscritti a nessuna forma di previdenza obbligatoria possono riscattare a) diploma universitario (DU); b) diploma di laurea (DL); c) diploma di specializzazione (DS); d) dottorato di ricerca (DR). Domanda all INPS e l onere è determinato in misura fissa prendendo a parametro il livello minimo imponibile annuo di cui all art. 1 comma 3 della legge 233/1990 ( anno 2008 euro ) moltiplicato per l aliquota di computo e viene accreditato all INPS che provvederà a versarlo alla gestione presso la quale il soggetto sarà successivamente iscritto. L importo può essere pagato in 10 anni senza interessi ed è interamente deducibile ai fini fiscali dall interessato. Se risulta fiscalmente a carico, è detraibile nella misura del 19%. Il comma 5-ter introduce una deroga all art. 1, comma 7, della legge n. 335/1995 disponendo che i periodi di studio sopra specificati riscattati, saranno utili anche ai fini del raggiungimento dei 35 e dei 40 anni di contribuzione e non solo ai fini della misura, anche per coloro che sono destinatari del sistema contributivo.

54 ACCREDITO ASTENSIONE OBBLIGATORIA PER MATERNITA FUORI DEL RAPPORTO DI LAVORO L art. 25, comma 2, del D.Lgs.151/2001 in vigore prevede che i periodi corrispondenti all esercizio del diritto di astensione obbligatoria per eventi verificatesi al di fuori del rapporto di lavoro,in presenza del possesso del requisito minimo contributivo effettivo di 5 anni, vengono riconosciuti a domada indipendentemente dalla loro collocazione temporale,anche, se anteriore al 1 gennaio 1994.( in f. Inpdap 8 del D.G. Entrate e Inf. Inpdap n.24 del ) Iscrizione dal ( domanda in costanza di servizio 90 gg dopo collocamento di riposo Inpdap) Corte dei Conti, sez. giurisd. Piemonte, sentenze n. 242 e n. 7/QM del 14 luglio 2006 riconosce ancorché la stessa sia avanzata non in costanza di attività lavorativa. Eventi verificatisi entro il spettano 14 settimane gg.8 mm.3 dal gradualmente fino a 5 mm. Tale accredito vale ai fini del diritto e della misura se temporalmente il periodo si colloca prima del

55 MAGGIORAZIONE CONVENZIONALE ACCREDITO FIGURATIVO A FAVORE DEI DISABILI L art. 80, comma 3 della legge 388/2000 prevede a decorrere dal 2002, due mesi di accredito figurativo per un max. di 5 anni, per i lavoratori con una invalidità superiore al 74%,considerando soltanto i periodi di servizio effettivamente svolto. No contribuzione volontaria,figurativa ecc. Tab.A allegata al testo unico in materia di pensioni di guerra D.P.R. 915/1978 sostituita dal D.P.R 834/ e succ. modificazioni. Decorre dalla data di istanza alla Commissione Sanitaria Tale accredito ha effetto solo sulla quota di pensione determinata con il sistema di calcolo retributivo. Informativa Inpdap 75 del Informativa Inpdap 36 del Informativa Inpdap 36 del

56 Tutti i modelli di domanda possono essere scaricati dal sito internet dell INPDAP nella parte indicata : modulistica per la richiesta di prestazioni può essere acquisita anche presso la propria amministrazione e i Patronati

57 TFS ovvero buonuscita Il calcolo dipende da due parametri, > gli anni di servizio utili > la retribuzione in godimento al momento della cessazione. L'anzianità utile è costituita da: 1) servizio di ruolo 2) incarichi annuali con trattenuta fondo buonuscita 3) servizio militare cessato posteriormente al 31 gennaio ) servizi preruolo, comprese le maggiorazioni se riscattati.

58 TFS ovvero buonuscita L anzianità utile si misura in anni e il periodo residuo si arrotonda ad anno intero se è di almeno 6 mesi e 1 giorno.

