Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona"

Transcript

1 Relatore Giuseppe T. Sanfilippo direttore di Anconambiente s.p.a Raccolta Porta a Porta nel Comune di Ancona

2 L evoluzione societaria Marzo 973: AnconAmbiente nasce col nome di ASMIU: Azienda di Servizi Municipalizzata per l Igiene Urbana Dicembre 995: l ASMIU si trasforma in AnconAmbiente, Azienda Speciale Gennaio 200: AnconAmbiente diventa S.p.A, a totale capitale pubblico

3 Assetto societario AnconAmbiente è una Società per Azioni costituita per trasformazione della precedente azienda speciale (delibera del Consiglio Comunale di Ancona n.6 del 29 Gennaio 200) Il capitale sociale ammonta a euro

4 Assetto proprietario AnconAmbiente è partecipata da: Comune di Ancona: 89,2972% del capitale sociale Comune di Fabriano: 5,3253% del capitale sociale Comune di Camerano: 0,9883% del capitale sociale Comune di Castelfidardo: 0,4246% del capitale sociale Comune di Chiaravalle: 2,976% del capitale sociale Comune di Cerreto D Esi: 0,9883% del capitale sociale

5 Partecipazioni 00% della Container Consult & Service S.r.l 50% dell AMBITER S.r.l. 2,98% della SO.GE.NU.S S.p.A 8,7% della PASSETTO s.r.l. 8 % della PALOMBINA s.r.l.

6 Organigramma

7 I servizi gestiti igiene urbana pubblica illuminazione verde urbano catasto termico pubbliche affissioni servizi conto terzi

8 L ambito territoriale Chiaravalle Ancona Cerreto D Esi Camerano Castelfidardo Fabriano

9 Ambito territoriale e servizi svolti Ancona: igiene urbana, affissioni pubbliche, aree verdi, catasto termico, illuminazione pubblica, rimozione auto e cimiteri lampade votive; Camerano: igiene urbana; Castelfidardo: igiene urbana; Fabriano: igiene urbana; Chiaravalle: igiene urbana comprensiva della discarica; Cerreto D Esi: igiene urbana;

10 STATO ATTUALE servizio raccolta Sistema attuale RD 23,65%* Raccolta differenziata stradale organico (quartieri Torrette e Collemarino) plastica vetro carta e cartone imballaggi misti indumenti rifiuti speciali rifiuto indifferenziato Raccolta domiciliare rifiuto indifferenziato ed imballaggi misti in alcune vie del centro storico * Fonte : AnconAmbiente MUD 2008

11 STATO ATTUALE ATTREZZATURE DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO N. ATTREZZATURE DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO N. ORGANICO 79 INDUMENTI 28 PLASTICA 43 ALLUMINIO 29 VETRO 396 RIFIUTI SPECIALI 54 CARTA 54 IMBALLAGGI MISTI 356 INGOMBRANTI (servizio a domicilio su chiamata) CENTRAMBIENTE

12 STATO ATTUALE MUD 2008 (rifiuti prodotti anno 2007) TOTALE RIFIUTI PRODOTTI 58.90,5 t Di cui TOTALE RIFIUTI DIFFERENZIATI 2.840,8 t % RD 23,65%

13 QUADRO NORMATIVO OBIETTIVI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA A LIVELLO DI ATO D.Lgs. 3 aprile 2006, n.52 e s.m.i. Articolo 205 (Misure per incrementare la RD) ANNO OBIETTIVO % RD Entro il 3 dicembre Entro il 3 dicembre Entro il 3 dicembre Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007) Art., c. 08 ANNO OBIETTIVO % RD Entro il 3 dicembre Entro il 3 dicembre Entro il 3 dicembre 20 60

14 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente Piano Industriale della raccolta rifiuti nel bacino n. della Provincia di Ancona Conero Ambiente SCENARIO DEL NON FARE SCENARIO SCENARIO RD 24,9% RD 50% RD 60%

15 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente SCENARIO DEL NON FARE MODALITA DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO ORGANICO stradale di prossimità LATTINE stradale INGOMBRANTI PLASTICA stradale (servizio a domicilio su chiamata) VETRO stradale CENTRAMBIENTE CARTA stradale INDIFFERENZIATO stradale

16 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente SCENARIO RD 50% Centri e nuclei principali MODALITA DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO ORGANICO domiciliare PLASTICA stradale e a stazione ecologica LATTINE stradale e a stazione ecologica INGOMBRANTI (servizio a domicilio su chiamata) VETRO stradale e a stazione ecologica CENTRAMBIENTE CARTA domiciliare INDIFFERENZIATO domiciliare

17 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente SCENARIO RD 50% Case sparse e nuclei minori MODALITA DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO ORGANICO autocompostaggio PLASTICA stradale e a stazione ecologica LATTINE stradale e a stazione ecologica INGOMBRANTI (servizio a domicilio su chiamata) VETRO stradale e a stazione ecologica CENTRAMBIENTE CARTA stradale e a stazione ecologica INDIFFERENZIATO stradale

18 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente t/a RU indifferenziato domiciliare kg/abxa 2.39,3 209,3 RU indifferenziato stradale 3.533,6 34,7 organico domiciliare e grandi utenze 7.948,9 78,0 verde domiciliare 2.225,8 2,9 carta domiciliare 7.238,2 7, carta stradale 436,3 4,3 cartone utenze commerciali 829,7 8, plastica stradale % 36,2 Costi Ricavi , , , , , , ,2 5,3 0, , 2,2 3, vetro utenze ristorazione 3, 3, 0, metallo (lattine) stradale 88,2 0,9 0, 23.4 tessile stradale 7,7,2 0,2 ingombranti domiciliari 735,2 7,2,3 verde a stazione ecologica.852,6 8,2 carta a stazione ecologica.470,3 4,4 vetro stradale vetro a stazione ecologica , , ,4,7 0, ,2 3,5 2, legno a stazione ecologica 794,0 7,8,4 tessile a stazione ecologica 200,4 2,0 0,3 plastica a stazione ecologica metallo (ferrosi e vari) a stazione ecologica ,5 6,,0 altre RD a stazione ecologica e varie.058,6 0,4, ingombranti a stazione ecologica 2.205,5 2,7 3, spazzamento.76,3,5 2, ,2 4,0 0,7 TOTALE RU 58.83,4 577,4 00,0 TOTALE RD 3.09,9 304,5 52,7 autocompostaggio

19 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente SCENARIO RD 60% confermando il sistema organizzativo dei servizi progettato per l obiettivo 50%, si ritiene che un ulteriore innalzamento del livello atteso di raccolta differenziata possa essere conseguito attraverso una generale OTTIMIZZAZIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE, incrementando i livelli di intercettazione attesi. Tale OTTIMIZZAZIONE è da conseguirsi non tanto con una modifica delle tipologie organizzative dei servizi, rispetto a quanto previsto nello scenario 50%, quanto con l attuazione di azioni parallele di incentivazione degli utenti, quali INTERVENTI PIU SPINTI DI COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE e attivazione di SISTEMI DI TARIFFAZIONE PUNTUALE.