59 TFS ovvero buonuscita La retribuzione utile è considerata per 13 mensilità, nella misura dell 80%, ed è costituita da: 1) stipendio lordo tabellare 2) eventuale assegno ad personam 3) indennità integrativa speciale 4) retribuzione ore eccedenti 5) retribuzione di posizione dei dirigenti scolastici 6) retribuzione di anzianità Sono esclusi la retribuzione accessoria e gli eventuali aumenti contrattuali differiti a data posteriore alla cessazione.

60 TFS ovvero buonuscita L indennità integrativa è stata introdotta nel calcolo della buonuscita: - dal 1/12/84 nella misura del 60% (Legge 87/94) - dal 1/1/03 nella misura intera (CCNL del 24/7/03, art. 76, comma 2)

61 TFS ovvero buonuscita CALCOLO TFS LORDA stipendio base + IIS : 12 x 13 x 0,8 Si moltiplica il risultato per gli anni di servizio arrotondati ad anno intero (6 mesi + 1 giorno = anno intero) utili per la buonuscita (solo quelli del pubblico impiego). CALCOLO TFS NETTA Dall importo calcolato si detrae l IRPEF in una percentuale variabile dal 14 al 17%

62 TFS ovvero buonuscita CALCOLO TFS LORDO COLLABORATORE SCOLASTICO ANNI 35 STIPENDIO LORDO 1101,34 IIS 517, , ,26 = 1618, ,60 : 12 x 13 = 1753, ,49 x 0,8 = 1402, ,80 x 35 anni = 49098,00

63 TFS ovvero buonuscita CALCOLO TFS LORDO DOCENTE ELEMENTARE ANNI 35 STIPENDIO LORDO 1825,66 IIS 532, , ,01 = 2357, ,67 : 12 x 13 = 2554, ,15 x 0,8 = 2043, ,32 x 35 anni = 71516,20

64 TFR La prestazione - che sostituisce l'indennità di buonuscita o l'indennità premio di servizio per i dipendenti pubblici assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre fornisce una somma in denaro erogata "una tantum", con lo scopo di assicurare al dipendente pubblico, all'atto del collocamento a riposo, un sostegno per l'adattamento alla nuova condizione di vita non lavorativa. È la stessa prestazione di cui beneficiano i lavoratori del settore privato alla cessazione del rapporto di lavoro ed è disciplinata dall'art dei codice civile e dal Dpcm 20 dicembre 1999 e successive modifiche.

65 TFR Sono i dipendenti di tutte le amministrazioni pubbliche assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000 nonché i dipendenti assunti con contratto a tempo determinato dopo il 30 maggio I dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato prima del 31 dicembre 2000 possono optare per il TFR aderendo, contestualmente ad un fondo di previdenza complementare.

66 TFR calcolo Per ciascun anno di servizio si accantona una quota pari al 6,91% della retribuzione annua utile ai fini dello stesso TFR. L'accantonamento è realizzato per ogni anno di servizio o frazione di anno. In quest'ultimo caso la quota è proporzionalmente ridotta, computandosi, come mese intero, la frazione di mese uguale o superiore ai 15 giorni.

67 TFR calcolo Le quote accantonate, come sopra determinate, con esclusione della quota maturata nell'anno, sono rivalutate al 31 dicembre di ogni anno, con l'applicazione di un tasso costituito dall'1,5% e dal 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertato dall'istat, rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente.

68 TFR retribuzione utile Per il personale pubblico, in linea con quanto previsto dall'art del codice civile, la retribuzione utile per il calcolo degli accantonamenti contiene le seguenti voci: >l'intero stipendio tabellare; >l'indennità integrativa speciale; >la retribuzione individuale di anzianità; >gli altri emolumenti considerati utili ai fini del calcolo dell'indennità di fine servizio comunque denominata ai sensi della preesistente normativa. Ulteriori voci retributive potranno essere considerate nella contrattazione di comparto.

69 TFR anticipazioni Sono previste dalla disciplina del TFR ma non sono al momento applicabili al pubblico impiego. L'accordo sindacale che ha esteso il TFR ai dipendenti pubblici, ha previsto che l'armonizzazione fra lavoratori pubblici e privati in tema di anticipazioni potrà avvenire in sede di contrattazione di comparto.

70 DAL L DI CONVERSIONE D.L. 78/2010

71 1)MODALITA DI PAGAMENTO 2) MODALITA DI CALCOLO

72 MODALITA DI PAGAMENTO FINO A 90000,00 AL LORDO DI TRATTENUTE FISCALI UNICO IMPORTO ANNUALE TRA 90000,00 ED ,00 AL LORDO DELLE TRATTENUTE FISCALI DUE IMPORTI ANNUALI 1) 90000,00 2) PARI ALLA DIFFERENZA OLTRE ,00 AL LORDO DI TRATTENUTE FISCALI TRE IMPORTI ANNUALI 1) 90000,00 2) 60000,00 3) PARI ALLA DIFFERENZA

73 TERMINI DI PAGAMENTO L. 140/97 ART. 3 C. 2 1^ IMPORTO TRA IL 181 E IL 270 GIORNO DALLA RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO L. 140/97 ART. 5 C. 3 PER CESSAZIONI PER LIMITI D ETA PER DECESSO-PER INABILITA PER COMPIUTO QUARANTENNIO DI SERVIZIO ENTRO 105 GIORNI DALLA RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

74 TERMINI DI PAGAMENTO 2^ IMPORTO 3^ IMPORTO RISPETTIVAMENTE ENTRO 12 E 24 MESI DALLA DATA DI DECORRENZA DEL DIRITTO A PAGAMENTO

75 MODALITA DI CALCOLO DAL IL TFS DEL PERSONALE CHE NON SIA GIA SOTTOPOSTO AL REGIME DEL TFR SI CALCOLA SECONDO LE REGOLE DI CUI ALL ART DEL CODICE CIVILE OVVEROSSIA CON APLLICAZIONE DELL ALIQUOTA DEL 6,91% PERSONALE ASSUNTO A T.I. PRIMA DEL LA PRESTAZIONE SARA COSTITUITA DA DUE QUOTE

76 MODALITA DI CALCOLO LA PRIMA SARA CALCOLATA IN BASE ALLA SPECIFICA NORMATIVA RIGUARDANTE IL TFS SULL ANZIANITA MATURATA AL CON RIFERIMENTO ALLA RETRIBUZIONE PERCEPITA LA MOMENTO DEL COLLOCAMENTO A RIPOSO LA SECONDA SARA CALCOLATA,A PARTIRE DALLE ANZIANITA MATURATE DAL , CON L APPLICAZIONE DELL ALIQUOTA DEL 6,91% PER CIASCUN ANNO DI SERVIZIO CON RIVALUTAZIONE.

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di di asilo e di di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Locali. Dipendenti Dello Stato

Locali. Dipendenti Dello Stato IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali Giudiziari

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi Utili (ex se) i servizi di ruolo e a tempo indeterminato prestati nelle amministrazioni statali, con

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO)

LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) II SEZIONE 1 LE PRESTAZIONI DI FINE LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (iscrivibili al fondo PERSEO) 2 Le liquidazioni dei dipendenti pubblici Pensare alla pensione richiama quella che è chiamata comunemente

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR

LA LIQUIDAZIONE dal TFS al TFR LA LIQUIDAZIONE dal TFS al INCA IL SISTEMA R E T R I B U Z I O N E Contributi Datore di Lavoro Contributi a carico del Dipendente PENSIONE Rendita vitalizia Contribuzione complessiva 33% LIQUIDAZIONE Rendita

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Il calcolo di pensione del Personale Operativo Castiglione delle Stiviere 19 20 settembre 2011 PATRONATO INCA CGIL Lombardia - Viale Marelli 497 20099 Sesto S. Giovanni