20 PIANO INDUSTRIALE DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI di Conero Ambiente RU indifferenziato domiciliare RU indifferenziato stradale organico domiciliare e grandi utenze t/a kg/abxa % Costi Ricavi.678,90 64,75 28, , ,40 30,39 5,3 263.,00 968,00 90,00 5, ,00 verde domiciliare 2.782,30 27,3 4, ,00 carta domiciliare 8.444,50 82,90 4, ,00 carta stradale 509,0 5,00 0,9.975,00 cartone utenze commerciali 889,00 8,73, ,00 plastica stradale 764,60 7,5, ,00 233,30 22,7 3, ,00 vetro utenze ristorazione 333,30 3,27 0,6.665,00 metallo (lattine) stradale 23,50,2 0, ,00 tessile stradale 235,30 2,3 0,4 vetro stradale ingombranti domiciliari 735,20 7,22, ,00 verde a stazione ecologica.852,60 8,9 3, 46.36,00 carta a stazione ecologica.470,30 4,43 2, ,00 vetro a stazione ecologica 76,40,73 0,3 6.75,00 plastica a stazione ecologica.9,40 8,76 3, ,00 legno a stazione ecologica 882,20 8,66, ,00 tessile a stazione ecologica 235,30 2,3 0,4 metallo (ferrosi e vari) a stazione ecologica 705,80 6,93, ,00 altre RD a stazione ecologica e varie.4,50 3,86 2, ,00 ingombranti a stazione ecologica 2.205,50 2,65 3, ,00 spazzamento.76,30,55 2, ,00 60,90 6,00,0% TOTALE RU 58.83,4 577,39 00,0 TOTALE RD 36.42,5 354,83 6,5 autocompostaggio , ,00

21 Progetto AnconAmbiente OBIETTIVO RD 65% N. abitanti Estensione territoriale km2 23,7 Densità ab/km2 87 % popolazione in residenze unifamiliari 22% % popolazione in condomini 78% ZONA N. abitanti ZONA 2 ZONA 3 ZONA 4 TOTALE Estensione km2 4,07 7,58 5,58,06 28,29 Densità ab/km Nuclei familiari

22 ZONIZZAZIONE E TEMPI DI ATTIVAZIONE ZONA : ZONA 2: ZONA 3: ZONA 4: distribuzione a regime da luglio 2008 da ottobre 2008 da febbraio 2009 da maggio 2009 fine settembre 2008 metà dicembre 2008 fine marzo 2009 fine giugno 2009 ZONA ZONA 2 ZONA 3 ZONA 4

23 Progetto AnconAmbiente OBIETTIVO RD 65% Centri e nuclei principali MODALITA DI RACCOLTA PER FRAZIONE DI RIFIUTO ORGANICO domiciliare RIFIUTI SPECIALI stradale PLASTICA domiciliare VETRO+LATTINE domiciliare CARTA domiciliare INGOMBRANTI (servizio a domicilio su chiamata) ALTRI CENTRAMBIENTE INDIFFERENZIATO domiciliare

24 Progetto Anconambiente OBIETTIVO RD 65% Case sparse e nuclei minori IL SERVIZIO RIMANE INVARIATO E POTENZIATO OVE NECESSARIO RISPETTO ALLO STATO ATTUALE

25 Progetto Anconambiente RU indifferenziato domiciliare RU indifferenziato stradale t/a kg/abxa % Costi Ricavi 4682,2 350,4 45,23 3,6 24,7 5, , ,76 organico domiciliare e grandi utenze verde domiciliare carta domiciliare carta stradale cartone utenze commerciali plastica domiciliare vetro e lattine domiciliare vetro utenze ristorazione tessile stradale ingombranti domiciliari verde a stazione ecologica carta a stazione ecologica vetro a stazione ecologica 9273,0 2793,8 8559,7 535,0 88,8 367,2 3863,7 356,7 9,0 743, 902,2 486,0 78,3 9,73 27,64 84,67 5,29,76 3,52 38,22 3,53,8 7,35 8,82 4,70,76 5,6 4,7 4,4 0,9 2,0 2,3 6,5 0,6 0,2,3 3,2 2,5 0, , , , , , , , , , , , ,97 plastica a stazione ecologica legno a stazione ecologica tessile a stazione ecologica 96,6 89,6 237,8 9,40 8,82 2,35 3,3,5 0, , ,69 73,3 7,06, ,90 altre RD a stazione ecologica e varie (*) 426,6 4, 2, ,82 ingombranti a stazione ecologica spazzamento autocompostaggio 2229, 88,9 594,4 22,05,76 5,88 3,8 2,0, , ,30 TOTALE RU 59442,4 587,99 00,0 TOTALE RD 38632,6 338,80 65,0 metallo (ferrosi e vari) a stazione ecologica , ,37

26 FREQUENZA DI RACCOLTA Tipologia di rifiuto Rifiuto residuo (secco) Cadenza v/sett. Rifiuto organico (umido) 2 vv/sett. (inverno) 3 vv/sett. (estate) Carta e cartone v/sett. Plastica v/sett. Vetro e lattine v/sett. Una tipologia di rifiuto differenziato al giorno Gli ingombranti e gli sfalci saranno conferiti al CentrAmbiente o ritirati a domicilio

27 DOTAZIONE ATTREZZATURE SECCO RESIDUO ORGANICO CARTA PLASTICA VETRO LATTINE 0 l 5 l 80 l 5 l per ogni utenza all utenza monofamiliare e/o condominio da 2 a 3 80 l 35 l

28 DOTAZIONE ATTREZZATURE SECCO RESIDUO ORGANICO 360 l 20 l 20 l 20 l 20 l 240 l 240 l CARTA PLASTICA VETRO LATTINE per condomini da 4 a 6 famiglie 2X per condomini da 7 a 9 famiglie 240 l

29 DOTAZIONE ATTREZZATURE SECCO RESIDUO ORGANICO CARTA PLASTICA VETRO LATTINE 2X per condomini da 0 a 2 famiglie 360 l 20 l 240 l 240 l 3X per condomini da 30 famiglie 660 l 240 l 660 l o contenitore 360 l

30 DOTAZIONE ATTREZZATURE CONTENITORI DA ESPORRE Capacità nominale 35 l Larghezza 390 mm 445 mm Profondità 37 mm Altezza 500 mm 80 l 20 l 240 l 360 l 660 l 480 mm 580 mm 625 mm.360 mm 520 mm 550 mm 735 mm 860 mm 770 mm 900 mm 930 mm.065 mm.095 mm.20 mm CONTENITORI PER DIFFERENZIARE IN CASA Capacità nominale 0 l Larghezza 268 mm 380 mm 700 mm Profondità 223 mm 280 mm mm Altezza 228 mm 480 mm 800 mm 5 l 80 l 83 cm 3 cm

31 RISORSE NECESSARIE PER LA ZONA ANCONA NUMERO ATTUALE FUTURO RACCOLTA (R.S.U., R.D. e Centrambiente) AUTOMEZZI AUTOCARRI Compattatore O.U. 4 Compattatore posteriore 6 Costipatore Scarrabile 2 Rimorchio Autocarro Daily Daily con alzavolta bidoni Autocarro leggero (pile e farmaci) Pala meccanica Auto di servizio 2 Motocarri con alzavolta bidoni Lavacassonetti OU Spazzatrici piazzola SOMMANO 25 CONTENITORI Contenitori da lt Sacchi per plastica da lt Contenitori da lt Contenitori da lt 50 (per carta).995 Contenitori da lt Contenitori da lt Contenitori da lt Contenitori da lt Cassoni scarrabili 9 VOCI NUMERO ATTUALE FUTURO RACCOLTA (R.S.U., R.D. e Centrambiente) CONTENITORI Cassonetti R.S.U.: 504 OPERATORE UNICO 475 TRADIZIONALE lt GABBIE E BIDONI 23 Cassonetti RD: OPERATORE UNICO 260 TRADIZIONALE 8 CESTONI 04 CAMPANE 38 CONTENITORI (indumenti) 45 BIDONI (organico) 4 BIDONI (carta) CONTENITORI (pile) CONTENITORI (farmaci) 6 6 TOTALE PERSONALE (R.S.U., R.D. e Centrambiente) Operatori 3 per raccolta (comp. scorta) 8 27 per trasporto e piazzola 3 4 Gestione VOCI

32 RISORSE NECESSARIE PER ANCONA NUMERO ATTUALE FUTURO RACCOLTA (R.S.U., R.D. e Centrambiente) AUTOMEZZI AUTOCARRI Compattatore O.U. 0 2 Compattatore posteriore 8 20 Costipatore 3 37 Scarrabile 8 6 Rimorchio 5 5 Autocarro Daily 2 5 Daily con alzavolta bidoni 2 Pala meccanica 3 Auto di servizio 3 4 Motocarri con alzavolta bidoni 4 Lavacassonetti OU 2 Spazzatrici piazzola 2 SOMMANO CONTENITORI Contenitori da lt Sacchi per plastica da lt Contenitori da lt Contenitori da lt 50 (per carta) Contenitori da lt Contenitori da lt Contenitori da lt Contenitori da lt Cassoni scarrabili 30 Cassonetti R.S.U.: OPERATORE UNICO TRADIZIONALE GABBIE CIMITERI VOCI NUMERO ATTUALE FUTURO RACCOLTA (R.S.U., R.D. e Centrambiente) CONTENITORI Cassonetti RD: OPERATORE UNICO TRADIZIONALE 85 CESTONI CAMPANE CONTENITORI (indumenti) 28 7 BIDONI (organico) 79 BIDONI (carta) 53 CONTENITORI (pile) 28 2 CONTENITORI (farmaci) 26 TOTALE PERSONALE (R.S.U., R.D. e Centrambiente) Operatori 49 5 di cui per raccolta di cui per trasporto e piazzola 7 5 Gestione 5 5 SPAZZAMENTO AUTOMEZZI MACCHINE OPERATRICI Spazzatrice 8 8 Autocar. lavaggio strade Autocarro con attr. speciale 4 4 Autocarro Daily Auto di servizio 2 2 Motocarri 7 7 Rimorchio SOMMANO PERSONALE Operatori 4 4 Gestione 4 4 VOCI

33 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE Comunicazione capillare Comunicazione consapevole Comunicazione condivisa Comunicazione di ascolto

34 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE. Comunicazione capillare Lettera a tutte le famiglie Porta a porta informativo e consegna del kit domestico Assemblee di condominio, di circoscrizione o di quartiere Info point su punti strategici della città Conferenza stampa di presentazione ufficiale Manifesti, pubblicità su stampa e radio, comunicati, giornalino comunale, finestre on line sul sito internet Potenziamento del numero verde Lettere di sensibilizzazione ad interlocutori diversi

35 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE 2. Comunicazione consapevole Priorità di famiglie e cittadini chiamati ad un radicale cambiamento di pensiero. Informazioni chiare ed esaustive. Forme di assistenza diretta, telefonica e telematica

36 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE 3. Comunicazione condivisa Le nuove modalità del porta a porta saranno contraddistinte da: Stretto scambio di informazioni con il Comune di Ancona Interfaccia attraverso gli strumenti pubblici di primo impatto per i cittadini (URP, Assessorati competenti, Informagiovani, ufficio stampa)

37 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE 4. Comunicazione di ascolto Investimento sullo spirito di collaborazione e sul senso di responsabilità dei cittadini Garanzia di trasparenza ed uniformità dei messaggi La campagna di comunicazione prevede: Supporto partecipato degli utenti Canali informativi ad hoc per SOGGETTI ANZIANI E STRANIERI Monitoraggio e valutazione in progress dell andamento informativo

38 LINEE GUIDA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE Tempistica degli obiettivi Dal 4/07: avvio fase di raccolta dei rifiuti porta a porta zona (Torrette e Collemarino) Dal 25/06 al 2/07: distribuzione porta a porta dei kit e del materiale informativo Dalla prima settimana di giugno: avvio campagna di comunicazione secondo vari step: conferenza stampa affissione e distribuzione materiale informativo presenza spazi pubblicitari su stampa e radio posizionamento info point

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno DATI del COMUNE GESTITO COMUNE DESCRIZIONE GENERICA DEI SERVIZI SVOLTI DESCRIZIONE GENERICA UTENZE Rifiuti Indifferenziati Raccolta Umido Raccolta Carta

Dettagli

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un San Costanzo 15 Aprile 2014 Metodo Aset Risultati, vantaggi e criticità Dott. Stefano Sartini Stato attuale: raccolta stradale pluriutenza Raccolta RSU con cassonetti Raccolta RD tramite isole ecologiche

Dettagli

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio)

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) ULTIMI DATI DISPONIBILI UTENZE DOMESTICHE ABITANTI RESIDENTI 7.93 UTENZE NON DOMESTICHE UTENZE DOMESTICHE.98 3 SERVIZI NEL CENTRO ABITATO UTENZE NON DOMESTICHE

Dettagli

SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI

SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI SERVIZI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DOMESTICI Assetto organizzativo di base 1) Zona esterna + centro storico, 21.000 (+6.000 stag.) residenti circa Raccolta di prossimità rapporto max res/cont = 70:1, carta

Dettagli

Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI

Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI ARO Comune di Santa Elisabetta, Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio - PIANO FINANZIARIO pag. 7 Tabella 1 DIMENSIONAMENTO MEZZI E CONTENITORI Frazione merceologica frequenza raccolta settimanale Trasporto

Dettagli

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016

Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI. ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 Comune di Gravina di Catania Progetto COREVE nell ambito della GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2016 INDICE COMUNE DI DA NETTEZZA URBANA A GLI ATTORI: SRR - COMUNE COREVE GESTORE

Dettagli

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso Relatori: Stefano Riedi, Elisa Bagolin Consorzio servizi di Igiene del Territorio Autorità

Dettagli

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 ANALISI DEI COSTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA UN CASO DI SPECIE 1 COMUNI GESTITI DA AMBI.EN.TE. Comuni in raccolta stradale Comuni in raccolta differenziata porta a porta COMUNI ABITANTI CASTEL GANDOLFO

Dettagli

Fase 1: Individuazione Quartieri.

Fase 1: Individuazione Quartieri. Risultati sperimentazione Raccolta Differenziata nel Comune di Chieti Progettazione e Realizzazione della Raccolta Differenziata in tre quartieri del Comune di Chieti, dalla raccolta tramite isole ecologiche

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente -

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 191 P R O V I N C I A D I AN C O N A - A re a T u te la d e ll A mb ie n te - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 192 9.2.2. Sistema attuale della organizzazione

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara Conferenza stampa di presentazione del progetto FERRARA, 26 Aprile 2012 1 Inquadramento del progetto

Dettagli

Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti "Porta a Porta"

Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti Porta a Porta Sistema di Raccolta Differenziata Integrata dei rifiuti "Porta a Porta" La S.O.G.E.S.I. Srl è in grado raccolta di predisporre differenziata progetti integrata, grado esecutivi dei di rispettare rifiuti

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli

COMUNE DI RACCUJA CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO

COMUNE DI RACCUJA CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO CALENDARIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA -DOMESTICO GENNAIO 2016 1 Venerdì 2 Sabato Umido ed organico 3 DOMENICA 4 Lunedì Umido ed organico 5 Martedì Secco indifferenziato carta e cartone 6 Mercoledì

Dettagli

Approccio metodologico alla raccolta differenziata

Approccio metodologico alla raccolta differenziata Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente Emas Ing. Oscar Galli Vicepresidente GEOFOR Energy & the Town L integrazione dei sistemi di raccolta dei rifiuti su area vasta Pisana Articolazione

Dettagli

Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO

Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO Il progetto Il Comune di Poggio Renatico, d intesa con la Provincia di Ferrara, l Agenzia di Ambito per i servizi pubblici di Ferrara (ATO 6) e il gestore

Dettagli

Stato della Raccolta Differenziata nel Comune di Selargius

Stato della Raccolta Differenziata nel Comune di Selargius Stato della Raccolta Differenziata nel Comune di Selargius Introduzione Il territorio Su Planu Is Corrias Centro Selargius Zona Industriale 2 2 Il territorio Introduzione 3 3 Introduzione 1999 inizio della

Dettagli

La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino. Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017

La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino. Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017 La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017 L Amministrazione Comunale di Castiglion Fiorentino

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SESTO FIORENTINO Anno 2014-2016 2017-2019 Versione Dicembre 2016 TARIFFA RIFIUTI Indice

Dettagli

VALENTIA SERVIZIO DI RACCOLTA R.S.U. + R.D. E SPAZZAMENTO STRADE

VALENTIA SERVIZIO DI RACCOLTA R.S.U. + R.D. E SPAZZAMENTO STRADE COMUNE DI ROMBIOLO Provincia di VIBO VALENTIA SERVIZIO DI RACCOLTA R.S.U. + R.D. E SPAZZAMENTO STRADE 1 Dipendenti Qualifica /m/full-time % /m/part-time Totali Autista 3/B 3.217,92 0,83 2.670,87 operatore

Dettagli

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri A NOVARA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA SI E ASSESTATA SOPRA IL 70% I VANTAGGI DEL SISTEMA DI RACCOLTA PORTA A PORTA DOMICILIARE Brescia, 11 novembre 2014 Relatore : Vincenzo Altieri 1 IL PASSAGGIO DA SISTEMA

Dettagli

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING

CITTA DI VALDAGNO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING CITTA DI VALDAGNO UFFICIO TECNICO GESTIONE SERVIZIO RIFIUTI SOLIDI URBANI RELAZIONE TECNICA PER AFFFIDO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING DICEMBRE 2013 IL DIRIGENTE DIREZIONE LL. PP. ING. GRAZIANO DAL LAGO

Dettagli

N dei comuni 188 N delle schede da compilare 188 N delle schede compilate 188. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,37.

N dei comuni 188 N delle schede da compilare 188 N delle schede compilate 188. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,37. Provincia di Milano Osservatorio provinciale sui Rifiuti MILANO - C.SO DI PORTA VITTORIA, 27 Tel: 02.7740.3826 Fax: 02.7740.3570 Web: www.provincia.milano.it Mail: BASSA osservatorio_rifiuti@provincia.milano.it

Dettagli

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Mi Rifiuto Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Comune di Colorno Assessorato ai Servizi Pubblici I Servizi e le Tariffe a Colorno (PR) Mirko REGGIANI

Dettagli

OBIETTIVI DEL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA

OBIETTIVI DEL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA OBIETTIVI DEL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA Al fine di stimare la percentuale di raccolta differenziata perseguibile, è stato valutato il valore medio della composizione dei rifiuti urbani prodotti in regione

Dettagli

Politiche per la sostenibilità ambientale

Politiche per la sostenibilità ambientale Politiche per la sostenibilità ambientale PERFORMANCE VERDE 2004 2005 * FONTE Verde pubblico (Vp) per abitante equivalente nei Piani Particolareggiati residenziali approvati Mq totali aree verdi sfalciati

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 ANALISI FABBISOGNO UOMINI E MEZZI

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 ANALISI FABBISOGNO UOMINI E MEZZI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 ANALISI FABBISOGNO UOMINI E MEZZI ALLEGATO N.4 Giarre li 21/06/2010 IL DIRIGENTE SERVIZIO R.D. (Antonino Germanà) IL DIRIGENTE SERVIZIO TECNICO (ing.

Dettagli

N dei comuni N delle schede da compilare N delle schede compilate PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,38.

N dei comuni N delle schede da compilare N delle schede compilate PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,38. REGIONE LOMBARDIA Osservatorio Regionale sui Rifiuti MILANO - VIA RESTELLI, 3/1 Tel: 02.69.666.333 Fax: 02.69.666.249 Web: www.arpalombardia.it Mail: BASSA m.lombardi@arpalombardia.it Indice di presenza

Dettagli

A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio

A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio A.R.O. NELL AMBITO S.R.R. AGRIGENTO EST Convenzione tra i Comuni di Santa Elisabetta- Sant Angelo Muxaro e Joppolo Giancaxio AREA DI RACCOLTA OTTIMALE (art. 5 comma 2 ter L.R. n. 9/2010) SERVIZIO DI SPAZZAMENTO,

Dettagli

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31.

N dei comuni 162 N delle schede da compilare 157 N delle schede compilate 157. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,31. Provincia di Como Osservatorio provinciale sui Rifiuti COMO - VIA BORGO VICO, 148 Tel: 031.30.436 Fax: 031.30.383 Web: www.provincia.como.it Mail: inforifiuti@provincia.como.it Indice di presenza turistica

Dettagli

N dei comuni 141 N delle schede da compilare 126 N delle schede compilate 126. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,34.

N dei comuni 141 N delle schede da compilare 126 N delle schede compilate 126. PRODUZ. TOTALE PROCAPITE (kg/ab*giorno) 1,34. Provincia di Osservatorio provinciale sui Rifiuti VARESE - VIA PASUBIO, 6 Tel: 0332.252.829 Fax: 0332.252.262 Web: www.provincia.varese.it Mail: osservarifiuti@provincia.va.it Indice di presenza turistica

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA DEL SERVIZIO ANNUO

CALCOLO DELLA SPESA DEL SERVIZIO ANNUO CALCOLO DELLA SPESA DEL SERVIZIO ANNUO SERVIZIO DI RACCOLTA SUL TERRITORIO COMUNALE Tipologia del servizio Venegono Superiore Prezzo Unitario Importo totale 1. Servizio asporto rifiuti aree di mercato

Dettagli

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2079 Produzione RSU 2008 [t] 507 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 89 Numero famiglie porta a porta 990 Produzione plastica

Dettagli

SERVIZI DI IGIENE URBANA ANNI 2013/2019 SCHEMI DI RIFERIMENTO PER FORMULAZIONE OFFERTE TECNICA ED ECONOMICA

SERVIZI DI IGIENE URBANA ANNI 2013/2019 SCHEMI DI RIFERIMENTO PER FORMULAZIONE OFFERTE TECNICA ED ECONOMICA ALLEGATO D al Capitolato di Appalto SERVIZI DI IGIENE URBANA ANNI 2013/2019 SCHEMI DI RIFERIMENTO PER FORMULAZIONE OFFERTE TECNICA ED ECONOMICA Il ribasso rispetto al valore complessivo sull intero periodo

Dettagli

risultati e prospettive

risultati e prospettive La Raccolta DA RIFIUTO Differenziata A RISORSA: a Roma: risultati e prospettive il nuovo modello di raccolta di Roma Capitale Ecomondo, Roma, 5 novembre 9 marzo 2014 2012 Ing. Giovanni Fiscon Direttore

Dettagli

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI

A.E.M. GESTIONI S.r.l. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA PORTA = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI = PRIMI RISULTATI = Zona CAVATIGOZZI Periodo di osservazione: 4 settimane (dal 4/10 al 31/10/2010). CARTA 6.590 PLASTICA 3.400 33,40 VETRO + LATTINE 4.380 VERDE cassone 7.060 85,20 verde cassone 16,40

Dettagli

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 29 Aprile 2016 Milano

Dettagli

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014 Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta Amministratori di condominio Febbraio 2014 PERCHÉ FARE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI PORTA A PORTA? LEGGI DI RIFERIMENTO: EUROPA - ITALIA PIEMONTE EUROPA:

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO

IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO 19 MARZO 2013 DALLA RACCOLTA AL RICICLO DEI RIFIUTI DA IMBALLAGGIO: L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI IMBALLAGGI: IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO

Dettagli

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013 Kg Kg RACCOLTA DIFFERENZIATA 213 percentuale frazioni percentuale raccolta CODICE TOTALE differenziate differenziata primo semestre 213 secondo semestre 213 CER 1511 IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 4.7 51.6

Dettagli

COMUNE DI CORREGGIO 24 OTTOBRE 2016

COMUNE DI CORREGGIO 24 OTTOBRE 2016 COMUNE DI CORREGGIO 24 OTTOBRE 2016 IL SISTEMA ATTUALE (zona Urbana) Nella zona Urbana del Comune di Correggio vengono ATTUALMENTE effettuate tramite il SERVIZIO STRADALE le raccolte di: VETRO E ALLUMINIO:

Dettagli

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI CO.S.R.A.B - CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI AREA BIELLESE: Vi partecipano tutti i comuni della Provincia; Ha ruolo di programmazione e gestione in materia di rifiuti;

Dettagli

RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016

RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016 RIEPILOGO QUANTITA' RIFIUTI CONFERITI - ANNO 2016 A SECCO (RESIDUO) 275.080 275,08 25,574 B RESIDUO PULIZIA STRADALE 20.240 20,24 1,882 C UMIDO 381.900 381,9 35,504 D SFALCI E POTATURE 4.200 4,2 0,390

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola Imola, 17 maggio 2016 Città di Imola La raccolta differenziata nel Comune di Imola Nel 2015 nel Comune di Imola il

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Kalat Ambiente S.p.A., società a capitale interamente pubblico, costituita nel dicembre del 2002, è l Autorità d Ambito che, ai sensi dell art. 201, comma 2, D.Lgs. 152/2006,

Dettagli

! " +, !!. <=>,& !!!! -!"".# $%(1%/$'() -!"".#.%11%.&() + $.. $ ). %% /2 "!!-!!. 3 ( /2! "!! /!- - !! """-+ -!" 0!"!!+ 4-!-!

!  +, !!. <=>,& !!!! -!.# $%(1%/$'() -!.#.%11%.&() + $.. $ ). %% /2 !!-!!. 3 ( /2! !! /!- - !! -+ -! 0!!!+ 4-!-! !"#!!!!!$ %& '(')*% %#! " +, -!./# $%&%&$'()*+,+,--#.)%/))))0 -!"".# $%(1%/$'() 0#.%11&%..&()*+,+,--#.%/))))0 -!"".#.%11%.&() + $.. $ ).!!. ; ,& %% 1 01 +. /2 "!!-!!. 3 ( /2! "!! /!- - --3 /4!"! 5 /4

Dettagli

Montemurlo, Marzo Benvenuti!

Montemurlo, Marzo Benvenuti! Benvenuti! Le motivazioni ambientali per sostenere la raccolta differenziata Contrastare l effetto serra riducendo le emissioni di CO 2 e metano Ridurre il rischio desertificazione Ottimizzare l uso delle

Dettagli

Calendario estate 2013

Calendario estate 2013 Per informazioni chiamata gratuita attivo dal al dalle.00 alle.00* dalle.00 alle.00..00 da telefono cellulare chiamata a pagamento costi variabili in base all operatore e al profilo tariffario scelto Servizio

Dettagli

Organizzazione della raccolta dei rifiuti nel Comune della Spezia. Sistema misto Porta a Porta con elementi di flessibilità

Organizzazione della raccolta dei rifiuti nel Comune della Spezia. Sistema misto Porta a Porta con elementi di flessibilità Organizzazione della raccolta dei rifiuti nel Comune della Spezia. Sistema misto Porta a Porta con elementi di flessibilità Nota tecnica di lavoro 18 Settembre 2017 1 PAP con elementi di flessibilità schema

Dettagli

ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri

ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri Secondo incontro del percorso partecipato Chiudilcerchio Regione Emilia-Romagna Bologna, 20 ottobre 2016

Dettagli

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005 ASCIT SpA Igiene Ambientale A MARLIA e LAMMARI passiamo al porta-a-porta! ASCIT SpA e la gestione rifiuti ASCIT SpA è azienda responsabile del servizio di igiene urbana per il Comune di Capannori ed altri

Dettagli

COMUNE DI CASTELFORTE Provincia di Latina

COMUNE DI CASTELFORTE Provincia di Latina Allegato 1 BANDO DI GARA COMUNE DI CASTELFORTE Provincia di Latina ANALISI TECNICO-ECONOMICA SERVIZIO DI RACCOLTA TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILATI, RIFIUTI DIFFERENZIATI SUL TERRITORIO

Dettagli

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità

Convegno. La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità Convegno La tariffazione puntuale del servizio di gestione dei rifiuti urbani Inquadramento normativo, metodi e sistemi, obiettivi e finalità 22 Febbraio 2017 Sala Auditorium Città Metropolitana di Torino

Dettagli

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI ISOLA VICENTINA 2015 INDICE 1. Soraris si presenta 2. La tariffa 3. Il nuovo sistema di raccolta rifiuti 4. Domande SOCIETA PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

Costi delle attrezzature

Costi delle attrezzature Costi delle attrezzature In base ai costi unitari di gestione (comprensivi della quota di ammortamento e degli altri costi di gestione (manutenzione e oneri finanziari), riportati in appendice e con riferimento

Dettagli

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA INNOVATIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA A PESO DOVE SIAMO CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE Estenzione territoriale: 269.60 Kmq Popolazione

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani

La gestione dei rifiuti urbani La gestione dei rifiuti urbani Attrezzature e mezzi per la raccolta L organizzazione delle raccolte - contenitori - segnaletica - automezzi - frequenze e sistemi di raccolta PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete Sergio Tommasini Responsabile Settore Studi e Progetti Montebelluna (TV) 20 febbraio 2009 consorzio@priula.it COMPETENZE GESTIONE

Dettagli

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO PREMESSA Nel Comune di Bastia Umbra, nel corso degli anni 2010 2012 è stato progressivamente attivato un servizio di raccolta domiciliare, cosiddetto «porta a porta», consistente nella consegna di n 4

Dettagli

SCHEDE TECNICHE di PROGETTO

SCHEDE TECNICHE di PROGETTO PROGETTAZIONE AMBIENTALE INTEGRATA PROGETTO PRELIMINARE DI RIQUALIFICAZIONE DEL DI DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI MATERA SCHEDE TECNICHE di PROGETTO Progettisti: Claudio

Dettagli

IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti. Il caso delle strutture ospedaliere

IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti. Il caso delle strutture ospedaliere IL GRUPPO CONTARINA SPA un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti Il caso delle strutture ospedaliere 1 2 1. Chi siamo 2. Le strategie di gestione dei rifiuti 3. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

Città di Marigliano (Provincia di Napoli)

Città di Marigliano (Provincia di Napoli) Città di Marigliano (Provincia di Napoli) Ordinanza n 158 IL SINDACO Premesso : - Che quest Ente sta attuando la raccolta differenziata delle frazioni carta, plastica, lattine e vetro mediante contenitori

Dettagli

81% La raccolta domiciliare, l applicazione della tariffa puntuale, un esperienza mantovana.

81% La raccolta domiciliare, l applicazione della tariffa puntuale, un esperienza mantovana. La raccolta domiciliare, l applicazione della tariffa puntuale, un esperienza mantovana. Chi è Tea Tea è una società, a capitale interamente pubblico, nata nel 1998 dalla trasformazione dell Azienda Servizi

Dettagli

FRAZIONE GRUPPO (N) (%) (N) (%) ACCUMULATORI PER AUTO % % 262,30 0,24 ALLUMINIO 66 27% % 1.464,00 1,33

FRAZIONE GRUPPO (N) (%) (N) (%) ACCUMULATORI PER AUTO % % 262,30 0,24 ALLUMINIO 66 27% % 1.464,00 1,33 ACCUMULATORI PER AUTO 160 66% 905.268 82% 262,30 0,24 ALLUMINIO 66 27% 304.129 28% 1.464,00 1,33 ALTRI METALLI O LEGHE 63 26% 364.517 33% 371,80 0,34 BATTERIE E PILE 222 91% 1.029.988 94% 119,70 0,11 CARTA

Dettagli

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Paolo Ganassi Dirigente Servizi Ambientali AIMAG SPA Impianti Aimag I Comuni

Dettagli

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale. 30 Giugno 2016 CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale 30 Giugno 2016 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso 5. Gli obiettivi per

Dettagli

PROGETTARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: GLI INGREDIENTI CHE NON POSSONO MANCARE

PROGETTARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: GLI INGREDIENTI CHE NON POSSONO MANCARE 17 ottobre 2014 PROGETTARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: GLI INGREDIENTI CHE NON POSSONO MANCARE CLAUDIO DEL LUNGO Amministratore Thesis Ambiente s.r.l. RIFIUTI URBANI NELLA NORMATIVA (prima e dopo la Direttiva

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI INSIEME DAL 35%... AL 45%

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI INSIEME DAL 35%... AL 45% RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI INSIEME DAL 35%... AL 45% 1. PRODUZIONE RIFIUTI: SITUAZIONE ATTUALE PRODUZIONE RIFIUTI A PERUGIA: ANNO 2004 TON 125.524 DIFF. % STABILE NEGLI ULTIMI ANNI 2005 2006 2007

Dettagli

PRESENTAZIONE NUOVI SERVIZI

PRESENTAZIONE NUOVI SERVIZI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA PRESENTAZIONE NUOVI SERVIZI Rif. D.C.C. n. 133 del 28-11-2016 Organizzazione del servizio pubblico di gestione dei rifiuti urbani e assimilabili - raccolta differenziata

Dettagli

Utenze domestiche - Attività produttive. Guida alla raccolta differenziata domiciliare a Baricella. Comune di Baricella

Utenze domestiche - Attività produttive. Guida alla raccolta differenziata domiciliare a Baricella. Comune di Baricella Utenze domestiche - Attività produttive Guida alla raccolta differenziata domiciliare a Baricella Comune di Baricella percentuali più alte si raggiungono solo con il sistema di raccolta porta a porta Il

Dettagli

INDIRIZZI DELLA CITTA METROPOLITANA PER LA STRUTTURAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI RELATIVI ALLA RACCOLTA ED AL TRASPORTO DEI RIFIUTI.

INDIRIZZI DELLA CITTA METROPOLITANA PER LA STRUTTURAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI RELATIVI ALLA RACCOLTA ED AL TRASPORTO DEI RIFIUTI. Direzione Ambiente INDIRIZZI DELLA CITTA METROPOLITANA PER LA STRUTTURAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI RELATIVI ALLA RACCOLTA ED AL TRASPORTO DEI RIFIUTI. Rev. 1-18 aprile 2016 ALLA RACCOLTA ED AL

Dettagli

LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016

LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016 Comune di LARACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI INCONTRO PUBBLICO Mercoledì 30 Marzo 2016 RELATORI Direttore Generale di CLIR S.p.A. Ing. Marco Rivolta Tecnico

Dettagli

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15 OGGETTO: GESTIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE PER MESI SEI PREVENTIVO DI SPESA AI FINI DELL IMPORTO DA PORRE A BASE DI GARA; Art. 1: Nolo cassonetti N.U, per la raccolta dei RSU da lt. 1100 e/o lt. 1700;

Dettagli

quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori

quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori Ma quanto mi costi?... Enzo Favoino Scuola Agraria del Parco di Monza Osservatorio Verso Rifiuti Zero, Capannori Considerazioni economiche I costi degli smaltimenti aumentano Discariche: direttiva discariche

Dettagli

Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità

Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità Dalla raccolta differenziata agli acquisti verdi: l esperienza milanese Tribunale di Milano 6 ottobre 2010 Amsa e la sfida dell EXPO 2015: innovazione e sostenibilità Sergio Galimberti Presidente Amsa

Dettagli

NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA BRESCIA

NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA BRESCIA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA BRESCIA A partire da aprile 2016 a Brescia entrerà in vigore il nuovo sistema di Raccolta Domiciliare Combinata dei Rifiuti COME FUNZIONA IL NUOVO SISTEMA I NUOVI CASSONETTI

Dettagli

Sub Totale ,47. Tariffa U.M. (contenitori di volume medio grande (mc 1,3-3,2) Tariffa U.M. (contenitori stradali di volume medio-piccolo)

Sub Totale ,47. Tariffa U.M. (contenitori di volume medio grande (mc 1,3-3,2) Tariffa U.M. (contenitori stradali di volume medio-piccolo) COD ECOS CASTELNOVO MONTI abitanti 10.536 SERVIZI DI RACCOLTA E TRASPORTO 7.250 RACCOLTA e TRASPORTO RIFIUTI INDIFFERENZIATI Raccolta stradale abitanti /ab 16,78 3.973 66.666,94 7.707 Raccolta Porta a

Dettagli

Per informazioni: ACSEL S.p.A

Per informazioni: ACSEL S.p.A www.sgsas.com ESPORRE I CONTENITORI: entro le ore 6.00 (raccolta al mattino) entro le ore 12.00 (raccolta al pomeriggio) ORGANICO E INDIFFERENZIATO: raccolta al mattino CARTA, VETRO E PLASTICA: raccolta

Dettagli

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. Chi siamo

Dettagli

!"!# /#",2."2 3 44%2 /#"12 1"/2 /,, 4 % %43 3 3!1"#!"2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! !" # #$$!% " " #$!$$!% 01"!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!!

!!# /#,2.2 3 44%2 /#12 1/2 /,, 4 % %43 3 3!1#!2 # #95:&'!( &'()*+,!!!!!!!!! ! # #$$!%   #$!$$!% 01!2 5 '!3 '! 6'' 665!!!!! &'( &'()*+, --../# '4 # $ %& &'& &)*+6()788('-- ) *+++ *++++ '*++++ *+++++, $% # #$$% #$ $$%, ) ' - - $. % %/ 01'1 1$ # 012 '' 3 5 $ /,, 5 '3 ' 6'' 665 36 3 44%2 /#12 1/2 ( #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$%

Dettagli

!"! 0 /"10 1"0 2 44$0 +"30 "10 +/-! 4 $ $42 2 2!3"+.3"30 # #95:&'"( %&'()* +! !"""! "# $ #$$"%" ."/0 #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !#+'"!"!

!! 0 /10 10 2 44$0 +30 10 +/-! 4 $ $42 2 2!3+.330 # #95:&'( %&'()* +! !! # $ #$$% ./0 #$$%! #$$%3! #$$%#4& !#+'!! &'"( %&'()* +,, " " -- &('4 1 % &'(#(( #$ "# $ #$$"% #$"$$"%,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 1'1 1$ " '."/ 2 5 # +1+ 5'"3'" 6''665"36 2 44$ +"3 "1 ') #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4& #$$"%" +/- 2"3" )"'$ "$" "#4&

Dettagli

Progetto del sistema di gestione integrata dei rifiuti

Progetto del sistema di gestione integrata dei rifiuti Città di Trapani Progetto del sistema di gestione integrata dei rifiuti QUADRO NORMATIVO NORMATIVA NAZIONALE D.LGS. 152/2006 E SS.MM.II. PARTE QUARTA NORMATIVA REGIONALE L.R. 9/2010 E SS.MM.II. PIAN REGIONALE

Dettagli

$#21 #%1 ! "#$% 3 44'1! %#1.#"1 "2. 4 '!' "#$.#1 # #(59&'"( ()*+,-. !""" (+,- 6*+788*)/ / "# $ #$$"%" 0#.1 #$$"%! #$$"%"3"!

$#21 #%1 ! #$% 3 44'1! %#1.#1 2. 4 '!' #$.#1 # #(59&'( ()*+,-. ! (+,- 6*+788*)/ / # $ #$$% 0#.1 #$$%! #$$%3! &'"( ()*+,-. / / " " "$" )4." (+,- 6*+788*)/ / ( ) ) ) ) * &' "# $ #$$" #$"$$",)"' "- -"' "$." "/ 01'1 1$ "#$ 0#.1 3 5 & "$ 5'"3'" 6''665"36 3 44'1 #1.#"1 '& #$$ #$$" #$$3" #$$"#4& #$$ "2. 2"3" )"'$ "$"

Dettagli

.+"20,"0 2,"0,"0 3 44$0! 4 $!$ "2 /,"0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- - " "# $ #$$!% " #$!$$!% " /".

.+20,0 2,0,0 3 44$0! 4 $!$ 2 /,0 # #95:&'!( ,+1 %&'()* +, - -!!!!!!!! %()* 6'(788'&- -  # $ #$$!%  #$!$$!%  /. &( %&()* +, - -. &4,+1 %()* 6(788&- - (% %) )% ) ) *% #$ # $ #$$% #$ $$%, ) - -% $. % %/ 11 1$ %%& % /. 3 5 # 2+ 5 3 6 665 36 3 44$ %%&.+2, #$$% #$$% #$$%3 #$$%#4& #$$% +, 23 ) $ $ #4& ) 33 3 %%& 2,, 4

Dettagli

Milano: dalla crisi del 1995 alla gestione integrata

Milano: dalla crisi del 1995 alla gestione integrata Milano: dalla crisi del 1995 alla gestione integrata Amsa - A2A Ambiente Amici della terra Milano, Palazzo delle Stelline 6 ottobre 2014 L emergenza rifiuti a Milano Autunno 1995 emerge l'improvvisa necessità

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NEL COMUNE DI ACIREALE

PIANO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NEL COMUNE DI ACIREALE Comune di Acireale PROVINCIA DI CATANIA APPENDICE PIANO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NEL COMUNE DI ACIREALE Articolo 1 - Generalità Le previsioni del presente allegato integrano quanto previsto nel CSA

Dettagli

RIFIUTI: PROBLEMA O POSSIBILITA?

RIFIUTI: PROBLEMA O POSSIBILITA? RIFIUTI: PROBLEMA O POSSIBILITA? 1 OTTOBRE 2015 QUANTI RIFIUTI PRODUCIAMO IN ITALIA? 29.000.000.000 DI KG DI RIFIUTI ALL ANNO 490 KG A PERSONA ALL ANNO nell Unione: 330 kg/ab anno PROBLEMA!! DOVE VANNO

Dettagli

COMPUTO METRICO AMMORTAMENTI E SCHEDE PERSONALE

COMPUTO METRICO AMMORTAMENTI E SCHEDE PERSONALE Capitolo 5 pag. 48 COMUNE DI CASTELNUOVO PARANO RIORGANIZZAZIONE SERVIZI DI TRASPORTO, RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI CON RACCOLTA DIFFERENZIATA SPINTA PORTA A PORTA. Capitolo 5 COMPUTO METRICO

Dettagli

I nostri rifiuti evoluzione e obiettivi Bentivoglio 19/05/2011

I nostri rifiuti evoluzione e obiettivi Bentivoglio 19/05/2011 I nostri rifiuti evoluzione e obiettivi Bentivoglio 19/05/2011 Ma sono proprio tutti Rifiuti? Attenzione alla regola delle 4 erre Riduzione Riutilizzo Recupero Riciclo Famiglie ed Imprese al centro dei

Dettagli

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia

La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La situazione 2011 del servizio di raccolta e spazzamento e dei flussi agli impianti Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia La costruzione del sistema informativo ATO Database del sistema

Dettagli

COMUNE DI FICARRA. CALENDARIO delle frequenze di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani

COMUNE DI FICARRA. CALENDARIO delle frequenze di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani LUGLIO 2016 1 Venerdì Secco non riciclabile - imballaggi in legno 2 Sabato Umido ed organico 3 Domenica 4 Lunedì Umido ed organico 5 Martedì Secco non riciclabile carta e cartone 6 Mercoledì Plastica -

Dettagli

% & !"#$ //"!2 "2 #".2 "2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!"$ 10"2 " "849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! "# $ "##!$ "#!##!$ ( 1"$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!!

% & !#$ //!2 2 #.2 2 3 44&2 #$! 4 & &43 3 3!$ 102  849%&!' 0!# '()*+,!$!!!!!!!!! # $ ##!$ #!##!$ ( 1$2 4 &!2 &! 5&& 554!!!!! %' ')*+, $ --./0 4 0# % ' ) '*+,6)*788)-- +,---,----,----,-----. % "# $ "##$ "# ##$, ) - -$ #. $ $/ 011 1# "#$ 1"$2 3 5 % 00. 4 2 5 554 25 3 442 //"2 "2 * "##$ "##$ "##$2 "##$"3% "##$ #$ '2 ) # # "3% )

Dettagli

"#$ 0#"2 "2 3 44&2! $"2 0"-2 --# 4 &!& " "2 # #849&'!&' !!!!!!!! " " '*+, 6)*788)(.. "# $ #$$!% " #$!$$!% 1#"2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!!

#$ 0#2 2 3 44&2! $2 0-2 --# 4 &!&  2 # #849&'!&' !!!!!!!!   '*+, 6)*788)(.. # $ #$$!%  #$!$$!% 1#2 4 '!2 '! 5'' 554!!!!! &'&' '()*+, -.. /0-/$- (4 '*+, 6)*788)(.. ( ) ) %) ) * # $ #$$% #$ $$% + ( ',,'% $ - % %. /0'0 0$ #$ % 1#2 3 5 % -0$ 4 '2 ' 5'' 554 25 3 44&2 $2 0-2 ' #$$% #$$% #$$%2 #$$%#3& #$$% --# 12 ( '$ $ #3& ( 22

Dettagli

I RIFIUTI. Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o l'obbligo di disfarsi.

I RIFIUTI. Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o l'obbligo di disfarsi. I RIFIUTI Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o l'obbligo di disfarsi. Quanti rifiuti? In Italia 487 kg/anno per abitante. A Cremona 530 kg/ab/anno per abitante

Dettagli

R02 STIMA DEI COSTI E QUADRO ECONOMICO

R02 STIMA DEI COSTI E QUADRO ECONOMICO ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI BANARI E SILIGO PROVINCIA DI SASSARI SERVIZI DI IGIENE URBANA NEL TERRITORIO DEI COMUNI DI BANARI E SILIGO Deliberazione del C.C. di Siligo n 17 del 05/04/2016 Deliberazione

Dettagli

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /"#1 $#1 ! "#"$ 2 44&1! $"$$/ 4 &!& "/#3.#"1 " ")6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - "# $ "##!$ % "#!##!

&'!(!$)!$ $#1 0/#1 /#1 $#1 ! #$ 2 44&1! $$$/ 4 &!& /#3.#1  )6:&'!(!$)!$ !!!!!!!! '*+, 6)*788)(- - # $ ##!$ % #!##! &'($)$ '()*+, - -./ (4 ". '*+, 6)*788)(- - ' ( ( ( ( ) & "# $ "##$ "# ##$ - * '..'$ # / $ $ 12'2 2# "#"$ #/1 2 5 $3$ 6 '4 ' 7'' 776 47 2 44&1 $#1 /#1 & "##$ "##$ "##$4 "##$"5& "##$ $"$$/ 34 * '# # "5&

Dettagli

DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale

DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale DGR 34/2016 Risultati sin qui conseguiti, aspetti tecnico-economici della raccolta 'porta a porta' e transizione a sistemi di tariffazione puntuale RD 50,6% I dati a scala comunale e di ambito evidenziano

Dettagli

ALLEGATO 5 - Tabella definizione parametri per servizi a richiesta

ALLEGATO 5 - Tabella definizione parametri per servizi a richiesta RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E SERVIZI DI IGIENE URBANA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Maggio 2009 ALLEGATO 5 - Tabella definizione parametri per servizi a richiesta Spazzamento manuale e svuotamento

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 3318 Produzione RSU 2008 [t] 839 Numero famiglie 1470 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 111 Numero famiglie porta a porta/organico

Dettagli