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO Indennità premio di fine servizio Indennità di buonuscita Trattamento di fine rapporto

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza

Messaggio N. 008381 del 15/05/2012. INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Messaggio N. 008381 del 15/05/2012 INPS gestione ex INPDAP Direzione Centrale Previdenza Ai Direttori Centrali Ai Direttori Regionali Ai Direttori Provinciali Ai Direttori delle Agenzie Oggetto: Chiarimenti

Dettagli

TRATTAMENTO PENSIONISTICO

TRATTAMENTO PENSIONISTICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO di Valerio Cai, dalla Gilda di Firenze, 2 dicembre 2005. Le riforme del sistema pensionistico, attuate a partire dal 1992, hanno mirato ad impedire il prepensionamento e a ridurre

Dettagli

.1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA

.1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA .1.1.1 RITENUTE E CONTRIBUTI SULLE COMPETENZE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA.1.1.2 Aspetti Previdenziali Sulle competenze lorde del personale dipendente gravano ritenute previdenziali di varia natura e misura,

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto Liquidazione Indice Definizione TFS e TFR Slide 3 Finanziamento e Calcolo del TFS e del TFR Slide 4-5 Modalità di pagamento del TFS e del TFR

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 30/11/2011 NOTA OPERATIVA N. 41

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con accordo sindacale sottoscritto

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere

Riscatto di laurea. Requisiti e calcolo dell onere Riscatto di laurea Requisiti e calcolo dell onere Il riscatto Si definisce riscatto l operazione che consente la copertura contributiva di alcuni periodi privi di assicurazione La facoltà di riscatto può

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia ATA, UN LAVORO IMPORTANTE Lavori e professionalità per la scuola dell autonomia. Gestire le risorse, conoscere la normativa, partecipare ai progetti Corso

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI manovre correttive 2010/2011 e decreto salva-italia A cura di Giuliano Coan Esperto Previdenzialista 1 decreto legge n. 201 del 6/12/2011,

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. ISTITUTO Roma lì, 01/03/2004 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Trattamenti Pensionistici Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR Marco Perelli Ercolini Già in passato era stato sostenuto il sospetto di illecito nella trattenuta INPDAP per il Tfr. Ma nessun sindacato aveva poi

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici. A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici

La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici. A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici La previdenza complementare dei dipendenti pubblici e le attività dell Inps gestione dipendenti pubblici A cura di Inps Gestione dipendenti pubblici Le liquidazioni dei dipendenti pubblici Trattamento

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE DELLA SCUOLA. INDICAZIONI OPERATIVE

OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE DELLA SCUOLA. INDICAZIONI OPERATIVE Prot. n. 4279 /AA25 CIRCOLARE DOCENTI N. 99 del 18 /11/2014 CIRCOLARE ATA N. 95 del 18 /11/2014 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE ATA (entrambe le sedi) OGGETTO: COLLOCAMENTI A RIPOSO DAL 01/09/2015 PERSONALE

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

D.ssa Giovanna D Anna

D.ssa Giovanna D Anna Direzione Regionale Inpdap Sicilia Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le prestazioni di fine lavoro dei

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI

IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI IL FUTURO DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI DEI DIPENDE NTI PUBBL ICI manovre correttive 2010/2011 e decreto salva-italia A cura di Giuliano Coan Esperto Previdenzialista 1 decreto legge n. 201 del 6/12/2011,

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Gruppo di lavoro PREVIDENZA

Gruppo di lavoro PREVIDENZA Gruppo di lavoro PREVIDENZA OLTRE LA CLINICA. LA PROFESSIONE MEDICA OGGI Discussant: Dr. Giorgio Cavallero (Vice Segretario Nazionale ANAAO, Segretario generale CosMed) Dr.ssa Claudia Pozzi (Resp AG Regione

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli